COMUNE DI CALTAGIRONE PROVINCIA DI CATANIA. Progetto dei lavori PER MIGLIORARE LA FRUIZIONE E SOSTENIBILITA TURISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CALTAGIRONE PROVINCIA DI CATANIA. Progetto dei lavori PER MIGLIORARE LA FRUIZIONE E SOSTENIBILITA TURISTICA"

Transcript

1 COMUNE DI CALTAGIRONE PROVINCIA DI CATANIA Progetto dei lavori PER MIGLIORARE LA FRUIZIONE E SOSTENIBILITA TURISTICA DEL CENTRO STORICO DI CALTAGIRONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER FORNITURE DI SEGNALETICA TURISTICA FISSA E DI PANNELLI A MESSAGGIO VARIABILE Importo lavori a base d'asta ,00 Di cui per oneri per la sicurezza ,38 Importo lavori ,62 Caltagirone 28 Giugno 2014 Il Progettista

2 CAPITOLO I CONDIZIONI DI APPALTO E FORMA DELLE OPERE Art. 1 - Oggetto dell'appalto L'appalto ha per oggetto l'esecuzione di tutte le opere e provviste per migliorare la fruizione e sostenibilità turistica del centro storico di Caltagirone inserita nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO. I lavori costituenti l'appalto, salvo le speciali disposizioni che all'atto esecutivo potranno essere impartite dalla Direzione dei lavori, possono riassumersi come appresso: 1. Fornitura e posa in opera di Sistema Informativo Territoriale WEB-GIS; 2. Fornitura e posa in opera di Sistema Informativo Territoriale INFO-POINT; 3. Fornitura e posa in opera di pannelli elettronici a messaggio variabile, comprensivi di strutture di sostegno e software applicativi per la gestione; 4. Fornitura e posa in opera di segnaletica fissa turistica su targhe in ceramica; Le forme e dimensioni da assegnare alle varie strutture sono quelle previste nei paragrafi che seguono, salvo che non sia altrimenti indicato nei disegni di progetto allegati al contratto ed alle disposizioni impartite dalla Direzione dei lavori. Art. 2 - Importo presunto dell'appalto L importo degli oneri sulla sicurezza (importo non soggetto a ribasso d asta) ammonta a ,38. L'importo complessivo dei lavori ed oneri compensati a misura e a corpo, a base d'asta, compresi nel presente appalto, ammonta presuntivamente a ,00. Prospetto delle categorie dei lavori e relativi importi

3 Pag. 1 N.E.P. Codice Art. D E S C R I Z I O N E Unità Misura Prezzo Unit Voci Finite senza Analisi 1 NP01 F.P.O. DI SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE WEB-GIS PER IL TURISTA EURO TRENTACINQUEMILADUECENTONOVANTADUE/50 /cadauno ,50 2 NP02 F.P.O. DI SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE PER IL TURISTA INFO POINT SENZA FILI EURO TREMILAOTTOCENTOVENTITRE/47 /cadauno 3.823,47 3 NP03 F.P.O. SOFTWARE PER GESTIONE INFO-POINT EURO VENTIQUATTROMILASEICENTO /cadauno 8.032,00 4 NP04 F.P.O. PMV FOTOVOLTAICO PER ACCESSI CITTA EURO VENTUNOMILASETTECENTODODICI/72 /cadauno ,72 5 NP05 F.P.O. PMV CON SOSTEGNO PER CENTRI STORICI EURO DICIOTTOMILATRECENTOTTANTUNO/48 /cadauno ,48 6 NP6 F.P.O. SOFTWARE PER GESTIONE PMV EURO DUEMILAOTTOCENTOSEI/86 /cadauno 2.806,86 7 NP7 F.P.O. TARGHE IN CERAMICA SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA EURO MILLECENTONOVANTANOVE/50 /cadauno 1.199,50 EURO VENTISEI/90 /metro cubo 26, TRASPORTO DI MATERIE, PROVENIENTI DA SCAVI TAGLIO PAVIMENTAZIONE STRADALE EURO ZERO/63 /metro cubo 0,63 EURO TRE/58 /metro 3, CONGLOMERATO CEMENTIZIO EURO CENTOQUARANTADUE/10 /metro cubo 142, CONGLOMERATO CEMENTIZIO PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO EURO CENTOCINQUANTASETTE/90 /cadauno cubo 157, ACCIAIO IN BARRE A ADERENZA MIGLIORATA EURO UNO/90 /kg 1, FORNITURA E POSA IN OPERA DI TELAIO E CHIUSINO IN GHISA EURO TRE/96 /chilogrammo 3, INTERRUTTORE AUTOMATICO MAGNETOTERMICO DIFFERENZIALE EURO OTTANTATRE/70 /cadauno 83, FORMAZIONE DI POZZETTO PER MARCIAPIEDI EURO CENTOVENTITRE/30 /cadauno 123,30

4 FORNITURA E COLLOCAZIONE DI CONDUTTORI IN RAME EURO TRE/83 /metro 3, ESECUZIONE DI GIUNZIONE DERIVATA EURO SESSANTASETTE/60 /cadauno 67, FORNITURA E COLLOCAZIONE DI CASSETTA PORTA CONTATORE EURO NOVANTACINQUE/30 /cadauno 95, MESSA A TERRA PER PALI E MONTANTI EURO QUARANTACINQUE/20 /cadauno 45, FORNITURA E POSA IN OPERA DI DISPERSORE DI TERRA EURO SEI/16 /cadauno 6, FORNITURA E POSA IN OPERA ENTRO SCAVO DI CAVIDOTTO CON MARCHIO IMQ e CE /m 4,22 23 NP09 LAVORI DI NON FACILE PREVISIONE EURO TREDICIMILAOTTOCENTOSESSANTADUE/71 A corpo ,71 IL PROGETTISTA La prestazione di cui al presente appalto è soggetta all'imposta sul valore aggiunto (D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633) da sommarsi agli importi di cui sopra, a carico dell'amministrazione, nella misura vigente al momento del pagamento che verrà indicata dall'amministrazione su richiesta dell'appaltatore da effettuarsi prima dell'emissione della fattura. Le cifre del precedente prospetto, che indicano gli importi presuntivi delle diverse categorie di lavoro a misura, soggetti al ribasso d'asta, potranno variare tanto in più quanto in meno per effetto di variazioni nelle rispettive quantità, e ciò tanto in via assoluta quanto nelle reciproche proporzioni, con l'osservanza delle prescrizioni ed entro i limiti stabiliti negli articoli 10, 11 e 12 del vigente Capitolato generale approvato con D.M. 19 aprile 2000, n Gli importi dei lavori a corpo, fissi ed invariabili, sono soggetti anch'essi al ribasso d'asta.

5 Art. 3 - Osservanza a Leggi e Regolamenti L'appalto è disciplinato dalle leggi e dai regolamenti in vigore nella Regione in materia di opere pubbliche, nonché: - dal Codice dei contratti o D.L.gs. 163/2006 relativo ai lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17 CE e 2004/18CE e successive modifiche ed integrazioni. - Il regolamento di cui all art. 5 del Codice approvato con DPR il 5 ottobrer 2010 n dalla legge 21 marzo 1865, n. 2248, allegato F, limitatamente agli articoli non abrogati dal Regolamento 21 dicembre 1999, n. 554; - dalla legge quadro 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modifiche ed integrazioni; - dal Regolamento di attuazione della legge quadro emanato con D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554; - dal Capitolato Generale di Appalto approvato con D.M. 19 aprile 2000, n. 145; - dalla legge regionale n12/2011 e succ.mod. nonché dal decreto di attuazione della stessa. Per i lavori da eseguirsi in zone dichiarate sismiche sono da osservarsi le particolari disposizioni contenute dalla legge n 64/74 e successivi decreti di applicazione. Art. 4 - Forma e dimensioni delle opere La forma e le principali dimensioni delle opere che formano oggetto dell'appalto risultano dai disegni allegati al contratto, salvo quanto verrà meglio precisato all'atto esecutivo dalla Direzione dei lavori. Art. 5 - Condizioni di appalto Per il fatto di accettare l'esecuzione dei lavori sopra descritti l'appaltatore ammette e riconosce pienamente: a) di avere preso conoscenza delle opere da eseguire, delle condizioni tutte del Capitolato speciale e delle condizioni locali; b) di aver visitato la località interessata dai lavori e di averne accertato le condizioni di viabilità e di accesso, delle discariche, delle cave e della provenienza dei materiali da costruzione e le condizioni del suolo su cui dovrà eseguire l'opera; c) di avere attentamente vagliato tutte le circostanze generali di tempo, di luogo e contrattuali relative all'appalto stesso ed ogni e qualsiasi possibilità contingente che possa influire sull'esecuzione dell'opera; d) di aver esaminato il progetto dettagliatamente anche per quanto concerne i particolari costruttivi e decorativi; e) di avere giudicato - nell'effettuare l'offerta - i prezzi, equi e remunerativi anche in considerazione degli elementi che influiscono tanto sul costo dei materiali, quanto sul costo della mano d'opera, dei noli e dei trasporti. L'appaltatore non potrà quindi eccepire, durante l'esecuzione dei lavori, la mancata conoscenza di condizioni o la sopravvenienza di elementi, non valutati e\o non considerati, a meno che tali nuovi elementi appartengano alla categoria delle cause di forza maggiore contemplate dal Codice civile e non escluse da altre norme del presente Capitolato o che si riferiscano a condizioni soggette a revisioni per esplicita dichiarazione del presente Capitolato speciale d'appalto. Art. 6 - Variazioni alle opere progettate Le indicazioni di cui ai precedenti articoli ed i disegni allegati al contratto, debbono ritenersi unicamente come norma di massima per rendersi ragione delle opere da costruire. L'Amministrazione si riserva perciò la insindacabile facoltà di introdurre nelle opere, all'atto esecutivo, quelle varianti alla ubicazione delle opere che riterrà opportuno, nell'interesse della buona riuscita e nella economia dei lavori, senza che l'impresa possa trarne motivi per avanzare pretese di compensi ed indennizzi, di qualsiasi natura e specie, non stabiliti nel vigente Capitolato Generale, approvato con D.M. 19 aprile 2000, n. 145, e nel presente Capitolato speciale. Non sono riconosciute varianti al progetto esecutivo, prestazioni e forniture extracontrattuali di qualsiasi genere senza l approvazione da parte della stazione appaltante. Per le varianti di cui sopra sarà sottoscritto apposito atto di sottomissione che dovrà essere approvato con apposito provvedimento da parte della stazione appaltante. Art. 7 - Eccezioni dell'appaltatore Nel caso che l'appaltatore ritenga che le disposizioni impartite dalla Direzione dei lavori siano difformi dai patti contrattuali, o che le modalità di esecuzione e gli oneri connessi alla esecuzione stessa dei lavori siano più gravosi di quelli previsti nel presente Capitolato speciale e tali, quindi, da richiedere la pattuizione di un nuovo prezzo o la corresponsione di un particolare compenso, egli, prima di dar corso all'ordine di servizio con il quale tali lavori sono stati disposti, dovrà inoltrare le proprie eccezioni e/o riserve nei modi e nei termini prescritti.

6 Poiché tale norma ha lo scopo di non esporre l'amministrazione ad oneri imprevisti, resta contrattualmente stabilito che non saranno accolte richieste postume e che le eventuali riserve si intenderanno prive di qualsiasi efficacia. Le riserve fatte dall imprenditore nei termini di legge non danno facoltà a sospendere o ritardare l esecuzione delle opere appaltate ed ordinate. Si applicano comunque le disposizioni di cui agli artt. 190,191 e 201 del DPR 207/2010 e gli artt. 240 e 240 bis del D. L.gs. 163/2006. CAPITOLO II DISPOSIZIONI PARTICOLARI RIGUARDANTI L'APPALTO Art. 8 - Osservanza del regolamento, del capitolato generale, di leggi e di norme Per quanto non previsto e in ogni caso non specificato dal presente Capitolato speciale e dal contratto, l'appalto è soggetto all'osservanza: - dal D.L.gs. 163/2006 e dal DPR 207/ della legge 20 marzo 1865, n. 2248, all. F, limitatamente agli articoli non abrogati dal Regolamento 21 dicembre 1999, n. 554; - della legge quadro 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modifiche ed integrazioni; - del Regolamento di attuazione della legge quadro emanato con D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554; - del Capitolato Generale di Appalto approvato con D.M. 19 aprile 2000, n. 145; - della legge 10 dicembre 1981, n. 741, limitatamente agli articoli non abrogati dal Regolamento 21 dicembre 1999, n. 554; - della legge 19 marzo 1990, n 55 concernente «Nuove disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre forme di manifestazione di pericolosità sociale; - del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626 e successive modifiche ed integrazioni; - del decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 e successive modifiche ed integrazioni; L'appalto è, altresì, soggetto alla completa osservanza: - delle leggi, dei decreti e delle circolari ministeriali vigenti alla data di esecuzione dei lavori; - delle leggi, dei decreti, dei regolamenti e delle circolari vigenti nella Regione, Provincia e Comune nel quale devono essere eseguite le opere, oggetto dell'appalto; - delle norme emanate dal C.N.R., delle norme U.N.I., delle norme C.E.I., delle tabelle CEI-UNEL, A.N.C.C. anche se non espressamente richiamate, e di tutte le altre norme modificative e/o sostitutive che venissero eventualmente emanate nel corso dell'esecuzione del presente appalto. La sottoscrizione del contratto e del presente capitolato, allo stesso allegato, da parte dell'appaltatore equivale a dichiarazione di completa e perfetta conoscenza di tutte le leggi, decreti, circolari, regolamenti norme, ecc. sopra richiamate e della loro accettazione incondizionata. Art. 9 - Documenti che fanno parte del contratto Fanno parte integrante del contratto di appalto, oltre al presente capitolato speciale, anche i seguenti documenti: a) il capitolato generale d'appalto di cui al D.M. 19 aprile 2000, n. 145, che non si allega per brevità per quanto non in contrasto con il presente Capitolato Speciale D appalto e non previsto da quest ultimo; b) l'elenco dei prezzi unitari; c) l offerta presentata in sede di gara Art Garanzie dell'appaltatore A CAUZIONE PROVVISORIA Contestualmente all offerta l'appaltatore è obbligato a presentare ai sensi dell art. 75, comma 1 del D.L.gs. 163/2006, una cauzione provvisoria, pari al 2% dell importo dei lavori appaltati, la quale può essere costituita a scelta dell offerente in contanti o in titoli del debito pubblico o garantiti dallo Stato al corso del giorno del deposito, presso una Sezione di Tesoreria Provinciale o presso le aziende di credito autorizzate a titolo di pegno, a favore della stazione appaltante. La cauzione può essere costituita, sempre a scelta dell offerente anche mediante fideiussione bancaria ovvero mediante polizza assicurativa fideiussoria con clausola di pagamento a semplice richiesta.

7 La cauzione provvisoria deve essere accompagnata dall impegno di un fideiussore verso il concorrente a rilasciare garanzia fideiussoria definitiva nel caso di aggiudicazione da parte del concorrente dell appalto o della concessione. La cauzione copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell'aggiudicatario ed è svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del medesimo contratto. Ai non aggiudicatari, la cauzione, è restituita non appena avvenuta l'aggiudicazione. B CAUZIONE DEFINITIVA Contestualmente alla stipula del contratto, l'appaltatore deve costituire apposita garanzia fideiussoria del 10 per cento dell'importo degli stessi. In caso di aggiudicazione con ribasso d'asta superiore al 10 per cento, la garanzia fidejussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento; ove il ribasso sia superiore al 20 per cento, l'aumento è di due punti percentuali per ciascun punto di ribasso superiore al 20 per cento. La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell'affidamento e l'acquisizione della cauzione da parte del soggetto appaltante o concedente, che aggiudica l'appalto o la concessione al concorrente che segue nella graduatoria. La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio. La fidejussione bancaria o la polizza assicurativa di cui al primo e secondo comma dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. La fidejussione bancaria o polizza assicurativa relativa alla cauzione provvisoria dovrà avere validità per almeno centottanta giorni dalla data di presentazione dell'offerta. La cauzione definitiva deve permanere fino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione, o comunque decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato. La cauzione viene prestata a garanzia dell adempimento di tutte le obbligazioni del contratto e del risarcimento dei danni derivanti dall'eventuale inadempimento delle obbligazioni stesse, nonché a garanzia del rimborso delle somme pagate in più all'appaltatore rispetto alle risultanze della liquidazione finale, salva comunque la risarcibilità del maggior danno. L Amministrazione ha il diritto di valersi della cauzione per l'eventuale maggiore spesa sostenuta per il completamento dei lavori nel caso di risoluzione del contratto disposta in danno dell appaltatore. L Amministrazione ha, inoltre, il diritto di valersi della cauzione per provvedere al pagamento di quanto dovuto dall appaltatore per le inadempienze derivanti dalla inosservanza di norme e prescrizioni dei contratti collettivi, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, protezione, assicurazione, assistenza e sicurezza fisica dei lavoratori comunque presenti in cantiere. L Amministrazione può richiedere all appaltatore la reintegrazione della cauzione ove questa sia venuta meno in tutto o in parte, in caso di inottemperanza, la reintegrazione si effettua a valere sui ratei di prezzo da corrispondere all appaltatore. C COPERTURE ASSICURATIVE C1 Assicurazione per danni di esecuzione e responsabilità civili L Appaltatore è altresì obbligato a stipulare una polizza assicurativa che tenga indenni le amministrazioni aggiudicatrici e gli altri enti aggiudicatori o realizzatori da tutti i rischi di esecuzione da qualsiasi causa determinati, salvo quelli derivanti da errori di progettazione, insufficiente progettazione, azioni di terzi o cause di forza maggiore, e che preveda anche una garanzia di responsabilità civile per danni a terzi nell'esecuzione dei lavori sino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio. La predetta polizza assicurativa ha lo scopo di coprire i danni che possano essere subiti dalla Amministrazione a causa del danneggiamento o della distruzione totale o parziale di impianti ed opere, anche preesistenti, verificatisi nel corso dell'esecuzione dei lavori. La polizza deve inoltre assicurare la stazione appaltante contro la responsabilità civile per danni causati a terzi nel corso dell esecuzione dei lavori. La copertura assicurativa decorre dalla data di consegna dei lavori e cessa alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione o comunque decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato. Qualora sia previsto un periodo di garanzia, la polizza assicurativa è sostituita da una polizza che tenga indenni le stazioni appaltanti da tutti i rischi connessi all'utilizzo delle lavorazioni in garanzia o agli interventi per la loro eventuale sostituzione o rifacimento. L Appaltatore deve trasmettere all Amministrazione copia della polizza almeno dieci giorni prima della consegna dei lavori. L omesso o il ritardato pagamento delle somme dovute a titolo di premio da parte dell'appaltatore non comporta l inefficacia della garanzia. C2 Assicurazione indennitaria decennale

8 Per i lavori il cui importo superi gli ammontari stabiliti con decreto del Ministro dei lavori pubblici, l'esecutore è inoltre obbligato a stipulare, con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio, una polizza indennitaria decennale, nonché una polizza per responsabilità civile verso terzi, della medesima durata, a copertura dei rischi di rovina parziale o totale dell'opera, ovvero dei rischi derivanti da gravi difetti costruttivi. La polizza deve contenere la previsione del pagamento in favore del committente non appena questi lo richieda, anche in pendenza dell'accertamento della responsabilità e senza che occorrano consensi ed autorizzazioni di qualunque specie. La liquidazione della rata di saldo è subordinata all'accensione della polizza di cui sopra. Art Spese di contratto ed accessorie termine di stipula del contratto Sono a carico dell'appaltatore: a) le spese di contratto e quelle inerenti e conseguenti alla stipulazione del contratto stesso e degli eventuali atti aggiuntivi; b) le tasse di registro e di bollo principali e complementari; c) le spese per le copie esecutive del contratto stesso e dei relativi atti aggiuntivi; d) le spese tutte per le copie dei progetti, dei capitolati e dei contratti da presentare agli organi competenti per le superiori approvazioni; e) le spese per il bollo per i registri di contabilità e per tutti gli elaborati richiesti dal Regolamento per la direzione, contabilità e collaudazione dei lavori dello Stato (verbali, atti di sottomissione, certificati, ecc.) f) le spese per tutti gli eventuali atti di quietanza e qualsiasi altra spesa dipendente in qualsiasi modo dal contratto, senza diritto di rivalsa. g) gli oneri relativi per la redazione dei piani operativi di sicurezza del cantiere, e tutti quegli oneri consequenziali scaturenti dal rispetto dei piani stessi. L'appaltatore è tenuto a stipulare il contratto di appalto entro sessanta giorni dalla aggiudicazione nel caso di pubblico incanto, licitazione privata ed appalto-concorso ed entro trenta giorni dalla comunicazione di accettazione dell offerta nel caso di trattativa privata e di cottimo fiduciario così come stabilito dall'art. 109 del Regolamento di attuazione della legge quadro emanato con D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554, l'approvazione del contratto deve intervenire entro sessanta giorni dalla data di stipulazione Art Subappalti e cottimi - Cessioni e procure Ogni eventuale subappalto dovrà essere autorizzato dall amministrazione appaltante nel rispetto dei presupposti, delle prescrizioni e delle procedure di cui alla vigente normativa in materia, in particolare dell art. 118 del D.Lgs. 163/2006 e dall art. 170 del DPR 207/2010 e previa acquisizione del Documento Unico di regolarità contributiva (DURC) emesso dallo Sportello Unico Previdenziale. Il contratto di subappalto dovrà contenere in allegato l elenco dei prezzi delle lavorazioni affidate e dovrà evidenziare un ribasso non superiore al venti per cento dei prezzi risultanti dall aggiudi9cazione, nonché dovrà evidenziare che gli oneri della sicurezza, relativi alle prestazioni affidate in subappalto. Tali oneri dovranno essere corrisposti senza alcun ribasso, così come previsto dall art. 118 comma 4 del D.Lgs. 163/06 e s. m. e i. Art Oneri, obblighi e responsabilità dell'appaltatore Fanno carico all appaltatore: A. Garantire, nei confronti dei lavoratori dipendenti, occupati nei lavori costituenti oggetto del presente contratto e se cooperativa, anche nei confronti dei soci condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro applicabili, alla data dell offerta, alla categoria e nella località in cui si svolgono i lavori, nonché rispettare le condizioni risultanti dalle succesive modifiche e integrazioni e in genere ogni altro contratto collettivo applicabile nella località che, per la categoria, venga successivamente stipulato. L appaltatore è tenuto altresì a continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la scadenza e fino alla loro sostituzione. I suddetti obblighi vincolano l appaltatore anche nel caso che lo stesso non abbia aderito alle associazioni sindacali o abbia receduto da esse. B. Tutti i provvedimenti e le cautele atti ad evitare danno alle persone e alle cose con espresso richiamo di provvedere a che gli impianti e le apparecchiature corrispondano alle norme sulla prevenzione degli

9 infortuni sul lavoro. L appaltatore si rende perciò responsabile civilmente e penalmente dei sinistri che, nell esecuzione dei lavori, accadessero ai loro dipendenti, operi, tersi e alle cose per cause a questi inerenti. In caso di infortunio saranno quindi a suo carico le indennità che comunque dovessero spettare a favore di ogni avente diritto, dichiarando fin d ora, di ritenere sollevata ed indenne l amministrazione committente da qualsiasi molestia e pretesa. C. L applicazione di segnalazioni regolamentari diurne e notturne, mediante appositi cartelli e fanali, nei tratti stradali interessati dai lavori o da quelli richiesti dalle eventuali manutenzioni, riparazioni e deviazioni provvisorie. D. Provvedere, su richiesta della D.L. alle opere necessarie come, ad esempio: agli sbarramenti, alla segnaletica, agli impianti semaforici provvisori e altre opere simili ed al personale occorrente per la deviazioni di traffico e per i sensi unici alternati che si rendessero necessari durante l esecuzione dei lavori. E. Accertare, prima dell inizio e durante l esecuzione dei lavori, se nella zona interessata esistano cavi, tubazioni e manufatti sotterranei. In caso affermativo l Impresa dovrà informarne la D.L., comunicando nel contempo agli Enti interessati la data presumibile di inizio dei lavori e richiedendo i dati e l assistenza necessari per compiere i medesimi con la massima prudenza senza danni ai cavi e alle tubazioni. L impresa sarà responsabile di ogni danno arrecato ai servizi a rete sotterranei sollevando l Amministrazione appaltante da ogni responsabilità. L appaltatore è tenuto altresì a richiedere, prima della realizzazione dei lavori, presso tutti i soggetti diversi dalla Stazione appaltante (Telecom, Enel, Enel Rete Gas e altri eventuali) interessati direttamente o indirettamente ai lavori, tutti i permessi necessari ad eseguire tutte le disposizioni emanate dai suddetti, per quanto di competenza, in relazione all esecuzione delle opere e alla conduzione del cantiere. F. Tutti gli oneri ed obblighi previsti dall art. 5 del Capitolato Generale. G. I tracciati necessari per la precisa determinazione ed esecuzione delle opere e la conservazione dei riferimenti relativi alla contabilità sino al collaudo, dei capisaldi planimetrici e altimetrici ricevuti in consegna provvedendo preventivamente al loro spostamento controllato ed esattamente riferito nel caso in cui essi ricadano nelle aree occupate dalle costruzioni, dal corpo stradale e da opere d arte. H. Provvedere al risarcimento dei danni di ogni genere o al pagamento di indennità a quei proprietari i cui immobili o beni, non espropriati dalla Stazione appaltante, fossero in qualche modo danneggiati durante l esecuzione dei lavori. I. Individuare nel territori del Comune un area da adibire a cantiere fisso ove installare e mantenere entro il recinto del cantiere i locali ad uso ufficio del personale di direzione lavori e assistenza, arredati, illuminati e provvisti di telefono, armadio chiuso a chiave, tavolo, sedie e materiale di cancelleria. J. E a carico e a cura dell appaltatore la custodia e la tutela diurna e notturna del cantiere e relativa recinzione di tutti i manufatti e dei materiali in esso esistenti, anche se di proprietà della stazione appaltante e ciò anche durante i periodi di sospensione dei lavori e fino alla presa in consegna dell opera da parte della Stazione appaltante. K. L acqua e l energia elettrica occorrenti per i lavori sono a carico dell appaltatore che dovrà richiedere ed effettuare, a suo carico e spese, tutte le opere di presa e derivazione. L. A dirigere il cantiere mediante personale tecnico idoneo. Nel caso in cui sullo stesso cantiere siano presenti più appaltatori, il Direttore Tecnico dell impresa appaltatrice delle opere principali, corrispondenti all appalto di maggiore importo, ha la responsabilità del coordinamento dei piani per la sicurezza fisica dei lavoratori di tutte le restanti ditte operanti nello stesso cantiere, titolari di contratti separati. M. L appaltatore, nel pieno rispetto del Programma Lavori, sarà inoltre obbligato ad iniziare i lavori relativi alle varie categorie a distanza ravvicinata, in tal modo si renderanno agibili tratti di strada (ad esclusione della posa del manto di usura in presenza di stagione sfavorevole), in tempòi ristretti e l area di cantiere sarà la più circoscritta possibile.

10 N. Prestarsi a tutte le esperienze, i saggi e il prelevamento, preparazione ed invio dei campioni di materiali richiesti dalla D.L., con il carico dell osservanza sia delle vigenti disposizioni regolamentari per le prove sui materiali da costruzione in genere, sia di quelle che potranno essere emanate durante il corso dei lavori. O. Alla definizione e alla successiva conservazione, fino alla visita di collaudo, di tutti gli elementi planimetrici e altimetrici che caratterizzano l opera e individuano allineamenti, vertici, punti di tangenza, quote e pendenze. Alla posa e alla conservazione dei relativi picchetti murati, delle modine, nonché dei punti di riferimento delle misure contabili. L impresa dovrà su semplice richiesta della D.L. fornire la manodopera e gli strumenti necessari per le verifiche. P. Gli oneri previsti dall art. 193 del Regolamento nelle operazioni di collaudo. Si precisa che, così come previsto dall art. 15 comma 7 del Capitolato Generale, tutti gli accertamenti di laboratorio e le verifiche tecniche obbligatorie ovvero previsti nel Capitolato Speciale, disposti dal direttore dei lavori o dal collaudatore, sono a carico del Committente. Q. Lo sgombero, a lavori ultimati, di ogni opera provvisoria, materiali residui, detriti nonché i necessari ripristini. A lavori ultimati, l appaltatore è tenuto a provvedere a propria cura e spese, anche mediante il ricorso a ditta specializzata, ad un accurata pulizia dei luoghi oggetto dell intervento, tale da garantire l immediato utilizzo dei luoghi stessi. R. Nel caso di ritrovamento, nel corso dell esecuzione dei lavori, di oggetti di valore anche archeologico o storico essi spetteranno di diritto all amministrazione committente, salvo quanto dalle leggi disposto relativamente ai diritti che competono allo Stato, ai sensi dell art. 35 del Capitolato Generale. S. Consegnare le certificazioni relative agli impianti secondo la legge 5/3/1996 n. 46 e il D.M, 22/01/08 n. 37 compresa la dichiarazione di conformità di tutta l impiantistica e componentistica di sicurezza dell opera e di cantiere. T. Provvedere alle fotografie delle opere in corso nei vari periodi dell appalto, secondo le indicazioni della D.L. sul tergo delle copie dovrà essere posta la denominazione dell opera e la data del rilievo fotografico. E fatto divieto all appaltatore, salvo autorizzazione scritta dall amministrazione committente, di fare o autorizzare terzi a pubblicare notizie, disegni o fotografie riguardanti le opere oggetto dell appalto. U. L appaltatore deve produrre alla direzione dei lavori, prima dell emissione del certificato di ultimazione dei lavori, triplice copia cartacea del progetto dell opera come realmente eseguita (disegni as-built) oltre a copia completa su supporto magnetico (in formato DWG o DXF per i disegni, in formato DOC o RTF per le relazioni) con l esatta posizione e identificazione di tutti i componenti impiantistici posti in opera in relazione alla dichiarazione di conformità ai sensi della Legge 05/03/1996 n. 46 e del D.M. 22/91/08 n. 37. Gli elaborati cartacei prodotti dovranno essere sottoscritti dal direttore tecnico dell impresa. In caso di inadempimento si stabilisce fin d ora che sarà applicata una penale del valore del 5% dell importo contrattuale. Tale penale sarà trattenuta dal residuo credito dell appaltatore e/o dalla cauzione definitiva prestata a garanzia degli obblighi contrattuali. In caso di inadempimento si stabilisce fin d ora che l Amministrazione comunale sospenderà il pagamento del saldo. Art Esecuzione del contratto Ogni impresa presente in cantiere ha l obbligo di tenere nell ambito dello stesso la seguente documentazione in originale o copia resa conforme dal legale rappresentante ai sensi del DPR 207/2010; a) Registro delle presente debitamente vidimato dall INAIL. In tale documento vanno registrate le presenze giornaliere e indicate le oere lavorative, ordinarie e straordinarie, con regolarizzazione entro le 24 ore successive alla giornata interessata; b) Registro infortuni aggiornato;

11 c) Eventuali comunicazioni di assunzione; d) Documento unico di regolarità contributiva (DURC) che dovrà essere aggiornato mensilmente; e) Documentazione attestante la formazione di base in materia di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, come previsto dagli accordi contrattali, effettuata ai propri lavoratori presenti sul cantiere; f) Documentazione relativa agli obblighi del D.Lgs. 81/08, ai propri impianti di cantiere, al POS, al piano di montaggio/smontaggio ponteggi; g) Copia dell autorizzazione al/i subappalto e/o copia delle comunicazioni di fornitura e posa in opera. Sia l Appaltatore che le imprese subappaltatrici hanno l obbligo di mettere a disposizione tempestivamente, qualora richiesto dall Amministrazione Appaltante, il libro unico del lavoro. Le imprese dovranno tenere il libro unico del lavoro secondo quanto stabilito dagli artt. 39 e 40 della Legge 6 agosto 2008 n. 133 e dal D.M. 09/07/2008 Modalità di tenuta e conservazione del Libro Unico del Lavoro. Qualora le imprese che svolgono attività nel cantiere oppongano rifiuto alla presentazione della suddetta documentazione, dopo formale richiamo e diffida, il Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione/direttore dei lavori effettuerà la segnalazione al RUP/Responsabile dei lavori. Tali violazioni saranno considerate grave inadempimento, consentendo l eventuale blocco dei pagamenti degli stati di avanzamento lavori o stato finale dei lavori, nonché l attivazione del procedimento previsto dall art. 136 del D.Lgs n. 163/2006 che comporta, in caso di mancata regolarizzazione, la risoluzione contrattuale. Tutti i lavoratori presenti in cantiere o che opereranno all interno di luoghi di lavoro della Stazione appaltante e per ogni tipo di intervento, compresi i lavoratori autonomi e indipendentemente dal loro numero complessivo, saranno dotati di una tessera di riconoscimento, rilasciata dall impresa di appartenenza che riporti nome e cognome, fotografia, impresa di appartenenza, codice fiscale dell impresa. Periodicamente e ogni qualvolta si rilevino le condizioni che lo rendono necessario, sarà effettuato, da parte del Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione/direttore dei Lavori, il riconoscimento dei lavoratori presenti in cantiere. Ove risultasse che qualcuno di essi non fosse regolarmente indicato nell elenco delle maestranze che operano in cantiere, indicato nei fogli presenza vidimati dall INAIL, il Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione/direttore dei lavori, provvederà alla segnalazione della situazione riscontrata al Committente o al Responsabile dei lavori, attuando quanto previsto all art.92 comma 1 lett. e) del D.Lgs. n. 81/08. La Stazione appaltante valuterà l opportunità in caso di ritardo da parte dell appaltatore o dei subappaltatori nel pagamento delle retribuzioni dovute al rispettivo personale dipendente e dietro specifica richiesta di avvalersi della facoltà dio pagamento diretto ai dipendenti dell appaltatore come previsto dall art. 5 del DPR 207/2010 Art Rappresentante tecnico dell'appaltatore Così come stabilito dall'art. 4 del capitolato generale d'appalto di cui al D.M. 19 aprile 2000, n.145, l'appaltatore che non conduce personalmente i lavori deve farsi rappresentare per mandato da persona fornita dei requisiti di idoneità tecnici e morali, alla quale deve conferire le facoltà necessarie per l'esecuzione dei lavori, restando sempre, l'appaltatore stesso responsabile dell'operato del suo rappresentante. Tale persona deve, per tutta la durata dell'appalto, dimorare in luogo prossimo ai lavori e, su richiesta dell'amministrazione, dovrà essere immediatamente sostituita senza bisogno di alcun speciale motivo e senza indennità di sorta per l'appaltatore o per il suo rappresentante sostituito. Art Modalita di Pagamento e di riscossione I pagamenti verranno effettuati mediante mandati di pagamento trasmessi al tesoriere, secondo le norme finanziare e contabili dell Ente Locale e del vigente Regolamento di contabilità. Prima della stipula del contratto l appaltatore è tenuto a notificare alla stazione appaltante gli estremi dell istituto bancario e del conto corrente presso il quale verranno effettuati i bonifici di pagamento. Art 17 Invariabilità dei Prezzi

12 I prezzi dell offerta si intendono fissi e invariabili. Non è peraltro ammessa la revisione prezzi ai sensi dell art. 133 comma 2 D.Lgs. 163/2006, salvo quanto previsto dai commi 3,4,5,6,7 e dello stesso articolo. Art Determinazione Nuovi prezzi I prezzi unitari in base ai quali, dopo deduzione del pattuito ribasso d'asta, saranno pagati i lavori appaltati a misura ed a corpo e le somministrazioni sono indicati nell'elenco dei prezzi unitari allegato al contratto. Se nel corso dell esecuzione dei lavori si rendessero necessarie opere compiute, prestazioni e forniture non previste e/o per le quali mancassero i relativi prezzi si procederà in contraddittorio fra il Direttore dei lavori e l appaltatore alla determinazione di nuovi prezzi da formalizzare con relativi verbali, sottoscritti dalle parti e approvati secondo le modalità di cui all art. 163 del DPR 207/2010. Art Disciplina nei cantieri L appaltatore dovrà provvedere alla condotta effettiva dei lavori con personale tecnico idoneo, di provata capacità e adeguato numericamente e qualitativamente alle necessità, in relazione agli obblighi da esso assunti con la presentazione del programma dettagliato di esecuzione dei lavori. L appaltatore è responsabile della disciplina e del buon ordine del cantiere, ha l obbligo di osservare e di far osservare al proprio personale le norme di legge e di regolamento. L appaltatore risponderà dell idoneità dei dirigenti dei cantieri e in genere di tutto il personale addetto ai medesimi; il direttore dei lavori ha il diritto di esigere la sostituzione di detto personale, previa motivata comunicazione data in tal senso all appaltatore. L appaltatore è obbligato ad adempiere a quanto previsto dall art. 36 bis comma 3 e 4 della Legge 248/2006 in merito al riconoscimento del personale occupato in cantiere. La violazione delle previsioni di cui ai suddetti commi 3 e 4 comporta l applicazione delle sanzioni previste dall art. 36 bis comma 5 della stessa legge. Art Custodia dei cantieri L'eventuale custodia del cantiere dovrà essere affidata, così come previsto dall'art. 22 della legge 13 settembre 1982, n. 646, a persone provviste della qualifica di guardia particolare giurata e l'appaltatore dovrà comunicare all'amministrazione ed al Direttore dei lavori le generalità del personale addetto alla guardiania, nonché le eventuali variazioni che possano verificarsi nel corso dei lavori. Art Trattamento e tutela dei lavoratori Fanno carico all Appaltatore l osservanza delle norme relative alla prevenzione degli infortuni sul lavoro, all igiene del lavoro, alle assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro alle previdenze varie per la disoccupazione involontaria, invalidità e vecchiaia e malattie professionali ed ogni altra disposizione in vigore o che potrà intervenire in corso di appalto, per la tutela materiale dei lavoratori e in particolare le disposizioni previste dalle seguenti norme: D.Lgs. n. 81/08 (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell art. 1 della Legge 08/08/2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ); DPR 303/56 Norme generali per l igiene del lavoro solo art DPR 320/56 Norme per la prevenzione degli infortuni e l igiene del lavoro in sotterraneo DPR 459/96 Regolamento per l attuazione delle direttive 89/686/CEE relativa ai dispositivi di protezione individuale L. 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti e D.M. 22/01/2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 quaterdecies, comma 13 lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia d attività di installazione degli impianti all interno degli edifici. Art Piani di sicurezza

13 La stazione appaltante, tramite il Coordinatore per l esecuzione dei lavori/direttore dei lavori, nell ambito dei compiti ad essa attribuiti dalla legislazione vigente, svolgerà i dovuti controlli in ordine al rispetto delle condizioni di sicurezza del cantiere, anche in relazione alle eventuali fasi lavorative affidate in subappalto e fornitura con posa in opera. Le imprese esecutrici almeno 10 giorni prima dell inizio dei lavori, dovranno trasmettere i piani di sicurezza, il Piano Operativo Sicurezza al Direttore dei lavori, che dovrà verificarne l idoneità ai sensi del D.Lg. n. 81/08. La stazione appaltante è impegnata tramite il coordinatore per l esecuzione dei lavori/direttore dei lavori a verificare la congruità dei piani di sicurezza sostitutivi e operativi, con le indicazioni della legislazione vigente. Le riunioni di coordinamento tra le imprese presenti in cantiere, per esaminare lavorazioni che reciprocamente possono mettere in pericolo i lavoratori o gli utenti presenti nei luoghi di lavoro interessati o al variare di condizioni significative del cantiere, devono essere verbalizzate immediatamente e trasmesse, in copia, entro 5 giorni lavorativi, alla stazione appaltante attraverso il coordinatore per l esecuzione dei lavori/direttore dei lavori. La stazione appaltante potrà, così, verificare l attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali per realizzare il coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza (RLS), finalizzato al miglioramento della sicurezza in cantiere, attuando quindi anche quanto previsto dagli artt. 26 e 92 del D.Lgs n. 81/08. Nel caso di più imprese presenti in cantiere, saranno effettuate riunioni indette dal coordinatore per l esecuzione dei lavori/direttore dei Lavori anche con i lavoratori, per informarli di quanto previsto nel Piano di Sicurezza e Coordinamento o nel Piano Sicurezza Sostitutivo o nel Piano Operativo di Sicurezza per la fase in attuazione e per le eventuali variazioni significative intervenute. Nella stesura di detti piani, dovrà essere posta particolare cura alle misure di coordinamento e di reciproca informazione tra le varie imprese esecutrici e i lavoratori autonomi eventualmente presenti. Nel caso di lavori da eseguirsi in strutture nelle quali continui lo svolgimento di tutte o di parte delle attività caratteristiche, la stazione appaltante organizza, ai sensi del D.Lgs. n.81/08, attraverso il Coordinatore per l esecuzione dei lavori o il Direttore lavori, la cooperazione e il coordinamento delle attività nonché la reciproca informazione tra i datori di lavoro, compresi i lavoratori autonomi e i responsabili della sicurezza delle stesse attività caratteristiche. Il coordinatore per l esecuzione dei lavori trasmetterà, con cadenza mensile, al Responsabile Unico del Procedimento una relazione relativa agli obblighi previsti dall art. 92 del D.Lgs. 81/08. Nei casi in cui i lavori oggetto dell appalto abbiano durata inferiore al mese, tale relazione verrà inviata alla fine dei lavori stessi. Non è necessario predisporre il DUVRI perché non vi sono rischi interferenziali. Art Consegna ed inizio dei lavori L esecuzione dei lavori ha inizio dopo la stipula del formale contratto, in seguito a consegna, risultante da apposito verbale, da effettuarsi non oltre 45 giorni della predetta stipula, ai sensi dell art. 154 del Regolamento. Per la consegna ordinaria dei lavori si seguiranno le disposizioni previste dall art 154 del Regolamento e dall art 9 del Capitolato Generale. Il concreto inizio dei lavori dovrà avvenire in tutti i casi no oltre 15 giorni naturali e consecutivi dalla data del verbale di consegna. Nel caso in cui non sia possibile procedere alla consegna complessiva dei lavori essi potranno essere consegnati con verbali parziali provvisori. L impresa potrà iniziare i lavori immediatamente alle parti già consegnate; l ultimo verbale parziale darà la data legale della consegna a tutti gli effetti di legge, così come previsto dal Regolamento. Ai sensi del Regolamento qualora l Impresa non si presenti nel giorno stabilito, il direttore dei lavori fissa una nuova data. La decorrenza del termine contrattuale resta comunque quella data della prima convocazione. Qualora sia inutilmente trascorso il termine assegnato dal direttore dei lavori, l Amministrazione ha facoltà di risolvere il contratto e di incamerare la cauzione, ferma restando la possibilità di avvalersi della garanzia fideiussoria al fine del risarcimento del danno, senza che ciò possa costituire motivo di pretese o eccezioni di sorta. Con riferimento all art. 118 comma 6 D.Lgs. 163/2006 E AL d.lgs 81/08, l Appaltatore è tenuto a trasmettere all ente appaltante prima della consegna dei lavori, la seguente documentazione: - dichiarazione del domicilio dell Impresa; - copia della denuncia di nuovo lavoro presentata all INAIL; - indicazione dei contratti collettivi applicati ai lavoratori dipendenti e dichiarazione del rispetto degli obblighi assicurativi e previdenziali previsti dalle leggi e dai contratti vigenti, con l indicazione dei numeri di matricola INPS, di posizione assicurativa INAIL e di posizione presso la CASSA EDILE del luogo dove devono svolgersi i lavori; - elenco nominativo dei dipendenti dell Impresa e relativa qualifica che verranno impiegati per l esecuzione delle opere dell Appalto;

14 - riconsegnare il Piano di Sicurezza e di Coordinamento eventualmente predisposto dall Amministrazione appaltante, con eventuali proposte migliorative; - il Piano Operativo di sicurezza ai sensi dell art. 131 comma 2 lettera c) del D.lgs. 163/2006; - il nominativo e il luogo di reperibilità del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale e del medico competente, designati ai sensi del D.Lgs ; - il nominativo del Direttore tecnico di cantiere, unitamente al suo curriculum; - il nominativo del responsabile della sicurezza all interno del cantiere; - fotocopia del registro degli infortuni; - giornale dei lavori; - modulo per la consegna dei mezzi di protezione personale dei lavoratori; - fotocopia del libretto delle macchine e degli attrezzi di lavoro rilasciato dall ente di appartenenza - quanto ulteriormente prescritto nei documenti di gara, di contratti o successivamente richiesto. L appaltatore dovrà adempiere a tutti gli obblighi ed oneri di cui all art. 118 D.Lgs. 163/2006 e secondo quanto disposto dal Capitolato Generale art. 7. Prima dell inizio dei lavori e comunque entro 30 giorni dalla data del verbale di consegna l Impresa dovrà trasmettere debita comunicazione preventiva alle sedi INPS, INAIL e CASSA Edile ove dovuta, fornendo l elenco degli operai impiegati e dei versamenti effettuati, provvedendo ai dovuti aggiornamenti nel corso di esecuzione dei lavori. L Impresa dovrà trasmettere al Direttore dei lavori il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) con cadenza trimestrale riferito all appaltatore e a eventuali imprese subappaltatrici. L Appaltatore si assumerà la completa responsabilità dell esecuzione, secondo gli elaborati di progetto. Art Consegna delle Certficazioni e delle Dichiarazioni di Conformità degli Impianti Entro il termine per l ultimazione dei lavori l appaltatore dovrà consegnare le certificazioni e le dichiarazioni di conformità (oneri e obblighi generali a carico dell appaltatore). Decorsi inutilmente 30 giorni dalla ultimazione lavori, l Amministrazione provvederà autonomamente all acquisizione delle stesse tramite organismi certificatori, rivalendosi delle spese sostenute sul residuo credito dell appaltatore o sulla cauzione definitiva prestata a garanzia degli obblighi contrattuali. Art Tempo utile per l'ultimazione dei lavori e penale per il ritardo Il tempo utile per dare ultimati tutti i lavori compresi nell'appalto resta stabilito in giorni 90 naturali, successivi e continui decorrenti dalla data del verbale di consegna. Si precisa che i lavori si intendono ultimati quando, da apposito verbale, risulteranno soddisfatti tutti gli adempimenti contrattuali relativi all opera, compreso lo smaltimento del cantiere e la relativa pulizia. L appaltatore è tenuto a dare per iscritto, tempestiva comunicazione dell avvenuta ultimazione dei lavori alla Direzione dei Lavori, che disporrà i relativi accertamenti in contraddittorio e provvederà alla redazione dell apposito verbale. La penale pecuniaria, per il tempo in più eventualmente impiegato oltre il termine precedentemente fissato, sarà applicata una penale del 5 per mille dell importo contrattuale, per ogni giorno naturale e consecutivo di ritardo. La penale, con applicazione della stessa aliquota di cui al precedente punto e con le modalità previste dal capitolato speciale d appalto, trova applicazione anche in caso di ritardo nell inizio dei lavori, nella ripresa dei lavori seguente un verbale di sospensione e nel rispetto delle soglie temporali intermedie fissate nell apposito programma dei lavori, in proporzione ai lavori non ancora eseguiti. La misura complessiva della penale non può superare il 10%, pena la facoltà, per la stazione Appaltante, di risolvere il contratto in danno dell appaltatore. Resta salvo il diritto dell Amministrazione Appaltante al risarcimento degli eventuali maggiori danni, che dal ritardo dell Appaltatore dovessero derivare. Art Sospensione e ripresa dei lavori Le sospensioni dei lavori potranno essere ordinate dal direttore dei lavori o dal Responsabile del Procedimento nei casi e con le modalità previste dagli artt. 158 e 159 del DPR 207/2010 e non daranno diritto a risarcimento alcuno a favore dell Appaltatore. Art Ordine da tenersi nell'andamento dei lavori

15 In genere l'appaltatore avrà facoltà di sviluppare i lavori nel modo che crederà più conveniente per darli perfettamente compiuti nel termine contrattuale, purché ciò, a giudizio insindacabile della Direzione dei lavori, non sia pregiudizievole alla buona riuscita delle opere ed agli interessi dell'amministrazione. L'Amministrazione si riserva in ogni modo il diritto di ordinare l'esecuzione dei lavori nel modo che riterrà più conveniente senza che l'appaltatore possa rifiutarsi o farne oggetto di richiesta di speciali compensi. Art Documenti contabili, Misura ed accertamento delle opere I documenti contabili saranno tenuti secondo quanto prescritto dal Regolamento di attuazione della legge quadro emanato con D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554; altrettanto varrà per le osservazioni dell'appaltatore sui predetti documenti, nonché sul certificato di collaudo. Il Direttore dei Lavori potrà procedere in qualsiasi momento alla misurazione delle opere compiute; qualora l'appaltatore non si presti ad eseguire in contraddittorio tali operazioni, gli verrà assegnato per iscritto un termine non inferiore a cinque giorni e, nel caso egli non si presenti, tutti i maggiori oneri che si dovranno per conseguenza sostenere gli verranno addebitati e saranno trattenuti dalla prima rata d'acconto e/o dalla cauzione. In tale evenienza, inoltre, l'appaltatore non potrà avanzare riserve o richieste di sorta per l'eventuale ritardo con cui si procedesse alla contabilizzazione dei lavori eseguiti ed alla emissione dei certificati di pagamento. Indipendentemente da quanto sopra, l'appaltatore è comunque tenuto a richiedere a tempo opportuno alla Direzione dei Lavori di provvedere in contraddittorio a quelle misure d'opere e somministrazioni e a quegli accertamenti che successivamente, col procedere dei lavori, non si potessero più eseguire, come pure alla pesatura e manutenzione di tutto ciò che dovrà essere pesato e misurato prima del collocamento in opera. Se, per non esser stata chiesta la ricognizione a tempo debito, non si potessero poi eventualmente accertare in modo esatto le quantità e le qualità dei lavori compiuti dall'appaltatore, questi dovrà accettare la stima che verrà fatta dalla Direzione dei Lavori o sopportare tutte le spese e i danni che si dovessero incontrare per una tardiva ricognizione. Art Pagamenti in acconto Non è prevista alcuna anticipazione. Si procederà al pagamento secondo le previsione del dlgs 231 del 9 ottobre 2002 a presentazione della fattura, previo collaudo della fornitura e dell accreditamento delle somme necessarie da parte della Regione Sicilia. Il pagamento e lo svincolo delle ritenute di garanzia sono condizionati alla certificazione di regolarità contributiva rilasciata mediante il DURC riferita sia all impresa appaltatrice che all impresa subappaltatrice, salvo l inutile decorso del termine di trenta giorni dalla richiesta di certificazione secondo quanto previsto dalla normativa vigente, per cui l impresa si presume in regola. Qualora, in sede di saldo, risultassero irregolarità contributive da parte dell appaltatore o dei subappaltatori, l Amministrazione comunale provvederà come indicato dall art.4 comma 2 del DPR 207/2010. Nel caso l appaltatore sia un raggruppamento temporaneo d imprese tutti i pagamenti saranno fatti alla capogruppo, sulla base di fatturazioni separate dei singoli associati. Inoltre l appaltatore rinuncia alla richiesta di interessi legali e moratori. Art Ultimazione dei lavori L'ultimazione dei lavori, appena avvenuta, deve essere comunicata dall'appaltatore per iscritto alla Direzione dei lavori che procederà entro 10 giorni dalla richiestaalle necessarie constatazioni in contraddittorio, con l'appaltatore, redigendo, ove le opere siano state effettivamente ultimate, l'apposito certificato di ultimazione in doppio esemplare firmato dal direttore dei lavori e dall'appaltatore cosi come previsto dal DPR 207/2010. In ogni caso alla data di scadenza prevista dal contratto il Direttore dei Lavori redige in contraddittorio con l esecutore un verbale di contestazione sullo stato dei lavori. In sede di accertamenti, senza pregiudizio di successivi accertamenti, sono rilevati e verbalizzati vizi e difformità di costruzione che l impresa è tenuta a eliminare a sue spese nel termine fissato e con le modalità prescritte dal Direttore dei Lavori, atto salvo il risarcimento del dnno della tazione Appaltante. In tal caso si provvederà secondo quanto previsto dall art. 199 comma 2 del DPR 207/2010.

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE ALLEGATO B Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

La realizzazione dei lavori

La realizzazione dei lavori 131 Nel caso di lavori da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso, di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, se il bando prevede l esclusione automatica delle offerte anomale e il numero

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SEVIZIO DI GESTIONE, CONTROLLO E REVISIONE DEGLI ESTINTORI NEGLI IMMOBILI COMUNALI. Via Libertà n 74 C.F. 00337180905 Tel. 0789612911-13 pasquale.caboni@tiscali.it 1 ARTICOLO

Dettagli

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI Oggetto del collaudo Il collaudo rappresenta l atto conclusivo della realizzazione di un opera pubblica, mediante il quale viene verificato e certificato che l opera pubblica

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 SCHEMA CONTATTO D APPALTO - art. 279 D.P.R. 207/2010 CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 L.R. 11.05.2007 n. 9 - e la Società,

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO

CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO AREA TECNICA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA PERIODICA A NORMA DEL DPR 22 OTTOBRE 2001, N 462 E ART. 13 DPR 162 DEL

Dettagli

COMUNE DI CECINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI CECINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI CECINA PROVINCIA DI LIVORNO Settore Opere Pubbliche e Patrimonio Ufficio Manutenzioni Q U A D E R N O D O N E R I SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Il Dirigente

Dettagli

Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m.

Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m. Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m. INDICE ARTICOLO 1...3 (Premesse)...3 ARTICOLO 2...3 (Oggetto dell appalto)...3 ARTICOLO 3...3 (Corrispettivo dell

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA

CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA 1 CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA l Istituto per la Microelettronica e Microsistemi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, di seguito indicato per brevità Istituto, con Codice Fiscale nr.80054330586

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Anno 2006

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Anno 2006 ***** PROVINCIA DI GENOVA VIABILITA E DEMANIO STRADALE ****** CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Anno 2006 SERVIZI DI DECESPUGLIAMENTO E PULIZIA DELLE SCARPATE LUNGO LE STRADE PROVINCIALI. Genova, 02 Febbraio

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE)

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) 0835 587327 Fax 0835 581208 Capitolato

Dettagli

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE Cuggiono (MI) Via Ugo Foscolo e Scuola Media 1 SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: E.E.S.CO.

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Oggetto: Realizzazione e gestione dell impianto fotovoltaico di 6 KWP presso l Asilo Nido della Città Universitaria Piazzale Aldo Moro, 5 - Roma. Il presente Capitolato Speciale

Dettagli

BANDO DI GARA-PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE CUP N D16F13000030007 - CIG N 5887761E11. Consorzio Industriale Provinciale Medio Campidano - Villacidro,

BANDO DI GARA-PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE CUP N D16F13000030007 - CIG N 5887761E11. Consorzio Industriale Provinciale Medio Campidano - Villacidro, BANDO DI GARA-PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE CUP N D16F13000030007 - CIG N 5887761E11 Sezione I : Amministrazione aggiudicatrice I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Consorzio Industriale Provinciale

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI L'anno 201_ ( ) il giorno del mese di TRA Anthea S.r.l. via della Lontra 30, 47923 (RN), di seguito per brevità

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE

PROVINCIA DI FIRENZE Repertorio n. Fasc. n. /2008 PROVINCIA DI FIRENZE Contratto di appalto per l esecuzione dei lavori di CIG: REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilatredici (2013) addí () del mese di, in Firenze, in una sala

Dettagli

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163)

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163) L entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici Codice de Lise D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Il nuovo testo unitario sugli appalti pubblici (anche denominato "Codice de Lise", dal nome del presidente

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 L anno duemila., il giorno ( ) del mese di., in. presso la sede dell., via.,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI

BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI S.C.R. - Piemonte S.p.A. ha istituito un Sistema Dinamico di Acquisizione (di seguito denominato S.D.A.),

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ( COD: CIG ) Articolo 1

CAPITOLATO TECNICO ( COD: CIG ) Articolo 1 OGGETTO: Servizio di manutenzione presidi antincendio, con concessione d uso, installati presso gli edifici comunali. Periodo 01.07.2014 / 30.06.2015. ( COD: CIG ) CAPITOLATO TECNICO Articolo 1 Stazione

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

Prof. Ing. Paolo Pizzo

Prof. Ing. Paolo Pizzo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI Ufficio Gestione Gare. Nota del 28 agosto 2009 - Prot. n. 6067/39/09/D

AGENZIA PER I SERVIZI Ufficio Gestione Gare. Nota del 28 agosto 2009 - Prot. n. 6067/39/09/D AGENZIA PER I SERVIZI Ufficio Gestione Gare AVVISO DI RETTIFICA Nota del 28 agosto 2009 - Prot. n. 6067/39/09/D Avviso di rettifica del bando di gara prot. n. 5188/39/09/D dd. 6 agosto 2009 procedura aperta

Dettagli

Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011

Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011 Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011 Procedura aperta per la Fornitura di un sistema storage per il consolidamento delle risorse infrastrutturali del CRS4 CODICE IDENTIFICATIVO DI GARA

Dettagli

====================================================================

==================================================================== Sito internet: www.comune.platania.cz.it Comune di Platania Provincia di Catanzaro Via Roma, 18 Tel. 0968/205010-405051 - Fax 0968/205910 Servizio 4: Appalti-Contratti-Espropri E-mail - comune.platania@tiscali.it

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 1 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento della manutenzione ordinaria, programmata

Dettagli

Bozza di contratto per AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO CARTACEI PER IL PERSONALE DIPENDENTE

Bozza di contratto per AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO CARTACEI PER IL PERSONALE DIPENDENTE Affari Generali Allegato A) alla lettera di "Ricerca di mercato" Bozza di contratto per AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO CARTACEI PER IL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura Art. 2 Importo dell appalto Art. 3 Caratteristiche della fornitura Art. 4 Criteri di aggiudicazione Art. 5 Termini e luoghi

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO C O M U N E D I P A L E R M O PUBBLICA ISTRUZIONE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO Pagina 1 di 7 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE IN MALCESINE

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE IN MALCESINE SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE Provincia di Verona Repertorio n. / del REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI APPALTO RELATIVO AD OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA Le prescrizioni del presente capitolato disciplinano il contratto di

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale.

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO RELATIVO ALLA FORNITURA DI n 1 MINIBUS ELETTRICO, CHIAVI IN MANO, PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PERSONE ALL INTERNO DEL CIMITERO CIVICO MONUMENTALE 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI COMUNE DI NOVARA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTÀ Servizio Lavori Pubblici CAPITOLATO SPECIALE D ONERI MANUTENZIONE AUTOMEZZI COMUNALI ANNO 2013 Agosto 2012 Aggiornamento. Novembre FUNZIONARIO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: CONTRATTO APPALTO PER RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEGLI RSU E SERVIZI CONNESSI E LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE DI LOCALITA LA SILVA DEL COMUNE DI CASSANO ALL IONIO.

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO L Impresa con sede legale in Via n C.F. n. P. I.V.A. nella persona del legale rappresentate nato a il, in appresso per brevità denominata APPALTATORE E L Impresa

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO

I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono 081-5710410/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 E-mail: naee15100r@istruzione.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CITTA DI MARIANO COMENSE Provincia di Como CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA E LA POSA IN OPERA DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL CONTROLLO DEL TERRITORIO III LOTTO DICEMBRE 2006

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE EDILIZIE RELATIVE AD IMMOBILI CIVILI DI PROPRIETA CONDOMINIALE CONTRATTO DI APPALTO

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

Messa in sicurezza coperture edifici extra Campus Universitario CAPITOLATO GENERALE DI APPALTO PARTE GENERALE

Messa in sicurezza coperture edifici extra Campus Universitario CAPITOLATO GENERALE DI APPALTO PARTE GENERALE AREA EDILIZIA - INFRASTRUTTURE PARCO AREA DELLE SCIENZE 31/A 43124 Parma Italia Tel 0521.905500 Fax 0521.347020 e-mail: settec@unipr.it Messa in sicurezza coperture edifici extra Campus Universitario CAPITOLATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA SETTORE SICUREZZA SOCIALE SERVIZIO INTERVENTI SOCIALI Via Roma, 54 18038 SANREMO (IM) Tel. 0184/59281 Fax

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA

PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SISTEMI INFORMATIVI PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA Il

Dettagli

Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA DISCIPLINARE DI GARA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO (NORME INTEGRATIVE AL BANDO) 1. MODALITA DI PRESENTAZIONE E CRITERI DI AMMISSIBILITA

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A DITTA: 3. CORTESI REQUISITI GIURIDICO-AMMINISTRATIVI - BUSTA A

Dettagli

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI BANDO DI GARA 1) Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Gemonio

Dettagli

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO VOLSCA AMBIENTE E SERVIZI S.p.A Sede: Via Troncavia, 6 00049 Velletri (RM) Tel. (06)96154012-14; Fax (06)96154021 Indirizzo e-mail: info@volscambiente.it Posta certificata: volscaservizispa@legalmail.it

Dettagli

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Ing. Francesco Pecorella Evoluzione tecnologica e normativa in materia di lavori pubblici dal D.M. 29.05.1895 alla Legge Merloni (11.02.94 n. 109) 05.07.2005

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE Contratto in forma pubblica amministrativa per l affidamento del Progetto VIVERE IN COMUNITÀ ANNO

Dettagli

====================================================================

==================================================================== Sito internet: www.comune.platania.cz.it Comune di Platania Provincia di Catanzaro Via Roma, 18 Tel. 0968/205010-405051 - Fax 0968/205910 Servizio 4: Appalti-Contratti-Espropri E-mail - comune.platania@tiscali.it

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA ALLEGATO B DISCIPLINARE SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO PER IL PERSONALE DIPENDENTE INDICE ART. 1 Oggetto del servizio / durata

Dettagli

INDICE DEGLI ARTICOLI

INDICE DEGLI ARTICOLI ALLEGATO N. 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ANALISI E PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE, DI BILANCIO E CONTROLLO DELL ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA 1 INDICE

Dettagli

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA Presidio Ospedaliero Nord S.MARIA GORETTI DI LATINA SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UNA RM 1,5 T, L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

Richiesta di preventivo di spesa, finalizzata all affidamento diretto in economia.

Richiesta di preventivo di spesa, finalizzata all affidamento diretto in economia. Prot. n. 2015/0030845 Borgomanero lì, 20 agosto 2015 Tit. 6 Cl. 4 Fasc. 256 C.so Cavour n. 16 28021 Borgomanero (No) DIVISIONE TECNICA tel. 0322 837731 fax 0322 837712 PEC: protocollo@pec.comune.borgomanero.no.it

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. 5199718F05) TRA la società Deval S.p.A. a s.u. (partita IVA e codice fiscale

Dettagli

Importo massimo prestabilito Euro 115.500,00 - (Oneri per la Sicurezza Euro 2.500,00.-) NORME TECNICHE PER LAVORI A CORPO

Importo massimo prestabilito Euro 115.500,00 - (Oneri per la Sicurezza Euro 2.500,00.-) NORME TECNICHE PER LAVORI A CORPO OGGETTO: Codice Opera n 09171 Programma di verifica dell efficienza energetica di alcuni edifici pubblici del Comune di Trieste mediante l installazione di un analizzatore di combustione in continuo per

Dettagli

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA 1. stazione appaltante: Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Direzione regionale Lombardia - via M. Gonzaga 6, 20123 Milano; tel. 0288931, fax 028893200. 2.

Dettagli

C A T A N I A CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

C A T A N I A CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO C A T A N I A SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO A DISCARICA AI FINI DELLO SMALTIMENTO DEI FANGHI (C.E.R. 19 08 05) E DELLE SABBIE RESIDUALI DEL PROCESSO DI DEPURAZIONE (C.E.R. 19 08 02 ) PRODOTTI DALL'IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese Ufficio Tecnico Comunale Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni - Ecologia Centro Sportivo Comunale Fornitura e posa di due palloni pressostatici di copertura campi

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543

C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543 C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543 ******** I Settore Servizio Segreteria CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DEL SERVIZIO DI REGISTRAZIONE,

Dettagli

Spett. le. Oggetto: Affidamento fornitura di n. 2 autobus interurbani di linea CIG [4772112765]

Spett. le. Oggetto: Affidamento fornitura di n. 2 autobus interurbani di linea CIG [4772112765] Spett. le.. Inviata a mezzo fax. Vs. rif. Protocollo n. Ns. rif. Protocollo n. Verbania,. Oggetto: Affidamento fornitura di n. 2 autobus interurbani di linea CIG [4772112765] La presente per comunicarvi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

PROVINCIA DI COMO. Capitolato d'appalto

PROVINCIA DI COMO. Capitolato d'appalto 1 PROVINCIA DI COMO Capitolato d'appalto Affidamento della realizzazione ed implementazione di un Sistema di Gestione - Certificabile secondo UNI EN ISO 9001 :2008 nella PROVINCIA DI COMO 2 INDICE 1. PREMESSE

Dettagli

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ]

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] C.I.G. [ 38183287F0 ] SCHEMA DI CONTRATTO 1 Rep. Num. REPUBBLICA

Dettagli

Lavori di Sistemazione dell edifico ex Caserma C.C. in Via Vallecine da adibirsi a nuova sede comunale 2 E 3 LOTTO CIG 0084984303

Lavori di Sistemazione dell edifico ex Caserma C.C. in Via Vallecine da adibirsi a nuova sede comunale 2 E 3 LOTTO CIG 0084984303 C O M U N E D I B O R B O N A P R O V I N C I A D I R I E T I VIA NICOLA DA BORBONA 02010 BORBONA Tel. 0746/940037 Fax 0746/940285 P.I. C.F. 00113410575 E-Mail: borbona@comune.borbona.rieti.it Indirizzo

Dettagli

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto.

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Bergamo, settembre 2015 CIRCOLARE N. 21/Consulenza aziendale OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Con l uscita di scena (a partire dal 2015) della responsabilità

Dettagli

COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA. Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA. Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL PEEP I LOTTO F LOCALITÀ LE GRAZIE (FOGLIO 58 PART. 805) DISCIPLINARE DI GARA Requisiti

Dettagli

FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI

FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI / COMUNE DI MANIACE COD.FISC.: 93005530873 P.IVA : 01781170871 Provincia di Catania tel 095/690139 FAX 095/690718 FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI Progetto a valere sulle risorse del Gal Etna misura

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A.

FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A. FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A. Reg/to il al n. Sede di Trieste Individuazione Aree Critiche (IAC), Piano Interventi di Contenimento ed Abbattimento del Rumore (PICAR), Mappatura Acustica (MA) e Piani

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli