LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER novembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. 26-28 novembre 2012"

Transcript

1 LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER novembre 2012

2 IL SISTEMA ECM Il sistema ECM è un sistema integrato tra il livello regionale e il livello nazionale, su regole comuni e condivise, che ne assicurano l omogeneità su tutto il territorio nazionale. È finalizzato a garantire la formazione continua, migliorando le conoscenze cliniche e le competenze tecniche e manageriali degli operatori

3 IL SISTEMA ECM le tappe 2007: si avvia la fase di analisi dei sistemi 2008: passaggio da accreditamento ECM Nazionale a quello Regionale avvio triennio sperimentale sistema regionale piemontese 2011: proroga sistema di accreditamento e approvazione nuovo sistema regionale ECM 2012: avvio accreditamento provider Regione Piemonte

4 ACCREDITAMENTO ECM REGIONE PIEMONTE DGR n del 2011 Nuovo sistema di governo Regionale per la formazione continua in sanità

5 Le indicazioni nazionali prevedono un sistema regionale autonomo di governo comprensivo di: osservatorio sulla qualità della formazione accreditamento dei Provider di formazione ECM

6 Il nuovo sistema regionale per la formazione continua in sanità(ecm) si svilupperà in riferimento a tre cardini: 1. Nuovo sistema di governance della formazione regionale 2. Accreditamento dei provider di formazione ECM 3. Istituzione di un osservatorio regionale sulla qualità della formazione

7 1. Il sistema di Governance prevede la capacità di controllo e di valutazione della formazione attraverso tre strumenti: a.obiettivi formativi b.piani formativi e report c.dossier formativi

8 a.obiettivi formativi Presidiare e governare la formazione continua definendo obiettivi formativi coerenti con lo sviluppo professionale individuale e con le priorità, le innovazioni e le strategie del sistema sanitario, a livello locale, regionale, nazionale

9 b. Piani formativi presidiando la funzione di programmazione a livello regionale e a livello aziendale, attraverso linee di indirizzo definite a livello regionale e all approvazione dei Piani di Formazione aziendale e dei relativi Rapporti annuali

10 c. Dossier formativo promuovendo la cultura del Dossier formativo, di gruppo e individuale, rendendo coerente lo sviluppo professionale con la programmazione regionale

11 2. Accreditamento dei Provider ECM La determinazione regionale 2002 del 16/12/2011 autorizza l avvio dell accreditamento dei Provider pubblici e privati per il biennio

12 Accreditamento dei Provider ECM L accreditamento di un provider ECM è il riconoscimento da parte di una istituzione pubblica (Regione Piemonte) che un soggetto è attivo e qualificato nel campo della formazione continua in sanità e che pertanto è abilitato a realizzare attività formative ritenute idonee per l ECM

13 Su cosa si basa L accreditamento si basa su un sistema di requisiti minimi considerati indispensabili: requisiti del soggetto richiedente requisiti strutturali, organizzativi e della qualità requisiti dell offerta formativa

14 Chi si può accreditare Aziende pubbliche ASR/AOU/AO/IRCCS/Presidi convenzionati con la Regione Piemonte erogatori di prestazioni sanitarie e socio assistenziali; Aziende pubbliche Università, Ordini, Collegi, Enti non erogatori di prestazioni sanitarie e socio assistenziali; Aziende private, presidi, case di cura, cliniche ed altre strutture erogatori di prestazioni sanitarie e socio assistenziali; Aziende private, Enti/organismi privati non erogatori di prestazioni sanitarie; Aziende private, associazioni di professionisti o altri (professioni sanitarie e non).

15 Per chi si può accreditare Per tutte le professioni (sanitarie e non sanitarie) e per tutte le tipologie formative oppure Per specifiche professioni sanitarie (ad es. medici, infermieri, fisioterapisti, igienisti dentali ecc.) Per professioni non sanitarie (es. ruolo amministrativo, tecnico, professionale operante nel SSR) fermo restando il rispetto dei requisiti minimi Per specifiche tipologie formative (residenziali, FAD, FSC)

16 IL percorso FASE ISTRUTTORIA: Successiva alla richiesta di accreditamento da parte dell Ente interessato, prevede una verifica amministrativa di tipo cartolare/informatico volta a valutare la completezza e la congruenza della documentazione ricevuta, cui segue una valutazione da parte della Commissione ECM regionale che dà origine all assegnazione del codice provider. 2 fasi di accreditamento: - ACCREDITAMENTO PROVVISORIO: dall assegnazione del codice Provider ad un max di anni 2 (2012/2013). In tale periodo L Ente Accreditante verifica lo stato di mantenimento dei requisiti necessari per l accreditamento; - ACCREDITAMENTO DEFINITIVO: dalla comunicazione da parte dell Ente Accreditante per un max di anni 4 con verifica sul raggiungimento dei criteri standard e di qualità

17 ALBO NAZIONALE PROVIDER Tutti i Provider accreditati dalla Regione Piemonte saranno inseriti nell Albo Nazionale dei Provider ECM, che include sia i Provider accreditati a livello Nazionale che quelli accreditati a livello regionale e delle Province Autonome. È predisposto e regolarmente aggiornato dalla Commissione Nazionale ECM di concerto con gli altri Enti accreditanti a livello regionale e provinciale, è reso pubblico e consultabile, con evidenza delle eventuali sanzioni ricevute

18 ALBO REGIONALE Tutti i Provider accreditati dalla Regione Piemonte saranno inseriti nell Albo regionale dei Provider ECM, che include sia i Provider accreditati provvisoriamente sia quelli accreditati definitivamente. È predisposto e regolarmente aggiornato della Commissione Regionale ECM di concerto con la Direzione regionale competente, è reso pubblico e consultabile, con evidenza delle eventuali sanzioni ricevute.

19

20 Il manuale di accreditamento e i suoi allegati

21 Scopo e campo di applicazione Il manuale ha carattere di linea guida generale e definisce i requisiti minimi e i relativi standard ritenuti necessari per l accreditamento istituzionale di soggetti pubblici e privati (Provider) che intendono organizzare programmi ed eventi per l ECM dei professionisti della Sanità, nella Regione Piemonte. Nel manuale vengono definiti principi generali, soggetti coinvolti ed elementi caratterizzanti il processo di accreditamento dei Provider ECM. In esso si definiscono i requisiti standard e di qualità, che i Provider richiedenti l accreditamento debbono possedere.

22 Il manuale di accreditamento e i suoi allegati Fanno parte del documento: Allegato 1a- criteri standard e di qualità per accreditamento provider Allegato 1b - criteri per l assegnazione dei crediti alle attività ecm, aree di riferimento nazionali e aree tematiche regionali Allegato 1c - pubblicita, conflitto di interessi, sponsorizzazionidefinizione violazioni e sanzioni Allegato 1d - documenti a supporto nelle fasi di accreditamento provvisorio e definitivo: 1d.1 Glossario 1d.2 Profili di formazione

23 I SOGGETI COINVOLTI L Ente Accreditante Regione Piemonte parte gestionale all AReSS Piemonte Accreditamento Controllo Verifica (se violazioni sanzioni) Ammonizione, revoca in via temporanea dell accreditamento, revoca definitiva dell accreditamento Redazione rapporto annuale

24 I SOGGETI COINVOLTI Il Provider accreditato perl ECM ha configurazione giuridica autonoma opera regolarmente nel campo della formazione continua degli operatori sanitari possiede tutti i requisiti secondo i criteri standard e di qualità definiti (Accreditamento ECM) svolge attività di formazione esclusivamente finalizzata al miglioramento dell assistenza sanitaria e non influenzata da interessi commerciali è in grado di organizzare e rendere fruibili eventi garantendo anche il supporto logistico, il tutoraggio, la valutazione e la verifica dell apprendimento e latrasmissione dei dati su piattaforma ECM Piemonte; ha competenze nelle metodologie e nelle tecniche per la formazione degli operatori sanitari, sui contenuti delle attività formative realizzate è responsabile dell integrità etica, del valore deontologico, della qualità tecnico scientifica, dei contenuti di tutte le attività educazionali che organizza e dei materiali didattici che utilizza nonché dell indipendenza dei programmi formativi da qualsiasi influenza estranea agli interessi formativi dei professionisti

25 I SOGGETI COINVOLTI Il Provider accreditato perl ECM assegna crediti ECM ai propri prodotti formativi ed attesta l acquisizione dei crediti ai partecipanti alle attività educative che organizza, dopo aver verificato positivamente il raggiungimento degli obiettivi formativi in termini di acquisizione di nuove conoscenze e competenze si impegna a trasmettere immediatamente all Ente Accreditante ogni eventuale cambiamento di denominazione, di stato giuridico e di statuto, inclusa la formazione di consorzi Si astiene dallo svolgere ogni attività ECM fino a nuova autorizzazione dall Ente Accreditante è disponibile a rendere accessibile tutta la documentazione necessaria per le attività di verifica ed a sostenere le spese relative al contributo annuale, comprensivo delle spese sostenute dall Ente Accreditante per le attività di verifica standard

26 I SOGGETI COINVOLTI Il Provider accreditato per l ECM può acquisire la disponibilità di attrezzature, locali, servizi, materiali didattici etc. da parte di terzi con accordi, convenzioni o locazioni, formalmente sottoscritti e registrati, fermo restando i profili di tutela dal conflitto di interessi e resta comunque il responsabile di tutto quanto previsto nei programmi ECM cui ha assegnato crediti. Il ruolo di Provider non può essere svolto dalle industrie farmaceutiche e da quelle produttrici di dispositivi medici, che possono, comunque, essere sponsor commerciali di Provider in base alle normative nazionali e regionali vigenti in materia di sponsorizzazione di attività e di iniziative formative

27 Funzioni 3. OSSERVATORIO REGIONALE SULLA QUALITA DELLA FORMAZIONE a. Valutativa: monitorare la coerenza delle attività formative dei provider con gli obiettivi regionali b. Verifica:verificare le attività formative svolte sia in termini qualitativi (coerenza eventi accreditati/eventi realizzati, coerenza eventi/obiettivi formativi regionali) sia in termini quantitativi (formazione offerta) c. Analisi tecnico-scentifica: diffusione di informazioni relative alla popolazione formata, fruibilità ed accessibilità alla formazione. Valutazione delle ricadute della formazione sull attività formativa

28 Accreditamento provvisorio ASL TO4 Anno Determinazione n. 401 del 13/6/2012

29 IL PERCORSO ASLTO4

30 I criteri richiesti dall accreditamento provider riguardano: * l evidenza standard, ovvero il livello soglia per assegnare l accreditamento richiesto * l evidenza di qualità ovvero il livello di qualità della formazione a cui il sistema tende

31 I requisiti che l ASL TO4 deve possedere per acquisire l accreditamento riguardano: Requisiti del soggetto richiedente Requisiti strutturali, organizzativi e della qualità Requisiti dell offerta formativa

32 ragione sociale (atto aziendale) sede legale sede operativa I requisiti del soggetto richiedente sono: legale rappresentante (rappresentante dell Ente o suo delegato) affidabilità del soggetto rispetto alle norme vigenti affidabilità del soggetto rispetto agli impegni economico-finanziari (personale, programma e budget) mission: obiettivi e finalità esperienze in formazione target formativo a cui il provider intende rivolgersi tipologie ecm che il provider intende applicare

33 sede, strutture ed attrezzature idoneità per la sicurezza e la prevenzione struttura organizzativa (organigramma funzionigramma) competenze scientifiche (Responsabili scientifici e Comitato Scientifico) I requisiti strutturali, organizzativi e della qualità: requisiti tecnico-professionali dei docenti e formatori (progettisti e docenti) sistema informatico (piattaforma ecmpiemonte) gestione e archiviazione dati (procedura) implementazione e miglioramento della qualità

34 I requisiti dell offerta formativa: rilevazione ed analisi del fabbisogno formativo (triennale con aggiornamento annuale) pianificazione annuale (trasmissione all ente accreditante entro il 28 febbraio di ogni anno) progettazione (macro e micro progettazine) erogazione e valutazione attribuzione dei crediti ECM e distribuzione degli attestati relazione attività annuale

35 I crediti ECM: I crediti ECM sono indicatori di quantità di formazione/apprendimento effettuato dagli operatori sanitari. Vengono conteggiati con un algoritmo approvato dalla Commisione ECM regionale Vengono attestati dai provider ai partecipanti una volta accertato un adeguato apprendimento e sono validi a livello nazionale Per il triennio sono da acquisire 150 crediti per ogni anno 50 crediti (minimo 25, massimo 75) vengono trasmessi in maniera automatica dal provider all ente accreditante e a sua volta l ente accreditante li trasmette al Co.Ge.A.P.S.

36 L Ente Accreditante, tramite l AReSS, ha anche la responsabilità del controllo dei Provider che ha accreditato nonché della verifica delle attività ECM che questi svolgono nel territorio di competenza. A questo fine verranno effettuate visite, attraverso auditor debitamente preparati, presso la sede del Provider ASL TO4 e nei luoghi dove vengono realizzate le attività formative, per verificare che la situazione corrisponda realmente a quanto previsto dalla regolamentazione vigente e a quanto dichiarato. Qualora si riscontrino violazioni il provider ASLTO4 può essere sanzionato in funzione della loro gravità: - ammonizione - revoca in via temporanea dell accreditamento - revoca definitiva dell accreditamento.

37 Accreditamento provvisorio Fase di accreditamento L Ente Accreditante una volta verificata la sussistenza dei requisiti: emette un proprio atto con il quale accredita provvisoriamente l ASL TO4 per un periodo non superiore a 24 mesi; richiede il pagamento del contributo economico regionale annuale; aggiorna l Albo Regionale dei Provider ECM e comunica alla Commissione Nazionale Formazione Continua i dati per l aggiornamento dell Albo Nazionale.

38 Accreditamento definitivo (standard e qualità) L Ente Accreditante, trascorso il periodo di accreditamento provvisorio, se non riceve comunicazione di diniego, procede a: verificare l idoneità della documentazione e l attività svolta dall ASL TO4 con accreditamento a tempo provvisorio; effettuare, tramite i propri auditor, visite in loco per accertare la corrispondenza dei requisiti; stilare, in base alle verifiche condotte, una relazione con i risultati della valutazione; inviare copia della relazione all Osservatorio regionale della qualità; emettere un proprio atto di accreditamento per un massimo di quattro anni; aggiornare l Albo regionale e comunicare alla Commissione Nazionale Formazione Continua i dati per l aggiornamento dell Albo Nazionale.

39 I PROFILI DELLA FORMAZIONE

40 I PROFILI DELLA FORMAZIONE Nel manuale di accreditamento è presente un allegato nel quale sono stati delineati i profili della formazione In essi viene descritto: Il profilo e le funzioni della figura professionale Il titolo di studio e l esperenza lavorativa Le competenze La descrizione delle attività

41 I PROFILI DELLA FORMAZIONE Direttore/responsabile della formazone Referente della formazione (del provider) Responsabile/referente per la qualità Responsabile scientifico Comitato scentifico Progettista di formazione Docente Istruttore Tutor E-tutor... Referente/facilitatore della formazione

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15 *********** DISCIPLINARE E REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM NELLA REGIONE DEL VENETO *********** (Approvato dalla Commissione

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013 Allegato n. 2 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013 PRINCIPI, REGOLE E REQUISITI MINIMI PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 1. INTRODUZIONE Questo documento

Dettagli

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 La Commissione nazionale per la formazione continua è l organismo che a livello nazionale ha la funzione

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative Dr. Paolo Messina Membro della commissione ECM 2003 AVANZAMENTO DEL SISTEMA ECM ITALIANO Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

Dettagli

L accreditamento dei corsi nel sistema ECM della Regione Piemonte

L accreditamento dei corsi nel sistema ECM della Regione Piemonte L accreditamento dei corsi nel sistema ECM della Regione Piemonte Tortona 17/06/2014 Marcello Crotti 1 La Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni nel novembre 2009 ha sancito la

Dettagli

ALLEGATO 1a - CRITERI STANDARD E DI QUALITÀ PER L ACCREDITAMENTO PROVIDER PUBBLICI E PRIVATI

ALLEGATO 1a - CRITERI STANDARD E DI QUALITÀ PER L ACCREDITAMENTO PROVIDER PUBBLICI E PRIVATI ALLEGATO 1a - CRITERI STANDARD E DI QUALITÀ PER L ACCREDITAMENTO PROVIDER All.1a-Criteri_Standard_Qualità-.doc per l Accreditamento Provider Pubblici e Privati Pagina 1 di 22 Sommario I.INTRODUZIONE...3

Dettagli

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento 1. Introduzione 2. Accreditamento: definizioni e principi 3. Pubblicità, sponsorizzazione

Dettagli

Assegna i crediti e li trasmette

Assegna i crediti e li trasmette NUOVO SISTEMA ECM L ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e del proprio

Dettagli

2. Accreditamento: definizioni e principi. 3. Pubblicità, sponsorizzazione e conflitto di interessi. 4. Requisiti minimi e standard

2. Accreditamento: definizioni e principi. 3. Pubblicità, sponsorizzazione e conflitto di interessi. 4. Requisiti minimi e standard Regolamento applicativo del 5 Novembre 2009 1. Introduzione 2. Accreditamento: definizioni e principi 3. Pubblicità, sponsorizzazione e conflitto di interessi 4. Requisiti minimi e standard 1 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento 1. Introduzione 2. Accreditamento: definizioni e principi 3. Pubblicità, sponsorizzazione

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI FORMAZIONE CONTINUA IN MEDICINA

IL NUOVO SISTEMA DI FORMAZIONE CONTINUA IN MEDICINA A LLEGATO A IL NUOVO SISTEMA DI FORMAZIONE CONTINUA IN MEDICINA Accreditamento dei provider ECM, formazione a distanza, obiettivi formativi, valutazione della qualità del sistema formativo sanitario, attività

Dettagli

L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD

L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD Simona Pagni Service Manager ECM-CPD Lombardia Informatica Milano, 24-25 Febbraio -

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina

Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina Accreditamento del Provider ECM, formazione a distanza, obiettivi formativi, valutazione della qualità del sistema formativo sanitario, attività formative

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

O S S E R V A T O R I O

O S S E R V A T O R I O Direzione Generale della Sanità Servizio programmazione sanitaria e economico finanziaria e controllo di gestione Settore gestione del personale delle aziende sanitarie, programmazione della formazione

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali

La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali Roma 7 Dicembre 2013 G. Rocco Intanto alcune premesse: Il programma ecm L aggiornamento durante tutto il percorso

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 Norme per la Progettazione ed Erogazione di Eventi Formativi facenti parte del Protocollo E.C.M GUIDA ALLA PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE DI EVENTI FORMATIVI 1 PREMESSA...

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F.

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F. AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IN DATA 28/01/2014 N.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA. giugno 2008

NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA. giugno 2008 NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA giugno 2008 Il 31 dicembre 2006 è terminato il quinquennio sperimentale del sistema di formazione continua in medicina, definito in base alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE GPROF RGQ DIR STATO DELLE REVISIONI Nr. Data Redazione Aggiornamento Verifica Approvazione Modifiche apportate 0 13/05/2005 RGQ GEPROF

Dettagli

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM".

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b assegnazione crediti alle attivita' ECM. REGIONE PIEMONTE BU17 30/04/2015 Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM". Visto il decreto legislativo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015 Deliberazione del Direttore Generale N. 159 Del 22/09/2015 Il giorno 22/09/2015 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, il sottoscritto Massimo Annicchiarico, Direttore

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO ALL ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORMATORI E TUTORS INTERNI ED ESTERNI PER L EVENTUALE AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI DOCENZA E TUTORAGGIO NELL AMBITO DELLA FORMAZIONE GENERALE DESTINATA

Dettagli

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N.

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. 137/2012 1. ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

Dettagli

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

III I11I1III1III.,111111 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

III I11I1III1III.,111111 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 13/12/2013 U-nd/6901/2013 III I11I1III1III.,111111 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA

Dettagli

ACCREDITAMENTO PROVIDER FAD

ACCREDITAMENTO PROVIDER FAD ACCREDITAMENTO PROVIDER FAD Domande Risposte I provider che hanno già presentato richiesta di accreditamento degli eventi formativi residenziali devono necessariamente presentare domanda di accreditamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio Componente della World Association of Societies of Pathology and Laboratory Medicine

Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio Componente della World Association of Societies of Pathology and Laboratory Medicine REGOLAMENTO GESTIONE EVENTI ECM (Approvato dal Consiglio Nazionale il 25/05/2011 a Villalta di Gazzo Padovano, PD) (Aggiornamenti successivi relativamente alle nuove disposizione di legge) Redatto in accordo

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE D INDIPENDENZA DEL CONTENUTO FORMATIVO DEI PROVIDER

GRIGLIA DI VALUTAZIONE D INDIPENDENZA DEL CONTENUTO FORMATIVO DEI PROVIDER COMITATO DI GARANZIA GRIGLIA DI VALUTAZIONE D INDIPENDENZA DEL CONTENUTO FORMATIVO DEI PROVIDER Principi ispiratori e considerazioni dell attività ispettiva del Comitato di Garanzia della Commissione Nazionale

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

Padova, 13 gennaio 2011. Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Marisa Sartori e Mauro Zaniboni

Padova, 13 gennaio 2011. Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Marisa Sartori e Mauro Zaniboni Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Fase sperimentale ECM 2002 Fase a regime ECM Accordo Stato-Regioni Novembre 2009 LA NOVITA PIU RILEVANTE: Non si accreditano più gli EVENTI MA si accreditano

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

ECM : adempimenti, provider e discenti

ECM : adempimenti, provider e discenti ECM : adempimenti, provider e discenti Paolo Besati Novara Direttivo Ante Seminario Ante 2012 XX Corso Nazionale di Aggiornamento Tecnici Emodialisi Dialisi: tradizione e futuro 16 / 18 aprile Hotel Corallo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE IN DATA 23/01/2013 N. 31 OGGETTO:

Dettagli

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF)

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Allegato 6. Commissione regionale per la formazione continua Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Giugno 2015 Indice

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

Sede Indirizzo Via XX Settembre 98/E 00187 ROMA. Telefono 06 47825272. Fax 06 23328733. E-mail intesaecm@siared.it

Sede Indirizzo Via XX Settembre 98/E 00187 ROMA. Telefono 06 47825272. Fax 06 23328733. E-mail intesaecm@siared.it CARTA DEI SERVIZI Sede Indirizzo Via XX Settembre 98/E 00187 ROMA Telefono 06 47825272 Fax 06 23328733 E-mail intesaecm@siared.it Sito Internet www.aaroiemac.it www.siared.it Orario di assistenza Lunedi

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità MISSION La DESANTISAP SOC COOP.VA ARL garantisce il controllo qualitativo di ogni parte dell attività formativa dalla progettazione

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO. Sponsorizzazione di iniziative formative interne. Art. 1 OGGETTO E FINALITA

REGOLAMENTO. Sponsorizzazione di iniziative formative interne. Art. 1 OGGETTO E FINALITA ALL. 3 REGOLAMENTO Sponsorizzazione di iniziative formative interne Art. 1 OGGETTO E FINALITA Il presente regolamento disciplina la sponsorizzazione da parte di terzi di iniziative formative dell AOU San

Dettagli

Premesso che Premesso che Dato atto Preso atto Atteso che Visto che,

Premesso che Premesso che Dato atto Preso atto Atteso che Visto che, Premesso che - il D.Lgs. 502/92 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i soggetti coinvolti

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA FORMAZIONE

FUNZIONIGRAMMA FORMAZIONE FUNZIONIGRAMMA FORMAZIONE POSIZIONE Conoscenze, capacità (livello di istruzione, eventuali qualifiche e/o specializzazioni, esperienza, addestramento) e comportamenti per l'ottimale copertura della DIREZIONE

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

MANUALE ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM

MANUALE ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM MANUALE ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM REGOLE E PROCEDURE PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER COME ORGANIZZATORI E PRODUTTORI DI FORMAZIONE CONTINUA IN MEDICINA Linee guida elaborate dal Gruppo Tecnico

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 1861 07/03/2012 Identificativo Atto n. 137 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONDUTTORE IMPIANTI TERMICI AI SENSI

Dettagli

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato (Approvato dal Consiglio Direttivo con decisione n. 304 del 17 ottobre 2007) Art. 1 Definizioni Ai fini del

Dettagli

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 Elenco degli Ispettori della Qualità e Sicurezza delle Imprese di Autotrasporto, in attuazione dell articolo 9, comma 2, lettera f) del decreto legislativo

Dettagli

Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7

Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7 Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7 Accreditamento ECM: griglia di valutazione per gli eventi formativi residenziali (nella

Dettagli

Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010

Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010 Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010 DISPOSIZIONI PER L ACCREDITAMENTO E VERIFICHE DELLE AZIENDE O FATTORIE DIDATTICHE 1) Soggetti competenti La competenza in materia di accreditamento pubblico delle

Dettagli

CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER

CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER Allegato 1 CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI NUOVE MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE TRA l Azienda

Dettagli

Comune di Nuoro DISCIPLINARE PER LA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE. Settore AA.GG. e Personale. Ufficio Formazione

Comune di Nuoro DISCIPLINARE PER LA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE. Settore AA.GG. e Personale. Ufficio Formazione Comune di Nuoro Settore AA.GG. e Personale Ufficio Formazione DISCIPLINARE PER LA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE Ultimo aggiornamento settembre 2008 Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Le disposizioni contenute

Dettagli

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI Art. 1 Finalità 1. Il Comune di Badia Polesine riconosce e promuove il pluralismo associativo per la tutela

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere;

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere; LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO SCIENTIFICO

REGOLAMENTO ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO SCIENTIFICO REGOLAMENTO ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO SCIENTIFICO Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Regolamento Sommario Art. 1 - Funzioni del Comitato...2 Art. 2 - Modalità di funzionamento...3

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Centro Educazione Continua in Medicina PTV

Centro Educazione Continua in Medicina PTV Centro Educazione Continua in Medicina PTV 1.0 Guida al servizio Pag. 2 di 6 INDICE 1.0 Guida al servizio 1 1. La Fondazione Policlinico Tor Vergata 3 2. Il Centro ECM Policlinico Tor Vergata 3 3. Caratteristiche

Dettagli

ECM: le nuove regole per i professionisti

ECM: le nuove regole per i professionisti ECM: le nuove regole per i professionisti 08/08/2012 - Obbligatori 150 crediti formativi nel triennio, nuove Linee guida per l'accreditamento, Albo dei provider, compiti di Ordini e Collegi, obiettivi

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

Il Settore Formazione Professionale nell ASL AL. Casale M.to 25/05/2015

Il Settore Formazione Professionale nell ASL AL. Casale M.to 25/05/2015 Il Settore Formazione Professionale nell ASL AL Casale M.to 25/05/2015 M. Crotti 1 L art. 16 quater del D. L.vo 502/92 definisce la formazione requisito indispensabile per svolgere attività professionale,

Dettagli

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Protocollo generale 0082911 17/09/2014 08:57 Avviso per l'attribuzione di incarico dirigenziale di struttura semplice dipartimentale denominata

Dettagli

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento Allegato 2 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA)

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento di FONDIMPRESA, Fondo paritetico interprofessionale nazionale per

Dettagli

Le tipologie di visite possibili

Le tipologie di visite possibili Le ispezioni ECM in sede di evento: modalità, documenti essenziali, procedure utili alla luce del nuovo manuale della qualità dell Osservatorio Nazionale della Qualità Paolo Becherucci 1 Le tipologie di

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

MANUALE DI ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER REGIONALI ECM REQUISITI MINIMI E STANDARD

MANUALE DI ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER REGIONALI ECM REQUISITI MINIMI E STANDARD MANUALE DI ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER REGIONALI ECM REQUISITI MINIMI E STANDARD REGOLE E PROCEDURE PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER COME ORGANIZZATORI E PRODUTTORI DI FORMAZIONE IN SANITA Linee guida

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS Unione Italiana Tiro a Segno Ottobre 2010 ART. 1 ORDINAMENTO Gli Istruttori dell attività Istituzionale vengono distinti secondo le seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica 1. Finalità Il tirocinio del Corso di

Dettagli