PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE"

Transcript

1 PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE SNPC SEBASTIANO LUCCHI

2 CONCETTI DI BASE SULLA PROTEZIONE CIVILE ITALIANA -Sistema Nazionale di Protezione Civile -Principali riferimenti normativi nazionali e regionali -Struttura organizzativa del SNPC -Descrizione delle componenti del SNPC e loro funzioni -Funzioni e strutture degli enti Locali: Regione, Provincia e Comuni -Pianificazione di emergenza

3 IL SISTEMA NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE (SNPC) Si tratta di un sistema complesso formato da: - Strutture amministrative istituzionali; - Strutture tecniche istituzionali; - Volontariato t di Protezione Civile il

4 PRINCIPALE NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE (Leggi dello Stato) Legge n.996/1970,, Norme sul soccorso e l assistenza alle popolazioni colpite da calamità naturali; Legge n. 225/1992,, Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile; Decreto Ministeriale n. 145/1993,, Servizio di protezione civile, di pronto intervento e di tutela della sicurezza pubblica; Decreto Legislativo n.112/1998 Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59 Legge Bassanini Legge n. 265/1999 "Disposizioni in materia di autonomia e ordinamento degli enti locali, nonche' modifiche alla legge 8 giugno 1990, n. 142 DPR n. 194/2001; ; Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di protezione civile. Legge n.401/2001 conversione in legge DL 343/01 recante disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture tt preposte alle attività ità di protezione civile

5 PRINCIPALE NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE (Leggi Regionali) Legge Regionale n. 17/1998,, disciplina degli interventi regionali in materia di protezione civile (ex LR 58/84); Legge Regionale n. 11/2001 conferimento di funzioni e compiti amministrativi i ti i alle autonomie locali li in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112

6 Struttura organizzativa SNPC Dipartimento nazionale di Protezione Civile il DNPC; Ministero dell Interno (UTG-prefetture); Regioni Province Comuni e/o Comunità Montane (Enti locali)

7 Art. At 2 Tipologia degli eventi ed ambiti di competenze (Legge 225/92) A Ai fini dell'attività di protezione civile gli eventi si distinguono in: AA A eventi naturali o connessi con l'attività ità dell'uomo che possono essere fronteggiati mediante interventi attuabili singoli dai enti singoli enti e amministrazioni competenti in via ordinaria; B C A eventi naturali o connessi con l'attività dell'uomo che per loro natura ed estensione comportano l'intervento coordinato più enti di più enti o amministrazioni competenti in via ordinaria; C calamità naturali, catastrofi o altri eventi che, per intensità ed estensione, debbono essere fronteggiati con mezzi e e poteri straordinari. i

8 Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPC) Dipartimento Nazionale-Presidenza del Consiglio dei Ministri Capo dipartimento Franco Gabrielli Area tecnico operativa- 1 Vice Capo dipartimento t Area tecnico amministrativa- 2 Vice Capo dipartimento Comitato Operativo di Protezione Civile Sala Situazioni Italia Centro Funzionale Centrale

9 Strutture Operative Nazionali del SNPC art. 11 L. 225/92 Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica) Forze di Polizia (Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato) Corpo Forestale dello Stato Servizi Tecnici Nazionali ANPA CNR- Centro Nazionale Ricerche (es. Istituto di geofisica e vulcanologia) Croce Rossa Italiana Strutture del Servizio Sanitario Nazionale (118, SPISAL, Ospedali, ASL, veterinaria Organizzazioni di volontariato CNSAS Corpo Nazionale di Soccorso Alpino

10 Organizzazioni di volontariato nazionali Consulta nazionale del volontariato di PC ANA Misericordie d'italia ANPAS (Pubbliche assistenze) ANC (Associazione Nazionale Carabinieri) Radiocomunicazioni in emergenza (ARI-FIR) AGESCI (scout) Cisom (Ordine di Malta) Legambiente AVIS, CARITAS, UNITALSI Psicologi per i popoli Altre

11 FUNZIONI ENTI LOCALI La legge 225/92 e il DL 112/98 prevedono la delega a Regione, Province e Comuni di alcune funzioni in materia di Protezione Civile: Gestione dell emergenza a livello locale; Pianificazione di emergenza; Gestione e formazione del Volontariato; Coordinamento interventi;

12 Art. 3 Attività e compiti di protezione civile 1. Sono attività di protezione civile quelle volte alla previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, al soccorso delle popolazioni sinistrate ed ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta a superare l'emergenza connessa agli eventi di cui all'articolo 2. ( )

13 Previsione i La previsione consiste nelle attività dirette allo studio ed alla determinazione delle cause dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi ed alla individuazione delle zone del territorio soggette ai rischi stessi.

14 Prevenzione La prevenzione consiste nelle attività volte ad evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti agli eventi di cui all'articolo l 2 anche sulla base delle conoscenze acquisite per effetto delle attività di previsione.

15 Soccorso Il soccorso consiste nell'attuazione degli interventi diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi di cui all'articolo 2 ogni if forma di prima assistenza.

16 Superamento dell emergenza Il superamento dell'emergenza consiste unicamente nell'attuazione, coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative necessarie ed indilazionabili volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita.

17 STRUTTURE REGIONALI 1- Strutture tecnico-amministrative di PC 2- Strutture Operative regionali 2- Strutture di volontariato di PC

18 Compiti della Regione - Coordinamento emergenze a livello interprovinciale attraverso il COREM o SALA OPERATIVA REGIONALE - Organizzazione servizio emergenza sanitaria; - Coordinamento lotta incendi boschivi; - Emergenze ambientali (ARPAV); - Interventi tecnici (Genio Civile); - Pianificazione regionale per linee di indirizzo della pianificazione provinciale e comunale - Censimento identificazione strutture strategiche, vulnerabili e dei rischi; - Coordinamento strutture operative regionali e collegamento con dipartimento centrale per emergenze nazionali e internazionali; - Gestione sistema informativo allertamento meteo (Arpav-Teolo); - Gestione contributi a Provincie, Comuni e Associazioni Di Volontariato di Protezione Civile; ile - Organizzazione di Corsi per amministratori e tecnici pubblici organizzazione e promozione di studi, ricerche e convegni in materia di protezione civile; il

19 Strutture tt Regionali di Protezione Civile il Regione Veneto (istituzionali) Unità di Progetto Protezione Civile Unità di Progetto Difesa del Suolo Unità Periferiche Genio Civile Unità Periferiche Servizio Forestale (AIB) Arpav (Agenzia regionale per l'ambiente)- sede centrale e sedi territoriali i it

20 Strutture tt Operative Regionali COREM- Centro Operativo Regionale Emergenze (sala operativa numero verde ) presso UP Protezione Civile COR- Centro Operativo Regionale per AIB presso UP Foreste e Parchi CFD Centro Funzionale Decentrato presso UP Protezione Civile

21 Strutture di Volontariato di Protezione Civile Organizzazioni Regionali (ANA, AGESCI, ANC, ARI, Lagunari, Croce Rossa) Organizzazioni Locali Gruppi Comunali di Protezione Civile Il momento di incontro del volontariato veneto si Il momento di incontro del volontariato veneto si ha nel Tavolo Tecnico Regionale

22 STRUTTURE PROVINCIALI Organizzazione Ufficio o Servizio Provinciale di Protezione Civile il Comitato Provinciale di Protezione Civile Sala Operativa Provinciale (non tutte) Consulta Provinciale del volontariato di PC Polizia i Provinciale i

23 Compiti della Provincia Censimento e gestione albo regionale delle Associazioni di volontariato di protezione Civile; Gestione emergenza intercomunale coadiuvando con Prefettura; Coordinamento e raccolta dei Piani Comunali di Emergenza da sintetizzare nel Piano Provinciale di Protezione Civile; Formazione ed addestramento del volontariato Gestione del volontariato in emergenza a livello provinciale Gestione di una parte dei finanziamenti per le Associazioni di volontariato;

24 Ufficio i Territoriale i di Governo (Prefetture) Organizzazione Ufficio di Protezione Civile Sala Operativa (di solito in convenzione con Provincia)

25 Compiti delle Prefetture Autorità di Protezione (Occhio dello Stato e del DPC sul territorio) Attivazione e Coordinamento del CCS Attivazione e Coordinamento dei COM Attivazione e Coordinamento strutture operative dello Stato (Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili ili del Fuoco)

26 Comuni Organizzazione Ufficio o Servizio di Protezione Civile Comunale Comitato Comunale di Protezione Civile COC Centro Operativo Comunale Polizia Locale

27 Compiti del Comune 1- Attuazione, in ambito comunale delle attività di previsione e degli interventi di prevenzione dei rischi, stabilite dai programmi e piani regionali e provinciali; 2- Adozione di tutti i provvedimenti, compresi quelli relativi alla preparazione all emergenza, necessari ad assicurare i primi soccorsi in caso di eventi calamitosi in ambito comunale; 3- Predisposizione dei piani comunali e/o intercomunali di emergenza, anche nelle forme associative e di cooperazione previste dalla legge e cura della loro attuazione, sulla base degli indirizzi regionali e provinciali; 4- Attivazione di primi soccorsi alla popolazione e degli interventi urgenti necessari a fronteggiare l emergenza; 5- Vigilanza sull attuazione, da parte delle strutture locali di protezione Civile dei servizi urgenti; 6- Utilizzo del volontariato di Protezione Civile a livello comunale e/o intercomunale, sulla base degli indirizzi nazionali e regionali;

28 Compiti del Comune Sindaco Autorità di Protezione Civile Piano Comunale di Protezione Civile Coordinamento gruppi comunali o Associazioni convenzionate Attivazione e gestione COC

29 STRUTTURE COMUNALI Servizio comunale di protezione, COC e funzioni di supporto del Comune Polizia i Municipale i Squadra comunale di Protezione Civile (volontariato)

30 Grazie per l attenzione. BIBLIOGRAFIA UTILIZZATA: 1- Santoianni F. - Protezione Civile: Pianificazione e gestione dell emergenza 2 edizione Gnecchi G. - Corso di base per Gruppi comunali di Protezione Civile Polo didattico Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 9290 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7 Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE

LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE LA NORMATIVA SULLA PROTEZIONE CIVILE Competenze di Stato, Regioni, Enti locali e Volontariato Giorgio Groppo Il volume consente una corretta e veloce consultazione di tutti i principali provvedimenti in

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Corso base di Protezione Civile - Modulo A

Corso base di Protezione Civile - Modulo A Linee Guida di Protezione Civile Corso base di Protezione Civile - Modulo A Il Sistema Nazionale e Regionale di Protezione Civile. Elementi di Legislazione, Organizzazione e Metodo Augustus Versione 02/2010

Dettagli

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Legge 996/1970 La P.C. è concepita come soccorso pubblico D.P.R. 66/81 Il presidio

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE 3 CORSO BASE PER ASPIRANTI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Terni Ufficio Protezione Civile Lunedì 20 gennaio 2014 Terni, 1^ Circoscrizione Est PERCHÉ SIAMO QUI La generosità, la professionalità,

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Sergio Bergomi Associazione Nazionale Alpini 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI

Dettagli

Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia

Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia Le strutture e l organizzazione della protezione civile in Italia ARCH. FRANCES CO STUCCHI Monza 12 Giugno 2015 Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Monza

Dettagli

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014 IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Roma, 26 febbraio 2014 QUANDO NASCE LA PROTEZIONE CIVILE? 1919 -- 1969 Il coordinamento dei soccorsi è affidato al al Ministero dei Lavori dei Lavori Pubblici

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari della Protezione Civile di Paola Vitaletti (avvocato) Nel nostro Paese, da lungo tempo ormai, l intervento in emergenza è divenuto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI N.PROGRESSIVO Brevetto ID POS Cognome o Denominazione Nome Luogo di nascita PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile Conferimento dell'attestato di Pubblica Benemerenza

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati PROTOCOLLO DI INTSA TRA RGION LAZIO ORDIN DGLI INGGNRI DLLA PROVINCIA DI RITI ORDIN ARCHITTTI P.P.C. DLLA PROVINCIA DI RITI COLLGIO PROVINCIAL

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 12 ELENCO DEI RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Il Servizio nazionale e comunale di protezione civile

Il Servizio nazionale e comunale di protezione civile PARTE QUARANTATREESIMA Il Servizio nazionale e comunale di protezione civile Antonio Ragonesi TITOLO I Il nuovo servizio nazionale di protezione civile Cap. I Istituzione ed organizzazione nazionale 1.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

Fondamenti Giuridici

Fondamenti Giuridici Fondamenti Giuridici La provincia autonoma di Bolzano è una provincia a statuto speciale e dispone di competenza primaria in materia di Protezione Civile. (Decreto Presidente Repubblica - 22.03.1974, Nr.

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione civile Forlì-Cesena, 11 Giugno 2013 1 LA PROTEZIONE CIVILE Funzione pubblica di tutela delle attività sociali

Dettagli

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Organizzazione e funzionamento della gestione associata di una funzione/servizio La funzione di pianificazione di protezione civile e di coordinamento

Dettagli

Il Servizio Nazionale di P.C.

Il Servizio Nazionale di P.C. Il Servizio Nazionale di P.C. Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Comitato Locale di Firenze Riccardo Romeo Jasinski - Croce Rossa Italiana Formatore Nazionale PC CRI Il Servizio Nazionale di

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE 18 IL VOLONTARIATO Il volontariato di Protezione Civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del

Dettagli

CAPITOLO 4 Attori e competenze

CAPITOLO 4 Attori e competenze CAPITOLO 4 1. Il Comune 2 2. La Comunità Montana 4 3. La Provincia 5 4. La Prefettura 5 5. La Regione 6 6. Il Volontariato 7 6.1 Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile 8 6.2

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra Il Servizio Nazionale di protezione civile Massimo La Pietra www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile è la gestione di un SISTEMA COMPLESSO www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile non

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Seminario di formazione Valutazione dei danni provocati dal sisma Aula Magna _ Facoltà di Agraria di Bologna 19 giugno 2012 Agronomi

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

IL SISTEMA DELLA PROTEZIONE CIVILE

IL SISTEMA DELLA PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE per VOLONTARI di PROTEZIONE CIVILE anno 2013 IL SISTEMA DELLA PROTEZIONE CIVILE Relatore Roberto BORSI UNUCI - Parma La protezione civile è l insieme delle attività messe in campo per tutelare

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 26 febbraio 2014, n. 2 Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell'agenzia regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE N. 72 DEL 14-12-1993 Disciplina delle attività regionali di protezione civile (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO N. 19 del 30 dicembre 1993) Il Consiglio Regionale

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile (Maggio 2008) Riferimenti legislativi

Piano Comunale di Protezione Civile (Maggio 2008) Riferimenti legislativi Piano Comunale di Protezione Civile (Maggio 2008) Il piano di protezione civile completo del comune di Vinovo si trova nella sede operativa della Protezione Civile comunale presso la Polizia Municipale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile Vademecum contenente le indicazioni per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle Associazioni di volontariato, alla sezione provinciale

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Veneto SETTORE EMERGENZA SISTEMA REGIONALE DI FORMAZIONE

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Veneto SETTORE EMERGENZA SISTEMA REGIONALE DI FORMAZIONE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Veneto SETTORE EMERGENZA SISTEMA REGIONALE DI FORMAZIONE Corso per soccorritori/operatori CRI in Protezione Civile - 1 livello Istruttori Nazionali di Protezione

Dettagli

Indice. Pagina 1 di 60

Indice. Pagina 1 di 60 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA BOSCO MARENGO Volume IV PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE OBBIETTIVI DEL PIANO COMUNALE Aggiornato 2004 Indice 1 Obiettivi generali del Piano Comunale di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE

CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE Febbraio Maggio 2013 Settore Protezione Civile e Sicurezza Dirigente Dott. Angelo Gorla Funzionario Geom. Corinne Francese Cos è la PROTEZIONE CIVILE? 1) Organismo permanente:

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile

A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile A1-01 - Corso base per volontari di Protezione civile Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione civile (SSPC) come conforme alla d.g.r. n. X/1371 del 14/02/2014, livello A1-01 Corso base

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra Il Volontariato di Protezione Civile Italiano Massimo La Pietra Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni 70 e 80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

La protezione civile

La protezione civile La protezione civile Il sistema di protezione civile Il modello marche di protezione civile Formazione dei «Formatori Generali» Ancona, Mole Vanvitelliana 20 ottobre 2015 Matteo Giordano Dipartimento per

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato; il Presidente della Giunta regionale promulga. Art. 1 (Disposizioni generali)

Il Consiglio regionale ha approvato; il Presidente della Giunta regionale promulga. Art. 1 (Disposizioni generali) Legge regionale 11 dicembre 2001, n. 32. Sistema regionale di protezione civile. la seguente legge regionale: Il Consiglio regionale ha approvato; il Presidente della Giunta regionale promulga Art. 1 (Disposizioni

Dettagli

LEGISLAZIONE VOLONTARIATO

LEGISLAZIONE VOLONTARIATO LEGISLAZIONE VOLONTARIATO Presidente della Repubblica Decreto del Presidente della Repubblica 6 febbraio 1981, n. 66 Regolamento di esecuzione della legge 8 dicembre 1970, n. 996, recante norme sul soccorso

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Benevento, 19 aprile 2013 Il ruolo delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile: I criteri di ges7one delle associazioni

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

CITTA DI MARTINA FRANCA. Provincia di Taranto

CITTA DI MARTINA FRANCA. Provincia di Taranto CITTA DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 512 del 23/12/2014 OGGETTO CONVENZIONE CON GRUPPI DI VOLONTARIATO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE L'anno 2014, il giorno

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O

C O M U N E D I B R U I N O C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 4 maggio 2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros Unione dei Comuni del Coros Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Muros, Olmedo, Ossi, Putifigari Tissi, Uri, Usini Sede legale Via Marconi 14 07045 - Ossi (SS) CF 92108320901 P.Iva: 02308440904 Tel.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche Decreto 13 aprile 2011 Disposizioni in attuazione dell'articolo 3, comma 3-bis, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi. Tema

Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi. Tema Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Lodi Tema Ruolo della Prefettura nel sistema della Protezione Civile Francesca ALTOMARE ( Vice Prefetto

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI MILANO, 14 MARZO 2013 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della protezione civile Arch. Veronica Piacentini IL SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa.

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 in data 22.11.2002 Modificato Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 23.09.2013 ART. 1 E' costituito presso apposita sede comunale destinata

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Campo di applicazione Art.

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli