SALVIAMO L'IMPRESA! 1500 operatori in Piazza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALVIAMO L'IMPRESA! 1500 operatori in Piazza"

Transcript

1 Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB Ravenna - Direttore Francesco Marchi - Proprietaria Confesercenti Provinciale Ravenna -Autorizzazione Tribunale Ravenna n. 448 del Periodicità settimanale. Uffici: Ravenna - Piazza Bernini 7 Tel ; Cervia - Via Levico 21/C tel ; Lugo - Piazza XIII Giugno 15 tel ; Faenza - Via Bettisi 4 tel Stampato in proprio. Anno XXX, n. 4, Ravenna 29 aprile SALVIAMO L'IMPRESA! 1500 operatori in Piazza Grande successo della manifestazione Salviamo l'impresa che si è svolta lo scorso 18 aprile alle ore 11 in Piazza del Popolo a Ravenna dove - per la prima volta nella storia dell'imprenditoria ravennate - circa manifestanti appartenenti alle tredici Associazioni di rappresentanza dell'agricoltura, dell'artigianato, del commercio, del turismo, dell'industria e della cooperazione hanno fatto sentire la propria voce in difesa dell'economia reale del nostro territorio, sollecitando le Istituzioni e la politica. Erano circa i manifestanti che si sono ritrovati il 18 mattina in Piazza del Popolo a Ravenna per difendere la nostra economia. Alle ore 11 sono saliti sul palco i tredici Presidenti delle Associazioni componenti il Tavolo (AGCI, CIA, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, CONFIMI, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confindustria, Copagri, Legacoop). Prima di scendere in piazza le Associazioni avevano incontrato i Comuni, la Provincia e i Consiglieri regionali presso la Camera di Commercio. Al termine della manifestazione, una delegazione è salita in Prefettura per consegnare al Prefetto il documento con le richieste e le rivendicazioni delleassociazioni. Le imprese sono allo stremo ha sostenuto l'attuale presidente Pierpaolo Burioli, prima di dare lettura del documento approvato all'unanimità dal Tavolo provinciale e tutte le Associazioni intendono costruire con forza e determinazione una possibilità di futuro per tornare a crescere con slancio, per fornire lavoro e valore al Paese. Tutto questo ha proseguito Burioli - attraverso la riduzione della pressione fiscale, evitando ulteriori innalzamenti delle aliquote IVA, diminuendo l'imposizione IRAP, escludendo dall'imu gli immobili strumentali all'attività d'impresa, ridefinendo il tributo rifiuti e i servizi TARES, dando credito alle imprese, semplificando norme e procedure ad ogni livello, pagando i debiti della Pubblica Amministrazione verso le imprese, comprimendo il cuneo fiscale e attuando il Patto per lo Sviluppo sottoscritto con Provincia, Comuni e Camera di Commercio. Non possiamo più aspettare, tutti insieme dobbiamo manifestare con forza le ragioni dell'impresa e gli oltre imprenditori presenti qui oggi sono la chiara testimonianza di questa volontà.

2 LIBERA LA DOMENICA In provincia di Ravenna raccolte oltre 2100 firme legali Si è conclusa nei giorni scorsi la raccolta delle firme che saranno ora trasmesse alla Confesercenti Nazionale insieme a quelle provenienti da altre Province, per sottoporle all'attenzione del Parlamento. In provincia di Ravenna ne sono state raccolte poco più di 2100, in particolare nelle tre zone di Ravenna (circa 1000), Lugo (oltre 600) e Faenza (oltre 400). La Provincia di Ravenna ha dato un contributo importante a superare a livello nazionale le firme a supporto della proposta di legge (ne servono per la presentazione ufficiale e in regola). E' un risultato significativo e importante che ha richiesto un lavoro mirato rivelatosi utile e sentito da più parti, a cui hanno concorso anche alcune Parrocchie in provincia. Da sottolineare tra gli altri e ringraziare per l'impegno profuso i due commercianti ravennati Roberto Tagiuri e Pietro Contessi ed il faentino Franco Saviotti che hanno raccolto nelle loro zone alcuni moduli completi di firme. Ringraziamo in particolare il Consigliere Provinciale dell UDC Gianfranco Spadoni (nostro associato) per la collaborazione prestata nella certificazione delle firme raccolte. Ora la palla, diciamo così, espletate le formalità con la presentazione ai Presidenti di Camera e Senato, passa alla politica e alle aule parlamentari. Tracciabilità dei prodotti ittici Attenzione alle norme da rispettare Lo scorso anno, i NAS e la Capitaneria di Porto hanno girato molto e, soprattutto questi ultimi, hanno controllato in modo particolare la tracciabilità dei prodotti ittici, sequestrando molta merce ed elevando pesanti sanzioni. Pertanto si ritiene doveroso avvisare tutti coloro che trattano prodotti ittici, ma non solo, che ogni prodotto deve avere una etichetta identificatrice del prodotto stesso e la sua provenienza, nei frigoriferi o freezer, in particolare di ristoranti, tutto il pesce deve essere identificato, quindi riportare o l'etichetta originaria o un etichetta che ne identifichi fattura o bolla d'acquisto, non è ritenuto valido avere questi documenti separati dal prodotto stesso, appuntati da qualche parte o in un cassetto, perché può essere contestato il fatto di non poter mettere in relazione le due cose. Se si compra pesce fresco, anche in piccoli quantitativi, farsi rilasciare sempre una fattura in cui sia possibile risalire all'origine del prodotto. È vietato e penalmente perseguibile scongelare e poi ricongelare prodotti, anche se può essere pratico per una questione gestionale dei picchi di lavoro. Nelle preparazioni di misto pesce si deve riportare etichetta con la provenienza di ciascun elemento, ovviamente solo se la preparazione avviene per la vendita o molto tempo prima della realizzazione della pietanza e quindi della somministrazione. Inoltre si ricorda che chi fa preparazione di pesce a crudo o semicrudo deve farne notifica all'ausl ed inoltre seguire la procedura di congelazione fino ai -20 C per almeno 24 ore prima della somministrazione, nonchè la predisposizione di schede di controllo sul prodotto congelato. Una ravennate nel nuovo Governo AUGURI SEFI La Confesercenti appena appresa la notizia delle nomine dei Ministeri del nuovo Governo Letta ha inviato alla neo-ministro ravennate Josefa Idem le felicitazioni e l'augurio di buon lavoro da parte dell'associazione in questa sua nuova Olimpiade. Era dai tempi dell'on. Zaccagnini che nel novero dei Ministeri non c'erano stati altri ravennati. Alla pluridecorata campionessa della canoa è stato affidato il Ministero dello Sport, delle Pari Opportunità e dei Giovani. In bocca al lupo, Sefi. 2

3 Speciale Assemblee Elettive La Confesercenti dei prossimi 4 anni I gruppi dirigenti eletti Dalla recente, articolata e partecipata tornata di assemblee tenutesi in tutta la provincia, territoriali, come di categoria (e che ha coinciso con altre importanti iniziative dell'associazione) sono scaturiti insieme agli impegni e alle proposte sindacali dell'associazione nelle sue diverse articolazioni (comunali, di zona, delle categorie) i nuovi gruppi dirigenti dell'associazione che di seguito si riportano insieme all'augurio di un buon lavoro nel mandato ricevuto per i prossimi 4 anni. TERRITORI FAENZA Il nuovo Presidente: Dal Borgo Valter I nuovi Vice Presidente: Battistini Patrizia Fabbri Fabrizio La nuova Presidenza di zona: Albonetti Francesco, Bandini Gian Franco, Benini Bruno, Berdondini Luca, Casamenti Elisabetta, Ceroni Aride, Dalmonte Andrea, Gallinucci Fausto, Iaquinta Francesca, Liverani Loretta, Liverani Mauro, Magnani Loretta, Mambelli Alessandro, Miranda Domenico, Montevecchi Ermete, Morelli Antonella, Platani Silvano, Ranieri Pier Paolo, Rossi Giuseppina, Saviotti Franco, Venturi Chiara, Zama Mauro, Zauli Carlo, Zoli Luca. LUGO Il Presidente: Giacomo Melandri La nuova Presidenza di zona: Bagnara Alessandra, Bassi Romano, Brignani Matilde, Calderoni Afra, Checcoli Bruno, Dal Fiume Roberto, Ercolani Laura, Filippi Elisabetta, Fusini Michela, Geminiani Carlo, Guerra Lorenzo, Lama Mara, Liverani Nerio, Melandri Giacomo, Melandri Giancarlo, Mignani Manuela, Montanari Celso, Montanari Barbara, Morganti Luigi, Pignatta Tomaso, Putti Valentina, Scardovi Nicoletta CERVIA La Presidente: Roberta Penso La nuova Presidenza di zona: Bianchi Sergio, Biondi Matteo, Carnaccini Franca, Casadei Della Chiesa Andrea, Casadei Vincenzo, Casadei Della Chiesa Claudio, Cellini Dino, CianiAndrea, Ciarapica Monica, De Lorenzi Renzo, Di Ticco Giulio, Drudi Federico, Fanelli Alessandro, Fiori Marco, Gattamorta Aurelio, Guerrini Mauro, Kofler Alexander, Magnani Matteo, Mazzolani Eros, Milzoni Antonella, Molducci Adele, Penso Roberta, Raffoni Roberta, Sartini Silvana, Serra Maria, Zanoni Franco, Zoffoli Vittorio. RAVENNA Il Presidente: Gianluca Gasperoni La nuova Presidenza di zona: Angiolini Cristopher, Babini Mario, Bedeschi Narciso, Contessi Pietro, Costantini Giacomo, 3

4 Cucchi Francesco, Cuppi Claudia, Dalla Vecchia Pietro Livio, Di Ticco Giulio, Donati Filippo, Falsarella Christian, Famoso Emanuela, Fervari Ettore, Frassineti Matteo, Freddi Vincenzo, Gardenghi Federico, Gasperoni Gianluca, Giorgini Terzo, Giuliani Marco, Greco Gianni, Grilli Gianluca, Lazzaretti Quarto, Lucchi Roberto, Manzoni Roberto, Marchiani Danilo, Masotti Gianfranco, Molducci Nicoletta, Monaco Carlo, Onofri Mario, Piombini Franca, Pirazzoli Antonio, Poggiali Cristina, Polacco Eleonora, Ravaioli Marco, Reali Sara, Recine Ramiro, Ricci Petitoni Riccardo, Rossi Monia, Rossi Ottaviano, Rustignoli Maurizio, Sansavini Mauro, Santoni Riccardo, Tagiuri Mauro, Tarroni Sergio, Tassinari Onorio. La nuova Presidente: Eminente Maria Angela Pubblici Esercizi (FIEPET) Albergatori (ASSHOTEL) Cervia Pensionati (FIPAC) RUSSI CATEGORIE - il nuovo Presidente Provinciale: Marchiani Danilo - la nuova Presidente: Ciarapica Monica - la nuova Presidenza: Masotti Gianfranco (Presidente), Bandini Gianfranco (Vicepresidente), Benini Ornella, Brunelli Otello, Brunelli Roberto, Contessi Pietro, De Carli Benito, Gardini Edgardo, Gasparri Angela, Giulianini Bruno, Liverani Nerio, Martini Maura, Mercatali Maria Serena, Montanari Barbara, Pignatta Tomaso, Ranieri Pierpaolo, Ricci Maria Giovanna, Roccati Paola (Vicepresidente), Rossi Giuseppe, Sintini Stefania, Tondo Vincenzo, Ugolini Gilberto. Gruppo Imprenditoria Femminile (IMPRESA DONNA) : Battistini Patrizia, Berti Paola, Ciarapica Monica, Cuppi Claudia (Coordinatrice), Dima Elena, Granata Rosa, Piombini Francesca, Poggiali Cristina, Polacco Eleonora, Raffoni Roberta, Rustignoli Valeria, Scudellari Giuseppina. Comitato Provinciale dei Commercianti su Aree Pubbliche (ANVA): Fabbri Vincenzo (Lugo), Fabbri Fabrizio (Faenza), Gardenghi Federico (Ravenna) e Guerrini Mauro (Cervia) A LIVELLO PROVINCIALE Il Presidente Provinciale: Manzoni Roberto La nuova Presidenza: Battistini Patrizia, Casadei Dalla Chiesa Andrea, Dal Borgo Valter, Dalla Vecchia Pietro Livio, Donati Filippo, Fabbri Fabrizio, Gasperoni Gianluca, Ioli Vincenzo, Lucchi Roberto, Manzoni Roberto, Marchiani Danilo, Melandri Giacomo, Melandri Giancarlo, Montanari Celso, Penso Roberta, Ronconi Nevio, Rustignoli Maurizio, Sansavini Mauro, Venturi Chiara. La nuovaassemblea: Amadesi Alberto, Angiolini Cristopher, Bandini Gianfranco, Bassi Romano, Battistini Patrizia, Bedeschi Narciso, Benini Bruno, Biondi Matteo, Brunelli Otello, Bulzamini Pirazzoli Margherita, Carnaccini Franca, Casadei Vincenzo, Ciarapica Monica, Contessi Pietro, Cuppi Claudia, Dalborgo Valter, Dalla Vecchia Livio, Donati Filippo, Eminente Maria Angela, Fabbri Fabrizio, Fiori Marco, Fusini Michela, Gardenghi Federico, Gasperoni Gianluca, Gattamorta Aurelio, Gualdrini Alberto, Guerrini Olindo, Iaquinta Franca, Liverani Mauro, Manzoni Roberto, Marchiani Danilo, Masotti Gianfranco, Melandri Giacomo, Mignani Manuela, Monaco Carlo, Montanari Celso, Penso Roberta, Pignatta Tomaso, Poggiali Cristina, Raffoni Roberta, Roccati Paola, Ronconi Nevio, Rossi Giuseppina, Rossi Monia, Rossi Ottaviano, Rustignoli Maurizio, Rustignoli Valeria, Sansavini Mauro, Saviotti Franco, Scardovi Nicoletta, Tagiuri Mauro, Tassinari Onorio, Zauli Carlo, Babini Mario, Casadei Della Chiesa Andrea, Costantini Giacomo, Di Ticco Giulio, Ioli Vincenzo, Lucchi Roberto, Melandri Giancarlo, Montanari Barbara, Piombini Franca, Reali Sara, Ricci Petitoni Riccardo, Santoni Riccardo, Venturi Chiara. 4

5 ATTENZIONE ai nuovi bollettini capziosi Alcune aziende associate (ben 5 in pochi giorni) hanno informato l'associazione anche per farlo sapere e mettere in guardia i colleghi, per aver ricevuto l'ennesimo bollettino capzioso (di euro 309,87) per l'iscrizione ad un portale multi servizi riservato alle ditte iscritte alla Camera di Commercio. Il Bollettino, che questa volta è intestato a Giamattei L. (uno dei tanti) riporta molto in piccolo alcuni riferimenti di non essere sostitutivo degli adempimenti di legge, ma anche frasi capziose come l'iscrizione è obbligatoria e per indurre magari a scrivere laddove invita a controllare l'esatta dicitura del testo del mittente (spesso e non a caso sbagliato). Sia chiaro, in questo nuovo caso come in tanti dei precedenti, chi fa il versamento aderisce a una proposta commerciale e ingrossa gli organizzatori per essere iscritto ad un portale (peraltro di dubbia utilità).anche in questo caso attenzione e al bisogno rivolgersi presso gli uffici dell'associazione. Esposizione cartelli con elenco ingredienti dei prodotti Anche a livello dei prodotti alimentari vendibili sfusi (ad esempio, la coppetta di gelato artigianale, il trancio di pizza dal fornaio o il cornetto al bancone del bar), vige l'obbligo di far pervenire ugualmente al consumatore una serie di informazioni (citando l'articolo 16 del D.Lgs. 109/92, per i prodotti della gelateria, della pasticceria, della panetteria e della gastronomia, ivi comprese le preparazioni alimentari, l'elenco degli ingredienti può essere riportato su un unico e apposito cartello tenuto bene in vista oppure, per singoli prodotti, su apposito registro o altro sistema equivalente da tenere bene in vista, a disposizione dell'acquirente, in prossimità dei banchi di esposizione dei prodotti stessi ). Tale cartello unico, così come il registro dei singoli prodotti, deve essere esposto bene in vista e a disposizione dei clienti. Il cartello unico, o il registro, deve riportare: la denominazione di vendita; l'elenco degli ingredienti; la modalità di conservazione; la data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno di cui alla legge 4 luglio 1967, n 580 (e ss.mm.ii.) il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolometrico superiore a 1,2 % vol. Purtroppo, è doveroso segnalare che i cartelli unici degli ingredienti (o i registri), quando ci sono, spesso si limitano a riportare un elenco delle materie prime utilizzate, basati esclusivamente sullo schema di cartello unico previsto dal D.M. 20 Dicembre In realtà, l'elenco degli ingredienti deve specificare sia quelli contenuti nei semilavorati utilizzati sia quelli aggiunti, in ordine decrescente in base al peso, secondo uno schema definito nell'allegato 1 del D.M. 20 dicembre È importante tenere presente che il citato decreto legislativo definisce per ingrediente " qualsiasi sostanza, compresi gli additivi, utilizzata nella fabbricazione o nella preparazione di un prodotto alimentare, ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma modificata" Un'altra normativa molto importante è quella relativa agli additivi alimentari (Reg. CE 1333/2008), che riguarda ventisei categorie di prodotti che vanno dagli "edulcoranti" agli "emulsionanti", dagli "agenti sequestranti" agli "agenti schiumogeni". Anche gli aromi devono seguire norme specifiche, disciplinate dal Reg. CE n. 1334/2008 che definisce l'elenco degli aromi autorizzati, le loro condizioni per l'uso e le relative indicazioni per l'etichettatura. Diversi sono gli ingredienti che devono dunque seguire specifiche e più recenti disposizioni in materia di etichettatura. Si pensi ai coloranti, che a volte sono utilizzati per la produzione di una pasta caratterizzante; agli aromi, che possono rientrare in una base in polvere; ai prodotti allergizzanti, che possono fare parte di una ricetta, tipo nocciole, o essere presenti in tracce come residui di 5

6 lavorazione. Fondamentale ricordare che il D.Lgs. n. 114/2006 ha apportato modifiche al D.Lgs. 109/92. In base a questa norma, ogni sostanza appartenente alla lista dei potenziali allergeni o sia da questi derivata, quando impiegata nella preparazione dei prodotti alimentari e residua nel prodotto finito anche se in forma modificata, deve essere indicata in modo chiaro sul cartello esposto a disposizione dei consumatori (ad esempio, il prodotto può contenere tracce di uova, latte-prodotti a base di latte e soia ). Di seguito si riporta un esempio che evidenzia la notevole differenza tra l'elencazione sommaria degli ingredienti utilizzati e quella corretta che dovrebbe essere adottata. Etichetta sbagliata Esempio - cornetto farcito con crema pasticcera Sfoglia: farina di grano tipo 00, acqua, sale marino, zucchero. Farcitura: crema pasticcera Etichetta corretta Sfoglia: Farina di grano tipo 00, acqua, sale marino, zucchero semolato. Il prodotto può contenere tracce di uova, latte-prodotti a base di latte e soia (in quanto ingredienti utilizzati come ingredienti in altre preparazioni utilizzando le stesse attrezzature)* Farcitura: crema pasticcera (es. di crema pasticcera a partire da un semilavorato in polvere a cui si aggiunge latte): zucchero, amido modificato, latte scremato in polvere, siero di latte in polvere, grassi vegetali idrogenati, addensanti (E578, E450i, E339ii), amido, lattosio, sale, coloranti (annatto, caroteni, riboflavina), aromi, proteine del latte, emulsionanti (E372a, E322), ricotta (siero di latte, latte vaccino), zucchero, amido di mais. Il prodotto può contenere tracce di uova, e soia (in quanto ingredienti utilizzati come ingredienti in altre preparazioni utilizzando le stesse attrezzature). Norme sulla qualità e la trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini È uscita sulla Gazzetta Ufficiale n. 26 del 31/1/13 la Legge 14 gennaio 2013 n. 9 Norme sulla qualità e la trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini. Novità per i Pubblici Esercizi Al comma 2, dell'art 7, viene previsto che gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, ad eccezione di quelli usati in cucina per la preparazione dei pasti, devono possedere idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata, ovvero devono essere etichettati in modo da indicare almeno l'origine del prodotto ed il lotto di produzione a cui appartiene. Con questo comma, viene rimarcato il divieto, peraltro già in vigore da qualche anno, di mettere a disposizione della clientela oliere rabboccabili, prive di etichetta esterna circa l'origine dell'olio. I contenitori messi a disposizione dei clienti, dovranno quindi essere confezionati appositamente, con in etichetta le indicazioni sopra descritte e non potranno essere rabboccabili. E' da evidenziare che se nel pubblico esercizio vengono messe a disposizione della clientela confezioni di olio con il termine minimo di conservazione scaduto, il comma 3, dell'articolo 7, prevede in capo al titolare una sanzione amministrativa da 1000 a 8000 euro e la confisca del prodotto. 6

7 Vendite sottocosto Altro articolo degno di nota è il numero 11, che disciplina le vendite sottocosto degli oli di oliva extra vergini. La nota importante da segnalare è che per gli oli di oliva extra vergini, la vendita sottocosto è soggetta a comunicazione al comune dove è ubicato l'esercizio commerciale almeno venti giorni prima dell'inizio e può essere effettuata solo una volta nel corso dell'anno; inoltre viene vietata la vendita sottocosto di oli extra vergini di oliva da parte di esercizi commerciali che, da soli o congiuntamente a quelli dello stesso gruppo di appartenenza, detengono una quota superiore al 10 per cento della superficie di vendita complessiva esistente nel territorio della provincia dove hanno la loro sede Le norme sui sacchetti 'bio' per l'asporto merci Si informa che è stato pubblicato in GU n. 73 del il Decreto del 18 marzo u.s. con cui il Ministero dell'ambiente ed il Ministero dello sviluppo economico hanno individuato le caratteristiche tecniche dei sacchi per l'asporto delle merci in attuazione dell'art. 2 comma 2 DL n. 2/2012 e ss. modificazioni (Misure straordinarie ed urgenti in materia ambientale). La ratio del provvedimento interministeriale risiede in particolare nell'esigenza di definire i limiti relativi alla commercializzazione dei sacchi resi disponibili dal punto vendita, a titolo oneroso o gratuito, per l'asporto di generi alimentari e di prodotti diversi da parte dei consumatori. A tal fine, è consentita l'offerta a pagamento o gratuitamente ai terzi (escluso l'export) dei soli sacchetti appartenenti ad una delle seguenti categorie: a) monouso biodegradabili e compostabili, conformi alla norma armonizzata UNI EN 13432:2002, con la dicitura Sacco biodegradabile e compostabile conforme alla norma UNI EN 13432:2002. Sacco utilizzabile per la raccolta dei rifiuti organici ; b) riutilizzabili composti da polimeri diversi dai precedenti che abbiano maniglia esterna alla dimensione utile del sacco con spessore: - superiore a 200 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno 30% se destinati all'uso alimentare, con la dicitura Sacco riutilizzabile con spessore superiore ai 200 micron - per uso alimentare ; - superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10% se non destinati all'uso alimentare, con la dicitura Sacco riutilizzabile con spessore superiore ai 100 micron - per uso non alimentare ; c) riutilizzabili composti da polimeri diversi da quelli di cui alla lettera a) che abbiano maniglia interna alla dimensione utile del sacco con spessore: - superiore ai 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno 30% se destinati all'uso alimentare, con la dicitura Sacco riutilizzabile con spessore superiore ai 100 micron - per uso alimentare ; - superiore ai 60 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10% se non destinati all'uso alimentare, con la dicitura Sacco riutilizzabile con spessore superiore ai 60 micron - per uso non alimentare. Il decreto in vigore permette altresì la commercializzazione dei sacchi riutilizzabili per l'asporto delle merci ancorché realizzati in carta, in tessuti di fibre naturali, in fibre di poliammide ed in materiali diversi dai polimeri. Adecorrere dal 17 maggio p.v., chiunque commercializzi sacchi non conformi alle sopra descritte caratteristiche tecniche rischierà l'irrogazione di una sanzione pecuniaria da a , fermo restando che gli organi di polizia amministrativa accerteranno d'ufficio o su denunzia le eventuali violazioni e presenteranno alla Camera di commercio per territorio il relativo rapporto ai sensi dell'art. 17 L n. 689/1981 e ss. integrazioni (Modifiche al sistema penale). 7

8 Anticipata al 31 maggio 2013 la scadenza per la redazione del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) A modifica della circolare dell'8 aprile 2013 n. 916 il Ministero del Lavoro con una circolare della Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro, ha precisato che la possibilità per i datori di lavoro di effettuare la valutazione dei rischi con una autocertificazione termina in data 31 maggio È dunque indispensabile che entro e non oltre il 31 MAGGIO 2013 le imprese si dotino di un DVR redatto secondo le procedure standardizzate. Gli Uffici delle Confesercenti (Servizio Sicurezza) sono a disposizione degli associati per ogni chiarimento. Il Consorzio dell'associazione è a disposizione dei soci ENERGIA: attenzione alle offerte risparmiose (che tali non sono) Ad esempio: offerta EniLuce e Gas: ennesima truffa Come tanti di noi avranno toccato con mano, per telefono o con visite dirette in azienda o a casa, sono tante le offerte che vengono proposte in merito alle forniture di luce e gas (Hera, Enel Energia, Eni, Sorgenia, ecc.) e capita di frequente che arrivino preventivi e offerte mirabolanti di risparmio sui costi, spesso senza particolari informazioni sui costi definitivi e particolari che vengono taciuti se non quasi nascosti. Ad esempio in questi giorni sta circolando un' , rivolta alle aziende e pervenuta anche in Associazione, che promuove un'offerta di ENI per la fornitura di energia elettrica e gas. L'offerta riporta prezzi apparentemente molto vantaggiosi rispetto alle tariffe dei maggiori fornitori di energia elettrica e gas presenti in Emilia Romagna, evidenziando la dicitura TARIFFE BLOCCATE PER 2ANNI. Abbiamo chiesto ai consulenti del nostro Consorzio, Innova Energia, di analizzare l'offerta e di verificarne l'attendibilità: è bastata una telefonata al commerciale di Eni, autore dell' , per capire che in realtà si tratta di un'offerta INDICIZZATA, con prezzi VARIABILI mensilmente e molto più alti di quelli indicati nella , camuffata per un'offerta a prezzo fisso. Le offerte INIDICIZZATE, infatti, sono strutturate nella seguente maniera: prevedono un prezzo base al quale, mensilmente, viene aggiunta la variazione che subisce l'indice energetico di riferimento. In fattura pertanto, il prezzo finale dell'energia sarà dato dalla somma del prezzo base e della variazione mensile dell'indice, col risultato di avere ogni mese un prezzo diverso, variabile a seconda dell'andamento dell'indice energetico definito da ENI. Il commerciale di ENI si è giustificato affermando che la dicitura tariffe bloccate per 2 anni è corretta in quanto riferita al solo prezzo base ; tuttavia nell' non c'è nessuna precisazione in merito, così come non si fa nessun riferimento al fatto che si tratta di un'offerta indicizzata. Il messaggio promozionale di ENI divulgato tra gli associati è, pertanto, ingannevole. Alla luce di tutto ciò, si invitano gli associati a diffidare sempre di offerte come queste (ma anche altre non sono da meno), che riportano prezzi fuori mercato e promettono risparmi elevatissimi. Questo per ricordare che prima di sottoscrivere ogni preventivo e contratto offerto è bene prendere tempo e guardarci dentro e avere tutti i riferimenti dei costi per fare le comparazioni necessarie. L'Associazione anche per questo ha costituito un Consorzio per l'acquisto dell'energia a condizioni migliori con competenze adeguate per valutare anche preventivi e contratti. Nel caso doveste ricevere proposte, a vostro giudizio, interessanti, vi ricordiamo che il Consorzio Innova Energia è sempre disponibile a valutarle nel dettaglio e ad offrirvi una consulenza gratuita in merito (Tel: ; Fax: ). Informazioni anche presso gli uffici dell'associazione. Ricordate: una telefonata può aiutarvi a tutelare i vostri soldi. Non abbiate fretta di firmare Elisa Pivato Roberto Lucchi 8

9 Giovedì 23 Maggio ore 20,30 presso a Castellina di Brisighella, Via Corte 9 Festa Sociale degli associati Confesercenti Zona di Faenza, Bagnara di Romagna, Solarolo, Castel Bolognese, Brisighella, Riolo Terme e Casola Valsenio. La Festa è riservata agli associati Confesercenti, ai pensionati aderenti a FIPAC, ai dipendenti Confesercenti ed ai loro familiari e amici. Sarà gradito ospite l'assessore alle Attività Produttive del Comune di Brisighella, Franco Spada La cena sarà allietata da alcuni momenti di gioco e dalle barzellette di Sgabanaza Il Menù: APERITIVO Buffet con angolo rustico, piadina e formaggi freschi e stagionati, affettati, verdure pastellate e fritti misti, torte salate, Prosecco e Cocktail alcolici e analcolici PRIMI Passatelli caserecci con tartufo - Crespellina porcini e asparagi SECONDO Maialino arrosto con patate e verdure grigliate DESSERT Tortino al cioccolato e Millefoglie con crema chantilly Vino, Acqua, Caffe' e Liquori Costo della Cena 32,00 a persona Prenotazione e pagamento quota entro il 15 maggio 2013 nelle sedi di Faenza, Riolo Terme e Castel Bolognese 9

10 GAS FLUORURATI: nuovi termini e corsi E' stato prorogato di 60 giorni (scade ora il 12 giugno 2013) il termine per l'iscrizione al Registro Nazionale Gas Fluorurati. In particolare interessa settori come autoveicoli, distributori di carburanti, autofficine, demolitori, qualche ferramenta, ecc.) che dovranno effettuare anche un corso obbligatorio. Le attività interessate sono invitate a contattare le sedi dell'associazione (UfficioAffari Generali). Informazioni sulla nuova banconota da 5 La Banca Centrale Europea ha diffuso una informativa sulla nuova banconota da 5 emessa, ritenuta più sicura (più facile da controllare e più difficile da falsificare) di quella della prima serie, che continuerà ad aver corso legale e circolerà insieme alla nuova fino a nuova comunicazione. Chi è interessato ad avere il depliant informativo può rivolgersi presso la sede dell'associazione oppure al Servizio Cassa Generale Via Nazionale Roma - Tel Fax Una PETIZIONE per l'ampliamento degli orari di accesso alla ZTL di Ravenna nei giorni feriali In stretta analogia con quanto già proposto dalle associazioni di categoria già a partire dal 2008 con le osservazioni presentate al Piano Generale del Traffico Urbano congiuntamente da Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato e CNA che chiedevano alla lettera " la possibilità che i varchi oggi regolati da Sirio... possano essere resi accessibili dopo le ore 18,00 in contemporanea con la gratuità dei parcheggi" alla luce delle mutate (e peggiorate) condizioni di mercato, ritenendo appunto che per ridare vitalità al centro storico non si possa prescindere da consentire un accesso allo stesso anche da parte di veicoli a motore, ancorché in limitati orari della giornata per consentire di poter usufruire dei servizi commerciali presenti nel centro storico cittadino, è stata proposta e presentata una petizione con raccolta firme da parte di Ravenna Centro Storico e con il sostegno delleassociazioni di categoria per chiedere: che si apra PRIORITARIAMENTE una riflessione affinché gli orari di accesso alle ZTL della città di Ravenna che prevedono il divieto dalle 8 alle 20,30 vengano ampliati, consentendo nei giorni feriali ai veicoli a motore di entrare, a partire dalle 18,00, in maniera da concedere la possibilità di accedere alle attività commerciali (che chiudono alle 19,30/20,00) in questa fascia oraria con l'ausilio del veicolo; che si apra, contemporaneamente e subordinatamente a quanto sopra, una riflessione affinchéanche gli orari di accesso alle ZTLdella città di Ravenna per le quali è previsto un divieto di accesso per 24 ore al giorno (h 24) vengano a loro volta ampliati alle condizioni e con le medesime finalità; che si apra, contemporaneamente e subordinatamente a quanto sopra, una riflessione sulla possibilità di consentire ANCHE il parcheggio gratuito nelle stesse fasce orarie sopra indicate, al fine di consentire ulteriore vitalità al centro, in analogia con quanto proposto, con risultati soddisfacenti, sia nella città di Forlì per l'intero arco dell'anno che nella nostra città nei periodi delle festività natalizie. che le modifiche sopra proposte possano essere introdotte, ancorché singolarmente ed indipendentemente l'una dall'altra, anche per un periodo di tempo transitorio, al termine del quale fare le opportune valutazioni e trarre le relative conclusioni. La petizione è rivolta a operatori e cittadini. Si firma anche presso la sede dell'associazione in Piazza Bernini n

11 Il mare d'inverno di Tazzari in mostra a Torino Dal 2 maggio al 5 giugno prossimo le spiagge innevate della riviera ravennate, cervese e romagnola immortalate dagli scatti creativi e penetranti del noto fotografo ravennate Luigi Tazzari saranno esposte a Torino alla Galleria del Palazzo della Chiesa di Roddi in Via San Tommaso 6. Tazzari con la Damiani Editore (Bologna 2012) ne fece la relativa pubblicazione da cui si stralcia una delle recensioni sull'opera: Contrariamente ad altri fotografi contemporanei, Tazzari non ci mostra paesaggi finti che sembrano veri, oppure ambienti reali che appaiono come artificiali, le immagini di Mare d'inverno sono tratte dalla realtà senza artifici, è proprio questo a renderle interessanti. L'unico effetto speciale lo ha prodotto la natura regalando quella bianca coltre di neve che astrae il paesaggio marino. Ma è l'ambiguità del mezzo fotografico a completare l'opera, inquadrando, sotto la guida di Tazzari, solamente alcune porzioni di realtà, quelle spoglie di elementi architettonici identificabili.. Luca Panaro Quello che va in giro torna : una utile guida Il Comune di Ravenna ha prodotto nei giorni scorsi la pubblicazione dal titolo Quello che va in giro torna, per orientare e facilitare bambini e bambine con disabilità e le loro famiglie nell'accesso ai servizi ed alle istituzioni del nostro territorio, con la collaborazione di un gruppo formato da professionisti/e che, in vari enti e istituzioni, si occupano di sanità e salute, educazione, istruzione, formazione professionale, assistenza e promozione sociale. La guida è gratuita, consta di 28 pagine ed è suddivisa in capitoli: salute, educazione e istruzione, percorsi protetti e lavoro, diritti e opportunità, sportelli sociali, trasporti e mobilità; sarà distribuita in forma cartacea nelle scuole, nelle biblioteche, negli uffici pubblici ed è già scaricabile on line dal sito del Comune Pedagogica/Bambini-bambine-e-adolescenti-con-bisogni-speciali/Unaguida-per-l-integrazione-viaggiando-fra-le-istituzioni Per rendere ancora più fruibile questa mappatura di servizi per chi si trova in condizione di disabilità, è stata chiesta la collaborazione delle Associazioni a sostegno di questa iniziativa (accogliendone copie presso gli uffici dell'associazione) ed ampliarne la distribuzione nella città, in modo che i cittadini possano trovarla anche presso negozi, banche, biglietterie e altri pubblici esercizi. Chi è interessato ad avere questa importante e utile pubblicazione può contattare gli uffici dell'associazione di Ravenna (Ufficio di Segreteria - tel. 0544/292721). Un'altra azienda associata compie 60 anni: complimenti e felicitazioni a BOLOGNESI CALZATURE Non sono molti gli esercizi che possono vantare una storia di questo tipo. Parliamo di Bolognesi Calzature, il negozio oggi situato nel Centro Commerciale Globo di Lugo ma originariamente aperto altrove, e precisamente nella frazione di San Lorenzo, nel lontano Proprio quest'anno, pertanto, la famiglia Bolognesi festeggia 60 anni di attività: una ricorrenza importante, a maggior ragione in un periodo caratterizzato da un elevato tasso di mortalità delle 11

12 piccole aziende, che testimonia al contrario voglia di stare ancora sul mercato e capacità di rinnovamento, cogliendo e talvolta anticipando gusti e tendenze. Fondata da Domenica, madre di Francesco Bolognesi, che decise di vendere le calzature prodotte artigianalmente dal figlio, l'attività prese vita a San Lorenzo nel Verso la fine degli anni Sessanta, il trasferimento a Lugo, con l'apertura di un vero e proprio punto vendita, successivamente ampliato. La fine degli anni Ottanta segna il trasferimento al Centro Commerciale Globo ed il coinvolgimento della terza generazione della famiglia Bolognesi, i figli Achille e Loretta, attuali titolari dell'attività. Oggi questa si sviluppa su una superficie di oltre 700 mq, dove è possibile trovare prodotti di ogni genere, dalle calzature per uomo, donna e bambino agli articoli di pelletteria, valigeria ed accessori. Alla famiglia Bolognesi e ai collaboratori vanno le felicitazioni della Confesercenti e della redazione del periodico per questo significativo traguardo e per nuovi successi aziendali. Nella foto: lo storico negozio Bolognesi Calzature nella sua prima sede di San Lorenzo di Lugo. Convenzione 2013 con il Teatro Alighieri È stata rinnovata nei giorni scorsi la convenzione per gli associati con il Teatro Alighieri di Ravenna per gli spettacoli e le rassegne culturali dell'anno. Alle varie occasioni per utilizzare la relativa scontistica occorre presentare la tessera associativa dell'anno in corso. Riceviamo e pubblichiamo Una interessante iniziativa sul tema del GIOCO D'AZZARDO In occasione della nuova campagna "per non morire di gioco d'azzardo" ideata da Gruppo Dello Zuccherificio e RavennaCinema e sostenuta dal Comune di Ravenna, è indetto il concorso " Il tuo antidoto per non morire di gioco d'azzardo". Il gioco d'azzardo sta diventando la principale forma di dipendenza nel nostro Paese e spesso colpisce le fasce più deboli della popolazione. I concorrenti dovranno creare un'opera che mostri un rimedio per non soccombere a questa forma di dipendenza. Le opere possono essere di ogni forma artistico-culturale e sono previste due categorie: arti visive (dipinti, vignette o fumetti, fotografia, videoclip), letteratura ( poesia, saggi, articoli, racconti brevi). La partecipazione è aperta a tutti i ragazzi di età inferiore ai 25 anni, senza limiti di cittadinanza. Le migliori opere saranno messe in mostra o proiettate all'interno del "Grido Della Farfalla - 5 meeting Dell'informazione libera" che si terrà a Ravenna dal 16 al 19 maggio 2013 in piazza San Francesco. I vincitori di entrambe le categorie riceveranno in premio un buono da 100 euro da spendere nelle librerie Feltrinelli. E' possibile trovare e scaricare il bando completo a questo indirizzo web: Per qualsiasi altra informazione: 12

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

CONFESERCENTI Martedì, 30 giugno 2015

CONFESERCENTI Martedì, 30 giugno 2015 CONFESERCENTI Martedì, 30 giugno 2015 CONFESERCENTI Martedì, 30 giugno 2015 30/06/2015 Gazzetta di Modena Pagina 21 Banchi di frutta irregolari : «Vigilare» 1 30/06/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena)

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE a cura di ANTONELLA CATENAZZO Avere la lista della spesa non sempre è sufficiente ad evitare l acquisto di prodotti in più, magari superflui, ma che sembrano richiamare la nostra

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII N. 87 BARI, 3 GIUGNO 2011 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi REGOLAMENTO PER I COMUNI/ORGANIZZATORI ADERENTI ALL INIZIATIVA 1. Principi e Finalità generali Il Consorzio per lo Sviluppo

Dettagli

Comune di Avigliana. Disciplinare

Comune di Avigliana. Disciplinare Comune di Avigliana Provincia di Torino Disciplinare Mercato riservato all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli gestito da Federazione Coldiretti Torino ai sensi del d.m.

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 GENNAIO 2010 N.1. INDICE 1. Premessa 2. Riferimenti normativi

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Produzione

Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione di ArtiGelato Gelato Artigianale Tradizionale Garantito Tipo di prodotto Gelato artigianale. Denominazione del prodotto ARTIGELATO

Dettagli

23 maggio 2016, alle ore 12

23 maggio 2016, alle ore 12 CITTA' DI TORINO AVVISO PUBBLICO E BANDO DI SELEZIONE PER PROGETTI RELATIVI A MANIFESTAZIONI CITTADINE SU SUOLO PUBBLICO NEL PERIODO ESTIVO 2016 (C.D. PUNTI VERDI ) NELLE CIRCOSCRIZIONI TORINESI Al fine

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi COMI Direzione Affari Generali e Supporto Organi Regolamento per la trasparenza e pubblicità della situazione personale, reddituale e patrimoniale dei titolari di cariche elettive del Comune di Venezia,

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007 Delibera n. 126/07/CONS Misure a tutela dell utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato ai sensi dell

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

DOMANDE PIU FREQUENTI

DOMANDE PIU FREQUENTI DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione

Dettagli

Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità.

Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità. Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità. GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente Torino, 5 dicembre 2013 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE COLLEGATO ALLA LEGGE DI STABILITA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 31 maggio 24 aprile 2015 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

gelatouniversity.com CORSI DI FORMAZIONE GELATO ARTIGIANALE

gelatouniversity.com CORSI DI FORMAZIONE GELATO ARTIGIANALE CORSI DI FORMAZIONE GELATO ARTIGIANALE 2008-2009 Carpigiani Gelato University (CGU) è un centro internazionale di formazione al servizio di chi già opera o desidera operare nel settore della gelateria

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SAGRE E DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN FORMA TEMPORANEA (ai sensi dell art.

Dettagli

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive Parte seconda - N. 135 Euro 2,46 Anno 40 6 novembre 2009 N. 188 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 luglio 2009, n. 1017 Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI

ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI ( Produzione e Commercio ) Il servizio è rivolto alle attività commerciali e produttive del settore alimentare con lo scopo di realizzare un check

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN. ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce. Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio

CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN. ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce. Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio Capitolo I - DEFINIZIONE E OBIETTIVI DEL CONCORSO Art. 1 Tipologia e tema

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1223 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

Dettagli

COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata)

COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata) COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata) Come ci si affilia alla FIBa? Come ci si affilia alla FIBa? Innanzitutto occorre dire che sono le Associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI Comune di CUSANO MUTRI Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI 1 Art. 1 Il Comune di Cusano Mutri in collaborazione con la Pro Loco Cusanese organizza, annualmente, nel

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

REGOLAMENTO 12 Novembre 2012, n. 13

REGOLAMENTO 12 Novembre 2012, n. 13 REGOLAMENTO 12 Novembre 2012, n. 13 Modifiche ed integrazioni al regolamento regionale 24 luglio 2007 n. 3 (Disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: - la congestione del traffico automobilistico richiede soluzioni plurime ed un approccio che integri diverse tecniche di governo della mobilità, quali il controllo degli

Dettagli

ALLEGATO FOTOGRAFICO

ALLEGATO FOTOGRAFICO Sacchetti illegali I risultati della campagna di monitoraggio di Legambiente sul rispetto della legge sulle buste di plastica nella Grande distribuzione organizzata Su 37 sacchetti per la spesa prelevati

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE

PROVINCIA DI TRIESTE PROVINCIA DI TRIESTE Regolamento di esecuzione della legge regionale 8 agosto 2000, n. 15 per l'introduzione dei prodotti biologici, tipici e tradizionali nelle mense pubbliche e per iniziative di educazione

Dettagli

VISTI CONSIDERATO CHE

VISTI CONSIDERATO CHE ACCORDO QUADRO SUI CRITERI PER L ACCESSO AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA IN LOMBARDIA - SECONDO TRIMESTRE 2014 TRA LA REGIONE LOMBARDIA E LE PARTI SOCIALI LOMBARDE presenti altresì: Italia Lavoro

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di energia elettrica Cosa riguarda Quando si applica Ulteriori obblighi Con la liberalizzazione del mercato dell energia elettrica, tutti i clienti hanno

Dettagli

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MILANO Articolo OGGETTO. Il presente regolamento è adottato ai sensi dell art. 52 del decreto legislativo n. 446 del 5.2.997 e disciplina l

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1156 DEL 23/12/2010

DETERMINAZIONE N. 1156 DEL 23/12/2010 COMUNE DI PIOLTELLO Provincia di Milano COPIA DETERMINAZIONE N. 1156 DEL 23/12/2010 SETTORE: SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZIO: COMUNICAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE E AGGIORNAMENTO PORTALE COMUNALE. IMPEGNO

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

Legge Regionale Lombardia 7/11/2013 n. 10 (B.U. 11/11/2013 n. 46) Disposizioni in materia di promozione e tutela della attività di panificazione

Legge Regionale Lombardia 7/11/2013 n. 10 (B.U. 11/11/2013 n. 46) Disposizioni in materia di promozione e tutela della attività di panificazione Pagina 1 di 5 MAGGIOLI EDITORE Ufficio Commercio Legge Regionale Lombardia 7/11/2013 n. 10 (B.U. 11/11/2013 n. 46) Disposizioni in materia di promozione e tutela della attività di panificazione Articolo

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Articolo 11 legge n. 212 del 2000 Aliquota IVA applicabile alle cessioni di alcuni prodotti alimentari

OGGETTO: Istanza di Interpello - Articolo 11 legge n. 212 del 2000 Aliquota IVA applicabile alle cessioni di alcuni prodotti alimentari RISOLUZIONE N. 164/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 giugno 2009 OGGETTO: Istanza di Interpello - Articolo 11 legge n. 212 del 2000 Aliquota IVA applicabile alle cessioni di alcuni

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. ATTO DI NOTORIETA (ARTT. 4, 19 e 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445) DICHIARA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. ATTO DI NOTORIETA (ARTT. 4, 19 e 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445) DICHIARA All. 1a UFFICIO DEL P.R.A. DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA (ARTT. 4, 19 e 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445) Il/La sottoscritto/a nato/a il / / a prov. (¹) residente a via consapevole delle sanzioni

Dettagli

Articolo 1 (Principi generali)

Articolo 1 (Principi generali) L. 25-2-1992 n. 215 Azioni positive per l'imprenditoria femminile. Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56. Articolo 1 (Principi generali)... 1 Articolo 2 (Beneficiari)... 1 Articolo 3 (Fondo nazionale

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII BARI, 10 GIUGNO 2011 N. 91 suppl. Sede Presidenza Giunta

Dettagli

CONVENZIONE CONFCOMMERCIO - HERA

CONVENZIONE CONFCOMMERCIO - HERA anno 56 n. 2 del 9-03-2015 REGOLAMENTO PER ETICHETTE ED ALLERGENI Nuove disposizioni in materia di informazione sugli alimenti ai consumatori per attività alimentari e pubblici esercizi In base al Regolamento

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Molti centri sportivi si

Molti centri sportivi si il consulente del club di Luca Mattonai Molti centri sportivi si domandano se possono fare la pubblicità alla propria struttura o ai corsi che istituiscono, ma ad oggi nessun chiarimento è mai giunto da

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento ordinario n. 27 al Bollettino Ufficiale n. 16 del 28 aprile 2012 Poste Italiane S.p.A. - Spediz. in abb. postale 70% - DCR Roma Roma, 28 aprile 2012 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA NORME VIGENTI Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA LEGISLAZIONE L. 4 luglio 2005, n 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia 1. Celiachia come malattia sociale 2. Diagnosi

Dettagli

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business.

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. La nostra storia. Ciao Pizza nasce nel 1996 dall idea di tre giovani imprenditori di creare un realtà stabile nel settore della piccola ristorazione. Non c

Dettagli

Provincia di Napoli 1

Provincia di Napoli 1 Provincia di Napoli 1 CENSIMENTO GENERALE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI Scade il 20 dicembre il termine per la restituzione del questionario Parte il countdown per la chiusura delle operazioni censuarie,

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni Selezione per il finanziamento di Progetti per la realizzazione di iniziative di informazione territoriale delle Associazioni dei consumatori iscritte al CNCU (PDT2) Visti: la legge 14 novembre 1995, n.

Dettagli

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015 Regolamento Comunale delle Sagre e delle attività di somministrazione di alimenti e bevande in forma temporanea (ai sensi dell art. 10 della Legge Regionale 14/2003 come modificato dalla L.R. 27/6/2014

Dettagli

GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA. Sergio Luzzi COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE

GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA. Sergio Luzzi COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE Sergio Luzzi Vie En.Ro.Se. Ingegneria Firenze COME ORIENTARSI TRA

Dettagli

Anno 37 13 ottobre 2006 N. 148. DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE CULTURA, FORMAZIONE E LAVORO 5 ottobre 2006, n. 13737

Anno 37 13 ottobre 2006 N. 148. DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE CULTURA, FORMAZIONE E LAVORO 5 ottobre 2006, n. 13737 Parte seconda - N. 105 Spedizione in abbonamento postale - Filiale di Bologna Euro 0,82 art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 Anno 37 13 ottobre 2006 N. 148 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE CULTURA, FORMAZIONE

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI TITOLO I DENOMINAZIONE DURATA - SCOPI SOCIALI FINALITA MARCHIO Articolo 1 Costituzione - Sede - Durata E' costituita una Associazione senza fini di lucro denominata

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e

STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e Credito della CGIL (FISAC/CGIL) con la denominazione:

Dettagli

= Circolare n. 10/2014 19.12.2014

= Circolare n. 10/2014 19.12.2014 = Scadenze = Circolare n. 10/2014 19.12.2014 + 29 dicembre + Versamento dell'acconto IVA Presentazione elenchi Intrastat contribuenti mensili + 31 dicembre + Stampa dei libri contabili obbligatori + 16

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet. Provvedimento

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet. Provvedimento Giurisprudenza nazionale AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento Adunanza del 30 Giugno 2005 Procedimento numero PI4759 nr. 14469 05, RUM QUINTERO, pubblicato sul bollettino nr.

Dettagli

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 GenSanDir Fondo Sanitario dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali CF 90069610328, Iscritto all Anagrafe dei Fondi Sanitari presso il Ministero della Salute Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007 Delibera n. 96/07/CONS Modalità attuative delle disposizioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive

Il Ministro delle Attività Produttive Il Ministro delle Attività Produttive VISTO l articolo 21, del Decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese di gas naturale che svolgono nel

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI CHEK LIST Mod.6_G SERVIZI N. ordine dell Elenco richiedenti marchio DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A. di n. in data / / P.IVA di cui

Dettagli

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56)

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) Art. 1. Principi generali. 1. La presente legge è diretta a promuovere l'uguaglianza

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con delibera n del REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE INDICE ART 1 - PRINCIPI E FINALITA GENERALI Principi fondativi e valori etici

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 CASSA DI ASSISTENZA DEI DIRIGENTI DELLE SOCIETA DEL GRUPPO GENERALI RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 (Assemblea dei Soci del 27 aprile 2011) Piazza Duca degli Abruzzi, 2 Trieste CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE 13.5.2014 L 138/45 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE del 4 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le norme

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta del Cacao e Cioccolato uno Novità Normative La normativa che disciplina il

Dettagli

Progetto Da donna a donna

Progetto Da donna a donna Progetto Da donna a donna Un mosaico di iniziative in occasione dei 40 anni del Circolo BNL Presentato dalla Sezione Palcoscenico CCRS BNL di Roma in collaborazione con Il circolo BNL Nel cuore La fase

Dettagli

PROCEDURA DI TESSERAMENTO

PROCEDURA DI TESSERAMENTO PROCEDURA DI TESSERAMENTO Guida alla procedura on-line per il tesseramento degli atleti. Entrate con il vostro codice società e password nell ambito riservato alla vostra società. Fate click su riaffiliazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI Milano, 07/08/2015 Le diete speciali sono pasti preparati appositamente per gli utenti che per motivi di salute o per scelte etico religiose hanno la necessità di seguire un regime alimentare diversificato

Dettagli