RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE"

Transcript

1 RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE Marco Bongiovanni 1

2 FONTI NORMATIVE Art sexies C Civile Art. 164 D.Lgs. 58/98 Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Art Codice Civile Marco Bongiovanni 2

3 ART sexies CODICE CIVILE (I comma) I SOGGETTI INCARICATI DEL CONTROLLO CONTABILE SONO SOTTOPOSTI ALLE DISPOSIZIONI DELL ARTICOLO 2407 E SONO RESPONSABILI NEI CONFRONTI DELLA SOCIETA, DEI SOCI E DEI TERZI PER I DANNI DERIVANTI DALL INADEMPIMENTO DEI LORO DOVERI" Marco Bongiovanni 3

4 ART. 164 D.Lgs. 58/98 "ALLE SOCIETA' DEI REVISIONE SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI DELL'ARTICOLO 2407 DEL CODICE CIVILE." Marco Bongiovanni 4

5 ART CODICE CIVILE Comma 1 I SINDACI DEVONO ADEMPIERE I LORO DOVERI CON LA PROFESSIONALITA E LA DILIGENZA RICHIESTE DALLA NATURA DELL INCARICO; SONO RESPONSABILI DELLA VERITA DELLE LORO ATTESTAZIONI E DEVONO CONSERVARE IL SEGRETO SUI FATTI E SUI DOCUMENTI DI CUI HANNO CONOSCENZA PER RAGIONE DEL LORO UFFICIO. Marco Bongiovanni 5

6 Art (I comma) C. C. AL PARI DEI SINDACI, I SOGGETTI INCARICATI DEL CONTROLLO CONTABILE, LE SOCIETA' DI REVISIONE (D.Lgs 58/98): DEVONO ADEMPIERE AI PROPRI DOVERI CON LA LA PROFESSIONALITA E LA DILIGENZA RICHIESTE DALLA NATURA DELL INCARICO; SONO RESPONSABILI DELLA VERITA' DELLE LORO ATTESTAZIONI; SONO OBBLIGATI A CONSERVARE IL SEGRETO SUI FATTI E SUI DOCUMENTI DI CUI HANNO AVUTO CONOSCENZA PER RAGIONE DEL LORO UFFICIO Marco Bongiovanni 6

7 Art sexies (I comma) C. C. e Art. 164 (II comma) D. Lgs. 58/98 RESPONSABILITA': CONTRATTUALE (NEI CONFRONTI DELLA SOCIETA' SOGGETTA A REVISIONE) EXTRACONTRATTUALE (NEI CONFRONTI DEI TERZI DANNEGGIATI) Marco Bongiovanni 7

8 CONTRATTUALE CONNESSA AL CONTRATTO STIPULATO TRA SOCIETA' REVISIONATA E REVISORE (MANDATO) (ART sexies C. C. - ART. 164 D.Lgs. 58/98). EXTRACONTRATTUALE SUSSISTENZA DI UNA CONCORRENTE RESPONSABILITA' AQUILIANA DEL REVISORE NEI CONFRONTI DEI TERZI ( ART sexies C. C. - ART. 164 D.Lgs. 58/98 - ART C.C.). Marco Bongiovanni 8

9 LA RESPONSABILITA' EXTRACONTRATTUALE E' ESPLICITAMENTE PREVISTA DALLE DISPOSIZIONI DI LEGGE (ART sexies C. C. - ART. 164 D.Lgs. 58/98) DERIVA DAL PRINCIPIO GENERALE "NEMINEM LAEDERE" (ART C.C.) Marco Bongiovanni 9

10 LA RESPONSABILITA' SOLIDALE E' ESPLICITAMENTE PREVISTA DALLE DISPOSIZIONI DI LEGGE: PER LA SOCIETA' DI REVISIONE ED ESTESA AI SINGOLI CHE HANNO EFFETTUATO IL CONTROLLO CONTABILE (ART sexies C. C.); PER LA SOCIETA' DI REVISIONE, I RESPONSABILI DELLA REVISIONE E I DIPENDENTI CHE HANNO EFFETTUATO L ATTIVITA DI REVISIONE (ART. 164 D.Lgs. 58/98). Marco Bongiovanni 10

11 LA RESPONSABILITA' SOLIDALE TRATTASI DI NORMA DI CARATTERE ECCEZIONALE IN QUANTO LA DISCIPLINA COMUNE NON PREVEDE L'ESTENSIONE DELLA RESPONSABILITA' A CARICO DEGLI AUSILIARI PER QUANTO SOPRA SI RITIENE CHE DETTA ESTENSIONE NON OPERI NEI CASI DI REVISIONE VOLONTARIA IN QUESTI CASI SI APPLICHERA' IL PRINCIPIO GENERALE DEGLI ARTT E 1228 CODICE CIVILE (RESPONSABILITA' SOLIDALE DEI PADRONI E DEI COMMITTENTI CON QUELLA DEI PREPOSTI E DEGLI AUSILIARI) Marco Bongiovanni 11

12 RESPONSABILITA' SOLIDALE CON GLI AMMINISTRATORI NON SI DEDUCE DAL DISPOSTO DELL'ART COMMA C.C. MA DALLA REGOLA GENERALE DI CUI ALL'ART C.C. SUSSISTE TUTTE LE VOLTE IN CUI IL REVISORE NON SI SIA ADOPERATO PER EVITARE IL DANNO. IL REVISORE NON PUO' ESSERE RESPONSABILE DEI DANNI DERIVANTI DALLA MALA GESTIO DEGLI AMMINISTRATORI CHE IL REVISORE PUR COMPORTANDOSI DILIGENTEMENTE NON HA POTUTO EVITARE. Marco Bongiovanni 12

13 RESPONSABILITA' DEL REVISORE PER ATTESTAZIONI NON VERITIERE OMESSA EVIDENZA DI IRREGOLARITA', DIFFORMITA' O ALTRE ILLEGITTIMITA' PUR EVIDENZIANDO LE ILLEGITTIMITA' LE PRESENTA IN MODO SVISATO O IN MODO TALE DA NON DARE UNA RAPPRESENTAZIONE FEDELE DEI CONTROLLI EFFETTUATI E DEI LORO RISULTATI. IL REVISORE, PUR AVENDO DILIGENTEMENTE OPERATO, PUO' INCORRERE IN RESPONSABILITA' QUANDO LE SUE ATTESTAZIONI NON SONO VERITIERE RISPETTO AI RISULTATI DELLA SUA ATTIVITA'. Marco Bongiovanni 13

14 RESPONSABILITA' CONTRATTUALE E' CONNESSA A: DOLO COLPA GRAVE COLPA MEDIA O LIEVE TRATTANDOSI DI ATTIVITA PER LA QUALE E PREVISTA UNA ELEVATA QUALIFICA PROFESSIONALE DEL REVISORE E, NEL CASO DI REVISIONE EX ART. 155 D.Lgs. 58/98, UNA ADEGUATA ORGANIZZAZIONE Marco Bongiovanni 14

15 DATO IL PARTICOLARE GRADO DI DILIGENZA IL REVISORE E' CHIAMATO A RISPONDERE NON SOLO PER DOLO O COLPA GRAVE MA ANCHE PER COLPA SEMPLICE (MEDIA E LIEVE) (vedi Tribunale di Milano 18 Giugno 1994) NON E' APPLICABILE L'ART CODICE CIVILE. Marco Bongiovanni 15

16 LA DILIGENZA DEL REVISORE REVISORE Art sexies C. C. RINVIO AI DOVERI Art. 164 D.Lgs. 58/98 DEL SINDACO SINDACO Art C. C. PROFESSIONALITA E DILIGENZA ATTIVITA' Art C. C. DILIGENZA CON RIGUARDO ALLA NATURA DELLA ATTIVITA' Marco Bongiovanni 16

17 OBBLIGAZIONE DEL REVISORE CONTABILE E' UNA OBBLIGAZIONE DI MEZZI, MEGLIO, DI COMPORTAMENTI E NON DI RISULTATO, PERTANTO, IL GRADO DI DILIGENZA UTILIZZATO DAL REVISORE NELL'ESERCIZIO DELLA PROPRIA ATTIVITA' RAPPRESENTA LA MISURA PER DETERMINARE L'EFFETTIVO ADEMPIMENTO LA DILIGENZA DEVE ESSERE QUELLA DELL'AVVEDUTO REVISORE CONTABILE ESTERNO INDIPENDENTE Marco Bongiovanni 17

18 ELEMENTI CHE DEVE CURARE IL BUON (AVVEDUTO, DILIGENTE) REVISORE 1. LA PIANIFICAZIONE 2. LA PROGRAMMAZIONE 3. L'ESECUZIONE Marco Bongiovanni 18

19 I PRINCIPI DI REVISIONE DOTTORI COMMERCIALISTI E RAGIONIERI a. La revisione deve essere adeguatamente pianificata; b. il revisore deve effettuare un adeguato studio e valutazione del sistema di controllo interno dell'azienda; c. la revisione deve essere programmata in base all'affidamento del sistema di controllo interno, stabilendo di conseguenza la natura e l'estensione delle procedure di revisione da seguire; d. il revisore deve ottenere elementi probativi validi e sufficienti a supporto del giudizio sul bilancio; e. l'utilizzo delle tecniche campionarie deve essere effettuato in modo da assicurare che i campioni prescelti siano rappresentativi. Marco Bongiovanni 19

20 I PRINCIPI DI REVISIONE DOTTORI COMMERCIALISTI E RAGIONIERI NORME ETICO PROFESSIONALI 1. COMPETENZA PROFESSIONALE 2. COSTANTE AGGIORNAMENTO 3. DILIGENZA PROFESSIONALE 4. INDIPENDENZA (FORMALE E SOSTANZIALE) 5. SEGRETO PROFESSIONALE Marco Bongiovanni 20

21 I PRINCIPI DI REVISIONE COME PARAMETRO DI MISURAZIONE DELLA DILIGENZA DEL REVISIORE Marco Bongiovanni 21

22 I PRINCIPI DI REVISIONE COSTITUISCONO * LIMITE MINIMO * INTEGRAZIONE DELLE NORME DI LEGGE * LIMITAZIONE DELLA LIBERTA' * NON SUFFICIENTI AD ESCLUDERE LA RESPONSABILITA' Marco Bongiovanni 22

23 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI FONTI NORMATIVE ART CODICE CIVILE ARTT. 175, 176, 177, 178 E 179 D. Lgs. 58/98 TITOLO XI LIBRO QUINTO CODICE CIVILE TITOLO VI LEGGE FALLIMENTARE Marco Bongiovanni 23

24 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI GENERALITA E' IMPUTABILE AI REVISORI, ALLE SOCIETA DI REVISIONE, AGLI AMMINISTRATORI ED ANCHE AI DIPENDENTI. E' IMPUTABILE AI TERZI ESTRANEI CHE ABBIANO CONTRIBUITO AL VERIFICARSI DEL REATO. SONO QUINDI APPLICABILI LE NORME DI CUI AGLI ARTT. 110 E SEGUENTI DEL CODICE PENALE. Marco Bongiovanni 24

25 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI GENERALITA' (segue) CONFERMA DEL "RILIEVO PUBBLICO" DELL'ATTIVITA' DEL REVISORE CONTABILE INDIPENDENTEMENTE DALLA NATURA ESSENZIALMENTE PRIVATA NORME PENALI PREDISPOSTE A TUTELA DEGLI INTERESSI DI: - SOCIETA' SOTTOPOSTA A REVISIONE - SOCI (UTI SINGULI) - TERZI IN RAPPORTO CON LA SOCIETA' - PATRIMONIO DELLA COLLETTIVITA' Marco Bongiovanni 25

26 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI GENERALITA' (segue) I REATI PREVISTI SONO: FALSITA' NELLE RELAZIONI O COMUNICAZIONI (ART. 175 D.Lgs.. 58/98) UTILIZZAZIONE E DIVULGAZIONE DI NOTIZIE RISERVATE (ART. 176 D.lgs. 58/98) PRESTITI E GARANZIE DELLA SOCIETA' (ART.( 177 D.Lgs.. 58/98) COMPENSI ILLEGALI (ART.( 178 D.Lgs.. 58/98) Marco Bongiovanni 26

27 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI FALSITA' NEL GIUDIZIO SUL BILANCIO TRATTASI DI REATO PROPRIO I CUI SOGGETTI ATTIVI SONO IL REVISORE SINGOLO, LA SOCIETA DI REVISIONE E GLI AMMINISTRATORI DELLA SOCIETA' DI REVISIONE. IL REATO SI CONSUMA QUANDO NELLA RELAZIONE IL O I FIRMATARI DELLA STESSA: ATTESTANO, CONTRO IL VERO, CHE I FATTI DI GESTIONE SONO ESATTAMENTE RILEVATI NELLE SCRITTURE CONTABILI; Marco Bongiovanni 27

28 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI FALSITA' NEL GIUDIZIO SUL BILANCIO (segue) DICHIARANO FALSAMENTE CHE IL BILANCIO CORRISPONDE ALLE RISULTANZE DI TALI SCRITTURE E DEGLI ACCERTAMENTI ESEGUITI; ASSERISCONO MENDACEMENTE CHE IL BILANCIO E' CONFORME ALLE NORME CHE DISCIPLINANO IL BILANCIO D'ESERCIZIO. SONO DELITTI PUNIBILI ANCHE D'UFFICIO Marco Bongiovanni 28

29 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI FALSITA' NEL GIUDIZIO SUL BILANCIO (segue) IL GIUDIZIO SUL BILANCIO VA INTESO NON TANTO UNA GARANZIA QUALIFICATA DELLA PRECISIONE DEI DATI, QUANTO UNA ATTESTAZIONE DI REGOLARITA' DEL CONTENUTO DEL BILANCIO SOTTO IL PROFILO DELLA LEGALITA' DEI CRITERI DI VALUTAZIONE E DELLA CORRISPONDENZA AI FATTI AZIENDALI. Marco Bongiovanni 29

30 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI LA FALSITA' IN RELAZIONI, COMUNICAZIONI O DICHIARAZIONI OLTRE ALLE EVENTUALI RELAZIONI O COMUNICAZIONI CONNESSE ALL'ATTIVITA' DI REVISIONE CONTABILE MA DIVERSE DAL GIUDIZIO SUL BILANCIO, PUO' RIGUARDARE: FORMULAZIONE DEL PARERE DI CONGRUITA' ART. 158 comma 1 E 2 D. Lgs. 58/98 CONTROLLO STIME DEI CONFERIMENTI IN NATURA ART. 158 comma 3 E 5 D. Lgs. 58/98 RELAZIONE DEGLI ESPERTI SULLA CONGRUITA' DEL RAPPORTO DI CAMBIO PER FUSIONI O SCISSIONI DI SOCIETA' QUOTATE ARTT sexies e 2506 ter, comma 3 C. C. Marco Bongiovanni 30

31 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI DIVULGAZIONE DI NOTIZIE RISERVATE I COMPORTAMENTI DELITTUOSI SONO: UTILIZZO A PROFITTO PROPRIO O ALTRUI DI NOTIZIE RELATIVE ALLA SOCIETA' SOGGETTA A REVISIONE COMUNICAZIONE SENZA GIUSTIFICATO MOTIVO DI NOTIZIE RELATIVE ALLA SOCIETA' SOGGETTA A REVISIONE Marco Bongiovanni 31

32 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI DIVULGAZIONE DI NOTIZIE RISERVATE (segue) NON E' PUNIBILE LA DIFFUSIONE DI NOTIZIE IN OTTEMPERANZA AD UN DOVERE PROFESSIONALE O A RICHIESTA DELL'AUTORITA' GIUDIZIARIA L'AUTORIZZAZIONE, O IL CONSENSO, DELLA SOCIETA' REVISIONATA ELIMINA OGNI RILEVANZA PENALE IL DELITTO E' PUNIBILE SOLO SU QUERELA DI PARTE Marco Bongiovanni 32

33 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI PRESTITI E GARANZIE DELLA SOCIETA' E COMPENSI ILLEGALI DIVIETO PER AMMINISTRATORI E DIPENDENTI, DELLA SOCIETA' DI REVISIONE DI CONTRARRE PRESTITI CON LA SOCIETA' ASSOGGETTATA A REVISIONE DIVIETO PER GLI STESSI SOGGETTI DI FARSI PRESTARE GARANZIE PER DEBITI PROPRI DA PARTE DELLA SOCIETA' ASSOGGETTATA A REVISIONE Marco Bongiovanni 33

34 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI PRESTITI E GARANZIE DELLA SOCIETA' E COMPENSI ILLEGALI (segue) DIVIETO, SEMPRE PER GLI STESSI SOGGETTI, DI PERCEPIRE INDEBITI COMPENSI E' PREVISTO IL CONCORSO IN REATO I REATI IN ESAME SONO PUNIBILI D'UFFICIO NORMA A SALVAGUARDIA DELL'INDIPENDENZA DEL REVISORE CONTABILE Marco Bongiovanni 34

35 LA RESPONSABILITA' PENALE DEI SOGGETTI AGGRAVANTI PER I FATTI CONTEMPLATI AGLI ARTT. 175, 176, 177 E 178 D.Lgs. 58/98 E' PREVISTA UNA AGGRAVANTE QUANDO ALLA SOCIETA' REVISIONATA DERIVI UN DANNO DI GRAVITA' RILEVANTE. UN DANNO, CIOE', IMMEDIATO, DIRETTO EFFETTIVO E TALE DA PROCURARE UN PREGIUDIZIO NOTEVOLE Marco Bongiovanni 35

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata «LE SOCIETA DI GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI: lo stato dell arte, gli affidamenti, le responsabilità per gli organi di amministrazione e controllo» Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore marzo 2013 1. Norme etiche I principi di revisione internazionali prevedono che i professionisti contabili osservino le norme etiche stabilite

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Relazione dell Organo di controllo

Relazione dell Organo di controllo FONDAZIONE REGGIO CHILDREN CENTRO LORIS MALAGUZZI Sede Legale: VIA BLIGNY 1/a - REGGIO NELL'EMILIA (RE) Iscritta al Registro Imprese di: REGGIO NELL'EMILIA C.F. e numero iscrizione: 00763100351 Iscritta

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI corrado sanvito Il tema della responsabilità del professionista in quanto pertiene un contratto di prestazione d opera intellettuale trova

Dettagli

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI 1 responsabilità e diligenza del dipendente il lavoratore dipendente può incorrere in: responsabilità

Dettagli

PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA. a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC

PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA. a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC Deontologia e etica La professione di dottore

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

L attestazione del professionista case history

L attestazione del professionista case history L attestazione del professionista case history Genova, 16 maggio 2013 Dott. Marcello Pollio Senior Partner Pollio & Associati 1 LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE i nuovi strumenti del nuovo diritto concorsuale

Dettagli

RESPONSABILITA ED ASPETTI LEGALI DELL ATTIVITA DEL PROGETTISTA, DEL DIRETTORE DEI LAVORI E DEL CERTIFICATORE ENERGETICO

RESPONSABILITA ED ASPETTI LEGALI DELL ATTIVITA DEL PROGETTISTA, DEL DIRETTORE DEI LAVORI E DEL CERTIFICATORE ENERGETICO RESPONSABILITA ED ASPETTI LEGALI DELL ATTIVITA DEL PROGETTISTA, DEL DIRETTORE DEI LAVORI E DEL CERTIFICATORE ENERGETICO IL PROGETTISTA E UN PRESTATORE D OPERA INTELLETTUALE E SVOLGE UN ATTIVITA DISCIPLINATA

Dettagli

Condizioni generali di locazione

Condizioni generali di locazione Condizioni generali di locazione 1. Validità delle condizioni 1.1 Ogni contratto è stipulato esclusivamente secondo le nostre condizioni generali, commerciali e di locazione (illustrate di seguito), valide

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L ATTIVITÀ DI REVISIONE LEGALE E VIGILANZA DEL COLLEGIO SINDACALE IN SITUAZIONE DI CRISI D IMPRESA La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

Codice di Comportamento

Codice di Comportamento Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 3 maggio 2005 e successivamente modificato con deliberazione n. 12 del 2 marzo 2009 Indice Premessa 1 Codice Etico 2 Regolamento gare

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE

RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE ALLEGATO 1 RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE Spett.le PROVINCIA DI LECCO P.zza L. Lombarda, 4 23900- LECCO OGGETTO: AVVISO ESPLORATIVO PER LA SELEZIONE DI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE

AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE Art. 1 Normativa di riferimento 1. L Autorità d ambito ha autonomia patrimoniale, finanziaria ed economica, per le operazioni connesse alle proprie

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

LAVORATORI AUTONOMI Attività in cantiere

LAVORATORI AUTONOMI Attività in cantiere LAVORATORI AUTONOMI Attività in cantiere Tratto dal Documento predisposto dal Gruppo Interregionale Edilizia e licenziato dal Comitato Interregionale PISLL nella seduta del 29 novembre 2011 11 maggio 2012

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

Il/I sottoscritto/i nato/i il a in qualità di dell Impresa con sede in codice fiscale n. e partita Iva n. CHIEDE/CHIEDONO

Il/I sottoscritto/i nato/i il a in qualità di dell Impresa con sede in codice fiscale n. e partita Iva n. CHIEDE/CHIEDONO ALLEGATO N. 1 MODELLO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Spett.le R.F.I. Spa S.O Legale Venezia Via Trento, 38 30171 MESTRE VE - ITALIA OGGETTO DELL APPALTO: Lavori per la soppressione del PL al km 48+343 della

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR 445/2000 (Nel caso di concorrenti costituiti da imprese associate temporaneamente o consorziate in Consorzio Ordinario - o da associarsi

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Garante per la protezione dei dati personali AUTORIZZAZIONE 13 dicembre 2012 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti. (Autorizzazione n. 4/2012). (GU n.3 del

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Modificato con deliberazione C.C. n. 92 del 10.09.2015 I N D I C E

Modificato con deliberazione C.C. n. 92 del 10.09.2015 I N D I C E Regolamento per la pubblicità e la trasparenza dello stato patrimoniale dei titolari di incarichi politici e per la disciplina del procedimento sanzionatorio per la applicazione delle sanzioni specifiche

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA MODULO A PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA (da presentare, in carta libera, da parte delle Società singole, Consorzi e Consorziate,

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento LE RESPONSABILITA IN CAPO AL RUP Reggio Emilia Mercoledì 12 Dicembre 2007 Matteo Biraschi COMPITI

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

AL COMUNE DI VILLAMAR DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

AL COMUNE DI VILLAMAR DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE AL COMUNE DI VILLAMAR Allegato 1 DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE OGGETTO: ALLESTIMENTO DI STRUTTURE COLLEGATE AL SITO DI INTERESSE ETNOANTROPOLOGICO DELL ORTO DELLE NORIE - STUDIO STORICO

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILI E PENALI DEL COMMERCIALISTA, DELL AMMINISTRATORE, DEI SINDACI E DEL REVISORE

RESPONSABILITÀ CIVILI E PENALI DEL COMMERCIALISTA, DELL AMMINISTRATORE, DEI SINDACI E DEL REVISORE CHECKPOINT RESPONSABILITÀ CIVILI E PENALI DEL COMMERCIALISTA, DELL AMMINISTRATORE, DEI SINDACI E DEL REVISORE MONZA Sale convegni ODCEC MB Via Laurio, 15 ORARIO 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Giovedì Venerdì

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro 1 QUESITO Si chiede se un dirigente medico con incarico libero professionale sia pienamente autonomo nello svolgimento delle proprie mansioni nell ambito dell unità operativa di afferenza. Si chiede, inoltre,

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (ex artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000)

COMUNE DI SCIACCA. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (ex artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000) Modello / Capo 3, lett. A) disciplinare di gara COMUNE DI SCIACCA lavori di completamento dell'edificio esterno esistente, sistemazione esterna e allaccio fognario della piscina comunale di Sciacca ai

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali

La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali CSM 21 GENNAIO 2010 La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali A CURA DI FRANCESCA FIECCONI 1 i controlli nelle spa (nel sistema tradizionale) I controlli

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE RAPPORTO DI LAVORO 1 Il rapporto individuo azienda si basa su un contratto per lo scambio di una prestazione di lavoro a fronte di un corrispettivo economico retribuzione

Dettagli

PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE e SANIFICAZIONE (LEGGE 25 gennaio 1994 n. 82)

PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE e SANIFICAZIONE (LEGGE 25 gennaio 1994 n. 82) Il presente modello va trattato esclusivamente con modalità informatiche e compilato negli appositi campi modulo. Terminata la compilazione, il file dovrà essere convertito nel formato standard per la

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I LAVORATORI ADDETTI AL SETTORE ELETTRICO 18 FEBBRAIO 2013

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I LAVORATORI ADDETTI AL SETTORE ELETTRICO 18 FEBBRAIO 2013 - Art. 24 - DOVERI DEL LAVORATORE 1. Il lavoratore deve tenere un contegno rispondente ai doveri inerenti allo svolgimento delle mansioni affidategli e, in particolare: a) rispettare l orario di lavoro

Dettagli

Allegato 1a DICHIARAZIONE DA RENDERE (Ai sensi dell art. 38, comma 1, lettere b) c) e m-ter del D. Lgs. 163/2006 e s.m. ed i.)

Allegato 1a DICHIARAZIONE DA RENDERE (Ai sensi dell art. 38, comma 1, lettere b) c) e m-ter del D. Lgs. 163/2006 e s.m. ed i.) DA PARTE DI: Allegato 1a DICHIARAZIONE DA RENDERE (Ai sensi dell art. 38, comma 1, lettere b) c) e m-ter del D. Lgs. 163/2006 e s.m. ed i.) dal direttore tecnico, in caso di imprese individuali, ove diverso

Dettagli

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012 VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE Centro Servizi per il Volontariato Palermo Il giorno 10 del mese di aprile dell'anno 2013 alle ore 15,30 presso la sede del Centro Servizi per il Volontariato Palermo si

Dettagli

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività)

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività) Regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari (adottato con dalla Consob con delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007) PARTE IV ATTIVITA

Dettagli

Il sottoscritto residente nel Comune di. Provincia Via/Piazza. nella qualità di (titolare dell Impresa o Legale. rappresentante dell Impresa/Ente)

Il sottoscritto residente nel Comune di. Provincia Via/Piazza. nella qualità di (titolare dell Impresa o Legale. rappresentante dell Impresa/Ente) MODELLO A Spett.le EDISU PIEMONTE Via Madama Cristina 83 10126 Torino Istanza di ammissione per la partecipazione al cottimo fiduciario per la conclusione di un accordo quadro per la fornitura, la consegna

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI FONTI DELLA RESPONSABILITA La normativa vigente in materia 2 I fondamenti concettuali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower).

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower). 26.06.2015 163927\1.18\2015\9 1 A tutti i dipendenti e p.c. Al Sig. Sindaco Metropolitano Avv. Giuliano Pisapia Ai Consiglieri metropolitani Ai Revisori dei Conti All'Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a: BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI E PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

Dettagli

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive SCHEDA TECNICA contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive 1) CONVENZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL UOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI Art.

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

Unico Azionista. Dichiarazione unica. (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000)

Unico Azionista. Dichiarazione unica. (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000) Dichiarazione unica Ente aggiudicatore: Carbosulcis S.p.A Ufficio Appalti Miniera Monte Sinni c.a.p. 09010 Nuraxi figus (Gonnesa) (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000) OGGETTO: Realizzazione Piano operativo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 101 del 17/09/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO INCARICO PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

LAVORATORI AUTONOMI, ATTIVITÀ IN CANTIERE

LAVORATORI AUTONOMI, ATTIVITÀ IN CANTIERE LAVORATORI AUTONOMI, ATTIVITÀ IN CANTIERE Nel corso dell attività di vigilanza ed ispezione sempre più spesso capita di dover valutare contesti di lavoro che vedono coinvolti più lavoratori autonomi simultaneamente.

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli