LEGA NAVALE ITALIANA ENTE DI DIRITTO PUBBLICO SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGA NAVALE ITALIANA ENTE DI DIRITTO PUBBLICO SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA"

Transcript

1 LEGA NAVALE ITALIANA ENTE DI DIRITTO PUBBLICO SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Sezione di FASANO REGOLAMENTO DI SEZIONE 1

2 INDICE Art. 1 Regolamento interno di Sezione Art. 2 Dei Soci Art. 3 Tesseramento Anzianità Art. 4 Assemblea dei soci e votazione Art. 5 Degli Organi Collegiali Art. 6 Direttore di Sede Art. 7 Degli Ospiti Art. 8 Dei luoghi sociali Art. 9 Accesso ai luoghi sociali Art. 10 Posti barca Art. 11 Rotazione dei posti barca Art. 12 Requisiti per l'assegnazione dei posti barca Art. 13 Decadenza dalla assegnazione del posto barca Art. 14 Obblighi degli assegnatari dei posti barca Art. 15 Registro delle imbarcazioni Art. 16 Quote Sociali e Canoni Art. 17 Gruppi sportivi Art, 18 Norme aggiuntive Art. 19 Norme finali Art. 20 Norme transitorie 2

3 ARTICOLO 1 REGOLAMENTO INTERNO 1. Il presente Regolamento Interno è redatto in conformità ai principi della Lega Navale Italiana contenuti nello Statuto, nel Regolamento allo Statuto della Lega Navale Italiana, e nelle Circolari n. 125, 134, 183, 226 e 229 della Presidenza Nazionale che argomentano le norme generali per la formazione dei Regolamenti Interni, la gestione delle Basi Nautiche e l'assegnazione dei posti barca. 2. Per tutto quanto non contenuto in questo Regolamento Interno fanno testo lo Statuto, il Regolamento allo Statuto della Lega Navale Italiana e le citate Circolari. 3. L'applicazione del disposto contenuto deve essere esercitata dai membri del Consiglio Direttivo di Sezione, dal Direttore di Sede o dal Commissario Straordinario, ai quali spetta la responsabilità di intervenire, richiamare e fare rilevare le eventuali manchevolezze ai Soci che dovessero trasgredire una o più disposizioni in esso contenute. 4. Il Socio che mantiene un comportamento scorretto in seno all'associazione o assume un comportamento in contrasto con i principi etici della Lega Navale Italiana, in violazione delle norme statutarie o regolamentari, è passibile di procedura disciplinare (art. 8 del Regolamento allo Statuto della Lega Navale Italiana). ARTICOLO 2 DEI SOCI 1. Possono aderire alla Lega Navale Italiana tutti i cittadini Dell'Unione Europea. 2. Il Socio, nell ambito della sede sociale e nautica, dovrà sempre ed in ogni caso, mantenere un comportamento dignitoso e consono alle direttive altamente morali previste dallo statuto. 3. Dovrà evitare scontri verbali e tutto ciò che potrebbe turbare una serena convivenza. Costituisce grave illecito disciplinare il comportamento del socio che usi modi e toni offensivi nei confronti di altri soci, personale dipendente e organi dirigenziali. 4. Tutti i Soci della Sezione di Fasano o delle altre Sezioni (ordinari, familiari, aggregati, soci benemeriti e onorari), hanno diritto a frequentare la sede nautica ed a usufruire delle installazioni e dei servizi, purché in regola con i versamenti delle quote sociali e associative dovute dalle singole categorie. 5. I Soci che hanno rapporto di lavoro retribuito con l'associazione non possono rivestire alcuna carica all'interno della stessa. Non possono, altresì, svolgere mansioni di Istruttori, di natura organizzativa nell'ambito dei relativi Gruppi Sportivi o di altre attività nautiche. ARTICOLO 3 TESSERAMENTO - ANZIANITA' 1. Il tesseramento e l'anzianità sono disciplinati dall'art. 7 del Regolamento allo Statuto. 2. La tessera di Socio della Lega Navale Italiana è nazionale ed è nominativa. In caso di smarrimento può essere sostituita con altra copia gratuita. 3. Il Socio ordinario che rinnova la tessera dopo il 31 marzo è tenuto a un pagamento di mora; il mancato pagamento dell'indennità entro il 30 settembre determina la decadenza dalla condizione di socio (art. 9 del Regolamento allo Statuto). 4. L'anzianità non conferisce alcun titolo specifico. Nei casi di trasferimento da una struttura periferica ad un'altra, o nei casi di interruzione, con il ripristino del periodo mancante, l'anzianità 3

4 decorre dall'anno della prima iscrizione alla Lega Navale Italiana. Invece, per determinare la graduatoria nella fruizione dei servizi sociali e per la concessione degli ormeggi, l'anzianità decorre dalla data di iscrizione alla Sezione Lega Navale Italiana di Fasano (art. 7, n. 7, Regolamento allo Statuto). ARTICOLO 4 ASSEMBLEA DEI SOCI La convocazione e le deliberazioni dell'assemblea dei Soci e degli Organi Collegiali sono regolate dalle norme del Regolamento allo Statuto (art. 4, 25, 26, 27, 28, 29, 30,) che si intendono integrate come segue. 1. Gli Organi Dirigenti devono esporre nell'aula in cui si svolgono le elezioni e nell'interno della cabina, per ciascun organo collegiale, distinte liste in ordine alfabetico. 2. Tutti i candidati, prima delle votazioni possono prendere la parola ed informare i Soci elettori della propria disponibilità ad assumere gli incarichi ai quali sono chiamati. 3. Il Socio avente diritto al voto, ai sensi del paragrafo 10 dell'art. 25 del Regolamento allo Statuto, e che non può partecipare all'assemblea Ordinaria e Straordinaria regolarmente convocata, può rilasciare delega ad altro socio, che abbia anche esso diritto al voto. 4. La delega deve chiaramente indicare: a) il nome del delegante e del delegato; b) la data dell'assemblea per la quale la delega è stata rilasciata; c) la dichiarazione di accettazione da parte del delegante dell'operato del delegato; 5. La mancanza di uno qualunque degli elementi indicati nel precedente art. 8 rende nulla la delega. 6. La delega deve pervenire al Presidente a mezzo posta con lettera raccomandata A/R entro e non oltre il termine di 3 giorni feriali prima della convocazione dell'assemblea, oppure può essere rilasciata direttamente al Presidente o ad un suo delegato sempre entro il termine di 3 giorni feriali prima della convocazione dell'assemblea. 7. Non sono ritenute valide le deleghe presentate in Assemblea. 8. Il Presidente di Sezione, accertata la validità della delega, del diritto al voto del delegante e del delegato, consegnerà a quest'ultimo la scheda per il voto in sede di Assemblea. 9. Il Presidente di Sezione, se richiesto, rende spiegazione scritta al socio delegante dei motivi di invalidità della delega. 10. Ciascun socio partecipante all'assemblea può essere portatore di una sola delega. 11. Ogni votante esprime un numero di preferenze pari al numero dei componenti dell'organo Collegiale da eleggere. ARTICOLO 5 DEGLI ORGANI COLLEGIALI 1. Gli Organi Collegiali di Sezione sono: a) L Assemblea dei Soci; b) Il Presidente che ha la rappresentanza legale della sezione; c) Il Consiglio Direttivo composto da sette Consiglieri compreso il Presidente; d) Il Collegio dei Revisori dei Conti; e) Il Collegio dei Probiviri. 2. Le attribuzioni degli Organi Collegiali sono stabilite dagli art. 27,28, 29 del Regolamento allo Statuto. 4

5 3. E buona norma che, per ben operare, le persone elette a comporre gli Organi Collegiali risiedono preferibilmente nel Comune ove ha sede la Struttura Periferica o in località vicine al Comune ove ha sede la Sezione. 4. Durante lo svolgimento delle Assemblee è sospesa ogni altra attività sociale. ARTICOLO 6 VICEPRESIDENTE DI SEDE 1. Il Vicepresidente di Sede, nominato dal Consiglio Direttivo di Sezione. sovrintende e coordina l'utilizzazione delle strutture e attrezzature. Autorizza l'uso temporaneo di posti barca vacanti; opera sotto le direttive del Presidente e può essere rimosso con contestuale comunicazione dei motivi. Sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento. ARTICOLO 7 DEGLI OSPITI 1. Condizioni essenziali per invitare un ospite sono: a) Essere socio ordinario o assimilato della struttura; b) Essere in regola con il tesseramento dell'anno in corso. 2. Non è consentita la frequenza della sede della Sezione ai non Soci. 3. Gli Ospiti sono ammessi a frequentare la sede della struttura solo se accompagnati dal Socio invitante, il quale è personalmente responsabile del loro comportamento; eventuali prestazioni di servizi a titolo oneroso sono a totale carico del socio invitante. ARTICOLO 8 DEI LUOGHI SOCIALI 1. Il luogo sociale della Sezione di Fasano è la sala posta in via Asmara in Savelletri. 2. La Sala è destinata alle attività ricreative dei Soci. ARTICOLO 9 ACCESSO AI LUOGHI SOCIALI 1. L'accesso ai luoghi sociali è consentito a tutte le categorie dei Soci e agli ospiti dei Soci occasionalmente invitati, i quali dovranno essere registrati sotto esplicita responsabilità del socio invitante. 2. L'ammissione di ospiti deve essere occasionale, gratuita e contenuta al massimo. 3. Le persone estranee, ammesse a frequentare la sede a fronte di occasioni singole specificatamente autorizzate, saranno affidate a Socio responsabile, nel rispetto degli accordi di ammissione. 4. I Soci debbono frequentare i locali della Sede Sociale in abbigliamento decoroso e adeguato all'ambiente; il comportamento di ciascuno dovrà essere tale da non apportare disturbo agli altri Soci. 5

6 ARTICOLO 10 POSTI BARCA La Sezione dispone di sistemazioni di ormeggio ai pontili e al catenario. Il numero dei posti d'ormeggio disponibili è in funzione di diversi elementi, alcuni dei quali variabili nel tempo: a) profondità dei fondali; b) spazi di manovra; c) caratteristiche fisiche degli ormeggi; d) dimensioni e caratteristiche delle imbarcazioni. In funzione dei suddetti elementi il piano degli ormeggi è approvato annualmente a cura del Consiglio Direttivo ed è redatto secondo la tabella allegata: Il Consiglio Direttivo di Sezione ha facoltà, per oggettive esigenze tecniche ed organizzative, di variare i posti d'ormeggio nell'ambito della Sede Nautica. 1. Il posto barca non è cedibile né definitivo. 2. Il Consiglio Direttivo della Sezione dispone gli spostamenti, che si determinino con la cessazione dei periodi di ormeggio consentiti; l'ingresso annuale delle imbarcazioni 3. Il posto barca può essere utilizzato solo dal Socio o dai Suoi parenti conviventi; non è cedibile, né alienabile con o senza l'unità da diporto che lo occupa. 4. Il Direttivo deve prevedere la disponibilità di almeno tre posti barca da destinare ai Soci in transito. 5. Devono essere resi disponibili almeno 2 posti d'ormeggio da destinare a Soci che presentano gravi limitazioni per invalidità riconosciute dalle competenti Autorità Sanitarie. 6. La Dirigenza ha la facoltà di utilizzare i posti barca momentaneamente rimasti vacanti, per esigenze della Sede o per ospitalità di Soci, anche non tesserati L.N.I. solo per situazioni contingenti e per un brevissimo periodo temporale. 7. In ogni caso la Sezione di Fasano non è responsabile per la custodia delle imbarcazioni all'ormeggio in caso di furto, danneggiamento o distruzione dovuto ad atti vandalici od eventi atmosferici. 8. Qualora per eventi indipendenti dalla volontà della Sezione dovesse essere interdetto l'utilizzo del porto da parte delle competenti Autorità la quota eventualmente già corrisposta per l'ormeggio delle imbarcazioni non è restituibile. ARTICOLO 11 ROTAZIONE DEI POSTI BARCA 1. L'assegnazione degli ormeggi deve seguire una normale rotazione, per consentire ai Soci meno anziani di ottenere un posto d'ormeggio dopo un congruo periodo di attesa. 2. Tale principio è reso operativo: a) Dall avvicendamento fra i Soci che lasciano, per vari motivi, l'attività nautica; b) dal naturale avvicendamento determinato dal sistema di attribuzione dei punti di merito, prevedendo per i Soci che per la prima volta accedono all'ormeggio un periodo di concessione minima pari a tre anni. 6

7 ARTICOLO 12 REQUISITI PER L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI BARCA 1. Ogni Socio può essere assegnatario di un solo posto barca e deve avere i seguenti requisiti: a) essere in regola con il tesseramento dell'anno in corso e con il pagamento della quota supplementare entro i termini fissati dalla Presidenza a pena di decadenza dalla concessione; b) avere iscritto l'unità da diporto nel Registro del Naviglio della Lega Navale Italiana ed essere in regola con la relativa quota di iscrizione annuale; c) avere ottemperato all'assicurazione obbligatoria R.C.T. dell'unità da diporto come prescritto dall'art. 47 della L. 50/1971 e successive modifiche ed a quella contro il furto, l'incendio e sinistri derivanti da eventi fortuiti; assumere l'impegno di utilizzare l'unità da diporto con continuità e di assecondare l'opera di propaganda della propria Sezione, mettendo l'unità stessa a completa disposizione della Dirigenza, anche saltuariamente, previo adeguato preavviso. 2. Più Soci comproprietari di una unità da diporto possono chiedere l'assegnazione di un posto barca; ma soltanto uno di essi, Socio ordinario, deve essere indicato come titolare dell'assegnazione e responsabile dell'osservanza delle norme del Regolamento interno. 3. E' tassativamente vietata l'assegnazione di un posto barca a non Soci o a Soci che hanno in comproprietà unità da diporto con non Soci; e a Soci che siano soltanto usufruttuari o comodatari di una unità da diporto che risulti di proprietà di società di comodo, con esclusione dell'utilizzatore esclusivo in contratto di Leasing, che è considerato proprietario a tutti gli effetti. 4. L'assegnazione di posti barca a tempo indeterminato è tassativamente vietata, perché tutti i Soci ordinari, proprietari di una unità da diporto, devono poter aspirare, nel tempo ed in base alle priorità stabilite dal Regolamento Interno, all'assegnazione di un posto barca 5. L'assegnazione del posto barca, in caso di decesso del Socio titolare, è confermato, per l'anno in corso a favore di un erede legittimo, anch'esso Socio, entro il secondo grado. L'erede di cui sopra, familiare del de cuius, divenuto proprietario o comproprietario dell'unità da diporto con altri eredi, per ottenere il rinnovo dell'assegnazione nell'anno successivo, deve tesserarsi come Socio ordinario. In difetto di quanto sopra e qualora non esistano eredi, Soci della Sezione, l'assegnazione decade e l'imbarcazione deve essere rimossa. 6. Il Socio assegnatario di posto barca cui è inflitto il provvedimento della sospensione dalla frequenza della Sede Sociale e Nautica, o della sospensione dall'esercizio dei diritti di Socio in via disciplinare o precauzionale, può accedere alla Sede Nautica per accudire alla manutenzione della propria unità da diporto, per accertare la conservazione e la sicurezza agli ormeggi in relazione alle mutevoli condizioni atmosferiche, nonché per rimuoverla nel caso in cui decade dalla concessione o richiede di trasferirla in un ormeggio esterno alla Sezione per la durata della sospensione. 7. Le spese di rimozione forzata dell'unità da diporto, qualora non vi provveda il Socio dopo formale invito, sono a carico del proprietario. La rimozione dell'imbarcazione avverrà solo dopo una pronuncia giudiziale, per mezzo di ufficiale giudiziario. La stessa imbarcazione sarà affidata in custodia ad apposita ditta convenzionata con la Sezione a spese del socio proprietario. 8. La concessione di un posto barca non implica, in alcun caso, la presa in custodia dell'unità da diporto da parte della Sezione. Essa resta nella piena disponibilità ed in affidamento del proprietario, titolare dell'assegnazione. 7

8 ARTICOLO 13 DECADENZA DALLA ASSEGNAZIONE DEL POSTO BARCA Il Socio assegnatario decade dalla concessione del posto barca per i seguenti motivi: a) perdita della qualità di Socio, per una delle cause dì cui all'art. 8 dello Statuto; b) mancato pagamento della quota di iscrizione dell'unità da diporto al Registro del Naviglio della Lega Navale Italiana, della quota sociale e supplementare entro il 31 marzo, e del canone per la concessione del posto barca (31 gennaio e 31 marzo); e) non osservanza grave delle norme del Regolamento Interno; d) mancato mantenimento in buone condizioni di efficienza e di navigabilità dell'unità da diporto; e) mancata occupazione del posto barca, che non sia dovuta a cause ben motivate e accettate dal Consiglio Direttivo di Sezione; f) mancato indennizzo dei danni eventualmente arrecati alle imbarcazioni o cose altrui o alle infrastrutture della Sede; g) rifiuto non giustificato di mettere a disposizione della Sezione la propria unità da diporto per l'espletamento di attività istituzionali; h)uso del posto barca come parcheggio, totalmente inoperoso, dell'unità da diporto. ARTICOLO 14 OBBLIGHI DEGLI ASSEGNATARI DI POSTO BARCA 1. I Soci assegnatari di posto barca hanno l'obbligo di munire la propria imbarcazione di un numero adeguato di parabordi per ogni lato, in rapporto alla lunghezza dell' imbarcazione e di adeguate cime di ormeggio; i parabordi devono essere n 1 ogni 2 mt di imbarcazione f.t. 2. Le eventuali passerelle devono essere di lunghezza strettamente proporzionata alle esigenze e tali da non ingombrare il pontile e non costituire pericolo per le persone o intralcio al libero transito. 3. I battellini di servizio o "tenders" di proprietà di Soci non devono occupare, sia in mare che in terra, spazi riservati ad altri Soci o alla Sezione. 4. Il Socio assegnatario di posto barca, deve presenziare alle operazioni di varo ed alaggio della propria imbarcazione. 5. Le prese d'acqua devono essere usate con moderazione, evitando qualsiasi spreco. Si raccomanda pertanto l'utilizzo di manichette munite di chiusura automatica del flusso. 6. L'utilizzo della corrente elettrica delle rispettive colonnine deve effettuarsi con la presenza a bordo degli interessati o di loro delegati. 7. La Sezione non risponde di eventuali furti che dovessero verificarsi nell'ambito della Sede Nautica, nonché a bordo delle imbarcazioni. 8. E fatto assoluto divieto di scaricare in mare olio, gasolio, detersivi o altri materiali inquinanti. 9. Il Socio che delega altra persona a compiere operazioni di banchina o di spostamento della propria imbarcazione deve assumersi personalmente per iscritto ogni responsabilità per eventuali danni conseguenti dalle operazioni. 10. Il Socio che intende sostituire l'imbarcazione con altra di diverse dimensioni/caratteristiche deve informare tempestivamente la Presidenza. 11. Il Socio di età inferiore a 18 anni, che intende utilizzare la propria imbarcazione in assenza dei propri genitori deve essere autorizzato per iscritto da chi ne ha potestà. 8

9 12. Il Socio deve comunicare alla Presidenza, con adeguato anticipo, i periodi di mancato utilizzo dell'ormeggio. L'omissione di tale disposizione configura violazione al disposto dell'art.3, n.2, comma 1, del Regolamento allo Statuto, in quanto non consente alla Dirigenza di utilizzare l'apprestamento nautico a favore di altro Socio, nel periodo di mancato utilizzo. 13. I Soci, nei rapporti con il personale addetto alle banchine, alle attrezzature, di guardiania e di segreteria, devono mantenere un contegno di mutuo rispetto, avendo presente che detto personale è deputato ad eseguire disposizioni impartite dalla Dirigenza. ARTICOLO 15 REGISTRO DELLE IMBARCAZIONI 1. Nella Sezione deve essere istituito il Registro o Schedario di tutte le imbarcazioni sociali o di proprietà dei Soci con tutti i relativi dati identificativi e tecnici. Tale registro deve essere costantemente aggiornato. 2. I certificati di iscrizione al Registro del Naviglio della Lega Navale Italiana devono essere provvisti degli appositi bollini annuali rilasciati dalla Presidenza Nazionale. ARTICOLO 16 QUOTE SOCIALI E CANONI 1. Le quote e i canoni hanno validità annuale e sono stabiliti dalla Presidenza Nazionale, dalla Sezione e dalle Federazioni sportive, ognuna per la parte di competenza. 2. I relativi versamenti possono essere effettuati esclusivamente tramite bonifico bancario o postale, o tramite conto corrente postale, se acceso, specificando la causale. 3. La quota associativa della Lega Navale deve essere versata tassativamente entro il 31 marzo di ogni anno. Per i versamenti effettuati dopo tale periodo è applicata una quota aggiuntiva di mora fissata dalla Presidenza Nazionale. Ciascun Socio deve effettuare il pagamento della quota associativa con versamento specifico. Per i Soci titolari di autorizzazione al posto barca, il pagamento del tesseramento deve avvenire tassativamente entro il 3 1 marzo, pena la decadenza della relativa concessione (circolare 13 4 del , punto 12, comma b). 4. La quota di iscrizione alle Federazioni FIV, FIPSAS,FICK., quando saranno istituite in seno alla sezione di Fasano, deve essere effettuata soltanto per i Soci della Lega Navale e per gli iscritti ai corsi organizzati dalla Lega stessa. 5. La quota di iscrizione al Registro del Naviglio deve essere pagata all'inizio di ogni anno entro e non oltre il 31 marzo; il mancato pagamento della quota di iscrizione entro la data prescritta comporta la decadenza della concessione all'uso del posto barca (circ. 134, punto 12, comma b). 6. Il canone del posto barca è determinato annualmente dal Consiglio Direttivo. Esso è calcolato annualmente in base alle dimensioni dell'imbarcazione e secondo le esigenze di spese della Sezione. Esso deve essere versato tassativamente entro il 31 gennaio dell'anno relativo alla concessione, nella misura pari al 70% dell'importo dovuto in relazione alla tipologia dell'imbarcazione. Il restante 30% deve essere versato entro il 31 marzo dello stesso anno. Il mancato versamento del canone entro le date stabilite comporta la decadenza della assegnazione del posto barca, la quale sarà attribuita al Socio che, nella graduatoria corrispondente alla medesima classe di imbarcazioni, è risultato primo escluso. Il mancato 9

10 pagamento del saldo entro il termine anzidetto comporta la perdita del posto barca e la mancata restituzione di quanto versato in primo acconto. 7. Gli ospiti in transito non pagano per i primi tre giorni. I Soci che fruiscono di un posto barca vacante, per qualsiasi motivo, pagano per ogni singolo giorno di occupazione del posto. I Soci titolari di posto barca al catenario che sostano presso i pontili, pagano il canone giornaliero riferito ai pontili in misura completa, oltre al canone previsto per l'ormeggio al catenario. 8. Una tantum di accesso al posto barca. Al momento della prima concessione del posto barca ai pontili, il Socio è tenuto al versamento di una quota una tantum, per concorso alle spese di esercizio e manutenzione della Sede Nautica ed equivalente ad un canone di posto barca, che è fissato del Consiglio Direttivo di cui al precedente n. 6. ARTICOLO 17 GRUPPI SPORTIVI 1. La Sezione, allo scopo di sviluppare gli sport nautici, promuove, ai sensi dell'art. 24, n. 6 del Regolamento allo Statuto, la costituzione nel suo interno di gruppi sportivi a carattere nautico. 2. La Sezione di FASANO si potrà associare alle FEDERAZIONI DEL CONI - F.I.V., F.I.P.S.A.S., e F.I.C.K al fine di conseguire gli scopi sociali. 3. Il Presidente della Sezione è il responsabile dell'attività svolta e dell'efficienza dei gruppi sportivi; svolge tale funzione tramite il Consigliere allo Sport, il quale ha il compito di coordinare le direttive ricevute dal Presidente in esecuzione dei programmi operativi approvati dal Consiglio Direttivo di Sezione. 4. La costituzione e l'attività dei gruppi sportivi sono disciplinate con le modalità di cui al vigente Regolamento per i gruppi sportivi L.N.I., approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale in data 7 aprile ARTICOLO 18 NORME AGGIUNTIVE 1. E' tassativamente vietata qualsiasi attività con fini di lucro da parte dei Soci all'interno della Sezione Sociale e Nautica. 2. Le comunicazioni ai Soci che sono affisse alle bacheche di Sezione saranno considerate come notificate. ARTICOLO 19 NORME FINALI 1. Il presente Regolamento Interno entra in vigore dalla data di ratifica della Presidenza Nazionale e può essere modificato solo dall'assemblea dei Soci (salvo ratifica della Presidenza Nazionale), convocata ai sensi dell'art. 25, n. 3 del Regolamento allo Statuto. 2. L'Assemblea convocata per la modifica o abrogazione di una o più norme del presente Regolamento Interno, è valida con la presenza dei due terzi dei Soci aventi diritto al voto (comprese le deleghe). 10

11 3. Le deliberazioni sono prese con la maggioranza dei votanti. ARTICOLO 20 NORME TRANSITORIE E FINALI 1. Le graduatorie di merito compilate a norma del presente Regolamento Interno, relativamente al punteggio di merito previsto dall'art. 12, n.4, lettere c, d, e, f, terranno conto soltanto dei punteggi acquisiti a far data dal passaggio da Delegazione a Sezione, considerandosi prescritto ogni altro punteggio di merito relativo agli anni precedenti. 2. Ai Soci cui è stato concesso un ormeggio ai pontili o al catenario deve essere assicurata la disponibilità del posto barca per non meno di tre anni consecutivi. 3.Il socio che si iscrive alla Sezione di Fasano accetta incondizionatamente sia le norme contenute nel presente regolamento che quelle del Regolamento Nazionale. 11

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO INTERNO PER L USO DEI POSTI D ORMEGGIO DELLA BASE NAUTICA www.leganavalestabia.it La normativa che segue regola la gestione dei posti di ormeggio presso la

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione)

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) Art. 1 Composizione, elezione e durata in carica del Collegio Il Collegio dei Probiviri

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO *****

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** - Costituzione e scopi della Società. Art. 1. E costituita in Mantova un associazione di appassionati del mondo sommerso

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA CONCESSIONE DI SPECCHIO ACQUEO PER LA REALIZZAZIONE, L USO E GESTIONE DI ORMEGGI LUNGO IL CANALE MORERI PROSPICIENTE VALLE COVE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 Sommario: normativa per il riconoscimento di Enti Aggregati diversi dalle Associazioni di Classe primo riconoscimento 3 rinnovo riconoscimento

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI AGGREGATI DIVERSI DALLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI CLASSE Secondo quanto previsto dall'art

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE ART. 1 E' costituita, con sede in Parma, l'associazione Italiana dei Tecnici del Latte (A.I.Te.L.). SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE ART. 2 L'Associazione, che

Dettagli

Associazione Sportiva AMP A.S.D.

Associazione Sportiva AMP A.S.D. ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP A.S.D. REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP - A.S.D. (Associazione Sportiva Dilettantistica) REGOLAMENTO ART. 1 (AMMISSIONE DEI SOCI) L'ammissione dei soci è riservata al Consiglio

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita l Associazione denominata SLOW TIME. Essa avrà durata illimitata. L Associazione SLOW TIME è disciplinata dal

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

I DIVISIONE .OMISSIS. DELIBERA

I DIVISIONE .OMISSIS. DELIBERA I DIVISIONE 4.2) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA' DI RICERCA POST-DOTTORATO DA ISTITUIRE CON FONDI PREVISTI A BILANCIO DALL ATENEO E/O CON FONDI DEI DIPARTIMENTI E CENTRI

Dettagli

STATUTO. Art. 1 DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile l'associazione denominata Clanis.

STATUTO. Art. 1 DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile l'associazione denominata Clanis. STATUTO Art. 1 DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile l'associazione denominata Clanis. Art. 2 SEDE Clanis ha sede legale in Località Gargonza a Monte San Savino 52048 (AR) e sede operativa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA CLUB NAUTICO PESARO REGOLAMENTO PER GLI ORMEGGI E L UTILIZZAZIONE DEI SERVIZI DI BANCHINA Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI.

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. STATUTO Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. 2) Il Comitato non ha fini di lucro. 3) La sede è in Torino, Corso

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ALLEGATO ALLO STATUTO SOCIALE 05 Marzo 2010 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 16 dello Statuto Sociale dell A.I.R.C. (Associazione Italiana Roma Club) è redatto

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Associazione Nautica Marina Vecchia. Statuto Sociale

Associazione Nautica Marina Vecchia. Statuto Sociale Statuto Sociale Art. 1 Sede 1. l associazione Nautica Marina Vecchia ha sede in Lungo Mare Mameli 113\a 60019 Ancona 2. E facoltà dell assemblea ordinaria dei soci trasferire la sede in altro luogo dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DELLE AREE ADIBITE AD ORTI

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DELLE AREE ADIBITE AD ORTI COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203 Via G. Matteotti 154 - cap. 40018 Tel.051 6669511 fax 051 817984 urp@comune.san-pietro-in-casale.bo.it www.comune.san-pietro-in-casale.bo.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Lega Navale Italiana Sezione di Grado REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Il presente regolamento, redatto a seguito delle varianti al Regolamento allo Statuto approvate dal Consiglio Direttivo Nazionale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA CIVILE DI ROMA

STATUTO DELLA CAMERA CIVILE DI ROMA STATUTO DELLA CAMERA CIVILE DI ROMA CAMERA CIVILE DI ROMA STATUTO Art.1 - E' costituita nel distretto della Corte di Appello di Roma la "Camera Civile", associazione di categoria. Art. 2 - Possono far

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO ART.1 DENOMINAZIONE,SEDE, DURATA E costituita dall associazione denominata GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO con sede in Chions frazione di Basedo, via

Dettagli

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba dell Università degli Studi di Torino STATUTO ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituito il Comitato Unito - America Latina e Caraibi

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO 1 TITOLO I DEFINIZIONE Art. 1- Definizione 1. Il Regolamento Sociale contiene le norme di attuazione dello Statuto del C.U.S. Trento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA.

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. DENOMINATO ALOA Associazione Ludica Ordine Architetti Costituzione

Dettagli

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale SEZIONE LOGISTICA, TRASPORTI E SPEDIZIONI REGOLAMENTO Questa stesura rimane valida fino ad una eventuale diversa edizione compatibile con il regolamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni di Legge, è costituita l Associazione Sportiva

Dettagli

Statuti YACHT CLUB LOCARNO (YCLO)

Statuti YACHT CLUB LOCARNO (YCLO) Statuti YACHT CLUB LOCARNO (YCLO) NOME E SEDE Art. 1 Ragione sociale e forma giuridica 1.1. Sotto il nome Yacht Club Locarno (YCLO) é costituita un associazione senza scopo di lucro, apolitica e aconfessionale,

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

STATUTO. Art.1 - Denominazione, sede e durata

STATUTO. Art.1 - Denominazione, sede e durata STATUTO Art.1 - Denominazione, sede e durata E' costituita l'associazione di promozione scientifica e culturale, Associazione Carlo Giannini, con sede presso la Facoltà di Economia dell Università degli

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

Associazione culturale e sportiva

Associazione culturale e sportiva STATUTO Pag.1 TITOLO I - Denominazione - Sede Art.1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti del Codice civile è costituita,

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita con sede in Modena, Via Giardini 239, una associazione sportiva denominata San Faustino Invicta Pallavolo.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

S T A T U T O. Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA

S T A T U T O. Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA S T A T U T O Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA ARTICOLO 1 COSTITUZIONE L Associazione Filatelico Numismatica LA LANTERNA, costituita a Genova con atto notarile registrato all Ufficio

Dettagli

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede)

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede) STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione Sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI OYACE 1 2 Art. 1 Oggetto....3 Art. 2. Divieti ed obblighi....3

Dettagli

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione Università della Terza Età di Novara Statuto dell'associazione Art. 1 Denominazione 1. Con atto Rep. Gen. n. 88820/7871, in data 23 dicembre 1982, è stata costituita, ai sensi dell'art. 36 e segg. Cod.

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti.

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti. Art. 1 STATUTO E costituita l Associazione Sportiva dilettantistica. L Associazione in quanto non riconosciuta è disciplinata dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile. L Associazione ha sede in Via.

Dettagli

ALLEGATO A AL N. DI REP. N. ASSOINTERPRETI STATUTO. Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli "ASSOINTERPRETI

ALLEGATO A AL N. DI REP. N. ASSOINTERPRETI STATUTO. Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli ASSOINTERPRETI ALLEGATO A AL N. DI REP. N. PROGR. ASSOINTERPRETI STATUTO Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile denominata: "ASSOINTERPRETI Associazione Nazionale Interpreti

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

Art. 1 ORGANIZZAZIONE

Art. 1 ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI SEZIONE CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS Art. 1 ORGANIZZAZIONE L'Associazione CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS per il perseguimento degli scopi e finalità di cui all'art. 3 dello statuto, è strutturata

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari -

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - UFFICIO SERVIZI SOCIALI 1^ Ripartizione REGOLAMENTO CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER ANZIANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.67 del 14.12.2010) Regolamento generale Centro Sociale Polivalente

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

STATUTO. Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB

STATUTO. Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB STATUTO Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB Art, 1 E costituita l Associazione denominata INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB Art. 2 Essa ha sede in Torino via Mantova

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <>

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <<GIOVANI & FUTURO>> STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS DENOMINAZIONE OGGETTO E SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata GIOVANI & FUTURO organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus)". L'associazione

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

STATUTO di ASSOCIAZIONE di VOLONTARIATO

STATUTO di ASSOCIAZIONE di VOLONTARIATO STATUTO di ASSOCIAZIONE di VOLONTARIATO Articolo 1 - Costituzione, denominazione e sede - 1) E' costituita in l'associazione denominata senza fini di lucro, con sede in, (1) 2) La durata dell'associazione

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA Allegato A al verbale del 20/11/2007 STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA TITOLO I DENOMINAZIONE E FINALITÁ Art.1 E costituita l Associazione non commerciale denominata

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA PARAGRAFO 1 L associazione Fidas Verona è formata dall aggregazione delle associazioni di donatori volontari di sangue aderenti alla Fidas e operanti

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura e assenza del fine di lucro 1. È costituita con sede nella scuola elementare Giovanni Daneo in Genova, Salita Concezione 2,

Dettagli

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa Art. 1 Composizione e sede L Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa (AIGO) ha sede in Roma, via

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

Milk è un associazione non lucrativa, i cui associati possono essere persone fisiche, associazioni, imprese o società.

Milk è un associazione non lucrativa, i cui associati possono essere persone fisiche, associazioni, imprese o società. Art.1 COSTITUZIONE Milk è un associazione non lucrativa, i cui associati possono essere persone fisiche, associazioni, imprese o società. Art.2 DURATA L associazione ha durata illimitata. Art.3 OBBLIGHI

Dettagli

STATUTO della ASTAD ASSOCIAZIONE MARIA NORA ECONOMO PER LA TUTELA DELL ANIMALE DOMESTICO SCOPI

STATUTO della ASTAD ASSOCIAZIONE MARIA NORA ECONOMO PER LA TUTELA DELL ANIMALE DOMESTICO SCOPI STATUTO della ASTAD ASSOCIAZIONE MARIA NORA ECONOMO PER LA TUTELA DELL ANIMALE DOMESTICO SCOPI Art. 1) L ASTAD ASSOCIAZIONE MARIA NORA ECONOMO PER LA TUTELA DELL ANIMALE DOMESTICO è un associazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI S T A T U T O. Aprile 1998

ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI S T A T U T O. Aprile 1998 ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI H S T A T U T O Aprile 1998 - 2-1) DENOMINAZIONE E SEDE L Associazione Volontari Ospedalieri A.V.O. costituita con atto a rogito dr. Enrico Comola, Notaio in Novara,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE DENOMINATA

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE DENOMINATA ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE DENOMINATA CreARTI * * * * * * Art.1 E costituita un associazione denominata CreARTI, con sede in Sondrio, in via Petrini 8. I soci fondatori sono

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE Approvato con delibera C.P. n. l5 del 25 marzo 2003 ARTICOLO 1 1. ll presente regolamento disciplina l uso, in orario

Dettagli

Il Presidente Provinciale

Il Presidente Provinciale Verona, 12/10/2012 e p. c. Agli Affiliati FIPAV della Provincia o Regione Ai rappresentanti degli Atleti della Provincia o Regione Ai rappresentanti dei Tecnici della Provincia o Regione Al Presidente

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo L anno Duemila tredici, il mese Giugno, il giorno 27, i Signori: 1. Cecinato Simone, Milano il 24/02/1986, residente in

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Articolo 1 L'Associazione di volontariato Solidali - Associazione Disturbi Alimentari Novara più avanti chiamata

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007)

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) Art. 1 Su iniziativa di alcuni dipendenti della Cassa Di Risparmio di Genova e Imperia

Dettagli