IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE,"

Transcript

1 Decisione n DC Del 19 luglio 2010 (Legge organica relativa all applicazione dell articolo 65 della Costituzione) Il Consiglio costituzionale è stato adito, il 24 giugno 2010, dal Primo ministro, conformemente agli articoli 46, comma 5 e 61, comma 1, della Costituzione, in merito alla legge organica relativa all applicazione dell articolo 65 della Costituzione. IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE, Vista la Costituzione, nella sua redazione risultante dalla legge costituzionale n del 23 luglio 2008 di modernizzazione delle istituzioni della V Repubblica ; Vista l ordinanza n del 7 novembre 1958 modificata, portante legge organica sul Consiglio costituzionale ; Vista l ordinanza n del 22 dicembre 1958 modificata, portante legge organica relativa allo statuto della magistratura, unitamente alla decisione del Consiglio costituzionale n DC del 1 marzo 2007 ; Vista la legge organica n del 1 agosto 2001 modificata relativa alle leggi finanziarie ; Sentito il relatore ; 1. Considerando che la legge organica sottoposta all esame del Consiglio costituzionale modifica principalmente l ordinanza del 22 dicembre 1958 e la legge organica del 5 febbraio 1994 sul fondamento degli articoli 64 e 65 della Costituzione ; che è stata adottata nel rispetto delle regole di procedura fissate dai tre primi commi dell articolo 46 della Costituzione ; - SULLE NORME DI COSTITUZIONALITÁ APPLICABILI : 2. Considerando che ai sensi dell articolo 16 della Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino del 1789 : Qualsiasi società nella quale la garanzia dei diritti non è assicurata, né la separazione dei poteri determinata, non ha affatto una Costituzione ;

2 3. Considerando che ai sensi dell articolo 64 della Costituzione : Il Presidente della Repubblica è garante dell independenza dell autorità giudiziaria.- É assistito dal Consiglio superiore della magistratura - Una legge organica porta statuto dei magistrati.- I magistrati della sessione sono inamovibili ; 4. Considerando che ai sensi dell articolo 65 della Costituzione : Il Consiglio superiore della magistratura comprende una formazione competente in merito alla magistratura giudicante e una formazione competente in merito alla magistratura requirente. La formazione competente nei riguardi della magistratura giudicante è presieduta dal primo presidente della Corte di cassazione. Comprende, inoltre, cinque magistrati giudicanti e un magistrato requirente, un consigliere di Stato designato dal Consiglio di Stato, un avvocato e sei personalità qualificate che non appertengano né al Parlamento, né all ordine giudiziario, né all ordine amministrativo. Il Presidente della Repubblica, il Presidente dell Assemblea nazionale e il Presidente del Senato designano ciascuno due personalità qualificate. La procedura prevista all ultimo comma dell articolo 13 è applicabile alle nomine delle personalità qualificate. Le nomine effettuate dal presidente di ciascuna assemblea del Parlamento sono sottoposte al solo parere della commissione permanente competente dell assemblea interessata. La formazione competente circa la magistratura requirente fa una serie di proposte per le nomine dei magistrati giudicanti alla Corte di cassazione, per quelle del primo presidente della corte d appello e per quelle del presidente del tribunale di grand istanza. Gli altri magistrati giudicanti sono nominati sulla base di un suo parere conforme. La formazione del Consiglio superiore della magistratura competente nei riguardi della magistratura requirente dà il suo parere sulle nomine che interessano la magistratura requirente. La formazione del Consiglio superiore della magistratura competente in merito alla magistratura giudicante si pronuncia come consiglio di disciplina della magistratura giudicante. Comprende allora, oltre ai membri enunciati al secondo comma, il magistrato giudicante appartenente alla formazione competente in merito alla magistratura requirente. La formazione del Consiglio superiore della magistratura competente in merito alla magistratura requirente dà il suo parere sulle sanzioni disciplinari che lo riguardano. Comprende allora, oltre ai membri enunciati al terzo comma, il magistrato requirente appartenente alla formazione competente circa la magistratura giudicante. Il Consiglio superiore della magistratura si riunisce in formazione plenaria per rispondere alle richieste di parere formulate dal Presidente della Repubblica, sul fondamento dell articolo 64. Si pronuncia, nella stessa formazione, sulle questioni relative alla deontologia dei magistrati ed ugualmente su qualsiasi questione relativa al funzionamento della giustizia posta dal ministero della giustizia. La formazione plenaria comprende tre dei cinque magistrati giudicanti menzionati al secondo comma, tre dei cinque magistrati requirenti menzionati al terzo comma, cosí come il consigliere di

3 Stato, l avvocato e le sei personalità qualificate menzionate al secondo comma. É presieduta dal primo presidente della Corte di cassazione, che puó sostituire il procuratore generale presso questa corte. Salvo in materia disciplinare, il ministro della giustizia puó partecipare alle sedute di formazione del Consiglio superiore della magistratura. Il Consiglio superiore della magistratura puó essere adito da una parte in giudizio, nelle condizioni fissate da una legge organica. La legge organica determina le condizioni d applicazione del presente articolo ; 5.Considerando che risulta dall insieme di queste disposizioni che l indipendenza del Consiglio superiore della magistratura concorre all indipendenza dell autorità giudiziaria ; - SUL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA : 6. Considerando che l articolo 3 inserisce nella legge organica del 5 febbraio 1994 sopraindicata due articoli 5-1 e 5-2 ; che l articolo 5-1 fissa le modalità di designazione dell avvocato che siede nelle tre formazioni del Consiglio superiore della magistratura ; che l articolo 5-2 tende a favorire il ruolo delle donne in quest istituzione sul fondamento del secondo comma dell articolo 1 della Costituzione, ai sensi del quale : La legge favorisce l uguale accesso delle donne e degli uomini ai mandati elettivi e alle funzioni elettive, cosí come alle responsabilità professionali e sociali ; che quest articolo 5-2 prevede ugualmente che, per la messa in atto della procedura prevista all ultimo comma dell articolo 13 della Costituzione, le nomine delle personalità qualificate sono sottoposte alla commissione permanente competente in materia d organizzazione giudiziaria di ciascun assemblea ; che queste disposizioni sono conformi alla Costituzione ; che, tuttavia, designando la commissione permanente competente di ciascuna assemblea, l articolo 5-2 della legge organica ha fissato regole rilevanti dalla legge ordinaria ; 7. Considerando che l articolo 7 inserisce nella legge organica del 5 febbraio 1994 due articoli 10-1 e 10-2 ; che ai sensi dell articolo 10-1 : I membri del Consiglio superiore esercitano la loro missione nel rispetto delle esigenze d indipendenza, d imparzialità, d integrità e di dignità. Vegliano al rispetto di queste stesse esigenze esigenze da parte delle persone a cui si riferiscono i servizi, nell esercizio delle loro funzioni. Adita dal presidente d una delle formazioni del Consiglio superiore della magistratura, la formazione plenaria valuta, a maggioranza dei membri che la compongono, se uno dei membri del Consiglio superiore ha mancato alle obbligazioni menzionate al primo comma. In caso di risposta affermativa, pronuncia, secondo la gravità della mancanza, un avvertimento o la dimissione d ufficio.

4 8. Considerando che l articolo 10-2 dispone : Nessun membro del Consiglio superiore puó deliberare né procedere ad atti preparatori, qualora la sua presenza o la sua partecipazione potrebbe viziare di un dubbio d imparzialità la decisione resa. Trattandosi di un membro del Consiglio superiore designato in qualità d avvocato in applicazione del secondo comma dell articolo 65 della Costituzione, quest esigenza s estende agli avvisi o decisioni relative ad un magistrato dinanzi al quale ha patrocinato a partire dalla sua nomina al Consiglio superiore, cosí come alle nomine di magistrati in seno alle giurisdizioni nella competenza delle quali si situa l ordine forense presso il quale è iscritto. La formazione alla quale l affare è sottomesso assicura il rispetto di queste esigenze ; 9.Considerando, in primo luogo, che imponendo che i membri del Consiglio superiore della magistratura esercitino la loro missione nel rispetto delle esigenze d indipendenza, d imparzialità, d integrità e di dignità, il legislatore organico ha ritenuto che tutti i membri di questo consiglio, che appartengano o meno all autorità giudiziaria, siano sottomessi alle stesse obbligazioni deontologiche ; 10. Considerando, in secondo luogo, che affidando al Consiglio superiore della magistratura la competenza per esaminare l eventuale mancanza di uno dei suoi membri alle proprie obbligazioni o per statuire, in caso di difficoltà, su una ricusazione, il legislatore organico ha necessariamente ritenuto che il membro del Consiglio superiore della magistratura la cui situazione è esaminata non possa partecipare alla deliberazione corrispondente ; 11. Considerando, in terzo luogo, che all eccezione di regole applicabili al membro del Consiglio superiore della magistratura designato in qualità d avvocato, le disposizioni precitate lasciano ai membri di questo consiglio e, all occorrenza, al consiglio stesso il compito di valutare i casi nei quali un membro debba astenersi dal partecipare ai suoi lavori e deliberazioni ; 12. Considerando, tuttavia, che risulta dall articolo 65 della Costituzione che il principio d indipendenza e d imparzialità dei membri del Consiglio superiore costituisce una garanzia dell indipendenza di questo consiglio ; che fa ostacolo al fatto che il primo presidente o il procuratore generale della Corte di cassazione, cosí come gli altri capi di corte o di giurisdizione membri di questo consiglio, deliberino o procedano ad atti preparatori di consulenza o di decisioni relative o alle nomine per esercitare funzioni nella loro giurisdizione o a magistrati esercitanti funzioni nella loro giurisdizione ; che il principio d indipendenza dei membri del Consiglio superiore della magistratura fa ugualmente ostacolo al fatto che il primo presidente e il procuratore generale della Corte di cassazione partecipino alle decisioni o alle consulenze relative ai magistrati che sono, anteriormente, stati membri del Consiglio superiore della

5 magistratura sotto la loro presidenza ; che, tenuto conto di queste roserve, gli articoli 10-1 e 10-2 precitati non sono contrari alla Costituzione ; 13. Considerando che l articolo 9 introduce una nuova redazione dell articolo 12 della legge organica del 5 febbraio 1994 ; che ai sensi di quest articolo : L autonomia di budget del Consiglio superiore è garantita nelle condizioni determinate da una legge finanziaria ; che ai sensi del primo comma del paragrafo II dell articolo 7 della legge organica del 1 agosto 2001 sopraindicata : I crediti sono specializzati per programma o per dotazione ; che ai sensi del sesto comma del paragrafo I dello stesso articolo : Un programma raggruppa i crediti destinati a mettere in atto un azione o un insieme coerente d azioni inerenti ad uno stesso Ministero e al quale sono associati obbiettivi precisi, definiti in funzione di finalità d interesse generale e, in ugual maniera, di risultati attesi e facenti l oggetto d una valutazione ; che conferendo al Consiglio superiore della magistratura l autonomia di budget, il legislatore organico ha, senza disconoscere la Costituzione, voluto affidare alla legge finanziaria il compito di creare un programma che permetta di raggruppare in maniera coerente i crediti di questo consiglio ; che, in queste condizioni, l articolo 9 della legge organica non é contrario alla Costituzione ; 14. Considerando che l articolo 15 inserisce nella legge organica del 5 febbraio 1994 un articolo 18-1 che dispone : Qualora si pronunci in materia disciplinare, la formazione competente comprende un numero uguale di membri appartenenti all ordine giudiziario e di membri che non vi appartengono ; che, tuttavia, su riserva delle esigenze d imparzialità suscettibili d imporre la loro astensione, i membri del Consiglio superiore della magistratura, la cui lista è fissata all articolo 65 della Costituzione, traggono da quest articolo il diritto e il dovere di partecipare ai lavori e alle deliberazioni di questo consiglio ; che imponendo che le formazioni disciplinari del Consiglio superiore della magistratura non possano decidere che in una composizione che comprenda tanti magistrati quanti membri non appartenenti all autorità giudiziaria, l articolo 15 implica il fatto che certi membri del Consiglio siano esclusi dalle sue deliberazioni a causa dell eventuale assenza d altri membri ; che, pertanto, viola l articolo 65 della Costituzione ; 15. Considerando che l articolo 17 inserisce nella legge organica del 5 febbraio 1994 un articolo 20-2 relativo alla competenza della formazione plenaria del Consiglio superiore della magistratura ; che quest articolo dispone : La formazione plenaria del Consiglio superiore ha competenza per conoscere delle domande formulate o dal Presidente della Repubblica, sul fondamento dell articolo 64 della Costituzione, o dal guardiasigilli, ministro della giustizia, sulle questioni enumerate dall articolo 65 della Costituzione e, in ugual maniera, per pronunciarsi sulle questioni relative alla deontologia dei magistrati. Elabora e rende pubblica una raccolta degli obbligho deontologici dei magistrati ; che permettendo alla formazione plenaria del Consiglio superiore della magistratura di pronunciarsi sulle questioni relative alla deontologia dei magistrati, senza essere adita a questo fine dal guardiasigilli, queste disposizioni violano

6 l ottavo comma dell articolo 65 della Costituzione ; che, perció, all articolo 17, i termini : cosí come per pronunciarsi sulle questioni relative alla deontologia dei magistrati devono essere dichiarate contrarie alla Costituzione ; - SUL RICORSO AL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA PER CONTO DELLE PARTI IN GIUDIZIO : 16. Considerando che ai sensi del decimo comma dell articolo 65 della Costituzione : Il consiglio superiore della magistratura puó essere adito da una parte in giudizio nelle condizioni fissate da una legge organica ; 17. Considerando che a questo fine, da una parte, l articolo 14 introduce una nuova redazione dell articolo 18 della legge organica del 5 febbraio 1994 ; che istituisce in seno al Consiglio superiore della magistratura alcune commissioni d ammissione delle richieste composte per ogni formazione del Consiglio superiore, da quattro dei suoi membri, due magistrati e due personalità esterne al corpo giudiziario, designate ogni anno dal presidente della formazione ; che queste commissioni sono incaricate d esaminare le querele per le quali le parti in giudizio adiscono il Consiglio superiore della magistratura e di pronunciarsi sul loro rinvio alla formazione competente di questo consiglio ; 18. Considerando che ai sensi del terzo comma di quest articolo 18 : I membri della commissione d ammissione delle richieste non possono decidere nella formazione costituita in materia disciplinare, qualora questa sia adita in merito ad un affare che le è stato rinviato dalla commissione d ammissione delle richieste alla quale appartengono o qualora il Consiglio superiore della magistratura sia adito, dalle autorità menzionate agli articoli 50-1, 50-2 e ai due primi commi dell articolo 63 della legge organica relativa allo status della magistratura, in merito a fatti identici a quelli invocati da una parte in giudizio, di cui la commissione d ammissione delle richieste abbia rigettato la querela ; che il legislatore organico ha, cosí, vegliato a garantire l imparzialità delle formazioni del Consiglio superiore della magistratura, qualora statuisca in materia disciplinare ; 19. Considerando che, d altra parte, l articolo 25 inserisce nell ordinanza del 22 dicembre 1958 un articolo 50-3 il cui primo comma dispone : Qualsiasi parte in giudizio che ritenga che, all occasione di una procedura giudiziaria che la riguardi, il comportamento adottato da un magistrato giudicante nell esercizio delle sue funzioni sia suscettibile di ricevere un richiamo disciplinare, puó adire il Consiglio superiore della magistratura ; che questo stesso articolo definisce le condizioni di ammissibilità di queste querele e fissa le modalità secondo le quali sono esaminate da una delle commissioni precitate ; che gli articoli da 20 a 30 adattano la procedura disciplinare applicabile alla magistratura giudicante ; che, trattandosi della magistratura requirente, gli articoli da 32 a 35 modificano gli articoli da 63 a 66 dell ordinanza del 22 dicembre 1958 per inservi disposizioni analoghe ;

7 20. Considerando, in particolare, che i commi da 3 a 7 dell articolo 50-3 della stessa ordinanza e i commi da 6 a 10 del suo articolo 63 fissano le condizioni di proponibilità della querela di una parte in giudizio ; che in primo luogo, a pena d improponibilità, la denuncia non puó essere diretta contro un magistrato che resti adito in merito alla salvo se, tenuto conto della natura della procedura e della gravità della mancanza evocata, la commissione d ammissione delle richieste ritenga che debba fare l oggetto d un esame sul merito ; che inoltre, secondo gli stessi articoli, a pena d improponibilità, la querela : - non puó essere presentata dopo la scadenza di un termine d un anno successivamente ad una decisione irrevocabile che metta fine alla procedura ; - deve contenire l indicazione dettagliata dei fatti e dei motivi di contestazione allegati ; - deve essere firmata dalla parte in giudizio ed indicare la sua identità, il suo indirizzo, assieme agli elementi che permettano d identificare la procedura in causa ; 21. Considerando che nessuna esigenza costituzionale vieta che la denuncia di una parte in giudizio, suscettibile di aprire una procedura disciplinare nei confronti di un magistrato, possa essere dichiarata ammissibile, anche se la parte o il pubblico ministero alla quale appartiene resti competente circa la procedura all occasione della quale la querela è deposta ; che, tuttavia, appartiene, in simile caso, al legislatore organico adottare le garanzie appropriate perché la messa in atto di questa procedura non arrechi pregiudizio all imparzialità dei magistrati messi in causa o alla loro indipendenza nei confronti delle parti alla procedura e non va contro l obbiettivo a valore costituzionale di buona amministrazione della giustizia ; 22. Considerando che le disposizioni sottoposte all esame del Consiglio costituzionale fissano, come soli criteri di ammissibilità, la natura della procedura e la gravità della mancanza evocata ; che in tal modo, esse delegano alle commissioni d ammissione delle domande il potere di decidere in quali procedure e in quali casi la denuncia, di una parte in giudizio contro un magistrato che resta adito in merito alla procedura, puó essere dichiarata ammissibile ; che permettono a queste commissioni di sentire il magistrato messo in questione, quando in virtù del primo comma dell articolo 51 dell ordinanza del 22 dicembre 1958 sopraindicata e del diciottesimo comma del suo articolo 63, non ha diritto alla comunicazione del suo fascicolo e dei documenti dell inchiesta che a partire dal ricorso dinanzi al Consiglio superiore della magistratura ; che il termine di un anno al di là del quale la querela non è ammissibile, previsto dal quarto comma dell articolo 50-3 di questa stessa ordinanza e l ottavo comma del suo articolo 63, non corre finché non sia stato messo fine alla procedura ; che, in queste condizioni, il legislatore organico non ha adottato le garanzie appropriate affinché l ammissibilità di una querela di una parte in giudizio contro un magistrato che resta competente circa la procedura non leda i principi d imparzialità e d indipendenza dei magistrati e si opponga all obbiettivo di buona amministrazione della giustizia ; che, pertanto, al quarto comma dell articolo 50-3 dell ordinanza del 22 dicembre 1958 e al

8 settimo comma del suo articolo 63, i termini : salvo se, tenuto conto della natura della procedura e della gravità della mancanza evocata, la commissione d ammissione delle richieste ritenga che debba fare l oggetto di un esame sul merito devono essere dichiarati contrari alla Costituzione ; - SULLO STATUTO DELLA MAGISTRATURA : 23. Considerando che l articolo 20 introduce una nuova redazione dell articolo 38-1 dell ordinanza del 22 dicembre 1958, relativo ai procuratori generali ; che prevede che questi ultimi siano nominati per un impiego al di fuori della gerarchia del pubblico ministero della Corte di cassazione ; che mantiene la regola secondo la quale non possono esercitare questa funzione per più di sette anni e determina le mansioni e le funzioni alle quali sono destinati, una volta liberati da questa funzione ; che queste disposizioni, che traggono le conseguenze dell estensione della competenza del Consiglio superiore della magistratura per esprimere un parere sulla nomina dei procuratori generali, sono conformi alla Costituzione ; 24. Considerando che l articolo 21 modifica l articolo 43 dell ordinanza del 22 dicembre 1958 che definisce la colpa disciplinare come qualsiasi mancanza, da parte di un magistrato, ai doveri del suo status, all onore, alla delicatezza o alla dignità ; che il 1 di quest articolo 43 precisa che costituisce una delle mancanze ai doveri del suo status la violazione grave e deliberata da parte di un magistrato di una regola di procedura che costituisca una garanzia essenziale dei diritti delle parti constatata da una decisione di giustizia diventata definitiva ; che questa precisazione è conforme alle esigenze costituzionali richiamate al considerando 7 della decisione del Consiglio costituzionale del 1 marzo 2007 sopraindicata ; 25. Considerando che le altre disposizioni della legge organica non sono contrarie alla Costituzione, DECIDE : Articolo 1.- Sono dichiarate contrarie alla Costituzione le disposizioni seguenti della legge organica relativa all applicazione dell articolo 65 della Costituzione : l articolo 15 ; all articolo 17, i termini :, cosí come per pronunciarsi sulle questioni relative alla deontologia dei magistrati, che figurano all articolo 20-2 della legge organica del 5 febbraio 1994 sopraindicata ; agli articoli 25 e 32, i termini : salvo se, tenuto conto della natura della procedura e della gravità della mancanza evocata, la commissione d ammissione delle domande

9 ritiene che debba fare l oggetto d un esame sul merito, figuranti rispettivamente al quarto comma dell articolo 50-3 dell ordinanza del 22 dicembre 1958 sopraindicata e al settimo comma del suo articolo 63. Articolo 2.- Sotto le riserve enunciate al considerando 12, trattandosi degli articoli 10-1 e 10-2 della legge organica del 5 febbraio 1994 sopraindicata, l articolo 7 della stessa legge organixa è conforme alla Costituzione. Articolo 3.- Le altre disposizioni della stessa legge organica sono conformi alla Costituzione. Articolo 4.- All articolo 3, la frase : Sono sottoposte, nelle condizioni previste a quest articolo, alla commissione permanente competente in materia d organizzazione giudiziaria di ciascuna assemblea, figurante all articolo 5-2 della legge organica del 5 febbraio 1994 sopraindicata, non ha il carattere organico. Articolo 5.- La presente decisione sarà pubblicata al Journal officiel della Repubblica francese. Deliberato dal Consiglio costituzionale nella sua seduta del 19 luglio 2010, a cui partecipavano : Sig. Jean-Louis DEBRÉ, Presidente, Sig.ri Jacques BARROT, Michel CHARASSE, Renaud DENOIX de SAINT MARC, Valéry GISCARD d ESTAING, Hubert HAENEL e Pierre STEINMETZ.

- del primo e terzo comma dell articolo L.114-5 del codice dell azione sociale e delle famiglie, IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE,

- del primo e terzo comma dell articolo L.114-5 del codice dell azione sociale e delle famiglie, IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE, Decisione n 2010-2 QPC dell 11 giugno 2010 (Sig.ra Viviane L.) Il Consiglio costituzionale è stato adito il 14 aprile 2010 dal Consiglio di Stato (decisione n 329290 del 14 aprile 2010), nelle condizioni

Dettagli

IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE, Vista l ordinanza n 58-1067 del 7 novembre 1958 modificata portante legge organica sul Consiglio costituzionale ;

IL CONSIGLIO COSTITUZIONALE, Vista l ordinanza n 58-1067 del 7 novembre 1958 modificata portante legge organica sul Consiglio costituzionale ; Decisione n 2010-31 QPC del 22 settembre 2010 (Sig. Bulent A. e altri) Il Consiglio costituzionale è stato adito il 29 giugno 2010 dalla Corte di cassazione (sentenza n 12018 del 25 giugno 2010) nelle

Dettagli

- dell articolo 26 della legge finanziaria n 81-734 del 3 agosto 1981, di rettifica per il 1981 ;

- dell articolo 26 della legge finanziaria n 81-734 del 3 agosto 1981, di rettifica per il 1981 ; Decisione n 2010-1 QPC del 28 maggio 2010 Coniugi L. [Cristallizzazione delle pensioni] Il Consiglio costituzionale è stato adito il 14 aprile 2010 dal Consiglio di Stato (decisione n 336753 del 14 aprile

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA Approvato dal Consiglio Nazionale nella seduta del 25 settembre 2014, a seguito del parere favorevole alla definitiva

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Silvana Podda ACCESSO SSPL Scuola di Specializzazione per le professioni legali GUIDA PRATICA

Silvana Podda ACCESSO SSPL Scuola di Specializzazione per le professioni legali GUIDA PRATICA Esami & Concorsi Silvana Podda ACCESSO SSPL Scuola di Specializzazione per le professioni legali GUIDA PRATICA Orientamento per l accesso alle SSPL Appendice normativa di riferimento Oltre 1000 quiz per

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Istituzione della scuola superiore della magistratura, nonché disposizioni in tema di tirocinio e formazione dei magistrati ordinari aggiornamento professionale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 (Testo che risulta, in ultima analisi, dalle leggi costituzionali del 4 febbraio 2008) La presente traduzione in lingua italiana è stata eseguita sotto la responsabilità

Dettagli

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO: DOMANDE E RISPOSTE CANCEERIA DEA CORTE COS È A CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO? a Corte europea dei Diritti dell Uomo è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo.

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

PROTOCOLLO ALLA CARTA AFRICANA SUI DIRITTI DELL UOMO E DEI POPOLI RELATIVO ALLA CREAZIONE

PROTOCOLLO ALLA CARTA AFRICANA SUI DIRITTI DELL UOMO E DEI POPOLI RELATIVO ALLA CREAZIONE PROTOCOLLO ALLA CARTA AFRICANA SUI DIRITTI DELL UOMO E DEI POPOLI RELATIVO ALLA CREAZIONE DI UNA CORTE AFRICANA DEI DIRITTI DELL UOMO E DEI POPOLI Gli Stati Parti dell Organizzazione dell Unità Africana

Dettagli

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Per esercitare legittimamente la professione medica e quella odontoiatrica è richiesta l iscrizione all ordine dei

Dettagli

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI E AUTORITA INDIPENDENTI Nei paesi di Civil law i giudici applicano il diritto, composto in prevalenza da fonti atto, e sono stati tradizionalmente visti come bocca della legge. Precedenti non vincolanti.

Dettagli

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI L'art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) ha introdotto la possibilità per i laureati in Giurisprudenza

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza........................................................» 13 Atti processuali 1. Ricorso

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura.

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura. Legge sull avvocatura (LAvv) (del 13 febbraio 2012) 3.2.1.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 12 ottobre 2010 n. 6406 del Consiglio di Stato; visto il rapporto 28 novembre

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di \ UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI CAPO I ISTITUZIONE DELLA SCUOLA Art. 1 - Istituzione della Scuola 1. É istituita presso la Facoltà

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Nel procedimento C-68/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi degli artt.

Dettagli

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO SPECIALE DI MEDIAZIONE CITTADINI & SALUTE ISTITUITO PRESSO L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DI RAGUSA Ai sensi del Decreto Legislativo n. 28/2010

Dettagli

Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012)

Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012) Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012) 3.2.1.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto l articolo 35 della legge sull avvocatura del 13 febbraio 2012 (LAvv),

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO DIFESA D UFFICIO 2 Il punto della situazione Nel 2013 la Giunta UCPI costituiva l Osservatorio Difesa D Ufficio,

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

Per promuovere una nuova causa Per essere assistito in una causa già pendente R.G. Nr.

Per promuovere una nuova causa Per essere assistito in una causa già pendente R.G. Nr. SPETT.LE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VIBO VALENTIA NUOVO PALAZZO DI GIUSTIZIA - VIA LACQUARI - 89900 VIBO VALENTIA (consegnare personalmente oppure tramite lettera raccomandata) Istanza di

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per:

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per: Circolare relativa alle incompatibilità, trasferimenti, decadenza, dispensa e sanzioni disciplinari dei giudici di pace. (Circolare n. P-1436 del 21 gennaio 2000 - Deliberazione del 19 gennaio 2000) 1.

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1120 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità per il 2014) Disposizioni di interesse per la professione forense SCHEDA DI ANALISI * Art. 9, comma

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti

0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti Traduzione 1 0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti Concluso il 19 ottobre 1983 Entrato in vigore con

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE - Approvato

Dettagli

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875)

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) FRANCIA LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) Art. 1 Il Senato si compone di 300 membri: 225 eletti dai dipartimenti e dalle colonie e 75 eletti dall Assemblea nazionale. Art.

Dettagli

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125)

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Modifiche all'ordinamento giudiziario militare di pace. A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

Tribunale federale. in Svizzera

Tribunale federale. in Svizzera Le vie che conducono al Tribunale federale Sintesi dell organiz zazione giudiziaria in Svizzera Indice Indice Premessa I. Tribunali e giudici A A livello cantonale 1 Tribunali civili a Il giudice di pace

Dettagli

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni (Corte delle assicurazioni sociali del Tribunale federale) del 16 novembre 1999 Il Tribunale federale delle assicurazioni, visti gli articoli 122

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA RELAZIONE SUL NUOVO REGOLAMENTO DEL C.N.F. SULLA FORMAZIONE CONTINUA a cura del Consigliere Segretario avv. Giovanni Berti Arnoaldi Veli Il Consiglio Nazionale

Dettagli

ORDINAMENTO GIUDIZIARIO E FORENSE

ORDINAMENTO GIUDIZIARIO E FORENSE GIULIANO SCARSELLI ORDINAMENTO GIUDIZIARIO E FORENSE ( IJV14IA AG MILANO - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE - 2004 INDICE I. INTRODUZIONE 1. Ordinamento giudiziario e diritto giudiziario 1 2. L'ordinamento giudiziario

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ISTITUZIONE DELLA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA, NUOVE NORME IN TEMA DI TIROCINIO E FORMAZIONE DEGLI UDITORI GIUDIZIARI NONCHE NUOVE NORME IN TEMA DI AGGIORNAMENTO

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Nel nostro ordinamento viene assicurato ai cittadini non abbienti il patrocinio a spese dello stato nel processo civile, penale, amministrativo, contabile, tributario e negli

Dettagli

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si affida il Giudice durante il processo civile. Nel processo

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1515/2007 Reg.Dec. N. 376 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PER MAGISTRATO ORDINARIO CODICE CONCORSO: 2010Z AL SIG. PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PER MAGISTRATO ORDINARIO CODICE CONCORSO: 2010Z AL SIG. PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI :\Pea_III2007\Modelli_dom_web.doc / MODELLO A Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE DEI MAGISTRATI UFFICIO III CONCORSI

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

COMMISSIONE FAMIGLIA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO 7 NOVEMBRE 2008

COMMISSIONE FAMIGLIA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO 7 NOVEMBRE 2008 COMMISSIONE FAMIGLIA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO 7 NOVEMBRE 2008 INCONTRO CON IL PRESIDENTE VILLA L AVVOCATO DEL MINORE SEMPRE PIU SPECIALIZZATO E SEMPRE PIU POVERO SPUNTI DI RIFLESSIONE A CURA

Dettagli

ORGANI DI GIUSTIZIA COMPETENZE, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso)

ORGANI DI GIUSTIZIA COMPETENZE, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso) ORGANI DI GIUSTIZIA, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso) GIUDICI SPORTIVI Il Giudice Sportivo Nazionale e i Giudici Sportivi Regionali pronunciano in prima istanza, senza udienza

Dettagli

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco COSA OCCORRE FARE PER PRESENTARE LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI CONSULENTI TECNICI D UFFICIO E PERITI DEL TRIBUNALE (per traduttori e/o interpreti giudiziari) (aggiornato al 05/09/2014) Per lavorare

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO B u n d e s g e r i c h t T r i b u n a l f é d é r a l T r i b u n a l e f e d e r a l e T r i b u n a l f e d e r a l ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO II Tribunale federale vigila sull'applicazione

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA BANDO DI CONCORSO XXXVIII CONFERENZA DEI GIOVANI AVVOCATI PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI ROMA

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA BANDO DI CONCORSO XXXVIII CONFERENZA DEI GIOVANI AVVOCATI PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI ROMA CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA BANDO DI CONCORSO XXXVIII CONFERENZA DEI GIOVANI AVVOCATI PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI ROMA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma e i Segretari della

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Regolamento del Consiglio svizzero della stampa

Regolamento del Consiglio svizzero della stampa Regolamento del Consiglio svizzero della stampa I. Istituzione, sede, composizione, segretariato e finanze Art. 1 Compiti 1 Il Consiglio svizzero della stampa è a disposizione del pubblico e dei giornalisti,

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

PREMESSA ART. 1 ART. 2

PREMESSA ART. 1 ART. 2 NORME CIRCA IL REGIME AMMINISTRATIVO E LE QUESTIONI ECONOMICHE DEI TRIBUNALI ECCLESIASTICI REGIONALI NONCHÉ L ATTIVITÀ DI PATROCINIO SVOLTA PRESSO GLI STESSI * PREMESSA La sollecitudine pastorale dei Vescovi

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ALLEGATO 1 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) E costituita l Associazione di volontariato Centrodentro. ART 2) L Associazione ha

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE Articolo 1. Denominazione - Natura - Sede - Durata Il Circolo Fotografico Milanese, di seguito CFM o Associazione, è un Ente Culturale, fondato nel 1930, che non

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) «Trasporti aerei Regolamento (CE) n. 261/2004 Articolo 7 Compensazione dei passeggeri in caso di cancellazione o di ritardo di più di tre ore di

Dettagli

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola)

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola) REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ISTITUITA PRESSO LA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. TITOLO I Istituzione e finalità

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNONE Provincia di Genova

COMUNE DI SAVIGNONE Provincia di Genova COMUNE DI SAVIGNONE Provincia di Genova Regolamento per gli incarichi agli avvocati Art. 1 Disciplina della materia e ammissibilità incarichi Il presente regolamento disciplina il conferimento degli incarichi

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) 1 di 7 18/06/2013 17.23 SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia Articoli 7, paragrafi 1 e 2, 9, 10

Dettagli