COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli"

Transcript

1 Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario

2 INDICE VOLUME 1. PREMESSA pag SISTEMI DI ALLERTAMENTO RELATIVI AD EVENTI PREVEDIBILI (RISCHIO pag. 4 METEOROLOGICO E IDROGEOLOGICO - IDRAULICO) 2.1 Premessa pag Sistema di Allertamento Regionale pag Documenti informativi del Sistema di Allertamento Regionale pag Modalità di diramazione e ricezione degli avvisi meteo e di criticità pag Fasi di attuazione del Piano pag SISTEMI DI ALLERTAMENTO RELATIVI AD EVENTI NON PREVEDIBILI (RISCHIO pag. 11 SISMICO, TRASPORTO MERCI PERICOLOSE, INDUSTRIALE - TECNOLOGICO E INCENDI BOSCHIVI) 3.1 Premessa pag Modalità di ricezione e verifica di avvisi o segnalazioni di eventi non prevedibili pag PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DEL COC pag Premessa pag Evento prevedibile pag Evento non prevedibile pag PROCEDURE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA E MODELLO DI pag. 14 INTERVENTO 2

3 1. PREMESSA Le procedure sono l insieme organizzato delle azioni da condurre in sequenza logica e temporale per affrontare un emergenza con il minor grado di improvvisazione e il maggior automatismo possibile. La realizzazione di tale obiettivo richiede che, al manifestarsi di una situazione di emergenza, i soggetti coinvolti conoscano già attentamente ruoli e compiti. Per i rischi caratterizzati da fenomeni prevedibili, ossia che si manifestino a seguito di situazioni riconoscibili e possono svilupparsi attraverso fasi di intensità crescente (criticità ordinaria, moderata, elevata), deve prevedersi un livello, via via crescente, di attivazione della Struttura Comunale di Protezione Civile (attenzione, preallarme, allarme ed emergenza). Tra i rischi prevedibili il Piano considera nel dettaglio quelli meteorologici e idrogeologico-idraulico. Per i fenomeni non prevedibili, che tendenzialmente si manifestano senza preavviso, è opportuno che le procedure si riferiscano al massimo livello di attivazione (emergenza). In particolare, nel Piano sono state definite delle procedure specifiche per i rischi sismico, trasporto merci pericolose, incendi boschivi, industriale e tecnologico, nucleare; per altri rischi di minore incidenza, le procedure assumono un carattere di genericità che le rende adattabili, e pertanto utili, nell affrontare qualsiasi emergenza. Per l attivazione delle Procedure di Emergenza presuppone l esistenza di un sistema di allertamento per la segnalazione del rischio. per alcune categorie di rischio esiste un sistema codificato trasmesso dai competenti Enti/Organi sovralocali (Regione, Provincia, Prefettura), per altre tipologie le procedure sono attivate in seguito alla segnalazione di evento in atto. 3

4 2. SISTEMI DI ALLERTAMENTO RELATIVI AD EVENTI PREVEDIBILI (RISCHIO METEOROLOGICO E IDROGEOLOGICO - IDRAULICO) 2.1 PREMESSA Il Sistema di allerta nazionale per il rischio meteorologico ed idrogeologico - idraulico è costituito dagli strumenti, dai metodi e dalle modalità stabiliti per sviluppare e acquisire la conoscenza, le informazioni e le valutazioni, in tempo reale, che riguardano il preannuncio, l insorgenza e l evoluzione dei rischi conseguenti agli eventi definiti dall art. 2 della Legge n. 225/1992. Finalità del sistema è allertare e attivare il Servizio Nazionale della Protezione Civile ai diversi livelli territoriali. Il governo e la gestione del Sistema di allerta nazionale sono assicurati da: - Dipartimento della Protezione Civile e Regioni, attraverso la Rete dei Centri funzionali; - Servizio meteorologico nazionale distribuito (Smnd), previsto dalla L. 100/2012 di riordino del sistema di Protezione Civile; - reti strumentali di monitoraggio e di sorveglianza; - presidi territoriali; - centri di competenza, previsti dalla L. 100/2012 di riordino del sistema di Protezione Civile; - ogni altro soggetto chiamato a concorrere funzionalmente e operativamente a queste reti. Sulla base dei livelli di rischio, ogni Regione determina le procedure e le modalità di allertamento del proprio sistema di protezione civile ai diversi livelli di competenza territoriale. 2.2 SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE I sistemi di monitoraggio, ovvero di misura di grandezze fisiche in tempo reale, hanno un significato solo in relazione a fenomeni prevedibili e quantificabili. Appartengono a questa categoria alcuni fenomeni idrogeologici, i cui precursori di evento (quantità di pioggia, misura di portata, ecc.) consentono di prevedere il possibile scenario di rischio e quindi di modulare la risposta di protezione civile. I Comuni non sono tenuti a dotarsi di una rete strumentale di monitoraggio meteoidrologico o geotecnico, ma a leggere le informazioni di previsione e di monitoraggio che li riguardano, rilevate dalla rete regionale e messe a disposizione dal Centro Funzionale (Bollettino di allerta meteoidrologica, Bollettino di aggiornamento idrogeologico ed idraulico, ecc.). Su questa base, note le situazioni di criticità locale, può essere utile che il Comune predisponga presidi e monitoraggi puntuali per seguire l evoluzione dell evento sul territorio e attivare le conseguenti misure di protezione. Il Comune di Trino è interessato, nello specifico, dalle procedure individuate nel Piano speditivo del Nodo Idraulico di Trino dalla Regione Piemonte. La gestione del sistema di allertamento regionale è assicurata dal Centro Funzionale Regionale dell ARPA Piemonte in base a quanto stabilito nel Disciplinare per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile ai sensi della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 modificata dalla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2005 (approvato con D.G.R. n del 30 luglio 2007) per quanto riguarda: 1) Rischi meteorologici - Vengono presi in considerazione i seguenti fenomeni: - piogge: eventi di precipitazione intensa, prolungata e diffusa, tali da coinvolgere ambiti territoriali estesi corrispondenti a bacini idrografici principali con estensione superiore ad alcune centinaia di chilometri quadrati. - Nevicate. 4

5 - Anomalie termiche: temperature anomale rispetto alla media stagionale (significative condizioni di freddo nei mesi invernali e di caldo nei mesi estivi). - Temporali: fenomeni di precipitazione molto intensa ai quali si possono associare forti raffiche di vento, grandine e fulminazione. - Venti. 2) Rischio idrogeologico e idraulico: corrispondono agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli pluviometrici critici sui settori montuosi e collinari e dei livelli idrometrici critici lungo i corsi d acqua. 3) Rischio nevicate: corrisponde agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli nivometrici critici sui settori montuosi, collinari e di pianura interessati da insediamenti e viabilità. 4) Rischio valanghe: corrisponde agli effetti indotti sul territorio da fenomeni di instabilità del manto nevoso che possono giungere a interessare infrastrutture o centri abitati. Il Comune di Trino non rientra all interno delle zone di allerta per questa tipologia di rischio. Il disciplinare (Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2007, n ) descrive gli indirizzi e stabilisce le procedure e le modalità di allertamento del sistema ai diversi livelli (regionale, provinciale e comunale). Il sistema di allertamento regionale è definito da una fase previsionale, da una fase di monitoraggio e sorveglianza e dalla gestione delle piene e dei deflussi, attuate dal Centro Funzionale Regionale. Le fasi descritte prevedono l avvio delle attività di prevenzione del rischio e delle attività di gestione delle emergenze, assegnate al Sistema Regionale di Protezione Civile. 2.3 DOCUMENTI INFORMATIVI DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE Documenti previsionali Bollettino di allerta meteoidrologica, contiene una previsione dei fenomeni meteorologici e degli effetti al suolo attesi per il rischio idrogeologico ed idraulico. Le condizioni meteorologiche avverse vengono segnalate tramite un avviso di avverse condizioni meteorologiche (c.d. avviso meteo), mentre le condizioni di criticità idrogeologica ed idraulica e quelle relative alle nevicate sono segnalate all interno del bollettino con due livelli di criticità: moderata ed elevata criticità, corrispondenti rispettivamente al Codice 2 e 3. Codice 2 Codice 3 Criticità moderata Criticità elevata Oltre a questi due livelli, vi è un livello di ordinaria criticità associato all emissione dell avviso meteo del rispettivo fenomeno, a cui si associa il livello di: Codice 1 Criticità ordinaria L effetto dell avviso meteo è quello di estendere le attività di presidio e sorveglianza del Centro Funzionale Regionale alle varie strutture di protezione civile presenti nella Regione, che si attiveranno secondo le modalità previste nelle singole pianificazioni che le stesse amministrazioni devono adottare nel rispetto delle prescrizioni della L.R. 7/2003. Il Bollettino di allerta meteoidrologica contiene la previsione dei fenomeni meteoidrologici e dei relativi effetti al suolo attesi per i fenomeni piogge e nevicate differenziati per zone di allerta. Il Comune di Trino appartiene alla Zona di Allertamento I. EMISSIONE Tutti i giorni - Ore 13 con validità 36 ore 5

6 6

7 2.3.2 Documenti di monitoraggio e sorveglianza Documenti di monitoraggio Bollettino di aggiornamento idrogeologico ed idraulico: viene emesso nel caso di moderata e elevata criticità idrogeologica o idraulica. EMISSIONE Moderata criticità Due volte al giorno (ore 9.00 e 21.00) Elevata criticità Ogni 6 ore (ore 6.00, 13.00, e 24.00) 7

8 Tabella dei dati pluviometrici: contiene i dati pluviometrici delle stazioni della rete di monitoraggio regionale con segnalazione dei casi di superamento delle soglie. Viene emessa nel caso di moderata o elevata criticità con aggiornamento automatico a frequenza oraria. Tabella dei dati idrometrici: contiene i dati idrometrici delle stazioni della rete di monitoraggio regionale con segnalazione dei casi di superamento delle soglie. viene emessa nel caso di moderata o elevata criticità con aggiornamento automatico a frequenza oraria Documenti di sorveglianza Avviso straordinario Documento emesso nel caso di accertamento di situazioni impreviste riguardanti, a seconda dei casi, condizioni meteorologiche avverse (temporali, temperature anomale e venti), criticità idrogeologiche o idrauliche e criticità per nevicate Documenti per la gestione delle piene e dei deflussi Bollettino di previsione delle Piene: Documento emesso dal Centro Funzionale del Piemonte entro le ore 13 nel caso di moderata o elevata criticità idrogeologica ed idraulica; è finalizzato alla gestione delle piene e dei deflussi. Il bollettino contiene una valutazione delle criticità idrauliche associate al verificarsi di una portata di morbida, di piena ordinaria o di piena straordinaria Modalità di diffusione dei Bollettini e degli Avvisi I Bollettini sono sempre pubblicati sulla RUPAR. La Provincia e gli Uffici Territoriali del Governo che ricevono i Bollettini contenenti avvisi meteo e/o livelli di criticità hanno il compito di trasmetterli alle amministrazioni comunali interessate. Nel caso in cui il Bollettino non contenga avvisi meteo e/o livelli di criticità non è prevista la sua trasmissione a Prefetture e Province da parte del Settore Protezione Civile. Le tabelle dei dati delle stazioni della rete di monitoraggio regionale sono pubblicate sulla RUPAR e non sono previste altre forme di trasmissione. Di seguito si riporta una tabella di sintesi con indicazione dei documenti di allertamento emessi dalla Regione Piemonte. 8

9 9

10 2.4 MODALITÀ DI DIRAMAZIONE E RICEZIONE DEGLI AVVISI METEO E DI CRITICITA Gli avvisi meteo e gli avvisi di criticità contenuti nei bollettini predisposti dal Centro Funzionale Regionale sono diramati dal Settore Protezione Civile della Regione agli Uffici Territoriali del Governo e alle Province che, nel rispetto degli accordi reciproci in materia di protezione civile, devono informare, in caso di avviso meteo, e allertare, in caso di avviso di criticità, i Comuni e gli altri soggetti che dipendono dalle stesse amministrazioni. Il Bollettino di allerta meteoidrologica è visionato ogni giorno alle ore 13 dal Responsabile dell Ufficio Tecnico utilizzando i seguenti indirizzi web: oppure, Si accede al documento cliccando il tasto Vai in corrispondenza della sezione Previsione, con le seguenti credenziali di accesso: utente: meteoidro e password: allertamento2000 ll Bollettino di allerta meteoidrologica, in caso di criticità, è inoltrato dalla Provincia di Vercelli - Servizio Protezione Civile al Comune di Trino, nelle sedi e con le modalità descritte nell.allegato 7 - ELENCO CONTATTI PER DIRAMAZIONE BOLLETTINO DI ALLERTA METEO IDROLOGICA. Chi riceve il Bollettino a mezzo fax deve immediatamente: - informare la Provincia di Vercelli dell avvenuto ricevimento; - trasmettere il Bollettino al Comandante della Polizia Municipale, al Sindaco (fax o brevi mano), al Responsabile dell Ufficio Tecnico (fax o brevi mano). Questi ultimi valutano, sulla base dell evento segnalato e sulla sua tendenza, se far inoltrare il Bollettino anche alle associazioni del Volontariato, al fine di poter organizzare il più rapidamente possibile le eventuali attività di presidio territoriale. Un sms di allerta viene in ogni caso inviato ai numeri di cellulare in possesso del Sindaco pro tempore o di un suo delegato, del Comandante di Polizia Municipale e del Responsabile Ufficio Tecnico: questo assume fondamentale importanza nel caso di avviso meteo relativo a Codice 1 trasmesso al di fuori dell orario di ufficio. In tale caso il Comandante della Polizia Municipale dovrà immediatamente: - informare la Provincia di Vercelli dell avvenuto ricevimento; - verificare che il Sindaco ed il Responsabile dell Ufficio Tecnico abbiano ricevuto la segnalazione, attivandosi per la verifica del contenuto del Bollettino, ivi compresi gli eventuali Avvisi straordinari trasmessi. 2.5 FASI DI ATTUAZIONE DEL PIANO Come già anticipato, per i rischi indotti da fenomeni prevedibili il livello di attivazione della Struttura Comunale di Protezione Civile deve essere gradualmente crescente. Per l attuazione del Piano si prevedono quindi le seguenti fasi o livelli di emergenza: ATTENZIONE. È la fase in cui, in presenza di cause potenzialmente scatenanti una situazione di pericolo, dopo aver messo sull avviso tutti i componenti della Struttura Comunale di Protezione Civile, si effettua una verifica della funzionalità dei sistemi di comunicazione e della disponibilità delle risorse, si monitora l evoluzione dell evento e si conducono attività di ricognizione dei punti critici sul territorio. PREALLARME. È la fase in cui il verificarsi di un emergenza è ritenuto molto probabile; infatti sul territorio cominciano a verificarsi le prime situazioni di criticità (ad esempio inondazione lungo i corsi d acqua maggiori) che inducono la conseguente attivazione della Struttura Comunale di Protezione Civile. ALLARME ED EMERGENZA. È la fase in cui si manifesta l emergenza; le priorità assolute sono quelle di proteggere (informazione in emergenza, messa in sicurezza, evacuazione) e soccorrere. 10

11 3. SISTEMI DI ALLERTAMENTO RELATIVI AD EVENTI NON PREVEDIBILI (RISCHIO SISMICO, TRASPORTO MERCI PERICOLOSE, INDUSTRIALE TECNOLOGICO, INCENDI BOSCHIVI E RISCHIO GENERICO) 3.1 PREMESSA Nel caso di evento calamitoso legato ad un evento non prevedibile (improvviso), il livello di criticità a cui fanno riferimento le procedure operative è quello di emergenza. La segnalazione di un evento calamitoso improvviso, a differenza di un evento prevedibile, non avviene tramite uno specifico sistema di allertamento (ad esempio, tramite bollettini o avvisi), ma la notizia perviene all Amministrazione comunale generalmente ad opera di un altro Ente, Organo istituzionale o da parte di un privato cittadino. 3.2 MODALITÀ DI RICEZIONE E VERIFICA DI AVVISI O SEGNALAZIONI DI EVENTI NON PREVEDIBILI Se la notizia perviene da un cittadino, oppure da organismi non istituzionalmente preposti, è sempre necessario verificarne veridicità e completezza. In questo caso, il personale comunale informa immediatamente il Sindaco, o un suo delegato, ed il Comandante della Polizia Municipale, il quale verifica la notizia, anche eventualmente tramite un sopralluogo, di regola in collaborazione con l Ufficio Tecnico. In fase di sopralluogo il personale incaricato deve sempre adottare le precauzioni generali necessarie alla salvaguardia della sua incolumità. Accertata la veridicità della notizia si procederà, valutata la tipologia ed entità dell evento, ad attivare le relative procedure. 11

12 4. PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DEL COC 4.1 PREMESSA Le procedure di intervento sono distinte per eventi prevedibili e non prevedibili, secondo la seguente sequenza di livelli di emergenza: attenzione, preallarme, allarme ed emergenza. É importante sottolineare che i rischi prevedibili possono verosimilmente svilupparsi attraverso tutti i livelli di emergenza: dalla situazione di ordinaria criticità, tipicamente l inizio di una possibile fase di vigilanza/attenzione, alla situazione più grave di elevata criticità, propria della fase di allarme. Una situazione intermedia come quella di moderata criticità può, a seconda dei casi, essere considerata di vigilanza/attenzione o di preallarme. Per quanto riguarda i rischi non prevedibili è invece necessario intervenire immediatamente in soccorso alla popolazione, quindi considerare la gestione dell emergenza. Gli obiettivi prioritari del modello d intervento (e, quindi, anche delle procedure che ne sono parte) sono di fronteggiare l emergenza, soccorrere la popolazione e ripristinare le normali condizioni di vita. Pertanto, nel momento in cui si verifica un evento, le attività di protezione civile devono concentrarsi su precise finalità, secondo un ordine di priorità definito, che comprende: - la messa in atto dei servizi tecnici urgenti per fronteggiare l emergenza; - il soccorso alla popolazione per la tutela dell incolumità delle persone; - il primo ricovero, l assistenza e il vettovagliamento della popolazione colpita; - la verifica della funzionalità delle infrastrutture e dei servizi essenziali e gli interventi urgenti di ripristino; - la verifica e messa in sicurezza delle strutture pericolanti; - le realizzazione di insediamenti di emergenza (tende, roulottes, moduli abitativi o altro); - il ripristino delle normali attività. 4.2 EVENTO PREVEDIBILE L attivazione del COC, nel caso di rischio meteorologico e idrogeologico-idraulico, avviene in seguito alla ricezione di bollettini meteorologici e avvisi meteo. a) FASE DI ATTENZIONE (CODICE 1 CRITICITÀ ORDINARIA) Il Sindaco, o un suo delegato, attiva la Struttura Comunale di Protezione Civile facendo monitorare continuativamente l evolversi dell evento sul sito web del Centro Funzionale Regionale e su sito web del RuparPiemonte (http://intranet.ruparpiemonte.it/meteo/, oppure, In funzione delle condizioni meteo-climatiche locali e/o di vasta scala, anche sovraregionale, e/o della tendenza di intensificazione dei fenomeni, valuta la necessita di attivare la Sala Operativa del COC. In ogni caso il Responsabile Ufficio Tecnico ed il Comandante della Polizia Municipale (o i loro delegati), nell esercizio delle loro funzioni di protezione civile, provvedono a svolgere le attività indicate nelle seguenti procedure operative relative alla Fase di Attenzione: - Volume 5A - Procedure operative rischio idrogeologico - idraulico S1 - Volume 5B - Procedure operative rischio eventi meteorologici eccezionali S2 b) FASE DI PREALLARME (CODICE 2 CRITICITÀ MODERATA) Il Sindaco, o un suo delegato, dispone l attivazione della Sala Operativa del COC raccordandosi con i Vigili del Fuoco presso cui il COC ha sede, e richiedendo al Comandante della Polizia Municipale, o ad un suo delegato, di verificare l efficienza della Sala Operativa. 12

13 Contestualmente, il Sindaco (o un suo delegato) convoca i Responsabili delle Funzioni di Supporto di cui ritiene necessaria la presenza. Attiva inoltre le strutture interne del Comune e dispone la turnazione del personale dipendente per assicurare continuità nelle attività di protezione civile. I Responsabili delle Funzioni (membri dell Unità di Crisi) convocati provvedono a svolgere le attività indicate nelle seguenti procedure operative relative alla Fase di Preallarme: - Volume 5A - Procedure operative rischio idrogeologico - idraulico S1 - Volume 5B - Procedure operative rischio eventi meteorologici eccezionali S2 c) FASE DI ALLARME/EMERGENZA (CODICE 3 CRITICITÀ ELEVATA) Il Sindaco convoca il Comitato Comunale di Protezione Civile in forma ristretta o integrale in base all estensione ed alla tipologia dell emergenza sul territorio. Il Sindaco, o un suo delegato, integra l Unità di Crisi convocando, se necessario, i restanti Responsabili delle Funzioni di Supporto. I Responsabili delle Funzioni (membri dell Unità di Crisi) convocati provvedono a svolgere le attività indicate nelle seguenti procedure operative relative alla Fase di Allarme/Emergenza: - Volume 5A - Procedure operative rischio idrogeologico - idraulico S1 - Volume 5B - Procedure operative rischio eventi meteorologici eccezionali S2 4.3 EVENTO NON PREVEDIBILE Nel caso di evento non prevedibile, il livello di criticità a cui fanno riferimento le procedure operative è quello di EMERGENZA. In questo caso il Sindaco, in funzione della tipologia ed entità dell evento, valuta se attivare il COC, convocando, nei casi più gravi, il Comitato Comunale di Protezione Civile in forma ristretta o integrale. In caso di attivazione della Sala Operativa del COC, il Sindaco, o un suo delegato, si raccorda con i Vigili del Fuoco presso cui il COC ha sede, richiedendo al Comandante della Polizia Municipale, o ad un suo delegato, di verificare l efficienza della Sala Operativa. Contestualmente, il Sindaco (o un suo delegato) convoca i Responsabili delle Funzioni di Supporto di cui ritiene necessaria la presenza. Attiva inoltre le strutture interne del Comune e dispone la turnazione del personale dipendente per assicurare continuità nelle attività di protezione civile. I Responsabili delle Funzioni (membri dell Unità di Crisi) convocati provvedono a svolgere le attività indicate nelle procedure operative relative alla Fase di Emergenza: - Volume 5C - Procedure operative rischio sismico S3 - Volume 5D - Procedure operative rischio trasporto merci pericolose S4 - Volume 5E - Procedure operative rischio incendi boschivi S5 - Volume 5F - Procedure operative rischio industriale e tecnologico S6 - Volume 5G - Procedure operative rischio nucleare S7 - Volume 5H - Procedure operative rischio generico non classificato S8 13

14 5. PROCEDURE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA E MODELLO DI INTERVENTO Questa parte del Piano fornisce le linee guida per affrontare un determinato evento calamitoso, delineando le azioni e le procedure da attivare. Si tratta di procedure che devono obbligatoriamente essere testate in tempo di pace attraverso esercitazioni di protezione civile, e successivamente ottimizzate, al fine di gestire l emergenza nel modo più efficiente possibile. Le procedure speditive ed il modello di intervento per la gestione delle emergenze negli scenari di evento individuati, sono riportate, per comodità di utilizzo, nei seguenti fascicoli di riferimento dedicati. Volume Rischio Scenario di evento Scenario Prevedibilità Volume 5A Volume 5B Idrogeologico ed idraulico Eventi Meteorologici Eccezionali - Esondazioni S1 Prevedibile - Temporali - Trombe d aria - Nevicate - Siccità - Ondate di calore - Nebbia e foschia - Gelate S2 Prevedibile (solo in rari casi non prevedibile) Volume 5C Sismico - Crollo e/o inagibilità edifici S3 Non prevedibile Volume 5D Volume 5E Volume 5F Trasporto merci pericolose Incendi boschivi Industriale e tecnologico - Incidenti a vie e sistemi di trasporto con coinvolgimento di merci pericolose - Incendi in aree boschive con presenza di abitazioni ed attività - Incendi - Esplosioni - Fughe di sostanze tossiche o nocive - Black-out reti di distribuzione elettrica S4 S5 S6 Non prevedibile Non prevedibile Non prevedibile Volume 5G Nucleare - Emissioni radioattive S7 Non prevedibile Volume 5H Generico - Evento non previsto S8 Non prevedibile 14

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE Ai sensi della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 modificata

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO 5 maggio 2010 WWW.PROVINCIA.TORINO.IT 1 PREMESSA...3 IL DISCIPLINARE REGIONALE...4 LE PROCEDURE OPERATIVE DEL SISTEMA

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE INDICE Scopo...2 Generalità...2 Mansionario Reperibile...3 Principi generali...3 Mansioni...3 Procedura Attivazione...3 Procedura reperibile... 12 Schede Segnalazione Criticità... 17 Schede Danni Ente

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

PREMESSA 1.1 ATTIVITÀ IN TEMPO DI PACE. 1.1.1 Attività quotidiane

PREMESSA 1.1 ATTIVITÀ IN TEMPO DI PACE. 1.1.1 Attività quotidiane PIIA OPERATIIVO IINTER PREMESSA Le funzioni di seguito descritte potranno essere svolte dal Personale comunale o, qualora dovesse essere formalizzato e costituito, dal Personale in forza al Servizio intercomunale

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE [ ] Comunità Montana Agenzia di sviluppo TERRE DEL G I A R O L O Regione Piemonte Provincia di Alessandria PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE Albera orghetto orbera Cabella Cantalupo Carrega Mongiardino

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile. Dott. Maurizio Ferretti

Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile. Dott. Maurizio Ferretti Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Dott. Maurizio Ferretti Camerino, 25 marzo 2015 Piano di Gestione rischio alluvioni Attività di Protezione

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione (Ordinanza sull allarme, OAll) del 5 dicembre 2003 (Stato 30 dicembre 2003) Il Consiglio

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLVI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 15 del 15.4.2015 Supplemento n. 58 mercoledì, 15 aprile 2015 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana,

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i rischi naturali ai fini di protezione civile

Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i rischi naturali ai fini di protezione civile Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento dicembre 2015 Pagina 1 di 50 Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE Provincia Autonoma di Trento SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE (maggio 2005) FINALITA Il presente Sistema di Allerta costituisce parte essenziale delle attività di protezione civile a livello provinciale,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO Ufficio di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE MODELLO D INTERVENTO Attività e Procedure Redazione: Arch. jr. Mario Severini IL COMMISSARIO PREFETTIZIO

Dettagli

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Provincia di Forlì-Cesena PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO 11.07.08 Numeri Utili e di Reperibilità (aggiornato a giugno 2008) S.O.U.P. Sala

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL

CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI SANTA MARIA A MONTE TRA IL COMUNE DI SANTA MARIA A MONTE E LA CONFRATERNITA

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

o.o nella sede dewente,

o.o nella sede dewente, DELIBERAZIONE N )) S1 SEDUTA DEL 2 6 SET. 2014 PRESIDENZAzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA...,. DIPARTIMENTdzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJ OGGETTO D.P.C.M. 27 febbraio 2004:

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli