Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO"

Transcript

1 IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

2 Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le figure sensibili responsabili dell attuazione del piano sono : il Coordinatore dell emergenza il Docente responsabile di piano il Collaboratore responsabile di piano il Docente responsabile di classe gli alunni aprifila e chiudifila il personale responsabile dei disabili il Responsabile dei centri di raccolta 2

3 Compiti del Coordinatore dell Emergenza Costituisce il punto di riferimento per tutte le fasi dell emergenza ; dovrà conoscere le procedure previste nel piano dei emergenza, le caratteristiche dei luoghi, le vie di fuga ed i luoghi sicuri, il tipo, il numero e l ubicazione degli impianti di spegnimento degli incendi, l ubicazione degli interruttori generali di elettricità, gas ed acqua. Tale funzione è assolta dal Dirigente Scolastico o suo delegato. Compito del coordinatore è quello di porre in atto tutte le misure di emergenza previste nel Piano, modificarle (se necessario) e ordinare l evacuazione. 3

4 Compiti del Docente Responsabile di Piano Ha la funzione di referente nei confronti del coordinatore e di tutti gli allievi delle classi che si trovano sul piano; provvede, inoltre, alla formazione degli allievi sulle procedure di emergenza. Ha il compito di controllare periodicamente : la disposizione dei banchi nelle aule, l agibilità delle uscite di sicurezza, l assenza di eventuali ostacoli sulle vie di fuga, lo stato della cartellonistica di emergenza. E nominato dal dirigente scolastico. 4

5 Compiti del Collaboratore Scolastico Responsabile di Piano Ha la funzione di referente di collaborare con il docente responsabile di piano e con i docenti responsabili di classe. Ha il compito di controllare periodicamente : lo stato di carica degli estintori, l efficienza ed integrità degli idranti, l agibilità delle uscite di sicurezza e delle vie di fuga, lo stato della cartellonistica di emergenza. E uno dei collaboratori scolastici in servizio, nominato dal dirigente scolastico. 5

6 Compiti del Docente Responsabile di Classe Ha la funzione di referente nei confronti di tutti gli allievi della classe. Ha la responsabilità della classe quando l emergenza è in atto e, pertanto, fa rispettare a tutti gli allievi le norme comportamentali previste dal piano di emergenza. E il docente che, all atto della segnalazione dell emergenza, risulti essere in servizio nell aula assegnata alla classe. 6

7 Compiti degli Alunni aprifila - chiudifila Hanno il compito di delimitare il gruppo classe durante l esodo verso i punti di raccolta. Sono scelti dal coordinatore della classe tra gli allievi che diano maggiore affidabilità in termini di responsabilità e di presenza in classe. Dovranno essere nominati 2 allievi aprifila [1 titolare ed uno di riserva] e 2 allievi chiudifila [1 titolare ed uno di riserva]. 7

8 Compiti del personale responsabile per i disabili Hanno il compito di accompagnare in luogo sicuro gli eventuali disabili presenti nell istituto durante l esodo verso i punti di raccolta. Sono designati dal Dirigente Scolastico, in numero pari a 2 (due) per ogni disabile, tra il personale sempre presente in istituto. 8

9 Compiti del Responsabile dei Centri di Raccolta Ha il compito di gestire gli spazi destinati alla raccolta degli alunni in modo che l afflusso sia ordinato e che le operazioni di verifica dei presenti siano prontamente effettuate. Provvede a compilare la scheda riepilogativa del piano di evacuazione ed a consegnarla, ad evacuazione conclusa, al coordinatore dell emergenza. Nel caso in cui sia segnalata la presenza di dispersi, deve assumere tutte le informazioni del caso e riferire al coordinatore dell emergenza. E designato dal Dirigente Scolastico. 9

10 Tipologia delle situazioni di rischio Nel Piano di Emergenza sono state analizzate le seguenti situazioni di rischio : 1.- Incendio 2.- Fuga di gas 3.- Allagamento 4.- Terremoto 5.- Azione criminosa 6.- Nube tossica e definite le relative procedure e norme comportamentali. 10

11 3 squilli lunghi Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Fase di allarme 3 squilli lunghi Tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi con intervallo di circa due secondi. Segnala l esistenza di una situazione di emergenza che potrebbe comportare l evacuazione di tutto l istituto o di parte di esso. Tutto il personale deve prepararsi ad un eventuale ordine successivo di evacuazione.

12 Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Fase di evacuazione 3 squilli lunghi + ordine verbale Tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi, con intervallo di circa 1 secondo, seguiti da altri tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi, con intervallo di circa 1 secondo + eventuale ordine verbale. Tutto il personale, seguendo le istruzioni ed i percorsi di fuga previsti nel piano di emergenza, si avvia ordinatamente verso i punti di raccolta loro assegnati. 12

13 Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Termine dell emergenza più squilli brevi [almeno 6] Almeno sei squilli successivi della durata di circa 2 secondi, con intervallo di circa 1 secondo, se possibile oppure tramite ordine verbale. Tutto il personale, con la segnalazione del termine dell emergenza, torna alle condizioni di normalità riprendendo l attività sospesa. 13

14 Procedure generali di emergenza Segnalazioni aggiuntive e/o alternative Durante l emergenza, tutte le comunicazioni in alternativa e/o in aggiunta alle predette segnalazioni convenzionali, potranno essere date tramite : Sistema di altoparlanti [Se disponibile e funzionante] Personale ATA in servizio ovvero Docente a disposizione Megafono [Se disponibile ] 14

15 Procedure generali di emergenza Norme comportamentali generali Qualunque sia la natura dell emergenza, devono essere rispettate le seguenti norme comportamentali generali : Mantenere la calma e non lasciarsi prendere dal panico. Attendere con calma le istruzioni del coordinatore dell emergenza ed eseguirle prontamente, anche se in contrasto con quanto eventualmente riportato nel piano di emergenza originario. Se ci si trova nel locale ove si è determinata l emergenza, abbandonarlo solo se vi è pericolo grave o immediato oppure se viene dato l ordine di evacuazione, utilizzando le vie di fuga previste, senza tornare indietro e senza portare con sé oggetti ingombranti, senza correre e procedendo ordinatamente verso il punto di raduno. Non interferire con le eventuali squadre di intervento, dando il proprio aiuto solo se richiesto. 15

16 Situazione d emergenza INCENDIO 16

17 INCENDIO Azioni prioritarie 1.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 2.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 3.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 4.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 17

18 INCENDIO - Cautele 1.- Nel caso in cui vi sia presenza di fumo lungo il percorso di fuga, camminare chinati e respirare tramite un fazzoletto, possibilmente bagnato. 2.- Non usare mai l ascensore (se disponibile) 3.- Non uscire dal locale in cui ci si trova se i corridoi sono invasi dal fumo. In tal caso : a.- sigillare, per quanto possibile, ogni fessura della porta di ingresso al locale; b.- non aprire le finestre. 18

19 INCENDIO Azioni specifiche Nel caso in cui l incendio si sia sviluppato in classe, deve essere effettuata l immediata evacuazione dell aula provvedendo a chiudere porte e finestre. In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 19

20 INCENDIO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 20

21 Situazione d emergenza FUGA DI GAS 21

22 FUGA DI GAS Azioni prioritarie 1.- Spegnere tutte le fiamme libere 2.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 3.- Aprire immediatamente tutte le finestre. 4.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 5.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 6.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 22

23 FUGA DI GAS - Azioni specifiche Nel caso in cui la perdita di gas si sia sviluppata nel locale in cui si trova la classe, si deve : evitare qualunque manovra interessi circuiti elettrici ; spalancare tutte le finestre ; procedere all immediata evacuazione del locale ; lasciare l aula verificando che nel locale non ci sia più nessuno ; chiudere la porta del locale e posizionarsi in testa alla colonna. 23

24 FUGA DI GAS Azioni specifiche In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 24

25 FUGA DI GAS Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 25

26 Situazione d emergenza ALLAGAMENTO 26

27 ALLAGAMENTO Azioni prioritarie 1.- Disinserire l interruttore generale dell energia elettrica. 2.- Avvertire telefonicamente il gestore dell acqua potabile ed i vigili del fuoco. 3.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 4.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 27

28 ALLAGAMENTO - Azioni specifiche Nel caso in cui l allagamento si sia sviluppata nel locale in cui si trova la classe, si deve : evitare qualunque manovra interessi circuiti elettrici ; procedere all immediata evacuazione del locale ; lasciare l aula verificando che nel locale non ci sia più nessuno ; chiudere la porta del locale e posizionarsi in testa alla colonna. 28

29 ALLAGAMENTO Azioni specifiche In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 29

30 ALLAGAMENTO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 30

31 Situazione d emergenza TERREMOTO 31

32 TERREMOTO Azioni prioritarie 1.- Disinserire l interruttore generale dell energia elettrica. 2.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 3.- Chiudere l acqua dal contatore esterno. 4.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 5.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 6.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 32

33 TERREMOTO Cautele Il terremoto si presenta, generalmente, in due fasi successive : Fase attiva : Fase statica : Fase, di norma molto breve, caratterizzata da evidenti manifestazioni sismiche con scosse ondulatorie e/o sussultorie. Fase caratterizzata dall assenza di manifestazioni sismiche e da una durata, di norma, non inferiore ai 5-10 minuti. Durante la fase attiva devono essere rispettate le seguenti norme : 1.- Non precipitarsi all aperto; 2.- Ripararsi sotto i banchi, i tavoli, sotto l architrave delle porte od in prossimità dei muri portanti; 3.- Allontanarsi dalle finestre, da porte od armadi a vetri ed arredi che, cadendo, possano creare ulteriori rischi; 4.- Chiunque si trovi nei corridoi o nei vani scale deve entrare immediatamente nell aula più vicina. 33

34 TERREMOTO Cautele Il terremoto si presenta, generalmente, in due fasi successive : Fase attiva : Fase statica : Fase, di norma molto breve, caratterizzata da evidenti manifestazioni sismiche con scosse ondulatorie e/o sussultorie. Fase caratterizzata dall assenza di manifestazioni sismiche e da una durata, di norma, non inferiore ai 5-10 minuti. Durante la fase statica deve essere diramato l ordine di evacuazione che dovrà essere eseguito nel più breve tempo possibile. Portarsi al punto di raccolta seguendo l itinerario previsto il più discosto possibile dal perimetro dell edificio per evitare di camminare sugli eventuali vetri rotti delle finestre e per cautelarsi dalla eventuale caduta improvvisa degli stessi. 34

35 TERREMOTO Azioni specifiche Nella fase preliminare dell evacuazione gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 35

36 TERREMOTO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, procedere all evacuazione rispettando le seguenti cautele : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 36

37 Situazione d emergenza AZIONE CRIMINOSA 37

38 AZIONE CRIMINOSA Azioni prioritarie 1.- Avvertire immediatamente le autorità di pubblica sicurezza telefonando ai carabinieri ed alla polizia. 2.- NON effettuare ricerche per individuare eventuali ordigni. 3.- Aprire immediatamente tutti i cancelli esterni e presidiarli. 4.- Ordinare l immediata evacuazione dell istituto. 38

39 AZIONE CRIMINOSA Azioni specifiche Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 39

40 AZIONE CRIMINOSA Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e procedere all evacuazione rispettando le seguenti cautele : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 40

41 Situazione d emergenza NUBE TOSSICA 41

42 NUBE TOSSICA Azioni prioritarie 1.- Disattivare eventuali sistemi di condizionamento e/o ventilazione. 2.- Chiudere tutte le aperture verso l esterno sigillando, ove possibile, tutti gli infissi con scotch o stracci bagnati. 3.- Stendersi sul pavimento e respirare ponendo un panno, un fazzoletto o straccio bagnato sul naso e sulla bocca. 4.- Rimanere in attesa di istruzioni sintonizzando una radio sulla frequenza di una rete pubblica nazionale. 42

43 NUBE TOSSICA Azioni specifiche Gli alunni, in assenza del docente, devono : chiudere immediatamente porte e finestre sigillando, ove possibile, gli infissi con scotch o stracci bagnati ; stendersi sul pavimento e respirare ponendo un panno, un fazzoletto o straccio bagnato sul naso e sulla bocca ; attenersi alle disposizioni, anche se diverse da quanto previsto nel piano di sicurezza, eventualmente emanate dal coordinatore dell emergenza, dai vigili del fuoco e/o dagli organi di soccorso. 43

44 L evacuazione LE VIE DI FUGA e LE SEQUENZE DI ESODO 44

45 Procedure generali di emergenza Sequenze di esodo Allo scopo di evitare il sovrapporsi dei flussi in uscita ed accelerare la velocità di evacuazione, l esodo ha inizio : in senso orizzontale, cioè per le classi che si trovano sullo stesso piano, a partire dall aula situata più vicina all uscita verso le scale e proseguendo, quindi, con l aula immediatamente successiva; in senso verticale, cioè tra i diversi piani dell istituto, partendo dal piano terreno e proseguendo con i piani via via superiori. I responsabili delle classi situate ai piani superiori, seguendo le istruzioni precedenti, devono : disporre gli allievi lungo la scala assegnata come via di fuga arrestandosi sulla piattaforma di arrivo al piano inferiore finché non viene completata l evacuazione dello stesso; se nella sequenza d esodo si tratta dell ultima classe ad abbandonare il piano, confermare al responsabile di classe eventualmente in attesa sulla piattaforma di partenza l avvenuto completamento dell evacuazione del piano. 45

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50

51 IL PIANO DI EMERGENZA Fine Dott. Ing. Domenico PANARELLO

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca EU ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MARCELLO MALPIGHI Sede Centrale: Crevalcore 40014 Via Persicetana, 45-0516801711 fax 051980954

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI PREMESSA Nel piano di emergenza interno della Scuola J. Zannoni di Montecchio E. vengono formulate le disposizioni per attuare

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

OGGETTO: PIANO D'EMERGENZA ED EVACUAZIONE

OGGETTO: PIANO D'EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI CON SEZIONI ASSOCIATE LICEO SCIENTIFICO LICEO CLASSICO Via L. da Vinci - 08045 Lanusei (Nu) tel. 0782/42624 - fax 0782/48098 - E Mail: nups0500q@istruzione.it

Dettagli

Piano di sicurezza per la scuola

Piano di sicurezza per la scuola 1 19 ISTITUTO COMPRENSIVO EVEMERO DA MESSINA Cod.Mecc: MEIC872002 GANZIRRI C. F. : 97062190836 via Francesco Denaro 98165 GANZIRRI MESSINA e-mail: meic872002@istruzione.it Segreteria via F. Denaro, n 15

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Al Prof. Funzione Strumentale Ballarin Marco AI DOCENTI DI SOSTEGNO ED OPERATORI SOCIO SANITARI E p.c personale ATA Oggetto: Piano di emergenza Prova

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE AULA 1 TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE MEZZA GIORNATA oppure GIORNATA INTERA e SERALE dalle 18,00 alle 22,00 1 giorno 100,00 150,00 100,00 2 giorno 180,00 270,00 180,00 3 giorno 240,00 360,00 240,00 4

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

SEGNALAZIONI A. sicurezzapovi@gmail.com

SEGNALAZIONI A. sicurezzapovi@gmail.com SEGNALAZIONI A sicurezzapovi@gmail.com Sicurezza: Formazione Generale degli Insegnanti FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 Parte II In caso di emergenza

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino»

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Dirigente scolastico: Prof.ssa Cesarina Santocchi PLESSI: Vignanello: infanzia, primaria, secondaria di 1 grado. Vallerano: infanzia, primaria,

Dettagli

DIRIGENTE SCOLASTICO : Prof. Gianni Colombo

DIRIGENTE SCOLASTICO : Prof. Gianni Colombo Istituto di Istruzione Superiore - LICEO di ADRIA Indirizzi: CLASSICO, LINGUISTICO, SCIENTIFICO, SCIENZE APPLICATE, SCIENZE UMANE Via Dante Alighieri, 4-45011 - ADRIA (RO) Tel. e fax: 042621107 A.A. 2013-2014

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401 CODICE FISCLE 91042640341 ISTRUZIONI D SEGUIRE Come da Piano di Emergenza sede TERREMOTO In caso di una scossa di terremoto comportarsi secondo i seguenti punti: Durante la scossa non cercare di abbandonare

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME MODALITA DI EVACUAZIONE DELLA SCUOLA IN CASO DI CALAMITA Dirigente :Prof.ssa

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO A.M. BARLACCHI. Piano di sicurezza per la scuola. ISTITUTO D ARTE Tel 0962 962471 -

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO A.M. BARLACCHI. Piano di sicurezza per la scuola. ISTITUTO D ARTE Tel 0962 962471 - ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO A.M. BARLACCHI Via Carducci 88900 C R O T O N E Tel. (0962) 62038 - Fax 906451 E-mail: krri01000a@istruzione.it sito web: www.ipsia-kr.it

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013 BUONE NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. PROCEDURE DI EVACUAZIONE. IL PRESENTE MANUALE DEVE ESSERE CONSERVATO ALL INTERNO DI OGNI REGISTRO DI CLASSE (INSIEME AL MODULO DI EVACUAZIONE),

Dettagli

Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO

Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO Pag.1 di 32 Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI L edificio dell Istituto si presenta con n 6 piani fuori terra e presenta quattro uscite all esterno, precisamente : L ingresso/uscita principale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola Primaria De Amicis Busto Arsizio

PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola Primaria De Amicis Busto Arsizio PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola Primaria De Amicis Busto Arsizio 1 di 29 PREMESSA Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Rimembranze, n. 2 73031 ALESSANO (LE) Distretto n. 47 Cod. Min.: LEIC80400T cod. Fisc. 90018660754 Tel e fax 0833-781118 email leee010007@istruzione.it Web Site: www.comprensivoalessano.it

Dettagli

COMPORTAMENTO GENERALE NEL MOMENTO DELL'EMERGENZA: SE CI SI TROVA IN AULA- SE CI SI TROVA NEI LABORATORI O IN PALESTRA MODULO DI EVACUAZIONE

COMPORTAMENTO GENERALE NEL MOMENTO DELL'EMERGENZA: SE CI SI TROVA IN AULA- SE CI SI TROVA NEI LABORATORI O IN PALESTRA MODULO DI EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI VIA PORRETTANA, 258-40037 SASSO MARCONI (BO) - TEL. 051/841185 -FAX 051/843224 e-mail: ic.sassomarconi@libero.it sito web: http://www.icsassomarconi.gov.it CONTENUTI:

Dettagli

Il piano di evacuazione, linee guida

Il piano di evacuazione, linee guida Il piano di evacuazione, linee guida di Cosimo Trullo Premessa In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono avere situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore DOMIZIA LUCILLA Via Cesare Lombroso, 118 ROMA

Istituto d Istruzione Superiore DOMIZIA LUCILLA Via Cesare Lombroso, 118 ROMA Istituto d Istruzione Superiore DOMIZIA LUCILLA Via Cesare Lombroso, 118 ROMA PIANO DI EMERGENZA a.s. 2015-2016 INDICE 1. Premessa 2. Le figure coinvolte 3. La procedura di emergenza 4. L organizzazione

Dettagli

Scuola Secondaria di I Grado San Paolo Perugia

Scuola Secondaria di I Grado San Paolo Perugia Scuola Secondaria di I Grado San Paolo Perugia Allegato circ. n. 42 Prot. n. 2212/A2 Perugia, 14/10/2013 - Ai docenti - Al personale ATA - Agli studenti S. S. I grado S. Paolo PERUGIA Oggetto: INFORMATIVA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

LA SICUREZZA A SCUOLA

LA SICUREZZA A SCUOLA LA SICUREZZA A SCUOLA La salute e la sicurezza sono diritti fondamentali e inalienabili di ogni persona sanciti dalla Costituzione. In caso d infortunio le spese sanitarie e le assenze dello studente sono

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI. Via MONTE AMARO

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI. Via MONTE AMARO LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Sicurezza. Energia. Ambiente Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento in caso di emergenza Terremoto o Incendio nelle scuole (Agg. Settembre

Dettagli