CAPITOLO TERZO IL PRIMO CONFLITTO MONDIALE 24 MAGGIO NOVEMBRE 1918

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO TERZO IL PRIMO CONFLITTO MONDIALE 24 MAGGIO 1915 4 NOVEMBRE 1918"

Transcript

1 201

2 202

3 CAPITOLO TERZO IL PRIMO CONFLITTO MONDIALE 24 MAGGIO NOVEMBRE 1918

4

5 II 25 maggio 1915 la Brigata varca il confine fra Palmanova e Visco. Il 31 spara le prime fucilate oltre il Torre. Il 9 giugno espugna la Rocca di Monfalcone. Cade il primo granatiere vicino alla Bandiera del 1 Reggimento spiegata al vento in cospetto del nemico. Il 30 giugno e il giorno seguente la Brigata si esaurisce in reiterati attacchi che si infrangono contro i reticolati delle quote 121 e 85, i quali resistono alle pinze ed ai tubi di gelatina che per la prima volta vengono impiegati. Il 10 agosto la Brigata è su quota 121, ma rientra alle linee di partenza. Il 20 la Brigata va a riposo per riordinarsi perchè in questo periodo il solo 1 reggimento ha avuto 257 morti e 735 feriti. Il 24 ottobre la Brigata è chiamata in linea e il 28 tenta il primo assalto al Sabotino che non ha esito non avendo le altre truppe raggiunte le posizioni. In quest azione il solo 2 reggimento ha 400 perdite. Il tentativo viene ripetuto il 29, il 1 novembre ed il 2 mentre il colera infierisce sulle truppe decimandole. Il 20 i granatieri occupano quota 186 che rimane in saldo loro possesso solo il 21. Il bollettino del Comando Supremo del 23 reca la prima citazione: Con le truppe della ÌV Divisione gareggiò la Brigata Granatieri di Sardegna in slancio e valore nell assalto e nel contrastare con tenacia e resistenza i violenti ed incessanti ritorni offensivi dell avversario. I resti della Brigata decimata dalla guerra aspra e dalla malattia vengono inviati a riposo dopo un doloroso periodo contumaciale. All inizio del 1916 comincia ad applicarsi il sistema di impiegare la Brigata in linea nel momento e dove è più urgente il bisogno e ciò perché già s era fatto un nome non soltanto nei nostri ranghi, ma anche in quelli nemici che parlavano con terrore dei lunghi che in seguito chiamarono brigata d assalto. II 24 gennaio la Brigata è chiamata in linea per riprendere quota 188 che altri reparti hanno perduta. Va al Lenzuolo Bianco dove non si può resistere e solo nella notte del 26 vi si stabilisce nonostante le tantissime perdite cagionate dai nostri riflettori che illuminano il terreno d operazione. Segue un lungo periodo massacrante di trincea che viene rotto il 29 marzo da un terribile bombardamento seguito da un attacco Cartolina della Brigata Granatieri di Sardegna nemico 205 Granatiere della prima guerra mondiale nel tipico lancio della granata

6 furibondo. Il nemico riesce ad occupare parte delle posizioni, ma viene ricacciato. Uno speciale encomio viene tributato alla Brigata dal generale Montuori comandante la IV Divisione. Il 16 aprile la Brigata va a riposo. Dall inizio della campagna al termine dell azione del Lenzuolo Bianco la brigata ha già perso 5281 uomini. L offensiva sferrata dal nemico il 15 maggio nel Trentino fa accorrere in quel settore la brigata che viene schierata fra Punta Corbin, Tresche-Conca, Cesuna. Il 30 maggio, perduta Tresche-Conca, la Brigata ripiega sulle difese di Monte Cengio e vi rimane disperatamente attaccata. La lotta aspra e serrata, prosegue nei giorni 1 e 2 giugno per farsi epica nel giorno 3, quando il generale Pennella, comandante la Brigata, alla testa delle ultime due compagnie di riserva, presente l On. Bissolati che ha voluto un moschetto, difende con accanimento la Stretta di Fondi impedendo al nemico su molti battaglioni di passare. Il 3 giugno la Brigata è ancora citata all ordine sul Bollettino dì Guerra, ma alle 15 dello stesso giorno il Cengio cede. Non si può andare oltre all eroismo. Le truppe di rincalzo sono giunte, il Comando ha preparato la difesa e l obiettivo della Brigata è raggiunto. Il nemico è fermato, a giorni inizierà il ripiegamento. L azione è durata tredici giorni. Su un fronte iniziale di oltre cinque chilometri non v era altri che la Brigata Granatieri a contendere il passo al nemico superiore di forze e di mezzi ed imbaldanzito della vittoriosa avanzata, i granatieri resistettero aggrappati colle unghie al terreno e senza viveri, senza munizioni, senz acqua, per tredici giorni tennero a bada il nemico. Vennero distribuite sette medaglie d oro individuali, ma il quadro delle perdite è il più eloquente: 4987 uomini fuori combattimento su 6000 di organico e 200 ufficiali. I morti furono 951 dei quali 30 ufficiali. A Marostica la Brigata sfilò fra la popolazione esultante nella formazione di un battaglione. Ritorna in linea la Brigata il 6 agosto a rinforzare la Brigata Catanzaro fortemente impegnata sulle cime del S. Michele; il 9 si incunea e penetra nelle linee nemiche provocando il crollo del baluardo pre-carsico. Il 10 la Brigata avanza su Colici, scende nel Vallone che attraversa presso Develachi puntando sul Nad Logem che viene occupato il 12 assieme a quota 188; il 13 è occupato il Pecinca e viene tentata l occupazione di Velicki Kribak che non riesce che parzialmente. 206

7 207

8 Sfilamento della Brigata nella Piana di Clauiano (UD) davanti al Duca d Aosta Il 15 la Brigata è avvicendata. Ritorna al Nad Logem il 27 e rimane in attesa della ripresa dell azione che avviene il 14 settembre. Il 15 la collina di S. Grado di Merna è in mano ai granatieri con un migliaio di prigionieri e numeroso materiale. II Veliki Kriback resiste agli attacchi del 15, 16 e 17 giorno nel quale le operazioni vengono sospese. La Brigata il 20 è a riposo, ritorna in linea ad Hudi-Log dal 3 novembre all 8 dicembre. Le azioni dopo il Cengio sono costate alla Brigata la perdita di 8600 uomini. Dopo alcuni periodi di linea la Brigata il 23 maggio 1917 muove da Caseboneti e conquista le quote 241 e 235. La quota 241 che domina il Vallone non sarà in saldo possesso dei granatieri che il 3 giugno perché passa alternativamente dalle nostre mani a quelle austriache. Il 24 viene occupata quota 219. Lasciate le posizioni conquistate e tenacemente difese, nella notte del 5 giugno, il 1 reggimento raggiunge Caseboneti per riorganizzarsi. Verso le 6 del mattino riceve ordine di riportarsi in linea a q. 208-sud per riconquistare le quote 235 e 219 perdute nella notte dai reparti succeduti. Alle 10 quota 235 è di nuovo in mano ai granatieri che combattono furibondi: poco dopo anche quota 219 è in nostro possesso, verso sera viene occupato il cavernone di quota 219 e alle 22 la vecchia linea è ristabilita. Il giorno dopo la Brigata scende a riposo. Dopo un avvicendamento sopra le linee di Caseboneti la Brigata partecipa alle operazioni di Scio che si iniziano il 19 agosto e proseguono il 20 giorno nel quale, superato Selo, ridotto ad un cumulo di rovine, va a dare di cozzo nelle formidabili difese dello Slari-Lovka. Questa azione ha valso alla Brigata una nuova citazione sul Bollettino di Guerra. Dopo un avvicendamento la Brigata ritorna a presidiare le posizioni tra Comarle e Selo per essere inviata a riposo il 4 settembre. Dal 23 maggio al 4 settembre, la brigata ha perso altri 5545 uomini. Nella ritirata la Brigata viene usata come truppa di copertura della 3 a Armata e disimpegna il suo compito con bravura e disciplina, senza defezioni e sbandamenti. Viene nuovamente 208

9 Bandiera del 1 Reggimento Granatieri di Sardegna fra i due Piave che il nemico ci contende disperatamente il 2 ed il 3 e che abbandonerà soltanto il 6 sotto la pressione delle nostre truppe. Dopo un mese di riposo la Brigata torna in linea a Cavazuccherina dove deve lottare contro un nuovo terribile nemico: la malaria. L avanzata della vittoria trova la Brigata in quelle posizioni sofferente, ma non doma. Il 30 attraversa il Piave sotto la molestia nemica. Il 1 novembre a San Stino di Livenza cade l ultimo granatiere. Il 2 la Livenza è passata travolgendo la resistenza del nemico in fuga, il 3 il Tagliamento è attraversato a Latisana. L armistizio coglie la Brigata a San Giorgio di Nogaro. A confermare il valore della Brigata nella campagna a compensare il sacrificio ingente dei granatieri vennero conferire alle gloriose bandiere, già fregiate dì una medaglia d oro e di una d argento quella del 1 e di due d argento quella del 2, una medaglia citata all ordine. A Flambro al Ponte della Delizia, a S. Vito, a Lorenzago Livenza, al Ponte di Meduna, sul Monticano, la Brigata trattiene il nemico resistendo per guadagnare tempo all apprestamento della difesa sul Piave che viene attraversato l 8 novembre. Il 14 la Brigata è in linea per arginare l avanzata nemica al Piave vecchio e vi rimane fino agli ultimi del mese. Ritorna in linea il 17 dicembre fra Zenzon e Campolongo poi si sposta a Candelù e Saletto. Il 14 gennaio partecipa alla rettifica della linea a Capo Sile e il 16 ripristina brillantemente la linea rotta da un violentissimo attacco nemico. Una temuta irruzione nemica in Val d Adige fa spostare la Brigata a nord di Verona. L azione nemica del Montello fa chiamare urgentemente la Brigata a Castelfranco, ma quando giunge già il nemico è stato ricacciato alle basi di partenza. La Brigata rientra alla 3 a Armata e il 1 luglio è nelle trincee di partenza per l azione che culminerà col darci il tratto 209 Bandiera del 2 Reggimento Granatieri di Sardegna

10 d argento ciascuna per le azioni di Monfalcone. Sabotino. Oslavia e altopiano Carsico, una medaglia d oro ciascuna per le azioni di Monte Cengio-Cesuna, Carso, reg. Fornaza, quote e la Croce di Cavaliere dell Ordine Militare di Savoia. Le perdite totali della brigata nell intera campagna assommano a uomini dei quali 6357 morti compresi 217 ufficiali: i feriti furono 13,465. Nel confronto delle perdite poche sono le ricompense individuali, nel confronto del sacrifìcio e dell eroismo dei granatieri, esse sono troppo poche: 15 medaglie d oro individuali. Alla Brigata Granatieri venne concesso di eleggere a giorno di festa dei reggimenti il 24 maggio, data fatidica dell entrata in guerra e giorno che ha segnato nei fasti della storia dellabrigata meravigliose pagine di gloria. M PIVI. dalla La Gavetta del Granatiere del novembre 1928 q Rovescio verso l Isonzo.Monte Cengio.Flambro Basso Piave 210

11 OPERAZIONI GRANATIERI DI SARDEGNA SETTORE PERIODO Monfalcone 25 maggio-22 agosto 1915 Monte Sabotino, Oslavia, Quota 188 e San Floriano Altipiani (Monte Cengio, Cesuna, Magna Boschi) 24 ottobre aprile maggio-9 giugno 1916 Veliki Kribak, San Grado di Merna 26 agosto-17 settembre 1916 Oppachiasella, Hudi Log-Palikisce novembre 1916-marzo 1917 Carso ( Jamano, Selo, Fornaia, Quote 219, 235, 241) 21 maggio-22 settembre 1917 Ritirata dall Isonzo al Piave ottobre-novembre 1917 Piave (Capo Sile, Piave Vecchio e Nuovo, Vittorio Veneto) 1918 PRINCIPALI FATTI D ARME DLLA PRIMA GUERRA MONDIALE ANNO DATA FATTI D ARME PRINCIPALI 9 giugno Presa di Monfalcone agosto Attacco di q. 121 (est di Monfalcone) 28 ottobre 2 novebre Attacco di Monte Sabotino 20/23 novembre Combattimento di Oslavia 211

12 29 marzo Combattimento di San Floriano 29 maggio Combattimento di Treschè Conca-Cesuna giugno Combattimento di Monte Cengio 7/15 giugno 27/28 settembre novembre dicembre Combattimento di San Michele, del Pecinka, del Nad Logem Combattimenti del Veliki Kibrach, di San Grado di Marina Operazioni nel settore Oppachiessella-Hudi Log 24 maggio Attacco di Selo 6 luglio Attacco alle quote 219 e 235 (Carso) 20/24 agosto Attacco e presa di Selo 1917 agosto settembre ottobre novembre Attacco alla Bainsizza Ripiegamento dal Carso al Piave 29 ottobre Combattimento di Lestizza 30 ottobre Combattimento di Flambro 14/16 gennaio Combattimento di Caposile 1918 luglio 24 ottobre 4 novembre Operazione del Delta del Piave Offensiva della Vittoria 212

13 1915 ENTRATA IN GUERRA ED INIZIO DEI COMBATTIMENTI La Brigata Granatieri di Sardegna, al comando del Maggior Generale Luigi Pirzio Broli, attraversò il confine tra Palmanova e Visco il 25 maggio 1915 inquadrata nella 13 a Divisione, III Corpo d Armata, 3 a Armata. Nel primo periodo, fino al 22 agosto, partecipò alle operazioni nel settore di Monfalcone, laddove gli austriaci avevano predisposto sulle alture munitissime posizioni difese da forte fuoco di artiglieria e protette da fitti reticolati; posizioni che i Granatieri cercarono di smantellare con ripetute ed ardite azioni di volontari che si spingevano fin sotto i reticolati per apporvi tubi di gelatina e per aprire passaggi tagliando i fili con le pinze. Il primo scontro con gli austriaci avvenne il 4 giugno allorché la Brigata, passata sulla sinistra dell lsonzo, occupò Pieris, puntando quindi verso Dobbia e poi su San Nicolò e San Polo. Il 9 giugno, occupata Quota 61 con azione nella quale caddero il maggiore Manfredi, il sottotenente Marsigli ed un centinaio di Granatieri, i due reggimenti raggiunsero Monfalcone, continuando ad effettuare reiterati attacchi contro le alture limitrofe condotti con energia e ardire, disciplina e alto spirito militare, ma con gravi perdite, tanto che, proprio a causa di tali perdite, si ritenne che la Brigata avesse bisogno di riposo e raccoglimento per rimettersi, non prima, peraltro, di aver provveduto al completamento dell organizzazione difensiva della regione. II mese di luglio trascorse senza altra attività che quella dei normali servizi di avamposto e di rafforzamento della difesa. Il 10 agosto si svolse, invece, un furibondo combattimento, del quale fu principale protagonista il I Battaglione del 1 Reggimento, per la conquista di Quota 121; mentre il III Battaglione del 2 Reggimento, al co- 213

14 mando del maggiore Guardabassi, venne impiegato per tentare la conquista di Quota 85. Già due settimane più tardi, tuttavia, venne decisa l occupazione da parte del 1 Reggimento della Quota 121 ad est di Monfalcone e da parte del 2 Reggimento delle Quote 85, 77 e 21 (Sant Antonio) di Adria Werke, disponendosi che nulla si dovesse lasciare di intentato per 214

15 avere anche in questa circostanza la pagina di soddisfazione e di gloria. La Quota 121 (che venne attaccata particolarmente dalla 5 a Compagnia del 1, al comando del tenente Le Mètre) e la Quota 85 (attaccata dalla 11 a Compagnia del 2, al comando del capitano Dina) non potettero però essere conquistate, malgrado le forti perdite subite. 215

16 216

17 Maggio-Giugno Superamento del confine italo-austriaco e liberazione delle prime cittadine friulane 217

18 218

19 219

20 220

21 221

22 222

23 223

24 Giugno-Luglio Monfalcone Zona di combattimento della Brigata Granatieri di Sardegna 224

25 MONTE SABOTINO - OSLAVIA Il fatto d arme di Quota 121 suscitò tanta ammirazione negli stessi austriaci che presentarono cavallerescamente le armi ai pochi ufficiali ed ai granatieri superstiti delle due Compagnie, la 1 a e la 4 a che guidate dall eroico Tenente Colonnello Umberto Coppi, caduto poi nel corso dell azione, dopo aver respinto un attacco nella zona di Sei Busi erano riusciti a conquistare alla baionetta l altura ed a resistere fino all estremo contro i reiterati contrattacchi del nemico, il quale si era avvalso del violento fuoco di sette batterie, delle quali due di obici pesanti da 240, mentre la nostra artiglieria da campagna taceva per mancanza di munizioni. Per questa azione la Brigata ebbe la prima citazione nel Bollettino di Guerra dell 11 agosto 1915 n. 77. Circa tre mesi essa rimase poi sulla linea di Monfalcone conquistando, palmo a palmo, ed a caro prezzo il terreno, tanto da meritare l elogio del Duca d Aosta, comandante della 3 a Armata. In queste prime operazioni di guerra la Brigata Granatieri di Sardegna ebbe undici ufficiali e trecentocinquantotto soldati uccisi, ed oltre ottocento feriti. Molti gli eroismi, e le decorazioni concesse. Le operazioni, che si svolsero dal 24 ottobre 1915 al 12 aprile 1916 nel settore di Monte Sabotino, Oslavia, Quota 188 e San Floriano, costarono alla Brigata ben millequattordici caduti, quattrocentosessantasette del 1 Reggimento cinquecentoquarantasette del 2 Reggimento. Il 26 ottobre 1915 la Brigata Granatieri di Sardegna raggiunse Podsenica alle dipendenze della 4 a Divisione ed occupò le trincee sotto il Sabotino, il monte che 225

26 sulla sponda destra dell lsonzo, davanti a Gorizia, costituiva il caposaldo nord della testa di ponte che difendeva la città, riunito, attraverso la catena collinosa di Peuma ed Oslavia, al caposaldo sud costituito dal Podgora. Era una posizione formidabile magnificamente organizzata dagli austriaci, ed occorreva scardinarla se si voleva arrivare a Gorizia. All alba del 28 ottobre l attacco fu sferrato contro il fortino del Sabotino, puntando su San Mauro, preparato da fuoco di artiglieria e da azioni di sabotaggio. Il primo movimento fu compiuto dai due primi battaglioni dei reggimenti sotto il forte bombardamento nemico, procedendo lentamente tra i reticolati estesi e profondissimi. E le perdite furono tante che occorse l immediato arrivo di complementi per riempire i vuoti: ma la roccaforte resistette. Il 1 novembre fu pertanto sferrato un secondo attacco: ma inutilmente tra l altro subendo forti perdite, specialmente tra gli ufficiali, e malgrado i ripetuti atti di valore. Un terzo attacco dovette quindi essere attuato il 2 novembre, da parte di un battaglione del 2 Reggimento al comando del maggiore Ugo Bignami e di un battaglione del 1 al comando del capitano Federico Morozzo della Rocca. Fu una lotta durissima, reiterata, accanita, che vide tra l altro l eroismo di un reparto condotto dal sottotenente volontario triestino Pessi (nome di guerra, Pelliccioni), che riuscì per pochi istanti ad occupare il fortino; ed accanto ai granatieri combatterono i fanti della Brigata Lombardia, eredi dei granatieri di Lombardia delle campagne del 1860 e del Ma ancora una volta occorse ripiegare. 226

27 La Brigata Lombardia riuscì tuttavia a prendere Oslavia: ed occorreva ora, necessariamente, occupare la Quota 188, caposaldo principale della catena che univa Sabotino e Podgora. Il 10 novembre ebbe inizio la quarta battaglia dell lsonzo: e la Brigata Granatieri di Sardegna ebbe assegnato il compito di appoggiare il VI Corpo d Armata nell attacco a Quota 188. A tale attacco mosse per primo il III Battaglione del 2 Reggimento con rincalzo il I Battaglione: ma inutilmente si tentò attraversare i reticolati, mentre le compagnie erano ormai ridotte a non più di un centinaio di granatieri ciascuna. Perciò, quando il giorno seguente i reiterati attacchi si dimostrarono inutili e sanguinosi, si decise di formare, per un estremo disperato tentativo, due compagnie di volontari, che presero il nome di Compagnie della morte e furono poste al comando del capitano Guala, quella del 1 Reggimento e del capitano Luraschi, quella del 2 Reggimento: ma anche il sacrificio di questi valorosi (morì tra gli altri, nella pericolosa missione, il capitano Guala) non riuscì nell intento. I giorni 16 e 17 novembre videro ancora azioni di ufficiali e granatieri in gara di generosità e di abnegazione, purtroppo con risultati non più notevoli. Ed il 18 venne deciso di effettuare ancora un attacco a Quota 188, da condursi, a livello Brigata, su due colonne a cavallo della strada di San Floriano. Tutto il fronte fino ad Oslavia venne posto perciò agli ordini del comandante di Brigata. Il 20 novembre fu la giornata di gloria del I Battaglione del 2 Granatieri che conquistò finalmente la contrastatissima posizione di Quota 188 di Oslavia, con audace, improvviso attacco al comando del maggiore Bignami, e che riuscì a mantenere la posizione stessa malgrado i contrattacchi violentissimi degli austriaci che resero detta Quota una bolgia infernale. Si distinsero nell azione fulminea, oltre al comandante Bignami, il capitano Luraschi che con due soli portaordini catturò alcuni ufficiali e numerosa truppa nemica asserragliati in una baracca, il sottotenente Latini comandante la sezione mitragliatrici che restò gravemente ferito, gli ufficiali Bollardi, Capocci, Revel, Benettini; e, 227

28 tra gli altri, il granatiere Fabio Tognetti, il quale, visto un gruppo di una ventina di granatieri che rimasto senza ufficiali rischiava di sbandarsi, calzò il berretto di un ufficiale caduto e gridando ora qui comando io, guidò i compagni in un ardito corpo a corpo. In dieci giorni la Brigata Granatieri perse ottocentocinquantaquattro uomini, dei quali cinquanta ufficiali; ed avrebbe annoverato, per questo periodo, centocinquantanove decorati al valore, ottenendo altresì una seconda citazione nel Bollettino di Guerra, quello n. 181 del 23 novembre Ma i due reggimenti erano ridotti ormai in stato miserevole, per cui il 1 dicembre vennero ritirati, il 1 nei valloni della strada di San Floriano ed il 2 nei camminamenti coperti che scendevano al vallone del Penmica, dove restarono fino al 27 occupati a sistemare i piccoli cimiteri reggimentali. Si trasferirono quindi, il 28, a Manzano nella valle del Natisone per un periodo Cimitero sul Monte Sabotino di quarantena. Il 3 dicembre 1915, con Ordine del giorno del Capo di Stato Maggiore dell Esercito tenente generale Luigi Cadorna, il comando della Brigata Granatieri fu assunto dal colonnello Giuseppe Pennella. Monte Sabotino 228

29 Sopra l Arciduca d Austria e soldati austriaci salutano al suo passaggio. Sotto Cerimonia di consegne di onorificenze al valore a militari austriaci. Foto trovate dai Granatieri nei Posti Comando Austriaci. 229

30 29 marzo 1916 OSLAVIA. IL LENZUOLO BIANCO 1916 L ANNO DEL CENGIO Trascorso un periodo di circa due mesi di riposo, i granatieri sono nuovamente in linea nel settore di S. Floriano, alle dipendenze, dal 23 gennaio al 19 aprile, della 4 a Divisione. Il solo avvenimento degno di nota fu la lotta sostenuta il 29 marzo per respingere un forte e ben preparato attacco avversario, nella regione del Lenzuolo Bianco (Oslavia). Il I battaglione del 2 reggimento ed il II del 1 ricevono per primi l urto, che cercano di infrangere; ma il nemico con forze notevoli, superati i reticolati sconvolti e le trincee spianate per il lungo intenso bombardamento, irrompe nelle posizioni ed occupa il tratto compreso tra la strada S. Floriano e Gorizia. Con immediato contrattacco i ricambi retrostanti, in unione al 1 battaglione del 7 fanteria, accanitamente lottando ritolgono al nemico le trincee perdute, e gli catturano circa 150 uomini. In questo combattimento la brigata riportò molte perdite, di cui 34 ufficiali. I granatieri del lenzuolo bianco Dal Giornale d Italia del 13 aprile 1916 Dal fronte, aprile La cittadinanza romana conosce assai bene quei ragazzoni alti, robusti, e quegli ufficiali gagliardi che nel gergo della guerra sono chiamali «la fanteria prolungata». Ma gli austriaci in pochi mesi hanno imparato a conoscerti assai meglio che i romani durante la lunga guarnigione. DIE GROSSE La rinomanza è stata consacrata da un appellativo lusinghiero. Per il nemico i granatieri sono die grosse, i grandi. Dai rapporti rinvenuti nelle saccocce degli ufficiali 230

31 austriaci prigionieri si è rivelata la costante preoccupazione per la resistenza e l aggressività dei grosse. Oltre che nei bollettini di Cadorna la celebrità dei granatieri è così entrata ufficialmente anche nella storia nemica. Dopo aver partecipato brillantemente alle prime azioni sull altura carsica di Monfalcone, sono venuti a conquistare e a mantenere quella fetta settentrionale della soglia di Gorizia, che si riallaccia a nord con le pendici del Monte Sabotino e a sud con la bassa gobba della fangosa collina di Peuma. Questa zona, assai vitale per la nostra minaccia sulla pianura goriziana, dal febbraio ha ricevuto il nome ufficiale di Lenzuolo bianco. La denominazione risale alle prime fasi della guerra, quando tra la decorazione dei peschi e dei meli spiccava il grande dado candido di una casa colonica di recente costruzione. Pare che vi si fosse insediato un comando secondario del nemico. L ufficiale di artiglieria che prese di mira il biancore della casa ordinò al capo pezzo di colpire quella specie di lenzuolo bianco teso fra un albero e l altro. Della casa non rimase nemmeno una pietra ma è rimasta la denominazione per indicare la località fra il torrente Peumica e il Vallone dell Acqua. E in questa zona, assai contesa, che i granatieri hanno conquistato la loro celebrità presso il nemico, nei numerosi combattimenti, da quelli dell anno scorso al più recente dell ultima settimana di marzo, durante la vana ma aspra offensiva austriaca. E su questi piccoli valloncelli, su queste basse colline che i granatieri hanno dovuto lottare contro tre nemici: il fango, il colera e gli austriaci, vincendoli ugualmente con le risorse inesauribili dello spirito e del corpo. Ora il «Lenzuolo Bianco» è tutto fiorito. Ha un altro lenzuolo assai più leggiadro, quello lievemente incarnato dei mandorli e dei meli in fiore, dai quali cadono leggiadre nevicate 231

32 alle brutali percussioni dei proiettili. La guerra sembra infastidirsi della vicenda primaverile e si indispettisce con le sue brulle forme contro tanta bellezza superba e indifferente. Durante i quaranta giorni di inesorabile pioggia i granatieri si erano visti sgretolare i camminamenti, ì ricoveri, le impalcature delle trincee dalle colate del fango in continua eruzione dalle viscere della terra. Tornavano dai combattimenti tutti ricoperti dì argilla come informi abbozzi di scultura. Le alte spalle toccavano gli angusti bordi dei camminamenti che riversavano sulle divise la bava rossastra del suolo. FANGO Assai prima, nell autunno dell anno scorso, avevano lottato i granatieri, come le altre truppe, contro i morbi diffusi dai vicini contatti del nemico, contro le infezioni ed il colera serpeggianti nelle posizioni conquistate, colme di cadaveri affioranti tra i sacchi, sotto lo strato di mota. Dentro il pozzo di una casa colonica ai «tre buchi», una piccola gobba che precede quella del «Lenzuolo bianco», gli austriaci avevano gettato durante la loro sconfitta del novembre parecchi cadaveri. Era l affrettata ricerca di una sepoltura o il vasto tentativo criminoso di attossicare i granatieri assetati? Nel balzo offensivo del novembre i granatieri avevano conquistato le alture affiancate a nord-est del «Lenzuolo bianco», le colline di quota 188 e di Oslavia. I soldati del genio avevano fatto brillare i tubi di gelatina ed erano stati aperti due varchi. Alle 8 del 20 novembre attraverso i vani aperti negli sconvolti reticolati si lanciavano i granatieri alla baionetta per la conquista di quota 188. I prigionieri dichiarano che gli austriaci ci attendevano non prima delle 10 del mattino. Il nemico ha sovente queste strane determinazioni di orario per le nostre iniziative. Meglio che le coltivi o che gliele coltivino i suoi maldestri informatori! 232

33 In quella prima azione che i tiri falcianti delle mitragliatrici nemiche non erano riusciti ad arrestare furono distrutte rapidamente le difese accessorie che venivano a trovarsi alle spalle dei nostri e si provvedeva a rafforzare la difficile posizione con il rapido trasporto dei cavalli di frisia e dei sacchi a terra. Al mattino stesso e nella sera gli austriaci, dopo le raffiche delle loro artiglierie, attaccavano più volte i granatieri per scacciarli dalla collina. Erano quelli i primi saggi per il nemico della gagliardia dei granatieri, i primi esperimenti dei colpi terribili che menavano i grosse anche col calcio del fucile quando l attacco si frazionava in tante minuscole colluttazioni. All alba rigida e serena del 21 novembre l artiglieria nemica cominciava a tempestare la quota 188. Il nemico non poteva darsi pace che i granatieri riuscissero a mantenere una simile posizione sotto il fuoco delle sue artiglierie. Quando non esistono ricoveri in caverna dientro i quali le fanterie possano attendere al sicuro che cessino i colpi terribili delle artiglierie e si pronunzino gli attacchi delle fanterie nemiche per respingerli, è un compito spaventevole, soprannaturale quello di conservare la posizione. Le truppe debbono rimanere immobili sotto le raffiche delle granate che spezzano le armature delle trincee, buttano all aria i parapetti di sacelli, e squarciano gli uomini, scoprendone gli improvvisati ripari. Nella guerra aggressiva, assediante che noi combattiamo la fase più spasmodica è quella che segue alla conquista di una posizione. Conservare una posizione significa diventare un bersaglio vivente, accertato delle artiglierie nemiche, resistere nella snervante immobilità, subire il bombardamento mortale fino al momento del contrattacco nemico. Questa tenacia sovrumana delle nostre fanterie riceve spesso il premio della menzione della brigata nei concisi bollettini del generalissimo che sa valutare lo sforzo eroico dei nostri soldati. Perciò il bollettino del 23 novembre citava con un caldo e raro elogio la brigata dei granatieri che erano riusciti a mantenere la posizione e a respingere tutti i contrattacchi nemici del 20 e del 21, nonostante i soldati, nella cresta di quota 188 fossero presi d infilata dalle artiglierie e dalle mitragliatrici. I granatieri sui quali - come diceva l ordine dei giorno - si erano fissati gli occhi e la fede del Comando Supremo erano stati assai provati in quelle terribili giornate. Lo sforzo era costato larghi vuoti. La brigata aveva lasciato tracce del suo valore durante la campagna estiva, autunnale ed invernale, durante le conquiste dell alture carsiche, del fortino del Sabotino, e delle colline della «soglia» goriziana. La consistenza della brigata aveva assai sofferto per i combattimenti, per il colera e per il fango. Era necessario un riposo e una ricostituzione. Le norme rigorose del Comando Supremo per scacciare definitivamente il colera dall esercito imponevano alla brigata un indispensabile isolamento. Dopo aver combattuto così eroicamente i soldati si vedevano appartati in un accantonamento, durante la quarantena demoralizzante ma provvidenziale per le cure rigorose che impedivano il propagarsi di pochissimi casi contratti nella fase autunnale della guerra. Dopo la quarantena la brigata riacquistava la sua libertà e si recava ad un breve riposo meritato in un comunello veneto, dopo sei mesi di intensa attività guerresca e di aspri combattimenti. 233 Benedetti

34 234

35 235

36 236

37 237

38 238

39 239

40 CENGIO - CESUNA - MAGNABOSCHI 24 MAGGIO - 8 GIUGNO Ma s approssimano le epiche giornate dal 29 maggio al 3 giugno a M. Cengio, in Val Canaglia, a Cesuna, a Magnaboschi. La Brigata appena riordinata, è chiamata sugli Altipiani, per concorrere ad arginare la minacciosa invasione nemica. Lasciato Percoto (Udine), ove ha dimorato un mese (20 aprile - 20 maggio), il 22 maggio, per ferrovia, si trasferisce a Bassano e quindi, con autocarri, i suoi battaglioni raggiungono successivamente la 30 a Divisione, dalla quale ricevono il compito di sbarrare il passo al nemico sul tratto M. Cengio- Monte Lemerle. Il nemico, sfruttando con abilità il terreno coperto ed intricato del Ghelpac, tenta di insinuarsi nelle linee italiane in fase di allestimento. Audaci pattuglie, cui è anche affidato il compito di accertare l entità dell avversario, tentano di ritardare l avanzata. La lotta, che accenna a diventare cruenta trova i granatieri decisi a battersi con tenacia ed abnegazione. Il 29 maggio il II battaglione del 2 reggimento resiste al nemico che, vinta e superata la difesa di Val d Assa, avanza verso le alture di Tresche Conca-M. Belmonte e verso Tresche Fondi e Sculazzon. La lotta si accende accanita su tutta la fronte, specialmente presso Cesuna, Fondi e Monte Cengio, e si protrae quasi ininterrotta il 30 e il 31 maggio. Né essa accenna a scemare d intensità nei giorni successivi, che anzi il nemico, imbaldanzito dal successo, stringe sempre più i nostri. Il 1 giugno i granatieri, che a causa delle alterne vicende del combattimento sono frammisti ad altri reparti delle brigate Campobasso, Pescara, Catanzaro e Trapani in una stessa comunione di eroici sforzi, spiegano tutto il loro valore nella difesa della testata di Val Canaglia, M. Cengio, M. Barco, M. Belmonte e fieramente contendono il terreno al nemico. Malgrado ciò la situazione non migliora. II 2 giugno essa diventa assai grave: l avversario, avvalendosi delle anfrattuosità del terreno, spinge grossi reparti sul Cengio, a M. Barco e a M. Belmonte: i difensori, sebbene esausti per la lunga lotta e consci dell impossibilità di aiuti e rifornimenti, riescono tuttavia a mantenere ancora le posizioni, già abbondantemente bagnate del loro sangue. Il nemico però riceve continui rinforzi e i suoi mezzi vanno sempre più aumentando. Il 3 giugno sul Cengio, preceduto da un poderoso bombardamento, viene sferrato un furioso assalto contro i nostri: le fanterie austriache, dapprima a piccoli nuclei e quindi 240 Ten. Col. Federico Morozzo Della Rocca Comandante di btg. del 1 rgt. Granatieri

41 con reparti in formazioni serrate, avanzano avvolgendo la nostra difesa sulla destra di Val Canaglia ed a cavallo della strada Cesuna-Magnaboschi. I granatieri del I battaglione del 2 reggimento e quelli del IV battaglione del 1, rispettivamente al comando del Tenente Colonnello Ugo Bignami e del Capitano Federico Morozzo Della Rocca - entrambi decorati della medaglia d oro al valor militare per l eroica condotta tenuta in questa azione - si prodigano in tutti i modi in una disperata difesa, ma circondati da soverchianti forze avversarie, soccombono. A Cesura-Magnaboschi, intanto, il comando del 2 reggimento con pochi uomini, costituenti il nucleo dello Stato Maggiore, riesce a stento a liberarsi dall avvolgimento. Con uguali forze e intensità gli austriaci attaccano le posizioni di M. Belmonte, Malga della Cava e M. Barco, ove lottano strenuamente altri granatieri del 1 reggimento. Verso mezzogiorno per ordine della 32 a Divisione, che nella notte sul 3 ha assunto il comando della zona, i pochi superstiti della Brigata hanno l ordine di ripiegare sul M. Pau, 241

42 ove il giorno 4, con due battaglioni del 211 fanteria, organizzano una nuova linea di resistenza tra M. Pau e M. Busibollo, sul versante meridionale di Val Canaglia. II 7 giugno, sostituiti dal 95 fanteria, i resti della Brigata, riuniti in un sol battaglione, vengono raccolti a Farà Vicentino e indi a Poiana, alla dipendenza della 24 a Divisione. In tale periodo il 1 Granatieri ebbe 15 ufficiali morti, 16 feriti e 49 dispersi; il 2 Granatieri 13 ufficiali morti, 21 feriti e 23 dispersi. La Brigata fra morti, feriti e dispersi subì la perdita dì 4478 uomini. Monte Cengio. Il Salto del Granatiere. 242

43 243

44 244

45 245

46 246

47 247

48 248

49 249

50 250

51 251

52 252

53 253

54 254

55 255

56 256

57 257

58 258

59 259

60 LE MEDAGLIE D ORO DEL CENGIO (OLTRE FEDERICO MOROZZO DELLA ROCCA) 260

61 LA PRIGIONIA Alcuni Ufficiali, dopo la battaglia degli Altipiani furono fatti prigionieri dagli austriaci e furono condotti a Dunaszerdahely (Slovacchia). Durante il periodo di prigionia, presso il campo fu redatto un opuscolo. Nelle pagine successive sono riportati l elenco dei predetti Ufficiali ed alcune pagine del citato opuscolo. Anche in prigionia i Granatieri non dimenticarono di commemorare la festa della specialità. Biglietto di invito per gli Ufficiali presenti nel campo di prigionia 261

62 262 Giornale stampato dai prigionieri italiani (granatieri)

63 COMBATTIMENTO DI SAN MICHELE, DEL PECINKA, DEL NAD LOGEM COMBATTIMENTI DEL VELIKI KIBRAK, DI SAN GRADO DI MERNA OPERAZIONI NEL SETTORE OPPACHIASSELLA HUDI LOG (agosto - dicembre 1916) Nella zona di Poiana si procedette alla ricostituzione della Brigata che vi restò fino al 31 luglio. Sull Isonzo intanto iniziarono i preparativi per l investimento della testa di ponte di Gorizia e dell altopiano carsico (VI battaglia dell Isonzo, 6-17 agosto). Molte brigate che avevano partecipato alle operazioni sugli Altipiani, ove la lotta era stata contenuta e il nemico costretto ad arroccarsi o indietreggiare, furono trasportate sulla nuova fronte di battaglia. Il 2 agosto 1916 la Brigata, dopo un breve periodo di riposo e riordinamento, partì in ferrovia per ignota destinazione. La battaglia di Gorizia stava per cominciare. Il 5 agosto la Brigata era nella zona di Versa, presso l Isonzo. Alle ore 7 del 6 agosto aprivano il fuoco le artiglierie italiane da Tolmino al mare: aveva inizio la sesta battaglia dell Isonzo. Nelle prime ore della notte il 1 Granatieri valicò l Isonzo sulla passerella di Gradisca e sul ponte di Sagrado, passando alle dipendenze della Brigata Catanzaro. Iniziò allora un impiego frammentario dei battaglioni Granatieri a sostegno dei fanti di linea. Il primo ad essere inviato avanti fu il IV battaglione del 1 Granatieri, spinto d urgenza su Cima 1 a sostegno del 141 fanteria. Anche il 1 battaglione del 1 Granatieri intervenne nella lotta, battendosi fra Cima 1 e Cima 2, contro gli austriaci che per tutto il giorno attaccarono invano, anche a sei battaglioni alla volta. Ma Granatieri e Fanti, nell inferno di colpi d artiglieria e di proietti a gas, seppero far muro. Il giorno 7 agosto anche il rimanente battaglione del 1 e il 2 Granatieri furono sul S. Michele, impiegati a battaglioni isolati, frammisti alle truppe residue del 141 e 142 fanteria, da cui dipendevano direttamente. Nelle due giornate 34 ufficiali e 874 granatieri furono uccisi o feriti. Il giorno 8 agosto, mentre veniva conquistato il Pod- 263

64 gora e reparti delle Brigate Casale e Pavia passavano l Isonzo puntando avanti verso Gorizia, la lotta sul S. Michele continuava asperrima. Granatieri e Fanti respingevano attacchi, contrattaccavano a loro volta, lavoravano a rafforzare le sassose trincee conquistate. L 8 agosto la Brigata perse altri 20 Ufficiali e 547 uomini di truppa. Il 9 agosto finalmente la Brigata Granatieri agì nuovamente compatta al comando del Generale Pennella e dei colonnelli Anfossi e Graziosi, inserita come fronte sul S. Michele, fra le Brigate Catanzaro e Brescia, nella sella tra Cima 2 e Cima 3 e su q Nella stessa mattinata i Granatieri attaccarono; primo a raggiungere i suoi obiettivi fu il I Battaglione del 2 Granatieri. Il mattino del 10 agosto i Granatieri si accorsero che il nemico nella notte aveva ripiegato dal S. Michele. La Brigata avanzò fino a Gotici e là ricevette ordine di riprendere il movimento (che doveva avere carattere d inseguimento ) nelle prime ore della notte oltre il Vallone di Doberdò, con obiettivo il Nad Logem. Nella stessa notte e nelle prime ore del giorno 11, arrestati da reticolati dislocati davanti alla forte posizione del Nad Logem i Reparti si accorsero che non si trattava d inseguire, ma occorreva ancora attaccare. I Granatieri si trovarono a dover rompere i reticolati con le pinze, con le vanghette e con i calci dei fucili. Attaccarono però con tale impeto e slancio, che gli austriaci ne furono sorpresi. Le difese di q.187 e q.198 caddero. Fu impossibile però conquistare il Nad Logem rivelatosi posizione molto munita e dura. Il 12 agosto, dopo adeguata preparazione d artiglieria, la Brigata Lombardia e il 1 Granatieri (antichi granatieri di Lombardia e Granatieri di Sardegna ancora una volta legati sui campi di battaglia) conquistarono il Nad Logem. Del 1 Granatieri agì superbamente l intrepido IV Battaglione guidato dal Maggiore Alberto Rossi. Il capitano Ferruccio Anitori con la 15 a compagnia pose piede sulla dominante q.212. Fu un azione bellissima per slancio, ardimento ed accurata organizzazione. Centinaia di prigionieri caddero nelle mani, con armi e materiali. Elogi arrivarono ai Granatieri non solo dai Comandi Superiori e dai comandanti delle Grandi Unità laterali che avevano seguito, ammirando l impetuoso attacco dei Granatieri. 264

65 Alla fine della giornata i Granatieri erano prostrati dalla stanchezza, dalla sete, dal caldo afoso, ma quante meravigliose energie erano ancora in loro, vivificate dalla gloriosa tradizione e dall alto senso del dovere e dell onore. Il 13 agosto, la Brigata Granatieri, che aveva già perduto 100 Ufficiali e 2600 uomini di truppa, attaccò ancora oltre q. 187 e in accanita lotta riuscì ad inoltrarsi nei trinceramenti nemici per più di 800 metri, catturando un migliaio di prigionieri. Arrivò ad un chilometro circa dal Veliki Kribak e dal Pecinka, e perse, uccisi o feriti, altri 18 Ufficiali e 479 granatieri. Nella notte due contrattacchi austriaci furono respinti. Il giorno seguente, 14 agosto, al mattino i due Reggimenti si lanciarono avanti, il 1 Granatieri contro il Veliki Kribak, il secondo contro il Pecinka; ma il valore e il sangue furono vani, gli attacchi s infransero contro le fortissime posizioni. Riuscirono i Granatieri ad arrivare fin quasi alle dirute case di Loquizza, a conquistare q. 263 e q. 265 e due ordini di trinceramenti, a catturare 500 prigionieri, ma il Veliki e il Pecinka rimasero in mano nemica. Cooperò con loro un battaglione del 75 Fanteria Napoli. A sera i Granatieri, malgrado la stanchezza, tentarono ancora, a file decimate, di progredire. Il tiro terribile delle artiglierie e delle mitragliatrici nemiche ed i reticolati arrestarono l attacco. Quasi tutti gli ufficiali della Brigata furono messi fuori combattimento. Nella notte i superstiti stremati della Brigata furono sostituiti in linea dalla Brigata Pinerolo e si diressero a Peteano. Il giorno 16 agosto furono nuovamente chiamati nel Vallone di Doberdò, riuniti in un reggimento di formazione, su due battaglioni, come riserva della 4 a Divisione fino al 22 agosto. A tale data furono trasferiti a Versa, ove erano giunti complementi tratti dal deposito di Parma. Tra il 22 ed il 26 agosto la Brigata si ricostituì. La Brigata infatti nel periodo fra il 6 ed il 21 agosto aveva perduto il 75% dei suoi Ufficiali e il 56% della truppa. Aveva avuto uomini messi fuori combattimento e fra essi un gran numero di sottufficiali, con perdite difficilmente colmabili. Senza respiro i Granatieri di Sardegna furono subito chiamati ad altra prova durissima. Il 26 di agosto erano ancora in prima linea, sostituendo la Brigata Napoli, fra il T. Vipacco e q.213 del Nad Logem. Il 14 settembre iniziò la breve e sanguinosa settima battaglia dell Isonzo. DAL NAD LOGEM ALLE QUOTE DI REGIONE FORNAZA AGOSTO GIUGNO 1917 LA BATTAGLIA DELLA GLORIA Dalle cime dell insanguinato S. Michele i granatieri, passando a nord di Devetaki (lungo il Vallone,) puntano verso il Nad Logem, Gli austriaci rafforzati da nuove truppe inviate d urgenza dal fronte russo, oppongono 265

66 ai nostri disperata resistenza, ben comprendendo che dopo la nuova perdita del S. Michele, è aperta una grave falla nella zona Carsica. L 11 e il 12 Agosto 1916 i decimati resti della Brigata Granatieri, ben appoggiati dalle nostre artiglierie, conquistano quota 198 e puntano su quota 212. Quota 212 è un braciere ardente: le opposte artiglierie scaricano sulla posizione contrastata un diluvio di granate. Austriaci ed Italiani in mischia convulsa lottano fieramente e molti cadono frammisti negli spasimi dell agonia, uniti nel supremo sacrificio del dovere, della morte. Obici d ogni calibro sconvolgono la tormentata quota ed i reparti che assaltano sono sferzati da mille proiettili d ogni genere, comprese le membra dei morti e dei feriti, scaraventate addosso ai morituri quasi ad infrenarne la meravigliosa avanzata. Il Nad Logem è nostro. Numerosi prigionieri e parecchio materiale bellico compensano i nostri delle gravi perdite subite nel travolgente attacco. Molti sono anche i morti austriaci. Il nemico però non ha rinunciato all attacco. Diversi aeroplani sorvolano le posizioni lanciando pericolose fumate d avvertimento, per indicare alle artiglierie avversarie le nostre nuove posizioni. I granatieri, pur esausti dallo sforzo, provvedono sollecitamente a rafforzare il terreno conquistato. La notte del 13 Agosto è abbastanza calma: s intuisce che il nemico sta riorganizzando le proprie riserve, ben sapendo che il nostro obbiettivo d attacco è più avanti. L attacco al VelikI Kribach si svolge con garibaldina fierezza: ma mentre i granatieri avan- 266

67 zano superbamente, le truppe laterali piegano alla pressione nemica. II giorno dopo, superando con sbalzi leonini le zone battute da micidialissimi tiri di numerose mitragliatrici i nostri frantumano la resistenza avversaria, e il Veliki Kribach (al pendio) in parte è nostro. Contemporaneamente da Gotici si svolgeva l attacco per la conquista del Pecinka assicurando cosi il possesso di tutta la zona retrostante al S. Michele. Prima però di ritornare a meritato riposo il 16 Agosto 1916 i resti della Brigata sono richiamati nel Vallone per riprendere quota 187 perduta da altri reparti. In seguito la Brigata è inviata a riposo a Peteano. Verso la metà di Settembre si parte di nuovo per il settore Veliki Krìbak, Hudi Log e S. Grado di Merna, dove i nostri debbono sostenere non lievi sacrifici per la conquista della Collinetta di S. Grado, fortemente presidiata dagli austriaci. Per queste azioni, S. E. Cadorna cosi scriveva al Generale Pennella: Mi rallegro con Lei e con la storica Brigata delle magnifiche Gesta! Non credevo a tante perdite. E enorme! Esse testimoniano l eroico valore dimostrato. Onore ai Granatieri di Sardegna. Da Palikisce i due reggimenti si sostituiscono nei faticosi e dolorosi turni di trincea davanti ad Hudi Log e lungo la linea Castagnevizza Oppachiesella. Durante l inverno 1916, Gennaio 1917 la Brigata è impiegata in lavori difensivi sulla destra dell Isonzo e sulle alture di Oslavia. 267

68 DON LUIGI QUADRI CAPPELLANO DEI GRANATIERI MED. D ARGENTO AL VALOR MILITARE MEDAGLIA DI BRONZO AL VALOR MILITARE Subito dopo il combattimento, mentre ancora era intenso il fuoco nemico, con superbo sprezzo del pericolo, compiva la sua missione percorrendo impavido la linea dando sepoltura ai morti, confortando i feriti, e facendo efficace opera d incoraggiamento ai combattenti. (Boll.Uff Disp. 83). Altipiano Carsico (Quota 241), 25 Maggio-6 Giugno 1917 MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR MILITARE Durante la ritirata sul Piave, sempre in mezzo al proprio reggimento in sanguinosi combattimenti, compì sempre nobilmente le sue mansioni. Primo fra tutti in linea ed ultimo ad abbandonare le posizioni, dette tutta la sua attività per incoraggiare e confortare i feriti. Effettuato il ripiegamento sulla destra del fiume partecipò con una compagnia del reggimento a sanguinosi combattimenti sull ansa del Zenson, e ritiratosi il reparto, rimase sul posto, sotto il fuoco nemico di artiglieria e mitragliatrici, per l inumazione dei caduti, dando esempio di sublime abnegazione e di alto spirito del dovere. (Boll. Uff disp. 40) Medea al Piave (Treviso), Novembre

69 1917 L anno 1917 trovò la Brigata Granatieri di Sardegna nei propri alloggiamenti (il 1 Reggimento a Pradamano e Cargnacco, il 2 a Cussignacco e Terenziano), impegnata al riordinamento delle Unità. Il 3 gennaio fu posta a disposizione della 2 a Armata, ad eccezione del I Battaglione del 2 Reggimento (ventidue ufficiali e novecentocinquanta uomini di truppa) passato a disposizione della Piazza di Gorizia. Fino al 4 febbraio la Brigata tenne quindi il fronte che già era stato della 43 a Divisione, provvedendo alle opere di assestamento e impegnandosi in piccoli scontri armati. Il 26 marzo, per ordine del Comando Supremo, ridusse la forza delle proprie compagnie da duecentocinquanta a duecento uomini, costituendo con i granatieri esuberanti un VII Battaglione che fu dislocato ad Orgnano. In quel mese sia il comandante della Zona di Gorizia che il comandante della 12 a Divisione, passando in rassegna la Brigata, manifestarono il loro compiacimento e la certezza che la preparazione raggiunta dai granatieri avrebbe trovato piena conferma nei prossimi cimenti. Dal 21 maggio al 22 settembre la Brigata fu impegnata in sanguinose offensive sul Carso nel settore Jamiano, a Selo, a Fornaia e sulle quote 219, 235 e 241, avanzando poi verso l Hermada, sulla direttrice di Trieste. I combattimenti che i singoli reparti dei due reggimenti - posti in un certo periodo alle dipendenze l uno della Brigata Mantova e l altro della Brigata Padova - dovettero sostenere a partire dal 24 maggio, secondo anniversario dell entrata in guerra, furono numerosi ed in particolare quelli per la conquista sofferta delle quote 219, 235 e 241, in particolare l ultima più volte conquistata e perduta. Basti dire che soltanto nel suddetto giorno il solo 2 Granatieri perse, tra morti e feriti, ventotto Ufficiali e millecentosessanta uomini di truppa; morirono tra gli altri il Tenente Vincenzo Rocca alla testa della sua compagnia, meritando la medaglia d oro (la nona concessa a granatieri), e il Tenente Giorgio Reiss Romoli, triestino (mentre suo fratello Guglielmo restò ferito). Molte compagnie restarono senza ufficiali, al comando di aspiranti ufficiali, o furono completamente annientate. Si era anche disposto, il 26 maggio, 269

70 che pur così ridotto il reggimento avanzasse su Selo e quota 247: ma l ordine dovette essere sospeso per l impossibilità materiale di quei reparti di compiere, in quel momento e ridotti al minimo della forza, qualsiasi azione offensiva. Dopo un tentativo del nemico, il 30 maggio, contro il fronte del 1 Granatieri, da questo respinto, fino al 2 giugno non ci furono operazioni di rilievo. Ma il 3, dopo un forte fuoco di artiglieria, gli austriaci attaccarono in forze. Il contrattacco dei granatieri, effettuato anche con bombe a mano ed all arma bianca, fu tale che il nemico dovette ritirarsi, lasciando ai reticolati e di fronte alle nostre trincee mucchi di cadaveri. Finalmente, la notte sul 5 giugno la Brigata fu ritirata dalla prima linea, dalle aspre posizioni costate fino allora complessivamente tremila uomini. Ma non fu trascorso il giorno, erano trascorse appena diciannove ore, che il 1 Reggimento, che si era raccolto in località Casa Bonetti, fu inviato, con urgenza, a rioccupare le quote 219 e 235 che nella notte gli austriaci avevano riconquistato. Il 1 Granatieri, con un attacco rabbioso, in mischie convulse le riconquistò. Furono imprese, quelle dei due Reggimenti Granatieri nel maggio-luglio 1917 nella Regione Fornaza, a quote 235 e 219 il 1, a quota 241 il 2, che veramente rinverdirono di novella gloria le fiere tradizioni dei Granatieri di Sardegna, come si legge nelle motivazioni delle due medaglie d oro concesse alle loro bandiere. La sera del 15 luglio la Brigata partecipò ad un azione offensiva per consolidare le posizioni attorno alla quota 241, operazione nella quale furono particolarmente impiegati il II Battaglione del 2 Reggimento al comando del maggiore Giunta e poi una compagnia del Battaglione Ardissone del 1. Il 19 luglio la Brigata fu ritirata in zona di riposo dove restò fino al 13 agosto; ed ivi il 5 agosto il duca d Aosta volle personalmente consegnare, al cospetto della Brigata in armi, le ricompense al valor militare agli ufficiali ed ai granatieri che maggiormente si erano distinti nella cruenta battaglia, dicendosi orgoglioso di decorare i rossi Granatieri di Sardegna. Da tre secoli - disse - dove più acceso fu il bagliore delle 270

PLECE CAPPELLA MILITARE BES

PLECE CAPPELLA MILITARE BES CLUB ALPINO ITALIANO Sottosezione VAL NATISONE PLECE CAPPELLA MILITARE BES di Mariano Moro Sulla sella tra le cime del Plece (1299 m.) e del Planica (1376 m.) sorse, in una posizione defilata, la Cappella

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA Anche se poco noto la Calabria ha pagato un contributo di sangue altissimo. I dati riportati dagli elenchi regionali dell albo d oro riportano un totale di circa 530.000

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE CENTENARIO DELLE TREGUE DI NATALE Venerdì 25 dicembre 1914, Belgio, settore settentrionale del fronte occidentale, trincee delle Fiandre, sud di Ypres: è il primo Natale

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

SAN GABRIELE. L Arcangelo Maledetto. Mariano Moro

SAN GABRIELE. L Arcangelo Maledetto. Mariano Moro SAN GABRIELE L Arcangelo Maledetto di Mariano Moro Dopo la conquista di Gorizia, avvenuta nell agosto 1916 1, il nome del monte San Gabriele come quello del Monte Santo incominciò a fare giornalmente la

Dettagli

Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Regole generali... 2

Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Regole generali... 2 Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Argomento Pagina Regole generali... 2 Il Capitano Fedele (per 2 giocatori da 10 anni in su)... 2 Circondare i pirati avversari. Non è così semplice come sembra.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Una situazione geografica del tutto particolare quella dei Bagni di Craveggia. Si tratta infatti di una località (posta a 986 m s.l.m.)

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA TRINCEA La Prima Guerra Mondiale fu caratterizzata da combattimenti in TRINCEA una tattica di guerra che vide gli eserciti nemici fronteggiarsi per lunghi periodi di tempo.

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO VADEMECUM DELLA PALLAVOLO A. Il campo Il campo della pallavolo misura 18x9 metri ed é diviso in due metá uguali dalla linea di metá campo sopra la quale corre le rete. La linea di metá campo appartiene

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso.

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. REGOLAMENTO FAENTINO LE PEDINE Sono 144 così divise: Fiori x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Stagioni x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Dall 1 al 9 x 4 Scritti (detti anche caratteri) Dall 1 al 9 x 4 Canne (detti

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRAVATTE ROSSE DEL 1 SAN GIUSTO STORIA 1624-1943

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRAVATTE ROSSE DEL 1 SAN GIUSTO STORIA 1624-1943 STORIA 1624-1943 Il 1 Reggimento "San Giusto" è stato il più antico reggimento dell'esercito Italiano. Esso nacque infatti nel 1624 quale Reggimento "Fleury", al servizio di Carlo Emanuele I di Savoia.

Dettagli

hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com -

hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com - hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com - Tema: Il gioco rappresenta un assedio dove il numero degli Assedianti, è il doppio di quello degli Assediati.

Dettagli

MENGORE SANTA MARIA (q. 453)

MENGORE SANTA MARIA (q. 453) CLUB ALPINO ITALIANO Sottosezione VAL NATISONE MENGORE SANTA MARIA (q. 453) di Mariano Moro Chiesa della Vergine Maria edificata sull altura di Mengore L altura di Mengore (453 m.), con la chiesa della

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI)

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) CONTENUTO Ogni scatola comprende: 1 tabellone rappresentante l Europa suddivisa in 6 Imperi e 44 Territori,

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 I.STORIA. Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo. s.i. D.

Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 I.STORIA. Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo. s.i. D. Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 Estensore della scheda: Nicola Palombaro I.STORIA Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo Data iniziale: 05/12/1943 Data finale:

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di svolgere a Torino, prima Capitale d Italia, il 3 Raduno

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

Capitolo 3: Cenni di strategia

Capitolo 3: Cenni di strategia Capitolo 3: Cenni di strategia Le "Mobilità" L obiettivo fondamentale del gioco è, naturalmente, catturare semi, ma l obiettivo strategico più ampio è di guadagnare il controllo dei semi in modo da poter

Dettagli

La tragedia di Caporetto: quasi un secolo fa

La tragedia di Caporetto: quasi un secolo fa La tragedia di Caporetto: quasi un secolo fa S ì, una tragedia annunciata quella di Caporetto, con undicimila soldati italiani morti, ventinovemila feriti, quasi trecentomila prigionieri e oltre trecentomila

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P.

REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P. REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P.IVA 01468030083 1) La distribuzione delle carte 2) Le regole del gioco 3) Dichiarazioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

Federazione Italiana Gioco Bridge settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì. di Viadana n 139. sommario

Federazione Italiana Gioco Bridge settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì. di Viadana n 139. sommario responsabile e.mail mobile telefono/fax indirizzo località Federazione settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì ilpontediviadana@hotmail.it n 139 settimanale di bridge spedito via

Dettagli

TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8

TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8 TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8 di Robert Berthe Se in un contratto ad atout uno dei difensori gioca in un colore nel quale il dichiarante e il morto non hanno più carte da rispondere, egli permetterà

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - MIGNONE Domenico di Fiorentino nato a Ceppaloni il 26 febbraio 1876 soldato del 3 reggimento artiglieria da

Dettagli

Trasferisci immediatamente un numero di segnalini Magia pari al Livello + 1 dalla riserva del tuo avversario alla tua.

Trasferisci immediatamente un numero di segnalini Magia pari al Livello + 1 dalla riserva del tuo avversario alla tua. Terrorizzato! Colpo alle Spalle Spia Falsi ordini Ladro 9 Giocala in risposta ad una carta Comando del tuo avversario. L unità può muovere un numero di esagoni pari al livello + 1 e quindi combattere.

Dettagli

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo,

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, magari avrebbe trovato la risposta che cercava. E così

Dettagli

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI)

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) Le seguenti regole si applicano a tutte le versioni del gioco, anche se ogni edizione può avere delle differenze. Ci sono quattro principali gruppi di

Dettagli

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME 1 CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME Dopo l ottima e significativa collaborazione con il Cedoc (ex Distretto Militare di Milano, ora Centro Documentale) avvenuta ad Ossona (MI) nella primavera scorsa; i due

Dettagli

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE)

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) REGOLA NUMERO 12 FALLI E SCORRETTEZZE Un calcio di punizione diretto, da battere nel punto in cui è accaduto, è accordato alla squadra

Dettagli

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it Lombardia Run The Top TRINCEE TRAIL Guida e GPS www.regione.lombardia.it Lunghezza: 21 km Dislivello: 1100 mt D+ Tecnicità: percorso che si sviluppa in gran parte lungo trincee di inizio secolo con diversi

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS Visto che le richieste in chat sono sempre maggiori ed è difficile riassumere in poche righe il sistema che utilizzo per fare risorse in poco tempo, ho pensato che

Dettagli

Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto

Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto Si tratta di una versione ridotta e parzialmente modificata del Regolamento Ufficiale della Federazione Italiana Pallavolo (al quale, peraltro, ci si atterrà per

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco Scopa Il Torneo Il toreo di scopa viene solitamente organizzato in incontri ad eliminazione diretta due contro due (va quindi utilizzato il tabellone ad eliminazione diretta). Non è consentito parlare

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci

GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci Vedi mi diceva Lussu in guerra non è sempre così, e lo sai bene anche tu. C erano delle pause, abbiamo anche cantato, scherzato, abbiamo avuto ore

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

Il Rugby in 5 minuti

Il Rugby in 5 minuti FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Il Rugby in 5 minuti a cura della 3^ edizione 2009-10 IL TERRENO Il Terreno è la superficie totale di gioco, indicata nella pianta. Esso comprende: Il Campo di Gioco è l area

Dettagli

Il ritorno di Valkur. Il ritorno di Valkur

Il ritorno di Valkur. Il ritorno di Valkur A1 Questa leggenda è scritta su 8 carte: A1, A2, A3, A4, B, E1, E2 e N. Dopo molte sconfitte, le creature erano più furiose che mai. Senza una guida non potevano vincere. Ma dalle montagne una sinistra

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Il sottocampo di Gusen All inizio del dicembre 1939 ebbe inizio la costruzione di Gusen I, campo di lavoro dipendente da quello centrale di Mauthausen

Dettagli

Le rappresentanze di tutte le Forze Armate Italiane al 38 Raduno nazionale dei Granatieri di Saedegna il Y] e 18 settembre 2005 a Jesi»

Le rappresentanze di tutte le Forze Armate Italiane al 38 Raduno nazionale dei Granatieri di Saedegna il Y] e 18 settembre 2005 a Jesi» Le rappresentanze di tutte le Forze Armate Italiane al 38 Raduno nazionale dei Granatieri di Saedegna il Y] e 18 settembre 2005 a Jesi» Uno dei momenti del " Carosello Storico " eseguito dai Granatieri

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

Regolamento Ravennate 200/400

Regolamento Ravennate 200/400 Regolamento Ravennate 200/400 L INIZIO Il tavolo è composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. Controllare la propria posta in fiches,, deve risultare un totale di 2000 punti. ( 1 da 1.000,

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli