TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO"

Transcript

1 TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 6 ottobre 2014 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati individuati i seguenti punti salienti di discussione nell ordine del giorno della Commissione IMCO: 4. Presentazione degli studi sui temi Discriminazione dei consumatori nel mercato unico digitale e Aspetti dei servizi finanziari relativi alla protezione dei consumatori Patrice Muller (London Economics) ha presentato lo studio Aspetti dei servizi finanziari relativi alla protezione dei consumatori. Le problematiche che affliggono i consumatori date dal mercato finanziario e dai relativi prodotti sono diverse, ha affermato lo studioso, come la scarsa frequenza con cui i prodotti finanziari vengono acquistati, la complessità degli stessi, la lunga durata, le limitate conoscenze finanziarie e gli errori comportamentali degli acquirenti. Lo studio si è basato su una vasta consultazione delle parti interessate (mediatori finanziari, associazioni dei consumatori, banche), ed ha evidenziato quali servizi e prodotti finanziari arrechino danno o apportino beneficio ai consumatori e imprese da una parte, al Mercato unico dall altra. Per quanto concerne i danni subiti dai consumatori e PMI, l impatto dei servizi e prodotti si riscontra maggiormente sulla salute finanziaria degli utenti e nel caso in cui questa venga seriamente deteriorata, consumatori e imprese possono essere spinti verso uno stato di vulnerabilità finanziaria. Tale fenomeno si riscontra nei casi in cui la vendita risulti inappropriata, i rischi siano cristallizzati o non siano rispettate le obbligazioni contrattuali nei confronti del consumatore. I prodotti e servizi finanziari considerati dannosi sono caratterizzati dal fatto che coinvolgono rischi non pienamente comprensibili, comportano alti tassi di interesse, sono soggetti a tasse e oneri elevati, sono soggetti ad alti costi nel caso di risoluzione degli obblighi contrattuali, possono indurre in inganno alcune tipologie di consumatori, specialmente quelle più vulnerabili. Nello specifico, sono stati individuati alcuni prodotti finanziari potenzialmente dannosi per consumatori e PMI: la gamma dei prodotti di credito ipotecario, spesso costituita da mutui ipotecari in valuta, da mutui ipotecari a tasso variabile, da un alto rapporto prestito/valore e debito/reddito; i prodotti di mutuo che comportano un alto rischio di sostanziali passività residue; i prodotti di risparmio, investimento e pensionistici con alti interessi; i prodotti con coperture complesse. Parlando invece dei danni potenziali arrecabili al Mercato unico, tenendo conto che nella situazione attuale vi è uno shopping transfrontaliero limitato, l impatto potenziale negativo dei servizi e prodotti finanziari si riscontra nel momento in cui esso è talmente devastante da compromettere la stabilità finanziaria; quando sono colpiti specifici gruppi di consumatori e

2 questo provoca conseguenze sulle loro attività transfrontaliere; quando la fascia di consumatori colpiti dagli effetti negativi è assai estesa, sebbene la scala del singolo impatto sia ridotta. Sono questi prodotti o servizi caratterizzati da pratiche scorrette o abusive di vendita, oppure non trasparenti sotto l aspetto dei tassi, dei costi e dei rischi. I principali prodotti identificati capaci di creare conseguenze dannose in larga scala, se non adeguatamente verificati, sono innanzitutto i prodotti ipotecari, impattanti sulla stabilità finanziaria a causa del loro ampio valore e volume, e le assicurazioni di protezione di pagamento, che comportano un danno limitato per ogni singolo consumatore, ma che possono affliggere un vasto numero di acquirenti. I prodotti e servizi che secondo lo studio possono comportare, al contrario, un beneficio ai consumatori e PMI, sono caratterizzati da una migliore personalizzazione e semplicità per la specifica necessità del consumatore, da una flessibilità più ampia rispetto ai termini contrattuali, dalla facilitazione che comportano nelle transazioni transfrontaliere e da una riduzione effettiva del prezzo/costo. Esempi concreti di questi prodotti sono: il credito al consumo e gli accumuli pensionistici personalizzati, i conti correnti basici; i p-konto sul modello tedesco o gli accordi sul credito, che consentono di saltare una o più rate senza incorrere nella penalità; il mobile banking e la sua disponibilità sui devices personali, le carte di credito e debito. Per quanto riguarda i benefici offerti dai prodotti e servizi finanziari rispetto al Mercato unico, le caratteristiche identificate di questi sono la capacità di facilitare transazioni transfrontaliere di tipo finanziario e non, di semplificare la mobilità lavorativa transfrontaliera. Esempi compatibili con tali caratteristiche sono i servizi di pagamento tramite carte di credito e debito, l internet banking, l accesso ai servizi di pagamento in rete come la rete Atm e l e-money, le informazioni standardizzate mediante il Formato standard europeo di credito al consumo (SECCI) e il Foglio informativo standard europeo (ESIS). Molteplici sono le conclusioni fondamentali formulate da Muller al termine della presentazione dello studio: 1. la vendita inappropriata o abusiva di determinati prodotti ipotecari è stata una delle cause principali nel 2007/2008 della attuale crisi finanziaria per gli Stati Uniti e per determinati Paesi UE; 2. gli altri prodotti finanziari presi in considerazione dallo studio talvolta possono essere seriamente dannosi per alcuni consumatori, ma ciò non sembra contribuire significativamente alla messa in crisi della stabilità finanziaria; 3. alcuni dei prodotti identificati dalle parti interessate come potenzialmente dannosi per i consumatori si sono rivelati per altre parti interessate come potenzialmente positivi per i consumatori, verificatane la vendita corretta e regolamentata; 4. la conoscenza finanziaria e la capacità ricettiva è relativamente debole tra in consumatori; 5. l esperienza dei consumatori tra il 2000 e il 2007 può esser descritta come un periodo di innovazione e liberalizzazione finanziaria, durante il quale agli stessi consumatori è stata offerta una vasta gamma di prodotti finanziari, a volte anche maggiormente complessi; 6. la vasta scelta di prodotti finanziari ha portato paradossalmente i consumatori ad effettuare scelte non sempre ponderate e a cadere preda di vendite inappropriate o abusive; 7. lo studio mette in luce che, sebbene una maggiore conoscenza dei servizi e prodotti finanziari sia necessaria e portatrice di benefici per i consumatori, le politiche atte a incrementare la conoscenza finanziaria non sono sufficienti. Le raccomandazioni finali si sono concentrate su alcuni obiettivi fondamentali. In primo luogo la riduzione dell asimmetria informativa tra i consumatori e i fornitori di servizi finanziari: sarebbe necessario far sì che il venditore fornisca ex ante ed ex post informazioni accurate,

3 semplici e comparabili del prodotto finanziario; le informazioni fornite dovrebbero essere migliorate illustrando l esperienza comune dei consumatori, prospettando gli scenari migliori e peggiori; dovrebbe essere presa in considerazione la possibilità di implementare sistemi dove i consumatori siano incoraggiati a ricercare un consiglio finanziario indipendente da terze parti, soprattutto nel caso di prodotti molto complessi. In secondo luogo, obiettivi da conseguire sono il supporto ai consumatori affinché possano affrontare i problemi finanziari e il rafforzamento della protezione dei consumatori nel settore finanziario nella fase preliminare: più sforzi dovrebbero essere compiuti dai governi e dalla società civile per rafforzare la conoscenza finanziaria e permettere un miglior apprendimento dai vari programmi già esistenti; i regolatori del settore finanziario e le istituzioni responsabili per la protezione dei consumatori dovrebbero essere maggiormente proattive per assicurarsi che il mercato finanziario funzioni in modo migliore; un approccio di questo genere dovrebbe prevedere la proibizione della vendita di certi prodotti o almeno comportare per essi altri costi di transazione. In terzo ordine va considerato il rafforzamento della protezione dei consumatori nel settore finanziario nella fase ex post: i regolatori del settore finanziario dovrebbero assicurarsi che i consumatori non si accollino interessi e commissioni che non riflettono i costi reali quando il consumatore acquista, detiene e liquida il prodotto; le sanzioni dei venditori fraudolenti dovrebbero essere inasprite; le istituzioni finanziarie devono esser rese sistematicamente responsabili per un adeguata compensazione ai consumatori che hanno patito un danno come risultato di una vendita scorretta. Infine devono essere previsti dei rimedi, come un meccanismo di risoluzione delle controversie indipendente, veloce, efficiente ed economico, e deve essere approntata un uscita pulita dal sovraindebitamento, tramite lo sviluppo di un migliore meccanismo processuale per accordarsi sugli eccessivi oneri debitori personali. Terminata la presentazione dello studio, è stato dato spazio agli interrogativi posti dai deputati. Ivan ŠTEFANEC (PPE) ha domandato se siano necessarie delle norme innovative per raggiungere l obiettivo oppure vadano preferiti degli organi che monitorino la situazione; Lucy ANDERSON (S&D) ha chiesto notizie relative ai prestiti a breve termine, sottolineando il danno che questi possono provocare sulle fasce più deboli dei consumatori; Catherine STIHLER (S&D) ha richiesto approfondimenti sulle informazioni fornite ai consumatori, in riferimento specialmente alle pubblicità dei mutui ipotecari, al PD loaning e alle assicurazioni e informazioni fornite da determinati siti web. Patrice Muller ha risposto che per quanto riguarda la necessità di nuove normative la situazione cambia da Paese a Paese: le norme eccessivamente prescrittive non sono adeguate, è meglio indurre il fornitore del servizio a garantire informazioni chiare e brevi, e quindi è necessario piuttosto essere prescrittivi sul comportamento da tenere da parte dei fornitori. Riguardo ai prestiti a breve termine, si riscontra effettivamente un alto tasso di interesse richiesto, che induce in confusione il consumatore. Il Regno Unito ha adottato severi provvedimenti in materia, riducendo il mercato a tre fornitori principali: i consumatori bisognosi di prestiti al di sotto della soglia di un anno si troveranno quindi nella condizione di rivolgersi ad altri finanziatori competitivi e rispettosi delle nuove normative, che il mercato genererà necessariamente. Riguardo all aumento della trasparenza nel settore dell informazione pubblicitaria dei prodotti in esame, le informazioni vanno necessariamente integrare dai fornitori, ma l efficacia delle stesse va verificata a posteriori, in quanto non bisogna attendere la degenerazione della situazione. L aspetto dei siti web informativi è più complesso: alcuni stakeholders hanno affermato la loro utilità, ma vi è il dubbio che, a volte, gli stessi siti web possano essere collegati ad un fornitore specifico e di conseguenza lo favoriscano indirettamente, tenendo all oscuro il consumatore anche con l utilizzo deviante di un marchio differente. Evelyne GEBHARDT (S&D) ha posto la questione di come il cittadino possa ottenere informazioni complete e comprensibili. Olga SEHNALOVÁ (S&D) ha chiesto delucidazioni sul

4 profilo che dovrebbe avere un autorità che garantisca l accesso indipendente e non filtrato alle informazioni del settore, sottolineando come il problema coinvolga anche gli stessi gli stessi fornitori di servizi finanziari, che si trovano essi anch essi ad acquistare strumenti di finanziamento. Vicky FORD (ECR) ha affrontato la questione dei mutui in valuta estera e delle relative informazioni, essendosi occupata della Direttiva sui mutui negli ultimi anni, ed ha evidenziato come esistano soluzioni positive; inoltre ha domandato chiarimenti sulla differenza tra le modalità del contratto online e offline, ponendo l esempio delle clausole non espresse nella pagina internet ma contenute in un link che necessita solo di una spunta e non costringe alla lettura completa di esse. In risposta alle questioni, Muller ha consigliato una soluzione unica per l alfabetizzazione finanziaria, correlata soprattutto ai prodotti più complessi e rischiosi. Lo studioso ha ipotizzato un sistema di informazione il cui onere economico ricade sui fornitori, che contribuiscono autonomamente: il modello di riferimento è il Money Advice inglese, ma è un sistema che può essere modellato in base alle esigenze di ogni singolo Paese. Se questa soluzione fosse applicata, sarebbe comunque lo Stesso Stato membro a vigilare per evitare abusi. Hans Schulte-Nölke (European Legal Studies Institute Osnabrück) ha presentato lo studio Discriminazione dei consumatori nel mercato unico digitale. Lo studioso ha affermato che, a causa del comportamento discriminatorio delle imprese nel mercato digitale, vi è frustrazione nei consumatori perché nei vari Paesi UE le condizioni e i prezzi di acquisto sono spesso differenti. Partendo da dati di base, è stato rilevato che il 74% dei rivenditori in UE non effettua vendite in altri Stati membri, che solo il 9% dei consumatori europei ha acquistato online da un altro Stato membro e che solo il 61% degli acquisti transfrontalieri ha avuto esito positivo. Le tipologie di comportamento discriminatorio individuate dallo studio sono innanzitutto: il rifiuto di ricevere ordini in base alla diversa localizzazione geografica; il reindirizzo alla filiale nazionale, dove spesso i prezzi sono più alti, la scelta meno ampia e la qualità differente; le differenti condizioni applicate ai consumatori di altri Stati membri, come i prezzi, i metodi di pagamento, i costi e le modalità limitate di spedizione; le restrizioni geografiche all uso di determinati contenuti digitali. Le ragioni che portano le aziende a mantenere comportamenti tali sono molteplici, come la scarsa convenienza o l eccessivo aggravio comportati dalla spedizione, le difficoltà nell ottenere il rispetto dei pagamenti, le barriere di tipo linguistico, informativo, legale, la mancanza di una certezza normativa nel Paese in cui si va a inviare il prodotto, le difficoltà pratiche date ad esempio dai servizi che richiedono la presenza fisica del fornitore del servizio. Il quadro legale in cui si situa la questione è vasto, essa è infatti regolata dai diritti e libertà fondamentali del cittadino, dall art. 20.2, della Direttiva dei servizi, dal diritto internazionale privato e dagli accordi Brussels 1 e Roma 1, dal diritto della concorrenza e dal diritto della proprietà intellettuale. I diritti e libertà fondamentali si articolano sotto diversi aspetti, e vanno valutati sulla base della loro utilità a regolare la questione: i diritti umani innanzitutto, precisamente il diritto a non essere discriminati sulla base della razza o provenienza etnica, si rivelano poco utili in quanto la problematica non è causata da motivazioni di tipo razzista. Maggiormente rilevante è il diritto dei cittadini UE a non essere discriminati a causa della provenienza da un diverso Stato membro stabilito dal TFUE, che comunque crea delle perplessità in quanto è discutibile che l impresa debba obbligatoriamente fornire servizi a tutti i Paesi membri; altrettanto rimarchevole nella definizione del problema è il principio della libera circolazione delle persone dei sevizi in Europa. E il secondo comma dell art. 20 della Direttiva servizi che attiene nello specifico alla non discriminazione dei cittadini per mano dei fornitori di servizi, recitando Gli Stati membri provvedono affinché le condizioni generali di accesso a un servizio che il prestatore mette a disposizione del grande pubblico non contengano condizioni discriminatorie basate sulla nazionalità o sul luogo di residenza del destinatario, ferma restando la possibilità di prevedere condizioni d accesso differenti allorché queste sono direttamente giustificate da

5 criteri oggettivi.. Schulte-Nölke a questo punto ha invitato la Commissione parlamentare a valutare se l art sia una disposizione programmatica oppure una norma da applicare rigidamente, inoltre ha evidenziato in ogni caso come sia bisognosa di essere esplicata con una maggiore trasparenza. Per quanto concerne il diritto internazionale privato, si rileva come esistano da una parte divergenze tra la normativa sulla protezione dei consumatori e quella nazionale sui contratti: le imprese spesso temono che il consumatore possa adire alle proprie norme nazionali, a detrimento delle imprese stesse. Al termine della disamina, lo studioso ha espresso delle indicazioni per una futura azione europea a correzione delle disparità evidenziate dallo studio, citando il metodo del bastone o carota per le imprese: - obbligare i negozi online a dichiarare quali sono i Paesi da cui non accettano ordinativi e a quali condizioni permettono l acquisto; - applicare in maniera più rigorosa il diritto sulla concorrenza; - riformare la legislazione sulla proprietà intellettuale al fine di creare una cornice normativa unificata europea; - proibire la concessione di licenze che contengano restrizioni geografiche; - creare un sito web per raccogliere le lamentele dei consumatori discriminati; - pubblicare delle pagelle in cui vengono descritte le migliori e le peggiori pratiche commerciali online. Conclusa la presentazione dello studio, diversi deputati hanno posto interrogativi. Kaja KALLAS (ALDE) ha domandato se non sia paradossale per le imprese rifiutare il guadagno provenienti dalla vendita transfrontaliera dei propri prodotti, applicando una discriminazione cha appare ingiustificata; Evelyne GEBHARDT (S&D), citando ad esempio diversi casi di discriminazione sul prezzo dei prodotti acquistabili online, ha chiesto in che modo concreto l art della Direttiva servizi possa andare a sanare la frammentazione del Mercato unico digitale. Lo studioso ha risposto affermando che effettivamente gli esempi di discriminazione sono tanti, talvolta assurdi, talvolta razionali nel caso in cui l impresa desideri volontariamente segmentare il mercato mediante la variazione di prezzo. Per garantire la corretta tutela dei consumatori l UE dovrà però soppesare tale diritto con quello legittimo, garantito da limiti giuridici, delle società ad operare liberamente e senza costrizioni all interno dei vari mercati. L art soffre di una formulazione troppo vaga e generica, facendo sì che le imprese siano scoraggiate dal prestare i propri servizi in un determinato Paese, per timore delle legislazioni nazionali che in molte effettivamente non conoscono: una soluzione potrebbe essere l emanazione un esplicito atto giuridico europeo contro la discriminazione dei consumatori nel Mercato unico digitale. Una soluzione preferibile sarebbe di tipo indiretto: concedere alle aziende di iniziare la vendita transfrontaliera solo in alcuni Paesi, fornire informazioni chiare e diffuse sul perché eventualmente vengono applicate delle discriminazioni, sollevando una coscienza pubblica della questione. In questo modo il mercato risponderà in maniera naturale, richiamando competitors che colmeranno le lacune e appianeranno il problema della discriminazione geografica. Olga SEHNALOVÁ (S&D) ha chiesto se la motivazione della frammentazione può essere anche la differenza della qualità dei prodotti distribuiti nei diversi Paesi; Kaja KALLAS (ALDE) è intervenuta nuovamente per chiedere il perché a volte la discriminazione sia effettuata sulla base della nazionalità. Vicky FORD (ECR) ha voluto conoscere la motivazione per cui le imprese scelgano solo determinati Paesi per commerciare i loro prodotti e riguardo alla normativa comunitaria europea sulla vendita ha affermato che è da mantenere un alto livello di protezione dei consumatori, prevedendo una corretta informazione. Schulte-Nölke ha risposto concordando con le osservazioni proposte, soprattutto sulla questione della differenziazione delle varie forme contrattuali, dove serve un armonizzazione anche minima dei contratti d acquisto online nella prospettiva del mercato unico. In ogni caso spesso i casi oggetto di discussione sono di competenza della legislazione dei singoli Stati membri, quindi l armonizzazione si dovrà fermare necessariamente alle

6 competenze degli Stati membri. Sulle presunte variazioni di qualità ha rassicurato che vari studi sono stati svolti sul punto e affermano univocamente che la qualità è la stessa, con la sola differenza di prezzo. LINK Draft agenda: 5671it.pdf Materiali: _consumers_/ppt_descrimination_consumers_en.pdf tec_aspects_/ppt_consumer_protec_aspects_en.pdf Antonio Revolfato UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE Un agenda digitale europea RISERVA COMPLEMENTARE Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002 24.4.2002 L 108/21 DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 marzo 2002 relativa alle autorizzazioni per le reti e i servizi di comunicazione elettronica (direttiva autorizzazioni)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli