PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento."

Transcript

1 Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Famiglia Almeno tre anni di esperienza con funzioni educative in associazioni, enti e strutture di accoglienza per minori. Esperienza acquisita di almeno cinque anni con figli propri o affidati. Diploma di scuola media superiore ed almeno tre anni di esperienza specifica nel Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). Laurea in discipline sociali o umanistiche ( scienze della formazione e dell educazione, psicologia, scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. 95

2 MINORI - COMUNITA EDUCATIVA ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza Diploma di Assistente Sociale, Diploma di educatore professionale ed almeno due anni di esperienza specifica nel di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza specifica nel Diploma Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due anni di esperienza ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di esperienza Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza Diploma di scuola media superiore ed almeno tre anni di esperienza specifica nel Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. Qualifica professionale conseguita dopo corsi postdiploma 96

3 MINORI COMUNITA DI PRONTA ACCOGLIENZA ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza Diploma di Assistente Sociale, Diploma di educatore professionale ed almeno due anni di esperienza specifica nel di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza specifica nel Diploma Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due anni di esperienza ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di esperienza Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza Diploma di scuola media superiore ed almeno tre anni di esperienza specifica nel Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). della formazione e dell educazione, psicologia, scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario) 97

4 MINORI COMUNITA ALLOGGIO PER ADOLESCENTI ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità Laurea in discipline sociali o umanistiche, del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza Diploma di Assistente Sociale, Diploma di educatore professionale ed almeno due anni di esperienza ed almeno cinque anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due anni di esperienza ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di esperienza Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza ed almeno tre anni di esperienza di servizio Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.4.00). Diploma universitario (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario 98

5 DISABILI COMUNITA ALLOGGIO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità () ed almeno cinque anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche. ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale. Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/998) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 99

6 DISABILI COMUNITA SOCIO-EDUCATIVA-RIABILITATIVA ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza Diploma di Assistente Sociale, Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due di esperienza specifica nei servizi per la anni Diploma di educatore professionale, Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno due anni di esperienza specifica nel ed almeno cinque anni di esperienza disabilità. ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/998) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario riconosciuti dallo Stato o dalle Regioni. 00

7 Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani e disabili. DISABILI RESIDENZA PROTETTA 5 ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Struttura Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza Diploma di Assistente Sociale, Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due di esperienza specifica nei servizi per la anni Diploma di educatore professionale, Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno due anni di esperienza specifica nel ed almeno cinque anni di esperienza disabilità. ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. 0

8 ed almeno tre anni di esperienza 5 Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/998) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani e disabili. DISABILI CENTRO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO DIURNO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Struttura Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordina mento universitario ed almeno un anno di esperienza specifica nel settore Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) nelle classi di laurea con obiettivi formativi relativi alle discipline sociali o umanistiche ed almeno, rispettivamente, tre e due 0

9 Diploma di Assistente Sociale, Diploma di educatore professionale, Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno due anni di esperienza specifica nel di esperienza specifica nei servizi per la anni disabilità. ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma di Assistente Sociale ed almeno tre anni di ed almeno cinque anni di esperienza universitario di Educatore Professionale (d.m. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. esperienza nei servizi per la disabilità. Diploma Diploma di Terapista della riabilitazione ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per la disabilità. ed almeno tre anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). 5 Laurea universitario(d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). Diploma della formazione e dell educazione, psicologia, scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani o disabili. 03

10 ANZIANI COMUNITA ALLOGGIO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di Comunità (). Cinque anni di esperienza specifica nel () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei sevizi sociali. ANZIANI CASA ALBERGO ALLA DATA DI DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura ed almeno un anno di esperienza Cinque anni di esperienza specifica nel Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Diploma di laurea del vecchio ordinamento universitario. con tre anni di esperienza nel campo dei servizi alla persona. 04

11 ANZIANI CASA DI RIPOSO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura ed almeno due anni di esperienza in strutture/servizi per anziani o disabili. Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Diploma di laurea del vecchio ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, Infermiere professionale, Terapista riabilitazione. 50/98) o equipollente (d.m ). Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario 5 Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani o disabili. 05

12 ANZIANI RESIDENZA PROTETTA ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza specifica nei servizi per anziani o disabili. Diploma di Assistente Sociale, Educatore professionale, Infermiere professionale, Terapista della riabilitazione, ed almeno due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. ed almeno cinque anni di esperienza nel coordinamento di strutture/servizi per anziani o disabili. Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) ed almeno, rispettivamente, tre e due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. Diploma di Assistente Sociale, Infermiere professionale, Terapista della riabilitazione, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario 5 Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani o disabili. 06

13 ANZIANI CENTRO DIURNO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura Laurea in discipline sociali o umanistiche del vecchio ordinamento universitario ed almeno un anno di esperienza specifica nei servizi per anziani o disabili. Diploma di Assistente Sociale, Educatore professionale, Infermiere professionale, Terapista della riabilitazione, ed almeno due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. Laurea di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00) o di secondo livello (d.m d.m ) ed almeno, rispettivamente, tre e due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. ordinamento universitario ed almeno due anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. Diploma di Assistente Sociale, Infermiere professionale, Terapista della riabilitazione, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. ed almeno cinque anni di esperienza in strutture/servizi per anziani o disabili. o equipollente (d.m ) ed 50/998) almeno tre anni di esperienza nei servizi per anziani o disabili. ed almeno tre anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea Diploma universitario(d.m. 50/98 o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario 07

14 5 Socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Qualifica di OSS. Una delle seguenti qualifiche: OTA, OSA, ADEST, ASS. In alternativa: Due anni di esperienza in strutture/ servizi per anziani o disabili. PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI COMUNITA ALLOGGIO PER PERSONE CON DISTURBI MENTALI ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () Diploma di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 08

15 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI COMUNITA ALLOGGIO PER EX TOSSICODIPENDENTI ALLA DATA DI DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () Diploma di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI COMUNITA ALLOGGIO PER GESTANTI E PER MADRI CON FIGLI A CARICO ALLA DATA DI DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura* Diploma di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento professionale. 09

16 Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi sociosanitari.. ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario (d.m. 50/998) o equipollente (d.m ). della formazione e dell educazione, psicologia, scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. NOTE: Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 0

17 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coppia di adulti residenti Coordinamento Coppia di adulti residenti Esperienza acquisita di almeno tre anni nei servizi di accoglienza. Esperienza acquisita di almeno tre anni nei servizi di accoglienza. PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI ALLOGGIO SOCIALE PER ADULTI IN DIFFICOLTA ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () Diploma di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali.

18 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA PER ADULTI ALLA DATA DI DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () Diploma di scuola media superiore ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali.

19 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI CENTRO DI ACCOGLIENZA PER EX-DETENUTI ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/998) o equipollente (d.m ). della formazione e dell educazione, psicologia, scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 3

20 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI CASA FAMIGLIA ALLA DATA DI DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/98) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario(d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 4

21 PROBLEMATICHE PSICO-SOCIALI CASA DI ACCOGLIENZA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA O VITTIME DELLA TRATTA A FINE DI SFRUTTA SESSUALE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Responsabile di struttura () ed almeno cinque anni di esperienza di primo livello (d.m decreto interministeriale.04.00). Laurea ordinamento universitario. Diploma di Assistente Sociale, ed almeno tre anni di esperienza nei servizi socio-sanitari. 50/998) o equipollente (d.m ) ed almeno tre anni di esperienza nei servizi sociosanitari. ed almeno tre anni di esperienza Laurea di primo livello (d.m e decreto interministeriale.04.00). Diploma universitario (d.m. 50/98) o equipollente (d.m ). formazione e dell educazione, psicologia, della scienze sociali) del vecchio ordinamento universitario. () Nelle strutture comunali, la funzione può essere svolta dall Assistente Sociale od altro funzionario/operatore dei servizi sociali. 5

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 CONTRATTO METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 IMPIEGATI OPERAI LIV. QUALIFICA RETRIBUZIONE INDENNITA' TOTALE TOTALE mensile mensile TABELLARE INT. PROV. MESE ORA orario 01.01.02

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

P.za Palazzo di Citta' 1. dario.rinaudo@comune.torino.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO ECONOMIA E COMMERCIO LAUREA (VECCHIO ORDINAMENTO)

P.za Palazzo di Citta' 1. dario.rinaudo@comune.torino.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO ECONOMIA E COMMERCIO LAUREA (VECCHIO ORDINAMENTO) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ruolo ricoperto Struttura Organizzativa Indirizzo Sede Lavorativa EMail Sede Lavorativa Nazionalità Data di nascita DIRETTIVO DIREZIONE DI STAFF PARTECIPAZIONI COMUNALI P.za

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 7 IL SISTEMA UNIVERSITARIO

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI (FAQ)

DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DOMANDE FREQUENTI (FAQ) Per la sua convenienza, le seguenti informazioni sono fornite in italiano. La preghiamo di prender nota che ogni transazione od ulteriore comunicazione verrà condotta solamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli