Accordo CIPNES-WIND per internet ad alta velocità Wi Fi gratis alle aziende

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordo CIPNES-WIND per internet ad alta velocità Wi Fi gratis alle aziende"

Transcript

1 Anno 7 numero 18 luglio 2012 Accordo CIPNES-WIND per internet ad alta velocità Wi Fi gratis alle aziende Viabilità: manutenzione straordinaria circonvallazione di Olbia e nuove opere stradali del comparto Tilibbas Nizzi ha inaugurato due nuove rotatorie Videosorveglianza: le telecamere sentinelle della zona industriale Ufficio Posteimpresa moderno e senza code

2

3 1 editoriale Triste la vita con lo spread di Costanzo Spineo M a Nato a Roma, studi di Giurisprudenza e Psicologia, giornalista professionista da più di 40 anni; 25 anni al vertice della Nuova Sardegna, esperienze anche all Alto Adige, al Lavoro e a Repubblica. Due mondiali di calcio, un europeo e due Olimpiadi da inviato speciale. Attualmente è responsabile delle relazioni esterne del Cipnes, conduttore di programmi televisivi su alcuni canali sardi. Ha progettato e realizzato grandi eventi in Costa Smeralda. Ha tre grandi amori: i nipotini Flavia e Daniele, la Sardegna. quando finirà la crisi? Riusciremo a salvarci? È la domanda che si fanno tutti gli italiani. Azzardare una risposta significa esporsi a una smentita anche fulminea. Perché capita che nel volgere di pochi minuti lo spread si impenni, le borse crollino, le stime sul prodotto interno lordo vengano ridimensionate. Lo spread è l indice della paura, alimenta conflitti tra Nord e Sud, tra vecchi e giovani. L impalpabile spread è la maledizione dei giorni nostri, si è impadronito della nostra vita, condiziona le attività delle imprese. E i sacrifici chiesti dal governo agli italiani, basati su nuove tasse, non fanno intravedere sviluppo e crescita. Ecco perché la risposta alla domanda delle domande ( ma quando finirà la crisi? ) resta senza una valida, convincente risposta. In Sardegna la situazione è drammatica, infatti il CRE- NOS, il centro di ricerca delle Università di Cagliari e Sassari, nel suo 19 rapporto, sottolinea che la Sardegna è poco competitiva. Molte le cause: Il ritardo dipende da una forte carenza infrastrutturale, da una bassa dotazione di capitale umano e da una scarsa propensione all innovazione scrive Giovanni Sulis, docente di economia politica e curatore del rapporto. Alcuni dati del rapporto sono davvero preoccupanti, osserva Sulis: La percentuale dei laureati cresce troppo lentamente e si attesta al 15,2% della media dell Europa a 27%. Gli obiettivi della prossima strategia europea Horizon 2020 appaiono molto lontani. Anche il turismo soffre della carenza di competitività. I dati confermano che il settore stenta ad assumere un ruolo guida. Calati gli arrivi e le presenze, in particolare si è registrata una flessione della componente nazionale, mentre il flusso di stranieri durante i mesi di spalla permette di ridurre il fenomeno della stagionalità, molto accentuato nell isola. Tutto questo non fa bene al lavoro. La disoccupazione colpisce di più i maschi, in particolare i giovani e quello occupati nell industria, mentre le donne continuano a migliorare la loro condizione, trovando occupazione nei servizi. I tassi di disoccupazione dei giovani sardi superano abbondantemente i livelli di guardia è l amara conclusione del rapporto del CRENOS.

4

5 Sommario ACCORDO CIPNES-WIND Per internet ad alta velocità WI-FI gratis a tutte le aziende VIABILITÀ 9 Manutenzione straordinaria della tangenziale e del comparto Tilibbas ENERGIA 10 Progetti di qualità: pista ciclabile con pannelli fotovoltaici, Spiritu Santu e Azza Ruia NAUTICA 15 Polo Fieristico Nautico affidato l incarico per la realizzazione del progetto 9 10 SERVIZI 17 Posteimpresa: aperta la nuova sede in zona industriale ROTATORIE 23 Inaugurate due importanti rotatorie per il collegamento agglomerato industriale-città 21 Anno 7 numero 18 luglio 2012 Rivista del Consorzio Industriale Provinciale Nord Est Sardegna - Gallura Direttore Responsabile Costanzo Spineo - Editore CIPNES Gallura Olbia (OT) Loc. Cala Saccaia tel fax Marketing - Redazione Grazia Fiori - Registrazione presso il Tribunale di Tempio Pausania n. 115 del 13/01/2004 Foto Archivio CIPNES Gallura Coordinamento produzione È vietato l utilizzo di qualunque materiale, testi, immagini, grafica pubblicitaria. Tutti i diritti sono riservati.

6 ACCORDO CIPNES - WIND

7 5 iniziative Internet ad alta velocità Wi Fi gratis a tutte le aziende Entro la fine dell anno la zona industriale più moderna e competitiva Il CIPNES Gallura ha raggiunto un accordo tecnico-commerciale con la Wind Telecomunicazioni SPA per poter dotare in tempi rapidi l'area industriale di un'infrastruttura basilare di rete in fibra ottica in grado di soddisfare con elevato standard qualitativo tutte le esigenze di interconnettività del sistema imprenditoriale. Il progetto presentato dalla Wind Telecomunicazioni International prevede infatti la realizzazione di dorsali di connessione principali che interesseranno essenzialmente l'area industriale insediata, rendendo così possibile l agevole esecuzione di derivazioni periferiche per portare, se richiesto, questo tipo di connettività alle aziende. Per la stesura dei cavi in fibra ottica sarà utilizzata una tecnica definita no-dig, che consentirà di perforare il terreno, nel quale inserire i cavidotti, con danni e disguidi minimi, praticamente inesistenti, ai lati della sede stradale, di limitare l'utilizzo di mezzi pesanti, di velocizzare tutte le operazioni di installazione dell'infrastruttura di rete. In tal modo, si prevede che entro la fine dell'anno la zona industriale di Olbia possa essere in gran parte servita da un'architettura di rete di banda larga in grado di consentire sia la risoluzione di problemi legati alla telefonia, sia le difficoltà legate alla connessione ad internet, assicurando in particolar modo una connettività ad internet con notevole ampiezza di banda di trasmissione e quindi ultraveloce. Il concetto, relativo, di banda larga (che tecnicamente è riferibile semplicemente a quei metodi che consentono a due o più segnali di condividere lo stesso mezzo di trasmissione) è infatti attualmente legato, quasi fosse un sinonimo, alla capacità (velocità) di gestione di dati su una determinata infrastruttura di rete, generalmente sopra il Mbit/s, con la quale è possibile per esempio poter usufruire con una certa fluidità di quei contenuti diffusi su internet per i quali sono necessari determinati requisiti di capacità di banda (esempio: lo streaming video, la videoconferenza etc). La fibra ottica, oltre ad essere un sistema a banda larga nel senso tecnico del termine, è anche il sistema che consente di ottenere connessioni di svariati Mb/s, fino ad oltre 100 Mb/s (quella attualmente definita come banda larghissima), per singola connessione. Per fare un termine di paragone con la situazione esistente, è sufficiente pensare che con la tecnologia attualmente operativa può essere raggiunta verosimilmente una capacità massima, quando possibile, di circa una decina di Mb/s. Con questo progetto/accordo fra CIPNES Gallura e Wind Telecomunicazioni SPA l'agglomerato industriale di Olbia diverrà decisamente competitivo rispetto a diverse realtà produttive nel panorama nazionale, posizionandosi senza dubbio fra i più innovativi dal punto di vista infrastrutturale legato alla comunicazione elettronica. L'accesso a sistemi di telecomunicazione efficienti e con alto coefficiente di qualità e sicurezza, in particolare per quanto concerne internet, è diventato fondamentale per qualsiasi tipo di iniziativa imprenditoriale, in particolar modo commerciale e industriale. L'esigenza di dover far conoscere la propria produzione e il proprio know-how anche al di fuori del semplice contesto cittadino ha portato, e porterà sempre più prepotentemente nel futuro prossimo, a dover utilizzare mezzi di telecomunicazione che consentano la propagazione delle informazioni nel modo più semplice e affidabile possibili. L'avere a disposizione un sistema infrastrutturale connesso ad internet a larga banda, come quello fornito con le fibre ottiche, e un gestore di rete a livello internazionale che può garantire determinati standard qualitativi, è senza ombra di dubbio un punto di forza dell'intera infrastruttura tecnologica che il Consorzio contribuirà a realizzare e implementare nell'immediato futuro. L'utilizzo delle capacità di ampiezza di banda trasmissiva, cioè di velocità di accesso ad internet e ai suoi contenuti, che saranno rese disponibili a seguito della realizzazione della rete a fibra ottica, potranno essere utilizzate dalle aziende nei modi che solo la fantasia può limitare. Ad esempio potranno essere incrementati i sistemi di pre-

8 6 banda larga sentazione live delle aziende, tramite sessioni specifiche concordate con il potenziale cliente, senza aver la necessità di operare lo spostamento fisico delle proprie attrezzature o rappresentanti (vedi ad esempio i sistemi di videoconferenza multiutente effettuabili con software tipo Skype), piuttosto che l'aggiornamento del proprio sito web con contenuti pesanti, quali file audio-video, in tempi inferiori rispetto allo standard attuale. Non sono da escludere le possibilità che potrebbero aprirsi nell'offerta di telelavoro, con accesso diretto da postazione remota alle macchine aziendali, con tempi di accesso alle informazioni che potrebbero rendere quasi irrilevante il fattore tempo necessario per accedere alle risorse della rete aziendale (allo stato attuale, per esempio, possono occorrere diversi minuti per poter scaricare sul proprio apparato, mobile o fisso che sia, file di qualche decina di MB). Le aziende che operano in campo radiofonico e televisivo potrebbero iniziare ad offrire i propri servizi in streaming direttamente, senza, per esempio, doversi precauzionalmente appoggiare ad apparati esterni, con possibile riduzione dei costi di gestione degli stessi servizi offerti. Le aziende che operano su diverse sedi possono migliorare il proprio servizio, anche solo di comunicazione interna, aumentando in tal modo, anche in questo caso, la velocità di accesso alle varie risorse dislocate nelle sedi di lavoro. Non è da escludere inoltre, il possibile incremento della comunicazione solo vocali tramite la tecnologia VoIp (Voice over internet protocol), anche in questo caso con possibile riduzione dei costi di struttura. Le aziende che operano in ambito IT potrebbero trarne enorme vantaggio, offrendo per esempio ai propri clienti la possibilità di accedere a servizi di assistenza remota. Le aziende, in particolar modo quelle che si occupano di formazione, potranno offrire servizi di istruzione a distanza (e-learning), con completa interattività con la classe di studenti virtuali. Se si spazia un po di più con la fantasia, nulla toglie di poter immaginare che l infrastruttura possa essere ben vista da aziende (multinazionali?) che, occupandosi di tecnologia non solo informatica, siano alla ricerca sull intero territorio di località con determinati requisiti di sviluppo prima di procedere alla valutazione di un effettivo insediamento. I nostri anni saranno probabilmente ricordati come epoca della società dell'informazione e della comunicazione. Lo sviluppo e l'uso di sistemi di telecomunicazione avanzata (internet) legata a strumenti informatici ha stravolto quello che era il concetto di comunicazione vigente fino a solo gli anni '80. L'esigenza di dover accedere e fornire informazioni più veloci e accurate possibili è alla base stessa della società dell'informazione. L'accordo fra CIPNES Gallura e Wind Telecomunicazioni SPA aprirà anche nella zona industriale di Olbia un nuovo scenario di innovazione e progresso per le aziende esistenti e per quelle che vorranno insediarsi in questo territorio. In questa ottica avveniristica, il Cipnes intende realizzare anche un impianto per il WI-FI gratuito ad uso pubblico per la zona industriale di Olbia, al fine di garantire un servizio di connettività ad Internet. La proposta di progetto è stata approvata all unanimità dal Cda del Cipnes il 29 marzo 2012 e prevede la realizzazione di un impianto pilota, circoscritto ad una zona densamente popolata ed entro l anno l estensione della copertura all intero agglomerato. La piattaforma dovrà consentire, in prima battuta, la possibilità all utenza pubblica di accedere gratuitamente ad Internet. E in seguito, a seconda dell esito di utilizzo rilevato, dovrà permettere anche l eventuale accesso con modalità di ricezione-trasmissione dei dati protetti da criptografia. I costi previsti per la realizzazione del sistema Wi-Fi possono essere così ripartiti: 1) fase sperimentale, circa euro + iva per la infrastruttura e euro più Iva l anno di gestione; 2) estensione all intero agglomerato, euro più Iva per l infrastruttura e euro più Iva l anno per la gestione.

9 al Servizio delleaziende Presidente On. Dott. SETTIMO NIZZI Direzione Generale Dott. ALDO CARTA Infrastrutture Ing. ANTONIO F. CATGIU Servizio idrico integrato Ing. GIOVANNI MAURELLI Amministrazione finanza e contabilità Dott. GIAN PIERO DEMURTAS Igiene ambientale Ing. GABRIELE FILIGHEDDU Il CIPNES progetta e realizza le opere di urbanizzazione e infrastrutturazione delle aree industriali da offrire a prezzi agevolati agli investitori e gestisce tutte le attività finalizzate a favorire lo sviluppo e la valorizzazione delle imprese. Fanno parte del Consorzio: la Provincia di Olbia-Tempio, il Comune di Olbia, il Comune di Buddusò, il Comune di Monti e la Camera di Commercio Nord Sardegna. La specificità della zona industriale gestita dal CIPNES è rappresentata dalla sua collocazione in un ambito territoriale strategico; affacciandosi sul mare ospita diverse attività legate alla cantieristica nautica e all allevamento dei mitili, ma accoglie anche strutture ricettive e sportive di prestigio internazionale. Inoltre, fra le circa 600 aziende insediate e le 150 in fase di insediamento, sono ben rappresentati i settori del commercio, la logistica, l alimentare, l estrazione e la lavorazione del marmo e del granito. CONSORZIO INDUSTRIALE NORD EST SARDEGNA Sede Legale Amministrativa OLBIA Zona Industriale, Loc Cala Saccaia tel fax IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE CONSORTILE Zona Industriale sett.7 tel PIATTAFORMA TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DEL NORD EST SARDEGNA S.S.125 Orientale Sarda Km 6 Loc. Spiritu Santu tel IMPIANTO DI DEPURAZIONE CONSORTILE Zona Industriale sett.2 asse mediano km 3 tel

10

11 Viabilità, manutenzione straordinaria della tangenziale e del comparto Tilibbas 9 iniziative La progettazione finanziata dalla Regione Sardegna La Regione ha approvato la progettazione di livello esecutivo relativa alla manutenzione straordinaria della viabilità primaria consortile di collegamento all agglomerato industriale di Olbia, al nuovo porto industriale-commerciale di Olbia e a quello commerciale di Golfo Aranci concedendo un finanziamento di ,17 Euro a valere delle risorse di cui all art.5 della Legge Regionale n.5/2009 per il finanziamento di opere pubbliche immediatamente cantierabili. Il progetto del Cipnes prevede la pulizia ed il rifacimento del manto bituminoso d usura, il rifacimento della segnaletica stradale orizzontale, la sostituzione del guard-rails a doppia onda con guard-rails a tripla onda e l adeguamento e messa in sicurezza della galleria esistente. Le motivazioni che hanno portato a programmare l intervento in oggetto derivano dallo stato di degrado in cui si trova attualmente la rete viaria dell agglomerato, ciò a causa soprattutto dell intenso flusso veicolare di mezzi pesanti. Il collegamento che comporta numerosi disagi agli utenti e i micro incidenti verificatisi hanno costretto il CIPNES a farsi carico dei danni derivati. L intervento in oggetto del presente progetto, facente parte del 1 e del 3 lotto esecutivo della strada di scorrimento zona Pittulongu, realizzata dal CIPNES nella fine degli anni 80, risulta localizzato lungo la direttrice per Golfo Aranci, e precisamente dallo svincolo della strada di scorrimento Olbia-Arzachena-Palau allo svincolo di collegamento sulla strada provinciale SP82 (Olbia-Golfo Aranci). Le opere succitate saranno affidate mediante procedura di affidamento ad evidenzia pubblica secondo le direttive contenute nella Normativa vigente sui Lavori Pubblici D.lgs 163/2006, D.P.R. 554/99 e D.P.R: 34/2000. L esecuzione dei lavori avrà inizio dopo la stipula del formale contratto, risultante da apposito verbale, da effettuarsi a cura del direttore dei lavori, previa autorizzazione del responsabile del procedimento, non oltre 45 giorni naturali e consecutivi dalla stipula stessa. Il tempo stimato per ultimare tutti i lavori sopra menzionati è fittao in 120 giorni naurali e consecutivi dalla data del verbale di consegna definitivo dei lavori. L investimento complessivo per l esecuzione delle opere previste dal presente progetto è pari a Euro ,17 al netto dell IVA.

12 10 energia Tre progetti di qualità: pista ciclabile con pannelli fotovoltaici, Spiritu Santu e Azza Ruia Fondamentale è la scelta della tipologia degli elementi tecnologici La pista ciclabile e running coperta con pannelli fotovoltaici tra Olbia e Pozzo Sacro; un campo fotovoltaico a Spiritu Santu, dove adesso c è la discarica e uno nella cava parzialmente dismessa di Azza Ruia tra Olbia e Loiri: sono i tre progetti fotovoltaici del Cipnes destinati a produrre energia elettrica pulita e, in trent anni, ricavi stimati per diverse decine di milioni di euro. In tutti e tre i progetti la scelta della tipologia degli elementi tecnologici, della loro qualità estetico-formale e le caratteristiche dell impianto rispondono non solo a esigenze di performance in termini di produttività energetica, ma anche alla necessità di sperimentare e attuare nuove forme di riqualificazione di aree fortemente antropizzate e denaturalizzate, come sono, appunto, un area industriale, una discarica o una cava. La pista ciclabile avrà una larghezza di 4 metri, due metri per corsia di marcia, e verrà semicoperta con 18 mila metri quadrati di pannelli fotovoltaici con 2 MW di potenza di picco. Produrrà 2 milioni e 400 mila kilowatt all'anno, con ricavi stimati in 30 anni di 24 milioni di euro e un utile netto di quasi 9 milioni. Il secondo impianto fotovoltaico sarà installato presso il sito di Spiritu Santu dove oggi opera la piattaforma consortile di gestione e smaltimento dei rifiuti. La discarica, una volta esaurita la capacità di raccolta, sarà oggetto di interventi finalizzati al ripristino della naturalità dei luoghi. Sotto il profilo strategico l impianto fotovoltaico rappresenterà il completamento funzionale degli impianti di produzione di energia rinnovabile già esistenti, e concorrerà a fare del sito industriale di Spiritu Santu una parte importante del futuro parco energetico. Il costo non supererà i due milioni e mezzo di euro mentre i ricavi in trent'anni sono stimati in otto milioni. La cava parzialmente dismessa di Azza Ruia, tra Olbia e Loiri, rappresenta anch essa un sito naturalmente candidato a ospitare un impianto fotovoltaico: l area è degradata e molto compromessa, di basso pregio ambientale, e non è interessata da nessun vincolo paesaggistico. In questo contesto l impianto fotovoltaico costituirà la premessa per la bonifica e la rinaturalizzazione dell area con, in cambio, un impatto ambientale e un consumo del territorio del tutto trascurabile. Per questo investimento sono stati preventivati 2 milioni e mezzo di euro e sono stimati ricavi pari a quelli dell impianto di Spiritu Santu. Le schede tecniche progettuali si possono visionare sul sito del CIPNES Gallura

13 11 intervista Stefan Tischer architetto paesaggista Nasce nel 1965 a Monaco e qui studia presso la Technische Universität (TU). Ha insegnato a Berlino, Venezia, alla Yale University, all ÉNSP di Versailles. Collabora con architetti di fama come Massimiliano Fuksas ed è noto per le sue ricerche e i suoi progetti di paesaggio alla scala urbana. I suoi progetti in Italia, Germania, Francia e Canada propongono nuovi approcci concettuali, un interpretazione contemporanea della tradizione d architettura del paesaggio e la sua transizione verso l urbanistica, l architettura e le arti. È tra i consulenti del progetto della pista ciclabile coperta con pannelli fotovoltaici del Cipnes: tre chilometri di lunghezza e 6 milioni di euro di investimento per un opera che, a regime, produrrà 2 milioni e 400 mila kilowatt all anno. La pista, partendo da Olbia, attraverserà la zona industriale fino al Pozzo Sacro ovvero fino alle porte delle principali spiagge cittadine. Architetto Tischer, la pista ciclabile fotovoltaica è l unico progetto del genere in Italia? No, esistono altre opere simili. Ma il progetto della pista ciclabile nella zona industriale rappresenta, rispetto agli altri, un modo abbastanza inedito di riqualificare uno spazio pregiato sul piano naturalistico, ma sottratto alla fruizione della collettività per la scelta di impiantarvi le attività industriali. La pista ciclabile riconquista, in questo senso, uno spazio pubblico fra la città e le spiagge, produce energia elettrica pulita grazie alla copertura con lastre fotovoltaiche, e inventa così un nuovo paesaggio lineare attivo. Com è nata questa idea? Oggi, a differenza di un passato neanche molto lontano, l obiettivo della pianificazione del territorio non mira tanto all espansione quanto alla riqualificazione degli spazi già antropizzati e più o meno compromessi. I progetti del Cipnes (pista ciclabile, impianto di un campo fotovoltaico presso la cava parzialmente dismessa di Azza Ruja e presso la discarica di Spiritu Santu, quando avrà esaurito la capacità di raccolta), sono perfettamente coerenti con questa finalità e rappresentano tre modalità simili (pur con le peculiarità proprie di ogni intervento), di riqualificare il territorio secondo criteri che permetteranno la produzione di energia con sistemi non solo del tutto ecocompatibili, ma anche idonei a favorire la rinaturalizzazione spontanea degli spazi bonificati. Energia pulita attraverso interventi sostenibili ed ecocompatibili In molti casi l impianto di un campo fotovoltaico ha impattato sul paesaggio naturale in modo eccessivo e non sempre accettabile, come è il caso di uliveti e vigneti secolari distrutti per lasciare spazio ai pannelli fotovoltaici. Peraltro in quei casi la trasformazione non ha riguardato solo il paesaggio naturale, cosa che di per sé rappresenta per tanti un danno inestimabile, ma anche il paesaggio culturale sotteso che riflette, in molti modi, l identità storica e culturale di una popolazione. Invece è affascinante prendere paesaggi compromessi e degradati (brownfield), oppure uno spazio pubblico dentro una zona industriale, e riqualificarli con opere che, come nei progetti del Cipnes, creano un nuovo paesaggio e nuove sinergie. È pensabile la transizione a una economia basata su fonti rinnovabili anziché sui tradizionali combustibili fossili? Oggi le condizioni geopolitiche internazionali inducono a ipotizzare probabili future difficoltà nell approvvigionamento del petrolio e perciò maggiori pressioni nel medio periodo per il passaggio a nuove fonti energetiche alternative. Non solo il fotovoltaico ma, pensando all Italia, anche il vento, le biomasse, il geotermico

14 La Qualità e il Rispetto. LAVORIAMO IL NOSTRO TONNO COMPLETAMENTE IN ITALIA. PERCHÉ PER NOI QUALITÀ E RISPETTO SONO PIÙ DI DUE PAROLE. in Sardegna! Noi di ASDOMAR abbiamo scelto di investire in Italia nel Lavoro fatto bene, da donne e uomini. Un patrimonio umano e professionale che ci rende unici nel mondo. Noi di ASDOMAR lavoriamo interamente il nostro tonno in Italia, perché solo mantenendo l intero ciclo produttivo nel nostro paese si produce la vera Qualità Italiana. L arte nel cuocere, pulire e selezionare il tonno, insieme all innovazione tecnologica, sono la base della nostra qualità. Noi di ASDOMAR siamo orgogliosi della nostra scelta, perché contribuisce a sostenere l occupazione in Italia, offrendo un concreto impulso al circolo virtuoso fatto di più posti di lavoro, più potere d acquisto, più consumi e quindi ancora posti di lavoro. Noi di ASDOMAR rispettiamo concretamente il lavoro e per questo abbiamo scelto la certificazione SA 8000 per la responsabilità sociale. E anche per garantire la continuità del lavoro, scegliamo i metodi di pesca più selettivi e solo tonni adulti per salvaguardare la riproduzione della specie. Noi facciamo tutto questo. Da tempo. Per saperne di più,

15 13 ambiente Compost di qualità: produzione in funzione dalla fine di maggio La piattaforma consortile di Spiritu Santu capace di trattare tonnellate all anno per una utenza da 150 a 600 mila abitanti Mangia i rifiuti organici, ovvero la parte umida dei rifiuti, li mescola con scarti verdi e lignei triturati e alla fine di un processo lungo tre mesi il compost di qualità è pronto per essere venduto come fertilizzante. E il nuovo impianto realizzato dal Consorzio per un importo di circa di euro (finanziati dalla RAS), in funzione da maggio 2012 presso la piattaforma consortile per il trattamento dei rifiuti di Spiritu Santu. Ha una capacità di trattamento di tonnellate all anno ed è in grado di lavorare, a regime, per una utenza di abitanti con picchi estivi fino a L impianto, tecnologicamente avanzato e in linea con le normative nazionali e comunitarie in materia, riproduce il processo naturale di decomposizione delle sostanze organiche ma in un ambiente controllato e nel pieno rispetto dell ambiente. Il viaggio dei rifiuti comincia dal cassonetto e nello specifico dal cassonetto dell umido. I rifiuti che arrivano in discarica vengono verificati, pesati e puliti da eventuali impurità che potrebbero pregiudicarne l ingresso nella linea produttiva, e triturati. Vengono quindi avviati all impianto e mescolati con il materiale ligneo e verde (proveniente da normali attività di potatura e pulizia di giardini e spazi verdi), i quali, a loro volta spezzettati, hanno la funzione di strutturante e areante della miscela inviata alla lavorazione. Da questo momento comincia un processo che consta di diverse fasi e che al termine di novanta giorni produrrà fertilizzante organico utilizzabile dal pieno campo alle coltivazioni domestiche. La miscela fatta di rifiuti organici e di strutturante ligneo e verde viene, infatti, stoccata e trattata a temperature medio alte per igienizzarla ed eliminare i batteri patogeni, e nel contempo, attraverso un processo chimico di degradazione del carbonio, per eliminare gli odori. Quindi il materiale viene avviato alla cosiddetta fase di maturazione in cui si completa la mineralizzazione e avviene la definitiva trasformazione in compost. L ultima fase consiste nel vaglio finale e nella eliminazione della frazione legnosa grossolana e non compostata che viene rimessa in testa al processo come strutturante per nuove miscele. Il processo è interamente monitorato da un software di gestione che ne verifica istante per istante i processi e i parametri previsti dalla normativa in materia di fertilizzanti (D.Lgs. 75/2010). L impianto è dotato di sistemi tecnologicamente avanzati per minimizzare l impatto ambientale. Le acque di scarto vengono raccolte, depurate e periodicamente smaltite, mentre l aria di processo viene aspirata e lavata, ovvero depurata ad acqua, prima di essere reimmessa nell ambiente. In un tempo in cui la salvaguardia dell ecosistema e l utilizzo di tecniche ecocompatibili e sostenibili è una priorità, l impianto di compostaggio del Cipnes rappresenta una soluzione efficace per la riduzione dei fertilizzanti chimici a favore del concime organico (come storicamente si è sempre fatto per contrastare l inaridimento dei terreni), attraverso una tecnologia efficiente e rispettosa dell ambiente. Si tratta, inoltre, di una iniziativa che di per sé ha un alto valore educativo e che può e deve implementare la sensibilità verso i temi ambientali e l importanza della corretta differenziazione dei rifiuti.

16 CATTOLICA&IMPRESA INDUSTRIA PROTEGGERE L IMPRESA È LA NOSTRA IMPRESA LA TUA IMPRESA È IL NOSTRO VALORE PIÙ IMPORTANTE Cattolica&Impresa Industria è per l imprenditore che desidera: un servizio di consulenza a cura di un esperto per consigli e assistenza nella scelta della copertura più adatta; tutelare la sua attività ed il suo patrimonio con soluzioni ampie e flessibili; trasformare il rischio in valore; una valida copertura assicurativa fornisce infatti maggiori certezze e migliori garanzie per il futuro, anche nei confronti degli istituti di credito. Per maggiori informazioni contatta: AGENZIA DI SASSARI VIA MICHELE COPPINO C/O CE.DI.SA, 26 TEL Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Prima della sottoscrizione leggere attentamente il Fascicolo Informativo disponibile presso le Agenzie Cattolica Assicurazioni e sul sito

17 Polo Fieristico Nautico, affidato l incarico per la realizzazione del progetto 15 nautica Ad una associazione di professionisti rappresentata dall Ing. Plicchi La macchina per la realizzazione del centro multifunzionale Polo Fieristico a servizio del distretto nautico di Olbia si è messa definitivamente in moto: il 18 giugno 2012 è stato affidato l incarico per la realizzazione del progetto preliminare generale e del progetto definitivo relativo al primo lotto funzionale. Aggiudicatario dell appalto è un raggruppamento temporaneo di professionisti rappresentato dall ing. Gianni Plicchi. Questo è il primo step necessario per la realizzazione della struttura fieristica e congressuale tra le più moderne in Italia. Il raggruppamento dei professionisti avrà circa tre mesi per la presentazione del progetto cui seguirà l immediata attivazione della gara per l avvio dei lavori. Il costo previsto per la realizzazione dell opera è di circa 50 milioni di euro, di cui 15 già erogati dalla regione Sardegna a valere su un fondo specifico destinato alle attività produttive, stanziato nel bilancio regionale 2010 (art. 5 L. R. 5/2009). Un investimento milionario per il quale sono previsti 25 milioni in opere edili, 10 milioni per le strutture e 15 milioni per gli impianti. Il polo fieristico è progettato come un centro multifunzionale in linea con le caratteristiche previste per la Piattaforma Tecnologica di livello Europeo (PTE), e nascerà in un area vicina al porto industriale Cocciani di fronte al porto dell Isola Bianca. Il contesto è quello della zona industriale della città di Olbia, con i cantieri nautici e gli impianti di mitilicoltura a fare da cornice, e con, a poca distanza, alcune fra le più importanti strutture ricettive e ricreative della città. Il centro è articolato in diversi corpi architettonici autonomi da sfruttare secondo le necessità e l entità degli eventi, in un insieme caratterizzato dalla flessibilità, funzionalità e accessibilità degli spazi: il complesso fieristico prevede sette sale, di cui una di pianta circolare di circa 1600 mq e sei di pianta rettangolare di circa 3400 mq ciascuna, ed è progettato per ospitare meeting, esposizioni, ma anche eventi culturali o rappresentazione di teatro totale con la scena nel punto centrale; l auditorio per congressi è articolato in tre sale, ed è pensato per eventi congressuali di minore entità. La sala polifunzionale risponde invece all esigenza di contenere grandi eventi di tipo fieristico, culturale o anche sportivo. La sala congressi, progettata su un area di mq e con posti a sedere, è prevista per meeting di media importanza. E infine è previsto un Centro direzionale ed educativo che presumibilmente ospiterà un polo universitario. A corredo, diverse attività commerciali, negozi, bar caffetterie e ristoranti. L intero centro si svilupperà su una superficie totale di 12 ettari con un waterfront di 430 metri che, grazie alle pareti in vetro, permetterà di sfruttare appieno la collocazione in uno degli scorci più pregiati del Golfo di Olbia. L ambizione è quella di farne un parco pubblico variamente fruibile da chi voglia godere di eventi specifici e, nel contempo, dell ambiente inteso nella sua complessità fatta di natura, di mare, di terra, di paesaggio, di cultura, di luoghi, di gente. Un posto dove sia possibile valorizzare i momenti di apprendimento culturale e la bellezza del territorio, e da cui un turista possa partire per conoscere la città e i suoi residenti, e anche altri luoghi più o meno lontani.

18

19 17 servizi Nuova sede di Posteimpresa Dispone di due sportelli Inaugurata in via Qatar, si tratta di un canale dedicato interamente alle imprese e ai piccoli operatori economici La benedizione della nuova sede da parte di don Debidda, alla presenza del presidente del Cipnes on. Settimo Nizzi, della direttrice della Filiale di Sassari dott.ssa Maria Antonietta Tonelli, del dottor Maurizio Troise, responsabile Commerciale Imprese di Lazio, Abruzzo e Sardegna ha ufficialmente inaugurato il nuovo ufficio Posteimpresa in via Qatar. Un canale dedicato interamente alle imprese, ai piccoli operatori economici e ai liberi professionisti, dove opera personale specializzato per settore di attività in grado di offrire tutto il supporto necessario alle specifiche esigenze di business, proponendo le soluzioni più adatte all attività svolta. Nel nuovo ufficio, infatti, è disponibile un offerta integrata e personalizzata che spazia dai prodotti finanziari ai servizi di gestione della corrispondenza e delle spedizioni, ai prodotti di stampa e direct mailing ai servizi telematici. Il nuovo ufficio di Poste italiane è caratterizzato dall assenza di vetri di separazione tra impiegato e cliente, dispone di due sportelli e due sale per la consulenza e può contare su dotazioni tecnologiche all avanguardia per i sistemi di sicurezza, di illuminazione e per gli impianti di climatizzazione degli ambienti sia lavorativi che per la clientela.

20

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

futuro itcgt anni verso il ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO CARDUCCI-GALILEI

futuro itcgt anni verso il ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO CARDUCCI-GALILEI itcgt ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO CARDUCCI-GALILEI F E R M O COMMERCIALE GEOMETRI da 9O anni verso il futuro AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

Dettagli

CONCESSIONI DEMANIALI PORTO DI OLBIA IN ESSERE AL 31.07.2014

CONCESSIONI DEMANIALI PORTO DI OLBIA IN ESSERE AL 31.07.2014 Area competente Firmatario Numero registrazione e tipo provvedimento Presidente N. 40/ - Atto Anno rilascio e data scadenza 31.12. Oggetto (della concessione) Nautica da diportospecchi acquei, banchina

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA. Trento 7 maggio 2014

LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA. Trento 7 maggio 2014 LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA Trento 7 maggio 2014 OBIETTIVI Individuare opportunità di mercato per le imprese : diversificare

Dettagli

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione FORUM Port & Shipping Tech, 5 novembre 2009 Trasformazione urbana e promozione

Dettagli

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Intervento Presidente della Provincia Olbia Tempio Fedele Sanciu Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Olbia Expò, 25/11/2011

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Il Comune di Olbia, attraverso l elaborazione del Piano Strategico Olbia Città d Europa si è dotato di uno di programmazione dello sviluppo locale, attraverso

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Il centro polifunzionale di Fiera Roma.

Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Un centro polifunzionale Esposizione, eventi, formazione, dimostrazioni, test e sperimentazione tecnologica: MES Polo Innovativo della Mobilità e Sicurezza Stradale

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

UNIONE DI MENTI, CONDIVISIONE DI OBIETTIVI, INTERCONNESSIONE DI AFFARI.

UNIONE DI MENTI, CONDIVISIONE DI OBIETTIVI, INTERCONNESSIONE DI AFFARI. UNIONE DI MENTI, CONDIVISIONE DI OBIETTIVI, INTERCONNESSIONE DI AFFARI. LACITY è un progetto di Iniziative Immobiliari Abruzzesi Spa, una società costituita da affermate realtà imprenditoriali locali,

Dettagli

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE ALLEGATO AA) AL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA SOCIETA ATTIVA S.R.L. ELENCO CATEGORIE

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Delegato Giunta UNGDCEC Diego La Vecchia Presidente Giuseppe Arleo Segretario Rossana Giacalone Membri di Commissione: Emiliano Capano Alessandro Caronti Silvia

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO 1 A ABITI CIVILI 1 B DIVISE, UNIFORMI DI FOGGIA MILITARE 1 C ABITI DA LAVORO E INDUMENTI ANTINFORTUNISTICI - PRODOTTI

Dettagli

SpA NAVICELLI di Pisa. Navicelli verso APEA

SpA NAVICELLI di Pisa. Navicelli verso APEA SpA NAVICELLI di Pisa Navicelli verso APEA Indice della presentazione: IL CANALE DEI NAVICELLI LO SVILUPPO FUTURO SPA NAVICELLI DI PISA APEA PROGETTO APEA 2020 NAVICELLI ALTRI PROGETTI PER L ECOSOSTENIBILITA

Dettagli

Struttura gerachica degli indicatori

Struttura gerachica degli indicatori Struttura gerachica degli indicatori TURISMO Flussi turistici Tempi di permanenza dei turisti Arrivi Presenze Tempo di permanenza medio Arrivi medi giornalieri (lungo tutto l'anno) Presenze medie giornaliere

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MOLINARI DAVIDE Indirizzo VIA BENEDETTO DA ROVEZZANO N 9 Telefono 0789-565112 Fax 0789-1840501 E-mail davide.molinari@gmail.com

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. Lo scenario di riferimento e i principali competitor. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. Lo scenario di riferimento e i principali competitor. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO Lo scenario di riferimento e i principali competitor Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Lo scenario di riferimento nazionale

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione i numeri del CAAR Superficie: estensione 17 ettari Aree coperte: mq. 45.000 Viabilità e parcheggi: mq. 20.000 Imprese insediate: n. 150 Settori: ortofrutta - fiori - ittico - forniture alberghiere - servizi

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

LA STORIA, IL PROFILO

LA STORIA, IL PROFILO Companyprofile LA STORIA, IL PROFILO L azienda nasce alla fine del 1996 per volontà di un gruppo di persone con specifiche competenze nel settore della sicurezza ed una spiccata conoscenza del comparto

Dettagli

LA STORIA, IL PROFILO

LA STORIA, IL PROFILO Companyprofile LA STORIA, IL PROFILO L azienda nasce alla fine del 1996 per volontà di un gruppo di persone con specifiche competenze nel settore della sicurezza ed una spiccata conoscenza del comparto

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA Per l Area di Sviluppo Industriale di Gela CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA INDAGINE CONOSCITIVA Il Consorzio Dati sulle Aziende Giudizio sui servizi presenti Aspettativa di nuovi servizi

Dettagli

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Milano 22 25 maggio 2007 Presentazione PROGETTO DI COMUNICAZIONE Premesse Azione di marketing urbano promossa da: -Comune di Venezia -CCIAA di Venezia VENEZIA CITTA

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Le potenzialità localizzative

Le potenzialità localizzative Le potenzialità localizzative La ricognizione delle potenzialità localizzative nell'area livornese ha un duplice obiettivo: individuare le aree già pronte che si prestano ad essere promosse nel breve termine

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO Elenco Categorie merceologiche ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO 1 A ABITI CIVILI 1 B DIVISE, UNIFORMI DI FOGGIA MILITARE 1 C ABITI DA LAVORO E INDUMENTI

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici A cura di Pietro Zanatta L economia del comune di Giavera del Montello (sup. Kmq 19.91; ab. 4.339) ha subito una profonda trasformazione nell ultimo trentennio.

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (Provincia di Napoli) 4 a area - AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE UFFICIO TEAM PROGETTO DIRIGENTE DEL SETTORE Ing. Giovanni Salerno Documento elaborato da: Arch. Michele Sannino

Dettagli

IL SOLARE XXL per chi ha bisogno di tanta acqua calda, gratis.

IL SOLARE XXL per chi ha bisogno di tanta acqua calda, gratis. Grandi Impianti Solari Termici IL SOLARE XXL per chi ha bisogno di tanta acqua calda, gratis. Certified SPECIALIST RITORNO DELL INVESTIMENTO 2-3 anni! Professionisti dell Energia. OMNIA lavora da anni

Dettagli

21 >24. novembre 2009. www.siarimini.com. 59 Salone Internazionale dell Accoglienza. Rimini Fiera. Sezione speciale. Orario: 9.30-18.

21 >24. novembre 2009. www.siarimini.com. 59 Salone Internazionale dell Accoglienza. Rimini Fiera. Sezione speciale. Orario: 9.30-18. 21 >24 novembre 2009 Rimini Fiera Orario: 9.30-18.30 59 Salone Internazionale dell Accoglienza Sezione speciale Organizzato da Con il patrocinio di www.siarimini.com L innovazione dell accoglienza Leader

Dettagli

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA Progetto del Centro Italiano della fotografia d'autore Il Centro Italiano della Fotografia d Autore è stato inaugurato il 28 maggio del 2005 su iniziativa del Comune di

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

comune di carloforte POLO NAUTICO TURISTICO NEL COMUNE DI CARLOFORTE IN LOCALITA' LA PUNTA

comune di carloforte POLO NAUTICO TURISTICO NEL COMUNE DI CARLOFORTE IN LOCALITA' LA PUNTA comune di carloforte POLO NAUTICO TURISTICO NEL COMUNE DI CARLOFORTE IN LOCALITA' LA PUNTA POLO NAUTICO TURISTICO NEL COMUNE DI CARLOFORTE IN LOCALITA LA PUNTA STUDIO DI FATTIBILITA Comune di Carloforte,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra L Ente nazionale paritetico per la formazione professionale in edilizia (nel seguito denominato FORMEDIL ) con sede in Roma, via Alessandria 215, con rappresentante legale Ing.

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015

Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015 Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015 a cura dell Ufficio Commerciale --A.M.F.M. Emaia-- Analisi dello scenario L Azienda Municipalizzata, rappresenta una scelta identitaria, capace di raccontare

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

FACT SHEET 1997 2001 2004 2005 2006 2007 2009

FACT SHEET 1997 2001 2004 2005 2006 2007 2009 FACT SHEET 1997 Nasce a Cusago il primo Viridea Garden Center, dall esperienza della Rappo Srl, società attiva dal 1983 nel campo del giardinaggio professionale ed in particolare nella progettazione e

Dettagli

Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226

Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226 Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226 ALLEGATO N. 2 SEZIONE ALBO DEI FORNITORI Elenco Settori Merceologici SEZIONE I FORNITURE

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

A.S.PO. Vibo Valentia Azienda Speciale per il Porto di Vibo Valentia CAPITOLATO TECNICO

A.S.PO. Vibo Valentia Azienda Speciale per il Porto di Vibo Valentia CAPITOLATO TECNICO A.S.PO. Vibo Valentia Azienda Speciale per il Porto di Vibo Valentia CAPITOLATO TECNICO GARA D APPALTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA INERENTI ALLA PROGETTAZIONE E ALLESTIMENTO

Dettagli

http://www.rotary2071.org/content.php?p=doc.7&id=1

http://www.rotary2071.org/content.php?p=doc.7&id=1 Pagina 1 di 5 Classifiche: Codici e Descrizioni 1 - Agricoltura 10 - Allevamento - zootecnica 15 - Aziende agricole - Agriturismo 20 - Colture arboree 25 - Viticoltura e enologia 40 - Colture erbacee 50

Dettagli

Il contesto europeo ed internazionale

Il contesto europeo ed internazionale Il contesto europeo ed internazionale Negli ultimi anni il tema delle criticità derivanti dalla gestione dei rifiuti dell energia e delle risorse idriche sono divenuti centrali all interno del dibattito

Dettagli

L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda.

L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda. L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda. Per non perdere nulla della straordinaria offerta che questa terra ricca e generosa è in grado di proporre e rendere indimenticabile e ancora

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale.

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il cantiere di lavoro e il confronto sulle linee guida per il concorso internazionale di progettazione per la rigenerazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

CLASSIFICA PROVINCIALE PER FATTURATO 2007 OLBIA - TEMPIO

CLASSIFICA PROVINCIALE PER FATTURATO 2007 OLBIA - TEMPIO CLASSIFICA PROVINCIALE PER FATTURATO OLBIA - TEMPIO Le imprese guida in Sardegna Classifica provinciale per Fatturato Fatturato Fatturato Valore aggiunto EBIT Cash Flow Circolante Utile o perdita dell'esercizio

Dettagli

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine N 12 del Reg. Del COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 16/03/2016 OGGETTO: VARIANTE N. 14 AL PRGC VIGENTE COLLEGATA ALLA REALIZZAZIONE DI UNA

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 9 gennaio 2013 Valentina Antoniucci Contenuti

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO Premessa L'attività del Consorzio Intercomunale Smaltimento Rifiuti consisteva originariamente nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, provenienti dai comuni

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per escursionismo, turismo nautico e crocieristico Credere

Dettagli

L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda.

L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda. L arte dell accoglienza. Il piacere di lavorare sul Garda. Per non perdere nulla della straordinaria offerta che questa terra ricca e generosa è in grado di proporre e rendere indimenticabile e ancora

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di C O M P A N Y P R O F I L E Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di depurazione acqua ed aria

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA Allegato 2 del Regolamento per la formazione e gestione dell elenco dei fornitori, di beni, servizi e lavori in economia (allegato A) ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA

Dettagli

INCUBATORE D IMPRESA. Conferenza stampa. Un aiuto concreto per trasformare le idee in impresa. Bergamo, 15 novembre 2012

INCUBATORE D IMPRESA. Conferenza stampa. Un aiuto concreto per trasformare le idee in impresa. Bergamo, 15 novembre 2012 INCUBATORE D IMPRESA Un aiuto concreto per trasformare le idee in impresa Conferenza stampa Bergamo, 15 novembre 2012 www.giornaledellisola.it novembre 2012 Il progetto Ente finanziatore: Camera di Commercio

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia

Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia Entrate in un Sogno Il è una autentica oasi di bellezza naturale, di pace e serenità, un luogo ideale per una vacanza all insegna del relax immersi

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Scheda Tecnica 1. Che cos è il Palazzo dell Innovazione La realizzazione del Palazzo dell Innovazione è indicata tra gli interventi prioritari

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 327 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 327 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER

PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER UFFICI PRESTIGIOSI NEL CUORE DEL DISTRICT DI ROMA UNIQUE STUDIO - Comunicazione & Marketing IL PRIMO BUSINESS CENTER DI ROMA Direzionale Eur è stato il primo business center

Dettagli

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del )

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Comune di Reggello ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Categorie di Servizi (sez. I) Servizi assicurativi Servizi di brokeraggio

Dettagli

HOME HOLIDAY AD OLBIA SARDEGNA

HOME HOLIDAY AD OLBIA SARDEGNA HOME HOLIDAY AD OLBIA SARDEGNA Per informazioni: +393926779464 holidaybellaitalia@gmail.com www.olbiaholiday.weebly.com TURISMO E CULTURA Nata con il concetto del turismo culturale la moderna villa di

Dettagli

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO.

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. Allegato parte integrante Allegato A) Criteri di Coerenza CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. In relazione alle finalità indicate nel Progetto Strategico di Sviluppo e nel

Dettagli

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE Il consorzio è un opportunità di crescita per la micro e piccola impresa. Le imprese che si trovano a misurarsi in un mercato dove i competitor sono rappresentati

Dettagli

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA ELIO CIRALLI, dr. eng. Obiettivi del Piano Regolatore del Porto, definiti nei documenti

Dettagli