Relazioni e Bilancio 2013 Individuale e Consolidato 52 esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilancio 2013 Individuale e Consolidato 52 esercizio"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio 2013 Individuale e Consolidato 52 esercizio Consiglio di Amministrazione 13 Marzo 2014

2 Relazione degli Amministratori sulla Gestione DATI IN SINTESI GE Capital Interbanca S.p.A Stato Patrimoniale e Conto Economico - in milioni di euro Crediti verso banche e verso clientela Equity Investment (compreso altre interessenze partecipative) Partecipazioni Raccolta Margine di interesse Commissione nette 6 9 Margine di intermediazione Rettifiche di valore nette (153) (189) Costi operativi (58) (75) Utile (Perdita) d esercizio (128) (169) Coefficienti economici in % Margine di interesse / Margine di intermediazione 114,5 90,9 Commissioni nette / Margine di intermediazione 14,6 17,0 Costi operativi / Margine di intermediazione 150,1 138,9 Patrimonio - in milioni di euro Patrimonio netto Patrimonio di base di Vigilanza Totale Patrimonio di Vigilanza Coefficienti Vigilanza in % Patrimonio di base di vigilanza / Attività a rischio ponderate (*) 15,4 16,1 Totale Patrimonio di vigilanza / Attività a rischio ponderate (*) 20,0 21,0 Indici di rischio del credito - in % Crediti deteriorati netti / Totale crediti netti 23,3 17,6 Crediti deteriorati netti / Patrimonio netto 100,0 77,4 Crediti in sofferenza netti / Totale crediti netti 5,6 5,0 in numero Dipendenti a fine periodo (*) i dati non considerano la riduzione del 25% dei requisiti patrimoniali di vigilanza per le banche appartenenti ad un gruppo bancario, in quanto Ge Capital Interbanca S.p.A. è anche Capogruppo del Gruppo Bancario GE Capital Interbanca.

3 Consiglio di Amministrazione LE CARICHE SOCIALI Relazione degli Amministratori sulla Gestione Presidente Amministratore Delegato Richard Alan Laxer Paolo Braghieri Amministratori Enrico Maria Luigi Fagioli Marzocchi (1) (*) Mario Garraffo (*) Patricia Marie Halliday Giuseppe Recchi Todd Lamar Smith (2) Collegio Sindacale Presidente Sindaci effettivi Paolo Andrea Colombo Alberto Dalla Libera Marco Giorgino Sindaci supplenti Piera Vitali Guido Sazbon Direzione Generale Direttore Generale Paolo Braghieri Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Ettore Colombo (1) in carica dal 17 dicembre 2013 (2) in carica dal 25 luglio 2013 (*) Consigliere indipendente 1

4 Relazione degli Amministratori sulla Gestione (pagina vuota) 2

5 Relazione degli Amministratori sulla Gestione RELAZIONI E BILANCIO INDIVIDUALE 2013 GE CAPITAL INTERBANCA S.p.A. 52 esercizio 3

6 Relazione degli Amministratori sulla Gestione RELAZIONE E BILANCIO DELL IMPRESA AL Relazione degli Amministratori sulla gestione 7 Schemi del Bilancio dell Impresa 57 Nota Integrativa 67 Relazione del Collegio Sindacale 213 Attestazione del Bilancio d Esercizio ai sensi dell Art. 154 bis, del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n Relazione della Società di Revisione 217 RELAZIONE E BILANCIO CONSOLIDATO AL Relazione degli Amministratori sulla gestione Consolidata 225 Schemi del Bilancio Consolidato 261 Nota Integrativa Consolidata 271 Attestazione del Bilancio Consolidato ai sensi dell Art. 154 bis, del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n Relazione della Società di Revisione 423 LE SEDI OPERATIVE 424 4

7 Relazione degli Amministratori sulla Gestione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 7 L ATTIVITA A LIVELLO INDIVIDUALE 11 I RISULTATI ECONOMICI DELL ESERCIZIO ALTRE INFORMAZIONI 36 PROGETTO DI RIPIANAMENTO DELLE PERDITE 53 LE PROSPETTIVE PER IL SCHEMI DEL BILANCIO DELL IMPRESA 57 NOTA INTEGRATIVA 67 Parte A Politiche contabili 69 Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale 91 Parte C Informazioni sul Conto Economico 127 Parte D Redditività complessiva 147 Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 149 Parte F Informazioni sul patrimonio 191 Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 199 Parte H Operazioni con parti correlate 201 Parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 205 Parte L Informativa di settore 207 ALTRE INFORMAZIONI 209 Informativa ai sensi dell art bis del Codice Civile 210 Informativa ai sensi dell art bis del Codice Civile 211 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 213 ATTESTAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO AI SENSI DELL ART. 154 BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N RELAZIONI DELLA SOCIETA DI REVISIONE 217 5

8 Relazione degli Amministratori sulla Gestione (pagina vuota) 6

9 Relazione degli Amministratori sulla Gestione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 7

10 Relazione degli Amministratori sulla Gestione (pagina vuota) 8

11 SINTESI DELL ATTIVITÀ DELLA BANCA Relazione degli Amministratori sulla Gestione Signori Azionisti, nel 2013 l economia italiana ha continuato a peggiorare e la difficile fase si è riflessa pesantemente sulla domanda di finanziamento delle imprese, specie delle PMI. Un parametro importante sullo stato di crisi delle aziende italiane è stato confermato dal dato relativo ai fallimenti, in costante aumento e in crescita del 12,1% su base annua nel La difficile situazione delle condizioni economico-finanziarie delle imprese ha comportato inevitabilmente anche un ulteriore peggioramento della qualità del credito, con gli ultimi dati sulle sofferenze bancarie e sulla rischiosità dei prestiti in Italia che evidenziano una crescita nel 2013 del 24,7% (Fonte ABI). Il PIL Italiano è stato in diminuzione per tutto l anno e ha interrotto la sua caduta solo nel terzo trimestre del 2013, sostenuto dalle esportazioni e dalla variazione delle scorte, pur registrando sempre bassi livelli di consumi interni e investimenti. Infine, il tasso di disoccupazione, nonostante i primi segnali di stabilizzazione, ha continuato a crescere, raggiungendo il 12,3% nel terzo trimestre Per quanto riguarda l area dell'euro si è avviata una modesta ripresa che è risultata essere comunque fragile, sebbene le condizioni finanziarie generali registrate nella medesima area, siano diventate più favorevoli. Dato positivo è quello della produzione industriale che nel complesso dell Area Euro, da settembre 2013, ha iniziato a recuperare terreno, registrando a novembre un incremento di tendenza pari al 2,8%. Il predetto contesto economica ha chiaramente condizionato i risultati della Banca, i piani operativi e le aspettative di crescita, con quest ultime che sono state riconsiderate per una proiezione del rendimento in un ottica di medio/lungo termine. Come pianificato, nel corso del 2013 la Banca ha mantenuto un attenta gestione del rischio, perseguendo l obiettivo condiviso di riequilibrare il mix di portafoglio, attraverso il servizio integrato alla clientela e l ampliamento dell azione commerciale di cross selling tra i diversi business. E stata favorita la crescita organica profittevole, oltre alle linee di prodotto core - leasing e factoring - della tradizionale attività di finanziamento a medio e lungo termine e, grazie alla solidità patrimoniale della Banca (Total Capital Ratio consolidato pari al 17%), è stata mantenuta attiva la macchina commerciale, sviluppando ulteriori volumi. Le erogazioni complessive del 2013 sono pari a 336 milioni di euro, in aumento del 7,7% rispetto ai 312 milioni di euro erogati nell esercizio

12 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Accanto all intensa attività di monitoraggio e gestione del portafoglio crediti, sono stati inoltre compiuti importanti progressi nell azione di contenimento dei costi operativi della struttura, attraverso la rivisitazione dei contratti di fornitura e servizi. L incerto scenario economico complessivo in cui si è operato, alla luce del continuo deterioramento dei crediti verso la clientela, ha inciso sulla valutazione del portafoglio non performing con una conseguente ricaduta sul conto economico per 133 milioni di euro. Le risultanze delle diverse componenti, appena evidenziate, hanno contribuito a determinare il risultato negativo dell esercizio 2013 della Banca, chiuso con una perdita netta di 128,3 milioni di euro. 10

13 L ATTIVITA A LIVELLO INDIVIDUALE CREDITI Relazione degli Amministratori sulla Gestione Le consistenze complessive dei crediti verso clientela e verso banche risultano in contrazione del 20% rispetto a quanto registrato alla fine del In migliaia di euro % % Crediti verso banche , ,0 Crediti verso clientela , ,0 Totale , ,0 CREDITI VERSO CLIENTELA Il comparto dei crediti verso clientela ha subito una riduzione del 19,2%, determinata dai minori flussi di erogazioni rispetto ai maggiori capitali giunti a scadenza e alle ulteriori svalutazioni apportate. Le erogazioni complessive nel corso del 2013 sono state 335 milioni di euro, in aumento del 7,7% rispetto ai 312 milioni di euro erogati nell esercizio 2012 e in controtendenza rispetto ai dati di Sistema 1 che registrano un calo su base annua del 5,3% dei prestiti alle società non finanziarie. In particolare i nuovi volumi 2013 hanno riguardato per 198 milioni di euro l attività di corporate lending e per 122 milioni di euro l attività di structured finance. La minor incidenza della componente corporate lending rispetto all esercizio precedente è da ricondursi principalmente all andamento del mercato di riferimento che, in un contesto di crescente competitività, è caratterizzato dalla propensione dei potenziali clienti della Banca a effettuare operazioni non garantite (unsecured) a condizioni difficilmente compatibili con gli obiettivi di redditività della Banca stessa. Con riguardo alla tipologia di attività creditizia, la composizione del portafoglio in essere al 31 dicembre 2013 è determinata principalmente: nel settore del Corporate Finance da: Acquisition Finance per 476 milioni di euro; Real Estate per 346 milioni di euro; Project Finance per 295 milioni di euro; Shipping per 216 milioni di euro; nel settore del Corporate Banking: Corporate lending per 665 milioni di euro; Acquisition Corporate per 58 milioni di euro. 1 Fonte: Banca d Italia 11

14 Relazione degli Amministratori sulla Gestione CREDITI VERSO BANCHE I crediti verso banche, pari a circa 226 milioni di euro, risultano in calo del 30,3% rispetto alle consistenze di fine I crediti in questione sono costituiti prevalentemente da depositi, per la gran parte come fondi a garanzia correlati ad operazioni di finanziamento sindacate (IBLOR) per circa 98 milioni di euro, da conti correnti bancari attivi per circa 100 milioni di euro ed in misura minore da rapporti collaterali connessi all operatività in derivati. La variazione negativa è dovuta principalmente all effetto, verificatosi a fine 2012, di un temporaneo eccesso di liquidità correlato a rimborsi anticipati da parte della clientela. CREDITI DI FIRMA E ATTIVITA COSTITUITE IN GARANZIA L ammontare dei crediti di firma e delle attività costituite in garanzia, pari a circa 158 milioni di euro, in diminuzione del 26,8%, comprende le fideiussioni rilasciate per 105 milioni di euro (di cui 98 milioni di euro per correlate operazioni di finanziamento denominate IBLOR, il cui deposito a garanzia è registrato nei crediti verso banche) e, per circa 53 milioni di euro, un pegno iscritto su azioni presenti nel portafoglio Equity della Banca. 12

15 Relazione degli Amministratori sulla Gestione ANALISI DEI CREDITI Crediti in bonis verso clientela Nel corso dell esercizio 2013, i crediti in bonis sono stati interessati da nuovi flussi di erogazioni per 335 milioni di euro e scadenze in linea capitale per 940 milioni di euro. Il continuo peggioramento della qualità del credito bancario a causa principalmente della fase negativa del ciclo economico e della debolezza della domanda di finanziamenti delle imprese, ha comportato la riclassifica di 33 nuovi default alla categoria dei crediti deteriorati generando un flusso verso la categoria dei crediti dubbi di circa 241 milioni di euro. Nel considerare che tali nuove posizioni risultano in calo rispetto ai 52 default dell esercizio precedente, si evidenzia come queste siano interamente riferibili al portafoglio crediti preacquisizione da parte di GE Capital Corporation Inc. Il tasso di default 2013 è pari al 4,1% rispetto al 4,6% del 2012 e al 2,9% del La stima della perdita (LGD) risulta pari al 59,2%, in diminuzione rispetto al valore di 60,1% riferito all anno precedente; tale livello di LGD è influenzato anche dalla presenza di operazioni unsecured. Il tasso di default e la stima della perdita (LGD) sono i parametri utilizzati dal modello di calcolo nella determinazione delle svalutazioni collettive da apportare al portafoglio in bonis verso la clientela; tali parametri, applicati alle categorie considerate a maggior rischio - sulla base di risultanze statistiche dell ultimo triennio per classi omogenee di rating - generano una svalutazione collettiva del portafoglio pari al 2,81% rispetto al 2,60% registrato a fine Al fine del calcolo della svalutazione collettiva dei crediti di firma, viene utilizzato il medesimo criterio adottato per i crediti per cassa in bonis ; la copertura ammonta a circa 2,3 milioni di euro, corrispondente al 2,83% rispetto al 2,65% registrato al termine dell esercizio

16 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Crediti deteriorati La valutazione sistematica dei crediti definiti a rischio, attraverso l uso di tecniche di valutazione differenziate in ragione della tipologia e della condizione della posizione valutata, determina la quantificazione delle previsioni di recupero analitiche con conseguenti proposte di rettifiche o di riprese di valore. Inoltre, sono effettuate svalutazioni collettive per quei crediti deteriorati la cui valutazione analitica non ha comportato alcuna rettifica di valore. La tabella seguente mostra il dettaglio dei crediti per cassa lordi e netti, verso banche e verso clientela, suddivisi per classifica di rischio. In migliaia di euro Esposizione lorda (A) Rettifiche di valore complessive (B) Esposizione netta (C) Crediti deteriorati ,3 54, ,3 Sofferenze ,6 74, ,2 Incagli ,4 39, ,7 Ristrutturati ,3 48, ,2 Past due ,0 2, ,8 Crediti "in bonis" ,7 3, ,9 Totale dei crediti ,0 23, ,4 % (C) % copertura (B/A) Esposizione lorda Esposizione netta (D) Var. % (C/D) Nel valutare l andamento dei crediti deteriorati nel corso del 2013 è necessario considerare che in data 27 dicembre la Banca ha ceduto pro-soluto crediti in Sofferenza vantati verso 72 posizioni per un valore lordo complessivo di 36,4 milioni di euro, interamente rettificati. Tale cessione si è determinata stante l accertato stato di insolvenza dei clienti, tutti in procedura concorsuale, nonché l ammissione degli stessi come crediti chirografari nello stato passivo delle rispettive procedure, per i quali la Banca ha accertato l irrecuperabilità del credito in base agli esiti delle azioni intraprese ed allo stato delle varie procedure. In termini di esposizione complessiva, i crediti deteriorati lordi sono aumentati su base annua del 9,9% (+13,3% non considerando gli effetti della cessione sopracitata); tale incremento riguarda principalmente le categorie Ristrutturati (+63,5%) e Incagli (+20,1%), diversamente dalle Sofferenze che decrescono dello 0,5% (+6,4% non considerando gli effetti della cessione) e dalla categoria Past due che evidenzia un calo del 24,8%. I dati 2013 relativi alla crescita delle Sofferenze risultano essere migliori di quelli rilevati dal sistema bancario italiano 2 (+24,7%) e nello specifico del segmento corporate (+29,8%). I nuovi default, interamente riferibili a erogazioni avvenute prima dell acquisizione della partecipazione di controllo da parte di GE Capital Corporation Inc., hanno generato aumenti per circa 242 milioni di euro, parzialmente compensati dalle diminuzioni, imputabili principalmente ad incassi per circa 65 milioni di euro, a cancellazioni e cessioni per 92 milioni di euro e dal passaggio alla categoria in bonis per 17 milioni di euro. 2 Fonte: ABI Ufficio Analisi Economiche 14

17 Relazione degli Amministratori sulla Gestione In conseguenza della dinamica dei flussi lordi sopra rappresentata e della relativa dinamica delle rettifiche di valore, le esposizioni nette risultano in aumento del 5,3% rispetto al dato di fine La variazione dell incidenza percentuale della copertura sul totale dei crediti deteriorati, ora pari al 54,3% rispetto al 52,3% registrato al termine dell esercizio precedente e al 46% nel 2011, è correlata alla crescita delle esposizioni maggiormente a rischio. Il livello di copertura della Banca, come registrato negli ultimi anni, continua ad attestarsi su livelli superiori a quelli mediamente registrati dal sistema. Nello specifico infatti, i dati relativi alla rischiosità del sistema bancario italiano con riferimento alla sola categoria Sofferenze, mostrano, seppur con un andamento crescente, una percentuale di copertura dal 39,1% del 2009 al 48,4% del dicembre 2013, rispetto a quanto registrato dalla Banca nello stesso periodo con percentuali crescenti dal 60,3% del 2009, fino al 74,9% di fine La tabella seguente mostra la composizione dei crediti di firma suddivisi per classifica di rischio. Crediti di firma In migliaia di euro Esposizione lorda (A) Rettifiche di valore complessive (B) Esposizione netta (C) Esposizioni deteriorate ,4 64, ,7 Esposizioni "in bonis" ,3 2, ,4 Totale dei crediti di firma ,7 17, ,7 % (C) % copertura (B/A) Esposizione lorda Esposizione netta (D) Var. % (C/D) Le posizioni deteriorate lorde, che ammontano a 24,3 milioni di euro, mostrano una incidenza della copertura pari al 64,8%. Il fondo complessivo a copertura dei crediti di firma, iscritto al passivo alla voce Altre passività, ammonta a circa 18 milioni di euro. 15

18 Principali indici di bilancio relativi ai crediti Relazione degli Amministratori sulla Gestione Crediti deteriorati in % Crediti deteriorati lordi / impieghi lordi totali 39,2 30,4 Crediti deteriorati netti / impieghi netti totali 23,3 17,6 Crediti deteriorati netti / Patrimonio netto 100,0 77,4 Sofferenze in % Sofferenze lorde / impieghi lordi totali 17,2 14,8 Sofferenze nette / impieghi netti totali 5,6 5,0 Sofferenze nette / Patrimonio netto 24,1 22,1 Incagli in % Incagli lordi / impieghi lordi totali 17,0 12,1 Incagli netti / impieghi netti totali 13,4 8,9 Incagli netti / Patrimonio netto 57,5 39,2 Ristrutturati in % Ristrutturati lordi / impieghi lordi totali 3,4 1,8 Ristrutturati netti / impieghi netti totali 2,3 1,5 Ristrutturati netti / Patrimonio netto 9,7 6,6 Sconfinati/scaduti oltre 90 giorni in % Sconfinati/scaduti oltre 90 giorni lordi / impieghi lordi totali 1,6 1,8 Sconfinati/scaduti oltre 90 giorni netti / impieghi netti totali 2,0 2,1 Sconfinati/scaduti oltre 90 giorni netti / Patrimonio netto 8,6 9,5 16

19 Relazione degli Amministratori sulla Gestione PARTECIPAZIONI Nella presente voce confluiscono le seguenti interessenze partecipative: GE Capital Servizi Finanziari S.p.A.: 100% del capitale sociale; GE Capital Finance S.r.l.: 60% del capitale sociale; il restante 40% indirettamente per il tramite di GE Capital Servizi Finanziari S.p.A.; GE Capital Services S.r.l.: 79% del capitale sociale; il restante 21% indirettamente per il tramite di GE Capital Servizi Finanziari S.p.A. La Banca detiene inoltre: tramite la controllata GE Capital Servizi Finanziari S.p.A., il controllo indiretto del 100% della società GE SPV S.r.l, società per la cartolarizzazione, costituita ai sensi dell art. 3 della legge 30 aprile 1999, n. 130; tramite la controllata GE Capital Services S.r.l, una partecipazione in Renting Italease S.r.l, società che rappresenta una joint venture con Italease Gestione Beni S.p.A. Si segnala inoltre che, nell ambito del più ampio progetto di semplificazione societaria del Gruppo Bancario GE Capital Interbanca: le controllate dirette GE Leasing S.p.A. e Bios Interbanca S.r.l. sono state fuse in GE Capital Servizi Finanziari S.p.A. con efficacia legale 1 maggio 2013; la controllata indiretta GE Commercial Distribution Finance S.r.l. è stata fusa in GE Capital Finance S.r.l. con efficacia legale 1 maggio 2013; la controllata indiretta GE Noleggi S.p.A. è stata fusa in GE Capital Services S.r.l. con efficacia legale 8 novembre Si ricorda che le partecipazioni in GE Capital Servizi Finanziari S.p.A. e GE Capital Finance S.r.l sono state acquisite in seguito all autorizzazione rilasciata dalla Banca d Italia, in data 31 dicembre 2010, attraverso un conferimento in natura da parte del socio di controllo GE Capital Corporation. Tale conferimento è avvenuto con imputazione dei valori patrimoniali rilevanti ad una specifica riserva di patrimonio netto della Banca, per circa 275 milioni di euro, rappresentativi del fair value alla data di conferimento, Il valore sopra indicato, attribuito alle partecipazioni in sede di iscrizione e pari al patrimonio netto delle partecipate, è stato successivamente rettificato per complessivi 38,3 milioni di euro, corrispondenti nella fattispecie alle perdite conseguite dalle stesse negli ultimi esercizi, ritenute rappresentative di perdite di valore. La partecipazione in GE Capital Services S.r.l, società non finanziaria non rientrante nel Gruppo Bancario GE Capital Interbanca, operante nel mercato del noleggio a lungo termine di autovetture e di beni strumentali, è stata invece acquisita in data 31 dicembre 2012, sempre attraverso un conferimento in natura da parte del socio di controllo GE Capital Corporation. Tale conferimento, pari al 79% del capitale sociale della società conferita, è avvenuto al fair value determinato in base a perizia effettuata da esperti indipendenti, pari a circa 55,8 milioni di euro, ed è stato imputato ad una specifica riserva di patrimonio netto della Banca. 17

20 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Controllate dirette facenti parte del Gruppo Bancario GE Capital Interbanca GE Capital Servizi Finanziari S.p.A. La società, iscritta all elenco speciale ex art. 107 TUB, appartenente al Gruppo Bancario GE Capital Interbanca e soggetta all attività di direzione e coordinamento di GE Capital Interbanca S.p.A, è specializzata nel leasing autoveicoli e nel comparto equipment lease, che commercializza tramite una rete selezionata di agenti in attività finanziarie - mono mandatari - sull intero territorio nazionale. La società detiene: il 100% delle azioni di GE SPV S.r.l; il 40% delle azioni di GE Capital Finance S.r.l; il 21% delle azioni di GE Capital Services S.r.l. Le assemblee dei soci delle società interessate, tenutesi il 5 febbraio 2013, hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di GE Leasing Italia S.p.A. e Bios Interbanca S.r.l. in GE Capital Servizi Finanziari S.p.A, con efficacia legale 1 maggio 2013 e con decorrenza retroattiva degli aspetti contabili e fiscali a partire dall 1 gennaio Pertanto, i commenti che seguono relativi ai dati finanziari e economici al 31 dicembre 2013 comprendono le risultanze delle società incorporate mentre i dati comparativi al 31 dicembre 2012 rispecchiano la situazione precedente alle fusioni. I principali dati finanziari mostrano all attivo una crescita delle consistenze verso la clientela (990 milioni di euro) del 3,7% rispetto al dato di fine 2012, derivante principalmente dal conferimento del portafoglio Equipment Lease a seguito della fusione (81,5 milioni di euro); i restanti portafogli evidenziano, da un lato la crescita dell 1,3% del comparto core business del leasing auto e, dall altro, una contrazione dei portafogli in run-off relativi alla cessione del quinto dello stipendio (-29,2%), ai mutui ai privati (-8,4%) e ai finanziamenti rateali auto e prestiti personali (-66,2%). Il dato sui volumi delle erogazioni del core business del leasing auto, avvenute nell esercizio, pari a 255 milioni di euro, mostra una flessione del 18,8%, rispetto a 2012, a causa del protrarsi della crisi del settore automobilistico, seppur confermando la Società come leader di mercato con una quota del 14%. Per quanto riguarda il portafoglio Equipment Lease proveniente dalla fusione, il volume delle erogazioni ammonta a 42 milioni di euro rispetto ai 31 milioni dell esercizio precedente. Dal punto di vista della qualità del portafoglio, il rapporto tra i crediti non performing netti e il totale dei crediti netti, rileva una decrescita rispetto all esercizio precedente, passando dall incidenza del 9% al 7,9%, soprattutto per effetto del conferimento del portafoglio Equipment Lease; per lo stesso motivo il grado di copertura è ora pari al 64,3% rispetto al 58,1% del 31 dicembre La raccolta da Enti Finanziari è principalmente composta da linee a tasso variabile per 663 milioni di euro, da una linea a tasso fisso per 124 milioni di euro e da fondi rivenienti dalla cartolarizzazione del portafoglio leasing per 36 milioni di euro. Il conto economico 2013 presenta un margine di interesse in calo di 0,5 milioni di euro, (-1,9%), a causa di contrastanti fattori: da un lato si registra un maggior costo della provvista sulle linee 18

21 Relazione degli Amministratori sulla Gestione rinnovate a fine 2012 e dall altro l apporto positivo derivante dal conferimento del portafoglio Equipment Lease a seguito della fusione. Le rettifiche nette per deterioramento dei crediti, pari a circa 27,6 milioni di euro, presentano un aumento di circa il 27% rispetto al dato registrato alla fine dell esercizio precedente. Tale incremento è principalmente legato ai portafogli in run-off, in particolare il portafoglio mutui, dove è stato necessario applicare un modello di Discounted Cash Flow, nonchè al portafoglio Equipment Lease per 2,1 milioni di euro. I costi operativi risultano in crescita di 3,2 milioni di euro (+19,6%) principalmente a causa dell aumento del costo del Personale, per circa 2,3 milioni di euro, unitamente all aumento delle Altre Spese Amministrative, in relazione all operazione di fusione sopra descritta. Al netto della svalutazione apportata al valore della partecipazione in GE Capital Finance S.r.l. per circa 1,4 milioni di euro, il risultato ante imposte presenta un saldo negativo di 20,9 milioni di euro, in crescita rispetto alla perdita di 11,8 milioni di euro registrata nell esercizio precedente. La componente economica relativa alle imposte sul reddito, il cui ammontare positivo è pari a circa 6,1 milioni di euro, è caratterizzata dalle disposizioni fiscali in tema di possibilità di conversione in crediti fiscali delle imposte anticipate relative alle svalutazioni dei crediti, nonché dall adesione al consolidato fiscale con specifici accordi di consolidamento con le Società facenti parte del perimetro civilistico della Banca. Al netto delle imposte sul reddito, il risultato d esercizio è negativo per 14,8 milioni di euro, in peggioramento rispetto alla perdita conseguita nel 2012, pari a 6,3 milioni di euro. GE Capital Finance S.r.l. La società, iscritta all elenco di cui all art. 107 TUB, appartenente al Gruppo Bancario GE Capital Interbanca e soggetta all attività di direzione e coordinamento di GE Capital Interbanca S.p.A., opera sul mercato del factoring offrendo servizi relativi al finanziamento e alla gestione di crediti di impresa. Negli anni, l azienda si è gradualmente focalizzata sulle componenti di servizio creando delle competenze interne volte a offrire un vasto elenco di prodotti adatti al mercato italiano e, in particolar modo, alle medie e grandi aziende interessate a ottimizzare il profilo di rischio legato ai crediti, la gestione amministrativa e il capitale circolante. Le assemblee dei soci delle società interessate, tenutesi il 26 ottobre 2012, hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di GE Commercial Distribution Finance S.r.l. in GE Capital Finance S.r.l., con efficacia legale 1 maggio 2013 e con decorrenza retroattiva degli aspetti contabili e fiscali a partire dall 1 gennaio Pertanto, i commenti che seguono relativi ai dati patrimoniali e economici al 31 dicembre 2013 comprendono le risultanze della società incorporata mentre i dati comparativi al 31 dicembre 2012 rispecchiano la situazione precedente alla fusione. Riguardo alla gestione operativa, nel corso del 2013 il turnover complessivo della Società ha registrato un incremento del 111% rispetto all analogo periodo del 2012, passando da 557 milioni di euro a milioni di euro erogati nel corso dell esercizio. 19

22 Relazione degli Amministratori sulla Gestione L ammontare dei crediti netti verso clientela si è quindi attestato intorno a 231 milioni di euro rispetto a 87 milioni di euro di fine 2012, con una crescita del 165%, consentendo così alla Società di accrescere la propria quota di mercato. Per quanto riguarda la qualità del portafoglio, il rapporto tra i crediti non performing netti e il totale dei crediti netti rileva un ulteriore miglioramento rispetto all esercizio precedente grazie all incremento dei crediti registrato nel 2013, portando l incidenza dal 2,0% allo 0,6%. Con riferimento alle principali voci di conto economico, particolarmente indicativo è il miglioramento del margine d intermediazione, legato principalmente all elevato turnover, che si attesta a circa 4,6 milioni di euro, con una crescita del 51% rispetto al 31 dicembre Le spese amministrative (comprensive dei costi del personale) risultano in diminuzione dell 8,7% nel confronto con il 2012, principalmente per la riduzione dei costi per servizi ricevuti da società del Gruppo GE Capital. Le componenti valutative riferite ai crediti e ad altri rischi ed oneri hanno generato nel 2013 rettifiche di valore per 0,4 milioni di euro, in controtendenza rispetto alla ripresa di valore di 1,8 milioni di euro registrata nell esercizio 2012; tale variazione è legata alle rettifiche collettive sul portafoglio in bonis, in relazione all incremento delle consistenze. Il risultato ante imposte presenta un saldo negativo di 3,8 milioni di euro, in miglioramento rispetto alla perdita di 4,4 milioni di euro conseguita nell esercizio precedente. La componente economica relativa alle imposte sul reddito, il cui ammontare positivo è pari a circa 0,4 milioni di euro, è caratterizzata dalle disposizioni fiscali in tema di possibilità di conversione in crediti fiscali delle imposte anticipate relative alle svalutazioni dei crediti, nonché dall adesione al consolidato fiscale con specifici accordi di consolidamento con le Società facenti parte del perimetro di civilistico della Banca. Al netto delle imposte sul reddito, la perdita d esercizio ammonta a 3,4 milioni di euro, in miglioramento rispetto alla perdita di 4,4 milioni di euro conseguita nell esercizio precedente. Controllate non facenti parte del Gruppo Bancario GE Capital Interbanca GE Capital Services S.r.l. Dal 31 dicembre 2012, la Società è controllata interamente dalla Banca - direttamente per il 79% e per il restante 21% tramite GE Capital Servizi Finanziari S.p.A. - e soggetta all attività di direzione e coordinamento della Banca stessa. GE Capital Services S.r.l., classificata come società non finanziaria, opera principalmente nel mercato del noleggio a lungo termine di autovetture e di beni strumentali. Le assemblee dei soci delle società interessate, tenutesi l 11 ottobre 2013, hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di GE Noleggi S.p.A. in GE Capital Services S.r.l, con efficacia legale 8 novembre 2013 e con decorrenza retroattiva degli aspetti contabili e fiscali a partire dall 1 gennaio

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli