Il flusso Informativo: Dati semestre 2006

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006"

Transcript

1 Il flusso Informativo: Dati semestre 2006 Bologna 24 ottobre 2006 Sistema Informativo Salute Mentale Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche e Assistenza Sanitaria nelle Carceri Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali

2 Sistema Informativo Salute Mentale Il contesto normativo di riferimento Testo approvato dalla Conferenza fra Stato, Regioni e province autonome 11 ottobre 2001 NSIS DGR del 28 giugno 2004 N.1280 Circolare regionale n. 4 del 16/02/2005

3 Sistema Informativo Salute Mentale Obiettivo della giornata Monitoraggio primo semestre 2006 Valutazione dati Supportare il processo di miglioramento

4 Sistema Informativo Salute Mentale Il nuovo flusso informativo Chi eroga Paziente Cosa si eroga Dove si eroga

5 Sistema Informativo Salute Mentale Tracciato Sezione I Anagrafica (dati anagrafici ) 1 n Sezione II Prodotto (1 record per ogni prodotto erogato) 1 0, n Sezione III Prestazione Per i Prodotti 8, 9, 10 e 11 nessuna prestazione (1 record per ogni prestazione erogata all interno del prodotto)

6 Sistema Informativo Salute Mentale Dati anagrafici Identificativo paziente: codice fiscale Caratteristiche socio-demografiche

7 Sistema Informativo Salute Mentale 1 Semestre 2006 Records inviati Aziende USL Anagrafiche Prodotti Prestazioni PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA IMOLA FERRARA RAVENNA FORLÌ CESENA RIMINI Totale inviato Incremento rispetto al 1 semestre % +27% +55% Totale caricato

8

9

10

11

12 Tipo prodotto Sistema Informativo Salute Mentale Il prodotto Struttura erogante e giornate (solo per strutture residenziali e semi) Diagnosi Modalità d accesso (se primo contatto) Data di inizio e fine erogazione Modalità di chiusura

13 Sistema Informativo Salute Mentale Tipo Prodotto 1 Primo Contatto Esclusivamente per questo prodotto viene richiesta la modalità di invio al CSM Attualmente se tipo prodotto 1 modalità di invio non è richiesta A partire dai dati 2007 errore scartante

14 Sistema Informativo Salute Mentale Tipo Prodotto TRATTAMENTI RESIDENZIALE Date di ammissione, di dimissione, codice struttura e giornate di inserimento/trattamento residenziale Obbligatorie A questi prodotti non deve essere associata alcuna prestazione Nel prodotto 8 Trattamento Residenziale Intensivo vengono inclusi anche i ricoveri effettuati in case di cura accreditate

15 331 Prodotti residenziali a cui non devono essere associate prestazioni

16 18%

17 Sistema Informativo Salute Mentale Diagnosi La valutazione diagnostica viene richiesta e riferita al momento dell apertura dei Prodotti, e non alla conclusione degli stessi. Il codice diagnostico ICD 9 CM versione 2002, è formato da cinque cifre, e deve essere scritto senza punti e senza spazi E possibile compilare il codice diagnosi a 3, 4 e 5 cifre Controlli meno restrittivi rispetto alla SDO

18 Sistema Informativo Salute Mentale STATI PSICOTICI ORGANICI SENILI E PRESENILI DEMENZA SENILE, NON COMPLICATA DEMENZA PRESENILE DEMENZA PRESENILE, NON DEMENZA PRESENILE CON DELIRIUM DEMENZA PRESENILE CON ASPETTI DELIRANTI DEMENZA PRESENILE CON ASPETTI DEPRESSIVI DEMENZA SENILE CON ASPETTI DELIRANTI O DEPRESSIVI DEMENZA SENILE CON ASPETTI DEMENZA SENILE CON ASPETTI DEPRESSIVI DEMENZA SENILE CON DELIRIUM DEMENZA ARTERIOSCLEROTICA DEMENZA ARTERIOSCLEROTICA, NON COMPLICATA DEMENZA ARTERIOSCLEROTICA CON DELIRIUM DEMENZA ARTERIOSCLEROTICA CON ASPETTI DELIRANTI DEMENZA ARTERIOSCLEROTICA CON ASPETTI DEPRESSIVI ALTRE CONDIZIONI PSICOTICHE SENILI CONDIZIONI PSICOTICHE SENILI NON

19

20

21

22 Sistema Informativo Salute Mentale La prestazione N prestazioni per ogni prodotto Tipo prestazione Luogo di erogazione Erogatore (qualifica professionale)

23

24

25

26 SALUTE MENTALE PRODOTTI E PRESTAZIONI PER AZIENDA 1 Semestre 2006 Prestazioni medie per prodotto Prestazioni medie per paziente AZIENDE USL Pazienti Prodotti Prodotti per paziente Prestazioni PIACENZA , ,1 13,5 PARMA , ,6 13,1 REGGIO EMILIA , ,0 14,1 MODENA , ,9 10,8 BOLOGNA , ,0 4,3 IMOLA , ,5 15,8 FERRARA , ,0 1,0 RAVENNA , ,8 19,2 CESENA , ,7 7,2 RIMINI , ,0 9,8 TOTALE , ,8 12,6

27 Sono esclusi i Prodotti residenziali a cui non devono essere associate prestazioni

28

29

30

31

32

33

34 Sistema Informativo Salute Mentale Tipo Prodotto 11 RICOVERO IN SPDC Data di ammissione, di dimissione, codice struttura e le giornate di ricovero Facoltative A questo prodotto non deve essere associata alcuna prestazione A partire dai dati 2007 controllo sul codice struttura errore scartante

35 Fonte SDO Day Hospital

36 Fonte SDO Day Hospital

37 Azienda Sanitaria Codice Stabilimento Reparto SPDC Denominazione Stabilimento Indirizzo SPDC 101 Piacenza Piacenza Via Teverna, 49 Piacenza 102 Parma Fidenza Via Rasori,10 Parma (Azienda Ospedaliera di Parma) 103 Reggio Emilia Guastalla Viale Risorgimento, 57 Reggio Emilia (Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia) Baggiovara Via del Pozzo Modena (Azienda Ospedaliera di Modena) 104 Modena Villa Igea -MO Via Stradella, 73 Saliceta San Giuliano Modena Largo Nigrisoli 2 Bologna Maggiore BO Via Pelagio Palagi 9 Bologna (Azienda Ospedaliera di Bologna) 105 Bologna San Giovanni in Persiceto Via Marzocchi 2 San Giovanni in Persiceto 106 Imola Imola Via Boccaccio, 1 Imola 109 Ferrara Argenta Corso Giovecca 203, Ferrara (Azienda Ospedaliera di Ferrara) 110 Ravenna Ravenna Via Randi 5 Ravenna 111 Forlì Forlì Via Forlanini, 34 Forlì 112 Cesena Cesena Viale Ghirotti, 286 Cesena 113 Rimini Rimini Via Settembrini, 2 Rimini

38 Sistema Informativo Salute Mentale Il flusso informativo Modalità d invio Un invio per Azienda nella Intranet regionale tramite FTP nel rispetto della legge 196/2003 Testo unico sulla privacy 2 Invii 1 semestre Anno completo

39 Sistema Informativo Salute Mentale Il flusso informativo Scadenze attività del 1 1 semestre entro il 31 luglio Diagnostica degli scarti entro 10 settembre Invio di nuovo di tutti i dati entro il 30 settembre attività di tutto l annol entro il 31 gennaio 2007 Diagnostica degli scarti entro 28 febbraio 2007 Invio di nuovo di tutti i dati entro 31 marzo 2007

40 Sistema Informativo Salute Mentale Diagnostica del 1 1 invio CHIAVE NON ALLINEABILE NELLE 3 SEZIONI MODALITA' D INVIO NON VALORIZZATA O INVALIDA CODICE STRUTTURA NON VALORIZZATA O INVALIDO O APERTA SUCCESSIVAMENTE NUMERO GIORNATE NON VALORIZZATO COMUNE NASCITA INVALIDO DATA NASCITA INVALIDA CODICE FISCALE ASSISTITO INVALIDO COMUNE RESIDENZA INVALIDO DIAGNOSI INVALIDA

41 Sistema Informativo Salute Mentale Gli attori del nuovo sistema informativo salute mentale Dipartimenti Salute Mentale Sistemi informativi aziendali Regione Ministero della Salute

42 Sistema Informativo Salute Tracciato Sezione I (dati anagrafici ) Mentale POS. NOME CAMPO TIPO LUN. NOTE GRADO DI OBB. 1-3 Codice dell Azienda USL AN 3 Codice dell Azienda USL OBB V 4-6 Codice distretto AN 3 Codice Distretto (vedi allegato) OBB V 7-12 Codice Struttura AN 6 Codice del CSM (codice STS 11 vedi OBB V allegato) Numero scheda AN 12 Contatore identificativo della cartella OBB V clinica univoco all interno del CSM e non deve mai ripetersi nel corso dell anno Cognome dell assistito AN 30 OBB V Nome dell assistito AN 20 OBB V Codice fiscale dell assistito AN 16 OBB V Data di nascita dell assistito AN 8 Formato: ggmmaaaa OBB V Sesso dell assistito AN 1 Valori consentiti: OBB V 1 = Maschio 2 = Femmina Comune di nascita dell assistito AN 6 Per i nati in Italia, codice ISTAT a 6 cifre: 3 OBB V per la provincia e 3 per il comune (file TCOMNOS disponibile nel sito internet Per i nati all'estero codificare: codice a 3 cifre dei Paesi esteri (file TCOMNOS). Per i comuni cessati tale campo non va valorizzato se il codice non esiste Comune di residenza AN 6 Per i residenti in Italia, codice ISTAT a 6 OBB V dell assistito cifre: 3 per la provincia e 3 per il comune (file TCOMNOS) Cittadinanza AN 3 file TCOMNOS FAC Titolo di studio AN 2 Elenco valori FAC Stato civile AN 2 Elenco valori FAC Condizione professionale AN 2 Elenco valori FAC Situazione abitativa AN 2 Elenco valori FAC Identificativo MMG AN 16 Codice fiscale MMG FAC FILLER AN 12 Impostare a spazi CODICE ERRORE

43 Sistema Informativo Salute Tracciato Sezione II Mentale (dati sanitari 1 record per ogni prodotto erogato) POS. NOME CAMPO TIPO LUN. NOTE GRADO DI OBB 1-3 Codice dell Azienda USL AN 3 Codice dell Azienda USL OBB V 4-6 Codice distretto AN 3 Codice Distretto (vedi allegato) OBB V 7-12 Codice Struttura AN 6 Codice del CSM (codice STS 11 vedi OBB V allegato) Numero scheda AN 12 Contatore identificativo della cartella OBB V clinica univoco all interno del CSM e non deve mai ripetersi nel corso dell anno Progressivo prodotto N 2 OBB V Tipo Prodotto AN 2 Elenco valori OBB V Codice struttura erogante AN 6 Se tipo prodotto=4, 5, 8, 9, 10 OBB Valorizzare Flussi Ministeriali Modello STS 11 - Tipo di assistenza S05; HSP Numero giornate o accessi del N 3 Se tipo prodotto = 4, 5, 8, 9, 10 OBB prodotto residenziale o semiresidenziale Codice diagnosi AN 5 Codifica ICD-9 CM 2002 FAC Data di inizio erogazione AN 8 Per gli episodi formalmente interrotti al 31/12 OBB V prodotto dell anno precedente corrisponde al 1 gennaio Formato: ggmmaaaa Modalità d invio AN 2 Se Tipo Prodotto = 1 OBB Valorizzare Elenco valori Data di fine erogazione prodotto AN 8 1 invio OBB Se l erogazione del prodotto non è ancora terminata impostare a spazi 2 invio Se l erogazione del prodotto non è ancora terminata impostare a 31/12 dell anno in questione Formato: ggmmaaaa Modalità di chiusura AN 2 Elenco valori OBB Se l erogazione del prodotto non è ancora terminato nel 1 invio impostare a spazi nel 2 invio impostare a FILLER AN 18 Impostare a spazi CODICE ERRORE

44 Sistema Informativo Salute Mentale Tracciato Sezione III (dati sanitari 1 record per ogni prestazione erogata all interno del prodotto) POS. NOME CAMPO TIPO LUN. NOTE GRADO DI OBB 1-3 Codice dell Azienda USL AN 3 Codice dell Azienda USL OBB V 4-6 Codice distretto AN 3 Codice Distretto (vedi allegato) OBB V 7-12 Codice Struttura AN 6 Codice del CSM (codice STS 11 vedi OBB V allegato) Numero scheda AN 12 Contatore identificativo della cartella OBB V clinica univoco all interno del CSM e non deve mai ripetersi nel corso dell anno Progressivo prodotto N 2 OBB V Progressivo prestazione N 3 OBB V Tipo prestazione AN 2 Elenco valori OBB V Luogo di erogazione AN 2 Elenco valori OBB V Operatore 1 AN 2 Elenco valori OBB V Operatore 2 AN 2 Elenco valori OBB Operatore 3 AN 2 Elenco valori OBB Operatore 4 AN 2 Elenco valori OBB FILLER AN 9 Impostare a spazi CODICE ERRORE

45 Sistema Informativo Salute Mentale Le prossime tappe Invio intero anno 2006 Supportare il processo di implementazione 2008 S.I.neuropsichiatria infantile Reportistica predefinita Reportistica dinamica Simulazione on line

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE Delibera di Giunta N.ro 2002/589 del 15/4/2002: Tariffa giornaliera a carico del servizio sanitario regionale per la remunerazione delle prestazioni di ricovero erogato e dai centri residenziali per le

Dettagli

Oggetto: Indicazioni tecniche relative alla trasmissione e ritorno informativo del flusso Assistenza Specialistica Ambulatoriale (ASA)

Oggetto: Indicazioni tecniche relative alla trasmissione e ritorno informativo del flusso Assistenza Specialistica Ambulatoriale (ASA) Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche sociali Prot. n. ASS/INS/02/ 21445 Bologna, 09/05/2002 Ai Referenti Informativi della Specialistica

Dettagli

TRACCIATO RECORD S.D.O.

TRACCIATO RECORD S.D.O. TRACCIATO RECORD S.D.O. FILE A1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI All.: 2 Posizione NOME CAMPO Tipo Lung. DESCRIZIONE Codice 1-8 Codice istituto di ricovero AN 8 Valore ammesso: V codice identificativo della struttura

Dettagli

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo 2 Report Gennaio settembre 20 a cura del Sistema Informativo 1 dicembre 20 In questo secondo report, viene fornito un aggiornamento dell attività svolta nei primi 9 mesi del 20 dai nodi della Rete delle

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE Verso l accreditamento delle cure palliative in Emilia-Romagna Antonio Brambilla Servizio assistenza territoriale Direzione

Dettagli

FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM

FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM Versione 1 /2014 - Rilevazione 2014 Gennaio 2014 INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Obiettivi del documento... 2 1.2 Definizioni... 2 2. Informazioni funzionali relative ai tracciati...

Dettagli

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Salute nelle Carceri Area Dipendenze Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle Cure Primarie L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità Esperienze regionali a confronto:

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

Flussi informativi e profili di assistenza.

Flussi informativi e profili di assistenza. Flussi informativi e profili di assistenza. Assetto Assistenziale della Gestione Integrata: 10 anni di esperienza nella Provincia di Ferrara Dario Pelizzola (Coordinamento Diabetologie Azienda Usl Ferrara)

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

Tabella A (Nuova - 3 a Revisione)

Tabella A (Nuova - 3 a Revisione) Utilizzo procedura software per la trasmissione dei dati da parte di soggetti privati in possesso di accreditamento provvisorio convenzionati con il Sistema Sanitario Regionale. Tabella A (Nuova - 3 a

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone: PROT. R.U. 2013/121812 Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. Comunicazione da parte degli operatori finanziari richiamati dall articolo 7, sesto

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE

IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE Direzione Generale della Prevenzione Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico e degli Investimenti Strutturali e Tecnologici (Sistema Informativo Sanitario) IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C

DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C SPECIFICHE DI COMPILAZIONE PER STRUTTURE PRIVATE PROVVISORIAMENTE / DEFINITIVAMENTE ACCREDITATE Pag. 1 ver 07-2015 INDICE INDICE... 2

Dettagli

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto Montecchio Precalcino, 22 marzo 2013 Francesco Avossa, Elena Schievano è una lunga storia Circolare regionale n. 67 del

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari nei pazienti post- IMA/SCA. Alleanza ospedale-territorio per la prevenzione della IMA/SCA

Prevenzione delle malattie cardiovascolari nei pazienti post- IMA/SCA. Alleanza ospedale-territorio per la prevenzione della IMA/SCA Prevenzione delle malattie cardiovascolari nei pazienti post- IMA/SCA Alleanza ospedale-territorio per la prevenzione della IMA/SCA Andrea Donatini Servizio Assistenza Distrettuale, Medicina Generale,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

L'anno 2012 il giorno del mese di in

L'anno 2012 il giorno del mese di in Allegato A alla Deliberazione n. 349 del 28/11/2012 CONVENZIONE TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE CN1 DI CUNEO ED IL COMUNE DI PER LA TRASMISSIONE DEI DATI RELATIVI AGLI ARCHIVI ANAGRAFICI L'anno 2012 il

Dettagli

I medici dovranno presentarsi muniti di valido documento di riconoscimento.

I medici dovranno presentarsi muniti di valido documento di riconoscimento. Allegato n. 1 Incarichi vacanti di continuità assistenziale presso le Aziende USL della Regione Emilia-Romagna. Art.63 dell Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

Modalità tecniche di raccolta dati per il monitoraggio delle sperimentazioni Modulo a Bassa Intensità Assistenziale BIA di cui alla DGR n. 23/2015.

Modalità tecniche di raccolta dati per il monitoraggio delle sperimentazioni Modulo a Bassa Intensità Assistenziale BIA di cui alla DGR n. 23/2015. Allegato A Modalità tecniche di raccolta dati per il monitoraggio delle sperimentazioni Modulo a Bassa Intensità Assistenziale di cui alla DGR n. 23/2015. 1 Premessa Lo svolgimento del monitoraggio dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi

FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi versione 2.3 1 FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi Ottobre 2014 1. Introduzione 1. Storia del documento Versione: Data: Sintesi variazioni: 1.0 Giugno 2012 1.1 Giugno

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

1 Report Anni 2007/2008

1 Report Anni 2007/2008 1 Report Anni 2007/2008 a cura del Sistema Informativo 25 Marzo 2009 Premessa epidemiologica Lo sviluppo e l organizzazione, nella provincia di, della Rete delle Cure Palliative, volte a garantire un assistenza

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SIDROMI CORRELATE EMILIA-ROMAGA, 1 GEAIO 2010-31 DICEMBRE 2012 Segnalazioni di MCJ el periodo 2010-2012 sono pervenute al Sevizio Sanità pubblica

Dettagli

Il sito web www.zanzaratigreonline.it

Il sito web www.zanzaratigreonline.it Il sito web www.zanzaratigreonline.it 1 Zanzara Tigre Cosa fa la Regione Cosa fanno i Cosa fanno le Aziende USL Cosa possono fare i cittadini Linee guida per gli operatori Campagna di comunicazione Esperti

Dettagli

PROGR. N. 972/2008. residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

PROGR. N. 972/2008. residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: PROGR. N. 972/2008 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno di LUNEDI' 30 (TRENTA ) del mese di GIUGNO dell' anno 2008 (DUEMILAOTTO ) si e' riunita nella residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta

Dettagli

Regione Emilia Romagna: nuove modalità per la gestione dei buoni celiachia

Regione Emilia Romagna: nuove modalità per la gestione dei buoni celiachia Regione Emilia Romagna: nuove modalità per la gestione dei buoni celiachia Febbraio 2009 Premessa La Regione Emilia Romagna a partire dal 1 gennaio 2009 ha introdotto una nuova modalità di gestione per

Dettagli

HL7 Batch Client - RFC 85, 86, 87

HL7 Batch Client - RFC 85, 86, 87 HL7 Batch Client - RFC 85, 86, 87 Versione del 27/06/2014 SIS_RT_client_RFC85_86_87_ATE_1.0.doc Pagina 1 di 13 1. Introduzione In questo documento è riportata la descrizione del formato dei file di input

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n 24-10-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 49 53 Rettifica allegato A decreto n. 1174 del 30 maggio 2008: Direttiva flussi informativi - Schede di monitoraggio Allegati Inse NSIS

Dettagli

TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI

TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI FILE F1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI I file inviati dovranno avere il nome strutturato come segue: ZZZMMAAF1.txt dove ZZZ = Zona territoriale inviante (Es. 110)

Dettagli

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA Vito Bavaro Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Pag. 1 di 11 MOBS Flussi informativi sanitari regionali Restituzione in formato CSV per i flussi SDO e C Versione 01 Torino, Novembre 2014 Pag. 2 di 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 NOMENCLATURA DEI FILES

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini 1 Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione 24 novembre 2010 Mauro Manfredini Punti di forza 2 Grande attenzione alle competenze Dettagliata e ampia

Dettagli

Familiarità per il tumore della mammella

Familiarità per il tumore della mammella Familiarità per il tumore della mammella Informazioni sul percorso di valutazione del rischio familiare o ereditario e su eventuali interventi di diagnosi e cura Familiarità Per il tumore Della mammella:

Dettagli

LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C

LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C Il debito informativo verso la Regione ha cadenza mensile e riguarda sia le strutture pubbliche che private accreditate,

Dettagli

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7 Pag. 1/7 REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE DI TRASPORTO AGLI UTENTI CHE NECESSITANO DI TRATTAMENTI DI RADIOTERAPIA FINALIZZATI ALLA CURA DELLE PATOLOGIE Data di applicazione 01/07/2014 Redazione Verifica Data

Dettagli

Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS)

Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS) Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS) A cura dell Osservatorio epidemiologico provinciale Versione: ottobre 2011 (aggiornata il 14.03.2016) (Delibera della G.P. n. 1626

Dettagli

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia REGISTRI TUMORI Cosa sono? I Registri tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio. Sono necessari perché in nessuna struttura

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA N. 2011/185905 Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - il D.lgs. 30.06.2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) prevede agli artt. 18 e 19 la possibilità del trattamento dei dati personali da parte

Dettagli

FONDO PENSIONE PREVAER PROTOCOLLI COMUNICAZIONE

FONDO PENSIONE PREVAER PROTOCOLLI COMUNICAZIONE FONDO PENSIONE PREVAER PROTOCOLLI COMUNICAZIONE Versione del 01/11/2012 STRUTTURA DEL FILE Il file Excel è costituito da un elenco sequenziale di righe ciascuna delle quali è identificata attraverso un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

CENTRI DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IN EMILIA-ROMAGNA

CENTRI DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IN EMILIA-ROMAGNA CENTRI DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento del 02/07/2014 1) DATI ANAGRAFICI DATI ANAGRAFICI Centro per la Diagnosi e la Terapia della Sterilità Involontaria di

Dettagli

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015)

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015) MANUALE UTENTE contenente le specifiche tecniche necessarie per la trasmissione delle negoziazioni dei cambiavalute art. 5, comma 1, della circolare n. 24/15 (Aggiornamento 08 ottobre 2015) OAM Organismo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DENOMINAZIONE NUMERO (identifica il modulo) DESCRIZIONE Certificazione Medica di Malattia Professionale Mod. 5 SS Certificato medico (primo, continuativo, definitivo, riammissione

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Pagina 1 di 10 DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Sommario...1 1.Scopo/Obiettivo... 2 1.1.Scopo...2 1.2.Obiettivo...2 2.Campo di applicazione...2 3.Modifiche alle revisioni precedenti...2 4.Definizioni...

Dettagli

Certificati di Malattia DM 18/04/2012 Web Application Certificati di Malattia e Certificati in sede di dimissione da Ricovero Indicazioni operative

Certificati di Malattia DM 18/04/2012 Web Application Certificati di Malattia e Certificati in sede di dimissione da Ricovero Indicazioni operative Certificati di Malattia DM 18/04/2012 Web Application Certificati di Malattia e Certificati in sede di dimissione da Ricovero Indicazioni operative Febbraio 2014 Scopo A seguito di quanto previsto dal

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Allineamento nuovi requisiti. Il Villino Via Davalli 5 Salsomaggiore Terme PR

Allineamento nuovi requisiti. Il Villino Via Davalli 5 Salsomaggiore Terme PR Programmazione del percorso di allineamento delle Residenze sanitarie psichiatriche già accreditate, gestite da enti non profit, ai nuovi requisiti e tariffe (DGR n. 1830/2013 e DGR n. 1831/2013) e domande

Dettagli

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica ALLEGATO A. Scheda nosologica Il flusso attiene alla scheda di dimissione degli Istituti di ricovero prevista dal D.M. Sanità 8..99, che istituisce la scheda di dimissione ospedaliera; dai D.M. sanità

Dettagli

CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE

CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE Mod. 5 SS CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE PRIMO CONTINUATIVO DEFINITIVO RIAMMISSIONE IN TEMPORANEA Cognome Nome Sesso MF Nato a (Comune) Residente a (Comune) CAP Nazionalità Codice ISTAT

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 I Servizi per la salute mentale sono costituiti in Dipartimento:

Dettagli

Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali. Nome. Luca Arcangeli. Indirizzo. Telefono. E-mail. Nazionalità.

Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali. Nome. Luca Arcangeli. Indirizzo. Telefono. E-mail. Nazionalità. Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Luca Arcangeli Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita Stato civile Milite Esperienze lavorative 1 Novembre 2009 ad oggi

Dettagli

I Progetti Regionali sulla fragilità

I Progetti Regionali sulla fragilità I Progetti Regionali sulla fragilità Dr. Antonio Brambilla Dr. Oreste Capelli Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Il Sostegno alla Fragilità e la Prevenzione della Non Autosufficienza,

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI TRACCIATO RECORD E 1 INDICE INDICE... 2 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Osservatorio delle Cure Primarie come strumento di valutazione della qualità dell assistenza primaria

Osservatorio delle Cure Primarie come strumento di valutazione della qualità dell assistenza primaria Osservatorio delle Cure Primarie come strumento di valutazione della qualità dell assistenza primaria Longo F, Compagni A, Armeni P, Donatini A, Brambilla A Si ringraziano Stefano Sforza, Antonella Sidoli,

Dettagli

Sistema informativo e programmazione sanitaria

Sistema informativo e programmazione sanitaria 1^ Conferenza Regionale sulla Salute Mentale Verona, 9-109 maggio 2008 Sistema informativo e programmazione sanitaria Paolo Spolaore Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Dott. Francesco Laurelli Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Unità Organizzativa

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Diabete tipo 1 e 2. Malattie diverse con lo stesso nome: P i a z z a d e l M u n i c i p i o F e r r a r a 1 1 g i u g n o 2 0 1 1.

Diabete tipo 1 e 2. Malattie diverse con lo stesso nome: P i a z z a d e l M u n i c i p i o F e r r a r a 1 1 g i u g n o 2 0 1 1. S a l a E s t e n s e P i a z z a d e l M u n i c i p i o F e r r a r a 1 1 g i u g n o 2 0 1 1 Malattie diverse con lo stesso nome: patrocini Ideatrice del progetto: Federazione Diabete e.r. presentazione

Dettagli

Nota informativa Percorso dell utente in un'unica soluzione per importi uguali o inferiori al valore del buono.

Nota informativa Percorso dell utente in un'unica soluzione per importi uguali o inferiori al valore del buono. Nota informativa I distributori che intendono aderire al servizio di distribuzione di alimenti privi di glutine per cittadini affetti da celiachia devono sottoscrivere un accordo con l azienda USL territorialmente

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

n. 42 del 10.03.2010 periodico (Parte Terza)

n. 42 del 10.03.2010 periodico (Parte Terza) Page 1 of 8 Bollettino Ufficiale - Inserzioni BURERT on-line Ufficio Relazioni con il Pubblico, Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna, numero verde 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2010/ 174173 Modifiche ed integrazioni tecniche alle modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto

Dettagli

Manuale Operativo per i responsabili ASL

Manuale Operativo per i responsabili ASL Manuale Operativo per i responsabili ASL Versione 1.0 [8 novembre 2010] INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Accesso al sistema pag. 3 2.1. Operatori abilitati...pag. 3 2.2. Primo accesso... pag. 3 2.3. Livelli

Dettagli

ALL. TRACCIATO TABELLA A ( dati anagrafici del paziente)

ALL. TRACCIATO TABELLA A ( dati anagrafici del paziente) ALL. TRACCIATO TABELLA A ( dati anagrafici del paziente) N CAMPO NOME CAMPO POSIZ. TIPO LUN GRADO DI OBB CONTROLLI LOGICO FORMALI CODICE ERRORE 1.1 Codice Azienda 001-003 AN 3 OBB V 900 800 2.1 Codice

Dettagli

Linee guida per la gestione della Scheda di Dimissione Ospedaliera (S.D.O.) Osservatorio Epidemiologico

Linee guida per la gestione della Scheda di Dimissione Ospedaliera (S.D.O.) Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Linee guida per la gestione della Scheda di Dimissione Ospedaliera (S.D.O.) Terza versione Giugno 2010 (aggiornamento al 01.01.2014) A cura dell Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1422/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno mercoledì 23 del mese di luglio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Requisiti: Le informazioni riportate all interno dei file di tipo testo devono seguire fedelmente i tracciati record allegati alla presente;

Requisiti: Le informazioni riportate all interno dei file di tipo testo devono seguire fedelmente i tracciati record allegati alla presente; Allegato 1bis REQUISITI GENERALI PER LA GENERAZIONE DEI FILE PER LO SCAMBIO DATI ISTITUTO CASSIERE SCUOLA Nel presente documento sono riportati i requisiti indispensabili per la corretta predisposizione

Dettagli

"Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie

Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie 19 giugno 2015 Milano, Auditorium Testori, Palazzo Lombardia "Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie Enrico Zanalda Direttore Dipartimento Funzionale Salute

Dettagli

Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) Osservatorio Epidemiologico

Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) 2. - Gennaio 204 A cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale Linee guida per la

Dettagli

Agenzia Intercent-ER

Agenzia Intercent-ER Agenzia Intercent-ER GARA PER L ACQUISIZIONE DI UNA PIATTAFORMA APPLICATIVA SOFTWARE IN LICENZA D USO E DI SERVIZI CORRELATI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA UNITARIO PER LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLE

Dettagli

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA INAIL SPSAL SDO ALTRE: BANCHE DATI REPARTI OSPEDALIERI MMG PROCURA DELLA REPUBBLICA BANCA DATI

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Azienda USL di Bologna Azienda USL di Imola Azienda USL di Ferrara AOSPU di Bologna

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Verifica coerenza ICD 10 vs Dipendenza Patologica 12011 a cura di Guya Barducci Alessandro Mariani

Dettagli

intranet.ruparpiemonte.it

intranet.ruparpiemonte.it ruparpiemonte BARTS FTP - Rupar Manuale d'uso intranet.ruparpiemonte.it SOMMARIO INQUADRAMENTO GENERALE...3 ACRONIMI - GLOSSARIO...3 REQUISITI PER L USO DELL APPLICATIVO...3 CARATTERISTICHE MINIME...3

Dettagli