Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 8 GSM parte 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 8 GSM parte 2"

Transcript

1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 8 GSM parte 2

2 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 7.4 Segnalazione Reti Radiomobili

3 La segnalazione in GSM si si veda O. O. Bertazioli, L. L. Favalli, GSM-GPRS, Hoepli Informatica 2002 Capitoli 7, 7, 8 e 9 3

4 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Richiami sulla segnalazione telefonica Reti Radiomobili

5 Segnalazione la segnalazione è una componente fondamentale delle reti telefoniche perché consente di gestire dinamicamente i circuiti disponibili Scopo primario della segnalazione è quello consentire la comunicazione tra gli elementi della rete in modo da trovare un circuito disponibile da assegnare per la chiamata richiesta da un utente funzionalità di chiamata base Due sono le componenti della segnalazione necessaria: segnalazione utente-rete segnalazione di rete 5

6 Segnalazione segnalazione utente-rete consentire all utente di comunicare le informazioni su: servizio richiesto destinatario ricevere informazioni sullo stato della chiamata rete disponibile chiamata in corso destinatario raggiunto ecc. rete telefonica 6

7 segnalazione di rete Segnalazione far colloquiare le centrali per trovare un percorso disponibile in rete per la chiamata in arrivo colloquiare con altri elementi della rete per: fornire servizi avanzati esempi: numeri verdi notifica del chiamante gestione della mobilità deviazione di chiamata ecc. 7

8 Segnalazione utente-rete l interfaccia utente-rete può essere analogica o ISDN la segnalazione utente-rete dipende dal tipo di interfaccia nel caso di interfaccia analogica la segnalazione che si scambiano utente e rete deve essere di tipo analogico usare lo stesso canale analogico usato per la trasmissione della voce 8

9 Segnalazione utente-rete: interfaccia analogica utente telefono rete destinatario sganciamento del ricevitore segnale di linea impegnata segnale di centrale segnale di centrale selezione del numero eco dei toni o impulsi toni o impulsi multifrequenza segnale di squillo di ritorno Pronto? Ciao, sono Antonio. segnale di squillo di ritorno Pronto? Ciao, sono Antonio. corrente di squillo Pronto? Ciao, sono Antonio. 9

10 Segnalazione utente-rete ISDN Ben diverso, invece, è il caso in cui l'interfaccia tra utente e rete è di tipo digitale ISDN In questo caso tutta la segnalazione passa in forma di messaggi sulle trama trasportate dal canale D dell'interfaccia d'accesso segnalazione fuori banda L'insieme dei protocolli che definiscono la segnalazione utente rete è detto DSS1 (ITU-T Q.930, Q.931 e Q.932) I messaggi dei protocolli di DSS1 sono trasportati direttamente nel campo dati del LAPD DSS1 LAPD DSS1 LAPD L1 L1 L1 TE NT1 LE 10

11 Segnalazione utente-rete ISDN Piano U Piano C Servizi supplementari I I.257 Q.932 Elementi informativi per la gestione di servizi supplementari Messaggi per la gestione dei servizi supplementari Q.931 Messaggi per la gestione della chiamata base 2 Q.920 LAPD connessione a pacchetto su canale D multiplazione - controllo errore 1 I.430/I.431 I.430/I.431 Interfaccia numerica Protocollo non simmetrico 11

12 Segnalazione utente-rete ISDN I messaggi per la chiamata base (Q.931) sono formati da una parte iniziale comune a tutti e da una sequenza di elementi informativi aggiuntivi la cui presenza e tipo dipende dal messaggio considerato byte Discriminatore di protocollo 1 Discriminatore di protocollo CRF CRV lunghezza del CRV 2 3 CRV (solo per PRI) 0 Tipo di messaggio Altri elementi informativi

13 Segnalazione utente-rete ISDN Il discriminatore di protocollo indica il protocollo vale [ ] per il Q.931 Il CRV (Call Reference Value) è un identificatore di chiamata e viene stabilito all'inizio della chiamata dalla parte (utente o rete) che prende l'iniziativa per evitare che utente e rete possano scegliere lo stesso numero per differenti chiamate viene anteposto al CRV un bit, il CRF (Call Reference Flag), identifica la parte che ha generato l'identificatore (chi ha originato la richiesta pone CRF=0 mentre l'altro estremo pone CRF=1). Il CRV può avere lunghezza variabile secondo quanto indicato nel campo "lunghezza del CRV". Per i messaggi Q.931 il CRV è di un byte per l'interfaccia BRI e di due byte per l'interfaccia PRI. 13

14 tipo di messaggio Segnalazione utente-rete ISDN Tipo di messaggio ALERTING CALL PROCEDING CONNECT CONNECT ACKNOWLEDGE PROGRESS SETUP SETUP ACKNOWLEDGE DISCONNECT RELEASE RELEASE COMPLETE RESTART RESTART ACKNOWLEDGE INFORMATION significato indicazione di squillo tutte le informazioni per l instaurazione sono state ricevute e sono in fase di eleborazione fase di instaurazione completata conferma del messaggio di CONNECT segnale di attesa richiesta iniziale di chiamata conferma del messaggio di SETUP chiusura della connessione rilascio della chiamata conferma del msesaggio di RELEASE riavvio del protocollo di segnalazione conferma del messaggio di RESTART informazioni addizionali durante l instaurazione 14

15 Chiamata base utente telefono rete destinatario sganciamento del ricevitore SETUP segnale di centrale SETUP ACKNOWLEDGE selezione del numero eco dei toni o impulsi INFORMATION CALL PROCEEDING SETUP canale D CALL PROCEEDING segnale di squillo di ritorno ALERTING ALERTING CONNECT CONNECT CONNECT ACKNOWLEDGE CONNECT ACKNOWLEDGE Pronto? Ciao, sono Antonio. Pronto? Ciao, sono Antonio. Pronto? Ciao, sono Antonio. canale B 15

16 Chiamata base nel messaggio di SETUP il terminale inserisce le informazioni iniziali di cui la rete necessita per instaurare la connessione tipo di servizio richiesto, capacità di trasporto dell'utente il canale B che si suggerisce di utilizzare, ecc. il messaggio di SETUP ACKNOWLEDGE riscontra il ricevimento del SETUP e richiede all'utente di aggiungere alcune informazioni il messaggio di INFORMATION di solito aggiunge l informazione del destinatario il messaggio di CALL PRODEEDING informa che la chiamata è in corso di elaborazione 16

17 Chiamata base Appena il destinatario viene raggiunto, la rete gli invia un messaggio di SETUP il terminale può rispondere con un messaggio di CALL PROCEEDING ad indicare che è in corso l'elaborazione dell'informazione e l'inoltro della chiamata poi con un messaggio di ALERTING indica che il terminale è stato raggiunto e che è in corso la ricerca dell'utente Quando il destinatario accetta la chiamata il terminale invia un messaggio di CONNECT Al ricevimento del CONNECT la rete informa il chiamante inviando a sua volta un messaggio di CONNECT Tali messaggi sono riscontrati con dei messaggi di CONNECT ACKNOWLEDGE 17

18 Chiamata base terminale 1 rete terminale 2 DISCONNECT RELEASE RELEASE COMPLETE DISCONNECT RELEASE RELEASE COMPLETE 18

19 I Servizi supplementari servizi supplementari con identificazione del numero DDI: Direct Dial In MSN: Multiple Subscriber Number CLIP: Calling Line Identification Presentation CLIR: Calling Line Identification Restriction COLP: Connected Line Identification Presentation COLR: Connected Line Identification Restriction MCI: Malicious Call Identification Subaddressing 19

20 I Servizi supplementari Servizi supplementari con offerta e completamento di chiamata CT: Call Transfer CFB: Call Forwarding on Busy CFNR: Call Forwarding on No Replay CFU: Call Forwarding on Unconditional CD: Call deflection CW: Call Waiting CH: Call Hold Call Park and Pickup CCBS: Completion of Calls to Busy Subscribers 20

21 I Servizi supplementari Altri servizi supplementari CONF: Conference Calling 3PTY: Three Party Service CUG: Closed User Group (Reti Private Virtuali) PNP: Private Numbering Plan OCB: Outgoing Call Barring CRED: Credit Card Calling AOC: Advice of Charge RC: Reverse Charging 21

22 I Servizi supplementari Sono accessibili attraverso protocolli funzionali, o tasti funzione, o protocollo di tastiera Il protocollo funzionale utilizza il messaggio Q.932 Facility che contiene gli elementi informativi Facility e User-to-User, usati in modo command-response: richiesta risposta di ritorno errore di ritorno rifiuto Q.932 Messages Facility Hold Hold Acknowledge Hold Reject Retrieve Retrieve Acknowledge Retrieve Reject 22

23 Servizi CLASS I servizi Custom Local Area Signaling Services sono servizi per l interfaccia analogica analoghi a quelli ISDN, convogliati attraverso la segnalazione analogica a terminali stupidi o con funzionalità arricchite 23

24 La segnalazione di rete In passato (prima degli anni '70) la segnalazione per instaurare una chiamata telefonica in rete veniva trasportata in banda uno scambio di toni, simili a quelli usati nell'interfaccia d'utente, avveniva tra le centrali i toni venivano trasportati nella banda fonica del canale che si intendeva mettere su il circuito veniva messo su tratta per tratta mediante l'invio della segnalazione in banda da parte di una centrale alla volta sul canale del fascio prescelto verso la centrale successiva sul cammino. 24

25 La segnalazione di rete Successivamente questo metodo di segnalazione è stato sostituito dall'introduzione dei metodi di segnalazione fuori banda la segnalazione fuori banda prevede l'uso di canali dedicati per la segnalazione i primi meccanismi di questo tipo prevedevano comunque l'uso di una segnalazione associata, ovvero con l'uso di un piccolo canale di segnalazione per ogni canale del fascio il meccanismo di interazione tra le centrali, dunque, era simile a quello della segnalazione in banda 25

26 La segnalazione di rete Il vero cambiamento nelle tecniche di segnalazione si è avuto con l'introduzione delle tecniche di segnalazione a canale comune CCS (Common Channel Signaling) Tali tecniche consentono lo scambio di informazioni tra le centrali con tecnica a commutazione di pacchetto di tipo datagram la rete di segnalazione è separata con i propri nodi e i propri canali per il controllo di tutta la rete telefonica i messaggi scambiati tra le centrali per l'instaurazione di una chiamata vengono instradati sulla rete di segnalazione a pacchetto e possono passare anche su percorsi diversi dal collegamento diretto tra le centrali. 26

27 La segnalazione SS7 Il sistema di segnalazione a canale comune utilizzato di fatto in tutto il mondo è l'ss7 (Signaling System number 7) (Rif. ITU-T Q.700 e successive) Service Control Point SCP SCP Signaling Transfer Point STP STP STP STP Service Switching Point SSP SSP 27

28 La segnalazione SS7 La ridondanza è una componente importante del sistema in quanto lo scambio di segnalazione deve essere garantito anche in caso di guasto di un nodo o di un collegamento di segnalazione. Per questo motivo ogni centrale di commutazione è normalmente controllata da almeno due SP più di un percorso è presente in rete per lo scambio di segnalazione tra ogni coppia di centrali. Nella pratica i canali che costituiscono la rete di segnalazione sono ricavati dai fasci che congiungono le centrali di commutazione, ma questo ovviamente non cambia il fatto che la rete di segnalazione è di fatto una rete separata da quella del servizio di commutazione. 28

29 La segnalazione SS7 Signaling Transfer Point Service Switching Point STP canale fisico STP SEP SSP SSP 29

30 La segnalazione SS7 I servizi della rete telefonica, da quello di chiamata base a quelli di rete intelligente, richiedono lo scambio di informazione tra i nodi della rete. Lo scambio di tale informazione avviene mediante l'uso del servizio di comunicazione offerto dalla rete di trasferimento dei messaggi di SS7 definita da una pila di protocolli detti MTP (Message Tranfer Part). MTP-3 MTP-3 MTP-2 MTP-1 SP MTP-2 MTP-1 SP MTP-3 MTP-2 MTP-1 SP 30

31 MTP - Message Tranfer Part Il livello 1 (fisico) ha il compito di trasferire l'unità informativa minima, il bit, tra i due estremi di un collegamento Le sue caratteristiche dipendono dal tipo di canale fisico che è utilizzato di solito il canale è ricavato da uno di quelli definiti dalla trama PCM e quindi il livello fisico è quello definito dallo schema E1 di multiplazione possono anche essere usati altri tipi di collegamenti come link satellitari o addirittura linee commutate analogiche con modem. 31

32 MTP - Message Tranfer Part Il livello 2 (di linea) ha il compito di dividere in trame il flusso di bit, di assicurare che le trame vengano trasferite senza errore tra i due estremi della linea, di assicurare che la velocità di trasmissione sia controllata dalla velocità di assorbimento da parte del ricevitore allo scopo vengono adottate tecniche di divisione delle trame, di controllo d'errore mediante ritrasmissione e di controllo di flusso simili a quelle usate per HDLC. 32

33 MTP - Message Tranfer Part Il livello 3 (di rete) ha il compito di fare instradamento. la modalità di trasferimento dei pacchetti è datagram ogni pacchetto viene identificato mediante degli indirizzi di sorgente e di destinazione. l'instradamento adottato consente di ripartire il carico di traffico tra una coppia di nodi su tutti i cammini in rete che li collegano ciò consente di utilizzare efficientemente le risorse e di tenere basso il carico di ogni canale minimizzando il tempo di trasferimento dei messaggi. 33

34 Architettura dei protocolli SS7 7 OMAP ASE TCAP ISDN-UP (ISUP) chiamata base servizi supplementari 3 SCCP MTP - 3 Trasporto a connessione Trasporto datagram e routing 2 MTP MTP - 1 TCAP: Transaction Capabilities Application Part SCCP: Signaling Connection Control Part MTP: Message Transfer Part OMAP: Operation, Maintenance and Administration Part ASE: Application Service Element 34

35 Segnalazione ISUP E costituita da messaggi che mappano, uno a uno, quasi tutti i messaggi Q.931 Q.932, più alcuni altri SETUP ALERTING CONNECT DISCONNECT.. Initial Address Message (IAM) Address Complete Message (ACM) Answer Message (ANM) Release (REL). 35

36 TE Chiamata base in SS7 LE centrale di transito LE TE SETUP SETUP ACKNOWLEDGE INFORMATION CALL PROCEEDING IAM IAM SETUP CALL PROCEEDING ACM ALERTING ALERTING ACM ANM CONNECT CONNECT ANM CONNECT ACKNOWLEDGE CONNECT ACKNOWLEDGE canale B collegamento a circuito da estremo a estremo canale B DISCONNECT RELEASE RELEASE COMPL REL RLC REL RLC DISCONNECT RELEASE RELEASE COMPL 36

37 I servizi di Rete Intelligente (IN) periferica intelligente con la capacità di processare richieste remote indipendenti dal servizio (800, 900, xxx) STP SCP Service Control Point IP STP rete a canale comune SSP Fornitore di servizi IN indipendente dalla rete (traduzione di n. 800, call screening, private numbering plan, televoto.) 37

38 Parte applicativa di SS no. 7 Fornisce alle applicazioni le capacità di richiedere un operazione in un altro nodo e di ricevere il risultato SSP IP SCP STP STP STP STP 38

39 TCAP Component Portion Il colloquio fra ASE per l esecuzione di un servizio può richiedere l esecuzione di diverse procedure remote atomiche nei due sensi ASE Application Service Element ASE Application Service Element Transazione 39

40 TCAP Component Portion Tali procedure remote vengono effettuate scambiando dei comandi di tipo client-server codificati in un protocollo chiamato TCAP Component portion Invoke Return Result Return Error Reject Invoke Return-Result-Last Return-Result-Not-Last Return-Error Reject Invoke-ID Linked-ID Operation-Code Error-Code General-problem Return-Result-Problem Return-Error-Problem Parameter 40

41 TCAP Transaction Portion Diverse Component Portion vengono incapsulate in un protocollo chimato Transaction Portion ASE Application Service Element Component Portion Component Portion Component Portion Transaction Portion 41

42 TCAP Transaction Portion definisce un colloquio orientato alla connessione di tipo peer-to-peer che comprende diversi messaggi descritti da Information Elements Begin Continue End Abort Unidirectional Originating TID Destination TID P-abort-cause U-abort-cause Component Portion 42

43 TCAP Component Portion e Transaction Portion sono visti come due sottolivelli dell unico strato TCAP, Transaction Capabilities Application Part ASE Application Service Element TCAP Component sublayer Transaction sublayer 43

44 Messaggi fra ASE ASE Application Service Element ASE Application Service Element TCAP TCAP SCCP SCCP 44

45 SS no. 7 - Rete Intelligente - Esempio Centrale BEGIN - invoke ID # 1 (richiesta di numero per xxxxx) Data base di rete CONTINUE - invoke ID # 2 (richiesta di effett. annuncio e digitare cifre) CONTINUE - RR ID # 2 (cifre raccolte) END - RR ID # 1 (invio numero richiesto) 45

46 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione La segnalazione nel GSM Reti Radiomobili

47 Segnalazione in GSM Il sistema SS7 usato nelle PSTN non è sufficiente per gestire la segnalazione in GSM vengono aggiunte nuove funzionalità ai protocolli SS7 specifici per la rete radiomobile 47

48 GSM/DCS SS7 MAP BSSAP TCAP ISUP MTP=Message Transfer Part SCCP=Signalling Connection and Control Part ISUP=ISDN User Part BSSAP=Base Station Sub-system Application MAP=Mobile Application Part Part TCAP=Transaction Capabilities Application Part SCCP MTP level 3 MTP level 2 MTP level 1 48

49 Base Station Sub-system Application Part Protocollo specifico della rete GSM/DCS usato per scambio di informazioni tra MSC - BSC e MSC MS (virtual connection) Alcuni protocolli di BSSAP permettono una comunicazone diretta tra MSC e MS (ovviament attraverso il BSS) Es: SMS, supplementary services, mobility management, call control, location updating, HO management, paging Gestisce la fase di autenticazione l assegnamento di un nuovo TMSI 49

50 Mobile Application Part Gestisce la segnalazione tra elementi dell NSS E usato durante: la procedura di location updating la richiesta di MSRN da parte di HLR SMS procedure di handover gestione degli utenti 50

51 CM Protocol Stack MS BTS BSC MSC CM MM MM RR RR BTSM RR BTSM BSSMAP BSSAP BSSMAP DTAP SCCP SCCP LAPDm fisico LAPDm fisico LAPD fisico LAPD fisico MTP MTP BTSM=BTS Management BSSMAP=BSS Mobile Appl. Part DTAP=Direct Transfer Appl. Part RR=Radio Resource management MM=Mobility Management CM=Connection Management 51

52 BSSMAP E il protocollo per lo scambio di segnalazione tra BSC e MSC tutti i messaggi BSSMAP inviati dal MSC richiedono una interpretazione da parte del BSC Ad esempio: messaggi per iniziare la procedura di paging per una chiamata entrante scambio di informazioni per il meccanismo di autenticazione e cifratura 52

53 DTAP E usato nel colloquio diretto tra MSC e MS DTAP è usato nell interfaccia tra MSC e BSC, poi nella altre interfacce i messaggi di livello superiore sono semplicemente inoltrati verso BTS e poi MS attraverso il trasporto dei livelli inferiori DTAP e BSSMAP sono in realtà due funzionalità del BSSAP che gestisce il colloquio tra MSC e BSC 53

54 BTSM E il protocollo per lo scambio di segnalazione tra BSC e BTS tutti i messaggi BTSM inviati dal BSC richiedono una interpretazione da parte della BTS E il protocollo usato dal BSC per inviare i comandi di controllo e configurazione alla BTS e dalla BTS per inviare le misurazione al BSC 54

55 Radio Resource management (RR) E il livello di gestione delle risorse radio e coinvolge MS, BTS e BSC E il livello che: gestisce lo scambio inziale di messaggi su RACH e AGCH lo scambio delle misurazioni sul SACCH gestisce lo scambio messaggi per il riassegnamento di risorse durante un handover gestisce procedure di timing advance e controllo di potenza ecc. 55

56 Connection Management (CM) Gestisce lo scambio di messaggi tra MS e MSC per l instaurazione e il controllo di una chiamata Esempio: Originating call: dopo che una MS ha iniziato una richiesta con una BTS inoltra il messaggio di richiesta di servizio verso il MSC il MSC/VLR autentica la MS mediante le procedure di MM (vedi dopo) e si inizia il processo di cifratura mediante scambio di messaggi BSSMAP la MS invia un messaggio di CM di SETUP contenente le cifre del chiamato in base alle cifre del chiamato l MSC effettua l instadamento della chiamata verso la centrale telefonica o MSC cui è collegato l utente nel frattempo mediante messaggi BSSMAP si chiede al BSC di assegnare un risorsa radio alla chiamata 56

57 Mobility Management (MM) Gestisce lo scambio di messaggi di segnalazione per le procedure di mobilità (localizzazione, paging) e di autenticazione Fornisce il supporto al passaggio dei messaggi di CM (deve prima essere instaurata una connessione MM per poter aprire le procedure di CM) Esempi di procedure MM Location updating Authentication IMSI attach e detach 57

58 Protocol Stack in HLR MAP TCAP SCCP MTP level 3 MTP level 2 MTP level 1 HLR non si occupa del controllo di chiamata HLR non comunica direttamente con il BSC 58

59 Protocolli e terminazioni SS7 in GSM/DCS MSC BSSAP SCCP MAP TCAP TUP / ISUP PSTN Exchange SCCP TUP / ISUP MTP MTP BSC BSSAP SCCP MTP HLR MAP TCAP SCCP MTP 59

60 Numeri e identità nel GSM Numeri assegnati all utente: MSISDN (Mobile Station ISDN Number) MSRN (Mobile Station Roaming Number) Handover Number Identificativi utente in rete: IMSI (International Mobile Subscriber Identity) TMSI (Temporary Mobile Subscriber Identity) IMEI (International Mobile Equipment Identity) 60

61 Numeri e identificativi.. LAI (Location Area Identity) CGI (Cell Global Identity) RSZI (Regional Subscription Zone Identity) BSIC (Base Station Identify Code) 61

62 Servizi di rete GSM/DCS Basic Services Sono automaticamente disponibili all atto della stipula del contratto Teleservices: sono servizi di telecomunicazione che forniscono una capacità di comunicazione completa tra utenti e comprendono anche le funzioni relative agli apparati per comunicare (ad esempio voce comprensiva di codifica/decodifica a 13 Kbit/s) Bearer Services: sono servizi di trasporto di informazione tra punti di accesso al servizio (ad esempio servizio dati a circuito) Supplementary services: sono servizi aggiuntivi disponibili su richiesta (deviazione di chiamata, presentazione del numero del chiamante, ecc.) 62

63 Teleservices Service Description GSM Specification Features Code Speech (Telephony) T11 The most important service for mobile systems, normal speech service, including emergency calls Speech (Emergency Calls) T12 Emergency calls are possible automatically Short Message Service (Mobile terminated) T21 For the reception of Short messages Short Message Service (Mobile originated) Short Message Service (cell broadcast) Group 3 Facsimile transmission (with alternate speech) Automatic Group 3 Facsimile transmission T22 T23 T61 T62 For sending a short message to another GSM subscriber For sending short messages to more than one receiver simultaneously within a given cell Presently not supported For sending and receiving facsimile messages 63

64 Voce e Chiamate di Emergenza Servizio più diffuso nella rete GSM/DCS La telefonia è un teleservizio che offre le tradizionali chiamate Le chiamate di emergenza non richiedono la SIM card 64

65 Short Message Service Le MS trasmettono e ricevono brevi messaggi in formato testo La lunghezza massima prevista è di 160 caratteri E necessario un dispositivo di rete aggiuntivo Short Message Service Centre (SMSC) può essere all interno della NSS o fuori la rete GSM è connesso all MSC memorizza e inoltra i messaggi anche se l MS è irraggiungibile 65

66 MO and MT Short Message Service Air A MSC BTS BSC TC VLR Mobile Originate SMS Mobile Terminated SMS SMS Alfaskopm346 Alfaskopm346 Alfaskopm

67 Afs la kopm346 Af lask opm346 Aako lf s p m4 3 6 Short Message Service (Cell Broadcast) Air A BTS BTS BTS BSC BTS BTS SMS, Cell Broadcast O & M 67

68 Bearer service dati asincroni con velocità da 300 a 9600 bit/s per l accesso a reti pubbliche a pacchetto dati sincroni con velocità da 1200 a 9600 bit/s per l accesso a reti dati a circuito 68

69 Servizi Supplementari Sono gli stessi già visti per la rete SS7: CLIP (Calling Line Identification Presentation) CoLP (Collected Line Identification Presentation) CF (Call Forwarding) nei vari tipi: unconditional, on no reply, on not reachable, on busy, ecc.) CW (Call Waiting) e HOLD CUG (Closed User Group) AoC (Advise of Charging) ecc. 69

70 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 7.5 Procedure Reti Radiomobili

71 Procedure si si veda O. O. Bertazioli, L. L. Favalli, GSM-GPRS, Hoepli Informatica 2002 Capitolo

72 Esempi di procedure GSM Accesso alla rete Mobilità Chiamata originata (Call Set Up) Handover Chiamata terminata (Paging) 72

73 Registrazione e Location Update 73

74 Accensione di una MS Procedure seguenti l accensione: Selezione di Cella (Cell Selection): la MS sceglie la BTS su cui attestarsi Registrazione (avviene sempre con una procedura di Location Update): la MS informa l MSC di competenza della sua presenza in quella Location Area 74

75 Cell Selection MS scandisce le portanti radio che sente le portanti scandite sono le c0 sono quelle dove viene trasmesso il BCCH tali portanti sono a potenza costante (se neccessario si usano i dummy burst per gli slot vuoti) e a queste portanti non viene applicato il frequency hopping MS si aggancia alla portante radio che riceve più forte Attraverso il canale FCCH la MS si allinea alla frequenza trasmessa dalla BTS Attraverso il canale SCH la MS si sincronizza con la BTS e ne riceve l ID (BSIC Base Station Identity Code) A questi punto la MS può leggere il BCCH che contiene LAC (Location Area Code) CGI (Cell Glocal Identity) MCC (Mobile Country Code) MNC (Mobile Network Code) 75

76 Registrazione Due casi: LAI ricevuto coincide con quello memorizzato nella SIM (Cellulare spento e riacceso nella stessa LA). Chiamata ad una procedura di IMSI attach con cui la MS attiva il proprio IMSI memorizzato nel VLR corrente. Nessun LAI memorizzato o LAI ricevuto diverso da quello memorizzato (Cellulare spento e riacceso in una LA diversa). Chiamata alla procedura di Location Update 76

77 Location Update (1) Due casi di Location Update: Spostamento tra diverse LA ma facenti capo allo stesso MSC/VLR (caso più semplice) LA 1 LA 2 BTS 1 BTS 2 BSC BSC MSC VLR 77

78 Location Update (2) Roaming tra diverse LA facenti capo a diversi MSC/VLR LA 2 LA 1 BTS 2 BTS 1 BSC BSC 2 MSC VLR 1 MSC VLR 78

79 Location Update - Intra MSC Location Update Req +TMSI vecchio +LAI nuovo Location Update Req BSC MSC VLR Location Update Ack+TMSI nuovo BTS 2 Location Update Ack +TMSI nuovo IMSI Nuovo TMSI Nuovo LAC 79

80 Location Update - Intra MSC Messaggi Canali CHAN REQ RACH MS IMMEDIATE ASSIGNMENT LOC UPD REQ AUTH REQ AUTH RES CIPH MOD CMD CIPH MOD COM LOC UPD ACK + TMSI new AGCH SDCCH SDCCH SDCCH SDCCH SDCCH SDCCH RETE TMSI REALL CMD SDCCH CHAN REL SDCCH 80

81 Location Update inter MSC HLR MSC (old) VLR MSC (new) VLR BTS (new) 81

82 Location Update inter MSC MS BSS MSC VLR new VLR old HLR 1. channel assignment 2. location update request (TMSI+LAI) 3. request subscriber identity (TMSI) 4. provide subscriber identity (IMSI) 5. request subscriber data 6. provide subscriber data 7. security procedures 8. Location update 9. HLR update 10. acknowledgement update 11. cancel old location 12. location cancelling accepted 82

83 Call Set Up 83

84 Chiamata terminata (originata da rete fissa PSTN) PSTN GSM/DCS Instaurare una comunicazione su rete fissa è di per sé difficile Instaurare una comunicazione tra rete fissa e rete mobile richiede uno sforzo ancora maggiore 84

85 Call Set-up Step by Step (1) A L utente PSTN/ISDN compone il Mobile Subscriber International ISDN Number (MSISDN) del chiamato PSTN MSISDN MSISDN: = Country Code (Italy) 347 = National Destination code = Subscriber Number 85

86 Call Set-up Step by Step (2) B La rete PSTN/ISDN analizza il numero e contatta il GMSC della PLMN del chiamato grazie al National Destination Code (NDC) C GMSC riceve attraverso SS7 un messaggio con l MSISDN composto GSM Network HLR PSTN VLR MSISDN GMSC 86

87 Call Set-up Step by Step (3) D Il GMSC risale all indirizzo dell HLR dove sono memorizzati i dati del chiamato (il GMSC non conosce la posizione della MS!!) E Il GMSC manda all HLR un messaggio di HLR Enquiry F L HLR analizza il messaggio e identifica l indirizzo del VLR dove la MS chiamata è attualmente registrata PSTN GSM Network VLR HLR MSISDN GMSC VLR MSC 87

88 Call Set-up Step by Step (4) G L HLR manda un messaggio di routing information request alla coppia MSC/VLR H L MSC/VLR alloca temporaneamente Mobile Station Roaming Number (MSRN) per la chiamata HLR Request Message VLR VLR GMSC MSC 88

89 Mobile Subscriber Roaming Number L MSRN è simile all MSISDN, ma è temporaneo (durata della chiamata) MSRN = CC + NDC + SN CC = Country Code NDC = National Destination Code SN = Subscriber Number 89

90 Call Set-up Step by Step (5) I L MSC inoltra l MSRN all HLR J Il GMSC analizza l MSRN instrada la chiamata verso l MSC/VLR che presiede la LA dove si trova la MS HLR MSRN VLR VLR GMSC MSC 90

91 Call Set-up Step by Step (6) K L MSC/VLR attiva la procedura di paging identifica la LA dove si trova il mobile ordina al BSC di iniziare il paging L BSC ordina alle BTS di diffondere su canale di paging (PCH) il messaggio di paging indirizzato alla MS (this message contains the TMSI assigned to the MS) M La MS risponde al messaggio di paging iniziando una procedura di accesso sul Random Access CHannel (RACH) per richiedere uno Stand alone Dedicated Control CHannel (SDCCH) 91

92 Call Set-up Step by Step (7) N L MSC/VLR attiva le procedure di autenticazione e cifratura P La rete assegna un canale di traffico (TCH) per la comunicazione Q MSC/VLR avverte il chiamante che il telefono chiamato sta squillando R Il chiamato è avvertito che il chiamante ha risposto S La connessione è stabilita 92

93 Chiamata terminata 93

94 Chiamata terminata (roaming internazionale) 94

95 Chiamata terminata (roaming internazionale) Routing inefficiente in alcuni casi 95

96 Sommario del Call Set-up (1) Fixed Caller PSTN/ ISDN GMSC HLR MSC/VLR BSC+BTS Called MS Call Setup (MSISDN) Analyze Number Call Setup (MSISDN) MSISDN IMSI MSRN MSRN Call Setup (MSRN) Page Page req. (PCH) Page resp. Channel resp. (SDCCH) Channel ack. (SDCCH) Ack. Authenticat.,ciphering,TMSI reallocat. 96

97 Sommario del Call Set-up (2) Fixed Caller PSTN/ ISDN GMSC HLR MSC/VLR BSC+BTS Called MS Connection Setup Connection Confirmation TCH Assign Req. TCH Assign Command Ringing Connection established Ringing notice Unhook notice Alert Connect Connect ack. 97

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Torino, novembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE

EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE 52 Usa il tuo smartphone per visualizzare approfondimenti multimediali EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE Fabio Mazzoli, Roberto Procopio, Alberto Zaccagnini 53 Le reti mobili evolveranno

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Tecnologie Industriali ad indirizzo Economico e Organizzativo Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gestionale e

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Guida alla Convenzione Telefonia Mobile 4

Guida alla Convenzione Telefonia Mobile 4 1 INDICE Guida alla Convenzione... 1... 1 1 Premessa... 5 2 Oggetto della Convenzione... 6 2.1 Durata... 6 2.2 ervizi di fonia mobile e funzioni associate... 6 2.2.1 egreteria telefonica...6 2.2.2 Notifica

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

GRAZIE AD INTERNET OGGI POSSIAMO IMMAGINARE DI RAGGIUNGERE

GRAZIE AD INTERNET OGGI POSSIAMO IMMAGINARE DI RAGGIUNGERE IL CONCETTO DI M2M ESISTE ED È APPLICATO DA TEMPO I PRIMI SISTEMI DI TELEMETRIA ERANO RISERVATI A POCHI GRANDI SOGGETTI GRAZIE AD INTERNET OGGI POSSIAMO IMMAGINARE DI RAGGIUNGERE ANYT HIN NE ANYO QUA SI

Dettagli

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese SOHO IP-PBX - NE 1 NE Oggi, per competere, anche le piccole imprese devono dotarsi di sistemi di telecomunicazione evoluti, che riducano i costi telefonici, accrescano produttività e qualità del servizio.

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

MobilePOS di CartaSi. Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. www.cartasi.it. Assistenza Clienti CartaSi: 02 3498.

MobilePOS di CartaSi. Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. www.cartasi.it. Assistenza Clienti CartaSi: 02 3498. 1000005802-02/14 MobilePOS di CartaSi www.cartasi.it Assistenza Clienti CartaSi: 02 3498.0519 Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. MobilePOS, un nuovo modo di accettare i

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS cui si Tempo di rinnovo del credito percentile 95 del tempo di ricarica minuti 1,2 (Allegato 1 delibera Tempo di risposta dei di consultazione elenchi (Allegato 2 delibera (1) di consultazione elenchi

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale SOHO IP-PBX - ETERNITY GE 1 ETERNITY GE è un sistema di comunicazione avanzato e flessibile, che offre servizi e funzionalità utili alle grandi imprese, in linea con le loro richieste. La sua affidabile

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

4832015 FOTOCAMERA GSM. Manuale Utente. Versione manuale 1.9

4832015 FOTOCAMERA GSM. Manuale Utente. Versione manuale 1.9 4832015 FOTOCAMERA GSM Manuale Utente Versione manuale 1.9 4832015 Fotocamera GSM con controllo Remoto Grazie per aver acquistato questo dispositivo. Questa telecamera controllata a distanza, è in grado

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Provincia di Padova. Capitolato d'oneri SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA CIG 4642088433 SETTORE SISTEMI INFORMATIVI

Provincia di Padova. Capitolato d'oneri SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA CIG 4642088433 SETTORE SISTEMI INFORMATIVI SETTORE SISTEMI INFORMATIVI SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA Capitolato d'oneri Indice generale 1. Premessa...4 2. Definizioni ed acronimi...4 3. Oggetto dell appalto...5 4. Servizi

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli