lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione"

Transcript

1 MERCATO DEL LAVORO: FLESSIBILITÀ IN entrata 4 lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione a cura di Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON

2 LA RIFORMA DEL LAVORO CONTRATTO A PROGETTO, PARTITE IVA E ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE 4

3 LA RIFORMA DEL LAVORO continua ONLINE Il Sole 24 ORE riserva ai lettori di «La riforma del lavoro» l opportunità di approfondire online i temi trattati in questo volume. È sufficiente collegarsi all indirizzo registrarsi gratuitamente e inserire il seguente codice di attivazione: 21R89Y77 Una volta entrati nell area riservata è possibile: consultare la normativa di riferimento; reperire le circolari applicative approfondire i contenuti del volume con articoli tratti dalle Riviste Professionali del Gruppo 24 Ore. I Manuali del Sole 24 ORE Aut. Min. Rich. Direttore responsabile: Roberto Napoletano Il Sole 24 ORE S.p.A. Via Monte Rosa, Milano Settimanale - N. 4/2012 Volume 4 Il Sole 24 ORE a cura dell Area Tax&Legal Direttore: Paolo Poggi Redazione: Claudio Pagliara - Ermanno Salvini Progetto grafico copertine: Marco Pennisi & C. Tutti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita a termini di legge. Finito di stampare nel mese di ottobre 2012 presso: Grafica Veneta Via Malcanton, Trebaseleghe (PD)

4 CONTRATTI A PROGETTO, PARTITE IVA E ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DEI FATTI Tra luci e ombre la Riforma del lavoro è stata varata. Tra i - pochi - meriti della discussione che l ha preceduta, va certamente annoverato il fatto che si è potuto prendere coscienza che alcuni strumenti, come le Partite IVA e i Contratti a progetto, pensati per finalità diverse dalle forme di lavoro subordinate, nel tempo si siano purtroppo trasformati in strade che, impropriamente, hanno cercato di rispondere al peso eccessivo del costo del lavoro e alle rigidità di gestione dei contratti di lavoro subordinato nel nostro Paese. Da questo punto di vista va sottolineato che la Riforma ha posto parziale rimedio ad alcuni gravi errori del passato - nel tentativo di riportare a forme di lavoro dipendente quanto è effettivamente così - inserendo vincoli all utilizzo di Contratti a progetto e di Partite Iva, che vengono in tal modo ricondotti in maniera più oggettiva ai loro scopi, laddove siano necessarie competenze professionali specifiche in relazione a progetti chiaramente individuabili come tali. Come? Proviamo a vedere le principali novità. Partite Iva. Saranno considerate vere Partite Iva quelle con un contenuto professionale elevato e con un reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a In caso di retribuzione inferiore vi saranno altri vincoli: la durata di collaborazione non dovrà superare otto mesi all anno come media calcolata nell arco di 2 anni consecutivi; il corrispettivo pagato non dovrà essere superiore dell 80% dei corrispettivi complessivamente percepiti dal collaboratore, sempre come media calcolata nell arco di 2 anni consecutivi; il lavoratore non dovrà avere una postazione fissa in azienda. Lavoro a progetto. Il rapporto deve indicare un progetto specifico e non può più essere riferito ad un programma di lavoro o ad una fase dello stesso. Occorre, inoltre, che il progetto - oltre ad essere determinato dal committente e gestito in autonomia dal collaboratore - sia funzionalmente indirizzato a un risultato finale indicato nel contratto, non consista in una mera riproposizione dell oggetto sociale del committente, non comporti lo svolgimento di compiti meramente esecutivi e ripetitivi, non venga reso con modalità analoghe a quelle svolte dai dipendenti salvo che per prestazioni di elevata professionalità. Vi è inoltre un aumento dell aliquota contributiva di un punto l anno a partire dal 2014 fino a raggiungere, nel 2019, il 33%. Qualcosa dunque è stato fatto, nella giusta direzione. Ma anche così rimane purtroppo aperto il grave problema dell insostenibile costo del lavoro italiano. Che può essere affrontato rendendo più conveniente il lavoro dipendente aumentandone così l area di utilizzo e riducendo la fuga dalla rigidità della normativa. Rendere più business friendly il ricorso al lavoro dipendente porterebbe ad una sua maggiore diffusione. Con norme più fruibili, minori vincoli in uscita e costi più contenuti si ri-

5 porterebbe il contratto a tempo indeterminato al centro del lavoro. Bisogna inoltre uscire dal concetto di job property, tanto radicato nel nostro Paese, e puntare sulla flessibilità buona, creando percorsi di employability capaci di garantire continuità nell impiegabilità ai lavoratori e flessibilità competente alle imprese. Da questo punto di vista siamo certi che le agenzie per il lavoro - anche se non adeguatamente riconosciute e incentivate dalla Riforma - saranno in grado di fornire un grande, decisivo, contributo al miglior funzionamento del mercato del lavoro: le attendiamo alla prova dei fatti. Detto tutto ciò, riteniamo però che ora il compito di chi opera sia quello di testare la Riforma - non di discuterla in continuazione e spesso ideologicamente - e, sulla base degli effetti che produrrà, darne un giudizio approfondito. Ed eventualmente proporre, a suo tempo, le debite correzioni. Anche grazie alla nostra fondazione GiGroupAccademy - che ha come mission quella di promuovere la cultura del lavoro, intesa come educazione al valore personale e sociale del lavoro, contribuendo in tal modo al miglior funzionamento dei mercati in cui agisce - saremo in prima fila nel monitoraggio degli esiti della Riforma, nello svolgimento dei necessari approfondimenti e nella proposizione di strumenti o esempi positivi già capaci di sviluppare un mercato del lavoro più funzionale alle esigenze di persone, aziende e società. Stefano Colli-Lanzi, CEO Gi Group e Presidente Gi Group Academy

6 PREMESSA La legge 28 giugno 2012, n. 92, pubblicata in Gazzetta Ufficiale 3 luglio 2012, n Supplemento Ordinario, n. 136, entrata in vigore il 18 luglio 2012, è stata definita da tutti quale una vera e propria riforma del lavoro. A distanza di solo poco settimane dall entrata in vigore della riforma del lavoro, inoltre, in fase di conversione del D.L. 22 giugno 2012, n. 83, con L. 7 agosto 2012, n. 134, pubblicata in Gazzetta Ufficiale 11 agosto 2012, n Supplemento Ordinario, n. 171, sono intervenute sostanziali modifiche già dichiarate necessarie e indispensabili in occasione della stessa approvazione parlamentare della L. 92/2012. La riforma del lavoro incide su diversi aspetti collegati al mondo del lavoro con il principale obiettivo di eliminare il forte dualismo tra lavoratori dipendenti, fortemente garantiti, e lavoratori precari. Per raggiungere il predetto obiettivo il governo ha proposto una riforma che sostanzialmente tocca aspetti principali nel rapporto lavoratore (dipendente o autonomo), azienda e Stato. Se è possibile rintracciare le linee guida della L. 92/2012 si può così identificare tre aree di intervento: il lavoro in uscita, il lavoro in entrata e la riforma degli ammortizzatori sociali. Congiuntamente a tali aree di intervento il governo ha prodotto una serie di norme interpretative, si dovrebbe dire manualistiche, al fine di ristringere, prendendo spunto dalle interpretazioni giurisprudenziali degli ultimi anni, i principali dubbi applicativi delle norme. Proprio nell intento di ridurre, se non apparentemente limitare, il dualismo tra figure altamente garantite e figure scarsamente garantite, il Governo unitamente al Parlamento, con la riforma del lavoro, hanno modificato aspetti qualificanti di quelle figure non subordinate spesso utilizzate da imprenditori. Così la riforma del lavoro: modifica la disciplina della collaborazione a progetto, rendendo più stringente l apparato sanzionatorio e delimitando il concetto di progetto tramite l eliminazione della figura ibrida e impalpabile di programma o fasi di esso ; introduce un modello totalmente nuovo di figure autonome che rischiano di rientrare, tramite un apparato giuridico sanzionatorio del tutto sui generis, nelle categorie delle collaborazioni coordinate e continuative con o senza progetto o addirittura nella categoria del lavoro subordinato; delimita la figura dell associazione in partecipazione. La tenuta del predetto impianto normativo e i risultati in materia di politica del mercato economico del lavoro dovranno essere verificati nel tempo sul piano pratico, eventualmente correggendo il tiro su alcuni aspetti vincolanti ma di scarsa efficacia; nella consapevolezza che ogni novità (riforma) porta in grembo elementi di giudizio positivi, spesso scarsamente evidenziati, ed elementi di perplessità, sempre più valorizzati. L Autore

7

8 CONTRATTO A PROGETTO, PARTITE IVA E ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE di Cristian Valsiglio INDICE GENERALE Capitolo 1 - Lavoro subordinato e lavoro autonomo Distinzione tra lavoro autonomo e lavoro subordinato...1 Capitolo 2 - Collaborazioni coordinate e continuative e collaborazioni a progetto...5 Capitolo 3 - Collaborazioni non a progetto e con partita IVA Collaborazioni occasionali e disciplina fiscale Lavoro autonomo occasionale ex art c.c Collaborazioni occasionali ai sensi dell art. 61, comma 2, D.Lgs. 276/2003 (c.d. mini-cococo) Lavoratori autonomi con partita IVA a rischio Presunzione Effetti previdenziali Periodo transitorio...19 Capitolo 4 - Collaborazioni coordinate e continuative a progetto Linee guida in materia di lavoro a progetto Riforma del lavoro e lavoro a progetto Eliminazione del concetto di programmi o fasi del progetto Progetto coincidente con l oggetto sociale - Esclusione Lavoro a progetto e compiti esecutivi e ripetitivi Esclusione...26 pag. pag Contratto e forma Corrispettivo Diritti e obblighi del collaboratore a progetto Risoluzione del rapporto Regime sanzionatorio e impugnazione...38 Primo comma...39 Seconda comma...40 Terzo comma...41 Impugnazione della cessazione delle collaborazioni...41 Capitolo 5 - Regime fiscale delle collaborazioni anche a progetto Collaborazioni coordinate e continuative e a progetto Collaborazioni tipiche Collaborazioni Atipiche Imponibilità fiscale Determinazione dell imponibile Modalità di tassazione dei compensi erogati a collaboratori Tassazione ordinaria Determinazione dell imposta lorda Detrazioni di imposta Operazioni di conguaglio Versamento dell imposta Addizionale regionale e comunale Tassazione dei compensi di fine rapporto per i collaboratori coordinati e continuativi (anche a progetto) TFR e TFM oltre euro

9 VIII segue INDICE GENERALE pag TFM e altre somme collegate alla cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto Adempimenti del sostituto...62 Capitolo 6 - Gestione previdenziale e assicurativa dei collaboratori a progetto Obbligo di iscrizione alla Gestione separata INPS Soggetti obbligati ed esclusi Denuncia di iscrizione Collaboratori cittadini UE non residenti Imponibile e aliquote contributive Aumento contributivo Compensi corrisposti ai collaboratori entro il 12 gennaio...75 pag Omesso versamento delle ritenute Collaborazione coordinate e continuativa e UniEmens Gestione assicurativa INAIL Premio assicurativo e rapporto con più committenti..84 Capitolo 7 - Associazione in partecipazione Presupposti giuridici e natura del contratto Parti e diritto alla gestione Partecipazione agli utili e alle perdite Associazione e lavoro subordinato La riforma Biagi Associazione in partecipazione e Riforma del Lavoro Trattamento fiscale e previdenziale Aumento contributivo Trattamento assicurativo Capitolo 8 - Le norme di riferimento...107

10 Capitolo 1 LAVORO SUBORDINATO E LAVORO AUTONOMO Gli artt. 61 e ss D.Lgs. 276/2003, così come modificati dalla riforma del lavoro 2012, definiscono il lavoro a progetto quale la collaborazione coordinata e continuativa fornita con la necessità di un progetto specifico, requisito fondamentale della predetta tipologia di rapporto di lavoro. L orientamento prevalente in dottrina e in giurisprudenza (v. Tribunale Milano Sez. Lavoro 3 novembre 2010) conferma la centralità del progetto escludendo che la fattispecie delineata negli artt. 61 e ss. D.Lgs. 276/2003 costituisca un tertium genus tra la subordinazione e l autonomia, costituendo una forma di lavoro autonomo che si risolve in una prestazione d opera coordinata e continuativa, prevalentemente personale, riconducibile ad un progetto. Nel diritto del lavoro è noto che i due pilastri fondamentale di regolamento e della gestione del rapporto di lavoro sono: - il rapporto di lavoro subordinato (locatio operarum); - il rapporto di lavoro autonomo (locatio operis). Accanto ad essi si pone una terza tipologia che si colloca in posizione non equidistante tra i due e che si definisce lavoro parasubordinato. Il prefisso para sta ad indicare che essa, pur collocandosi indubbiamente al di fuori del rapporto di lavoro subordinato, ne rimane comunque vicino per le sue caratteristiche e per le modalità di esplicitazione. In realtà il lavoro parasubordinato resta inglobato nell alveo del lavoro autonomo, anche se presenta alcuni segni distintivi propri che lo differenziano leggermente dalla versione per così dire classica del lavoro autonomo e lo pongono appunto vicino a quello subordinato. L attenzione al lavoro parasubordinato ha avuto un particolare interesse del legislatore partendo da una disciplina processuale, passando per i contenuti di carattere previdenziale, contributivo e assicurativo, delineando i contenuti tributari, per terminare con la riforma dei caratteri giuridici ad opera del D.Lgs. 276/2003: Art. 409 c.p.c. L. 335/1995: iscrizione dei collaboratori parasubordinati alla Gestione Separata all INPS; L. 38/2000: iscrizione dei collaboratori parasubordinati all INAIL; L. 342/2000: passaggio dai redditi di natura autonomi ai redditi di natura assimilata a quelli di lavoro dipendente; L. 276/2003: disciplina del lavoro a progetto. 1.1 Distinzione tra lavoro autonomo e lavoro subordinato Il lavoro autonomo dal punto di vista civilistico è inquadrabile nella categoria dei contratti d opera, in forza del quale una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un opera

11 2 Capitolo 1 - Lavoro subordinato e lavoro autonomo od un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente (art e seguenti del codice civile). Il contratto d opera è un contratto sinallagmatico, non formale, a titolo oneroso per la cui realizzazione è sempre dovuto un facere. Il contratto d opera consiste infatti nella promessa, anzi nell obbligazione, di un risultato (c.d. opus), laddove invece il lavoro subordinato si fonda sulla promessa di una pura e semplice attività lavorativa, ossia nell obbligo di messa a disposizione di energie lavorative. L autonomia, se da un lato attribuisce al lavoratore il potere di determinare soggettivamente il corrispettivo, dall altro lato porta la conseguenza che il prestatore deve sopportare il rischio inerente il risultato. Personalità ed autonomia costituiscono pertanto i due aspetti sui quali da sempre la dottrina civilistica ha cercato di puntare i propri sforzi interpretativi, nel tentativo di distinguere il lavoro autonomo dalle altre tipologie di lavoro. Non sempre però tali elementi distintivi risultano sufficienti e facilmente individuabili ai fini della collocazione di un determinato rapporto di lavoro nell una o nell altra tipologia: questo perché in astratto una qualsiasi attività può essere legittimamente svolta secondo le specifiche modalità dei due modelli lavorativi (sentenze della Corte di Cassazione dell 11 novembre 1983, n. 6701, del 9 giugno 1998, n e dell 11 febbraio 2004, n. 2622). A titolo esemplificativo un consulente del lavoro potrà indifferentemente esercitare la libera professione, aprendo una partita iva e fatturando ai propri cliente ovvero essere assunto alle dipendenze di un datore di lavoro pubblico o privato, pur dovendo in ambedue i casi mantenere l iscrizione al relativo albo professionale. Ma se l opera lavorativa può essere svolta sia in modalità autonoma sia in modalità subordinata, quali sono gli indici che identificano l una o l altra tipologia? Sul predetto punto è necessario valutare gli indici della subordinazione così come delineati dalla giurisprudenza; la quale, sostanzialmente, partendo dalla concreta manifestazione delle parti (c.d. nomen iuris) ha analizzato gli elementi che di fatto caratterizzavano l esecuzione della prestazione lavorativa. Vanno così puntualmente definiti e rilevati i seguenti contenuti peculiari della prestazione lavorativa: autonomia della gestione da valutarsi attraverso l assenza di controlli sull attività lavorativa e le modalità di esercizio dei poteri disciplinare, direttivo e organizzativo; l inserimento organico in forma di coordinamento in base alla effettiva distinguibilità dell attività del collaboratore e, quindi, alla non coincidenza organica fra l attività lavorativa resa in collaborazione e il complesso più generale delle attività aziendali; nonché sulla scorta delle modalità di lavoro con una presenza non imposta nei locali aziendali e con l utilizzo autonomo della strumentazione lavorativa assegnata; l individuazione delle prestazioni lavorative nelle loro modalità di svolgimento riguardo alla corrispondenza delle mansioni svolte ai contenuti del progetto, alla prevalenza del carattere personale del lavoro svolto dal collaboratore e all irrilevanza dell orario di lavoro e dei tempi di esecuzione. Da ultimo rileverà anche l eventuale sussistenza di elementi circostanziali di una qualche importanza per la corretta qualificazione del rapporto:

12 Capitolo 1 - Lavoro subordinato e lavoro autonomo 3 - facoltà di pluricommittenza al collaboratore ovvero rapporto di monocommittenza con o senza diritto di esclusiva; - previsione di una clausola di sostituibilità; - pattuizione di un periodo di prova; - svolgimento dell attività lavorativa insieme ad altri collaboratori o unitamente a dipendenti del committente; - eventuale proroga o rinnovo del contratto di collaborazione. Una volta che si sia sviluppata l indagine sotto tutti i predetti profili, il lavoro a progetto risulterà sottoposto ad una attenta radiografia, dalla quale, perché la diagnosi deponga per la genuinità dell autonomia, sarà indispensabile che il collaboratore goda effettivamente della sua capacità personale e libera di determinare tempi e modi dell agire lavorativo e che le prestazioni rese corrispondano, in termini di incidenza, di congruità e di coerenza, ai contenuti specifici del progetto/programma di lavoro. La giurisprudenza maggioritaria è proprio volta a identificare nell elemento della eterodirezione l elemento distintivo tra subordinazione e autonomia. In sostanza il collaboratore non deve sottostare a: - direttive specifiche da parte del committente, potendo eseguire la prestazione in maniera autonoma e non mettendo a disposizione semplicemente le energie fisiche; - controlli invasivi della prestazione sfocianti in provvedimenti disciplinari. Elementi sussidiari di identificazione della collaborazione autonoma sono inoltre: - il rischio di impresa, - la localizzazione della prestazione, - l inosservanza di un orario di lavoro preciso (che tuttavia non significa che il collaboratore debba avere delle fasce in cui prestare la propria opera), - un compenso variabile.

13

14 Capitolo 2 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE E COLLABORAZIONI A PROGETTO Il Libro bianco dell ottobre 2001 a proposito di collaborazioni coordinate e continuative affermava: Le proposte discusse nel corso della passata legislatura con riferimento alle collaborazioni coordinate e continuative suscitano ad avviso del Governo profonde perplessità di metodo e di merito. È bene, infatti, non dimenticare che la cosiddetta parasubordinazione appartiene pur sempre all area del lavoro autonomo e, almeno in certi casi, della autoimprenditorialità (non si tratta quindi di un tertium genus, ibridamene collocato in una grigia zona di frontiera, intermedia fra lavoro autonomo e subordinato) e come tale deve essere trattata. Il legislatore, preoccupato dell abuso delle collaborazioni coordinati e continuative sempre più volto ad un risparmio dei costi piuttosto che ad un utilizzo proprio di una modalità autonoma ma coordinata di lavoro autonomo, con il d.lgs. 276/2003 ha cercato di delineare e a disciplinare in modo rigoroso le collaborazioni che più preoccupavano in questo contesto introducendo la figura del lavoro a progetto. COLLABORAZIONI CHE NON DESTANO PREOCCUPAZIONE IN MERITO ALLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Art. 61, co. 3. D.Lgs. 276/2003 ante riforma Sono escluse dal campo di applicazione del presente capo le professioni intellettuali per l esercizio delle quali è necessaria l iscrizione in appositi albi professionali, esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, nonché i rapporti e le attività di collaborazione coordinata e continuativa comunque rese e utilizzate a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciute dal C.O.N.I., come individuate e disciplinate dall articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n Sono altresì esclusi dal campo di applicazione del presente capo i componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società e i partecipanti a collegi e commissioni, nonché coloro che percepiscono la pensione di vecchiaia. Art. 61, co. 3, D.Lgs. 276/2003 modificato dalla L. 92/2012 e L. 134/2012 idem Sono escluse dal campo di applicazione del lavoro a progetto:

15 6 Capitolo 2 - Collaborazioni coordinate e continuative e collaborazioni a progetto 1) gli agenti e i rappresentanti di commercio che continuano ad essere regolati dalle discipline speciali (v. art. 61, co. 1, D.Lgs. 276/2003); 2) attività di vendita diretta di beni e di servizi realizzate attraverso call center outbound nei limiti di cui all art. 61, co. 1, D.Lgs. 276/2003; 3) e professioni intellettuali per le quali è necessaria l iscrizione ad un albo professionale; 4) i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nelle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali ed agli Enti di promozione sportiva riconosciute dal Coni; 5) i componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società; 6) i partecipanti a collegi e commissioni; 7) coloro che percepiscono la pensione di vecchiaia. Tali categorie di soggetti, pur restando nell alveo del lavoro autonomo, sono escluse dall applicazione dell art. 61, comma 3, D.Lgs. 276/2003 e di tutte le successive regole disciplinate dai successivi articoli relativi al lavoro a progetto. Per tali soggetti esclusi, peraltro, permane legittimo il ricorso alla collaborazione coordinata e continuativa, che resta legata ai criteri fissati dall art. 409, n. 3, cod. proc. civ., e più dettagliatamente alla pur scarna disciplina dettata dall art. 34 legge 342/2000 in tema di gestione fiscale dei redditi prodotti, secondo cui il limite posto alle collaborazioni di cui trattasi è che le stesse non attengano a mansioni tipicamente inerenti al lavoro subordinato: rapporti di collaborazione aventi per oggetto la prestazione di attività svolte senza vincolo di subordinazione a favore di un determinato soggetto nel quadro di un rapporto unitario e continuativo senza impiego di mezzi organizzati e con retribuzione periodica prestabilita, sempreché gli uffici o le collaborazioni non rientrino nei compiti istituzionali compresi nell attività di lavoro dipendente. Pertanto, in via generale, perché si abbia una vera e propria collaborazione coordinata e continuativa, dove in ogni caso prestatore è colui che svolge un attività finalizzata al raggiungimento di scopi determinati da altri, vanno accertati e conclamati alcuni specifici elementi qualificanti: a) continuità: nel senso che la prestazione deve risultare non occasionale, ma prolungata nel tempo; se si vuole anche per un periodo determinato, ma sufficientemente lungo per il raggiungimento del risultato finale; b) coordinamento: vale a dire che l attività del prestatore deve risultare coordinata con la struttura organizzativa (commerciale e/o produttiva) del committente, quindi il soggetto che propone e promuove collaborazioni coordinate e continuative per la propria impresa deve necessariamente avere una propria struttura e organizzazione, mancando le quali non si potrà trattare di collaborazioni coordinate e continuative, ma di lavoro subordinato. Il coordinamento non deve tradursi in ordini e controlli penetranti, riguardo alle modalità di esecuzione della prestazione, che al contrario deve essere svolta in piena autonomia dal prestatore. Ben può verificarsi, legittimamente una «connessione funzionale» (Cass. civ., n del 26 luglio 1996), vale a dire una ingerenza del committente nell autonoma attività del prestatore, ma questa non deve e non può debordare nell assoggettamento alla subordinazione del committente; c) personalità: nel senso che la prestazione deve essere personale, l apporto altrui non potrà che essere secondario e marginale (Cass. civ., 23 gennaio 1990 n. 392).

16 Capitolo 2 - Collaborazioni coordinate e continuative e collaborazioni a progetto 7 Le norme sopra richiamate non prevedono, per la stipula del contratto di collaborazione coordinata e continuativa, alcuna forma specifica. Tuttavia, anche in assenza di obbligo, vi è una sostanziale opportunità di redigere il contratto in forma scritta. D altronde, il contratto, che può essere sottoposto a registrazione entro 20 giorni o assumere data certa con invio all altra parte come plico raccomandato senza busta o per autopresentazione, dovrà fondarsi necessariamente su alcuni requisiti essenziali: 1) Accordo fra le parti - dovranno essere evidenziate: la proposta del committente o del collaboratore (meglio se ciò avviene per iscritto) e l accettazione del collaboratore; 2) Causa - le parti dovranno concordare ed evidenziare lo scopo del contratto per ben definirne le conseguenze giuridiche, anche con riferimento alla specificità della prestazione da rendere in regime di collaborazione; 3) Oggetto - dovrà evidenziare il tipo di prestazione che il collaboratore pone a disposizione del committente senza vincolo di subordinazione con speciale evidenziazione dei profili di autonomia gestionale del collaboratore stesso; 4) Corrispettivo - dovrà essere quantificato in via preventiva in rapporto alla prestazione lavorativa oggetto dell accordo. Anche in merito al predetto comma interviene la riforma del lavoro tramite un interpretazione autentica. Difatti la legge prevede nel novello art. 69-bis D.Lgs. 276/2003 che la disposizione concernente le professioni intellettuali per l esercizio delle quali è necessaria l iscrizione in albi professionali, di cui al primo periodo del comma 3 dell art. 61 D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, si interpreta nel senso che l esclusione dal campo di applicazione del capo I del titolo VII del medesimo decreto riguarda le sole collaborazioni coordinate e continuative il cui contenuto concreto sia riconducibile alle attività professionali intellettuali per l esercizio delle quali è necessaria l iscrizione in appositi albi professionali. In caso contrario, l iscrizione del collaboratore ad albi professionali non è circostanza idonea di per sé a determinare l esclusione dal campo di applicazione del suddetto capo I del titolo VII. LAVORO A PROGETTO Art. 61, co. 1, D.Lgs. 276/2003 ante riforma Ferma restando la disciplina per gli agenti e i rappresentanti di commercio, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, prevalentemente personale e senza vincolo di subordinazione, di cui all articolo 409, n. 3, del codice di procedura civile devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici o programmi di lavoro o fasi di esso determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore in funzione del risultato, nel rispetto del coordinamento con la organizzazione del committente e indipendentemente dal tempo impiegato per l esecuzione della attività lavorativa. Art. 61, co. 1, D.Lgs. 276/2003 modificato dalla L. 92/2012 e L. 134/2012 Ferma restando la disciplina degli agenti e rappresentanti di commercio, nonché delle attività di vendita diretta di beni e di servizi realizzate attraverso call center outbound per le quali il ricorso ai contratti di collaborazione a progetto è consentito sulla base del corrispettivo definito dalla contrattazione collettiva nazionale di riferimento, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa prevalentemente personale e senza vincolo di subordinazione, di cui all articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile, devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore. continua

17 8 Capitolo 2 - Collaborazioni coordinate e continuative e collaborazioni a progetto - segue - LAVORO A PROGETTO Il progetto deve essere funzionalmente collegato a un determinato risultato finale e non può consistere in una mera riproposizione dell oggetto sociale del committente, avuto riguardo al coordinamento con l organizzazione del committente e indipendentemente dal tempo impiegato per l esecuzione dell attività lavorativa. Il progetto non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi, che possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. I lavoratori a progetto sono dei collaboratori coordinati e continuativi ex art. 409 c.p.c. che svolgono la propria attività: - con modalità prevalentemente personale; - senza vincolo di subordinazione; - in presenza di progetti specifici determinati dal committente; - in presenza di progetti specifici gestiti autonomamente dal collaboratore.

18 Capitolo 3 COLLABORAZIONI NON A PROGETTO E CON PARTITA IVA Prima di evidenziare il nuovo apparato normativo che disciplina il lavoro a progetto è utile soffermarci sulla particolare casistica delle collaborazioni di natura occasionale e sulla nuova gestione dei lavoratori autonomi con partita IVA. MINI-COCOCO Art. 61, co. 2, D.Lgs. 276/2003 ante riforma Dalla disposizione di cui al comma 1 sono escluse le prestazioni occasionali, intendendosi per tali i rapporti di durata complessiva non superiore a trenta giorni nel corso dell anno solare ovvero, nell ambito dei servizi di cura e assistenza alla persona, non superiore a 240 ore, con lo stesso committente, salvo che il compenso complessivamente percepito nel medesimo anno solare sia superiore a 5 mila euro, nel qual caso trovano applicazione le disposizioni contenute nel presente capo. Art. 61, co. 2, D.Lgs. 276/2003 modificato dalla L. 92/2012 e L. 134/2012 idem 3.1 Collaborazioni occasionali e disciplina fiscale Lavoro autonomo occasionale ex art c.c. I proventi da lavoro autonomo occasionale sono da considerare fiscalmente redditi diversi ex art. 67, comma 1, lett. l), TUIR. L imponibile, a tal fine, è costituito dalla differenza tra l ammontare dei compensi percepiti nel periodo d imposta (principio di cassa) e le spese inerenti la produzione del reddito stesso (art. 71, comma 2, TUIR). Ai sensi dell art. 25 D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, il committente, all atto del pagamento, dovrà, in qualità di sostituto d imposta, operare una ritenuta del 20% a titolo d acconto, se si tratta di lavoratori residenti in Italia (art. 2, commi 2 e 2-bis, TUIR), ovvero una ritenuta del 30% a titolo d imposta, se si tratta di lavoratori non residenti. Una volta effettuata la ritenuta alla fonte, il committente, entro il 16 del mese successivo, mediante il Modello F24, verserà all erario la ritenuta operata. Tale importo dovrà essere dichiarato nell apposita sezione del Modello 770/Semplificato.

19 10 Capitolo 3 - Collaborazioni non a progetto e con partita IVA Il versamento dell imposta avverrà tramite modello F24 con il codice tributo Il collaboratore autonomo rilascerà al committente una notula indicante il corrispettivo della prestazione. Per importi superiori ai 77,46, occorre applicare una marca da bollo di 1,81. Tale documento sottoscritto fungerà da ricevuta. La ritenuta è da operare sul compenso al lordo dei costi sostenuti dal lavoratore. Sono da sottoporre a ritenuta, quindi, anche le spese di viaggio, vitto e alloggio. I costi documentabili ed inerenti la produzione del reddito potranno essere, successivamente, dedotti dal contribuente in sede di denuncia dei redditi (Modello 730 o UNICO). Nel calcolo del conguaglio si porterà a credito anche la quota delle relative ritenute subite alla fonte. Entro il 28 febbraio dell anno successivo a quello di corresponsione dei compensi, il committente dovrà, inoltre, rilasciare una certificazione riassuntiva degli importi erogati, delle ritenute operate e versate e degli eventuali contributi trattenuti e versati. Il lavoratore utilizzerà tale certificazione per la compilazione della dichiarazione dei redditi. Tale documentazione deve essere conservata dal prestatore con cura, atteso che, nel caso in cui il versamento non sia stato effettuato dal committente, essa pone il lavoratore al riparo da qualsivoglia responsabilità. Trattandosi di prestazioni non abituali/professionali, i corrispettivi non sono soggetti, per mancanza dei requisiti soggettivi (art. 5 del D.P.R. 633/1972), alla disciplina dell IVA. Sotto l aspetto previdenziale, in caso di compensi sopra i euro nell anno, sarà necessaria l iscrizione alla gestione separata all INPS con versamento dei contributi per gli importi superiori a tale limite Collaborazioni occasionali ai sensi dell art. 61, comma 2, D.Lgs. 276/2003 (c.d. mini-cococo) I compensi corrisposti a collaboratori coordinati e continuativi sono assimilati ai redditi di lavoro dipendente ex art. 50 TUIR; si applicano, pertanto, tutti gli istituti tipici del reddito di lavoro dipendente, quali, ad esempio, i diversi criteri di determinazione della base imponibile, il principio di cassa allargato etc. Tale classificazione tributaria è valida anche per le c.d. mini-co.co.co., ossia per quelle collaborazione che per il loro contenuto residuale della prestazione non richiedono l esistenza di un progetto. Ai sensi del comma 2 dell art. 61 della legge Biagi (così come modificato dall art. 48, co. 7, L. 183/2010), per mini co.co.co. si intendono i rapporti di durata complessiva non superiore a trenta giorni nel corso dell anno solare ovvero, nell ambito dei servizi di cura e assistenza alla persona, non superiore a 240 ore, con lo stesso committente, salvo che il compenso complessivamente percepito nel medesimo anno solare sia superiore a 5 mila euro. In sostanza, ai sensi della predetta norma, se si rispettano i seguenti elementi: durata complessiva annua (1 gennaio 31 dicembre) non superiore a 30 giorni (la prestazione giornaliera potrà essere anche di un ora o di 10 ore non rilevando ai fini del conteggio delle giornate) o a 240 ore nell ambito dei servizi di cura e assistenza della persona con lo stesso committente; compenso annuo complessivo non superiore a euro

20 Capitolo 3 - Collaborazioni non a progetto e con partita IVA 11 non sarà necessario il progetto (es. Tribunale Milano 21 dicembre 2007 ha convertito un contratto di collaborazione in un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato in quanto non rispettando i predetti requisiti era necessario il progetto). In merito al concetto di 30 giorni, è bene evidenziare l esistenza di due interpretazioni fondamentali: a) i 30 giorni sono considerati come periodo: interpretazione seguita in ambito ispettivo ma mai formalizzata in una circolare o altro documento di prassi ministeriale; b) i 30 giorni sono di giorni effettivi nell anno solare: interpretazione letterale della norma coordinata con il requisito delle 240 ore nell ambito dei servizi di cura e assistenza (difatti non avrebbe alcun senso prevedere un periodo di 240 ore in tale ambito; se le 240 ore sono intese come ore effettive, il tenore letterale della norma, porta a ritenere che anche i 30 giorni siano di effettivo lavoro). Sotto l aspetto prettamente fiscale, il compenso verrà erogato al netto delle ritenute fiscali gravanti sul collaboratore, ai sensi degli artt. 23 e 24 D.P.R. 600/1973 tramite anche l applicazione delle detrazioni d imposta cui il lavoratore ha diritto. Il versamento dell imposta avverrà tramite modello F24 con il codice tributo L anno successivo allo svolgimento della prestazione, il collaboratore riceverà dal committente lo schema di certificazione CUD, riassuntivo del compenso percepito e del trattamento fiscale e contributivo subito. Sotto l aspetto contributivo le predette collaborazioni sono soggette al contributo da versare alla Gestione separata. 3.2 Lavoratori autonomi con partita IVA a rischio Art. 69-bis D.Lgs 276/2003 ante riforma Art. 69-bis D.Lgs 276/2003 modificato dalla L. 92/2012 e L. 134/2012 Art. 69-bis. - (Altre prestazioni lavorative rese in regime di lavoro autonomo). 1. Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria da parte del committente, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti: a) che la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi; continua

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1 Marco Marazza 1. Premessa. 2. La riforma del lavoro autonomo, tra fattispecie ed effetti (previdenziali e non). - 3. I due principali nodi critici

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMPENSO IN MISURA FISSA

COMPENSO IN MISURA FISSA AMMINISTRATORI Per gli amministratori può essere previsto un compenso: a) in misura fissa; b) variabile in base agli utili (partecipazione agli utili); c) misto, base fissa più variabile in base agli utili;

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli