Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd"

Transcript

1 494 TABELLA B3 Giudizio qualitativo sui risultati delle previsioni di ricadute causate dalle sorgenti lineari (SL), nell area circolare di raggio km 2,5 centrata sul TV. Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd = (> nelle aree circostanti all impianto) Hg assente IPA <<< Benzene <<< Toluene <<< Cilene <<< PCDD-PCDF = (+ contenute di quelle misurate da centraline esistenti) TABELLA B4 Giudizio qualitativo sui risultati delle previsioni di ricadute causate dalle sorgenti puntuali (SP), nell area circolare di raggio km 2,5 centrata sul TV. (NB. una sola sorgente puntuale rilevante rientra nell area in studio). Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SP (TV/SP) SO 2 NO x PTS Pb Cd Hg IPA PCDD-PCDF minore simile nell area interessata dalla massima ricaduta al suolo intorno al termovalorizzatore, minore allontanandosi trascurabile trascurabile comparabile comparabile trascurabile comparabile Infine, tra le conclusioni generali della relazione ambientale, quelle che riteniamo utile segnalare in una ottica sanitaria, sono le seguenti: a) le aree di massima concentrazione al suolo sono localizzate in un intorno ristretto del camino dell impianto, variabile per i diversi inquinanti considerati e comunque di raggio inferiore ad 1 km.

2 495 b) I valori di tali concentrazioni medie stimate risultano sempre abbondantemente inferiori ai limiti di qualità dell aria, per gli inquinanti per cui esiste il riferimento normativo, o comunque inferiori a ragionevoli parametri di confronto, di volta in volta individuati, per gli inquinanti per cui non sono previsti limiti normativi. In generale tali valori delle concentrazioni possono ritenersi di ordini di grandezza molto bassi, per i diversi inquinanti analizzati. c) Nel confronto con l effetto dovuto ad altre sorgenti antropiche il contributo relativo del termovalorizzatore appare in generale per lo più molto basso ed eventualmente di ordine comparabile per quei composti tipici del termovalorizzatore stesso (diossine, mercurio, cadmio). d) Appare interessante, nel confronto fra situazione attuale e futura del sistema di gestione dei rifiuti, la possibilità di importanti potenziali riduzioni del carico ambientale per alcuni inquinanti tipici del riscaldamento civile, in conseguenza della possibilità di sostituzione di caldaie esistenti con una rete di teleriscaldamento. Tutto ciò determina una situazione di riferimento utile ai fini della valutazione sanitaria, per la quale emerge che: I) effetti ambientali apprezzabili attribuiti al TV, sia in termini di distribuzione di concentrazioni sia di ore di superamenti su base annua, appaiono interessare, per la stragrande maggioranza dei parametri di inquinamento considerati, una zona abbastanza contenuta, nelle immediate vicinanze (< m.) o a più nelle vicinanze (< 500 m.) del punto sorgente (TV); II) inquinanti per i quali sono state stimate concentrazioni o superamenti relativi alle corone più esterne dell area considerata sono risultati pochi e per valori di concentrazione e tempi di superamento estremamente contenuti (tabella B5).

3 496 TABELLA B5 Valori di concentrazione e tempi di superamento per gli inquinanti interessanti le corone più esterne Inquinante SO2 NOx Concentrazioni al suolo e tempi massimi di superamento < 0,35 µg/m 3 entro 1000 m < 1 µg/m 3 entro 2500 m. oppure 20 µg/m 3 per poche ore/anno Cd e Hg < 0,5 ng/m 3 per < 500 ore/anno entro 2500 m. IPA (BaP) < 2 pg/m 3 per poche ore/anno entro 2500 m. Toluene < 1 ng/m 3 per poche ore/anno entro 2500 m. Xilene < 1 ng/m 3 per poche ore/anno entro 2500 m. Benzene < 1 ng/m 3 per poche ore/anno entro 2500 m. Considerando le concentrazioni massime attribuite al TV, per cui sono emersi risultati nelle vicinanze o in area più ampia, i valori sono comunque risultati sempre più bassi o molto più bassi rispetto a quelli conosciuti avere una efficacia sulla salute umana e a quelli riportati da linee guida per la protezione da danni sanitari. In particolare valori molto più bassi (inferiori di 2-3 ordini di grandezza) sono risultati per Hg, Pb, IPA, Benzene, Toluene, più bassi (inferiori di 1 ordine di grandezza) per SO2, PM10, Cd, mentre per gli NOx sono stimati valori dello stesso ordine di grandezza per un numero di ore trascurabili e nelle immediate vicinanze, valori di un ordine di grandezza inferiore entro 500 m. o al più 2,5 Km. Per le diossine sono stimati valori di concentrazione molto bassi che tuttavia, quando si esamina l area più vicina al TV, non debbono essere trascurati, in considerazione di molteplici aspetti, quali in particolare: - la pericolosità di alcune classi di diossine, - le conoscenze incerte su improbabili effetti soglia, - i valori comparabili o più elevati di concentrazioni attribuite a sorgenti puntuali e lineari ricadenti nell area di studio. Discorso analogo deve essere fatto per il Benzene, in quanto riconosciuto come cancerogeno certo, per il quale il contributo modesto stimato nelle vicinanze (< 0,1 ng/m 3 < 500 m. e < 0,5 ng/m 3 < 200 m.) deve essere considerato congiuntamente con il contributo rilevante esistente per effetto delle sorgenti lineari (traffico).

4 497 C - ANALISI STATISTICO-EPIDEMIOLOGICA La tabella C1 mostra la distribuzione della popolazione residente nell area considerata, ripartita secondo la distanza dal punto sorgente e in settori. Sulla base di quanto riportato nei paragrafi precedenti, ai fini dell analisi epidemiologica finalizzata alla definizione di un potenziale impatto sulla salute, risulta di particolare rilevanza la popolazione residente: a) nella corona più interna (< 1,5 Km.) ed in particolare in quella entro i 0,5 Km. sulla quale l analisi ambientale ha messo in risalto le maggiori ricadute di rilevanza sanitaria; b) nel settore C (figura 1) ed in particolare nella fascia entro 1,5 Km. in quanto la forma del modello prevalente di ricaduta è più pronunciata verso sud; c) intorno la via Pistoiese in quanto sorgente lineare con effetti apprezzabili. TABELLA C1 Popolazione residente al 31/12/01 secondo la corona e il settore. Termovalorizzatore in località Osmannoro Distanza dal punto sorgente (raggio in Km.) Residenti di cui Cinesi N. % di colonna N. % di riga - < 0,5 30 0, ,7-0,5-1,0 42 0, ,3-1,0-1, ,6 77 6,3 < 1, , ,6 1,5-2, , ,9 2,0-2, , ,4 Totale < 2, , ,2 Settori A < 1, , ,2 22,9 B < 1, , ,2 0 C < 1, , ,3 9,7 Via Pistoiese ( ± 250 m.) , ,1 Fonte: Anagrafe Comuni di Sesto F.no, Campi Bisenzio, Firenze La bassa numerosità di residenti nella fascia inferiore a 1,5 chilometri, comporta un ridotto numero di potenziali esposti, determinando di conseguenza una potenza dello studio in queste aree tale da non

5 498 essere in grado di mettere in evidenza eccessi di rischio se non di grandi dimensioni; il fenomeno è di particolare evidenza nei settori A e B e nell area di raggio inferiore a 1 chilometro. Nelle tabelle seguenti viene riportata la sintesi dei risultati relativi agli eccessi statisticamente significativi (Tabella C2.1), e di interesse dal punto di vista puramente descrittivo (numero casi > 3 e SMR > 110) (Tabella C2.2), ottenuti dalle analisi eseguite sulla base della metodologia precedentemente descritta. TABELLA C2.1 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numeri di casi). Eccessi significativi con soglie di errore di I tipo del 5% e 10%. Settore Corona Maschi Femmine Totale C < 1,5 1,5-2,0 - Altre mal. polmone (n=23) SMR = 168,8 (p<0,05) - Tumore colon (26) SMR = 142,2 (p<0,10) Via Pistoiese ( ± 250 m.) - Altre mal. polmone (36) SMR = 168,8 (p<0,10) - Asma bambini (n=8) SMR = 230,5 (p<0,05) - Altre mal. polmone (n=34) SMR = 148,0 (p<0,05) - Altre mal. polmone (58) SMR = 121,7 (p<0,05) - Asma bambini (n=15) SMR = 169,3 (p<0,10) TABELLA C2.2 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numero di casi). Eccessi privi di significatività statistica (SMR >110 e n di casi >=3). Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 1,5-2,0 - Tumore polmone (n=15) SMR = 112,3 - Tumore vescica (n=14) SMR = 129,1 - Tumore vescica (n=4) SMR = 149,3 2,0-2,5 - Tumore polmone (n=23) SMR = 114,6 - Tumore vescica (n=19) SMR = 110,2 C < 1,5 - Tumore polmone (n=3) SMR = 124,1 - Tumore vescica (n=6) SMR = 136,0 - Tumore vescica (n=18) SMR = 135,6 - Tumore vescica (n=25) SMR = 116,4 - Tumore polmone (n=4) SMR = 131,2 segue

6 499 segue 1,5-2,0 - Asma bambini (n=4) SMR = 198,3 - Bronchite, enfis, asma (28) SMR = 123,0 - Altre mal. polmone (n=11) SMR = 119,9 - Tumore polmone (n=7) SMR = 110,1 Via Pistoiese ( ± 250 m.) 2,0-2,5 - Bronchite, enfis, asma (16) SMR = 147,4 - Altre mal. polmone (n=7) SMR = 124,9 - Tumore vescica (n=8) SMR = 114,4 - Tumore colon (n=10) SMR = 136,6 - Difetti congeniti (13) SMR = 127,5 - Tumore polmone (n=48) SMR = 116,9 - Asma bambini (n=7) SMR = 129,4 - Tumore stomaco (n=4) SMR = 141,4 - Difetti congeniti (n=10) SMR = 143,2 - Altre mal. polmone (n=22) SMR = 123,4 - Tumore vescica (n=11) SMR = 122,0 - Tumore stomaco SMR = 113,4 (n=15) - Linf. non Hodgkin (n=11) SMR = 139,5 - Asma bambini (n=7) SMR = 141,9 - Bronchite, enfis, asma (23) SMR = 113,5 - Altre mal. polmone (n=11) SMR = 116,5 - Tumore vescica (n=10) SMR = 112,5 - Tumore colon (n=17) SMR = 123,1 - Difetti congeniti (n=23) SMR = 133,3 Dalla tabella dei risultati con eccessi statisticamente significativi (Tab. C2.1) emerge: - nessun eccesso entro 1,5 km in nessuna delle corone considerate; - nessun eccesso nei settori A e B in nessuna delle corone considerate; - un solo eccesso significativo nel settore C a distanza 1,5-2,0 Km per Altre malattie del polmone, nei maschi e maschi+femmine e, per Tumore del colon per i soli maschi (scegliendo un livello più cautelativo di significatività, p<10%); - due eccessi all intorno della via Pistoiese, uno significativo (p<10%) per Altre malattie del polmone nei maschi, l altro per Asma nei bambini di sesso femminile (p<5%), eccessi che si ritrovano anche sul totale dei due sessi. Dalla tabella dei risultati con eccessi statisticamente non significativi (Tab. C2.2) emergono alcuni segnali che si riassumono a scopo puramente descrittivo: - nessun eccesso nel settore A in nessuna delle corone considerate; - nessun eccesso nel settore B nella corona a distanza < 1,5 Km ;

7 500 - alcuni eccessi nel settore B nella corona 1,5-2,0 Km, tra i quali quello per il tumore della vescica è presente nei due sessi e sul totale, e per il tumore del polmone nei maschi; - alcuni eccessi nel settore B nella corona 2,0-2,5 Km, tutti di modesta entità, con l eccezione del tumore della vescica nelle femmine; - un solo eccesso nel settore C a distanza <1,5 Km per Tumore del polmone, nei maschi e maschi+femmine; - alcuni eccessi nel settore C a distanza 1,5-2,0 Km. tutti di modesta entità, tra i quali appaiono degni di segnalazione quelli per malattie dell apparato respiratorio nelle bambine e nelle donne; - alcuni eccessi nel settore C a distanza 2,0-2,5 Km., tra i quali appaiono degni di segnalazione quelli per malattie dell apparato respiratorio nei maschi, per il tumore dello stomaco nelle femmine e per difetti congeniti in ambedue i sessi; - alcuni segnali di eccesso all intorno della via Pistoiese, tra i quali si segnala quello per l asma per i bambini e per il linfoma non Hodgkin nelle donne. Nel complesso, considerando soprattutto le patologie di interesse ambientale, i risultati evidenziano un carico maggiore rispetto all atteso 8 soprattutto nel settore C dell area di studio, con riferimento alle patologie non tumorali dell apparato respiratorio: l eccesso delle altre malattie del polmone assume significatività statistica nella fascia tra 1,5 e 2,0 Km dal punto sorgente, nei maschi e nei due sessi, e lungo la via Pistoiese, all intorno della quale emergono anche eccessi per asma nelle bambine e nei due sessi. Nel settore B emergono segnali, seppure statisticamente non significativi, per il tumore del polmone nei maschi e per il tumore della vescica nei maschi e nelle femmine, nelle corone da 1,5 a 2,5 km. L analisi separata per mortalità e ospedalizzazione evidenzia un numero di casi osservati inferiori a quelli attesi (SMR < 100) analizzando tutte le cause in tutte le corone e in tutti i settori di analisi, mentre, considerando il complesso delle malattie dell apparato respiratorio, si osservano SMR in difetto per quanto riguarda la ospedalizzazione e in eccesso quando si considera la mortalità nel settore C, in particolare nella corona tra 2,0 e 2,5 Km (SMR=174,9, p<0,10). L analisi per cluster, precedentemente descritta, mostra risultati significativi per "Altre malattie del polmone". Con l analisi mediante metodo di Cuzick-Edwards si rileva una certa tendenza

8 501 all'aggregazione dei casi in cluster, senza peraltro emergere indicazioni precise sulle dimensioni del fenomeno in termini di numero o ampiezza del/i cluster. Per lo stesso gruppo di patologie il metodo Scan di Kuldorff ha messo in evidenza un cluster di casi (34 osservati rispetto a 16,31 attesi, rischio relativo = 2,085; p<0,01), centrato sul punto con coordinate x e+06, y e+06 e raggio 553,39 m. (Figura C1). La sovrapposizione del quadro ambientale, sintetizzato nel paragrafo precedente, e del quadro epidemiologico, sopra descritto, indica una situazione di attenzione nei settore C ed, in minor misura, in quello B, nell area entro 1,5 Km ed in particolare in corrispondenza della via Pistoiese. FIGURA C1 Altre malattie del polmone: cluster di casi evidenziato con il metodo Scan di Kuldorff. 8 Atteso = numero di casi ottenuti applicando il tasso medio provinciale per una data patologia alla popolazione residente nell area in esame

9 502 D. SUPPLEMENTO DI INDAGINE SULLA LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE IN LOCALIZZAZIONI ALTERNATIVE Nel corso della VIS per la valutazione della localizzzazione dell impianto di TV in località Osmannoro è emersa la necessità di svolgere simile analisi anche per gli altri due siti previsti dal piano provinciale dei rifiuti: Ponte di Maccione e Case Passerini (rappresentanti in Figura D1 insieme al sito Osmannoro ). Di seguito sono riportati i risultati delle analisi per i due siti aggiuntivi. FIGURA D1 Localizzazione dei siti previsti dal piano provinciale dei rifiuti: Osmannoro, Ponte di Maccione e Case Passerini.

10 503 D1. Ponte di Maccione (PM) L analisi dei risultati delle analisi ambientali non evidenzia modificazioni né significative né rilevanti per quanto riguarda il modello di ricaduta e la dimensione quantitativa dei parametri analizzati. Unica differenza di rilievo è inerente l area immediatamente sottostante il camino, che ovviamente segue lo spostamento, seppure modesto, del sito di localizzazione. Ne consegue che, dal punto di vista dell utilizzo delle valutazioni sul versante ambientale, a fini di valutazione di impatto sulla salute, si applica quanto detto a proposito degli effetti della localizzazione in località Osmannoro. La distribuzione della popolazione residente nell area di interesse (Figura D1.1), riportata nella tabella D1.1, mostra alcune differenze, sebbene non rilevanti, rispetto a quanto descritto per la localizzazione dell Osmannoro. FIGURA D1.1 Aree circolari e settori radiali di interesse costruiti intorno all impianto di termovalorizzazione.

11 504 TABELLA D1.1. Popolazione residente al 31/12/01 secondo la corona e il settore. Termovalorizzatore in località Ponte di Maccione Distanza dal punto sorgente (raggio in Km.) Residenti di cui Cinesi N. % di colonna N. % di riga < 0, ,5-1,0 57 0, ,3 1,0-1, , ,4 < 1, , ,7 1,5-2, , ,6 2,0-2, , ,1 Totale < 2, , ,5 Settori (*) A < 1, , ,4 23,4 B < 1, , ,2 1,1 C < 1, , ,7 11,8 (*) La non perfetta corrispondenza del totale dei residenti come somma delle corone e dei settori è dovuta alla distribuzione di alcune abitazioni in corrispondenza delle linee di demarcazione dei settori. Fonte: Anagrafe Comuni di Sesto F.no, Campi Bisenzio, Firenze La popolazione totale che rientra nell area in studio è superiore di oltre unità rispetto a quanto osservato attorno all Osmannoro. La differente distribuzione non è tale da comportare significative variazioni in termini di potenza dello studio, anche se occorre segnalare una maggiore presenza di residenti nell area delineata dalla corona a distanza 1,5 Km, a fronte di nessun residente nell area entro i 500 metri. La distribuzione per settore non registra differenze rilevanti sebbene la popolazione sia superiore specie nei settori A e C. Per quanto riguarda eventuali eccessi di patologia rispetto allla localizzazione del sito in località Osmannoro si ha una diminuzione del numero di patogie per le quali la popolazione residente nell area circostante ha rischi significativamente in eccesso (Tabella D1.2), in particolare: - non si rileva nessun eccesso statisticamente significativo nei settori A e C; - vengono confermati gli eccessi per Altre malattie del polmone nella popolazione totale del settore B ad una distanza dal punto sorgente compresa tra 1,5 e 2 Km, con un eccesso di rischio analogo a quanto visto per la precedente localizzazione (SMR=144,5); - subentra, ancora nel settore B, ad una distanza inferiore a 1,5 Km. rispetto al punto sorgente, il tumore della vescica con un eccesso di rischio elevato (SMR=402,3) ma basato su soli 3 casi.

12 505 TABELLA D1.2 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (n. casi). Eccessi significativi con soglie di errore di I tipo del 5% e 10% Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore vescica (3) SMR = 402,3 (p<0,05) 1,5-2,0 - Altre Mal.Polmone (26) SMR = 144,5 (p<0,10) Dalla tabella dei risultati con eccessi statisticamente non significativi (Tabella D1.3) emergono alcuni segnali che si riassumono a scopo puramente descrittivo. - Non si rileva nessun eccesso nel settore A. - Nel settore B emerge: il tumore del polmone nei maschi in tutte le corone considerate, nelle femmine e nei due sessi congiunti nella corona tra 1,5 Km. e 2 Km.; il tumore della vescica nelle femmine e nei due sessi congiunti nella corona tra 2,0 Km. e 2,5 Km ; in questa stessa corona appare anche e il linfoma non Hodgkin nelle femmine, con un lieve eccesso basato su soli 4 casi. - Nel settore C emergono: un solo eccesso nel settore C a distanza <1,5 Km per Difetti Congeniti, nei maschi e maschi+femmine; alcuni eccessi a distanza 1,5-2,0 Km. tra i quali le Altre malattie del polmone per maschi, femmine e per i due sessi congiunti, l asma nelle bambine e per il totale maschi+femmine; alcuni eccessi a distanza 2,0-2,5 Km., tra i quali ancora l asma nei bambini, bronchite enfisema e asma nei maschi e nel totale dei due sessi, i Difetti congeniti nei maschi e nei due sessi congiunti, le Altre malattie del polmone per i maschi+femmine.

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5 506 TABELLA D1.3 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numero di casi). Eccessi privi di significatività statistica (SMR >110 e n di casi >=3) nei settori e nelle corone

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica

Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica Francesco Cipriani, Simone Bartolacci Agenzia regionale di sanità della Toscana francesco.cipriani@ars.toscana.it Workshop VIS: la valutazione di impatto

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 447 Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara Dipartimento Sanità Pubblica Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica e della Sezione ARPA di Ferrara Mantova, 19 marzo 2004 Giovanni Garasto Servizio Sistemi ambientali Sezione

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI ARPA Piemonte Dip.Epidemiologia e Salute Ambientale Enti coinvolti:

Dettagli

Sezione F. Conclusioni generali

Sezione F. Conclusioni generali Sezione F Conclusioni generali CONCLUSIONI L indagine è stata condotta nell area geotermica toscana, che interessa 16 comuni e 43.400 abitanti, distribuiti nell area Nord o Tradizionale ed in quella Sud

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione sono generalmente di tipo geografico; l esposizione e l effetto vengono solitamente valutati a livello di popolazione.

Dettagli

Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana. Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di )

Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana. Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di ) Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di ) link http://www.ars.toscana.it/web/guest/news/-/blogs/lo-studio-completo-dell-ars-sulla-geotermia?

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

ESISTONO EFFETTI AVVERSI PER LA SALUTE NELLE POPOLAZIONI RESIDENTI INTORNO AD UN TERMOVALORIZZATORE? Prof. Vito Foà

ESISTONO EFFETTI AVVERSI PER LA SALUTE NELLE POPOLAZIONI RESIDENTI INTORNO AD UN TERMOVALORIZZATORE? Prof. Vito Foà ESISTONO EFFETTI AVVERSI PER LA SALUTE NELLE POPOLAZIONI RESIDENTI INTORNO AD UN TERMOVALORIZZATORE? Prof. Vito Foà COMBUSTIONE RIFIUTI EMISSIONI AL CAMINO Metalli pesanti (soprattutto Piombo, Mercurio,

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì)

Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì) Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì) Studio condotto nell ambito del progetto Environmental health surveillance system in urban areas near incinerators

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare

Dettagli

Esperienze di VIS in Italia Toscana

Esperienze di VIS in Italia Toscana Esperienze di VIS in Italia Toscana Francesco Cipriani, Simone Bartolacci Osservatorio di Epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana francesco.cipriani@ars.toscana.it Workshop nazionale La

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE. Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997

INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE. Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997 INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997 Biomonitoraggio nell area di Vado Ligure - Campagna 1990 (Castello et al., 1994) Bioindicazione

Dettagli

Il Contributo del Registro Tumori alla valutazione dell impatto sulla salute dello smaltimento illegale dei rifiuti pericolosi

Il Contributo del Registro Tumori alla valutazione dell impatto sulla salute dello smaltimento illegale dei rifiuti pericolosi XXXVIII CONGRESSO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI EPIDEMIOLOGIA Il futuro dell'epidemiologia per l'ambiente, la salute e l'equità Napoli 5-6-7 novembre 2014 Il Contributo del Registro Tumori alla valutazione

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

W o r k s h o p n a z i o n a l e La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Roma, 28 settembre 2010

W o r k s h o p n a z i o n a l e La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Roma, 28 settembre 2010 W o r k s h o p n a z i o n a l e La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Roma, 28 settembre 2010 Esperienze di VIS in Piemonte Ennio Cadum SC Epidemiologia e salute

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Premessa I composti organici non metanici (COV), pur rappresentando

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle infrastrutture TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Termovalorizzatore di Torino: aspetti ambientali ed energetici Piacenza

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Ottobre 2012 A cura dell U.O. Tecniche Epidemiologiche

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Direzione Generale Arpa Puglia Direzione Scientifica Arpa Puglia Servizio INFO Dipartimento Arpa Puglia di Taranto Oggetto: Nota tecnica ARPA in riscontro alle segnalazioni pervenuta al Servizio INFO inerente

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica Verbania 22 febbraio 2003 Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico Ennio Cadum Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Valutazione epidemiologica È È stata condotta un analisi descrittiva

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

La frazione dei guariti dal cancro

La frazione dei guariti dal cancro 13-15 Aprile 2016 Reggio Children c/o Centro Internazionale Loris Malaguzzi REGGIO EMILIA La frazione dei guariti dal cancro Stefano Guzzinati Registro Tumori del Veneto Luigino Dal Maso, Centro Riferimento

Dettagli

Epidemiologia generale

Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione» Epidemiologia generale Disciplina che ha come

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano I PIANI E I PROGRAMMI PER LA GESTIONE DELLA QUALITA' DELL'ARIA Il supporto di Arpa Emilia-Romagna Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale Dr.ssa Fabrizia Capuano FONTE

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

ASL di Bergamo. Alberto Zucchi Servizio Epidemiologico Aziendale Dip. PAC ASL di Bergamo

ASL di Bergamo. Alberto Zucchi Servizio Epidemiologico Aziendale Dip. PAC ASL di Bergamo ASL di Bergamo Università degli Studi di Milano Fondazione Irccs Ca Granda, Ospedale Maggiore Policlinico Studio epidemiologico sullo stato di salute dei residenti dei Comuni interessati dalle rotte dell

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni?

Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni? Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni? La riflessione viene fatta dall Associazione Marco Mascagna, organizzazione impegnata in progetti e ricerche

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 3.1.3. Discarica di Case Passerini La discarica di Case Passerini è localizzata di fianco all'impianto di selezione e compostaggio nel territorio comunale

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

STATISTICA IX lezione

STATISTICA IX lezione Anno Accademico 013-014 STATISTICA IX lezione 1 Il problema della verifica di un ipotesi statistica In termini generali, si studia la distribuzione T(X) di un opportuna grandezza X legata ai parametri

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI Patrizia Lattarulo IL PERCHÉ DELLA VALUTAZIONE ECONOMICA Esternalità

Dettagli

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Monica Chiusolo 1, Ennio Cadum 1, Martina Gandini 1, Alessandro Alimonti 2, Beatrice Bocca 2,

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Presentazione e nota metodologica a cura del NETWORK SECO Presentazione Con l attivazione, dal marzo 2008, dell inoltro per

Dettagli

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Premessa storica The Great Smog - Londra, Dicembre 1952 Inverno rigido ( consumo carbone) + inversione

Dettagli

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Page 1 of 11 n. 054 - Lunedì 17 Marzo 2014 Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Il documento analizza nel dettaglio le diverse sorgenti, il trend evolutivo delle fonti

Dettagli

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT SANITÀ NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.4/2015 La rilevazione sui decessi e le cause

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO Registro Tumori del Veneto novembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Bari Palese Aeroporti di Puglia Periodo di

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento di Asti STRUTTURA SEMPLICE - Produzione RELAZIONE PRELIMINARE n. 07_12_B5.16 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO

Dettagli

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 1 5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 5.1 Premessa In questo capitolo si studierà la possibilità di inserire gli impianti radio FM da delocalizzare in alcuni siti sul territorio

Dettagli

I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia

I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia I determinanti dell legati a salute e condizioni di lavoro in Italia Giuseppe Costa, Angelo d Errico, Francesca Vannoni, Tania Landriscina, Roberto Leombruni Università Torino e ASL TO3 del Piemonte Centri

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Le principali evidenze empiriche

Le principali evidenze empiriche SINTESI Questo documento analizza e compara il costo di cittadinanza tra le 14 aree metropolitane individuate nel nostro paese. L obiettivo preliminare della ricerca è stato quello di dare una definizione

Dettagli