Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE"

Transcript

1 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze

2 Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del Servizio Nazionale Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare l integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi > Tipologia di eventi ed ambiti di competenza > Attività e compiti di protezione civile > Componenti del sistema nazionale di protezione civile > Strutture nazionali di coordinamento e strutture operative nazionali > Competenze (Regioni, Province, Prefetti, Comuni) > Volontariato Modificata dalla Legge n. 100 del 12 luglio 2012a

3 Tipologie di eventi (art. 2 L. 225/92) a. eventi naturali o connessi con l'attività dell'uomo che possono essere fronteggiati mediante interventi attuabili dai singoli enti e amministrazioni competenti in via ordinaria b. eventi naturali o connessi con l'attività dell'uomo che per loro natura ed estensione comportano l'intervento coordinato di più enti o amministrazioni competenti in via ordinaria c. calamità naturali o connesse con l'attività dell'uomo che in ragione della loro intensità ed estensione debbono, con immediatezza d'intervento, essere fronteggiate con mezzi e poteri straordinari da impiegare durante limitati e predefiniti periodi di tempo (dichiarazione dello stato di emergenza e ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione civile)

4 La Protezione civile è intesa come un insieme di attività svolte in maniera coordinata da un insieme di soggetti diversi, nel rispetto delle proprie competenze (politica integrata nelle competenze e nelle attività) Attività di protezione civile (art. 3 L. 225/92) PREVISIONE: attività, svolte anche con il concorso di soggetti scientifici e tecnici, dirette all'identificazione degli scenari di rischio probabili e, ove possibile, al preannuncio, al monitoraggio, alla sorveglianza e alla vigilanza in tempo reale degli eventi e dei conseguenti livelli di rischio attesi.

5 Attività di protezione civile (art. 3 L. 225/92) PREVENZIONE: attività volte a evitare o a ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti agli eventi, anche sulla base delle conoscenze acquisite per effetto delle attività di previsione. La prevenzione dei diversi tipi di rischio si esplica in attività non strutturali Allertamento Pianificazione dell emergenza Formazione Diffusione della conoscenza della protezione civile Informazione alla popolazione Applicazione della normativa tecnica Esercitazione

6 Attività di protezione civile (art. 3 L. 225/92) SOCCORSO: attuazione di interventi integrati e coordinati diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi ogni forma di prima assistenza. SUPERAMENTO DELL EMERGENZA: attuazione, coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative necessarie e indilazionabili volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita.

7 Il Servizio Nazionale Le componenti (art. 6 L. 225/92): Amministrazioni dello Stato Regioni Province Comuni Comunità montane Enti pubblici Gruppi di ricerca scientifica Cittadini Gruppi associati di volontariato civile Ordini e collegi professionali Le strutture operative (art. 11 L. 225/92): Corpo nazionale dei vigili del fuoco Forze armate e Forze di polizia Corpo forestale dello Stato Servizi tecnici nazionali Gruppi nazionali di ricerca scientifica Istituto nazionale di geofisica Croce rossa italiana Strutture del Servizio sanitario nazionale Organizzazioni di volontariato Corpo nazionale soccorso alpino

8 Legge n. 100 del 12 luglio 2012 Principali novità in materia di Pianificazione di Protezione Civile: Prevede che le Regioni possono approvare il piano regionale di protezione civile, che può prevedere criteri e modalità di intervento da seguire in caso di emergenza sulla base delle indicazioni operative adottate dal Dipartimento della protezione civile e il ricorso a un piano di prevenzione dei rischi Prevede che il comune approvi con deliberazione consiliare (entro 90 giorni 11 ottobre 2012) il piano di emergenza comunale, redatto secondo i criteri e le modalità di cui alle indicazioni operative adottate dal Dipartimento della protezione civile e Regioni

9 Legge n. 100 del 12 luglio 2012 Le attività della Protezione Civile vengono ricondotte al nucleo originario di competenze definito dalla legge 225/1992, dirette principalmente a fronteggiare le calamità e a rendere più incisivi gli interventi nella gestione delle emergenze. Viene ribadito il ruolo di indirizzo e coordinamento del Dipartimento della Protezione Civile delle attività delle diverse componenti e strutture operative del Servizio Nazionale. La legge ridefinisce la prima fase dell emergenza, ponendo l accento sul fattore tempo. Viene specificato che i mezzi e i poteri straordinari per fronteggiare le calamità (eventi di tipo c ) vanno utilizzati per interventi temporali limitati e predefiniti: la durata dello stato di emergenza di regola non può superare i 180 giorni, con possibilità di proroga per altri 180 giorni.

10 Legge n. 100 del 12 luglio 2012 Lo stato di emergenza può essere dichiarato anche nell imminenza e non solo al verificarsi dell evento calamitoso. Prima dello scadere dello stato di emergenza, si individua l'amministrazione competente in via ordinaria che prosegue le attività, una volta scaduto lo stato di emergenza. Le ordinanze emanate entro trenta giorni dalla dichiarazione dello stato di emergenza sono immediatamente efficaci, mentre quelle successive richiedono il concerto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

11 L.R. n. 9 del 12 giugno 2006 Conferimento di funzioni agli Enti Locali (Capo VII Protezione Civile) Art Funzioni della Regione: >indirizzo e coordinamento della predisposizione dei programmi di previsione e prevenzione dei rischi e dei piani provinciali e comunali di emergenza >programmazione, indirizzo e coordinamento del Volontariato >programmazione, coordinamento e attuazione degli interventi di rilevanza regionale (eventi di tipo b) e di tipo c)) >predisposizione e aggiornamento del piano regionale antincendio

12 Art Funzioni degli Enti locali (Province / Comuni) predisposizione dei piani provinciali / comunali e intercomunali di emergenza attuazione dell'attività di previsione e degli interventi di prevenzione dei rischi in ambito provinciale / comunale L.R. n. 9 del 12 giugno 2006 Conferimento di funzioni agli Enti Locali (Capo VII Protezione Civile) attuazione degli interventi di rilevanza provinciale / comunale (interventi di tipo b)) Province: predisposizione dei programmi di previsione e prevenzione rischi attività organizzative e di utilizzo del volontariato e relative attività formative Comuni: attivazione dei primi soccorsi alla popolazione e degli interventi urgenti LR 36/2013: Avvio del processo di riforma delle competenze in capo alle Province

13 Strutture regionali coinvolte Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale - CFVA Ente Foreste della Sardegna Organizzazioni di volontariato (Elenco regionale del volontariato di protezione civile) Svolgono attività di presidio territoriale: Servizi del Genio Civile Gestori dei serbatoi artificiali Consorzi di bonifica Strutture operative comunali e provinciali Centro di competenza a supporto del Centro Funzionale: Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna - ARPAS

14 Il principio di sussidiarietà LIVELLO NAZIONALE Dipartimento della protezione civile c Dichiarazione stato di emergenza Comitato Operativo Commissione Grandi Rischi Centro Funzionale Centrale DI.COMA.C. (sul posto) Sala Situazione Italia LIVELLO REGIONALE Regione Centro Funzionale Regionale SORI b LIVELLO PROVINCIALE Provincia (Provincia/Prefetto) (Sala operativa unificata) C.C.S C.O.M. C.O.M LIVELLO COMUNALE a C.O.C C.O.C C.O.C

15 Centri operativi Livello Comunale: C.O.C. - Centro Operativo Comunale E il primo centro di coordinamento delle attività di soccorso e assistenza alla popolazione Livello Provinciale: C.C.S. - Centro Coordinamento Soccorsi Direzione unitaria degli interventi da coordinare con quelli dei Sindaci, anche tramite C.O.M. Centri Operativi Misti Livello Regionale: SORI Sala Operativa Regionale Integrata Direttiva PCM del : indirizzi operativi gestione emergenze

16 D.P.C.M. 3 dicembre 2008 Indirizzi operativi per la gestione delle emergenze Definizione delle procedure operative al fine di ottimizzare la capacità di allertamento, di attivazione e di intervento del SNPC Le procedure operative disciplinano: la gestione del flusso delle informazioni tra i diversi soggetti coinvolti l'attivazione e il coordinamento delle componenti del servizio nazionale di p.c. la descrizione del modello organizzativo per la gestione dell'emergenza con indicazione degli interventi prioritari da disporre a livello nazionale per supportare ed integrare adeguatamente la risposta locale di p.c.

17 Livello comunale A meno di eventi catastrofici che annullino la capacità di reazione del territorio, la prima risposta deve essere garantita dalla struttura locale comunale Attivazione C.O.C. Il Sindaco provvede a: Individuazione sede COC; Individuazione situazioni di pericolo e la prima messa in sicurezza della popolazione (evacuazioni); Assistenza sanitaria ai feriti; Distribuzione pasti e assegnazione alloggi alternativi; Continua informazione alla popolazione; Controllo della viabilità comunale Presidio a vista del territorio

18 In funzione dell intensità e dell estensione dell evento, nonché della capacità di risposta del sistema locale, per garantire il coordinamento delle attività di gestione dell emergenza, si attivano nel territorio, ai diversi livelli di responsabilità, i centri operativi e di coordinamento presso i quali sono rappresentate le componenti e le strutture operative del SNPC

19 Livello provinciale C.C.S. - direzione unitaria degli interventi da coordinare con quelli realizzati dai Sindaci dei comuni interessati Composizione: Prefettura UTG, Regione, Provincia, Enti, Amministrazioni e strutture operative Compiti: Valutare le esigenze del territorio; Impiegare in maniera razionale le risorse già disponibili; Definire la tipologia e l entità delle risorse regionali e nazionali necessarie per integrare quelle disponibili a livello provinciale; Individuare i siti destinati ad aree ammassamento soccorsi Responsabilità: Prefetto, salvo diverse intese tra Province e UTG

20 Livello provinciale Responsabilità del Prefetto: Attivazione e impiego delle risorse statali presenti sul territorio Ordine e sicurezza pubblica Sussidiarietà nei confronti dei Sindaci Responsabilità del Presidente della Provincia: Attivazione e impiego delle proprie risorse Viabilità, reti, infrastrutture di servizi Volontariato SOPU: Sala Operativa Provinciale Unica

21 Livello provinciale In relazione all estensione dell area interessata ed alla popolazione da assistere si attivano i C.O.M. (Centri Operativi Misti) ai quali afferiscono più comuni Compiti: Supportare l attività dei C.O.C. Raccordare gli interventi attuati a livello comunale con quelli provinciali Attivazione in capo all autorità responsabile del CCS

22 Livello regionale Ciascuna regione interessata dall evento assicura: Immediata attivazione e impiego della colonna mobile regionale e del volontariato; Gestione interventi di emergenza sanitaria; Invio tecnici per verifica agibilità edifici, rilievo del danno; Partecipazione funzionari ai centri operativi e di coordinamento; Gestione delle reti radio per le comunicazioni di emergenza; Impiego dei beni di prima necessità per garantire l assistenza alla popolazione, stoccato presso i CAPI Operatività della SORI h24 Costanti contatti con il DPC Comunicazione delle necessità di risorse nazionali per integrare quelle territoriali SORI: Sala Operativa Regionale Integrata

23 Livello nazionale Qualora fosse necessario l utilizzo di mezzi e poteri straordinari, la regione procede alla richiesta della dichiarazione dello stato di emergenza Qualora a livello centrale si riscontrasse la necessità di istituire in loco una struttura di coordinamento nazionale per fronteggiare l emergenza (DI.COMA.C.), la regione, d intesa con il DPC provvede alla individuazione ed all allestimento della sede più idonea.

24

25 Funzione di supporto Metodo Augustus: Il coordinamento delle varie componenti del Servizio della Protezione civile, avviene, ai vari livelli territoriali e funzionali, tramite la collaborazione dei rappresentanti di ogni "funzione operativa" (Sanità, Volontariato, Telecomunicazioni, eccetera.) che interagiscono direttamente tra loro ai diversi "tavoli decisionali" e nelle sale operative dei vari livelli (COC, COM, CCS, SORI, DICOMAC, ecc.), avviando così in tempo reale processi decisionali collaborativi. Prevede 14 funzioni di supporto. Funzione di supporto: Ogni Centro territoriale di coordinamento è organizzato per funzione di supporto. Una funzione di supporto è uno specifico settore di attività che richiede l azione congiunta e coordinata di diversi soggetti, in fase di gestione delle emergenze.

26 Le funzioni di supporto COORDINAMENTO: AUTORITA COMPETENTE per Centro operativo (Prefetto, Sindaco, responsabile dell Ufficio Protezione Civile...) 1 TECNICA E DI PIANIFICAZIONE (Tecnici dell amministrazione, tecnici o professionisti locali, enti universitari e di monitoraggio) 2. SANITA, ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA (A.S.L., C.R.I., Volontariato Socio Sanitario) 3. VOLONTARIATO (Organizzazioni di volontariato) 4. MATERIALE E MEZZI (Aziende pubbliche e private, Volontariato, C.R.I., segretario o tecnico comunale)

27 Le funzioni di supporto 5. SERVIZI ESSENZIALI E ATTIVITA SCOLASTICA (Referente: Energia elettrica, Gas, Acqua, Aziende Municipalizzate, Smaltimento rifiuti, Provveditorato agli Studi) 6 CENSIMENTO DANNI A PERSONE E COSE (Tecnici Comunali, Ufficio Anagrafe, Vigili Urbani, Comunità Montana) 7. STRUTTURE OPERATIVE LOCALI, VIABILITA (Forze dell'ordine presenti sul territorio, Vigili Urbani) 8. TELECOMUNICAZIONI (Radioamatori, volontariato) 9. ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE (Segretario comunale, Ufficio Anagrafe, Volontariato)

28 Le funzioni di supporto 10. MASS MEDIA E INFORMAZIONE 11 TRASPORTO, CIRCOLAZIONE E VIABILITA' 12 ENTI LOCALI 13 MATERIALI PERICOLOSI 14 COORDINAMENTO CENTRI OPERATIVI

29 Le attività delle funzioni di supporto Es. Volontariato Attività ordinaria: Mantenere aggiornate le informazioni relative alle associazioni di volontariato presenti sul territorio, in termini di responsabili, risorse, materiali, specializzazioni disponibili. In emergenza: Coordinare e rendere disponibili le risorse di volontariato presenti nel territorio provinciale Es. Materiali e mezzi Attività ordinaria: Censire i materiali e mezzi disponibili, anche appartenenti ad altri comuni. In emergenza: Gestire le risorse disponibili di competenza territoriale da utilizzare in fase di emergenza (es. attrezzature meccaniche)

30 CCS Olbia (novembre 2013)

31 CCS Olbia Funzione volontariato (novembre 2013)

32 CCS Olbia Decreto di istituzione (novembre 2013)

33 Sala Operativa Regionale Integrata - SORI

34 Grazie per l attenzione

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia

Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia ARCH. FRANCES CO STUCCHI Monza 12 Giugno 2015 Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Monza

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Sergio Bergomi Associazione Nazionale Alpini 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione civile Forlì-Cesena, 11 Giugno 2013 1 LA PROTEZIONE CIVILE Funzione pubblica di tutela delle attività sociali

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Organizzazione e funzionamento della gestione associata di una funzione/servizio La funzione di pianificazione di protezione civile e di coordinamento

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 9290 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7 Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Progetto grafico: ComuniCare ANCI

Progetto grafico: ComuniCare ANCI La presente pubblicazione è stata curata dal Dipartimento Territorio Ambiente Protezione Civile dell ANCI, responsabile Antonio Ragonesi, collaborazione Laura Albani. Progetto grafico: ComuniCare ANCI

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri##

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri## Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria F. Geri, Milano 8 ottobre 2013 www.protezionecivile.gov.it Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Il Servizio Nazionale di P.C.

Il Servizio Nazionale di P.C. Il Servizio Nazionale di P.C. Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Comitato Locale di Firenze Riccardo Romeo Jasinski - Croce Rossa Italiana Formatore Nazionale PC CRI Il Servizio Nazionale di

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Seminario di formazione Valutazione dei danni provocati dal sisma Aula Magna _ Facoltà di Agraria di Bologna 19 giugno 2012 Agronomi

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV)

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la sede comunale in via Municipio, n. 10 Se questi locali risultassero inagibili la sala

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI URAS PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CAPITOLO SECONDO MODELLO DI INTERVENTO DI PROTEZIONE CIVILE Luglio 2010 Redazione: Dott. Alberto

Dettagli

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile La gestione delle informazioni nelle attività di emergenz a, l attivazione e il coordinamento delle componenti del serviz io naz ionale della protezione civile e indicaz ione degli interventi prioritari

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Legge 996/1970 La P.C. è concepita come soccorso pubblico D.P.R. 66/81 Il presidio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE

CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE Febbraio Maggio 2013 Settore Protezione Civile e Sicurezza Dirigente Dott. Angelo Gorla Funzionario Geom. Corinne Francese Cos è la PROTEZIONE CIVILE? 1) Organismo permanente:

Dettagli

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra Il Servizio Nazionale di protezione civile Massimo La Pietra www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile è la gestione di un SISTEMA COMPLESSO www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile non

Dettagli

3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE 3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Terni Ufficio Protezione Civile Lunedì 20 gennaio 2014 Terni, 1^ Circoscrizione Est PERCHÉ SIAMO QUI La generosità, la professionalità,

Dettagli

La pianificazione di emergenza

La pianificazione di emergenza La pianificazione di emergenza Antonio Gioia Dipartimento della Protezione civile antonio.gioia@protezionecivile.it Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia

Dettagli

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari della Protezione Civile di Paola Vitaletti (avvocato) Nel nostro Paese, da lungo tempo ormai, l intervento in emergenza è divenuto

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE

LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE Competenze di Stato, Regioni, Enti locali e Volontariato Giorgio Groppo Il volume consente una corretta e veloce consultazione di tutti i principali provvedimenti in

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 La gestione dell emergenze che hanno carattere nazionale viene attuata attraverso una predefinita catena di comando e controllo al vertice della quale si colloca

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 Indice: 5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 5.1 FUNZIONI DI SUPPORTO...5 1 FUNZIONE TECNICA E DI PIANIFICAZIONE ENTI LOCALI:...6 2 FUNZIONE SANITARIA, DI ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA:..6

Dettagli

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 26 febbraio 2014, n. 2 Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell'agenzia regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico Gestione dell emergenza Al manifestarsi dell evento, qualora l intensità della scossa fosse tale da superare il quinto grado della scala MCS ed il conseguente effetto

Dettagli

Indice. Pagina 1 di 60

Indice. Pagina 1 di 60 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA BOSCO MARENGO Volume IV PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE OBBIETTIVI DEL PIANO COMUNALE Aggiornato 2004 Indice 1 Obiettivi generali del Piano Comunale di Protezione

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE VOL 2.3 2013 Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROTEZIONE CIVILE PIANO PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO COMUNE DI POTENZA Assessorato Protezione Civile Unità di Progetto Protezione Civile e Sicurezza Assessore geom. Donato COVIELLO Dirigente arch. Giancarlo ANDRIULLI

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014 IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Roma, 26 febbraio 2014 QUANDO NASCE LA PROTEZIONE CIVILE? 1919 -- 1969 Il coordinamento dei soccorsi è affidato al al Ministero dei Lavori dei Lavori Pubblici

Dettagli

Sommario... 1. Introduzione... 3. 1 Il Piano Comunale di Protezione Civile... 5. 1.1 Contenuti e finalità... 5

Sommario... 1. Introduzione... 3. 1 Il Piano Comunale di Protezione Civile... 5. 1.1 Contenuti e finalità... 5 SOMMARIO Sommario... 1 Introduzione... 3 1 Il Piano Comunale di Protezione Civile... 5 1.1 Contenuti e finalità... 5 1.2 Struttura del piano e fasi di lavoro... 8 1.3 Approvazione ed aggiornamento... 11

Dettagli

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 IL METODO AUGUSTUS INDICE Premessa Piano di Emergenza Coordinamento ed Indirizzo secondo la L.N. 225/92 Pianificazione e Programmazione Definizione di Piano Successo

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012. Massimo La Pietra

Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012. Massimo La Pietra Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012 COSA MODIFICA E INTEGRA Il decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012, convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi. Tema

Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi. Tema Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi Tema Ruolo della Prefettura nel sistema della Protezione Civile Francesca ALTOMARE ( Vice Prefetto

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI OSSONA - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO

REGIONE LOMBARDIA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI OSSONA - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI OSSONA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO N. 19 del 30 dicembre 1993) Il Consiglio Regionale

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI MILANO, 14 MARZO 2013 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della protezione civile Arch. Veronica Piacentini IL SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra Il Volontariato di Protezione Civile Italiano Massimo La Pietra Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni 70 e 80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA 1 Premessa...3 Parte Prima MODELLO ORGANIZZATIVO E PIANIFICAZIONE...4 1 MODELLO ORGANIZZATIVO...4

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile

A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione civile (SSPC) come conforme alla d.g.r. n. X/1371 del 14/02/2014, livello A1-01 Corso base

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

Corso base di Protezione Civile - Modulo A

Corso base di Protezione Civile - Modulo A Linee Guida di Protezione Civile Corso base di Protezione Civile - Modulo A Il Sistema Nazionale e Regionale di Protezione Civile. Elementi di Legislazione, Organizzazione e Metodo Augustus Versione 02/2010

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile Comunale PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: INCENDIO Comune di Volpago del Montello Indicazioni

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli