Corte Suprema di Cassazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte Suprema di Cassazione"

Transcript

1 Corte Suprema di Cassazione Ufficio dei Referenti per la Formazione decentrata LA FILIAZIONE DOPO LA RIFORMA 14 novembre 2013 REPORT a cura del dr. Giuseppe Dongiacomo magistrato addetto all Ufficio del Ruolo e delmassimario L Ufficio dei Referenti per la formazione decentrata, il 14 novembre 2013, ha organizzato, presso l Aula Magna della Corte di Cassazione, un convegno dedicato all esame e alla discussione delle norme, sostanziali e processuali, introdotte dalla legge n. 219 del 2012 in materia di filiazione. Il convegno, che ha visto la presenza di numerosi ascoltatori, si è svolto alla presenza del dr. Giorgio Santacroce, Primo Presidente della Corte di Cassazione, che ha diretto i lavori, e del dr. Giuseppe Salmè, Presidente di Sezione della stessa Corte, che ha coordinato le relazioni svolte dal Prof. Giuseppe Berretta, Sottosegretario di Stato presso il Ministero della Giustizia, dal Prof. C. Massimo Bianca, Libero Docente di Diritto Civile, dalla Prof.ssa Gilda Ferrando, Ordinario dell Università di Genova, dal Prof. Michele Sesta, Ordinario dell Università di Bologna, dal Prof. Ferruccio Tommaseo, già Ordinario dell Università di Verona, dalla dr.ssa Maria Rosaria San Giorgio, Consigliere della Corte di Cassazione, dalla dr.ssa Gloria Servetti, Presidente di Sezione del Tribunale di Milano, e dalla dr.ssa Maria Carla Gatto, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia. Il Presidente Santacroce, nel suo discorso introduttivo, ha, in particolare, 1

2 sottolineato la nuova realtà familiare dei nostri giorni, caratterizzata sempre di più dalla presenza di una molteplicità di modelli familiari, alla base dei quali non sempre c è in matrimonio, e dalla ormai raggiunta normalità sociale della convivenza senza matrimonio, e, quindi, l importanza della nuova disciplina che, a partire dal 2 gennaio 2013, allo scopo di adeguare il diritto di famiglia all evoluzione della società, ha equiparato i figli di genitori non sposati ai figli nati nell ambito del matrimonio, in tal modo superando, in attuazione dei principi costituzionali di eguaglianza e tutela della prole, contenuti negli artt. 3 e 30 della Costituzione, una discriminazione oramai anacronistica e completando, dopo oltre 35 anni, la riforma del Il nucleo essenziale della Riforma è, quindi, costituito ha continuato il Presidente Santacroce dal principio generale, contenuto nel nuovo art. 315 cod. civ., per cui i figli hanno lo stesso stato giuridico: sono, cioè, tutti uguali ed hanno gli stessi diritti, senza specificazione, qualificazione o attributo di sorta. La nuova legge supera la distinzione tra figli di serie A, nati in costanza di matrimonio, e figli di serie B, nati fuori del matrimonio: ed infatti, un figlio potrà essere riconosciuto dal padre e dalla madre anche se uniti in matrimonio con un altra persona al momento del concepimento ed il riconoscimento può avvenite tanto congiuntamente quanto separatamente, con effetto, rispetto alla riforma del 1975, non solo nei confronti dei genitori ma, in base alla nuova nozione di parentela che la nuova legge ha affermato, anche sui parenti e gli affini di ognuno di essi. Il Presidente Santacroce, infine, nel sottolineare come le nuove norme non mancano di porre nuove e delicate questioni, come l attribuzione al tribunale ordinario della competenza anche in materia di controversie sull affidamento dei figli nati fuori del matrimonio e la previsione dell ascolto del minore in tutte le controversie che lo riguardano da parte del Presidente del Tribunale o di un suo delegato, ha evidenziato che, a seguito 2

3 dell approvazione della nuova legge, risulti profondamente modificata la nozione stessa di famiglia legale, che non risulta più necessariamente fondata sul matrimonio, visto che tra i suoi componenti si costituiscono legali giuridici che dichiaratamente prescindono da esso, affermando, quindi, la necessità di un nuovo diritto di famiglia, di livello europeo, che prenda atto dello sviluppo della famiglia nucleare che ruota più intorno ai figli che alla coppia. Il Presidente Salmè, dal suo canto, dopo aver evidenziato la tempestività dell iniziativa promossa dall Ufficio dei referenti per la formazione decentrata, ha osservato, in sintesi, come la tesi per cui la riforma della filiazione costituisca l attuazione delle norme della Costituzione è solo parzialmente vera: l art. 30, infatti, ha previsto la tutela giuridica dei figli naturali ma solo compatibilmente con i diritti dei componenti della famiglia legittima. Da questo punto di vista la riforma ha voluto coordinare le norme costituzionali in materia di famiglia con i principi dettati dagli artt. 2 e 3 e dalle convenzioni internazionali, riconoscendo l esistenza di numerosi modelli di famiglia. Anche il Presidente Salmè non ha mancato di osservare che la riforma presenta profili critici, sia sul piano sostanziale, come in materia di adozione in casi particolari e di cognome dei figli, sia sul piano processuale, come il rito in caso di cumulo dei procedimenti. Il Sottosegretario di Stato, Prof. Giuseppe Berretta, ha evidenziato che la riforma della filiazione è il frutto del lavoro svolto dalla commissione di studio per le questioni afferenti la famiglia, presieduta dal Prof. Bianca, e dal supporto fornito da associazioni rappresentative di magistrati e dagli ordini professionali, come quelli degli avvocati, dei notai, dei psicologi e degli assistenti sociali, oltre che dell associazione nazionale ufficiali dello stato civile e d anagrafe. 3

4 La nuova disciplina, il cui testo è stato sottoposto ad una consultazione pubblica organizzata dal sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri, non ha ricevuto il giusto risalto mediatico: eppure - ha continuato il Prof. Berretta - costituisce una scelta di civiltà, una vera e propria rivoluzione che imporrà modifiche persino nel linguaggio, con il superamento di termini odiosi come figliastro o fratellastro, finalmente adeguando, con la fine della contrapposizione di origine napoleonica tra figli nati nel matrimonio e figli nati fuori del matrimonio, la legislazione italiana a quelle degli altri paesi europei e alle norme sovranazionali, come l art. 21 della Carta di Nizza sui diritti fondamentali dell Unione Europea e la Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo (CEDU), che all art. 14 vieta qualsiasi discriminazione. Il processo di parificazione dei figli naturali e legittimi, iniziato con la riforma del 1975 e proseguito, in tema di affidamento condiviso, nel 2006, viene, così, portato a compimento: la riforma stabilisce che tutti i figli hanno lo stesso status giuridico, con eguali diritti ed uguali doveri, così prendendo atto che quello della famiglia legittima, fondata sul matrimonio, non costituisce più l unico modello di convivenza familiare riconosciuto dal legislatore. Altrettanto importante - - ha continuato il Prof. Berretta è la parte in cui la riforma ha sostituito la nozione di potestà genitoriale con quella di responsabilità genitoriale: a voler in tal modo evidenziare che il rapporto genitori figli viene disciplinato avendo riguardo ai diritti dei figli nei confronti dei genitori, come ben chiarito, sul piano sostanziale, dall art. 315 bis cod. civ. e, sul piano processuale, dal principio dell ascolto del minore in tutti i procedimenti che lo riguardano e dalla fissazione del termine di cinque anni dalla nascita per l esercizio dell azione di disconoscimento della paternità. Anche il Prof. Berretta, infine, non ha mancato di evidenziare la necessità di completamento del disegno riformatore, specie in materia di ripartizione delle competenze tra tribunale ordinario, giudice tutelare e tribunale dei 4

5 minorenni. Il Prof. Bianca, presidente della Commissione che ha elaborato la riforma, ne ha evidenziato l importanza sia sul piano del linguaggio, con il superamento di qualifiche che, un tempo, marchiavano i figli nati fuori del matrimonio relegandoli in uno stato di inferiorità, sia sul piano del diritto, dove, in sostanza, la nuova disciplina ha affermato il dovere dei genitori di amare i figli ed il diritto dei figli ad essere amati. Il Prof. Bianca ha, poi, rilevato come il testo della nuova disciplina non merita le critiche che sono state rivolte: la riforma, infatti, deve essere completata con l emanazione del decreto legislativo di esercizio della delega contenuta nella legge n La Prof.ssa Ferrando ha sottolineato la principale novità, sul piano del diritto sostanziale, contenuta nella legge di riforma, e cioè il principio di eguaglianza, per cui, in attuazione dei principi costituzionali e delle norme europee, tutti i figli hanno eguale status giuridico, senza distinzioni, mentre la parentela è, di conseguenza, identificata in relazione al vincolo derivante dalla discendenza dal medesimo stipite. La nuova legge in tema di filiazione ha inteso, in tal modo, assicurare tutela giuridica al figlio in ogni ordine di rapporti indipendentemente dal vincolo esistente tra i genitori, così realizzando, a distanza di circa 40 anni dalla riforma del 1975, una netta separazione tra filiazione e matrimonio, peraltro non senza limiti, come in tema di revocazione delle donazioni per sopravvenienza dei figli, che ancora distingue tra figli nati fuori o nel matrimonio. Quanto al piano processuale, la Prof.ssa Ferrando ha rilevato che la riforma ha innovato, in funzione della tutela dell interesse del minore, in tema di riconoscimento e dichiarazione giudiziale in luogo del consenso nonché di 5

6 dichiarazione giudiziale di paternità e maternità e di azione di disconoscimento di paternità, in ordine alla quale, in particolare, la nuova disciplina ha previsto l imprescrittibilità solo per l azione del figlio, fissando un termine di decadenza per l esercizio dell azione da parte degli altri legittimati. La Prof.ssa Ferrando, infine, ha osservato che la riforma non ha disciplinato l accertamento della maternità, evidenziando l opportunità che anche il nostro ordinamento si adegui al principio, diffuso in tutta Europa, del metodo automatico sia pur con la riserva per la donna di partorire in anonimato. Anche il Prof. Sesta ha rilevato come le novità più importanti della riforma son costituite dal principio dell unicità dello status di figlio e dalla definizione della parentela come il legame tra persone che discendono dallo stesso stipite, tant è che il riconoscimento ha effetto sia nei confronti del genitore da cui è stato fatto che dei suoi parenti: il figlio naturale viene in tal modo inserito, a differenza del passato, nella famiglia estesa, indipendentemente dal fatto che sia stato concepito nel o fuori del matrimonio, al punto da potersi perfino dubitare della compatibilità del nuovo assetto con le norme della Costituzione che, all art. 29, pone il matrimonio quale elemento costitutivo della famiglia, ed, all art. 30, tutela i figli naturali nei limiti in cui ciò è compatibile con i diritti dei componenti della famiglia legittima. Quanto agli effetti che la nuova legge ha comportato in tema di successioni, il Prof. Sesta ha evidenziato come, in conseguenza delle modifiche apportate agli artt. 74 e 258 cod. civ., il figlio anche di genitori non coniugati, divenuto parente dei relativi consanguinei, è divenuto erede legittimo degli stessi a norma degli artt. 565 ss cod. civ.. E non solo: la riforma ha, in sostanza, modificato anche le norme in materia di successione per rappresentazione, posto che l art. 468 cod. civ. deve 6

7 essere inteso nel senso che la rappresentazione ha luogo anche a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle naturali, e di successione necessaria, dovendosi includere tra i legittimari anche gli ascendenti naturali. Deve, inoltre, ritenersi abrogato - ha continuato il Prof. Sesta - l istituto della commutazione previsto dall art. 537, comma 3, cod. civ.. Il Prof. Sesta, infine, ha rilevato che le nuove norme presentano, quanto ai profili successori, alcuni dubbi interpretativi in tema di figli adottati e di figli non riconosciuti nonché di diritto intertemporale. Il Prof. Tommaseo si è occupato principalmente dei profili processuali della riforma evidenziandone i limiti e le lacune. In particolare, l art. 3 della legge n. 219, modificando l art. 38 disp. att. cod. civ., ha attribuito le competenze sulle controversie de potestate, finora attribuite al tribunale per i minorenni, al tribunale ordinario quando innanzi a quest ultimo sia in corso tra le stesse parti un giudizio di separazione, di divorzio o una controversia sull esercizio della potestà nell ambito della famiglia legittima prevista dall art. 316 cod. civ., mentre non sembra che analoga possibilità di sottrazione sussista quando tra le stesse parti siano pendenti controversie riguardanti la filiazione naturale a norma dell art. 317 bis cod. civ., anch esse attratte alla generale competenza del tribunale ordinario, in tal modo perpetuando, in ordine a tale profilo processuale, una disparità di trattamento tra filiazione legittima e filiazione naturale eliminata sul piano sostanziale. La nuova legge, poi, ha previsto che il giudice può imporre al genitore, obbligato al mantenimento della prole, di prestare garanzie reali o personali, quando esista il pericolo che si sottragga a tale obbligo, così riproducendo quanto già previsto dall art. 156 cod. civ. e dell art. 8 l. div. ma senza scioglierne i dubbi interpretativi in ordine alla necessità di una specifica domanda ed alla natura del provvedimento e alla sua attuazione. 7

8 La riforma, inoltre, prevede che il giudice ordini ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di denaro all obbligato, di versarle direttamente agli aventi diritto, rinviando all art. 8 l. div. che, però, a differenza dell art. 156, comma 6, cod. civ., non prevede ordini giudiziali nei confronti dei terzi ma solo che il creditore possa formulare un invito ad adempiere. La riforma ha osservato ancora il Prof. Tommaseo ha, in sostanza, dato preminente attenzione ai profili sostanziali della disciplina mentre minor cura ha riservato ai profili riguardanti l amministrazione della giustizia minorile, ancora oggi affidata, nonostante il restringimento della competenza del giudice specializzato, alla diarchia tra tribunale ordinario e tribunale minorile, nonostante la diffusa e dichiarata volontà di introduzione di una un tribunale per la persona e le relazioni familiari, con competenza per tutti i procedimenti in materia di persone, famiglia e minori. D altra parte, ha aggiunto il Prof. Tommaseo, il rafforzamento dei diritti dei figli, che la riforma ha inteso assicurare sul piano sostanziale, non può prescindere - anche allo scopo di dare effettiva attuazione alle norme convenzionali, universali ed europee, come le Convenzioni di New York e di Strasburgo, ed alle Linee Guida sulla giustizia a misura di minore, adottate dal Comitato dei ministri del Consiglio d Europa nel novembre del dalla predisposizione degli strumenti processuali che ne garantiscano la tutela: una necessità che si esprime non solo con il diritto del minore di essere ascoltato, che il Governo è chiamato a garantire in tutte le procedure che lo riguardano, ma anche con il diritto di essere rappresentato e difeso: la nuova disciplina, invece, nulla dice in ordine alla rappresentanza processuale e alla difesa tecnica del minore. La Riforma, del resto, sembra limitare, anziché ampliare, il diritto del minore di accedere alla giustizia, come nel caso delle incertezze che possono derivare dal nuovo testo dell art. 250, comma 4, cod. civ., che, in caso di 8

9 opposizione al riconoscimento successivo non venga riproposta in sede giudiziale nei termini di trenta giorni dalla notifica del ricorso, si limita a stabilire che il giudice decide con sentenza che tiene luogo del consenso mancante senza far parola dell audizione del minore capace di discernimento, senz altro necessaria, e neppure delle regole del procedimento da seguire. Coerente, invece, con il principio dettato dalle Linee Guida, per il quale in tutti i procedimenti che coinvolgono i minori il principio dell urgenza deve essere applicato per favorire risposte rapide e per proteggere al meglio l interesse superiore del minore, è la norma del nuovo testo dell art. 38 disp att. cod. civ., secondo il quale il rito camerale deve informare tutti i procedimenti civili in materia di giustizia minorile, con l aggiunta che nei procedimenti in materia di affidamento di mantenimento dei figli minori si applicano gli artt. 737 ss. cod. proc. civ.. Il rito camerale, peraltro, ha rilevato il Prof. Tommaseo, non trova applicazione quando sia prevista una diversa e specifica disciplina processuale, come nei casi dei processi di separazione e divorzio, che restano governati dalle regole per essi previste anche quando, nel loro ambito, si controverte dell affidamento o del mantenimento dei figli minori, ovvero nel caso del procedimento dell art. 316 cod. civ., che trova applicazione anche nel caso di famiglia naturale e non più soltanto quando i genitori naturali siano conviventi. Il Prof. Tommaseo ha, infine, evidenziato la necessità di alcune modifiche, come, in particolare, quella sul diritto all ascolto, che, inopportunamente, può essere pretermesso quando sia manifestamente superfluo in quanto relativo a fatti accertati o non contestati, laddove l ascolto non rileva come dichiarazione di scienza con finalità istruttorie ma serve a raccogliere una manifestazione di volontà del minore, che questi ha sempre il diritto di effettuare ed il giudice il dovere di conoscere. 9

10 La dr.ssa Maria Rosaria San Giorgio, consigliere della Corte di cassazione, si è soffermata sul tema della responsabilità genitoriale, evidenziando, in particolare, che l art. 2, comma 1, lettera h), della legge n. 219 del 2012 aveva delegato il Governo a procedere alla unificazione delle disposizioni che disciplinano i diritti e i doveri dei genitori nei confronti dei figli nati nel matrimonio e di quelli nati fuori del matrimonio, delineando la nozione di responsabilità genitoriale quale aspetto dell esercizio della potestà genitoriale: formula, quella riferita, non del tutto felice, se si considera come in dottrina non si è trascurato di considerare - che, se mai, è la potestà a rappresentare un aspetto della responsabilità. L attuazione della delega è stata realizzata dagli artt. da 39 a 55 dello schema di decreto legislativo, che novellano il Titolo IX del libro I del codice civile (artt octies) rubricandolo Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio : in particolare, l art. 39 dello schema novella l art. 316 cod. civ., sostituendo alla potestà dei genitori la responsabilità genitoriale. Contrariamente alle indicazioni della delega ha continuato la dr.ssa San Giorgio - l art. 316 cod. civ. non delinea però la relativa nozione. Nella Relazione di accompagnamento la scelta viene spiegata con la esigenza che detta nozione sia riempita di contenuti in ragione della evoluzione socioculturale dei rapporti genitori-figli. Il concetto si trova, invece, chiarito nelle fonti internazionali: in particolare, l art. 2, n. 7, del Regolamento CE n. 2201/2003 definisce la responsabilità genitoriale come il complesso dei diritti e dei doveri di cui è investita una persona fisica o giuridica in virtù di una decisione giudiziaria, della legge o di un accordo in vigore riguardanti la persona o i beni di un minore. Il termine comprende, in particolare, il diritto di affidamento e il diritto di visita. La prospettazione che valorizza il profilo dei diritti dei figli verso i genitori, sostanzialmente estranea alla tradizionale nozione di potestà, si era, infatti, già fatta strada nelle convenzioni internazionali. Per effetto della nuova concezione del rapporto genitori-figli, questo cessa di essere incentrato sul 10

11 potere dell adulto nei confronti del minore e sulla corrispondente situazione di soggezione del figlio, e rinviene il proprio nucleo fondamentale nell impegno che i genitori devono assumere nei confronti del figlio, sicchè la potestà diviene strumento per la realizzazione del dovere genitoriale di educazione, formazione e realizzazione degli interessi della prole. Del resto, la Corte costituzionale, già nel 1992, con la sent. n. 132, aveva chiarito che la potestà dei genitori è riconosciuta dall art. 30, primo e secondo comma, della Costituzione, non come loro libertà, ma come diritto-dovere che trova nell interesse del figlio la sua funzione ed il suo limite. Tuttavia, la totale obliterazione della figura della potestà genitoriale, operata nel decreto legislativo, a fronte del criterio direttivo di cui alla delega, potrebbe indurre il dubbio di una esorbitanza dai limiti posti al Governo dal legislatore delegante, che lo aveva investito solo del compito di armonizzare l ambito della responsabilità genitoriale quale profilo della potestà. La dr.ssa San Giorgio, infine, ha evidenziato che particolari problemi ermeneutici pone la tecnica, adottata dal legislatore delegato, di sostituire tout court la espressione potestà genitoriale con l altra responsabilità genitoriale, con riguardo all art. 330 cod. civ., che disciplina la decadenza dal relativo esercizio, là dove non risulta chiaramente individuabile la nozione di decadenza dalla responsabilità, mentre molto più evidente appare il concetto di decadenza dalla potestà, e cioè dall esercizio di un diritto del genitore. La dr.ssa Gloria Servetti, Presidente di Sezione del Tribunale di Milano, ha, dal suo canto, esposto le soluzioni applicative ed interpretative fornite dalla sua sezione evidenziandone l obiettivo di fondo, e cioè, a fronte dei dubbi interpretativi suscitati dalle nuove norme, garantire ai cittadini un procedimento per quanto possibile celere e semplificato, caratterizzato dal rispetto del principio del contraddittorio e dalla valorizzazione dell attività conciliativa del giudice. 11

12 Il tribunale di Milano - ha evidenziato il Presidente Servetti ha, in particolare, ritenuto che: 1) nelle controversie genitoriali di cui all art. 317 bis cod. civ., la natura camerale del procedimento previsto dagli artt. 737 ss cod. proc. civ. e 38 disp. att. cod. civ., non esclude la possibilità di pronunciare provvedimenti provvisori, poiché il procedimento non la nega espressamente e poiché è prevalente l interesse del minore ad una immediata regolamentazione dei suoi rapporti con i genitori al fine di evitare che la situazione di incertezza di diritti e doveri dei genitori non coniugati determini una gestione confusa ed irrazionale degli interessi della prole, tanto più che le parti possono sempre chiederne al giudice la revoca o la modifica o comunque la revisione; 2) la gestione del contenzioso inerente le controversie tra genitori non uniti da matrimonio deve offrire al nucleo familiare in crisi l opportunità, analogamente a quanto previsto nel rito della separazione o del divorzio, di una fase preliminare di tipo conciliativo, nella quale il giudice delegato, al quale il tribunale rimette il procedimento quando ritiene opportuno il tentativo di conciliazione, suggerisce ai genitori un possibile assetto delle nuove dinamiche relazionali: in tale fase, ai genitori viene concesso un lasso di tempo ragionevole per valutare la proposta del giudice che, se accettata, si conclude con un accordo recepito dal collegio; se il tentativo di conciliazione non ha esito positivo ed in tutti i casi in cui il relativo tentativo non appare opportuno, il collegio provvede alla definizione giudiziale del procedimento, previa udienza di comparizione dei genitori. La dr.ssa Maria Carla Gatto, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia, infine, ha evidenziato come, a fronte delle incertezze interpretative conseguenti alla nuova legge, l esigenza di garantire la tutela del minore ha indotto il tribunale ordinario ed il tribunale per i minorenni di Brescia a stipulare, nel rispetto delle linee guida sulla giustizia minorile, un protocollo di 12

13 intesa affermando i seguenti principi: 1) se il giudizio de potestate ex art. 333 cod. civ. è proposto ex novo da uno dei genitori innanzi al tribunale per i minorenni, quando sia già pendente un giudizio di separazione, divorzio o ex art. 317 bis cod. civ., il tribunale per i minorenni deve dichiarare le propria incompetenza, essendo competente il tribunale innanzi al quale è in corso tra le stesse parti un giudizio separativo; 2) se, invece, il giudizio de potestate ex art. 333 cod. civ. è proposto da uno dei genitori innanzi al tribunale per i minorenni in assenza di giudizio separativo e questo sia instaurato solo successivamente, le domande de potestate devono essere riunite con quelle di separazione, divorzio o ex art. 317 bis cod. civ. a norma degli artt. 40 e 274 cod. proc. civ. per l evidente connessione tra gli stessi; 3) se, infine, il giudizio de potestate ex art. 333 cod. civ. è proposto innanzi al tribunale per i minorenni dai parenti legittimati ex art. 336 cod. civ. mentre è in corso tra i genitori un giudizio separativo, il tribunale per i minorenni rimane competente poiché la norma afferma la vis attractiva del tribunale ordinario solo se il giudizio di separazione penda tra le stesse parti e sempre che sia effettivamente in corso ; 4) l art. 38 disp. att. cod. civ. non attribuisce al giudice ordinario, pur in pendenza di un giudizio separativo tra le stesse parti, la competenza a pronunciare la decadenza dalla potestà di un genitore a norma dell art. 330 cod. civ. 13

14 14

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA (Riconoscimento figli naturali. C. 2519 Mussolini, C. 3184 Bindi, C. 3247 Palomba, C. 3915

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1 INDICE INTRODUZIONE 1. Una premessa................................... 1 SEZIONE I: FILIAZIONE FUORI DEL MATRIMONIO: PROSPETTIVA STORICA E COMPARATA 1. L età classica...................................

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4478 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BELLILLO, ADDUCE, ANGIONI, BIELLI, BOGI, BULGARELLI, COLUCCINI, MAURA COSSUTTA, DEIANA, MAZZARELLO,

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA

LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA Emma Ciccarelli Presidente Forum delle Associazioni Familiari del Lazio La famiglia in Italia PROFONDI SQUILIBRI SOCIALI E DEMOGRAFICI causa e effetto le difficoltà

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Brescia

Tribunale per i Minorenni di Brescia Tribunale per i Minorenni di Brescia Via Malta n. 12 N. 716/13 R.G.C.C. N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Brescia, riunito in Camera di Consiglio, nelle persone dei sigg.: Dr.ssa Maria Carla Gatto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

Seminario 20 febbraio 2014

Seminario 20 febbraio 2014 Seminario 20 febbraio 2014 Le modifiche della gius9zia minorile dal 7 febbraio 2014 l. n.219/2012 riconoscimento figli naturali d.lgs. n.154/2013 revisione disposizioni in materia di filiazione Il dirieo

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano /RUGLQDQ]DVHQWHQ]DODSULPDGHO7ULEXQDOHSHULPLQRUHQQLGL1DSROLFKHDIIURQWDLOSUREOHPDGHOOD FRPSHQ]D GHO JLXGLFH PLQRULOH LQ WHPD GL DIILGR FRQGLYLVR q VWDWD UHGDWWD GDO 3UHVLGHQWH 9LFDULR GU 6HUHQD %DWWLPHOOLHG

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti) INDICE Introduzione... xi PARTE PRIMA UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA 1. Il linguaggio giuridico delle relazioni familiari... 3 2. Le espressioni obsolete.... 4 3. Il linguaggio condiviso...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461 Senato della Repubblica LEGISLATURA N. 3461 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori BUGNANO, LANNUTTI e MASCITELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 SETTEMBRE 2012 Modifiche alla legge 4 maggio 1983,

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres.

L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres. L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres. Regolamento per la concessione degli assegni una tantum correlati alle nascite e

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Roma, 13 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. Art. 27 del DPR 29 settembre 1973, n. 600 Imputazione soggettiva dei redditi (utili

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti CODICE CIVILE LIBRO I Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti Art. 291 Condizioni L'adozione è permessa alle persone che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2216 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 APRILE 2003 Modifica alla legge 21 dicembre 1999, n. 508, in materia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 8/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 13 gennaio 2012 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Rettifica di valore degli immobili inseriti nella dichiarazione

Dettagli

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli;

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli; Lezione 3 Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il diritto alla salute Abbiamo già sottolineato che il beneficiario ultimo del testo unico è la figura del lavoratore. La cui

Dettagli

Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA Allegato parte integrante ALLEGATO A) - Disciplina ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE, AI FINI DELL AMMISSIONE AGLI ASSEGNI

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso CAMERA MINORILE DI TORINO CONSIGLIO ORDINE CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA Premesso Che l entrata in vigore delle norme processuali

Dettagli

Nel sistema privatistico, i soggetti si caratterizzano per la loro autonomia e per la posizione di parità innanzi alla legge.

Nel sistema privatistico, i soggetti si caratterizzano per la loro autonomia e per la posizione di parità innanzi alla legge. Codice Civile Il Codice civile è il principale corpus normativo del diritto privato, ossia quella branca del diritto che regola i rapporti giuridici tra i privati cittadini, sia nella sfera personale e

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo) Assegnazione della casa familiare Box auto Assenza del vincolo pertinenziale-

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

Al Presidente del Collegio Geometri e Geometri laureati della Provincia di xxx. Al Responsabile dell Area Governo del Territorio del Comune di xxx

Al Presidente del Collegio Geometri e Geometri laureati della Provincia di xxx. Al Responsabile dell Area Governo del Territorio del Comune di xxx DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

Nota di approfondimento

Nota di approfondimento Nota di approfondimento Applicazione delle sanzioni tributarie ai tributi locali a seguito delle modifiche disposte con la legge finanziaria per il 2011 ad alcuni istituti di definizione agevolata. Con

Dettagli

REGOLAMENTO. Bonus Bebè

REGOLAMENTO. Bonus Bebè COMUNE DI NURAGUS PROVINCIA DI CAGLIARI Piazza IV Novembre 08030 NURAGUS Tel. 0782/82101-821003 - Fax 0782/818063 segrcomune.nuragus@tiscali.it P.IVA 00697840916 C.F. 81000190918 REGOLAMENTO Bonus Bebè

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE. Art. 1 - Istituzione e compiti.

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE. Art. 1 - Istituzione e compiti. REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE Art. 1 - Istituzione e compiti. 1. L Avvocatura dell E.R.A.P. MARCHE provvede alla tutela dei diritti e degli interessi dell Ente secondo le norme contenute

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

La successione. Obiettivi

La successione. Obiettivi La successione Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo delle vicende che possono condurre alla modifica delle parti originarie del rapporto processuale, in particolare, della

Dettagli

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che SETTORE ASSICURATIVO Il giorno 18 aprile 1995 tra l ANIA e le OO.SS. premesso che Le Parti intendono, con il presente accordo, dare attuazione agli adempimenti loro demandati dal decreto legislativo 19

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1372 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice TOIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2002 (*) Modifica dell articolo 156 del codice civile, e norme

Dettagli

DECRETO 25 maggio 2001, n. 337

DECRETO 25 maggio 2001, n. 337 DECRETO 25 maggio 2001, n. 337 Regolamento recante modifiche al decreto del Ministro per la solidarietà sociale 1 dicembre 2000, n. 452, in materia di assegni di maternità e per i nuclei familiari con

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

5. La nascita: DOCUMENTI E PRATICHE. 5.1 La dichiarazione di nascita

5. La nascita: DOCUMENTI E PRATICHE. 5.1 La dichiarazione di nascita 5. La nascita: DOCUMENTI E PRATICHE 5.1 La dichiarazione di nascita La dichiarazione di nascita è un atto obbligatorio per l iscrizione del/della neonato/a nel registro comunale dello stato civile (D.p.r.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6).

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6). IL REGOLAMENTO EUROPEO RELATIVO ALLE DECISIONI IN MATERIA MATRIMONIALE E DI POTESTA DEI GENITORI N 1347/2000, del 29 maggio 2000 in vigore dal 1 marzo 2001 1. LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE Quando il regolamento

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione.

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Eleonora Morfuni L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) S 10/2012 gennaio 2012 Le schede ** Indice 1. L influsso

Dettagli

Note di aggiornamento Luglio 2008

Note di aggiornamento Luglio 2008 G. Zagrebelsky - G. Oberto - G. Stalla - C. Trucco COMPENDIO DI DIRITTO Note di aggiornamento Luglio 2008 1. Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia 2. Indennità di espropriazione delle

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1245

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1245 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 1245 Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di cognome dei coniugi e dei figli 01/02/2016-13:43 Indice 1. DDL S. 1245

Dettagli

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o Ne bis in idem: modifica delle condizioni di separazione ex art. 710 c.p.c. e divorzio (improcedibile il primo, se instaurato il secondo) commento a decreti del Tribunale di Genova, 31.01.2012 e 21.02.2012)

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

Il diritto di famiglia è senza dubbio uno dei. Riforma sulla filiazione: Pillole su cosa cambia. Daniela Infantino. Abstract

Il diritto di famiglia è senza dubbio uno dei. Riforma sulla filiazione: Pillole su cosa cambia. Daniela Infantino. Abstract : Pillole su cosa cambia Daniela Infantino Abstract Alcune considerazioni sulle modifiche al diritto di famiglia, di cui alla Legge 10 dicembre 2012 n. 219 e al Decreto Legislativo 28 dicembre 2013 n.

Dettagli

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato ADOZIONI ADOZIONE Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato 1 Un po di storia.. tutelare le aspettative di successione prima Legge 431/1967

Dettagli

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI Il presente articolato è stato depositato alla Camera dei Deputati in sede di audizione dalla dott.ssa Barbara Fabbrini.. TESTO DA EMENDARE PROPOSTA DI EMENDAMENTO

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione... pag. VII La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. IX Indice-Sommario... pag. XV CAPITOLO I STORIA GIURIDICA DELLA FILIAZIONE

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI SULLE PARCELLE PROFESSIONALI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

Circolare Informativa n 30/2013. Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro

Circolare Informativa n 30/2013. Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro Circolare Informativa n 30/2013 Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 5 INDICE Premessa pag.3 1) Collocamento disabili e disciplina

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

COMUNE DI CARLINO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS BEBE PER I FIGLI SUCCESSIVI AL PRIMO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CARLINO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS BEBE PER I FIGLI SUCCESSIVI AL PRIMO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS BEBE PER I FIGLI SUCCESSIVI AL PRIMO APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 38 del 08/11/2012 AFFISSO all albo pretorio dal

Dettagli

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Beppe Baffert USR CISL Piemonte . Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

RIEPILOGO SITUAZIONE EREDITARIA in assenza di testamento aggiornata al 02/07/15

RIEPILOGO SITUAZIONE EREDITARIA in assenza di testamento aggiornata al 02/07/15 RIEPILOGO SITUAZIONE EREDITARIA in assenza di testamento aggiornata al 02/07/15 Premessa Pag.2 Mappatura degli eredi Pag.3 Posizione globale eredi Pag.5 Documento riservato! Dossier: 1 pagina 1 PREMESSA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Approvato dal Consiglio direttivo nella seduta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE ART. 1 Oggetto della disciplina 1. Sono disciplinate dal presente Regolamento le invenzioni

Dettagli

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue.

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DELL'ELENCO DEI FUNZIONARI INTERNAZIONALI DI CITTADINANZA ITALIANA, A NORMA DELL'ARTICOLO 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 17 DICEMBRE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1380 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DE POLI, BUTTIGLIONE, CICCANTI e TREMATERRA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 Istituzione del Garante nazionale

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli