AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA"

Transcript

1

2 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

3 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 Prefazione Il Listino Prezzi del Coune di Milano 2014 per l esecuzione di Lavori Pubblici e Manutenzione, approvato con Deterinazione Dirigenziale del Direttore della n. 61/2013 del 31/12/2013 in atti PG /2013, è esecutivo dal 1 gennaio Il LP2014 è redatto in coerenza con le Linee guida per l aggiornaento del Listino Prezzi Counale approvate dalla Giunta Counale con deliberazione n. 1610/2008 del 20/06/2008 e successivo aggiornaento approvato dalla Giunta Counale con deliberazione n. 2653/2012 del 21/12/2012. A seguito dell entrata in vigore del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 (Regolaento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE») e dell art. 86 del decreto legislativo n. 163/2006 coe novellato dalla Legge 12 luglio 2011, n. 106 di conversione del Decreto Legge 13 aggio 2011, n. 70, abrogato dal Decreto legge n. 201/2011 del , successivaente reintrodotto dalla legge n 98 del 9 agosto 2013 si è evidenziato, per ogni singola lavorazione, coe già nel LP2013, oltre al prezzo delle stesse e del relativo costo interno per la, anche l incidenza del costo della anodopera derivante dall analisi prezzo posta a base di estiazione delle lavorazioni stesse. Ciò ha coportato l introduzione di una colonna denoinata % INC. M.O., in sostituzione della preesistente colonna TOTALE, nella quale viene indicata l incidenza percentuale del costo della anodopera nel prezzo delle lavorazioni al fine di deterinare il costo del personale operaio all interno della lavorazione, al netto delle spese generali e utili. In erito alla deterinazione dei prezzi unitari delle lavorazioni/opere copiute, il criterio che accouna ogni singola voce di prezzo è quello previsto dall art. 32 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ed s..i., assuendo per la loro coposizione: i tepi di esecuzione dei lavori prevalenteente dalle inforazioni di pubblicazioni ufficiali ed eventualente rielaborate dalle inforazioni di tecnici esperti o aziende specializzate là dove le inforazioni ufficiali risultassero insufficienti; i costi della anodopera dalle pubblicazioni ufficiali ed in particolare dal Bollettino della Caera di Coercio della Provincia di Milano Volue n. 2 quadriestre aggio/agosto 2013; i costi dei ateriali dai listini dei produttori tenendo in debito conto gli sconti edi praticabili alle Iprese esecutrici; i costi dei noli sulla base di inforazioni del ercato. Ai sensi del coa 2 b) del predetto art. 32, per il calcolo delle spese generali si è adottata la percentuale inia prevista del 13%, in quanto viene antenuto scorporato, dal prezzo della lavorazione, l iporto relativo ai costi interni per la sicurezza che viene esplicitato nella seconda colonna del listino. La presente pubblicazione non differisce, nella sua struttura, dalle versioni precedenti conferando le integrazioni conseguenti all esae e verifica dei progetti redatti internaente all Ainistrazione Counale e/o da Professionisti esterni incaricati; integrazioni necessarie allo scopo di garantire una corretta coputazione e stia delle opere in osservanza dell evoluzione norativa recenteente intervenuta. B AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

4 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 La teatica relativa al conteniento dei consui energetici regolaentata dai Decreti Legislativi nn. 192/2005, 311/2006 e s..i, secondo i quali tutti i ateriali costituenti gli edifici devono essere considerati in fora oogenea dal punto di vista energetico, è stata antenuta aggiornata a seguito dell entrata in vigore del D.Lgs. 56/2010 e del D.M. 26/01/2010. Ad ulteriore approfondiento delle necessità operative di progettazione ed esecuzione nel rispetto delle norative europee e nazionali, nella presente versione del LP2014 sono state altresì introdotte e sviluppate specifiche caratteristiche igliorative di alcuni ateriali e conseguenti lavorazioni quali: 1C C C C C C C C C e 1C C C C C C C C C E M U U articoli 0080 e 0090 corretta u.. eliinato, fare riferiento all'articolo 1C articolo ricodificato con codice 1C articolo nuovo relativo alla controsoffittatura antisfondellaento aggiornata la granuloetria dell argilla espansa aggiornata la norativa di riferiento odificata descrizione e analisi, ricodifica foglie con eliinazione dello spessore 30 e aggiunta di nuove foglie per spessori da 80 a 120 e per ogni 10 in più odificata descrizione odificata u.. aggiornaento delle descrizioni articolo nuovo relativo al controsoffitto capitolo nuovo inerente i serraenti in legno laellare capitolo nuovo inerente le persiane in legno laellare odificata descrizione eliinato articolo relativo alle porte di prio ingresso e inserito con codice 1C i ricodificato l'intero capitolo articolo nuovo relativo alla icrosabbiatura capitolo nuovo relativo agli intonaci corretto il riando al volue ateriali odificata descrizione odificata descrizione odificata descrizione 1U eliinati ex articoli 0010, 0020 e 0040; creati nuovi articoli 0010 e U aggiunti nuovi articoli 1U e 1U relativi a strato di base e di usura C AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

5 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio U U U U U U U U U U U aggiornaento e revisione del capitolo aggiornaento e revisione del capitolo aggiornaento e revisione del capitolo aggiornaento e revisione del capitolo rinnovato l'intero capitolo con raggruppaento in due soli articoli odificata descrizione odificata descrizione aggiunti nuovi articoli relativi ai cestini portarifiuti e ricodificato l art. 1U in 1U articolo nuovo relativo alla rastrelliera porta bicicletta rinnovato l intero capitolo con eliinazione di alcuni articoli e l inseriento di altri articoli rinnovato l intero capitolo con eliinazione di alcuni articoli e l inseriento di altri articoli 1U.08 ricodificati gli articoli 1U eliinato articolo 1U e ricodificati articoli ex 0020 e 0030 in 0010 e 0020 MA."anodopera" aggiornaento dei costi orari utilizzando a riferiento il Volue 2 pubblicato dalla Caera di Coercio della Provincia di Milano - quadriestre aggio/agosto 2013 MC - ME - MM - MU MC NC aggiornaento dei costi base dei ateriali e inseriento di nuovi articoli a supporto degli articoli di opere copiute capitolo nuovo ad eccezione di un unico articolo già presente nella precedente edizione aggiornaento dei costi base NC b odificata descrizione NC articolo nuovo relativo al nolo di transenne obili Con la pubblicazione del LP2014 il Coune di Milano intende proseguire l attuazione degli obiettivi priari affinché il presente Listino Prezzi sia eleento base di riferiento per la valutazione delle opere pubbliche di copetenza dell Ainistrazione Counale di Milano sia in fase di stia del progetto sia in fase di liquidazione delle opere eseguite. Ciò consente all Ainistrazione Counale di Milano di conferare il recupero di un ruolo centrale nella stia dei lavori pubblici da eseguire nella Città di Milano ponendosi anche di riferiento per altre stazioni appaltanti. Nella versione del LP2014 è conferata la struttura dei codici dei vari articoli del listino ai fini del sisteatico aggiornaento dei prezzi delle lavorazioni, in tutte le loro coponenti di costo, con enza annuale nel rispetto delle prescrizioni norative. Questa periodicità di D AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

6 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 aggiornaento consente una aggiore aderenza tra la stia dei progetti e la realtà econoica del ercato iprenditoriale cui spetta il copito di realizzarli. Inoltre viene conferata l esigenza di una organizzazione dei prezzi di riferiento rispetto alle procedure di progettazione e contabilizzazione dei lavori anche alla luce dell adozione di applicativi inforatici per la loro gestione con conseguente iediata incidenza sulla riduzione dei contenziosi attinenti l applicazione di prezzi. Infatti per una corretta progettazione occorre necessariaente deterinarne il costo coplessivo e, conseguenteente, assue rilievo il coputo etrico estiativo (CME) dei lavori, ricavato dalla soa degli iporti inerenti a ciascuna lavorazione, per i quali è fondaentale la preliinare definizione del prezzo di stia. Coe già attuato nelle precedenti edizioni annuali pubblicate a partire dal 2005, anche nel LP2014 i prezzi delle singole sono stati elencati nell ordine con il quale si susseguono per la redazione del coputo etrico estiativo (CME). In tale logica norativa, i prezzi sono quindi stati considerati e valutati quali eleenti basilari di quantificazione econoica dell opera, anche in relazione allo sviluppo ed aggiornaento tecnologico dei valori e regole di ercato che risultano esistenti all attualità, la cui soa ponderale (del coputo etrico estiativo) è posta a base degli appalti. Ciò indipendenteente dalla specifica procedura di presentazione dell offerta da parte delle iprese concorrenti e conseguente aggiudicazione in quanto ciò costituisce l eleento basilare per la liquidazione, all appaltatore, delle opere eseguite. La logica organizzativa priaria è costanteente indirizzata alla congruenza della progressione cronologica dei capitoli nel rispetto della più frequente etodologia di esecuzione delle stie la quale, seguendo il consueto ordine naturale dell esecuzione dei lavori in cantiere, viene conferata anche dai referenti che partecipano nell abito del Gruppo di Lavoro, in fora attiva all adeguaento del Listino Prezzi. La struttura del Listino prezzi consente agli operatori econoici un fluente utilizzo nella redazione della stia in quanto l ordinaento cronologico dei capitoli perette di effettuate attività di controllo nella cronologia delle attività di esecuzione delle opere affinché, nella stia, sia facilitata la revisione della stessa che deve essere posta in una più apia logica di pria applicazione di un sistea di qualità quale contestuale verifica del progetto con applicazione dell eventuale suo aggiornaento. Ulteriorente la struttura del LP2014 è stata conferata dalle recenti norative in ateria di sicurezza sui luoghi di lavoro di cui al DLgs. n. 81 /2008 e s..i. ed in particolare nei cantieri obili; norativa che pone attenzione alla redazione di specifica stia dei costi della sicurezza sia interni/diretti che esterni/indiretti. Mentre i secondi sono da valutarsi nell abito della redazione del Piano di Sicurezza e Coordinaento da non assoggettare a ribasso d asta, i prii sono concettualente parte integrante del prezzo unitario delle a necessariaente da scorporare in quanto anch essi non sono assoggettabili a ribasso d asta. A seguito delle intervenute odificazioni al D.Lgs.n. 81/2008 in ateria di sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri obili, sono conferate le precedenti odifiche apportate ai costi interni per la sicurezza espresse nel reporting dei prezzi delle indicati per le singole voci dell LP2014. Infatti in aggiunta alla singola unità di isura delle voci di prezzo delle opere, anche per il LP2014, è inserita la colonna denoinata. Il valore per unità di isura riferito alle, definito in otteperanza a quanto disposto dall art. 32 del D.P.R n 207/2010 (Regol aento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, E AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

7 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE»), indica l iporto unitario, supportato da analisi, in cui sono copresi: i costi e l incidenza dei ateriali, il costo e l incidenza oraria della anodopera, il costo e l incidenza oraria delle attrezzature/noli, sulla cui soa viene applicata le percentuali di spese generali ed utile d ipresa. Questo è il valore che, oltiplicato per le quantità di coputo etrico, copone l iporto di progetto posto a base d asta soggetto a ribasso. Il valore per unità di isura riferito alla indica il costo unitario dell onere per la sicurezza interna calcolato utilizzando il valore inio, per tipologia di opere, desunto dall allegato F delle Linee Guida eanate, nel dicebre 2001, dalla Regione Lobardia - Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la casa e Protezione Civile. Detto valore, ricavato nel rispetto dell ex art.34 del DPR n.554/99 e non soggetto a ribasso d asta, è aggiuntivo al valore unitario indicato nella colonna. Nella terza colonna % INC. M.O. è riportata l incidenza percentuale del costo della anodopera quantificata e quindi già coputata nel prezzo delle. A corredo del LP2014 vengono elaborate ed approvate le Specifiche Tecniche 2014 in cui sono stati adeguati i riferienti alle norative UNI oltre alla definizione puntuale delle particolari esigenze costruttive per le nuove lavorazioni introdotte fornite dai referenti tecnici partecipanti al Gruppo di Lavoro. Il LP2014 è stato condiviso dai Settori Tecnici dell Ainistrazione Counale di Milano e dalle Aziende intervenute durante tutte le fasi di pianificazione del progetto originario nell abito delle attività del Gruppo di Lavoro preposto secondo le direttive proosse dalla D.C. TECNICA in collaborazione con : Direzione Centrale OO.PP. e Centrale Unica Appalti Direzione Centrale Mobilità, Trasporti, Abiente Direzione Centrale Sviluppo del Territorio L elaborazione del LP2014 è stata diretta e coordinata dal Funzionario Tecnico della Dott. Arch. Fabiana Stefanoni La stesura, verifica e controllo del LP2014 è stata effettuata sulla base delle attività di supporto di un Gruppo di Lavoro i cui coponenti risultano noinati, in qualità di referenti, direttaente dai Direttori dei Settori Tecnici e dalle aziende Metropolitana Milanese ed ATM. COMPONENTI DEL GRUPPO DI LAVORO Responsabile del Gruppo di Lavoro Geo. Vittorio Angeleri Coordinaento Tecnico e Operativo Geo. Giovanni Fantauzzo Geo. Silvia Fornoni Geo. Carlo Locuratolo Arch. Rocco Perretta Geo. David Wood F AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

8 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 Tecnici che hanno collaborato, in qualità di referenti, alla stesura ed aggiornaento: Ing. Fabio Balducci, Geo. Antonio Zanolio, Geo. Riccardo Riccardi, Ing. Daniele Caprini, P.I. M.L. Sozzi, Ing. Lucilio Cogato, Arch. Filippo Addabbo, Arch. Natalia Valentini, p.a. Maurizio Belloni, Geo. Francesca Astori, Arch. Alessandro Bongrani, Ing. Alberto Perrone, Arch. Iginio Granata, Geo. Valerio Malandra, Ing. Claudia Ceccarelli, Geo. Marco Pinotti, oltre ai tecnici: della Metropolitana Milanese Servizio Idrico Integrato: Area Manager Acquedotto P.I. Renato Mosca, Area Manager Acque Reflue Geo. Corrado Messaggi; Unità Tecnica opere civili Geo. Angelo Stucchi, Geo. Enrico Muroni, Geo. C. Pizzetti. Direzione Strategie e pianificazione Ing. Stefano Tani, Ing. Matteo Ghia; Ing. Teresa Deeco, dell ATM Ing. Marcello Murroni, Ing. Eanuele Pe. La realizzazione è stata resa possibile dalla collaborazione tecnica del Geo. Lorenzo Meglio della Soc. Innovare 24 s.p.a. - Referente noinato per la gestione inforatica, in attuazione al vigente Contratto di servizi stipulato con l Ainistrazione Counale, della codifica delle voci di prezzo e collaudazione del LP2014. Si ringraziano tutti i Settori dell Ainistrazione Counale di Milano e le Aziende a partecipazione pubblica che hanno prestato collaborazione fornendo le inforazioni tecniche, ainistrative e coerciali indispensabili alla forulazione, integrazione e correzione dell opera. G AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

9 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 Criteri Sono stati conferati, alla base dell aggiornaento dell LP2014, due ordini di criteri: il prio connesso all acquisizione della docuentazione relativa ai ateriali e ai anufatti esistenti nel ercato, il secondo riguardante la forazione del prezzo delle. Considerata la vastità del problea connesso alla conoscenza dei ateriali, il tea era stato trattato nell abito del Gruppo di Lavoro in preessa, avvalendosi della collaborazione di tecnici counali e delle aziende a partecipazione counale. Tuttavia, al fine di uniforare le voci del presente LP2014 a quelle delle precedenti versioni, le inforazioni recepite sono state tutte trattate dalla regia del gruppo di lavoro, in odo che la terinologia e le descrizioni delle voci avessero uniforità lessicale. In erito alla deterinazione dei prezzi unitari delle lavorazioni/opere copiute, il criterio che accouna ogni singola voce di prezzo è quello previsto dalla vigente norativa per l elaborazione delle singole analisi prezzi assuendo per la loro coposizione: i tepi di esecuzione dei lavori prevalenteente dalle inforazioni di pubblicazioni ufficiali ed eventualente rielaborate dalle inforazioni di tecnici esperti o aziende specializzate là dove le inforazioni ufficiali risultassero insufficienti; i costi della anodopera dal Bollettino della Caera di Coercio della Provincia di Milano - Volue n. 2 quadriestre aggio/agosto 2013; i costi dei ateriali dai listini dei produttori tenendo in debito conto gli sconti edi praticabili alle Iprese esecutrici; i costi dei noli sulla base di inforazioni del ercato. Su tali costi sono state applicate le spese generali (13%) ed utili (10%) pari ad una percentuale, coposta, coplessiva del 24,30% (Art.32 del DPR n 207/2010). Valore/prezzo delle soggetto all applicazione del ribasso d asta. Il costo per la sicurezza interno è stato definito per singola unità di isura di riferiento di ogni singola voce valutando ed applicando i valori percentuali inii indicati, per singola tipologia di lavorazione, dalla Regione Lobardia nelle linee guida eanate con deliberazione della Giunta Regionale n 9872 del , costo interno pe r la sicurezza non assoggettabile a ribasso d asta. Il valore coplessivo, per singola unità di isura, dell opera copiuta è dato dalla soa dei due valori unitari: prezzi unitari delle /opere copiute + costo per la interno = Totale del prezzo per unità di isura. L ulteriore colonna relativa alla % INC. M.O. attiene, coe anzidetto, alla percentuale di anodopera corrispondente al costo della stessa (quindi al netto delle spese generali e dell utile) quantificato nell analisi prezzo elaborata per singola voce di prezzo delle inserite nel LP2014. Viene inoltre segnalato che per le voci di prezzo, anche in caso di opera copiuta, riguardanti sovrapprezzi, aggiorazioni o auenti sui prezzi dei ateriali, posti a base dei prezzi che copongono la lavorazione adre, oppure in caso di sovrapprezzi, aggiorazioni o auenti per l utilizzo di ateriali diversi da quelli previsti per la lavorazione adre, i valori di % INC. M.O. non vengono rilevati e quindi non risultano evidenziati nel LP2014. Inoltre le voci di prezzo riguardanti le previste ai codici 1E a, b 1E E M M risultano anch esse prive della % INC. M.O. in quanto trattasi prettaente di forniture di ateriali o software. Pertanto, H AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

10 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 in questo caso, l utilizzo, nel coputo etrico estiativo (CME), di dette voci di prezzo configura la redazione di progetto di tipo isto di lavori e forniture con conseguente predisposizione di procedure di gara di appalto isto. Ulteriore riferiento deve essere posto ai criteri di inseriento dei prezzi unitari previsti per le del Cap. 1C.00. Infatti detto capitolo del LP2014 riguarda attività relative a servizi e pertanto la loro previsione nel coputo etrico estiativo (CME) configura la predisposizione di un progetto di tipo isto di lavori e servizi con conseguente predisposizione di procedure di gara di appalto isto. Viene altresì rilevato che le prestazioni del citato Cap. 1C.00 sono coprensive delle inute attività di supporto dell eventuale anodopera necessaria all esecuzione della prestazione salvo alcune attività in cui detta anodopera riveste una significativa incidenza ai fini della loro corretta esecuzione. In erito ai costi esterni per la sicurezza ed in particolare per le voci relative agli apprestaenti occorre rilevare che la nora di riferiento è il D.Lgs. n. 81/08 che con la sua entrata in vigore ha abrogato, tra le varie nore, il DPR n 222/2003 fondaento della Deterinazione n. 4 del in erito al etodo di calcolo dei costi per gli oneri della sicurezza e del costo degli apprestaenti, fra cui figurano i ponteggi, eanata dall Autorità di Vigilanza sui contratti di pubblici lavori, servizi e forniture. L Autorità di Vigilanza giungeva alla conclusione che gli apprestaenti di cui all Allegato I dell abrogato DPR n. 222/2003 fossero integralente riconducibili ai costi della sicurezza e quindi non soggetti a ribasso ritenendo che tale nora, coerenteente con l orientaento del legislatore volto a rafforzare la sicurezza nei luoghi di lavoro ed in particolare nei cantieri obili, avesse superato l art. 5 del DM n. 145/00 che, che al coa 1 lettera c) oggi abrogato dall'art. 358 coa 1 lettera e) del D.p.r. n.207/2010- considerava le spese per gli apprestaenti funzionali all esecuzione dei lavori, coprese nel prezzo delle lavorazioni e, conseguenteente, soggette a ribasso. L Autorità, dopo aver evidenziato il contrasto interpretativo tra le due disposizioni, optava per la soluzione indicata senza trascurare tuttavia di rilevare che la traslazione delle voci di costo per gli apprestaenti tra gli oneri di sicurezza potrebbe generare alcuni dubbi applicativi nonché problei di coerenza con la norativa esistente. In altri terini, l Autorità poneva il problea di verificare se le opere provvisionali, tra cui i ponteggi, debbano integralente afferire alla sicurezza ed i relativi costi essere sottratti al ribasso o se continui ad operare la prassi di assoggettare a ribasso quantoeno il costo delle opere provvisionali strettaente struentali all esecuzione delle varie lavorazioni. Difatti, attraverso un analisi dell articolo citato, tra gli apprestaenti rientrano solo le opere provvisionali necessarie ai fini della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori in cantiere, cosicché attraverso il ricorso alla tradizionale distinzione fra ponteggi di servizio e ponteggi di sicurezza, solo questi ultii sono coputati tra gli oneri di sicurezza. Dall analisi tecnica degli apprestaenti, con esclusione dei ponteggi, eerge che tutti gli eleenti sono direttaente collegati alle particolari caratteristiche delle opere progettate ed al loro etodo esecutivo e quindi valutabili quali apprestaenti di servizio alle stesse opere e pertanto da considerarsi, econoicaente, all interno delle singole analisi prezzo delle opere copiute. In tale logica è rivolta la struttura del presente LP2014 del Coune di Milano, così coe nei precedenti, in cui l incidenza degli apprestaenti di servizio alle stesse opere é stata considerata nelle analisi prezzo delle singole lavorazioni, per unità di isura, e quindi inserita quale parte integrante del prezzo dell opera copiuta e pertanto soggetta a ribasso d asta. Diversaente, i ponteggi possono anche non essere necessari per eseguire una lavorazione AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA I

11 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 a, è vincolante e necessario verificare che l utilizzo dei ponteggi debba essere opportunaente e dettagliataente valutato in sede progettuale in coordinaento diretto con l analisi della sicurezza. Al riguardo si ritiene opportuno osservare, così coe accertato presso l Avvocatura del Coune di Milano, che nei casi in cui, da un punto di vista tecnico e quindi progettuale, la parte di apprestaento ponteggio - diretto a garantire la sicurezza dei lavoratori sia individuabile con certezza, il progettista, in collaborazione diretta con il coordinatore per la sicurezza noinato in sede di progettazione, potrà stiare nei costi esterni per la sicurezza il solo costo relativo a tale parte (ponteggi di sicurezza ) da non assoggettare a ribasso, entre il costo della parte non finalizzata alla sicurezza (ponteggi di servizio ) dovrà essere stiata a parte e quindi assoggettata a ribasso. Essendo quindi, nel presente LP2014 così coe nei precedenti, la voce di costo dei ponteggi esclusa dai prezzi delle opere copiute, quando l utilizzo di ponteggi risultasse necessario per la realizzazione dell opera progettata (ponteggi di servizio ), essi dovranno essere coputati nel coputo etrico estiativo (CME) quali noli in aggiunta alla coputazione delle, avendo accortezza di non porre sovrapposizione con i ponteggi eventualente considerati e quantificati dal Coordinatore per la Sicurezza in fase di progettazione (CSP), quali costi esterni per la sicurezza (ponteggi di sicurezza ). Ciò consentirà altresì di rendere attuabile la redazione di opportuna valutazione dei costi esterni/indiretti/speciali finalizzati alla sicurezza ediante accurato coputo etrico estiativo (CME) ai sensi dell ex art. 7, coa 3, del DPR n. 222/2003 e conseguenteente tali costi potranno essere indicati dettagliataente nel Piano di Sicurezza e Coordinaento (PSC) ai sensi degli ex articoli 2 e 7, coa 2 del DPR n. 222/2003 e del vigente art. 100 del D.Lgs. n.81/2008. In tale logica occorre evidenziare che nel valore derivante dall applicazione della percentuale di spese generali di legge utilizzata per la coposizione del valore delle singole lavorazioni per opere copiute nella percentuale del 13%, si considera copreso ogni e qualsiasi altro onere o costo necessario per l installazione e la riozione dell ipianto di cantiere e per l esecuzione e la gestione dei lavori da parte dell appaltatore, che risultasse necessario in eccedenza ai costi relativi agli oneri esterni/indiretti/speciali per la sicurezza espressaente previsti nel Piano di Sicurezza e Coordinaento (PSC) redatto in fase di progettazione. Eleenti novellati e conferati dall art. 34 del recente DPR n. 207/2010 (Regolaento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE») e s..i.. Viene precisato che i contenuti del presente Listino Prezzi 2014 inerenti la sicurezza nei cantieri obili ed i relativi costi interni e/o esterni, sono coerenti con gli indirizzi dettati dalla Deliberazione di Consiglio Counale di Milano del in atti n /2008 Reg. n.232 nonché ai recenti dettai contenuti nel PATTO SULLA E LA REGOLARITA NEI RAPPORTI DI LAVORO sottoscritti dalle Parti Sociali il e counicate alla struttura organizzativa del Coune di Milano in atti unicipali n /2008 del Si puntualizza inoltre che nei valori di prezzo delle opere copiute è sepre copreso ogni e qualsiasi onere di trasporto o di ovientazione eseguito, anualente e/o con qualsiasi ezzo eccanico, all interno del cantiere e loro allontanaento sino alle discariche o depositi. E quindi da escludere l estiazione e la contabilizzazione di oneri aggiuntivi per ovientazione o trasporti di ateriali già considerati nei valori unitari di prezzo AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA J

12 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 di opere copiute. Questo principio vale per tutte le oggetto di analisi prezzo inserite nel LP2014; ciò anche quando nella descrizione della lavorazione detto onere non sia stato riportato o chiaraente espresso. Criteri per l applicazione dei prezzi di piccola anutenzione Occorre avere ben presente che la distinzione tra le di opere copiute previste nei Volui 1.1 e 1.2 e le di piccola anutenzione previste nei Volui 2.1 e 2.2, per quanto riguarda il LP2014 e le conseguenti scelte progettuali o di contabilizzazione, è generata esclusivaente dalla diensione del lavoro e non ha alcun riferiento con le qualificazioni delle tipologie degli atti ainistrativi regolanti l attività edilizia. Gli eleenti che caratterizzano in odo più evidente la anutenzione ordinaria o d urgenza posti a base dell analisi prezzo degli interventi di piccola anutenzione sono: la ancanza di un cantiere: si interviene quindi in un abiente potenzialente occupato dall utenza e, spesso, con la presenza di persone estranee all attività da eseguire. Data la brevità del lavoro, non viene apprestato un cantiere organizzato seppur provvisorio. la durata del lavoro: si è valutato che le attività lavorative previste nelle voci di piccola anutenzione, si concludano in un lasso di tepo non superiore ad un giorno, per ogni singolo luogo di intervento, inteso generalente coe edificio o piccola zona interessata a lavori odesti. Quindi l intervento in uno o più locali in un edificio, che si esaurisce nel corso della giornata, viene inteso quale piccola anutenzione. Se il lavoro si prolunga dando quindi luogo alla forazione di un cantiere, si rientra in un più apio intervento anutentivo e quindi con l applicazione dei prezzi di cui alle opere copiute previste nel Volue 1.1 oppure Volue 2.1. Nei prezzi della piccola anutenzione ordinaria o d urgenza, si è inteso copensare le perdite di tepo dovute all intervento specifico per una piccola attività, criterio che ovviaente non può essere trasferito nella anutenzione straordinaria la cui esecuzione, quale apio intervento anutentivo, prevede necessariaente l organizzazione di un cantiere per esecuzione di in più giorni. Nei prezzi delle opere in ceento arato (2C.04) si sono indicate le resistenze caratteristiche, coe richiesto dalle nore vigenti per le strutture in ceento arato. Struttura del listino Il Listino è generato da analisi prezzi tante quanti sono i prezzi di opere copiute e ateriali e sono strutturate in odo di perettere anche l aggiornaento dei prezzi, odificando una serie olto liitata di dati di base relativi alla anodopera ed ai ateriali od ai tepi di lavorazione della anodopera % INC. M.O. in caso di aggiornaenti sopravvenuti nella etodologia tecnologica di esecuzione di particolari lavorazioni. Quindi in caso di aggiornaento, coe previsto dall art. 133 coa 8 del Dlgs. n.163/06 e s..i. è sepre possibile intervenire su ogni singola voce indicata nel LP2014. K AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

13 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 Per poter generare le analisi ed aggiornare i prezzi si sono create una serie di banche dati coplesse relative ai Materiali, alla Manodopera ed ai Noli. La peculiarità del LP2014 e dei precedenti Listini è nella possibilità di aggiornare e proseguire costanteente nelle integrazioni, odifiche e inseriento di prezzi aggiunti di interesse coune. Nel caso di intervenute odificazioni tipologiche di lavorazioni o in caso di cessazione di produzione di ateriali, si è proceduto all eliinazione di voci ritenute obsolete. Pertanto nel LP2014, è stata antenuta la struttura organizzativa del precedenti Listini, operando su due livelli distinti: le opere copiute e l elencazione dei singoli costi dei ateriali, anodopera, attrezzature e noli oltre alla definizione di prezzi per piccola anutenzione o interventi d urgenza. Per facilitare la consultazione ed utilizzo del Listino Prezzi 2014 i prezzi sono suddivisi in livelli secondo la struttura tipologica dei lavori quali: opere civili, opere di urbanizzazione, opere ipianti elettrici, opere ipianti eccanici. La cobinazione dei suddetti eleenti ha coportato la strutturazione del Listino Prezzi 2014 in n 4 volui: Volue 1.1 Opere Copiute Civili ed Urbanizzazioni Volue 1.2 Opere Copiute Ipianti Elettrici e Meccanici Volue 2.1 Costi unitari e Piccola anutenzione Civile ed Urbanizzazioni Volue 2.2 Costi unitari e Piccola anutenzione Ipianti Elettrici e Meccanici In particolare i singoli volui contengono: Volue 1.1 Opere Copiute Civili ed Urbanizzazioni 1C opere copiute civile: nuove opere, ristrutturazioni e anutenzione straordinaria 1U opere copiute urbanizzazione nuove opere, ristrutturazioni e anutenzione straordinaria (Fognature, Acquedotto, Strade, Segnaletica stradale, Verde e Arredo urbano, Ipianti sportivi) Volue 1.2 Opere Copiute Ipianti Elettrici e Meccanici 1E opere copiute ipianti elettrici nuove opere, ristrutturazioni e anutenzione straordinaria 1M opere copiute ipianti eccanici nuove opere, ristrutturazioni e anutenzione straordinaria Volue 2.1 Costi unitari e Piccola anutenzione Civile ed Urbanizzazioni 2C opere copiute civili di piccola anutenzione ordinaria 2U opere copiute urbanizzazioni di piccola anutenzione ordinaria MA anodopera MC ateriali opere civili MU ateriali urbanizzazioni NC noleggi Volue 2.2 Costi unitari e Piccola anutenzione Ipianti Elettrici e Meccanici 2E opere copiute ipianti elettrici di piccola anutenzione ordinaria 2M reperibilità AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA L

14 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 MA anodopera ME ateriali ipianti elettrici MM ateriali ipianti eccanici La suddivisione del listino è riasta inalterata rispetto ai precedenti Listini, in cui la codifica dei capitoli e delle voci è stata concepita con l introduzione di eleenti alfanuerici che, data la loro struttura, consentono di identificare iediataente ed univocaente, le lavorazioni facilitando la elaborazione della stia e la contabilizzazione delle opere. CODIFICA ESECUTIVA gr. sez. capitolo opera-attività tipo diensione 1 C a 1 opere copiute 2 piccola anutenzione ordinaria M ateriali C E M U opere civili ipianti elettrici ipianti eccanici urbanizzazione M A anodopera N C nolo e trasporti avanza. 10 avanza. 10 lettera ESEMPLIFICAZIONE 0 1. DEMOLIZIONI 1 C a 1 C z 0 2. SCAVI E MOVIMENTI TERRA 1 C a 1 C z 0 3. OPERE SPECIALI FONDAZIONE - SONDAGGI (SEGUONO TUTTI GLI ALTRI CAPITOLI) Si pone l attenzione alle note di consultazione poste all inizio di ogni capitolo, o acro raggruppaenti di lavorazioni. In esse vengono evidenziati o segnalati i concetti che hanno costituito la forulazione e coposizione del prezzo indicando, fra l altro, le particolari precisazioni inerenti le assistenze urarie o i etodi di isurazione, etc. Queste note valgono per tutte le lavorazioni che sono indicate nel capitolo a cui esse sono associate. Per particolari esigenze esecutive o costruttive, qualche singola lavorazione ha necessitato di eleenti integrativi o aggiuntivi, ai fini della sua esecuzione, eccedenti alle note poste all inizio nel capitolo di riferiento. Tali eleenti aggiuntivi hanno funzione di ulteriore e approfondita esplicazione, esclusivaente ed unicaente, per la voce a cui si riferiscono. Relativaente alle voci di prezzo, è da segnalare che le descrizioni sono state forulate nella aniera più apia possibile con l indicazione degli oneri connessi o esclusi e, in taluni casi, è stato esplicitato anche il criterio di isurazione, evitando il rinvio a nore particolari o a voci già descritte e questo proprio per il principio di chiarezza e seplificazione. Quanto sopra ha carattere generale per tutte le lavorazioni inserite nel LP2014 alle quali si aggiungono le particolari prescrizioni esecutive, che l Ainistrazione Counale di Milano M AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

15 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 intende porre in essere elaborate, nelle Specifiche Tecniche oggetto di aggiornaento ed allegate al presente LP2014. Assistenze specialistiche e assistenze urarie Le assistenze specialistiche sono sepre coprese e copensate nei singoli costi dei ateriali forniti e quindi già coprese e copensate in tutte le opere copiute, quindi sono coprese in tutte le voci di prezzo dei volui 1.1, 1.2, 2.1 e Nei prezzi delle opere copiute, piccola anutenzione e ateriali relativi alle opere civili ed urbanizzazioni (Volue 1.1 e 2.1) ed alle opere di piccola anutenzione per gli ipianti elettrici (Volue capitoli individuati nel codice 2E), è stato considerato, in ogni valore delle, sepre copreso ogni e qualsiasi onere di posa in opera uraria, posa in opera specialistica, assistenza uraria e assistenza specialistica, counque necessario per la copleta e corretta esecuzione delle opere, escluso ogni ulteriore aggravio a carico del Coittente. Le assistenze urarie non sono coprese e quindi da quantificarsi a parte, per le sole opere copiute relative agli ipianti tecnologici, secondo le definizioni delle lavorazioni, soggette ad assistenza uraria, e relative percentuali coe riportate al capitolo 1C.28. A iglior precisazione si riportano le note di consultazione definite nel predetto capitolo: Le assistenze e pose in opera urarie, le pose in opera specialistiche e counque tutti gli interventi necessari per dare ogni singola opera copiuta perfettaente finita e funzionale in ogni sua parte, sono coprese in tutti i prezzi delle opere copiute del civile, delle urbanizzazioni e delle anutenzioni edili. Le assistenze e pose in opera urarie non sono invece coprese nei prezzi delle opere copiute degli ipianti; gli iporti relativi devono essere coputati adottando le sotto elencate percentuali, da applicare ai prezzi degli ipianti al lordo del ribasso d'asta. Sono esclusi dai corrispettivi degli ipianti, che concorrono a deterinare l'aontare delle assistenze urarie, le seguenti prestazioni: i corpi illuinanti, le apparecchiature inserite nei quadri o aradi, gli apparecchi di telecounicazione e segnalazione, le apparecchiature di ripresa video e siilari, i centralini e le apparecchiature da appoggiare a tavolo o paviento. Nel presente LP 2014 sono state conferate le percentuali delle assistenze urarie in relazione alla tipologia delle opere, differenziandole per nuove opere o anutenzioni. Le percentuali sono state definite per copensare tutte le assistenze urarie, la predisposizione o forazione di passaggi, fori, tracce, scassi, ecc., la forazione dei basaenti dei acchinari, quadri, collettori, ecc. e counque ogni e qualsiasi attività che l'ipresa debba prestare per rendere possibile il copletaento degli ipianti in ogni loro parte e la loro essa in funzione, senza ulteriori costi per la Coittente. I valori della sicurezza sono percentuali da applicare agli stessi valori ai quali si applicano le percentuali di assistenza. N AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

16 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 Alla base di tale scelta sono prevalse considerazioni di opportunità e correttezza contabile, finalizzate alla seplificazione e chiarezza dei prezzi, nonché aspetti tecnici connessi all individuazione e quantificazione delle opere urarie relative all installazione degli ipianti tecnologici ed alla valutazione della percentuale anche in considerazione della loro effettiva esecuzione. Nore di isura e valutazione Art. 1. VALUTAZIONE DEI LAVORI E MATERIALI Nel prezzo delle sono coprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico, lavorazione e posa in opera dei vari ateriali, tutti i ezzi e la anodopera necessari, le iposte e tasse di ogni genere, i passaggi provvisori, le occupazioni per l ipianto del cantiere, le opere provvisionali a tutela della sicurezza ed incoluità dei lavoratori, le spese generali e gli utili dell ipresa e quant altro possa occorrere per dare le operazioni copiute a regola d arte. Nel prezzo dei ateriali MC, MU, ME, MM, sono coprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico, i passaggi provvisori, le ovientazioni in cantiere, le spese generali e gli utili dell ipresa e quant altro possa occorrere per dare il ateriale a piè d opera in cantiere. o Valutazione dei Noli I prezzi delle dei noli (NC) non coprendono i costi interni per la sicurezza in quanto dette voci concorrono, nelle singole analisi prezzo, alla valutazione delle opere copiute quantificate nei Volui 1.1 e 2.1 oltre ai prezzi delle piccole anutenzioni indicati nei Volui 1.2 e 2.2. Ciò in quanto i noli sono direttaente correlati alla singola lavorazione in cui è previsto il loro utilizzo e conseguente applicazione del costo interno per la sicurezza. Pertanto l indicazione del valore unitario dei noli è stato espresso nel LP2014 ai fini della forulazione di Prezzi Aggiunti o Nuovi Prezzi. Si confera che i valori unitari dei noli coprendono e copensano il ontaggio, lo sfrido, la anutenzione, i consui energetici, gli spostaenti, il carico, il trasporto, la ovientazione e gli adattaenti che si rendessero necessari in relazione all esecuzione delle singole lavorazioni in cui è previsto il loro utilizzo, le spese generali e gli utili dell ipresa. In questo caso i noli si intendono a freddo e pertanto non vi è correlato alcun valore di % INC. M.O.. Diversaente per i prezzi di noli a caldo viene espressaente indicata la relativa %INC. M.O. Art. 2. PONTEGGI La isurazione verrà eseguita in base allo sviluppo del ponteggio in proiezione di facciata. L ex art. 1 del DPR 222/03 all. I considerava gli apprestaenti suddivisibili in due distinti gruppi : il prio attiene agli apprestaenti noralente utilizzati per eseguire lavorazioni in condizioni diverse rispetto alla quota zero del suolo quali: ponteggi, trabatelli, ponti su cavalletti; ipalcati, parapetti, andatoie, passerelle, arature delle pareti degli scavi; il secondo riguarda gli apprestaenti che non interessano direttaente le singole lavorazioni a sono tipici delle strutture organizzative per l apprestaento, appunto, di un cantiere obile o teporaneo O AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

17 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 quali: gabinetti, locali per lavarsi, spogliatoi, refettori, locali di ricovero e di riposo, doritori, caere di edicazione, infererie, recinzioni di cantiere. Richiaato quanto indicato nel precedente capitolo relativo ai CRITERI in ordine alla sicurezza e valutazione degli apprestaenti anche in relazione all art. 100 del DLgs n. 81/2008 e s..i., si puntualizza che si coprendono nei ponteggi, posati esternaente, anche i ponteggi a tutta altezza, o counque con altezza non inferiore a due piani, da realizzare in cortili interni, in cavedi o nei vani ascensore. Sarà cura dell Ipresa predisporre i ponteggi concordando le caratteristiche col Responsabile della Sicurezza che poserà il ponteggio, perché l esecuzione di successive odifiche richieste dallo stesso resterà a carico dell Ipresa. Tutti i ponteggi devono sepre e counque rispondere a tutte le nore di sicurezza relative previste dalle norative vigenti (PIMUS). Si segnala che i ponteggi interni, trabattelli ecc, necessari per le lavorazioni ai piani con altezza fino a 4,00 o 4,50 etri (a seconda delle lavorazioni) sono spesso identificati, nel LP2014, per seplicità espositiva, coe piani di lavoro. Tutti gli oneri relativi a questi piani di lavoro, trabattelli o ponteggi o counque qualsiasi ezzo regolaentare atto a perettere le lavorazioni ad una quota più elevata del piano di calpestio naturale, sono invece sepre e counque copresi nei prezzi delle opere copiute (anche se non sono citati nella descrizione) salvo che, in casi particolari, nella descrizione stessa ne sia esplicitaente dichiarata l esclusione e pertanto sono stati individuati quali apprestaenti di servizio e quindi rilevabili nel coputo etrico estiativo (CME). Tutti i ponteggi interni, trabattelli, piani di lavoro ecc., al di là della diversa definizione, devono sepre e counque rispondere a tutte le nore di sicurezza vigenti. Il prezzo dell ipianto di allare relativo al posteggio installato è già copreso nel prezzo di noleggio del ponteggio stesso. o Ponteggi etallici La isurazione verrà eseguita in base allo sviluppo del ponteggio in proiezione di facciata. I prezzi delle di noleggio coprendono e copensano il ontaggio, l ancoraggio alle pareti dell edificio, i parapetti regolaentari, l ipianto di essa a terra, le segnalazioni luinose ove necessario, la anutenzione, gli accorgienti necessari per la sua essa in sicurezza, lo sontaggio, la chiusura dei fori di ancoraggio salvo che la direzione lavori non ne prescriva il anteniento per le successive anutenzioni. Il prezzo dell ipianto di allare relativo al posteggio installato è già copreso nel prezzo di noleggio del ponteggio stesso. Il nolo del ponteggio, per ogni facciata o parti di essa, decorrerà dal giorno in cui lo stesso è pronto all uso e cesserà al terine dei lavori per i quali è necessario il ponteggio. Oltre tale terine, non verranno riconosciuti i periodi di noleggio. o Piani di lavoro dei ponteggi I piani di lavoro dei ponteggi saranno isurati in proiezione orizzontale per l effettiva superficie e per l effettivo nuero. I prezzi del noleggio coprendono e copensano il ontaggio, lo sfrido, la anutenzione, gli spostaenti e gli adattaenti in relazione all esecuzione dei lavori. P AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

18 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 o Ponteggi obili La isurazione verrà eseguita in base allo sviluppo del ponteggio in proiezione di facciata. I prezzi del noleggio coprendono l ipianto di essa a terra, le segnalazioni luinose ove necessario, la anutenzione, gli accorgienti necessari per la sua essa in sicurezza. Il ontaggio e lo sontaggio sono da coputare a parte. Il nolo del ponteggio obile, per ogni facciata o parti di essa, decorrerà dal giorno in cui lo stesso è pronto all uso e cesserà al terine dei lavori per i quali è necessario il ponteggio. Oltre tale terine, non verranno riconosciuti i periodi di noleggio. Art. 3. DEMOLIZIONI E RIMOZIONI I prezzi delle fissati nel Listino Prezzi per le deolizioni e riozioni si applicheranno all unità di isura prevista delle strutture e anufatti da deolire o riuovere. Tali prezzi coprendono e copensano i ponti di servizio, le ipalcature, le arature. Tutti i ateriali provenienti dalle deolizioni, riozioni, disfacienti, che a giudizio del direttore dei lavori siano riutilizzabili, sono di proprietà dell Ainistrazione ed i prezzi copensano la cernita, la pulizia, il deposito nell abito del cantiere o il trasporto ai depositi counali. L onere per il carico e trasporto dei ateriali di rifiuto agli ipianti di stoccaggio, di recupero o a discarica è copreso e copensato nel prezzo di applicazione. L onere di saltiento verrà riconosciuto, in base ai prezzi di Listino, a presentazione di idonea docuentazione coprovante l avvenuto saltiento in discarica regolarente autorizzata. o Deolizione di fabbricati La deolizione dei fabbricati o porzioni di fabbricati, di ogni tipo e struttura, viene obbligatoriaente copensata a etro cubo vuoto per pieno per la effettiva consistenza, coputata oltiplicando l area di base per l altezza isurata dalla quota inferiore di inizio della deolizione fino all estradosso della gronda, intendendosi copresa e copensata la deolizione dei volui tecnici e delle falde del tetto; eventuali cubature di arretraenti a cielo libero verranno dedotte da quella totale. Gli sporti del filo del fabbricato, quali balconi o gronde, non verranno coputati. Non è copresa la deolizione delle parti interrate e delle fondazioni, essendo escluse dal volue coe sopra coputato. Nel caso in cui sia richiesta anche la deolizione delle parti interrate e fondazioni, l altezza di calcolo della voluetria dovrà essere coputata a partire dall estradosso della soletta a quota più bassa e le fondazioni saranno considerate quali sporti e quindi già coprese e copensate nel prezzo delle. Oltre agli oneri generali della deolizione il prezzo delle coprende e copensa anche i tagli delle strutture collegate con edifici adiacenti o con parti di edificio che non vengono deolite, e la eventuale deolizione per fasi successive. Non è aessa la valutazione della deolizione totale utilizzando gli articoli di listino relativi alle deolizioni parziali e riozioni. o Deolizione di strutture (urature e congloerati) La deolizione di parti di strutture, se non diversaente disposto nella voce di prezzo delle, viene coputata in relazione al volue realente deolito, senza deduzione dei vuoti inferiori a 0,20³. Le deolizioni, se non diversaente precisato, si intendono Q AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

19 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 eseguite con ezzi eccanici adeguati all entità della deolizione, e sono sepre coprensive di qualsiasi intervento anuale necessario per il copletaento dell intervento. Le voci di piccoli interventi con ezzi riferiti a liiti voluetrici possono essere applicate solo nei liiti indicati, applicando i liiti di prezzo a ciascun intervento separato anche se operato sullo stesso eleento strutturale. o Deolizione di finiture Le deolizioni di pavienti, sottofondi, intonaci, rivestienti, controsoffitti, se non diversaente disposto nelle singole voci di prezzo delle, verranno coputate per la loro superficie effettiva deducendo tutti i vani superiori a 1,00 o Riozione di opere da falegnae La riozione dei serraenti in genere viene valutata in base alla loro luce (luce netta di passaggio delle e luce di foro della uratura per le finestre, essendo le isure più rilevabili dai disegni) ed il prezzo coprende e copensa lo suraento dei telai o dei controtelai, i tagli, la cernita dei vari coponenti, il carico e trasporto nell abito del cantiere e, per i anufatti non riutilizzabili, il carico e trasporto agli ipianti di stoccaggio, di recupero o a discarica autorizzata, con tutti gli oneri descritti nelle voci di prezzo delle 1C Tutti gli altri anufatti in legno vengono coputati in base alle loro effettive diensioni. Per tutte le riozioni sono coprese le operazioni di uratura e sontaggio, l assistenza specialistica ove necessaria, i ponteggi e piani di lavoro interni, il taglio, la cernita di eventuali parti di vetro e ateriali diversi da saltire separataente, la ovientazione in cantiere con qualsiasi ezzo anuale o eccanico, il carico e trasporto a deposito o discarica. Eventuali ponteggi esterni, se necessarie e non esistenti, dovranno essere coputati a parte. o Riozione opere da fabbro I serraenti in etallo da riuovere in etallo, di qualunque natura e diensione, vengono valutati in base alla loro luce (luce netta di passaggio delle porte e luce di foro della uratura per le finestre ed ipennate, essendo le isure più rilevabili dai disegni) ed il prezzo delle coprende e copensa lo suraento dei telai o controtelai, i tagli, la cernita dei vetri e dei ari coponenti, il carico e trasporto nell abito del cantiere e, per i anufatti non riutilizzabili, il carico e trasporto agli ipianti di stoccaggio, di recupero o a discarica autorizzata, con tutti gli oneri descritti nelle voci di prezzo delle 1C Tutti gli altri anufatti vengono valutati in base alle loro effettive diensioni o pesi. Per i rottai di ateriali etallici, noralente coercializzati, non si riconoscono oneri di saltiento, entre l eventuale ricavo resta a favore dell ipresa, salvo diversa pattuizione contrattuale. Per tutte le riozioni sono coprese nel prezzo delle tutte le operazioni di uratura e sontaggio, i ponteggi o piani di lavoro, l assistenza specialistica se necessaria, il taglio, la cernita di eventuali parti in vetro o ateriali di da saltire separataente, la ovientazione in cantiere con qualsiasi ezzo anuale o eccanico, il carico e trasporto a deposito o discarica. Eventuali ponteggi esterni, se necessarie e non esistenti, dovranno essere coputati a parte. R AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

20 Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 o Riozione opere da lattoniere La lattoneria da riuovere verrà valutata in base alle effettive diensioni lineari ed il relativo prezzo delle coprende e copensa la riozione dei fissaggi, i tagli, l abbassaento ed il trasporto nell abito del cantiere, il carico e trasporto agli ipianti di stoccaggio, di recupero o a discarica. o Oneri di gestione RAEE: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche In attuazione al Decreto Legislativo n. 151 del 25 luglio 2005 e successive odifiche ed integrazioni, gli oneri di raccolta, trasporto, di trattaento, di recupero e di saltiento copatibile con l abiente dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) originati da apparecchiature elettriche ed elettroniche sono a carico dei produttori. A tal fine i prezzi unitari dei ateriali delle di cui al capitolo ME.06 Illuinazione (che risultano copresi nelle relative indicate al Cap.1E.06) sono coprensivi degli oneri di gestione RAEE e pertanto non saranno soggetti ad ulteriori riborsi per oneri di saltiento. o Bonifica da aianto La pulizia e l incapsulaento delle lastre ondulate di copertura verrà coputato in base alle diensioni delle falde senza alcuna aggiorazione per lo sviluppo delle onde e con detrazione dei vuoti con superficie superiore ad 1,00. Art. 4. MOVIMENTI DI TERRA o Oneri generali Con i prezzi delle di Listino per gli scavi in genere, l Ipresa dovrà ritenersi copensata per tutti gli oneri e le spese che dovrà sostenere per: l esecuzione degli scavi con qualsiasi ezzo, i paleggiaenti, l innalzaento, il carico, il trasporto e lo scarico a deposito o a rifiuto, la regolarizzazione delle scarpate o pareti, lo spianaento del fondo, la forazione di gradoni; le puntellature, sbadacchiature, le protezioni delle scarpate, le transennature e le segnalazioni, la perdita totale o parziale del legnae; le ipalcature, i ponti e le costruzioni provvisorie occorrenti per i trasporti delle terre, per gli accessi, per garantire la continuità di passaggi e attraversaenti. La deolizione di trovanti rocciosi e di relitti di urature fino a 0,500 ³ rinvenuti nello scavo è copresa nel relativo prezzo delle, entre la deolizione di quelli con cubatura superiore sarà copensata con i relativi prezzi di Listino ed il loro volue verrà detratto da quello dello scavo. Nel calcolo dei volui di scavo non si terrà alcun conto degli scavi eseguiti oltre i liiti assegnati, delle scapanature e dei franaenti. I ateriali provenienti dagli scavi e da utilizzare per la forazione di rilevati e rinterri, sono di proprietà dell Ainistrazione e all Ipresa incobe l obbligo di depositarli nell abito del cantiere, entre le terre eccedenti dovranno essere caricate e trasportate a rifiuto. S AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA PREZZI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI EDIZIONE 2015 VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2015 VOLUME 1.1 OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI Coune di

Dettagli

LISTINO PREZZI VOLUME 1.2 EDIZIONE OPERE COMPIUTE IMPIANTI ELETTRICI E MECCANICI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI

LISTINO PREZZI VOLUME 1.2 EDIZIONE OPERE COMPIUTE IMPIANTI ELETTRICI E MECCANICI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA PREZZI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI EDIZIONE 2016 VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2016 VOLUME 1.2 OPERE COMPIUTE IMPIANTI ELETTRICI E MECCANICI Coune

Dettagli

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2013

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2013 AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA PREZZI PER L ESECUZIONE DI DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI EDIZIONE 2013 VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2013 VOLUME 1.1 OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI Coune

Dettagli

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI DEI PREZZI 2012 AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE OO.PP. E CENTRALE UNICA APPALTI DIREZIONE CENTRALE TECNICA per l esecuzione di opere pubbliche e anutenzioni Volue 2.2 COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE

Dettagli

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Trasporti e noli Materiali Mano d'opera 7 aggio 202 202 I triestre 202 COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Nel prio triestre 202 il costo di costruzione di un fabbricato residenziale auenta

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

PI - II fase. Fascicolo modifiche normative. Provincia di Verona. Elaborato

PI - II fase. Fascicolo modifiche normative. Provincia di Verona. Elaborato Coune di Salizzole Provincia di Verona PI - II fase Elaborato Fascicolo odifiche norative GRUPPO DI LAVORO Progettisti Incaricati Ing. Mario Medici Arch. Nicola Grazioli Arch. Eanuela Volta Collaboratore:

Dettagli

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise Protection è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 42 della Legge Regionale n. 12 del 11/03/2005

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 42 della Legge Regionale n. 12 del 11/03/2005 APT-SGT-RTA/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina 1 di 8 Spazio riservato all ufficio Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 4 della Legge Regionale n. 1 del

Dettagli

D E S C R I Z I O N E

D E S C R I Z I O N E Pag. 1 N.E.P. Codice Voci Finite senza Analisi 1 1.1.1.1 Scavo di sbancaento per qualsiasi finalità, per lavori da eseguirsi in abito extraurbano, eseguito con ezzo eccanico, anche in presenza d acqua

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

I COSTI DELLA SICUREZZA

I COSTI DELLA SICUREZZA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere prof. Renato Laganà I COSTI

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Procedura Abilitativa Semplificata

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Procedura Abilitativa Semplificata Modello B104ASS (febb 2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 12 COMUNE DI BOVINO (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Esente da bollo Cod.

Dettagli

CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA

CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA Comune di Mattarello Provincia Trento CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA Committente: PROVINCIA AUTONOMA DI TERNTO Via Romagnosi, 9 38100 Trento Ente Appaltante:

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Costi od Oneri della Sicurezza?

Costi od Oneri della Sicurezza? Costi od Oneri della Sicurezza? La distinzione tra Costi della sicurezza e Oneri della sicurezza nasce dalle diverse dizioni letterali che si rinvengono nella normativa italiana, in particolare al punto

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della

Dettagli

I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01.

I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01. I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs

Dettagli

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 13 gennaio 2015, n. G00065 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0187. CALL FOR PROPOSAL

Dettagli

COSTI PER LA SICUREZZA

COSTI PER LA SICUREZZA COSTI PER LA SICUREZZA All. XV 4.1-D.Lgs 81/2008 DALL USCITA DELLA 494/96 ESISTE L OBBLIGO DI REDIGERE UN COMPUTO PER LA SICUREZZA CIOE EFFETTUARE UNA VALUTAZIONE DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA TALE VALUTAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati.

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati. QUESITI E RISPOSTE 1. Non risulta scaricabile il bando di gara; Il bando di gara pubblicato nella GURI del 04/07/2014 al n. T14BFM11431 ed il successivo corrispondente avviso di rettifica pubblicato nella

Dettagli

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC L allegato XV al D. Lgs. n 81/2008 CONTENUTI DEL PSC (già DPR n 222/2003 - Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza) Il PSC è specifico per ogni

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena)

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena) SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE Servizio proponente SUPPORTO AMMINISTRATIVO L.P. DETERMINAZIONE N. 20/LP DEL 19/02/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PROGETTO - DETERMINA A CONTRARRE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

Cronoprogramma (Gantt)

Cronoprogramma (Gantt) Cronoprogramma (Gantt) Non potendo preventivare nel tempo e quindi programmare i lavori di manutenzione ordinaria, la predisposizione di un cronoprogramma lavori risulta di difficile realizzazione e soprattutto

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Originale / Copia COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Tel. 0462 340013 0462 340019 Fax 0462 231187 Indirizzo e-mail segreteria@comune.castellomolina.tn.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

COMUNE DI CASAVATORE. Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione

COMUNE DI CASAVATORE. Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione COUNE DI CASAVATORE Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione (art. 26 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81e s.m.i.) Committente: Comune

Dettagli

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO.

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO. Spett.le COMUNE DI CASTELLO MOLINA DI FIEMME Via Roa, 38 38030 CASTELLO DI FIEMME (TN) Mod. ParPrev OGGETTO: Doanda di PARERE PREVENTIVO. N.B. Questo odello dovrà essere copilato in ogni sua parte in stapatello

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Urbanistica Rigenerazione Urbana DIRETTORE CARLETTI arch. RUGGERO Numero di registro Data dell'atto 723 14/05/2015 Oggetto : Approvazione in linea tecnica

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

COMUNE DI EDOLO CAPITOLATO D APPALTO. Provincia di Brescia Ufficio Tecnico Lavori Pubblici

COMUNE DI EDOLO CAPITOLATO D APPALTO. Provincia di Brescia Ufficio Tecnico Lavori Pubblici COMUNE DI EDOLO Provincia di Brescia Ufficio Tecnico Lavori Pubblici Tel. 0364-773036 Fax 0364-71162 C.F. 00760070177 P.IVA 00577230980 L.go Mazzini n.1 25048 EDOLO (BS) - E-mail uff.tecnico@comune.edolo.bs.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Prestazioni termiche e acustiche di soluzioni di involucro in laterizio faccia a vista

Prestazioni termiche e acustiche di soluzioni di involucro in laterizio faccia a vista 2 Prestazioni teriche e acustiche di soluzioni di involucro in laterizio faccia a vista Indice Preessa pag. 3 Le soluzioni tecniche d involucro con attoni faccia a vista pag. 5 La valutazione delle prestazioni

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTI ELETTRICI (OPERE NON PREVISTE IN PROGETTO)

ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTI ELETTRICI (OPERE NON PREVISTE IN PROGETTO) B03 - OPERE COMPIUTE PER MANUTENZIONI STRAORDINARIE E NUOVE REALIZZAZIONI B03 OPERE COMPIUTE PER MANUTENZIONI STRAORDINARIE E NUOVE REALIZZAZIONI B03.01 - SMONTAGGI E ALLACCIAMENTI B03.01 SMONTAGGI E ALLACCIAMENTISMONTAGGI

Dettagli

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di FABBRICATO RESIDENZIALE FORMATO DA QUATTRO U.I. previa demolizione del fabbricato esistente scheda A7 allegato A delle

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 36 del 13/04/2013 Oggetto: LAVORI DI RISANAMENTO E MIGLIORAMENTO STRUTTURALE

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009 16 ottobre 2015 RCOSTRUZONE DEGL NDC DE PREZZ ALL MPORTAZONE GENNAO 2005-DCEMBRE 2009 A partire dal counicato stapa del 16 ottobre 2015 l stituto nazionale di statistica pubblica le serie storice ricostruite

Dettagli

AVVERTENZE PER I CONCORRENTI

AVVERTENZE PER I CONCORRENTI AVVERTENZE PER I CONCORRENTI Il concorrente è tenuto a predisporre tutta la documentazione prevista dalla Stazione Appaltante e finalizzata alla verifica delle offerte anormalmente basse ai sensi degli

Dettagli

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze documento ad uso interno all istituto a cura di Marta Dalla Vecchia

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SR/sr Determinazione n. DD-2015-1156 esecutiva dal 14/07/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-71152 del 09/07/2015

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche;

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche; DOMANDA N. 19 Il disciplinare di gara a pag. 11 cita I concorrenti che non possiedono adeguata qualificazione per prestazione di progettazione e costruzione devono incaricare o associare per la redazione

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Ufficio Tecnico - Settore Manutenzioni

COMUNE di EMPOLI. Ufficio Tecnico - Settore Manutenzioni COMUNE di EMPOLI Ufficio Tecnico - Settore Manutenzioni PROGETTO PER LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA A PORZIONE DELLA COPERTURA DELL EDIFICIO COMUNALEDI PIAZZA DEL POPOLO (Locali C.E.D. su via dei

Dettagli

COMUNE DI POGGIORSINI PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI POGGIORSINI PROVINCIA DI BARI PROVINCIA DI BARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2007/13 - Fondo F.E.A.S.R. - ASSE III Misura 3.1.3 Azione 3 PROGETTO DI INTERVENTO STRUTTURALE E MANUTENZIONE DEI SENTIERI CON CARTELLONISTICA

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E03 Edilizia, urbanistica e ambiente Contabilità dei lavori Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection Double Preiu A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA REP. N.... CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA DIREZIONE LAVORI RELATIVO AI LAVORI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna Anaci Bologna OBBLIGO LINEE VITA IN EMILIA ROMAGNA Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna OeM Bologna 14.02.2014

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

Comune di Bologna, Settore Lavori Pubblici. UI Qualità e Coordinamento Tecnico Piazza Liber Paradisus, n 10 40129 Bologna. Revisione 3.

Comune di Bologna, Settore Lavori Pubblici. UI Qualità e Coordinamento Tecnico Piazza Liber Paradisus, n 10 40129 Bologna. Revisione 3. Comune di Bologna, Settore Lavori Pubblici. UI Qualità e Coordinamento Tecnico Piazza Liber Paradisus, n 10 40129 Bologna Revisione 3.0 gennaio 2011 www.comune.bologna.it/lavoripubblici/elencoprezzi Elenco

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

DEMOLIZIONI SEZIONE IV DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA SPECIFICHE TECNICHE CAPITOLATO COSTRUZIONI OPERE CIVILI DOCUMENTO CO.01.01 005 PROGETTO XXXX REV.

DEMOLIZIONI SEZIONE IV DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA SPECIFICHE TECNICHE CAPITOLATO COSTRUZIONI OPERE CIVILI DOCUMENTO CO.01.01 005 PROGETTO XXXX REV. ECIFICHE TECNICHE 1 DI 7 SEZIONE IV DEMOLIZIONI ECIFICHE TECNICHE 2 DI 7 INDICE GENERALE DIOSIZIONI GENERALI Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Sezione VI Sezione VII Sezione VIII Sezione

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C. ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.) ESEMPLIFICAZIONE DI E.T.C. SU PROGETTI REALMENTE ESEGUITI,

Dettagli

VDG Ingegneria 2013 02640/047 Servizio Edilizia Abitativa Pubblica CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

VDG Ingegneria 2013 02640/047 Servizio Edilizia Abitativa Pubblica CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE VDG Ingegneria 2013 02640/047 Servizio Edilizia Abitativa Pubblica CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 113 approvata il 6 giugno 2013 DETERMINAZIONE: INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva In base al vecchio regolamento, competevano al direttore dei lavori le funzioni attribuite al coordinatore per l esecuzione

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA

ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA Pag. 1 di 9. ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA Per ciascun lotto, la busta C Gara per la fornitura di sistemi per il controllo accessi, il rilevamento presenza, gli allarmi, la

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI AREZZO. Provvedimento n. 2541 OGGETTO:

COMUNE DI AREZZO. Provvedimento n. 2541 OGGETTO: Classificazione: F 06-20090000016 Direzione Servizi Infrastrutturali Ufficio Unico Progettazione Arezzo, 22/08/2011 Provvedimento n. 2541 OGGETTO: REALIZZAZIONE CENTRO RACCOLTA IN LOCALITA' MULINACCIO.

Dettagli

ONERI DELLA SICUREZZA

ONERI DELLA SICUREZZA COMUNITÀ MONTANA ALTA UMBRIA ONERI DELLA SICUREZZA P.S.R 2007/2013 Misura 1.2.5 Azione c) Intervento di collegamento del comparto irriguo Tevere II al sistema Montedoglio e adeguamento reti irrigue in

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL LAZIO OGGETTO: Lavori di restauro e valorizzazione degli apparati decorativi nella Chiesa e nel

Dettagli

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37 DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37 L'anno 2015 il giorno 18 del mese di Febbraio il sottoscritto dott. ing. Gian Luigi

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA Settore Lavori Pubblici Servizio Amministrativo Direttore di Settore e R.U.P. arch. Antonello Longoni Protocollo int. n. 15993 AL/gp Lecco, 18.03.2015 DISCIPLINARE DI GARA Cottimo fiduciario ad affidamento

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Provincia di Como

COMUNE DI TAVERNERIO Provincia di Como COMUNE DI TAVERNERIO Provincia di Coo LAVORI DI SISTEMAZIONE "FRANA ROVASCIO" PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO LISTA DELLE CATEGORIE E DELLE FORNITURE ELABORATO 8 IL COMMITTENTE: Coune di Tavernerio Via Provinciale,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31) Allo SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA del Coune di ZIANO PIACENTINO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Eilia Roagna 25.11.2002, n. 31) TITOLARE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 5. SETTORE SVILUPPO E AMBIENTE SERVIZIO Politiche energetiche - Ambiente - verde - Igiene urbana - Sanità e randagismo

Dettagli

UNITA DI DIREZIONE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE, RECUPERO, ESPROPRI

UNITA DI DIREZIONE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE, RECUPERO, ESPROPRI AZIEND A TERRI TORI ALE PER L EDILIZI A RESIDE NZI ALE DI POTENZ A Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it URP NUMERO VERDE 800291622 fax 0971 413201 UNITA DI DIREZIONE

Dettagli

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE ! Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE Coe anticipato nella lettera di presentazione dell!iniziativa, l!indagine proossa dalla Caera di Coercio di Milano

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Originale / Copia COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Tel. 0462 340013 0462 340019 Fax 0462 231187 Indirizzo e-mail segreteria@comune.castellomolina.tn.it

Dettagli

Comune di San Michele al Tagliamento

Comune di San Michele al Tagliamento Comune di San Michele al Tagliamento PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINAZIONE N 244 del 03/04/2014 Si attesta la regolarità dell'istruttoria svolta e la correttezza del seguente schema di determinazione per

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 538 Data: 08-07-2011

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 538 Data: 08-07-2011 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 538-2011 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 538 Data: 08-07-2011 SETTORE : LAVORI PUBBLICI E

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N 05/08 CIG: 0133286714. Il Comune di Cagliari, in esecuzione della Determinazione del Dirigente

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N 05/08 CIG: 0133286714. Il Comune di Cagliari, in esecuzione della Determinazione del Dirigente COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N 05/08 CIG: 0133286714 Il Comune di Cagliari, in esecuzione della Determinazione del Dirigente dell Area Servizi Tecnici n. 5 del 14.01.2008 e n. 18

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Geom. Francesco Minniti

Geom. Francesco Minniti A N A L I S I C O S T I D E L L A S I C U R E Z Z A P R O G E T T O E S E C U T I V O ai sensi del D.P.R. n.207/2010 e s.m.i. * * * OGGETTO : RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA PER RECUPERO FUNZIONALE IN BIVACCO

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli