TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO"

Transcript

1 TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 6 ottobre 2014 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati individuati i seguenti punti salienti di discussione nell ordine del giorno della Commissione IMCO: 4. Presentazione degli studi sui temi Discriminazione dei consumatori nel mercato unico digitale e Aspetti dei servizi finanziari relativi alla protezione dei consumatori Patrice Muller (London Economics) ha presentato lo studio Aspetti dei servizi finanziari relativi alla protezione dei consumatori. Le problematiche che affliggono i consumatori date dal mercato finanziario e dai relativi prodotti sono diverse, ha affermato lo studioso, come la scarsa frequenza con cui i prodotti finanziari vengono acquistati, la complessità degli stessi, la lunga durata, le limitate conoscenze finanziarie e gli errori comportamentali degli acquirenti. Lo studio si è basato su una vasta consultazione delle parti interessate (mediatori finanziari, associazioni dei consumatori, banche), ed ha evidenziato quali servizi e prodotti finanziari arrechino danno o apportino beneficio ai consumatori e imprese da una parte, al Mercato unico dall altra. Per quanto concerne i danni subiti dai consumatori e PMI, l impatto dei servizi e prodotti si riscontra maggiormente sulla salute finanziaria degli utenti e nel caso in cui questa venga seriamente deteriorata, consumatori e imprese possono essere spinti verso uno stato di vulnerabilità finanziaria. Tale fenomeno si riscontra nei casi in cui la vendita risulti inappropriata, i rischi siano cristallizzati o non siano rispettate le obbligazioni contrattuali nei confronti del consumatore. I prodotti e servizi finanziari considerati dannosi sono caratterizzati dal fatto che coinvolgono rischi non pienamente comprensibili, comportano alti tassi di interesse, sono soggetti a tasse e oneri elevati, sono soggetti ad alti costi nel caso di risoluzione degli obblighi contrattuali, possono indurre in inganno alcune tipologie di consumatori, specialmente quelle più vulnerabili. Nello specifico, sono stati individuati alcuni prodotti finanziari potenzialmente dannosi per consumatori e PMI: la gamma dei prodotti di credito ipotecario, spesso costituita da mutui ipotecari in valuta, da mutui ipotecari a tasso variabile, da un alto rapporto prestito/valore e debito/reddito; i prodotti di mutuo che comportano un alto rischio di sostanziali passività residue; i prodotti di risparmio, investimento e pensionistici con alti interessi; i prodotti con coperture complesse. Parlando invece dei danni potenziali arrecabili al Mercato unico, tenendo conto che nella situazione attuale vi è uno shopping transfrontaliero limitato, l impatto potenziale negativo dei servizi e prodotti finanziari si riscontra nel momento in cui esso è talmente devastante da compromettere la stabilità finanziaria; quando sono colpiti specifici gruppi di consumatori e

2 questo provoca conseguenze sulle loro attività transfrontaliere; quando la fascia di consumatori colpiti dagli effetti negativi è assai estesa, sebbene la scala del singolo impatto sia ridotta. Sono questi prodotti o servizi caratterizzati da pratiche scorrette o abusive di vendita, oppure non trasparenti sotto l aspetto dei tassi, dei costi e dei rischi. I principali prodotti identificati capaci di creare conseguenze dannose in larga scala, se non adeguatamente verificati, sono innanzitutto i prodotti ipotecari, impattanti sulla stabilità finanziaria a causa del loro ampio valore e volume, e le assicurazioni di protezione di pagamento, che comportano un danno limitato per ogni singolo consumatore, ma che possono affliggere un vasto numero di acquirenti. I prodotti e servizi che secondo lo studio possono comportare, al contrario, un beneficio ai consumatori e PMI, sono caratterizzati da una migliore personalizzazione e semplicità per la specifica necessità del consumatore, da una flessibilità più ampia rispetto ai termini contrattuali, dalla facilitazione che comportano nelle transazioni transfrontaliere e da una riduzione effettiva del prezzo/costo. Esempi concreti di questi prodotti sono: il credito al consumo e gli accumuli pensionistici personalizzati, i conti correnti basici; i p-konto sul modello tedesco o gli accordi sul credito, che consentono di saltare una o più rate senza incorrere nella penalità; il mobile banking e la sua disponibilità sui devices personali, le carte di credito e debito. Per quanto riguarda i benefici offerti dai prodotti e servizi finanziari rispetto al Mercato unico, le caratteristiche identificate di questi sono la capacità di facilitare transazioni transfrontaliere di tipo finanziario e non, di semplificare la mobilità lavorativa transfrontaliera. Esempi compatibili con tali caratteristiche sono i servizi di pagamento tramite carte di credito e debito, l internet banking, l accesso ai servizi di pagamento in rete come la rete Atm e l e-money, le informazioni standardizzate mediante il Formato standard europeo di credito al consumo (SECCI) e il Foglio informativo standard europeo (ESIS). Molteplici sono le conclusioni fondamentali formulate da Muller al termine della presentazione dello studio: 1. la vendita inappropriata o abusiva di determinati prodotti ipotecari è stata una delle cause principali nel 2007/2008 della attuale crisi finanziaria per gli Stati Uniti e per determinati Paesi UE; 2. gli altri prodotti finanziari presi in considerazione dallo studio talvolta possono essere seriamente dannosi per alcuni consumatori, ma ciò non sembra contribuire significativamente alla messa in crisi della stabilità finanziaria; 3. alcuni dei prodotti identificati dalle parti interessate come potenzialmente dannosi per i consumatori si sono rivelati per altre parti interessate come potenzialmente positivi per i consumatori, verificatane la vendita corretta e regolamentata; 4. la conoscenza finanziaria e la capacità ricettiva è relativamente debole tra in consumatori; 5. l esperienza dei consumatori tra il 2000 e il 2007 può esser descritta come un periodo di innovazione e liberalizzazione finanziaria, durante il quale agli stessi consumatori è stata offerta una vasta gamma di prodotti finanziari, a volte anche maggiormente complessi; 6. la vasta scelta di prodotti finanziari ha portato paradossalmente i consumatori ad effettuare scelte non sempre ponderate e a cadere preda di vendite inappropriate o abusive; 7. lo studio mette in luce che, sebbene una maggiore conoscenza dei servizi e prodotti finanziari sia necessaria e portatrice di benefici per i consumatori, le politiche atte a incrementare la conoscenza finanziaria non sono sufficienti. Le raccomandazioni finali si sono concentrate su alcuni obiettivi fondamentali. In primo luogo la riduzione dell asimmetria informativa tra i consumatori e i fornitori di servizi finanziari: sarebbe necessario far sì che il venditore fornisca ex ante ed ex post informazioni accurate,

3 semplici e comparabili del prodotto finanziario; le informazioni fornite dovrebbero essere migliorate illustrando l esperienza comune dei consumatori, prospettando gli scenari migliori e peggiori; dovrebbe essere presa in considerazione la possibilità di implementare sistemi dove i consumatori siano incoraggiati a ricercare un consiglio finanziario indipendente da terze parti, soprattutto nel caso di prodotti molto complessi. In secondo luogo, obiettivi da conseguire sono il supporto ai consumatori affinché possano affrontare i problemi finanziari e il rafforzamento della protezione dei consumatori nel settore finanziario nella fase preliminare: più sforzi dovrebbero essere compiuti dai governi e dalla società civile per rafforzare la conoscenza finanziaria e permettere un miglior apprendimento dai vari programmi già esistenti; i regolatori del settore finanziario e le istituzioni responsabili per la protezione dei consumatori dovrebbero essere maggiormente proattive per assicurarsi che il mercato finanziario funzioni in modo migliore; un approccio di questo genere dovrebbe prevedere la proibizione della vendita di certi prodotti o almeno comportare per essi altri costi di transazione. In terzo ordine va considerato il rafforzamento della protezione dei consumatori nel settore finanziario nella fase ex post: i regolatori del settore finanziario dovrebbero assicurarsi che i consumatori non si accollino interessi e commissioni che non riflettono i costi reali quando il consumatore acquista, detiene e liquida il prodotto; le sanzioni dei venditori fraudolenti dovrebbero essere inasprite; le istituzioni finanziarie devono esser rese sistematicamente responsabili per un adeguata compensazione ai consumatori che hanno patito un danno come risultato di una vendita scorretta. Infine devono essere previsti dei rimedi, come un meccanismo di risoluzione delle controversie indipendente, veloce, efficiente ed economico, e deve essere approntata un uscita pulita dal sovraindebitamento, tramite lo sviluppo di un migliore meccanismo processuale per accordarsi sugli eccessivi oneri debitori personali. Terminata la presentazione dello studio, è stato dato spazio agli interrogativi posti dai deputati. Ivan ŠTEFANEC (PPE) ha domandato se siano necessarie delle norme innovative per raggiungere l obiettivo oppure vadano preferiti degli organi che monitorino la situazione; Lucy ANDERSON (S&D) ha chiesto notizie relative ai prestiti a breve termine, sottolineando il danno che questi possono provocare sulle fasce più deboli dei consumatori; Catherine STIHLER (S&D) ha richiesto approfondimenti sulle informazioni fornite ai consumatori, in riferimento specialmente alle pubblicità dei mutui ipotecari, al PD loaning e alle assicurazioni e informazioni fornite da determinati siti web. Patrice Muller ha risposto che per quanto riguarda la necessità di nuove normative la situazione cambia da Paese a Paese: le norme eccessivamente prescrittive non sono adeguate, è meglio indurre il fornitore del servizio a garantire informazioni chiare e brevi, e quindi è necessario piuttosto essere prescrittivi sul comportamento da tenere da parte dei fornitori. Riguardo ai prestiti a breve termine, si riscontra effettivamente un alto tasso di interesse richiesto, che induce in confusione il consumatore. Il Regno Unito ha adottato severi provvedimenti in materia, riducendo il mercato a tre fornitori principali: i consumatori bisognosi di prestiti al di sotto della soglia di un anno si troveranno quindi nella condizione di rivolgersi ad altri finanziatori competitivi e rispettosi delle nuove normative, che il mercato genererà necessariamente. Riguardo all aumento della trasparenza nel settore dell informazione pubblicitaria dei prodotti in esame, le informazioni vanno necessariamente integrare dai fornitori, ma l efficacia delle stesse va verificata a posteriori, in quanto non bisogna attendere la degenerazione della situazione. L aspetto dei siti web informativi è più complesso: alcuni stakeholders hanno affermato la loro utilità, ma vi è il dubbio che, a volte, gli stessi siti web possano essere collegati ad un fornitore specifico e di conseguenza lo favoriscano indirettamente, tenendo all oscuro il consumatore anche con l utilizzo deviante di un marchio differente. Evelyne GEBHARDT (S&D) ha posto la questione di come il cittadino possa ottenere informazioni complete e comprensibili. Olga SEHNALOVÁ (S&D) ha chiesto delucidazioni sul

4 profilo che dovrebbe avere un autorità che garantisca l accesso indipendente e non filtrato alle informazioni del settore, sottolineando come il problema coinvolga anche gli stessi gli stessi fornitori di servizi finanziari, che si trovano essi anch essi ad acquistare strumenti di finanziamento. Vicky FORD (ECR) ha affrontato la questione dei mutui in valuta estera e delle relative informazioni, essendosi occupata della Direttiva sui mutui negli ultimi anni, ed ha evidenziato come esistano soluzioni positive; inoltre ha domandato chiarimenti sulla differenza tra le modalità del contratto online e offline, ponendo l esempio delle clausole non espresse nella pagina internet ma contenute in un link che necessita solo di una spunta e non costringe alla lettura completa di esse. In risposta alle questioni, Muller ha consigliato una soluzione unica per l alfabetizzazione finanziaria, correlata soprattutto ai prodotti più complessi e rischiosi. Lo studioso ha ipotizzato un sistema di informazione il cui onere economico ricade sui fornitori, che contribuiscono autonomamente: il modello di riferimento è il Money Advice inglese, ma è un sistema che può essere modellato in base alle esigenze di ogni singolo Paese. Se questa soluzione fosse applicata, sarebbe comunque lo Stesso Stato membro a vigilare per evitare abusi. Hans Schulte-Nölke (European Legal Studies Institute Osnabrück) ha presentato lo studio Discriminazione dei consumatori nel mercato unico digitale. Lo studioso ha affermato che, a causa del comportamento discriminatorio delle imprese nel mercato digitale, vi è frustrazione nei consumatori perché nei vari Paesi UE le condizioni e i prezzi di acquisto sono spesso differenti. Partendo da dati di base, è stato rilevato che il 74% dei rivenditori in UE non effettua vendite in altri Stati membri, che solo il 9% dei consumatori europei ha acquistato online da un altro Stato membro e che solo il 61% degli acquisti transfrontalieri ha avuto esito positivo. Le tipologie di comportamento discriminatorio individuate dallo studio sono innanzitutto: il rifiuto di ricevere ordini in base alla diversa localizzazione geografica; il reindirizzo alla filiale nazionale, dove spesso i prezzi sono più alti, la scelta meno ampia e la qualità differente; le differenti condizioni applicate ai consumatori di altri Stati membri, come i prezzi, i metodi di pagamento, i costi e le modalità limitate di spedizione; le restrizioni geografiche all uso di determinati contenuti digitali. Le ragioni che portano le aziende a mantenere comportamenti tali sono molteplici, come la scarsa convenienza o l eccessivo aggravio comportati dalla spedizione, le difficoltà nell ottenere il rispetto dei pagamenti, le barriere di tipo linguistico, informativo, legale, la mancanza di una certezza normativa nel Paese in cui si va a inviare il prodotto, le difficoltà pratiche date ad esempio dai servizi che richiedono la presenza fisica del fornitore del servizio. Il quadro legale in cui si situa la questione è vasto, essa è infatti regolata dai diritti e libertà fondamentali del cittadino, dall art. 20.2, della Direttiva dei servizi, dal diritto internazionale privato e dagli accordi Brussels 1 e Roma 1, dal diritto della concorrenza e dal diritto della proprietà intellettuale. I diritti e libertà fondamentali si articolano sotto diversi aspetti, e vanno valutati sulla base della loro utilità a regolare la questione: i diritti umani innanzitutto, precisamente il diritto a non essere discriminati sulla base della razza o provenienza etnica, si rivelano poco utili in quanto la problematica non è causata da motivazioni di tipo razzista. Maggiormente rilevante è il diritto dei cittadini UE a non essere discriminati a causa della provenienza da un diverso Stato membro stabilito dal TFUE, che comunque crea delle perplessità in quanto è discutibile che l impresa debba obbligatoriamente fornire servizi a tutti i Paesi membri; altrettanto rimarchevole nella definizione del problema è il principio della libera circolazione delle persone dei sevizi in Europa. E il secondo comma dell art. 20 della Direttiva servizi che attiene nello specifico alla non discriminazione dei cittadini per mano dei fornitori di servizi, recitando Gli Stati membri provvedono affinché le condizioni generali di accesso a un servizio che il prestatore mette a disposizione del grande pubblico non contengano condizioni discriminatorie basate sulla nazionalità o sul luogo di residenza del destinatario, ferma restando la possibilità di prevedere condizioni d accesso differenti allorché queste sono direttamente giustificate da

5 criteri oggettivi.. Schulte-Nölke a questo punto ha invitato la Commissione parlamentare a valutare se l art sia una disposizione programmatica oppure una norma da applicare rigidamente, inoltre ha evidenziato in ogni caso come sia bisognosa di essere esplicata con una maggiore trasparenza. Per quanto concerne il diritto internazionale privato, si rileva come esistano da una parte divergenze tra la normativa sulla protezione dei consumatori e quella nazionale sui contratti: le imprese spesso temono che il consumatore possa adire alle proprie norme nazionali, a detrimento delle imprese stesse. Al termine della disamina, lo studioso ha espresso delle indicazioni per una futura azione europea a correzione delle disparità evidenziate dallo studio, citando il metodo del bastone o carota per le imprese: - obbligare i negozi online a dichiarare quali sono i Paesi da cui non accettano ordinativi e a quali condizioni permettono l acquisto; - applicare in maniera più rigorosa il diritto sulla concorrenza; - riformare la legislazione sulla proprietà intellettuale al fine di creare una cornice normativa unificata europea; - proibire la concessione di licenze che contengano restrizioni geografiche; - creare un sito web per raccogliere le lamentele dei consumatori discriminati; - pubblicare delle pagelle in cui vengono descritte le migliori e le peggiori pratiche commerciali online. Conclusa la presentazione dello studio, diversi deputati hanno posto interrogativi. Kaja KALLAS (ALDE) ha domandato se non sia paradossale per le imprese rifiutare il guadagno provenienti dalla vendita transfrontaliera dei propri prodotti, applicando una discriminazione cha appare ingiustificata; Evelyne GEBHARDT (S&D), citando ad esempio diversi casi di discriminazione sul prezzo dei prodotti acquistabili online, ha chiesto in che modo concreto l art della Direttiva servizi possa andare a sanare la frammentazione del Mercato unico digitale. Lo studioso ha risposto affermando che effettivamente gli esempi di discriminazione sono tanti, talvolta assurdi, talvolta razionali nel caso in cui l impresa desideri volontariamente segmentare il mercato mediante la variazione di prezzo. Per garantire la corretta tutela dei consumatori l UE dovrà però soppesare tale diritto con quello legittimo, garantito da limiti giuridici, delle società ad operare liberamente e senza costrizioni all interno dei vari mercati. L art soffre di una formulazione troppo vaga e generica, facendo sì che le imprese siano scoraggiate dal prestare i propri servizi in un determinato Paese, per timore delle legislazioni nazionali che in molte effettivamente non conoscono: una soluzione potrebbe essere l emanazione un esplicito atto giuridico europeo contro la discriminazione dei consumatori nel Mercato unico digitale. Una soluzione preferibile sarebbe di tipo indiretto: concedere alle aziende di iniziare la vendita transfrontaliera solo in alcuni Paesi, fornire informazioni chiare e diffuse sul perché eventualmente vengono applicate delle discriminazioni, sollevando una coscienza pubblica della questione. In questo modo il mercato risponderà in maniera naturale, richiamando competitors che colmeranno le lacune e appianeranno il problema della discriminazione geografica. Olga SEHNALOVÁ (S&D) ha chiesto se la motivazione della frammentazione può essere anche la differenza della qualità dei prodotti distribuiti nei diversi Paesi; Kaja KALLAS (ALDE) è intervenuta nuovamente per chiedere il perché a volte la discriminazione sia effettuata sulla base della nazionalità. Vicky FORD (ECR) ha voluto conoscere la motivazione per cui le imprese scelgano solo determinati Paesi per commerciare i loro prodotti e riguardo alla normativa comunitaria europea sulla vendita ha affermato che è da mantenere un alto livello di protezione dei consumatori, prevedendo una corretta informazione. Schulte-Nölke ha risposto concordando con le osservazioni proposte, soprattutto sulla questione della differenziazione delle varie forme contrattuali, dove serve un armonizzazione anche minima dei contratti d acquisto online nella prospettiva del mercato unico. In ogni caso spesso i casi oggetto di discussione sono di competenza della legislazione dei singoli Stati membri, quindi l armonizzazione si dovrà fermare necessariamente alle

6 competenze degli Stati membri. Sulle presunte variazioni di qualità ha rassicurato che vari studi sono stati svolti sul punto e affermano univocamente che la qualità è la stessa, con la sola differenza di prezzo. LINK Draft agenda: 5671it.pdf Materiali: _consumers_/ppt_descrimination_consumers_en.pdf tec_aspects_/ppt_consumer_protec_aspects_en.pdf Antonio Revolfato UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 17 novembre 2014 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati individuati

Dettagli

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI TITOLO Riunione Commissione IMCO LUOGO E DATA 6 Maggio 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles Commissione per il Mercato Interno e la ORGANIZZATORE Protezione dei Consumatori (IMCO) RELAZIONE

Dettagli

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.6.2013 COM(2013) 449 final 2013/0213 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici (Testo

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Bruxelles, 22.07.2009 SEC(2009) 1053 DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro quadro normativo di concorrenza applicabile al settore automobilistico

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.3.2014 C(2014) 1500 final RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.3.2014 su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76 parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio distribuzione selettiva e negozi on-line Sarà capitato di sentire parlare di rivenditori selezionati, distributori esclusivi e dettaglianti ufficiali

Dettagli

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 14 e 17 ottobre 2013 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati individuati

Dettagli

del mercato unico Il Gruppo S&D risponde alle 10 principali preoccupazioni dei cittadini

del mercato unico Il Gruppo S&D risponde alle 10 principali preoccupazioni dei cittadini Successi e sfide del mercato unico Il Gruppo S&D risponde alle 10 principali preoccupazioni dei cittadini Il modello economico europeo deve essere basato su tre principi: una concorrenza che stimoli, una

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA

NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA CREDITO AL CREDITO IL MERCATO DEL CREDITO TRA SVILUPPO ECONOMICO ED EQUITÀ SOCIALE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA Arianna Mellini

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici)

Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici) OSSERVAZIONI ALLA CONSULTAZIONE Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici) 5 maggio 2014 OSSERVATORIO DI DIRITTO COMUNITARIO

Dettagli

Le nostre iniziative a favore dei cittadini

Le nostre iniziative a favore dei cittadini Le nostre iniziative a favore dei cittadini IT le nostre iniziative a favore dei cittadini Negli ultimi anni l Europa è stata colpita da una crisi economica e finanziaria internazionale senza precedenti.

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e beni materiali. Lente sull UE n. 41

Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e beni materiali. Lente sull UE n. 41 Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e Lente sull UE n. 41 Dicembre 2015 Premessa Il 9 dicembre 2015, la Commissione europea ha pubblicato le prime due proposte legislative

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento. Raccomandazione della Commissione

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento. Raccomandazione della Commissione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.7.2014 SWD(2014) 233 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Raccomandazione della Commissione

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole dell'ue Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell UE PR(06)249F1 6 dicembre 2006 P(06)222F1 POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI

Dettagli

Osservazioni al Libro Verde Il credito ipotecario nell UE ; COM (2005) 327 definitivo, Bruxelles 19.7.2005.

Osservazioni al Libro Verde Il credito ipotecario nell UE ; COM (2005) 327 definitivo, Bruxelles 19.7.2005. Raffaele Volante Professore Associato di Diritto Comune Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Giurisprudenza Corso Ercole I d Este 37 Ferrara 44100 Tel. +39 0532 291672 Fax +39 0532 200188 vlr@unife.it

Dettagli

la Disciplina di legge che regola gli acquisti effettuati on-line

la Disciplina di legge che regola gli acquisti effettuati on-line parere legale e-commerce di Maurizio Iorio la Disciplina di legge che regola gli acquisti effettuati on-line In questo articolo vengono introdotte ed esaminate le principali regole che disciplinano l e-commerce

Dettagli

Tutela del consumatore nel settore del credito al consumo: il ruolo dell Autorità Antitrust

Tutela del consumatore nel settore del credito al consumo: il ruolo dell Autorità Antitrust Tutela del consumatore nel settore del credito al consumo: il ruolo dell Autorità Antitrust Giovanni Calabrò Direttore Generale AGCM ABI Credito al Credito 2013 28 Novembre 2013 L Autorità a tutela della

Dettagli

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Orientamenti Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Data: 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Sommario I. Ambito di applicazione 3 II. Definizioni

Dettagli

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n.

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n. Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online Lente sull UE n. 40 Dicembre 2015 Premessa Il 9 dicembre scorso, la Commissione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * *

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * 1. Obiettivi In linea con gli obiettivi del piano d azione europeo

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI DIRITTO SOCIETARIO Nonostante non esista un diritto societario europeo codificato, la legislazione dell'unione prevede norme minime applicabili alle imprese in tutta l'unione europea. Due importanti strumenti

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia

Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia La Commissione non intende fare della futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia un documento giuridico vincolante.

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l.

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. INDICE Soggetti destinatari (art. 1) Oggetto (art. 2) Comportamento della Società (art. 3) Principi base nel comportamento (art. 4) 4.1 Responsabilità 4.2 Utilizzo dei

Dettagli

Rapporti verticali nella filiera alimentare: Principi di buone prassi

Rapporti verticali nella filiera alimentare: Principi di buone prassi Rapporti verticali nella filiera alimentare: Principi di buone prassi Proposti dai seguenti membri principali della piattaforma B2B AIM CEJA CELCAA CLITRAVI Copa Cogeca ERRT EuroCommerce Euro Coop FoodDrinkEurope

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza Translation by courtesy of Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza La nostra associazione commerciale riunisce i fornitori e gli altri soggetti che operano nel settore medico a livello

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Policy sulla concorrenza leale

Policy sulla concorrenza leale Policy sulla concorrenza leale Policy globali Novartis 1 settembre 2014 Versione FC 001.V1.IT 1. Introduzione 1.1 Scopo Ci impegniamo a esercitare una concorrenza libera e leale e a non violare le leggi

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE 9.3.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 69/27 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 marzo 2007 che stabilisce le modalità di applicazione di talune disposizioni della direttiva

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 10.5.2012 2012/2037(INI) PROGETTO DI RELAZIONE Attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE 3. PRINCIPI ETICI DELL ASSOCIAZIONE 3.1 VALORE STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE 3.2 LEGALITA 3.3

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Contributo personale Ing. Patrizio Grillo - Rappresentanza Commissione Europea - D.G. Move (Deputy of Head Unit) Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Osservazioni preliminari Nel corso

Dettagli

RISPOSTA SCRITTA ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA. LIBRO VERDE Modernizzare la direttiva sulle qualifiche professionali

RISPOSTA SCRITTA ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA. LIBRO VERDE Modernizzare la direttiva sulle qualifiche professionali RISPOSTA SCRITTA ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA LIBRO VERDE Modernizzare la direttiva sulle qualifiche professionali Domanda 1: avete commenti in merito ai ruoli rispettivi delle autorità

Dettagli

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 4.4.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 88/45 DIRETTIVE DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 2011 concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi

Dettagli

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti 10 Regole per contribuire al successo di un rapporto di fornitura Introduzione Le forniture destinate alla Russia non richiedono,

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.7.2012 SWD(2012) 192 final C7-0180/12 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento DIRETTIVA DEL PARLAMENTO

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114, L 257/214 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.8.2014 DIRETTIVA 2014/92/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 luglio 2014 sulla comparabilità delle spese relative al conto di pagamento,

Dettagli

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano)

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) D1. Siete d'accordo con la valutazione delle caratteristiche degli strumenti di consulenza finanziaria automatizzata presentati

Dettagli

Riunione della Commissione IMCO

Riunione della Commissione IMCO TITOLO Riunione della Commissione IMCO LUOGO E DATA 17 e 18 settembre 2012 Sala: Altiero Spinelli (3G-3) Parlamento Europeo, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione IMCO RELAZIONE La Commissione parlamentare

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI

IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI ITALIAN IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI MEMBRI:= ROBIN ROOM BENEDIKT FISCHER WAYNE HALL SIMON LENTON PETER REUTER AMANDA FEILDING `lmvofdeq=«=qeb=_b`hibvclrka^qflk=ommu=

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO Gli enti pubblici stipulano contratti per garantire l'esecuzione di lavori e la prestazione di servizi. Questi contratti, stipulati con uno o più operatori per un dato prezzo,

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

X COMMISSIONE PERMANENTE

X COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 marzo 2011 129 Commissione X X COMMISSIONE PERMANENTE (Attività produttive, commercio e turismo) S O M M A R I O ATTI DEL GOVERNO: Schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI. Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive. Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C.

CAMERA DEI DEPUTATI. Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive. Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C. CAMERA DEI DEPUTATI Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C. 3012 Direttore Generale dell ABI Giovanni Sabatini 10 giugno 2015 AUDIZIONI

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 14.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 337/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2010 in merito ad una

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

CONSUMER CREDIT 2006. Lo sviluppo del credito alle famiglie e la ripresa dei consumi in Italia

CONSUMER CREDIT 2006. Lo sviluppo del credito alle famiglie e la ripresa dei consumi in Italia CONSUMER CREDIT 2006 Lo sviluppo del credito alle famiglie e la ripresa dei consumi in Italia Roma, 16 marzo 2006 Evoluzione della Proposta di Direttiva sul credito ai consumatori ed impatto sulla disciplina

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 25 e 26 settembre 2013 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati

Dettagli

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del

Dettagli

LUOGO E DATA 8 9 Luglio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles

LUOGO E DATA 8 9 Luglio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles TITOLO Riunione della Commissione ITRE LUOGO E DATA 8 9 Luglio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione ITRE RELAZIONE 1. Reindustrializzare l Europa per promuovere

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Newsletter Notiziario settimanale Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Riccometro: il Garante chiede maggiore chiarezza su flussi di dati Controlli sui lavoratori che accedono

Dettagli

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva alcuna esplicita menzione di competenze comunitarie nel settore ambientale. La crescente

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza

La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza Il Commissario Monti, responsabile della concorrenza, ha dichiarato: "Le regole

Dettagli