RCS Direct S.r.l. Bilancio e Relazione al 31 dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RCS Direct S.r.l. Bilancio e Relazione al 31 dicembre 2011"

Transcript

1 RCS Direct S.r.l. Bilancio e Relazione al 31 dicembre 2011 Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 1

2 Composizione degli Organi Sociali Di seguito si evidenziano gli organi sociali rimasti in carica fino al 31 dicembre 2011, in quanto a partire dal 1 gennaio 2012 la Società è stata fusa per incorporazione nella capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Per maggiori dettagli in merito all operazione di fusione si rimanda a quanto illustrato nei Fatti di rilievo dell esercizio della presente Relazione. Consiglio di Amministrazione Presidente Matteo Novello Amministratore Delegato Gabriele Melazzini Consiglieri Stefano Bibbiani Davide Lacalamita Collegio Sindacale Presidente Cesare Gerla Sindaci effettivi: Mario Difino Maria Stefania Sala Sindaci supplenti: Francesco Gerla Corrado Giardina Società di Revisione KPMG S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 2

3 Di seguito si evidenziano gli organi sociali attualmente in carica riferibili alla società incorporante RCS MediaGroup S.p.A.. Presidente d onore Cesare Romiti Consiglio di Amministrazione (^) Piergaetano Marchetti (*) Renato Pagliaro (*) Antonio Perricone (*) ( ) Raffaele Agrusti Roland Berger (1) Roberto Bertazzoni Gianfranco Carbonato Diego Della Valle (*) John P. Elkann (*) Giorgio Fantoni Franzo Grande Stevens Jonella Ligresti Vittorio Malacalza (*) (1) Giuseppe Lucchini Paolo Merloni Andrea Moltrasio Carlo Pesenti (*) Virginio Rognoni Alberto Rosati Giuseppe Rotelli (*) Enrico Salza (*) Presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere (^) Il Consiglio di Amministrazione, in carica alla data di approvazione della presente relazione, è stato nominato con delibera assunta dall Assemblea degli azionisti tenutasi in data 28 aprile 2009 per gli esercizi , e quindi sino all Assemblea di approvazione del bilancio dell ultimo di tali esercizi. Nel corso dell esercizio 2011 è rimasto in carica quale Consigliere (ed anche membro del Comitato Esecutivo) Claudio De Conto, anch egli nominato con la sopra ricordata delibera assembleare del 28 aprile 2009, dimessosi in data 8 marzo 2011 e sostituito da Vittorio Malacalza, nominato Consigliere, e membro del Comitato Esecutivo, in data 22 marzo 2011 con delibere del Consiglio di Amministrazione. Vittorio Malacalza è stato confermato nella carica di Amministratore con delibera dell Assemblea del 28 aprile 2011 e, quindi, in pari data, riconfermato dal Consiglio di Amministrazione quale membro del Comitato Esecutivo. (*) Membro del Comitato Esecutivo. ( ) Anche Direttore Generale. (1) In carica, anche quale membro del Comitato Esecutivo, dal 22 marzo Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 3

4 Poteri delegati dal Consiglio di Amministrazione Fermo comunque il rispetto a livello interno delle funzioni e norme in materia di Corporate Governance adottate, il Consiglio di Amministrazione ha delegato in particolare: all Amministratore Delegato e Direttore Generale tutti i poteri per l ordinaria amministrazione della Società nonché ulteriori ampi poteri per la gestione della stessa con limitazioni all impegno e/o rischio economico assumibile per talune categorie di operazioni; al Comitato Esecutivo tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione ad eccezione di quelli relativi alla conclusione di talune categorie di operazioni (quali, tra l altro, acquisizioni o cessioni di partecipazioni societarie o aziende, locazioni di immobili o affitti di aziende ultranovennali, concessioni o assunzioni di finanziamenti e transazioni) allorché di valore superiore a determinati importi in relazione all impegno e/o rischio economico nonché di quelli riservati per legge al Consiglio di Amministrazione; al proprio Presidente i medesimi poteri attribuiti all Amministratore Delegato e Direttore Generale da esercitarsi tuttavia nei soli casi di assenza o impedimento di quest ultimo, nonché poteri da esercitarsi a firma congiunta con l Amministratore Delegato per talune assai limitate categorie di operazioni per un impegno e/o rischio economico assumibile sempre limitato ma superiore a quello previsto per i corrispondenti poteri a firma singola assegnati all Amministratore Delegato medesimo, ed anche in questo caso con l ulteriore limite interno di esercizio in casi del tutto eccezionali e di assoluta necessità ed urgenza. Collegio Sindacale (^) Giuseppe Lombardi Pietro Manzonetto Giorgio Silva Marco Baccani Michele Casò Anna Strazzera Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Sindaco supplente Sindaco supplente (^) Il Collegio Sindacale in carica è stato nominato il 28 aprile 2009 per gli esercizi e quindi sino all Assemblea di approvazione del Bilancio relativo all ultimo di tali esercizi. Società di revisione (^) KPMG S.p.A. (^) In carica sino all Assemblea di approvazione del Bilancio relativo all esercizio Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 4

5 INDICE 1. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE pag. 5 - Premessa - Andamento della gestione - Fatti di rilievo dell esercizio - Fatti di rilievo dopo la chiusura dell esercizio - Evoluzione prevedibile della gestione - Rapporti con parti correlate - Altre informazioni - Proposta di delibera 2. BILANCIO D ESERCIZIO pag Stato Patrimoniale - Conto Economico 3. NOTA INTEGRATIVA pag Criteri di formazione - Criteri di valutazione - Commento alle poste di Bilancio 4. ALLEGATI pag Rendiconto Finanziario - Modello di passaggio da civilistico a IAS - Riconciliazione Patrimonio Netto - Riconciliazione Risultato 5. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 6. RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 5

6 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 6

7 Premessa A partire dal 1 gennaio 2012, RCS Direct S.r.l.. è stata fusa per incorporazione nella capogruppo RCS MediaGroup S.p.A., come meglio illustrato nei Fatti di rilievo dell esercizio. Per quanto concerne, in particolare, l attività svolta dalla società RCS Periodici S.p.A., si riporta nella presente relazione l andamento della gestione riferito all esercizio 2011, precisando che, per effetto della fusione sopra citata, l andamento gestionale della società proseguirà, a far data dal 1 gennaio 2012, in capo alla società incorporante RCS MediaGroup S.p.A.. Andamento della gestione Tutti i numeri sono espressi in valuta Euro, salvo ove specificatamente indicato. Conto Economico I principali valori economici dell anno 2011 sono rappresentati nella seguente tabella: importi in migliaia di Euro Descrizione Esercizio 2011 Esercizio 2010 Variazione Valore della produzione Costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (754) Proventi e (oneri) finanziari Proventi e (oneri) straordinari 1 (1) 2 Risultato prima delle imposte (736) Imposte sul reddito (557) (752) 195 Utile (perdita) d'esercizio (541) La situazione economica dell esercizio evidenzia un risultato ante imposte positivo per migliaia, in calo di 736 migliaia (-40%) rispetto a quanto consuntivato nel 2010, essenzialmente generato dall aumento dei costi di produzione. Il valore della produzione registra una crescita di 325 migliaia (+2%), principalmente a fronte del significativo incremento dei ricavi relativi alle vendite per corrispondenza dei prodotti collaterali del Corriere della Sera (+ 670 migliaia, pari a +33%) rispetto allo scorso esercizio e di circa 50 migliaia dei Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 7

8 ricavi da attività di Gestione Abbonamenti. Tale crescita risulta tuttavia in parte compensata dal calo di 450 migliaia (-6%) del fatturato relativo ai Servizi di Direct Marketing (list broking, attività di comunicazione, cofanetti). Gli altri ricavi ammontano a migliaia e sono relativi principalmente al recupero costi per prestazioni infragruppo con le società Sfera Editore S.p.A. e RCS Periodici S.p.A.. Relativamente ai costi operativi, si segnala l aumento dei costi per acquisti materie prime e servizi (762 migliaia) per effetto dei maggiori volumi di spedizioni collegate alle vendite per corrispondenza. Relativamente ai costi per godimento di beni di terzi, l incremento rispetto al precedente esercizio (205 migliaia) è da ricondursi alla rinegoziazione dei contratti di licenza e sfruttamento delle banche dati con le società Sfera Editore S.p.A. e Pubblibaby S.r.l.. Si segnala infine l accantonamento di 200 migliaia ad apposito fondo rischi, a fronte di possibili future sanzioni del Garante in materia di Privacy relative all anno A partire dal mese di settembre 2011, è stato deciso il blocco del trattamento dei dati raccolti dalle società del Gruppo prima dell anno 2007 con modalità opt out, per attività promozionali e di comunicazione a terzi. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 8

9 Stato patrimoniale I principali valori patrimoniali riclassificati al 31 dicembre 2011 sono rappresentati nella seguente tabella: (importi in migliaia di euro) Saldi al Saldi al 31-dic dic-10 Variazione CAPITALE INVESTITO NETTO A) Attivo immobilizzato netto Immobilizzazioni immateriali nette ( 32) Immobilizzazioni materiali nette ( 12) Totale Attivo immobilizzato netto ( 44) B) Capitale d'esercizio ( 1.161) ( 2.251) C) Fondi per rischi e oneri ( 755) ( 624) ( 131) CAPITALE INVESTITO NETTO ( 1.815) ( 2.730) 915 FONTI DI FINANZIAMENTO Patrimonio netto ( 482) Totale posizione finanziaria netta ( 3.478) ( 4.875) FONTI DI FINANZIAMENTO ( 1.815) ( 2.730) 915 Si segnala la variazione negativa del Capitale Investito Netto (-915 migliaia) riconducibile principalmente al capitale d esercizio per maggiori crediti e minori debiti di natura commerciale. Il Patrimonio Netto registra un decremento rispetto all anno 2010, dovuto alla distribuzione dei dividendi ai Soci, pari a migliaia, e parzialmente compensato dal risultato dell esercizio pari a 538 migliaia. Le variazioni di crediti e debiti tra le altre influiscono sulla Posizione Finanziaria Netta che, pur rimanendo positiva, passa da migliaia al 31 dicembre 2010 a migliaia al 31 dicembre Il personale in forza alla Società alla data del 31 dicembre 2011 risulta essere di 32 persone, invariato rispetto al 31 dicembre Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 9

10 Fatti di rilievo dell esercizio 2011 In data 24 giugno 2011 il Consiglio di Amministrazione di RCS Direct S.r.l. ha approvato il progetto di fusione della Società mediante incorporazione della stessa nella capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Tale progetto si inserisce in un programma di razionalizzazione e semplificazione della struttura societaria del Gruppo RCS da attuarsi mediante la fusione per incorporazione in RCS MediaGroup S.p.A. di talune società italiane da essa interamente controllate, in via diretta o indiretta, già annunciato nel comunicato del 12 maggio scorso da parte della capogruppo. Le società identificate in tale perimetro sono: RCS Quotidiani - con RCS Digital e Trovocasa - RCS Periodici - con Editrice Abitare Segesta, Pubblibaby, RCS Direct, Rizzoli Publishing Italia e Sfera Editore - e RCS Pubblicità. In data 27 luglio il Consiglio di Amministrazione di RCS Direct S.r.l. ha approvato, ai sensi dell art comma 2 del codice civile ed in virtù di quanto consentito dallo Statuto sociale, la fusione per incorporazione nella controllante RCS MediaGroup S.p.A. della Società. In data 4 novembre è stato stipulato l atto di fusione per incorporazione della Società in RCS MediaGroup S.p.A., la cui efficacia civilistica, contabile e fiscale ha decorrenza a partire dal 1 gennaio A decorrere dal 20 ottobre 2011, RCS Direct S.r.l. risulta interamente controllata da RCS Periodici S.p.A.. Quest ultima ha infatti acquistato, in tale data, la quota residua del 62,50% ad un valore pari a migliaia, detenuta da Sfera Service S.r.l. e divenendo pertanto unico socio di RCS Direct S.r.l.. Le attività relative ai Servizi di Direct Marketing (commercializzazione liste dati, attività di comunicazione e vendita cofanetti), dopo il trend di forte crescita degli ultimi esercizi registrano un rallentamento pari a circa il 6% rispetto al Nel dettaglio, la commercializzazione delle liste ha generato un fatturato di migliaia in calo di 270 migliaia rispetto al 2010 (-8%). I fatturati dell attività di comunicazione (sms, mailing, altro) sono stati pari a migliaia, in linea rispetto al medesimo periodo del I cofanetti, con un fatturato pari a migliaia, registrano un calo pari a 213 migliaia (-12%). Sostanzialmente in linea al 2010 i ricavi relativi all inserimento nei cofanetti dei periodici di Sfera Editore S.p.A. (557 migliaia). Il margine di contribuzione dell area Direct Marketing Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 10

11 risulta pari a 680 migliaia. L attività di Gestione Abbonamenti, che fornisce servizio a tutte le società del Gruppo RCS, gestisce anche la distribuzione di Ore 7 del Corriere della Sera. I fatturati sono sostanzialmente in linea con il 2010 (4.320 migliaia) con un margine di contribuzione pari a 794 migliaia. In forte crescita l attività di gestione delle vendite per corrispondenza dei prodotti collaterali di RCS Quotidiani S.p.A. che ha realizzato un fatturato pari a migliaia (+33%) con un margine di contribuzione pari a 107 migliaia. Fatti di rilievo dopo la chiusura dell esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione Vengono di seguito illustrati i principali fatti di rilievo successivi alla chiusura dell esercizio e l evoluzione prevedibile della gestione riferibili all attività svolta da RCS Direct S.r.l. che, a partire dal 1 gennaio 2012, è stata trasferita in capo alla società incorporante RCS MediaGroup S.p.A. in virtù della fusione precedentemente citata. L andamento dei ricavi nei primi mesi del 2012 mostra una sostanziale conferma delle previsioni, con valori analoghi all esercizio 2011 e con un mix di prodotto che nei Servizi di Direct Marketing privilegia l attività di comunicazione rispetto a quella di list broking. Nei prossimi mesi verrà ampliata l attuale offerta di servizi di Direct Marketing attraverso l introduzione di nuovi servizi digitali (1ring, Digital PR, Qr Code, App, e-learning). L obiettivo di RCS Direct S.r.l. è quindi diventare centro di competenza dei servizi marketing below the line con lo scopo di affiancare le aziende e, sulla base dei loro obiettivi di business, metterle in connessione con i consumatori attraverso l offerta di soluzioni di marketing e formazione innovative. In merito all evoluzione prevedibile della gestione, in accordo con le linee strategiche di RCS MediaGroup S.p.A., uno dei principali obiettivi dell attività di sviluppo dal 2012 sarà il potenziamento dei servizi evoluti di Direct Marketing con particolare focus sui servizi digitali innovativi, nonché l ampliamento del portafoglio clienti con ulteriore sviluppo della collaborazione con la divisione Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 11

12 Pubblicità. Rapporti infragruppo e con parti correlate I rapporti intrattenuti da RCS Direct S.r.l. nel corso del 2011 con parti correlate si riferiscono esclusivamente a rapporti intrattenuti con imprese controllanti e consociate del Gruppo RCS ed hanno riguardato principalmente lo scambio di beni, la prestazione di servizi, la provvista e l impiego di mezzi finanziari, nonché rapporti di natura fiscale. Le operazioni hanno riguardato la gestione ordinaria e sono avvenute a condizioni di mercato, ciò anche tenuto conto del livello di servizio prestato o ricevuto, nel rispetto di procedure volte a garantire la correttezza sostanziale dell operazione. La Società è stata soggetta, fino al 31 dicembre 2011, all attività di direzione e coordinamento esercitata dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A., che redige il bilancio consolidato. Si ricorda che, come commentato tra i fatti di rilievo, a partire dal 1 gennaio 2012 la Società è stata fusa per incorporazione in RCS MediaGroup S.p.A.. RCS Direct S.r.l. ha acquistato i servizi amministrativi, fiscali, di amministrazione del personale, legali, servizi relativi agli acquisti ed alla logistica, i servizi informatici ed i servizi generali dalla società consociata RCS Quotidiani S.p.A., che svolge gli stessi per gran parte delle società italiane del Gruppo RCS al fine di ottimizzare le risorse disponibili, in una logica di convenienza economica per il Gruppo RCS. La Società si è avvalsa inoltre degli spazi locati dalla RCS Quotidiani S.p.A., che mette a disposizione spazi per uffici ed aree operative. RCS Direct S.r.l. ha acquistato altresì i servizi relativi ad organizzazione, legale societario, finanza, comunicazione, pianificazione e controllo, security ed assistenza in materia di business development e mergers & acquisitions dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Relativamente ai rapporti di natura finanziaria, RCS Direct S.r.l., si è avvalsa di finanziamenti ed ha intrattenuto un rapporto di conto corrente, regolato a condizioni di mercato, con la capogruppo RCS MediaGroup S.p.A., che svolge le funzioni di tesoreria centralizzata per gran parte delle società italiane Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 12

13 del Gruppo RCS. Nel corso dell esercizio RCS Direct S.r.l. ha partecipato al consolidato IVA di Gruppo, promosso dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Al 31 dicembre 2011 la società ha trasferito alla capogruppo un saldo a debito pari a 647 migliaia. I rapporti con società controllanti, collegate e consociate sono relativi a rapporti con società in gran parte sottoposte ad attività di direzione e coordinamento da parte della capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Nell ambito della politica fiscale di Gruppo, RCS Direct S.r.l. ha aderito all istituto del consolidato fiscale introdotto con il D.lgs. del 12 dicembre 2003 in qualità di società consolidata dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Al 31 dicembre 2011 la Società ha trasferito un reddito fiscale che ha generato un onere pari a 429 migliaia. I rapporti con società controllanti e consociate sono indicati nel contesto della nota integrativa in sede di commento delle singole voci dello stato patrimoniale e del conto economico. Di seguito viene riportato un prospetto riepilogativo dei rapporti patrimoniali ed economici infragruppo. STATO SOCIETA' SOCIETA' PATRIMONIALE DEL GRUPPO RCS CONTROLLANTI TOTALE (Valori in migliaia di Euro) ATTIVO C) ATTIVO CIRCOLANTE PASSIVO D) DEBITI Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 13

14 CONTO ECONOMICO SOCIETA' DEL GRUPPO RCS SOCIETA' CONTROLLANTI FONDO INTEGRATIVO PREVIDENZA DIRIGENTI AMMINISTRATORI E SINDACI TOTALE (Valori in migliaia di Euro) A) VALORE DELLA PRODUZIONE Altri ricavi e proventi B) COSTI DELLA PRODUZIONE C) PROVENTI E (ONERI) FINANZIARI Altre informazioni Ai sensi dell art punti 6-bis), 6-ter) si informa che la Società non ha posto in essere operazioni in valuta né operazioni che prevedono l obbligo per l acquirente di retrocessione a termine, non ha Patrimoni destinati a specifici affari né ha, per tale titolo, percepito proventi. Ai sensi dell art punto 22), vi informiamo che la Società non ha stipulato contratti di locazione finanziaria. Si segnala che, in ottemperanza al D. Lgs 39/2010, i corrispettivi per la revisione legale del presente bilancio ammontano complessivamente a 10 migliaia. Azioni proprie Come previsto dall articolo 2428 del Codice Civile si precisa che al 31 dicembre 2011 la Società non possiede e non ha acquistato né alienato nel corso dell esercizio quote proprie e azioni di società controllanti, né direttamente né per tramite di società fiduciaria o per interposta persona. Ricerca e sviluppo In ottemperanza al dettato dell articolo 2428 del Codice Civile si precisa che nel corso dell esercizio la Società, data l attività svolta, non ha effettuato investimenti in ricerca e sviluppo. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 14

15 Gestione dei rischi e incertezze Rischi relativi agli andamenti del contesto macro-economico A partire dal quarto trimestre 2011 il contesto economico nel quale opera la Società, già caratterizzato dagli effetti della crisi economico finanziaria iniziata nel 2008, ha manifestato in Italia per la prima volta dalla fine dell esercizio 2009 un andamento a carattere recessivo con un PIL in decremento dello 0,7% rispetto al terzo trimestre 2011 (-0,5% rispetto al quarto trimestre del 2010). In particolare il trimestre è stato segnato in Italia dalla crisi del Debito Sovrano, dalle successive eccezionali misure di politica fiscale e dai conseguenti riflessi sull economia reale a valere anche sull esercizio L indice relativo al livello di fiducia dei consumatori, in Italia e nel quarto trimestre 2011, risulta pari a 49 punti in discesa rispetto ai 71 punti del quarto trimestre (Fonte Nielsen). Permane la difficoltà nel prevedere la dimensione e la durata della crisi sulla cui evoluzione in Europa grava il rischio di un disaccordo tra i paesi dell Unione circa le soluzioni da adottare. Le attività e le prospettive della Società sono peraltro esposte ai rischi indotti dall instabilità del contesto sopra descritto, con possibile conseguente riflesso sui risultati economico finanziari. Rischi relativi ai risultati della Società Le attività della Società si svolgono prevalentemente in Italia. Pertanto i risultati della Società sono esposti ai rischi indotti dall andamento della congiuntura economica, particolarmente severa in Italia, e dalle politiche economiche attivate dal Governo per reagire alla congiuntura sfavorevole. Da segnalare inoltre il rischio derivante dalle contestazioni amministrative rivolte dal Garante in materia di Privacy in merito all utilizzo delle liste di nominativi ai fini commerciali, a seguito delle quali la Società ha già intrapreso adeguati interventi. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 15

16 Gestione dei Rischi finanziari Per quel che concerne gli obiettivi e le politiche in materia di gestione del rischio finanziario, compresa la politica di copertura, nonché l esposizione della Società al rischio di credito, di prezzo, di liquidità e di variazione dei flussi finanziari, si rinvia ai commenti alle poste di bilancio, dove sono trattati. Rischi connessi ai rapporti con i dipendenti ed i fornitori I rapporti con i dipendenti sono regolati da leggi, contratti collettivi ed accordi integrativi aziendali; la normativa giuslavoristica in vigore prevede comunque una consultazione ed in molti casi una negoziazione con la controparte sindacale per la revisione dell organizzazione e dell organico. Rischio di tasso RCS Direct S.r.l. è esposta al rischio delle oscillazioni dei tassi di interesse, in quanto la quasi totalità della Posizione Finanziaria Netta è a tasso variabile, più precisamente parametrata all Euribor (si tratta della esposizione alle variazioni dei cash flow futuri legati agli oneri finanziari). Le posizioni creditorie/debitorie di RCS Direct S.r.l. sono pressoché completamente allocate/finanziate dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A., in quanto fornitore del servizio di tesoreria centralizzata. L analisi di sensitività condotta sul rischio di tasso non ha evidenziato risultati significativi. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 16

17 Rischio di cambio RCS Direct S.r.l. non evidenzia una rilevante esposizione al rischio di cambio (transattivo ed economico) in quanto i flussi di cassa commerciali sono essenzialmente denominati in euro. Rischio di liquidità RCS Direct S.r.l. si avvale del servizio di tesoreria accentrata della capogruppo RCS MediaGroup S.p.A., con la quale è attivo un servizio di Cash Pooling cosiddetto Zero Balance. I fabbisogni di liquidità di RCS Direct S.r.l. sono puntualmente gestiti e soddisfatti dalla capogruppo RCS MediaGroup S.p.A.. Rischio di credito L esposizione al rischio di credito di RCS Direct S.r.l. è riferibile a crediti commerciali. RCS Direct S.r.l. non presenta aree di rischio di credito commerciale di particolare rilevanza. I crediti commerciali sono rilevati in bilancio al netto delle svalutazioni. Il processo di svalutazione adottato dalla Società prevede che sia oggetto di impairment individuale. L accantonamento ha luogo se, a livello di singolo cliente, è presente una percentuale significativa di saldo scaduto sul totale del saldo complessivo. Al 31 dicembre 2011 la seguente tabella evidenzia le percentuali medie di svalutazione in funzione dello scaduto: Clienti Ratin g A (rischio basso) % significativa 15% Clienti Ratin g B (rischio medio) % significativa 10% Clienti Ratin g C (rischio alto) % significativa 5% Clienti Ratin g Z (not rated) % significativa 5% Clienti Ratin g E (Enti Pubblici) % significativa 5% Scaduto Fasce di credito 1-30gg 30-60gg 60-90gg gg gg gg gg >720gg Rating a rischio basso 4% 4% 6% 8% 12% 18% 24% 30% Rating a rischio medio 6% 6% 8% 10% 16% 24% 32% 40% Rating a rischio alto 8% 8% 10% 12% 20% 30% 40% 50% Enti pubblici 1% 1% 1% 1% 2% 2% 2% 2% Not rated 6% 6% 8% 10% 16% 24% 32% 40% Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 17

18 Informazioni attinenti all ambiente Nel corso del 2011 il Gruppo RCS ha intensificato la sua attenzione ai temi ambientali, portando avanti le iniziative già avviate in questo campo negli anni passati. Gli ambiti di attenzione sono stati principalmente: - l ottimizzazione dell utilizzo delle risorse ambientali in ogni settore, migliorando i processi interni per evitare possibili sprechi; - lo sviluppo della sensibilità ambientale, sia a livello di processi aziendali che di attenzione diffusa per effetto di comunicazioni mirate al proprio interno; - una politica di acquisto in ogni settore sempre più sensibile ai soggetti ambientali. La stessa politica di attenzione ai temi ambientali è stata messa in atto in tutte le società del Gruppo RCS. In particolare, l incidenza in materia ambientale di RCS Direct S.r.l. è proporzionale alla sua presenza nella sede di via Rizzoli. Rifiuti RCS Direct S.r.l. ha occupato poco meno del 2% della superficie complessiva di via Rizzoli e quindi ha inciso per la stessa percentuale alla produzione di rifiuti. Analogamente ha concorso alla raccolta differenziata e al processo di riciclo che l intero Gruppo RCS ha messo in atto nelle sedi principali. Acqua RCS Direct S.r.l. ha occupato poco meno del 2% della superficie complessiva di via Rizzoli e quindi ha inciso per la stessa percentuale ai consumi di acqua. Pertanto anche per questa Società sono valse le considerazioni relative al contenimento dell utilizzo di questa risorsa. Energia Anche per RCS Direct S.r.l. sono stati applicabili i criteri di attenzione all utilizzo delle risorse valide per il Gruppo RCS. RCS Direct S.r.l. ha occupato poco meno del 2% della superficie complessiva di via Rizzoli, dove non Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 18

19 sono utilizzati combustibili fossili; in ogni caso si è assistito ad una diminuzione di consumi dell 11% grazie soprattutto ad un efficiente gestione dei sistemi di climatizzazione e d illuminazione. Combustibili per autotrazione Proporzionalmente a quello del Gruppo RCS, il parco auto di RCS Direct S.r.l., seppur contenuto, è stato formato da autovetture in gran parte a gasolio, in regola con le normative antinquinamento ed è in costante rinnovamento verso modelli sempre meno inquinanti. Cambiamento climatico Così come le altre realtà del Gruppo RCS, RCS Direct S.r.l. ha messo in atto tutte le azioni possibili per contenere la produzione di CO 2. Emissioni elettromagnetiche L attenzione del Gruppo RCS al tema delle emissioni elettromagnetiche è stata valida anche per RCS Direct S.r.l. secondo gli stessi criteri attuati a livello di Gruppo. Informazioni attinenti al personale L organico medio L organico medio risulta sostanzialmente invariato rispetto all analogo dato del 2010 (32 dipendenti). Sviluppo competenze e formazione Nel corso del 2011 RCS Direct S.r.l. ha partecipato alle sessioni di formazione manageriale organizzate a livello di Gruppo. In particolare la popolazione manageriale è stata coinvolta in un progetto di team coaching volto a potenziare il senso di appartenenza e lo spirito di Gruppo. Le relazioni industriali Nel corso del 2011 è stato raggiunto un accordo sui trattamenti economici e normativi in coerenza con il nuovo assetto organizzativo. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 19

20 Proposta di delibera Signori Azionisti, esaminato il bilancio al 31 dicembre 2011 che chiude con un utile di Euro ed un Patrimonio Netto pari a Euro e preso atto della Relazione del Consiglio di Amministrazione Vi invitiamo ad approvare il bilancio al 31 dicembre 2011, così come predisposto dal Consiglio di Amministrazione e la Relazione del Consiglio stesso sulla gestione. Il Patrimonio Netto, pari a Euro , concorre alla valutazione degli impatti derivanti dalla fusione precedentemente descritta di RCS Direct S.r.l. sul Patrimonio Netto della società incorporante RCS MediaGroup S.p.A., con effetto dal 1 gennaio Milano, 16 marzo 2012 Per il Consiglio di Amministrazione: Il Presidente Piergaetano Marchetti L Amministratore Delegato Antonio Perricone Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 20

21 BILANCIO D ESERCIZIO Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 21

22 Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 22

23 Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 23

24 Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 24

25 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2011 Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 25

26 RCS Direct S.r.l. Sede in Milano, via Rizzoli, 8 Capitale Sociale interamente versato Socio Unico Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO Esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 Criteri di formazione Il seguente bilancio è conforme al dettato degli articoli 2423 e seguenti del Codice Civile, come risulta dalla presente nota integrativa, redatta ai sensi dell'articolo 2427 del Codice Civile, che costituisce, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 2423, parte integrante del bilancio d'esercizio. Sono stati rispettati nella struttura e nella numerazione delle voci gli schemi di Stato Patrimoniale e di Conto Economico previsti dalle norme richiamate, omettendo di indicare le voci di importo nullo, secondo quanto prescritto dall art. 4, comma 5, della IV Direttiva CEE. Accanto all importo di ogni voce dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico è stato riportato il corrispondente importo dell esercizio precedente. E stata utilizzata per la Nota Integrativa la forma tabellare, ritenuta più idonea per una migliore lettura dei dati contabili. Si rinvia alle ulteriori specificazioni contenute nella Nota Integrativa per quanto non descritto nella seguente sintesi. Il presente bilancio d'esercizio e' stato sottoposto a revisione legale; l'attività di revisione legale e' svolta da KPMG S.p.A. ai sensi dell'art. 14, comma 1 del Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39. I valori che seguono sono espressi in valuta Euro, salvo ove diversamente specificato. Bilancio al 31 dicembre 2011 Pagina 26

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli