Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / PREMESSA...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A 12084 Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) 42.863/42.582 - E-Mail staff@studioiges.it 0 PREMESSA..."

Transcript

1

2 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / Indice 0 PREMESSA PLANIMETRIA DELLO STABILIMENTO RELAZIONE TECNICA Attività svolte nell impianto Caratteristiche delle superfici scolanti Caratteristiche delle superfici scolanti Volume annuale ed origine delle acque di lavaggio Volume annuale presunto delle acque di prima pioggia e di lavaggio da raccogliere ed allontanare Modalità di raccolta, allontanamento, eventuale stoccaggio e trattamento previste Valutazione dei rendimenti di rimozione degli inquinanti caratteristici conseguibili con la tipologia di trattamento adottata Considerazioni tecniche che hanno portato all individuazione del recapito prescelto e dei sistemi di trattamento adottati Caratteristiche dei punti di controllo e di immissione nel recapito prescelto DISCIPLINARE OPERAZIONI DI PREVENZIONE E GESTIONE Frequenza e modalità di pulizia e di lavaggio delle superfici esterne Procedure adottate per la prevenzione dell inquinamento delle acque meteoriche Procedure di intervento e di eventuale trattamento in caso di sversamenti accidentali Modalità di formazione ed informazione del personale addetto ALLEGATI ALLEGATO 1 Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche vigente (rev. n. 02 del 29/12/2008) ALLEGATO 2 Campagna completa Acque superficiali vasca 1 laghetto sud II trimestre /05/ ALLEGATO 3 Tavola 19 Rete di raccolta delle acque meteoriche

3 0 PREMESSA Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / Il presente Progetto Definitivo ha per oggetto la risagomatura orizzontale della discarica per rifiuti non pericolosi annessa all impianto di selezione, valorizzazione e smaltimento dei rifiuti non pericolosi sito in comune di Magliano Alpi (CN) in località Beinale e gestito dalla società A.M.A. S.p.A. Il progetto è stato redatto ai sensi del D. Lgs 13/01/2003, n. 36 e s.m.i. Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti. Il presente elaborato è redatto ai sensi del Regolamento regionale 20 febbraio 2006, n. 1/R Regolamento regionale recante: Disciplina delle acque meteoriche di dilavamento e delle acque di lavaggio di aree esterne (Legge regionale 29 dicembre 2000, n. 61) pubblicato sul B.U. 23 febbraio 2006, n. 8. Il presente elaborato integra il Piano di Prevenzione e di Gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio redatto dall ing. Danilo Gorini, in data 29/12/2008, a seguito del presente progetto definitivo di risagomatura orizzontale delle acque meteoriche. In allegato al presente documento si riporta: Piano di Prevenzione e Gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio redatto dall ing. Danilo Gorini in data 29/12/2008 per l impianto esistente di selezione, valorizzazione e smaltimento dei rifiuti non pericolosi; Planimetria di inquadramento dove sono indicate le reti di raccolta e allontanamento delle acque di prima pioggia, di dilavamento e di lavaggio. 1 PLANIMETRIA DELLO STABILIMENTO In allegato alla presente relazione si riporta la planimetria generale dell impianto come prevista nel progetto definitivo di risagomatura orizzontale della discarica. Lo schema di impianto rimane invariato nelle fasi di selezione e valorizzazione del rifiuti non pericolosi, mentre si prevede la modifica della sagoma della discarica per lo smaltimento finale dei rifiuti. La rete di smaltimento delle acque dei piazzali viene integrata con la parte inerente all area destinata alla risagomatura orizzontale della discarica. Lo schema funzionale del sistema di gestione delle acque meteoriche resta invariato rispetto al sistema già autorizzato. Con la realizzazione della risagomatura orizzontale aumentano le superfici scolanti e pertanto è incrementato il volume di stoccaggio dei laghetti di accumulo, mediante la realizzazione di un nuovo laghetto di accumulo a lato dell esistente posto a lato della duna antivisiva. Il 2 RELAZIONE TECNICA 2.1 Attività svolte nell impianto Le attività svolte nell impianto restano invariate e sono quelle autorizzate con il rinnovo dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dallo Sportello Unico delle Attività Produttive del comune di Magliano Alpi con Provvedimento n. 10/2013 in data 23/07/2013. In particolare le attività autorizzate sono le seguenti: Attività 5.3 Impianti per l eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell allegato II A della Direttiva 75/442/CEE ai punti D 8, D 9 con capacità superiore a 50 tonnellate al giorno; Attività 5.4 Discariche che ricevono più di 10 tonnellate al giorno o con capacità totale di oltre tonnellate, ad esclusione delle discariche per i rifiuti inerti. 2

4 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / Caratteristiche delle superfici scolanti Le superfici definibili come scolanti ai sensi del Regolamento Regionale 20/02/2006, n. 1/R, sono costituite da: Piazzali esterni di movimentazione, transito e lavaggio ruote mezzi (superfici totalmente asfaltate); Aree Scoperte di stoccaggio rifiuti non pericolosi. Nelle aree identificate come superfici scolanti possono essere presenti fattori di inquinamento delle acque di dilavamento dovuti ai residui lasciati su strade e piazzali dai camion che trasportano rifiuti e dai mezzi operativi o ad operazioni che implicano l utilizzo di sostanze pericolose (rifornimento gasolio per autotrazione). Tutte le aree esterne sono provviste di rete di raccolta che convoglia le acque di dilavamento alla vasca acque di prima pioggia del volume utile di circa 360 mc al fine di consentire il deposito dei materiali sospesi e degli inquinanti che sono presenti nelle acque nei primi minuti dell evento piovoso. In particolare facendo riferimento a quanto riportato nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche del 29/12/2008, le superficie scolanti a seguito della realizzazione degli interventi previsti dal progetto di risagomatura orizzontale della discarica saranno le seguenti: Piazzali esterni di movimentazione, transito e lavaggio ruote mezzi (superfici totalmente asfaltate per un totale di circa 2,2 ha (come da piano di prevenzione e gestione acque meteoriche del 29/12/2008); Aree scoperte di stoccaggio rifiuti non pericolosi (superfici totalmente asfaltate ove sono stoccati plastica, vetro, ferro, ingombranti in attesa di smaltimento come da piano di prevenzione e gestione acque meteoriche del 29/12/2008); Piazzali esterni di transito di nuova realizzazione perimetralmente al settore 4 aventi una superficie di mq. Per quanto riguarda i settori della discarica in fase di coltivazione, le acque di dilavamento sono convogliate e stoccate in apposite vasche di contenimento del percolato e smaltite come rifiuto in base alla vigente normativa. All interno dei settori della discarica dove non sono stoccati rifiuti, le acque meteoriche, essendo fisicamente divise da argini, vengono analizzate e in caso in cui risultino conformi alla normativa vigente (Tab. 3 Allegato V alla parte terza del D.Lgs 152/06) vengono convogliate al sistema di raccolta e trattamento delle acque superficiali precedentemente descritto. Nel momento in cui sarà necessario attivare il settore della discarica e conferirvi rifiuti, le acque di dilavamento verranno convogliate attraverso la rete di captazione (realizzata con tubi in HDPE) alle vasche di accumulo del percolato di discarica. Per quanto riguarda la pista di accesso alla discarica si precisa quanto segue: Pista di accesso per la coltivazione della parte in scavo della discarica: tutte le acque meteoriche ricadenti sulla pista di accesso rimangono completamente confinate all interno del perimetro della discarica e trattate come percolati di discarica; Pista di accesso per la coltivazione in elevazione della discarica: le acque ricadenti sulla rampa di accesso alla zona di coltivazione (che rimane comunque all interno degli argini di contenimento) sono ricondotte attraverso un sistema di canalizzazione idoneo a garantire il mantenimento dei colaticci all interno del corpo di discarica. Si segnala che, anche se il regolamento regionale non prevede misure relativamente alle acque meteoriche provenienti dai tetti, la ditta ha previsto che le acque dei tetti del settore B, 3

5 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / unitamente alle portate eccedenti la capacità d invaso della vasca di prima pioggia, siano recapitate in una vasca di accumulo ubicata in prossimità del confine con l autostrada Asti- Cuneo e da qui utilizzate per usi irrigui delle zone a verde dell impianto. Le acque ricadenti sulle coperture del settore A sono recapitate in una seconda vasca di accumulo ubicata in adiacenza della discarica e utilizzate per la riserva antincendio e per usi irrigui delle zone a verde dell impianto. Le acque meteoriche dunque sono completamente riutilizzate all interno dell area di impianto. 2.3 Caratteristiche delle superfici scolanti I principali inquinanti potenzialmente presenti nelle acque di prima pioggia sono: solidi sospesi, cloruri, solfati, nitrati e metalli quali ferro e manganese. A titolo di caratterizzazione delle acque di prima pioggia si allega alla presente relazione una tabella con i risultati dell analisi completa effettuata nel II trimestre 2013 (08/05/2013) sul lago di accumulo delle acque dei piazzali (laghetto sud vasca 1). L analisi effettuata ha evidenziato la conformità ai limiti previsti dalla vigente normativa (Tab. 3 Allegato 5 alla parte terza del D.Lgs 152/2006). La ditta effettua analisi con cadenza trimestrale delle acque dei laghetti di accumulo (Vasca 1 a valle del trattamento e Vasca 2). L analisi evidenzia il rispetto dei 2.4 Volume annuale ed origine delle acque di lavaggio Resta invariato quanto indicato nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche approvato (rev. n. 02 del 29/12/2008) La pulizia dei piazzali e delle aree di transito mezzi è effettuata con spazzatrici automatiche e prevede l utilizzo di modeste quantità di acqua a spruzzo al solo scopo di prevenire la dispersione di polveri nell aria. Le acque di lavaggio utilizzate per le ruote degli automezzi sono prelevate in parte da pozzo e in parte recuperate dalla depurazione delle acque di prima pioggia. L impianto di lavaggio ruote funziona a ciclo chiuso: l acqua è stoccata in una vasca di decantazione sottoposta a periodica pulizia e relativo smaltimento acque. 2.5 Volume annuale presunto delle acque di prima pioggia e di lavaggio da raccogliere ed allontanare La superficie impermeabile prevista nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche approvato è pari a circa 2,2 ettari, e richiede un volume utile della vasca di prima pioggia pari a 50 mc/ha * 2,2 ha = 110 mc. Il volume utile della vasca di prima pioggia esistente è pari a 360 mc. Con la realizzazione dei nuovi piazzali previsti dal progetto di risagomatura orizzontale della discarica è previsto un incremento delle superfici scolanti pari a mq. Il progetto prevede di estendere il sistema di collettamento delle acque di dilavamento delle superfici scolanti e di trattamento delle acque di prima pioggia anche ai piazzali di nuova realizzazione utilizzando la vasca di prima pioggia esistente. Le superfici scolanti complessive saranno pari a mq mq = mq La vasca di prima pioggia esistente è pertanto in grado di trattenere fino a 360 mc / mq = 0,0148 m corrispondenti a 14,8 mm di deflusso di acque in arrivo all inizio di ogni evento di pioggia, con rilascio all immissione finale di acque di seconda pioggia caratterizzate da modeste concentrazioni di inquinanti. Come già descritto al punto 2.4, l impianto di lavaggio ruote è a ciclo chiuso: l acqua è stoccata in una vasca di decantazione sottoposta a periodica pulizia con smaltimento acque. La fase di lavaggio mezzi non rientra quindi in quelle disciplinate dal Regolamento Acque Meteoriche. 4

6 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / Modalità di raccolta, allontanamento, eventuale stoccaggio e trattamento previste Resta invariato quanto indicato nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche approvato (rev. n. 02 del 29/12/2008). Si riporta di seguito la descrizione dell impianto di trattamento delle acque di prima pioggia. L'impianto di depurazione è composto dalle seguenti unità: pozzetto ingresso acque bianche e grigie, che immette direttamente alla vasca di decantazione e, quando il livello è salito al massimo, tramite un condotto di troppo pieno, allo scarico nel laghetto di accumulo; vasca di 1 pioggia, delle dimensioni in pianta di m 12 x m 12 per una altezza utile massima di liquido di circa m 2,r pari ad una capacità di circa 360 m3.questa vasca sarà utilizzata come un sedimentatore a livello variabile, cioè sarà in grado di funzionare anche se non riempita completamente, poiché l'acqua sarà aspirata da una pompa autoadescante tramite un condotto montato su galleggiante, che, a decantazione avvenuta, ne permetterà lo svuotamento senza aspirare gli eventuali supernatanti, nei fanghi sedimentali sul fondo, che saranno saltuariamente allontanati a mezzo di autospurgo; dosaggio reagenti: l'impianto, alloggiato nel box in muratura, potrà dosare i precipitanti o flocculanti più opportuni durante la fase di travaso dalla vasca di accumulo a quella di filtrazione, premiscelandoli alle acque da pretrattare per mezzo di un miscelatore statico. Il dosaggio dei reagenti viene operato mediante una pompa dosatrice a pistone della portata di 25 l/ h e prevalenza di 10 bar; filtro rapido a sabbia: ubicato nel box di cui sopra, consente la filtrazione dell'acqua prevalente dalla vasca di decantazione; il filtro è dimensionato per una portata di 20 m3/h. Il filtro verrà alimentato da una pompa sommergibile installata all interno della vasca di prima pioggia avente portata di 10 m3/h e prevalenza di 8 m. La pressione residua all'uscita del filtro sarà sufficiente per raggiungere lo scarico; di tanto in tanto il filtro sarà rigenerato con acqua di rete pressurizzata ed aria; per il controlavaggio del filtro viene installata una pompa centrifuga ad asse orizzontale di portata 30 m3/h e prevalenza di 50 m. L aria di controlavaggio viene fornita da una soffiante ad aspi rotanti di portata 100 m3/h e prevalenza di 3000 mm c.a. m. L acqua di controlavaggio sarà convogliata nella vasca di raccolta dei percolati. La conduzione dell'impianto di filtrazione è di tipo discontinuo. La descrizione dettagliata dell impianto è riportata nella relazione tecnica Scheda C, scarichi idrici predisposta per l ottenimento dell AIA. 2.7 Valutazione dei rendimenti di rimozione degli inquinanti caratteristici conseguibili con la tipologia di trattamento adottata Le analisi effettuate sulle acque a valle del sistema di depurazione descritto e annualmente trasmesse alle autorità competenti hanno evidenziato l efficienza dell impianto. 5

7 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / Considerazioni tecniche che hanno portato all individuazione del recapito prescelto e dei sistemi di trattamento adottati La scelta di convogliare le acque meteoriche ai laghetti di accumulo precedentemente descritti è motivata da considerazioni di tipo tecnico e di riduzione degli impatti ambientali. Il sito infatti non è servito dalla pubblica fognatura, e non vi sono nelle vicinanze corpi idrici superficiali idonei a raccogliere le acque meteoriche provenienti dal sito. L accumulo di tali acque consente inoltre di recuperare la risorsa a scopi irrigui (le aree verdi attualmente di pertinenza del sito coprono una superficie di circa mq) ed antincendio, preservando così l utilizzo di acque di falda. Con il progetto di risagomatura orizzontale della discarica si prevede di estendere la duna antivisiva aumentando pertanto le aree di pertinenza dell impianto da mantenere a verde (superficie pari a mq). Come già anticipato nei paragrafi precedenti il progetto di risagomatura orizzontale della discarica prevede l estensione dei piazzali di transito dei mezzi per una superficie pari a mq e pertanto di incrementare l afflusso di acque meteoriche in arrivo al recapito finale. Si prevede la realizzazione di un nuovo laghetto a lato dell esistente posto in prossimità della duna antivisiva. Un sistema di pompaggio delle acque permetterà il deflusso delle acque dal primo al secondo lago di nuova realizzazione. Il sistema si innescherà quanto il livello di acque nel primo lago raggiungerà il livello massimo di guardia. 2.9 Caratteristiche dei punti di controllo e di immissione nel recapito prescelto Resta invariato quanto indicato nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche approvato (rev. n. 02 del 29/12/2008). Il campionamento delle acque trattate, prima del convogliamento ai laghetti di accumulo, è realizzato tramite il pozzetto di campionamento e scarico a valle del filtro a sabbia. Tutti i pozzetti di ispezione, dislocati lungo l intera rete di raccolta, sono evidenziati nella planimetria generale (Tavola 19). 6

8 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / DISCIPLINARE OPERAZIONI DI PREVENZIONE E GESTIONE Resta invariato quanto indicato nel Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche approvato (rev. n. 02 del 29/12/2008). 3.1 Frequenza e modalità di pulizia e di lavaggio delle superfici esterne La ditta prevede una pulizia periodica, settimanale o secondo necessità, delle aree di passaggio e dei piazzali esterni. La pulizia è effettuata tramite motoscope e non prevede utilizzo di acqua. 3.2 Procedure adottate per la prevenzione dell inquinamento delle acque meteoriche Al fine di prevenire l inquinamento delle acque di prima pioggia, le aree di transito e movimentazione mezzi sono sottoposte a pulizia tramite motoscope al fine di rimuovere polveri e altre sostanze inquinanti senza aumentare il carico inviato al sistema di depurazione acque. Gli stoccaggi di rifiuti non coperti riguardano rifiuti non pericolosi da avviare a recupero e contengono quantità limitate degli stessi, mentre le altre aree di deposito e stoccaggio (apparecchiature elettroniche, apparecchiature contenenti CFC ) si trovano in aree coperte. Nel sito non sono presenti altri stoccaggi o accumuli si sostanze pericolose che potrebbero causare inquinamento delle acque meteoriche. 3.3 Procedure di intervento e di eventuale trattamento in caso di sversamenti accidentali La ditta si è dotata di un Sistema di Gestione Ambientale in vista di richiedere la certificazione secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004, ed ha predisposto idonee procedure e istruzioni operative per gli eventuali versamenti accidentali, che prevedono che la pulizia delle superfici interessate sia tempestivamente eseguita con idonei materiali inerti assorbenti in relazione alla tipologia di materiali sversati. È previsto lo stoccaggio di tali materiali nel prefabbricato uffici; i materiali residui derivati dalle eventuali operazioni di pulizia di sversamenti accidentali saranno smaltiti in conformità alla vigente normativa. 3.4 Modalità di formazione ed informazione del personale addetto Il Sistema di Gestione Ambientale prevede la formalizzazione di un piano formativo su base almeno annuale, in cui vengono affrontate anche le tematiche di sicurezza e ambiente. La formazione è rivolta al personale interno ed è opportunamente registrata. Il personale addetto alle operazioni di carico e scarico, nonché gli addetti alla movimentazione dei rifiuti e i responsabili della manutenzione, è addestrato sulle procedure operative da attivare per la prevenzione dell inquinamento delle acque meteoriche ed è consapevole dei potenziali rischi per l ambiente derivanti da una non corretta applicazione delle stesse. 7

9 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / ALLEGATI 1. Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche vigente (rev. n. 02 del 27/12/2008) 2. Campagna completa Acque superficiali vasca 1 laghetto sud II trimestre /05/ Tavola 19 Rete di raccolta delle acque meteoriche 8

10 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / ALLEGATO 1 Piano di prevenzione e gestione acque meteoriche vigente (rev. n. 02 del 29/12/2008) 9

11 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE PIANO DI PREVENZIONE E DI GESTIONE DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA E DI LAVAGGIO Regolamento Regionale 20 febbraio 2006, n 1/R e s.m.i. Ditta AMA S.p.a. Località BEINALE, Magliano Alpi (CN) Il Tecnico Ing. Danilo Gorini Torino, 29/12/2008

12 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE 0. Premessa Planimetria dello stabilimento Relazione tecnica Disciplinare delle operazioni di prevenzione gestione...11 Pagina 2 di 11

13 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE 0. Premessa Il presente piano di prevenzione e di gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio, redatto in conformità al regolamento regionale 1/R del 20/2/2006 modificato dal regolamento regionale 7/R del 2/8/2006 e dal con il regolamento regionale 4 dicembre 2006, n. 13/R, viene presentato dalla ditta AMA S.p.A. in quanto rientrante nel campo di applicazione all art 7 comma 1 lettera a). La ditta è infatti soggetta al D.lgs 59/05 in quanto attività IPPC (codici 5.3 e 5.4) ed ha presentato la domanda per l ottenimento dell Autorizzazione Ambientale Integrata alla Provincia di Cuneo, e rilasciata con Determina n. 286 del 31 marzo 2008 del Settore Tutela Ambiente della Provincia di Cuneo. La presente relazione è elaborata in conformità a quanto previsto dall Allegato_A al Regolamento Regionale 1/R/2006; la relazione tecnica di cui al punto 2, rimanda in alcune parti alla documentazione già presentata in fase di istruttoria IPPC, allegata alla presente. Preme sottolineare che l azienda ha adottato sistemi di raccolta e trattamento delle acque meteoriche ancor prima della pubblicazione di questo regolamento e, nell ottica della minimizzazione dell uso delle risorse, ha previsto il recupero totale delle acque trattate a fini irrigui e per alcune fasi impiantistiche. Nell ottica del miglioramento e della minimizzazione dello sfruttamento delle risorse la ditta ha quindi già un eccellenza. Si ritiene quindi che non esistano superfici scolanti in cui vi sia rischio di contaminazione delle acque di prima pioggia e quindi necessità di trattamento delle superfici stesse che già non ne siano dotate. Inoltre tutte le operazioni delle lavorazioni sono effettuate adottando i sistemi idonei per prevenire il rischio di contaminazione. I contenuti del piano di prevenzione e di gestione sono redatti con un livello di consistenza e di approfondimento correlato alla dimensione ed alla tipologia dell insediamento. 0.1 Riepilogo documenti allegati Elaborati grafici: - I39A Stoccaggio rifiuti stato attuale - D17 Rete raccolta acque meteoriche piazzali - D18 Rete di raccolta acque meteoriche coperture - D19 Reti di raccolta acque meteoriche (piazzali e coperture, particolari costruttivi) - fotografia del corpo di discarica (pista di accesso) - schema impianto raccolta depurazione e scarico acque di prima pioggia Documentazione presentata nel luglio 2006 per l ottenimento dell Autorizzazione Ambientale Integrata: - Sintesi non tecnica - RT 02 Descrizione dei metodi di trattamento - Scheda C Scarichi Idrici Altri documenti tecnici: Pagina 3 di 11

14 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE - Analisi acque Vasca 1 (vasca di accumulo acque piazzali a monte e valle del sistema di trattamento) - Analisi acque Vasca 2 (accumulo acque meteoriche da coperture) 1. Planimetria dello stabilimento 1.1 Indicazione delle superfici con specificazione della relativa destinazione d uso Allegata planimetria I39A Stoccaggio rifiuti stato attuale 1.2 Reti interne di raccolta e allontanamento verso il corpo ricettore delle acque meteoriche Allegate planimetrie: - D17 Rete raccolta acque meteoriche piazzali - D18 Rete di raccolta acque meteoriche coperture 1.4 Sistemi e impianti di trattamento utilizzati Allegati: - schema impianto raccolta depurazione e scarico acque di prima pioggia. - elaborato grafico D19 Reti di raccolta acque meteoriche (piazzali e coperture, particolari costruttivi) 1.5 Rappresentazione del punto di immissione nel corpo idrico Le acque meteoriche sono convogliate a vasche di accumulo e laminazione (denominate laghetti) di pertinenza dell impianto stesso, rappresentate nelle planimetrie allegate I39A e D17. Pagina 4 di 11

15 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE 2. Relazione tecnica 2.1. Attività svolte nell'insediamento e normativa settoriale concorrenti nella finalità del Regolamento in oggetto. La ditta AMA s.p.a. si occupa della gestione dell impianto di recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e speciali assimilabili e della discarica di rifiuti non pericolosi del comune di Magliano, località Beinale. L impianto di trattamento dei rifiuti prevede due linee di lavorazione: la prima (SETTOREA A) riguarda RSU indifferenziati, RSA da raccolta separata, fanghi di depurazione urbana, la seconda (SETTORE B) rifiuti urbani selezionati e provenienti da raccolta differenziata. La prima linea di lavorazione segue il seguente ciclo di fasi lavorative: Stoccaggio e alimentazione dei RSU in ingresso: gli RSU in arrivo vengono pesati e sono scaricati dagli automezzi di trasporto all interno di un locale destinato a stoccaggio di emergenza e di servizio completamente chiuso del volume utile di circa 2460 m3. Selezione meccanica e recupero dei materiali ferrosi e non ferrosi (alluminio) attraverso: Triturazione primaria Vagliatura primaria Separazione dei materiali ferrosi e non ferrosi (alluminio ) Produzione di frazione secco leggera che prevede: Riduzione ed omogeneizzazione dimensionale della frazione secco leggera eliminazione della frazione organica al di sotto del 5% in massa e riduzione di materiali inerti fini presenti compattazione in balle della frazione secco-leggera raffinata ricopertura della balla con film plastico al fine di garantirne la conservazione durante lo stoccaggio provvisorio e la successiva fase di trasporto ad un impianto terzo Stabilizzazione per via biologica aerobica della frazione organica separata meccanicamente: la frazione organica fresca separata viene sottoposta ad un processo di biostabilizzazione, igienizzazione e maturazione mediante fermentazione aerobica. La fermentazione viene condotta in 2 fasi distinte e successive:1 fase: bioossidazione accelerata (fase ACT active composting time ) e 2 fase: maturazione (curing) Nella seconda linea di lavorazione (SETTORE B) sono conferiti materiali selezionati provenienti da raccolta differenziata da stoccarsi provvisoriamente o da selezionare in modo manuale o meccanico (come imballaggi in plastica, in metallo o in vetro, carta e cartone, ecc), al fine di ridurne le impurezze prima del conferimento a ditte autorizzate di recupero, nonché rifiuti ingombranti da selezionare manualmente o meccanicamente al fine di recuperarne materiali riciclabili e materiali inerti edili puliti. Sono inoltre selezionati i materiali ferrosi, attraverso un selettore elettromagnetico e l alluminio, attraverso un selettore a induzione magnetica e stoccati in attesa di essere successivamente avviati al recupero. In particolare il trattamento per la plastica prevede il seguente ciclo: I mezzi che trasportano il materiale in ingresso passano attraverso la pesa ed effettuano lo scarico direttamente all interno del capannone attraverso una tramoggia di stoccaggio. Un alimentatore a Pagina 5 di 11

16 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE piastre alloggiato sul fondo della tramoggia di accumulo alimenta il materiale ad un dosatore rompisacco e dosa con regolarità il materiale alla successiva fase di separazione dai materiali dagli scarti fini indesiderati. Seguono le fasi di Vagliatura, Cernita manuale, Separazione, Pressatura in balle di plastica, Triturazione materiali plastici. È stato realizzato un ampliamento dell area B che prevede la pressatura e l imballaggio di carta e cartone, nonché un area di stoccaggio per rifiuti speciali. Gli scarti delle selezioni sono conferiti in discarica. La discarica di servizio dell impianto di recupero e smaltimento dei rifiuti RSU/RSAU è stata realizzata prevedendo una configurazione in parte in scavo ed in parte in rilevato (sopraelevazione). La parte in scavo è realizzata in vasca unica suddivisa in tre settori separati idraulicamente al fine di limitare la produzione di percolato. La separazione tra i settori 1, 2, 3 della vasca è garantita dalla presenza di argini in argilla che sono anche utilizzati come rampa di accesso al fondo vasca. Per maggiori dettagli sul ciclo produttivo è possibile consultare la relazione sul ciclo produttivo inviata in fase di istruttoria IPPC (Sintesi Non Tecnica e RT 02 Relazione tecnica descrittiva dei metodi di trattamento) 2.2 Caratteristiche delle superfici scolanti Come si è già sottolineato in premessa, si ritiene che tutte le aree considerate scolanti sono state dotate di tutte le misure per evitare potenziali inquinamenti e per le quali è già stato dato il parere favorevole negli atti autorizzativi precedenti. Nel seguito verranno comunque descritte le aree esterne e i relativi sistemi di raccolta o di precauzione adottati per completezza di informazione. Le superfici definibili come scolanti ai sensi del Regolamento Regionale 1/R/2006, sono costituite da: - piazzali esterni di movimentazione, transito e lavaggio ruote mezzi (superfici totalmente asfaltate per un totale di circa 2,2 ha; individuate in planimetria I39A con i numeri 17, 25, 33, 8) - aree scoperte di stoccaggio di rifiuti non pericolosi (superfici totalmente asfaltate ove sono stoccati plastica, vetro, ferro, ingombranti in attesa di smaltimento; rif. planimetria I39A) Si sottolinea che nel sito non sono presenti aree non asfaltate, ad eccezione delle aree verdi. Nelle aree identificate come superfici scolanti possono essere presenti fattori di inquinamento delle acque di dilavamento dovuti ai residui lasciati su strade e piazzali dai camion che trasportano rifiuti e dai mezzi operativi o ad operazioni che implicano l utilizzo di sostanze pericolose (rifornimento gasolio per autotrazione). Pagina 6 di 11

17 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE Tutte le aree esterne sono provviste di rete di raccolta che convoglia le acque di dilavamento alla vasca acque di prima pioggia (identificata con il numero 10 sulla planimetria allegata I39A). La rete di raccolta delle acque meteoriche è riportata nella planimetria allegata D17. La rete di raccolta garantisce che le acque meteoriche siano convogliate verso la vasca di prima pioggia del volume utile di circa 360 m3 (sovrastimata) al fine consentire il deposito dei materiali sospesi e degli inquinanti che sono presenti nelle acque nei primi minuti dell evento piovoso. Le acque depurate sono successivamente scaricate e convogliate nel laghetto di accumulo e laminazione (Planimetria I39A, Vasca 1) posto lato autostrada Asti- Cuneo, per essere riutilizzate per scopi irrigui e quindi ridurre il consumo di risorse primarie (acqua da pozzo). Nell area della discarica le misure per il contenimento delle acque sono già state previste nel piano di adeguamento ai sensi del D.Lgs. 36/03. Per completezza si accenna in questa sede alla raccolta e allo smaltimento delle acque di origine meteorica ricadenti all interno delle celle di stoccaggio rifiuti. Per quanto riguarda i settori della discarica in fase di coltivazione, le acque di dilavamento sono convogliate e stoccate nelle apposite vasche di contenimento del percolato e smaltite come rifiuto in base alla vigente normativa. All interno dei settori della discarica ove non sono stoccati rifiuti, le acque meteoriche, essendo fisicamente divise da argini, vengono analizzate e in caso in cui risultino conformi alla normativa vigente (Tab. 3, Allegato V alla parte terza del D.Lgs. 152/2006) vengono convogliate al sistema di raccolta e trattamento delle acque superficiali precedentemente descritto. Nel momento in cui sarà necessario attivare il settore della discarica e conferirvi rifiuti, le acque di dilavamento verranno convogliate attraverso la rete di captazione (realizzata con tubi in HDPE) alle vasche di accumulo del percolato di discarica. Per quanto riguarda la pista di accesso alla discarica si precisa quanto segue: - vista l attuale situazione della pista di accesso alla discarica (fotografia allegata), tutte le acque meteoriche ricadenti sulla pista di accesso rimangono completamente confinate all interno del perimetro della discarica e trattate come percolati di discarica. - quando il corpo della discarica raggiungerà il piano campagna in tutti e tre i settori e sarà necessario proseguire con la soprelevazione dello stesso la acque ricadenti sulla rampa di accesso alla zona di coltivazione (che rimane comunque all interno degli argini di contenimento) saranno ricondotte attraverso un sistema di canalizzazione debitamente dimensionata atta a garantire il mantenimento dei colaticci all interno del corpo di discarica. Si segnala che, anche se il regolamento regionale non prevede misure relativamente alle acque meteoriche provenienti dai tetti, la ditta ha previsto che le acque dei tetti del settore B, unitamente alle portate eccedenti la capacità d invaso della vasca di prima pioggia, sono recapitate in una vasca di accumulo ubicata in prossimità del confine con l autostrada Asti- Cuneo e da qui utilizzate per usi irrigui delle zone a verde dell impianto. Le acque ricadenti sulle coperture del settore A sono recapitate in una seconda vasca di accumulo ubicata in adiacenza della discarica e utilizzate per la riserva antincendio e per usi irrigui delle zone a verde dell impianto. Le acque meteoriche dunque sono completamente riutilizzate all interno dell area di impianto. Pagina 7 di 11

18 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE 2.3 Potenziale caratterizzazione delle acque di prima pioggia I principali inquinanti potenzialmente presenti nelle acque di prima pioggia sono: solidi sospesi, cloruri, solfati, nitrati e metalli quali ferro e manganese. A titolo di caratterizzazione delle acque di prima pioggia si allega alla presente relazione un analisi effettuate, alla fine del mese di dicembre 2008, su campione di acqua prelevato dalla vasca di prima pioggia a monte e a valle del trattamento. La ditta effettua inoltre analisi con cadenza quadrimestrale delle acque dei laghetti di accumulo (Vasca 1 a valle del trattamento e Vasca 2) : le analisi ad oggi svolte hanno sempre evidenziato la conformità ai limiti previsti dalla vigente normativa (Tab. 3 Allegato 5 alla parte terza del D.Lgs. 152/2006). 2.4 Volume annuale ed origine delle acque di lavaggio La pulizia dei piazzali e delle aree di transito mezzi è effettuata con spazzatrici automatiche e prevede l utilizzo di modeste quantità di acqua a spruzzo al solo scopo di prevenire la dispersione di polveri nell aria. Le acque di lavaggio utilizzate per le ruote degli automezzi sono prelevate in parte da pozzo e in parte recuperate dalla depurazione delle acque di prima pioggia. L impianto di lavaggio ruote funziona a ciclo chiuso: l acqua è stoccata in una vasca di decantazione sottoposta a periodica pulizia e relativo smaltimento acque. 2.5 Volume annuale presunto delle acque di prima pioggia e di lavaggio da raccogliere ed allontanare La superficie impermeabile è pari a circa 2,2 ettari, e richiede un volume utile della vasca di prima pioggia pari a 50 m3/ ha * 2,2 ha = 110 m3. Conservativamente la ditta ha assunto il volume utile della vasca di prima pioggia pari a 360 m3. Essa pertanto è in grado di trattenere fino a 360 m3 * 1000 mm/ m2 = 16,2 mm di deflusso di acque (potenzialmente inquinate) in arrivo all inizio di ogni evento di pioggia, con rilascio all immissione finale di acque di seconda pioggia caratterizzate da modeste concentrazioni di inquinati. Come già descritto al punto 2.4, l impianto di lavaggio ruote è a ciclo chiuso: l acqua è stoccata in una vasca di decantazione sottoposta a periodica pulizia con smaltimento acque. La fase di lavaggio mezzi non rientra quindi in quelle disciplinate dal Regolamento Acque Meteoriche. 2.6 Modalità di raccolta, allontanamento, eventuale stoccaggio e trattamento previste Le modalità di raccolta ed allontanamento sono state descritte al precedente paragrafo 2.2 e relative planimetrie allegate (D17,D18). Si riporta di seguito la descrizione dell impianto di trattamento delle acque di prima pioggia. Pagina 8 di 11

19 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE L'impianto di depurazione è composto dalle seguenti unità: - pozzetto ingresso acque bianche e grigie, che immette direttamente alla vasca di decantazione e, quando il livello è salito al massimo, tramite un condotto di troppo pieno, allo scarico nel laghetto di accumulo; - vasca di 1 pioggia, delle dimensioni in pianta di m 12 x m 12 per una altezza utile massima di liquido di circa m 2,r pari ad una capacità di circa 360 m3.questa vasca sarà utilizzata come un sedimentatore a livello variabile, cioè sarà in grado di funzionare anche se non riempita completamente, poiché l'acqua sarà aspirata da una pompa autoadescante tramite un condotto montato su galleggiante, che, a decantazione avvenuta, ne permetterà lo svuotamento senza aspirare gli eventuali supernatanti, ne i fanghi sedimentali sul fondo, che saranno saltuariamente allontanati a mezzo di autospurgo; - dosaggio reagenti: l'impianto, alloggiato nel box in muratura, potrà dosare i precipitanti o flocculanti più opportuni durante la fase di travaso dalla vasca di accumulo a quella di filtrazione, premiscelandoli alle acque da pretrattare per mezzo di un miscelatore statico. Il dosaggio dei reagenti viene operato mediante una pompa dosatrice a pistone della portata di 25 l/ h e prevalenza di 10 bar; - filtro rapido a sabbia: ubicato nel box di cui sopra, consente la filtrazione dell'acqua prevalente dalla vasca di decantazione; il filtro è dimensionato per una portata di 20 m3/h. Il filtro verrà alimentato da una pompa sommergibile installata all interno della vasca di prima pioggia avente portata di 10 m3/h e prevalenza di 8 m. La pressione residua all'uscita del filtro sarà sufficiente per raggiungere lo scarico; di tanto in tanto il filtro sarà rigenerato con acqua di rete pressurizzata ed aria; per il controlavaggio del filtro viene installata una pompa centrifuga ad asse orizzontale di portata 30 m3/h e prevalenza di 50 m. L aria di controlavaggio viene fornita da una soffiante ad aspi rotanti di portata 100 m3/h e prevalenza di 3000 mm c.a. m. L acqua di controlavaggio sarà convogliata nella vasca di raccolta dei percolati. La conduzione dell'impianto di filtrazione è di tipo discontinuo. La descrizione dettagliata dell impianto è riportata nella relazione tecnica Scheda C, scarichi idrici predisposta per l ottenimento dell AIA ed allegata alla presente. 2.7 Valutazione dei rendimenti di rimozione degli inquinanti caratteristici conseguibili con la tipologia di trattamento adottata. Le analisi ad oggi effettuate sulle acque a valle del sistema di depurazione descritto hanno sempre evidenziato l efficienza dell impianto: le concentrazioni di inquinanti riscontrate si sono sempre mantenute abbondantemente al di sotto dei limiti imposti dalla vigente normativa (Tab. 3, Allegato 5 alla Parte Terza del D.Lgs. 152/2006). Si allegano alla presente relazione le analisi effettuate nel mese di dicembre 2008 su campione prelevato dalla vasca di prima pioggia a monte dell impianto di trattamento e su campione prelevato a valle del filtro e prima dell immissione nel laghetto di accumulo. 2.8 Considerazioni tecniche che hanno portato all individuazione del recapito prescelto e dei sistemi di trattamento adottati. Pagina 9 di 11

20 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE La scelta di convogliare le acque meteoriche ai laghetti di accumulo precedentemente descritti è motivata da considerazioni di tipo tecnico e di riduzione degli impatti ambientali. Il sito infatti non è servito dalla pubblica fognatura, e non vi sono nelle vicinanze corpi idrici superficiali idonei a raccogliere le acque meteoriche provenienti dal sito. L accumulo di tali acque consente inoltre di recuperare la risorsa a scopi irrigui (le aree verdi di pertinenza del sito coprono una superficie di circa mq ha) ed antincendio, preservando così l utilizzo di acque di falda. 2.9 Caratteristiche dei punti di controllo e di immissione nel recapito prescelto. Il campionamento delle acque trattate, prima del convogliamento ai laghetti di accumulo, è realizzato tramite il pozzetto di campionamento e scarico a valle del filtro a sabbia. Tutti i pozzetti di ispezione, dislocati lungo l intera rete di raccolta, sono evidenziati in planimetria D17. Pagina 10 di 11

21 Revisione 02 Regolamento Regionale 20 febbraio 2006 n 1/R, s.m.i. Data 29/12/2008 PIANO DI PREVENZIONE E GESTIONE ACQUE METEORICHE 3. Disciplinare delle operazioni di prevenzione gestione 3.1 Frequenza e modalità di pulizia e di lavaggio delle superfici esterne La ditta prevede una pulizia periodica, settimanale o secondo necessità, delle aree di passaggio e dei piazzali esterni. La pulizia è effettuata tramite motoscope e non prevede utilizzo di acqua. 3.2 Procedure adottate per la prevenzione dell inquinamento delle acque meteoriche Al fine di prevenire l inquinamento delle acque di prima pioggia, le aree di transito e movimentazione mezzi sono sottoposte a pulizia tramite motoscope al fine di rimuovere polveri e altre sostanze inquinanti senza aumentare il carico inviato al sistema di depurazione acque. Gli stoccaggi di rifiuti non coperti riguardano rifiuti non pericolosi da avviare a recupero e contengono quantità limitate degli stessi, mentre le altre aree di deposito e stoccaggio (apparecchiature elettroniche, apparecchiature contenenti CFC ) si trovano in aree coperte. nel sito non sono presenti altri stoccaggi o accumuli si sostanze pericolose che potrebbero causare inquinamento delle acque meteoriche. 3.3 Procedure di intervento e di eventuale trattamento in caso di sversamenti accidentali La ditta si è dotata di un Sistema di Gestione Ambientale in vista di richiedere la certificazione secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004, ed ha predisposto idonee procedure e istruzioni operative per gli eventuali versamenti accidentali, che prevedono che la pulizia delle superfici interessate sia tempestivamente eseguita con idonei materiali inerti assorbenti in relazione alla tipologia di materiali sversati. È previsto lo stoccaggio di tali materiali nel prefabbricato uffici; i materiali residui derivati dalle eventuali operazioni di pulizia di sversamenti accidentali saranno smaltiti in conformità alla vigente normativa. Si allegano le procedure e le istruzioni operative per ogni area definita a rischio. 3.4 Modalità di formazione ed informazione del personale addetto. Il Sistema di Gestione Ambientale prevede la formalizzazione di un piano formativo su base almeno annuale, in cui vengono affrontate anche le tematiche di sicurezza e ambiente. La formazione è rivolta al personale interno ed è opportunamente registrata. Il personale addetto alle operazioni di carico e scarico, nonché gli addetti alla movimentazione dei rifiuti e i responsabili della manutenzione, è addestrato sulle procedure operative da attivare per la prevenzione dell inquinamento delle acque meteoriche ed è consapevole dei potenziali rischi per l ambiente derivanti da una non corretta applicazione delle stesse. Pagina 11 di 11

22

23

24 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / ALLEGATO 2 Campagna completa Acque superficiali vasca 1 laghetto sud II trimestre /05/

25 ACQUE SUPERFICIALI Composizione campagna completa II TRIMESTRE Indagine effettuata 08/05/2013 Parametro UM VASCA 1 laghetto sud ph Unità ph 7.8 Temperatura C 19.6 Conducibilità a 20 C μs/cm 282 Ossidabilità (Kubel) O2 mg/l 3.2 Richiesta biochimica di ossigeno (BOD 5 O 2 ) mg/l 5 Carbonio organico totale (TOC) mg/l 4.9 Cloruri mg/l 12 Solfati mg/l 21 Fluoruri mg/l <0,20 Calcio mg/l 31 Sodio mg/l 12 Potassio mg/l 5.0 Arsenico mg/l <0,010 Rame mg/l <0,010 Ferro mg/l Cadmio mg/l <0,010 Cromo totale mg/l <0,010 Cromo VI mg/l <0,010 Boro mg/l Manganese mg/l <0,010 Magnesio mg/l 7.4 Mercurio mg/l <0, Nichel mg/l <0,010 Zinco mg/l <0,010 Piombo mg/l <0,010 Alluminio mg/l Azoto ammoniacale mg/l <0,050 Azoto nitrico mg/l 1.4 Azoto nitroso mg/l 0.16 Cianuri mg/l <0,20 Vanadio mg/l <0,0050 Idrocarburi policiclici aromatici IPA (sommatoria) mg/l Benzo(a)antracene mg/l <0, Benzo(a)pirene mg/l <0, Benzo(b)fluorantene (1) mg/l <0, Benzo(k)fluorantene (1) mg/l <0, Benzo(g,h,i)perilene (1) mg/l <0, Crisene mg/l <0, Dibenzo(a,h)antracene mg/l <0, Indeno(1,2,3-c,d)pirene (1) mg/l <0, Pirene mg/l <0, Pesticidi fosforati e totali Alaclor mg/l <0,0010 Aldrin mg/l <0,0010

26 Atrazina mg/l <0,0010 Alfa esacloroesano mg/l <0,0010 Beta esacloroesano mg/l <0,0010 Gamma esacloroesano (lindano) mg/l <0,0010 Chlordane (somma isomeri) mg/l <0,0020 Dileldrin mg/l <0,0010 Endrin mg/l <0,0010 Chlorpyrifos mg/l <0,0010 Chlorpyrifos metile mg/l <0,0010 Diazinon mg/l <0,0010 Sommatoria DDD, DDT, DDE mg/l <0,0010 Sommatoria fitofarmaci (152/06) mg/l <0,0020 Fenoli differenziati 2-clorofenolo mg/l <0, ,4-diclorofenolo mg/l <0, ,4,6-triclorofenolo mg/l <0,00020 Pentaclorofenolo mg/l <0,00020 Solventi organici aromatici Solventi organici aromatici mg/l <0,10 Benzene mg/l <0,10 Etilbenzene mg/l <0,10 Toluene mg/l <0,10 Stirene mg/l <0,10 Xilene (somma isomeri) mg/l <0,10 1,2,4-trimetilbenzene mg/l <0,10 Solventi organici azotati Nitrobenzene mg/l <0,10 Metacrilonitrile mg/l <0,10 Acetonitrile mg/l <0,10 Acrilonitrile mg/l <0,10 Dietilammina mg/l 0.01 Propilammina mg/l 0.01 Piridina mg/l <0,10 Composti organo alogenati e solventi organici clorurati Solventi organici clorurati mg/l <0,10 Tricloroetilene mg/l <0,10 Tetracloroetilene mg/l <0,10 1,2-dicloroetano mg/l <0,10 Triclorometano mg/l <0,10 1,1-dicloroetilene mg/l <0,10 1,2-dicloropropano mg/l <0,10 1,1,2-tricloroetano mg/l <0,10 1,2,3-tricloropropano mg/l <0,10 1,1-dicloroetano mg/l <0,10 1,2-dibromoetano mg/l <0,10 Dibromoclorometano mg/l <0,10 Bromodiclorometano mg/l <0,10 1,1,2,2-tetracloroetano mg/l <0,10 Clorometano mg/l <0,10 Esaclorobutadiene mg/l <0,10 Tribromometano mg/l <0,10

27 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) / ALLEGATO 3 Tavola 19 Rete di raccolta delle acque meteoriche 11

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI Le indicazioni sotto riportate sono da riferirsi a

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA Esente dall imposta di bollo ai sensi dell art. 16 Tab. all. B D.P.R. 30. 12. 1982, n. 955 PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

Impianto di depurazione

Impianto di depurazione SCAVI RABBI DI RABBI GIORGIO & C. S.a.s. Località Buse, Valeggio sul Mincio (VR) Integrazioni a seguito richiesta Commissione VIA, verbale n 390 del 24/10/2014 Discarica rifiuti inerti e area terre rocce

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009 Oggetto: Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art. 31 della L.R. n. 1 del 18.1.1999 e s.m.i. e della Delib. G.R. n. 5/ 11 del 15.2.2005 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO PREMESSA Nell Allegato II al D.M.31.01.05 Linee-guida recanti i criteri per l'individuazione e l'utilizzazione delle Migliori tecniche disponibili (ex art.

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELLA SUSSISTENZA DI NON AGGRAVIO DEL RISCHIO ai sensi dell art. 4 comma 7 del D.M. 7 agosto 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELLA SUSSISTENZA DI NON AGGRAVIO DEL RISCHIO ai sensi dell art. 4 comma 7 del D.M. 7 agosto 2012 Studio associato i.ge.s. Via Bologna 4/A 12084 Mondovì (CN) Tel. /Fax (0174) 42.863/42.582 - E-Mail staff@studioiges.it RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELLA SUSSISTENZA DI NON AGGRAVIO DEL RISCHIO ai sensi

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ 0RG,1),;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ (DA ALLEGARE ALL ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NON IN FOGNATURA, AI SENSI DEL D.L.VO N. 152/1999 E S.M.I. E L.R. N. 27/86.)

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Marca da bollo 16,00 C H I E D E

Marca da bollo 16,00 C H I E D E CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI ( Artt. 36 e 37 del Regolamento di Fognatura

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LINEE GUIDA 5.1 Definizioni Acque di prima pioggia Sono identificate nei primi 5 mm

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura

OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura Marca da bollo 16,00 Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di San Donato Milanese da presentare in triplice copia OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2014 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Febbraio 2015 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI IN PUBBLICA FOGNATURA

ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI IN PUBBLICA FOGNATURA ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo 14,62 Spazio riservato al Protocollo Il/La sottoscritto/a C.F. nato/a a il residente a via n. tel.

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA DIREZIONE CRITERI DI APPLICAZIONE DGR 286/05 E 1860/06 ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

LINEE GUIDA DELLA DIREZIONE CRITERI DI APPLICAZIONE DGR 286/05 E 1860/06 ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO Pag. 1 di 31 CRITERI DI APPLICAZIONE DGR 286/05 E 1860/06 ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA' 5. LINEA GUIDA 5.1 Definizioni 5.2

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI Pg. 1 di 5 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE DEL RIFIUTO Denominazione e Ragione sociale della ditta: I P.IVA.: CODICE FISCALE: CODICE ISTAT/ATECO: Ubicazione ed indirizzo dell insediamento produttivo: CARATTERISTICHE

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO)

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROVINCIA DI ROVIGO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI ADRIA PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROGETTO DEFINITIVO R03

Dettagli

Report periodico non tecnico

Report periodico non tecnico Impianto di trattamento per rifiuti non pericolosi di Legnago Report periodico non tecnico Aggiornamento I semestre 2012 1 Impianto di trattamento per rifiuti non pericolosi di Legnago Committente Ubicazione

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS La protezione dell ambiente, la necessità di gestire al meglio i fanghi derivanti da scavi

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

SCARICO ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

SCARICO ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE- PROCEDURA DI SCREENING MODIFICA IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO A VITTORIO VENETO IN VIA PIEMONTE N 5 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA ELABORATO 2.2 SCARICO

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Bacino Lecce Due Il Progetto Lecce 2 inteso come progettazione,

Dettagli

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ 0RG,),;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ (DA ALLEGARE ALL ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA FOGNATURA COMUNALE, AI SENSI DEL D.L.VO N. 152/1999 E S.M.I. E L.R.

Dettagli

ATERSIR Sub Ambito Piacenza Piano d Ambito del Servizio Idrico Integrato PARTE A: Riferimenti normativi per gli impianti di trattamento acque reflue

ATERSIR Sub Ambito Piacenza Piano d Ambito del Servizio Idrico Integrato PARTE A: Riferimenti normativi per gli impianti di trattamento acque reflue ALLEGATO A.7: RIFERIMENTI NORMATIVI PER GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE A.7-I D.LGS. N.152/2006 E S.M.I. SCARICHI IN CORPI D'ACQUA SUPERFICIALI DI ACQUE REFLUE URBANE Gli scarichi provenienti

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Provincia di Lecce La progettazione, realizzazione e

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

DISCARICA DI SCURELLE - DATI

DISCARICA DI SCURELLE - DATI La discarica di Scurelle DISCARICA PER RIFIUTI URBANI NON PERICOLOSI DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO LOC. SOLIZZAN SCURELLE Autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti in discarica Anno N autorizzazioni

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Dott. Ing. Vito Leonardo V. Casulli 1

Dott. Ing. Vito Leonardo V. Casulli 1 VII Giornata di Studio sui temi del Drenaggio Urbano Sostenibile Bari, 10 dicembre 2009 IMPIANTO DI STOCCAGGIO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA E DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE SUCCESSIVE A SERVIZIO

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO Copyright SCAR Labs s.r.l. Tutti i diritti riservati. Viale delle Industrie. Zona ASI, 81020 S. Marco Evangelista (CE) Tel. +39 0823

Dettagli

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Il sottoscritto nato a il titolare o legale rappresentante dell Azienda sita nel Comune di in via CHIEDE il rinnovo dell autorizzazione

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale:

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale: Y 32 [BUR2006023] [5.1.3] Regolamento regionale 24 marzo 2006 - n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell articolo 52, comma 1,

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE)

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE) SETTORE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE www.labassaromagna.it Bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN RETE FOGNARIA PUBBLICA nel Comune di (D.Lgs. 152/2006

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO (marca da bollo legale) (spazio riservato al protocollo) Al Sig. Sindaco del Comune di Crespellano 40056 CRESPELLANO Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali ed industriali

Dettagli

Questa tipologia di impianto garantisce una potenzialità oraria media annua di rifiuto trattato di circa 10 ton/ora.

Questa tipologia di impianto garantisce una potenzialità oraria media annua di rifiuto trattato di circa 10 ton/ora. DECCA IMPIANTI Srl 25064 GUSSAGO (BS) - ITALIA Sede e magazzino: Via Martino Franchi, 3 tel. +39.030.320047-030.322041 Fax +39.030.2410833 WEB: www.decca.it - e-mail: info@decca.it Capitale Sociale 50.000

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in via n tel. fax C.F. in qualità di titolare legale rappresentante proprietario dell insediamento

Il sottoscritto nato a il residente a in via n tel. fax C.F. in qualità di titolare legale rappresentante proprietario dell insediamento Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI, ACQUE DI PRIMA PIOGGIA E DI LAVAGGIO DA AREE ESTERNE, ACQUE REFLUE DI DILAVAMENTO (D. Lgs. 152/06,

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE SETTORE TUTELA RISORSE NATURALI Dr Ing. Sara Mazza 26/11/2007 Servizio Risorse Idriche 1 Scopo della relazione Illustrare le procedure

Dettagli

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE)

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE) Settore Programmazione Territoriale Ufficio Ambiti PRODUTTIVI, VIA; ENERGIA Largo della Repubblica, 15-48022 Lugo Tel. 0545 38408 Ð Fax 0545 38521 Bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA PROCEDURA DI VERIFICA (SCREENING) PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO PER LA MESSA IN RISERVA E IL TRATTAMENTO DI RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO IN RIMINI VIA TURCHETTA COMMITTENTE:

Dettagli

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Pag. 1 di 8 ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Premessa: La città di ERBA, dal punto di vista idrico, è suddivisa in 4 zone: - zona 1 frazione di Carpesino, Arcellasco, Crevenna, Buccinigo:

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005

PROVINCIA DI BIELLA. Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005 PROVINCIA DI BIELLA Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO Codice: DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005 Oggetto: Determinazione Dirigenziale n. 2357 del

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

METODI ANALISI TERRENO

METODI ANALISI TERRENO Data aggiornamento 0/0/202 Accreditato ACCREDIA Residui residuo a 600 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 residuo secco a 05 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 umidità DM 3/09/999

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV)

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PN) SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) IMPIANTO DI STOCCAGGIO, CERNITA, TRATTAMENTO

Dettagli