I DISPOSITIVI ANTICADUTA CAMPO DI APPLICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISPOSITIVI ANTICADUTA CAMPO DI APPLICAZIONE"

Transcript

1

2 Linea795 I DISPOSITIVI ANTICADUTA Tutti i corsi di formazione che riguardano la sicurezza sui luoghi di lavoro iniziano con l analisi dei rischi e individuano nelle cadute dall alto la causa del maggior numero di infortuni mortali. L art.122 del D.L.vo 81/2008 Testo unico della sicurezza sul lavoro specifica che per lavori che si svolgono ad un altezza superiore ai 2 metri è necessario adottare dispositivi e precauzioni atte ad evitare i pericoli di caduta. Il contenuto di questo articolo, già presente nelle previgente normativa dagli anni 50, trova adesso precise indicazioni attuative nell art.115 del D.Lvo 81/2008, che riconosce a pieno titolo l utilizzo come dispositivi per la prevenzione delle cadute dall alto i componenti costruiti e realizzati secondo la NORMA UNI EN 795:2002. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutte le volte che si effettuano lavori in quota, in assenza di sistemi di protezione collettiva, necessariamente si devono installare impianti anticaduta, che possono essere costituiti da dispositivi di ancoraggio e linee di ancoraggio cui l operatore deve connettersi con i propri dispositivi di protezione individuale (D.P.I.), così come previsto dall art. 115 del D.L.vo 81/2008: Articolo Sistemi di protezione contro le cadute dall alto 1. Nei lavori in quota qualora non siano state attuate misure di protezione collettiva come previsto all articolo 111, comma 1, lett. a), è necessario che i lavoratori utilizzino idonei sistemi di protezione composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente, quali i seguenti: a) assorbitori di energia; b) connettori; c) dispositivo di ancoraggio; d) cordini; e) dispositivi retrattili; f) guide o linee vita flessibili; g) guide o linee vita rigide; h) imbracature. 2. Il sistema di protezione, certificato per l uso specifico, deve permettere una caduta libera non superiore a 1,5 m o, in presenza di dissipatore di energia, a 4 metri. 3. Il cordino deve essere assicurato, direttamente o mediante connettore lungo una guida o linea vita, a parti stabili delle opere fisse o provvisionali. 4. Nei lavori su pali il lavoratore deve essere munito di ramponi o mezzi equivalenti e di idoneo dispositivo anticaduta. 2 Alcune Regioni e Provincie, anticipando la Legge nazionale, hanno introdotto, prima del maggio 2008, Leggi regionali, provinciali e/o regolamenti locali che rendono obbligatoria l installazione permanente di questi dispositivi annullando, in assenza, il titolo abilitativo (Permesso di costruire o D.I.A.). AcciaioQuattro srl

3 UNI EN 795 LA NORMA UNI EN 795:2002 La norma, il cui ultimo aggiornamento risale al dicembre del 2002, specifica i requisiti, le istruzioni per l uso e la marcatura di dispositivi di ancoraggio progettati per essere esclusivamente utilizzati con D.P.I. contro le cadute dall alto. I dispositivi di ancoraggio sono suddivisi in classi A (ancoraggi puntuali), B (ancoraggi provvisori portatili), C (linee di ancoraggio flessibili), D (rotaie rigide) e E (ancoraggi a corpo morto). Gli ancoraggi in classe B, provvisori portatili, sono da considerare a loro volta DPI. Gli ancoraggi della gamma Linea795 appartengono alle classi A e C: CLASSE A1 Ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate; per e- sempio pareti, colonne, architravi. CLASSE A2 Ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati. CLASSE C Dispositivi di ancoraggio che utilizzano linee di ancoraggio flessibili orizzontali, dove per linea orizzontale si intende una linea che devia dall'orizzontale non più di 15. La norma prevede che gli ancoraggi delle classi A1 e A2 siano progettati in modo da garantire che il dispositivo di protezione individuale (DPI), correttamente applicato, non possa staccarsi involontariamente; sono inoltre previste delle prove di certificazione statiche (1000 kg per 3 minuti) e dinamiche (caduta di una massa di 100 kg). Per gli ancoraggi di classe C sono previste le prove di resistenza statica e dinamica, nonché una prova di prestazione dinamica finalizzata a verificare la congruenza tra i programmi di calcolo e i risultati delle prove. AcciaioQuattro srl 3

4 Linea795 ACCIAIOQUATTRO AcciaioQuattro si propone come leader nella produzione dei componenti per gli impianti contro le cadute dall alto a norma UNI EN 795 e ha realizzato con i propri tecnici la nuova linea di prodotti della gamma Linea795 che abbina ad una elevata resistenza agli agenti atmosferici, un alta resistenza meccanica ed una estrema semplicità di montaggio. I prodotti di AcciaioQuattro sono progettati e sviluppati ben conoscendo le tipologie degli edifici e le problematiche di cantiere. RICERCA E SVILUPPO AcciaioQuattro è convinta che la sicurezza sia connessa alla facilità d uso delle attrezzature e per questo investe attivamente nella ricerca e sviluppo ottimizzando e rendendo sempre più facile e naturale l utilizzo dei propri prodotti. PROGETTAZIONE AcciaioQuattro per la progettazione si avvale di un proprio gruppo di ingegneri, architetti e geometri che, grazie ad una ormai ampiamente sperimentata interdisciplinarietà, ha sviluppato la III a generazione di prodotti a norma UNI EN 795. Grazie alla capacità di sviluppo dei nostri progettisti, alcuni dei componenti proposti contengono soluzioni innovative, brevettate, che li rendono estremamente competitivi sul mercato sia per la sicurezza e la semplicità d uso, che per i costi. PROVE DI CERTIFICAZIONE AcciaioQuattro per potere ottimizzare lo sviluppo di nuovi prodotti ha messo a punto, con l ausilio esterno di Docenti universitari, un campo prova e un laboratorio prove nei quali è in grado di effettuare, oltre ai test di certificazione previsti dalla norma UNI EN 795, campagne di prove, anche distruttive, che permettono di verificare le varie casistiche di fissaggio dei componenti alle strutture. 4 AcciaioQuattro srl

5 UNI EN 795 LA PRODUZIONE MATERIALI I componenti prodotti da AcciaioQuattro sono in acciaio INOX e tutte le forniture sono tracciabili medianti certificati rilasciati dai produttori della materia prima e dal lotto di produzione. TECNOLOGIA AcciaioQuattro, nel proprio stabilimento di produzione, si avvale di macchine di ultima generazione che hanno permesso di ottimizzare il ciclo produttivo di taglio laser-marcaturapiegatura oltre a permettere in tempi brevissimi la produzione di componenti personalizzati. Le tipologie di lavorazione adottate offrono la garanzia di prodotti con una qualità costante nel tempo. La marcatura dei prodotti è effettuata mediante incisione laser, è indelebile, e risponde pienamente ai requisiti della norma EN 365. ASSEMBLAGGIO I componenti prodotti da AcciaioQuattro vengono preassemblati in fabbrica e per la loro installazione richiedono solamente di essere fissati alla struttura. La loro costruzione modulare permette l eventuale sostituzione delle componenti deformate per la caduta dell operatore. MAGAZZINO Tutti i componenti di produzione ordinaria sono pronti a magazzino e possono essere spediti entro i tempi strettamente tecnici mediante primari corrieri nazionali. I componenti, su richiesta del Cliente, possono essere pallettizzati per lotti o singolarmente. Le spedizioni possono essere personalizzate con etichettature e contenitori con il nominativo e il logo del Cliente. AcciaioQuattro srl 5

6 Linea795 LA SOLUZIONE INSTALLATIVA I progettisti di AcciaioQuattro sono riusciti a semplificare la fase di installazione dei componenti i quali, correttamente fissati alla struttura, soddisfano ampiamente le prescrizioni della norma UNI EN 795. E fondamentale però che siano anche correttamente disposti sulla copertura, in modo da essere facilmente raggiungibili e sempre utilizzabili in condizioni di sicurezza. Il servizio tecnico di AcciaioQuattro mette a disposizione un gruppo di propri tecnici abilitati e iscritti ai rispettivi ordini professionali che sono in grado di fornire assistenza nella fase di prestudio e di selezione dei componenti indirizzando il Cliente verso la scelta più sicura ed economica. IL PRESTUDIO AcciaioQuattro può effettuare un servizio di prestudio nel quale predispone, sulla base della documentazione fornita, la distinta dei materiali necessari per la realizzazione dell impianto ed un elaborato grafico con la soluzione installativa progettata nel rispetto della normativa vigente. L elaborato è anche conforme alle prescrizioni delle normative locali e può essere, a richiesta, integrato sulla base delle disposizioni degli uffici competenti. L INSTALLAZIONE AcciaioQuattro è in grado di proporre, oltre alla fornitura dei materiali, l installazione chiavi in mano attraverso una propria rete di installatori certificati. Gli installatori proposti da AcciaioQuattro hanno partecipato a corsi di formazione tenuti dai nostri progettisti e sono assistiti dai nostri tecnici nella fase di installazione. IL FASCICOLO TECNICO Ogni impianto deve essere dotato di un proprio fascicolo tecnico, che è una sorta di manuale d uso e manutenzione. All interno del fascicolo sono descritte tutte le caratteristiche tecniche dell impianto, il numero degli operatori che possono utilizzarlo e una indicazione dei DPI (si ricorda che per l uso dei DPI l operatore deve essere appositamente formato). Di corredo al fascicolo viene fornita la cartellonistica prevista dalla normativa, la disposizione planimetrica dei componenti e le certificazioni sia di prodotto che di corretta installazione (quest ultima solo nel caso di chiavi in mano ). 6 AcciaioQuattro srl

7 UNI EN 795 LA GAMMA LINEA795 Tutti i prodotti della gamma Linea795 sono progettati e costruiti per offrire facilità di trasporto, semplicità nell installazione e sicurezza nell utilizzo. La scelta dell acciaio inossidabile garantisce una inalterabilità nel tempo e riduce ad una semplice formalità la visita di manutenzione periodica. I componenti devono essere installati esclusivamente da personale formato e in cantieri in cui nella fase installativa la sicurezza degli operatori sia affidata a dispositivi di protezione collettiva o equivalenti. Ogni componente della gamma Linea795 è corredato da un manuale di installazione nel quale sono indicate le tipologie installative ammesse e i sistemi di fissaggio consigliati. I componenti devono essere ancorati a elementi strutturali o ad altri elementi collaboranti che garantiscano condizioni di tenuta equivalenti. Dopo ogni intervento di trattenuta dell operatore in caduta, tutti i componenti devono essere, prima del loro riutilizzo, sottoposti ad una revisione straordinaria ed eventualmente sostituiti. TUTTI I COMPONENTI SONO IN ACCIAIO INOX PREVENTIVI AcciaioQuattro offre distinti canali di vendita per rivenditori, installatori e utenti finali. Per richiedere un offerta mirata ad una specifica installazione è necessario che venga fornita, ai fini del prestudio, la seguente documentazione: - descrizione dell immobile oggetto di intervento; - descrizione dell intervento edilizio in corso sull immobile; - presenza, descrizione e altezze degli edifici contigui; - titolo urbanistico abilitativo se presente; - stato di avanzamento del cantiere; - planimetria e sezioni della copertura (possibilmente in formato DWG o DXF); - stratigrafia della copertura; - posizione e descrizione della tipologia degli accessi alla copertura; - fotografie dell edificio e di insieme del sito. Sul sito è disponibile il modulo di richiesta preventivo. VISITA IL NOSTRO SITO AcciaioQuattro srl 7

8 Linea795 UNI EN 795 CLASSE C I componenti in classe C sono sottoposti, in caso di caduta dell operatore, ad elevati carichi e per tale motivo è estremamente importante che sulla linea di ancoraggio sia presente un sistema di riduzione della tensione. La serie TM e la serie TP permettono di installare linee di ancoraggio da un altezza di 6 cm fino ad una di 45 cm dal piano della struttura di fissaggio. Nei componenti siglati con la lettera K è integrato un riduttore di tensione (brevettato) che è riarmabile dopo l intervento e che riduce fino ad oltre il 30% l azione sui terminali. I terminali TM sono modulari e consentono, senza alterare la certificazione del prodotto, di ridurre, direttamente in cantiere, l altezza del terminale in un campo di 10 cm, permettendo di calibrare esattamente la quota della linea e quindi di ridurre l impatto visivo dell impianto. CARATTERISTICHE TECNICHE Materiale: acciaio INOX AISI 304 Numero operatori: 3 Lunghezza massima campata: 15 metri Lunghezza massima fune con passapalo: 30 metri NOTA: In ogni tratta deve essere presente almeno un terminale dotato di riduttore di tensione (K). 8 AcciaioQuattro srl

9 UNI EN 795 TERMINALI DI ANCORAGGIO Terminale TM25 SP art. AQ1000 H cm 25 TM35 SP art. AQ1020 H cm 35 TM45 SP art. AQ1040 H cm 45 SUPPORTO PIANO Terminale per colmo TM25 SI art. AQ1060 H cm 25 TM35 SI art. AQ1080 H cm 35 TM45 SI art. AQ1100 H cm 45 SUPPORTO PER COLMO TERMINALI DI ANCORAGGIO CON DISPOSITIVO K Terminale TM25K SP art. AQ1120 H cm 25 TM35K SP art. AQ1140 H cm 35 TM45K SP art. AQ1160 H cm 45 SUPPORTO PIANO Terminale per colmo TM25K SI art. AQ1180 H cm 25 TM35K SI art. AQ1200 H cm 35 TM45K SI art. AQ1220 H cm 45 SUPPORTO PER COLMO TERMINALI INTERMEDI CON PASSAPALO Terminale TM25UN SP art. AQ1250 H cm 25 TM35UN SP art. AQ1270 H cm 35 TM45UN SP art. AQ1290 H cm 45 SUPPORTO PIANO Terminale per colmo TM25UN SI art. AQ1310 H cm 25 TM35UN SI art. AQ1330 H cm 35 TM45UN SI art. AQ1350 H cm 45 SUPPORTO PER COLMO TERMINALI SPECIALI E COMPLEMENTI Ancoraggio di estremità o intermedio TP art. F0700 Ancoraggio per tiro frontale con dispositivo k integrato TPFK art. F0720 Ancoraggio per tiro laterale con dispositivo k integrato TPLK art. F0740 Ancoraggio intermedio con passapalo TPLUN art. F0741 Supporto angolare TA art. F0760 Linea di ancoraggio in classe C con intestatura LA75 art. F1000 L m 7,5 LA100 art. F1020 L m 10 LA125 art. F1040 L m 12,5 LA150 art. F1060 L m 15 LA200 art. F1061 L m 20 LA300 art. F1080 L m 30 Tenditore inox a doppia forcella per linee vita serie LA TD12 art. F1120 AcciaioQuattro srl 9

10 Linea795 UNI EN 795 CLASSE A1 I componenti in classe A1 devono essere utilizzati da 1 solo operatore per volta. In caso di caduta l operatore trasmette al componente un azione massima di 600 dan. L ancoraggio alla struttura deve avere caratteristiche tali da trattenere indefinitamente l operatore. Per distanze tra il fissaggio alla struttura e l uscita del punto di ancoraggio inferiori a 23 cm può essere utilizzata, sia in configurazione piana che da colmo, la serie A1, mentre per distanze fino a 48 cm deve essere utilizzata la serie A1TV. La serie A1TV è particolarmente indicata per tetti ventilati e può, in caso di intervento del dispositivo, richiedere la parziale sostituzione del componente. La serie DC nasce per essere utilizzata come ancoraggio secondario in deviazione caduta: se utilizzata come ancoraggio master può, in caso di intervento del dispositivo, deformarsi in modo consistente e richiede l integrale sostituzione. I componenti della serie A1 con supporto piano sono disponibili anche in versione con supporto allungato per fissaggio con mordenti su travi in legno. Per la serie A1 con supporto da colmo è prevista la possibilità del supporto per antenne integrato. I componenti per coperture fino a 22 cm di spessore sono disponibili anche in versione con golfare autoallineante su 360. CARATTERISTICHE TECNICHE Materiale: acciaio INOX AISI 304 Numero operatori: 1 Carico di esercizio: 600 dan NOTA: Sui terminali in classe A1 non possono essere collegate linee di ancoraggio. 10 AcciaioQuattro srl

11 UNI EN 795 PER COPERTURE CON SPESSORE DA 0 A 22 CM Ancoraggio A1 art. F2000 H cm 2 A1S art. F2020 H cm 12 A1M art. F2040 H cm 18 A1L art. F2060 H cm 23 SUPPORTO PIANO Ancoraggio per colmo A1C art. F2500 H cm 2 A1SC art. F2520 H cm 12 A1MC art. F2540 H cm 18 A1LC art. F2560 H cm 23 SUPPORTO PER COLMO PER COPERTURE CON SPESSORE SUPERIORE A 22 CM Ancoraggio SUPPORTO PIANO Ancoraggio per colmo SUPPORTO PER COLMO A1TV28 art. F3000 H cm 28 A1TV38 art. F3020 H cm 38 A1TV48 art. F3040 H cm 48 A1CTV28 art. F3500 H cm 28 A1CTV38 art. F3520 H cm 38 A1CTV48 art. F3540 H cm 48 PER COPERTURE CON QUALSIASI SPESSORE Terminale di deviazione caduta DC2 art. F4000 H cm 2 DC12 art. F4020 H cm 12 DC18 art. F4040 H cm 18 DC23 art. F4060 H cm 23 DC28 art. F4080 H cm 28 DC38 art. F4100 H cm 38 DC48 art. F4120 H cm 48 SUPPORTO PIANO AcciaioQuattro srl 11

12 Linea795 UNI EN 795 CLASSE A2 I componenti in classe A2 devono essere utilizzati da un solo operatore per volta e hanno funzione di trattenuta nella sola direzione di massima pendenza. Non possono essere utilizzati in triangolazione o con funzione di deviazione caduta. In caso di caduta l operatore trasmette al componente un azione massima di 600 dan. L ancoraggio alla struttura deve avere caratteristiche tali da trattenere indefinitamente l operatore. CARATTERISTICHE TECNICHE Materiale: acciaio INOX AISI 304 Numero operatori: 1 Carico di esercizio: 600 dan NOTA: Sui terminali in classe A2 non possono essere collegate linee di ancoraggio. FISSAGGI E COLLEGAMENTI Il fissaggio è la fase più critica di tutto l impianto e l utilizzo di barre filettate in acciaio inox ne garantisce l inalterabilità nel tempo. Le barre filettate possono essere utilizzate in abbinamento a contropiastre o essere direttamente annegate nel supporto mediante resine bicomponenti. 12 AcciaioQuattro srl

13 UNI EN 795 PER COPERTURE INCLINATE Ancoraggio in classe A2 per tegole piane A2SP art. F4520 Ancoraggio in classe A2 per tegole piane con regolo di posizionamento REG16 A2SPR art. F4560 TEGOLE PIANE Ancoraggio in classe A2 per tegole rialzate A2SC art. F4500 Ancoraggio in classe A2 per tegole rialzate con regolo di posizionamento REG16 A2SCR art. F4540 TEGOLE RIALZATE KIT DI COLLEGAMENTO AISI 304 Kit di collegamento in AISI 304 con barra M16 completa di bulloni e rondelle M16-14 art. F6500 L cm 14 M16-20 art. F6520 L cm 20 M16-25 art. F6540 L cm 25 M16-30 art. F6560 L cm 30 M16-40 art. F6580 L cm 40 M16-50 art. F7100 L cm 50 M16-60 art. F7120 L cm 60 M16-80 art. F7140 L cm 80 Kit di collegamento in AISI 304 con barra M12 completa di bulloni e rondelle M12-15 art. F7500 L cm 15 M12-20 art. F7520 L cm 20 M12-30 art. F7540 L cm 30 M12-40 art. F7560 L cm 40 AcciaioQuattro srl 13

14 Linea795 ACCESSORI I molteplici accessori presenti nella gamma di prodotti permettono di rispondere alle più disparate casistiche installative. Sono disponibili, in acciaio INOX AISI 304, contropiastre dotate di asole e fori che si abbinano in varie configurazioni alle forature dei supporti dei componenti, prolunghe strutturali idonee al superamento degli spessori della coibentazione, scalini singoli utilizzabili per l ausilio al superamento di piccoli dislivelli e supporti idonei all aggancio di scale dotate di ganci. Nel caso di tipologie edilizie che non trovano la soluzione installativa nella componentistica presente a catalogo, i nostri progettisti possono intervenire con soluzioni personalizzate predisponendo prolunghe strutturali, staffe e contropiastre. Ogni componente personalizzato è progettato e certificato nel rispetto della normativa. Per proteggere dalle infiltrazioni che si possono verificare nei punti in cui i componenti attraversano le coperture, sono disponibili delle bavere in rame/inox e piombo/inox: le bavere in rame sono preforate. Per la sigillatura del collare deve essere utilizzato un sigillante poliuretanico specifico per lattoneria che può essere fornito su richiesta. 14 AcciaioQuattro srl

15 UNI EN 795 ACCESSORI E COMPLEMENTI Scalino per dislivelli SC art. F5300 Supporto per scala a ganci SS art. F5320 Prolunga strutturale per barre di fissaggio M16 PS10 art. F5400 L cm 10 PS16 art. F5420 L cm 16 PS21 art. F5440 L cm 21 PS26 art. F5460 L cm 26 PS36 art. F5480 L cm 36 PS46 art. F5500 L cm 46 Blocco di interdizione linea o arresto linea IL art. F5100 Bavera in rame per serie A1, C e DC BRA art. F6000 BRC art. F6020 BRD art. F6040 Bavera in piombo per serie A1, C e DC BPA art. F6060 BPC art. F6080 BPD art. F6100 CONTROPIASTRE E REGOLI DI REGISTRAZIONE Regolo per A2SC e A2SP con fissaggio monobarra M16 REG16 art. F5000 Contropiastra per cravatte con interasse fino a 21 cm con barre M16 CCUS art. F5020 Contropiastra per cravatte con interasse fino a 35 cm con barre M16 CCUM art. F5040 Contropiastra per ancoraggi con fori per M12 e interasse max 207 mm ACPL12 art. F5060 Contropiastra per ancoraggi con fori per M12 e interasse max 57 mm ACPM12 art. F5080 Contropiastra per ancoraggi con fori per M16 e interasse max 57 mm ACPM16 art. F5081 AcciaioQuattro srl 15

16 CONDIZIONI DI VENDITA La conferma di un ordine comporta l'accettazione integrale delle presenti condizioni di vendita. Le condizioni di vendita sotto descritte si applicano integralmente ad ogni conferma d ordine emessa dal AcciaioQuattro srl, salvo deroghe particolari scritte, valide per il singolo ordine e in caso di discordanza le condizioni generali di vendita prevalgono sulle eventuali condizioni di acquisto del Cliente. La data di consegna indicata sull offerta non costituisce condizione essenziale o risolutoria del contratto di vendita e in nessun caso potranno essere addebitati al AcciaioQuattro srl danni diretti e/o indiretti per mancata o ritardata consegna; le consegne potranno essere frazionate con un criterio assolutamente discrezionale da parte di AcciaioQuattro srl. I prezzi indicati nel listino possono essere variati, senza obbligo di preavviso. Tutte le variazioni di natura fiscale daranno diritto ad AcciaioQuattro srl di aumentare in proporzione il prezzo delle merci anche nel caso in cui esista un preciso impegno contrattuale. I prezzi indicati non includono I.V.A. ed ogni altro aggravio fiscale in genere, anche se decretato durante l'esecuzione dei contratto. Il pagamento deve essere effettuato direttamente al domicilio di AcciaioQuattro srl per contanti o altro mezzo nei modi stabiliti da AcciaioQuattro srl. In caso di ritardo o irregolarità nei pagamenti, trascorsi 8 (otto) giorni dalla scadenza convenuta, il Cliente è costituito in mora ed AcciaioQuattro srl è esonerato dal prestare qualsiasi tipo di garanzia o supporto sui prodotti forniti e avrà diritto a sospendere immediatamente e senza alcuna formalità le forniture relative a tutti gli ordini in corso del medesimo Cliente, anche se dipendenti da altri contratti, e ad esigere l'immediato ed integrale pagamento del credito o di averlo in altro modo garantito con rivalsa di spese e diritti. Eventuali contestazioni di una o più partite di merce non legittimano il Cliente a sospendere i pagamenti ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 1462 del codice civile. Non si accettano resi salvo quanto preventivamente e espressamente autorizzato da AcciaioQuattro srl e comunque sempre franco stabilimento. Reclami e contestazioni di qualsiasi natura e tipo dovranno pervenire al AcciaioQuattro srl per scritto entro 8 (otto) giorni dalla data di ricevimento merce da parte del Cliente. Decorso tale termine senza che siano pervenuti reclami ad AcciaioQuattro srl, la merce si intenderà regolarmente ricevuta ed accettata. La merce viaggia esclusivamente a rischio e pericolo del Cliente; eventuali danni o smarrimenti della stessa non comportano in nessun caso il risarcimento e ogni reclamo contro il Vettore dovrà essere fatto dal Cliente a suo nome e per suo conto anche nel caso in cui il vettore sia stato scelto da AcciaioQuattro srl. L eventuale assicurazione della merce viaggiante dovrà essere espressamente richiesta dal Cliente in fase d ordine e sarà integralmente a carico del Cliente stesso. Confermato l ordine il Cliente si assume l'onere di conoscenza di tutte le limitazioni legali e delle norme di sicurezza relative all'impiego dei prodotti ordinati e degli obblighi normativi connessi al loro uso ed installazione: è esclusa pertanto ogni responsabilità di AcciaioQuattro srl per ogni e qualsiasi danno diretto o indiretto causato a persone o cose dall'impiego e/o dalla non corretta o difforme installazione e impiego dei prodotti forniti. E esclusa ogni responsabilità di AcciaioQuattro srl per le descrizioni tecniche contenute nel presente catalogo che possono essere soggette a cambiamenti senza alcun preavviso. Tutti i componenti sono dotati di scheda tecnica con le indicazioni per la corretta installazione e in nessun caso AcciaioQuattro srl potrà essere ritenuta responsabile, a qualsiasi titolo, del mancato rispetto da parte del Cliente o degli Utilizzatori, di quanto previsto. La garanzia si applica nei termini di legge e copre solamente il componente e non difetti connessi ad errori di montaggio od improprio utilizzo o mancata manutenzione. La garanzia decade qualora vengano effettuate manomissioni o modifiche dei componenti o nel caso in cui il Cliente non sia in regola con i pagamenti. Non sono inoltre coperti da garanzia guasti imputabili a cortocircuiti, incendi, fulmini od altri eventi indipendenti da difetto intrinseco del componente. Il riconoscimento della garanzia è a insindacabile giudizio di AcciaioQuattro srl e non potrà produrre alcuna responsabilità o richiesta danni. Sono a carico del Cliente tutte le spese accessorie che si rendessero necessarie per procedere alla riparazione o sostituzione del componente quali, ma non esclusivamente: porto, imballo, tasse, opere provvisionali, autopiattaforme, ecc.. I pezzi sostituiti in garanzia restano di proprietà di AcciaioQuattro srl. E' esclusa qualsiasi responsabilità di AcciaioQuattro srl per eventuali danni o disservizi provocati a qualsiasi titolo per il fermo dei componenti presso l azienda. Il foro competente alla risoluzione giudiziaria di qualsiasi controversia è sin da ora individuato nel Foro di Firenze. Tutti i marchi riprodotti nel presente listino sono da intendersi solo a titolo esemplificativo. L utilizzazione effettiva di ogni marchio è diritto esclusivo dei soggetti aventi diritto. graphic design: studio E vietata la riproduzione anche parziale, in qualsiasi forma, del presente documento, qualunque ne sia la destinazione d'uso. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della pubblicazione può essere riprodotta, anche parzialmente, in alcuna forma, né memorizzata con alcun mezzo, senza autorizzazione scritta di AcciaioQuattro srl. Tutti i diritti di traduzione, memorizzazione elettronica e di riproduzione sono riservati per tutti i paesi. AcciaioQuattro srl declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze contenute nel presente catalogo, se dovute ad errori di stampa e/o di trascrizione, e si riserva il diritto di apportare ai propri prodotti, senza preavviso, tutte le modifiche che ritenesse opportune per il loro miglioramento AcciaioQuattro srl Linea795 di AcciaioQuattro srl viale XX Settembre Sesto Fiorentino (FI) tel fax Tutti i diritti di riproduzione sono riservati AcciaioQuattro srl I componenti possono subire modifiche senza alcun preavviso e le descrizioni non sono vincolanti. Richiedere conferma prima dell ordine

Linea795 SICUREZZA INOSSIDABILE DISPOSITIVI ANTICADUTA A NORMA UNI EN 795

Linea795 SICUREZZA INOSSIDABILE DISPOSITIVI ANTICADUTA A NORMA UNI EN 795 Linea795 SICUREZZA INOSSIDABILE DISPOSITIVI ANTICADUTA A NORMA UNI EN 795 la gamma LINEA795 AcciaioQuattro srl Nell ampio panorama italiano dei sistemi anticaduta dalle coperture a norma UNI EN 795, AcciaioQuattro

Dettagli

CATALOGO SINTETICO 2010.10 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795

CATALOGO SINTETICO 2010.10 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795 2010.10 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795 Reg. Imp. Fi e P.IVA: 05936730489 Cap. soc. 10.000 i.v. viale XX settembre 104-50019 - Sesto Fiorentino (FI) - tel. 0554628736 - fax 0554628734 info@linea795.it www.linea795.it

Dettagli

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF Componente di classe C in acciaio inox A4 (AISI 316) fune predisposta per essere collegata tra terminali di ancoraggio, uno dei quali dotato di riduttore

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT CONTROPISTRE ccessori per prodotti della linea 795 Robust 1 2 4 3 in acciaio inox 2 (ISI 304) per il fi ssaggio di punti di ancoraggio tramite sistema ad incravattatura

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio LA SOCIETA Negli ultimi anni, vista la forte incidenza di infortuni per le cadute in quota, è stato introdotto l obbligo di installare sulle coperture adeguati

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

Accessori funzionali Linea VITA

Accessori funzionali Linea VITA Accessori funzionali Linea VITA La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si deve agganciare chiunque acceda alla copertura.

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002.

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002. 100246 REV. 0 OTTOBRE 2010 www.tipografia.com 01234 Tutti i dispositivi di ancoraggio della linea Pro.Tetto sono stati progettati nel rispetto della norma UNI EN 795:2002 e testati dal Laboratorio Sigma,

Dettagli

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone Sicurezza SISTEMI ANTICADUTA Linee di vita e punti di ancoraggio Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone l obiettivo di fornire riflessioni e indicazioni per individuare i rischi

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WDIR Componente di classe 1 secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: descrizione

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

CATALOGO SINTETICO 2012.06 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795 IN ACCIAIO INOX

CATALOGO SINTETICO 2012.06 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795 IN ACCIAIO INOX CATALOGO SINTETICO 2012.06 DISPOSITIVI ANTICADUTA EN 795 IN ACCIAIO INOX Reg. Imp. Fi e P.IVA: 05936730489 - Cap. soc. 10.000 i.v.i.d. via degli Olmi 65/B - 50019 - Sesto Fiorentino (FI) - tel. 0554628736

Dettagli

DISPOSITIVI PER LINEE ANTICADUTA PER LE COPERTURE A NORMA UNI EN 795. professione sicurezza

DISPOSITIVI PER LINEE ANTICADUTA PER LE COPERTURE A NORMA UNI EN 795. professione sicurezza C A T A L O G O 2 0 1 0 D I S P O S I T I V I A N T I C A D U T A DISPOSITIVI PER LINEE ANTICADUTA PER LE COPERTURE A NORMA UNI EN 795 professione sicurezza 02 professione sicurezza 03 La norma UNI EN

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute

Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute dall alto. Quando le condizioni di lavoro presentano un rischio elevato, i sistemi anticaduta che permettono

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Sistemi Anticaduta ha un'esperienza decennale nel progettare, produrre, installare, collaudare e certificare dispositivi di ancoraggio a norma UNI EN 795. Produciamo dispositivi

Dettagli

SICUREZZA AL PRIMO POSTO

SICUREZZA AL PRIMO POSTO SICUREZZA AL PRIMO POSTO Og g i p i ù c h e m a i la pa r o l a d o r d i n e è s i c u r e z z a! Per n o i la s i c u r e z z a n e l l av o r o è u n i m p e g n o civile, u n o b i e t t i v o u m

Dettagli

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute dall alto. Quando le condizioni di lavoro presentano un rischio

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI

Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI TETTI VENTILATI Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio per superfici verticali, orizzontali,

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI E DEI GEOMETRI LAUREATI DI TORINO E PROVINCIA

COLLEGIO DEI GEOMETRI E DEI GEOMETRI LAUREATI DI TORINO E PROVINCIA RESTRUCTURA 24-27 NOV 2011 COLLEGIO DEI GEOMETRI E DEI GEOMETRI LAUREATI DI TORINO E PROVINCIA La prevenzione della caduta dall alto nelle opere di manutenzione dei fabbricati Obblighi e responsabilità

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 2/2015 LINEE VITA: MODULISTICA E NORMATIVA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 2/2015) 1 (ai sensi dell articolo 7/III

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

Prefabbricati Favero Srl

Prefabbricati Favero Srl Prefabbricati Favero Srl SOLUZIONI PER L ALLEVAMENTO E PER L INDUSTRIA Industriali Tunnel Rimozione Amianto Strutture Agricole At Strutture Agricole Attrezzature Strutture Industriali Tunnel Rimozion Attrezzature

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE LINEE VITA: LA PROGETTAZIONE E L INSTALLAZIONE ing. Massimiliano Granata Coordinatore tecnico area edilizia Romeo Safety Italia srl 1 SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE A. LA NORMATIVA B. LA PROGETTAZIONE C.

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa.

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 > SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line. Una scelta di vita. 1 Sicurezza - Indispensabile per lavorare sul tetto con tranquillità

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA AVVERTENZE Verificare sempre che il marchio ATLAS sia presente su ogni prodotto a garanzia della qualità Rifornirsi solo presso la rete dei RIVENDITORI AUTORIZZATI ATLAS, sapranno consigliarvi e risolvere

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Servizi e sistemi certificati anticaduta per ogni tetto d Italia Linea Vita strutturale Soluzioni personalizzate ad alta prestazione Le linee vita HBSecurity

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

C A T A L O G O 2 0 1 4 L I N E E V I TA E S I S T E M I A N T I C A D U TA U N I E N 7 9 5 P R O F E S S I O N E S I C U R E Z Z A

C A T A L O G O 2 0 1 4 L I N E E V I TA E S I S T E M I A N T I C A D U TA U N I E N 7 9 5 P R O F E S S I O N E S I C U R E Z Z A C A T A L O G O 2 0 1 4 L I N E E V I TA E S I S T E M I A N T I C A D U TA U N I E N 7 9 5 P R O F E S S I O N E S I C U R E Z Z A I N D I C E Professione sicurezza 03 Progettare sicurezza 04 Norma UNI

Dettagli

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361 ANTICADUTA 168 AB01 AB05 Cintura di posizionamento in poliammide 45 mm con schienalino termoformato 2 ancoraggi laterali a "D" in acciaio saldato Munita di 2 anelli di servizio con passante scorrevole

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni.

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Arezzo, 23 settembre 2011 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Analisi delle novità legislative. Esperienze e modalità di applicazione. ATLAS è azienda

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture Convegno Busto Arsizio LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO Relatore: Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture ing. Alberto Pincigher A norma di legge il presente elaborato non può

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP02 Rev: 22/10/2009 17.58.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA A FALDE SOVRAPPOSTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 Cividate al Piano (BG) - Gennaio 2013 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE...4 2 IMMAGINE TIRANTE

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Attività: 1 b Step:5 SP33.doc Soluzioni Progettuali Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A TRE FALDE STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta copertura a

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity INDICE LINEA VITA HBSecurity 2 LINEA VITA HBCap 3 LINEA VITA A BINARIO HBSecurity 4 PALO GIREVOLE HBSecurity 5 HBFlex HBSecurity 6 PUNTO GOLFARE HBSecurity

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A ATLAS CATALOGO ILLUSTRATIVO PRODOTTI SICUREZZA CANTIERE ED. 2013 GC/02EN MONTANTE PER GUARDACORPO DA SOLETTA su tre mensole per ogni montante SUPPORTO E APPLICAZIONI: solai o solette in c.a. piani o con

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

LINEA VITA MASSIF. www.wuerth.it/lineavita

LINEA VITA MASSIF. www.wuerth.it/lineavita LINEA VITA MASSIF www.wuerth.it/lineavita 2 LINEA VITA MASSIF WÜRTH ITALIA Qualità e innovazione al servizio del Cliente Würth è un Gruppo Internazionale con più di 3 milioni di Clienti Nel mondo dell

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Libretto d istruzioni e montaggio Contiene Certificato FIX Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Documento originale da conservare a cura del proprietario amministratore dell immobile UNITH TM Indice 1.0

Dettagli

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA Si tratta di dispositivi di ancoraggio flessibili e rigidi orizzontali, costituiti generalmente da cavi metallici (esecuzione fissa), tessili (esecuzione temporanea) oppure

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 Mibos srl Via Molveno, 10 35035 MESTRINO (PD) Tel 049 9070191 Fax 049 9070191 www.mibos.it info@mibos.it

Dettagli

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM)

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) OGGETTO: Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili. Progettazione preliminare di un

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali scheda SP 22 rev: 22/10/2009 23.14.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA PIANA A DUE LIVELLI CASO A) EDIFICIO ESISTENTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 COMMITTENTE: UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Viale della Costituzione, 3 35010 Cadoneghe (PD) tipologia intervento Per i lavori di:

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. Copyright 2013 by TENAS

Tutti i diritti sono riservati. Copyright 2013 by TENAS Le quantità d imballo possono variare. Non si risponde per eventuali errori di stampa, dati tecnici e traduzioni. Illustrazioni parzialmente con accessori. Immagini a scopo illustrativo. Il presente catalogo

Dettagli

New. Listino prezzi settembre 2012. Cattura, naviga, scopri i video, il software, gli ultimi aggiornamenti.

New. Listino prezzi settembre 2012. Cattura, naviga, scopri i video, il software, gli ultimi aggiornamenti. New Listino prezzi settembre 2012 Cattura, naviga, scopri i video, il software, gli ultimi aggiornamenti. SICURA: la gamma S-line ha superato tutti i test previsti dalla norma UNI EN 795:2002. E più ancora.

Dettagli

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Ing. Irene Chirizzi REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di cittadinanza

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera SISTEMI ANTICADUTA Progettazione e realizzazione di pali, piastre, ganci in acciaio a catalogo e/o specifici Assistenza alla posa in opera Dimensionamento e verifica dei fissaggi Progettazione dello schema

Dettagli

Il testo approvato lascia intendere tre obiettivi:

Il testo approvato lascia intendere tre obiettivi: SISTEMI ANTICADUTA: DELIBERAZIONE DELLA REGIONE VENETO E CONFRONTO TRA SOLUZIONI Stefano Petris La Giunta Regionale del Veneto ha recentemente approvato una deliberazione che prevede l'installazione di

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano - Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Andrea Rossi ARGOMENTI DEFINIZIONI NORMATIVA NAZIONALE,

Dettagli