Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci"

Transcript

1 Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci

2 Le classi di laurea 1) Classe delle lauree in professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica 2) Classe delle lauree in professioni della riabilitazione 3) Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche 4) Classe delle lauree in professioni sanitarie della prevenzione

3 Classe delle lauree in professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Infermiere Infermiere pediatrico Ostetrica/o

4 Classe delle lauree in professioni della riabilitazione Podologo Fisioterapista Logopedista Ortottista Assistente di oftalmologia Terapista della neuro e psicomotricità dell età evolutiva Tecnico della riabilitazione psichiatrica Terapista occupazionale Educatore professionale

5 Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche Area tecnico diagnostica Tecnico audiometrista Tecnico sanitario di laboratorio biomedico Tecnico sanitario di radiologia medica Tecnico di neurofisiopatologia

6 Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche Area tecnico assistenziale Tecnico ortopedico Tecnico audioprotesista Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare Igienista dentale Dietista

7

8 Le riforme dell esercizio professionale Legge 26 febbraio 1999, n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie Legge 10 agosto 2000, n. 251 Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione della prevenzione nonché della professione ostetrica

9 Art. 1, primo comma Gli operatori della professioni sanitarie dell area delle scienze infermieristiche e della professione ostetrica svolgono con autonomia professionale attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici e utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell assistenza.

10 Art. 1, terzo comma Il Ministro della sanità..emana linee guida per: a) l attribuzione in tutte le aziende sanitarie della diretta responsabilità e gestione delle attività di assistenza infermieristica e delle connesse funzioni; b) la revisione dell organizzazione del lavoro incentivando modelli di assistenza personalizzata.

11 Legge 42/1999 Profilo professionale Formazione ricevuta Codice deontologico Limite: atto medico

12 Legge 42/1999 art. 1 I comma La denominazione professione sanitaria ausiliaria nel testo unico delle leggi sanitarie nonché in ogni altra disposizione di legge, è sostituita dalla denominazione professione sanitaria.

13 Legge 42/1999 art. 1 II comma Il campo proprio di attività e responsabilità delle professioni sanitarie.è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post base nonché degli specifici codici deontologici.

14 Legge 42/1999 art. 1 II comma fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario per l accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea, nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali.

15

16 Confronto tra le varie professioni Infermieri e ostetriche agiscono con autonomia professionale Le professioni della riabilitazione con titolarità e autonomia professionale Le professioni tecnico-sanitarie agiscono con autonomia professionale Le professioni della prevenzione agiscono con autonomia tecnico-professionale

17 L autonomia dal medico Il problema della prescrizione

18 La prescrizione medica e le professioni sanitarie del comparto Il dietista elabora, formula e attua le diete prescritte dal medico Il podologo, su prescrizione medica, previene e svolge la medicazione delle ulcerazioni.. L igienista dentale agisce su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all esercizio dell odontoiatria

19 La prescrizione medica e le professioni sanitarie del comparto Il tecnico sanitario di radiologia medica è abilitato a svolgere su prescrizione medica tutti gli interventi che richiedono l uso di sorgenti di radiazioni ionizzanti. Il fisioterapista, il terapista occupazionale, lo psicomotricista e il logopedista agiscono in riferimento alla diagnosi e alla prescrizioni del medico

20 La prescrizione medica e le professioni sanitarie del comparto Il tecnico sanitario di laboratorio biomedico svolge con autonomia professionale la propria prestazione lavorativa in diretta collaborazione con il personale laureato. L ostetrica è in grado di individuare le situazioni potenzialmente patologiche che richiedono l intervento medico L infermiere garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico terapeutiche

21 La democrazia in corsia. Scomparsa della figura primariale e sua sostituzione con il direttore Fine delle gerarchie professionali di un tempo Fine dei linguaggi militari e sostituzione con il linguaggio aziendalistico

22 La scomparsa dei termini militari Il superiore gerarchico L inferiore gerarchico Congedo Missione Comando La divisa La guardiola Il medico di guardia I reparti Le divisioni

23 Dirigenza sanitaria Quale dirigente?

24 L evoluzione della professione medica Primario Dirigente I livello Aiuto Dirigente II livello Assistente Dirigenza unica con incarichi

25 Il primario Dpr 128/1969 Il primario vigila sull attività e sulla disciplina del personale sanitario, tecnico, sanitario ausiliario..ha la responsabilità dei malati e definisce i criteri diagnostici e terapeutici che devono essere seguiti da aiuti e assistenti, pratica direttamente sui malati gli interventi diagnostici e curativi che ritenga di non affidare ai suoi collaboratori, formula la diagnosi definitiva

26 Il dirigente di II livello Affida direttive a tutto il personale impartisce gli indirizzi e, in caso di necessità, le decisioni da adottare nei riguardi degli interventi preventivi, clinici, diagnostici e terapeutici

27 La dirigenza medica Art. 17 bis dipartimenti Il direttore di dipartimento rimane titolare della struttura complessa cui è preposto..(e ha) responsabilità professionale in materia clinicoorganizzativa e di tipo gestionale

28 Tipologia dei dirigenti attuali Dirigente Dirigente con cinque anni di attività Dirigente con incarico di struttura semplice Dirigente con incarico di struttura complessa Direttore di dipartimento

29 La dirigenza medica Art. 15 d.lgs 502/1992 L attività dei dirigenti sanitari è caratterizzata, nello svolgimento delle proprie mansioni e funzioni, dall autonomia tecnicoprofessionale..(che) si esercita nel rispetto della collaborazione multiprofessionale, nell ambito di indirizzi operativi e programmi di attività promossi, valutati e verificati a livello dipartimentale.

30 La dirigenza medica Art. 15 d.lgs 502/1992 Ai dirigenti con incarico di struttura complessa-direttore sono attribuite, oltre a quelle derivanti dalle specifiche competenze professionali, funzioni di direzione e organizzazione della struttura, da attuarsi.anche mediante direttive a tutto il personale operante nella stessa e l adozione di relative decisioni

31 Quale ambito per l infermiere? Il nuovo ambito dell infermiere.non sembra più contemplare spazi o aree di subordinazione dell infermiere al medico.l infermiere è ora dominus assoluto e solitario della propria sfera di competenza nella quale il medico sembra non potersi intromettere.. Ambrosetti F, Piccinelli M, Piccinelli R, La responsabilità nel lavoro medico d èquipe Profili penali e civili, Utet, 2003

32 Quale ambito per l infermiere? Il medico si è visto sottrarre di mano l attività infermieristica anche dal punto di vista discrezionale e decisionale. Non rientrando più l attività infermieristica nella sua competenza decisionale, egli non ne sarà più responsabile. Ambrosetti F, Piccinelli M, Piccinelli R, La responsabilità nel lavoro medico d èquipe Profili penali e civili, Utet, 2003

33 L evoluzione delle figure di supporto all assistenza: Operatori sociosanitari e sociosanitari con formazione complementare Luca Benci

34 Attività infermieristiche? Assistere un paziente è un attività esclusivamente infermieristica? Somministrare un farmaco per via intramuscolare o sottocutanea è un attività esclusivamente infermieristica? Le badanti sono figure assistenziali?

35 L operatore socio sanitario Provvedimento 22 febbraio 2001 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano Gazzetta Ufficiale S.O. 19 aprile 2001

36 Le figure sociali di supporto

37 Le mansioni puramente assistenziali del vecchio OTA In collaborazione o su indicazione dell infermiere professionale provvede: 1) al rifacimento del letto occupato; 2) all igiene personale del paziente; 3) al posizionamento e al mantenimento delle posizioni terapeutiche

38 I nuovi ambiti di operatività 1) Assistenza diretta ed aiuto domestico alberghiero 2) Intervento igienico sanitario e di carattere sociale 3) Supporto gestionale, organizzativo e formativo

39 I nuovi ambiti di operatività Assistenza diretta e aiuto domestico alberghiero Assiste la persona non autosufficiente o allettata Realizza attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico Realizza attività di animazione e socializzazione di gruppi o singoli Coadiuva il personale sanitario e sociale nell assistenza al malato anche terminale e morente Cura la pulizia e l igiene ambientale

40 I nuovi ambiti di operatività Interventi igienico sanitari e di carattere sociale Osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell utente Collabora alla programmazione degli interventi assistenziali Collabora alla attuazione dei sistemi di verifica degli interventi Valuta, per quanto di competenza, gli interventi da proporre

41 I nuovi ambiti di operatività Compiti gestionali, organizzativi e formativi Utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio Collabora alla verifica della qualità del servizio Concorre, rispetto agli operatori dello stesso profilo, alla realizzazione dei tirocini e alla loro valutazione Collabora alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento

42 I nuovi ambiti di operatività Attività assistenziali varie Aiuta per la corretta assunzione di farmaci prescritti e per il corretto utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso Aiuta nella preparazione delle prestazioni sanitarie Osserva, riconosce e riferisce alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l utente può presentare (pallore, sudorazione, ecc.)

43 I nuovi ambiti di operatività Attività assistenziali varie Attua interventi di primo soccorso Effettua piccole medicazioni o cambio delle stesse (ed effettua iniezioni intramuscolari) Controlla e assiste la somministrazione delle diete Collabora ed educa al movimento

44 L OSS nella Regione Lombardia Delibera regionale VII/5428 L OSS agisce come figura di supporto, in base alle proprie competenze e in applicazione dei piani di lavoro e di protocolli operativi predisposti dal personale sanitario e sociale preposto. Tali piani e protocolli individuano le attività attribuibili all OSS sulla base dei criteri della bassa discrezionalità richiesta e dell alta riproducibilità della tecnica utilizzata.

45 L OSS nella Regione Lombardia Delibera regionale VII/5428.l OSS: Opera in quanto può agire in autonomia Coopera in quanto svolge solo parte dell attività alle quali concorre con altri professionisti Collabora in quanto svolge attività su precisa indicazione dei professionisti

46 L OSS nella Regione Lombardia Delibera regionale VII/ Collabora nella somministrazione della terapia: farmaci per via enterale (supposte, clisma fleet) e tramite aerosol, farmaci trandermici, gocce oftalmiche e auricolari

47 Il futuro degli operatori di supporto Gli OSS specializzati

48 D.L. 12 novembre 2001, n. 402 Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario convertito con la legge 8 gennaio 2002, n. 1 Art. 1, comma 8.la formazione complementare in assistenza sanitaria che consente a detto operatore di collaborare con l infermiere o con l ostetrica e di svolgere alcune attività assistenziali in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione

49 L OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003 L OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria coadiuva l infermiere o l ostetrica e in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica o ostetrica e sotto la loro supervisione è in grado di eseguire:

50 L OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003 La somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione La terapia intramuscolare e sottocutanea su specifica pianificazione infermieristica o ostetrica o sotto la sua supervisione Esecuzione clisteri Il rilevamento e l annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura)

51 L OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003 La cura, il lavaggio e la preparazione del materiale per la sterilizzazione L attuazione e il mantenimento dell igiene per la persona La pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici La raccolta e stoccaggio dei rifiuti differenziati

52 L OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003 Il trasporto del materiale biologico ai fini diagnostici La somministrazione dei pasti e delle diete Sorveglianza di fleboclisi, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica o ostetrica o sotto la sua supervisione Eseguire pedicure Preparazione della salma Eseguire tricotomie

53 Le misure compensative 1000 ore (s.t) Sicilia 400 Calabria 330 ore Toscana, Lazio, Bolzano 300ore Marche 250 Campania 200 ore Friuli V. G., Umbria, Sardegna 180 ore Emilia Romagna 130 ore Liguria, Lombardia, Trento 120 Piemonte 0 ore Veneto

54 La formazione dell OSS specializzato DGR del Veneto del 8/11/02 n Modulo complementare in assistenza sanitaria 1) Area istituzionale legislativa ore 45 2) Area igienico sanitaria e tecnico sanitaria ore 105 Totale teoria 150 Totale tirocinio 250

55 La formazione dell OSS specializzato DGR del Veneto del 8/11/02 n Elementi di farmacologia Principi generali di farmacodinamica Principi generali di farmacocinetica Reazioni avverse e indesiderate, tossicità da farmaci Preparazioni farmaceutiche di uso corrente Classificazione dei farmaci I farmaci in età pediatrica e senile

56 La formazione dell OSS specializzato DGR del Veneto del 8/11/02 n Procedure terapeutiche: somministrazioni della terapia (23 ore) 1) Generalità sulla somministrazione dei farmaci a) La prescrizione b) Le regole da rispettare c) Strumenti per la registrazione dei dati relativi alla terapia d) Vie di somministrazione: enterale, parenterale e topica e) Possibili fonti di errore nell esecuzione della terapia f) Calcolo della dose, le concentrazioni, le diluizioni, le misure e le equivalenze di peso

57 La formazione dell OSS specializzato DGR del Veneto del 8/11/02 n ) Conservazione dei farmaci in reparto 3) Le responsabilità dell OSS e la tutela dell assistito nelle diverse situazioni 4) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per via enterale 5) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per via parenterale 6) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per uso topico 7) Sorveglianza di fleboclisi

58 Le differenze tra i due operatori socio sanitari Operatore socio sanitario Operatore socio sanitario con formazione complementare In base alle proprie competenze ed in collaborazione con altre figure professionali, sa attuare i piani di lavoro In sostituzione e appoggio dei familiari e su indicazione del personale preposto è in grado di L OSS che ha frequentato coadiuva l infermiere o l ostetrica e, in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione, è in grado di eseguire:

59 L OSS con f.c. L OSS che ha frequentato coadiuva l infermiere o l ostetrica e, in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione, è in grado di eseguire:

60 Gli operatori socio sanitari OSS di base E una figura di supporto all assistenza sanitaria e sociale E dotato di una certa autonomia nel complesso delle attività da eseguire OSS con f.c. E una figura di supporto all assistenza infermieristica e ostetrica Ha una autonomia vincolata alle direttive ricevute e/o svolge le attività sotto la supervisione infermieristica o ostetrica

61 Tar Veneto III sezione sentenza 693/05 L oggetto del giudizio deve essere individuato in base a criteri sostanziali e non formali Rilevare la pressione arteriosa omerale e il battito cardiaco Responsabilità della sanificazione e sanitizzazione ambientale nonché della sterilizzazione di strumenti e attrezzature.si può escludere che i singoli compiti appartengano esclusivamente alla figura dell infermiere professionale

62 Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n Non commette il reato di esercizio abusivo di professione infermieristica un non infermiere che ha somministrato il farmaco Gardenale visto che tale medicinale non necessita di particolare abilità infermieristica potendo anche essere autosomministrato.

63 Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n La registrazione dello scarico del medicinale stupefacente non richiede particolari requisiti di competenza tecnica tipici della professione di infermiere.

64 Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n L annotazione a registro è poi un attività susseguente alla somministrazione del farmaco e ad essa condizionata. Ora, non sembra rispondente a canoni logici pretendere che essa sia effettuata da infermieri, cui tuttavia non è riservato alcun compito esclusivo per la somministrazione del farmaco, compito che esso solo potrebbe assicurare l effettività di un controllo sulle modalità, sui tempi e sulla correttezza della somministrazione.

65 Corte di cassazione, VI sezione, sentenza 39486/2006 Risulta dunque incongrua, rispetto al decisum, l osservazione della ricorrente secondo cui l operazione di riposizionamento della sacca non rientrava nelle sue mansioni essendo di esclusiva pertinenza di un medico o di un infermiere professionale; e ciò a prescindere dalla considerazione che anche quest ultima era una operazione di normale routine e di facilissima esecuzione, come dichiarato dal teste dott..., direttore medico del predetto ospedale.

66 Corte di cassazione, VI sezione, sentenza 39486/2006 La ricorrente obietta che nella specie non vi era stata alcuna prescrizione specifica del medico circa la pulizia del paziente. Ma la disposizione ora citata non implica, né letteralmente né logicamente, che la prescrizione del medico avvenga necessariamente di volta in volta per ogni intervento da effettuarsi sui pazienti, ben potendo essa essere impartita in via generale e sulla base di turni di servizio, come nella specie verificatosi.

67 Attività dell Oss? Effettuare piccole medicazioni Eseguire stick glicemico Eseguire ECG Misurare la Pressione Arteriosa Eseguire aerosol terapia

68 Attività dell Oss con f.c.? Eseguire medicazioni speciali Misurare T auricolare Eseguire saturimetria Rilevare ed annotare la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria Sorvegliare le fleboclisi Monitoraggio della funzionalità intestinale

69 La delega di funzioni nell esercizio professionale Consiste in un documento con cui un soggetto abilitato trasferisce la titolarità di una o più funzioni proprie trasferendo contestualmente anche la titolarità dei poteri decisionali. La delega di funzioni è il modo per rendere certo e conoscibile il trasferimento di funzioni e il documento formato costituisce una prova storico-documentale.

70 La delega di funzioni nell esercizio professionale L istituto della delega non è un istituto normativo (da intendersi letteralmente, nel senso che non è previsto da alcuna norma giuridica) ma una creazione giurisprudenziale.

71 Requisiti essenziali della delega 1) deve essere comprovata e non presunta (principio di certezza) 2) i poteri devono essere precisati (Principio di specificità o determinazione) 3) Deve essere portata a conoscenza del delegato e da questi esplicitamente accettata (Principio di consapevolezza) 4) Deve essere conferita per iscritto (Principio di scrittura)

72 Requisiti essenziali della delega 5) Acquista efficacia solo se data a persona qualificata, tecnicamente capace, esperta, competente (Principio dell assenza della culpa in eligendo) 6) è valida solo se correlata alle più ampie facoltà di iniziativa e di organizzazione, in modo che il delegato sia posto in grado di assolverla (Principio di corrispondenza o di effettività)

73 Requisiti essenziali della delega 7) Il delegante non deve ingerirsi personalmente neppure indirettamente nell assolvimento dei compiti delegati (Principio di non ingerenza o di astensione) 8) Il delegante non deve essere a conoscenza dell inefficienza del delegato (Principio di non connivenza o di non acquiescenza) 9) Il delegante deve predisporre un sistema di controllo e di verifica periodica dell attività del delegato (Principio dell assenza di culpa in vigilando)

74 Requisiti essenziali della delega Non è ammissibile l ipotesi della subdelega o delega a cascata che si verifica allorquando il soggetto delegato deleghi a sua volta altra persona a svolgere le mansioni delegate. Delegatus non potest delegare

75 Attribuzioni e non delega Alcune attribuzioni un tempo esclusivamente infermieristiche rientrano oggi nelle declaratorie degli operatori di supporto L infermiere è responsabile dell assistenza generale infermieristica in toto mentre l OSS è responsabile della corretta esecuzione delle prestazioni affidategli in relazione alla sua competenza

76 Attribuzioni e non delega Conoscenza della qualificazione tecnicoprofessionale della persona a cui vengono attribuite le funzioni Mantenimento delle funzioni di controllo all infermiere Mantenimento della possibilità di ingerirsi nell operato dell operatore di supporto

77 La verifica della preparazione degli operatori di supporto Quando l infermiere si avvale dell opera del personale di supporto, deve costantemente e preventivamente verificare il livello di competenza di tali figure, discernere attentamente se e quali mansioni assegnare e garantire sistematica e adeguata supervisione su quanto in via di effettuazione, mantenendo comunque la responsabilità sui risultati.

78 La somministrazione dei farmaci come esempio della suddivisione del lavoro Gli errori nella prescrizione-somministrazione: a) Insufficiente funzionalità renale o epatica (13,9%) b) Storia del paziente di allergia per la stessa classe di farmaci (12,1%) c) Scambio di farmaco, posologia, scrittura non chiara (11,4%) d) Preparazione errata: errore di calcolo (11,1 %) e) Errori vari (10,8%) Institute of medicine, To err is human, 2000

79 La somministrazione infermieristica dei farmaci E un attività unitaria (regola 5-6 g) E un attività da eseguirsi dietro prescrizione medica (per l infermiere generico e per l infermiere professionale) Tutta l attività viene eseguita sotto la responsabilità infermieristica (ogni errore ricade sull infermiere)

80 Medication use processes Prescribing Dispensing Administering Monitoring Systems and management control Nazdam, Deborah, Development of medications-use indicators by the Joint commission on acceditation of healthcare organizations,ajhp, 48: , 1931 citato da Institute of medicine, To err is human, 2000

81 La somministrazione dei farmaci da parte dell infermiere Prescrizione medica Somministrazio ne

82 La somministrazione dei farmaci da parte dell Oss con f.c. Prescrizione medica Specifica pianificazione infermieristica e/o supervisione Somministrazio ne

83 Somministrazione farmaci OSS con f.c. (delibera R.T. 2003) Attua il piano degli interventi Controlla la prescrizione Identifica e informa la persona assistita e/o i familiari Verifica la scadenza del farmaco Somministra il farmaco rispettando la procedura Osserva eventuali reazioni avverse Registra l intervenuto intervento sulla apposita modulistica Identifica e informa la persona e la famiglia alla conservazione e all uso dei farmaci Riordina il materiale e smaltisce i presidi Informa il personale sanitario

84 Sorveglianza di fleboclisi OSS con f.c. (delibera R.T. 2003) Attua il piano degli interventi predisposto dall infermiere Controlla la prescrizione Controlla la velocità infusionale secondo prescrizione Posiziona la persona Informa l infermiere di eventuali interruzioni e/o alterazioni della velocità infusionale Osserva eventuali reazioni avverse Informa l infermiere al termine dell infusione Riordina il materiale

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Le figure coinvolte nei servizi socio-sanitari

Le figure coinvolte nei servizi socio-sanitari Le figure coinvolte nei servizi socio-sanitari 1 Le figure coinvolte nei servizi socio-sanitari: il profilo professionale di psicologi, neurologo, geriatri, psichiatri, neuropsichiatri dell infanzia e

Dettagli

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 13-8-2002 - N. 78 21 LEGGE REGIONALE 9 agosto 2002, n. 17 Modifiche alla legge regionale La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI

SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI Premessa Il materiale documentale relativo alla presente

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione Dott. Antonino Zagari DA DOVE INIZIAMO? 2 3 GIOCO DI SQUADRA Il Gioco di Squadra risulta lo scopo primario

Dettagli

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ Importante non è ciò che facciamo, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS?

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS? posso farlo? Le competenze dell'operatore Socio Sanitario e la collaborazione con l'infermiere L Operatore Socio Sanitario IL PROFILO DELL'OSS: ANALISI DELLE COMPETENZE Dopo un lungo e travagliato dibattito

Dettagli

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. Pagina 1 PROFILO PROFESSIONALE E AMBITO DI ATTIVITÀ L Operatore Socio sanitario

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 n. 54 del 7 Ottobre 2013 Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS PROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni

Dettagli

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Concetto di salute "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 105 ANCORA DISCRIMINAZIONI ANTI VENETE NEI POSTI DISPONIBILI PER LE PROFESSIONI SANITARIE. PADOVA E VERONA UNIVERSITÀ

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE OPERAZIONI SANITARIE

IL REGIME FISCALE DELLE OPERAZIONI SANITARIE IL REGIME FISCALE DELLE OPERAZIONI SANITARIE La classificazione delle operazioni sanitarie La posizione della Corte di giustizia dell Unione europea Viene stabilito il principio fondamentale secondo cui

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO 2001 Individuazione della figura e del profilo dell Operatore Socio Sanitario ( O.S.S.) RICHIAMATE le disposizioni della normativa

Dettagli

Professioni sanitarie della prevenzione

Professioni sanitarie della prevenzione Professioni sanitarie della prevenzione Bergamo, 14 aprile 2014 Mario Poloni mpoloni@asl.bergamo.it Monica Brembilla, Antonia Crippa, Lucia Fontana L evoluzione delle Professioni Sanitarie Legge 42/99

Dettagli

RICONOSCIMENTO DEI TITOLI PROFESSIONALI IN EUROPA

RICONOSCIMENTO DEI TITOLI PROFESSIONALI IN EUROPA RICONOSCIMENTO DEI TITOLI PROFESSIONALI IN EUROPA Sommario: - 1. Normativa di riferimento. 2. Informazioni di base sul diritto comunitario. 2.1. Norme di carattere generale. 2.2. Meccanismo di riconoscimento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con Determinazione del Direttore Generale n. 243 del 20/07/2010 Premessa CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE Finalità - Campo

Dettagli

EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA > FORMAZIONE A DISTANZA > FORMAZIONE RESIDENZIALE > FORMAZIONE BLENDED

EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA > FORMAZIONE A DISTANZA > FORMAZIONE RESIDENZIALE > FORMAZIONE BLENDED E.C.M. EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA > FORMAZIONE A DISTANZA > FORMAZIONE RESIDENZIALE > FORMAZIONE BLENDED L EFEI, Ente Paritetico Bilaterale Nazionale per la Formazione, viene riconosciuto dal Ministero

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA Professioni sanitarie Infermieristiche e Prefessioni sanitaria Ostetrica afferenti alla classe SNT/1 Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA INFERMIERISTICA PEDIATRICA Chieti 243 10 L'Aquila 300 10

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

E.C.M. Facile A Distanza.. Convenzione Infermieri Attivi

E.C.M. Facile A Distanza.. Convenzione Infermieri Attivi Quando vuoi Dove vuoi F.A.D. Formazione A Distanza Se desideri acquisire i tuoi crediti, senza vincoli di giorni ed orari, scopri i vantaggi della Convenzione, Visita www.gruppofipes.it Richiedila subito!!

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci Le competenze specialistiche nei profili Il percorso formativo viene

Dettagli

Statistica Iscrizioni alle Prove di Ammissione

Statistica Iscrizioni alle Prove di Ammissione Divisione Sistemi Informativi Statistica Iscrizioni alle Prove di Ammissione Domande presentate: 28.582 Report eseguito in Data: Monday 12 October 2015 Ore: 15:14 Corsi di Studio AXX GIURISPRUDENZA/SCIENZE

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLISTRUZIONE, DELLUNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 2 luglio 2013. De nizione dei posti disponibili

Dettagli

Articolo 1 Effetti e modalità di riconoscimento dell equivalenza

Articolo 1 Effetti e modalità di riconoscimento dell equivalenza AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI RICONOSCIMENTO DELL EQUIVALENZA DEI TITOLI DEL PREGRESSO ORDINAMENTO, AI TITOLI UNIVERSITARI DELL AREA SANITARIA, di cui all art. 6, comma 3, del D.lgs

Dettagli

INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE

INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Ressort für Familie, Gesundheit und Sozialwesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici Il percorso formativo dell infermiere: dalla conoscenza alla competenza Dr. Ciro Carbone Presidente Collegio

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali.

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 21-8-2001 - N. 75 7 LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli

scaricato da www.sunhope.it Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli Attività di Interazioni con le Professioni Sanitarie a.a. 2008-2009 LAUREA IN.. SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER DIVENIRE

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Revisione n. 7 del 20 GIUGNO 2013 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - II semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori

Dettagli

MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie

MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie http://www.lumsa.it/ http://www.istitutoempateia.it/ APERTE LE ISCRIZIONI AL MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie Anno Accademico 2011-2012 UNIVERSITA` LUMSA I Edizione

Dettagli

L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali. Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009

L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali. Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009 L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009 Nei momenti di crisi, la formazione è il fulcro della ripresa. Formare significa potenziare le risorse umane

Dettagli

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico SELEZIONE PUBBLICA MEDIANTE PROVA PRATICA ATTITUDINALE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO INDETERMINATO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (Categoria B3 del C.C.N.L. Regioni -Autonomie Locali) A V

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE Testo aggiornato al 10 ottobre 2012 Decreto ministeriale 11 novembre 2011 Gazzetta Ufficiale 22 febbraio 2012, n. 44 Equiparazione dei diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi Capitolo Primo Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell operatore socio-sanitario Sommario: 1. Premessa. - 2. L ausiliario socio-sanitario specializzato e l operatore tecnico addetto

Dettagli

SICT SOCIETÀ IDROCOLONTERAPIA ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ONLUS

SICT SOCIETÀ IDROCOLONTERAPIA ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ONLUS SICT SOCIETÀ IDROCOLONTERAPIA ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ONLUS CONVEGNO NAZIONALE 2013 Milano, 2 marzo 2013 c/o IBIS HOTEL, via Zarotto n. 8 Idrocolonterapia: terapia medica o trattamento di igiene? Commento

Dettagli

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI La legge è veramente uguale per tutti? Non sembra che sia uguale quando si tratta di rispettare il ruolo istituzionale dell infermiere. Quando si deve decidere chi debba svolgere

Dettagli

L anagrafe Nazionale Firenze, Villa La Quiete - 22 marzo 2012

L anagrafe Nazionale Firenze, Villa La Quiete - 22 marzo 2012 L anagrafe Nazionale Firenze, Villa La Quiete - 22 marzo 2012 IL Co.Ge.A.P.S. Costituito nel 2003 (operativo dal 2004) ha creato l anagrafica dei Professionisti della Salute in ITALIA. La funzione ed il

Dettagli

L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica

L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica ESERCIZIO PROFESSIONALE L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica Luca Benci* CON LA PUBBLICAZIONE NELLA

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE. Progetto formativo N

Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE. Progetto formativo N Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE Sistema Qualità Certificata ISO 9001:2000 per i campi di attività elencati nel certificato RINA N. 10813/04/S Progetto formativo N REFERENTE PER LA S.C. AGGIORNAMENTO

Dettagli

L'OPERATORE SOCIO SANITARIO NELLA ORGANIZZAZIONE SANITARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE

L'OPERATORE SOCIO SANITARIO NELLA ORGANIZZAZIONE SANITARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE L'OPERATORE SOCIO SANITARIO NELLA ORGANIZZAZIONE SANITARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE L INTEGRAZIONE DELL OSS NEI PROCESSI ASSISTENZIALI E CON LE ALTRE FIGURE PROFESSIONALI In molte strutture sanitarie l OSS,

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

La Qualità nell Assistenza Medica ed Infermieristica. Ospedale Evangelico Internazionale 4 10 Giugno 2013

La Qualità nell Assistenza Medica ed Infermieristica. Ospedale Evangelico Internazionale 4 10 Giugno 2013 La Qualità nell Assistenza Medica ed Infermieristica Ospedale Evangelico Internazionale 4 10 Giugno 2013 Aspetti Etici del Miglioramento Continuo della Qualità Vittoria De Astis EVOLUZIONE di: Quadro epidemiologico

Dettagli

Gli effetti decorrono dal giorno della sottoscrizione, salvo diversa prescrizione contenuta nel contratto in esame.

Gli effetti decorrono dal giorno della sottoscrizione, salvo diversa prescrizione contenuta nel contratto in esame. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Normativo Roma, 02/02/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

IL RETTORE DECRETA ART. 1

IL RETTORE DECRETA ART. 1 IL RETTORE n. 1/11187 del 10/07/2007 VISTO lo Statuto dell Università di Pisa, emanato con DR 1196/94 e successive modifiche; VISTO il Regolamento Didattico d'ateneo emanato con DR 951/98 e successive

Dettagli

1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo

1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo Questionario n. 1 L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo OTA? A) L operatore tecnico ausiliario B) L operatore di assistenza

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: REGIONE PIEMONTE BU15 10/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2014, n. 20-7210 Approvazione Fabbisogni Formativi delle Professioni Sanitarie e dei Laureati magistrali delle Professioni

Dettagli

La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia

La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia PROFESSIONE FISIOTERAPISTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Convegno A.I.FI. FVG Palmanova 11.9.2009 La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia avv. Salvatore Spitaleri

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

Decreto Interministeriale 11 novembre 2011. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2012 n. 44

Decreto Interministeriale 11 novembre 2011. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2012 n. 44 Decreto Interministeriale 11 novembre 2011 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2012 n. 44 Equiparazione dei diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982,

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

Codice Progetto COLUM/1

Codice Progetto COLUM/1 A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 23 Luglio 2014 Legislazione socio sanitaria ed aspetti giuridici della professione

Dettagli

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 Possono iscriversi al corso operatori già in servizio presso le strutture sanitarie ospedaliere private (nonché

Dettagli

La formazione complementare dell OSS

La formazione complementare dell OSS La formazione complementare dell OSS Le nuove competenze Fermo 2012 (mv) Chi è l OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria? Non è un altro OSS Non ha un altro profilo Non è una nuova figura

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti - Ancona

Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti - Ancona INTEGRAZIONE DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NEL PROGETTO DI CURA F bi M f Fabio Mazzufero Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti - Ancona Cambiamento della formazione degli infermieri Cambiamento

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE UMANE E DELLE PROFESSIONI SANITARIE Agli Assessori alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome LL.SS. Oggetto:

Dettagli

Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM

Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM Sergio Bovenga Roma, 7 Maggio 2011 Il è l organismo nazionale deputato alla gestione delle anagrafiche nazionali e territoriali, dei crediti ECM attribuiti ai

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TABELLA "A" TABELLA "A" 1

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TABELLA A TABELLA A 1 TABELLA "A" TABELLA "A" 1 a) FACOLTÀ 1) Corsi di laurea e di diploma universitario determinati dai precedenti ordinamenti didattici GIURISPRUDENZA - Corso di laurea in Giurisprudenza SCIENZE POLITICHE

Dettagli

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA Coordinatore Infermieristico Residenza Sanitaria Riabilitativa e Attività Ambulatoriali

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A.

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A. RILEVAZIONE SETTIMANALE A.S.A. SCHEDA DI RILEVAZIONE SETTIMANALE ATTIVITA' DI STAGE C.F.P. ID Progetto Nominativo corsista Azienda ospitante Reparto Periodo dal al Denom. AUSILARIO/A SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli