RASSEGNA STAMPA. MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA. MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag."

Transcript

1 lunedì 24 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA MEDIAZIONE Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità Italia Oggi Sette pag. 5 del 24/03/2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE La sabatini-bis si prepara al click day Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 Per le risorse rischio esaurimento in tempi rapidi Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 I settori esclusi, dal carbone alla finanza Il Sole 24 Ore pag. 25 del 24/03/2014 Lista bloccata per i possibili utilizzi Il Sole 24 Ore pag. 26 del 24/03/2014

2 GIUSTIZIA ALTERNATIVA Lunedì 24 Marzo 2014 Un ordinanza rivoluzionaria del tribunale di Firenze che punta a valorizzare l istituto Mediazione, arriva dai giudici l antidoto all iperconflittualità 5 Pagina a cura DI DEBORA RAVENNA Stop alla mediazione intesa come mero, formale, passaggio burocratico, e benvenuta mediazione intesa invece come momento concreto ed effettivo di confronto tra le parti per dirimere più velocemente i conflitti. Una procedura che d ora in poi, quando disposta dal giudice, dovrà svolgersi con la presenza personale delle parti e come momento di mediazione vera e propria. Lo ha stabilito il Tribunale di Firenze, che mercoledì scorso, con ordinanza, ha fissato i requisiti per soddisfare la condizione di procedibilità ex art. 5, comma 2, del dlgs 28/2010 in materia di mediazione disposta dal giudice. Si tratta di una pronuncia innovativa, perché sino a questo momento, a seguito della modifica al dlgs 28 dell agosto 2013 (in vigore dal 21 settembre art. 84 dl n. 69/2013; legge 98/2013), anche l ordine del giudice era inteso come un invito a partecipare a un primo incontro informativo, durante il quale le parti potevano decidere se iniziare o meno il procedimento di mediazione vero e proprio. In particolare l art. 8 del dlgs prevede che durante il primo incontro il mediatore chiarisca alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione e inviti poi le parti e i loro avvocati a esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione e, nel caso di risposta positiva, proceda con lo svolgimento. Questa norma, molto apprezzata perché consente alle parti di trovarsi a un tavolo di mediazione a titolo praticamente gratuito (è previsto solo il pagamento delle spese di segreteria, pari a 40 euro oltre Iva), nella prassi si è rivelata disfunzionale. Gli organismi e i mediatori non possono permettersi di dedicare molto tempo a questi incontri che, quindi, tendono a rivelarsi meri adempimenti burocratici per ottenere un verbale negativo o per avviare trattative al di fuori delle sedi degli Organismi. In tal modo viene vanificato l intento del legislatore, che era quello di consentire alle parti di scegliere in modo consapevole e a costi bassissimi se avviare un procedimento di mediazione o meno. L art. 5, comma 2 del dlgs 28/2010 stabilisce che «il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l esperimento del procedimento di mediazione; in tal caso, l esperimento del Da Milano a Bari sulla scia di Firenze Sulla mediazione disposta dal giudice, da potenziare e valorizzare in chiave deflativa del contenzioso, gli operatori del mondo della giustizia sono più che mai attivi nel capoluogo toscano. Non a caso, presso l Osservatorio sulla giustizia civile di Firenze, è in corso di approvazione un «Protocollo» volto a raccogliere le migliori prassi in tema di mediazione demandata dal giudice alla luce delle ultime novità legislative. Protocollo che farà seguito a delle «Linee guida» in tema di mediazione (predisposte in seguito al decreto del Fare) approvate sempre dall Osservatorio di Firenze nell ambito del «Progetto Nausicaa»: progetto sulla conciliazione delegata dagli uffici giudiziari, nato alla fine del 2009 grazie alla collaborazione fra Osservatorio sulla giustizia civile, regione Toscana, Università di Firenze, camera di commercio e organismo di conciliazione di Firenze e con il sostegno dei presidenti di Corte di appello e Tribunale, Ordine degli avvocati e Odcec di Firenze. Obiettivo: il corretto utilizzo della mediazione, strumento spesso ritenuto più adeguato della procedura giudiziaria per soddisfare gli interessi delle parti. Anche a Milano, di recente, il gruppo mediazione dell Osservatorio sulla giustizia civile del capoluogo lombardo, sulla scia del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello». Il giudice di Firenze ha applicato un interpretazione teleologica della norma, tenendo conto della ratio della legge sulla mediazione e della direttiva 2008/52/Ce. Esaminando il caso concreto ha rilevato che all esito della discussione con i difensori e alla luce della natura della causa, si rendeva particolarmente adeguato il ricorso a soluzioni La mediazione disposta dal giudice Il giudice, valutata la natura della causa, lo stato dell istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l esperimento del procedimento di mediazione che, in tal caso, è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello Secondo il Tribunale di Firenze (ordinanza 19/3/2014) questi sono i requisiti per soddisfare la condizione di procedibilità: 1. la mediazione deve svolgersi con la presenza personale delle parti; 2. l ordine del giudice di esperiere la mediazione ha riguardo al tentativo di mediazione vero e proprio, non si limita al primo incontro informativo per i seguenti motivi: il giudice stesso valuta la «mediabilità» del procedimento; gli avvocati sono «mediatori di diritto», quindi hanno sicuramente già conoscenza della natura della mediazione e delle sue fi nalità (forniscono ai clienti l informativa ex art. 4, c. III); un primo incontro meramente informativo ridurrebbe a un inaccettabile ruolo notarile quello del giudice, del mediatore e dei difensori e comporterebbe un ingiustifi cabile dilazione del processo civile Progetto Nausicaa di Firenze, ha pensato di valorizzare l esperienza maturata in mediazione grazie al dlgs 28 del 2010, incentivando il ricorso alla mediazione demandata dal giudice. Nel 2013 è stato avviato un progetto ad hoc che consiste nella registrazione e monitoraggio dei casi di mediazione inviati dai giudici del tribunale civile di Milano (tramite l utilizzo di un link collegato alla camera di commercio), nell effettuazione di interviste ai magistrati per illustrare il progetto e valutarne il gradimento, nella redazione di un vademecum per fornire delle informazioni utili. Sono stati avviati altri progetti di mediazione disposta dal giudice a Modugno, Roma, Bari, Monza, Matera. Nel frattempo è intervenuto il dl 21 giugno 2013, n. 69 (decreto «del Fare», convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98) che ha modificato radicalmente il ruolo del giudice, prevedendo all art. 5, comma 2, non più la possibilità di invitare le parti ad andare in mediazione, ma il potere di disporre il procedimento di mediazione a condizione di procedibilità, con evidenti rilevanti conseguenze in caso di inottemperanza. Si sono moltiplicati i casi di invio di parti in mediazione anche con provvedimenti molto articolati e interessanti, in particolare a Roma e a Milano. amichevoli della medesima in quanto si trattava di rapporto di natura condominiale iniziato 14 anni prima, potevano essere intercorsi difetti di comunicazione tra le parti all epoca dell accordo, le parti avevano già avviato delle trattative che tuttavia non stavano producendo un risultato positivo. Ciò premesso, ha ritenuto che ricorresse il presupposto per ordinare l invio in mediazione; ha, però precisato che, affinché l ordine del giudice potesse ritenersi correttamente eseguito (e la condizione di procedibilità verificata) la mediazione doveva svolgersi con la presenza personale delle parti e andava esperito il tentativo di mediazione vero e proprio. Il giudice fiorentino ha rilevato che gli artt. 5, comma 5-bis (quando l esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale la condizione si considera avverata se il primo incontro dinanzi al mediatore si conclude senza l accordo) e 8 fossero formulati in modo ambiguo: nell art. 8 sembra che il primo incontro sia destinato solo alle informazioni date dal mediatore e a verificare la volontà di iniziare la mediazione. Tuttavia, nell art. 5, si parla di «primo incontro concluso senza l accordo». Sembra dunque che il primo incontro non sia una fase estranea alla mediazione vera e propria: non avrebbe molto senso parlare di «mancato accordo» se il primo incontro fosse destinato non a ricercare l accordo tra le parti rispetto alla lite, ma solo la volontà di iniziare la mediazione vera e propria. Ritenere che l ordine del giudice sia osservato quando i difensori si rechino dal mediatore e, ricevuti i suoi chiarimenti su funzione e modalità della mediazione possano dichiarare il rifiuto di procedere oltre, appare una conclusione irrazionale e inaccettabile. Questi, dunque, i motivi secondo il tribunale di Firenze: - gli avvocati, definiti mediatori di diritto dalla stessa legge, hanno già conoscenza della natura della mediazione e delle sue finalità, tanto che hanno l obbligo di fornire ai clienti l informativa prescritta dall art. 4, comma 3; - la natura della mediazione esige che siano presenti di persona anche le parti: l istituto mira a riattivare la comunicazione tra i litiganti al fine di renderli in grado di verificare la possibilità di una soluzione concordata del conflitto; - ritenere che la condizione di procedibilità sia assolta dopo un primo incontro, in cui il mediatore si limiti a chiarire alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione, vuol dire ridurre ad un inaccettabile dimensione notarile il ruolo del giudice, quello del mediatore e quello dei difensori, nonché porre un ostacolo non giustificabile all accesso alla giurisdizione; - il giudice, quando decide di inviare le parti in mediazione, ha già svolto la valutazione di «mediabilità» del conflitto; - l art. 5 della direttiva europea 52/2008 distingue le ipotesi in cui il giudice invia le parti in mediazione, rispetto all invio per una semplice sessione informativa: un ulteriore motivo per ritenere che nella mediazione disposta dal giudice, venga chiesto alle parti (e ai difensori) di esperire la mediazione e cioè l attività svolta dal terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole e non una mera sessione informativa. Riproduzione riservata

3 6 Lunedì 24 Marzo 2014 GIUSTIZIA ALTERNATIVA Fin qui la procedura di mediazione demandata dal giudice ha avuto scarso successo Solo 1,9% di processi definiti DI GABRIELE VENTURA La mediazione demandata dal giudice non va a buon fine quasi mai: due volte su dieci. Tra tutte le tipologie di procedimento di mediazione, infatti, è quella con il minor tasso di successo. A dirlo sono le ultime statistiche del ministero della giustizia sulla mediazione civile, che ha fotografato l andamento dell istituto nel 2013 (si veda ItaliaOggi Sette del 17 marzo scorso). Da dove emerge anche che la mediazione demandata dal giudice rappresenta solo l 1,9% di procedimenti definiti tra tutte le varie categorie (volontaria, obbligatoria in quanto condizione di procedibilità ai sensi di legge, obbligatoria in quanto prevista da clausola contrattuale). Mediazione demandata dal giudice. Se consideriamo che nel 2013 sono stati definiti in totale procedimenti, le mediazioni disposte dal giudice sono state solo 456. Il tasso di insuccesso di questo tipo di procedimento, quando l aderente compare, è inoltre pari al 77,8%. Di certo, quindi, in tutto il 2013 le mediazioni demandate dal giudice andate a buon fine non sono state più di 100. Se andiamo a vedere le statistiche del ministero della giustizia da marzo 2011 (entrata in vigore della mediazione obbligatoria ex dlgs n. 28/2010) a dicembre 2012, le cose non cambiano di molto. Le mediazioni demandate dal giudice sono state il 2,9% del totale, L ANALISI Esito della mediazione per tipologia mentre il tasso di insuccesso, in caso di aderente comparso, è stato pari al 71%. Mediazione obbligatoria. D altra parte, anche la mediazione obbligatoria non si può dire sia un procedimento di successo. Guardando sempre all ultima fotografia scattata dalla Direzione generale di statistica del ministero della giustizia su tutto il 2013, infatti, emerge che in più della metà dei casi l aderente non compare. E quando compare l accordo tra le parti viene raggiunto solo tre volte su dieci. Morale: dei procedimenti di mediazione definiti nel 2013, quelli andati in porto sono stati appena L aderente ha Nel sistema «Giustizia» italiano, un processo è concluso in termini ragionevoli se il primo grado è definito in tre anni, il secondo grado in due anni e il giudizio di legittimità in un anno. Se gli uffici giudiziari non riescono a rispettare questi tempi, alla parte coinvolta nel processo (non importa se ha vinto o perso la causa e non importa se si sia costituita o sia rimasta contumace) spetta una indennizzo che eroga lo Stato, pari ad una somma compresa tra 500 e euro per ciascun anno che eccede il termine di ragionevole durata del processo (art. 2-bis, l. 89/2001). La somma dei debiti accumulati dallo Stato, per il danno arrecato agli utenti del Servizio Pubblico di Giustizia, in virtù di processi di durata non ragionevole, è stata, nel 2013, di circa 340 milioni di euro (nota Ministero della Giustizia dell 11 luglio 2013). Con l anno 2013, per la priva volta, la Legge di bilancio ha stabilito a favore della Giustizia una assegnazione di fondi sul capitolo 1264, di 50 milioni di euro, in quantità, dunque, ancora del tutto insufficiente rispetto all entità del debito. Al contempo, il Legislatore ha riformato il sistema di liquidazione degli indennizzi (con la legge 7 agosto 2012 n. 134) in quanto anche i processi instaurati per ottenere l indennizzo ex lege 89/2001, sovente sforavano il termine di ragionevole durata (e, quindi, nasceva il diritto ad una nuova e ulteriore indennità). In una impalcatura processuale che registra, anno per anno, l aumento esponenziale del debito pubblico per le lentezze dei giudizi civili, l esigenza di ridurre il carico giudiziario diventa un interesse pubblico e dell intera collettiva: quel debito di 340 milioni nel 2013, infatti, è un debito di tutti. Si comprende, allora, l importanza degli strumenti deflativi del contenzioso civile che, abbattendo il numero dei procedimenti in ingresso, aumenta i tempi di definizione di quelli pendenti. In quest ambito, spicca certamente il procedimento di mediazione civile, introdotto dal dlgs 28/2010, poiché, oltre a ridurre il contenzioso, offre ai litiganti una eccellente tutela rimediale per il conflitto insorto. La mediazione non si limita a chiudere il processo ma risolve la conflittualità tra le parti, offrendo loro una strada risolutiva magari ignorata, per il carico emotivo che fa concentrare sulle sole posizioni e dimenticare l interesse effettivo. La mediazione civile può certamente trovare origine da una scelta dei litiganti e ciò prima del processo; può, però, anche nascere dopo che il processo è stato instaurato, sulla base di una infatti aderito nel 32,4% dei casi (7.782 procedimenti) e il tasso di definizione con accordo raggiunto è stato pari al 42,4%. L influenza negativa dell obbligatorietà sul tasso di successo dell istituto si vede chiaramente considerando i primi nove mesi del 2013, quando il tentativo di conciliazione non era più vincolo di legge (in seguito alla sentenza della Corte costituzionale dell ottobre 2012): il trend di successo delle mediazioni ha toccato quota 63,1%. Con l entrata in vigore del decreto del Fare (dl 69/2013), che ha reintrodotto l obbligatorietà da settembre 2013, il tasso è precipitato al 32,9%. Materie e valore. Passando a un analisi per materia delle mediazioni definite nel 2013, emerge che il 26,7% è considerato di «altra natura», dovuto alla maggiore incidenza in questo periodo delle mediazioni volontarie rispetto alle materie obbligatorie fino all ottobre A seguire i contratti bancari (17,6%), i diritti reali (11,8%), condominio (9,6%), locazione (7,7%) e risarcimento danni da responsabilità medica (6,1%). Per quanto riguarda il valore della lite, invece, il valore mediano è pari a euro, mentre il valore medio a euro. La percentuale maggiore di accordi raggiunti (60,2%) riguarda i procedimenti di valore tra e La giustizia lumaca costa 340 milioni di euro valutazione del giudice, arbitro del conflitto. Si tratta della mediazione c.d. ex officio introdotta dalla legge n. 98/13: il magistrato assegnatario del processo, visionati gli atti, sentite le parti, valutato l oggetto del giudizio, «dispone l esperimento del procedimento di mediazione». In questo caso, la mediazione diventa condizione di procedibilità della domanda. Che si tratti di una mediazione decisa dal giudicante, si ricava anche dall art. 17 (dlgs 28/10), in cui la norma discorre di mediazione «prescritta dal giudice ai sensi dell articolo 5, comma 2». In concreto, il giudice, entrato in contatto con il processo e con le parti, svolge egli stesso la valutazione di «mediabilità» del conflitto e, pervenendo ad una prognosi favorevole quanto alle chances della mediazione, dispone procedersi al tentativo di risoluzione del conflitto in modo pacifico e amichevole. La recentissima ordinanza del Tribunale di Firenze specifica, anche, che, nel caso in cui il giudice disponga la mediazione, la condizione di procedibilità non è soddisfatta quando i difensori si recano dal mediatore e, ricevuti i suoi chiarimenti su funzione e modalità della mediazione, dichiarano il rifiuto di procedere oltre. In caso di mediazione ex officio, è necessario euro, mentre l accordo non è mai stato raggiunto (100% dei casi) per le mediazioni di valore tra i e 5 milioni di euro. Gli organismi di mediazione. Le elaborazioni del ministero della giustizia analizzano poi i procedimenti di mediazione civile iscritti e definiti per tipologia di organismo di conciliazione. Ed emerge che i 115 organismi dei Coa hanno definito procedimenti nel Gli aderenti sono comparsi nel 35,4% dei casi e il tasso di definizione con accordo è del 29,9%. I 699 organismi privati, invece, hanno gestito mediazioni, con l aderente comparso il 31,8% delle volte e l accordo è stato raggiunto nel 49,5% dei casi. Numeri simili per le 87 camere di commercio, che hanno definito procedimenti con l aderente comparso nel 30% dei casi e il tasso di definizione con accordo raggiunto tra le parti pari al 40,2%. Quanto agli altri ordini professionali, invece, gli 85 organismi hanno gestito 336 mediazioni, l aderente è comparso nel 42,9% dei casi e l accordo raggiunto il 46,8% delle volte. Le statistiche del ministero della giustizia si soffermano infine sull assistenza legale, che dal 21 settembre 2013 è diventata obbligatoria. Già prima di questa disposizione (1 gennaio settembre 2013), il proponente era assisto dall avvocato nel 71,9% dei casi e gli aderenti comparsi con un legale il 65,5%. che le parti compaiano personalmente (assistite dai propri difensori come previsto dall art. 8 dlgs n. 28/2010) e che la mediazione sia effettivamente avviata (Trib. Firenze, sez. II civ., 19 marzo 2014). La mediazione può certamente essere inclusa nel novero dei sistemi omeostatici del processo civile: la Giustizia civile, per funzionare in modo efficace ed efficiente, abbisogna dei meccanismi alternativi di risoluzione delle liti. Avrebbe anche bisogno di una maggiore «cultura della giurisdizione»: è diffusa in questi giorni, la notizia di una causa in cui, il Tribunale di Milano, a chiusura del processo, ha condannato, per responsabilità processuale aggravata, entrambe le parti (attore e convenuto). Si registra una scarsa considerazione della limitatezza delle risorse del sistema pubblico di Giustizia e, soprattutto, non si comprende affatto che parafrasando E. Morgan Forster «quasi tutti conflitti sembrano inevitabili al momento; futili però col senno di poi». Andare in mediazione, almeno a questo, può servire: mette davanti agli occhi che, ciò per cui le parti litigherebbero per anni, può essere risolto in una manciata di minuti: con una firma, un sorriso e un gesto di Civiltà. Giuseppe Buffone

4 La Sabatini-bis si prepara al click day Le Pmi potranno chiedere online il beneficio a partire dalle 9 di lunedì prossimo, 31 marzo Amedeo Sacrestano Mancano pochi giorni al debutto della "nuova Sabatini", introdotta dall'articolo 2 del Dl 69/2013. Da lunedì 31 marzo (ore 9.00) sarà possibile presentare la domanda per la fruizione delle agevolazioni attraverso la compilazione del modulo disponibile sul sito del ministero dello Sviluppo economico (www.mise.gov.it). Con la stessa domanda, l'impresa richiederà sia la concessione del finanziamento (o leasing finanziario) per la copertura del programma di spesa ammissibile agli aiuti, sia il relativo contributo in conto interessi spettante. La procedura di accesso alle agevolazioni è a sportello. Pertanto, le imprese di piccola e media dimensione (in possesso dei requisiti imposti dalla normativa) potranno essere finanziate fino a esaurimento delle risorse disponibili. A tal fine, la norma ha destinato alla "provvista" (costituita presso Cassa depositi e prestiti) dalla quale si attingerà per la concessione dei finanziamenti, un importo di 2,5 miliardi (incrementabili fino a 5 miliardi, secondo gli esiti del monitoraggio sull'andamento dei finanziamenti effettuati dalla stessa Cdp). Per far fronte agli oneri per la concessione dei contributi in conto interessi (gli unici esborsi "reali" a carico dell'erario) è invece autorizzata la spesa di 7,5 milioni per il 2014, 21 milioni per il 2015, 35 milioni per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019, 17 milioni per il 2020 e 6 milioni per il I beneficiari potranno richiedere un "finanziamento" per un importo non superiore a 2 milioni di euro e non inferiore a 20mila euro, a copertura totale delle spese ammissibili (investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, nonché hardware, software e tecnologie digitali). Il prestito che potrà essere erogato anche sotto forma di locazione finanziaria dovrà avere una durata massima di cinque anni, comprensiva del periodo di preammortamento (o prelocazione), che non potrà essere superiore a 12 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. A fronte del prestito ottenuto, le imprese beneficeranno di un contributo pari all'ammontare complessivo degli interessi calcolati, in via convenzionale, al tasso di interesse del 2,75% su un finanziamento della durata di cinque anni e d'importo equivalente a quello concesso. In altre parole, ci sarà un "risparmio di interessi" pari al 2,75% annuo. L'investimento dovrà essere avviato (intendendosi con "avvio" la data del primo titolo di spesa ammissibile) dopo la data di presentazione della domanda, con l'eccezione dei programmi di spesa relativi al settore agricolo, che potranno essere intrapresi solo a seguito del provvedimento di concessione degli aiuti. La compilazione della domanda, consistente in un file Pdf composto da 8 sezioni con campi editabili, non evidenzia particolare insidie. Le prime sei sezioni sono volte ad accogliere i dati identificativi dell'impresa richiedente e del firmatario della domanda, l'indicazione della sede nella quale sarà implementato l'investimento nonché del soggetto che dovrà essere contattato per eventuali comunicazioni. La determinazione della dimensione dell'impresa (micro, piccola o media) dovrà essere fornita nella sezione 6, seguendo i criteri del Dm 18 aprile Le sezioni 7 e 8 accolgono dati a contenuto numerico. Nella prima, va indicata la tipologia di bene strumentale in cui si concretizza l'investimento specificando, nella seconda, se viene operato grazie a un tradizionale "finanziamento" o mediante una locazione finanziaria (indicando, in entrambi i casi, la relativa durata dell'operazione). L'istanza dovrà essere sottoscritta con firma digitale dal legale rappresentante dell'impresa proponente o da un suo procuratore. In quest'ultimo caso, andrà allegata la copia della procura e del documento d'identità del soggetto che l'ha rilasciata.

5 Il meccanismo di concessione degli aiuti sembra caratterizzarsi per tempi di attesa abbastanza contenuti. La stipula del contratto di finanziamento con la conseguente erogazione del prestito dovrà avvenire entro l'ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di erogazione della provvista al soggetto convenzionato da parte di Cdp. Quest'ultima assegna i fondi entro 20 giorni dalla delibera di finanziamento assunta dalla banca/intermediario finanziario. Da notare che il contributo in conto interessi potrà essere erogato solo a chiusura del programma d'investimento.

6 Per le risorse rischio esaurimento in tempi rapididi Carmine Fotina Evocata e a lungo attesa dai principali settori del made in Italy, la nuova "legge Sabatini" parte già con l'incognita risorse. La misura, inserita nel decreto del Fare approvato lo scorso giugno, diventa a tutti gli effetti operativa dopo un estenuante iter di attuazione (che di certo non ha aiutato vista la sospensione degli investimenti decisa da molte aziende) ma già rischia un esaurimento delle risorse particolarmente rapido. Secondo le stime del ministero dello Sviluppo economico, il plafond disponibile presso la Cassa depositi e prestiti, pari a 2,5 miliardi, dovrebbe essere interamente assorbito già entro novembre. Per un totale di circa 25mila operazioni di finanziamento. A quel punto, come prevede la norma originaria, il plafond potrebbe essere incrementato fino a un massimo di ulteriori 2,5 miliardi, ma il condizionale è d'obbligo. Troppe le incognite della prossima legge di Stabilità per assumere come scontato il rifinanziamento. Insomma, l'ottimismo del neo-ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi andrà attentamente verificato in autunno. Per esattezza, inoltre, è utile sottolineare che le cifre di cui si parla non rappresentano risorse messe direttamente in campo dal governo. I 2,5 miliardi sono infatti il plafond costituito presso la Cdp per anticipare alle banche la provvista che viene tramutata in finanziamenti per l'acquisto o il leasing di beni strumentali. L'onere reale dello Stato, secondo quanto disposto dal Dl del Fare, è piuttosto limitato: circa 191 milioni di euro, spalmati tra il 2014 e il 2021, con i quali coprire i contributi necessari a ridurre gli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari. Sul sito del ministero dello Sviluppo è disponibile un calcolatore per conoscere il contributo concedibile, in base agli investimenti che vengono realizzati. I finanziamenti bancari alle operazioni vanno da 20mila a 2 milioni e, a titolo di esempio, per un prestito da 500mila euro da ripagare in 10 semestri al tasso del 2,75%, alle Pmi può essere concesso un contributo di euro. Sempre online, sul sito Abi, è disponibile l'aggiornamento delle banche e degli intermediari finanziari che dovrebbero partecipare all'operazione. Al 20 marzo si era giunti a quota 22 soggetti «interessati ad aderire», ma solo una banca avrebbe già materialmente firmato la convenzione con Cdp. Un dato allarmante: da qui al 31 marzo occorrerà assolutamente accelerare. I tecnici dello Sviluppo confidano nell'attivazione del Fondo di garanzia per rendere l'intervento più appetibile da parte delle banche, che potrebbero concedere finanziamenti a un tasso tra il 2 e il 3%. In particolare, il Dl del Fare prevede la possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo, fino all'80% del finanziamento, con priorità di accesso. La macchina della "Sabatini bis" si è dunque messa in moto. Ma è difficile pensare che da sola possa esaudire la necessità di politiche per il rilancio degli investimenti. C'è in rampa di lancio ad esempio il credito di imposta per le aziende che investono in ricerca e innovazione, ma anche qui le lentezze procedurali sono poco confortanti. La misura, inserita nel decreto Destinazione Italia dello scorso dicembre, è ancora in costruzione e se tutto andrà bene, fa sapere il ministro Guidi, le aziende potranno presentare le domande solo intorno a giugno.

7 LE GUIDE DEL SOLE24 MARZO 2014Il Sole 24 Ore lunedì I limiti. Le attività a cui non si applica il bonus e le regole sul cumulo I settori esclusi, dal carbone alla finanza Gina Leo Alessandro Sacrestano Non tutte le attività produttive possono beneficiare della "Nuova Sabatini". Il suo regolamento attuativo (Dm 27 novembre 2013) all'articolo 3 stabilisce che possono accedere alle agevolazioni le imprese di micro, piccola e media dimensione, costituite e iscritte nel Registro imprese (o nel Registro imprese di pesca), con sede operativa in Italia che sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali e che non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e non rimborsato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea. Sempre escluse le imprese in difficoltà finanziaria. Nonostante l'ampio ambito oggettivo di applicazione della norma, alcuni settori di attività sono specificamente "lasciati fuori": le imprese dell'industria carboniera, le attività finanziarie e assicurative (sezione Kateco 2007) e le attività collegate al settore del latte (limitatamente alla fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei lattiero-caseari). In conformità al regolamento generale di esenzione Gber (regolamento Ce 800/2008) non sono altresì ammissibili le attività connesse all'export e gli interventi subordinati all'impiego preferenziale di prodotti interni rispetto a quelli d'importazione. Nel settore dei trasporti, le spese per l'acquisto di mezzi e attrezzature di trasporto sono ammissibili solo per le imprese che esercitano attività diverse dal trasporto merci su strada e del trasporto aereo. Regole specifiche sono previste per il cumulo delle agevolazioni con altri incentivi pubblici concessi per le medesime spese. Le imprese di settori diversi da agricoltura e pesca potranno fruire contemporaneamente di altri aiuti sugli stessi beni oggetto d'investimento, incluse le agevolazioni attribuibili a titolo de minimis (regolamento Ce 1998/2006) e la "garanzia" dell'omologo Fondo di cui alla legge 662/96, a condizione che con tale cumulo non si superino le intensità massime previste dall'articolo 15 del regolamento Gber. Le imprese agricole non possono cumulare l'agevolazione con gli aiuti de minimis di cui al regolamento Ce 1535/2007. Possibile invece il cumulo con altri aiuti di Stato (art. 107, paragrafo 1 Trattato), con i contributi finanziari forniti dagli Stati membri (inclusi quelli di cui all'art. 108, paragrafo 1, 2 comma, regolamento Ce 1698/2005), con i contributi finanziari comunitari in relazione agli stessi costi ammissibili, a condizione che non si superino le intensità e gli importi globali massimi fissati dal regolamento di riferimento. Nei settori pesca e acquacoltura, le agevolazioni possono essere cumulate con altri aiuti esentati in virtù del regolamento di settore Ce 736/2008 o con gli aiuti de minimis che soddisfino le condizioni di cui al regolamento Ce 875/2007, ovvero con altri finanziamenti comunitari relativi agli stessi costi ammissibili, a condizione con tale cumulo non si superino l'intensità di aiuto o dell'importo di aiuto più elevati applicabili in base al richiamato regolamento Ce 736/2008.

8 Lista «bloccata» per i possibili utilizzi È consentito destinare i fondi a impianti, macchinari, beni strumentali e tecnologie digitali Gina Leo Alessandro Sacrestano Il finanziamento ottenuto dall'impresa, nell'ambito della nuova Sabatini, dovrà essere interamente utilizzato per l'acquisto (o l'acquisizione, in caso di operazioni di leasing finanziario) di macchinari, impianti, beni strumentali d'impresa e attrezzature nuovi di fabbrica a "uso produttivo", nonché di hardware, software e tecnologie digitali, classificabili nell'attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4, dell'articolo 2424 del Codice civile. Gli investimenti possono essere diretti a unità produttive già esistenti o di nuova realizzazione. Relativamente al concetto di "uso produttivo" dei beni oggetto d'investimento, la circolare ministeriale (10 febbraio 2014, n. 4567) ha specificato che gli stessi devono essere «correlati all'attività svolta dall'impresa» ed essere ubicati presso l'unità locale in cui è realizzato l'investimento. Non sono ammessi i costi relativi a commesse interne, le spese per macchinari, impianti e attrezzature usati, le spese di funzionamento, le spese relative a imposte, tasse e scorte, nonché i costi inerenti il contratto di finanziamento, le spese rientranti nelle categorie "terreni e fabbricati" e "immobilizzazioni in corso e acconti". Non sono altresì finanziabili i singoli beni di importo inferiore a 500 euro (al netto dell'iva). Importanti chiarimenti sono stati forniti dal ministero nell'ambito delle risposte alle "Faq", pubblicate sul sito web. Potrà essere oggetto di finanziamento, se funzionale allo svolgimento dell'attività d'impresa, anche un investimento in fotovoltaico, purché rientrante nel concetto di "impianti", come chiarito da varie risoluzioni dell'agenzia delle Entrate (circolare 19 dicembre 2013, n. 36/E; circolare 19 luglio 2007, n.46/e; circolare 11 aprile 2008, n. 38/E). Deve, quindi, trattarsi di impianto diverso da quelli infissi al suolo (o macchinari e attrezzature varie) e pertanto classificabile in una delle voci dello stato patrimoniale specificamente elencate dalla normativa. Stessa conclusione per gli impianti di cogenerazione, mini-eolico (se non infissi al suolo) e microgeneratori non dotati di autonomia funzionale e reddituale. Un impianto eolico (di qualsiasi entità) non è, invece, ammissibile in quanto, ai sensi della circolare 4/T/2006 dell'agenzia del Territorio, deve essere iscritto nella categoria 1/D Opifici (voce di bilancio B.II.1). Se non sussistono dubbi sull'ammissibilità degli arredi (purché si tratti di beni strumentali a uso produttivo e sempre correlati all'attività di impresa) e dei mezzi di trasporto per i settori diversi del trasporto merci su strada e trasporto aereo, relativamente alle spese per la realizzazione di impianti generali (come l'impianto elettrico, idraulico e le relative opere murarie di installazione), l'orientamento ministeriale è di ritenere, in linea di principio, "ammissibili" gli impianti generici e gli impianti specifici classificabili alla voce B.II.2 "Impianti e macchinari" del bilancio, nel rispetto del principio contabile Oic 16. Saranno quindi agevolabili gli impianti/apparecchiature di riscaldamento e condizionamento, comprese le relative opere murarie per le installazioni. Sono, invece, sicuramente esclusi l'impianto elettrico e l'impianto idraulico, dal momento che non hanno una loro autonoma funzionalità (intesa come possibilità di separazione dal bene stesso) e sono iscrivibili come "adattamento locali" nella voce "altre immobilizzazioni immateriali". La normativa impone, a carico dei soggetti beneficiari, alcuni adempimenti fondamentali per la fruizione del contributo. È necessario che gli investimenti agevolati siano capitalizzati e figurino nell'attivo dell'impresa per almeno tre anni. A tal fine, le imprese tenute, per legge, alla redazione e pubblicazione del bilancio devono iscrivere i beni acquistati nell'attivo dello stato patrimoniale, nel rispetto dei princìpi contabili applicati. Le imprese in regime di contabilità semplificata, in quanto esonerate dalla redazione del bilancio, devono, invece, dare evidenza della corretta applicazione dei princìpi contabili in materia di immobilizzazioni materiali, mediante un'apposita dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante (articoli 47 e 76, Dpr 445/2000) da conservare presso la propria sede.

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli