NOTIZIE SUI PROF. ð Un prof. Alla volta pag. 29 POESIA E MUSICA. ð Sconsolata pag. 37 ð Un amico pag. 38 ð Teck Tonik pag. 40 INIZIATIVE DELLA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE SUI PROF. ð Un prof. Alla volta pag. 29 POESIA E MUSICA. ð Sconsolata pag. 37 ð Un amico pag. 38 ð Teck Tonik pag. 40 INIZIATIVE DELLA SCUOLA"

Transcript

1 iani.it

2 ATTUALITÁ ð Cosa pensano i giovani d oggi pag. 3 ð Cinque facce di colore diverso pag. 4 ð Recensione di Francesca Nacci pag. 9 ð L alimentazione pag. 10 ð Una dieta equilibrata migliora la vita pag. 15 ð BMI la formula del sovrappeso pag. 16 ð Ecco quanto consumate in un ora pag. 18 ð La mia esperienza teatrale pag. 20 ð La droga a scuola pag. 21 ð Il tatuaggio pag. 23 ð Number One pag. 25 ð Art. 190: comportamento dei pedoni pag. 27 NOTIZIE SUI PROF. ð Un prof. Alla volta pag. 29 POESIA E MUSICA ð Sconsolata pag. 37 ð Un amico pag. 38 ð Teck Tonik pag. 40 INIZIATIVE DELLA SCUOLA ð Viaggio d istruzione a Marina di Massa pag. 41 DIVERTIMENTO ð Il test psicologico pag. 44 ð Test sulla gelosia pag. 48 ð Barzellette pag. 52 ð Vignette pag. 54 ð Curiosità pag. 57

3 Eccoci con il secondo numero del FLORIANI MAGAZINE dell anno scolastico 2008/2009. Dal successo riscosso dalla prima edizione e dall apprezzamento manifestato da docenti, famiglie e ragazzi, gli studenti sono stati ancora di più motivati alla composizione di nuovi testi giornalistici, di interesse collettivo, utilizzando un linguaggio appropriato e riconoscendo le caratteristiche specifiche della produzione scritta. La redazione auspica, per i prossimi numeri, un coinvolgimento di tutti gli insegnanti, così da estendere questa esperienza a tutte le discipline. Il fare scrittura all interno di una comunità, dove si condividono competenze, obiettivi, finalità, diventa occasione di arricchimento di conoscenze, di socializzazione e di collaborazioni continuative. Sperando che anche questa edizione vi sia piaciuta, gli insegnanti di Trattamento Testi ringraziano gli studenti per l impegno profuso e augurano un buon fine anno scolastico!!! Gli obiettivi didattici ed educativi che gli insegnanti si sono prefissati di raggiungere sono: Sviluppare le attività inerenti la comunicazione Favorire lo scambio di idee e di opinioni, comprendendo e rispettando i diversi punti di vista che emergono dalle discussioni Sviluppare la cooperazione Stimolare le attività di revisione del testo Stimolare l attenzione e la concentrazione Potenziare le abilità di lettura e promuovere la sua diffusione Potenziare le abilità di scrittura legate alla correzione ortografica, alla produzione, manipolazione e rielaborazione dei testi Fasi di Lavoro: Scelta degli argomenti. Ricerca di immagini, disegni, grafici. Attraverso lavoro di gruppo, prova di una prima impaginazione grafica dell'articolo. Confronto e discussione dei diversi prodotti e scelta dell'articolo definitivo da inserire nel giornale. Stesura definitiva dell'articolo al computer. 2

4 A Proposito della scuola: Spesso i ragazzi dicono: - A me non piace la scuola! Abbiamo svolto un'indagine per individuare le cause e le possibili soluzioni alle sofferenze scolastiche dei ragazzi della scuola e siamo giunti alle seguenti conclusioni: l idea di scuola ideale è quella che, mettendo lo studente al centro del processo di insegnamento/apprendimento, gli consenta di sviluppare la propria personalità, il proprio senso critico, di rafforzare la volontà e la capacità di agire nell ambiente e nella società, compiendo esperienze ed azioni concrete. Una scuola ideale è quella che aiuta i suoi studenti ad affrontare la realtà senza pregiudizi, ad esaminarla con sguardo critico, portandoli a partecipare attivamente alle trasformazioni del mondo che li circonda. Ma non finisce qui, gli studenti chiedono a gran voce di diminuire i compiti pomeridiani, affiancandoli invece ad un lavoro svolto principalmente in classe, con un sereno dialogo tra professori e alunni. Passiamo ora ad un argomento più rilassante: la TV Tanti ragazzi passano, in un giorno, più ore davanti alla tv che non sui banchi di scuola. Il fenomeno è preoccupante, anche perché la qualità delle trasmissioni televisive non è sempre delle migliori, a causa, per esempio, della violenza di alcune trasmissioni. Film, telefilm e anche telegiornali trasmettono immagini violente a tutte le ore della 3

5 giornata, tanto che, a dieci anni di vita, già un ragazzo rischia di aver assistito a migliaia di morti sullo schermo. Alcune trasmissioni di intrattenimento sono parecchio stupide o volgari, per non parlare della pubblicità che rischia di rimbambire tutti con le sue proposte assillanti e che tendono ad alterare la conoscenza delle cose, presentandoci un mondo e una società che non corrispondono a quella reale. Inoltre, per alcuni giovani, i videogiochi sono una mania che, invece di sviluppare abilità e riflessi, rischia di trasformarli in persone poco consapevoli della realtà che li circonda. Di fronte a tutto questo, si possono prospettare due tipi di rimedi: uno potrebbe prevedere un controllo più serrato, a monte, della programmazione televisiva, un aumento delle precauzioni (del tipo segnalazione di programmi non adatti, ecc ) e delle sanzioni; l altro rimedio, è quello che genitori, educatori, ecc tornino a stare di più con i ragazzi, magari vedendo e giudicando insieme con loro i programmi televisivi o proponendo alternative significative. Forse, questo secondo rimedio sarebbe davvero più efficace, poiché quello che rende i giovani più autonomi e più riflessivi non è la presenza o meno della televisione, ma l esempio di qualcuno che gli mostra cosa vuol dire essere adulto. Leopardi Jessica & Bouhazza Fatima 1^B Li chiamano <<extracomunitari>>, <<marocchini>>, <<vu cumprà>>, e con chissà quanti altri nomi. Chi sono? Persone di altri Paesi, venute in Italia per i motivi più svariati. Li incontriamo a scuola, al mercato, per la strada Ma cosa sappiamo veramente di loro? Alcuni di essi ci raccontano la loro storia. 4

6 Dall Iran perseguitata a vent anni <<Ero una studentessa, avevo appena finito la scuola. In Iran lavoravo con un organizzazione di sinistra, contro il governo. Avevo vent anni. Hanno cominciato ad ammazzare la gente, i giovani, i politici, tutti quelli che erano contro le autorità; anche io ero con loro. Un giorno mi hanno arrestata e condannata a quattro anni di carcere. Dopo più di due anni e mezzo, grazie all intervento di Amnesty International, mi hanno liberata. Sono uscita dal carcere, però, praticamente, ero ancora prigioniera. Tutte le settimane, dovevo presentarmi in questura: ero ancora prigioniera. Mi sentivo perseguitata, ero stanca, avevo paura, non ce l ho più fatta, ho lasciato il Paese. I miei genitori appartengono ad una famosa tribù iraniana; praticamente, non vivevano in nessuna città, erano come nomadi. Mio padre, mio nonno, facevano politica. Mio nonno ha novant anni; tre anni fa lo hanno messo in carcere, lo hanno tenuto dentro, tre o quattro mesi e poi lo hanno liberato. Il nostro capotribù, però, è stato fucilato insieme a tanti altri giovani. Se le cose, in Iran, dovessero cambiare, io vorrei tanto ritornare. Patrick: l esperienza di un lavavetri <<Mi chiamo Patrick, ho ventisei anni, vengo da Varsavia. Sono arrivato a Torino, in una notte di dicembre. Adesso lavo i vetri delle macchine, quando si si fermano ai semafori. Il lavoro non è dei migliori: d inverno fa sempre troppo freddo e d estate, troppo caldo La concorrenza con gli altri lavavetri è spietata e la gente è cattiva non ci comprende, spesso ci insulta Di notte, vado in un dormitorio pubblico. Non ho una casa, un posto dove posso stare per conto mio, vivere la mia vita. Non ho null altro che i vestiti che porto addosso e, in tasca, una fotografia di 5

7 mia madre Ho molta nostalgia della Polonia della mia casa dei miei amici anche se so che molti di loro, come me, se ne sono andati e chissà ora dove sono Però qui, in Italia, sono sicuro di mangiare tutti i giorni. Speranze per il futuro? Non ho tempo di pensarci, perché devo ogni giorno guadagnarmi quel poco che mi permette di vivere >> Michael: colf dodici ore al giorno <<Mi chiamo Michael, sono filippina. Sono nata a Mindoro, vicino a Manila e a Batangas. È una piccola isola, ma il mare intorno è bellissimo e poi ci sono tante montagne e da queste montagne scendono le cascate. È un posto turistico, visitato da molti americani. Ci sono anche italiani che vivono là, lavorano nei ristoranti o nei cottages. I miei genitori lavorano la terra, piantano il riso: la terra non può mai essere lasciata. Le mie sorelle sono tutte sposate, ma vivono lontane dai mariti e i fratelli ancora studiano. Io sono qui, in Italia, per guadagnare un po di soldi, soprattutto per me, ma mando anche una parte di questi a casa, per aiutare i miei fratelli a studiare. Lavoro in una famiglia. Sono stanca, ma non penso di tornare nelle Filippine. Andrò solo per vedere la mia famiglia e poi tornerò in Italia. Nel mio Paese, ci sono molti poveri, ma anche molti ricchi. I ricchi possono comprare tutto quello che vogliono, posseggono case e macchine. I poveri vivono nelle aree depresse, non hanno nulla, chiedono il cibo agli altri. Vorrei cambiare lavoro, vorrei un lavoro da infermiera o da segretaria. Il lavoro che faccio adesso è molto pesante: dalle 7,30 del mattino alle 19,30 di sera, con solo due ore di riposo. Comincio a preparare la colazione, poi pulisco la cucina e poi il salotto, il terrazzo; a pranzo c è sempre il padrone di casa con i due figli. Il pomeriggio stiro, preparo la cena e, quando ci sono ospiti, devo stare in piedi fino a tardi. Lavoro, in media, dodici ore al giorno, mentre il mio contratto è di otto ore. Prima mi occupavo di due persone anziane, il marito non era molto educato: mentre mi lavavo mi guardava dal buco della serratura del bagno; e poi, non c era da mangiare a sufficienza, mi davano solo un po di pasta. Dopo due mesi, ho comunicato che volevo andare via e lui ha cer- 6

8 cato di farmi paura, dicendomi che avrebbe chiamato la polizia, ma io ho trovato il coraggio di andarmene. La domenica e il giovedì pomeriggio, quando sono libera vado a servizio in un altra casa. Almeno guadagno qualcosa in più. Lo faccio per costruire la nostra casa, perché sono sposata: c è anche mio marito qui in Italia e dobbiamo pensare al nostro futuro..>> Fatima: bambina zingara indesiderata <<Sono una bambina zingara, il mio nome è Fatima. La mia tribù viene dalla Serbia, una regione della Jugoslavia. Con la mia famiglia ho girato tutta l Europa e l Italia e ora vivo in un campo-sosta non autorizzato, nella periferia di Milano. Il comune dovrebbe presto darci un luogo attrezzato, dove sostare. Per il momento, abbiamo soltanto dei cassonetti dove buttare l immondizia e un autobotte tutte le mattine ci ci rifornisce di acqua. Un pullman ci accompagna a scuola tutti i giorni. La gente che vive in questo quartiere non è contenta di averci come vicini, non ci saluta mai, si sposta quando passiamo. Anche a scuola è difficile farsi degli amici Noi li chiamiamo <<gagiò>> quelli che non sono zingari come noi, forse anche con un po di disprezzo ma certamente siamo ricambiati >> Ho voluto raccontare la storia di queste persone, perché anche io sono una ragazza straniera; mi chiamo Katherin e sono nata in Ecuador, vivo in Italia da tre anni. 7

9 Del mio paese ho molti ricordi belli: le feste, le usanze, la gente. Ho sentito tanta tristezza quando ho dovuto lasciare il mio Paese; quando ho saputo che dovevo venire in Italia ho provato sensazioni contrastanti: da una parte non volevo, avevo un po di paura, ma desideravo incontrare i miei genitori che non vedevo da tempo; infatti vivevano lì già da alcuni anni e nello stesso tempo desideravo visitare nuovi luoghi e conoscere nuove cose, nuove culture, nuove persone. La cosa che mia ha colpito, appena arrivata, è stata la diversità della natura rispetto a quella del mio paese: gli alberi senza foglie, il clima freddo e umido, ecc.. Sono stata accolta molto bene e ho trovato tante persone che mi hanno aiutato e che mi facevano tanti sorrisi. Nei primi mesi, avevo tanta nostalgia e volevo ritornare di nuovo al mio paese; ormai sono passati ben tre anni, mi sono ambientata, ho trovato tanti amici e mi piace stare qui. Il mio futuro me lo immagino qui in Italia, con una bella famiglia e un buon lavoro. La cosa che mi manca, in modo particolare, sono i mie parenti e gli amici, rimasti in Ecuador. L Italia mi piace tanto e in modo particolare lo stile di vita. Katherin Merchàn 1^A 8

10 RECENSIONE DI FRANCESCA NACCI 3^A Racconto: Titolo: Twilight Autrice: Stephenie Meyer Casa editrice: Fazi editore Questo libro parla di una storia di amore senza confini. Tutto comincia quando Bella, una semplice ragazza sedicenne di Phoenix decide di trasferirsi a Forks. Affrontando questa triste decisione, Bella sapeva che avrebbe dovuto salutare sua madre e la bellissima e vasta città soleggiata dov era cresciuta, per un bel periodo, trasferendosi da suo padre a Forks, una piccola cittadina coperta costantemente di nuvole e pioggia. Odiava quella città, ci andava soltanto un mese all anno durante le vacanze, perché era costretta. Ma ormai era decisa, non si sarebbe tirata indietro, non voleva essere un peso costringendo sua madre a badarle, facendole così rinunciare a seguire il suo nuovo amore, Phil, che essendo uno sportivo professionista di football, era costretto a viaggiare spesso. Per Bella la felicità di sua madre era la cosa più importante. Bella non era per niente entusiasta nè di vivere in una casa nuova, con Charlie, suo padre, nè di frequentare una nuova scuola e fare nuove amicizie. Il suo carattere timido e impacciato le faceva soltanto sperare di non essere troppo notata. Ma in una cittadina piccola come quella di Forks, tutti sapevano del suo arrivo e tutti la aspettavano ansiosamente. 9

11 Così a scuola trovò presto nuove simpatie, e incrociò spesso gli sguardi della gente nel corridoio. Ma uno di quelli, uno di quegli sguardi, la turbò. Era uno sguardo rabbioso e pieno di disprezzo che arrivava da un ragazzo tanto bello e affascinante, che sembrava quasi disumano, una bellezza divina che, in mezzo a tutta quella gente normale, sarebbe spiccata all occhio di chiunque. Bella, dopo poche settimane dal suo arrivo, e dopo numerosi giorni piovosi, svegliandosi vide, per la prima volta dalla propria finestra, la neve. Non ne era felice, pensava soltanto alle scene disastrose in cui sarebbe scivolata e caduta, visto che già spesso, le capitava di inciampare nei propri piedi, e cadere scioccamente. Innervosita, si preparò per affrontare una dura giornata. Arrivata al parcheggio della scuola, il suo solo ed unico pensiero, era quello di non essere colpita da quelle stupide palle di neve che volavano per aria, minacciando la sua debole camminata. Scese dalla macchina, sbatté la portiera, alzò lo sguardo, e lo vide, quel misterioso ragazzo, in mezzo a una folla che si sbizzarriva nel giocare. Era distante almeno 30 metri. La stava guardando. Bella, distolse lo sguardo, e vide le facce sorprese ed ebeti della gente circostante, e ancora prima che se ne potesse rendere conto, si trovò a terra. Accadde tutto molto velocemente, vide soltanto una macchina molto robusta di colore blu, che slittava e perdeva il controllo dirigendosi verso di lei. La macchina distanziava solo poche spanne da lei e, in quel momento, Bella si rese conto che qualcuno l aveva spinta a terra, non era stata la macchina, e quel qualcuno che ancora non focalizzava, si piazzò davanti a lei, e, prima che la macchina potesse schiantarsi su di loro, allungò le sue braccia verso l auto, e la fermò, lasciandole impresso l evidente e profondo stampo delle sue mani. Bella alzò lo sguardo e vide lui, proprio lui, il ragazzo che un attimo prima era distante 30 metri da lei, e ora le era accanto inspiegabilmente. Come aveva fatto?. Non le spiegò il perché, ma nel corso del tempo, il comportamento di quel ragazzo mutò. I suoi sguardi agghiaccianti diventarono sorrisi gentili e conversazioni simpatiche. Bella scoprì così, che si chiamava Edward. Edward quel nome gli ronzava in testa tutto il giorno. Non le dava pace. 10

12 Coma aveva fatto a salvarle la vita in quel modo? E soprattutto, perché l aveva fatto?. Forse Bella aveva trovato a Forks qualcosa di interessante, qualcosa che riusciva a trattenerla dal pensiero di ritornare da un momento all altro a Phoenix. Edward Bella era rapita dai suoi sguardi, dagli occhi di un colore inimmaginabile, era rapita dai suoi sorrisi, dati da labbra assurdamente perfette, dalla sua pelle così liscia e bianca, dal corpo marmoreo e definito, sembrava scolpito di bellezza. Ma quello che non si spiegava Bella, era come mai tanta divina mostruosità si interessasse a lei, perché in una scuola così popolata, lui cercasse proprio lei. Tra i due infatuati non faceva altro che crescere interesse e la voglia di stare insieme, finché il segreto nascosto di Edward non potè più rimanere segreto. Edward glielo rivelò non era normale, non era umano. Ma a Bella non importava cosa fosse, qualsiasi cosa le avesse detto lo avrebbe accettato. Edward era un vampiro. Aveva doti sovrannaturali sia fisiche che mentali. Sapeva leggere nel pensiero della gente a distanza di kilometri, in chiunque, tranne che in Bella. Per nutrirsi andava a caccia di animali, lui era un predatore. Trovava stravolgente il profumo di Bella, inebriante. Era difficile resisterle, e soprattutto resistere alla parte disumana di lui che lo possedeva. Ma era forte, resisteva, perché ogni giorno si convinceva che l amore e la volontà potevano vincere. E poi, non avrebbe mai potuto, il solo immaginare il viso di Bella pallido e senza vita, lo uccideva. Il suo viso brillante e luminoso doveva assolutamente rimanere così. Nessuno dei due poteva rinunciare a sentire il viso dell altro, che si avvicinava, e sentire il respiro sulla pelle e il cuore palpitare più forte, sentendo la dolce vici- 11

13 nanza, e sapendo che presto le loro labbra si sarebbero incontrate in una passione troppo viva. No.. certo che non potevano rinunciare all unica cosa che li facesse sentire davvero felici. Questo libro mi è piaciuto molto, è scritto bene e coinvolge in una lettura profonda e con molta suspance. La cosa più bella è che Bella, nonostante esternamente sia esile e delicata, nel corso del libro, dimostra audacia e forza interiore incredibile. Spesso sacrificando se stessa per la felicità e il benessere altrui. Lo stesso comportamento ammirevole si riscontra in Edward, che spesso prende decisioni difficili ignorando il dolore causato a se stesso, mettendo in primo piano le persone che ama. Edward, nel corso del libro, salva la vita a Bella tre volte, portandola via da una morte certa. È bello vedere che, dopo tante difficoltà, sacrifici, paure e indecisioni, il loro amore e la voglia di rimanere legati per sempre, sovrasta ogni altra cosa. È impressionante sia la delicatezza usata dalla scrittrice nel descrivere momenti magici tra loro, sia la delicatezza stessa del loro sentimento, così puro e sincero e che devo ammettere è sempre più difficile da riscontrare nella realtà della vita vera. Non che non possa succedere ma semplicemente, le persone non lo richiedono. Richiedono un bacio, un abbraccio, se non di più, ma non richiedono.. la vera emozione che in teoria dovrebbe nascere spontaneamente in loro. Il mio pensiero si sofferma semplicemente nel distinguere un uomo da un animale. Tale distinzione l ho trovata sempre più sottile, quasi a non esserci. Se l animale soddisfa i suoi bisogni, senza implicare coinvolgimento emotivo, le persone che ho conosciuto io, fanno lo stesso, con chiunque. Qui il mio pensiero si rivolge ad Edward, che certamente non è altro che parte di un libro, ma è sicuramente più umano di molti, nonostante una metà di lui, sia fortemente animalesca, è ammirevole e strabiliante coma riesca a trattenerla. Al contrario, è ancor più spregevole e strabiliante, che un vero e proprio umano, lasci correre questa parte di sé, che non dovrebbe neanche esistere. Quel vampiro, è probabilmente, anzi no, sicuramente, più uomo di chiunque altro. 12

14 L IMPORTANZA DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Un alimentazione ben equilibrata deve contenere, nelle giuste percentuali, tutti gli elementi di cui il nostro corpo ha bisogno: carboidrati, proteine, grassi (o lipidi), insieme a vitamine e sali minerali. Sarebbe buona regola suddividere la giornata in 5 pasti: colazione, pranzo, cena e 2 spuntini. Fare più pasti al giorno permette di arrivare al pasto successivo senza i morsi della fame e di tenere attivo il nostro metabolismo. Variando e alternando, opportunamente, la scelta degli alimenti è possibile garantirsi una dieta equilibrata, che consenta di assumere, con sufficiente regolarità e in quantità adeguate, tutti i principi nutritivi necessari per il nostro benessere. I RAGAZZI E L ALIMENTAZIONE Per molte adolescenti la magrezza è molto più di una caratteristica fisica, addirittura un requisito indispensabile per essere considerate, per avere successo e per essere amate. Se sono in sovrappeso, ritengono che nessun ragazzo vorrà mai uscire con loro e, per questo motivo, l unico scopo di una ragazza o un ragazzo diventa quello di perdere peso, anche quando non è necessario. Più la persona dimagrisce, più la mente si trasforma e distorce la realtà e il ragazzo non si vede più per quello che è; inizia allora ad essere una vera e propria ossessione che si trasforma, poi, in anoressia o bulimia. 13

15 L'anoressia è la mancanza o riduzione volontaria dell'appetito. Può condurre alla morte se persiste; mentre la bulimia è un disturbo alimentare, caratterizzato da e- pisodi di abbuffate, seguiti, di solito, da comportamenti compensatori. Le abbuffate consistono tipicamente nel mangiare grandi quantità di cibo, spesso ad alto contenuto calorico. Il comportamento compensatorio, utilizzato più frequentemente, è il vomito autoindotto, ma possono esservi anche abuso di lassativi e di diuretici, digiuno e attività fisica eccessiva. Considerazioni Da quanto sopra indicato, si può capire l importanza di una sana e corretta alimentazione, per mantenersi in salute e godere di un sano equilibrio psico-fisico. Non bisogna lasciarsi influenzare dai modelli che i mass-media (televisione, cinema, giornali) ci propongono, è invece importante accettarsi come si è, sapendo che il valore di una persona non è dato dall aspetto fisico, ma dalla sua personalità, dal carattere, dal modo di rapportarsi con gli altri, dalle qualità morali. Claudia, Valentina, Jasmine 2^A 14

16 Vero o falso 1. Per mantenersi in forma basta saltare la colazione o il pranzo? 2. L olio di semi è meno grasso di quello di oliva? 3. L ananas fa dimagrire? 4. L acqua oligominerale aiuta a perdere peso? 5. Per scendere di peso basta eliminare la pasta dalla dieta? 6. Per dimagrire si deve associare alla dieta anche l attività fisica? 7. Mangiare soltanto frutta, in grande quantità, aiuta a mantenere la linea? 8. Gli alimenti come il peperoncino o il caffè accelerano il metabolismo basale facendo perdere peso? 9. Per alimentarsi correttamente, basta eliminare gli alimenti grassi dalla dieta? 10. Chi ha genitori obesi è destinato inevitabilmente ad essere grasso? 11. La pasta e il riso integrale contengono più fibre di frutta e di verdura? 15

17 12. Per condire gli alimenti può essere usato sale a volontà? 13. I radicali liberi fanno bene alla salute? Soluzioni 1. F 2. F 3. F 4. V 5. F 6. V 7. F 8. V 9. F 10. F 11. F 12. F 13. F Brigatti Daniela e Borsellino Valeria 2^A Le tabelle del peso ideale, ormai obsolete, devono essere sostituite, per una valutazione iniziale, dall indice di massa corporea, o BMI: si ricava dal rapporto del peso corporeo, espresso in kg., e il quadrato dell altezza espressa in metri. 16

18 Ricordiamo che l indice di massa corporea IMC o BMI (Body Mass Index) secondo l acronimo inglese più usato, si ottiene dividendo il proprio peso per il quadrato dell altezza espressa in metri. Peso 70 kg, altezza 1,70 = 70 = 24,2 NORMALE 2,89 Peso 70 kg, altezza 1,65 = 70 = 25,7 PRE OBESO 2,72 Peso 80 kg, altezza 1,60 = 80 = 31,25 SOVRAPPESO 2,56 Se il vostro risultato è Meno di 18,5 Tra 18,5 24,9 Tra 25 29,9 Tra 30 34,9 Tra 35 39,9 Oltre 40 sottopeso normale pre-obesi obesità 1 grado = sovrappeso obesità 2 grado = obeso obesità 3 grado = grave Luciana La Face 1^ A 17

19 ECCO QUANTO CONSUMATE IN UN ORA Attività all aperto Trasportare e accatastare la legna BMX o Mountain bike 539 Nuoto: dorso km/h 507 Farfalla 697 Scavare e vangare km/h 634 Rana 634 Giardinaggio km/h 760 Stile libero 697 Generale 285 Più di 30 km 1045 Pallanuoto 634 7h Estirpare 293 Bowling 190 Pallavolo: Raccogliere foglie 253 Boxe (ama- 570 Amatoriale 190 o erba toriale) Spalare la neve 380 Ballo veloce 380 Agonistico 253 Ballo lento 190 Beach Volley 507 In palestra Discoteca 348 Waiking 6 km/h Aerobica a basso impatto Aerobica ad alto impatto Step a basso impatto Scherma 380 Jogging (più di 10 minuti) Calcio ama- 507 Wrestling 380 toriale 444 Calcio agonistico 570 Attività casalinghe Step a alto impatto 634 Frisbee 190 Cura dei bambini 222 Acquagym 634 Golf: Giocare con i 317 bambini Cyclette lenta 444 Portando le mazze 348 Cucinare 158 Cyclette veloce 665 Usando la golf-car 222 Fare la spesa con il carrello Macchina ellittica 570 Escursioni 380 Fare le pulizie Vogatore lento 440 Cavalcare 253 Spostare i

20 mobili Vogatore veloce 539 Kayak 317 Leggere se- 71 duti Step machine 380 Arti marziali: Fare la fila 79 Stretching/hata yoga Allenamento con i pesi: 253 Judo, karatè, kick boxing Orientamento Carico moderato 190 Gara podistica Carico pesante 380 Tennis agonistico Arrampicata: 634 Dormire Guardare la tv Attività lavorative Cameriere/barman Lavori manuali Salita 697 Lavorare al 87 computer Riparare l auto 190 Discesa 507 Impiegato 111 Bricolage 285 Pattinaggio 444 Pompiere 760 Sbattere o spostare i tappeti Dipingere o rivestire Allenamenti o sport vari 285 Corsa: Carpentiere km/h 507 Massaggia- 253 tore 10km/h 634 Muratore 444 Tiro con l arco km/h 792 Studente 111 Basket km/h 1045 Camionista 127 Bigliardo 158 Campestre 570 Stare seduti in riunione Ciclismo: Snorkeling 317 Lavorare in teatro Michele Masella, Carmine Bisignano Claudia Villella & Valentina Foli 2^A 19

21 L estate scorsa mi è stato proposto di intraprendere un esperienza diversa, che mi avrebbe permesso di ballare, divertirmi e conoscere nuove persone. Inizialmente l idea mi allettava, ma allo stesso tempo, ero un po perplessa sul fatto di entrare a far parte di un gruppo di ragazzi di cui conoscevo di vista solo 3, 4 componenti. Dopo qualche riflessione ho deciso di tentare; lo scorso luglio, infatti, ho messo per la prima volta piede all oratorio di Villanova, dove si svolgevano le prove e, tirato un lungo respiro, ho aperto la porta della sala. Davanti a me c erano circa 30 ragazzi, tra i 18 ed i 30 anni, che mi hanno subito regalato un sorriso e mi hanno circondata per fare conoscenza. Erano tutti molto simpatici. Il regista, Davide, mi ha esposto il progetto, che consisteva, sostanzialmente, nel preparare scenografie, montare balletti, recitare il copione e cantare i testi delle canzoni; tutto questo avrebbe dato vita al musical Velma & Roxie, che sarebbe andato in scena il 17 gennaio. Naturalmente ho accettato e, da quella sera, sono entrata a far parte della compagnia. I mesi sono passati veloci: martedì, mercoledì, giovedì sera alle ore 21 in punto, per 6 mesi, si sono svolte le prove. E, come d incanto il 17 gennaio è arrivato. Dietro le quinte del teatro San Carlo, il clima era soffocante, carico di tensione e ansia di non riuscire ad emozionare il pubblico. Ore Count down Il sipario iniziava ad aprirsi e le luci a illuminarci. Il pubblico, in silenzio. Ho pensato Oh mio Dio!!! Aiuto!!! No, no, nooooo!!! Voglio scendere dal palco!!! 20

22 E poi la musica è partita e, finito il primo balletto, sono corsa in camerino a cambiarmi per la prossima scena; poi un altra e un altra ancora e, come per magia, il primo atto era finito. Piccola pausa e inizio del secondo tempo. Adrenalina paurosa e di nuovo di fretta, si cambia scena, balletti, costumi, battute e, finalmente il the end. L emozione più grande è stata il fragoroso applauso finale. Avevamo raggiunto il pubblico. Avevamo vinto la nostra battaglia. Chiuso il sipario ci siamo abbracciati tutti come una grande famiglia. Nessuno era considerato meglio degli altri, perché questo lo avevamo realizzato insieme. Il cammino è stato molto lungo e faticoso, ma allo stesso tempo emozionante, divertente, di crescita personale. Ho imparato cosa significhi credere davvero in qualcosa e fare di tutto per ottenerla e per questo mi ritengo una persona fortunata. EMILI MIRIAM 3 BOT La diffusione di droghe, alcol e tabacco tra i giovani e i giovanissimi desta preoccupazioni sempre maggiori, sia per la dimensioni che il fenomeno sta assumendo, sia per le devastanti conseguenze fisiche che l uso di queste sostanze comporta. E così, crescono le angosce dei genitori, ma anche l impegno delle istituzioni per prevenire e risolvere questo problema. A volte, sono proprio le scuole il luogo preferito per lo spaccio e il consumo di stupefacenti: si pensi al tipico bagno della scuola superiore italiana, dove, nonostante il divieto di fumo, permane una impenetrabile coltre, derivata dalla combustione di tabacco e altre erbe aromatiche non meglio precisate e di sicuro illegali. 21

23 Ovviamente, la scuola può svolgere un ruolo importante per aiutare i ragazzi a non cadere nel vortice della dipendenza da queste sostanze. Questa, infatti, non è solo il posto dove si studia italiano, storia o matematica, ma è o dovrebbe essere un luogo di incontro dove poter socializzare e riuscire a comunicare in modo sereno con gli altri, dove condividere i problemi e imparare ad affrontarli. È anche attraverso essa che i ragazzi possono acquisire un senso di responsabilità e di consapevolezza Ed ora la scuola ha a disposizione uno strumento in più, per assolvere questa importate funzione. Si tratta di un nuovo portale internet, DrugFree. Edu, messo in campo dal Ministro dell Istruzione Maria Stella Gelmini e dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega alla lotta alle droghe, Carlo Giovanardi. Il sito è molto utile per chi sente parlare spesso di droga, la vede girare sottobanco, tra le mani degli amici, o tra le proprie, ma in fondo non ha idea di cosa si nasconde dietro di essa. Il portale, infatti, fornisce una ricca raccolta di documenti, video, notizie, materiale interattivo e testimonianze che informano sulle caratteristiche delle droghe, i loro effetti e le loro conseguenze. Bellia Alessia, Stucchi Daniela, Agyapong Manuela, classe 1^B 22

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli