RASSEGNA STAMPA. MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA. MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag."

Transcript

1 lunedì 24 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag. 5 del 24/03/2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE La sabatini-bis si prepara al click day Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 Per le risorse rischio esaurimento in tempi rapidi Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 I settori esclusi, dal carbone alla finanza Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 Lista bloccata per i possibili utilizzi Il Sole 24 Ore pag. 26 del 24/03/2014

2 GIUSTIZIA ALTERNATIVA Lunedì 24 Marzo 2014 Un ordinanza rivoluzionaria del tribunale di Firenze che punta a valorizzare l istituto Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità 5 Pagina a cura DI DEBORA RAVENNA Stop alla mediazione intesa come mero, formale, passaggio burocratico, e benvenuta mediazione intesa invece come momento concreto ed effettivo di confronto tra le parti per dirimere più velocemente i conflitti. Una procedura che d ora in poi, quando disposta dal giudice, dovrà svolgersi con la presenza personale delle parti e come momento di mediazione vera e propria. Lo ha stabilito il Tribunale di Firenze, che mercoledì scorso, con ordinanza, ha fissato i requisiti per soddisfare la condizione di procedibilità ex art. 5, comma 2, del dlgs 28/2010 in materia di mediazione disposta dal giudice. Si tratta di una pronuncia innovativa, perché sino a questo momento, a seguito della modifica al dlgs 28 dell agosto 2013 (in vigore dal 21 settembre art. 84 dl n. 69/2013; legge 98/2013), anche l ordine del giudice era inteso come un invito a partecipare a un primo incontro informativo, durante il quale le parti potevano decidere se iniziare o meno il procedimento di mediazione vero e proprio. In particolare l art. 8 del dlgs prevede che durante il primo incontro il mediatore chiarisca alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione e inviti poi le parti e i loro avvocati a esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione e, nel caso di risposta positiva, proceda con lo svolgimento. Questa norma, molto apprezzata perché consente alle parti di trovarsi a un tavolo di mediazione a titolo praticamente gratuito (è previsto solo il pagamento delle spese di segreteria, pari a 40 euro oltre Iva), nella prassi si è rivelata disfunzionale. Gli organismi e i mediatori non possono permettersi di dedicare molto tempo a questi incontri che, quindi, tendono a rivelarsi meri adempimenti burocratici per ottenere un verbale negativo o per avviare trattative al di fuori delle sedi degli Organismi. In tal modo viene vanificato l intento del legislatore, che era quello di consentire alle parti di scegliere in modo consapevole e a costi bassissimi se avviare un procedimento di mediazione o meno. L art. 5, comma 2 del dlgs 28/2010 stabilisce che «il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l esperimento del procedimento di mediazione; in tal caso, l esperimento del Da Milano a Bari sulla scia di Firenze Sulla mediazione disposta dal giudice, da potenziare e valorizzare in chiave deflativa del contenzioso, gli operatori del mondo della giustizia sono più che mai attivi nel capoluogo toscano. Non a caso, presso l Osservatorio sulla giustizia civile di Firenze, è in corso di approvazione un «Protocollo» volto a raccogliere le migliori prassi in tema di mediazione demandata dal giudice alla luce delle ultime novità legislative. Protocollo che farà seguito a delle «Linee guida» in tema di mediazione (predisposte in seguito al decreto del Fare) approvate sempre dall Osservatorio di Firenze nell ambito del «Progetto Nausicaa»: progetto sulla conciliazione delegata dagli uffici giudiziari, nato alla fine del 2009 grazie alla collaborazione fra Osservatorio sulla giustizia civile, regione Toscana, Università di Firenze, camera di commercio e organismo di conciliazione di Firenze e con il sostegno dei presidenti di Corte di appello e Tribunale, Ordine degli avvocati e Odcec di Firenze. Obiettivo: il corretto utilizzo della mediazione, strumento spesso ritenuto più adeguato della procedura giudiziaria per soddisfare gli interessi delle parti. Anche a Milano, di recente, il gruppo mediazione dell Osservatorio sulla giustizia civile del capoluogo lombardo, sulla scia del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello». Il giudice di Firenze ha applicato un interpretazione teleologica della norma, tenendo conto della ratio della legge sulla mediazione e della direttiva 2008/52/Ce. Esaminando il caso concreto ha rilevato che all esito della discussione con i difensori e alla luce della natura della causa, si rendeva particolarmente adeguato il ricorso a soluzioni La mediazione disposta dal giudice Il giudice, valutata la natura della causa, lo stato dell istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l esperimento del procedimento di mediazione che, in tal caso, è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello Secondo il Tribunale di Firenze (ordinanza 19/3/2014) questi sono i requisiti per soddisfare la condizione di procedibilità: 1. la mediazione deve svolgersi con la presenza personale delle parti; 2. l ordine del giudice di esperiere la mediazione ha riguardo al tentativo di mediazione vero e proprio, non si limita al primo incontro informativo per i seguenti motivi: il giudice stesso valuta la «mediabilità» del procedimento; gli avvocati sono «mediatori di diritto», quindi hanno sicuramente già conoscenza della natura della mediazione e delle sue fi nalità (forniscono ai clienti l informativa ex art. 4, c. III); un primo incontro meramente informativo ridurrebbe a un inaccettabile ruolo notarile quello del giudice, del mediatore e dei difensori e comporterebbe un ingiustifi cabile dilazione del processo civile Progetto Nausicaa di Firenze, ha pensato di valorizzare l esperienza maturata in mediazione grazie al dlgs 28 del 2010, incentivando il ricorso alla mediazione demandata dal giudice. Nel 2013 è stato avviato un progetto ad hoc che consiste nella registrazione e monitoraggio dei casi di mediazione inviati dai giudici del tribunale civile di Milano (tramite l utilizzo di un link collegato alla camera di commercio), nell effettuazione di interviste ai magistrati per illustrare il progetto e valutarne il gradimento, nella redazione di un vademecum per fornire delle informazioni utili. Sono stati avviati altri progetti di mediazione disposta dal giudice a Modugno, Roma, Bari, Monza, Matera. Nel frattempo è intervenuto il dl 21 giugno 2013, n. 69 (decreto «del Fare», convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98) che ha modificato radicalmente il ruolo del giudice, prevedendo all art. 5, comma 2, non più la possibilità di invitare le parti ad andare in mediazione, ma il potere di disporre il procedimento di mediazione a condizione di procedibilità, con evidenti rilevanti conseguenze in caso di inottemperanza. Si sono moltiplicati i casi di invio di parti in mediazione anche con provvedimenti molto articolati e interessanti, in particolare a Roma e a Milano. amichevoli della medesima in quanto si trattava di rapporto di natura condominiale iniziato 14 anni prima, potevano essere intercorsi difetti di comunicazione tra le parti all epoca dell accordo, le parti avevano già avviato delle trattative che tuttavia non stavano producendo un risultato positivo. Ciò premesso, ha ritenuto che ricorresse il presupposto per ordinare l invio in mediazione; ha, però precisato che, affinché l ordine del giudice potesse ritenersi correttamente eseguito (e la condizione di procedibilità verificata) la mediazione doveva svolgersi con la presenza personale delle parti e andava esperito il tentativo di mediazione vero e proprio. Il giudice fiorentino ha rilevato che gli artt. 5, comma 5-bis (quando l esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale la condizione si considera avverata se il primo incontro dinanzi al mediatore si conclude senza l accordo) e 8 fossero formulati in modo ambiguo: nell art. 8 sembra che il primo incontro sia destinato solo alle informazioni date dal mediatore e a verificare la volontà di iniziare la mediazione. Tuttavia, nell art. 5, si parla di «primo incontro concluso senza l accordo». Sembra dunque che il primo incontro non sia una fase estranea alla mediazione vera e propria: non avrebbe molto senso parlare di «mancato accordo» se il primo incontro fosse destinato non a ricercare l accordo tra le parti rispetto alla lite, ma solo la volontà di iniziare la mediazione vera e propria. Ritenere che l ordine del giudice sia osservato quando i difensori si rechino dal mediatore e, ricevuti i suoi chiarimenti su funzione e modalità della mediazione possano dichiarare il rifiuto di procedere oltre, appare una conclusione irrazionale e inaccettabile. Questi, dunque, i motivi secondo il tribunale di Firenze: - gli avvocati, definiti mediatori di diritto dalla stessa legge, hanno già conoscenza della natura della mediazione e delle sue finalità, tanto che hanno l obbligo di fornire ai clienti l informativa prescritta dall art. 4, comma 3; - la natura della mediazione esige che siano presenti di persona anche le parti: l istituto mira a riattivare la comunicazione tra i litiganti al fine di renderli in grado di verificare la possibilità di una soluzione concordata del conflitto; - ritenere che la condizione di procedibilità sia assolta dopo un primo incontro, in cui il mediatore si limiti a chiarire alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione, vuol dire ridurre ad un inaccettabile dimensione notarile il ruolo del giudice, quello del mediatore e quello dei difensori, nonché porre un ostacolo non giustificabile all accesso alla giurisdizione; - il giudice, quando decide di inviare le parti in mediazione, ha già svolto la valutazione di «mediabilità» del conflitto; - l art. 5 della direttiva europea 52/2008 distingue le ipotesi in cui il giudice invia le parti in mediazione, rispetto all invio per una semplice sessione informativa: un ulteriore motivo per ritenere che nella mediazione disposta dal giudice, venga chiesto alle parti (e ai difensori) di esperire la mediazione e cioè l attività svolta dal terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole e non una mera sessione informativa. Riproduzione riservata

3 6 Lunedì 24 Marzo 2014 GIUSTIZIA ALTERNATIVA Fin qui la procedura di mediazione demandata dal giudice ha avuto scarso successo Solo 1,9% di processi definiti DI GABRIELE VENTURA La mediazione demandata dal giudice non va a buon fine quasi mai: due volte su dieci. Tra tutte le tipologie di procedimento di mediazione, infatti, è quella con il minor tasso di successo. A dirlo sono le ultime statistiche del ministero della giustizia sulla mediazione civile, che ha fotografato l andamento dell istituto nel 2013 (si veda ItaliaOggi Sette del 17 marzo scorso). Da dove emerge anche che la mediazione demandata dal giudice rappresenta solo l 1,9% di procedimenti definiti tra tutte le varie categorie (volontaria, obbligatoria in quanto condizione di procedibilità ai sensi di legge, obbligatoria in quanto prevista da clausola contrattuale). Mediazione demandata dal giudice. Se consideriamo che nel 2013 sono stati definiti in totale procedimenti, le mediazioni disposte dal giudice sono state solo 456. Il tasso di insuccesso di questo tipo di procedimento, quando l aderente compare, è inoltre pari al 77,8%. Di certo, quindi, in tutto il 2013 le mediazioni demandate dal giudice andate a buon fine non sono state più di 100. Se andiamo a vedere le statistiche del ministero della giustizia da marzo 2011 (entrata in vigore della mediazione obbligatoria ex dlgs n. 28/2010) a dicembre 2012, le cose non cambiano di molto. Le mediazioni demandate dal giudice sono state il 2,9% del totale, L ANALISI Esito della mediazione per tipologia mentre il tasso di insuccesso, in caso di aderente comparso, è stato pari al 71%. Mediazione obbligatoria. D altra parte, anche la mediazione obbligatoria non si può dire sia un procedimento di successo. Guardando sempre all ultima fotografia scattata dalla Direzione generale di statistica del ministero della giustizia su tutto il 2013, infatti, emerge che in più della metà dei casi l aderente non compare. E quando compare l accordo tra le parti viene raggiunto solo tre volte su dieci. Morale: dei procedimenti di mediazione definiti nel 2013, quelli andati in porto sono stati appena L aderente ha Nel sistema «Giustizia» italiano, un processo è concluso in termini ragionevoli se il primo grado è definito in tre anni, il secondo grado in due anni e il giudizio di legittimità in un anno. Se gli uffici giudiziari non riescono a rispettare questi tempi, alla parte coinvolta nel processo (non importa se ha vinto o perso la causa e non importa se si sia costituita o sia rimasta contumace) spetta una indennizzo che eroga lo Stato, pari ad una somma compresa tra 500 e euro per ciascun anno che eccede il termine di ragionevole durata del processo (art. 2-bis, l. 89/2001). La somma dei debiti accumulati dallo Stato, per il danno arrecato agli utenti del Servizio Pubblico di Giustizia, in virtù di processi di durata non ragionevole, è stata, nel 2013, di circa 340 milioni di euro (nota Ministero della Giustizia dell 11 luglio 2013). Con l anno 2013, per la priva volta, la Legge di bilancio ha stabilito a favore della Giustizia una assegnazione di fondi sul capitolo 1264, di 50 milioni di euro, in quantità, dunque, ancora del tutto insufficiente rispetto all entità del debito. Al contempo, il Legislatore ha riformato il sistema di liquidazione degli indennizzi (con la legge 7 agosto 2012 n. 134) in quanto anche i processi instaurati per ottenere l indennizzo ex lege 89/2001, sovente sforavano il termine di ragionevole durata (e, quindi, nasceva il diritto ad una nuova e ulteriore indennità). In una impalcatura processuale che registra, anno per anno, l aumento esponenziale del debito pubblico per le lentezze dei giudizi civili, l esigenza di ridurre il carico giudiziario diventa un interesse pubblico e dell intera collettiva: quel debito di 340 milioni nel 2013, infatti, è un debito di tutti. Si comprende, allora, l importanza degli strumenti deflativi del contenzioso civile che, abbattendo il numero dei procedimenti in ingresso, aumenta i tempi di definizione di quelli pendenti. In quest ambito, spicca certamente il procedimento di mediazione civile, introdotto dal dlgs 28/2010, poiché, oltre a ridurre il contenzioso, offre ai litiganti una eccellente tutela rimediale per il conflitto insorto. La mediazione non si limita a chiudere il processo ma risolve la conflittualità tra le parti, offrendo loro una strada risolutiva magari ignorata, per il carico emotivo che fa concentrare sulle sole posizioni e dimenticare l interesse effettivo. La mediazione civile può certamente trovare origine da una scelta dei litiganti e ciò prima del processo; può, però, anche nascere dopo che il processo è stato instaurato, sulla base di una infatti aderito nel 32,4% dei casi (7.782 procedimenti) e il tasso di definizione con accordo raggiunto è stato pari al 42,4%. L influenza negativa dell obbligatorietà sul tasso di successo dell istituto si vede chiaramente considerando i primi nove mesi del 2013, quando il tentativo di conciliazione non era più vincolo di legge (in seguito alla sentenza della Corte costituzionale dell ottobre 2012): il trend di successo delle mediazioni ha toccato quota 63,1%. Con l entrata in vigore del decreto del Fare (dl 69/2013), che ha reintrodotto l obbligatorietà da settembre 2013, il tasso è precipitato al 32,9%. Materie e valore. Passando a un analisi per materia delle mediazioni definite nel 2013, emerge che il 26,7% è considerato di «altra natura», dovuto alla maggiore incidenza in questo periodo delle mediazioni volontarie rispetto alle materie obbligatorie fino all ottobre A seguire i contratti bancari (17,6%), i diritti reali (11,8%), condominio (9,6%), locazione (7,7%) e risarcimento danni da responsabilità medica (6,1%). Per quanto riguarda il valore della lite, invece, il valore mediano è pari a euro, mentre il valore medio a euro. La percentuale maggiore di accordi raggiunti (60,2%) riguarda i procedimenti di valore tra e La giustizia lumaca costa 340 milioni di euro valutazione del giudice, arbitro del conflitto. Si tratta della mediazione c.d. ex officio introdotta dalla legge n. 98/13: il magistrato assegnatario del processo, visionati gli atti, sentite le parti, valutato l oggetto del giudizio, «dispone l esperimento del procedimento di mediazione». In questo caso, la mediazione diventa condizione di procedibilità della domanda. Che si tratti di una mediazione decisa dal giudicante, si ricava anche dall art. 17 (dlgs 28/10), in cui la norma discorre di mediazione «prescritta dal giudice ai sensi dell articolo 5, comma 2». In concreto, il giudice, entrato in contatto con il processo e con le parti, svolge egli stesso la valutazione di «mediabilità» del conflitto e, pervenendo ad una prognosi favorevole quanto alle chances della mediazione, dispone procedersi al tentativo di risoluzione del conflitto in modo pacifico e amichevole. La recentissima ordinanza del Tribunale di Firenze specifica, anche, che, nel caso in cui il giudice disponga la mediazione, la condizione di procedibilità non è soddisfatta quando i difensori si recano dal mediatore e, ricevuti i suoi chiarimenti su funzione e modalità della mediazione, dichiarano il rifiuto di procedere oltre. In caso di mediazione ex officio, è necessario euro, mentre l accordo non è mai stato raggiunto (100% dei casi) per le mediazioni di valore tra i e 5 milioni di euro. Gli organismi di mediazione. Le elaborazioni del ministero della giustizia analizzano poi i procedimenti di mediazione civile iscritti e definiti per tipologia di organismo di conciliazione. Ed emerge che i 115 organismi dei Coa hanno definito procedimenti nel Gli aderenti sono comparsi nel 35,4% dei casi e il tasso di definizione con accordo è del 29,9%. I 699 organismi privati, invece, hanno gestito mediazioni, con l aderente comparso il 31,8% delle volte e l accordo è stato raggiunto nel 49,5% dei casi. Numeri simili per le 87 camere di commercio, che hanno definito procedimenti con l aderente comparso nel 30% dei casi e il tasso di definizione con accordo raggiunto tra le parti pari al 40,2%. Quanto agli altri ordini professionali, invece, gli 85 organismi hanno gestito 336 mediazioni, l aderente è comparso nel 42,9% dei casi e l accordo raggiunto il 46,8% delle volte. Le statistiche del ministero della giustizia si soffermano infine sull assistenza legale, che dal 21 settembre 2013 è diventata obbligatoria. Già prima di questa disposizione (1 gennaio settembre 2013), il proponente era assisto dall avvocato nel 71,9% dei casi e gli aderenti comparsi con un legale il 65,5%. che le parti compaiano personalmente (assistite dai propri difensori come previsto dall art. 8 dlgs n. 28/2010) e che la mediazione sia effettivamente avviata (Trib. Firenze, sez. II civ., 19 marzo 2014). La mediazione può certamente essere inclusa nel novero dei sistemi omeostatici del processo civile: la Giustizia civile, per funzionare in modo efficace ed efficiente, abbisogna dei meccanismi alternativi di risoluzione delle liti. Avrebbe anche bisogno di una maggiore «cultura della giurisdizione»: è diffusa in questi giorni, la notizia di una causa in cui, il Tribunale di Milano, a chiusura del processo, ha condannato, per responsabilità processuale aggravata, entrambe le parti (attore e convenuto). Si registra una scarsa considerazione della limitatezza delle risorse del sistema pubblico di Giustizia e, soprattutto, non si comprende affatto che parafrasando E. Morgan Forster «quasi tutti conflitti sembrano inevitabili al momento; futili però col senno di poi». Andare in mediazione, almeno a questo, può servire: mette davanti agli occhi che, ciò per cui le parti litigherebbero per anni, può essere risolto in una manciata di minuti: con una firma, un sorriso e un gesto di Civiltà. Giuseppe Buffone

4 La Sabatini-bis si prepara al click day Le Pmi potranno chiedere online il beneficio a partire dalle 9 di lunedì prossimo, 31 marzo Amedeo Sacrestano Mancano pochi giorni al debutto della "nuova Sabatini", introdotta dall'articolo 2 del Dl 69/2013. Da lunedì 31 marzo (ore 9.00) sarà possibile presentare la domanda per la fruizione delle agevolazioni attraverso la compilazione del modulo disponibile sul sito del ministero dello Sviluppo economico (www.mise.gov.it). Con la stessa domanda, l'impresa richiederà sia la concessione del finanziamento (o leasing finanziario) per la copertura del programma di spesa ammissibile agli aiuti, sia il relativo contributo in conto interessi spettante. La procedura di accesso alle agevolazioni è a sportello. Pertanto, le imprese di piccola e media dimensione (in possesso dei requisiti imposti dalla normativa) potranno essere finanziate fino a esaurimento delle risorse disponibili. A tal fine, la norma ha destinato alla "provvista" (costituita presso Cassa depositi e prestiti) dalla quale si attingerà per la concessione dei finanziamenti, un importo di 2,5 miliardi (incrementabili fino a 5 miliardi, secondo gli esiti del monitoraggio sull'andamento dei finanziamenti effettuati dalla stessa Cdp). Per far fronte agli oneri per la concessione dei contributi in conto interessi (gli unici esborsi "reali" a carico dell'erario) è invece autorizzata la spesa di 7,5 milioni per il 2014, 21 milioni per il 2015, 35 milioni per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019, 17 milioni per il 2020 e 6 milioni per il I beneficiari potranno richiedere un "finanziamento" per un importo non superiore a 2 milioni di euro e non inferiore a 20mila euro, a copertura totale delle spese ammissibili (investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, nonché hardware, software e tecnologie digitali). Il prestito che potrà essere erogato anche sotto forma di locazione finanziaria dovrà avere una durata massima di cinque anni, comprensiva del periodo di preammortamento (o prelocazione), che non potrà essere superiore a 12 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. A fronte del prestito ottenuto, le imprese beneficeranno di un contributo pari all'ammontare complessivo degli interessi calcolati, in via convenzionale, al tasso di interesse del 2,75% su un finanziamento della durata di cinque anni e d'importo equivalente a quello concesso. In altre parole, ci sarà un "risparmio di interessi" pari al 2,75% annuo. L'investimento dovrà essere avviato (intendendosi con "avvio" la data del primo titolo di spesa ammissibile) dopo la data di presentazione della domanda, con l'eccezione dei programmi di spesa relativi al settore agricolo, che potranno essere intrapresi solo a seguito del provvedimento di concessione degli aiuti. La compilazione della domanda, consistente in un file Pdf composto da 8 sezioni con campi editabili, non evidenzia particolare insidie. Le prime sei sezioni sono volte ad accogliere i dati identificativi dell'impresa richiedente e del firmatario della domanda, l'indicazione della sede nella quale sarà implementato l'investimento nonché del soggetto che dovrà essere contattato per eventuali comunicazioni. La determinazione della dimensione dell'impresa (micro, piccola o media) dovrà essere fornita nella sezione 6, seguendo i criteri del Dm 18 aprile Le sezioni 7 e 8 accolgono dati a contenuto numerico. Nella prima, va indicata la tipologia di bene strumentale in cui si concretizza l'investimento specificando, nella seconda, se viene operato grazie a un tradizionale "finanziamento" o mediante una locazione finanziaria (indicando, in entrambi i casi, la relativa durata dell'operazione). L'istanza dovrà essere sottoscritta con firma digitale dal legale rappresentante dell'impresa proponente o da un suo procuratore. In quest'ultimo caso, andrà allegata la copia della procura e del documento d'identità del soggetto che l'ha rilasciata.

5 Il meccanismo di concessione degli aiuti sembra caratterizzarsi per tempi di attesa abbastanza contenuti. La stipula del contratto di finanziamento con la conseguente erogazione del prestito dovrà avvenire entro l'ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di erogazione della provvista al soggetto convenzionato da parte di Cdp. Quest'ultima assegna i fondi entro 20 giorni dalla delibera di finanziamento assunta dalla banca/intermediario finanziario. Da notare che il contributo in conto interessi potrà essere erogato solo a chiusura del programma d'investimento.

6 Per le risorse rischio esaurimento in tempi rapididi Carmine Fotina Evocata e a lungo attesa dai principali settori del made in Italy, la nuova "legge Sabatini" parte già con l'incognita risorse. La misura, inserita nel decreto del Fare approvato lo scorso giugno, diventa a tutti gli effetti operativa dopo un estenuante iter di attuazione (che di certo non ha aiutato vista la sospensione degli investimenti decisa da molte aziende) ma già rischia un esaurimento delle risorse particolarmente rapido. Secondo le stime del ministero dello Sviluppo economico, il plafond disponibile presso la Cassa depositi e prestiti, pari a 2,5 miliardi, dovrebbe essere interamente assorbito già entro novembre. Per un totale di circa 25mila operazioni di finanziamento. A quel punto, come prevede la norma originaria, il plafond potrebbe essere incrementato fino a un massimo di ulteriori 2,5 miliardi, ma il condizionale è d'obbligo. Troppe le incognite della prossima legge di Stabilità per assumere come scontato il rifinanziamento. Insomma, l'ottimismo del neo-ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi andrà attentamente verificato in autunno. Per esattezza, inoltre, è utile sottolineare che le cifre di cui si parla non rappresentano risorse messe direttamente in campo dal governo. I 2,5 miliardi sono infatti il plafond costituito presso la Cdp per anticipare alle banche la provvista che viene tramutata in finanziamenti per l'acquisto o il leasing di beni strumentali. L'onere reale dello Stato, secondo quanto disposto dal Dl del Fare, è piuttosto limitato: circa 191 milioni di euro, spalmati tra il 2014 e il 2021, con i quali coprire i contributi necessari a ridurre gli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari. Sul sito del ministero dello Sviluppo è disponibile un calcolatore per conoscere il contributo concedibile, in base agli investimenti che vengono realizzati. I finanziamenti bancari alle operazioni vanno da 20mila a 2 milioni e, a titolo di esempio, per un prestito da 500mila euro da ripagare in 10 semestri al tasso del 2,75%, alle Pmi può essere concesso un contributo di euro. Sempre online, sul sito Abi, è disponibile l'aggiornamento delle banche e degli intermediari finanziari che dovrebbero partecipare all'operazione. Al 20 marzo si era giunti a quota 22 soggetti «interessati ad aderire», ma solo una banca avrebbe già materialmente firmato la convenzione con Cdp. Un dato allarmante: da qui al 31 marzo occorrerà assolutamente accelerare. I tecnici dello Sviluppo confidano nell'attivazione del Fondo di garanzia per rendere l'intervento più appetibile da parte delle banche, che potrebbero concedere finanziamenti a un tasso tra il 2 e il 3%. In particolare, il Dl del Fare prevede la possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo, fino all'80% del finanziamento, con priorità di accesso. La macchina della "Sabatini bis" si è dunque messa in moto. Ma è difficile pensare che da sola possa esaudire la necessità di politiche per il rilancio degli investimenti. C'è in rampa di lancio ad esempio il credito di imposta per le aziende che investono in ricerca e innovazione, ma anche qui le lentezze procedurali sono poco confortanti. La misura, inserita nel decreto Destinazione Italia dello scorso dicembre, è ancora in costruzione e se tutto andrà bene, fa sapere il ministro Guidi, le aziende potranno presentare le domande solo intorno a giugno.

7 LE GUIDE DEL SOLE24 MARZO 2014Il Sole 24 Ore lunedì I limiti. Le attività a cui non si applica il bonus e le regole sul cumulo I settori esclusi, dal carbone alla finanza Gina Leo Alessandro Sacrestano Non tutte le attività produttive possono beneficiare della "Nuova Sabatini". Il suo regolamento attuativo (Dm 27 novembre 2013) all'articolo 3 stabilisce che possono accedere alle agevolazioni le imprese di micro, piccola e media dimensione, costituite e iscritte nel Registro imprese (o nel Registro imprese di pesca), con sede operativa in Italia che sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali e che non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e non rimborsato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea. Sempre escluse le imprese in difficoltà finanziaria. Nonostante l'ampio ambito oggettivo di applicazione della norma, alcuni settori di attività sono specificamente "lasciati fuori": le imprese dell'industria carboniera, le attività finanziarie e assicurative (sezione Kateco 2007) e le attività collegate al settore del latte (limitatamente alla fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei lattiero-caseari). In conformità al regolamento generale di esenzione Gber (regolamento Ce 800/2008) non sono altresì ammissibili le attività connesse all'export e gli interventi subordinati all'impiego preferenziale di prodotti interni rispetto a quelli d'importazione. Nel settore dei trasporti, le spese per l'acquisto di mezzi e attrezzature di trasporto sono ammissibili solo per le imprese che esercitano attività diverse dal trasporto merci su strada e del trasporto aereo. Regole specifiche sono previste per il cumulo delle agevolazioni con altri incentivi pubblici concessi per le medesime spese. Le imprese di settori diversi da agricoltura e pesca potranno fruire contemporaneamente di altri aiuti sugli stessi beni oggetto d'investimento, incluse le agevolazioni attribuibili a titolo de minimis (regolamento Ce 1998/2006) e la "garanzia" dell'omologo Fondo di cui alla legge 662/96, a condizione che con tale cumulo non si superino le intensità massime previste dall'articolo 15 del regolamento Gber. Le imprese agricole non possono cumulare l'agevolazione con gli aiuti de minimis di cui al regolamento Ce 1535/2007. Possibile invece il cumulo con altri aiuti di Stato (art. 107, paragrafo 1 Trattato), con i contributi finanziari forniti dagli Stati membri (inclusi quelli di cui all'art. 108, paragrafo 1, 2 comma, regolamento Ce 1698/2005), con i contributi finanziari comunitari in relazione agli stessi costi ammissibili, a condizione che non si superino le intensità e gli importi globali massimi fissati dal regolamento di riferimento. Nei settori pesca e acquacoltura, le agevolazioni possono essere cumulate con altri aiuti esentati in virtù del regolamento di settore Ce 736/2008 o con gli aiuti de minimis che soddisfino le condizioni di cui al regolamento Ce 875/2007, ovvero con altri finanziamenti comunitari relativi agli stessi costi ammissibili, a condizione con tale cumulo non si superino l'intensità di aiuto o dell'importo di aiuto più elevati applicabili in base al richiamato regolamento Ce 736/2008.

8 Lista «bloccata» per i possibili utilizzi È consentito destinare i fondi a impianti, macchinari, beni strumentali e tecnologie digitali Gina Leo Alessandro Sacrestano Il finanziamento ottenuto dall'impresa, nell'ambito della nuova Sabatini, dovrà essere interamente utilizzato per l'acquisto (o l'acquisizione, in caso di operazioni di leasing finanziario) di macchinari, impianti, beni strumentali d'impresa e attrezzature nuovi di fabbrica a "uso produttivo", nonché di hardware, software e tecnologie digitali, classificabili nell'attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4, dell'articolo 2424 del Codice civile. Gli investimenti possono essere diretti a unità produttive già esistenti o di nuova realizzazione. Relativamente al concetto di "uso produttivo" dei beni oggetto d'investimento, la circolare ministeriale (10 febbraio 2014, n. 4567) ha specificato che gli stessi devono essere «correlati all'attività svolta dall'impresa» ed essere ubicati presso l'unità locale in cui è realizzato l'investimento. Non sono ammessi i costi relativi a commesse interne, le spese per macchinari, impianti e attrezzature usati, le spese di funzionamento, le spese relative a imposte, tasse e scorte, nonché i costi inerenti il contratto di finanziamento, le spese rientranti nelle categorie "terreni e fabbricati" e "immobilizzazioni in corso e acconti". Non sono altresì finanziabili i singoli beni di importo inferiore a 500 euro (al netto dell'iva). Importanti chiarimenti sono stati forniti dal ministero nell'ambito delle risposte alle "Faq", pubblicate sul sito web. Potrà essere oggetto di finanziamento, se funzionale allo svolgimento dell'attività d'impresa, anche un investimento in fotovoltaico, purché rientrante nel concetto di "impianti", come chiarito da varie risoluzioni dell'agenzia delle Entrate (circolare 19 dicembre 2013, n. 36/E; circolare 19 luglio 2007, n.46/e; circolare 11 aprile 2008, n. 38/E). Deve, quindi, trattarsi di impianto diverso da quelli infissi al suolo (o macchinari e attrezzature varie) e pertanto classificabile in una delle voci dello stato patrimoniale specificamente elencate dalla normativa. Stessa conclusione per gli impianti di cogenerazione, mini-eolico (se non infissi al suolo) e microgeneratori non dotati di autonomia funzionale e reddituale. Un impianto eolico (di qualsiasi entità) non è, invece, ammissibile in quanto, ai sensi della circolare 4/T/2006 dell'agenzia del Territorio, deve essere iscritto nella categoria 1/D Opifici (voce di bilancio B.II.1). Se non sussistono dubbi sull'ammissibilità degli arredi (purché si tratti di beni strumentali a uso produttivo e sempre correlati all'attività di impresa) e dei mezzi di trasporto per i settori diversi del trasporto merci su strada e trasporto aereo, relativamente alle spese per la realizzazione di impianti generali (come l'impianto elettrico, idraulico e le relative opere murarie di installazione), l'orientamento ministeriale è di ritenere, in linea di principio, "ammissibili" gli impianti generici e gli impianti specifici classificabili alla voce B.II.2 "Impianti e macchinari" del bilancio, nel rispetto del principio contabile Oic 16. Saranno quindi agevolabili gli impianti/apparecchiature di riscaldamento e condizionamento, comprese le relative opere murarie per le installazioni. Sono, invece, sicuramente esclusi l'impianto elettrico e l'impianto idraulico, dal momento che non hanno una loro autonoma funzionalità (intesa come possibilità di separazione dal bene stesso) e sono iscrivibili come "adattamento locali" nella voce "altre immobilizzazioni immateriali". La normativa impone, a carico dei soggetti beneficiari, alcuni adempimenti fondamentali per la fruizione del contributo. È necessario che gli investimenti agevolati siano capitalizzati e figurino nell'attivo dell'impresa per almeno tre anni. A tal fine, le imprese tenute, per legge, alla redazione e pubblicazione del bilancio devono iscrivere i beni acquistati nell'attivo dello stato patrimoniale, nel rispetto dei princìpi contabili applicati. Le imprese in regime di contabilità semplificata, in quanto esonerate dalla redazione del bilancio, devono, invece, dare evidenza della corretta applicazione dei princìpi contabili in materia di immobilizzazioni materiali, mediante un'apposita dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante (articoli 47 e 76, Dpr 445/2000) da conservare presso la propria sede.

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

BENI STRUMENTALI ("NUOVA SABATINI") - DOMANDE FREQUENTI (FAQ)

BENI STRUMENTALI (NUOVA SABATINI) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) BENI STRUMENTALI ("NUOVA SABATINI") - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 1.1 Quali sono i passi operativi per accedere alle agevolazioni in oggetto e in particolare

Dettagli

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/04/2014 Circolare informativa n. 7/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere

Dettagli

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali Borgo S. Spirito, 78-00193 Roma - Tel. +39 06680001 - Fax +39 0668134236 DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Prot. n. 90/RC Roma, 15 gennaio 2014 Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Dettagli

Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise

Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise Numero 48/2014 Pagina 1 di 13 Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise Numero : 48/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : AGEVOLAZIONI SABATINI-BIS DM 27/11/2013 IN

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 22/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere al finanziamento e al contributo in conto interessi per l acquisto di beni

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U.

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. 24 gennaio 2014) Agevolazioni per l acquisto di nuovi macchinari, impianti

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS)

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS) Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 27 febbraio 2014

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MODULO PER LA RICHIESTA DEL FINANZIAMENTO SU PROVVISTA CDP S.p.A. E DEL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

N. R.G. 2010/5210 T. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Seconda sezione CIVILE Nella causa civile iscritta al n. r.g. 5210/2010 promossa da: contro

N. R.G. 2010/5210 T. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Seconda sezione CIVILE Nella causa civile iscritta al n. r.g. 5210/2010 promossa da: contro N. R.G. 2010/5210 T TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Seconda sezione CIVILE Nella causa civile iscritta al n. r.g. 5210/2010 promossa da:.., contro Il Giudice dott. Luciana Breggia, sciogliendo la riserva

Dettagli

ALLEGATO alla circolare 23 febbraio 2015, n. 14166

ALLEGATO alla circolare 23 febbraio 2015, n. 14166 ALLEGATO alla circolare 23 febbraio 2015, n. 14166 Testo aggiornato della Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 relativa a termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Finanziamenti Agevolati per acquisto di nuovi Beni Strumentali Nuova Sabatini. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia

Finanziamenti Agevolati per acquisto di nuovi Beni Strumentali Nuova Sabatini. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Finanziamenti Agevolati per acquisto di nuovi Beni Strumentali Nuova Sabatini Plafond CDP PMI Beni Strumentali Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Premessa -Il 24 gennaio 2014 è stato pubblicato

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

Modalità di presentazione della domanda della nuova Sabatini

Modalità di presentazione della domanda della nuova Sabatini Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 5 Mantova, lì 10 Aprile 2014 Circolare N. 18/2014 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi Modalità di presentazione della domanda della nuova Sabatini Le imprese che

Dettagli

(GU n.19 del 24-1-2014) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(GU n.19 del 24-1-2014) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 27 novembre 2013 Attuazione dell'articolo 2 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98 in materia

Dettagli

Gazzetta n. 19 del 24 gennaio 2014 (vai al sommario) MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Gazzetta n. 19 del 24 gennaio 2014 (vai al sommario) MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Gazzetta n. 19 del 24 gennaio 2014 (vai al sommario) MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 27 novembre 2013 Attuazione dell'articolo 2 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 2 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Ministero dello sviluppo economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 23 marzo 2016, n. 26673 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Genova, 13 marzo 2014. Ai Signori Clienti Loro Sedi CIRCOLARE N. 8 / 2014

Genova, 13 marzo 2014. Ai Signori Clienti Loro Sedi CIRCOLARE N. 8 / 2014 Antonio ARGENIO Pietro BESSI Federico CALISSANO Vincenzo CAMPO ANTICO Giovanni CIURLO Stefano FILIPPINI Filippo INGRAFFIA Stanislao LUCHESCHI Emilio MARTINOTTI Andrea VILLA Ai Signori Clienti Loro Sedi

Dettagli

ITER OPERATIVO SABATINI TER

ITER OPERATIVO SABATINI TER ITER OPERATIVO SABATINI TER Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ed il Ministero dell economia e delle finanze il 27 novembre 2013 hanno adottato un decreto che istituisce un nuovo intervento agevolativo

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

Finanziamenti alle imprese: la legge Sabatini bis

Finanziamenti alle imprese: la legge Sabatini bis dr Aldo Tassoni Finanziamenti alle imprese: la legge Sabatini bis Associazione Ucimu Cinisello Balsamo, 27 febbraio 2014 1 I BENEFICIARI I soggetti destinatari dell agevolazione sono le piccole e le medie

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015 BUDGET Le risorse finanziarie ammontano complessivamente ad euro 500.000. BENEFICIARI Possono presentare domanda per l accesso

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI

I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI 1 I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI d.ssa Mirella Battistoni 28.02. 2014 - La nuova Legge Sabatini e il Bando Inail La Nuova legge Sabatini (D.L. 21/2013 n. 69 Decreto del Fare ) - Agevolazioni per l acquisto

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Contratti di sviluppo nel settore turistico anche con affitto dell attività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo, con

Dettagli

Circolare Mensile n. 6 APRILE 2014

Circolare Mensile n. 6 APRILE 2014 Circolare Mensile n. 6 APRILE 2014 1. NEWS CEDOLARE SECCA Ridotta al 10% l aliquota Irpef per i contratti a canone concordato È stato pubblicato il decreto che ha modificato l aliquota dell imposta sostitutiva

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O CONSULENZA SOCIETARIA CONTABILE FISCALE E DEL LAVORO Dott. Andrea Busso Commercialista - Revisore Contabile Rag. Eleonora Busso Consulente del Lavoro Collaborazioni:

Dettagli

bis Guida ai finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese Gli investimenti agevolati La richiesta di finanziamento

bis Guida ai finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese Gli investimenti agevolati La richiesta di finanziamento Serie speciale numero 4 Anno 23 1 marzo 2014 A CURA DI Marino Longoni 6,00 euro* + IL PREZZO *Supplemento da vendersi esclusivamente in abbinamento a ItaliaOggi con sovrapprezzo di 6,00 sul prezzo del

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento REGOLAMENTO DI PROCEDURA dell organismo di mediazione MediaTorino s.r.l., istituito ai sensi del D. Legisl. 4 marzo 2010, n. 28 e del D.M. del 18 ottobre 2010, n. 180 così come modificato dal D.L. 21.06.13

Dettagli

Ministero della Giustizia. Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia. Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Direzione Generale di Statistica D.L. 28/2010

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI

XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI MOZIONE SULLA MEDIAZIONE DEMANDATA DAL GIUDICE L Assemblea del Coordinamento della Conciliazione

Dettagli

16 maggio 2014 Prot. UCR/ULG/UTR/001269. Plafond Beni Strumentali di cui all art. 2 del Decreto Legge n. 69 del 2013

16 maggio 2014 Prot. UCR/ULG/UTR/001269. Plafond Beni Strumentali di cui all art. 2 del Decreto Legge n. 69 del 2013 Roma 16 maggio 2014 Prot. UCR/ULG/UTR/001269 Agli Associati Loro sedi Plafond Beni Strumentali di cui all art. 2 del Decreto Legge n. 69 del 2013 Informazioni utili alla migliore attuazione degli interventi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 24 dicembre 2014, n. 71299 Informazioni utili all attuazione degli interventi di cui al decreto interministeriale

Dettagli

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche di cui all articolo 4, comma 1

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni DOCUMENTO A) Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni Il presente documento disciplina le modalità e le condizioni di accesso ai contributi previsti ai sensi della l.r. n. 1/2010 e s.m.i.

Dettagli

SMART&START. MODALITA DI PRESENTAZIONE Procedura valutativa a sportello a partire dal 16 febbraio 2015.

SMART&START. MODALITA DI PRESENTAZIONE Procedura valutativa a sportello a partire dal 16 febbraio 2015. SMART&START MODALITA DI PRESENTAZIONE Procedura valutativa a sportello a partire dal 16 febbraio 2015. BENEFICIARI Start up innovative che presentino i seguenti requisiti di ammissibilità: essere costituite

Dettagli

Circolare N. 171 del 9 Dicembre 2015

Circolare N. 171 del 9 Dicembre 2015 Circolare N. 171 del 9 Dicembre 2015 Nuova imprenditorialità: domande sul sito di INVITALIA a partire dal prossimo 13 gennaio 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, a partire

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA COSA SONO I MUTUI CHIROGRAFARI. Struttura e funzione economica

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA COSA SONO I MUTUI CHIROGRAFARI. Struttura e funzione economica Pagina 1/10 FOGLIO INFORMATIVO 4ua) Mutui Chirografari agevolati in favore delle PMI con utilizzo di plafond messo a disposizione da Cassa Depositi e Prestiti SpA ai sensi del D.L. n.69 del 21/06/2013

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti

Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti La congestione del contenzioso civile ha fatto nascere l'esigenza di ricercare e sviluppare un nuovo modello di gestione del sistema A.D.R. (Alternative

Dettagli

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO BENEFICIARI PMI 1, anche artigiane, operanti in tutti i settori a cui è applicabile la disciplina de minimis 2, aventi sede legaleiscritta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del

Dettagli

La mediazione nelle controversie derivanti da malpractice medica secondo le disposizioni del nuovo art. 5, comma 1 del D.

La mediazione nelle controversie derivanti da malpractice medica secondo le disposizioni del nuovo art. 5, comma 1 del D. Sul sito www.concilia.it verranno a mano a mano pubblicate relazioni di esperti dei vari settori coinvolti nella mediazione dalla nuova riforma. Due professionisti medici, conciliatori grazie ad un corso

Dettagli

Convegno in materia di MEDIAZIONE NEL CONDOMINIO

Convegno in materia di MEDIAZIONE NEL CONDOMINIO Convegno in materia di MEDIAZIONE NEL CONDOMINIO - SCHEDA DIDATTICO/OPERATIVA PER L AMMINISTRATORE Il decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (decreto del fare, convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98) ha

Dettagli

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE WWW.IOCONCILIO.COM RES AEQUAE ADR srl omnibus aequa CHE COSA E UN SISTEMA ADR? La nostra ragione sociale è RES AEQUAE ADR, dove ADR sta per ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION,

Dettagli

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo Opportunità Agevolate per le imprese Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo 2 Indice Situazione attuale Strumenti agevolativi Strumenti condivisione del rischio Offerta di Iccrea BancaImpresa Situazione

Dettagli

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1 La mediazione finalizzata alla conciliazione Diritti riservati 1 1. Regolamentazione Dlgs. 4 marzo 2010 n. 28 (come mod. art. 84 DL 21.6.2013 n.69, L. di conv. 9.8.2013 n.98) Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Arcadia Concilia, un nuovo Servizio della UIL per la mediazione civile e commerciale. di Carmelo Barbagallo

Arcadia Concilia, un nuovo Servizio della UIL per la mediazione civile e commerciale. di Carmelo Barbagallo Arcadia Concilia, un nuovo Servizio della UIL per la mediazione civile e commerciale di Carmelo Barbagallo Quando, all incirca un anno fa, il gruppo dirigente della UIL si riuniva per elaborare le modifiche

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Dott. Turrina Walter Rag. Poltronieri Davide Dott. Lanza Federica Studio Commercialisti Associati Commercialista Revisore Contabile Commercialista Consulente del Lavoro AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare

Dettagli

Dott. Geom. Francesco Parrinello

Dott. Geom. Francesco Parrinello Workshop Le professioni tecniche nella mediazione Trapani, 08 Ottobre 2011 L' esperienza professionale a servizio della Mediazione A cura del Dott. Geom. Francesco Parrinello Presidente del Collegio dei

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

Effettivo svolgimento del primo incontro informativo nella mediazione obbligatoria

Effettivo svolgimento del primo incontro informativo nella mediazione obbligatoria ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 09/07/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37211-effettivo-svolgimento-del-primo-incontroinformativo-nella-mediazione-obbligatoria Autore: Belluardo Serena Effettivo

Dettagli

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero 4/2011 Pagina 1 di 9 Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero : 4/2011 Gruppo : FINANZIARIA Oggetto : FINANZIARIA 2011 Norme e prassi : LEGGE N. 220 DEL 13.12.2010 PUBBLICATA IN GAZZETTA

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AL CONTRATTO DI SVILUPPO LOCALE (AREA VALLE PELIGNA)

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AL CONTRATTO DI SVILUPPO LOCALE (AREA VALLE PELIGNA) Allegato N. 1 DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E DEL TURISMO Servizio Sviluppo dell Industria DOMANDA DI FINANZIAMENTO AL CONTRATTO DI SVILUPPO LOCALE (AREA VALLE PELIGNA) (da ripetere per ciascuna società

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti di sviluppo

Dettagli

Materiale didattico elaborato in proprio da Sergio Manini ed Alberto Rainieri 1

Materiale didattico elaborato in proprio da Sergio Manini ed Alberto Rainieri 1 Materiale didattico elaborato in proprio da Sergio Manini ed Alberto Rainieri 1 Finanziamenti agevolati per macchinari, impianti e tecnologie digitali «NUOVA SABATINI» DL 69/2013 (conv. L. 98/2013) Materiale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, recante Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari COMUNE DI CORATO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A FAVORE DI COOPERATIVE DI GARANZIA E CONSORZI FIDI PER LA DOTAZIONE DI FONDI RISCHI DIRETTI ALLA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Leasing e Super Ammortamento

Leasing e Super Ammortamento Leasing e Super Ammortamento Gianluca De Candia ASSILEA Associazione Italiana Leasing Mercoledì 23 marzo 2016 Brescia LEASING E SUPERAMMORTAMENTO Fiscalità del Leasing Legge di Stabilità 2016: Super ammortamento

Dettagli

Allegato 1 al d.d.u.o. del

Allegato 1 al d.d.u.o. del Allegato 1 al d.d.u.o. del n BANDO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO DI FUNZIONAMENTO ai sensi della d.g.r. del 26/05/2010 n 62 Finlombarda S.p.A. Pagina 1 di 11 PREMESSA Finlombarda S.p.A. 1 in qualità di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l'articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico può istituire, con proprio decreto, specifici

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01. L Assessore CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.2012) Oggetto: Circolare esplicativa relativa alle Direttive di

Dettagli

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 2 Il bando Poi Energia efficienza energetica 2015, con una dotazione di 120.000.000 di euro riguarda investimenti funzionali ad un uso

Dettagli

Nuova Legge Sabatini. Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014. Studio Mantovani & Associati Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria

Nuova Legge Sabatini. Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014. Studio Mantovani & Associati Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 5 Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi Con la presente rendiamo noti alcuni attuali strumenti di Finanza Agevolata e

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti

Dettagli