Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione"

Transcript

1 Comune di Caldogno - Piano di Protezione Civile Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Dott. Stefano Guderzo Dicembre 2011

2 Prevenzione del rischio idraulico ATTIVITA STRUTTURALI Volte a ridurre il rischio di esondazione ATTIVITA NON STRUTTURALI Volte a migliorare il si comportamento dell uomo in caso di esondazione

3 Attività di prevenzione non strutturali 1. La pianificazione di protezione civile 2. La formazione degli addetti ai lavori 3. Le esercitazioni 4. L informazione/formazione della popolazione

4 Il piano di protezione civile E un documento che Analizza i rischi presenti nel territorio Ipotizza degli scenari di evento (che cosa succede se?) Definisce delle procedure operative (chi.. fa cosa, quando e come) Individua le risorse disponibili sul territorio

5 Evento di riferimento ( ) Cedimento argine Timonchio-Bacchiglione

6 Procedura operativa Articolata su cinque livelli di criticità crescente STATO DI NORMALITA STATO DI ATTENZIONE STATO DI PREALLARME STATO DI ALLARME STATO DI EMERGENZA

7 Gli Attori Procedura operativa Responsabile Operativo Comunale Responsabile PC Unione Comuni Polizia Locale Volontari Protezione Civile Sindaco e amministratori comunali Genio Civile Altri Componenti del Centro Operativo Comunale (segreteria, assistenza popolazione ) Cittadini sentinella Tutta la popolazione

8 Procedura procedura operativa Stati di criticità e attori coinvolti STATO DI NORMALITA STATO DI ATTENZIONE Responsabile Operativo Comunale Responsabile PC Unione Comuni Volontari PC Unione Comuni STATO DI PREALLARME Responsabile Operativo Comunale Responsabile PC Unione Comuni Volontari PC Unione Comuni STATO DI ALLARME Responsabile Operativo Comunale Responsabile PC Unione Comuni Volontari Protezione Civile Polizia Locale Sindaco e amministratori Genio Civile Altri Componenti del Centro Operativo Comunale (segreteria, assistenza popolazione ) INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Cittadini sentinella Tutta la popolazione STATO DI EMERGENZA Resp. Operativo Comunale Resp. PC Unione Comuni Polizia Locale Volontari Protezione Civile Sindaco e amministratori Genio Civile Altri Componenti del COC (segreteria, assistenza popolazione ) Cittadini sentinella Tutta la popolazione

9 Procedura operativa rischio idraulico

10 Procedura operativa rischio idraulico

11 Procedura operativa rischio idraulico

12 Procedura operativa rischio idraulico

13 La Procedura procedura operativa Elementi significativi Il Servizio di Monitoraggio Idrometrico Monitoraggio dati da sistemi di telerilevamento Lettura delle aste idrometriche (Volontari PC) Percorrenza tratti arginali (Volontari PC) Cittadini sentinella In programma Convenzione tra Genio Civile ed Unione dei Comuni

14 Il servizio di monitoraggio

15 La Procedura procedura operativa Elementi significativi Informazione alla popolazione Preventiva e in emergenza Canali: Servizio SMS Altoparlanti su mezzi Polizia locale e Volontari PC Campane Sito Internet Emittenti TV e radio

16 Norme di comportamento autoprotezione In caso di alluvione Durante e dopo le alluvioni, l acqua è inquinata e trasporta detriti galleggianti che possono ferire o stordire. Ascolta la radio o guarda la televisione per apprendere eventuali avvisi di condizioni meteorologiche avverse. Macchine e materiali possono ostruire temporaneamente vie o passaggi che cedono all improvviso Se non si è in fase di allarme e non piove, poni al sicuro la tua automobile nelle zone a quote più alte

17 Prima (preallarme) Norme di comportamento In caso di alluvione Tieni a disposizione una torcia elettrica e una radio a batterie, per sintonizzarsi sulle stazioni locali e ascoltare eventuali segnalazioni utili Metti in salvo i beni collocati in locali allagabili, solo se sei in condizioni di massima sicurezza Assicurati che tutte le persone potenzialmente a rischio siano al corrente della situazione Se abiti a un piano alto, offri ospitalità a chi abita ai piani sottostanti; se risiedi ai piani bassi, chiedi ospitalità Poni delle paratie a protezione dei locali situati al piano strada Se non corri il rischio di allagamento, rimani preferibilmente in casa

18 Durante: in casa Norme di comportamento In In caso caso di di alluvione Chiudi il gas, l impianto di riscaldamento e quello elettrico. Presta attenzione a non venire a contatto con la corrente elettrica con mani e piedi bagnati Sali ai piani superiori senza usare l ascensore Non scendere assolutamente nelle cantine e nei garage per salvare oggetti o scorte Non cercare di mettere in salvo la tua auto o i mezzi agricoli: c è pericolo di rimanere bloccati dai detriti e di essere travolti da correnti Evita la confusione e mantieni la calma Aiuta i disabili e gli anziani del tuo edificio a mettersi al sicuro Non bere acqua dal rubinetto di casa: potrebbe essere inquinata

19 Norme di comportamento Durante: fuori casa In In caso caso di di alluvione Evita l uso dell automobile se non in casi strettamente necessari Se sei in auto, non tentare di raggiungere comunque la destinazione prevista, ma trova riparo nello stabile più vicino e sicuro Evita di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d acqua, sopra ponti o passerelle Fai attenzione ai sottopassi: si possono allagare facilmente Allontanati verso i luoghi più elevati e non andare mai verso il basso Usa il telefono solo per casi di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee

20 Dopo Norme di comportamento In In caso caso di di alluvione Raggiunta la zona sicura, presta attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità di protezione civile, attraverso radio, TV e automezzi Evita il contatto con le acque. Spesso l acqua può essere inquinata da petrolio, nafta o da acque di scarico. Inoltre può essere carica elettricamente per la presenza di linee elettriche interrate Evita le zone dove vi sono ancora correnti in movimento Fai attenzione alle zone dove l acqua si è ritirata. Il fondo delle strade può essere indebolito e potrebbe collassare sotto il peso di un automobile Getta i cibi che sono stati in contatto con le acque dell alluvione Presta attenzione ai servizi, alle fosse settiche, ai pozzi danneggiati. I sistemi di scarico danneggiati sono serie fonti di rischio

21 Norme di comportamento In caso di alluvione Da tenere a portata di mano E utile avere sempre in casa, riuniti in un punto noto a tutti i componenti della famiglia, alcuni oggetti importanti in caso di emergenza: Kit di pronto soccorso + medicinali; Generi alimentari non deperibili; Scarpe pesanti; Scorta di acqua potabile; Vestiario pesante di ricambio; Impermeabili leggeri o cerate; Torcia elettrica con pila di riserva; Radio e pile con riserva; Coltello multiuso; Fotocopia documenti di identità; Chiavi di casa; Valori (contanti, preziosi); Carta e penna.

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011 Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile Prefettura di Taranto 6 dicembre 2011 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 27 febbraio 2004 (G.U. 11-3-2004

Dettagli

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico Comune di Ventimiglia Provincia di Imperia UFFICIO PROTEZIONE CIVILE D.G.R. n. 746 del 9 luglio 2007 Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico In occasione della dichiarazione

Dettagli

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE Scheda 1 Presentazione RECAPITI UFFICI COMUNALI Comune di Codognè via Roma 2 31013

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE per una cultura della sicurezza _ COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa o si soggiorna, è

Dettagli

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Le misure di autoprotezione indicano i comportamenti corretti da attuare in caso di emergenza. Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa

Dettagli

Dissesto Idrogeologico

Dissesto Idrogeologico SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COSTANTINO NIVOLA Via Veneto - Capoterra (Ca) I E Caboni Jennifer Cassinelli Marta Cugis Sara De Bernardinis Eleonora Dessì Gianluca Farigu Michela Marcis Gabriele Marras

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Allegato 8: Norme comportamentali FILE RG_Allegato8_Norme

Dettagli

A CURA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

A CURA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE A CURA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE Cosa fare rischio meteo-idrogeologico ed idraulico Conoscere un fenomeno è il primo passo per imparare ad affrontarlo nel modo più corretto e a difendersi da

Dettagli

Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia. In caso di alluvione

Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia. In caso di alluvione Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia In caso di alluvione Ascolta la radio o guarda la televisione per apprendere eventuali avvisi di condizioni meteorologiche

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO COSA PUÒ FARE IL CITTADINO IN CASO DI FRANE E ALLUVIONI WWF Italia Onlus Via Po 25/c, 00198 Roma www.wwf.it/acque www.wwf.it/fiumi 1 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO COSA PUÒ FARE IL

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI Questa mostra mette in evidenza le criticità del territorio bene comune fornendo indicazioni su come mitigarle e superarle. LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE GENERALI In caso di calamità è utile avere in

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

COMUNE DI OLBIA PRONTUARIO PER LA POPOLAZIONE PROTEZIONE CIVILE RISCHIO ALLUVIONE

COMUNE DI OLBIA PRONTUARIO PER LA POPOLAZIONE PROTEZIONE CIVILE RISCHIO ALLUVIONE PRONTUARIO PER LA POPOLAZIONE PROTEZIONE CIVILE RISCHIO ALLUVIONE Prontuario Protezione Civile per rischio alluvione RECAPITI UFFICI COMUNALI Scheda 1 Presentazione Comune di Olbia via Dante 1 07026 Olbia

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

Comune di Vicenza Protezione Civile

Comune di Vicenza Protezione Civile Comune di Vicenza Protezione Civile RISCHIO ALLUVIONE Sirene d allarme Vademecum Vicenza, ottobre 2012 Cara cittadina, caro cittadino, l alluvione del 2010 è stata una tragedia che ha segnato profondamente

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo Sismico Se si vive in zone soggette a fenomeni sismici occorre adottare alcuni comportamenti che saranno utili in caso di emergenza e per la salvaguardia della propria incolumità. Una casa costruita o

Dettagli

GUIDA DEL CITTADINO PER LE EMERGENZE

GUIDA DEL CITTADINO PER LE EMERGENZE 17 GUIDA DEL CITTADINO PER LE EMERGENZE SUDDIVISO COME SEGUE: pagina 1: Note introduttive pagina 2: Come fare una chiamata di emergenza pagina 2: Regole d oro per ogni emergenza pagina 3: Misure preventive

Dettagli

In caso di temporali e fulmini

In caso di temporali e fulmini In caso di temporali e fulmini In caso di temporale In generale, devi tener conto della rapidità con cui le nubi temporalesche si sviluppano e si accrescono, e conducono quindi il temporale a raggiungere

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Sicurezza nella Scuola legislazione: D.Lgs.626/94 e D.Lgs.242/96

Sicurezza nella Scuola legislazione: D.Lgs.626/94 e D.Lgs.242/96 Sicurezza nella legislazione: D.Lgs.626/94 e D.Lgs.242/96 Il D.Lgs.626/94, modificato dal D.Lgs. 242/96, integra il sistema legislativo Italiano nel processo globale di sicurezza all interno di qualsiasi

Dettagli

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Volontari Senza Frontiere - Pescara 1 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Illustrazione al Consiglio delle bambine e dei bambini Pescara, 20 dicembre 2006 CONOSCERE I RISCHI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia Comune di Gemona del Friuli Squadra Comunale Volontari P.C. e A.I.B. di Gemona del Friuli PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA anch io sono la protezione civile:

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR)

PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR) 1 - DATI GENERALI IDENTIFICATIVI ATTIVITA PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR) Codice Ministero: NU063 Art. 8 Attività identificativa:

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA

COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA COSA PUOI E DEVI FARE 1. Proteggi te stesso 2. Dai l'allarme 3. Aiuta chi è più debole a mettersi in salvo 4. Soccorri (se puoi) Una borsa dell'emergenza da utilizzare in caso di catastrofe è un elemento

Dettagli

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010 P.Ri.S.M.A Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Report di ricerca Dicembre 2010 Gli italiani hanno vissuto in misura maggiore l alluvione mentre gli austriaci hanno avuto

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

Città di ATESSA (Ch) in collaborazione con. Protezione Civile A.N.A. R. Spaventa ATESSA (Ch)

Città di ATESSA (Ch) in collaborazione con. Protezione Civile A.N.A. R. Spaventa ATESSA (Ch) Città di ATESSA (Ch) PIANO DI EMERGENZA COMUNALE in collaborazione con Protezione Civile A.N.A. R. Spaventa ATESSA (Ch) E SE CAPITASSE DAVVERO? RIGUARDA ANCHE TE! COSA FARE? Cosa c è da sapere, dove e

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

guida casa genertel prevenzione e protezione a 360

guida casa genertel prevenzione e protezione a 360 guida casa genertel prevenzione e protezione a 360 Questa semplice guida è stata pensata per esserti d aiuto e per fornirti utili informazioni e suggerimenti qualora ti dovessi trovare in una situazione

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

DEPOSITO ESSO DI PALERMO

DEPOSITO ESSO DI PALERMO RISCHIO INDUSTRIALE : SCHEDA DI INFORMAZIONE ALLA CITTADINANZA a cura del SERVIZIO RISCHI AMBIENTALI ED INDUSTRIALI UOB XLIII serviziorischiambientali@protezionecivilesicilia.it Schede di DEPOSITO ESSO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE NORME DI COMPORTAMENTO Cos è la Protezione Civile? Con la Protezione Civile si intendono tutte le strutture e le

Dettagli

Le norme di comportamento per la popolazione

Le norme di comportamento per la popolazione Le norme di comportamento per la popolazione Norme di comportamento per la popolazione Si illustrano, nel seguito, le norme di comportamento generali da attuare in situazione di emergenza, a prescindere

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Norme comportamentali per emergenze

Norme comportamentali per emergenze Norme comportamentali per emergenze www.protezionecivilecomunale.fermo.it COS E LA PROTEZIONE CIVILE? E un sistema composto da Istituzioni e Strutture Operative che concorrono, in base alle rispettive

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

MISURE DI AUTOPROTEZIONE

MISURE DI AUTOPROTEZIONE COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PROTEZIONE CIVILE EMERGENZA ALLUVIONE E NEVE INTERVENTI COMUNALI E MISURE DI AUTOPROTEZIONE Sempre più spesso sentiamo nei comunicati radio e televisivi

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Comune di Stabio Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali Il Comune di Stabio, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nel Piano emergenza neve sono coinvolti diversi attori (Comune, Provincia, Regione, ecc); anche i cittadini sono chiamati a giocare un

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

Opuscolo informativo

Opuscolo informativo Istituto Comprensivo 1 Leonardo da Vinci Settala, lì 12/10/2015 Prot. n. 4851/A1b cir int. n. 47 C23 ALL ALBO DEL PLESSO Opuscolo informativo *PIANO DI EMERGENZA ESTERNO Ai sensi degli artt. 8 e 20 del

Dettagli

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi.

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi. PREPARARE LA FAMIGLIA ALLE EMERGENZE DI PROTEZIONE CIVILE: IL PIANO DI EMERGENZA FAMIGLIARE Consigli ed Indicazioni UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE UFFICIO ASSOCIATO DI PROTEZIONE CIVILE Via XXV

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

Capitolo 5 INFORMAZIONE

Capitolo 5 INFORMAZIONE Comunità Collinare Alto Astigiano Piano di Protezione Civile Intercomunale Aggiornamento 2011 Capitolo 5 INFORMAZIONE INDICE PARTE 5 INFORMAZIONE... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 La Comunicazione durante la

Dettagli

Manuale di Protezione Civile

Manuale di Protezione Civile Manuale di Protezione Civile Conoscere di più la natura di rischi potenziali o in atto sul territorio può consentire una sempre più incisiva azione di prevenzione e diviene condizione imprescindibile per

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

Prepariamoci, Sydney

Prepariamoci, Sydney Prepariamoci, Sydney Come prepararci per un emergenza nella City di Sydney. Informazioni essenziali per residenti, lavoratori e visitatori. 1 Formulare un piano d emergenza personale La presente guida

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

CHI HA IL COMPITO DI PROTEGGERCI?

CHI HA IL COMPITO DI PROTEGGERCI? DUE PAROLE PER COMPRENDERE MEGLIO Il rischio è un concetto della nostra esperienza quotidiana, al quale attribuiamo diversi significati e sfumature. Può essere di origine naturale (terremoti, frane, inondazioni,

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE DI EMERGENZA P0301130_MI_Idropotabile Modello di intervento per rischio inquinamento idropotabile Il Sindaco On. Dussin Luciano

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

T RAFORO M. V ia. Piano di evacuazione. a La P. frazioni di Entrèves e La Palud. nt r

T RAFORO M. V ia. Piano di evacuazione. a La P. frazioni di Entrèves e La Palud. nt r Fr C an omu a d ne di el Courm Mo ayeu nt r de La Sa xe le R e te g no T RAFORO M MONTE BIANCO Stra da del la Brenva Vi ac oll e de lg iga P ia z z a V ia P anei Pa ss er Strad V ia a La P alud Piano di

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO Rischio: Ribaltamento di un autobotte di benzina lungo SS 342 SP48 SP69 FS171 Descrizione evento: Lo scenario ipotizzato è relativo al rischio chimico

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

AUTONOMIA A DOMICILIO

AUTONOMIA A DOMICILIO AUTONOMIA A DOMICILIO Soluzioni per l assistenza, la sicurezza e il comfort. AUTONOMIA A DOMICILIO Una questione sociale ed economica IL 24% della popolazione avrà più di 65 anni nel 2030 L 8% della popolazione

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

Sostanze presenti nello stabilimento

Sostanze presenti nello stabilimento COMUNE DI COTIGNOLA COMUNE DI BAGNACAVALLO EDISON STOCCAGGIO Spa Stabilimento San Potito e Cotignola Stoccaggio Impianti ubicati nei Comuni di Bagnacavallo, Cotignola e Faenza (RA) SCHEDA DI INFORMAZIONE

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO 1 CHE COS È IL TERREMOTO E QUANDO SI VERIFICA? Il terremoto o sisma è un fenomeno naturale. È un improvviso e rapido scuotimento

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

Sezione del militare e della protezione della popolazione. Pillole informative

Sezione del militare e della protezione della popolazione. Pillole informative Sezione del militare e della protezione della popolazione Pillole informative Pillole informative Informazioni di pubblica utilità Informazione - prevenzione - intervento Unità di soccorso e cittadini

Dettagli