COSA FARE IN CASO DI. Ing. Giancarlo Rivelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA FARE IN CASO DI. Ing. Giancarlo Rivelli"

Transcript

1 COSA FARE IN CASO DI PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli

2 Sicurezza e norme La sicurezza è una catena costituita da molti anelli Ogni anello della catena rappresenta una norma Trasgredire ad una norma equivale a rompere la catena della sicurezza Le norme di sicurezza sono semplici, suggerite dal buon senso Le norme sono scritte con il sangue PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 2

3 Sicurezza e norme Non cercate scorciatoie Le disgrazie arrivano da sole, non andiamo a cercarle, saranno loro a trovare noi! Importanza della formazione Importanza dell esperienza PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 3

4 VALORE DELL ESPERIENZA ESPERIENZA IN EMERGENZA E fondamentale avere esperienza, per non dover inventare soluzioni estemporanee in condizioni di emergenza Non dobbiamo però staccare il cervello, perché l apparenza non rispecchia necessariamente la realtà PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 4

5 REALTA E APPARENZA Realtà esterna = ciò che è scritto fiori rosa fiori di di pesco Realtà interna = apparenza: fiori rosa fiori di pesco Ciò che vediamo, cioè l apparenza, è la realtà mediata dalla nostra esperienza PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 5

6 Effetto Tunnel Tunnel Si verifica quando un evento, il più delle volte inatteso, sorprendente e potenzialmente pericoloso,, cattura la nostra attenzione, facendo in modo che qualunque altra cosa passi in secondo ordine, al punto da non accorgercene. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 6

7 Paura è un fenomeno positivo; è un emozione, una situazione psichica normale; è una reazione biologica naturale; è comune a tutti gli esseri viventi; è prodotta da una scarica di adrenalina (ormone secreto dalla ghiandola surrenale); ha funzione di protezione preparando alla reazione attiva; va contenuta e controllata perché può trasformarsi in PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 7

8 Panico è un fenomeno negativo; produce paralisi psicomotoria, tremore, vista offuscata, aumento dei battiti cardiaci; provoca abbassamento delle capacità sensoriali (diminuisce la sensibilità al dolore); genera comportamento illogico (andatura a zigzag, ecc); è più frequente nei gruppi; più è intenso meno è controllabile; è contagioso; porta a sopravvalutare un pericolo; non è correlato alla gravità del rischio; si scatena quando l organismo non riesce ad organizzare un meccanismo di difesa; va isolato sul nascere. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 8

9 Come vincere il panico Fondamentale per la sopravvivenza non essere preda del panico. Il panico si combatte con la formazione. A chi è in preda al panico è utile: - parlare con tono calmo tenendogli la mano; - far svolgere esercizi di respirazione (inspirare dal naso, espirare dalla bocca) - far respirare per un minuto dentro un sacchetto PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 9

10 Come vincere il panico Per tenere alto il livello di coscienza in situazioni potenzialmente a rischio instaurare un comando che dia disposizioni: - semplici: pochi concetti comprensibili a tutti; - chiare: non devono richiedere ulteriori spiegazioni: - efficaci: fatti, non chiacchiere; - non contraddittorie. Pensare positivo (affetti, obiettivi personali). Possibilità di cavarsela: 10% caso, 10% mezzi disponibili, 80% spirito di sopravvivenza. Ritornare sul luogo dell evento al più presto. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 10

11 Modalità di chiamata dei soccorsi MANTIENI LA CALMA: VELOCITÀ E QUALITÀ DEI SOCCORSI DIPENDONO DALLE INFORMAZIONI CHE TU DARAI CHIAMA IL: 112 CARABINIERI 113 POLIZIA 115 VIGILI DEL FUOCO 118 SOCCORSO SANITARIO Dott. ARPA..... ENEL HERA PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 11

12 Modalità di chiamata dei soccorsi DEVI DIRE: MI CHIAMO... TELEFONO DAL NUMERO... DELLA DITTA... CHE SI TROVA IN VIA.... A.... SI È VERIFICATO UN: INCENDIO - INCIDENTE - MALORE - CROLLO ESPLOSIONE - INQUINAMENTO, ECC. SONO COINVOLTE PERSONE, DI CUI INTRAPPOLATE LE LORO CONDIZIONI APPARENTI SONO SONO PRESENTI SOSTANZE: INFIAMMABILI-ESPLOSIVE ESPLOSIVE-TOSSICHE INQUINANTI-BOMBOLE BOMBOLE-SERBATOI - ECC. ULTERIORE RISCHIO DI: ESTENSIONE DELL' INCENDIO - CROLLO ESPLOSIONE - INQUINAMENTO DELL ARIA O DELL ACQUA - ECC. FARE RIFERIMENTO PER OGNI INFORMAZIONE AL SIG.... ANNOTA L ORA L DELLA CHIAMATA E CON CHI HAI PARLATO ACCERTATI CHE ABBIANO COMPRESO NON CHIUDERE LA COMUNICAZIONE PER PRIMO PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 12

13 NORME DI COMPORTAMENTO VALIDE PER CITTADINI E SOCCORRITORI DURANTE LA SCOSSA Rimanete dove vi trovate, non tentate di raggiungere l esterno se siete all interno, non riparatevi all interno se siete all esterno. SE SIETE ALL INTERNO: Mantenete la calma. Cercate riparo sotto un tavolo od un letto, stando rannicchiati e con le braccia a protezione della testa, oppure Cercate riparo vicino ad un muro portante, meglio se in un angolo di una stanza, oppure Cercate riparo sotto l architrave di una porta. Evitate di rimanere nel centro del locale nel quale vi trovate. Evitate la vicinanza di superfici vetrate quali porte, finestre, abbaini, vasistas, vetrine. Evitate la vicinanza di oggetti che possono cadere da pareti o soffitti, come quadri o lampadari.

14 NORME DI COMPORTAMENTO VALIDE PER CITTADINI E SOCCORRITORI DURANTE LA SCOSSA Evitate la vicinanza di mobili alti quali armadi, scansie, librerie, che se non fissati possono rovesciarsi. Non sostate sulle scale e sui balconi. Fermate l ascensore o dal montacarichi al piano più vicino, non sostate sui gradini della scala e riparatevi sotto un architrave. SE SIETE ALL ESTERNO: Mantenete la calma. Allontanatevi da fabbricati, muri, tralicci, cavi elettrici, alberi, antenne, comignoli, pendii scoscesi, scarpate, ponti, sottopassi, fiumi, torrenti, bacini, stagni ( in particolare se questi ultimi si trovano lungo il fianco di un monte). Non sostate nei sottopassaggi, nelle gallerie, sotto i ponti. Se siete alla guida fermatevi in un punto sicuro.

15 DOPO LA SCOSSA Procuratevi: una coperta, una riserva d acqua, una lampada portatile, una radio a batterie. Non accendete luci, non usare candele, accendini, fiamme libere, ma utilizzate una lampada portatile. Indossate un robusto paio di scarpe. Fate attenzione ad aprire gli armadi: potrebbe cadere qualcosa dall alto. Se decidete di abbandonare i locali, chiudete l interruttore generale di gas, luce ed acqua. Non utilizzate l ascensore Utilizzate le scale dell edificio solo dopo aver controllato il loro stato apparente. Non attardatevi a controllate se il fabbricato ha accusato danni. Nel caso di danni apparenti chiedete l intervento di un tecnico qualificato (se non siete in grado di farlo personalmente) per una accurata valutazioni delle condizioni statiche dell edificio. Non utilizzate il telefono, ammesso che funzioni, se non per chiedere soccorsi.

16 DOPO LA SCOSSA Chiudete la porta e le finestre di casa. Non usate l auto. Non avvicinatevi ad animali spaventati. Non portate animali domestici nei centri di raccolta. Non spostate feriti se non in caso di ulteriore e più grave pericolo. Allontanatevi da spiagge, fiumi, fianchi scoscesi di monti. State sdraiati o seduti per una mezz ora dopo l evento. Utilizzate una radio portatile per avere notizie. Collaborate a mantenere le strade sgombre per il passaggio dei mezzi di soccorso. Rispettate le disposizioni che vengono emanate dalle autorità. Collaborate con la Protezione Civile.

17 NORME DI COMPORTAMENTO SUGGERITE AI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE - 1 ABBIGLIAMENTO Indossare gli abiti in dotazione al gruppo, nei colori prescritti (arancio, giallo, rosso, blu). Vestitevi a strati, in modo da potervi alleggerire o coprire con facilità e continuità; si consiglia: maglietta della salute; maglietta a maniche corte; felpa o pile; calzoni con pettorina di provata efficienza o con cintura resistente, meglio se con gancio o moschettone di ritenuta; giacca a vento o key way; cappello. Non indossare cinture portate larghe od altri accessori che possano dare luogo ad agganciamenti a maniglie, ferri, parti sporgenti, ecc. Nel caso di lavoro su macerie proteggere le vie respiratorie con mascherine o fazzoletti, meglio se bagnati, e gli occhi con occhiali aderenti antinfortunistici a lente neutra.

18 NORME DI COMPORTAMENTO SUGGERITE AI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE - 2 ABBIGLIAMENTO Si raccomanda l uso di scarpe alte con suola antinfortunistica e fortemente incisa (tipo Vibram), ugualmente valide le pedule da montagna (ma non sulle macerie), mentre è assolutamente vietato l uso delle scarpe da tennis. Si raccomanda l uso di guanti da lavoro. Si raccomanda di portare con se almeno due paia di guanti in lattice da pronto soccorso. Durante gli interventi nelle ore di buio indossare capi ad alta visibilità. I volontari che escono dal campo base per ricognizioni, sopralluoghi e interventi devono indossare il casco antinfortunistico personale. L intervento in zona terremotata non può prescindere dalla possibilità che si verifichino ulteriori scosse sismiche ad ogni ora del giorno e della notte, pertanto si consiglia di: riposare rimanendo vestiti quanto più possibile; tenere a portata di mano, sistematicamente nella stessa posizione, torcia elettrica, scarpe, giacca a vento e quanto altro ritenuto indispensabile, in modo da essere pronti nel minor tempo possibile in caso di necessità.

19 MODALITA OPERATIVE DEGLI INTERVENTI DOPO LE SCOSSE - 1 Si ricorda che la distanza minima di sicurezza da qualsiasi fabbricato od elemento in elevazione è almeno pari alla sua altezza: RISPETTATE TASSATIVAMENTE QUESTA FONDAMENTALE MISURA DI SICUREZZA. E` fatto assoluto divieto di avvicinarsi a distanza inferiore a quella di sicurezza o di entrare nei fabbricati lesionati, abbandonati e/o dichiarati inagibili se non espressamente autorizzati dall autorità competente al fine di una verifica concordata della stabilità. La guida dei mezzi di soccorso deve essere fatta a velocità moderata, rimanendo quanto più possibile verso il centro della carreggiata, onde evitare possibili sassi e massi scaricati dall alto, franamenti della strada, ostacoli quali macerie, cavi, ecc. Questa misura è ulteriormente giustificata dal fatto che a bordo di un veicolo in moto le scosse di terremoto si avvertono in misura molto minore.

20 MODALITA OPERATIVE DEGLI INTERVENTI DOPO LE SCOSSE - 2 I volontari devono porre particolare attenzione alla presenza di fabbricati, muri, tralicci, cavi elettrici, alberi, antenne, comignoli, pendii scoscesi, scarpate, ponti, sottopassi, fiumi, torrenti, bacini, stagni ( in particolare sul fianco di un monte). Nel caso di scosse notturne i volontari in ricognizione a piedi devono fare uso sistematico delle torce scandagliando l area in direzione alto-basso e destra-sinistra senza soluzione di continuità, per sincerarsi che il terreno percorso sia sicuro e che nulla di pericoloso penda dall alto o incomba sul passaggio. I volontari in ricognizione, in costante collegamento radio con il campo base e/o con l assistenza di altri volontari, controlleranno, previa specifica autorizzazione: eventuali nuovi danni ai fabbricati; le condizioni fisiche delle persone; il funzionamento delle linee telefoniche ed elettriche di ogni gruppo di fabbricati, tende o roulottes; le esigenze manifestate dalla popolazione, facendo al ritorno al campo precisa relazione scritta di quanto verificato.

21 Cosa fare in caso d alluvione d Stare lontani da corsi d acqua, d cascate, pendii, gole, vallecole,, depressioni del terreno Non sostare su argini, ponti, passerelle Guardare o vigilare sempre nella direzione da cui arriva la corrente Non attraversare corsi o distese d acqua d se non per estremo bisogno Se costretti ad attraversare usare sempre un bastone (o qualcosa di simile) per saggiare il cammino Attraversare la corrente sempre procedendo a 45 controcorrente Abbandonare l auto l se l acqua l raggiunge il mozzo (circa 25 cm) Non usare mezzi a due ruote se non si riesce a vedere la strada o quando l acqua l e pi alta del pneumatico (10 cm) acqua PRO-ING e più Ing. Giancarlo alta Rivelli del pneumatico (10 21 cm)

22 Cosa fare in caso d incendio d Mantenere la calma; Valutare la gravità dell incendio. PER INCENDI DI MODESTA ENTITÀ Dare l allarme l con il sistema convenuto (a voce, con suono continuo e mantenuto di campanello, fischietto, sirena, tromba pneumatica, altoparlante, ecc.); Intervenire con gli estintori in dotazione; A fuoco estinto controllare accuratamente lo spegnimento totale delle braci; Arieggiare abbondantemente i locali prima di consentire l accesso alle persone. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 22

23 Cosa fare in caso d incendio d PER INCENDI DI VASTE PROPORZIONI Dare l allarme l con le modalità note e fare allontanare tutte le persone; Fermare gli impianti e gli apparecchi di ventilazione e condizionamento; Interrompere il flusso del gas e dell elettricit elettricità nella zona interessata; Richiedere l intervento l dei VVF; Azionare gli eventuali impianti fissi di estinzione; Allontanare dalla zona i materiali infiammabili o pericolosi. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 23

24 Modalità di evacuazione Possibilmente salvate gli originali delle polizze di assicurazione, documenti, licenze, autorizzazioni, permessi, certificati, registri, contabilità,, copie di sicurezza di dati informatici. Se siete in un ambiente di lavoro o una persona addetta porti con n sé s la pianta del luogo di lavoro con l indicazione l delle scale, delle vie e delle uscite di sicurezza, dei dispositivi di allarme e lotta antincendio, dei dispositivi di chiusura di combustibile, energia elettrica, acqua, a, ventilazione/condizionamento, alimentazione ascensore, la puntualizzazione di impianti e locali esposti a rischi particolari ri unitamente alle schede di sicurezza dei prodotti presenti in azienda. Prima di aprire una porta, non impugnate la maniglia, ma saggiate con il dorso della mano la temperatura della porta stessa, dal basso verso l alto: se essa è calda è esternamente lambita dalle fiamme, pertanto è meglio non aprirla e cercare altra via di salvezza. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 24

25 Modalità di evacuazione Se potete, chiudete l interruttore generale della luce,, la valvola generale del gas e l impianto l di ventilazione/condizionamento. Portate possibilmente con voi un capo di abbigliamento,, da usare, anche bagnato in caso di incendio, per proteggervi la testa e le spalle. Nella necessità di passare vicino alle fiamme spogliatevi dei vestiti in tessuto sintetico e, le donne che portano la gonna, delle calze di fibra sintetica. Circolate nei locali cercando la protezione delle pareti, stando aderenti al muro. In caso di fumo state bassi, comprimendovi la bocca e il naso con un fazzoletto o un lembo di tessuto,, meglio se bagnato. Uscendo chiudetevi alle spalle porte e finestre. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 25

26 Modalità di evacuazione Dirigetevi SENZA SPINGERE E SENZA CORRERE, MA CAMMINANDO VELOCEMENTE verso la più vicina uscita di sicurezza. Scendete le scale stando contro il muro e lontano dalla tromba delle scale. Non utilizzate in nessun caso l ascensore o il montacarichi,, anche se di tipo antincendio. Durante l evacuazione l RIMANETE IN SILENZIO QUANTO PIÙ POSSIBILE: : parlate solo per dare istruzioni, ricordando che gridare inspirando fumo irrita la gola ed aggrava il vostro stato. Le persone con limitate capacità di movimento (handicap, carrozzella, stampelle) devono uscire in coda alle altre per non intralciare e devono essere aiutate nell evacuazione. evacuazione. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 26

27 Modalità di evacuazione Una volta usciti recatevi al PUNTO DI RITROVO (vedi pianta, se esistente), posto in luogo sicuro e a distanza di sicurezza. Non abbandonate il luogo dell incendio incendio: : potrebbero credervi ancora all interno e comunque potreste fornire preziose informazioni ai soccorritori. Fate presidiare gli ingressi fino all arrivo arrivo dei soccorsi, evitando che curiosi o persone non autorizzate possano entrare nei locali evacuati. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 27

28 Incendio degli abiti Allontanare la persona da materiali in fiamme Possibilmente non usare estintori Fare cadere la persona a terra, facendola rotolare sulla pancia Soffocate le fiamme con coperte ignifughe, panni, giacche, indumenti (no fibre sintetiche) PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 28

29 Assistenza ai disabili In caso di ambienti con presenza di molte persone si consiglia di d evacuare i disabili dopo i normodotati. Persone con ridotta mobilità fisica, ciechi: : vanno assistite da una o due persone fisicamente idonee. Persone su sedia a rotelle: : vanno assistite da due a quattro persone fisicamente idonee. Persone con udito ridotto: : incaricare una o più persone fisicamente idonee per allertare e assistere. Ricordare che anche gli anziani, i bambini, le donne in gravidanza necessitano di assistenza. Si sconsiglia in assoluto l utilizzo l di ascensori,, anche se di tipo antincendio. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 29

30 MEMORANDUM PER UNA CORRETTA EVACUAZIONE 1. NON GRIDARE 2. NON SPINGERE 3. NON CORRERE 4. CAMMINA VELOCE PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 30

31 Se non riuscite a lasciare i locali Mantenete la calma. Se possibile chiudete l interruttore generale del gas. Se possibile interrompete l impianto di ventilazione-condizionamento. Tappare con qualsiasi cosa, tessuto, coperte, lenzuoli, asciugamani, cuscini, carta, meglio se bagnati, ogni possibile ingresso di fumo dalle porte e/o dalle finestre: fessure, toppe, griglie. Possibilmente bagnate il pavimento, nonché le porte e le pareti nella direzione da cui proviene l incendio. l Spogliatevi dei vestiti in tessuto sintetico. In caso di fiamme copritevi la testa e le spalle con panni bagnati. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 31

32 Se non riuscite a lasciare i locali In caso di fumo state bassi,, comprimendovi la bocca e il naso con un lembo di tessuto bagnato, ricordando che negli angoli bassi c è c la minima concentrazione di fumo, respirate lentamente. In caso di presenza di fumo nel locale aprite una finestra e respirate rimanendo bassi ai bordi laterali inferiori della finestra. Possibilmente non gridate, fate notare la vostra presenza agitando qualcosa di colorato da una finestra o usate un fischietto. PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 32

33 1/3 1/3 1/3 1/3 1/3 Fluidodinamica Interno Esterno 1/3 2/3 2/3 Fumo esce Aria entra PRO-ING Ing. Giancarlo Rivelli 33

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Al Prof. Funzione Strumentale Ballarin Marco AI DOCENTI DI SOSTEGNO ED OPERATORI SOCIO SANITARI E p.c personale ATA Oggetto: Piano di emergenza Prova

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Pagina: 1 di 12 PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA Compiti del Coordinatore dell emergenza (procedura PROC_1) Compiti dell addetto alla comunicazione (procedura PROC_2) Compiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

Manuale sulle procedure di sicurezza ed emergenza

Manuale sulle procedure di sicurezza ed emergenza Università del Piemonte Orientale Facoltà di Lettere e Filosofia Manuale sulle procedure di sicurezza ed emergenza A cura del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione Sig. Valerio Marinucci 1

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

MISURE DA ADOTTARE NEI CASI DI EMERGENZA

MISURE DA ADOTTARE NEI CASI DI EMERGENZA LICEO SCIENTIFICO Leonardo da Vinci JESI LA SICUREZZA 5 MISURE DA ADOTTARE NEI CASI DI 4.1 SOMMARIO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. Definizione di emergenza Quali sono le emergenze Prevenzione delle emergenze L organizzazione

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

Lavorare in sicurezza

Lavorare in sicurezza 11 settembre 2013 Lavorare in sicurezza Con il decreto legislativo 626 del 1994 riguardante il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, l informazione e la formazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13 PIANO DI EMERGENZA 1-13 Questo semplice manuale raccoglie, in modo organico, le informazioni già fornite al personale, relative ai comportamenti da tenere in caso di emergenza. Benché ogni situazione sia

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE 1 OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE E quello di sviluppare i temi legati all evacuazione ed ai criteri generali che la governano ponendo tutti gli interessati nelle condizioni di apprendere la terminologia ed

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca EU ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI Sede Centrale: Crevalcore 40014 Via Persicetana, 45-0516801711 fax 051980954

Dettagli

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino»

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Dirigente scolastico: Prof.ssa Cesarina Santocchi PLESSI: Vignanello: infanzia, primaria, secondaria di 1 grado. Vallerano: infanzia, primaria,

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? Numero 1/02 Luglio 02 Cos è un emergenza Un emergenza può essere definita come qualsiasi

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

OGGETTO: PIANO D'EMERGENZA ED EVACUAZIONE

OGGETTO: PIANO D'EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI CON SEZIONI ASSOCIATE LICEO SCIENTIFICO LICEO CLASSICO Via L. da Vinci - 08045 Lanusei (Nu) tel. 0782/42624 - fax 0782/48098 - E Mail: nups0500q@istruzione.it

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE per una cultura della sicurezza _ COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa o si soggiorna, è

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli