S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM AL KM PROGETTO DEFINITIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO"

Transcript

1

2 S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM AL KM PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE IMPATTO ACUSTICO 1

3 INDICE 1. PREMESSA ANALISI DELLA NORMATIVA E DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI DESCRIZIONE DEL SITO CARATTERIZZAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO RILIEVI FONOMETRICI E RILIEVI DI TRAFFICO CONCLUSIONI

4 1. PREMESSA La relazione di valutazione previsionale d impatto acustico ha lo scopo di verificare la compatibilità acustica dell opera, relativa alla realizzazione del 1 Lotto, 2 Stralcio del progetto di adeguamento della Strada Statale n. 4 Salaria tratto Trisungo-Acquasanta Terme( I lotto II stralcio dal Km al Km ) in provincia di Ascoli Piceno, con i limiti previsti dalla normativa vigente. 2. ANALISI DELLA NORMATIVA E DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI I riferimenti legislativi di base sono costituiti dalla legge del 26 ottobre 1995, n 447 Legge quadro sull inquinamento acustico e dai successivi regolamenti e decreti applicativi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Legge n 447 del 26/10/1995, DPCM del 01/03/1991, Legge n 447 del 26/10/1995, DPCM del 14/11/1997, Legge regionale n 28 del 14/11/2001, Criteri e Linee Guida: DGR n 896 del 24/06/203; BURM n 62 dell 11/07/2003, DPR n 142 del 30/03/2004. Il D.P.C.M. del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell ambiente esterno, definisce: rumore qualunque emissione sonora che provochi nell uomo effetti indesiderati, disturbanti o dannosi o che determinino un qualsiasi deterioramento dell ambiente; livello di rumore residuo il livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato A che si rileva quando si escludono le specifiche sorgenti di rumore disturbanti; livello di rumore ambientale corretto il livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato A prodotto da tutte le sorgenti di rumore esistenti in un dato luogo e du- 3

5 rante un determinato tempo. Il rumore ambientale è costituito dall insieme del rumore residuo e da quello prodotto dalle specifiche sorgenti disturbanti. L indicatore utilizzato per quantificare i fenomeni del rumore è il livello equivalente. Esso è un buon indicatore atto a rappresentare efficacemente il livello di rumorosità con un unico valore, che tenga conto sia dei fattori fisici che caratterizzano l emissione sonora, che della risposta soggettiva legata alle condizioni ambientali e alle modalità d esposizione. Poiché gli effetti del rumore sull uomo possono essere correlati all energia acustica totale ricevuta durante un determinato periodo di tempo, l indice a cui più comunemente si fa ricorso è il livello continuo equivalente pesato tramite un idoneo filtro per tenere conto della differente risposta dell orecchio umano al rumore di varie frequenze. Esso è definito come: L eq r 1 p²( t) = 10 log( dt) db( A) 2 T p dove T è il tempo di misura, p(t) la pressione acustica all istante t e p 0 la pressione di riferimento di 20 µpa. 0 0 Il D.P.C.M. del 14 Novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore integra il D.P.C.M. del 1 Marzo 1991 e riporta i nuovi e vigenti valori dei limiti di rumore in base alle definizioni stabilite dalla legge 447/95. Vengono adottate sei classi di aree a diversa destinazione d uso del territorio, in relazione alle quali classi vengono proposti valori limiti massimi di rumorosità accettabili, espressi Leq in dba. Le classi sono: 1) Aree particolarmente protette: aree nelle quali la quiete rappresenta un elemento di base per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, aree destinate al riposo e allo svago, aree residenziali rurali e di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc. 2) Aree destinate ad uso prevalentemente residenziale: aree urbane interessate prevalentemente da traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, con limitata presenza di attività commerciale e con assenza di attività industriali ed artigianali. 3) Aree di tipo misto: aree urbane interessate da traffico veicolare locale e di attraversa- 4

6 mento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali, uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con assenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchine operatrici. 4) Aree di intensa attività umana: aree urbane attraversate da inteso traffico veicolare, con alta densità di colazione, con elevata presenza di attività commerciali e di uffici, con presenza di attività artigianali. Le aree in prossimità di strade di grande comunicazione, di linee ferroviarie, di aeroporti, le aree portuali. Le aree con presenza di piccole industrie. 5) Aree prevalentemente industriali: aree interessate da insediamenti industriali e con scarsità di abitazioni. 6) Aree esclusivamente industriali: aree esclusivamente interessate da attività industriali e prive di insediamenti abitativi. Per tali aree sono stabiliti i valori limite di emissione ed immissione riportati nelle seguenti tabelle: Classi Diurno Notturno (1) (2) (3) (4) (5) (6) Tabella 1 - Valori limite di emissione (Leq in dba) Classi Diurno Notturno (1) (2) (3) (4) (5) (6) Tabella 2 - Valori limite assoluti di immissione (Leq in dba) Il DCPM del 1997 stabilisce inoltre i valori limite differenziale di immissione definiti 5

7 dall art. 2, comma 3, lettera b), della legge 26 ottobre 1995, n.447, riferito agli ambienti confinati, per il quale si verifica che la differenza tra il livello di rumore ambientale corretto e il livello di rumore residuo non superi i seguenti limiti: 5 dba nella fascia oraria dba nella fascia oraria le misure si intendono effettuate all interno del locale disturbato a finestre aperte. Il rumore ambientale non deve dunque superare, a finestre aperte, i valori: 50 dba nella fascia oraria dba nella fascia oraria Il rumore ambientale è sempre accettabile se, a finestre chiuse, non si superano i seguenti valori: 35 dba nella fascia oraria dba nella fascia oraria Nelle aree esclusivamente industriali non si applica il criterio differenziale. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano alla rumorosità prodotta: dalle infrastrutture stradali, ferroviarie, aeroportuali e marittime, da attività e comportamenti non connessi con esigenze produttive, commerciali e professionali, da servizi e impianti fissi dell edificio adibiti ad uso comune, limitatamente al disturbo provocato all interno dello stesso. Il decreto prevede, inoltre, che per i Comuni che non abbiano provveduto ad una classificazione acustica del territorio siano applicati i seguenti limiti assoluti, stabiliti in funzione della destinazione d uso del territorio e della fascia oraria (diurna [06 22]; notturna [22 06]): Ambiti: Diurno Notturno Tutto il territorio nazionale Zona urbanistica A Zona urbanistica B Zona esclusivamente industriale Nel DPR del 30 Marzo 2004, n.142 Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare, a norma dell art. 11 della legge 26 6

8 ottobre 1995, n.447, si fissano i limiti di rumore per le infrastrutture stradali a secondo della tipologia di strada ed in funzione di fasce di pertinenza. All interno di queste ultime non si deve tener conto delle zonizzazioni acustiche comunali. Le infrastrutture stradali sono definite dall articolo 2 del decreto legislativo n.285 del 1992 e successive modificazioni e vengono suddivise in: A. autostrade, B. strade extraurbane, C. strade extraurbane secondarie, D. strade urbane di scorrimento, E. strade urbane di quartiere, strade locali. Limiti e fasce di competenza sono definiti dalle seguenti tabelle: TIPI DI STRADA Secondo codice della strada TABELLA 1 - STRADE DI NUOVA REALIZZAZIONE SOTTOTIPI A FINI ACUSTICI Ampiezza fascia di pertinenza acustica (m) Scuole*, ospedali, case di cura e di riposo Alti ricettori Diurno Notturno Diurno A - autostrada B - exstraurbane principali C - exstraurbane C secondarie C D - urbane di scorrimento E - urbane di quartiere Notturno F - locali 30 Definiti dai Comuni nel rispetto dei valori riportati in tabella C allegata al D.P.C.M. in data 14 novembre 1997 e comunque in modo conforme alla zonizzazione acustica delle aree urbane, come prevista dall art.6 comma 1, lettera a), della Legge n.447 del * Per le scuole si applica il solo limite diurno TIPI DI STRADA TABELLA 2 - STRADE ESISTENTI E ASSIMILABILI (ampliamento in sede, affiancamenti e varianti) SOTTOTIPI A FINI ACUSTICI Ampiezza fascia di pertinenza a- Scuole*, ospedali, case di cura e di riposo Alti ricettori 7

9 Secondo codice della custica (m) strada A - autostrada 150 (fascia B) B - exstraurbane principali 150 (fascia B) C - exstraurbane secondarie Diurno Notturno Diurno 100 (fascia A) (fascia A) Notturno 100 (fascia A) Ca (strade a carreggiate separate) 150 (fascia B) Cb (tutte le strade 100 (fascia A) exstraurbane secondarie 150 (fascia B) D - urbane di scorrimento Da (strade a carreggiate separate e interquartiere ) Db (tutte le strade urbane di scorrimento E - urbane di quartiere 30 F - locali 30 Definiti dai Comuni nel rispetto dei valori riportati in tabella C allegata al D.P.C.M. in data 14 novembre 1997 e comunque in modo conforme alla zonizzazione acustica delle aree urbane. * Per le scuole si applica il solo limite diurno 2.1. Definizione degli obiettivi Come si può notare da quanto sopra riportato e riferendosi alla tabella 1 del DPR 30 marzo 2004, n.142 in quanto lo studio riguarda la realizzazione di una nuova infrastruttura, gli o- biettivi da perseguire sono i seguenti: TIPI DI STRADA Secondo codice della strada B - exstraurbane principali SOTTOTIPI A FINI ACUSTICI Ampiezza fascia di pertinenza a- custica (m) Scuole*, ospedali, case di cura e di riposo Diurno Notturno Al di fuori di tali zone si devono tenere in considerazione i limiti previsti dalla zonizzazione acustica predisposta dal Comune che tiene conto dei seguenti parametri: Diurno Alti ricettori Notturno

10 presenza di ricettori sensibili (scuole, ospedali, case di cura); presenza di aree di elevato interesse urbanistico o di particolare destinazione d uso (parchi pubblici, aree per il riposo o lo svago); densità di popolazione; densità di esercizi commerciali; densità di attività artigianali; densità di attività industriali; tipologia del traffico veicolare predominante; presenza di importanti infrastrutture di trasporto, quali strade di grande comunicazione, linee ferroviarie ed aree potuali. 3. DESCRIZIONE DEL SITO Il sito d indagine ed oggetto del presente studio riguarda (come indicato in figura) quasi interamente un tracciato in galleria, l ambito di verifica per l interferenza sia percettiva che paesaggistica con il nuovo tracciato è quello interessato dal breve tratto terminale all aperto in prossimità del centro abitato di Trisungo. Si ritiene di poter soprassedere nella valutazione della compatibilità paesaggistica degli altri due tratti, peraltro brevi ed in adiacenza o sovrapposizione con l attuale Salaria, in cui il nuovo tracciato interrompe il suo percorso in galleria. La rassegna fotografica che segue ha lo scopo di meglio inquadrare l area e di facilitare la comprensione al lettore delle scelte progettuali da adottare. 9

11 Relazione generale Figura 1 Cartografia area Trisungo Acquasanta terme 10

12 Relazione generale Foto 1 Foto 2 11

13 Relazione generale Foto 3 Foto 4 12

14 Relazione generale Foto 5 Foto 6 13

15 4. CARATTERIZZAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO Una corretta caratterizzazione del clima acustico permette di ottenere soluzioni progettuali per un adeguato dimensionamento di eventuali e necessari interventi di mitigazione sonora. Il rumore ambientale prodotto da una infrastruttura viaria si può avvicinare molto alla propagazione di tipo lineare. La natura della sorgente di rumore ( veicoli transitanti sull asse stradale) è tale da generare un emissione sonora di tipo variabile. Il livello di pressione sonoro generato è infatti legato a vari parametri, tra i quali i principali sono: Carico di traffico e sua composizione; Velocità di transito; Tipologia di manto stradale e sua usura. Il manto stradale esercita un influenza costante, nell arco della giornata, nella determinazione del livello di pressione sonora, in quanto influenza in modo sensibile la componente acustica generata dal contatto ruota- pavimentazione (rumore di rotolamento) in modo particolare alle alte velocità. I parametri che tuttavia concorrono in modo principale alla determinazione del fenomeno acustico sono il carico di veicoli e la loro velocità di transito. Per questo motivo una corretta caratterizzazione del clima acustico non può esimersi da un corretto conteggio del traffico, della sua classificazione, della distribuzione in corsie e della velocità media di transito Rilievi fonometrici e rilievi di traffico Il traffico veicolare su gomma ha come caratteristica quella di non essere costante nell arco della giornata e di subire fluttuazioni anche sensibili nell arco delle diverse stagioni, sia in termini di numero di veicoli sia in termini di composizione tipologica degli stessi. I monitoraggi di traffico, da effettuarsi in contemporanea ai rilievi fonometrici, consentono di quantificare deterministicamente le caratteristiche del traffico che genera i livelli di rumore misurati, in quanto vengono valutati, con estremo dettaglio, la composizione e la velocità disaggregati per corsie di traffico. La misurazione deve essere effettuata con idonea strumentazione al fine di non alterare le normali condizioni di flusso. 14

16 Attraverso una serie di rilevamenti del traffico giornaliero sulla S.S.4 in località Taverna Piccinini, si hanno a disposizione dati relativi al volume di traffico, riferiti a valori medi annui e suddivisi per categorie di veicoli. Dall analisi del traffico giornaliero medio si è potuto determinare l evoluzione del traffico nel tempo e i transiti massimi orari suddivisi per categoria di automezzi, così da prevedere una configurazione di veicoli per l anno 2010 ripartita secondo: Auto a benzina normale 3546 Auto diesel 1773 Auto catalizzate 1773 Autobus 85 Autocarri 751 Camion di grossa potenza CONCLUSIONI Lo sviluppo del nuovo tracciato stradale, come gia evidenziato, ricade nella quasi totalità in galleria, per cui poco influisce sull inquinamento acustico ambientale dell area in oggetto. I tratti al di fuori delle gallerie che risentono delle emissioni rumorose derivanti dalla nuova infrastruttura, devono tener conto dell aumento della velocità di marcia dei veicoli e del rumore dovuto alle frenate ed accelerazioni, in particolar modo nel tratto di svincolo in prossimità dell abitato di Trisungo. Dai dati desunti dallo studio dell impatto ambientale, si evidenzia, che nella punta massima di traffico orario, il livello continuo equivalente prodotto dalla infrastruttura risulta essere pari a L eq =72,8. Questo fattore permette di ipotizzare che per il centro abitato di Trisungo più prossimo alla nuova strada il valore di livello equivalente sia inferiore ai 40 mentre per le abitazioni immediatamente prossime all imbocco della galleria Trisungo, la rumorosità sarà intorno ai 50 in condizione di massimo traffico diurno, come si può vedere anche dalla sezione sotto riportata (fig.1). I livelli di inquinamento acustico, così individuati, rientrano nei limiti di norma e non sarà pertanto necessario utilizzare attenuatori di rumore. 15

17 Fig.1 Per i ricettori sensibili posti oltre i 250 metri, nel caso la zonizzazione del comune preveda classi di tipo I, II o III, le eventuali opere di bonifica potranno essere effettuate esclusivamente tramite interventi diretti, in quanto a tali distanze l efficacia degli interventi sulle vie di propagazione è praticamente nulla. Il tecnico competente (DD n. 98/TRA_08) 16

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore.

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Vista la legge 26 ottobre 1995, n. 447, recante "Legge quadro sull'inquinamento

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Isolamento acustico Dicembre 2005 I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento Provinciale di Cuneo - OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO n 5102/CN Funzione: Collaboratore Tecnico Professionale (tecnico competente

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 401 OASI

AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 401 OASI COMUNE DI CURTATONE PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 1 OASI CON CONTESTUALE VARIANTE AL P.G.T. E VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA V.A.S. L.R. 12/05 s.m.i. D.C.R. 351/07

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

2. Criteri utilizzati per la predisposizione dello schema di zonizzazione

2. Criteri utilizzati per la predisposizione dello schema di zonizzazione Premessa 1. Il quadro normativo di riferimento 2. Criteri utilizzati per la predisposizione dello schema di zonizzazione 3. Schema di zonizzazione: contenuti e normativa 3.1 Classi di zonizzazione 3.1.1

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Regione Piemonte Provincia di Torino PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA maggio 2010 DIVISIONE VERDE E AMBIENTE Il Dirigente Settore Ambiente e Territorio Ing. Federico SAPORITI Il Responsabile Tecnico Ing.

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA

LEGISLAZIONE ITALIANA STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli

Dettagli

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE RELAZIONE METODOLOGICA AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA PER VARIANTE PRG Dr. Giampietro Fusillo Docente di Fisica Ambientale

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA

PROVINCIA DI VENEZIA PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI DOLO NUOVA REALIZZAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE - COMMERCIALE via Vittorio Veneto Dolo (VE) Documento di Valutazione Previsionale di Clima ed Impatto Acustico ai sensi

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI UFFICIO ENERGIA E RUMORE QUADERNI DI ACUSTICA AMBIENTALE

PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI UFFICIO ENERGIA E RUMORE QUADERNI DI ACUSTICA AMBIENTALE PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI UFFICIO ENERGIA E RUMORE QUADERNI DI ACUSTICA AMBIENTALE N. 1 Nozioni di base su rumore e inquinamento acustico AUTORI DEL TESTO Dott.

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO CENTRO DI RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Zona Industriale Brindisi IN PROCEDURA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL ART. 216 DEL D.Lgs 152/2006 E ss.mm.ii.

Dettagli

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7 Pag. 2 di 10 Indice 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 4 3.1 INQUADRAMENTO GENERALE... 4 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 4. LIMITI DI RUMOROSITÀ... 6 5.

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNE DI BELLUNO PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO NORME ATTUATIVE Testo approvato dal Consiglio Comunale del 22.03.2007 Elaborazione: arch. DOCCI GLICERIO Norme Attuative 1 INDICE TITOLO

Dettagli

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO INDICE ART. 1 FINALITÀ 4 ART. 2 DEFINIZIONI 5 ART. 3 CLASSI DI DESTINAZIONE D USO DEL TERRITORIO 8 ART. 4 VALORI LIMITE

Dettagli

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale Oggetto: Committente: Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo nuovo progetto di variante anno 2012 Consorzio Via I. Eolie Via Fabio

Dettagli

Le indagini sono state svolte in sito, via dell'industria Campagna Lupia (VE), il giorno 12 Dicembre 2013.

Le indagini sono state svolte in sito, via dell'industria Campagna Lupia (VE), il giorno 12 Dicembre 2013. Premessa Su incarico della ditta MANIERO LUIGI S.r.l., il sottoscritto ing. Cavalletto Alessandro tecnico competente in acustica ambientale iscritto con numero 668 all'albo della Regione Veneto, ha provveduto

Dettagli

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Via Amendola 26, 57023 Cecina (LI) Tel e Fax 0586/630474, Cell. 347/73045 e-mail: ipernucleo@interfree.it;

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; D.P.R. 30 marzo 2004, n. 142 (1). Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell'inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare, a norma dell'articolo 11 della L. 26 ottobre 1995, n. 447.

Dettagli

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 INDICE 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 Pag. 2 di 6 Premessa Il Requisito I1 Controllo dell inquinamento acustico ha

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente Corso di Trasporti e Ambiente http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009 Inquinamento acustico da traffico 1 Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO - Norme tecniche di attuazione - INDICE Premessa Pg. 2 Competenze del Comune.. Pg. 2 D.P.C.M. 14-11-97 Pg. 3 Classificazione acustica del territorio comunale Pg.

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA

REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNE di GENIVOLTA PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA PROPOSTA Maggio 04 1.Il presente Regolamento si applica: Articolo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE A) al rumore proveniente da

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Comune di PORTO S. ELPIDIO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Classificazione acustica del territorio del Comune di Porto S. Elpidio Pag. 1 di 48 INDICE 1 RICHIAMI

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T

Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T STUDIO TECNICO Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T Thiene, 09-02-2015 OGGETTO: Realizzazione di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991. Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

OGGETTO: valutazione limiti assoluti di immissione presso la scuola elementare tra via Dante e via Papa Giovanni XXIII - CARAGLIO RELAZIONE TECNICA

OGGETTO: valutazione limiti assoluti di immissione presso la scuola elementare tra via Dante e via Papa Giovanni XXIII - CARAGLIO RELAZIONE TECNICA STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento Provinciale di Cuneo - OGGETTO: valutazione limiti assoluti di immissione presso la scuola elementare tra via Dante e via Papa Giovanni XXIII - CARAGLIO RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Dispensa formativa Inquinamento acustico

Dispensa formativa Inquinamento acustico Dispensa formativa Inquinamento acustico Rev. Data Descrizione 0 Gennaio 2012 Prima emissione Pagina 1 di 10 Indice 1. L Inquinamento acustico... 3 1.1. Definizione di rumore...3 1.2. Effetti sulla salute...4

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Committente: Comune di Empoli

Committente: Comune di Empoli Committente: Comune di Empoli Oggetto e ubicazione: Valutazione sull impatto acustico per la realizzazione di una strada di collegamento tra il nuovo svincolo della S.G.C. FI-PI-LI Empoli Centro e la zona

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN)

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. 34 DEL 07/06/2007 Comune di Limone Piemonte (CN) Regolamento delle attività rumorose pag. 2 1. DISPOSIZIONI

Dettagli

Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI)

Ditta : Società I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Indice Premessa................................................................................ 3 1.

Dettagli

campagna di monitoraggio acustico su via merlini

campagna di monitoraggio acustico su via merlini CLIENTE: Comune di Missaglia SEDE Via Matteotti, 6/8 TITOLO: campagna di monitoraggio acustico su via merlini COMUNE DI MISSAGLIA (LC) RAPPORTO N : 447/01_Rev.1 NORME SEGUITE: LEGGE 26 Ottobre 1995 n.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART.

DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. Ing. Alessandro Placci Corso R. Emaldi, 103 48010 Fusignano (RA) Tel: 0545-52081 Fax: 0545-53461 www.studiumprogetti.it s t u d i u m Comune di Pontremoli (MS) DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI

Dettagli

Capire, progettare e gestire l ambiente.

Capire, progettare e gestire l ambiente. Capire, progettare e gestire l ambiente. IL GRUPPO E LA SUA STORIA Fondata nel 2003 da Gabriella Chiellino, prima laureata in Italia in Scienze Ambientali, eambiente è diventata una SOCIETÀ DI CONSULENZA

Dettagli

COPRAT Soc. Coop. Comune di Milano REALIZZAZIONE DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE. Area di intervento: Cascina Merezzate.

COPRAT Soc. Coop. Comune di Milano REALIZZAZIONE DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE. Area di intervento: Cascina Merezzate. COPRAT Soc. Coop. Comune di Milano REALIZZAZIONE DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE Area di intervento: Cascina Merezzate Via Cascina Merezzate angolo Via Giacomo Medici del Vascello Relazione tecnica VALUTAZIONE

Dettagli

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Pagina 1 di 19 Comune di Limena (PD) Gennaio 2007 Data Eseguito Data Verificato 11/01/2007 Dott.ssa Alessandra Gennari Tecnico progettista 11/01/2007 Dott.ssa Alessandra Gennari Tecnico competente in acustica

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CAGLI Relazione Tecnica INDICE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CAGLI Relazione Tecnica INDICE INDICE 1. Premessa 2. Criterio di classificazione acustica del territorio scelto 3. Scelta dell unità territoriale minima 4. Metodologia per l individuazione delle aree in Classe I 5. Metodologia per l

Dettagli

SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE

SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE 1. POTERI COMUNALI IN MATERIA DI TUTELA CONTRO IL RUMORE... 2 1.1. Poteri di prevenzione... 2 1.2. Poteri di controllo/repressione... 3 2. GLI ATTI DEL COMUNE

Dettagli

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE dott. PAOLO GRIMALDI Studio Ambiente e Geologia Acustica Applicata e Controllo del Rumore Ecologia e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Pianificazione Ambientale del Territorio PROVINCIA DI MILANO CITTÀ DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Legge 26 Ottobre 1995 n. 447 Legge quadro sull inquinamento acustico Legge Regionale 10 Agosto 2001 n. 13 Norme in materia di inquinamento

Dettagli

Classificazione acustica del Comune di Roccafluvione

Classificazione acustica del Comune di Roccafluvione INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 QUADRO NORMATIVO... 4 1.3 CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO... 8 2. LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROCCAFLUVIONE... 13

Dettagli

ZAC. Norme Tecniche di Attuazione ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

ZAC. Norme Tecniche di Attuazione ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA ZAC ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA Z2 Norme Tecniche di Attuazione ADOTTATO DAL C.C. CON DELIBERA N. 5835/87 DEL 06/04/2009 APPROVATO DAL C.C. CON DELIBERA N. 5167/70 DEL 05/04/2011 SINDACO

Dettagli

Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno

Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno Testo vigente Note: Testo aggiornato alle modifiche

Dettagli

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2.1 Quadro conoscitivo

Dettagli

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale Il Dirigente: Ingegner Mario Pizzino RETE DI MONITORAGGIO CONTINUO DEL RUMORE DERIVANTE DAL TRAFFICO VEICOLARE

Dettagli

INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3

INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3 INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3 1.1. ZONE OMOGENEE...3 1.2. ZONE PARTICOLARI...4 Aree militari...4 Aree ferroviarie...4 Aree stradali...5 Aree adibite a manifestazioni

Dettagli

Brescia, 28 ottobre 2013 rif. N 8533/13 commessa A13-A217 PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO

Brescia, 28 ottobre 2013 rif. N 8533/13 commessa A13-A217 PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO s.r.l. 25126 BRESCIA - Via Cassala, 88 Tel. 030/47488 r.a. Telefax 030/41624 C.F. 01604190171 P.IVA IT 01604190171 info@cbf.191.it Capitale sociale 46800,00 Registro Imprese Brescia 01604190171 REA Brescia

Dettagli

CITTÀ DI ORBASSANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO. (L. 447/95 Art. 6 comma 1 lettera e L.R. 52/2000 Art.

CITTÀ DI ORBASSANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO. (L. 447/95 Art. 6 comma 1 lettera e L.R. 52/2000 Art. Regione Piemonte Provincia di Torino CITTÀ DI ORBASSANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 447/95 Art. 6 comma 1 lettera e L.R. 52/2000 Art. 5 comma 5) APRILE 2009 Redazione

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Legge 26 Ottobre 1995 n 447 Legge Regionale 10 Agosto 2001 n 13 OMAL S.r.l. COSTRUZIONE EDIFICIO PRODUTTIVO Via Virgilio - Cantù - INDICE Premessa 2 1. Dati

Dettagli

Comuni di ARGENTA-MIGLIARINO-OSTELLATO PORTOMAGGIORE-VOGHIERA PROVINCIA DI FERRARA. comune di PORTOMAGGIORE POC

Comuni di ARGENTA-MIGLIARINO-OSTELLATO PORTOMAGGIORE-VOGHIERA PROVINCIA DI FERRARA. comune di PORTOMAGGIORE POC Comuni di ARGENTA-MIGLIARINO-OSTELLATO PORTOMAGGIORE-VOGHIERA PROVINCIA DI FERRARA comune di PORTOMAGGIORE POC Piano Operativo Comunale (L.R. 20/2000) Relazione previsionale di clima acustico Variante

Dettagli

Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE. Regolamento Attuativo

Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE. Regolamento Attuativo Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore GESTIONE DEL TERRITORIO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Regolamento Attuativo Integrazione all'art.

Dettagli

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille.

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille. 33. Sistema AMBIENTE Sub sistema: Rumore La Regione Toscana ha emanato a più riprese norme che incidono sistematicamente sulle varie fonti potenziali e sui requisiti per le opere di mitigazione e/o limitazione

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

STUDIO TECNICO ING. ERNESTO LOTTI Piazza Matteotti 40. 57126 Livorno Tel. 0586-812654

STUDIO TECNICO ING. ERNESTO LOTTI Piazza Matteotti 40. 57126 Livorno Tel. 0586-812654 STUDIO TECNICO I Piazza Matteotti 40 57126 Livorno Tel. 0586-812654 PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE DENOMINATO SANTA LUCIA Località Santa Lucia PONTEDERA (PI) RELAZIONE TECNICA Relazione previsionale

Dettagli

ZONIZZAZIONE ACUSTICA

ZONIZZAZIONE ACUSTICA CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Art. 1. Finalità della Zonizzazione Acustica del Territorio Comunale e del relativo Regolamento di Attuazione... 4 Art. 2. Validità del R.A.... 4 Art. 3. Forme di inquinamento

Dettagli

Zonizzazione Acustica

Zonizzazione Acustica Zonizzazione Acustica Relazione POLO SCIENTIFICO TECNOLOGICO LOMBARDO Consulenti: dott. arch. Luca Bertagnon dott. arch. Claudio Scillieri 0 introduzione La zonizzazione acustica è la classificazione del

Dettagli

COMUNE DI EUPILIO Via Strambio, 9 22030 EUPILIO (CO)

COMUNE DI EUPILIO Via Strambio, 9 22030 EUPILIO (CO) REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA LEGGE 26 OTTOBRE 1995 N. 447 LEGGE QUADRO SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LEGGE REGIONALE 10 AGOSTO 2001 N. 13 NORME IN MATERIA DI INQUINAMENTO

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Valutazione di impatto acustico

Valutazione di impatto acustico TRE GIGLI Soc. VALUTAZIONE IMPATTO ACUSTICO Valutazione di impatto acustico Valutazione della compatibilità delle emissioni acustiche generate dall allevamento suini di proprietà della SOCIETA AGRICOLA

Dettagli

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Regolamento di applicazione

Dettagli

Previsione di Clima Acustico

Previsione di Clima Acustico COMUNE DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Previsione di Clima Acustico Opera soggetta a previsione: PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA E FUNZIONALE DEI CAPANNONI 17 e 18 NELL AREA DELLE

Dettagli

COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T.

COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T. COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T. CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO ACUSTICO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE 2 CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Indice 1 - Premessa pag. 3 2 - Quadro normativo di riferimento pag. 4 3 - Il Piano di Classificazione Acustica del territorio comunale - criteri di indagine

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO LEGGE n 447/95

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO LEGGE n 447/95 VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO LEGGE n 447/95 RELATIVO A: PIANO DI LOTTIZZAIONE I.U.P. N 10-33 TREVILLE NORD VIA CASTELLANA NEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO (TV) FOGLIO 17 MAPPALI N 1014-1015-209-210-217-218-219-253-357

Dettagli

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COLLEGNESE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Data, 08 febbraio 2005 Relazione n M2.02.REL.02/16344 INDICE

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULL INQUINAMENTO ACUSTICO NELL AMBIENTE ESTERNO

APPROFONDIMENTI SULL INQUINAMENTO ACUSTICO NELL AMBIENTE ESTERNO APPENDICE 4 APPROFONDIMENTI SULL INQUINAMENTO ACUSTICO NELL AMBIENTE ESTERNO 4.1 GENERALITA La Legge n 447 del 1995 Legge quadro sull inquinamento acustico riprendendo i principi contenuti nel DPCM 1/3/91

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

Rumore. RSA Provincia di Milano. Rumore

Rumore. RSA Provincia di Milano. Rumore RSA Provincia di Milano Rumore Il rumore, o inquinamento acustico, può provocare nell organismo danni fisici o psichici anche permanenti: i disturbi più insidiosi, oltre a quelli acuti, da esposizione

Dettagli

AREA 4 AREA INDUSTRIALE. Pisani Studio di Ingegneria Acustica INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI

AREA 4 AREA INDUSTRIALE. Pisani Studio di Ingegneria Acustica INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI AREA INDUSTRIALE AREA 4 INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI Via Asti Via Alessandria Via Pavia Via Genova 16. AREA INDUSTRIALE DI CASCINE VICA Lo studio condotto dall ARPA ha evidenziato

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Via E. Zanasi, 30 41051 Castelnuovo Rangone (MO) Tel. 059/53.87.08 - Fax 059/53.31.663 Cell. 339/.66.458 www.technoambiente.it - info@technoambiente.it P.IVA - C.F. e Nr. Iscr. Reg. Imprese Modena 03265530364

Dettagli

EDIFICIO U4 VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

EDIFICIO U4 VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PADOVA Via del Progresso Recupero edilizio e riqualificazione area con realizzazione di nuovi edifici ad uso commerciale, terziario, artigianale e direzionale

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (AMB/04/24465) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la LR 9 maggio 2001, n. 15 "Disposizioni in materia di inquinamento acustico"; Considerato che l'articolo 10, commi 1, 2 e 3, della

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Comune di Chivasso. Classificazione Acustica del Territorio. Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione

Comune di Chivasso. Classificazione Acustica del Territorio. Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione Regione Piemonte Provincia di Torino Comune di Chivasso Classificazione Acustica del Territorio Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione Gennaio 2005 Regolamento e Norme Tecniche Attuative pag 2/30 Sommario

Dettagli

Relazione Tecnica n I-407/12 Misure eseguite il 17 aprile 2012

Relazione Tecnica n I-407/12 Misure eseguite il 17 aprile 2012 Istituti Scientifici: PAVIA 27100 Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede di Via Palestro 26 Tel. 0382 5921 Fax 0382 592081 Sede di Via Boezio 28 Tel. 0382 5931 Fax 0382 593081 MILANO Sede di Via Clefi 9

Dettagli

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Soluzioni realizzative e costruzione E importante valutare in fase di verifica preliminare del sito anche gli aspetti e le eventuali problematiche

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

IL RUMORE DA TRAFFICO STRADALE

IL RUMORE DA TRAFFICO STRADALE INDICE ARGOMENTI 1) Sorgenti di rumore di un veicolo a motore 2) Misura dell emissione sonora di un veicolo 3) Livelli di emissione sonora e velocità 4) Livelli di emissione sonora e categorie di veicoli

Dettagli

Piano di Classificazione Acustica del territorio comunale

Piano di Classificazione Acustica del territorio comunale COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Piano di Classificazione Acustica del territorio comunale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale del 23 febbraio 2011, n. 12 Dipartimento Provinciale

Dettagli

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO Giovanni Zambon, Alessandro Bisceglie, Filippo Beltramini, Elio Sindoni DISAT Dipartimento

Dettagli

VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G.

VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G. VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) Z.U.T. Ambito 2.6 LAGHETTI FALCHERA VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Ing. Rosamaria Miraglino Rev 1 21 maggio

Dettagli

Comune di Mozzo. Provincia di Bergamo

Comune di Mozzo. Provincia di Bergamo EUROGEO s.n.c. Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 +39 035 271216 Fax +39 035 271216 NTA 01-01/09/06 Comune di Mozzo Provincia di Bergamo ZONIZZAZIONE

Dettagli

OGGETTO: relazione tecnica di Valutazione Previsionale di Impatto Acustico.

OGGETTO: relazione tecnica di Valutazione Previsionale di Impatto Acustico. Spett. Associazione Musicale OGGETTO: relazione tecnica di Valutazione Previsionale di Impatto Acustico. In ottemperanza a quanto disposto dalla Legge 26 ottobre 1995 n 447 Legge Quadro sull Inquinamento

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DEL CLIMA ACUSTICO E DI IMPATTO ACUSTICO INDICE

VALUTAZIONE PREVISIONALE DEL CLIMA ACUSTICO E DI IMPATTO ACUSTICO INDICE INDICE 1. PREMESSA... 2 2. QUADRO NORMATIVO... 3 3. VALUTAZIONE PREVISIONALE CLIMA ACUSTICO... 5 3.1 Introduzione... 5 3.2 Descrizione dell area in oggetto... 6 3.3 Caratterizzazione acustica... 9 3.4

Dettagli

Argomenti. Inquadramento

Argomenti. Inquadramento 1 2 Il 30 ottobre 1995, sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 254, è stata pubblicata la: Legge quadro sull inquinamento acustico Legge 26 ottobre 1995, n. 447 che stabilisce i principi

Dettagli