SCUOLA PRIMARIA DON GIACOMO MEZZACASA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA PRIMARIA DON GIACOMO MEZZACASA"

Transcript

1 SCUOLA PRIMARIA DON GIACOMO MEZZACASA di LA VALLE AGORDINA CLASSE QUARTA a.s. 2013/2014 Ins. Rigo M. Gabriella 1

2 ESCURSIONE E STUDIO DI UN BOSCHETTO 1. USCITA NEL TERRITORIO USCITA sul territorio guidata da tecnici del Servizio Forestale della Regione Veneto DATA 28 ottobre 2013 PARTECIPANTI alunni classi terza e quarta della Scuola Primaria Don Giacomo Mezzacasa di La Valle Agordina LOCALITÀ boschetto in fondo al villaggio di Conaggia, ultima frazione a Nord- Est del Comune di La Valle Agordina. L area esaminata è di circa un centinaio di metri quadrati. Si sono effettuate anche due brevi tappe, una nel letto del torrente Bordina e una in un prato limitrofo al boschetto al fine di poter effettuare confronti tra ambienti. CONDIZIONI METEOROLOGICHE nuvoloso, aria piuttosto fresca e forte umidità POSIZIONE TOPOGRAFICA fondovalle, a circa 850 metri di altitudine, ai piedi della Catena del Tamer-San Sebastiano e del Monte Celo, sulla destra idrografica del Torrente Bordina, in sua prossimità. Catena Tamer-San Sebastiano Monte Celo Rio Cassolana Strada silvo- pastorale Boschetto Torrente Bordina 2

3 IMPRESSIONI SUL PAESAGGIO Il boschetto non suscita in noi esclamazioni di meraviglia per la bellezza delle piante o del sottobosco, né attira in particolar modo la nostra attenzione con colori e suoni. Si sente il profumo del muschio e una forte umidità. È un boschetto come se ne vedono tanti altri qui da noi. Dà la sensazione di essere cresciuto tra molte difficoltà, in modo spontaneo e disordinato. Trascurato dall uomo non è privo però di tracce che lo stesso vi ha lasciato quali rifiuti ( lattine, cartacce ) ai lati del sentiero che lo attraversa. Il sentiero è abbastanza grande, vi può passare anche un piccolo trattore. RILEVAMENTO DATI Tabella delle piante osservate e individuate nel boschetto Specie di pianta Tipo di pianta Altezza Aspetto della corteccia Foglie Numero esemplari presenti Abete Rosso Albero sempreverde 20 metri Colore rossastro, con licheni e muschi Aghiformi, verde scuro 40 circa Nocciolo Arbusto caducifoglia 3-4 metri Colore grigio Ovali, dentellate, gialle tre Acero montano Albero caducifoglia 3-4 metri Colore grigio Palmatolobate, gialle uno Frassino Albero caducifoglia 4-5 metri Colore grigio Composite marroni uno Muschio 1-5 centimetri verde 3

4 Tabella dei funghi e dei licheni osservati Funghi a mensola Licheni arancioni Licheni a barba Dove crescono Sui rami o sui tronchi degli alberi che stanno marcendo a terra; sugli alberi ritti Sui tronchi degli alberi Sui tronchi degli alberi Numero esemplari Su tre tronchi vari esemplari con colori diversi Su sei abeti Su quattro abeti Tabella delle tracce lasciate nel boschetto dagli animali Traccia Tipo di traccia Animali Nocciole Residui di cibo Topi rosicchiate Pigne Residui di cibo Scoiattoli Escrementi a forma Cervo di cilindretti Nocciole spaccate Residui di cibo scoiattoli Tabella delle piante rilevate in primavera Nome Tipo di pianta Altezza Fiore Foglie Numero esemplari presenti Fiore di arbusto 70 cm rosa A ciuffi due stecco Viola erba 5 cm viola sei Anemone erba celeste Dure otto Acetosella erba 10 cm bianco A forma di dieci cuore Polmonaria erba 30 cm Rosa e azzurro ovali tre 4

5 2. DISEGNO STRATI DELLA VEGETAZIONE Osservando l altezza delle specie vegetali presenti abbiamo visto che il boschetto è formato da diversi strati di vegetazione: lo strato arboreo, cioè il livello superiore formato dagli abeti rossi. Per la sua frequenza la specie dominante è proprio l abete rosso. Gli abeti rossi hanno tronchi sottili, sono giovani; hanno tutti la stessa età e si danno fastidio uno con l altro. lo strato arbustivo, cioè il livello intermedio formato dal nocciolo e dal novellame dell acero e del frassino, lo strato erbaceo e lo strato del muschio. Le persone anziane del paese raccontano che dove ora vi è il boschetto un tempo vi erano campi coltivati dall uomo. Dopo l ultimo evento alluvionale accaduto nell autunno del 1966, gli abitanti del paese non si sono più recati in quella zona né per effettuare l aratura al fine di ripristinare i campi né per effettuare un rimboschimento. Le piante sono cresciute spontaneamente. È un boschetto misto di neoformazione. 5

6 3. STUDIO DEL CLIMA ALTITUDINE circa 850 metri sul livello del mare ESPOSIZIONE situato nel fondovalle, ai piedi del versante Nord-Ovest del monte Celo per un lungo periodo dell anno rimane all ombra del monte. La prima neve che scende in autunno e ricopre il suolo non si scioglie più fino alla fine del mese di marzo quando il sole pian piano riesce a essere presente sempre più a lungo. D estate è ben soleggiato. CLIMA per tutto l inverno la temperatura è rigida e il luogo resta all ombra del monte Celo. Le estati sono brevi e piovose. 6

7 4. STUDIO DEL SUOLO Sulla superficie cresce il muschio e vi sono tantissimi aghi di abete, foglie secche, legnetti e pigne. È di color marrone scuro, è morbido, piuttosto compatto, umido e odora di bosco. È composto da terriccio, radici, pezzi di pigna che si stanno decomponendo e nella parte più profonda vi è ghiaia. È ricco di humus. Depositi alluvionali. Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della terra Carta Europea del Suolo, Consiglio d Europa,

8 5. STUDIO DELLA FLORA a) Strato arboreo ABETE ROSSO Nome: abete rosso, in dialetto pez in latino picea excelsa Tronco dritto, alto fino a 50 metri. I rami in alto sono rivolti in su mentre quelli bassi sono pendenti. Corteccia di colore rossastro che si spacca in placche Foglie sempreverdi, aghiformi lunghe circa 2 cm, di colore verde scuro disposte tutt attorno al rametto. 8

9 Fiori e frutti fiori maschili e fiori femminili; pigne penzolanti, lunghe cm. Habitat vive tra gli 800 e i 1200 metri di altitudine ACERO DI MONTE Nome acero di monte, in dialetto ajer in latino Acer pseudoplatanus L. Tronco diritto può raggiungere i 30 metri con una chioma ovoidale; Corteccia grigia con sfumature 9

10 Foglie caduche, opposte, palmate, con 5 lobi profondi e margine dentato, di colore verde scuro Fiori e frutti: i fiori sono piccoli di colore giallo verdi, pendono in piccoli grappoli; il frutto è una disamara con ali Habitat predilige luoghi umidi e freschi FRASSINO Nome frassino, in dialetto frassen, in latino Fraxinus excelsior L. Tronco è un albero alto fino a metri 10

11 Corteccia grigia e liscia Foglie caduche, composte formate da 5 a 9 foglioline ovali, con il margine dentellato Fiori e frutti i fiori sono riuniti in gruppi; i frutti sono samare alate che pendono in fitti gruppi. Habitat predilige i terreni calcarei b)strato arbustivo NOCCIOLO 11

12 Nome nocciolo, in dialetto noseler in latino Corylus avellana L. Tronco è un arbusto, ricco di fusti di varie dimensioni Corteccia liscia, di colore grigio Foglie caduche, ovali, con estremità appuntita e margine seghettato Fiore e frutti fiori maschili e femminili sulla stessa pianta; i fiori maschili sono amenti penduli gialli che si aprono in febbraio marzo liberando il polline e i fiori femminili sono piccoli e rossi. I frutti sono le nocciole che sono in gruppi da 1 a 4 e sono protette da foglioline. Habitat boscaglie fino a 1000 metri di altitudine FIOR DI STECCO Nome Fior di stecco In latino Daphne mezereum L. Fusto è un arbusto che talvolta supera il metro d altezza; il fusto è legnoso, di colore grigio Foglie lanceolate, raggruppate a ciuffi anche alla sommità dei rami Fiori e frutti fiori rosa con quattro petali riuniti in gruppi; il frutto è una bacca rossa velenosa. Tutte le parti della pianta sono velenose. Habitat suoli calcarei, terreni piuttosto umidi 12

13 c)strato erbaceo ACETOSELLA DEI BOSCHI Nome Acetosella dei boschi In latino Oxalis acetosella L. Fusto erbacea, alta fino a 12 cm Foglie ogni foglia è formata da tre foglioline a forma di cuore Fiori con 5 petali bianchi, venati di rosa Habitat bosco ricco di humus ERBA TRINITÀ O ANEMONE Nome Erba trinità o anemone fegatella Hepatica nobilis Miller Fusto erbacea, alta da 5 a 15 cm Foglie coriacee a tre lobi, violette sotto Fiori celesti, solitari Habitat boschi di latifoglie o conifere 13

14 POLMONARIA MAGGIORE Nome polmonaria maggiore in latino Pulmonaria officinalis L. Fusto erbaceo, alto da 10 a 40 cm Foglie ovali Fiori corolle rosa che poi diventano azzurro-viola Habitat luoghi ombrosi al margine del bosco, terreno prevalentemente calcareo VIOLA Nome viola selvatica Viola hirta L. Fusto steli alti 5-15 cm Foglie dal suolo spunta un ciuffo di foglie a forma di cuore Fiori sbocciano isolati all estremità di uno stelo; sono formati da cinque petali viola. Habitat radure dei boschi 14

15 FARFARO Nome farfaro Tussillago farfara Fusto peduncolo cotonoso, coperto di foglie squamiformi Foglie grandi e tondeggianti alla radice Fiori è un insieme di fiorellini gialli addensati in un capolino; assomiglia ad una margherita. Habitat lungo i margini delle strade e sui terreni franosi d ) Muschio 15

16 6. FUNGHI E LICHENI FUNGHI specie di funghi a mensola dal colore grigio, blu, rosso e giallo che crescono sui tronchi marcescenti LICHENI color grigio che pendono come barbe dai rami e dai tronchi e croste arancioni sui tronchi degli alberi. I licheni sono organismi viventi costituiti da due organismi in simbiosi : un alga e un fungo. 16

17 7. STUDIO DELLA FAUNA a) Abitanti del sottobosco CERVO Nome Cervo Nome latino Cervus elaphus Caratteristiche è un mammifero molto grande. Le corna sono presenti solo nel maschio; cadono a febbraio- marzo e ricrescono l estate successiva con un ramo in più. Il suo verso è il bramito. Alimentazione è un erbivoro; si nutre di erbe, foglie, germogli, muschi, licheni, rami e cortecce Habitat montagna, boschi, prati e pascoli sino a oltre 2000 metri 17

18 b) Abitanti degli alberi SCOIATTOLO Nome scoiattolo Nome latino sciurus vulgaris Caratteristiche è un mammifero. È agilissimo: le sue zampe sono munite di unghie ricurve che gli permettono di arrampicarsi sulla corteccia degli alberi. Salta da un ramo all altro. Ha una coda lunga e folta che gli serve per mantenere l equilibrio. In inverno va in letargo. Alimentazione si nutre di nocciole e noci, pinoli, ghiande e germogli. È un roditore. Habitat boschi di faggi o di conifere 18

19 PICCHIO Nome Picchio Caratteristiche è un uccello con un becco robusto e diritto, che gli serve per forare la corteccia e trovare le larve degli insetti. Si arrampica sugli alberi grazie alle dita, due in avanti e due indietro, che hanno unghie forti. Anche la coda gli serve per salire. Alimentazione si nutre di larve, formiche e insetti. Habitat boschi 19

20 c) Abitanti del suolo ARVICOLA ROSSASTRA Nome Arvicola rossastra Caratteristiche è un mammifero. Alimentazione si nutre nocciole e noci, pinoli, ghiande e germogli. È un roditore. Habitat bosco 20

21 CHIOCCIOLA Nome chiocciola Caratteristiche è un mollusco. Possiede una grande conchiglia di oltre quattro centimetri, avvolta a spirale, di colore marrone. Ha gli occhi disposti sopra i due tentacoli più grandi; i due tentacoli più piccoli sono organi di tatto. Ha un largo piede che secerne muco. Va in letargo: scava un buco nel terreno soffice ricoperto di muschio, si rinchiude nel centro della sua conchiglia e la chiude con il suo muco. Alimentazione si ciba di sostanze vegetali Habitat bosco 21

22 FORMICHE Nome Formica Caratteristiche è un insetto. Ha il corpo diviso in tre parti e sei zampe Nei boschi di conifere essa forma alti nidi a forma di panettone, ricoperti da aghi. Vive in società: ogni formica ha un compito; ci sono: la regina, le operaie, le sentinelle Alimentazione si nutre d insetti Habitat bosco 22

23 8. IL BOSCHETTO : UN ECOSISTEMA Il boschetto che abbiamo visitato è un ambiente circoscritto in cui ci sono: ESSERI VIVENTI Piante (abeti rossi, frassino, acero ELEMENTI NON VIVENTI Suolo nocciolo, acetosella.) Animali( scoiattolo, formiche ) Muschi Licheni e funghi Acqua Clima Luce (esposizione) tutti legati tra loro, in relazione tra loro e PERCIÒ insieme costituiscono un ECOSISTEMA. COMUNITÀ COMUNITÀ ANIMALI VEGETALI ESPOSIZIONE CLIMA ACQUA SUOLO 23

24 9. LA CATENA ALIMENTARE e la RETE ALIMENTARE Tra gli esseri viventi presenti nell ecosistema si sviluppano anche relazioni alimentari: catene alimentari significa è mangiato da reti alimentari gli esseri viventi di un ecosistema possono essere cibo di molti altri esseri viventi e quindi far parte di diverse catene alimentari. Tante catene alimentari intrecciate tra loro formano una rete alimentare. 24

25 10. LA BIODIVERSITÀ All interno dell ECOSISTEMA boschetto sono presenti diverse specie di esseri viventi: piante, animali e microrganismi. Alcune specie le abbiamo individuate, altre no e altre ancora non siamo stati in grado di riconoscerle precisamente: abbiamo scoperto la biodiversità presente in quell ambiente. La BIODIVERSITÀ indica la diversità degli organismi viventi all interno di una specie, tra le specie e nell ecosistema. Se l uomo inquina l ambiente con le sue attività o altera il clima, subito le specie animali e vegetali ne subiscono le conseguenze: diminuiscono, alcune addirittura si estinguono. L ambiente si impoverisce. L anno 2010 è stato l Anno Internazionale della Biodiversità e nella dichiarazione Per una Cultura della Biodiversità si dice: LA BIODIVERSITÀ CI ASSICURA LA VITA E IL BENESSERE IL GENERE UMANO DEVE LA PROPRIA SOPRAVVIVENZA E IL PROPRIO BENESSERE AI SERVIZI CHE VENGONO FORNITI DAGLI ECOSISTEMI NATURALI, 25

26 11. IL PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI Chi raggiunge il nostro paese, La Valle Agordina, viene accolto da un cartello LA VALLE AGORDINA, PORTA DEL PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI infatti una parte del territorio del nostro Comune, la Val Clusa, una zona impervia e selvaggia che si può raggiungere solo a piedi, appartiene al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Il parco è nato nel 1993 con lo scopo di tutelare e salvaguardare un territorio ricco di ambienti diversi e biodiversità : numerosissime sono le specie di flora presenti, alcune molto rare. Questo è il simbolo del parco. È la Campanula di Moretti, una pianta che cresce esclusivamente nelle Dolomiti. Un simbolo che ci ricorda che viviamo in un territorio speciale, ma anche che tutti noi siamo chiamati ad essere GUARDIANI DELLA NATURA 26

27 ESCURSIONE E STUDIO DI UN BOSCHETTO INDICE 1. USCITA NEL TERRITORIO pag.2 2. DISEGNO STRATI DELLA VEGETAZIONE pag.5 3. STUDIO DEL CLIMA pag.6 4. STUDIO DEL SUOLO pag.7 5. STUDIO DELLA FLORA a)strato arboreo b)strato arbustivo c)strato erbaceo pag.8 pag.11 pag FUNGHI E LICHENI pag.16 7.STUDIO DELLA FAUNA a)abitanti del sottobosco b)abitanti degli alberi c)abitanti del suolo pag.17 pag.18 pag.20 8.IL BOSCHETTO:UN ECOSISTEMA 9.LA CATENA ALIMENTARE e la RETE ALIMENTARE 10.LA BIODIVERSITÀ 11.IL PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI pag.23 pag.24 pag.25 pag.26 27

28 REALIZZATO DAGLI ALUNNI DI CLASSE QUARTA: LORENZO GIACOMO GIULIA MATTIA VALEKSINA DANIELE FILIPPO DESIRÉE DANIEL ARIFE DENIS FAUSTO 28

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo Il bosco e il sottobosco Il bosco è un ambiente naturale caratterizzato da alti alberi con grandi chiome. Gli alberi proteggono la parte più bassa del bosco, detta sottobosco, dal sole e dal vento. Abete

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

Abies, Abete (Pinaceae)

Abies, Abete (Pinaceae) , Abete (Pinaceae) Conifera dalla forma elegante e imponente, quasi sempre conica, molto diffusa come pianta ornamentale nei giardini e nei parchi pubblici e privati, in particolare per il colore degli

Dettagli

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici SCHEDE DESCRITTIVE Abete bianco Famiglia: PINACEE Genere: ABIES Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche Grande albero, alto anche 40-50 metri e con diametro sino a 3 metri, con fusto dritto

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria LE FOGLIE classe 2^ scuola primaria Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella quale si trova la nostra scuola offre diversi stimoli dal

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

L AMBIENTE RACCONTA Una terra...tanti ecosistemi

L AMBIENTE RACCONTA Una terra...tanti ecosistemi GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE PROVINCIA DI TORINO ELEMENTO T E R R A scheda 1 ECOSISTEMI TERRESTRI IL GIOCO DEI TRASLOCHI L AMBIENTE RACCONTA Una terra...tanti ecosistemi Sono molti gli ecosistemi legati

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena. Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare:

Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena. Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare: Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare: i salici piangenti perché si trovano in tante zone di Merone. I rami sottili e flessibili del salice venivano usati

Dettagli

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 All'ombra dell'edera Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Un giorno di primavera

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

Alla scoperta del PARCO della

Alla scoperta del PARCO della Alla scoperta del PARCO della STORGA I.C.S. Ponzano (TV) Scuola Primaria di Ponzano Classi 2A, 2B e 2C Ha collaborato al progetto BaldanEmanuele dott. in Scienze Biologiche Guida naturalistico ambientale

Dettagli

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO ATTIVITA per TUTTO IL GRUPPO LA STORIA LA BRICIOLA Lettura e comprensione della storia. La narrazione richiederà più ripetizioni perché in rima

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fusto ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

3. Attività in classe

3. Attività in classe 3. Attività in classe 3.1 Scuole Primarie Attività 1: Domande al volo Obiettivo: introdurre lo scoiattolo rosso e il suo ambiente, attraverso semplici domande poste ai bambini Durata: 20 minuti - Che cos

Dettagli

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE Si presenta come arbusto sempreverde con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!!

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!! C CIAO A TUTTI!! Noi siamo i ragazzi e le ragazze della 5^A & della 5^B della Scuola Primaria Callisto Zorzi di Verona. Il 15 & il 16 maggio abbiamo trascorso due fantastiche giornate in un luogo speciale.

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 OSSERVIAMO E IMPARIAMO A RICONOSCERE I FIORI DEL CANSIGLIO

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Progetto 6 Istituto Comprensivo Bruno Ciari di Padova A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Classi 2 A-2 B 2 B Scuola primaria Rodari ESPLORATORI PER UN GIORNO 15 aprile 2014 Casa Marina Parco Regionale

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fiore ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute?

Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute? Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute? Giulia Letizia Davide Amirah Mattia Matilde Matilda Matteo C. Martina Giada Asia Andrea I corpi cadono come la

Dettagli

CONFRONTO PARCO ALTO MILANESE E PARCO DEI CORNI DI CANZO

CONFRONTO PARCO ALTO MILANESE E PARCO DEI CORNI DI CANZO CONFONTO PACO ALTO LANESE E PACO DE CON D CANZO SVOLTO DALLA 2 Lavoro svolto da: atteo Foroni, ario Nebuloni, Cinotti Filippo, Claudio Giugnoli, Sofia imoldi, Vanessa Divone 2^ appa Esseri Viventi Parco

Dettagli

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 I tassi innamorati Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Due tassi, un maschio e

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SECONDA CHIACCHIERATA L ALBERO:UN VERO PROTAGONISTA! L'albero non è un materiale inerte, al contrario ha una vita intensa:

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

L'ambiente va a scuola

L'ambiente va a scuola L'ambiente va a scuola Il bosco o e gli incendi n i L ECOSISTEMA BOSCO Non esiste un solo tipo di bosco, ma tanti quanti possono essere le differenti condizioni ambientali (temperatura, altitudine, pendenza

Dettagli

LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI

LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI Attraverso la lettura del libro I fiori delle Dolomiti abbiamo deciso di inventare e realizzare Il gioco dell'erbarioca, un gioco

Dettagli

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

National Wildlife Federation. Parco Nazionale dei Monti Sibillini

National Wildlife Federation. Parco Nazionale dei Monti Sibillini National Wildlife Federation La NWF è una delle più grandi associazioni ambientaliste americane (conta oggi oltre 4 milioni di iscritti) che dal 1936 è impegnata nella conservazione e salvaguardia della

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

LE PIANTE. Dott.ssa geol. Annalisa Antonelli

LE PIANTE. Dott.ssa geol. Annalisa Antonelli LE PIANTE IL REGNO DELLE PIANTE Comprende tutti gli organismi pluricellulari che sono in grado di compiere la fotosintesi; Si dividono in due grandi categorie 1) PIANTE COMPLESSE si riproducono per mezzo

Dettagli

La corteccia è liscia di colore marrone con tante lenticelle chiare nei fusti giovani (a dx) squamosa nei fusti più vecchi (a sx)

La corteccia è liscia di colore marrone con tante lenticelle chiare nei fusti giovani (a dx) squamosa nei fusti più vecchi (a sx) NOCCIOLO (Corylus avellana) riconoscerlo? Portamento: è un arbusto caducifoglio con una ceppaia da cui partono molti fusti detti polloni Si trova nel sottobosco dalla pianura fino a 1700 m Gemme ellittiche

Dettagli

Unità di apprendimento

Unità di apprendimento Unità di apprendimento Titolo: Il bosco Dati identificativi Anno Scolastico: 2014-2015 Periodo: Intero anno scolastico Destinatari: Alunni classe terza/quarta Materie coinvolte: italiano, storia, geografia,

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011

LABORATORIO C.R.E.A. S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 NELL ANNO INTERNAZIONALE DEDICATO ALLE FORESTE LA CLASSE 1 a C HA PARTECIPATO AL LABORATORIO C.R.E.A. CON LA SUPERVISIONE

Dettagli

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura:

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Modulo classi seconde Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Realizzato

Dettagli

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco.

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco. La serra. La nostra piccola serra è una vasca rettangolare di plastica trasparente. Come prima cosa rileviamo le sue dimensioni così da far ritagliare dal vetraio una lastra per poterla chiudere ermeticamente.

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE FATTORIA DIDATTICA IL RACCOLTO A.S. 2015-2016

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE FATTORIA DIDATTICA IL RACCOLTO A.S. 2015-2016 PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE FATTORIA DIDATTICA IL RACCOLTO A.S. 2015-2016 SCUOLE DELL'INFANZIA E PRIMO CICLO SCUOLE ELEMENTARI SECONDO CICLO SCUOLE ELEMENTARI E SCUOLE MEDIE SCUOLE DELL'INFANZIA

Dettagli

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte D. Delleani, F. Spanna, F. Valfrè, R. Caramiello,V. Fossa, R. Pelosini4, N. Loglisci4 Regione Piemonte - Settore Pianificazione e Gestione delle Aree protette

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

La catena alimentare. Sommario

La catena alimentare. Sommario La catena alimentare classe Istituto Comprensivo anno scolastico 2009/10 Sommario Che cos è la catena alimentare Il ciclo alimentare I produttori I consumatori primari I consumatori secondari I consumatori

Dettagli

Quando si conosce il proprio territorio lo si rispetta e lo si ama AQUILEIA: Borgo Monastero

Quando si conosce il proprio territorio lo si rispetta e lo si ama AQUILEIA: Borgo Monastero Quando si conosce il proprio territorio lo si rispetta e lo si ama AQUILEIA: Borgo Monastero Tutti conoscono Aquileia romana, ma noi vi vogliamo parlare di un Borgo che è uno dei gioielli della nostra

Dettagli

La vita del pino silvestre

La vita del pino silvestre La vita del pino silvestre Riordina la sequenza degli avvenimenti, attribuendo ad ogni disegno il numero corretto: 1. un piccolo seme alato esce dalla pigna e cade sul terreno; 2. il seme produce foglie

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Il nostro giardino incantato

Il nostro giardino incantato Il nostro giardino incantato progetto realizzato dalla classe IV primaria Isituto San Giusppe, via Bazzini 30, 20131 Milano Ottobre 2014 Febbraio 2015 Quest anno la maestra Daniela ci ha proposto di partecipare

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI Camminando all interno della nostra scuola, scopriamo una porta che dà sul nostro giardino aperta! Andiamo a curiosare Ma cosa c è lì per terra?... Una lettera.misteriosa,

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Alla scoperta degli alberi

Alla scoperta degli alberi Alla scoperta degli alberi Indice La festa dell albero...3 Glossario...4 Come stimare l altezza di un albero...5 Cenni di botanica...5 Il fiore...6 Laurus nobilis - Alloro...8 Cercis siliquastrum - Albero

Dettagli

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR Chiampo, 8 maggio 2014. Ore 8.00: partenza. Meta: Recoaro Mille (VI). Tempo percorrenza: 1 ora circa. Ore 9.00:

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 1) DESCRIVERE UN FUSTO LEGNOSO Procuratevi un ramo di albero da frutto e chiedete ai ragazzi di descriverlo. Fate discutere

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni

GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni PROGETTO di INTERCULTURA DI SCIENZE GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni SCUOLA INFANZIA FRATELLI GRIMM Docenti: Loredana Tavoloni ed Elisa Panfoli Motivazione Portare i bambini ad osservare

Dettagli

Birdwatching in città

Birdwatching in città Birdwatching in città Cinciarella alla mangiatoia nel Giardino Ducale Consigli per osservare e conoscere i clandestini in città, gli uccelli selvatici che si sono adattati a vivere accanto alle nostre

Dettagli