Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO"

Transcript

1 IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

2 Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le figure sensibili responsabili dell attuazione del piano sono : il Coordinatore dell emergenza il Docente responsabile di piano il Collaboratore responsabile di piano il Docente responsabile di classe gli alunni aprifila e chiudifila il personale responsabile dei disabili il Responsabile dei centri di raccolta 2

3 Compiti del Coordinatore dell Emergenza Costituisce il punto di riferimento per tutte le fasi dell emergenza ; dovrà conoscere le procedure previste nel piano dei emergenza, le caratteristiche dei luoghi, le vie di fuga ed i luoghi sicuri, il tipo, il numero e l ubicazione degli impianti di spegnimento degli incendi, l ubicazione degli interruttori generali di elettricità, gas ed acqua. Tale funzione è assolta dal Dirigente Scolastico o suo delegato. Compito del coordinatore è quello di porre in atto tutte le misure di emergenza previste nel Piano, modificarle (se necessario) e ordinare l evacuazione. 3

4 Compiti del Docente Responsabile di Piano Ha la funzione di referente nei confronti del coordinatore e di tutti gli allievi delle classi che si trovano sul piano; provvede, inoltre, alla formazione degli allievi sulle procedure di emergenza. Ha il compito di controllare periodicamente : la disposizione dei banchi nelle aule, l agibilità delle uscite di sicurezza, l assenza di eventuali ostacoli sulle vie di fuga, lo stato della cartellonistica di emergenza. E nominato dal dirigente scolastico. 4

5 Compiti del Collaboratore Scolastico Responsabile di Piano Ha la funzione di referente di collaborare con il docente responsabile di piano e con i docenti responsabili di classe. Ha il compito di controllare periodicamente : lo stato di carica degli estintori, l efficienza ed integrità degli idranti, l agibilità delle uscite di sicurezza e delle vie di fuga, lo stato della cartellonistica di emergenza. E uno dei collaboratori scolastici in servizio, nominato dal dirigente scolastico. 5

6 Compiti del Docente Responsabile di Classe Ha la funzione di referente nei confronti di tutti gli allievi della classe. Ha la responsabilità della classe quando l emergenza è in atto e, pertanto, fa rispettare a tutti gli allievi le norme comportamentali previste dal piano di emergenza. E il docente che, all atto della segnalazione dell emergenza, risulti essere in servizio nell aula assegnata alla classe. 6

7 Compiti degli Alunni aprifila - chiudifila Hanno il compito di delimitare il gruppo classe durante l esodo verso i punti di raccolta. Sono scelti dal coordinatore della classe tra gli allievi che diano maggiore affidabilità in termini di responsabilità e di presenza in classe. Dovranno essere nominati 2 allievi aprifila [1 titolare ed uno di riserva] e 2 allievi chiudifila [1 titolare ed uno di riserva]. 7

8 Compiti del personale responsabile per i disabili Hanno il compito di accompagnare in luogo sicuro gli eventuali disabili presenti nell istituto durante l esodo verso i punti di raccolta. Sono designati dal Dirigente Scolastico, in numero pari a 2 (due) per ogni disabile, tra il personale sempre presente in istituto. 8

9 Compiti del Responsabile dei Centri di Raccolta Ha il compito di gestire gli spazi destinati alla raccolta degli alunni in modo che l afflusso sia ordinato e che le operazioni di verifica dei presenti siano prontamente effettuate. Provvede a compilare la scheda riepilogativa del piano di evacuazione ed a consegnarla, ad evacuazione conclusa, al coordinatore dell emergenza. Nel caso in cui sia segnalata la presenza di dispersi, deve assumere tutte le informazioni del caso e riferire al coordinatore dell emergenza. E designato dal Dirigente Scolastico. 9

10 Tipologia delle situazioni di rischio Nel Piano di Emergenza sono state analizzate le seguenti situazioni di rischio : 1.- Incendio 2.- Fuga di gas 3.- Allagamento 4.- Terremoto 5.- Azione criminosa 6.- Nube tossica e definite le relative procedure e norme comportamentali. 10

11 3 squilli lunghi Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Fase di allarme 3 squilli lunghi Tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi con intervallo di circa due secondi. Segnala l esistenza di una situazione di emergenza che potrebbe comportare l evacuazione di tutto l istituto o di parte di esso. Tutto il personale deve prepararsi ad un eventuale ordine successivo di evacuazione.

12 Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Fase di evacuazione 3 squilli lunghi + ordine verbale Tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi, con intervallo di circa 1 secondo, seguiti da altri tre squilli successivi della durata di circa 5 secondi, con intervallo di circa 1 secondo + eventuale ordine verbale. Tutto il personale, seguendo le istruzioni ed i percorsi di fuga previsti nel piano di emergenza, si avvia ordinatamente verso i punti di raccolta loro assegnati. 12

13 Procedure generali di emergenza Fasi dell emergenza Ogni situazione di emergenza deve essere suddivisa in tre fasi ben distinte : Termine dell emergenza più squilli brevi [almeno 6] Almeno sei squilli successivi della durata di circa 2 secondi, con intervallo di circa 1 secondo, se possibile oppure tramite ordine verbale. Tutto il personale, con la segnalazione del termine dell emergenza, torna alle condizioni di normalità riprendendo l attività sospesa. 13

14 Procedure generali di emergenza Segnalazioni aggiuntive e/o alternative Durante l emergenza, tutte le comunicazioni in alternativa e/o in aggiunta alle predette segnalazioni convenzionali, potranno essere date tramite : Sistema di altoparlanti [Se disponibile e funzionante] Personale ATA in servizio ovvero Docente a disposizione Megafono [Se disponibile ] 14

15 Procedure generali di emergenza Norme comportamentali generali Qualunque sia la natura dell emergenza, devono essere rispettate le seguenti norme comportamentali generali : Mantenere la calma e non lasciarsi prendere dal panico. Attendere con calma le istruzioni del coordinatore dell emergenza ed eseguirle prontamente, anche se in contrasto con quanto eventualmente riportato nel piano di emergenza originario. Se ci si trova nel locale ove si è determinata l emergenza, abbandonarlo solo se vi è pericolo grave o immediato oppure se viene dato l ordine di evacuazione, utilizzando le vie di fuga previste, senza tornare indietro e senza portare con sé oggetti ingombranti, senza correre e procedendo ordinatamente verso il punto di raduno. Non interferire con le eventuali squadre di intervento, dando il proprio aiuto solo se richiesto. 15

16 Situazione d emergenza INCENDIO 16

17 INCENDIO Azioni prioritarie 1.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 2.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 3.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 4.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 17

18 INCENDIO - Cautele 1.- Nel caso in cui vi sia presenza di fumo lungo il percorso di fuga, camminare chinati e respirare tramite un fazzoletto, possibilmente bagnato. 2.- Non usare mai l ascensore (se disponibile) 3.- Non uscire dal locale in cui ci si trova se i corridoi sono invasi dal fumo. In tal caso : a.- sigillare, per quanto possibile, ogni fessura della porta di ingresso al locale; b.- non aprire le finestre. 18

19 INCENDIO Azioni specifiche Nel caso in cui l incendio si sia sviluppato in classe, deve essere effettuata l immediata evacuazione dell aula provvedendo a chiudere porte e finestre. In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 19

20 INCENDIO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 20

21 Situazione d emergenza FUGA DI GAS 21

22 FUGA DI GAS Azioni prioritarie 1.- Spegnere tutte le fiamme libere 2.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 3.- Aprire immediatamente tutte le finestre. 4.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 5.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 6.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 22

23 FUGA DI GAS - Azioni specifiche Nel caso in cui la perdita di gas si sia sviluppata nel locale in cui si trova la classe, si deve : evitare qualunque manovra interessi circuiti elettrici ; spalancare tutte le finestre ; procedere all immediata evacuazione del locale ; lasciare l aula verificando che nel locale non ci sia più nessuno ; chiudere la porta del locale e posizionarsi in testa alla colonna. 23

24 FUGA DI GAS Azioni specifiche In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 24

25 FUGA DI GAS Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 25

26 Situazione d emergenza ALLAGAMENTO 26

27 ALLAGAMENTO Azioni prioritarie 1.- Disinserire l interruttore generale dell energia elettrica. 2.- Avvertire telefonicamente il gestore dell acqua potabile ed i vigili del fuoco. 3.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 4.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 27

28 ALLAGAMENTO - Azioni specifiche Nel caso in cui l allagamento si sia sviluppata nel locale in cui si trova la classe, si deve : evitare qualunque manovra interessi circuiti elettrici ; procedere all immediata evacuazione del locale ; lasciare l aula verificando che nel locale non ci sia più nessuno ; chiudere la porta del locale e posizionarsi in testa alla colonna. 28

29 ALLAGAMENTO Azioni specifiche In tutti gli altri casi gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 29

30 ALLAGAMENTO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, ove fosse diramato l ordine di evacuazione : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 30

31 Situazione d emergenza TERREMOTO 31

32 TERREMOTO Azioni prioritarie 1.- Disinserire l interruttore generale dell energia elettrica. 2.- Chiudere il gas dal contatore esterno. 3.- Chiudere l acqua dal contatore esterno. 4.- Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco. 5.- Avvertire telefonicamente il pronto soccorso telefonico. 6.- Aprire tutti i cancelli esterni e presidiarli. 32

33 TERREMOTO Cautele Il terremoto si presenta, generalmente, in due fasi successive : Fase attiva : Fase statica : Fase, di norma molto breve, caratterizzata da evidenti manifestazioni sismiche con scosse ondulatorie e/o sussultorie. Fase caratterizzata dall assenza di manifestazioni sismiche e da una durata, di norma, non inferiore ai 5-10 minuti. Durante la fase attiva devono essere rispettate le seguenti norme : 1.- Non precipitarsi all aperto; 2.- Ripararsi sotto i banchi, i tavoli, sotto l architrave delle porte od in prossimità dei muri portanti; 3.- Allontanarsi dalle finestre, da porte od armadi a vetri ed arredi che, cadendo, possano creare ulteriori rischi; 4.- Chiunque si trovi nei corridoi o nei vani scale deve entrare immediatamente nell aula più vicina. 33

34 TERREMOTO Cautele Il terremoto si presenta, generalmente, in due fasi successive : Fase attiva : Fase statica : Fase, di norma molto breve, caratterizzata da evidenti manifestazioni sismiche con scosse ondulatorie e/o sussultorie. Fase caratterizzata dall assenza di manifestazioni sismiche e da una durata, di norma, non inferiore ai 5-10 minuti. Durante la fase statica deve essere diramato l ordine di evacuazione che dovrà essere eseguito nel più breve tempo possibile. Portarsi al punto di raccolta seguendo l itinerario previsto il più discosto possibile dal perimetro dell edificio per evitare di camminare sugli eventuali vetri rotti delle finestre e per cautelarsi dalla eventuale caduta improvvisa degli stessi. 34

35 TERREMOTO Azioni specifiche Nella fase preliminare dell evacuazione gli alunni devono prepararsi all evacuazione in modo ordinato. Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 35

36 TERREMOTO Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e, procedere all evacuazione rispettando le seguenti cautele : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 36

37 Situazione d emergenza AZIONE CRIMINOSA 37

38 AZIONE CRIMINOSA Azioni prioritarie 1.- Avvertire immediatamente le autorità di pubblica sicurezza telefonando ai carabinieri ed alla polizia. 2.- NON effettuare ricerche per individuare eventuali ordigni. 3.- Aprire immediatamente tutti i cancelli esterni e presidiarli. 4.- Ordinare l immediata evacuazione dell istituto. 38

39 AZIONE CRIMINOSA Azioni specifiche Gli alunni devono : spingere la sedia contro il banco ; lasciare le cartelle e gli effetti personali sul posto, limitandosi ad indossare in previsione dell evacuazione (solo nella stagione invernale e se risulta essere a portata di mano) un eventuale indumento per proteggersi dal freddo ; non ostacolare i compagni ; disporsi in fila indiana. 39

40 AZIONE CRIMINOSA Azioni specifiche L alunno aprifila si porrà in testa e quello chiudifila in coda in modo da delimitare fisicamente la classe. In assenza del docente, l alunno aprifila deve prendere il registro delle presenze e procedere all evacuazione rispettando le seguenti cautele : lasciare l aula, dopo l alunno chiudifila, avendo verificato che nell aula non sia rimasto alcun allievo ; chiudere la porta dell aula e posizionarsi in testa alla colonna ; unirsi al gruppo-classe che è davanti (o dietro) segnalando l assenza del docente al docente responsabile del gruppo cui ci si aggrega. 40

41 Situazione d emergenza NUBE TOSSICA 41

42 NUBE TOSSICA Azioni prioritarie 1.- Disattivare eventuali sistemi di condizionamento e/o ventilazione. 2.- Chiudere tutte le aperture verso l esterno sigillando, ove possibile, tutti gli infissi con scotch o stracci bagnati. 3.- Stendersi sul pavimento e respirare ponendo un panno, un fazzoletto o straccio bagnato sul naso e sulla bocca. 4.- Rimanere in attesa di istruzioni sintonizzando una radio sulla frequenza di una rete pubblica nazionale. 42

43 NUBE TOSSICA Azioni specifiche Gli alunni, in assenza del docente, devono : chiudere immediatamente porte e finestre sigillando, ove possibile, gli infissi con scotch o stracci bagnati ; stendersi sul pavimento e respirare ponendo un panno, un fazzoletto o straccio bagnato sul naso e sulla bocca ; attenersi alle disposizioni, anche se diverse da quanto previsto nel piano di sicurezza, eventualmente emanate dal coordinatore dell emergenza, dai vigili del fuoco e/o dagli organi di soccorso. 43

44 L evacuazione LE VIE DI FUGA e LE SEQUENZE DI ESODO 44

45 Procedure generali di emergenza Sequenze di esodo Allo scopo di evitare il sovrapporsi dei flussi in uscita ed accelerare la velocità di evacuazione, l esodo ha inizio : in senso orizzontale, cioè per le classi che si trovano sullo stesso piano, a partire dall aula situata più vicina all uscita verso le scale e proseguendo, quindi, con l aula immediatamente successiva; in senso verticale, cioè tra i diversi piani dell istituto, partendo dal piano terreno e proseguendo con i piani via via superiori. I responsabili delle classi situate ai piani superiori, seguendo le istruzioni precedenti, devono : disporre gli allievi lungo la scala assegnata come via di fuga arrestandosi sulla piattaforma di arrivo al piano inferiore finché non viene completata l evacuazione dello stesso; se nella sequenza d esodo si tratta dell ultima classe ad abbandonare il piano, confermare al responsabile di classe eventualmente in attesa sulla piattaforma di partenza l avvenuto completamento dell evacuazione del piano. 45

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50

51 IL PIANO DI EMERGENZA Fine Dott. Ing. Domenico PANARELLO

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

3. PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO

3. PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO 3. PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO a cura di C.T.A. Gianmario GNECCHI - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo SOMMARIO DEL CAPITOLO 3. PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO 70 3.1

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo QUANDO LA TERRA TREMA Cari bambini, in questi giorni ho pensato molto a voi e infine ho deciso di mettermi al lavoro per aiutarvi a capire cosa accade a me, la terra, quando c è un terremoto. E non solo...vorrei,

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli