1. Introduzione 2. Relazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Introduzione 2. Relazione"

Transcript

1 Problematiche inerenti l applicazione del campionamento in continuo di PCDD/F e PCB dioxin-like alle emissioni industriali. Proposta metodologica presentata dal gruppo di lavoro UNI nell ambito dei lavori del gruppo tecnico WG1 CEN/TC 264 per l elaborazione della norma tecnica pren Marinella Vicaretti Mauro Rotatori, Ettore Guerriero, Ivano Battaglia, Rita Bravi, Gilles Campagnola, Maria Cristina Cristofori, Alfredo Gorni, Paolo Lopinto Stefano Maggi, Maurizio Migliore, Werner Tirler UNI (Ente Italiano Nazionale di Unificazione), Gruppo di lavoro 4 Qualità dell aria Riassunto In assenza di una norma tecnica di riferimento e di specifici obblighi legislativi, il campionamento in continuo delle emissioni in atmosfera di diossine e furani (PCDD/F) e policlorobifenili - dioxin like (PCB-dl), pur rappresentando un importante strumento di monitoraggio ambientale, è oggi utilizzato, in ambito comunitario e nazionale, in maniera eccessivamente flessibile e senza un protocollo di riferimento condiviso. Ciò genera difficoltà nell interpretazione e nella gestione dei dati di misura, da parte sia dei gestori sia delle autorità competenti e di controllo ambientale. Molti studi ed esperienze pratiche dimostrano, inoltre, che durante i periodi transitori di un impianto di incenerimento le emissioni di PCDD/F e PCB dl possono essere molto diverse rispetto a quelle generate durante il normale funzionamento, in termini sia di concentrazione che di flusso di massa. Nell ambito dei lavori del gruppo tecnico WG1 CEN/TC 264 per l elaborazione della parte quinta della norma EN 1948, i rappresentanti italiani del gruppo di lavoro 4 Qualità dell aria dell UNI, partendo dalla convinzione che il campionamento in continuo non possa essere utilizzato in sostituzione al metodo ufficiale manuale per la verifica del rispetto dei limiti emissivi fissati dalla vigente legislazione, hanno proposto un nuovo approccio metodologico all impiego di tale strumento. Il campionamento in continuo potrebbe essere utilizzato, infatti, per ottenere informazioni complementari sulle quantità complessive di inquinante emesse dall impianto in tutte le sue fasi operative. Il presente lavoro descrive la suddetta proposta italiana, illustrando le motivazioni tecniche e normative poste a supporto della stessa, nonché gli effetti che essa avrebbe sullo sviluppo della norma tecnica europea. Summary In the absence of specific obligations and legislative conditions, continuous PCDD/F and PCBdl sampling from industrial emissions is exercised in flexible ways and without a common procedure, both in Italy and in Europe. This can make some difficulties in interpreting measuring data, by operators and environmental authorities. Many studies and measuring experiences demonstrated that, during non-normal operative phases of the plant, dioxin emissions can be very different from the typical emissions obtained under normal operative conditions, both as concentration and mass flow rate. Within the working activities of WG1 CEN/TC 264 aimed to elaborate the part 5 of EN 1948 standard, Italian members of the working group Qualità dell aria of UNI, in assuming that continuous sampling cannot be used as alternative to the official manual sampling aimed to verify the compliance with emission limit values, proposed an innovative methodological approach to use this instrument. In fact, continuous sampling can be used to obtain additional environmental information, as total amount of pollutant emitted from the plant during all its operative phases. This article explains the Italian proposal, showing the relative technical and normative motivations and its potential effects in development of the future European standard.

2 1. Introduzione In base alla vigente normativa comunitaria e nazionale, il metodo ufficiale per la determinazione e la verifica di conformità ai limiti di legge di diossine e furani (PCDD/F) e policlorobifenili dioxin like (PCB-dl) nelle emissioni industriali in atmosfera è rappresentato dal campionamento manuale discontinuo e dalla successiva determinazione ed analisi in base alla norma tecnica EN 1948 [1] (parti prima, seconda e terza per i PCDD/F, parte quarta per i PCB-dl). Gli attuali orientamenti legislativi comunitari e nazionali hanno portato ad effettuare controlli sempre più severi sulle emissioni di tali inquinanti; i conseguenti obblighi autorizzativi hanno previsto, in Europa e in Italia, l utilizzo del campionamento a lungo termine detto anche in continuo (eseguito con strumenti automatici ormai diffusi ed affidabili), come strumento di monitoraggio, in particolare per gli impianti di incenerimento. In attesa dell elaborazione della specifica norma tecnica pren , attualmente in preparazione da parte del gruppo WG 1 CEN/TC 264, le modalità di conduzione dei campionamenti a lungo termine sono concordate tra i gestori degli impianti, le autorità competenti e le autorità di controllo, sulla base di protocolli condivisi. Tuttavia, in assenza di specifici obblighi legislativi, che individuino i limiti emissivi di PCDD/F e PCB-dl associati a lunghi periodi di campionamento e le condizioni di conformità delle misure ai suddetti limiti, nonché le modalità di controllo e di gestione dei superamenti, le difformità di utilizzo di questo tipo di campionamento possono generare difficoltà nell interpretazione e nella valutazione dei dati di misura ottenuti. Attualmente, il campionamento in continuo dovrebbe costituire per lo più uno strumento di valutazione dell andamento delle emissioni di un impianto ed essere integrato in procedure di controllo che includano sia il metodo manuale sia quello automatico. In alcuni casi, però, esso è contestualmente utilizzato per la verifica di conformità dei limiti di legge. In occasione del quindicesimo meeting del WG1, tenutosi a Stoccolma i giorni 22 e 23 giugno 2010, i rappresentanti del gruppo UNI hanno elaborato una posizione italiana che ha evidenziato come il campionamento in continuo non possa essere utilizzato per la verifica del rispetto dei limiti emissivi fissati dalla vigente legislazione. La proposta prevede che, nello sviluppo della norma, siano definiti i criteri per l utilizzo del metodo non in alternativa al metodo discontinuo, ma come strumento di controllo complementare per ottenere informazioni aggiuntive sul comportamento dell impianto. Un lungo periodo di esercizio, infatti, può comprendere periodi transitori (avvii, arresti, combustione instabile, manutenzione e malfunzionamenti), diversi dal normale funzionamento in cui generalmente sono effettuati i campionamenti discontinui. 2. Relazione A livello europeo, l esperienza più rappresentativa di utilizzo del campionamento in continuo di PCDD/F e PCB-dl è quella del Belgio, in cui questo tipo di controllo è stato imposto per gli inceneritori, nell ambito di piani di sorveglianza ambientale, ormai da dieci anni, sia nelle Fiandre sia in Vallonia. La durata dei prelievi è di 14 giorni e i risultati ottenuti vengono confrontati con il valore limite di emissione fissato dalla vigente normativa Europea (0,1 ng I-TEQ/Nm 3 ), considerato in questo caso come un valore soglia. Sono comunque obbligatorie periodiche misurazioni manuali secondo la norma EN Le autorità di controllo mettono inoltre a disposizione i dati di

3 misura tramite i rispettivi siti web ufficiali [2], [3], senza tuttavia illustrare le procedure gestionali adottate, come per esempio l eventuale interruzione del campionamento durante le fasi transitorie dell impianto. In Italia sono ormai molte le autorizzazioni integrate ambientali (AIA) che hanno prescritto l istallazione e la messa a regime di campionatori automatici di PCDD/F e PCB-dl, soprattutto nel caso di impianti di incenerimento (per i quali alcune leggi regionali hanno disciplinato e chiarito l impiego di tale strumento), ma anche per altri impianti come acciaierie, cementifici e centrali termoelettriche. In alcuni casi, nelle AIA tale misura di controllo è prescritta per la verifica del rispetto dei limiti di emissione; generalmente in questi casi sono indicati i periodi di campionamento e le frequenze delle analisi (quindicinali o mensili), ma non sempre sono previste precise modalità per la verifica del rispetto dei limiti, né specifiche indicazioni tecniche e procedure gestionali. La crescente tendenza delle autorità competenti e degli di controllo a prevedere l utilizzo di tale strumento per la verifica del rispetto dei limiti rende, pertanto, sempre più necessarie una norma tecnica universale e una specifica regolamentazione legislativa. Si richiama l attenzione sul fatto che la direttiva sulle emissioni industriali (IED Directive) [4], approvata dal Parlamento europeo il 7 luglio 2010, e in attesa dell adozione formale da parte del Consiglio, conferma quanto già fissato nella vigente direttiva sull incenerimento di rifiuti [5], in merito al controllo delle emissioni in atmosfera. Essa prevede ancora che il limite di emissione in atmosfera di diossine e furani sia riferito ad un periodo di campionamento pari a 6-8 ore e che le modalità di monitoraggio siano condotte in linea con le pertinenti norme standard CEN o altri standard internazionali nel caso queste ultime non siano disponibili (capitolo IV, Special provisions for waste incineration plants and waste co-incineration plants, che modifica e integra la Direttiva 2000/76/CE). Nel testo si legge inoltre che non appena siano disponibili nell'unione tecniche di misurazione appropriate, dovrà essere stabilita la data a decorrere dalla quale dovranno essere effettuate le misurazioni in continuo relative alle emissioni nell'atmosfera di diossine, metalli pesanti e furani. Essa tuttavia non stabilisce appropriate regolamentazioni su questa tipologia di misure, né i relativi requisiti per la verifica di conformità ai limiti. Al riguardo si evidenzia che è proprio in considerazione dell evoluzione della direttiva sull incenerimento che è nata l esigenza di elaborare la nuova norma EN , come riportato nel documento CEN/TC 264 N 1182 del 3 marzo 2008, con cui il TC 264 ha deliberato l avvio dei lavori di definizione della norma Interpretazione dei dati di misura ottenuti con il campionamento in continuo Un primo problema legato all impiego del campionamento in continuo è rappresentato dalla necessità di stabilire in maniera chiara le modalità di utilizzo del campionatore in relazione alle condizioni di esercizio dell impianto. Il significato delle misure può essere infatti molto diverso a seconda che il campionamento venga effettuato con o senza interruzioni (stand-by) durante alcune fasi operative dell impianto come i transitori o in generale i periodi di combustione instabile. Alcune AIA prescrivono, ad esempio, il campionamento in continuo di PCDD/F e PCBdl per la verifica del rispetto del valore limite, stabilendo che le misure debbano essere determinate come valori mediati sulle effettive ore di combustione. Ciò presuppone

4 che, nei periodi transitori dell impianto, lo strumento interrompa il campionamento e sia posto in condizioni di stand-by. In questo caso le misure ottenute danno informazioni sul corretto funzionamento dell impianto in condizioni stazionarie, sulle prestazioni ambientali e sull efficienza dei relativi dispositivi di abbattimento. Ciò analogamente al metodo manuale, pur essendo le informazioni ottenute con il metodo automatico riferite ad un periodo di campionamento più lungo e quindi più rappresentativo. Se lasciato costantemente in funzione, il sistema automatico potrebbe invece consentire di intercettare tutte le emissioni di inquinante; il dato di misura ottenuto indicherebbe la reale quantità di inquinante emessa nell intero periodo di campionamento (informazione rappresentativa dell impatto generato nell ambiente circostante), nonché l andamento e la gestione delle emissioni in tutte le fasi di esercizio. In entrambi i casi sopra descritti, le condizioni e i requisiti tecnici che garantiscono la qualità e la validità delle misure nelle diverse situazioni dell impianto, così come le condizioni in cui lo strumento debba essere posto in condizioni stand-by, dovrebbero essere individuati e specificati nella rispettiva norma tecnica e tali scelte sono legate al tipo di utilizzo dello strumento e quindi alle finalità della norma stessa. Le emissioni generate durante le suddette fasi transitorie assumono inoltre una particolare importanza, in quanto possono essere assai diverse rispetto a quelle caratteristiche del normale funzionamento di un impianto. Durante tali fasi (avvii, arresti, anomalie e malfunzionamenti) possono infatti verificarsi aumenti di produzione di diossine causati dalle condizioni instabili di combustione che si instaurano nel forno e dal fatto che le unità di abbattimento non operano in condizioni di regime. La formazione di diossine in questi periodi dipende anche dalla geometria e dall età degli impianti: gli inceneritori più moderni riescono meglio ad evitare condizioni sfavorevoli, assicurando per esempio adeguate temperature e tempi di residenza, un raffreddamento rapido dei fumi di combustione ed efficienti sistemi di pulizia delle superfici per evitare eventuali effetti memoria. In tale contesto sono stati condotti, a livello internazionale, diversi studi e campagne di misura. Alcune indagini dimostrano che un alta percentuale delle emissioni annuali di PCDD/F e PCB-dl è da attribuire a tali fasi transitorie e/o di combustione instabile; altri studi dimostrano invece che, nonostante tali emissioni transitorie siano maggiori rispetto a quelle caratteristiche del normale funzionamento in termini sia di concentrazione che di flusso di massa, esse rappresentano comunque un basso contributo alle emissioni totali annue, quando l impianto è ben gestito e i suddetti periodi transitori sono poco frequenti e di breve durata. In ogni caso, tutti gli studi partono dal presupposto che le emissioni durante tali fasi non siano confrontabili con quelle generate durante i periodi di normale funzionamento ma possono subire notevoli variazioni. 2.2 La posizione italiana proposta ai lavori del WG 1 CEN/TC 264 Le suddette fasi transitorie non sono generalmente monitorate durante i campionamenti manuali spot condotti sulle 6-8 ore per la verifica del rispetto dei valori limite, mentre è possibile e frequente che esse si verifichino e siano quindi osservabili su periodi di campionamento di giorni. Le motivazioni sopra esposte sono alla base della proposta del gruppo di lavoro dell UNI. Il gruppo ha infatti espresso il convincimento che tale strumento può essere utilizzato per rilevare la quantità totale di inquinante emessa da un impianto, proprio al fine di assicurare il monitoraggio delle emissioni durante tutte le sue fasi operative,

5 soprattutto in quelle che a tutt oggi sfuggono al controllo perché non regolamentate dalla legislazione né da un punto di vista tecnico né gestionale. La posizione italiana propone, inoltre, di individuare come periodo di campionamento più appropriato quello di 15 giorni. In questo modo, effettuando 24 analisi annuali sarebbe possibile avere sotto controllo il 100% delle emissioni di un impianto. Infine, la posizione italiana propone di evidenziare alla Commissione Europea come il campionamento in continuo di PCDD/F e PCB-dl assuma, in termini di prestazione e capacità di gestione dell impianto, un significato diverso rispetto al campionamento manuale sulle 6-8 ore, rappresentando al contempo la necessità di prevedere specifiche regolamentazioni di questa tipologia di campionamento (es. durata dei periodi di campionamento, prelievo nelle fasi transitorie dell impianto, ecc.) nonché i requisiti per la verifica di conformità dei dati ottenuti con i limiti legislativi. 2.4 Effetti della proposta italiana sullo sviluppo della norma pren La prima importante conseguenza che la proposta italiana avrebbe sullo sviluppo della norma sarebbe pertanto la definizione delle condizioni di stand-by. Durante le fasi transitorie, infatti, il flusso dei fumi al camino può subire variazioni più o meno veloci e può essere caratterizzato da basse portate e velocità e/o da regimi non stazionari. Tali situazioni potrebbero impedire il campionamento isocinetico, e portare il sistema in condizioni di stand-by. In base alla proposta italiana lo strumento non dovrebbe mai essere posto in condizioni di stand-by, neanche quando non sono rispettate le condizioni isocinetiche; esso dovrebbe tuttavia garantire, come di fatto già avviene per i campionatori attualmente sul mercato, la registrazione delle deviazioni dalle medesime condizioni isocinetiche ai fini delle successive valutazioni. Inoltre, la definizione di un periodo di campionamento (15 giorni) consentirebbe di definire le grandezze e le procedure di analisi più appropriate, riferite alla quantità attesa di inquinante raccolto dal campionatore, e di individuare idonee quantità di standard marcati di campionamento e di estrazione. Garantirebbe inoltre una maggiore ripetibilità e riproducibilità del metodo e consentirebbe corrette comparazioni tra differenti misure in uno stesso impianto o tra impianti differenti. La discussione sulla proposta italiana sopra descritta è programmata nell agenda del sedicesimo meeting del WG1, che si terrà a Milano nei giorni 28 e 29 ottobre I primi commenti pervenuti, pur mostrando di condividere la non opportunità di utilizzare il campionamento in continuo per la verifica del rispetto dei limiti di legge, puntano l accento sul fatto che la norma non debba limitarsi ad un solo utilizzo del metodo e che non sia compito del gruppo tecnico CEN sottoporre all attenzione della Commissione Europea la necessità di un allineamento tra la legislazione e la norma tecnica stessa. Conclusioni Le misure ottenute con i campionatori automatici in continuo di emissioni industriali di PCDD/F e PCB-dl, ormai largamente diffusi a livello nazionale e comunitario come strumenti di monitoraggio ambientale, possono avere significati diversi in funzione del tipo di impiego degli strumenti stessi nelle diverse condizioni di esercizio dell impianto. In mancanza di una norma tecnica ad hoc e di specifici obblighi legislativi associati a tali misure in lunghi periodi di campionamento, le interpretazioni sull uso di tale strumento possono essere diverse.

6 Le emissioni di inquinante generate durante le fasi transitorie di un impianto dovrebbero essere campionate con tale strumento. L emissione complessiva dell impianto così misurata sarebbe infatti un informazione aggiuntiva rispetto a quella fornita dal campionamento manuale discontinuo, il quale rappresenta, invece, l unico metodo ufficiale per la verifica del rispetto dei limiti legislativi. Su tali presupposti si basa la posizione presentata dai rappresentanti del gruppo UNI nell ambito dei lavori di elaborazione della parte quinta della norma tecnica pren 1948 del WG 1 CEN/TC 264. I rappresentanti italiani hanno infatti ritenuto utile sottoporre al gruppo, proprio in questa fase iniziale dei lavori, l opportunità di prevedere nella norma criteri per un utile utilizzo di questo tipo di campionamento, che eviterebbe difformità di utilizzo e nel contempo fornirebbe un nuovo strumento di valutazione ambientale. Bibliografia [1] UNI EN 1948, Luglio Emissioni da sorgente fissa-determinazione della concentrazione in massa di PCDD/PCDF e PCB diossina simili; [2] Flemish Government chapter2.htm; [3] [4] European Parliament - Text adopted at the sitting of Wednesday 7 July 2010 of the directive of the European Parliament and of the Council Industrial emissions (integrated pollution prevention and control) (recast) ***II - [5] Direttiva 2000/76/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 dicembre 2000 sull incenerimento dei rifiuti; [6] Decreto legislativo 11 maggio 2005, n Attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti; [7] Investigation of waste incinerator dioxins during start-up and shutdown operating phases, AEA report to the Environment Agency, ED AEAT/ENV/R/2563 Issue 1, 4 November 2008; [8] Gaetano Settimo, Giuseppe Viviano - Sistemi di prelievo di lungo periodo di diossine, furani e PCB diossina simili alle emissioni: le problematiche di utilizzo e valutazione dei dati ottenuti. Rifiuti Solidi RS n. 05 settembre-ottobre 2009; [9] The European Dioxin Emission Inventory Stage II. Final Report. ec.europa.eu/environment/dioxin/pdf/stage2/volume_2.pdf [10] Unione Europea. Comunicazione della commissione al consiglio, al parlamento europeo e al comitato economico sociale: strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati COM(2001) 593. Gazzetta Ufficiale dell Unione europea C 322/02 del ec.europa.eu/environment/waste/pcbs/pdf/it.pdf. [11] De Fre et. al., Code of Good Practice for the testing of continuous dioxin monitoring systems (code van Goede Praktijk voor de keuring van toestellen voor continue dioxinebemonstering), 2002; [12] ENEA Federambiente, Rapporto sul recupero energetico da Rifiuti urbani in Italia, 2 a edizione - febbraio [13] Tejima et al., 2007, Characteristics of dioxin emissions at start up and shutdown of MSW incinerators, - Chemosphere 66 (2007) ; [14] Zimmermann et al., 2007, Changes in PCDD/PCDF formation processes during

7 instationary phases of combustor operation Exemplified by the use of Cl4DD isomer patterns, Chemosphere 67 (2007) S205 S216; [15] Lin-Chi Wang et al., 2007, Influence of start-up on PCDD/F emission of incinerators, Chemosphere 67 (2007) [16] Che-Kuan Chen et al., 2008, Polychlorinated dibenzo-p-dioxins/dibenzofuran mass distribution in both start-up and normal condition in the whole municipal solid waste incinerator, - Journal of Hazardous Materials 160 (2008) 37 44

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10 Angelo Bonomi CONSIDERAZIONI SUL MONITORAGGIO Un monitoraggio ottimale dipende dalle considerazioni seguenti:

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale N. 85 26064 / 2013 (numero - protocollo / anno) OGGETTO: AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

problematiche olfattive in Veneto

problematiche olfattive in Veneto La definizione di una Linea Guida per la gestione delle problematiche olfattive in Veneto Dr Alessandro Benassi Regione del Veneto Direttore e Dipartimento Ambiente Dr. Alessandro Benassi Direzione Ambiente

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Azienda USL n.4 - Nuovo presidio ospedaliero di Prato Prato Ugo Foscolo snc Edoardo Michele Majno

Azienda USL n.4 - Nuovo presidio ospedaliero di Prato Prato Ugo Foscolo snc Edoardo Michele Majno Via Giovanni Pisano, 1-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 53439 Pag.1 AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AI SENSI DELL ART.69, MMA, DEL D.LGS.15/006 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI : (valori

Dettagli

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Il punto sulla direttiva IPPC Palazzo Medici Riccardi Firenze 27 novembre 2013 Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Mauro Rotatori Direttiva IED (2010/75/CE) La

Dettagli

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità La norma ISO 50001 sui sistemi di gestione dell energia: dove siamo e dove stiamo andando. Antonio Panvini - Comitato Termotecnico Italiano www.cti2000.it

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI...

PRINCIPI FONDAMENTALI... QUALITA DEL SERVIZIO 1) PREMESSA... 2 2) PRINCIPI FONDAMENTALI... 2 2.1) EFFICIENZA NEL SERVIZIO... 2 2.2) CONTINUITÀ... 2 2.3) IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO... 3 2.4) SALUTE, SICUREZZA ED AMBIENTE... 3

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LABORATORI N E W S N 3 / 2 0 1 5

LA SICUREZZA NEI LABORATORI N E W S N 3 / 2 0 1 5 LA SICUREZZA NEI LABORATORI N E W S N 3 / 2 0 1 5 DPC OGGETTO DELL ANALISI: CAPPE CHIMICHE AD ESTRAZIONE TITOLO: COME OTTIMIZZARE LE RISORSE ECONOMICHE NELLE ATTIVITA MANUTENTIVE AUMENTANDO IL LIVELLO

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni

Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni a cura di Sandro Garro - ARPAT OBBLIGHI I SMCE si trovano presso: Grandi impianti

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE [DECISION SUPPORT SYSTEM FOR WASTE MANAGEMENT PRACTICES AT LOCAL LEVEL] PREMESSA Il progetto Smartness in Waste Management è stato ideato

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

L Organismo di Vigilanza e l individuazione dei rischi aziendali

L Organismo di Vigilanza e l individuazione dei rischi aziendali L Organismo di Vigilanza e l individuazione dei rischi aziendali Milano, 5 dicembre 2011 Docente: Dott.ssa Tiziana Vallone Dottore Commercialista e Revisore Legale Partner Studio Vallone tiziana.vallone@studiovallone.it

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA N. 53-14382/2010 OGGETTO: Autorizzazione Integrata Ambientale ex D.Lgs. 18 febbraio 2005, n. 59. Aggiornamento per modifica non sostanziale.

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

Annex VI - MARPOL 73/78

Annex VI - MARPOL 73/78 GUIDA PRATICA ALL APPLICAZIONE DI Annex VI - MARPOL 73/78 Regulations for the Preventions of Air Pollution from Ships 1 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 ASPETTI GENERALI... 3 3 NAVI CON CHIGLIA IMPOSTATA PRIMA

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Le migliori pratiche e le linee guida per la gestione ottimale dei RAEE

Le migliori pratiche e le linee guida per la gestione ottimale dei RAEE Le migliori pratiche e le linee guida per la gestione ottimale dei RAEE Federico Foschini APAT Servizio Rifiuti IPPC Integrated Pollution Prevention & Control Direttiva 1996/61/CE D.Lgs. 18 febbraio 2005,

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0522/2000 22/10/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio in vista dell'adozione della direttiva del Parlamento europeo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro Dal BREF Monitoring : 2.1 Perché monitorare? - per controllare che le emissioni rientrino nei VLE e quindi per la valutazione di

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta.

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta. Direzione Ambiente e Gestione Rifiuti Ufficio VIA - VAS Incontro Come intervenire sulle attività che producono polveri La delibera della GP n. 213/2009 e le nuove LG sulle attività polverulente Introduzione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 DICEMBRE 2014 651/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OBBLIGHI DI MESSA IN SERVIZIO DEGLI SMART METER GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI

UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI E stata pubblicata la norma tecnica UNI che regolamenta la costruzione degli impianti per l abbattimento dei VOC e delle

Dettagli

Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore

Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore Torino, 24 luglio 2013 Il Termovalorizzatore del Gerbido Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore Fase di Esercizio Provvisorio In data 01.05.2013 l Appaltatore ha comunicato

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

L incenerimento e la gestione dei rifiuti urbani

L incenerimento e la gestione dei rifiuti urbani L incenerimento e la gestione dei rifiuti urbani Gaetano Settimo gaetano.settimo@iss.it Reparto Igiene dell Aria, Istituto Superiore di Sanità Situazione Europea A livello europeo l approccio dei vari

Dettagli

Brevi cenni storici. Attualmente la partecipazione è così composta: compagine societaria % Comuni. Media. Vallesina (AN - Marche)

Brevi cenni storici. Attualmente la partecipazione è così composta: compagine societaria % Comuni. Media. Vallesina (AN - Marche) Brevi cenni storici Nel 1988 il Comune di Maiolati Spontini, insieme ad alcuni investitori privati, crea ad hoc una SOcietà di GEstione della Nettezza Urbana e dei rifiuti Speciali incaricata di gestire

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987 COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA - COMUNE DI PERUGIA E - le seguenti Associazioni dei Consumatori e degli utenti iscritte all Albo della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 21.12.2007 COM(2007) 844 definitivo 2007/0286 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulle emissioni degli impianti industriali

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

Caratteristiche progettuali e gestionali del sistema di aspirazione di un forno elettrico in Lombardia

Caratteristiche progettuali e gestionali del sistema di aspirazione di un forno elettrico in Lombardia Caratteristiche progettuali e gestionali del sistema di aspirazione di un forno elettrico in Lombardia Monitoraggio e controllo delle polveri industriali A. Corsini Roma, 11 Novembre 2015 Il contesto normativo

Dettagli

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO Numero 2 Data 19/06/2012 Copia DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DI CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: L anno :2012, Il giorno : 19 del mese di :

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 25/08 ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA DI RICERCA DELLE OFFERTE COMMERCIALI DELLE IMPRESE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS Documento per la consultazione Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 8 agosto

Dettagli

D.Lgs 192/2005 e D.Lgs 311/06 Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione

D.Lgs 192/2005 e D.Lgs 311/06 Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione Direttiva 2002/91/CE, D.L.gs 192/2005 Le nuove Professionalità Nunzio Di Somma - RINA SpA Venezia

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Direttive per la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati dai requisiti funzionali minimi (Allegato A alla delibera dell Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006).

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Marca da Al SUAP del Comune di Bollo Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente

Dettagli

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ;

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ; Delibera n. 49/2015 Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 297/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 297/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 297/2014/R/EEL VALORIZZAZIONE DELLE PARTITE ECONOMICHE RELATIVE ALL EMISSIONS TRADING SYSTEM PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ESSENZIALI IN REGIME DI REINTEGRAZIONE DEI COSTI

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Territorio. Servizio Ambiente e Energia

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Territorio. Servizio Ambiente e Energia Registro generale n. 588 del 2011 Determina senza Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Territorio Oggetto Esercizio competenze L.R. 09/2010. Autorizzazione emissioni in atmosfera

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti Premesso che Il tema della riduzione dei rifiuti è una delle priorità delle politiche ambientali europee, come affermato nel Sesto Programma d Azione ambientale e ribadito nella proposta di Programma d

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA La pubblicazione della Direttiva 2007/47/CE sui Dispositivi Medici recepita con il D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 37 come revisione della (MDD) 93 /42/CEE, istituisce l obbligatorietà

Dettagli

PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA. Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria

PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA. Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria Procedure Elemento importante del patrimonio documentale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113 D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 artt. 6, 7 e 8 e D.C.R. n. 964-17595 del 13 dicembre 1994. Autorizzazioni di carattere generale per le emissioni

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XL REPUBBLICA ITALIANA N. 27 Speciale Ambiente BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO LíAQUILA, 17 LUGLIO 2009 Pag. 66 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XL - N. 27 Speciale (17.07.2009)

Dettagli