DELIBERAZIONE N X / 1098 Seduta del 20/12/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N X / 1098 Seduta del 20/12/2013"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N X / 1098 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA CAPPELLINI ALBERTO CAVALLI MAURIZIO DEL TENNO GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO MELAZZINI ANTONIO ROSSI CLAUDIA TERZI Con l'assistenza del Segretario Marco Pilloni Su proposta del Presidente Roberto Maroni Oggetto IX PROVVEDIMENTO ORGANIZZATIVO 2013 Il Segretario Generale Andrea Gibelli Il Direttore Centrale Michele Camisasca L'atto si compone di 42 pagine di cui 36 pagine di allegati parte integrante

2 VISTI lo Statuto di autonomia della Regione Lombardia; la l.r. 7 luglio 2008, n. 20 Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale ; la l. 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella Pubblica Amministrazione ; RICHIAMATI i provvedimenti con cui sono stati definiti gli assetti organizzativi di avvio della X legislatura, e precisamente: d.g.r. del 20 marzo 2013, n. 3, Costituzione delle Direzioni generali, incarichi e altre disposizioni organizzative I Provvedimento organizzativo X l egislatura ; d.g.r. del 29 aprile 2013, n. 87 II Provvedimento organizzativo 2013, con cui sono stati definiti gli assetti organizzativi della Giunta regionale con i relativi incarichi dirigenziali; DATO ATTO della verifica interna di carenza delle professionalità richieste tra i dirigenti in servizio presso la Giunta regionale effettuata a cura delle Direzioni interessate, come da istruttoria agli atti, che hanno pertanto ritenuto di non coprire alcune loro posizioni dirigenziali in occasione dell'affidamento degli incarichi di cui alla richiamata d.g.r. 87/2013; DATO ATTO che ai sensi dell art. 19, comma 1 bis, del d.lgs. 165/2001, sono state rese conoscibili sul sito istituzionale dell'ente le posizioni dirigenziali vacanti, invitando i soggetti in possesso dei requisiti richiesti a manifestare il proprio interesse a ricoprirle; CONSIDERATO che le manifestazioni di interesse al riguardo pervenute sono state trasmesse alle Direzioni coinvolte che hanno proceduto alla necessaria istruttoria sulla corrispondenza tra la professionalità dei candidati rispetto alle competenze necessarie per la direzione delle suddette posizioni dirigenziali al fine di valutare l'assegnazione dei relativi incarichi; VISTE quindi le d.g.r. del 17 maggio 2013, n. 140 III Provvedimento organizzativo 2013, del 31 maggio 2013, n. 197 IV Provvedimento organizzativo 2013, del 27 giugno 2013, n. 311 V Provvedimento organizzativo 2013, del 25 luglio 2013, n. 474 VI Provvedimento organizzativo 2013, del 27 settembre 2013, n. 724 VII Provvedimento organizzativo 2013 e del 12 dicembre 2013, n VIII Provvedimento organizzativo 2013, con cui sono stati conferiti gli incarichi dirigenziali relativi ad alcune di tali posizioni, rinviando pertanto a successivi atti la 1

3 copertura delle posizioni dirigenziali disponibili; RICHIAMATO il limite numerico complessivo delle posizioni dirigenziali fissato in numero 225 unità dall art. 4, comma 2, della l.r. 17 dicembre 2012, n. 18; RITENUTO di procedere alla definizione degli assetti organizzativi ed al conferimento degli incarichi dirigenziali allegato A nel rispetto dei limiti e dei criteri previsti dalla normativa vigente tenuto conto in particolare che: - i criteri generali per il conferimento degli incarichi dirigenziali sono stati definiti con l allegato B-I della d.g.r. 3/2013; - le proposte degli incarichi dirigenziali e delle connesse graduazioni di posizione sono state istruite dai singoli Direttori, con atti motivati e sentiti i dirigenti interessati, tenuto conto delle determinazioni e dei criteri di cui sopra, in raccordo con il Direttore di Organizzazione, personale e sistema informativo, e formulate dagli stessi Direttori sentiti gli Assessori di riferimento; (Visti: l.r. 7 luglio 2008, n. 20 e d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165) RITENUTO, al fine di garantire una maggiore efficacia e trasparenza per la nomina dei Direttori generali e centrali della Giunta regionale, di stabilire la procedura per l assegnazione dei relativi incarichi, ai sensi dell art. 12, comma 2, della l.r. 20/2008 allegato B; VISTO il Programma Regionale di Sviluppo della X Legislatura, approvato con la d.c.r. del 9 luglio 2013, n. 78; CONSIDERATO che, attuando quanto disposto dall art. 15, comma 5, del CCNL del comparto Regioni ed Autonomie locali per il personale non dirigente del 1 aprile 1999, per lo svolgimento di nuove attività o di nuovi servizi, così come per il potenziamento e miglioramento di servizi esistenti, le amministrazioni hanno la possibilità di intervenire sul Fondo delle risorse decentrate con risorse finanziarie variabili; VISTO il documento descrittivo delle nuove attività e dei progetti di miglioramento dei servizi della Giunta regionale, redatto ai sensi della richiamata disposizione, che implica risorse per il Fondo per la contrattazione collettiva decentrata, fermo restando che tali risorse si renderanno disponibili per l erogazione a seguito della verifica e certificazione dei servizi di controllo interno sui risultati conseguiti allegato C; RITENUTO di stabilire i criteri applicativi per le borse di studio anno 2014 allegato D; 2

4 RITENUTO di approvare per l anno 2014 il Programma Operativo del Sistema Informativo Regionale così come stabilito dalla l.r. 15/81 e dalla Convenzione in essere tra Regione Lombardia e Lombardia Informatica S.p.A., identificando il budget per la gestione dei sistemi in esercizio e i criteri per assegnare le risorse per i progetti di sviluppo allegato E; RITENUTO di disporre in merito ad alcuni organismi a supporto delle attività della Giunta regionale Allegato F; RITENUTO di approvare gli elementi essenziali relativi al rinnovo della convenzione tra Regione Lombardia e C.R.A.L.-Regione Lombardia, dando mandato al Direttore della Direzione centrale Organizzazione, personale e sistema informativo per gli adempimenti attuativi allegato G; RITENUTO di confermare per l anno 2014 il contributo annuo finanziario di ,00 a favore del C.R.A.L.-Regione Lombardia per il perseguimento delle finalità istituzionali del Circolo: precisando che tale contributo è aggiuntivo rispetto ai vantaggi economici derivanti dalla fruizione degli spazi messi a disposizione da Regione Lombardia e adibiti alla gestione dei distributori automatici ivi installati, nelle more dell adozione degli atti volti all affidamento di tale servizio; tenuto conto delle disponibilità di bilancio e della valutazione operata dalla Direzione centrale Organizzazione, personale e sistema informativo sul programma delle attività da svolgere da parte del C.R.A.L.-Regione Lombardia a favore dei dipendenti; (Vista: l.r. 7 luglio 2008, n. 20, art. 101) DATO ATTO che le voci di spesa significative da attribuire alla diretta responsabilità gestionale dei singoli Direttori, sono adottate con decreto del Segretario Generale o del Direttore Vicario della Presidenza contestualmente all assegnazione delle spese per interventi agli obiettivi di gestione come previsto dalla l.r. 34/78, previa adozione del provvedimento di cui all'art. 1, comma 3, della legge di approvazione del bilancio di previsione Tale individuazione, effettuata in coerenza con la proposta di bilancio regionale e con il sistema vigente per la valutazione della dirigenza, è preceduta dal confronto con il Comitato dei Direttori; (Visti: l.r. 31 marzo 1978, n. 34, art. 72 ter, comma 2; d.g.r. 27 dicembre 2001, n. 7622, all. D) PRESO ATTO della copertura finanziaria accertata attraverso i competenti servizi finanziari; 3

5 INFORMATE le OO.SS. e la RSU; All unanimità dei voti espressi nelle forme di legge; D E L I B E R A per le motivazioni e con le finalità di cui in premessa, 1) la definizione degli assetti organizzativi della Giunta regionale, degli incarichi dirigenziali e delle connesse graduazioni allegato A; 2) di stabilire la procedura per l assegnazione degli incarichi di Direttori generali e centrali della Giunta regionale, ai sensi dell art. 12, comma 2, della l.r. 20/2008 allegato B; 3) di approvare il Piano dei nuovi servizi e dei miglioramenti di quelli esistenti, che implica risorse per il Fondo per la contrattazione collettiva decentrata di cui al capitolo Competenze accessorie del personale delle categorie A-B-C-D del bilancio regionale, fermo restando che tali risorse si renderanno disponibili per l erogazione a seguito della verifica e certificazione dei servizi di controllo interno sui risultati conseguiti allegato C; 4) di determinare i criteri applicativi per le borse di studio anno 2014, stabilendo che i relativi oneri saranno coperti a valere sul capitolo Borse di studio per il tirocinio di neolaureati e neodiplomati universitari presso le strutture della Giunta regionale, esercizio finanziario 2014, nei limiti dello stesso che presenta la necessaria disponibilità allegato D; 5) di approvare il Programma Operativo del Sistema Informativo Regionale anno 2014 allegato E; 6) di disporre in merito alla scadenza di alcuni organismi a supporto delle attività della Giunta regionale, stabilendo che la spesa, a carico dell'amministrazione regionale, è da imputare sul capitolo "Funzionamento di consigli, comitati, collegi e commissioni, compresi eventuali compensi o gettoni di presenza, le indennità di missione e i rimborsi 4

6 spese", esercizio finanziario 2014, nei limiti dello stesso che presenta la necessaria disponibilità Allegato F; 7) di determinare gli elementi essenziali relativi al rinnovo della convenzione tra Regione Lombardia e C.R.A.L.-Regione Lombardia, dando mandato al Direttore della Direzione centrale Organizzazione, personale e sistema informativo per gli adempimenti attuativi allegato G; 8) di confermare per l anno 2014 il contributo annuo finanziario di ,00 a favore di C.R.A.L.-Regione Lombardia per il perseguimento delle finalità istituzionali del Circolo, a valere sul capitolo Spese per attività assistenziali, sanitarie, culturali, ricreative e provvidenze varie a favore del personale regionale, esercizio finanziario 2014, precisando che tale contributo è da intendersi aggiuntivo rispetto ai vantaggi economici derivanti dalla fruizione degli spazi messi a disposizione da Regione Lombardia e adibiti alla gestione dei distributori automatici ivi installati, nelle more dell adozione degli atti volti all affidamento di tale servizio; 9) di dare atto che le voci di spesa significative da attribuire alla diretta responsabilità gestionale dei singoli Direttori, sono adottate con decreto del Segretario Generale o del Direttore Vicario della Presidenza contestualmente all assegnazione delle spese per interventi agli obiettivi di gestione come previsto dalla l.r. 34/78, previa adozione del provvedimento di cui all'art. 1, comma 3, della legge di approvazione del bilancio di previsione Tale individuazione, effettuata in coerenza con la proposta di bilancio regionale e con il sistema vigente per la valutazione della dirigenza, è preceduta dal confronto con il Comitato dei Direttori; 10) di pubblicare il presente atto sul portale intranet della Giunta di Regione Lombardia, anche ai fini dell'art. 19, comma 1-bis, d.lgs. 165/2001. IL SEGRETARIO MARCO PILLONI 5

7 ALLEGATO A ASSETTI ORGANIZZATIVI

8 LEGENDA ALLEGATO A Decorrenza e durata degli incarichi conferiti: decorrenza delle disposizioni del presente allegato, salvo diversa data specificamente indicata; durata triennale degli incarichi dirigenziali; per i dirigenti comandati, subordinatamente al perfezionamento degli atti previsti al riguardo, decorrenza incarico dal o comunque dalla data di effettiva presa servizio e durata del comando fino al , salvo diversa data espressamente indicata; per i dirigenti comandati presso altri Enti, scadenza , rinnovabile, salvo diversa data espressamente indicata. Per le Direzioni di seguito specificate sono indicati, con riferimento alle strutture organizzative coinvolte nelle variazioni, gli adeguamenti dei relativi incarichi dirigenziali, rispetto alle precedenti determinazioni

9 DIREZIONE CENTRALE: LEGALE, LEGISLATIVO, ISTITUZIONALE E CONTROLLI DIRETTORE CENTRALE: DAINOTTI LUCA DENOMINAZIONE COMPETENZE G DIRIGENTE G/N TIPO_CON TRATTO NOTE UO - LEGISLATIVO E RAPPORTI ISTITUZIONALI 1. Presidio e coordinamento dell attività legislativa e regolamentare della Giunta 2. Cura dei rapporti con il Consiglio Regionale e supporto al Presidente e agli Assessori nella partecipazione ai lavori consiliari 3. Coordinamento delle Direzioni regionali in relazione alla predisposizione delle risposte agli atti di sindacato ispettivo e per la trattazione di mozioni e ordini del giorno 4. Monitoraggio dei provvedimenti statali di impatto sulla Regione, presidio delle ricadute istituzionali, verifica della compatibilità costituzionale A PALMIERI PAOLA C3 dal

10 DIREZIONE CENTRALE: ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E SISTEMA INFORMATIVO DIRETTORE CENTRALE: CAMISASCA MICHELE DENOMINAZIONE COMPETENZE G DIRIGENTE G/N TIPO_CON TRATTO NOTE Struttura GESTIONE ACQUISTI 1. Procedure di appalto in materia di servizi e forniture in raccordo con Arca 2. Gestione delle procedure degli acquisti in economia; adesione convenzioni Consip e Arca 3. Adempimenti in materia di pubblicazione degli atti relativi a contratti pubblici di lavori, servizi e forniture A BENFANTE EMILIA ANGELA C3

11 DIREZIONE GENERALE: AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE DIRETTORE GENERALE: NOVA MARIO DENOMINAZIONE COMPETENZE G DIRIGENTE G/N TIPO_CON TRATTO NOTE (UO - QUALITÀ DELL ARIA, EMISSIONI INDUSTRIALI E RUMORE) Struttura - RUMORE ED 1. Prevenzione e protezione dal INQUINANTI FISICI rumore, da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, da immissioni di vibrazioni e dall inquinamento luminoso 2. Piani regionali per la bonifica dell'inquinamento acustico e per il risanamento degli impianti radioelettrici 3. Riconoscimento dei tecnici competenti in acustica ambientale B COLOMBO ELENA C Comandata (UO - ATTIVITÀ ESTRATTIVE, RIFIUTI E BONIFICHE) Struttura - PIANIFICAZIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE 1. Pianificazione regionale in materia di gestione rifiuti e bonifiche e attuazione del piano per la riduzione dei rifiuti urbani 2. Azioni previste nel piano rifiuti e bonifiche (approvazione piani provinciali di gestione dei rifiuti marketing delle aree contaminate, sviluppo delle basi conoscitive e monitoraggio dei piani) 3. Siti contaminati di interesse regionale 4. Sviluppo di accordi di programma per il recupero e le bonifiche dei siti contaminati A CONFALONIERI ELISABETTA C2 dal

12 ALLEGATO A - DISPOSIZIONI VARIE Comandi: - Colombo Elena Agenzia regionale per la protezione dell ambiente della Lombardia (ARPA) fino al Proroga comandi in essere: - Pierro Giancarlo Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori - Binaghi Franco Provincia di Como - Zucchelli Luca Agenzia regionale per la protezione dell ambiente della Lombardia (ARPA) fino al Tagliaferri Antonio Ente Regionale per i servizi all agricoltura e alle foreste (Ersaf) - Defendi Alberto Consorzio intercomunale milanese per l edilizia popolare (CIMEP) in liquidazione - D Angelo Carmine Arpa Campania - Bersani Maurizio Azienda Sanitaria Locale (ASL) della Provincia di Milano 1 - Coppola Liliana Azienda Sanitaria Locale (ASL) della Provincia di Monza e Brianza - Cornaggia Nicoletta Azienda Sanitaria Locale (ASL) della Provincia di Pavia - Danelli Gianpaola Agenzia regionale per la protezione dell ambiente della Lombardia (ARPA) fino al Da Re Nadia Rossella Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca Granda - Gemma Brenzoni Laura Azienda Sanitaria Locale (ASL) Milano - Gramegna Maria Azienda Sanitaria Locale (ASL) della Provincia di Como - Frazzi Piero Azienda Sanitaria Locale (ASL) di Milano - Zocchetti Carlo Fondazione IRCCS Ca Granda, Ospedale Maggiore Policlinico Proroga comandi presso altre amministrazioni: - Bossi Chiara Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia (ARPA) fino al Confalonieri Elisabetta Provincia di Monza e Brianza fino al Ioriatti Giampaolo Ente Regionale per i servizi all agricoltura e alle foreste (Ersaf) fino al Perini Riccardo Provincia di Milano Interim: - Dadone Filippo Struttura Valutazione di impatto ambientale Direzione generale Ambiente, energia e sviluppo sostenibile - Elefanti Angelo Struttura Pianificazione dei rifiuti e delle bonifiche Direzione generale Ambiente, energia e sviluppo sostenibile fino al Daverio Giovanni Unità Organizzativa Pianificazione sociale e sociosanitaria Direzione generale Famiglia, solidarietà sociale e volontariato dal

13 ALLEGATO B PROCEDURA PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI DIRETTORE GENERALE E CENTRALE AI SENSI DELL ART. 12, COMMA 2, L.R. 20/2008 (Visti: artt. 5 e 19 d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165; artt. 12, 25, 27, 28 l.r. 7 luglio 2008, n. 20) Al fine di garantire una maggiore efficacia e trasparenza per la nomina dei Direttori generali e centrali, la Giunta regionale stabilisce la seguente procedura per l assegnazione degli incarichi, ai sensi dell art. 12, comma 2, della l.r. 20/2008. L esercizio della discrezionalità del privato datore di lavoro per la nomina dei Direttori, ai sensi dell art. 5 del d.lgs. 165/2001, è ancorata a parametri quanto più possibili oggettivi e riscontrabili. La Giunta regionale rende conoscibili le posizioni di Direzione che intende coprire, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Inoltre, agisce un adeguata ponderazione per individuare il dirigente di ruolo o, se non possibile, un dirigente esterno ai ruoli regionali, che abbia le caratteristiche rispondenti e la professionalità idonea allo svolgimento dell attività oggetto dell incarico. Per l affidamento dell incarico ed ad integrazione di quanto previsto dalla normativa vigente, si terrà conto: 1. della natura e delle caratteristiche dei programmi da realizzare, così come stabiliti dalla Giunta regionale; 2. delle attitudini e delle capacità professionali dei dirigenti, verificate anche sulla base delle valutazioni assegnate; 3. delle esperienze direzionali attinenti al conferimento dell incarico; 4. della rotazione degli incarichi. Per la verifica delle attitudini e delle capacità professionali di cui al precedente punto 2, l Amministrazione si avvale dell Organismo indipendente di valutazione, al fine di integrare le informazioni in proprio possesso per la scelta del candidato più idoneo. In particolare, l Organismo indipendente di valutazione, nei limiti delle proprie competenze, riporta le proprie valutazioni, approfondendo la storia valutativa dei candidati Direttori con particolare riferimento a: a) capacità di selezione nella valutazione dei collaboratori; b) raggiungimento di obiettivi di risultato sfidanti; c) mantenimento di un buon clima organizzativo.

14 In analogia a quanto previsto dall art. 27 della l.r. 20/2008, la proposta di nomina è istruita dal Direttore competente in materia di organizzazione e personale, in collaborazione con gli uffici del Segretario generale e della Direzione competente per materia. Al termine della fase istruttoria, il Direttore competente in materia di organizzazione e personale rassegna gli esiti al Segretario generale. Il Presidente della Giunta regionale ovvero l Assessore competente in materia di personale, di concerto con gli altri componenti della Giunta regionale, valuta i profili dei candidati ed incarica i Direttori.

15 ALLEGATO C PIANO DEI NUOVI SERVIZI E DEI MIGLIORAMENTI DI QUELLI ESISTENTI (Visto: art. 15, comma 5, CCNL ) AREE DI ATTIVITÀ RICHIEDENTI AGLI UFFICI DELLA GIUNTA REGIONALE, NEL 2013, MAGGIORE IMPEGNO LAVORATIVO IN RELAZIONE AD ATTIVITÀ DI CARATTERE STRAORDINARIO E INNOVATIVO, PUR A FRONTE DI RIDIMENSIONAMENTO DI ORGANICO L art. 15, comma 5, del CCNL , prevede quanto segue. In caso di attivazione di nuovi servizi o di processi di riorganizzazione finalizzati ad un accrescimento di quelli esistenti, ai quali sia correlato un aumento delle prestazioni del personale in servizio cui non possa farsi fronte attraverso la razionalizzazione delle strutture e/o delle risorse finanziarie disponibili o che comunque comportino un incremento stabile delle dotazioni organiche, gli enti, nell ambito della programmazione annuale e triennale dei fabbisogni di cui all art. 6 del D.Lgs. 29/93, valutano anche l entità delle risorse necessarie per sostenere i maggiori oneri del trattamento economico accessorio del personale da impiegare nelle nuove attività e ne individuano la relativa copertura nell ambito delle capacità di bilancio. Si ritiene che la previsione di tale norma rifletta l'attuale situazione degli uffici della Giunta regionale e che, pertanto, trovi applicazione la prevista possibilità di reperimento di risorse necessarie per sostenere maggiori oneri del trattamento economico accessorio del personale. Gli uffici della Giunta regionale sono stati impegnati nell'anno 2013, in aggiunta alla ordinaria gestione delle attività istituzionali, in importanti progetti volti al rinnovamento dell'ente, oltre che nella gran mole di iniziative in preparazione all'expo Tali molteplici impegni sono codificati sia nel Programma Regionale di Sviluppo per il 2013, sia nei documenti relativi agli obiettivi attribuiti ai dirigenti ai fini della loro valutazione. Tale mole di lavoro aggiuntivo è stata affrontata a ranghi ridotti rispetto al recente passato. Infatti per effetto delle disposizioni contenute nella legge regionale 17 dicembre 2012, n. 18, in cui sono state rideterminate le dotazioni organiche della Giunta regionale, pur in assenza di specifico obbligo, rispetto ai 3000 dipendenti in organico nel 2012 si è scesi ad una dotazione di 2850 dipendenti del comparto. Attualmente ( ) i dipendenti del comparto sono Inoltre, con la deliberazione di Giunta regionale n. 3 del sono state ridotte le Direzioni Generali (da 16 a 14) e le Direzioni Centrali (da 4 a 3).

16 Per dare un quadro più completo della situazione mediante il riferimento ad altre importanti Regioni a statuto ordinario si ritiene di fornire alcune esemplificazioni particolarmente significative: si rammenta che la Regione Lazio ha in organico dipendenti (fonte: sito istituzionale Regione Lazio) per fare fronte ai fabbisogni di cittadini residenti, all epoca del 15 censimento generale, mentre la Giunta regionale del Piemonte ha in organico dipendenti (fonte Direzione Risorse Umane e Patrimonio, Giunta Regione Piemonte) rispetto ad una popolazione, calcolata in quel censimento, di residenti. Si ricorda che la popolazione residente in Lombardia, nello stesso periodo, ammonta a unità. Di seguito sono elencati e brevemente illustrati alcuni tra i principali progetti eccedenti la gestione ordinaria delle attività in cui la Giunta regionale è impegnata nel Per alcuni di essi è rappresentato un confronto con quanto attuato e rendicontato dagli uffici della Giunta nel Altri rappresentano, invece, novità assolute, sia perché conseguenza di novità introdotte con il Programma Regionale di Sviluppo approvato il 9 luglio 2013, sia perché dovuti a prescrizioni contenute nella normativa nazionale intervenuta nel 2013, sia perché relativi all attività di approvazione e avvio della programmazione comunitaria Si ricorda, inoltre, che nel 2013 alcuni uffici della Giunta sono stati impegnati per la prima volta nella storia regionale, nell attività di gestione diretta delle elezioni regionali. Nel piano di miglioramento dei servizi esistenti e nell'attivazione di nuovi servizi ed in particolare nella definizione delle risorse da destinare al finanziamento dell'art. 15, comma 5, del CCNL personale non dirigenziale - è stata data applicazione dell'art. 9, comma 2 bis, D.L. 78/2010 (riduzione proporzionale al personale cessato).

17 PIANO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI A) Attività 2013, in continuità con il 2012 Risorse, stimate ai sensi dell art 15, comma 5, del CCNL , pari a Euro ,00 A.1 Expo: all avvicinarsi di Expo 2015, si sono incrementate le attività di progettazione e di organizzazione, nonché quelle relazionali e istituzionali per garantire la buona riuscita dell evento aprile 2012 sottoscrizione convenzione da Expo 2015 S.p.A., Confindustria, Camera di Commercio di Milano, Confcommercio, Assolombarda e Unione Confcommercio Milano, 23 aprile 2012 seduta del Tavolo Lombardia che definisce il percorso e l avvio del lavoro dei Sottotavoli Tematici; DPCM 3 agosto 2012 provvedimento di nomina del Commissario del Padiglione Italia; appalto per la risoluzione delle interferenze : 31 ottobre 2012 avanzamento lavori 21%; appalto per la realizzazione della viabilità di accesso al sito espositivo: 23 luglio 2012 consegna aree di cantiere/avvio dei lavori; appalto per la realizzazione della Piastra espositiva : 3 agosto 2012 aggiudicazione dei lavori per un valore di 165 milioni di euro; 14 settembre 2012 consegna aree di cantiere / lavori; 31 dicembre 2012 avanzamento lavori stimato 0,7%. In attuazione del Programma operativo del progetto della Vie d acqua validato dal Consiglio di Amministrazione della Società Expo nella seduta del 23 febbraio 2012, sono state sviluppate le progettazioni definitive degli interventi prioritari (fase 1) per l avvio delle procedure di gara di appalto dei lavori. 1) Attività relazionali Organizzazione di un evento di promozione del tema Expo 2015 Realizzazione di almeno una missione internazionale di promozione di Expo 2015 Realizzazione International Participants Meeting 2) Promozione di eventi e manifestazioni culturali per Expo Promozione di eventi e manifestazioni culturali con particolare attenzione alla declinazione del tema cardine dell Esposizione Internazionale nell arte, nel cinema, nel teatro, nella letteratura, nella fotografia, e nell educazione creando una vetrina nazionale e internazionale di progetti ed eventi per promuovere l arte, le tradizioni e le culture locali, ma anche gli interventi innovativi rivolti ai giovani talenti e alle imprese culturali e creative definendo un programma integrato e multidisciplinare di eventi e manifestazioni "OltrExpo Cultura 2015" relativo all offerta culturale del territorio. Interventi di riqualificazione e fruizione anche a carattere espositivo - per la valorizzazione del patrimonio culturale in occasione di Expo 2015 Valorizzazione e promozione dei 9 siti Unesco della Lombardia Eventi culturali, spettacolo ed imprese culturali e creative per Expo 2015

18 Nell ambito dell Accordo di Programma sottoscritto il 18 ottobre 2012 tra Regione Lombardia, Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, Navigli Lombardi S.c.a.r.l. e con l adesione di Parco Lombardo della Valle del Ticino, Parco Agricolo Sud Milano, Parco Adda Nord, Parco delle Groane, progettazione di un Progetto Integrato d Area (approvato con DPGR n del 23 ottobre 2012), cofinanziato con le risorse del POR FESR Asse 4. Progetto strategico ICT per Expo Valorizzazione del patrimonio informativo culturale. EXPO OltrExpo Cultura 2015 ( ) 3) Promozione del turismo lombardo in vista dell Expo Progettazione di iniziative sovraregionali connesse all evento Expo 2015 in tema di turismo, in accordo con i principali stakeholder di riferimento. Sviluppo e coordinamento di iniziative per la promozione del prodotto turistico lombardo sui mercati internazionali e per la definizione di offerte dedicate e attivazione di nuovi strumenti e prodotti, in prospettiva dell evento Expo 2015 Sviluppo di una rete di accoglienza low cost per assicurare un'offerta adeguata al turismo giovanile anche internazionale 4) Piano/Programma grandi Eventi sportivi per Expo 2015 Promozione e organizzazione di eventi e manifestazioni in ambito sportivo di rilievo internazionale attraverso la messa a punto di un palinsesto in grado di attrarre visitatori sul territorio lombardo in occasione della manifestazione universale

19 5) Completamento accessibilità al sito Expo Sistema di trasporto al sito Expo: Realizzazione delle opere infrastrutturali di connessione al sito (DPCM 22/10/2008): Collegamento Molino Dorino A8: avanzamento lavori e variante e Sistema dei parcheggi. Opere infrastrutturali di accessibilità sito Expo: Strutturazione del servizio metropolitano e ferroviario potenziato per garantire un adeguata accessibilità ai visitatori durante l evento. Avanzamento lavori collegamento stradale Molino Dorino-A8: 2012: 10%; 2013: previsto 60% 6) Recupero e valorizzazione del sistema dei Navigli Attuazione interventi infrastrutturali e di valorizzazione in ambito AdP PIA Navigli, convenzione Panperduto e altri strumenti. Interventi avviati nell ambito del PIA Navigli: 2012: 0; 2013: previsti 18. Indirizzo, approvazione e vigilanza sul programma di azioni coordinate promosse da Navigli Lombardi e Consorzio Villoresi per la valorizzazione, promozione e recupero dei navigli mediante l impiego dei canoni riscossi per il triennio ) Expo per le persone con disabilità Predisposizione di azioni a favore dell accessibilità e fruibilità delle persone disabili all Expo Impatto sul totale delle risorse, miglioramento dei servizi: 40% ai sensi dell art. 15, comma 5, del CCNL , per il

20 A.2 Armonizzazione dei bilanci Gestione del primo bilancio armonizzato Impostazione delle attività per l approvazione nel 2013 del primo bilancio armonizzato di Regione Lombardia (sperimentazione) Messa a regime del sistema armonizzato in vista dell entrata in vigore ufficiale del nuovo sistema di bilancio nel 2014 Sviluppo di tutti gli applicativi informatici necessari alla gestione della contabilità così come previsto dall armonizzazione dei bilanci Approvazione del Primo Piano indicatori di Bilancio Impatto sul totale delle risorse, miglioramento dei servizi: 5% ai sensi dell art. 15, comma 5, del CCNL , per il A.3 Semplificazione e digitalizzazione di procedure amministrative degli Enti Locali Ricognizione delle tipologie di certificazione presso Regione Lombardia e Sistema regionale. Diffusione di una circolare esplicativa sulla decertificazione. Richiesta fatta al Governo di estensione di 6 mesi della validità delle certificazioni DURC linee guida per la dematerializzazione negli Enti locali lombardi Bando Impresa digitale per lo sviluppo di iniziative di digitalizzazione in Lombardia 1. Programma di digitalizzazione della PA Programma di digitalizzazione in stretta sintonia e coerenza con le disposizioni del Codice dell'amministrazione digitale (CAD) e dell'agenda Digitale italiana (ADI), che si articolerà in una serie di misure finalizzate a digitalizzare i processi e le procedure di back office e front office, rendere interoperabili le banche dati e i sistemi informativi, valorizzare il patrimonio informativo pubblico con standard aperti, realizzare servizi e applicazioni digitali per le smart cities e communities (open services) 2. Semplificazione e digitalizzazione dei procedimenti di competenza degli EELL Supporto al riordino e riorganizzazione della normativa di settore, semplificazione delle procedure e digitalizzazione delle stesse sulla scorta delle procedure FER e del procedimento

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli