Giuliano Stabile - S C A L P I N G. 0 Edizioni SG Book

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuliano Stabile - S C A L P I N G. 0 Edizioni SG Book"

Transcript

1 0 Edizioni SG Book

2 Analizziamo i fattori che spingono il trader privato a rivolgersi a questo tipo di tecnica speculativa, invece che a tecniche di più ampio respiro basate ad esempio sull analisi tecnica. La bolla speculativa Il mercato, dopo un rialzo strumentale, che non rispecchiava il reale valore implicito delle società àtrattate, si è letteralmente sgonfiato. Proprio come fosse una bolla, che più si gonfia e più aumentano le possibilità che esploda..effetti collaterali La maggior parte degli investitori privati si è vista letteralmente smaterializzare una grossa fetta dei propri risparmi 1 Edizioni SG Book

3 Le borse di tutto il mondo hanno continuato il loro trend negativo contrastando inesorabilmente ogni tentativo di inversione L estensione ai non addetti ai lavori di possibilità operative come la vendita allo scoperto costituisce inoltre un enorme peso che impedisce al mercato di risollevarsi Trader (evoluto) Il trader abbandona l ottica dell investimento a favore di un approccio meramente speculativo. Gli strumenti (informazioni) che gli consentono potenzialmente di prevedere e quindi sfruttare un movimento della quotazione possono essere ad esempio: Analisi fondamentale Analisi fondamentale Analisi tecnica Analisi tecnica Tecniche di entrata (breakout, 1,2,3 Low) Informazioni varie Rsi, Stocastico ecc. 2 Edizioni SG Book

4 Carenze oggettive (derivate da un utilizzo esclusivo delle tecniche sopra citate) Analisi tecnica:lo studio sistematico del movimento del mercato utilizzando le serie storiche dovrebbe garantire un bilancio finale positivo, ma eventi esterni possono a volte condizionare a tal punto la borsa da determinare l inefficacia delle previsioni fatte sfruttando l analisi tecnica. Pattern di entrata: si rivelano molto utili se applicati all interno di strategie più articolate, ma prese singolarmente e senza filtri adeguati rischiano di considerare utili anche falsi segnali e trappole congegnate appositamente. Ne sussegue la necessità di sviluppare una strategia speculativa complessa, che nella sua applicazione tenga presente il maggior numero di informazioni possibili, differenziate per tipologia fra loro. Ma ancor prima è necessario vagliare quale tecnica costituirà lo scheletro effettivo della strategia, intorno al quale poi si collegheranno, tramite algoritmi mentali flessibili, tutte quelle tecniche e quelle informazioni secondarie, poste a prefazione o a verifica dei segnali operativi forniti dalla tecnica principale. In questo corso impareremo ad utilizzare principalmente questa tecnica-scheletro, ovvero lo scalping, e successivamente come sia possibile integrare, accanto a questa, una serie di tecniche e segnali paralleli. Lo scalping però, è una tecnica a se stante, sfruttabile anche a prescindere da tutto quello che non sia la mera lettura del book, e le successive implementazioni e i perfezionamenti applicabili sono volti esclusivamente ad aumentare l operatività, e quindi il guadagno. Il Book Quando si decide di acquistare o vendere una determinata quantità di uno strumento finanziario, per di esempio di un azione, l errore più comune è quello di basarsi sull ultimo prezzo a cui è avvenuto lo scambio per definire quello a cui introdurre il proprio ordine. 3 Edizioni SG Book

5 In realtà è importante invece fare riferimento ai valori espressi dal denaro e dalla lettera, ovvero dalla migliore proposta di acquisto e dalla migliore proposta di vendita. La lettera è sempre superiore al denaro, perché le proposte di acquisto con prezzo più alto delle proposte di vendita, e viceversa, hanno già incrociato la controparte. Per essere sicuri che la proposta da immettere sia soddisfatta è necessario quindi tenere presente i valori espressi dalla lettera nel caso si voglia comprare e dal denaro nel caso si voglia vendere. In pratica, infatti, quando si inserisce un ordine al meglio, questo verrà soddisfatto al miglior prezzo disponibile, rappresentato dal denaro se il nostro ordine era di vendita, dalla lettera se l ordine era di acquisto. Considerando l esempio qui sopra, se si inserisse un ordine di acquisto al meglio il prezzo di esecuzione sarebbe , nel caso il nostro ordine fosse di vendita allora sarebbe eseguito a Il book non è altro che una maschera dove vengono visualizzate le 5 migliori proposte in denaro ed in lettera. Le proposte sono rappresentate in forma decrescente, dalla migliore alla peggiore, su cinque livelli che vengono denominati appunto con il numero che li rappresenta. Ogni livello però non contiene un unica proposta, ma tutte quelle che hanno lo stesso prezzo. Ecco allora che è possibile visualizzare anche la quantità complessiva di azioni e il numero di proposte che va a formare quella quantità. 4 Edizioni SG Book

6 Il Book Il book è inserito all interno del book order, che appare così strutturato: 5 Edizioni SG Book

7 Definizione: tecnica altamente speculativa che consente di sfruttare le micro variazioni di prezzo prossime, ma già espresse in potenza dal book. Ma qual è la teoria che si trova effettivamente a monte di questa tecnica? Per saperlo dobbiamo incominciare con l analisi dei partecipanti al gioco.. Per comodità esplicativa, tutti i professionisti che scambiano in borsa grandi quantità in termini di volumi verranno definiti pesci grossi.. Se si riuscissero a riconoscere i loro movimenti sul book e quindi anche le loro intenzioni nel breve, si riuscirebbe a prevedere e quindi a sfruttare una grossa parte degli effetti, ovvero delle microscillazioni causate dalla loro presenza e dai loro movimenti. 6 Edizioni SG Book

8 Questi SQUALI agiranno seguendo regole completamente diverse da chi muove un quantitativo azionario minimo per volta : è ovvio che se si vuole vendere non sarà possibile ne farlo al meglio, onde evitare il repentino lievitare delle quotazioni, ne al limite, perché si rischierebbe sia di diventare evidenti sul book, sia di lasciare parzialmente insoddisfatta la proposta. E lecito pensare che abbiano sviluppato delle tecniche particolari che consentano di vendere e comprare grossi quantitativi, senza però alterare momentaneamente il prezzo, ma soprattutto che procurino la contro parte necessaria per soddisfare l ordine. Sfruttando le tipiche reazioni dei cosi detti pesci piccoli a certi tipi di configurazioni sul book, diventa loro possibile avere un controllo momentaneo sul titolo. Vi sono innumerevoli tipi di configurazioni che corrispondono a reazioni più o meno definite del titolo, ma quasi tutte sono basate sulla seguente semplice regola : Quando il mercato si scontra con una grossa quantità ad un dato livello di book, tenderà a dirigersi di qualche tick nella direzione opposta. 7 Edizioni SG Book

9 Teoricamente, più alto sarà il numero delle proposte, maggiore sarà l affidabilità del livello. In pratica però non vi è alcuna garanzia che una particolare configurazione di book rappresenti la reale volontà delle entità in gioco, piuttosto che quello che si vuole far credere. L unico modo certo di attribuire validità di supporto o resistenza ad un dato livello, a seconda che si trovi in denaro o lettera, è quello di analizzare il suo comportamento quando il mercato vi si scontra. In realtà lo scalper professionista non ha bisogno di attendere lo scontro del mercato con un certo livello per stabilirne la reale consistenza, perché considerando le configurazioni precedenti, la situazione generale del mercato e quella particolare del titolo in questione, può dedurre con discreta sicurezza se quella quantità a quel prezzo trova una giustificazione logica, o se funge più semplicemente da trappola. In generale però Un numero maggiore di proposte, pur nella sua virtualità, assicura comunque un tempo di smaltimento del livello maggiore, se non altro perché la trasformazione o la revoca di queste necessiterà di uno spazio temporale relativamente più alto. 8 Edizioni SG Book

10 E necessario a questo punto introdurre il concetto di Livello valido Si definisce livello valido minimo qualsiasi livello del book che garantisca una tenuta per un tempo tale da consentire almeno una volta l escursione di prezzo nella direzione opposta di almeno due tick. Il livello valido minimo può essere preso in considerazione solo da scalper esperti, mentre per utenti meno pratici della tecnica il tempo di tenuta dovrà essere tale o da consentire un escursione di 3 tick, e preferibilmente non per una singola oscillazione. 9 Edizioni SG Book

11 Per Pivot si intendono dei livelli pre calcolati di contenimento del mercato per l'unità temporale successiva. Derivano dai traders americani che lavorano nelle grida i quali calcolano, attraverso delle appropriate formule basate su vari tipi di perequazioni matematiche, dei livelli di supporto e resistenza su cui comprare o vendere il mercato durante la giornata. INFATTI Se si adotta un dominio temporale giornaliero sarà possibile prima dell'apertura della seduta, calcolare dei livelli di supporto o resistenza che a livello teorico, ma statisticamente molto soddisfacente, dovrebbero individuare il minimo ed il massimo di giornata. Formule PIVOT Pivot Classico : Ap (Average price) = (H+L+C)/3Ap 3 In cui : HH = Massimo di giornata LL = Minimo di giornata C = Chiusura di giornata I livelli di Pivot indicanti il primo supporto e la prima resistenza sono dati da: PvH1 (Pivot Resistenza 1) = (2 x Ap) L PvL1 (Pivot Supporto 1) = (2 x Ap) - H Se questi primi livelli verranno superati allora si calcoleranno i secondi: PvH2 (Pivot Resistenza 2) = Ap --PvL1 + PvH1 PvL2 (Pivot Supporto 2) = Ap --(PvH1 (--PvL1) 10 Edizioni SG Book

12 L evoluzione della specie.. Il motivo per cui di seguito sono indicati sei diversi tipi di formule risiede nel fatto che alcuni meglio si adattano a certi mercati e a certi domini temporali piuttosto che ad altri. Ognuna di esse presenta delle caratteristiche intrinseche che la rendono più o meno adatta a seconda del tipo di trend in atto. Funziona bene soprattutto nelle fasi laterali anche se a volte non è molto preciso. Pivot A: AvP = (h+l+c)/3 Funziona bene soprattutto nelle fasi laterali anche se a volte non è molto preciso Pivot B:Ap = 2*(c+h+l)/3Ap 3--cc. E più preciso del precedente ma è meno conosciuto. Pivot C: Ap = 2*(3*c+h+l)/5Ap 5 cc Estremamente versatile, funziona bene con gli stock index future,come il fib30, nelle fasi laterali ( utilizzando i livelli ricavati con grafici da 3 a 20 min.) Pivot D: Ap = 2*(open+h+l)/3Ap 3 cc (open= apertura corrente) Sostituzione nel Pivot B del prezzo daily con il prezzo di apertura. Da utilizzarsi se si verificano aperture in gap. Tale procedura andrebbe utilizzata in generale su qualsiasi formula che si decidesse di applicare per il calcolo dei Pivot. Pivot E:Ap = 2*(c+h+2*l)/4Ap 4 cc Si utilizza in caso di trend ribassista ben definito e fornisce dei valori di sopporto molto validi.(valori approssimativi per resistenza) Pivot F: Ap = 2*(c+2*h+l)/4Ap 4--cc Si utilizza in caso di trend rialzista ben definito e fornisce valori di resistenza molto validi.(valori approssimativi per supporto) 11 Edizioni SG Book

13 Le fasce di tolleranza Non necessariamente il mercato deve raggiungere perfettamente un pivot point prima di cambiare direzione. La distanza del punto di inversione dal pivot relazionato viene chiamata fascia di tolleranza e viene così calcolata: La formula indica solamente il 10% del valore ricavato dalla media aritmetica del range (H -L = Massimo meno il Minimo) degli ultimi tre giorni. ad esempio sul FIB30 se l'escursione media dei prezzi degli ultimi tre giorni è stata di 300 punti, si dovrà considerare il 10% di 300 punti cioè30 punti. Si potrà quindi affermare che la quotazione del FIB si trova su un livello di Pivot se differisce al massimo di 30 punti in più o in meno rispetto al livello calcolato precedentemente. Come usarli In caso di trend intraday forti e ben definiti, è facile che i pivot si rivelino dei perfetti muri di carta. In questi casi può essere estremamente rischioso considerare le loro prossimità come un punto di ingresso sicuro, e solo lo scalper esperto sarà abbastanza veloce da chiudere la posizione per tempo, magari anche in leggero loss, prima che l accelerazione impressa dal superamento del pivot comporti una perdita relativamente eccessiva. Se invece il mercato risulta piatto, o comunque disordinato (situazione frequente nelle fasi di accumulazione e distribuzione), i pivot verranno quasi sicuramente rispettati (più che altro sfruttati..); in ogni caso costituiranno dei livelli validi minimi. 12 Edizioni SG Book

14 Inoltre il pivot è livello valido soprattutto per chiudere in gain una eventuale posizione aperta in senso inverso ( LONG con pivot in lettera, SHORT con pivot in denaro), che eventualmente sarà riconsiderata solo dopo il consolidato superamento del livello. Per un utilizzo più consapevole dei livelli pre calcolati di contenimento dei prezzi è necessario tenere presente che la loro valenza è prevalentemente psicologica, ed è proprio questa loro caratteristica che ne costituisce l aleatorietà. In ogni caso, le probabilità che un pivot costituisca almeno un livello valido minimo, sono statisticamente molto più alte, rispetto alla possibilità che il mercato lo scarti direttamente. Ecco perché risulta essenziale inglobare i pivot nella propria strategia di scalping, al fine di aumentare l operatività nell intraday. 13 Edizioni SG Book

15 Le trappole Come evidenziato prima, i pesci grossi non possono vendere o comprare liberamente ingenti quantità di un titolo : abbiamo visto che basta una grossa quantità in un dato livello per bloccare il titolo in quella direzione così da poter vendere o comprare a piacimento a seconda che il blocco momentaneo sia posto in lettera o in denaro. In questo modo saranno liberi di vendere un grosso numero di azioni in una serie di trance senza provocare l istantanea di scesa del titolo Accade però spesso che pesci siano davvero grossi, ovvero che le quantità da dover immettere o prelevare dal mercato siano ingenti. Ciò avviene principalmente alla fine di un rally, dove c è l ovvia esigenza di uscire dal mercato prima che il titolo faccia la consueta correzione. In questi casi un semplice blocco su un dato livello può non bastare per contenere le oscillazioni che l immissione di grossi ordinativi determina. Ecco che sorge la necessità di istituire configurazioni più complesse, capaci di congelare il titolo all interno di un dato range, così da poter immettere tranche discrete di ordini per volta, che verranno sicuramente soddisfatti data la congestione che il book presenterà all interno Chiamiamo: Trappole di accumulazione quelle configurazioni volte a trattenere il titolo in un range, che permettono di comprare grossi quantitativi senza provocarne la salita repentina. Trappole di distribuzione quelle configurazioni volte a trattenere il titolo in un range, che permettono di vendere grossi quantitativi senza provocarne il crollo. 14 Edizioni SG Book

16 L esempio più classico di trappola, che è poi il più facilmente riscontrabile nell esperienza quotidiana, necessita di due poli esterni, di cui uno può essere un pivot intraday e l altro o un livello virtuale o, se la trappola deve durare a lungo, una resistenza o un supporto. Quando il mercato prova ad avvicinarsi troppo ad uno dei due poli questo si va via via rinforzando, mentre l altro, insieme ad i livelli che gli sono prossimi, incomincerà ad affievolirsi in quantità. Ogni singola oscillazione sottrarrà forza al titolo che alla fine diverrà sempre meno reattivo, congestionandosi a tal punto da consentire l assorbimento di ordini di qualunque entità. La trappola avrà un tempo di validità relativo, a seconda della propria qualità costruttiva, della situazione parallela del mercato e dell indice di riferimento, ma anche delle esigenze degli strumentalizzatori; dopo verrà sbloccata con l annullamento di uno dei due poli (figurabile come un finto assorbimento o come una revoca) con conseguente movimento dl titolo in quella direzione e al di sopra di quel livello. Ma Attenzione perché a volte l escursione del mercato al di fuori del range costituisce solo un sistema per ridare vigore al titolo e diminuire il congestionamento, e precede la reimmissione del titolo all interno della trappola. Questo avviene principalmente nelle cosiddette trappole di trading, che permettono l entrata e l uscita con grosse quantità all interno dello stesso range. Al di la della tipologia, ogni trappola è di per se un eccellente occasione di fare scalping, e l attenzione del trader dovrà incentrarsi soprattutto nell identificare il momento in cui la questa sta per essere rimossa, così da chiudere la posizione in tempo. Anche lo scalper, al pari dei pesci grossi, può sfruttare la duplice capacità delle trappole di assorbire e di fornire liquidità. Sarà quindi possibile entrare con ordini relativamente più consistenti su titoli meno liquidi così da aumentare il potenziale guadagno per singolo tick. 15 Edizioni SG Book

17 Se anzi lo scalper avrà liquidità sufficiente potrà disporre contemporaneamente due ordini di segno opposto ma di pari entità in prossimità degli estremi, e continuare poi a operare tranquillamente all interno del range ( ovviamente entro lo spazio creato dai due ordini) Ovviamente sarà bene entrare con più frequenza long se la trappola è di accumulazione, in short se è di distribuzione, così da diminuire sensibilmente il rischio di trovarsi dentro al mercato ma al di fuori della trappola con un operazione in loss. Bisogna porre estrema attenzione invece alle trappole di trading, che spesso sono terreno di scontro fra titani, con conseguente movimento disordinato del titolo, cosa che rende estremamente difficile identificare con precisione il momento in cui la trappola sta per scadere. 16 Edizioni SG Book

18 I buchi All interno di trappole nasce a volte l esigenza di imprimere una direzionalità al titolo, ma soprattutto di istituire dei segnali convenzionali per individuare gli obbiettivi relativi di ogni oscillazione. I buchi sono sempre livelli validi per chiudere una posizione gain. Le inefficienze Anche quando il titolo non si trova bloccato in alcuna trappola è possibile operare sfruttando le cosiddette inefficienze. La possibilità di riuscita di un operazione improntata su un inefficienza è prossima al 100%, e tanto più lo scalper sarà veloce nello sfruttarla, tanto più ci si avvicinerà a questo valore. 17 Edizioni SG Book

19 Gli ordini asteriscati* Chi deve smaltire un grosso ordine ricorre spesso all immissione di ordini asteriscati, ovvero ordini rappresentati sul book con una quantità che non riflette minimamente la loro reale natura. Ciò rende possibile l immissione di ordini di grosse quantità in un unica tranche senza influenzare sensibilmente il mercato. Anzi sarà addirittura più facile che venga soddisfatta questa immissione piuttosto che un altra di importo nettamente inferiore, visto che sul book apparirà una tale quantità minima da far accanire i trader sprovveduti nel tentativo di consumarla. Inoltre questi ordini sono spesso affiancati da un livello-(supp -res) di segno opposto, che assicura la giusta spinta nella sua direzione. La tipologia di ordine asteriscato che più si riscontra nell esperienza quotidiana è strutturato nel seguente modo: Appare come un ordine di quantità sensibilmente inferiore alle tranche mediamente scambiate su quel titolo e si opporrà ad ogni tentativo di essere assorbito fino al suo completo esaurimento con la comparsa della stessa quantità ogni volta che la precedente verrà consumata. Siccome è facile che gli ordini che vi si contrappongono siano di quantità relativa superiore è possibile sapere ciò che verrà visualizzato dal book dopo l immissione di uno di questi, calcolando quante colte la quantità ricorrente entra nell ordine contrapposto, moltiplicando per quel numero e poi sottraendo il risultato dalla quantità di quest ordine. Gli ordini che si accumulano sullo stesso livello e nella stessa direzione dell ordine asteriscato non devono in questo caso aspettare l esaurirsi di questo per vedersi soddisfatti, ma solo l assorbimento della quantità visualizzata dal book. 18 Edizioni SG Book

20 Gestione delle perdite e dei profitti Nella formulazione di una strategia di trading efficiente ma soprattutto stabile assume importanza l utilizzo coerente degli stop loss e degli stop profit, ovvero la quantificazione a priori della massima perdita accettabile, e del minimo profitto perseguibile da una specifica operazione. Diventa così possibile istituire una gestione delle perdite e dei profitti che consenta di affrontarne eventuali squilibri, e soprattutto di filtrare l eventuale volatilità dello strumento trattato. Stoploss Per uno scalper lo stop loss deve essere rigido, nella sua individuazione ma soprattutto nel rispetto del medesimo. Se infatti il titolo acquistato non si muoverà nella direzione prevista, e toccherà il livello dove era stato posizionato lo stop, si provvederà a chiudere tempestivamente la posizione sul livello stesso. Esistono due tipi di Stop loss: Stop rigido: nello scalping è quantificabile in due, massimo tre tick di perdita. Stop Dinamico: è possibile posizionare lo stop considerando i livelli di supporto e di resistenza più prossimi, a seconda che la posizione sia long o short. Può essere preso in considerazione solo da scalper esperti. 19 Edizioni SG Book

21 Stop profit La scelta del titolo sul quale operare e la relativa quantificazione del capitala da impiegare per ogni singola operazione sul medesimo deve essere fatta tenendo presente che il gain massimo perseguibile a priori da uno scalper è di due o tre tick. Di conseguenza ogni tick dovrà fruttare almeno euro netti: ricordiamoci infatti che il gain di uno scalper non è costruito su una singola operazione, ma dalla somma di queste. In situazioni stabili è importante rispettare lo stop profit ma nulla toglie però che se si riesce ad aprire la posizione all inizio di un chiaro microtrend rialzista, che porti rapidamente la quotazione del titolo oltre la soglia di profit stabilita a priori, lo si sfrutti fino in fondo, stando però molto attenti a chiudere al minimo segno di inversione. In ogni caso bisogna assolutamente evitare che una posizione profit si tramuti in una posizione loss! Indicatori Nello scalping possiamo trarre sicuramente beneficio, ai fini della scelta del titolo, ma anche per prevedere o confermare trappole di accumulazione o distribuzione, dall utilizzo degli indicatori di momentum. Momentum: E un indicatore della velocità di tendenza e basata sul rapporto fra lo spazio percorso e il tempo impiegato a percorrerlo. 20 Edizioni SG Book

22 Roc : L evoluzione del momentum è il Roc, detto anche momentum percentuale, e si basa sulla differenza tra la chiusura odierna e la chiusura registrata N giorni prima Se il prezzo del titolo è maggiore del prezzo di n periodi fa, il Roc sarà un numero positivo; se il prezzo è invece inferiore, il Roc sarà un numero negativo, e questo porta l indicatore ad oscillare attorno al valore zero. La selezione del numero di periodi, su cui calcolare il Roc, è solitamente scelta in base agli obiettivi di previsione che s intende raggiungere. Per la sua interpretazione si tiene conto che se i prezzi incrementano rapidamente, ad un certo punto sarà segnalata la condizione di ipercomprato (segnale di vendita); mentre se si muovono rapidamente verso il basso segnala un ipervenduto (segnale d acquisto). Ne consegue che l inclinazione del ROC è proporzionata alla velocità espressa dai prezzi, mentre la distanza dall asse d oscillazione è proporzionale all intensità di movimento. 21 Edizioni SG Book

23 Rsi : rapporto tra la media esponenziale delle variazioni positive e la media esponenziale delle variazioni negative fatte segare dal prezzo L'indicatore RSI misura la forza relativa di un titolo o di un mercato rispetto a se stesso e permette di misurare la velocità di un movimento di prezzi. Con l'utilizzo del RSI Wilder permette, dunque, di stabilire a priori la condizioni di livello di ipervenduto o di ipercomprato fissando le due soglie: un livello di RSI superiore ai 70 punti segnala la condizione di ipercomprato, indicando che i prezzi sono prossimi alla formazione di un massimo relativo e dunque ad una reazione contraria, cosi come un valore inferiore ai 30 indica ipervenduto, e dunque la formazione di un minimo relativo. Per quanto concerne l'estensione temporale su cui impostare l'indicatore, l'autore ne raccomanda un periodo di quattordici giorni, mentre altri analisti concordano, per una migliore accuratezza del segnale, un'estensione di 22 giorni. Un periodo di nove giorni è utile ai fini dell'analisi dei movimenti di prezzi a brevissimo termine. Minore sarà l'ampiezza temporale, più frequenti ed ampie saranno le sue oscillazioni, segnalando numerosi momenti di ipercomprato ed ipervenduto. 22 Edizioni SG Book

24 Stocastico Ideato dallo Statunitense Gorge Lane, la teoria su cui lo stocastico è basato presume che in una fase crescente di mercato i prezzi di chiusura si collochino in prossimità dei massimi, mentre in una fase ribassista la chiusura si posiziona vicino ai minimi della sessione. Per la sua costruzione, lo si ritiene un indice per l'analisi di breve periodo, ma in realtà è affidabile per ogni proiezione temporale, e grazie alla sua semplicità di interpretazione la sua diffusione è stata facilitata. Per il calcolo dell'indicatore occorrono, oltre ai prezzi di chiusura, i massimi e i minimi fatti segnare nel corso del periodo. Lo stocastico è composto da due linee: la %K e la %D. Queste strane sigle non derivano da dinamiche del calcolo né da altre connessioni, bensì dal fatto che nella fase di messa a punta Lane denominò con lettere dell'alfabeto le combinazioni di parametri da testare; K e D risultarono le migliori. La modalità con cui la formula è espressa, impone all'indicatore di fluttuare all'interno di una fascia predeterminata, assumendo valori che vanno da 0 a 100. Il valore di %K si evolve, si dunque, fra una condizione di minimo (%K=0), quando il prezzo dunque, di chiusura è uguale al uguale minimo assoluto del periodo di riferimento ed un massimo (%K=100minimo 100) quando il prezzo di chiusura coincide con la quotazione più alta. Filtrando i valori con una media si ottiene l alta. %D che va a rappresentare un andamento che più regolare della regolare %K line la cui formula line è: 23 Edizioni SG Book

25 I segnali operativi indicati dall'autore sono quelli tuttora più comunemente utilizzati: * Fascia compresa tra i valori (80,100); si tratta di una fase i* in cui il trend al rialzo si trova, probabilmente, ad un punto d'esaurimento non potendo continuare a reggere gli alti livelli dei prezzi. In tale circostanza (fasi di ipercomprato) vi è un forte squilibrio tra l'offerta e la domanda con una predominanza dei compratori. * Fascia compresa tra i valori (0,20); si tratta di una fase del trend ribassista in cui le continue vendite (fase di ipervenduto) portano alla completa dominanza dell'offerta sulla domanda; è plausibile aspettarsi un ritorno della forza toro del mercato, anche per i prezzi particolarmente appetibili per un acquisto. * Fascia compresa tra i valori (20,80) ; si tratta di una fascia* neutra di oscillazione. In questa fase si presume un sostanziale equilibrio tra la domanda e l'offerta.. In un caso di trend discendente l'utilizzo di un indicatore algoritmico come in questo caso lo stocastico, permette di limitare le perdite e di sfruttare i piccoli rimbalzi in controtendenza che il titolo può avere nel frattempo, difatti, di fronte ad una perdita del titolo del 20% (nell'arco di tempo considerato) lo stocastico riesce a strappare un +12% in sette operazioni. Info Master Il master ha una durata di 5 giorni : i primi due (a mercati chiusi) volti a trasmettere i fondamenti teorici e le nozioni fondamentali necessarie per fare scalping e gli ultimi 3 durante i quali il docente opererà in realtime e realmoney mostrando come l applicazione delle regole precedentemente spiegate consenta di affrontare il mercato con una marcia in più, liberandosi al condizionamento del trend. Per informazioni su come partecipare ai master telefonare al : Edizioni SG Book

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI A cura di Maurizio Milano Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella INDICE: Analisi Fondamentale Analisi Tecnica I tre pilastri dell Analisi Tecnica

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA Tesi di Laurea ASPETTI DELL ANALISI TECNICA APPLICATI AL TITOLO ENI Relatore: Prof. NUNZIO

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA SPECULAZIONE DI BORSA

LA SPECULAZIONE DI BORSA Via Pascoli 7 41057 Spilamberto-MO tel. 059-782910 fax 059-785974 www.lombardfutures.com LA SPECULAZIONE DI BORSA Di Emilio Tomasini LE DUE METODOLOGIE OPERATIVE DEGLI SPECULATORI: ANALISI FONDAMENTALE

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) High Frequency Trading: una panoramica di Alfonso Puorro Settembre 2013 Numero 198 Questioni di Economia e Finanza (Occasional papers) High Frequency

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

IL Forex facile si fa per dire

IL Forex facile si fa per dire IL Forex facile si fa per dire Guida Introduttiva al Mercato Spot delle Valute Tecniche, strategie e idee per il trading delle valute QUALSIASI IMPRESA SI COSTRUISCE CON UNA SAGGIA GESTIONE, DIVIENE FORTE

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO 13 Edizione del corso FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO L unico corso che ti accompagna passo dopo passo fino a selezionare, affittare, gestire un trading

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

2. Limite infinito di una funzione in un punto

2. Limite infinito di una funzione in un punto . Limite infinito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: fx ( ) = ( x ) definita in R {}, e quindi il valore di non è calcolabile in x=, che è comunque un punto di accumulazione per il dominio

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli