ACQUISIZIONE SU STRADA E RIPRODUZIONE AL BANCO DI SOLLECITAZIONI COMPLESSE SU COMPONENTI MOTOCICLISTICI SOGGETTI A FATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACQUISIZIONE SU STRADA E RIPRODUZIONE AL BANCO DI SOLLECITAZIONI COMPLESSE SU COMPONENTI MOTOCICLISTICI SOGGETTI A FATICA"

Transcript

1 ACQUISIZIONE SU STRADA E RIPRODUZIONE AL BANCO DI SOLLECITAZIONI COMPLESSE SU COMPONENTI MOTOCICLISTICI SOGGETTI A FATICA N. Petrone and M. Saraceni 1 Department of Mechanical Engineering, University of Padova, Padova (Italy) SOMMARIO Il lavoro presenta lo sviluppo di un simulatore di strada per forcelle motociclistiche presso la Paioli Meccanica, denominato MAFRS, basato su tre canali di carico disaccoppiati: FP, forza parallela all asse sterzo, FN, forza normale all asse sterzo, FB, forza di frenatura al disco. Le storie di carico rilevate su strada possono essere riprodotte al banco tramite un sistema complesso di strutture di vincolo e carico opportunamente progettate. Sono descritte in sintesi le fasi dello studio: (i) progetto di un sistema di misura dei carichi all asse ruota anteriore; (ii) acquisizione su strada degli spettri di carico significativi per diverse condizioni di guida; (iii) progetto di un simulatore di strada a tre canali sulla base dei carichi misurati; (iv) collaudo del sistema con una forcella di note caratteristiche progettuali e funzionali. Il MAFRS risulta uno strumento potente e versatile unico nel suo genere per la verifica strutturale completa di forcelle motociclistiche. ABSTRACT The work reports the concept and development of a road simulator for motorcycle forks at Paioli Meccanica, named MAFRS, with three decoupled control channels: FP, force parallel to the steering axis, FN, force normal to the steering axis, FB, disk brake force. Load histories measured in the field by means of dynamometric load cells can be reproduced in the simulator by a complex system of restraint and load structures. The steps of the study are shortly described: (i) design of dynamometric load cells for the measure of loads at the front wheel axis; (ii) field measurement of significant load spectra for different driving conditions; (iii) concept and design of a three channel road simulator based on the available load data; (iv) validation of the bench on a fork of known behaviour. MAFRS resulted to be a powerful and flexible tool for the complete structural assessment of motorcycle forks. 1. INTRODUZIONE Obiettivo iniziale del progetto era la possibilità di integrare le diverse fasi della progettazione e completare lo sviluppo di un prodotto complesso come una forcella motociclistica con una prova al banco che riproducesse il più fedelmente possibile la realtà e fosse più economica di

2 una campagna di prove di delibera su strada. Tipicamente, le forcelle motociclistiche, pur se progettate sulla base di esperienze precedenti e verificate con calcoli strutturali e funzionali, vengono sottoposte separatamente a prove di caratterizzazione idraulica, di verifica strutturale semplificata e di usura/attrito agli steli. La verifica complessiva comunque è demandata a prove di collaudo su prototipi, spesso limitate ad una componente di carico di flessione, a prove su banco a rulli ad ampiezza costante [1,2] o a lunghe e costose prove di delibera su strada, con elevati costi di impegno del veicolo, del pilota ed eventualmente della pista. Il funzionamento reale della forcella anteriore motociclistica è complesso per l elevato numero di componenti di carico potenzialmente presenti e per la varietà di manovre eseguibili su strada [3]; la forcella inoltre è il componente che, assieme al telaio, più condiziona il comportamento su strada del veicolo e, soprattutto, ne determina la sicurezza sia in condizioni normali, sia in condizioni limite o in eventi accidentali di impatto o caduta. Da qui lo sforzo di concepire un sistema complesso di prova in grado di riprodurre il più possibile al banco le condizioni di sollecitazione rilevabili su strada, con particolare attenzione al comportamento strutturale degli organi meccanici della forcella combinata con il suo funzionamento idraulico: in questo senso, soprattutto le sollecitazioni di frenata sono risultate mancanti sia dalle tradizionali prove a fatica a flessione con carico normale all asse sterzo, sia dalle usuali prove su banco a rulli. Il comportamento invece ai carichi laterali, pur fondamentale per le caratteristiche di guidabilità del veicolo, è stato considerato meno prioritario per lo sviluppo di un simulatore di strada. Nonostante la tecnologia di simulazione con banchi servoidraulici del comportamento strutturale e dinamico sia ormai prassi consolidata nel campo automobilistico, in campo motociclistico solo poche ditte al mondo possono affermare di utilizzare simulatori di strada per lo sviluppo/collaudo di motociclette complete, e probabilmente nessuna include nelle prove i carichi di frenatura ed i carichi laterali. Dal punto di vista del produttore di forcelle motociclistiche, la prova combinata forcellaveicolo completo è da un lato preferibile, in quanto rappresentativa dell effettivo comportamento finale della coppia forcella/telaio, da un altro lato possibilmente non vantaggiosa per la possibilità di comparsa di una serie elevata di criticità sul veicolo antecedenti a quelle sulla forcella che portano comunque ad un analisi ridondante e dispendiosa. Queste dunque le considerazioni che hanno spinto la Paioli Meccanica ad investire sullo sviluppo di un simulatore di strada che fosse in grado di mettere in prova la sola forcella anteriore applicando le sollecitazioni di affondamento, flessione e frenatura derivanti da reali misure su strada. Il presente lavoro descrive in sintesi le fasi dello studio: (i) progetto di un sistema di misura dei carichi all asse ruota anteriore; (ii) acquisizione su strada degli spettri di carico significativi per diverse condizioni di guida; (iii) progetto di un simulatore di strada a tre canali sulla base dei carichi misurati; (iv) collaudo del sistema con una forcella di note caratteristiche progettuali e funzionali. 2. MISURA DEI CARICHI ALL ASSE ANTERIORE Le attività di misura, oggetto di un precedente lavoro [3], hanno visto la realizzazione di uno scooter 150 completamente strumentato per lo studio sperimentale del comportamento dinamico e strutturale sia durante la normale marcia su strada che nell esecuzione di manovre tipiche utili alla simulazione dinamica ed alla previsione di vita a fatica. Il veicolo sviluppato, uno scooter Peugeot Elyseo 150 con un totale di 34 canali di misura, consente la misura dei

3 carichi agli assi ruota assieme alla dinamica nel piano e fuori dal piano del veicolo in prove di handling, in eventi tipici ed in prove di lunga percorrenza. I canali di forza sono stati rilevati mediante installazioni dedicate all asse ruota anteriore ed al supporto del motore al telaio: in particolare, per quanto riguarda la forcella anteriore, sono state appositamente realizzate due celle dinamometriche triassiali applicate ai foderi di serie come supporti del perno ruota anteriore. Il problema dell acquisizione dei carichi all asse ruota anteriore era già stato affrontato in precedenza con esperienze su scooter e motociclette, sia con ricorso a canali di misura applicati direttamente ai tubi di forza ed al cannotto della forcella, sia con lo sviluppo di perni strumentati [1,3,4]. La soluzione adottata (Figg. 1-2) è costituita da due supporti applicati a ciascun fodero della forcella. Essi sostengono l asse della ruota e sono sensibili alle componenti di carico secondo le direzioni P (parallelo all asse sterzo), N (normale all asse sterzo), L (laterale rispetto all asse sterzo). A posteriori, note le geometrie dei componenti in gioco, vengono calcolati i momenti relativi ai tre assi. Tale soluzione consente di superare i problemi di isteresi connessi al funzionamento non-lineare dei cuscinetti nel trasferimento del carico da ruota a perno estensimetrico. Lo sviluppo concettuale delle celle anteriori, a partire dalla forcella originale fino al progetto del sistema dinamometrico per la misura delle 6 componenti di carico all asse anteriore ed all applicazione dei supporti dinamometrici al perno ruota anteriore è descritto in Figura 1. a b c Figura 1: Sviluppo concettuale delle celle anteriori: (a) forcella originale, (b) progetto del sistema dinamometrico, (c) applicazione dei due supporti dinamometrici al perno ruota anteriore per la misura delle 6 componenti di carico all asse anteriore. In Figura 2 sono riportate le terminologie adottate per le grandezze misurate, distinte in componenti di forza parallela FP, normale FN e laterale FL all asse sterzo. Viene inoltre riportata l immagine finale della cella realizzata dopo estensimetratura, prima del montaggio sulla forcella. Le celle di carico anteriori applicate su ciascun fodero, realizzate in Ergal, sono state progettate in modo da non modificare la posizione del perno rispetto alla forcella ed allo sterzo del veicolo: si è andati invece a modificare i foderi di serie per consentire l alloggiamento delle celle e l applicazione di due piastre laterali in acciaio con funzione di tenuta di sicurezza nel caso di cedimento delle celle per sovraccarico dinamico. L elemento sensibile contiene tre ponti interi estensimetrici che utilizzano il principio delle celle

4 ottagonali: le celle sono state calcolate in modo da ottenere una sufficiente sensibilità senza introdurre deformabilità tali da falsare né la funzionalità del sistema frenante, né la dinamica dell avantreno. Il sistema di celle anteriori è stato progettato per una vita a fatica di 1000 km e verificato su banco a rulli. I carichi verticale, orizzontale e laterale al punto a terra della ruota anteriore sono stimabili a partire dalla conoscenza dell assetto del veicolo. La pinza del freno anteriore è stata infine modificata ed estensimetrata in corrispondenza delle staffe di fissaggio alla forcella, in modo da ottenere un canale a ponte intero sensibile alla forza tangenziale di frenatura. Il sistema è stato calibrato al banco con prove sia sulle singole celle, sia sul sistema ruotaperno-forcella. FPR FNR FLR FNL FPL FLL (a) (b) Figura 2: (a) Terminologia adottata per le forze misurate alla cella destra (R) e sinistra (L), con vista di dettaglio della cella triassiale sviluppata; (b) cella di carico anteriore destra montata sullo scooter: si notano il potenziometro lineare per la misura della corsa dell ammortizzatore anteriore e gli accelerometri sensibili in direzione N e P. 3. PROVE SU STRADA Per la misura dei segnali di carico significativi sia per i calcoli che per le prove a fatica, si è utilizzato un sistema di acquisizione portatile nel vano portacasco e si sono pianificate più sessioni di misura, distinte tra sessioni di misura degli eventi massimali, sessioni di misura della dinamica nel piano e fuori del piano e sessioni di misura di lunga percorrenza. Il sistema di acquisizione utilizzato è stato l unità SoMat 2300, posizionata nel vano portacasco assieme alla batteria di alimentazione; si sono potuti acquisire 16 canali estensimetrici e 16 canali analogici a 12 bit di risoluzione, adottando le frequenze di 800 Hz per la misura degli eventi e della dinamica del veicolo, e 400 Hz per le prove di lunga percorrenza. La procedura di acquisizione è stata definita e sistematicamente adottata in modo da consentire una corretta verifica ed analisi dei dati rilevati [3]. In particolare, si è definito come valore di azzeramento dei canali anteriori la condizione con ruota anteriore sollevata dal suolo, scooter orizzontale, e come condizione di zero per i canali posteriori quella con ruota posteriore alzata. Gli eventi tipici sono stati analizzati in varie sessioni di prova presso il Dipartimento di

5 Ingegneria Meccanica, Università di Padova: sono stati registrati passaggi su rallentatore standard a velocità diverse e con una o due persone, frenature da diversa andatura e con diversa ripartizione. In Figura 3, dopo la rianalisi dei dati ed il calcolo delle componenti di carico complessive all asse ruota, si riporta a titolo di esempio l andamento dei carichi FN e FP alla ruota anteriore per prove di passaggio su rallentatore stradale con pilota e passeggero a velocità crescenti. Le prove di maneggevolezza sono state eseguite presso la pista di Adria: si sono registrati slalom con passo diverso dei birilli ed a velocità crescenti, fenomeni di wobble e weave e passaggi su steering pad a raggio di curvatura crescente. Prove con eventi singoli quali frenatura, slalom, cambi di corsia e curve a raggio costante hanno fornito i dati per la validazione di modelli dinamici dello scooter. Le prove di lunga percorrenza sono state eseguite da parte dei piloti collaudatori lungo i percorsi di riferimento presso la sede della Peugeot Motocycles, per un totale di 350 km. Nei percorsi, sono stati rilevati tratti di pavè sconnesso con passaggi ad una o due persone, tratti di percorsi urbani e autostrada, tratti extraurbani e misti, con percorrenze molto intense e manovre al limite, in cui il funzionamento dello scooter strumentato è risultato sempre corretto. Da parte dei collaudatori non è stata segnalata alcuna modifica del comportamento strutturale del veicolo rispetto alle prestazioni normali, confermando il corretto progetto dei sistemi di misura, in particolare di quelli dinamometrici all asse anteriore ed al supporto motore. Forza [N] FN Forza MAX / MIN Velocità [km/h] FNLmax [N] FNRmax [N] FNLmin [N] FNRmin [N] Forza [N] FP Forza MAX / MIN FPLmax [N] FPRmax [N] FPLmin [N] FPRmin [N] Velocità [km/h] Figura 3: Passaggio su rallentatore, pilota e passeggero. Andamento delle forze FN e FP all asse anteriore per passaggio a velocità crescente su rallentatore stradale, pilota e passeggero. Le prove a lunga percorrenza con tester e percorsi differenti hanno fornito i dati necessari alla previsione di vita a fatica dei componenti del veicolo, consentendo la compilazione di un database di percorsi che possono essere combinati anche diversamente per costituire la missione a cui il veicolo deve essere destinato. Nell ottica della riproduzione al banco delle sollecitazioni dinamiche ai perni ruota anteriore e posteriore di un veicolo completo, i dati acquisiti, opportunamente editati e concatenati sulla base della missione del veicolo, costituiscono il segnale obiettivo per un banco prova in grado di pilotare opportunamente degli attuatori verticali ed orizzontali ed ottenere la riproduzione dei segnali obiettivo in posizioni fondamentali quali l asse ruota anteriore e posteriore.

6 Con riferimento in particolare al banco prova per forcelle motociclistiche, tre sono stati i canali sintetizzati per il controllo: la forza complessiva parallela all asse sterzo FP, la forza complessiva normale all asse sterzo FN e la forza di frenatura alla pinza freno FB. Tre prove massimali sono state adottate per la successiva sintesi di un file di collaudo del banco prova tricanale: una serie di passaggi su rallentatore stradale a velocità crescente, due passaggi su pavè e quattro frenate al limite del ribaltamento. 4. LO SVILUPPO DEL SIMULATORE DI STRADA L obiettivo di fondo della ricerca è il trasferimento delle sollecitazioni reali dalla strada al simulatore, come schematizzato in Figura 4. Viene concepito il sistema multi canale per la simulazione dei carichi stradali su forcelle motociclistiche, il MAFRS: (MultiAxisForkRoadSimulator). Il principio di funzionamento del MAFRS riprende alcune soluzioni presenti nei simulatori di strada automobilistici, in particolare quelli con carichi applicati al mozzo ruota. Tre attuatori servoidraulici indipendenti consentono la riproduzione disaccoppiata delle tre componenti di carico assunte come significative: FP, FN ed FB. Il sistema permette sia l applicazione delle forze singolarmente, sia la combinazione delle azioni di carico. L applicazione del carico FP parallelo all asse sterzo (o agli steli forcella nel caso di forcelle con cannotto non parallelo agli steli) è ottenuta mediante un attuatore verticale collegato all asse ruota. L applicazione dei carichi FN ed FB è ottenuta mediante una crociera di carico che simula la presenza della ruota, con sistemi di leveraggi ed attuatori opportunamente disposti su un unico pianale rigido THIST01.SIF-FN THIST01.SIF-FP THIST01.SIF-FB FN FN (N) FN FB FP FP (N) FP FB FB (N) FP FN FB Time (Secs) Figura 4: Obiettivo del simulatore di strada: la riproduzione al banco multicanale delle azioni di carico registrate su strada. Il sistema complesso così concepito è disaccoppiato in quanto l attuazione di una delle azioni

7 di carico non richiede la reazione da parte degli altri canali nel caso di piccoli spostamenti e di posizione di allineamento iniziale. Essendo elevati gli spostamenti in direzione P, il sistema di controllo e di correzione degli angoli di applicazione dei carichi permette una compensazione delle azioni equilibranti richieste da ciascun canale agli altri due, con ordini di grandezza comunque inferiori ai valori di comando nominali. La soluzione concettuale adottata è risultata originale rispetto alle precedenti esperienze in campo motociclistico ed è stata oggetto di brevetto industriale: si è successivamente affrontato anche lo studio progettuale e costruttivo del banco, una volta definite le caratteristiche degli attuatori idraulici forniti dalla MOOG Italia. Nella definizione costruttiva del MAFRS si è puntato ad un sistema versatile in grado di testare la gamma completa di forcelle anteriori in produzione, partendo da un solido ed ampio bancone scanalato e progettando un grande portale che consentisse la facile accessibilità alla forcella in prova. Per lo sviluppo progettuale del MAFRS si è sviluppato un modello multibody del sistema di attuatori, biellismi e leveraggi applicato alla forcella dello scooter Elyseo 150. Le simulazioni dinamiche degli eventi singoli di Bump, Pavè e Frenata hanno consentito di includere gli effetti inerziali della crociera e dei leveraggi e di correggere di conseguenza i segnali di comando agli attuatori per ottenere all asse ruota i segnali obiettivo. Dal modello multibody si sono ottenute le storie di carico ai componenti del sistema di carico utilizzate per la successiva verifica di resistenza a fatica. L analisi FEM della crociera ha consentito la verifica di resistenza a fatica del componente fondamentale del sistema. Il banco è stato installato presso il Laboratorio di Prove Strutturali della Paioli Meccanica. 5. IL COLLAUDO DEL SIMULATORE DI STRADA Per il collaudo del simulatore si è utilizzato il blocco di carico riportato in Figura 5, sintetizzato in precedenza (Bump-Pavè-Brake), ed una forcella dell Elyseo 150 estensimetrata nelle stesse posizioni della forcella utilizzata per le prove su strada. In questo modo, oltre alla registrazione dei tre segnali di Forza, Spostamento e Comando per ciascun attuatore, si sono rilevati in modo sincrono le deformazioni locali alle posizioni significative della forcella FN [N] FP [N] FB [N] Time (Secs) Figura 5: Il blocco di carico utilizzato per il collaudo del banco, ottenuto dal concatenamento di 7 passaggi su rallentatore stradale a velocità crescente, due tratti di pavè e quattro frenate al limite del ribaltamento.

8 Questo ha consentito un confronto diretto con le misure su strada sia delle forze all asse ruota sia delle deformazioni locali, per agire iterativamente sui segnali di comando degli attuatori e permettere la riproduzione effettiva delle sollecitazioni reali [5]. Il sistema in prova ha evidenziato un funzionamento correttamente disaccoppiato sia con i singoli attuatori in prova, sia in azioni combinate. Sono in fase di implementazione le procedure per la prova sistematica di durata di forcelle con storie tratte dal database disponibile. 6. CONCLUSIONI Il lavoro svolto ha consentito la realizzazione di un simulatore di strada per forcelle motociclistiche presso la Paioli Meccanica, denominato MAFRS, basato su tre canali di carico disaccoppiati. Le forze FP, parallela all asse sterzo, FN, normale all asse sterzo, FB, di frenatura al disco sono state rilevate da prove su strada con scooter dotato di celle dinamometriche e riprodotte al banco dopo realizzazione di una opportuna struttura di vincolo e di una serie di leveraggi di carico. Il banco ha fornito in collaudo un funzionamento corretto, secondo quanto previsto dalle analisi multibody e FEM svolte in fase progettuale. Il MAFRS risulta uno strumento potente e versatile unico nel suo genere per la verifica strutturale completa di forcelle motociclistiche. RINGRAZIAMENTI Si ringrazia la ditta Paioli Meccanica per aver finanziato il presente lavoro. Bibliografia [1] N. Petrone, N. Biliato, G. Toselli, F. Fazi, (2000) Acquisizione ed analisi dei carichi su scooter 125 in prove su pista e su banco a rulli. XXIX Convegno Nazionale AIAS, pp [2] Petrone N., Saraceni M., Cecchetto M., Pegoraro D. (2001) Sviluppo di un banco prova per l analisi strutturale ed a fatica di telai motociclistici. XXX Convegno Nazionale AIAS, pp [3] Saraceni M., Petrone N. (2003) Sviluppo di un sistema di celle dinamometriche per la misura completa dei carichi agli assi ruota di uno scooter 150 cc.. XXXII Convegno Nazionale AIAS. [4] Petrone N., De Paoli E., Capuzzo M., Biliato N. (2002) Acquisition and analysis of aerodynamic loads on Formula 3 racing car wings using dynamometric load cells, Paper SAE Motorsports Engineering Conference & Exhibition, SAE P-382, pp [5] Petrone N., Susmel L. (2003) Biaxial Testing and Analysis of Bicycle-Welded Components for the Definition of a Safety Standard. Fatigue Fract. Engng. Mater. Struct., 26,

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... SINTESI DELLA RIVOLUZIONARIA TECNOLOGIA DI RIDLEY Basta il suono della parola velocità (FAST), perché il battito del vostro

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Z750 Z750 ABS Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Premessa Per una efficiente spedizione dei veicoli Kawasaki, prima dell imballaggio questi vengono parzialmente smontati. Dal momento

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Trophy SE 13/01/2015 19:02:37

Trophy SE 13/01/2015 19:02:37 13/01/2015 19:02:37 20.400,00 INFORMAZIONI PANORAMICA Affrontare le lunghe distanze nel massimo comfort è ciò che la Trophy sa fare meglio. A questa caratteristica si aggiunge la sua sorprendente capacità

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

1350 CC 1350 CX 1370 CX 1770 CX. Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti.

1350 CC 1350 CX 1370 CX 1770 CX. Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti. 350 370 770 CC CX CX CX Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti. La natura delle cose. COMPAGNI DI VIAGGIO. Insieme nella vita di tutti i giorni. Insieme nel dividere le

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Sospensioni ad aria aggiuntive aftermarket

Sospensioni ad aria aggiuntive aftermarket AMC chassis NOVITÀ Sospensioni ad aria aggiuntive aftermarket Telaio ribassato AL-KO amctecnologia ed accessori originali La tecnologia innovativaper la massima sicurezza di guida L esperienza di oltre

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel CITY26-35-52 HP diesel Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Disinfestatrici di Classe Superiore C I T I Z E N CITYPlus Ecology Macchina

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY E l anima sportiva di SEAT, l icona del marchio, la massima espressione dei valori del brand: design accattivante, tecnologia all avanguardia

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata.

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata. SERIE JX 72-95 CV Ambiente di lavoro sicuro e produttivo. Sedile di guida confortevole. Tecnologia funzionale sotto tutti i punti di vista. Disponibili nella versione con o senza cabina, questi trattori

Dettagli