Capitolato. Speciale PROCEDURA RISTRETTA NAZIONALE PER LA FORNITURA DI MATERIALE HARDWARE E CIG. N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato. Speciale PROCEDURA RISTRETTA NAZIONALE PER LA FORNITURA DI MATERIALE HARDWARE E CIG. N. 0493111012."

Transcript

1 PROCEDURA RISTRETTA NAZIONALE PER LA FORNITURA DI MATERIALE HARDWARE E SOFTWARE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO DEI SERVER CON UN SOTTOSISTEMA DI MEMORIZZAZIONE IN ARCHITETTURA UNIFIED STORAGE. CIG. N

2 1 Premessa Oggetto della fornitura Caratteristiche tecniche INFRASTRUTTURA DI ELABORAZIONE Enclosure per server Blade (Chassis) Server Blade Moduli di interconnessione interna Gateway di interconnessione esterna Modulo di gestione del sistema Switch SAN per dischi Sistema Operativo Switch Software INFRASTRUTTURA DI STORAGE Specifiche Sottosistema Network Attached Storage Componenti Hardware Componenti Software ARMADIO RACK THIN CLIENT MONITOR INSTALLAZIONE, CONFIGURAZIONE E MIGRAZIONE NELLA NUOVA INFRASTRUTTURA DELLE VIRTUAL MACHINE ESISTENTI Condizioni Tempistica Budget amministrato Modalità di presentazione dell offerta Garanzia a corredo dell offerta Procedura di gara Criteri di aggiudicazione Garanzia di esecuzione Obblighi e responsabilità a carico della ditta appaltatrice Modalità di pagamento Revoca

3 15 Aggiudicazione Rinuncia all aggiudicazione Risoluzione del contratto e recesso unilaterale Vicende soggettive del partecipante Penali Divieto di subappalto Informativa sul Trattamento dei Dati Personali Responsabile della procedura Garanzie e Proprietà Rispetto della Trasparenza Riservatezza dei Dati Variazioni

4 Procedura RISTRETTA 1 Premessa ISMEA intende dotare la propria architettura informatica di una infrastruttura di Elaborazione e Storage in sostituzione ed incremento dei sistemi attualmente esistenti. 2 Oggetto della fornitura Costituisce oggetto della presente procedura di gara la fornitura di: a. N. 1 INFRASTRUTTURA DI ELABORAZIONE b. N. 1 INFRASTRUTTURA DI STORAGE c. N. 1 ARMADIO RACK 19 d. N. 30 THIN CLIENT e. N. 30 MONITOR f. INSTALLAZIONE, CONFIGURAZIONE E MIGRAZIONE NELLA NUOVA INFRASTRUTTURA DELLE VIRTUAL MACHINE ESISTENTI. g. GARANZIA 12 MESI CON MODALITÀ 8X5 CON INTERVENTO ENTRO IL GIORNO LAVORATIVO SUCCESSIVO, RINNOVABILE DI ANNO IN ANNO PER ULTERIORI DUE ANNI. Nell ottica di implementare un consolidamento degli ambienti server e di una successiva razionalizzazione dell architettura client, l infrastruttura di storage su indicata dovrà avere caratteristiche di flessibilità in termini di prestazione associata alla tecnologia dei dischi e dei protocolli di interconnessione verso i server. Allo stesso tempo l architettura server dovrà rispondere ai più moderni requisiti in ambito di scalabilità, di ottimizzazione dei consumi, degli spazi e dell affidabilità intesa come tolleranza ai guasti. 3 Caratteristiche tecniche 3.1 INFRASTRUTTURA DI ELABORAZIONE Per il consolidamento ed il rinnovo del parco server la società aggiudicataria dovrà fornire un sistema di computing con server in tecnologia blade. Di seguito sono descritte le caratteristiche tecniche minime cui devono necessariamente rispondere tutte le apparecchiature che costituiscono l infrastruttura. Le caratteristiche tecniche minime espresse per ognuna delle apparecchiature contribuiscono a soddisfare i requisiti generali di sistema. L offerta tecnica e l offerta economica dovranno includere tutte le componenti software e relative licenze software accessorie necessarie al corretto funzionamento degli apparati proposti nonché tutte le componenti hardware accessorie necessarie al corretto funzionamento oggetto della presente procedura di gara. L architettura richiesta prevede uno chassis dotato di: - n. 6 server blade; - di n. 2 sistemi di interconnessione interna; - di n. 4 Power Supply in grado di ridondare pienamente l alimentazione del sistema. Il su indicato chassis sarà collegato a sua volta a due sistemi esterni (gateway di interconnessione), entrambi contenenti al loro interno il modulo di management per 4

5 l intera architettura garantendo quindi alta affidabilità anche per il management del sistema. I due gateway di interconnessioni esterni a loro volta forniranno la connettività esterna verso la rete LAN e le fabric SAN già disponibili collegando il sistema al resto dell infrastruttura di rete. Il modello architetturale suggerito viene illustrato nella seguente figura: SAN A Ethernet SAN B Gateway di interconnessione esterno Gateway di interconnessione esterno FCoE Ethernet Fiber Channel Chassis con 6 Blade Server half-width e 2 gateway di connessioni interne Le connessioni tra i moduli di interconnessione interna ed i gateway di interconnessione dovranno essere due collegamenti 10 Giga basati sull estensione dell Ethernet denominata DCB (Data Center Bridging) che supportino anche Fiber Channel over Ethernet (FCoE) per un totale di 20 Giga, espandibili in futuro fino a 40 Giga per ciascun modulo di interconnessione interno, 80 Giga totali per chassis. Il sistema dovrà essere gestito e configurato attraverso due moduli di management integrati all interno dei gateway di interconnessione, disposti in modalità Active/Standby. Di seguito viene riportato il dettaglio delle caratteristiche tecniche delle varie macchine Enclosure per server Blade (Chassis) L enclosure (chassis) dovrà possedere le seguenti caratteristiche minime : Descrizione Requisito Minimo Caratteristica Formato Rack-Mount 19 Occupazione 6RU verticale massima 5

6 Numero di moduli Blade server allocabili Moduli di almentazione Sistema di raffreddamento Gestione Connettività 8 half-width blade 4 full-width blade Fino a 4 moduli di alimentazione sostituibili a caldo con ridondanza N+1 (4 previsti dalla fornitura in oggetto) Fino a 8 fan-tray hot-swappable per ciascuno chassis. Gestione integrata nelle componenti di interconnessione esterna (vedi sezione successiva) Ethernet DCB, FcoE, tramite moduli di interconnessione interna (vedi sezione successiva) Server Blade Si richiede le fornitura di n. 6 server di tipo Half Blade I server dovranno possedere le seguenti caratteristiche hardware: Descrizione Caratteristica Processore Memoria RAM Connettività Unificata Requisito Minimo Numero 2 Processori Intel Intel Xeon E Ghz Il quantitativo di memoria RAM indirizzabile dovrà essere di 96GB di memoria tipo DDR3 per i server blade half-width. L offerta dovrà inizialmente contenere 48 GB per ciascuna half blade server, composti da 12 moduli da 4 GB ciascuno Le connessioni tra il server ed il backplane dello chassis devono essere realizzate tramite una CNA (Converged Network Adapter) in formato mezzanine card; La mezzanine card del server deve fornire 2 porte 10 Gbit capaci di veicolare traffico Ethernet e Fiber Channel over Ethernet (FCoE) e in grado di creare almeno 25 schede virtuali in hardaware compatibili con VMWARE vsphere 4.0 Enterprise Plus per ogni blade 6

7 Moduli di interconnessione interna Fanno parte della richiesta 2 moduli di interconnessione interna, ciascuno dotato di 2 collegamenti attivi a 10 Giga verso ciascuno dei due gateway di interconnessione esterna. I moduli di interconnessione interni dovranno connettere lo chassis ai gateway di interconnessione esterni: tali moduli saranno ospitati nello chassis fino ad un numero di 2. Ciascun modulo dovrà supportare fino a 4 connessioni 10Gbps tra lo chassis ed il gateway di interconnessione esterno, per un un totale supportato di 8 connessioni per singolo chassis (80 Gb/s). Di seguito le caratteristiche tecniche del singolo modulo di interconnessione interna: Descrizione Caratteristica Performance: Caratteristiche Layer 2 Caratteristiche di QoS: Requisito Minimo Il modulo dovrà prevedere un modello di switching in grado di rendere predicibile ed il più possibile costante la latenza indipendente dalla dimensione del pacchetto, dal percorso preso e dalle carattersitiche attive sulla macchina. Layer 2 VLAN trunks; Incapsulamento IEEE 802.1Q VLAN; Supporto fino a 256 VLANs e virtual SANs (VSANs); Supporto di architetture in grado di estendere la rete al livello di Virtual Machine; Jumbo frames su tutte le ports (fino a 9216 bytes); Pause frames (IEEE 802.3x); Layer 2 IEEE 802.1p (CoS); Accodamento in uscita basato su CoS; Accodamento in uscita di traffico ad alta priorità; Scheduling in uscita basato su porta fisica in modalità weighted Round-Robin (WRR); 4 code hardware per porta; Alta affidabilità: Fino a due moduli di interconnessione interni per ciascuno chassis configurati in modalità altà afidabilità; Data plane in modalità active-active con failover tra i moduli interni; Control plane in modalità operativa active-passive; 7

8 Gestione Gestione dei moduli di interconnessione interni realizzata attraverso il componente di management integrato nei gateway di interconnessione esterna; Caratteristiche per PFC (per-priority pause frame support); lossless 10 Gigabit Data Center Bridging Exchange (DCBX) Protocol; Data Center Bridging IEEE 802.1Qaz: Bandwidth management; Standard IEEE 802.1p: CoS; IEEE 802.1Q: VLAN tagging; IEEE 802.3: Ethernet; IEEE 802.3ad: LACP; IEEE 802.3ae: 10 Gigabit Ethernet; supporto per connettori SFP+; Gateway di interconnessione esterna Il gateway di interconnessione dovrà garantire: La comunicazione con la LAN del Data Center e le SAN del Data Center rispettivamente tramite l utilizzo dei protocolli Ethernet e Fibre Channel; La separazione del protocollo Fiber Channel over Ethernet nelle componenti Ethernet e Fiber Channel; La presenza di moduli di espansione che garantisce la connessione alla LAN o alla SAN per mezzo di connessioni di tipo 10GigabitEthernet, Fibre Channel o un misto delle due tipologie. Il gateway di interconnessione esterna dovrà contenere il sistema di gestione integrato in grado di amministrare tutte le componenti del sistema, incluse server blade, chassis e moduli di interconnessione interni. I n. 2 gateway di interconnessione esterni dovranno collegare il sistema di server al resto della rete, sia alla rete LAN che alla rete SAN. In particolare, la connettività alla rete Fiber Channel dovrà essere prevista da un modulo di espansione dotato di 6 porte Fiber Channel a 8/4/2/ Gbps. Di seguito alcune caratteristiche che il gateway di interconnessione esterno dovrà prevedere: Descrizione Requisito Minimo Caratteristica Performance Il modulo dovrà prevedere un modello di switching in grado di rendere predicibile ed il più possibile costante la latenza indipendente dalla dimensione del pacchetto, dal percorso preso e dalle 8

9 carattersitiche attive sulla macchina; Capacità di switching non inferiore a ½ Tbit/sec wirespeed (non bloccante) Massimo numero di entry nella tabella MAC: 16,000; Scalabilità Almeno 20 porte 10 Gigabit Ethernet Data Center Bridging (DCB) full speed per il collegamento dai moduli di interconnessione interni, per singolo modulo. n.b. Ogni singolo modulo da 20 porte 10 Gigabit Ethernet, dovrà essere fornito completo di almeno 2 interfacce ottiche 10GbE Short Range Ethernet formato SFP+ (4 in totale). Almeno 6 porte Fibre Channel 8/4/2 Gbps su modulo di espansione interno, comprensivo di tutti i transceiver ottici 8/4/2 Gbps FC. Supporto hardware per un massimo di 20 chassis/160 blade half-width; Caratteristiche Layer Layer 2 interconnect e trunk VLAN; 2 Ethernet e Fiber Incapsulamento IEEE 802.1Q VLAN; Channel Supporto fino a 256 VLANs e 256 virtual SANs (VSANs) per ciascun modulo gateway; Supporto per Virtual Fabric tramite Frame Tagging (VSAN) come da standard T11/ANSI; Rapid Per-VLAN Spanning Tree Plus (PVRST+); Internet Group Management Protocol (IGMP) Versions 1, 2, and 3 snooping; Link Aggregation Control Protocol (LACP): IEEE 802.3ad; EtherChannel hashing avanzato basato su informazioni layer 2, 3, and 4; Jumbo frames su tutte le porte (fino a 9216 bytes); Pause frames (IEEE 802.3x); Caratteristiche di QoS Layer 2 IEEE 802.1p (CoS); Otto code hardware per porta; Configurazione QoS per-porta; CoS trust; Accodamento in uscita basato su CoS; Accodamento in uscita di traffico ad alta priorità; Scheduling in uscita basato su porta fisica in modalità weighted Round-Robin (WRR); Alta affidabilità: Gli alimentatori, fan tray e moduli di espansione devono essere hot-swappable (rimpiazzabili a macchina accesa); Ridondanza alimentazione in modalità 1+1; 9

10 Gestione: Caratteristiche per lossless 10 Gigabit Data Center Bridging: Standard: Realizzato attraverso il modulo di gestione integrato nei gateway di interconnessione esterna; PFC (per-priority pause frame support); Data Center Bridging Exchange (DCBX) Protocol; IEEE 802.1Qaz: Bandwidth management; IEEE 802.1p: CoS prioritization; IEEE 802.1Q: VLAN tagging; IEEE 802.1s: Multiple VLAN instances of Spanning Tree Protocol (MSTP); IEEE 802.1w: Rapid reconfiguration of Spanning Tree Protocol (RSTP); IEEE 802.3: Ethernet; IEEE 802.3ad: LACP; IEEE 802.3ae: 10 Gigabit Ethernet; Supporto per connettori SFP+; RMON; Modulo di gestione del sistema L unità di management dovrà essere integrata all interno del gateway di interconnessione esterno e dovrà garantire la configurazione, il monitoraggio, sia in locale che in remoto, indipendentemente dallo stato acceso/spento, dei server in un singolo dominio di management. Le unità di management ed interconnessione dovranno essere utilizzate in ridondanza active-passive e costituiranno un singolo punto di gestione per tutti gli chassis ed i blade server in essi connessi. Il sistema di gestione integrato dovrà permettere di gestire l intero dominio di server da un singolo punto. Dovrà essere possibile definire dei profili rappresentanti le configurazioni dei device gestiti nel dominio del sistema. Il profilo dovrà contenere ogni informazione relativa alla configurazione ed all identità dei singoli server e dei loro adapter (MAC address, WWN, boot order, versione firmware, management, ecc..). La disponibilità di tali profili, nonchè la possibilità di automatizzare la loro associazione ai vari device, permette di minimizzare i tempi di configurazione e di messa in opera dei device all interno del dominio gestito. Il sistema di gestione dovrà essere in grado di effettuare la discovery, l inventario, la diagnostica, il monitoring, la rilevazione di guasti e la raccolta statistiche degli apparati controllati. Il sistema dovrà essere gestito da diversi gruppi/utenti in modalità RBAC, potendo quindi assegnare al singolo utente/gruppo determinati permessi/limitazioni. Il sistema di gestione dovrà comunicare con altri dispositivi dedicati alla raccolta dati, tramite protocolli standard SMASH, IPMI e CIM XML Switch SAN per dischi Sono richieste due unità switch Fibre Channel con le seguenti caratteristiche minime: 10

11 - n. 16 porte Fibre Channel 1/2/4 Gb/s full speed attive; - espandibilità fino a 24 porte 1/2/4 Gb Fibre Channel; - supporto di almeno n. 16 Virtual Fabric (VSAN) per swith tramite frame tagging come da standard T11/ANSI; - doppio alimentatore ridondato sostituibile a caldo Sistema Operativo La proposta tecnica / economica dovrà comprendere la fornitura di licenze VMware vsphere 4.0 Enterprise Plus per 12 socket (n. 6 blade server). Si richiede l upgrade delle licenze esistenti per la virtualizzazione dei desktop da VMware VDI con il Virtual Desktop Manager (VDM) a l ambiente equivalente VMware View (comprensivo di VMware View Manager, Composer, Thin App) Si richiede la fornitura di 1 licenza VMware ESX Virtual Center Server Switch Software All interno dei blade server del sistema dovranno essere previsti dei moduli di switching software per garantire la corretta coesione tra le operazioni di virtualizzazione applicativa e virtualizzazione di rete. Tale software dovrà essere compatibile con la versione Vmware vsphere 4.0. Tramite questo switch software, che collega la porta virtuale di uscita delle VM all ingresso della rete fisica, dovrà essere possibile far seguire le policy di rete alla migrazione delle VM verso il server di destinazione in termini di VLAN, parametri QoS, funzioni di sicurezza e sessioni di monitoring. Lo switch software dovrà essere composto da 2 componenti software: il modulo software di controllo ed il modulo software installato nei singoli server fisici alternativo al modulo software fornito nell Hypervisor. Tale switch software dovrà comunicare con il sistema di gestione delle Virtual Machine (vcenter) al fine di fornire il giusto profilo di connessione in rete alla giusta Virtual Machine e scambiare informazioni relativamente allo stato delle interfacce virtuali delle VM stesse. L offerta dovrà prevedere 12 licenze di switch virtuali per coprire i n. 6 blade server richiesti (12 socket totali). Lo switch software dovrà avere le seguenti caratteristiche minime: Compatibilità con VMware vsphere e le seguenti funzioni avanzate: VMware VMotion VMware Distributed Resource Scheduler (DRS) VMware High Availability (HA) VMware Storage VMotion VMware Fault Tolerance (FT) VMware Update Manager Configurazioni massime supportate: 64 host VMware ESX o ESXi (64 moduli di switching software) per ogni modulo software di controllo; 2048 porte virtual Ethernet per VMware vds, con 216 porte virtual Ethernet per host fisico; 11

12 512 VLAN attive; 32 NIC fisiche per host fisico; 256 port channels per VMware vds, con 8 PortChannels per host fisico; Caratteristiche Layer 2: Porte switch Layer 2 e VLAN trunks; Incapsulamento IEEE 802.1Q VLAN; Link Aggregation Control Protocol (LACP): IEEE 802.3ad; Port Channel avanzato basato su hashing di informazioni Layer 2, 3 e 4; MAC address di origine (default); Virtual port ID; Numero IP e porta L4 di destinazione; Numero IP, porta L4 di destinazione e VLAN; Numero IP e VLAN; MAC address di destinazione; Porta Layer 4 di destinazione; IP di sorgente, IP di destinazione e porta Layer 4; IP di sorgente, IP di destinazione, porta Layer 4 e VLAN; IP di sorgente, IP di destinazione e VLAN; MAC Address di origine e destinazione; Porta Layer 4 di sorgente e destinazione; Indirizzo IP e porta Layer 4 di origine; Indirizzo IP di sorgente, porta Layer 4 e VLAN; Indirizzo IP di sorgente e VLAN; Indirizzo MAC di sorgente; Porta Layer 4 di sorgente; VLAN Modalità Virtual Port Channel Host Mode Private VLANs con porte Promiscuous, Isolated e Community Private VLAN sui trunks Internet Group Management Protocol (IGMP) Snooping Versions 1, 2 e 3 Supporto per Jumbo frame, fino a 9216 bytes Prevenzione di loop integrata mediante sistemi di filtraggio delle bridge protocol data unit (BDPU) QoS con granularità alla Virtual Machine: Classificazione QoS basata su: Access group (ACL); IEEE 802.1p CoS; IP Type of Service: IP precedence o DSCP (RFC 2474); porte User Datagram Protocol (UDP); Lunghezza del pacchetto; Marking basata su: Two Rate Three Color Marker (RFC 2698); IEEE 802.1p CoS marking; 12

13 IP Type of Service: IP precedence o DSCP (RFC 2474); Traffic policing (rate limiting su transmissione e ricezione); Modular QoS CLI (MQC); Sicurezza: ACL sulle porte Ethernet e virtual Ethernet in ingress ed uscita; ACL Layer 2 standard ed estese: MAC address ed IPv4; Indirizzo MAC di sorgente; Indirizzo MAC di destinazione; Ethertype; VLAN; CoS; ACL Layer 3 e 4 standard ed estese: Indirizzo IP di sorgente; Indirizzo IP di destinazione; DSCP; Precedence; Protocollo (TCP, UDP, Internet Control Message Protocol [ICMP] ed IGMP); Porta di sorgente; Porta di destinazione; TCP flags; ICMP ed IGMP type; Codice ICMP; Port-based ACLs (PACLs); Named ACLs; statistiche ACL; Funzionalità di port security Alta affidabilità: Failover Stateful del modulo di controllo; Management: Tramite software via CLI console; Funzioni di port mirroring locale di una porta fisica, di un interfaccia port- channel o di una VLAN; Funzioni di port mirroring remoto; SNMP (read) v1, v2 e v3; Supporto avanzato di SNMP MIB; SSH v2; Telnet; Autenticazione, autorizzazione ed accounting (AAA); TACACS+; RADIUS; Syslog; Role based access control (RBAC); 13

14 Contatori e statistiche per interfacce in direzioni ingress ed egress; Network Time Protocol (NTP) RFC 1305; Domain Name Services (DNS) per interfacce di management 3.2 INFRASTRUTTURA DI STORAGE L Ismea intende realizzare un architettura Unified Storage in grado di erogare connettività SAN nativa e NAS nativa (senza l interposizione di Gateway o file server) attraverso l implementazione di un apparato integrato, capace di indirizzare lo spazio disco disponibile anche su protocolli standard IP. Questa tecnologia dovrà consentire all Istituto di sfruttare appieno l infrastruttura Ethernet Gigabit presente e la condivisione dei dati con accesso di tipo File-level (File sharing), oltre che Block-level. Lo stesso sottosistema dovrà consentire l accesso ai dati anche attraverso l abilitazione e quindi il supporto del protocollo iscsi. Il sistema di Storage oggetto della presente fornitura sarà collocato presso i locali Ced della sede ismea di Via Celso. L Ismea ha individuato e definito le prestazioni dei dischi da fornire e pertanto la loro tecnologia tenendo conto delle prestazioni necessarie all ottimale funzionamento delle applicazioni nel contesto delle architetture utilizzate per l implementazione delle applicazioni stesse. Lo storage dovrà essere in grado di fornire capacità di Engineering ovvero utilizzabili dalle applicazioni secondo il seguente schema: Capacità da configurare nello Storage N dischi HDA (GB) Raid Applicativo Connettività Capacità Engineering (GB) 450 FC 11* 10Kprm Raid 5 (4+1) VmWare Server iscsi ** 1000 SATA 7,2 Kprm Raid 5 (8+1) VDI/File Server iscsi/nas 7337 * compreso disco spare ** compreso disco spare Il totale della capacità disco minima richiesta è pari a 10 TB Utili da ottenere con tecnologia Fibre Channel e SATA., il sottosistema dovrà essere in grado di scalare fino a 120 dischi complessivi. E richiesto che l architettura di storage offerta sia predisposta all implementazione di soluzioni di: Backup di tipo Lan-free via NDMP Backup di tipo Lan-free su disco via NDMP (VTL per NAS) Copia istantanea dei dati (logica) Disaster Recovery (replica remota) Boot dei Server Esterno (boot da sottosistema di storage) Supporto Antivirus 14

15 Supporto a software di HSM In particolare, relativamente al Disaster Recovery, si richiede che lo storage sia predisposto a supportare funzionalità di replica remota asincrona dei dati (remotizzazione Array Based). Il presente capitolato, contiene le specifiche tecniche necessarie alla definizione di un offerta relativa ai sistemi di Storage necessari allo scopo, le cui quantità e caratteristiche minime sono riportate in allegato al presente capitolato. La richiesta di infrastruttura storage riguarda la fornitura di : Hardware N. 1 Sottositema di Storage integrato a doppio controller (Primary/Standby) N. 1 Unità di management fisicamente separata dai controller; N. 2,8 TB di capacità utile con dischi FC; N. 7,3 TB di capacità utile con dischi SATA. Software: N 1 licenza Software di gestione del sottosistema; N 1 licenza Software per utilizzo dei protocolli CIFS, NFS e iscsi; N 1 licenza Software relativo alla gestione delle funzionalità di copie snap dei volumi; Servizi: consegna, installazione, configurazione del sistema storage nelle sue componenti SAN e NAS; la garanzia dovrà coprire tutti i prodotti hardware e software oggetto della fornitura per la durata di almeno 12 mesi con tipologia 8x5 con intervento entro il giorno lavorativo successivo all apertura della chiamata, rinnovabile di anno in anno per ulteriori due anni Specifiche Sottosistema Network Attached Storage Il sistema richiesto dovrà permettere di utilizzare la capacità disco interna attraverso i protocolli standard di rete NFS e CIFS, oltre al protocollo iscsi. Considerata la criticità delle applicazioni coinvolte, il sistema dovrà garantire elevati livelli di affidabilità, sicurezza e performance. In tale ottica dovrà essere offerto un sistema con architettura completamente Fibre Channel, ridondata in ogni suo componente: controllers, alimentatori, ventole di raffreddamento. Per architettura ridondata si intende che i dati siano sempre disponibili, senza alcun degrado di performance, anche in caso di fault di uno dei controller, e che il processo di failover dovrà avvenire in maniera automatica e trasparente per gli utenti. I controller di front-end, dovranno poter essere configurati in modalità Active/Standby. Il failover dovrà essere un operazione completamente automatica e trasparente all utente finale. Il sistema dovrà consentire l utilizzo contemporaneo di livelli RAID 0, 1, 3, 5, 6 su dischi FC da 146, 300, 450GB e SATA II da 1000GB o superiori. 15

16 Il sistema offerto dovrà possedere le caratteristiche hardware e software minime riportate di seguito: Componenti Hardware L architettura del sistema richiesto, dovrà essere ridondata in ogni suo componente e composta da un front-end, che consente la connettività verso la LAN e la gestione del sistema, tale sistema dovrà essere collegato internamente ad un back-end in full Fibre Channel 4Gb/s che si occuperà invece della completa gestione dei dischi. Il back-end dovrà essere dotato al suo interno una doppia unità di controllo ridondata dedicata esclusivamente alle operazioni di I/O e alla gestione della sicurezza RAID per ottimizzare al massimo le prestazioni dell intero sottosistema. Il sottosistema back-end dovrà essere accedibile direttamente attraverso 8 canali FC 4Gb/s; La gestione dei livelli Raid dovrà essere demandata ai processori del sottosistema dischi e dovrà essere esclusivamente di tipo hardware, svincolando i controller NAS da questo compito. Controllers NAS: Dovrà essere composto da almeno due moduli di controllo o controller integrati in un singolo rack, per garantire la completa continuità di servizio. I suddetti moduli gestiranno la connettività verso la LAN e le modalità di utilizzo dello spazio disco interno NAS. Ogni controller dovrà avere le seguenti caratteristiche minime: Nr 4 porte di tipo 10/100/1000 Mbps autosensing Ethernet con connettore in rame del tipo RJ45 (totale 6 porte) oppure - nr 2 porte di tipo 10/100/1000 Mbps autosensing Ethernet con connettore in rame del tipo RJ45 (totale 4 porte) + nr 2 porte di tipo Gbit Ethernet con connettore ottico (totale 4 porte) 4 GB di Memoria RAM (totale 8 GB) o superiore Nr 2 Processori Pentium Intel IV a 2.8 GHZ (totale 4) o superiore Nr 2 porte Fibre Channel 4Gbit (rame) per il collegamento interno verso i dischi (totale 4) o superiori Nr 1 porta Fibre Channel 2Gbit per il collegamento verso una libreria di backup (totale 2) Modulo di Controllo e Gestione: Dovrà essere fisicamente separata dai controller di gestione dati per garantire la massima sicurezza di accesso, e dovrà permettere di gestire e monitorare il sistema attraverso una GUI. Le caratteristiche minime del modulo di controllo devono essere le seguenti: N. 1 porte 10/100 Ethernet ; N. 6 porte seriali ; N. 2 porte USB ; 16

17 Dovrà inoltre consentire l abilitazione alla gestione attraverso Telnet, SMTP, HTTP e SNMP MIB II. Protezione della cache in scrittura Il sistema deve attuare meccanismi di protezione della write cache. In caso di interruzione dell'alimentazione del sistema questi meccanismi devono effettuare il destage del contenuto della cache su disco fisico, in modo da poter garantire l integrità dei dati indipendentemente dalla durata di assenza dell'alimentazione Array di dischi L array dei dischi, internamente collegato ai controller NAS, dovrà essere composto da almeno due moduli di controllo o controller in architettura Fibre Channel completamente ridondata, ed in grado di gestire autonomamente le operazioni di I/O e di gestione della protezione RAID. Ogni controller dell array di dischi dovrà avere le seguenti caratteristiche minime: 3 GB di Memoria Cache (totale 6 GB); Nr 2 Processori Pentium Intel IV a 2.8 GHZ (totale 4); Nr 2 porte Fibre Channel 4Gbit (rame) per il collegamento interno verso i dischi (totale 4); Supporto al RAID 0, 1/0, 1, 3, 5, 6; Supporto ai dischi di tipologia FC (146, 300, 450GB) e SATA da 1000GB o superiore; Nr 4 porte Fibre Channel 4Gbit (rame) per il collegamento verso i server Componenti Software Funzionalità Software Standard Sono richieste le seguenti funzionalità / compatibilità software: NFS v2-v4 in modalità nativa; CIFS in modalità nativa ovvero utilizzando software sviluppato con i sorgenti originali licenziati da Microsoft e non con emulatori predisposti con il metodo del Reverse Engineering (Vedi Samba); FTP; SFTP; iscsi; Supporto User/Group/Directory Quota; DNS Client; Windows AD; Routing Information Protocol (RIP) V1, V2; Simple Network Management Protocol (SNMP); Simple Mail Transfer Protocol (SMTP); Network Data Management Protocol (NDMP) V1-V4; Address Resolution Protocol (ARP); Internet Control Management Protocol (ICMP) ; Network Time Protocol (NTP) Client; Simple Network Time Protocol (SNTP) Client; Lightweight Directory Access Protocol (LDAP); 17

18 Dynamic DNS; Autenticazione Kerberos; Supporto Windows 2003 (SMB Signing); Supporto Group Policy Object; Virtual Tape Library NDMP per componente NAS. Software di Management Il software di management dovrà essere Web Based e integrato nel sistema NAS, per permettere all operatore di svolgere tutte le principali funzioni da un qualsiasi punto della rete. Queste le funzioni richieste: Configurazione della rete; Configurazione dell Hardware; Gestione di: o Controllers; o File System; o Shares; o Checkpoint; o Quote; o Automated Volume Management (AVM); Stato del sistema Wizard Help integrato Il sistema dovrà consentire anche un interfaccia di controllo di tipo Command Line Interface (CLI) e/o Windows like (MMC). Copie Snapshot Il sistema dovrà consentire la copia point-in-time in sola lettura dei file system di produzione. L utilizzo di questa funzione è utile per backup incrementali, recupero dei file modificati e/o cancellati, elaborazioni su Data Warehouse. Devono essere possibili almeno 96 copie snap per File System. Lo spazio necessario a contenere le aree di Snapshot, deve poter essere allocato in un gruppo di dischi differente da quello di produzione. Fail Safe Networking/Etherchannel/Lacp Il sistema dovrà poter essere configurato in modo che le porte Ethernet 10/100/1000 operino in modalità FailSafe. In tale modalità, mediante il collegamento a due switch di rete, dovrà essere possibile, in caso di guasto di una porta o di un cavo Ethernet, passare in modo trasparente sull interfaccia in stand-by. Aggregazione dei canali Ethernet in modalità Cisco EtherChannel oppure Lacp IEEE802.3ad. Supporto Vlan. NDMP Il sistema dovrà supportare il protocollo NDMP (Network Data Management Protocol), che permette tre vantaggi sostanziali: 18

19 prestazioni di backup elevate riduzione del traffico di rete dovuto al backup Possibilità di effettuare il back-up dell intero volume per ottimizzare i tempi Il sistema dovrà essere compatibile con i seguenti software di Backup: Veritas Netbackup Legato NetWorker CommVault galaxy HP Omniback Atempo Time Navigator Ibm Tsm Integrazione Ambienti W2K e W2K3 Il sistema dovrà essere in grado di supportare l integrazione in un dominio nativo Windows 2000/2003 o in mixed mode, in un tale dominio vengono supportati i Client Windows 2000, Windows 2003 e NT 4.0. I Domain Controller W2K supportano i client Pre- W2K tramite il protocollo NTLM trasportato su RPC. In ambiente W2K il sistema dovrà supportare: Dynamic DNS Domain/Local/Global/Universal Groups Sparse Files Windows 2003 Quotas Group Policy Object Supporto Antivirus Il sistema dovrà poter essere protetto da una soluzione antivirus integrata, attraverso l utilizzo di server esterni. Il servizio AntiVirus identifica ed elimina virus noti all'interno delle Share esportate dal sistema esclusivamente nel mondo Microsoft, sia esso basato su tecnologia NT che Windows 2000/2003. La soluzione dovrà essere certificata per i seguenti Anti Virus Engine: NAI/McAfee NetShield Symantec Norton AntiVirus Trend Micro s ServerProtect Computer Associates etrust Sophos AntiVirus Supporto alle funzioni di Compressione e Deduplicazione I sistemi devono essere predisposti ad effettuare la Compressione e la Deduplicazione dei dati in modo completamente trasparente all utilizzatore e minimizzandone l impatto in termini prestazionali del suo utilizzo. 19

20 La gestione della Compressione e la Deduplicazione dovà essere basata su delle semplici regole che andranno a definire quali dati dovranno essere trattati, queste regole dovranno essere basate minimo sui parametri di: Access Time Data di modifica Filtri posti sull estensione dei file e sul nome delle directory Supporto all HSM Il sistema dovrà essere predisposto e compatibile con l utilizzo di almeno n. 2 software di HSM per l archiviazione automatica dei dati su piattaforme di storage di 2 livello. Disaster Recovery Il sistema dovrà essere predisposto all implementazione di un architettura di Disaster Recovery verso un altro sottosistema simile, su rete geografica tramite protocollo TCP/IP e in modalità asincrona. Tale funzionalità è da intendersi come possibile richiesta futura opzionale e non è da considerarsi oggetto della suddetta fornitura. Caratteristiche tecniche minime del sistema di Storage CARATTERISTICHE MINIME RICHIESTE OFFERTE No Single Point Of Failure SI Five9 Cert. Cluster Integrato Nativo con almeno 2 controllers di tipo Attivo/Passivo o SI Attivo/Attivo N. e tipo di processori minimi sui controller NAS 4 x Intel Pentium IV 2.8 GHz N. porte Ethernet/Gbit 8 x 10/100/Gig-E N. porte Fibre Channel per il collegamento interno verso l array 4 4Gbit di dischi N. porte Fibre Channel per Back-up 2 2Gbit Memoria RAM sui Controller NAS 8 GB N. e tipo di processori minimi sui 4 x Intel Pentium IV 2.8 GHz controller dell array di dischi N. porte Fibre Channel per il collegamento interno verso i 4 4Gbit controller NAS N. porte Fibre Channel per il 8 4Gbit 20

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA SPECIALISTICA E DEI SERVIZI DI SVILUPPO, MANUTENZIONE ED EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) E DI BUSINESS

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n.

INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n. CIG 60528780F1 Pag.1 di 34 INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n. 43 GE 08-14 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DEL D.LGS.

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli