REGOLAMENTO. per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO. per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture"

Transcript

1 REGOLAMENTO per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture

2 INDICE: TITOLO I PRINCIPI GENERALI 3 Articolo 1 Finalità 3 Articolo 2 Principi dell attività contrattuale 3 Articolo 3 Forme di esecuzione in economia 4 Articolo 4 Responsabile del procedimento 5 Articolo 5 Rinvio 6 TITOLO II ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI SERVIZI E FORNITURE 6 Articolo 6 Limiti di importo e divieto di frazionamento nei servizi e nelle forniture 6 Articolo 7 Acquisizione di forniture e servizi in economia 6 Articolo 8 Altri casi di ricorso al sistema in economia 9 Articolo 9 Affidamento diretto per le forniture e per i servizi 10 Articolo 10 Procedura di affidamento mediante cottimo fiduciario 11 Articolo 11 Fondo economale e spese minute 13 Articolo 12 Garanzie 13 Articolo 13 Forme contrattuali 16 Articolo 14 Pubblicità e comunicazioni 16 Articolo 15 Mercato elettronico 17 TITOLO III ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI LAVORI 18 Articolo 16 Limiti di importo e divieto di frazionamento nei lavori 18 Articolo 17 Acquisizioni di lavori in economia 18 Articolo 18 Affidamento diretto per i lavori 19 Articolo 19 Procedura di affidamento di lavori mediante cottimo fiduciario 19 Articolo 20 Lavori d urgenza 21 Articolo 21 Provvedimenti in casi di somma urgenza 21 Articolo 22 Garanzie 22 Articolo 23 Pubblicità 23 Articolo 24 - Norma di chiusura Entrata in viore21 Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 2

3 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di affidamento degli acquisti in economia di lavori, servizi e forniture da parte dell ENPAP Ente Nazionale di Previdenza ed assistenza per gli Psicologi (di seguito, ENPAP o Ente), in attuazione di quanto previsto dagli artt. 28 e 125 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i. ( Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE di seguito, anche, Codice dei contratti pubblici), dagli artt. 173 e ss. e dagli artt. 332 e ss. del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207 ( Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i. recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE di seguito, anche, Regolamento dei contratti pubblici o Regolamento). 2. Nel caso in cui dovessero intervenire in futuro eventuali modifiche o integrazioni di natura legislativa o regolamentare nel settore degli appalti pubblici di lavori, forniture e servizi di valore inferiore alla soglia comunitaria, il presente Regolamento verrà aggiornato con atto deliberativo del Consiglio di amministrazione dell Ente. Articolo 2 Principi dell attività contrattuale 1. Le disposizioni del presente Regolamento hanno la finalità di assicurare che l affidamento di lavori, servizi e forniture avvenga in termini temporali ristretti e con modalità semplificate nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia ed economicità, oltre che dei principi di libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e rotazione. 2. In particolare, l'attività negoziale si ispira ai seguenti principi: a) perseguimento dei fini istituzionali dell Ente; b) realizzazione della massima economicità in combinazione con l'ottimizzazione degli scopi societari; c) imparzialità nella scelta dei contraenti; d) trasparenza nell'applicazione delle procedure di scelta dei contraenti; e) semplificazione procedurale nel rispetto dei principi di cui alle precedenti lettere a), b), c) e d). Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 3

4 3. A tali fini l ENPAP, nei limiti consentiti dalla legge, considera il ricorso a procedure in economia ed in particolare al cottimo fiduciario, di cui all'art, 125 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. così come integrato dagli artt. 7 e 17 del Regolamento in riferimento alle tipologie di lavori, servizi e forniture per i quali è ammesso il ricorso alle procedure in economia, quale modulo operativo preferenziale per l'acquisizione delle forniture, servizi o lavori laddove l Ente non sia dotato al suo interno di personale dipendente qualificato o comunque disponibile per le esecuzioni in questione, oppure non sia dotata di mezzi idonei, mentre, per quanto concerne la fornitura di beni, il modulo operativo preferenziale è rappresentato dal ricorso al Mercato Elettronico della P.A. 4. Gli operatori economici onde poter conseguire l affidamento dei lavori, servizi e forniture devono essere in possesso dei requisiti di cui all art. 38 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. Articolo 3 Forme di esecuzione in economia 1. Il ricorso al sistema di acquisizione in economia di cui all'art. 125 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i., così come integrato dagli artt. 7 e 17 del Regolamento, è ammesso in relazione ai limiti di importo e alle tipologie di lavori, servizi e forniture indicati ai successivi artt. 6 e 16, del presente Regolamento. 2. Nessun intervento di importo superiore che possa considerarsi unitario può essere frazionato artificiosamente al fine di ricondurne l esecuzione alle regole ed ai limiti di valore del presente Regolamento. 3. L acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia può avvenire: a) in amministrazione diretta; b) con cottimo fiduciario od affidamento diretto. 4. Nell amministrazione diretta le acquisizioni sono effettuate sotto la direzione del Responsabile del procedimento con materiali e mezzi dell Ente o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio dell Ente, o eventualmente assunto per l occasione. 5. Nel cottimo fiduciario le acquisizioni avvengono con affidamento a terzi mediante procedura negoziata. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 4

5 Articolo 4 Responsabile del procedimento 1. L Ente opera per mezzo di propri Responsabili del Procedimento individuati o dal Consiglio di Amministrazione o dal Presidente o dal Direttore, secondo le rispettive competenze, in relazione alla fornitura, al servizio o al lavoro da realizzare. 2. In mancanza di scelta di un Responsabile del Procedimento, lo stesso è identificato nel Direttore dell Ente. 3. Il Responsabile del Procedimento deve essere un dipendente dell Ente e non può rifiutare l incarico; qualora il servizio o la fornitura presenti delle specificità tecniche che esulano dalle sue competenze può chiedere di essere supportato da altro dipendente dell Ente o da un tecnico esterno scelto secondo le procedure e modalità previste dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i. per l'affidamento di incarichi di servizi. 4. Il Responsabile del Procedimento svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento previsti dell art. 10 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. e dal presente Regolamento, definisce le specifiche tecniche e/o prestazionali della fornitura, servizio o lavoro, individua gli operatori economici a cui inviare richiesta di offerta per le procedure negoziate con selezione dall Albo Fornitori e Professionisti dell Ente ovvero a mezzo indagine di mercato, verifica l avvenuto perfezionamento del contratto, assume la responsabilità della corretta esecuzione delle prestazioni e l attestazione di regolare esecuzione nei casi in cui, ai sensi dell art. 272, comma 5, D.P.R. 207/2010, il Responsabile Unico del Procedimento sia anche Direttore dell Esecuzione del contratto; per i lavori la dichiarazione di regolare esecuzione è di competenza del Direttore dei Lavori. 5. Ai sensi dell art. 300, comma 2, D.P.R. 207/2010, il Direttore dell Esecuzione del contratto è, comunque, un soggetto diverso dal Responsabile Unico del Procedimento nel caso di: a) prestazioni di importo superiore ad ,00 (Euro cinquecentomila) oltre IVA; b) prestazioni particolarmente complesse ovvero caratterizzate dall utilizzo di componenti o di processi produttivi innovativi o dalla necessità di elevate prestazioni per quanto riguarda la loro funzionalità. 6. Nelle ipotesi di prestazioni di particolare importanza, così come definite nella sopra indicata lettera b) del comma 5, l Ente può nominare uno o più assistenti del Direttore dell Esecuzione cui affida, per iscritto, una o più delle attività di competenza del Direttore dell Esecuzione. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 5

6 7. Nelle ipotesi indicate nel comma 5 del presente articolo, in caso di carenza in organico di personale adeguato alla prestazione da eseguire, l Ente affida l incarico di Direttore dell Esecuzione a soggetto scelto secondo le procedure e con le modalità previste dal D.lgs. 163/2006 e s.m.i.per affidamento dei servizi. Articolo 5 Rinvio 1. Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si fa rinvio alla normativa in materia. TITOLO II ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI SERVIZI E FORNITURE Articolo 6 Limiti di importo e divieto di frazionamento nei servizi e nelle forniture 1. Le acquisizioni in economia dei servizi e delle forniture sono consentite fino ai seguenti importi: a) pari o superiore a ,00 (euro quarantamila) e fino a ,00 (euro duecentomila), è consentito il cottimo fiduciario; b) inferiore a ,00 (euro quarantamila) è consentito l affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento, secondo le modalità di cui al successivo art. 9. Tali soglie devono intendersi automaticamente adeguate in relazione alle modifiche apportate all art. 28 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. (Codice dei contratti pubblici) dalla normativa comunitaria in materia a mezzo del meccanismo di adeguamento previsto dall art. 248 del Codice dei contratti pubblici. 2. Gli importi, di volta in volta determinati, sono sempre da intendersi al netto dell IVA. 3. Nessun servizio o fornitura di importo pari o superiore alle predette soglie di valore può subire un frazionamento artificioso finalizzato a ricondurne la prestazione alla disciplina contenuta all art. 125 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. (Codice dei contratti pubblici). Articolo 7 Acquisizione di forniture e servizi in economia 1. Nei limiti previsti all articolo 6 del presente Regolamento, è ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per l acquisizione delle seguenti categorie generali di forniture di beni e servizi individuate dal Consiglio di Amministrazione. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 6

7 2. Tipologie di forniture beni e servizi A. Automezzi A.1 Autovetture A.2 Accessori e ricambi A.3 Pneumatici (compresa installazione) B. Arredamento B.1 Mobili/Arredi per uffici B.2 Attrezzatura antincendio/di sicurezza B.3 Porte e Infissi B.4 Attrezzatura e prodotti per il verde B.5 Arredo per esterni e giardini C. Complementi di arredo C.1 Tendaggi/Tappezzerie C.2 Elettrodomestici C.3 Casseforti C.4 Quadri/Cornici E. Materiali E.1 Materiale edile E.2 Materiale elettrico E.3 Materiale idraulico E.4 Materiale di pulizia/igiene per ambienti E.5 Vetri/cristalli/specchi F. Attrezzature e sistemi informatici F.1 Apparecchiature informatiche ed accessori F.2 Fotocopiatrici/Scanner/fax F.3 Materiali di consumo F.4 Software G. Materiali e servizi per manifestazioni G.1 Targhe/stemmi/coppe G.2 Fiori G.3 Bandiere G.4 Attrezzature per manifestazioni G.5 Servizi per manifestazioni H. Cancelleria H.1 Cancelleria H.2 Manifesti/Cataloghi/Brochure H.3 Stampati e prodotti tipografici H.4 Copie / fotocopie Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 7

8 I. Forniture Varie I.1 Acqua minerale e bevande I.2 Segnaletica interna ed esterna L. Manutenzione/Riparazione autoveicoli L.1 Meccanico L.2 Carrozzeria L.3 Gommista L.4 Lavaggio M. Manutenzioni/Riparazioni M.1 Impianti idrici M.2 Impianti termoidraulici M.3 Impianti elettrici M.4 Impianti elevatori M.5 Impianti telefonici M.6 Impianti di sorveglianza M.7 Attrezzature antincendio N. Manutenzione immobili ed aree verdi N.1 Fabbri N.2 Falegnami N.3 Opere edili N.4 Vetrai N.5 Aree verdi/giardinaggio O. Servizi di Archiviazione/Gestione documentale O.1 Sistemi di archiviazione O.2 Traduzioni O.3 Legatoria O.4 Gestione documentale P. Servizi Trasporti/Traslochi/Noleggio P.1 Traslochi P.2 Facchinaggio P.3 Trasporto/Spedizione merci P.4 Noleggio attrezzature diverse Q. Servizi Pulizia/Sanificazione Q.1 Pulizia uffici Q.2 Disinfestazione/Derattizzazione e sanificazione Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 8

9 R. Servizi Finanziari/Assicurativi R.1 Assicurazioni R.2 Bancario e di tesoreria R.3 Recupero crediti e riscossione Advisor R.4 finanziari/contabili/revisione S. Consulenze professionali S.1 Legali S.2 Notarili S.3 Statistici ed attuariali S.4 Consulenza del lavoro S.5 Ricerca e selezione del personale S.6 Formazione S.7 Sicurezza sul lavoro S.8 Revisione contabile T. Servizi informatici T.1 Sviluppo, manutenzione ed assistenza software applicativo T.2 Sviluppo, manutenzione ed assistenza software di base T.3 Manutenzione hardware server/grandi sistemi T.4 Manutenzione hardware pc/minisistemi T.5 Servizi di gestione operativa U. Altri Servizi U.1 Organizzazione convegni e congressi U.2 Comunicazione U.3 Servizi fotografici U.4 Agenzie turistiche U.5 Servizi alberghieri U.6 Servizi di ristorazione U.7 Vigilanza Articolo 8 Altri casi di ricorso al sistema in economia 1. Il ricorso al sistema delle acquisizioni in economia di beni e servizi disciplinato dalla presente procedura è altresì consentito ai sensi dell'art. 125, comma 10, del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. (Codice dei contratti pubblici), nelle seguenti ipotesi tassative: a) risoluzione di un precedente rapporto contrattuale e in danno al contraente inadempiente, quando ciò sia ritenuto necessario o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto; Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 9

10 b) necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l'esecuzione nell'ambito del contratto medesimo; c) prestazioni periodiche di servizi a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente e nella misura strettamente necessaria; d) urgenza, determinata da eventi oggettivamente imprevedibili, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per persone, animali o cose ovvero per l'igiene e salute pubblica ovvero per il patrimonio storico, artistico e culturale. 2. Ai sensi dell art. 332, comma 4, del d.p.r. 207/2010 (Regolamento dei contratti pubblici), in caso di specifiche caratteristiche del bene da fornire o del servizio da espletare, ovvero nel caso di specifiche esigenze accertate dal Responsabile del Procedimento con apposita relazione, è consentito l utilizzo di Elenchi di operatori economici predisposti da altre stazioni appaltanti. Articolo 9 Affidamento diretto per le forniture e per i servizi 1. Per le forniture ed i servizi in economia di importo inferiore a ,00 (euro ventimila/00) oltre IVA è consentito l affidamento diretto ad una sola Ditta o professionista, ai sensi dell art. 125, comma 11 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. selezionato a cura del Responsabile del Procedimento dagli elenchi di operatori economici appositamente predisposti dalla Direzione dell Ente e periodicamente aggiornati (Albo dei Fornitori dell Ente). 2. Il Responsabile del Procedimento è tenuto a motivare adeguatamente l affidamento diretto ad una sola Ditta o professionista nella delibera a contrarre nonché ad effettuare le verifiche di legge in merito alla congruità del prezzo offerto dal fornitore rispetto alla natura dei prodotti o dei servizi richiesti; dette verifiche si sostanziano in un indagine di mercato, anche informale tramite servizi informatici e servizi web, volta a verificare la migliore soluzione in termine di qualità/prezzo. 3. Per le forniture ed i servizi in economia di importo pari o superiore ad ,00 (euro ventimila/00) oltre IVA e sino alla soglia di ,00 (euro quarantamila/00) oltre IVA è consentito l affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento in favore di una Ditta o di un professionista selezionato a seguito della raccolta di almeno tre offerte tecnico-economiche (se sussistono in tale numero soggetti idonei) fornite operatori economici presenti negli Elenchi di operatori economici appositamente predisposti dalla Direzione dell Ente e periodicamente aggiornati (Albo dei Fornitori dell Ente) ovvero, qualora non fosse presente nel suddetto Albo la categoria merceologica di interesse, le offerte saranno recepite da operatori economici individuati tramite indagine di mercato effettuata nel settore di riferimento. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 10

11 4. Il Responsabile del Procedimento è, inoltre, tenuto ad effettuare le verifiche di legge in merito alla congruità del prezzo; dette verifiche si sostanziano in un indagine di mercato, anche informale tramite servizi informatici e servizi web, volta a verificare la migliore soluzione in termine di qualità/prezzo. 5. In entrambi i casi previsti al comma 1 e 3 del presente articolo, la Ditta o il professionista affidatario deve allegare al contratto apposita autodichiarazione ex D.P.R. 445/2000 con cui attesta il possesso dei requisiti ex art. 38 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. nonché la propria regolarità contributiva e previdenziale successivamente verificabili a cura dell Ente; la verifica del possesso dei requisiti di carattere generale potrà anche avvenire attraverso l utilizzo del sistema AVCPASS, reso disponibile dall Autorità di Vigilanza dei Contratti Pubblici, ai sensi del comma 3, art.6 bis, D.lgs. 163/2006 e s.m.i., introdotto dall'art. 20, comma 1, lettera a), Legge n. 35 del Successivamente all aggiudicazione definitiva l affidatario deve produrre, a richiesta dell Ente, le certificazioni previste dalla legge atte a dimostrare il possesso dei requisiti ex art. 38 D.lgs. 163/2006 e s.m.i., fermo restando l obbligo previsto dal Codice dei contratti pubblici in capo all Ente di acquisire d ufficio le certificazioni già in possesso di altri uffici della P.A. 7. Qualora l incarico oggetto dell affidamento diretto sia relativo ad attività di consulenza ed assistenza legale di particolare complessità nonché si riferisca a incarichi di patrocinio legale su questioni giudiziarie afferenti le attività dell Ente, lo stesso può essere effettuato dal Responsabile Unico del Procedimento intuitupersonae ad uno o più professionisti di fiducia dell Ente anche in deroga alla procedura prevista al comma 3 del presente articolo. Articolo 10 Procedura di affidamento mediante cottimo fiduciario di servizi e forniture 1. L affidamento di servizi o forniture mediante cottimo fiduciario, nei limiti di importo di cui alla lett. a) dell art. 6 del presente Regolamento, è disposto con provvedimento del Consiglio di amministrazione avente valore di determinazione a contrarre. 2. L affidamento di servizi o forniture mediante cottimo fiduciario deve avvenire nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno n. 5 (cinque) operatori economici, individuati sulla base di indagini di mercato, ovvero tramite le consultazione dei cataloghi elettronici del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (Me.Pa.) oppure tramite gli Elenchi di operatori economici appositamente predisposti dalla Direzione dell Ente e periodicamente aggiornati. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 11

12 3. L affidatario deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, e delle capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria prescritte per prestazioni di pari importo affidate con le procedure ordinarie di scelta del contraente. 4. Qualora l Ente intendesse fare ricorso ad una indagine di mercato, il Responsabile del Procedimento potrà disporre la pubblicazione sul sito dell Ente, per un tempo non inferiore a 7 giorni, di un sintetico Avviso Pubblico riportante i dati ed i termini essenziali della procedura di selezione e l'invito a presentare domanda di partecipazione. I partecipanti ammessi verranno contattati mediante invio della Lettera di invito trasmessa con Posta Elettronica Certificata o con raccomandata A/R (o altro corriere autorizzato) oppure mediante fax. 5. Ai sensi dell art. 334, comma 1 del d.p.r. 207/2010 (Regolamento dei contratti pubblici), la lettera di invito deve contenere almeno i seguenti elementi: a) l oggetto della prestazione, le relative caratteristiche tecniche e il suo importo massimo previsto con esclusione dell IVA; b) le garanzie richieste all affidatario del contratto; c) il termine di presentazione delle offerte; d) il periodo in giorni di validità delle offerte stesse; e) l indicazione del termine per l esecuzione della prestazione; f) il criterio di aggiudicazione prescelto; g) gli elementi di valutazione nel caso in cui si utilizzi il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa; h) l eventuale clausola che preveda di non procedere nell aggiudicazione nel caso di presentazione di un unica offerta valida; i) la misura delle penali, determinata in conformità delle disposizioni del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. e del d.p.r. n. 207/2010 (Regolamento dei contratti pubblici); j) l obbligo per l offerente di dichiarare nell offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di osservare le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei lavoratori dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità; k) l indicazione dei termini di pagamento; l) i requisiti soggettivi richiesti all operatore economico e la richiesta dello stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti. I punti a, b, c, d, e, f, g, i, possono essere contenuti in allegato alla lettera, denominato capitolato o disciplinare tecnico. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 12

13 6. Nei casi in cui sia necessario, per le caratteristiche dei prodotti o dei servizi, sarà predisposto un capitolato tecnico e/o un disciplinare tecnico da allegare alla lettera di invito. 7. La determinazione dell importo a base di gara è effettuata sulla base delle rilevazioni dei prezzi di mercato nonché di eventuali tariffari di riferimento. 8. Le offerte degli operatori economici devono pervenire in busta chiusa, secondo le modalità stabilite nella lettera di invito, che ne garantiscano la segretezza. 9. L'affidamento verrà effettuato in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa o del prezzo più basso. 10. Le suddette procedure sono improntate al rispetto del principio di segretezza: la presentazione della proposta/offerta dovrà essere fatta a mezzo plico chiuso, debitamente sigillato, riportante le sole indicazioni dei dati riguardanti l operatore economico e l affidamento per cui si concorre. 11. Nell'invitare gli operatori economici, ove non ricorrano contrarie ragioni tecniche o di pubblico interesse, deve essere rispettato il principio della rotazione. 12. Per la qualificazione morale, professionale, tecnica ed economico-finanziaria degli operatori economici ai quali richiedere o affidare le forniture, i servizi o i lavori in economia, si applicano, in via generale, le previsioni contenute agli articoli 38, 39 40, 41, 42 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. 13. Con riguardo alle procedure di aggiudicazione di appalti per lavori, forniture o servizi, qualora talune offerte presentino carattere anormalmente basso rispetto alla prestazione, si applicano le disposizioni indicate rispettivamente dagli artt. 86, 87, 88, 89 e 122 comma 9 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. 14. L Ente può assumere quale prezzo a base d asta l importo individuato dalla CONSIP S.p.A. o Me.Pa. per beni e per servizi analoghi. Articolo 11 Fondo economale e spese minute 1. Le spese giornaliere di cui all articolo 3, comma 3, della legge n. 136/2010 si riferiscono alle spese quotidiane. 2. Il limite per le spese quotidiane è stato fissato ad 1.500,00 limite che si riferisce ad ogni singola spesa. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 13

14 3. Per tali spese giornaliere possono essere utilizzati sistemi diversi dal bonifico bancario o postale, fermi restando l'obbligo di documentazione della spesa e il divieto di impiego del contante nei limiti stabiliti dalla legge vigente. 4. La costituzione ed il reintegro del fondo cassa/economale cui attingere per spese giornaliere deve essere effettuata tramite strumento tracciabile. 5. Le spese da effettuare con il fondo economale sono previamente autorizzate dal Direttore dell Ente. I beni, servizi e lavori rientranti nelle spese effettuabili tramite il fondo economale riguardano: 1) spese minute d ufficio 2) spese urgenti 3) spese imprevedibili e non programmabili 4) spese indifferibili (a pena danni) 5) spese necessarie per il funzionamento degli uffici 6) spese per forniture di prodotti di consumo quotidiano così suddivise per materia: a. Spese per l ordinaria manutenzione e le piccole riparazioni di mobili, arredi, apparecchiature ed impianti; b. Spese per l installazione, l ordinaria manutenzione e riparazione di macchine per l ufficio, apparecchiature informatiche e relativo software di base e applicativo, nonché di accessori e parti di ricambio; c. Spese per trascrizioni di conversazioni orali registrate durante riunioni istituzionali; d. Generi di conforto (es. acqua, caffè, ecc.); e. Spese postali, telegrafiche e per acquisto di valori bollati; f. Acquisto di materiale ed attrezzature hardware e software, purché non rientranti nella categoria dei beni durevoli; g. Facchinaggio e trasporto di materiale; h. Acquisto di libri; i. Abbonamenti a giornali, riviste, pubblicazioni periodiche ed altri prodotti editoriali, anche se su supporto non cartaceo; j. Spese contrattuali e di registrazione; k. Spese per diritti erariali, imposte e tasse a carico dell Ente; l. Acquisto di biglietti per mezzi di trasporto, rimborso Kilometrico carburante e costo taxi; m. Spese di rappresentanza (riguardanti forme di ospitalità/ristoro connesse a riunioni, conferenze, incontri ed altre attività attinenti all Ente, atti di cortesia, doni di valore simbolico, in occasione di rapporti di carattere ufficiale, eventi, manifestazioni ed iniziative di carattere istituzionale); Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 14

15 n. Spese per l acquisto di medicinali, articoli di medicazione; o. Spese per la pubblicazione di avvisi vari (es. gare di appalto per servizi e forniture); p. Anticipazioni per spese di viaggio e di missione debitamente autorizzate; q. Spese per la partecipazione di personale dipendente a convegni, congressi, seminari su temi di interesse per l'ente, nonché per la partecipazione del personale a corsi indetti da istituti o Società di formazione; r. Acquisto spazi web; s. Cancelleria minuta; t. Fiori/piante; u. Spese urgenti e necessarie al funzionamento degli uffici dell Ente. La lista di beni e servizi è soggetta ad aggiornamento periodico da effettuarsi con delibera del Consiglio d amministrazione. Articolo 12 Garanzie 1. Per le acquisizioni in economia per il tramite di contratti di cottimo fiduciario di importo pari o superiore ad ,00 (euro quarantamila/00) oltre IVA dovranno essere presentate le seguenti garanzie: a) cauzione provvisoria (art commi 1 e 8 - del D.lgs. 163/2006 e s.m.i.): gli operatori economici partecipanti dovranno presentare la documentazione comprovante la costituzione di una garanzia o cauzione provvisoria mediante assegno circolare intestato all ENPAP ovvero fideiussione bancaria o assicurativa a favore dell Ente. La fideiussione, a scelta dell offerente, può essere bancaria o assicurativa o rilasciata da intermediari finanziari iscritti all'albo degli intermediari finanziari di cui all'art. 106 del D.lgs. 1 settembre 1993, n. 385 e in possesso di specifica autorizzazione ministeriale. La cauzione provvisoria deve essere pari al 2% (due per cento) dell importo complessivo a base di gara. L importo della garanzia può essere dimezzato se si è in possesso della certificazione inerente alla qualità della propria organizzazione aziendale così come specificata all'art. 75, comma 7 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i.. La garanzia copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell affidatario ed è svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del contratto stesso. La garanzia deve avere validità di 180 giorni dalla data di presentazione dell offerta. L'offerta deve essere corredata, ai sensi dell art. 75 comma 8 del D.lgs n. 163/2006 e s.m.i., dall impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria pari al dieci per cento dell importo a base di gara per l esecuzione del contratto qualora l offerente risultasse aggiudicatario. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 15

16 L aggiudicatario dell affidamento dovrà, inoltre, presentare: b) cauzione definitiva (art. 113 del D.lgs n. 163/2006 e s.m.i.): l affidatario deve costituire una garanzia fideiussoria pari al 10 (dieci) per cento dell importo contrattuale. In caso di aggiudicazione con ribasso d'asta superiore al 10 per cento, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento; ove il ribasso sia superiore al 20 per cento, l'aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20 per cento. La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione. 2. In ogni caso, ai sensi dell art. 4 co. 3 del D.P.R. 207/2010, sull importo netto progressivo delle prestazioni sarà operata una ritenuta dello 0,50 per cento; le ritenute potranno essere svincolate soltanto in sede di liquidazione finale, dopo la verifica positiva da parte dell Ente delle prestazioni effettuate dall operatore economico. In ogni caso, la liquidazione delle fatture è subordinata all esito positivo della verifica di regolarità che l Ente effettuerà mediante acquisizione presso i competenti uffici del Documento unico di regolarità contributiva (DURC). 3. Ove il DURC acquisito ai sensi del comma precedente dovesse risultare irregolare, l Ente procederà ai sensi dell art. 4, comma 2 del D.P.R. n. 207/10. Articolo 13 Forme contrattuali 1. I contratti in economia con ricorso al cottimo fiduciario sono conclusi mediante: a) stipulazione per scrittura privata non autenticata; b) scambio di corrispondenza secondo l'uso commerciale. 2. Tutte le eventuali spese di formalizzazione del contratto sono a carico della Ditta appaltatrice. 3. Alla sottoscrizione dei contratti provvede il Presidente dell Ente secondo le competenze individuate dallo Statuto o dai regolamenti dell Ente. Articolo 14 Pubblicità e comunicazioni 1. Le procedure di acquisto in economia di beni e servizi non sono sottoposte agli obblighi di pubblicità e di comunicazione previsti dall'articolo 124 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 16

17 2. L Ente assicura che le procedure in economia avvengano nel rispetto del principio della massima trasparenza e rotazione, contemperando altresì l'efficienza dell'azione amministrativa con i principi di parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori economici. 3. Ogni acquisizione deve essere registrata al Sistema informativo di monitoraggio gara dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, con attribuzione del codice identificativo gara CIG. Tali codici dovranno essere riportati sulla documentazione amministrativa e contabile inerente l acquisizione, ai sensi della normativa vigente. 4. L esito degli affidamenti mediante cottimo fiduciario per importi pari o superiori a euro oltre IVA, al netto degli oneri fiscali, sono soggetti all obbligo di avviso di post-informazione mediante la pubblicazione sul sito web dell Ente, ai sensi dell articolo 331, comma 3, del Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice dei contratti pubblici. Detti avvisi non possono essere rimossi prima del termine di 30 giorni. 5. I contratti di importo superiore ai euro, in qualsiasi forma sottoscritti, devono essere comunicati all Osservatorio dei contratti pubblici secondo quanto previsto all articolo 7, comma 8, del D.lgs n. 163/2006 e s.m.i. e quanto previsto dalle disposizioni dell Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici. Articolo 15 Mercato elettronico 1. Fatti salvi i casi di ricorso obbligatorio al mercato elettronico previsti dalle norme in vigore, l Ente, ai sensi dell articolo 85, comma 13 del D.lgs n. 163/2006 e s.m.i. può avvalersi, nel rispetto dei principi di parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza e semplificazione, anche del mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, inteso come l insieme delle procedure che consentono di effettuare l approvvigionamento di forniture e di servizi direttamente da cataloghi predisposti da utenti selezionati. Avvalendosi del mercato elettronico, di cui all articolo 328 del Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice dei contratti pubblici, le acquisizioni vengono fatte attraverso un confronto concorrenziale delle offerte pubblicate all interno del mercato o delle offerte ricevute sulla base di una richiesta rivolta ai fornitori abilitati. 2. Oltre al mercato elettronico, dallo stesso Ente potranno essere utilizzati i sistemi in essere della Consip S.p.A. o di altri organismi pubblici. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 17

18 TITOLO III ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI LAVORI Articolo 16 Limiti di importo e divieto di frazionamento nei lavori 1. Le acquisizioni in economia dei lavori sono consentite fino ai seguenti importi: 2. a) pari o superiore a ,00 (euro quarantamila/00) oltre IVA e fino a ,00 (euro duecentomila/00) oltre IVA è consentito il cottimo fiduciario; b) inferiore a ,00 (euro quarantamila/00) oltre IVA è consentito l affidamento diretto. 3. Gli importi, di volta in volta determinati, sono sempre da intendersi al netto dell IVA. 4. Nessun lavoro di importo pari o superiore alle predette soglie di valore può subire un frazionamento artificioso finalizzato a ricondurne la prestazione alla disciplina contenuta all art. 125 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. Articolo 17 Acquisizioni di lavori in economia 1. Nei limiti previsti dall articolo 16 del presente Regolamento, è ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per l acquisizione dei lavori rientranti nell'ambito delle categorie generali previste dal successivo comma Tipologie di lavori: a) manutenzione o riparazione di opere od impianti quando l'esigenza è rapportata ad eventi imprevedibili e non sia possibile realizzarle con le forme e le procedure previste agli articoli 55, 121, 122 del D.lgs. 163/2006 e s.m.i.; b) manutenzione di opere o di impianti; c) interventi non programmabili in materia di sicurezza; d) lavori che non possono essere differiti dopo l'infruttuoso esperimento delle procedure di gara; e) completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto o in danno dell'appaltatore inadempiente, quando vi è necessità ed urgenza di completare i lavori. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 18

19 Articolo 18 Affidamento diretto per i lavori 1. Per i lavori in economia di importo inferiore a ,00 (euro quarantamila/00) oltre IVA, è consentito l affidamento diretto ad una sola Ditta da parte del Responsabile del Procedimento, ai sensi dell art. 125, comma 8, del D.lgs. 163/2006 e s.m.i. 2. Qualora l incarico oggetto dell affidamento diretto dei lavori sia connotato da particolari specificità o elevate specializzazioni, lo stesso può essere effettuato intuitupersonae. In questo caso, il Responsabile del Procedimento è tenuto ad effettuare le verifiche di legge in merito alla congruità del prezzo e a dare adeguata motivazione circa la scelta della Ditta. Articolo 19 Procedura di affidamento di lavori mediante cottimo fiduciario 1. L affidamento di lavori mediante cottimo fiduciario, nei limiti di importo di cui alla lett. a) dell art. 16 del presente Regolamento, è disposto con provvedimento del Consiglio di amministrazione avente valore di determinazione a contrarre. 2. L affidamento di lavori mediante cottimo fiduciario deve avvenire nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno n. 5 (cinque) operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato; ovvero tramite gli elenchi di operatori economici appositamente predisposti dalla Direzione dell Ente. 3. L affidatario del lavoro deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, e delle capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria prescritte per prestazioni di pari importo affidate con le procedure ordinarie di scelta del contraente. 4. Agli elenchi di operatori economici tenuti dall Ente possono essere iscritti gli operatori economici che ne facciano richiesta e sempre che siano in possesso dei requisiti di cui al periodo precedente. 5. Gli operatori economici individuati ai sensi del comma 2 del presente articolo sono contemporaneamente invitati a presentare offerte e/o preventivi, con lettera di invito trasmessa con raccomandata A/R o con altro corriere autorizzato oppure mediante fax. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 19

20 6. La lettera di invito deve contenere almeno i seguenti elementi: a) l oggetto della prestazione, le relative caratteristiche tecniche e il suo importo massimo previsto con esclusione dell IVA; b) le garanzie richieste all affidatario del contratto; c) il termine di presentazione delle offerte; d) il periodo in giorni di validità delle offerte stesse; e) l indicazione del termine per l esecuzione della prestazione; f) il criterio di aggiudicazione prescelto; g) gli elementi di valutazione nel caso in cui si utilizzi il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa; h) l eventuale clausola che preveda di non procedere all aggiudicazione nel caso di presentazione di un unica offerta valida; i) la misura delle penali; j) l obbligo per l offerente di dichiarare nell offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di osservare le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei lavoratori dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità; k) l indicazione dei termini di pagamento; l) i requisiti soggettivi richiesti all operatore economico e la richiesta dello stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti. I punti a, b, c, d, e, f, g, i, possono essere contenuti in allegato alla lettera, denominato capitolato o disciplinare tecnico. 7. Nei casi in cui sia necessario, per le caratteristiche dei prodotti o dei servizi, sarà predisposto un capitolato tecnico e/o un disciplinare tecnico da allegare alla lettera di invito. 8. La determinazione dell importo a base di gara è effettuata sulla base delle rilevazioni dei prezzi di mercato nonché di eventuali tariffari di riferimento. 9. Le offerte degli operatori economici devono pervenire in busta chiusa, secondo le modalità stabilite nella lettera di invito, che ne garantiscano la segretezza. 10. L'affidamento verrà effettuato in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa o del prezzo più basso. 11. Le suddette procedure sono improntate al rispetto del principio di segretezza: la presentazione della proposta/offerta dovrà essere fatta a mezzo plico chiuso, debitamente sigillato, riportante le sole indicazioni dei dati riguardanti l operatore economico e l affidamento per cui si concorre. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi 20

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE Articolo 1 (Oggetto) Articolo 2 (Responsabile del procedimento) Articolo

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 marzo 2011 Art. 1 OGGETTO 1. OGGETTO: Il presente regolamento disciplina il sistema

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... ART. 3 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Curia Mercatorum del 13 aprile 2012 Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA Revisione Approvazione Descrizione delle modifiche 0 27 novembre 2008 Consiglio di Amministrazione adozione 1 23

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 3 OBBLIGHI E FACOLTA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2012) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A.

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 ART. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera C.d.A. n. 17 del 07/04/2009 Art. 1 Oggetto del provvedimento. Il presente regolamento individua le singole voci di spesa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

Parma Gestione Entrate S.p.A.

Parma Gestione Entrate S.p.A. Parma Gestione Entrate S.p.A. Regolamento per la disciplina delle spese in economia e dei relativi contratti (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2013) Art. 1 Oggetto del

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Principi 1.1 L affidamento da parte della S.A.G.A. S.p.A. di lavori, servizi e forniture deve

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto.

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Articolo 1. Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.125, comma 10, d.lgs. n.163/2006, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 16/5/2011; successivamente modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 23/10/2012 DELIBERA N. 33 Visto il regolamento per l'attività negoziale per le forniture di beni e servizi (D.I. 44/2001 - D.Lgs 163/2006); Delibera il regolamento come da allegato.

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA (Emanato con D.R. n. 1361 del 2 ottobre 2012 pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 3 ottobre 2012

Dettagli

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE INDICE Art.1 - Oggetto del Regolamento Art.2 - Responsabile del procedimento dei lavori in economia Art.3 - Forma

Dettagli

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO INTERNO Premessa Il presente regolamento interno detta le modalità di acquisizione di beni e servizi da parte dell A.T.L.DEL CUNEESE, Valli Alpine

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia

Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia Aggiornamento Approv. CdA 16/10/2014 Verb. n. 077 InnovaPuglia S.p.A. Str. prov. Casamassima Km 3 70010 Valenzano BARI Italia www.innova.puglia.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per per l acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Articolo 1 - Ambito di applicazione e fonti Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 101 DEL 29.10.2009) I N D I C E Art. 1 Finalità.... pag. 2 Art. 2 Definizioni....

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Rev. 1 del 28.01.2014 Premesse Il presente regolamento disciplina i procedimenti di acquisizione in economia di beni, servizi e lavori

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l acquisizione di beni, servizi e lavori da eseguirsi in economia da parte

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI.

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione del C.C. n. 57 del 17/12/2008; Modificato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI 1 INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto Pag. 3 Art. 2. Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISTI

REGOLAMENTO ACQUISTI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Luigi Einaudi BASSANO DEL GRAPPA M.I.U.R. REGOLAMENTO ACQUISTI ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del D.I. n.44/2001

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Istituto Comprensivo Zona Est "Aldo Moro" Fabriano (AN) Via Aldo Moro, n. 4-60044 Fabriano (AN) tel. +39 0732 779005 fax +39 073 2709353 e-mail: anic84500p@istruzione.it p.e.c: anic84500p@pec.it; sito

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Adottato dal Consiglio di Amministrazione del 22 dicembre 2015 1 INDICE 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 MODALITA DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori in economia e l acquisizione di beni e servizi

Dettagli

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1 Articolo 1 Definizioni Sezione I Disciplina Generale Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00. Approvato con deliberazione di C.C. n.

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00. Approvato con deliberazione di C.C. n. REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00 Approvato con deliberazione di C.C. n. 29 del 16/07/2003 1 ART. 1 - OGGETTO DI REGOLAMENTAZIONE E FONTI La presente regolamentazione

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

a.r.i.n. s.p.a. REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI ORDINARI E NEI SETTORI SPECIALI

a.r.i.n. s.p.a. REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI ORDINARI E NEI SETTORI SPECIALI a.r.i.n. s.p.a. REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI ORDINARI E NEI SETTORI SPECIALI 1 INDICE 1. Principi generali e ambito di applicazione 2. Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI E L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (approvato con delibera n. 54/09 del 21/10/2009)

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI E L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (approvato con delibera n. 54/09 del 21/10/2009) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI E L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (approvato con delibera n. 54/09 del 21/10/2009) ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI

Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Ai sensi dell art. 125 del D.lgs n. 163 del 2006 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 e-mail:rgee011005@istruzione.it Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

O.P.S. S.p.A. ---------------------------------------------------

O.P.S. S.p.A. --------------------------------------------------- O.P.S. S.p.A. --------------------------------------------------- REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI --------------------------------------------------- APPROVATO DAL CDA DEL 17/12/2013

Dettagli

Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012)

Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012) Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012) INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Disciplina per l acquisizione in economia dei beni e dei servizi da parte dell Agenzia Umbria Ricerche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto della disciplina 1. La presente disciplina regolamenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori.

Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori. Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori. CAPO I - PROCEDURE IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Limiti di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI CORREZZANA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2006 Modificato con delibera C.C. n. 35 del 20.12.2011 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SOCIETA DI PROMOZIONE PER L UNIVERSITA NELL IMPERIESE P.A. Via Nizza, 8 18100 Imperia Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Amministrazione Provinciale di Imperia REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Modalità di esecuzione dei lavori in economia Art. 3 - Responsabili del servizio

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni ai sensi dell art.125 D.Lgs. 163/2006 e per l aggiudicazione di appalti aventi ad oggetto i servizi di cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI INDICE PARTE I ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA ARTICOLO 1- OGGETTO ARTICOLO 2- LIMITI

Dettagli

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi "GAL DEL LARIO SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA". Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli