Molise. Contributi Artigiancassa alle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Molise. Contributi Artigiancassa alle imprese"

Transcript

1 I N F O R M A M P R E S A MENSILE DI ECONOMIA, GIURISPRUDENZA E CULTURA GARANTIAMO IL TUO CREDITO Molise. Contributi Artigiancassa alle imprese INFORMA IMPRESA Mensile - Aprile 2009 Anno IV Numero XI - In abbinamento gratuito con Primo Piano Molise Il Comitato Tecnico regionale dell'artigiancassa ha approvato il fiannaziamento di 146 operazioni di credito e di leasing in favore delle imprese, attivando investimenti per oltre 11 milioni. Le imprese interessate appartengono a tutti i settori produttivi in quanto la Regione ha esteso i benefici economici gestiti dall'artigiancassa alle piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi, ovvero artigianato, commercio, industria, aziende turistiche e servizi. La legge 949/52 riguarda l'impianto, ampliamento e ammodernamento del laboratorio; acquisto di macchine ed attrezzi nuovi ed usati ed autoveicoli nuovi; acquisto di software, diritti di brevetto, marchi ecc; acquisizione di aziende e loro eami ecc; formazione di scorte. L'agevolazione consiste in un contributo in conto interessi che riduce il tasso dei finanziamenti erogati dalle Banche in favore delle imprese. Esprime soddisfazione l'assessore Regionale alle Attività produttive e Turismo, Franco Giorgio Marinelli: Questa egli dice è una prima e concreta risposta della Regione Molise alle sfide del momento di crisi che viviamo, e che vede l'ente impegnato a concedere tutti gli aiuti possibili al tessuto produttivo. Tali intenzioni si concretizzano in una molteplicità di finanziamenti rivolti all'innovazione tecnologica, all'acquisto di macchinari, alla formazione di scorte, nonché alla possibilità di consolidamento del debito. L'Artigiancassa in particolare aggiunge l'assessore costituisce lo strumento più veloce di aiuto alle piccole e medie imprese, in quanto, attraverso essa, abbiamo tempi di erogazione dei benefici che non superano i sessanta giorni. Attualmente il Fondo Artigiancassa ammonta a circa 2 milioni e può sviluppare investimenti per circa 15 milioni. In tempi brevi, però, sarà operativo il PAR FAS Molise, grazie al quale il Fondo potrà essere implementato di ulteriori 3 milioni. Le informazioni dettagliate potranno essere acquisite presso la stessa Artigiancassa (tel ) come pure presso quasi tutti gli Istituti di Credito, nei quali sarà pure possibile accedere le relative pratiche. Le informazioni sono pure reperibili presso l'assessorato Regionale alle Attività Produttive, Servizio Commercio e Artigianato, e saranno a breve termine sintetizzate in un'apposita brochure di cui sarà data diffusione capillare.

2 Informa Impresa 2 I N M F O R M P R E S A A Molise. Contributi Artigiancassa alle imprese. Cenni di risveglio dalle aziende bassomolisane. Rimane critico e pieno d incognite l accesso al credito. Intervista - Orto d autore Città - Ururi Fas, 4 mld per l occupazione Artigiancassa: apre il Point Confidi Rating Italia Formazione disponibili 5 milioni Lavoro: Condono con istruzioni Il Governo in soccorso delle Pmi Lavoro: ammortizzatori rafforzati dalle spese accessorie Bonus assunzioni: in palio i fondi residui Imposte a rate, non serve garantire Bonus ricerca, priorità ai progetti avviati Il Factoring cresce a doppia cifra INFORMA IMPRESA n. 11 ANNO IV Periodico mensile ideato dal Confidi Rating Italia BIBLIOGRAFIA Editore C.I.T. - Consorzio Innovazione Tecnologica C.da Piane di Larino, Larino (CB) Presidente Agostino Capozzo Direttore Responsabile Massimiliano Orlando Progetto grafico La matita di Pat di Patrizia Esposito Tel Termoli Pubblicità C.I.T. - Consorzio Innovazione Tecnologica C.da Piane di Larino, 90 Tel /40/ Larino (CB) Italia Oggi 7 marzo 9 marzo 11 marzo 16 marzo Il sole 24 ore Informamolise 24 marzo 20 marzo Mafalda Biblioteca Universale Rizzoli Molise Una regione da scoprire Edizioni Studio Enne Redazione Susanna Petta C.da Piane di Larino Larino Tel /40/64 Per questo numero hanno collaborato Susanna Petta, Confidi Rating Italia; Massimiliano Orlando, giornalista; Emanuele Bracone, giornalista. Fotolito e Stampa Rotostampa S.r.l. Zona Industriale Avellino Registrazione del Tribunale di Larino n. 3/06 del Direttore responsabile: Massimiliano Orlando. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Gli articoli firmati sono la libera espressione degli autori e non rispecchiano necessariamente la linea editoriale del giornale. CENNI DI RISVEGLIO DALLE AZIENDE BASSOMOLISANE. RIMANE CRITICO E PIENO D INCOGNITE L ACCESSO AL CREDITO TERMOLI. Crisi economica, accesso al credito, ordinativi e fatturato. Sono queste le variabili che stanno disegnando il quadro critico delle imprese, soprattutto manifatturiere, della Regione Molise. Mesi di flessione costante, pericolosamente progressiva, che hanno minato le certezze occupazionali e gli intendimenti degli imprenditori che investono con il capitale di rischio. Tuttavia, nonostante le decine di vertenze che stanno contraddistinguendo questa lunga ondata di picchiata produttiva, con base nelle aree industriali, piccole e grandi del nostro territorio regionale, le aziende costiere stanno reagendo bene. Un livello di commesse in linea con quanto il portafoglio ordini garantiva nei periodi precedenti all esplodere della bolla finanziaria, che travolse nei mesi autunnali sia i mercati che l economia reale. Un annuncio questo, una quasi inversione di tendenza, che è emerso nei giorni scorsi, con grande sollievo e soddisfazione di chi, in questo pertugio, intravedrebbe l uscita da un tunnel angosciante. Il palcoscenico della svolta è stato quello della presentazione della nuova governante del Consorzio industriale valle del Biferno. Capacità manageriali e professionalità delle maestranze, oltre il livello di competitività e di ritrovata internazionalizzazione delle imprese e dei prodotti allocabili, avrebbe permesso a numerose realtà di contrastare efficacemente la deriva minimale che ha colpito l intero Occidente. Intanto, pur volendo apprezzare questa metà della mela, uno dei buchi neri per quanto riguarda la possibilità di avversare cicli economici non entusiasmanti, periodi recessivi e persino deflattivi, rimane l accesso al credito. I continui inviti del governo nazionale e regionale a non stringere i cordoni della borsa cozza terribilmente con la realtà. L unico spiraglio autenticamente avvertibile è quello segnato nelle ultime settimane dall aggregazione in rete dei consorzi Fidi, spalle importanti dell attività artigianale e non solo, garanti dello sviluppo, oseremmo dire. Un sondaggio tra alcuni capitani d impresa della Pmi locale, con evidenti ragioni di opportunità legati al diritto di rispetto della privacy, hanno evidenziato come in Molise gli istituti di credito abbiano recepito poco e male questo appello istituzionale. Richieste di rientro improvvise dai fidi e dai massimi scoperti concessi in precedenza, allungamento dei tempi di istruttoria delle pratiche e dei dossier in valutazione, tassi d interesse che non scendono così parallelamente alle indicazioni della Banca centrale europea i nodi scorsoi che stringerebbero in gola quegli imprenditori ancora convinti di voler attendere la ripresa. Di recente, la scorsa settimana, a colloquio con la giunta regionale è andato il gotha delle banche presenti sul territorio. L auspicio è che l ulteriore passaggio ammorbidisca chi ha le leve della finanza e della disponibilità degli impieghi, contribuendone quell apertura di credito verso chi ha l interesse di creare valore aggiunto, ricchezza e rimettere in circolo l economia. Altre fonti, infatti, vedrebbero stabili se non in crescita i depositi bancari, specie da quanto ne sono stati garantiti il buon fine. Una opera di redenzione, per coloro che hanno determinato l eccessiva volatilità con l immissione a pioggia nel sistema di titoli considerati tossici. L attività di produzione dei beni e dei servizi deve poter poggiare su di un sistema di finanziamento con fondamenta solide e costi sostenibili. I cenni di risveglio registrati, soprattutto sulla costa, non possono rischiare di venir soffocati dalla miopia e la ti morosità di chi, per mestiere, deve finanziare il sistema produttivo. Emanuele Bracone

3 Informa Impresa 3 a cura di Massimiliano Orlando INTERVISTA orto d autore Continua il nostro viaggio tra le realtà economiche che si distinguono per la capacità di fare impresa, partendo dalle antiche tradizioni Molisane e dalle peculiarità territoriali della nostra terra. Con l appuntamento di aprile della rubrica Occhio Privato, abbiamo fatto visita ad un azienda Bassomolisana con sede ad Ururi. La Orto D Autore è nata nel 2000 dalla volontà e l esperienza di Angelica Olivastro ed Antonella Plescia. Angelica ed Antonella, tra loro cognate, sono imprenditrici appartenenti alla famiglia D Arienzo, che da sempre lavora nel settore agroalimentare, coltivando terreni di proprietà e valorizzandone i prodotti. Abbiamo fatto visita allo stabilimento che ha sede in un antica e caratteristica dimora storica del paese. Angelica, come nasce la vostra idea imprenditoriale? La nostra economia è prevalentemente agricola e gode di una lunga e radicata tradizione conserviera ad uso familiare. Le terre sono infatti caratterizzate da una morfologia di bassa collina, con clima mediterraneo, che consente la coltivazione di prodotti agricoli di qualità, in prevalenza ortaggi e frutta. Abbiamo voluto partire da queste peculiarità quando abbiamo deciso di avviare un attività produttiva di natura artigianale, volta ad ottenere prodotti di nicchia, tipici e di alta qualità, ma di largo ed immediato consumo. E per questo che, pur essendo consentito dalla legge, nei nostri prodotti non utilizziamo componenti chimici. Mi riferisco a conservanti ed additivi, spesso indicati come vettori di patologie anche gravi. Il nostro marchio è certificato ed inserito in un circuito commerciale tutelato dalle normative vigenti nazionali e regionali. Quali sono i vostri punti di forza? Ne individuerei due in particolare. I nostri prodotti sono specialità gastronomiche preparate con le stesse tecniche di una volta. Rappresentano un insieme di valori ambientali, storici e culturali di antiche tradizioni molisane. Oggi i consumatori sono molto attenti al gusto, ai sapori, alla qualità dei prodotti ed amano ricollegare tutto questo alla terra che li produce e alla sua storia. Altro aspetto è lo stretto legame familiare che lega la nostra azienda. Io ed Antonella siamo sposate con i Fratelli D Arienzo, titolari dell azienda agricola che ci fornisce pomodori ed ortaggi. I D Arienzo sono conosciuti in Molise come orticoltori espertissimi, spinti da un amore viscerale per la terra e la natura, che conoscono e rispettano. Abbiamo pertanto la certezza di utilizzare prodotti freschi di stagione, genuini, saporiti e fragranti. Il pomodoro è alla base di una vasta gamma dei vostri prodotti. E una scelta strategica? Facciamo notare che il pomodoro è buono e fa bene alla salute ed alla bellezza. E ricco di sali minerali come il potassio che ha un effetto benefico sulla ritenzione idrica e l ipertensione. Contiene vitamine A e C, calcio per la salute delle ossa e dei denti, ferro, fosforo e fibre. Il licopene, che fornisce al pomodoro una colorazione rossastra, è in effetti un potentissimo antiossidante cui è riconosciuto scientificamente il potere di ritardare l invecchiamento delle cellule e di prevenire alcune malattie cardiovascolari e taluni tipi di cancro. Ma il pomodoro è anche una coltura molto esigente. La sua qualità ed i suoi benefici effetti, dipendono dalle condizioni ambientali in cui viene coltivato. Fortunatamente il Basso Molise possiede la giusta terra, ricchissima di potassio, le giuste ore di sole, la giusta salinità dell acqua utilizzata per l irrigazione. Possiamo dire che, facendo tesoro di quello che la natura ci ha dato, abbiamo deciso di puntare molto sulla gamma di prodotti legati al pomodoro. URURI Il centro fu distrutto dal terremoto del 1456 ma risorse quando nel 1465 i vescovi di Larino assegnarono Ururi a coloni albanesi i quali, tra alterne vicende, la popolarono completamente nel XVI sec. Rimase feudo della Mensa Vescovile di Larino fino al 1785, fu poi terra demaniale fino all abolizione della feudalità. LUOGHI DA VISITARE Importante monumento architettonico è la Chiesa di Santa Maria delle Grazie ricostruita nel XVIII sec. su una precedente chiesa abbattuta per vetustà. TRADIZIONI Il 3 maggio si svolge una spettacolare manifestazione che coinvolge gli abitanti del luogo la carrese corsa di carri trainati da buoi i quali vengono incitati da cavalieri. I buoi, i carri e i cavalieri vengono benedetti davanti alla chiesa di Santa maria delle Grazie, il carro vincitore porterà in processione la reliquia del legno della Santa Croce. In estate si tiene l importante appuntamento culturale con il Premio Nazionale di lettere, arti e scienze. GASTRONOMIA Piatti tipici della gastronomia locale sono Gli spaghetti con le vongole e la ventricina insaccato preparato secondo antiche ricette albanesi. CENNI STORICI Centro agricolo situato su un colle alla destra del torrente Cigno. Le sue origini risalgono alla fondazione del monastero benedettino di Santa Maria in Aurole che Roberto conte di Loritello donò nel 1075 alla chiesa di Larino.

4 Informa Impresa 4 Fas, 4 mld per l occupazione Penati, Expo 2015 penalizzato Il Cipe, comitato interministeriale per la programmazione economica, presieduto dal presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, ha aggiornato la dotazione del Fondo per le aree sottoutilizzate (Fas), di competenza nazionale e regionale, pari a 45 miliardi di euro. Il Fas di competenza nazionale è stato così ripartito: al Fondo sociale per l'occupazione sono stati destinati 4 miliardi; al Fondo infrastrutture 5 miliardi; al Fondo strategico per il Paese a sostegno dell'economia reale (istituito presso la presidenza del consiglio) 9 miliardi. Il Fas di competenza regionale è distribuito per 22 miliardi alle regioni FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA La prevenzione dell usura a sostegno delle PMI del Mezzogiorno e per 5 miliardi alle regioni del Centro-Nord. In secondo luogo, il Cipe ha preso atto della relazione predisposta congiuntamente dal ministero infrastrutture e dal dipartimento per la programmazione economica della presidenza del consiglio sullo stato di attuazione del programma delle infrastrutture strategiche. Il costo totale delle opere approvate dal Cipe è pari a circa 116,8 miliradi di euro, con un incremento del 28% circa rispetto ai 91 miliardi del novembre La copertura finanziaria è pari a 66,9 miliardi (57% del costo), di cui 41,1 pubblici e 25,8 privati. Il fabbisogno finanziario residuo ammonta a 49,9 miliardi. Anche grazie alle misure adottate dal governo, nel 2010 il valore delle opere affidate risulta di 76,6 miliardi di euro, pari a circa il 65,5% del costo totale delle opere approvate dal Cipe; nel 2013 si prevede che la spesa superi il 50% delle opere approvate. Infine, il Cipe ha approvato il piano, predisposto dal ministero infrastrutture, dagli interventi da attivare nel triennio per complessivi 16,6 miliardi di euro, cui si aggiungono un miliardo di euro per l'edilizia scolastica e 200 milioni di euro finanziati anche grazie alla citata nuova assegnazione di Fondi Fas (5 miliardi). ARTIGIANCASSA: APRE IL POINT CONFIDI RATING ITALIA È ufficialmente partita il 1 gennaio 2009 la nuova operatività di Artigiancassa, sancita dal Piano di rilancio , sottoscritto dagli azionisti della Banca, BNL Gruppo BNP Paribas (73,86% del capitale) e Agart (che raggruppa le principali sigle e federazioni artigiane e che detiene il restante 26,14%). È nata, così, la nuova Artigiancassa, una banca a 360 gradi per rispondere meglio alle esigenze dei clienti. L'istituto del gruppo Bnl, che finora ha gestito soltanto le leggi agevolative per artigiani e Pmi, da oggi offre invece anche finanziamenti a breve, medio e lungo termine, leasing e lungo noleggio, oltre ai normali prodotti bancari, quali conto corrente, carte di credito, etc. Un nuovo modello di banca: semplice, facilmente accessibile e più vicina alle esigenze degli artigiani e delle PMI. La grande novità sta negli Artigiancassa point sportelli operativi dislocati direttamente nelle sedi delle associazioni e dei confidi su tutto il territorio nazionale. La particolare novità del piano è rappresentato dall'informatizzazione delle procedure dei finanziamenti che verranno fatte in tempo reale attraverso internet e che avranno tempi di risposta brevissimi. Dal primo di aprile in Molise è operativo anche l Artigiancassa Point, attivato presso gli uffici di Larino, del Confidi Rating Italia, in C.da Piane di Larino. Recandosi presso questo sportello dunque l impresa potrà rapidamente accedere a tutti i prodotti Artigiancassa. Le richieste di finanziamento sono caricate dal Confidi Rating Italia attraverso l utilizzo della Web Application Artigiancassa (WAA) appositamente creata con possibilità di ottenere, in tempo reale, una pre-delibera di fattibilità della pratica. L intera documentazione cartacea viene quindi inviata subito dopo in banca per l ottenimento della relativa delibera definitiva emessa entro cinque giorni lavorativi. Presso la stessa sede del Confidi Rating Italia l impresa potrà inoltre disporre l apertura del nuovo Conto Corrente Artigiancassa che sarà operativo c/o la sede BNL più vicina all impresa. Il conto ovviamente offre la massima libertà e comodità di utilizzo attraverso l impiego di strumenti di internet-banking. Confidi Rating Italia. La forza di guardare avanti. In seno alle politiche volte a combattere il fenomeno dell usura è operativo anche in Molise, presso il Confidi Rating Italia, lo speciale fondo di prevenzione istituito dalla Legge 108/96 art. 15. Si tratta di un Fondo di garanzia teso a facilitare l accesso al credito di imprese definite dal legislatore come imprese ad elevato rischio finanziario ovvero quelle imprese per le quali non è sufficiente una garanzia ordinaria del Confidi pari al 50%. L intervento del Fondo pertanto si accompagna sempre al ricorso all indebitamento bancario da parte delle imprese richiedenti. Esso tuttavia mira a rendere finanziabili quelle richieste per le quali la banca abbia già espresso parere negativo per insufficienza di garanzie a corredo del finanziamento proposto. La finalità è ovviamente quella di prevenire il ricorso di tali imprese al tristemente noto mercato dell usura. Ricorrendo a questo particolare strumento le piccole e medie imprese possono perciò beneficiare di una garanzia più alta pari almeno all 85% del finanziamento richiesto che può essere così riproposto alla Banca finanziatrice con una copertura più adeguata aumentando le chances di un esito favorevole delle richieste. Ciò sempre che ricorrano le condizioni necessarie per accedere al credito quali le adeguate capacità di rimborso e comunque la disponibilità dell Istituto di Credito a concedere il finanziamento. Come specificato dalla stessa Lg. 108/96 le operazioni assistibili dallo speciale Fondo Antiusura devono avere una durata che non va al di là del medio termine ovvero dei 60 mesi. Gli istituti di credito che attualmente sono convenzionati con il Confidi Rating Italia ed ai quali possono essere perciò proposte operazioni del tipo descritte a lato. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEL MOLISE DI SAN MARTINO E BAGNOLI DEL TRIGNO IDEAFIN S.P.A. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SANGRO TEATINA BANCA POPOLARE DELLE PROVINCIE MOLISANE UNICREDIT BANCA BANCA POPOLARE DI LANCIANO E SULMONA BANCA TERCAS BANCA TOSCANA S.P.A. FINLEASING LOMBARDA FORMAZIONE DISPONIBILI 5 MILIONI In arrivo 5 milioni di euro per la formazione dei dipendenti degli studi professionali e delle aziende. Come anticipato da Italia Oggi il sette marzo, è disponibile sul sito l'avviso 1/02209 che rende note le nuove istruzioni per accedere ai finanziamenti. Si tratta di un bando chiuso. Per presentare le domande ci sarà tempo fino al 29 maggio. La dotazione è di 5 milioni di euro. Un bando con una dotazione analoga sarà replicato verso settembre-ottobre. Quanto alla ripartizione, quattro milioni saranno destinati ai corsi seminariali e uno per quelli individuali. Ma si tratta solo di un bilancio previsionale. Fra le categorie di dipendenti si prevede di destinare due milioni per i dipendenti delle aziende e due per quelli degli studi professionali. Condono con istruzioni L ispezione non blocca il condono sul lavoro in nero. Alla regolarizzazione possono infatti accedere anche i datori di lavoro che a seguito di accertamenti ispettivi, abbiano provveduto alla loro formalizzazione prima dell accordo sindacale. Con il msg. Inps n. 6121/09, l ente di previdenza torna sulla sanatoria introdotta dalla Finanziaria 2007, il cui termine è scaduto il 30 settembre del Si tratta della legge n. 296/2006 che conteneva una serie articolata di misure finalizzate a favorire il lavoro stabile e regolare, dove particolare rilievo assumevano le disposizioni volte a promuovere l emersione spontanea, attraverso percorsi di regolarizzazione del lavoro nero concordati con le organizzazioni sindacali, che garantiscono regolare occupazione ai lavoratori interessati (art. 1, commi da 1192 a 1201). La procedura, lo ricordiamo, si articolava su tre fasi principali: sottoscrizione di un accordo sindacale, presentazione della domanda e regolarizzazione vera e propria dei lavoratori mediante assunzione, per un periodo non inferiore a 24 mesi, con conseguente pagamento della contribuzione in misura agevolata. Il datore di lavoro, per adempiere agli obblighi contributivi relativi ai rapporti di lavoro oggetto della procedura di regolarizzazione, doveva versare una somma pari a 2/3 di quanto dovuto complessivamente per il periodo oggetto di regolarizzazione alle diverse gestioni assicurative relative ai lavoratori dipendenti. I 2/3 dei contributi e premi evasi nel periodo irregolare dichiarato potevano essere versati con le seguenti modalità: a) nella loro interezza, allegando all istanza l attestazione dell avvenuto versamento; b) per l importo di 1/5, contestualmente all istanza presentata all Inps. In quest ultimo caso, l importo residuo poteva essere versato in unica soluzione, o in forma rateizzata nei 60 mesi senza interessi.

5 Informa Impresa 5 U F F I C I C O N F I D I R A T I N G I T A L I A LARINO Sede Centrale C.da Piane di Larino, Larino Tel Fax CAMPOBASSO Fortunata Savini Via Toscana, Campobasso Tel Cell ISERNIA Marucci Giuseppina Via Berta, Isernia Tel Cell TERMOLI Lucia Pinti Via Maratona, Termoli Tel BNP PARIBAS LEASE GROUP EURINVEST istituti convenzionati con il confidi rating italia ø DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 MARZO 2009, N. 230 Legge Regionale del 26 aprile 2000, n. 33: Interventi finanziari per il commercio APPROVAZIONE 3 Bando La Regione Molise ha unanimemente deliberato di approvare il Bando comprensivo di n. 11 allegati per la presentazione delle richieste delle agevolazioni previste dalla Legge regionale 26/04/2000, n. 33 ed i criteri per la concessione dei contributi e l erogazione dei benefici. Con il presente bando la Regione Molise concorre al finanziamento degli interventi realizzati sul territorio regionale, finalizzati: a) qualificazione, promozione e sviluppo degli esercizi di vicinato e degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nei centri storici, nei piccoli comuni (popolazione inf. a abitanti) e nei comuni appartenenti a comunità montane; b) costituzione delle piccole imprese e sviluppo del commercio al dettaglio, dei suoi soggetti distributivi e degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nelle aree diverse da quelle indicate alla precedente lettera a). Il presente Bando, pubblicato nel BURM del 16 marzo 2009 n. 5, in perfetta sincronia con il quadro normativo di riferimento: individua finalità e ambito territoriale dell intervento, soggetti beneficiari spese ammissibili termini e retroattività dotazione finanziaria misura e cumulo delle agevolazioni priorità termini e modalità di presentazione della domanda modalità di concessione ed erogazione del contributo casi di revoca del contributo informazioni sul procedimento allegati per la redazione delle domande

6 Informa Impresa 6 Molgora: grazie ai Tremonti bond flusso di 170 miliardi Il Governo in soccorso delle Pmi Le Pmi costituiscono l'anello della catena che sta subendo più di tutti l'ondata della crisi economica. Grazie allo strumento dei Tremonti bond, introdotti tramite decreto dal Ministro dell'economia Giulio Tremonti, il 25 febbraio scorso: risorse fresche affluiranno nelle casse delle banche più solide. A condizione, però, che gli Istituti di credito rimettano in circolo le risorse a favore delle imprese e delle famiglie disagiate che non riescono a pagare il mutuo. Un flusso di denaro che il ministero delle finanze ha quantificato in 12 miliardi di euro e, con una leva del patrimonio pari circa a uno a quindici, secondo il Tesoro diventerebbero 170 miliardi, cioè il 10% del Pil. Una parte di queste risorse sarà utilizzata per il Fondo finanza d'impresa, un'intervento ancora in fase di costruzione, che punterà all'introduzione di meccanismi di garanzia basati sul concetto di prima perdita su specifici portafogli e l'opportunità di estendere l'operatività del Fondo a misure che facilitino l'intervento delle imprese di assicurazione e della Sace per ottenere la riscossione dei crediti nei confronti della P.A. Un'altra boccata d'ossigeno per le Pmi arriverà dai 13 miliardi di euro mobilitati dalla Cassa depositi e prestiti per favorire l'afflusso di credito alle Pmi, com'è stato annunciato in occasione del Credit-Day. In definitiva la riallocazione dei finanziamenti concessi alle banche in favore dell'economia reale dovrebbe costituire lo strumento grazie al quale si eviterebbe il blocco di quell'anello costituito dalle Pmi, il cui funzionamento è decisivo per tutto il sistema economico e finanziario. Oltre ai Tremonti bond, si stanno attivando una serie di misure connesse, a partire dalla possibilità di intervento della Cassa depositi e prestiti per il prolungamento dei mutui o il cofinanziamento bancario per rendere disponibili altre risorse alle imprese. LAVORO AMMORTIZZATORI RAFFORZATI DALLE PRESTAZIONI ACCESSORIE Arriva un bonus previdenziale per chi assume i lavoratori in cassa integrazione o che hanno perso il posto di lavoro a causa della crisi aziendale nel 2009 e nel datori di lavoro, infatti, incasseranno l'indennità che sarebbe spettata al lavoratore e non più pagata a seguito dell'assunzione. È questa una delle novità imbarcate dal decreto legge incentivi (il n. 5 del 2008) dopo l'approvazione del maxi-emendamento: ieri il testo ha conquistato il sì della Camera e da oggi sarà all'esame del Senato per il via libera definitivo. In particolare, l'articolo 7-ter del provvedimento veicola un pacchetto di misure in materia di lavoro e ammortizzatori sociali. In primo luogo, l'incentivo previdenziale. Il bonus riguarda le aziende non interessate dalla crisi che assumono lavoratori usciti dal mercato del lavoro per crisi aziendale. La norma fa riferimento ai datori indicati dall'articolo 1 della legge 223/1991: quindi, solo le aziende con più di 15 dipendenti. In generale, si tratta di datori di lavoro che, senza essere tenuti, assumono lavoratori destinatari nel 2009 e 2010 di ammortizzatori sociali in deroga, licenziati o sospesi per cessazione totale o parziale dell'attività o per intervento di procedura concorsuale da imprese che non rientrano nella disciplina della legge 223/91. Il beneficio è concesso dall'inps, è pari all'indennità spettante al lavoratore per il numero di mensilità di trattamento non erogate ed è assegnato al datore di lavoro mediante il conguaglio con le somme dovute per i contributi previdenziali e assistenziali. Ma il bonus è escluso per i lavoratori collocati in mobilità, nei sei mesi precedenti, da un'impresa dello stesso 0 di un diverso settore di attività che, al momento del licenziamento, ha assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell'impresa che assume o è con quest'ultima in rapporto di collegamento o controllo. Anche il lavoro accessorio avrà la funzione di dare un sostegno ai lavoratori in cassa integrazione: chi percepisce prestazioni integrative del salario o sostegno al reddito potrà rendere, in via sperimentale per il 2009, lavoro accessorio in tutti i settori e fino a 3mila euro per l anno solare. Novità anche per i centri per l impiego e i soggetti privati autorizzati o accreditati: sono tenuti ì, almeno settimanalmente, a pubblicare le opportunità di lavoro disponibili. E diventano più snelli i tempi per la concessione della Cigs: l Inps, in via sperimentale per il , in attesa di provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di integrazione salariale in deroga con richiesta di pagamento diretto, potrà anticipare le somme in base alla domanda corredata dagli accordi conclusi dalle parti sociali e dall elenco dei beneficiari, con riserva di ripetizione nei confronti del datore di lavoro delle somme indebitamente erogate ai lavoratori. Infine, si stabilisce che, per le attività agricole, non integrano un rapporto di lavoro autonomo o subordinato le prestazioni svolte da parenti e affini al quarto grado (sinora era fino al terzo). Bonus assunzioni In palio i fondi residui Al momento non è ancora nota l entità delle risorse recuperate dell agenzia delle Entrate e dirottabili sul finanziamento di alcune istanze per il riconoscimento del bonus assunzioni nelle aree svantaggiate. Nel frattempo, però, i soggetti le cui domande sono state scartate nel 2008 per esaurimento dei fondi disponibili, devono affrettarsi a inoltrare al Centro operativo di Pescara dell agenzia delle Entrate il modello R/IAL, che dovrà essere utilizzato dai datori di lavoro per confermare la propria richiesta di agevolazione. Scade, infatti, il prossimo 20 aprile il termine ultimo per l invio telematico del modello. Nei limiti delle risorse divenute disponibili a seguito delle rinunce o della diminuzione del credito, ma anche per il mancato invio della comunicazione attestante il mantenimento su base annuale del livello occupazionale (modello C/IAL), il cui termine di inoltro è scaduto il 31 marzo, sarà, pertanto, possibile finanziare alcune istanze inevase. L attribuzione delle risorse, in base a quanto stabiliscono le istruzioni al modello R/IAL, avverrà secondo l ordine cronologico di presentazione di quelle originarie scartate. Le istruzioni al modello segnalano, innanzitutto, che i soggetti interessati devono presentare un'istanza di rinnovo per ciascuna istanza di attribuzione del credito d imposta validamente trasmessa e non accolta, in tutto o in parte, per esaurimento delle risorse finanziarie disponibili. Se il soggetto intende modificare un istanza di rinnovo già presentata deve inviare nei termini prescritti, una nuova istanza di rinnovo compilata in tutte le sue parti e non solo in quelle che sono oggetto di modifica. Nel caso in cui siano trasmesse più istanze di rinnovo con riferimento a una medesima istanza originaria, sarà considerata valida l'ultima istanza di rinnovo correttamente inviata nei termini. L istanza deve essere presentata all'agenzia delle Entrale esclusivamente in via telematica entro il 20 aprile, utilizzando il prodotto informatico denominato «Rinnovoial», reso disponibile gratuitamente dall amministrazione finanziaria sul sito. Il modello è composto da un frontespizio e da un unico quadro compilativo, il quadro A. Nel frontespizio è fondamentale indicare il numero di protocollo attribuito dal servizio telematico all'istanza che i intende rinnovare. Passando alla compilazione del quadro A, il Fisco ricorda che, nel caso in cui sia stata presentata la comunicazione annuale (modello C/IAL) e nella stessa sia stato esposto un minor credito spettante, compilando il quadro B del modello C/IAL, nella compilazione dell'istanza di rinnovo è necessario tenere conto del minor importo del credito spettante, indicato nel citato quadro B. Deve, inoltre, essere indicato l'ammontare del credito spettante per gli anni 2008, 2009 e 2010 anche nel caso in cui l'istanza originaria sia stata accolta parzialmente. Pertanto, l'importo del credito spettante va indicato anche con riferimento all'anno per il quale lo stesso sia stato già attribuito. Va, infine, tenuto in considerazione l'ammontare del credito per il quale si rinnova l'istanza. Per segnalarlo, il modello contiene un'apposita casella, denominata «Misura del credito d'imposta spettante». Nella stessa, in sintesi, deve essere indicato se il credito spetta in misura pari a quella indicata nell'istanza oggetto di rinnovo, ovvero se lo stesso spetta in misura inferiore. Nel primo caso, il soggetto beneficiario dovrà indicare il codice 1 nella casella. Nel secondo caso, invece, dovrà riportare un codice da 2 a 5, a seconda del motivo per il quale sta richiedendo un bonus in misura inferiore. L arte di investire in arte. S. Lombardo, A. Pace, H. Orlando, A. Colangelo, E. Saquella, L. Mastropaolo, K. Andersen, A. Giordano, J. Verrilli, M. Cerrone, C. Fontana, M. Serra, V. Mascia, L. Mastrangelo, N. Barone, G. Pedullà, R. Galeano, M. Pulini, G. Marotta, M. Peri, C. Falasca, A. Tramontano, V. Robbio, L. Picchiello. ARCHETYP ART GALLERY ONLUS / diretta da Antonio Picariello e Nino Barone / Via G. Marconi, Termoli (CB) / Info: /

7 Informa Impresa 7 IMPOSTE A RATE, NON SERVE GARANTIRE Tipologia Saldo/1 acconto imposte in Unico Ravvedimento operoso lungo Avvisi bonari e comunicazioni Adesione ai pvc o inviti Accertamento con adesione Somme iscritte nei ruoli (cartelle di pagamento) Conciliazione giudiziale TUTTI I CASI IN CUI IL FISCO ACCETTA I PAGAMENTI RATEIZZATI Dilazione Max 6 rate mensili A discrezione entro i termini del ravvedimento lungo Max 20 rate trimestrali (importi > 5 mila e Max 12 rate trimestrali (importi > mila e Max 12 rate trimestrali (importi > mila e Max 72 rate mensili Max 12 rate trimestrali (importi > mila e Interessi/sanzioni 6% su base annua Garanzie Nessuna Istanza Nessuna 3% annui + sanzioni 3% Nessuna Nessuna 3,5% su base annua Interessi legali su base annua Interessi legali su base annua Interessi moratori decrescenti con metodo francese Interessi legali su base annua Solo per importi > 50 mila e Nessuna Fideiussione o simili Nessuna (dopo l entrata in vigore del Dl 112/08) Fideiussione o simili Solo per importi > 500 mila e Con il modello di cui al decreto 10/9/08 Da richiedere in sede di perfezionamento dell adesione Richiesta al concessionario della riscossione Frutto di accordo fra le parti BONUS RICERCA PRIORITÀ AI PROGETTI AVVIATI Parte mercoledì 22 aprile, alle ore 10, la corsa al bonus ricerca previsto dall articolo 1, commi da 280 a 283, della legge 27 dicembre 2006 n Per l'invio del formulario telematico, il modello FRS, i contribuenti interessati dovranno utilizzare il software «Credito-frs», che sarà reso disponibile sul sito dell'agenzia delle Entrate dal 16 aprile Per i progetti già avviati alla data del 28 novembre 2008, l Amministrazione finanziaria ha stabilito anche un termine finale per l'inoltro del formulario, che dovrà essere presentato, a pena di decadenza dal contributo, entro le ore 24 del 22 maggio A decorrere dall anno 2009, la fruizione del credito d imposta si è articolata secondo due direttrici: - per i progetti d investimento in attività di ricerca e sviluppo che, sulla base di atti o documenti aventi data certa, risultano già avviati alla data di entrata in vigore del Dl (quindi entro il 28 novembre 2008), gli interessati inoltrano il formulario a pena di decadenza dal contributo, godendo di una priorità di assegnazione dei fondi disponibili; - per i progetti d investimento in attività di ricerca e sviluppo avviati a partire dalla data di entrata in vigore del decreto legge, la presentazione del formulario vale come prenotazione dell accesso alla fruizione del credito d imposta successiva rispetto a quella riservata ai progetti d investimento iniziati prima della predetta data. Attesa la platea di interessati e l ammontare delle risorse stanziate, la gara telematica vera e propria riguarderà solo i primi programmi che, a conti fatti, dovrebbero essere gli unici finanziabili. Il modello FRS va presentato dai soggetti che intendono richiedere il bonus per i progetti di ricerca avviati nel 2008 o ancora da realizzare nel 2009, ma anche dai soggetti che hanno bonus residui relativi a spese sostenute nell'esercizio Il Factoring cresce a doppia cifra Le difficoltà del contesto economico spingono il factoring. Secondo la rilevazione condotta dalla Associazione Italiana per il Factoring (ASSIFACT), nel corso del 2008 l'ammontare dei crediti per factoring acquistati ancora in essere è cresciuto dell'11,24% toccando quota 41 miliardi e 841 milioni di euro. Di questi il 55% è caratterizzato da crediti pro-soluto e il 45% da crediti pro-solvendo. Sempre nel corso dell'ultimo anno gli anticipi erogati sono cresciuti del 16,25%, raggiungendo 30 miliardi e 122 milioni di euro, mentre il turnover cumulativo ha registrato un incremento del 6,34%, a 121 miliardi e 888 milioni. In totale il mercato del factoring ammonta all'8% del Pil italiano. Un mercato in cui operano una trentina di società e che vede in testa, secondo l'analisi di ASSIFACT, Unicredit Factoring (con oltre 9 miliardi di euro), davanti a Mediafactoring, Ifitalia, Factorit e Ubi Factor. Nel factoring, l'azienda cede tutti i propri crediti presenti e futuri a una società specializzata (factor) che, in cambio di un corrispettivo si impegna a fornire una serie di servizi, dalla contabilizzazione alla gestione delle fatture, dalla riscossione dei crediti ceduti fino al finanziamento all'imprenditore cedente. In questo modo le aziende possono esternalizzare in tutto o in parte l'attività di gestione dei crediti commerciali, spiega Alessandro Carretta segretario generale ASSI- FACT, ottenere fondi mediante lo smobilizzo dei crediti e ottenere una copertura sui rischi connessi ai crediti oggetto di cessione. La crescita del mercato si spiega soprattutto alla luce dello scenario di fondo del mercato, che sta rendendo il factoring una alternativa al finanziamento bancario. Con la cessione dei crediti, infatti, l'azienda si garantisce una buona circolazione di liquidità e vede ridursi i tempi di incasso. Un problema cronico dell'economia italiana reso ancora più grave dalla crisi in atto. Secondo un'indagine condotta dalla Sda Bocconi, sono soprattutto le Pmi a rivolgersi ai factor. I principali elementi di soddisfazione riguardano la velocità e la sicurezza nei tempi di erogazione dei fondi, la possibilità di cedere il totale del portafoglio clienti e la capacità del factor di gestire i crediti. Nasce Ideafin. La finanziaria competitiva. FACTORING IDEAFIN S.p.A. - C.da Piane di Larino, Larino - Tel Fax Iscrizione UIF 40391

8

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli