PENSIONE e BUONUSCITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PENSIONE e BUONUSCITA"

Transcript

1 PENSIONE e BUONUSCITA DEL PERSONALE DELLA SCUOLA a cura di Michele Napoli marzo 2007 (ultimo aggiornamento agosto 2010)

2 INDICE Tipologie di pensione pag. 6 Elementi fondamentali per il calcolo della pensione 8 La quota A della pensione 9 Come calcolare la media retributiva per la quota B 13 L anzianità pensionistica 14 Come contare i periodi 15 Servizio effettivo e servizio utile 17 Variazioni data inizio anno scolastico 19 Il certificato di servizio 20 Servizi utili 21 Il computo 24 Presentazione/Revoca domanda di computo 26 Servizi computabili 27 Il riscatto dei servizi 30 Servizi e periodi riscattabili 32 Servizi e periodi non riscattabili 36 Variazioni della retribuzione utile ai fini del calcolo dell onere di riscatto 38 Principali interventi legislativi dal 1992 in poi 40 Ricongiunzione Legge 29/79 47 Totalizzazione 51 2

3 3 Maggiorazione dei servizi pag. 53 Maggiorazioni per invalidità 57 Part-time/Pensione e part-time 59 Calcolo della pensione 60 Calcolo col sistema retributivo 61 Calcolo col sistema misto 68 Calcolo col sistema contributivo 72 Opzione per il sistema contributivo 73 La pensione per motivi di salute - La dispensa - L inabilità permanente e assoluta legge 335/95 - La pensione di privilegio Le novità dal 1/1/ Le quote legge 247/07 84 Il cumulo 86 Decorrenza della pensione 87 Trattenimento in servizio 89 Cessazioni per limiti di servizio 90 Pubblico impiego Anche le donne in pensione a 65 anni 91 Effetti della legge 122 del 30/7/ BUONUSCITA Cos' é la buonuscita 95 Indennità integrativa speciale e buonuscita 97 TFS o TFR

4 4 Dal 1/1/2011 TFR per tutti pag. 99 I riscatti 100 Servizi utili o riscattabili 101 Diritto al trattamento 104 Arrotondamento 106 RIFERIMENTI NORMATIVI Elenco sequenziale delle principali norme riguardanti pensione e buonuscita 107

5 Nota Fonte molto utile per chi si interessa di pensioni del pubblico impiego sono i siti: La parte specifica del personale della scuola è curata da me e può essere raggiunta anche direttamente: Per accedere al materiale più interessante di sportellopensioni bisogna munirsi di una password annuale che viene fornita versando un offerta di almeno 15 euro (in beneficenza). Nel sito sono indicate delle associazioni allo scopo. Ovviamente non bisogna trascurare i siti istituzionali quali e Segnalo inoltre:

6 6 TIPOLOGIE DI PENSIONE Per quanto concerne la misura, attualmente si possono maturare tre tipologie di pensione: 1) La pensione col calcolo retributivo ovvero basato sulla retribuzione in godimento alla cessazione e sulla media retributiva degli ultimi dieci anni. Riguarda coloro che avevano maturato (compresi i riscattati e le ricongiunzioni, i periodi figurativi e le maggiorazioni, almeno 18 anni di anzianità al 31/12/95. 2) La pensione col calcolo misto, ovvero retributivo per l anzianità maturata al 31/12/95 e contributivo per quella maturata dal 1/1/96 alla cessazione. Riguarda quanti al 31/12/95 avevano meno di 18 anni di anzianità. 3) la pensione col calcolo contributivo, basato sui contributi versati e pertanto sulle retribuzioni ricevute nel corso della vita lavorativa. Richiede requisiti differenti dalle altre due e riguarda quanti hanno cominciato a lavorare dopo il 31/12/95;

7 7 possono optare per questo tipo di pensione: coloro che rientrano al punto 2 (calcolo misto) dopo il 1 gennaio 2008 (riforma Maroni) le donne che maturano 57 anni di età e 35 di contributi pensionistici Attualmente la stragrande maggioranza dei pensionati matura la pensione del tipo retributivo (che è la più vantaggiosa), pochi i casi di tipo misto (sono pensioni di vecchiaia di quanti hanno cominciato a lavorare tardi) rarissimi i casi di pensioni di tipo contributivo, dovute essenzialmente alle opzioni oppure ottenute come seconda pensione maturata con contributi versati alle casse speciali o comunque alla gestione separata. A partire dal 2013 sarà costante l'aumento di quelle di tipo misto che nell'arco di pochi anni diventeranno la norma; ma bisognerà attendere circa 20 anni, dopo il 2030, perché le pensioni di tipo contributivo siano le più numerose. E opportuno chiarire che non rientrano in questo discorso le tipologie legate a situazioni particolari quali l invalidità, la dispensa per salute, la pensione privilegiata, la pensione indiretta e quella di reversibilità

8 8 ELEMENTI FONDAMENTALI Gli elementi per calcolare la pensione retributiva nel pubblico impiego sono essenzialmente tre: a) l anzianità contributiva b) la situazione retributiva alla cessazione c) la media retributiva degli ultimi dieci anni L anzianità contributiva determina la percentuale (ma forse è più esatto dire le percentuali) per il calcolo. Gli anni di riferimento per il calcolo della media sono dieci a partire dal 1/11/08, da quando è andata a regime la legge 335/95; nella fase transitoria, a partire dal 1/1/96 e fino al 1/11/08, il periodo di riferimento veniva incrementato prima di 6 mesi all'anno e poi di 8 mesi all'anno. La retribuzione accessoria, sia quella corrisposta mensilmente, sia quella corrisposta occasionalmente, può influire nel calcolo della media stipendiale, ma non ha alcun effetto nel determinare la retribuzione alla cessazione.

9 9 LA QUOTA A DELLA PENSIONE Riguarda il calcolo riferito all'anzianità pensionistica maturata fino al 31/12/1992. La retribuzione utile è quella in godimento alla cessazione, con esclusione di ogni forma di retribuzione accessoria, sia fissa mensile come la retribuzione professionale docente o il compenso individuale accessorio e similari, sia in forma occasionale come il fondo di istituto. Lo stipendio base, la parte di stipendio corrisposta come assegno ad personam o in modo aggiuntivo come previsto dai CCNL per gli ATA, sono maggiorati del 18%; l'indennità integrativa ne è esclusa nonostante il suo conglobamento nello stipendio a partire dal 1/1/2003. Un discorso a parte deve essere fatto per la retribuzione ricevuta per le ore eccedenti o aggiuntive, previste in diverse situazioni: normalmente questa retribuzione è da considerare accessoria, quindi utile oltre il 18% solo per la quota B. Nel caso in cui una cattedra della secondaria sia istituzionalmente superiore alle 18 ore per cui le ore eccedenti costituiscono obbligo di servizio, la relativa retribuzione è considerata ai fini della pensione e della buonuscita come facente parte dello stipendio base. Esempio: disciplina scolastica per la quale sono previste 7 ore di insegnamento in ogni classe; al docente vengono assegnati 3 corsi e pertanto la cattedra è obbligatoriamente di di 21 ore (vedi Informative INPDAP n. 8 del 29/4/03 e n. 32 del 2/7/03).

10 COME CALCOLARE LA MEDIA RETRIBUTIVA PER LA QUOTA B Pur pervenendo allo stesso risultato, l INPS e l INPDAP adoperano indici e criteri differenti per il calcolo della media retributiva utile per la quota B di pensione (periodi posteriori al 31/12/92) INDICI INPS Anno retrib. 10 Anno di presentazione della domanda ,2037 1,2371 1,2686 1,3134 1,3612 1,4072 1,4551 1,4975 1,5366 1, ,1470 1,1789 1,2091 1,2519 1,2975 1,3415 1,3872 1,4278 1,4653 1, ,0781 1,0830 1,1367 1,1771 1,2201 1,2615 1,3046 1,3429 1,3783 1, ,0275 1,0563 1,0836 1,1221 1,1632 1,2028 1,2441 1,2807 1,3145 1, ,0000 1,0282 1,0548 1,0923 1,1325 1,1712 1,2115 1,2472 1,2802 1, ,0000 1,0000 1,0260 1,0626 1,1018 1,1395 1,1788 1,2137 1,2460 1, ,0000 1,0000 1,0359 1,0742 1,1111 1,1494 1,1836 1,2152 1, ,0000 1,0000 1,0371 1,0727 1,1099 1,1430 1,1737 1, ,0000 1,0000 1,0345 1,0705 1,1025 1,1321 1, ,0000 1,0000 1,0348 1,0659 1,0947 1, ,0000 1,0000 1,0301 1,0580 1, ,0000 1,0000 1,0272 1, ,0000 1,0000 1, ,0000 1, ,0000

11 11 INDICI INPDAP Anno retribuzione Indice Anno retribuzione Indice , , , , , , , , , , , , , , , , , , Dal 1/11/2009 il periodo di riferimento per la media è di 10 anni. L'INPDAP lo indica in giorni e fino alla data indicata veniva calcolato come nell'esempio che ha come riferimento il 1/9/2007: Periodo del 50% dal 1/1/93 al 31/12/95 e al 66,67% dal 1/1/95 alla cessazione: Periodo = (360x3x0,5) + (360x11+30x8)x0,6667 = 3340 giorni

12 12 Prima occorre calcolare le retribuzioni utili annue, poi rivalutarle con gli indici relativi all inflazione, infine dividere la somma per il periodo di riferimento. La retribuzione annua comprende lo stipendio, l I.I.S., la maggiorazione del 18%, il salario accessorio eccedente la maggiorazione. INDICI INPDAP a b c d e=axbxc:d f g=exf retrib. utile % inc coeff. a. p. coeff. retr. riv. giorni ,63 1,00 145, , , , ,25 1,00 145, , , , ,39 1,01 145, , , , ,88 1,02 145, , , , ,20 1,03 145, , , , ,96 1,04 145, , , , ,28 1,05 145, , , , ,77 1,06 145, , , , ,75 1,07 145, , , , ,70 1,08 145, , , , ,87 Media = ,87 : = ,49

13 Per gli anni 2007 e 1998 considerati parzialmente prendere in considerazione solo le retribuzioni annue dei mesi compresi nel periodo. 13 INDICI INPS a b c=axb d e=cxd retrib. utile coeff. retr. riv. giorni ,63 1, , , ,25 1, , , ,39 1, , , ,88 1, , , ,20 1, , , ,96 1, , , ,28 1, , , ,77 1, , , ,75 1, , , ,70 1, , , ,14 Media = ,14 : = ,47

14 14 L ANZIANITA PENSIONISTICA E costituita dalla somma dei periodi effettivi o figurativi utili al calcolo: a) Servizio di ruolo b) Servizi preruolo prestati nelle scuole statali c) Servizi preruolo prestati in enti pubblici o enti locali d) Servizi prestati alle dipendenze di privati e) Servizio militare f) Periodo di studi universitari g) Maggiorazioni h) Servizi figurativi quali la disoccupazione e la maternità fuori dal rapporto di lavoro La percentuale viene determinata in base agli anni e ai mesi, la frazione di mese si arrotonda a mese intero se é superiore a 15 giorni. L arrotondamento può essere fatto una sola volta sulla somma complessiva dei servizi utili.

15 15 COME CONTARE I PERIODI I periodi devono essere contati in anni mesi e giorni seguendo il seguente criterio: Esempio 1: Dal 15/10/84 al 4/6/88 sono anni 3, mesi 7 e gg. 21 a) dal 15/10/84 al 14/10/87 sono anni 3 b) dal 15/10/87 al 14/5/88 sono mesi 7 c) dal 15/5/88 al 4/6/88 sono giorni 21 Esempio 2: Dal 1/3/01 al 31/5/01 sono mesi 3 Esempio 3: Dal 1/1/01 al 28/2/01 sono mesi 2 (l anno non è bisestile) Esempio 4: Dal 1/1/04 al 28/2/04 sono mesi 1 e gg. 28 (l anno è bisestile) Esempio 5: Dal 30/4/03 al 31/5/03 sono mesi 1 e gg. 2 a) dal 30/4 al 29/5 sono mesi 1 b) dal 30/5 al 31/5 sono gg. 2

16 16 Quando si sommano più periodi, un anno è formato da 12 mesi e un mese sempre da 30 giorni. I periodi consecutivi si contano come un periodo unico, altrimenti si può verificare un assurdità: Esempio 6: Dal 1/4 al 20/4 e dal 21/4 al 31/5. Unendo i due periodi si ottengono 2 mesi, separatamente invece darebbero il primo gg. 20, il secondo mesi 1 e gg. 11 che poi sommati darebbero mesi 2 e gg. 1. Estremizzando il paradosso con un caso possibile (anche se difficilmente verificabile realmente), un supplente che lavora un intero anno scolastico con una serie di nomine consecutive, se non unissimo i periodi si otterrebbe un risultato straordinario: in un solo anno scolastico potrebbe realizzare un servizio pari a mesi 12 e gg. 5.

17 17 SERVIZIO EFFETTIVO E SERVIZIO UTILE Fino al 1995 era molto importante distinguere il servizio effettivo dal servizio utile, ora questa distinzione è da ritenere superata. La distinzione era un residuo dei tempi in cui si andava in pensione con un anzianità di 14 anni, 6 mesi e un giorno (sembra ormai preistoria pensionistica, ma stiamo parlando di un era conclusasi circa 15 anni fa!). Il servizio effettivo non comprendeva alcune maggiorazioni ed era quello che determinava il diritto alla pensione, il servizio utile comprendeva tutto e determinava il calcolo della pensione. (Insegnante con servizio effettivo di anni 14 e mesi 3 e una maggiorazione di 4 mesi per un servizio nella scuola speciale non poteva andare in pensione) Dal 1/1/96 il servizio utile per determinare il diritto viene indicato come anzianità contributiva.

18 18 Una curiosità: Per i pensionati INPS esiste una distinzione di questo tipo e riguarda i contributi figurativi della disoccupazione che non sono utili per raggiungere i 35 anni, ma solo per determinare l ammontare della pensione. Quando però viene trasferita una posizione dall INPS allo Stato con la ricongiunzione legge 29 sono valutati come quelli coperti da contribuzione.

19 19 VARIAZIONI DATA INIZIO ANNO SCOLASTICO Fino all anno scol. 1976/77: 1 ottobre 1977/78: 20 settembre Dal 1978/79 al 1985/86: Dal 1986/87: 10 settembre 1 settembre Per chi è stato immesso in ruolo in data diversa dal 1 settembre, viene ritenuto utile il periodo figurativo che manca alla cessazione per completare l anno di servizio; il riconoscimento non è esteso alla buonuscita.

20 20 IL CERTIFICATO DI SERVIZIO Il documento principale da cui deve partire l analisi della situazione relativa all anzianità pensionistica è il certificato di servizio. A questo proposito va notato che il personale docente della scuola primaria ha un solo certificato di servizio che durante il preruolo l ha seguito nei vari spostamenti da una istituzione scolastica all altra. In esso sono presenti anche i servizi preruolo prestati non alle dipendenze dello Stato, purché autorizzati dal Provveditorato agli Studi e quindi riconosciuti ai fini dell acquisizione del punteggio per la graduatoria incarichi e supplenze (servizi con i Comuni, col Patronato Scolastico...). Gli insegnanti della scuola secondaria hanno un certificato per ogni istituzione scolastica in cui hanno prestato qualche servizio; questo pone un problema perché richiede molta attenzione per ricostruire con esattezza una situazione a volte molto sfaccettata.

21 SERVIZI UTILI (basta documentarli col certificato di servizio) 1) I servizi di ruolo prestati in ogni amministrazione statale, dalla data di decorrenza economica, compresi i periodi di congedo straordinario e ordinario nonché le aspettative per infermità, anche se retribuite al 50%. 2) I servizi prestati con incarico triennale dall 1/10/61 al 30/9/70 ai sensi della Legge 831/61. 3) I servizi prestati con incarico a tempo indeterminato: a) per il personale della scuola secondaria (docente e a.t.a.) dall 1/10/68 al 9/9/78, ai sensi della Legge 282/69; b) per il personale docente di scuola materna ed elementare: - dall 1/10/70 al 9/9/78, ai sensi della Legge 820/ ) I servizi prestati con incarico a tempo determinato, conferito ai sensi della Legge 463/78, dal 10/09/78 al 09/09/82.

22 22 5) I servizi prestati come supplente annuale, a condizione che il servizio sia coinciso con l inizio dell anno scolastico, con ritenuta in conto Tesoro e con retribuzione estiva: a) dal 10 settembre fino all a.s. 85/86; b) dal 1 settembre, dall a.s. 86/87. 6) I servizi prestati dai supplenti annuali e temporanei nelle scuole statali a partire dal 1 gennaio 1988, in quanto da tale data lo stipendio è assoggettato alla ritenuta in conto Tesoro, con diritto all acquisizione della pensione a carico dello stato ( Legge 67/88; C.M. 8/1/88, n. 6; C.M. 22/1/88, N. 21 ). 7) Il servizio militare. 8) Sono inoltre utili senza onere ai sensi della legge 523/54,i servizi di ruolo e non di ruolo prestati: a) dagli insegnanti nelle scuole parificate b) dagli insegnanti di asilo o di scuola materna eretta in ente morale con iscrizione alla Cassa pensioni insegnanti di asilo e di scuola elementare parificata, amministrata dall INPDAP.

23 23 9) RICONGIUNZIONE DI SERVIZI per i quali é stato liquidato il trattamento di quiescenza: art. 151 d.p.r. 1092/73. a) E necessaria la domanda dell interessato. b) La domanda non è ammessa se presentata oltre il termine di 6 mesi dalla data di inizio del nuovo rapporto. 10) RIUNIONE E RICONGIUNZIONE DI SERVIZI per i quali non e stato liquidato il trattamento di quiescenza: art.151 d.p.r. 1092/73 a) Si provvede d Ufficio 11) PERSONALE NOMINATO COMMISARIO DI U.S.L. e collocato in aspettativa ai sensi del d.l. 6/2/91 n. 35 convertito con modificazione nella legge 4/4/91 n Il periodo è valido ai fini pensionistici, in quanto l Amministrazione che emette il provvedimento di aspettativa ha l obbligo di effettuare il versamento dei contributi relativi al trattamento di quiescenza e di richiedere successivamente il rimborso del corrispettivo onere all U.S.L. ( N.M. 5/6/92, n e N.M.T. 6/4/92, n ).

24 IL COMPUTO I servizi sono computabili, a domanda, in carta semplice, se sono coperti da contribuzione ai fini pensionistici. I servizi non coperti da contribuzione, sono computabili se l ente pubblico presso cui è stato prestato il servizio oppure l interessato provvederanno ora per allora al versamento dei contributi relativi presso: a) l apposita cassa di previdenza; b) L I.N.P.S., ai sensi dell art. 13, Legge 1338/62. I moduli per il versamento dei contributi si ritirano presso le sede I.N.P.S. Per il personale statale non di ruolo, l iscrizione all I.N.P.S. decorre dal 1 settembre 1950, ai sensi della Legge 633/50. Per il computo dei servizi scolastici, si tiene conto del periodo retribuito e non di quello prestato. Infatti, se il docente è stato retribuito anche durante il 24

25 25 periodo estivo, il servizio si deve computare fino al 30 settembre dello stesso anno scolastico e non fino al 30 giugno, data in cui termina l attività didattica. La domanda di computo va fatta, ai sensi dell art. 147 D.P.R. 1092/73: a) almeno due anni prima del raggiungimento del limite massimo di età ( 65 anni), pena la decadenza; b) entro 90 giorni dalla comunicazione del provvedimento di cessazione, quando il dipendente cessi, prima dei due anni antecedenti il compimento del 65 anno di età, per dimissioni, decadenza, destituzione, ecc. ( C.M. 20/12/77, N. 333). Nel caso di decesso in servizio del dipendente, gli aventi causa possono produrre domanda entro 90 giorni dal ricevimento dell invito del provveditorato.

26 26 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI COMPUTO La domanda va presentata all INPDAP tramite la scuola. Fino al 31/8/2000 erano di competenza del Provveditorato agli Studi. REVOCA DELLA DOMANDA DI COMPUTO La domanda di computo può essere ritirata solo prima che venga emesso il relativo procedimento. Considerato che il dipendente non è in grado di stabilire, nella maggior parte dei casi, quali servizi siano computabili e quali riscattabili, al fine di evitare errori, è opportuno fare la domanda di computo contestualmente a quella di riscatto. In tal modo, l INPDAP distingue i servizi computabili da quelli riscattabili, fermo restando il diritto dell interessato a ricorrere, qualora dovesse riscontrare errori. CONSERVAZIONE DELLA DOMANDA DI COMPUTO E consigliabile conservare la fotocopia della domanda, con gli estremi di protocollo della Scuola nella quale è stata presentata gerarchicamente, al fine di dimostrare in qualsiasi momento di averla prodotta, in caso di smarrimento della domanda medesima da parte dell amministrazione

27 27 SERVIZI COMPUTABILI (Art. 11 D.P.R. 1092/73) 1) I servizi scolastici non di ruolo, prestati in ogni ordine e grado di scuola, gestite o finanziate dallo Stato, anche se prestati senza il prescritto titolo di studio, indipendentemente dal numero di ore settimanali ( C.M. 36/77). 2) I servizi prestati nei corsi di scuola popolare, anche se gestiti da privati, purché coperti da contribuzione ( C.M. 18/7/90, n. 193). 3) I servizi prestati nelle scuole festive, estive, reggimentali e carcerarie, con iscrizione all I.N.P.S.. 4) I servizi non di ruolo prestati in altre amministrazioni statali, con iscrizioni all I.N.P.S.. 5) I servizi non di ruolo prestati alle dipendenze di Comuni, Province e Regioni, oppure presso scuole Legalmente Riconosciute, con retribuzione a carico dell Ente locale, ai sensi dell art. 12, T.U. 1092/73.

28 28 6) I servizi prestati alle dipendenze di enti o istituti di diritto pubblico, sottoposti a vigilanza o a tutela dello Stato: Patronati Scolastici, ANEA, UNSEA, INPS, ENPAS, INADEL, ecc., con iscrizione all INPS. 7) I servizi prestati in Istituti Pareggiati, con fondi speciali di pensione ( art. 121 DPR 1092/73). 8) I servizi comunque prestati, che abbiano costituito titolo per l inquadramento di ruolo e/o non di ruolo, con iscrizione INPS (art. 15 DPR 1092/73). 9) Il tempo intercorso tra la risoluzione e la riaccensione del rapporto, nel caso di risoluzione del rapporto di impiego (destituzione per motivi disciplinari), al quale faccia seguito la riammissione in servizio con diritto agli assegni non percepiti (riammissione disposta a seguito di revisione del procedimento disciplinare). 10) I periodi di astensione obbligatoria e facoltativa, per maternità, di cui agli artt. 4, 5 e 7 della Legge 1204/71 ( DPR 1026/76). 11) I periodi di aspettativa non retribuita, per tutta la durata del mandato, dei dipendenti chiamati a funzioni pubbliche elettive ( C.M.T. 3/7/81, n ).

29 29 12) Servizio prestato dai docenti inca- ricati esterni nelle Università o negli Istituti di Istruzione universitaria, in discipline per le quali è previsto un corso accademico semestrale o comunque non annuale, a condizione che sia incarico esterno retribuito, con ritenuta in conto Tesoro e che non vi sia stata opzione per l I.N.P.S. ( C.M. 36/70 ). 13) Periodi di aspettativa non retribuiti, concessa ai sensi dell art. 31 Legge 20/5/70, n. 300, con la richiesta della valutazione, da parte dell interessato, ai fini pensionistici. Qualora il periodo di cui sopra venga valutato ai fini pensionistici, l impiegato è soggetto alla regolarizzazione contributiva dei periodi per i quali non sono state operate le ritenute in conto Tesoro (DPR 1092/73, art. 24 e C.M. 235/81).

30 IL RISCATTO DEI SERVIZI La domanda va presentata all INPDAP tramite la scuola in cui si è in servizio. Può essere presentata anche dal personale non di ruolo con almeno un anno di servizio. Conviene presentare la domanda appena possibile in quanto: a) la presentazione non comporta l obbligo di accettare il riscatto; b) l onere viene calcolato in funzione dello stipendio e dell età del richiedente all atto della presentazione 30 Per il personale della scuola esisteva l istituto dell accettazione del riscatto che pertanto doveva essere accettato o respinto dall interessato. Ai sensi del comma 4 dell art. 2 del DPR 351/98, il riscatto non può essere rifiutato dopo l emissione del relativo decreto. Prima della sua emissione, l Amministrazione deve informare del suo contenuto l interessato che entro 5 giorni può rifiutarlo. In mancanza di una risposta nei termini previsti, l Amministrazione provvede alla definitiva emissione del decreto. N.B.: L utilizzo dei periodi riscattati va visto con ottica diversa se avviene in regime di pensione retributiva oppure in regime di pensione contributiva.

31 31 Pensione retributiva: i periodi sono utilizzati sia al fine di aumentare la percentuale di pensione, sia a quello di maturare il diritto (31 anni di servizio e un riscatto laurea di 4 anni permettono di maturare il diritto per 35 anni di contributi e fanno ottenere una percentuale per 35 anni e non per 31) Pensione contributiva: il riscatto perde la sua valenza per maturare l anzianità retributiva richiesta in quanto il minimo è di soli 5 anni, ha solo l effetto di far aumentare il montante dei contributi sui quali viene calcolata la pensione, anche se dà il vantaggio di poter detrarre dai redditi quanto versato secondo la normativa vigente al momento del pagamento. Il riscatto può essere chiesto anche parzialmente. Questa scelta è consigliabile solo quando la domanda si presenta poco prima del collocamento a riposo, in quanto si è in grado di stabilire con esattezza quale periodo manca per maturare il diritto. E pure possibile interrompere un pagamento rateale, limitando l utilizzo alla parte pagata, con esclusione dei casi in cui il periodo sia stato utilizzato per la pensione (Legge 1646/62, art. 25). Se la domanda è presentata con anticipo non è possibile, nè conveniente fare scelte oculate. Il costo del riscatto può essere pagato in un numero di rate mensili pari a quello dei mesi riscattati; in caso di pensionamento prima di aver esaurito le rate, queste vengono trasferite sulla pensione.

32 SERVIZI E PERIODI RISCATTABILI Il computo e il riscatto dei servizi è disciplinato dal DPR 1092/73. Altre norme sono intervenute in seguito, cominciamo a vedere i principali servizi riscattabili: 1) I servizi statali non di ruolo senza iscrizione all I.N.P.S. (art. 14 DPR 1092/73). 2) I servizi prestati come Assistente Universitario (art. 14 DPR 1092/73). 32 3) I servizi prestati come incaricato universitario. 4) I servizi prestati come docente presso università estere, prima della nomina a professore di ruolo degli istituti italiani di istruzione superiore (art. 14 DPR 1092/73). 5) I servizi prestati come lettore di lingua e letteratura italiana presso università estere, prima della nomina a insegnante di ruolo nelle scuole statali di istruzione secondaria o degli istituti professionali o di istruzione artistica (art. 14 DPR 1092/73).

33 33 6) I servizi non di ruolo prestati presso le scuole o istituti pareggiati, con o senza iscrizione all INPS ( R.D.L.vo 749/1920). 7) Il servizio prestato in scuola legalmente riconosciuta : a) per il personale docente, ai sensi dell art. 116 DPR 417/74, con o senza iscrizione INPS, purché retribuito. b) per il personale a.t.a., ai sensi dell art. 23 DPR 420/74, con o senza iscrizione INPS, purché retribuito. c) per tutto il personale, ai sensi della Legge 29/79 N.B.: Se i servizi sono coperti da contribuzione INPS, è più economico il riscatto ai sensi della Legge 29/79. Se, invece, i servizi non sono coperti da contribuzione INPS, l unica possibilità è la richiesta di riscatto ai sensi del DPR 417/74 ovvero del DPR 420/74 (con esclusione del caso in cui il pagamento è avvenuto in natura (vitto, alloggio e vestiario ) e quindi senza iscrizione INPS come da Delibera della C.d.C. n del 16/3/89; C.M. 21/9/89 n. 319). 8) I periodi di ruolo e non di ruolo giuridico non coperti da contribuzione (art. 142 I comma DPR 1092/73; c.m. 3/7/84, n. 205; C.M. 11/9/85, n. 255).

34 9) I servizi prestati nelle scuole e nei corsi popolari non statali, presso i doposcuola gestiti dai Patronati scolastici, quando l Ente gestore non rientri tra quelli indicati dall art. 12 del D.P.R. 1092/73 e qualora abbiano costituito titolo per l inquadramento nelle amministrazioni statali come dipendente di ruolo o non di ruolo. 10) I servizi prestati alle dipendenze del Consorzio Provinciale per l Istruzione Tecnica, con iscrizione I.N.P.S. (art. 28 Legge 177/76). 11) I periodi di Dottorato di ricerca ( C.M. 7/6/85, n. 183). 12) I servizi non di ruolo prestati dal personale docente presso corsi di scuola popolare gestiti da Enti privati, senza iscrizione INPS (art. 28 Legge 177/76; C.M. 18/7/90, n. 193; Parere del C. d. S. Sez. II n. 639 del 22/6/88). 13) I servizi prestati nelle scuole sussidiate ( C.M. 6/6/84, n. 175) ) I periodi di aspettativa non retribuita, concessa ai sensi dell art. 31 della Legge 300/1970, con la richiesta della valutazione, da parte dell interessato, ai fini pensionistici. La valutazione di tali periodi comporta per l interessato la regolarizzazione contributiva (art. 24 DPR 1092/73; C.M. 235/81 ).

35 35 15) I servizi comunque prestati, che abbiano costituito titolo per l inquadramento di ruolo e/o non di ruolo, senza iscrizione INPS (art. 15 DPR 1092/73 ). 16) Periodo legale degli studi universitari, comprendente anche: a) periodo relativo alla frequenza di corsi di perfezionamento a livello universitario; b) periodo legale degli studi universitari per il conseguimento del diploma ISEF; c) periodo legale degli studi universitari per il conseguimento del diploma di vigilanza scolastica; d) periodo legale degli studi teologici, valido per l insegnamento della Religione; e) periodo legale degli studi per il conseguimento del diploma di Accademia di Belle Arti; f) la durata del corso di studi per il conseguimento del titolo di specializzazione per il sostegno degli alunni Handicappati.

36 36 SERVIZI E PERIODI NON RISCATTABILI 1) I periodi senza assegni, ad eccezione dei periodi di ruolo giuridico. 2) I servizi coincidenti: se ne valuta uno solo, secondo la normativa più favorevole (art. 39 T.U. 1092/73 ). 3) I servizi statali per i quali si fruisce già la pensione INPS (Art. 41 T.U. 1092/73 ). 4) I servizi relativi ad incarichi conferiti ai sensi dell art. 380 T.U. 3/57 (Art. 41 T.U. 1092/73 ). 5) Il servizio di Assistente di italiano presso scuole secondarie straniere (Nota del M.P.I. n del 12/10/74, indirizzata all Ispettorato per le pensioni Divisione IV Riscatti ).

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP)

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 1 Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero.

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. E' approvato il testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero annesso

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

SEDE PROVINCIALE DI LATINA

SEDE PROVINCIALE DI LATINA Trasformazione contratto di lavoro in regime Part Time Scadenza: 15.3.2013 L'amministrazione scolastica costituisce rapporti di lavoro a tempo parziale sia all'atto dell'assunzione sia mediante trasformazione

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

TRA. la delegazione di parte pubblica costituita con D.M. n. 24 del 10 marzo 2010.

TRA. la delegazione di parte pubblica costituita con D.M. n. 24 del 10 marzo 2010. Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per l a.s. 2014/2015, sottoscritto nell anno 2014 il giorno 26 del mese di febbraio, in Roma,

Dettagli

ADDETTO ALLE AZIENDE AGRARIE

ADDETTO ALLE AZIENDE AGRARIE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA BANDO DI CONCORSO DEL DIRETTORE GENERALE DELLA TOSCANA DECRETO N. 36 FIRENZE, 30 MARZO 2015 INDIZIONE

Dettagli