LUNEDI 13 DICEMBRE 2010 ALLE ORE 21,00

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUNEDI 13 DICEMBRE 2010 ALLE ORE 21,00"

Transcript

1 Data Protocollo del 06 dicembre 2010 Numero Protocollo Titolo II Classe 03 COMUNE DELLA SPEZIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE La Spezia, 06 dicembre 2010 Ai Sigg. Consiglieri Comunali LORO SEDE OGGETTO: Convocazione del Consiglio Comunale. Il Consiglio Comunale è convocato presso la sala delle adunanze del Civico Palazzo nel giorno: LUNEDI 13 DICEMBRE 2010 ALLE ORE 21,00 Per la trattazione dei seguenti argomenti: - Interpellanza di vecchia iscrizione (da pag. 02 a pag. 09) - Interpellanza di nuova iscrizione (da pag. 10 a pag. 30) - Deliberazioni ( a pag. 31) Il Presidente del Consiglio Comunale Loriano ISOLABELLA 1

2 INTERPELLANZE DI VECCHIA ISCRIZIONE 482/ Interpellanza del Consigliere Comunale Luigi DE LUCA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Fondazione denominata Oltre l'orizzonte Vista la mia interpellanza del 21 aprile del 2006 in cui chiedevo se rispondeva al vero che dopo due anni dall approvazione della delibera del Consiglio Comunale e dopo quattro anni dall aver avviato la fase di costituzione decisa nel corso della Conferenza territoriale sull handicap e la salute mentale del febbraio 2002, la Fondazione Dopo di Noi inspiegabilmente non fosse ancora operativa; Vista la mia interpellanza del 23 ottobre 2008 in cui chiedevo se rispondeva al vero che dopo quattro anni dall approvazione della delibera del Consiglio Comunale e dopo sei anni dall aver avviato la fase di costituzione decisa nel corso della Conferenza territoriale sull handicap e la salute mentale del febbraio 2002, la Fondazione attualmente denominata Oltre l'orizzonte inspiegabilmente non fosse ancora operativa in quanto la Regione Liguria non aveva provveduto alla nomina del proprio rappresentante e pertanto chiedevo un intervento sulla Regione per sbloccare la situazione; Viste le notizie apparse in questi giorni sulla stampa locale in cui si evidenzia che la Fondazione è nata tre anni orsono con regolare atto notarile, ma la gestazione è ancora lenta perché, sembra stranissimo, ma malgrado le forze che compongono questo organismo, ricordiamo tra le quali : la Fondazione della Cassa di Risparmio della Spezia, il Comune, la Provincia, l Asl 5, Regione Liguria, non siano riusciti fra tutti a trovare una sede operativa per la Fondazione; Considerato che tali finalità sono perseguibili attraverso la promozione e la gestione dei servizi sostitutivi della famiglia quali, in particolare: case famiglia, comunità alloggio, soluzioni residenziali assistite, nonché l organizzazione di soggiorni-vacanze e simili. Vista la forte apprensione e sofferenza delle famiglie che hanno aspettato anni prima di poter avere una risposta concreta alle esigenze sopra menzionate, e a tutt oggi si trovano in angosciosa attesa che tali risposte palesate dalla Fondazione posano diventare realmente operative; Viste le lungaggini burocratiche che fanno temere ulteriormente a diverse famiglie coinvolte in questo progetto di non poterlo vedere realizzato prima di morire; Si interpella questa Amministrazione Per sapere, visto che sono almeno sei anni che in consiglio comunale è stata annunciata la creazione di questa Fondazione, se l Amministrazione comunale della Spezia di concerto con l Amministrazione Provinciale e gli altri attori di questa Fondazione non trovino tassativamente una sede operativa entro il 31/12/10. La Spezia, 18 ottobre 2010 Risponde l Assessore Omero BELLONI F.TO Luigi DE LUCA 2

3 483/2010 Interpellanza del Consigliere: Luca Daniele LIGUORI Gruppo Consiliare Partito Democratico. OGGETTO: : Asfaltatura urgente Via del Forno. Il sottoscritto Consigliere Comunale Luca LIGUORI fa istanza della seguente interpellanza: sentite le sollecitazioni della cittadinanza residente, Viste le gravi condizioni in cui versa il manto stradale della via in oggetto Viste le condizioni di disagio che ormai da troppo tempo insistono su chi transita lungo la suddetta via Viste le modifiche della viabilità che interesseranno nel prossimo futuro questa parte di territorio, Chiede, all'amministrazione del Comune Della Spezia, una valutazione in merito alla possibilità d intervento urgente per il ripristino dell'intero tratto stradale di Via del Forno. F.TO Luca Daniele LIGUORI La Spezia, 21 ottobre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 3

4 484/2010 Interpellanza del Consigliere: Luca Daniele LIGUORI Gruppo Consiliare Partito Democratico. OGGETTO: Intervento di messa in sicurezza cortile interno Scuola Secondaria di primo grado "U. MAZZINI". Premesso che il Comune Della Spezia persegue nelle linee strategiche dell'attività amministrativa, la messa in sicurezza degli edifici scolastici di propria competenza giuridica e territoriale, che attraverso tali interventi garantisce la piena fruizione degli istituti scolastici da parte di studenti, e personale scolastico, che la finalità di tutela del diritto allo studio è imprescindibile dalla qualità strutturale degli edifici scolastici, Considerata la condizione di estrema precarietà del cortile posto all'interno dell'edificio che ospita la scuola secondaria di primo grado U. MAZZINI, Tenuto conto che l'uso del cortile risulta attualmente interdetto agli alunni di tale Istituto e che, diversamente potrebbe essere utilizzato per le attività motorie e ricreative, che tale sofferenza ricade pesantemente sulle classi frequentanti la scuola in oggetto, che per svolgere l'attività di educazione fisica, si vedono obbligate ad uscire dall'edificio, esponendosi al rischio dell'attraversamento stradale INTERPELLA IL SINDACO E LA GIUNTA affinchè sia verificata l'assoluta priorità di intervenire sull'edificio SCOLASTICO, prevedendo adeguata copertura finanziaria e relativa tempistica per la messa in completa sicurezza dell'area in oggetto F.TO Luca Daniele LIGUORI La Spezia, 21 ottobre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 4

5 485/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Situazione Cantieri Baglietto. Vista la situazione dei Cantieri Baglietto e le forti preoccupazioni espresse dai Sindacati dopo il recente incontro avvenuto tra l azionista di riferimento e le parti sociali; Considerati i forti dubbi sorti in ordine sia all identità della nuova proprietà, sia alle garanzie mancate sugli investimenti; Preso atto che forti preoccupazioni sono state sollevate in merito alla ripresa delle attività, vista non solo la mancata presentazione del piano industriale ma pure la perdita di tre commesse particolarmente importanti; Si interpella il Sindaco e la Giunta per sapere se è intenzione di codesta amministrazione intervenire e, in caso affermativo, quali azioni si pensa di intraprendere. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 27 ottobre 2010 Risponde l Assessore Alessandro POLLIO 5

6 486/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali Maria Grazia FRIJIA e Giacomo PESERICO Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Barriere architettoniche accesso Stazione ferroviaria della Spezia. Considerato che l accesso alle persone disabili alla stazione ferroviaria della Spezia dal 01/12/2007, data di apertura del cantiere per la costruzione di un parcheggio in struttura in Piazza Medaglie D Oro, è molto difficoltoso; Considerato che l accesso all area della stazione è chiuso da una sbarra che deve essere attivata attraverso un telecomando; Visto purtroppo il protrarsi di questa situazione che rende difficoltosa l accessibilità alle persone disabili specialmente ai turisti che venendo da fuori non sono a conoscenza di questo grave ostacolo; Considerato il pesante disagio che tutto ciò comporta Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere di intervenire tempestivamente al fine di rendere la stazione centrale della Spezia agevolmente accessibile ai disabili. F.TO Maria Grazia FRIJIA Giacomo PESERICO La Spezia, 28 ottobre 2010 Risponde l Assessore Fabrizio FORMA 6

7 487/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Campetto Dialma Ruggero. Appreso da numerose segnalazioni dal quartiere che il campetto antistante la Scuola Dialma Ruggero, quotidianamente frequentato da minori, evidenzierebbe problemi di sicurezza dovuti alla presenza di numerosi tossicodipendenti; Considerato che gli episodi illeciti si verificano anche nelle ore diurne, con il sistematico abbandono di pericolosissime siringhe ed altro materiale potenzialmente infetto; Visto anche il perdurare di questa situazione nonostante i cittadini del quartiere dichiarano di avere più e più volte segnalato l'inaccettabile stato di degrado del luogo segnalato; Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere se codesta amministrazione è conoscenza del problema e se e come intenda intervenire nei tempi brevi. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 04 novembre 2010 Risponde l Assessore Corrado MORI 7

8 488/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Perdite gradinata Stadio Alberto Picco della Spezia. Appreso che da numerose segnalazioni risulterebbe che, al presentarsi di fenomeni di maltempo in città, nel settore distinti lato postazione Forze dell'ordine ed al centro della gradinata dello Stadio Alberto Picco, si sono presentate perdite consistenti di acque piovane sugli spalti ; Considerato che nella parte centrale della gradinata queste perdite creano disagi non solo ai numerosissimi spettatori ma anche agli operatori televisivi, anche esterni alla città (emittenti anche nazionali), presenti per lo svolgimento del proprio lavoro; Visto anche il pesante disagio patito dagli spettatori delle ultime file, perchè la copertura non garantisce il riparo adeguato; Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere se codesta amministrazione sia a conoscenza del problema e se intenda intervenire tempestivamente. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 04 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 8

9 489/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Allagamento Via Proffiano straripamento canale di Rebocco. Considerato che l'ormai puntuale abbattimento sulla Spezia di violenti nubifragi ha creato negli ultimi anni ingenti danni a causa soprattutto della cattiva manutenzione della città; Visto che nell'area del quartiere di Rebocco, e precisamente nella zona di Via Proffiano, si è verificato l'allagamento delle palazzine dietro l'edificio della Chiesa a causa dello straripamento del canale attiguo; Visto anche le proteste reiterate degli abitanti della zona, che lamentano il mancato intervento di pulizia e bonifica periodica del citato canale; Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere a codesta amministrazione se è conoscenza del problema e se e come intenda intervenire. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 04 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 9

10 INTERPELLANZE DI NUOVA ISCRIZIONE 490/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Degrado Piazza Caduti della Libertà. Considerata la situazione di forte degrado in cui verte Piazza Caduti della Libertà, sia sotto il profilo della manutenzione che della sicurezza; Visto che da numerose segnalazioni di cittadini abitanti nella zona emerge un problema di sicurezza sia di giorno che di notte; Considerato che di giorno la zona è molto frequentata perchè davanti all'ospedale, dove c'è un gran passaggio di gente, e soprattutto di bambini ; Appurato che anche i portici che danno sulla piazza fanno schifo sono in una situazione di degrado con i marciapiedi pieni di buche e fangosi; Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere se codesta amministrazione è a conoscenza di tale situazione di degrado, se intenda intervenire, come e con che tempistica. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 08 novembre 2010 Rispondono gli Assessori: Maurizio GRAZIANO Corrado MORI 10

11 491/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Situazione di emergenza comunità educativa per bambini e ragazzi "L'isola che non c'è" Considerato che a seguito delle forti piogge anche la comunità educativa per bambini e ragazzi "L'isola che non c'è" di La Spezia è stata allagata; Appreso che un muro d'acqua ha scardinato la porta inondando tutto ed i ragazzi sono stati evacuati ed ora non hanno nemmeno più quella casa. Vista la richiesta di aiuto della comunità che ha chiesto la collaborazione di tutti per ripulire, risistemare, riparare i danni e ricomprare gli arredi. Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere se codesta amministrazione è a conoscenza di tale situazione e se intenda intervenire, come e con che tempistica. F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 08 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 11

12 492/ Interpellanza del Consigliere Comunale Maria Grazia FRIJIA Gruppo Consiliare Il Popolo della Libertà. OGGETTO: Frana zona Felettino Dissesto idrogeologico Via del Forno. Considerato che a seguito dei violenti nubifragi abbattutesi sulla Città della Spezia in Via del Forno si è verificata una frana del monte sovrastante il nosocomio del Felettino; Visto che pattuglie della squadra volante della Polizia di Stato insieme con il personale dei Vigili del Fuoco sono state impegnate per prestare soccorso nella zona del Felettino considerato che lo smottamento ha messo in pericolo almeno sette famiglie residenti nell area che si sono trovate così isolate; Preso atto che è quindi emerso un grave problema di dissesto idrogeologico della zona; Visto anche che l episodio assume aspetti di ben più grave preoccupazione se si considera che l area è relativa a quella dell Ospedale Felettino e dove domani dovrebbe sorgere il grande, unico ospedale spezzino DEA di II livello; Interpella il Sindaco e la Giunta per chiedere se codesta amministrazione ha già provveduto e/o intenda provvedere alla messa in sicurezza dell area attraverso un piano di interventi di prevenzione. In caso affermativo si vuole anche conoscere il tipo di interventi e le tempistiche che l amministrazione intende mettere in atto per la salvaguardia del territorio sovrastante l Ospedale Felettino e per assicurare l incolumità dei cittadini abitanti della zona F.TO Maria Grazia FRIJIA La Spezia, 08 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 12

13 493/2010 Interpellanza del Consigliere Comunale: Gian Carlo Di Vizia Gruppo Consiliare Lega Nord Liguria OGGETTO: D.P.R. 7 settembre 2010, n.168 Art.8. Ill.mo Sig.Sindaco Il sottoscritto consigliere comunale fa presente alla S.V. di conoscere quali provvedimenti intende assumere detta amministrazione a seguito della pubblicazione del D.P.R. 7 settembre 2010, n.168 per la parte che recita all art. 8 primo,secondo e terzo capoverso. Dalla lettura del testo è dubbio se salvo il principio di non retroattività della legge la norma si debba applicare anche nel caso che dette funzioni siano state svolte nei tre anni precedenti il conferimento dell incarico inerente la gestione dei servizi pubblici locali. A tale proposito se ne dovrà tener conto nell'immediato futuro come il prossimo rinnovo della presidenza Acam che dovrebbe scadere nel maggio 2011e l'attuale presidente non potrebbe essere rinnovato in tale data in quanto non avrebbe maturato i tre anni dalla cessazione dalla carica da assessore. anche perchè se non fosse nello spirito della nuova legge sarebbero incompatibili i presidenti della Holding ACAM-ATC e il presidente del ATC esercizio e un consigliere della società ATC Il presidente A.T.C. esercizio. Questa Interpellanza non è fatta per colpire alcuni amministratori, ma richiede una decisione in quanto nel futuro queste incompatibilità potrebbero rendere nullo ogni atto composto dagli organismi. Si allega alla presente il testo della normativa citata. (MANCA ALLEGATO) F.TO - Gian Carlo Di Vizia La Spezia, 08 novembre 2010 Rispondono l Assessore Davide NATALE Signor SINDACO 13

14 494/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Sanità. I sottoscritti consiglieri appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l Italia in considerazione di quanto emerge dal contenuto del documento di programmazione regionale ,dove risulta che il saldo negativo della mobilità passiva della spesa sanitaria regionale è di ben milioni di Euro per l anno Tenuto conto che la spesa sanitaria della mobilità attiva di Genova compensa la quasi totale mobilità passiva di Imperia e Savona,complessivamente di circa milioni di Euro,si deve rimarcare invece che la sola mobilità passiva dell A.S.L.5 è di Euro milioni che si avvicina di poco al complessivo ammontare regionale. Bisogna fare presente che i costi che l A.S.L. n.5 sostiene per la mobilità passiva, che riguarda in sostanza il soddisfacimento di bisogni sanitari di cittadini residenti, che non trovando risposte adeguate presso le strutture locali,si rivolgono al di fuori,trasferendo e sottraendo risorse che comunque gravano sul bilancio della sanità spezzina e che sarebbe più utile che fossero investite nelle nostre strutture per fornire quei servizi di cui risulta carente. Il residente è titolare,del diritto di farsi curare,disponendo della discrezionalità di scegliere,nell ambito pubblico o privato convenzionato,laddove si gli si offre maggiori garanzie per la tutela della propria salute e si trasferisce pertanto fuori sede in quanto molto spesso non trova localmente tali condizioni. Si deve annotare che dell intero importo almeno 35 Milioni di Euro sono versati dalla nostra regione alla economia della vicina Toscana e poco male sarebbe se il tutto fosse destinato al pubblico di questa regione ma bensì un buon 70% vengono devoluti a strutture sanitarie private. La rappresentazione di tali dati,che sottoponiamo all Amministrazione con particolare attenzione,non vogliono dimostrare la nostra contrarietà ad una integrazione tra sanità pubblica e privata ma intendono rilevare,che sarebbe comunque utile che tali risorse fossero impegnate nel nostro territorio. Si deve fare annotare che la mobilità passiva sul piano sanitario si ha per due ragioni essenziali: la prima deriva da un giudizio sulla qualità dei servizi sanitari disponibili che non godono della fiducia dell utente e pertanto lo stesso sceglie altrove. Questo per la verità è un comportamento non totalmente giustificato per la presenza di strutture ospedalieri eccellenti, anche per le recenti nomine di primari di elevata professionalità. La seconda si determina da una insufficiente offerta di servizi che determina lunghe liste di attesa nell ASL 5.Questa forse è la ragione principale delle fughe fuori regione. Diversamente quale interesse può avere l utente a trasferirsi lontano dalla propria abitazione,sostenendo maggiori spese e disagi anche per farsi assistere dai propri parenti o amici. Tale fenomeno,nonostante le diverse assicurazioni avute in più circostanze nel passato,non ha mai subito una inversione di tendenza nell ultimo decennio e se prendiamo come datti gli ultimi tre anni si osserva che nel 2007 era di milioni di euro nel 2008 di con un incremento annuo di circa il 5%. Un triennio ha quasi assorbito le risorse per la realizzazione di un nuovo ospedale. Bisogna osservare che il presidio ospedaliero dell A.S.L.5,risultando un Dea di secondo livello,con eccezioni di interventi di alta specializzazione,soprattutto nel settore neurochirurgico e cardiochirurgico,ha personale idoneo,ed in grado di fornire ogni tipologia di prestazione sanitaria per cui tante attività così dette di routine, effettuate da nostri residenti nella vicina Toscana, non trovano una loro giustificazione. Considerando poi la notevole rigidità della spesa sanitaria dove circa il 60% dei costi dell azienda riguardano le voci del personale, l A.S.L. n.5 per ridurre il proprio deficit strutturale e quindi anche 14

15 la parte riguardante la mobilità passiva, componente di costo significativa,deve essere in grado di produrre di più. Questo al fine offrire più servizi all utenza. Si deve quindi ricercare cosa è necessario per raggiungere questi obiettivi. A nostro avviso è necessario investire risorse,realizzare una migliore organizzazione del personale, concertare,attraverso la contrattazione sindacale decentrata,incentivi per il personale, finalizzati ad aumentarne la produttività e meglio qualificare le prestazioni,implementare gli organici nelle figure carenti e utilizzare la diagnostica a tempo pieno ammortizzando così al meglio la strumentazione e le tecnologie di ultima generazione. Il risultato è di ridimensionare le liste di attesa facendo divenire la sanità spezzina un polo di attrazione considerando anche le occasioni climatiche del nostro territorio. Ma queste considerazioni fanno parte di quei principi elementari validi e necessari per risanare qualsiasi complesso aziendale preso in esame. La politica dei soli tagli senza opportuni investimenti determina, come conseguenza, solo inquietudine e sfiducia nella sanità del territorio da parte dei nostri cittadini e non favorisce una riduzione dei costi anzi li fa aumentare come viene dimostrato facendo scappare dai nostri ospedali i residenti. L aspetto negativo del piano triennale sanitario sta anche nel non conoscere preventivamente gli effetti dei tagli operati a seguito delle razionalizzazioni ospedaliere intervenute,che a nostro avviso non fanno arrestare le fughe verso altre regioni per ottenere prestazioni sanitarie bensì rischiano di farle aumentare e ci danno quindi solo la certezza di una continua lievitazione delle risorse che vanno a rimpinguare altri territori. Non si comprende peraltro a quale logica economica sia ispirato un operare di risparmi sull immediato per registrare maggiori spese nel successivo futuro. Sulla scorta di tali considerazioni e per poter affrontare una discussione in questo consiglio comunale su elementi fondati si chiede all Amministrazione quanto segue: -di conoscere i dati sulla mobilità passiva perlomeno a settembre del 2010; -sulla base dei dati del 2009 conoscere per grandi valori il riparto della mobilità passiva tra le varie regioni con distinzione tra quanto viene devoluto alle strutture private ed alle strutture pubbliche; -sempre sulla base dei dati 2009 conoscere i valori della mobilità passiva tenendo distinte le varie discipline specialistiche; -conoscere i tempi di liste di attesa nelle discipline oggetto di mobilità passiva. Si invita inoltre il Sindaco a richiedere nella conferenza di ambito quali strumenti verranno messi in atto nel 2011 dall A.S.L.n5 per contenere tale fenomeno indicando degli obiettivi previsionali per far decollare una inversione di tendenza che voglia riportare l utilizzo di risorse sanitarie disponibili nel nostro territorio. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 11 novembre 2010 Risponde l Assessore Omero BELLONI 15

16 495/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO:Parcheggi - Pinetina. I sottoscritti consiglieri appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l Italia richiedono di conoscere da parte di S.V. gli intendimenti a riguardo della realizzazione dei parcheggi sotto la pineta dei giardini pubblici ei tempi che si prevedono per l inizio dei lavori essendo circolate notizie di una eventuale rinuncia dopo l avvenuta scelta di realizzare i parcheggi sotto Piazza Europa. L argomento assume una sua attualità in considerazione delle recenti dichiarazioni dell Assessore regionale alle infrastrutture sul sicuro finanziamento della Regione Liguria per la realizzazione dell interramento di Viale Italia. Verificandosi tale possibilità sarebbe sicuramente conveniente procedere alla realizzazione negli stessi tempi i parcheggi sotto i giardini, pur avendo delle riserve sui danni che sicuramente sarebbero prodotti alla vegetazione, rappresentano da una pineta di notevole valore ambientale. Si richiede pertanto alla S.V. quanto segue: di conoscere i tempi per la realizzazione dei parcheggi sotto i giardini pubblici di presentare al consiglio comunale una ipotesi di piano del traffico temporaneo al momento in cui risulteranno aperti i cantieri per i parcheggi sia di Piazza Europa e delle Pinetina. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 16 novembre 2010 Rispondono gli Assessori: Maurizio SAVONCELLI - Fabrizio FORMA 16

17 496/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Parcheggi sotto area situata tra Via XX Settembre e Via 27 Marzo sottostante il Castello San Giorgio. I sottoscritti consiglieri appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l'italia fanno presente alla S. V. lo stato di degrado esistente nell' are destinata a verde attrezzato situata tra Via XX Settembre e Via 27 Marzo, sottostante il Castello San Giorgio,sopra i parcheggi realizzati di recente. Tale situazione si protrae da alcuni anni infatti non appena ultimati i parcheggi,l' impresa costruttrice consegnava al Comune della Spezia detta area perche il Comune provvedesse ad utilizzarla come verde pubblico. Viene fatto presente che detta area contiene nel centro una struttura abbastanza pregevole,da utilizzare probabilmente per la somministrazione di cibi e bevande,che risulta particolarmente in sintonia con le antichità circostanti dalle mura del Castello San Giorgio.Le stesse realizzazioni interne: il camminamento, le panchine, la suddivisone del verde,in origine,erano state disposte con cura,disponibili ad essere utilizzate immediatamente. Viene fatto inoltre presente che la zona,dopo la realizzazione dell'ascensore,che collega Via XX Settembre a Via 27 Marzo,è particolarmente frequentata da turisti che si recano a visitare il Castello San Giorgio e si può ben comprendere non si intravede uno spettacolo edificante per l'immagine della città. Oggi il tutto si trova in uno stato di progressiva vandalizzzazione,in condizioni igienico -sanitario non poco pericolose per gli abitanti delle abitazioni circostanti per la possibilità della diffusione di infezioni,trasmesse dagli animali,soprattutto con l' arrivo del prossimo caldo estivo. L' area diviene un ricovero di topi,rettili,gatti ed una facile occasione di frequentazione,in particolar modo nel periodo notturno,da giovani che si vogliono appartare. Le siringhe ed altro ne sono una valida testimonianza.. Infine si vuole rappresentare alla S. V. che non risultando l'area messa in sicurezza,scarsamente illuminata e di facile accesso può rappresentare anche un pericolo per l' Amministrazione nell' assumersi responsabilità non dovute per la mancanza di vigilanza in caso di incidenti. Sono stati sollecitati più volte amministratori e dirigenti,anche nella precedente consigliatura dove,oltre alle assicurazioni date di trovare una soluzione tempestiva, venivano rappresentate difficoltà sui termini che era stata consegnata l'area dall'impresa che aveva realizzato i parcheggi e che non aveva provveduto alla recinzione prevista e pattuita. Si chiede pertanto alla S.V. di conoscere: -gli obblighi preesistenti nella consegna dell'area al Comune da parte dell'impresa che ha realizzato i parcheggi che,probabilmente risultavano a scomputo di oneri di urbanizzazione e se il tutto ad oggi' stato soddisfatto, di provvedere -a mettere in sicurezza l' area; -predisporre un bando gara per l'affidamento a privati,qualora l' Amministrazione ritenga di non poter disporre delle relative risorse per la gestione; -indicare i tempi per realizzare quanto richiesto, in quanto non sono più giustificabili ritardi dopo le persistenti assicurazioni avute in passato. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 16 novembre 2010 Risponde l Assessore Cristiano RUGGIA 17

18 497/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Parcheggi centro città / Festività Natalizie. I sottoscritti consiglieri comunali appartenenti al gruppo consigliare Alleanza per l'italia richiedono di conoscere da parte della S.V. le modalità di organizzare il traffico per accedere al centro della città soprattutto in occasione delle feste di Natale. Si deve rilevare che in quella circostanza molte attività commerciali sono penalizzate per l' eccessivo afflusso di utenti, provenienti dalla periferia con la macchina che non trovando nel centro storico la possibilità di sufficienti parcheggi,si avviano verso altre zone della provincia per fare i propri acquisti. A tale proposito,in considerazione dell' area disponibile presso il porticciolo Mirabello, sarebbe chiaramente utile favorire la sosta in tale sito realizzando nel contempo un collegamento con un bus navetta per poterlo collegare agevolmente con il centro della città. Si vuole porre ancora alla sua attenzione quanto di già in passato era stato proposto in occasione delle feste natalizie di rendere perlomeno zona adibita al parcheggio,nei giorni antecedenti le festività per il prossimo mese di dicembre, Piazza del Mercato esistendo tutto il tempo di provvederne alla pulizia nel giorno successivo in cui viene sospeso il mercato ortofrutticolo. Si ricorda che erano state fin da allora date le necessarie assicurazioni di recepire tale proposta invece si è sempre scelta la soluzione di parcheggi selvaggi esposti a sanzioni a seconda della bontà discrezionale di ogni singolo vigilante ispirato da indicazioni do tolleranza natalizia. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 16 novembre 2010 Risponde l Assessore Fabrizio FORMA 18

19 498/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Simona COSSU e Edmondo BUCCHIONI Gruppo Consiliare Sinistra Europea Rifondazione Partito Comunista. OGGETTO: Disagi quartiere Pianazze. Premesso che Recentemente la società Call & Call ha trasferito la sua attività di Call Center in via delle Pianazze, il trasferimento di suddetta attività ha comportato lo spostamento di centinaia di lavoratori che si recano al lavoro con la propria automobile, questo stà creando notevoli problemi nella zona a causa della mancanza di parcheggi. Considerato che La situazione sta creando notevoli disagi ai residenti della zona che a causa del parcheggio selvaggio si trovano spesso a non poter uscire o rientrare nelle proprie abitazioni, crea disagio al vicino asilo dove spesso i genitori non sanno dove lasciare l'auto per accompagnare i bambini nella struttura, crea disagio al vicino impianto sportivo, unica scuola calcio per bambini completamente gratuita, crea una situazione di grave rischio per la viabilità. Si interpella la Giunta per sapere 1 Quali iniziative intenda intraprendere affinchè la società Call & Call risolva il problema del parcheggio per i propri dipendenti; 2 se sono previste modifiche alla viabilità della zona; 3 come intende intervenire per razionalizzare un'area industriale priva di parcheggi ma anche con molte aree e capannoni in completo stato di abbandono da anni, 4 se intende nella fase transitoria proporre alla società Call & Call l'utilizzo di mezzi di trasporto collettivi al fine di evitare l'utilizzo delle automobili, 5 quali sono state le motivazioni per cui sono state date le autorizzazioni ad impiantare un attività con un così alto numero di lavoratori senza che fosse preso in considerazione il problema del parcheggio e della viabilità. F.TO - Simona COSSU Edmondo BUCCHIONI La Spezia, 17 novembre 2010 Rispondono gli Assessori: Fabrizio FORMA Maurizio SAVONCELLI 19

20 499/2010 Interpellanza del Consigliere Comunale: Giulio GUERRI Gruppo Consiliare Gruppo Misto. OGGETTO : Richiesta di abolizione del ticket a carico degli spezzini sui sentieri delle Cinque Terre. Il sottoscritto consigliere comunale Considerato che in data 16 marzo 2003 presentava all amministrazione comunale l interpellanza che di seguito si riporta integralmente : Il sottoscritto Consigliere Comunale, preso atto che, nel 2001, l Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre ha introdotto una serie di pedaggi per l accesso ai rinomati sentieri che collegano i paesi di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso (conosciuti come Via dell Amore e Sentiero Azzurro) ; detto che tale pedaggio attualmente ammonta alla somma di 3 euro a testa per ciascun sentiero ; sottolineato che dall obbligo di pagamento del pedaggio sono esenti i soli residenti dei comuni di Riomaggiore, Vernazza e Monterosso al Mare, mentre tutti gli altri cittadini della Provincia della Spezia ricevono il medesimo trattamento previsto per i turisti provenienti dal resto dell Italia e dall estero ; rilevato che il mancato esonero dei cittadini della Provincia spezzina dal pagamento del pedaggio in oggetto non è altro che una macroscopica ingiustizia, che offende la dignità della nostra gente, la quale è sempre vissuta con l orgoglio di poter annoverare fra le sue bellezze questo meraviglioso lembo di costa che un provvedimento vessatorio ed assurdo, negli ultimi anni, le ha invece sottratto ; aggiunto che l inaccettabilità di questo pedaggio è ancor più palese e clamorosa se si prende in considerazione la posizione dei residenti del Comune della Spezia, il cui territorio è, per una vasta porzione, parte integrante del comprensorio del Parco Nazionale, e costituisce, altresì, in riferimento al suo tessuto civico, lo storico bacino di gravitazione sia per le funzioni amministrative che ospita, sia per le attività economiche che vi hanno sede della vita sociale e lavorativa di tutta la popolazione delle Cinque Terre; evidenziato che il pedaggio in oggetto è meritevole del più severo rifiuto, in quanto, oltre ad essere un iniquo balzello, rappresenta un segnale che, da un lato, mortifica le radici del profondo legame di carattere antropologico che, per quanto sopra accennato, da sempre conserva in simbiosi la realtà delle Cinque Terre e la nostra città ; dall altro, risulta incompatibile ed apertamente in contrasto con la strategica consapevolezza che il territorio spezzino sarà in grado di procedere alla più ampia ed efficace valorizzazione delle proprie opportunità turistiche soltanto se saprà fare sistema, disponendo in una rete di integrazioni e reciproci supporti il complesso delle diverse aree di rilevanza culturale, paesistica, ambientale e logistica in cui si articola ; 20

21 tutto ciò premesso INTERPELLA IL SINDACO al fine di sapere 1) se condivide le osservazioni sin qui esposte ; 2) se ritiene anch Ella che sia giunto il momento di intervenire presso gli organi competenti, in primis l Ente Parco Nazionale, per porre fine a questa assurda penalizzazione che colpisce anche al di là del merito economico - gli spezzini, spingendoli a sentirsi stranieri in casa propria ; 3) quali provvedimenti intende attivare in coerenza con l obiettivo (enunciato al punto precedente) di restituire ai nostri concittadini la libertà di percorrere gratuitamente i sentieri delle Cinque Terre ; 4) quale sarà, eventualmente, la tempistica di tali provvedimenti. Ricordato che tale istanza incontrò largo consenso nell opinione pubblica trovando però invincibili resistenze nel ceto politico; Preso atto che da allora nessun provvedimento nella direzione richiesta è stato assunto, anzi il pedaggio in questione nel frattempo è salito dagli originari da 3 euro al prezzo attuale di 5 euro, e, a quanto pare, è in attesa di ulteriori rincari ; considerato che l avvicendamento in atto alla guida del Parco Nazionale delle Cinque Terre deve essere sfruttato come un occasione per ridiscutere il ruolo di competenza della comunità spezzina e delle sue istituzioni rispetto ed un fondamentale Ente Pubblico che la nostra città ha concorso a fare nascere ma da cui si è lasciata di fatto estromettere; tutto ciò premesso interpella il Sindaco per sapere 1) quale sia la Sua opinione in merito a quanto sopra ; 2) se non intende attivarsi presso il Commissario straordinario dell Ente Parco per chiedere ed ottenere l esenzione degli spezzini dal pagamento del ticket sui sentieri; 3) quali iniziative ritiene di dover assumere a tal proposito e con quale tempistica. F.TO - Giulio GUERRI La Spezia, 22 novembre 2010 Risponde l Assessore Laura RUOCCO 21

22 500/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Lavori pubblici Piazza Saint Bon. I sottoscritti consiglieri consiglieri comunali Loriano Isolabella, Paolo Gagliardelli, Paolo Martinelli, appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l'italia,richiedano alla S.V s. di conoscere gli interventi che sono stati predisposti per le prossime feste natalizie al fine di valorizzare le diverse zone oggetto di attenzione per il commercio ed in modo da non mortificare nessun centro di interesse della città. In alcune zone sono stati costituiti delle associazioni tra i commercianti,i più noti sono quelli del centro e quello di P.zza Saint Bon dove gli stessi operatori commerciali provvedono spesso con risorse prevalentemente proprie a dare una immagine di festa ai loro quartieri addobbandoli con illuminarie e con immagini natalizie. I consiglieri interpellanti naturalmente auspicano che il Comune conferisca come in passato a questi un proprio sostegno. Vi sono tuttavia altre zone della città,degne di interesse per le attività commerciali esistenti che hanno necessità di promozione come: Migliarina, il Canaletto, la Chiappa, Fossitermi. A tale proposito si vorrebbe conoscere in che modo e con quali strumenti intende intervenire l' Amministrazione per facilitare, incoraggiare ed effettuare interventi in modo da vestire col " Natale" anche una parte più larga della città. Ciò può divenire un forte motivo di rilancio per il nostro territorio soprattutto se si ha la fantasia di realizzare iniziative sempre in sintonia con la nostra identità dell' accoglienza e del turismo,considerando che le feste Natalizie costituiscono un forte richiamo per le località,come La Spezia e dintorni, che beneficiano di condizioni climatiche particolarmente favorevoli. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 24 novembre 2010 Risponde l Assessore Salvatore AVENA 22

23 501/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Lavori pubblici - Viale Amendola. I consiglieri comunali Loriano Isolabella, Paolo Gagliardelli, Paolo Martinelli, appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l Italia,hanno prestato nei giorni scorsi interpellanza al Sindaco della Spezia Massimo Federici sollecitando i tempi per gli interventi di ripristino di Viale Amendola per quanto concerne il rifacimento del manto stradale, la sistemazione degli spazi destinati ai parcheggi ed in particolar modo quello destinato al transito dei pedoni. Da alcuni anni in occasione dell approvazione dei bilanci di previsione, il consiglio comunale approva, tra le opere pubbliche da realizzare nel corso dell esercizio, gli stanziamenti necessari per effettuare gli interventi richiesti. Viene fatto presente anche l esistenza di progetti particolareggiati che a suo tempo prevedevano la possibilità sia di sistemare in modo più decoroso i marciapiedi che di trovare una sistemazione più razionale dei posti macchina in modo da recuperare anche un maggior numero di parcheggi. E inutile evidenziare lo stato di degrado in cui da anni si trova questa parte della città,dove,tra l altro,sono sufficienti brevi cadute di pioggia per provocare con facilità l allagamento della rete viaria. Si segnala che la rete fognaria spesso viene ostruita dalle foglie secche che cadono dagli alberi e ciò è da imputare ad una insufficiente pulizia della manto stradale. Del resto anche la mancanza di appositi interventi di manutenzione ordinaria,che viene richiesto spesso dai cittadini,come il semplice taglio dei rami degli alberi tali da impedire a volte agli abitanti della zona di aprire persino le finestre,costituisce motivo di lamentela. A tale proposito i consiglieri di Alleanza per l Italia richiedono quanto segue: -conoscere se il finanziamento per l intervento richiesto risulta ancora disponibile da parte dell Amministrazione e se disponibile quando il mutuo è stato concesso ed a quali condizioni; -avere notizie sulla progettazione dei lavori e l eventuale affidamento dei lavori qualora fosse già espletato; -qualora si siano verificate tali condizioni conoscere quando potranno iniziare gli interventi su Viale Amendola diversamente cosa intende fare in proposito l Amministrazione; -ricercare le motivazioni per cui anche i semplici lavori di manutenzione ordinaria: tagli degli alberi e pulizia degli accessi alle reti fognarie,non viene eseguito puntualmente come si può verificare dai continui allagamenti dell arteria e quali controlli vengono effettuati sull appaltatore del servizio affinché vi sia un preciso rispetto dei termini contrattuali. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 24 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO 23

24 502/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Arredo Urbano. I consiglieri comunali Loriano Isolabella, Paolo Gagliardelli, Paolo Martinelli appartenenti al gruppo consigliare Alleanza per l Italia, richiamano l attenzione del Sindaco Federici la mancanza di interventi di manutenzione ordinaria nelle fioriere che vengono collocate in Via San Martino della Battaglia ovvero dietro a Piazza Beverini. Bisogna annotare che in origine queste,così appostate,rappresentavano sicuramente un elemento di decoro per l arredo urbano anche se la finalità era quella di impedire di utilizzare gli spazi disponibili per una sosta selvaggia di autovetture. Oggi sono divenute solo un ricettacolo di rifiuti e il contenitore di acqua putrida. I commercianti della zona più volte hanno fatto opportune segnalazioni sia all Acam che gestisce il servizio,che al vigile di quartiere per evidenziare tali condizioni di forte degrado. L acqua piovana inoltre,avendo difetti di circolazione nella fioriera,si sofferma in superficie divenendo un facile habitat di insetti e zanzare che così infestano anche la zona adiacente. Le difficoltà che emergono per eliminare detti inconvenienti sembrano essere costituiti dall impedimento a rimuovere la fioriera di dimensioni notevoli e alquanto pesante per ripristinare una più facile canalizzazione interna dell acqua piovana. A tale proposito i consiglieri interpellanti chiedono all Amministrazione un intervento immediato perché indubbiamente,quanto evidenziato, rappresenta un notevole fastidio per la zona anche per le condizioni igieniche provocate dalla fioriera, posizionata a non più di un metro da terra tale da consentire un facile accesso anche ai bambini divenendo per gli stessi motivo di pericolo. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 24 novembre 2010 Risponde l Assessore Cristiano RUGGIA 24

25 503/ Interpellanza del Consigliere Comunale: Angelo MAJOLI Gruppo consigliare Una Nave in Giardino - Lista SCHIFFINI OGGETTO: Stato pietoso dei marciapiedi e delle strade. Nel centro storico della Spezia, compreso fra Via Chiodo e Piazza S. Agostino, e non solo, recentemente arricchitosi di numerosi bar e trattorie con dehors, una sola cosa emerge nettamente: lo stato pietoso dei marciapiedi e delle strade insozzate, in maniera vergognosa da deiezioni "leggere e pesanti" di tutti i cani (numerosissimi) domiciliati in zona. Bel biglietto da visita per i turisti!! Pur essendo tali aree a meno di cento metri in linea d' aria dai giardini pubblici, i padroni di tali affettuosi animaletti, non trovano di meglio che far loro fare i bisogni fisiologici sui marciapiedi, contro le vetrine dei negozi, contro le serrande dei magazzini e portoni, agli angoli di strada, sulle carreggiate adibite a traffico pedonali, ecc. ecc. a tutte le ore, ma in special modo alle (prima di fare la nanna) e durante gli orari compresi fra le ore e le ore E' pur vero che le persone corrette sono fornite di palette, ma non certo di stracci, spugnette e secchielli, pertanto è intuitivo immaginare gli effluvi che vagheggiano nella zona, sospesi a mezz'aria, in special modo durante la stagione estiva. Uniamoci anche il fatto che i mezzi di pulizia della cooperativa delegata all 'uopo dall'acam si limitano, per lo più, in tali vicoli, a spostare la polvere dal centro carreggiata al lati, anche perché, a onor del vero, trovano spesso la zona di intervento, lungo le facciate dei palazzi, ostruita da biciclette (anche abbandonate da anni) incatenate a condutture del gas, o qualsivoglia altro palo o tubo disponibile, dehors dei ristoranti ed è facile comprendere il valore dei risultati di tale opera di pulizia. Considerato che i padroni, con il loro comportamento degno di minus sapiens non possono non essere ritenuti direttamente responsabili del degrado ambientale causato dal comportamento dei loro graziosi compagni di vita, non sarebbe il caso che l' Amministrazione comunale proibisse con ordinanza ad hoc il passeggio dei bipedi accompagnati da animali in tutto il perimetro di cui trattasi, disponendo, a pena di pesanti sanzioni amministrative, la zona alternativa dei giardini pubblici, quale ambiente fisiologico più naturalmente predisposto a ricevere il prodotto interno lordo degli amici dell'uomo? E non dimentichiamoci che ormai in numerose città le Amministrazioni Comunali, in special modo nei centri storici, hanno addirittura installato portaceneri lungo le vie pedonali, per impedire che le vie non diventino cessi pubblici e dare l'esempio di civiltà e progresso. F. TO - Angelo MAJOLI La Spezia, 24 novembre 2010 Risponde l Assessore Corrado MORI 25

26 504/ Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici. OGGETTO: Lavori Pubblici Impianti Elettrici I sottoscritti consiglieri consiglieri comunali Loriano Isolabella, Paolo Gagliardelli, Paolo Martinelli, appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l Italia, richiedano alla S.v. notizie al riguardo del contratto in essere con la società Sole per quanto concerne il servizio di manutenzione degli impianti elettrici. Questo al fine di verificarne sempre la convenienza in considerazione che,a nostro avviso,tale servizio non si può di certo considerare della massima funzionalità ed efficienza. Si richiede pertanto di essere informati su quanto segue: - il costo complessivo del servizio nel 2009 e per primi sei mesi de120l0; - se la proprietà degli impianti risulta ancora del Comune o se in parte è stata trasferita; - la durata del contratto ultra annuale a suo tempo stipulato e la sua naturale scadenza; - quali sono le intenzioni dell Amministrazione per il futuro nel provvedere ad effettuare un tacito rinnovo,ad effettuare apposita gara pubblica o provvedere attraverso affidamento diretto ad una sua società partecipata. A tale proposito si deve fare osservare che va strettamente legata all' illuminazione pubblica la gestione degli impianti semaforici così come quella di una opportuna segnaletica che sappia indicare, come avviene in gran parte delle città,la disponibilità dei parcheggi nel centro cittadino. Risulta evidente che sono aspetti strettamente legati alla società della mobilità e traffico e pertanto sarebbe opportuno tenere conto di tutto questo per realizzare possibili convenienze economiche nella ricerca di un gestore comune di tutte le attività connesse alla distribuzione di energia. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 29 novembre 2010 Risponde l Assessore Maurizio GRAZIANO BR/rp 26

27 505/2010- Interpellanza dei Consiglieri Comunali: Loriano ISOLABELLA, Paolo GAGLIARDELLI e Paolo MARTINELLI Gruppo Consiliare Alleanza per l Italia Liberal Democratici OGGETTO: Lavori Pubblici Energia I sottoscritti consiglieri comunali Loriano Isolabella, Paolo Gagliardelli, Paolo Martinelli, appartenenti al gruppo consigliare di Alleanza per l Italia, richiedano alla S. Vs. quali interventi si intendono fare in città per incentivare nelle strutture pubbliche risparmi energetici attraverso lampade a basso consumo ed recuperi attraverso investimenti in fonti alternative. In considerazione delle necessità sempre più impellenti di effettuare economie nella gestione del settore pubblico,considerato tra l' altro il costo elevato delle spese per l'energia elettrica utilizzata per l illuminazione pubblica o per altre necessità, visto che nel passato si era di già provveduto ad effettuare investimenti per il riscaldamento della piscina;si riterrebbe opportuno che l amministrazione presentasse altri progetti di interventi in tal senso. Del resto esiste l A.T.C. s.p.a, di cui il Comune è proprietario della maggioranza del capitale sociale,che ha medesime necessità sul piano dei risparmi energetici,sopratutto per il trasporto con rete filoviaria, che dovrebbe essere incentivato per ridurre l'inquinamento nel tessuto viario urbano. L' azienda A. T.C. dispone anche capacità tecniche e la convenienza economica per intervenire nella produzione di energia in proprio con fonti alternative. Si richiede pertanto alla S. V.di conoscere le intenzioni dell Amministrazione nel seguire il percorso che viene sottoindicato: - avviare contatti con l At.c. s.p.a. per verificare la convenienza ad effettuare congiuntamente investimenti per la produzione di energia alternativa; - verificare in quali spazi delle strutture pubbliche potrebbero essere inseriti dei pannelli solari; - verificare in quali arre del territorio comunale ad esempio Monte Parodi potrebbero essere installa degli impianti eolici. F.TO - Loriano ISOLABELLA Paolo GAGLIARDELLI Paolo MARTINELLI La Spezia, 29 novembre 2010 Risponde l Assessore Laura RUOCCO BR/rp 27

Prosecuzione e discussione argomenti non esauditi nel C.C. del 15 aprile 2011

Prosecuzione e discussione argomenti non esauditi nel C.C. del 15 aprile 2011 Data Protocollo del 13 aprile 2011 Numero Protocollo 0034286 Titolo II Classe 03 COMUNE DELLA SPEZIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE La Spezia, 13 aprile 2011 Ai Sigg. Consiglieri Comunali LORO SEDE

Dettagli

LUNEDI 16 NOVEMBRE 2015 ALLE ORE 20.30

LUNEDI 16 NOVEMBRE 2015 ALLE ORE 20.30 Data Protocollo del 10 novembre 2015 Numero Protocollo 0104946 Titolo II Classe 03 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE La Spezia, 10 novembre 2015 Ai Sigg. Consiglieri Comunali LORO SEDE OGGETTO: Convocazione

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA Deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DELLA SPEZIA Deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DELLA SPEZIA Deliberazione del Consiglio Comunale ATTO N 32 del 15.11.2010 Oggetto: APPROVAZIONE RINEGOZIAZIONE MUTUI ASSUNTI CON CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI La seduta ha luogo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art.1 Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1.Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina degli interventi

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA Al Sindaco Stefano Reggianini Al Presidente del Consiglio Comunale Renzo Vincenzo Alla Giunta Comunale All Assessore competente Castelfranco Emilia, 08/05/2015 INTERPELLANZA Oggetto Disagio frazione di

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

COMUNE di ISOLA RIZZA

COMUNE di ISOLA RIZZA COMUNE di ISOLA RIZZA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VOLONTARIATO INDIVIDUALE Allegato alla delibera di C.C. n. 71 dell 1.12.2014 Articolo 1- FINALITA E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 1. Il Comune di Isola Rizza,

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 03 del 08 Febbraio 1 Premessa L istituzione di un gruppo di volontari nel

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

LUNEDI 26 LUGLIO 2010 ALLE ORE 21,00

LUNEDI 26 LUGLIO 2010 ALLE ORE 21,00 Data Protocollo del 20 luglio 2010 Numero Protocollo 0072601 Titolo II Classe 03 COMUNE DELLA SPEZIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE La Spezia, 20 luglio 2010 Ai Sigg. Consiglieri Comunali LORO SEDE

Dettagli

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Gestione Commissariale - D.P.G.R. N. 90 del 02.07.2013

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998)

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998) COMUNE DI NAPOLI Carta dei Parchi Urbani della Città di Napoli (Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio

Dettagli

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Verso la conferenza nazionale per la casa Torino 19 novembre 2004 1 Intervento del Sottosegretario di Stato Alberto Gagliardi Presidente, autorità,

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 375/E. Roma 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello Alfa S.r.l. - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trasformazione di azienda speciale in società

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO

REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO Allegato alla deliberazione n. 696 del 23.05.2012 REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO 1 INDICE PREMESSA ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

TITOLO III IMMOBILI PER ATTIVITA NEL CAMPO DEL VOLONTARIATO, DELL ASSOCIAZIONISMO E DELLA COOPERAZIONE SOCIALE...4

TITOLO III IMMOBILI PER ATTIVITA NEL CAMPO DEL VOLONTARIATO, DELL ASSOCIAZIONISMO E DELLA COOPERAZIONE SOCIALE...4 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO DI BENI IMMOBILI A TERZI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Tipologia dei beni immobili assegnabili in uso a terzi...2 Art. 2 - Forme giuridiche di

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio

COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio LA CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO DENOMINATO COLONIA DI SAN BERNARDO La Carta dei Servizi rappresenta lo strumento primo con il quale

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Oggetto: Servizio di gestione e telecontrollo dell impianto di pubblica illuminazione nel territorio comunale, previo

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 Il SINDACO del Comune di VERBANIA, appoggia l indicazione del sì alla costituzione in SOCIETÀ PER AZIONI, quale unica via percorribile

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Cerro al Lambro riconosce

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Deliberazione della Giunta Municipale

Deliberazione della Giunta Municipale DELIBERAZIONE N. 48 del 14/04/2013/ ORE 15,30 CITTA DI BAGHERIA PROVINCIA DI PALERMO Deliberazione della Giunta Municipale Oggetto:. Approvazione schema protocollo d intesa con l Associazione ITALCACCIA

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 18 dicembre 2006. Entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico 2007/2008

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 18 dicembre 2006. Entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico 2007/2008 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCUOLABUS DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE PER L INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Art. 3 Art. 4 Art. 5

Art. 3 Art. 4 Art. 5 Regolamento disciplinante i requisiti, i criteri e le modalità per l ottenimento della qualifica di Fattoria didattica e/o sociale in attuazione dell articolo 23 della legge regionale 4 giugno 2004, n.

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03.

COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03. COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03.2014 Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art 2 Funzioni

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. di seguito definite congiuntamente Parti

PROTOCOLLO D INTESA. di seguito definite congiuntamente Parti 9.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 23 PROTOCOLLO D INTESA Tra il Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. (di seguito, GSE) con sede legale in Roma, Viale Maresciallo Pilsudski

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articolo 5 - Articolo 6 - Articolo 7 - Articolo 8 - Articolo 9 - Articolo

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO T.VECELLIO Via T. Vecellio, 28 36030 SARCEDO tel. 0445/884178 Fax 0445/344270 e Mail: viic83800d@istruzione.it / Sito: www.icvecellio.it REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Viene sottoposta al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione. IL CONSIGLIO COMUNALE In continuazione di seduta Vista la delibera di G.M. n. 104 del 20/11/2015 con la quale è stato approvato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi.

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 16 del 9 settembre 1992 Il Consiglio Regionale

Dettagli

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PRESIDENTE Nell analizzare le criticità e le potenzialità per una riqualificazione del centro antico di Fasano, l associazione ha fatto emergere

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione dell utilizzo di porzione di area di proprietà comunale

Dettagli

Scuola Michele Pironti : la decisione

Scuola Michele Pironti : la decisione Scuola Michele Pironti : la decisione La decisione di ricostruire la Scuola è stato un atto dovuto. La relazione finale sullo stato di sicurezza del vecchio edificio scolastico rilevò un elevato grado

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 30/10/2015 ed entrato in vigore

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 5 Adunanza 3 febbraio 2009 OGGETTO: I.I.S. CURIE, GRUGLIASCO (TO) SEZIONE STACCATA DI COL- LEGNO. RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA N. 6. APPROVAZIONE

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna Area Servizi alla Persona Servizi Sociali REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE 2.127 FINALITÀ Il Consiglio di Istituto considera le uscite didattiche, le visite e i viaggi di istruzione momenti formativi, utili e qualificanti

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

INTERROGAZIONE. con risposta scritta

INTERROGAZIONE. con risposta scritta INTERROGAZIONE con risposta scritta Al Signor Presidente del Consiglio regionale OGGETTO: SITUAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO - PRESIDIO OSPEDALIERO E.MORELLI DI SONDALO CARENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTERNO DI BAR Art. 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo

21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo 21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo Mercoledì 21 marzo u.s. si è svolto presso il nostro istituto l'incontro tra gli studenti della scuola secondaria e primaria

Dettagli

COMUNE DI MONTEGALDELLA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTEGALDELLA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTEGALDELLA PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE I RAPPORTI TRA IL COMUNE E COLORO CHE INTENDONO ESPLETARE ATTIVITA DI VOLONTARIATO A FAVORE DELLA COLLETTIVITA IL SINDACO F.to

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di Consiglio n... del.. Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento

Dettagli

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 Rocca D Evandro è un comune di circa 3500 abitanti e fa parte della Provincia di

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

LA TASSA SUGLI ASCENSORI

LA TASSA SUGLI ASCENSORI LA TASSA SUGLI ASCENSORI La tassa sugli ascensori è prevista dal provvedimento attuativo (da stilare sotto forma di DPR) della direttiva comunitaria 2014/33/Ue sulla sicurezza degli ascensori, il cui schema,

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari)

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO VOLONTARIO DEL NONNO VIGILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 5.7.2011) ART. 1 Premessa Con l

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello

Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello Il del mese di dell anno presso l ufficio Servizi Sociali di questo Comune, tra il sig. nato a

Dettagli