VI LA CHIESA ORTODOSSA RUMENA: L IPOTETICA DOPPIA ASSIMILAZIONE DELL INTENTO LATINO E SLAVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VI LA CHIESA ORTODOSSA RUMENA: L IPOTETICA DOPPIA ASSIMILAZIONE DELL INTENTO LATINO E SLAVO"

Transcript

1 A. JOOS (CC1BCOOR) (edizione 2009) CHIESE CRISTIANE OGGI: UN PANORAMA ECUMENICO. SITUAZIONE E PROSPETTIVE OGGI PARTE I. LE CHIESE D ORIENTE B LE CHIESE E COMUNITÀ DELL ORIENTE CRISTIANO BIZANTINO VI LA CHIESA ORTODOSSA RUMENA: L IPOTETICA DOPPIA ASSIMILAZIONE DELL INTENTO LATINO E SLAVO INTRODUZIONE IL PANORAMA RUMENO ORTODOSSO OGGI In Romania su un totale di oltre 23 milioni di abitanti, il 99% si dichiarano cristiani, mussulmani ebrei e alcune migliaia di atei o senza alcun credo. L ultimo censimento (2002), fornisce il numero di abitanti, di cui l 86,7 % si dichiarano cristiani ortodossi. La Chiesa più consistente della Romania è quella ortodossa rumena, con 19,8 milioni di aderenti, pari all 86,8% della popolazione. La Chiesa cattolica di diritto latino conta membri (5%), mentre la Chiesa greco-cattolica ne conta più di Si menzionano organi di stampa da tempo in attività nella Chiesa ortodossa 2. La rivista del Patriarcato è «Biserica Ortodox Român 1 ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, in «Internet» 2001, «Biserica Ortodoxa Romana este autocefala si unitara in organizarea sa si pastreaza unitatea dogmatica, canonica si de cult cu celelalte Biserici Ortodoxe surori, in cadrul Bisericii Ortodoxe Universale. In Romania, Biserica Ortodoxa Romana este nationala si majoritara si cuprinde pe toti credinciosii de religie crestina ortodoxa din Romania si diaspora ortodoxa romana. In conformitate cu datele ultimului recensamant al populatiei din 1992, din totalul populatiei Romaniei, un numar de locuitori sunt crestini ortodocsi, reprezentand 86,8% din populatia tarii. In prezent, Biserica Ortodoxa Romana are 30 de eparhii in tara si peste hotare (15 in 1989), in eparhiile din tara functionand un numar de unitati bisericesti - parohii, filii, manastiri si schituri (12236 in 1989). Asistenta pastorala si religioasa este asigurata de 42 arhierei (23 in 1989), preoti si diaconi. Viata monahala se desfasoara in cele 531 asezaminte monahale, in care vietuiesc in rugaciune, studiu si munca 7532 monahi si monahii (2511 in 1989). Sub raportul oranduirii canonice si administrative, Biserica Ortodoxa Romana este organizata ca Patriarhie, cu titulatura Patriarhia Romana». ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, IN «Internet» 2001, «The census in January 1992, presents the following confessional configuration of Romania: out of inhabitants, 86,8% are Orthodox, 5% Roman Catholics, 3,9% Reformed, 1% Catholics of Greek Rite ( United ), 1% Penticostals, 0,5% Baptists, the rest of the cults being under 0,5% (the atheists represent only 0,2%)». 2 ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, IN «Internet» 2001, «The Romanian Patriarchate edited a few periodicals: Biserica Ortodoxă Română (Romanian Orthodox Church) (that has been appearing since 1874), the official bulletin of the Romanian Patriarchate, Studii Teologice (Theological Studies), the magazine of the Theological Institutes; Ortodoxia (Orthodoxy) the magazine of the Patriarchate (each of them published in copies, with 4-6 issues a year). All the five Metropolitan Sees used to draft a magazine, with 4-6 appearances a year, too: Glasul Bisericii (Voice of the Church) (Metropolitan See of Oungrowallachia), Metropolitan See of Moldova and Suceava, Metropolitan See of Transylvania, and Metropolitan See of Banat. The religious magazine Telegraful Român (The Romanian Telegraph) appears in Sibiu as the oldest Romanian periodical, with uninterrupted appearance since At the printing house of the Bible Orthodox Mission Institute the following works were printed: Bible (four editions in 1968, 1975, 1982, 1988), religious books, text books for theological seminaries and 1

2 (official review of the Patriarchate), Ortodoxia (theological review), (ambedue quadrimestrali, in rumeno). Con i suoi circa 20 milioni di fedeli la Chiesa Ortodossa rumena 1 è seconda solo a quella russa per numero di fedeli. Per il 2006, il Consiglio mondiale delle Chiese pubblica l entità numerica della Chiesa rumena dando la cifra di battezzati, con 48 vescovi, preti, 27 diocesi, parrocchie, 386 monasteri, 38 seminari 2. Vi sono altre statistiche da parte rumena: l organizzazione del Patriarcato comprende 6 Metropolie, con un totale di parrocchie, preti e diaconi, e luoghi di culto. Inoltre, vi sono 606 monasteri e skiti, con più di monaci e monache. Vi sono 3 Metropolie e 2 diocesi all estero (in Europa), e un Arcidiocesi (per l America). Nel 1993 il Patriarcato rumeno decise il ristabilimento della propria giurisdizione in Bucovina (inclusa nella Metropolia di Moldavia e Bucovina) e in Bessarabia (l'attuale stato indipendente di Moldavia che venne a costituire l'attuale Metropolia di Bessarabia) che precedentemente erano state incluse nel Patriarcato di Mosca. Il Patriarcato di Mosca d'altra parte non riconosce tali giurisdizioni e continua a mantenere le proprie. Dal 1993 sono state stabilite invece normali relazioni con la diocesi rumena in America facente capo alla Chiesa Ortodossa in America. institutes, theological works, books for faithful, prayer books, calendars etc. The same thing was done at the diocesan print ing houses from the Monasteries of Neamţ, Sibiu and Timişoara / After 1989: A series of new periodic publications appeared at almost every diocese: Vestitorul Ortodoxiei (Herald of Orthodoxy) in Bucharest, Candela Moldovei (Votive Light of Moldova) in Iaşi, Învierea (Resurrection) in Timişoara, Renaşterea (Renaissance) la Cluj, Tomisul ortodox (Orthodox Tomis) in Constanţa, Credinţa străbună (Ancient Faith) in Alba Iulia, Credinţa românească (Romanian Faith) in Baia Mare, Legea românească (Romanian Law) in Oradea, Biserica şi Şcoala (Church and School) in Arad, Foaie diocezană (Diocesan Sheet) in Caransebeş, Călăuza ortodoxă (Orthodox Guide) in Galaţi, Lumina lină (Light) in Argeş». 1 Atlante: 2 WORLD COUNCIL OF CHURCHES, Member churches > Regions > Europe > Romania > Romanian Orthodox Church, in «Internet» 2008, 2

3 Il primate della Chiesa Ortodossa rumena è Sua Beatitudine il Patriarca Teoctist Arapaşu (dal 9 nov. 1986): Arcivescovo di Bucarest, Metropolita di Ungro-Valacchia, Locum Tenens di Caesarea in Cappadocia, Metropolita di Montania e Dobrugia, Patriarca della Chiesa Ortodossa Rumena. È nato nel 1915, è stato ordinato sacerdote nel 1945 e consacrato vescovo nel , muore nel Il nuovo patriarca è Sua Beatitudine Daniel I 2. L autorità superiore della Chiesa è il Santo Sinodo. Per le questioni di ordine amministrativo ed economico la Chiesa fa capo all Assemblea Nazionale Ecclesiastica, formata dai membri del Santo Sinodo e da tre rappresentanti di ogni diocesi (un chierico e due laici) scelti dalle assemblee diocesane rispettive per un mandato di quattro anni. L organismo supremo è il Consiglio Nazionale Ecclesiastico, formato da tre chierici e sei laici, eletti dall Assemblea Nazionale Ecclesiastica per quattro anni, e dai consiglieri amministrativi patriarcali quali membri permanenti. I LE SORGENTI DELLA VITA ECCLESIALE RUMENA ORTODOSSA: SITUARE LE ORIGINI L'apostolo Paolo, con alcuni dei suoi discepoli, hanno predicato nella Penisola dei Balcani e anche nei territori adiacenti della Dacia, dove viveva una popolazione romanizzata di Traci e Geti. L apostolo Andrea predicò nelle zone tra il Danubio ed il Mare Nero, più tardi verso Dobrudgea conosciuta dalle fonti antiche come Scythia (cfr le opere Sugli Apostoli d Ippolito Romano, Eusebio ed Origene). Nell'anno 46 dell'era cristiana il territorio fu conquistato dai Romani, e fu annesso a provincia Moesia Inferior. Nel 297, col regno di Diocletiano divenne una provincia separata, chiamata Scythia Minor. Secondo la tradizione Sant Andrea consacrò il suo discepolo Ampilat come vescovo di Odyssos (il Varna di oggi, in Bulgaria), ed alcuni altri vescovi, preti o diaconi per il territorio tra il Danube e il Mare, così che la fede in Romania può essere considerata, con la buona ragione, di origine apostolica. Nel 106, parte del territorio dei Geti-Daci fu convertito in una provincia Romana (Transilvania, Banat, Oltenia e una parte di Muntenia), ove operarono missionari informali fra coloni, soldati, commercianti e schiavi che avevano adottato la fede cristiana prima di venire a Dacia. Il martirio di San Sava presso la città di Buzau, ebbe luogo il 12 Aprile 372, ed anche un Nichita e alcuni altri: Zoticos, Atalos, Kamssis e Filipos a Noviodunum (l'isaccea di oggi) le cui reliquie sono state scoperte in una cripta in Niculitel, contea di Tulcea (oggi posò nella chiesa del Convento di Cocos), Chiril, Chindeas e Tasius a Axiopolis (il Cernavoda di oggi), il prete Epictet e il suo discepolo convertito Astion a Halmyris (il Dunavat di oggi), Macrobiu, Gordian, Heli, Lucian, Zotic e Valeriana, fratelli di Argeu, Narcis e Marcelin tutto di loro a Tomis (il Constanta di oggi), il soldato Pasicrat, Valentin, Marcian e Nicandru e più tardi il soldato Emilian nella città di Durostorum (il Silistra di oggi) al confine tra le province di Scythia Minor e Moesia Inferior, i martiri Quintilian, Massima il lettore e Dadas soffrì nel villaggio di Ozobia, Durostorum vicino. Tra i Padri della Chiesa vi sono Giovanni Casian (circa ), fondatore di due conventi in Marsilia (il Marseille di oggi, Francia), e Dionisius Exiguus (o il l umile circa ). Si contano 35 basiliche dal 4º al 6º secolo, scoperte nei centri urbani principali della provincia, in Tomis Callatis (il Mangalia di oggi), Tropaeum Traiani (Adamclisi), Histria (Istria), 1 Lista dei Patriarchi: Miron ( ) / Nicodim ( ) / Iustinian ( ) / Iustin ( ) / Teoctist (1986-Presente) 2 WIKIPEDIA FREE ENCYCLOPEDIA, Romanian Orthodox Church, in «Internet» 2008, Church. 3

4 Axiopolis (Cernavoda), troesmis (Iglitia), Dinogetica (Garvan) ecc. Il processo del battesimo dei Daciani-romani ha un carattere specifico, risultato del contatto diretto della popolazione nativa coi coloni o i promotori della fede. A differenza del mondo slavo orientale, sembra che la caratteristica popolare della Chiesa rumena non si scosti dalla impostazione strettamente ecclesiastica di vita cristiana. Potrebbe essere, questo, un accenno di genialità piuttosto latino nella configurazione ecclesiale ortodossa della Romania 1. Il 25 aprile 1885, la Chiesa Ortodossa rumena diventa autocefale ed il 25 febbraio 1925 accede al rango di Patriarcato. I rapporti inter-ecclesiali si svilupparono progressivamente in riferimento al Patriarcato di Costantinopoli ( ) 2. II CARATTERISTICHE DELL INTUITO RUMENO ORTODOSSO L intento ortodosso rumeno segue il doppio binario della tradizione bizantina costantinopolitana e russa ortodossa, con specificità proprie dell ingegno rumeno. Un aspetto viene sottolineato dalla stessa Chiesa rumena ortodossa: l impegno della ricerca teologica si è progressivamente sviluppato, nella consapevolezza della teologia rumena ortodossa di essere tuttora in una fase giovanile 3. III I PRESUPPOSTI DELLA RICONCILIAZIONE 1 ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, IN «Internet» 2001, 2 D. Obolenskij, Il commonwealth bizantino, Roma 1974, p. 369: «La creazione di questi due metropolitanati di «Oungrovlachia» e «Moldovlachia», come furono chiamati dalla cancelleria bizantina, fu, si può dire, un trionfo per il patriarcato ecumenico che, in un tempo in cui l'impero andava sprofondando nella sua rovina finale, fu capace di stabilire la sua autorità fra il basso Danubio e i confini meridionali della Polonia. I Rumeni, per parte loro, acquistando due Chiese organizzate sotto la giurisdizione di Costantinopoli, raggiunsero una posizione internazionale paragonabile a quella dei loro vicini esteuropei, e si assicurarono il loro tardivo ingresso nel Commonwealth bizantino. Abbiamo scarse information attendibili sulle connessioni politiche delle corti di Arges e Suceava con Bisanzio; ma, anche se studiosi odierni sono inclini a non attribuire loro più che un'importanza marginale, non crediamo si possa dubitare che almeno Mircea il Vecchio di Valacchia ( ) e Alessandro il Buono di Moldavia ( ), ebbero con Costantinopoli relation non soltanto ecclesiastiche». 3 INSTITUT BIBLIQUE ET DE MISSION ORTHODOXE, Préface, in EGLISE ORTHODOXE ROUMAINE, De la théologie orthodoxe roumaine des origines à nos jours, Bucarest 1974, p. 14: La théologie orthodoxe roumaine malgré le grand âge de ses rudiments se trouve encore dans sa période de jeunesse. Elle n a pas encore offert tous et ses meilleurs fruits. Elle ressent les imperfections de sa jeunesse qu'elle espère pouvoir combler bientôt. Elle souffre parfois de manque d information complète, le contact avec les theologiens orthodoxes et non-orthodoxes n est pas toujours bien suivi, bien que la situation se soit considérablement ameliorée, les thèmes et les problèmes sont analysés quelques fois selon des intuitions peut-être trop spéciales. La présentation qui suit n'est pas identique pour toutes les disciplines. Les critères varient selon les auteurs. II y a des chapitres où les auteurs respectifs étudient un thème spécial. Certains parmi ces auteurs soulignent un peu trop leurs contributions ou sont trop élogiés par d'autres. La théologie roumaine se rend compte de ses imperfections et mettra des efforts continus pour en sortir et pour bâtir son édifice selon le modèle vénérable des Pères. Elle espère pouvoir le faire par l'accumulation et la filtration de connaissances nouvelles, par la pureté du coeur, par l'amour et par la prière. Les théologiens orthodoxes roumains actuels rendent hommage à tous leurs prédécesseurs qui ont peiné de différentes manières dans le champs de leur travail depuis environ 400 ans. Ils rendent hommage surtout a Sa Beatitude le Patriarche Justinian, le stimulateur et le conseiller de la période la plus féconde de notre théologie, théologie de la vie et de l'homme chistophore, théologie du Logos et des oeuvres transformatrices et sanctificatrices du coeur humain. 4

5 L APERTURA ECUMENICA INTERNAZIONALE Il Patriarcato Ortodosso di Bucarest è membro del Consiglio ecumenico delle Chiese dal 1961, come anche del Consiglio delle Chiese europee. IL CONTENZIOSO CON LE TRADIZIONI ORTODOSSE Il Vecchio Calendarismo nasce in Romania nello stesso tempo e nelle stesse circostanze del fenomeno analogo in Grecia, ma nessun rappresentante dell episcopato romeno volle darvi il proprio appoggio (con repressioni da parte delle autorità ecclesiastiche e statali, che durarono diversi decenni). Questi due fattori cementarono il movimento vecchio-calendarista romeno dandogli una vasta base di solidarietà popolare e lo mantennero compatto, evitando quelle scissioni tra diverse obbedienze rivali che screditarono alla base il Vecchio Calendarismo in Grecia. Dopo la Seconda Guerra mondiale l adesione al movimento di un rappresentante dell episcopato romeno, il Metropolita Galaction (Cordun), ha permesso al movimento di stabilire un proprio sinodo episcopale. Dal 1983 questo sinodo si è integrato con quello del Metropolita Cipriano di Oropos e Filì. Solo dopo il 1989 i Vecchi Calendaristi romeni hanno potuto costituirsi legalmente in Chiesa minoritaria. La Chiesa romena di Vecchio Calendario ha la propria sede presso il monastero di Slatioara, nel distretto di Suceava, nel nord della Romania. Conta oltre 130 tra parrocchie e monasteri e il consenso popolare è notevole (si parla di circa mezzo milione di romeni simpatizzanti, inclusi quei fedeli del patriarcato romeno che continuano a mantenere il Vecchio Calendario nella sfera familiare privata). Con la vasta immigrazione romena in Italia, è iniziata la costituzione di parrocchie, prima a Torino e quindi a Roma. La costituzione delle comunità di ortodossi romeni di Vecchio Calendario si è avuta per iniziative spontanee, talora in collaborazione con le comunità del Sinodo della Resistenza. B. IL CONTENZIOSO CON LA GESTIONE ROMANA DELLA CHIESA Le difficoltà tra Roma e il Patriarcato rumeno rinviano a una doppia problematica storica: più remota e più recente 1. Per quella più recente, con l'avvento del comunismo in Romania dopo la seconda guerra mondiale, la Chiesa Romena Unita greco-cattolica fu messa fuori legge con il decreto nr. 358 del 1 dicembre 1948 ed i suoi beni materiali confiscati, e una parte sono stati presi dallo Stato e un'altra data alla Chiesa ortodossa romena. La gerarchia di questa Chiesa insieme al clero e fedeli sono stati costretti ad entrare con la forza nell'unica Chiesa riconosciuta dallo Stato. La resistenza da parte di tutti i membri di questa Chiesa è stata molto forte, non accettando nessun tipo dì compromesso con il regime comunista, preferendo il carcere e la persecuzione al tradimento di quell identità. Nel 1989, l'anno in cui crollano i regimi comunisti europei, in Romania si verifica la rinascita della Chiesa Romena Unita greco-cattolica, ma insieme alla libertà cominciano anche i problemi di vario tipo. Innanzitutto, la mancanza dei luoghi di culto e delle altre strutture. La posizione ufficiale adottata dalla Chiesa greco-cattolica in Romania, è quella di una richiesta di restituzione ad integrum di tutti i beni materiali, posizione non accettata dalla Chiesa ortodossa romena, perché era consapevole che restituendo le chiese ed i beni 1 Paul VI, Allocution durant l audience donnée à la délégation roumaine, in Information service, 1972 n 17, p. 14: Le Seigneur nous donnera la force et la sagesse généreuse de rechercher de bonne foi et de bonne volonté et d'atteindre finalement la solution des difficultés qui existent aujourd'hui entre l'eglise catholique et la vôtre: qu elles remontent aux siècles passés ou à des années plus récentes et queues soient ainsi encore plus ressenties et plus douloureuses. 5

6 materiali avrebbe restituito contemporaneamente anche i fedelì greco-cattolici, che erano costretti ad entrare nella Chiesa ortodossa nel 1948, ricostituendo l'unità religiosa del popolo romeno, rotta nel 1700 quando la Chiesa ortodossa della Transilvania si è unita con la Chiesa di Roma. Con questa posizione della Chiesa greco-cattolica della Romania nei confronti della Chiesa ortodossa romena, inizia un periodo di grandi tensioni tra i fedeli delle due Chiese, che culmina con l'occupazione con la forza di tanti luoghi di culto da parte dei fedeli greco-cattolici ritornati nella loro Chiesa (per esempio, il 19 maggio 1991 l occupazione della chiesa cattedrale metropolitana di Blaj, dedicata alla Santa Trinità, dove è la Sede del Metropolita, dovendo intervenire le forze dell'ordine). In seguito a questo il Patriarca della Chiesa ortodossa romena, Sua Beatitudine Teoctist, ha inviato un messaggio ai primati di tutte le altre Chiese ortodosse autocefali a decidere l'interruzione totale, del dialogo teologico con Roma per tutto il Pontificato di Giovanni Paolo II, finché questi, contro l'ecumenismo favorisce il proselitismo uniate, cioè l'espansione del cattolicesimo a detrimento dell'ortodossia in tutta l'europa orientale. Nel messaggio dei Patriarca Teoctist si può leggere ancora che, non è il solo caso di occupazione abusiva e violenta da parte dei cattolici di rito orientale di chiese di cui fedeli sono in stragrande maggioranza ortodossi 1. La rinascita delle Chiese cattoliche orientali dopo il 1989 mette così in grande difficoltà il cammino ecuinenico e lo svolgersi normalmente gli incontri della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa Cattolica di comunione romana e la Chiesa ortodossa, che dagli anni '60 iniziava per cercare l'unità della Chiesa di Cristo. La Chiesa greco-cattolica in Romania dall'inizio degli anni '90 ha formulato questa pretesa di riavere subito indietro tutti i suoi beni materiali per svolgere la sua missione, senza tenere conto che la realtà era molto diversa dal 1946; mancanza di fedeli, clero e così via. Vedendo la posizione dura della Chiesa Ortodossa Romena su questo aspetto, si è cominciato a fare una grande polemica con gli ortodossi, affermando che loro hanno tradito per tutto questo tempo il popolo romeno, accettando la collaborazione con il regime ateo comunista, scendendo a vari compromessi con lo stato, innanzitutto collaborando per la distruzione della stessa Chiesa greco-cattolica. La Chiesa ortodossa romena reagisce cercando di difendersi dalle varie accuse che vengono fate, e invita la Chiesa greco-cattolíca al dialogo ed a parlarsi insieme per vedere ciò che si potrebbe fare, per risolvere con la collaborazione la questione dei luoghi di culto, ma per loro restituendo tutte le chiese è una questione che non può essere accettata, giustificandosi che gli edifici appartengono ai fedeli ortodossi e non alla Chiesa ortodossa romena, come istituzione. Una valutazione molto oggettiva delle vicende della Chiesa ortodossa romena durante il regime comunista è stata fatta dal Metropolita del Banato Nicolae Comeanu, che tra l'altro è l'unico che ha il coraggio di riconoscere gli errori compiuti dalla Chiesa ortodossa romena durante il periodo del comunismo, e nella sua Metropolia restituisce quasi tutti gli edifici di culto ai fratelli greco-cattolici 2. La spinta decisiva si è verificata alla vigilia dell'incontro avvenuto a Bucarest, dal 30 agosto al 1 settembre 1998, del XII incontro internazionale Uomini e Religioni. La pace è il nome di Dio, sul tema Dio, l'uomo e i popoli organizzato dalla comunità di Sant'Egidio, dalla Presidenza della Romania e dal Patriarcato della Chiesa Ortodossa Romena 3. Questo incontro fu providenziale anche per il processo della reazione del Documento di Balamand, sulla questione dell'uniatismo. La Chiesa Ortodossa Romena chiedeva di ritirare dai tribunali tutti i processi iniziati contro di loro per ottenere in tante località le chiese richieste dalle comunità greco-cattoliche. In seguito si costituirono due Commissioni, una greco- 1 Cf A. Filippi, Diario ecumenico. Attualità Chiesa ortodossa romena - Chiesa cattolica, in «Il Regno-Attualità», 1991 nº 36, p Cf. F. Strazzari, Mea colpa ortodosso, in «Il Regno-Attualità», 1999 nº 44, pp Cf. A. Calà, Uomini e religioni. Riflessioni a Bucarest sulla pace e sui nazionalismi esasperati, in «L'OsservatoreRomano», 2 settembre 1998, nº 201, p. 2; inoltre, R. Giacomelli, A Bucarest è ripreso il dialogo tra ortodossi e greco-cattolici, in «Jesus», 1998 nº 10, p

7 cattolica e l'altra ortodossa, che nel 28 ottobre 1998 si incontrano per la prima volta presso il palazzo patriarcale di Bucarest, e presentata dalla stampa greco-cattolica con tanta gioia, affermando che "Il motivo di questo primo incontro, conforme al desiderio della gerarchia della Chiesa greco-cattolica e alla decisione del Santo Sinodo della Chiesa Ortodossa Romena è quello di discutere su «l'uso alternativo e la restituzione delle chiese»" 1. B. LE PROSPETTIVE APERTE DAI DIALOGHI INTERECCLESIALI La Chiesa Ortodossa rumena partecipò dall inizio agli incontri ecumenici ed inter-ortodossi 2. L affiliazione e la collaborazione in seno al Consiglio ecumenico delle Chiese inizia nel Dal 1964 è membro della Conferenza delle Chiese europee. L Associazione ecumenica delle Chiese (AIDRom), fondata nel 1993 mantiene i contatti con i partners Ecumenici internazionali. L AIDRom, tramite la Settimana di Preghiera per l Unità dei Cristiani, incoraggia ed assiste lo svolgimento di una liturgia ecumenica in tutto il paese. La settimana di preghiera per l unità dei cristiani, è celebrata in alcune località sin dal Nel 1990 è stato nuovamente stato concesso il permesso di costruire associazioni, con la conseguente nascita di molte associazioni Cristiane, sia confessionali che ecumeniche: a Bucarest opera la società biblica interconfessionale della Romania. Nel 1992 è stato costituito il FORUM ECUMENICO delle DONNE CRISTIANE in ROMANIA al quale fanno parte associazioni cristiane di donne e di singoli aderenti. Il Forum organizza incontri ecumenici e di formazione ai quali partecipano le donne provenienti da tutto il paese. Le relazioni ecumeniche tra le varie Chiese sono mantenute a livello di autorità ecclesiali e facoltà teologiche e sottoforma di alleanza tra le chiese locali e quelle esterne. IL DIALOGO BILATERALE CON LA CHIESA CATTOLICA DI COMUNIONE ROMANA Il dialogo si abbozza con la prima visita della delegazione rumena a Roma (14-23 marzo guidata da S. E. Mons. Antonie Plamadelea), con l intento di impostare un primo approccio sulle difficoltà tra Bucarest e Roma. Da parte ortodossa si specifica il tipo di dialogo: di cooperazione e «su piede di uguaglianza» di fronte ai grandi problemi dell umanità 4. 1 Cf. BIROUL DE PRESA AL NUTROPOLIEI, BLAJ, Comunicat, in «Viata Crestina», 1998 nº 20, p ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, IN «Internet» 2001, «Relations both with the other Orthodox Churches and with other Christian Churches were strengthened. So, the Romanian Orthodox Church sent delegates to the pan-orthodox conferences in Constantinople (1923), to the Monastery of Vatoped at Mount Athos (1930), to the first Conference of the theology professors in the Balkans, held in Sinaia, Romania (1924), to the first Congress of the Orthodox professors in Athens (1936). Patriarch Miron paid a few visits to some Orthodox hierarchs abroad and was visited in Bucharest. The Romanian Orthodox Church also participated in a few Congresses of the three branches of the ecumenical movement that activated during the wars: Practical Christianity (Stockholm 1925, Bern 1926), Faith and organisation (Lausanne 1927) and World Alliance for brotherhood of the peoples through the Church (Prague 1928, Faris Bad Larvik in Norway 1938). The last one held several regional conferences, some of them even in Romania (Sinaia 1924, Bucharest 1933, Râmnicu Vâlcea 1936). Close relations with the Anglican Church were established, especially after the admittance of the Anglican ordinations by the Holy Synod in Bucharest, in 1935». 3 ROMANIAN ORTHODOX CHURCH, PATRIARHIA ROMANA. Acesta este site-ul oficial al Bisericii Ortodoxe Romane, IN «Internet» 2001, «The Romanian Orthodox Church has been a member of the World Council of Churches since It sent delegations to the General Assemblies in New Delhi (1961), Uppsala (1968), Nairobi (1975), all of them headed by the then metropolitan of Moldova and Suceava, Iustin Moisescu (former member of the Central Committee until 1977) and to Vancouver (1983), headed by the Metropolitan of Transylvania Antonie Plămădeală. Other Romanian Orthodox theologians have been members of various Commissions of the World Council of Churches. Patriarchs Justinian and Iustin visited the headquarters of the World Council of Churches. In their turn, many leaders of this great inter-christian organisation visited Romania on various occasions and discussed with the Romanian patriarchs and with other leaders of religious cults, hierarchs or theology professors, too. Our Church brought its contribution to the promotion of the inter-christian dialogue within the framework of the Conference of European Churches, seated in Geneva (a few sessions of these two great organisations were held in Romania)». 4 A. Plamadelea, Allocution au cours de l audience de la délégation roumaine, in Information service, 1972 n 17, pp : S. E. Mgr Antonie s'est adressé au Saint Père en ces termes au nom de la délégation patriarcale: Sa Béatitude notre Patriarche Justinien, considère que 7

8 Il primo incontro delle Commissioni, ortodossa e greco-cattolica nel Bucarest, il 28 ottobre Durante questo primo incontro si sottolinea l'importanza della nuova atmosfera di comprensione reciproca che si è creato tra le due parti, e si deve considerare il dialogo come unica via di riconciliazione tra le due Chiese, e inoltre si sono stabilite di comune accordo i principi del dialogo per una continuazione pacifica dei dialogo. I quattro punti stabiliti sono: -1. Il dialogo essendo la via della riconciliazione, esso deve continuare in un'atmosfera di sincerità, rispetto reciproco e fratemità, rinunciandosi all'occupazione dei luoghi di culto con la forza, alle azioni giuridiche o legislative, al linguaggio polemico attraverso i mass media, e ad ogni forma di proselitismo. -2. La soluzione mediante il dialogo della questione relativa all'uso dei luoghi di culto, analizzando a livello eparchiale e parrocchiale i casi dove la minorità non ha un luogo di culto. -3. Fino al prossimo incontro comune dei consigli di dialogo, i responsabili ortodossi e grecocattolici di ogni eparchia si incontreranno e analizzeranno a livello locale ogni caso in parte tenendo presente le possibilità reali di soluzione dei problemi, nel confronto con il clero e con i fedeli; i dati risultanti dai luoghi saranno presentati al futuro incontro comune delle due Commissioni di dialogo, che si terra giovedì 28 gennaio 1999 a Blaj. -4. Si sottolinea il grande bisogno di un'atmosfera di fiducia reciproca, a livello di episcopato, clero e fedeli, così che i vescovi, che portano avanti il dialogo, siano appoggiati dai preti e dai fedeli in questo lavoro di riconciliazione. Le reazioni registrate sia dalla parte ortodossa che greco-cattolíca, sono state tutt'altro che positive anche a livelli più alti delle due Chiese, nonostante un certo scetticismo e dubbio sulla sincerità e la buona fede dalla parte ortodossa in quanto essa "in alcune parti della Chiesa Ortodossa Romena della Transilvania -tanto prima dell'incontro di dialogo di Bucarest, quanto dopo questo- continuano senza fermarsí a portare i più gravi insulti indirizzati alla Chiesa grecocattolica, al suo clero e ai fedeli greco-cattolíci, anche se il primo dei principi stabiliti (per il percorso dei dialogo)... lo impedirebbero 1. La celebrazione, con il patriarca Teoctist, nella Cattedrale dell'incoronazione di Alba lulia, considerata il simbolo di unità della nazione romena e alla quale insieme ai comunisti, dell'anniversario degli eventi del , di cui la stampa laica della Romania, scrisse: "In questo modo la soppressione della Chiesa greco-cattolica del 1948 da parte della securitate comunista, all'ordine di Stalin, l'incarcerazione dei vescovi e dei preti che hanno resistito ai maltrattamenti (torturati) e alla minacce, rifiutando di collaborare con l'occupante sovietico, sono festeggiate oggi da una parte della Chiesa Ortodossa, come una vittoria storica della reintegrazione della Chiesa Ortodossa Romena" 3. les relations d avenir entre les Eglises, devraient prendre, jusqu'à la possibilité d un dialogue théologique, la forme d un dialogue de collaboration, sur pied d'égalité et de respect réciproque et dans un esprit de fraternité et de responsabilité commune, afin de résoudre les grands problèmes actuels de l'humanité présente à laquelle les Eglises tendent avec une égale sollicitude. Ce dialogue pourra rapprocher les Eglises et les aidera à se connaître et se respecter réciproquement, les préparant pour un dialogue théologique. 1 Cfr Comunicat, in «Viata Crestina», 1998 nº 21, p Cfr A. Prundus - C. Ploianu, Este posibil il dialogul de reconciliere cu Biserica Ortodoxa Româna?, in «Viata Crestina», 1998 nº 22, p Cfr I. Zubascu, Dialogul dintre Biserica Ortodoxa sì Biserica Greco-Catolica este pus sub semnul incertitudini, in «Romania Libera», 21 octombrie

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013 SOCIETÀ E RELIGIONE IN ROMANIA 1.1. ASPETTI SOCIO- DEMOGRAFICI Per quanto riguarda il contesto demografico della Romania si fa riferimento ai dati forniti dall Istituto Nazionale di Statistica (INS) nel

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS Introduzione. La questione dell appartenenza di un fedele ad una Chiesa sui iuris, per la Chiesa cattolica, era e continua ad essere un tema importante (sia dal punto

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità 1 4. 23 dicembre 2013: La sinodalità Una volta precisata la natura della parrocchia come comunità ecclesiale, e del sacerdote parroco come pastore del popolo, passo a vedere come si debba affrontare al

Dettagli

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 1982 Libertà religiosa e libertà della Chiesa. Il fondamento della relazione Chiesa - comunità politica nel quadro del dibattito postconciliare in Italia, Morcelliana,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO PARTE PRIMA II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Classificazione Fonti di produzione del diritto ecclesiastico: fonti di provenienza unilaterale statale: norme che lo Stato emana direttamente e autonomamente

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

Provvedimenti emanati in materia di Culti

Provvedimenti emanati in materia di Culti Cod. ISTAT INT 00034 AREA: Popolazione e Società Settore di interesse: Famiglie e comportamenti sociali Provvedimenti emanati in materia di Culti Titolare: Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione.

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC)

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) INTRODUZIONE 01. Il Movimento dei Cursillos di Cristianità è un movimento ecclesiale a diffusione mondiale che opera all interno della Chiesa

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci La Santa Sede e la Repubblica Ceca partendo dalle tradizioni secolari della comune storia della Chiesa cattolica e

Dettagli

L ACCOGLIENZA DEGLI ORTODOSSI ROMENI NELLA NOSTRA CHIESA. orientamenti pastorali

L ACCOGLIENZA DEGLI ORTODOSSI ROMENI NELLA NOSTRA CHIESA. orientamenti pastorali ARCIDIOCESI DI LUCCA UFFICIO PER L ECUMENISMO E IL DIALOGO L ACCOGLIENZA DEGLI ORTODOSSI ROMENI NELLA NOSTRA CHIESA orientamenti pastorali ottobre 2003 1. IL FENOMENO NELLA DIASPORA NELLE CHIESE ORTODOSSE

Dettagli

II Diritto Canonico Orientale nell'ordinamento ecclesiale

II Diritto Canonico Orientale nell'ordinamento ecclesiale C. FÜRST, I. ZUZEK, M. BROGI, D. SALACHAS A. GUTIERREZ, J. CHIRAMEL, J. VADAKUMCHERRY, D. JAEGER G. DI MATT1A, G. NEDUNGATT, J. ABBASS, J. FARIS II Diritto Canonico Orientale nell'ordinamento ecclesiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Giovanni Guaita Qualche nota sui rapporti tra Ortodossia e Cattolicesimo

Giovanni Guaita Qualche nota sui rapporti tra Ortodossia e Cattolicesimo Giovanni Guaita Qualche nota sui rapporti tra Ortodossia e Cattolicesimo E luogo comune molto diffuso da alcuni decenni che la «separazione» tra ortodossi e cattolici risalga al cosiddetto «scisma d Oriente»,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014

ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014 ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014 OTTOBRE 2013 18 ottobre: Festa della Chiesa diocesana Promulgazione del Regolamento del Sinodo 20 ottobre: 87ª Giornata missionaria

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ. Sydney (Australia), 15 20 luglio 2008 NOTA INFORMATIVA

XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ. Sydney (Australia), 15 20 luglio 2008 NOTA INFORMATIVA Pontificio Consiglio per i Laici Sezione Giovani 00120 Città del Vaticano Tel. +39 06 698.87.244 Fax + 39 06 698.87.112 E mail XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ Sydney (Australia),

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

I LAICI: QUALE MISSIONE?

I LAICI: QUALE MISSIONE? Adérito Gomes Barbosa, scj I LAICI: QUALE MISSIONE? 1. I laici nella storia della Chiesa Nei tempi apostolici, i ministeri di base erano: il servizio della parola (profeti, evangelizzatori e dottori);

Dettagli

LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE

LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE Promulgata il 4.1\0.95 con due succ mod. 2.7.97 art 10 legge e stato ampliato altra mod 11.5.2000 art 14. versione attuale della legge con le mod

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia ORIENTAMENTI E NORME PER LA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO NELLA DIOCESI DI SORRENTO - CASTELLAMMARE DI STABIA La Chiesa che è in Sorrento-Castellammare di

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

Indice analitico. I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione

Indice analitico. I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione Indice analitico I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione Alienazione: di beni culturali: 73; di beni dell istituto diocesano per il sostentamento del clero: 94; requisiti per la liceità: 64;

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

PELLEGRINAGGIO GIUBILARE DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II IN GRECIA, IN SIRIA E A MALTA SULLE ORME DI S. PAOLO APOSTOLO (4-9 MAGGIO 2001) - PROGRAMMA

PELLEGRINAGGIO GIUBILARE DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II IN GRECIA, IN SIRIA E A MALTA SULLE ORME DI S. PAOLO APOSTOLO (4-9 MAGGIO 2001) - PROGRAMMA N. 0220 Giovedì 19.04.2001 PELLEGRINAGGIO GIUBILARE DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II IN GRECIA, IN SIRIA E A MALTA SULLE ORME DI S. PAOLO APOSTOLO (4-9 MAGGIO 2001) - PROGRAMMA PELLEGRINAGGIO GIUBILARE

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

Lo sviluppo comunicativo da Acri in India

Lo sviluppo comunicativo da Acri in India Lo sviluppo comunicativo da Acri in India Già dal 1985, un gruppo di giovani ragazze indiane fecero domanda di entrare tra le suore Piccole Operaie dei Sacri Cuori e vennero accolte nella casa di formazione

Dettagli

Arcidiocesi di Monreale

Arcidiocesi di Monreale Arcidiocesi di Monreale Calendario delle attività pastorali 2015-2016 Visita Pastorale - Verso il Sinodo diocesano Settembre 2015 16 Poggio San Francesco UCD - Assemblea catechistica di inizio anno 24

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

LA ROMANIA STORIA, CULTURA, TRADIZIONI, ECONOMIA, RELIGIONE

LA ROMANIA STORIA, CULTURA, TRADIZIONI, ECONOMIA, RELIGIONE LA ROMANIA STORIA, CULTURA, TRADIZIONI, ECONOMIA, RELIGIONE LA ROMANIA CAPITALE: BUCAREST POPOLAZIONE: 22 MILIONI DI ABITANTI SUPERFICIE: 237.391 km 2 POLITICA: Repubblica democratica e sociale, dal 2003

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

INTRODUZIONE I. CRITERI E PROMOZIONE VOCAZIONALE

INTRODUZIONE I. CRITERI E PROMOZIONE VOCAZIONALE INTRODUZIONE In una visione di Chiesa come comunione, il carisma di san Daniele Comboni è un dono dello Spirito alle Chiese particolari dove sorgono laici missionari comboniani (LMC). Il movimento laicale

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

I N. Si chiedano preghiere soprattutto ai monasteri di clausura.

I N. Si chiedano preghiere soprattutto ai monasteri di clausura. M I S S I O N E MARIA di NAZARETH I N E U R O P A Fratello, sorella, ciò che ti presento è una proposta, liberamente offerta a tutti quei cristiani che desiderano operare per una Nuova Evangelizzazione

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 NORME PER I MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE L.V.D. LXXV (1984) pp. 373-380 L Eucaristia è sorgente e vertice di tutta la vita cristiana, ed è fonte dell

Dettagli

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006 DIOCESI DI PATTI RENDICONTO RELATIVO ALLA EROGAZIONE DELLE SOMME ATTRIBUITE ALLA DIOCESI DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA EX ART. 47 DELLA LEGGE 222/1985 PER L ANNO 2006 EROGAZIONE DELLE SOMME DERIVANTI

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura. La Comunità Pastorale

I Venerdì dell Avvocatura. La Comunità Pastorale Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura La Comunità Pastorale 3 incontro - 13 dicembre 2013 Le Fonti principali 1) Preti missionari per una rinnovata pastorale d

Dettagli

Orientalium Ecclesiarum 1 www.olir.it

Orientalium Ecclesiarum 1 www.olir.it DECRETO Orientalium Ecclesiarum SULLE CHIESE ORIENTALI CATTOLICHE PROEMIO 1. La Chiesa cattolica ha in grande stima le istituzioni, i riti liturgici, le tradizioni ecclesiastiche e la disciplina della

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELII GAUDIUM DEL SANTO PADRE FRANCESCO

ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELII GAUDIUM DEL SANTO PADRE FRANCESCO Testo completo al link vaticano: http://www.vatican.va/holy_father/francesco/apost_exhortations/documents/papafrancesco_esortazione-ap_20131124_evangelii-gaudium_it.html Il testo con i punti salienti dell

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli