Pianificazione, VAS e governo del territorio. Esperienze regionali a confronto VAS e pianificazione in Emilia-Romagna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione, VAS e governo del territorio. Esperienze regionali a confronto VAS e pianificazione in Emilia-Romagna"

Transcript

1 Fondazione Lombardia per l Ambiente CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Forme, esiti e prospettive di integrazione per il governo del territorio Milano, 2-3 dicembre 2009 Auditorium Giorgio Gaber Palazzo della Regione Lombardia Piazza Duca d Aosta 3 Pianificazione, VAS e governo del territorio. Esperienze regionali a confronto VAS e pianificazione in Emilia-Romagna Dirigente, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, DG Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa Regione Emilia-Romagna LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Territorio e Urbanistica

2 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 SCHEDA VAS E PIANIFICAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Alessandro Maria Di Stefano Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale Regione Emilia - Romagna 1. STRUMENTI PER LA PIANIFICAZIONE LOCALE Descrizione (quali sono gli strumenti della pianificazione del territorio a livello comunale, come sono strutturati e come si relazionano tra di loro e con la pianificazione sovracomunale) La Regione Emilia - Romagna ha approvato la LR 20/2000 Disciplina generale sulla tutela e uso del territorio e successive modifiche (in particolare la LR 6/2009) che ha introdotto una forte innovazione di obiettivi, regole e strumenti nell assetto istituzionale e nel rapporto con i cittadini incentrata sui seguenti elementi 1. Sussidiarietà; 2. Concertazione istituzionale; 3. Semplificazione amministrativa. La pianificazione territoriale si articola in: 1. Piano Territoriale Regionale (PTR) 2. Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) 3. Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) Accanto a questi strumenti di pianificazione territoriale esistono numerosi piani e programmi di settore. La Pianificazione urbanistica comunale si articola nei seguenti strumenti: 1. Piano Strutturale Comunale (PSC) [art. 28] Rappresenta lo strumento di pianificazione urbanistica generale che deve essere predisposto dal Comune con riguardo a tutto il proprio territorio per: delineare le scelte strategiche di assetto e di sviluppo; tutelare l integrità fisica ed ambientale e l identità culturale. Il PSC non attribuisce potestà edificatoria (neanche subordinatamente all approvazione del POC) ed ha invece efficacia solo per i vincoli e le condizioni non aventi natura espropriativa. Il PSC si conforma alle prescrizioni ed ai vincoli e dà attuazione agli indirizzi ed alle direttive contenuti nei piani territoriali sovracomunali ed a quanto stabilito dagli accordi territoriali di cui all art Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) [art. 29] Contiene, in conformità al PSC: le norme attinenti alle attività di costruzione, di trasformazione fisica e funzionale e di conservazione delle opere edilizie (comprese le norme igieniche); la disciplina degli elementi architettonici e urbanistici, degli spazi verdi e degli altri elementi che caratterizzano l ambiente urbano. 3. Piano Operativo Comunale (POC) [art. 30) Individua e disciplina gli interventi di tutela e valorizzazione, di organizzazione e trasformazione del territorio indicate nel PSC da realizzare nell arco temporale di 5 anni. 4. Piani Urbanistici Attuativi (PUA) [art. 31] Sono gli strumenti urbanistici di dettaglio per dare attuazione aglim interventi di nuova urbanizzazione e riqualificazione disposti dal POC (essi possono assumere il valore e gli effetti di: Piani particolareggiati; Piani di lottizzazione; PEEP; PIP; Piani di recupero; Programmi integrati di intervento; Programmi di recupero urbano) È utile ricordare che l art. 22 della LR 20/2000, per assicurare flessibilità alla pianificazione prevede la possibilità di modificazioni alla pianificazione sovraordinata disponendo che le delibere di adozione possono contenere esplicite proposte di modifica nei seguenti casi: il PTCP e il PSC possono proporre modifiche ad uno o più piani generali e settoriali sovraordinati; i PUA possono prevedere modifiche o integrazioni ai POC;

3 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 i piani settoriali possono proporre (solo per le proprie competenze) modifiche al piano generale del medesimo livello o a piani generali e settoriali sovraordinati. Le proposte comunali di modifica di paini sovraordinati di tutela del territorio e dell ambiente (per paesaggio, protezione della natura, dell acqua e della difesa del suolo) possono attenere unicamente alla cartografia dei piani. È previsto per le modifiche dei piani sovraordinati l iter procedurale del piano sovraordinato. Preme sottolineare che con la L.R. n. 20 del 2000 non ci si limita a richiedere che nella predisposizione e approvazione dei piani si tenga conto degli effetti ambientali ma la sostenibilità ambientale delle previsioni diventa uno degli obiettivi primari della pianificazione. In particolare tramite VALSAT (Valutazione della sostenibilità ambientale e territoriale) previsto, dall art. 5, come elaborato tecnico volto a dimostrare la sostenibilità ambientale e territoriale delle previsioni di piano, in termini di coerenza con le caratteristiche del territorio e di compatibilità degli effetti (impatti) ambientali e infrastrutturali degli stessi. La VALSAT si pone come anticipazione della direttiva comunitaria sulla VAS 2001/42/CEE, secondo il meccanismo della valutazione ambientale del piano: un processo che è parte dell iter approvativo; una valutazione che accompagna l elaborazione e approvazione con la partecipazione di tutti i soggetti che svolgono compiti ambientali. Accanto a questi fondamentali strumenti di pianificazione urbanistica, esistono numerosi piani e programmi di settore. Normativa di riferimento LR 24 marzo 2000 n.20 Disciplina generale sulla tutela e uso del territorio LR 6 luglio 2009 n.6 Governo e riqualificazione solidale del territorio

4 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre IL PROCESSO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Soggetti interessati: Proponente Autorità procedente Autorità competente per la VAS (approfondimento sulle modalità di individuazione delle Autorità) PROPONENTE ed AUTORITÀ PROCEDENTE L individuazione del proponente e dell autorità procedente è quella stabilita dal D. Lgs.152/06 come modificato dal D. Lgs. 4/08: autorità procedente: la pubblica amministrazione che elabora il piano, programma soggetto alle disposizioni del presente decreto, ovvero nel caso in cui il soggetto che predispone il piano, programma sia un diverso soggetto pubblico o privato, la pubblica amministrazione che recepisce, adotta o approva il piano, programma;. AUTORITÀ COMPETENTE PER LA VAS L Assemblea legislativa dell Emilia Romagna con l approvazione della L. R. 13 giugno 2008, n. 9 Disposizioni transitorie in materia di Valutazione ambientale strategica e norme urgenti per l applicazione del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ha provveduto, nell art. 1, ad individuare, nelle more dell approvazione di una legge regionale attuativa della parte seconda del D. Lgs. 4/08, l autorità competente all effettuazione dei compiti in materia di VAS, al fine di consentire un ordinata ed univoca attuazione dei procedimenti in materia di VAS in tutto il territorio regionale. Nell art. 1, comma 1, della L. R. n. 9 del 2008, in attuazione di quanto disposto dal comma 6 dell art. 7 del Decreto, è stabilito il principio che l autorità competente per la valutazione ambientale di piani e programmi è individuata, assicurandone la terzietà, in una amministrazione con compiti di tutela, protezione e valorizzazione ambientale. L autorità competente per la VAS, nel rispetto dei principi di terzietà e di qualificazione ambientale della pubblica amministrazione: per i piani ed i programmi approvati dalla Regione, dalle Autorità di bacino e dalle Province, l Autorità competente è la Regione. Il comma 3 stabilisce, inoltre, che al fine di assicurare la terzietà di tale autorità competente, è individuata, con deliberazione della giunta regionale la struttura organizzativa competente in materia ambientale, dotata della necessaria autonomia. per i piani ed i programmi approvati dai Comuni e dalle Comunità montane, l autorità competente è la Provincia. Il comma 5 dell art. 1 della L.R. n. 9 del 2008 stabilisce che: per i piani territoriali ed urbanistici, provinciali e comunali normati dalla L.R. n. 47 del 1978 e dalla L.R. n. 20 del 2000 l autorità competente è individuata rispettivamente nella Regione e nelle Province, in coerenza con le attribuzioni loro spettanti ai sensi della medesima legge in ordine all approvazione dei piani, la Regione e le Province coinvolgono per le relative istruttorie le strutture organizzative competenti in materia ambientale. Procedimento di VAS (descrizione delle fasi tempistica documenti prodotti informazione partecipazione) Procedimento di VAS e Processo di consultazione e partecipazione 1. Procedimento per piani e programmi non territoriali ed urbanistici Per tali piani e programmi si applicano direttamente le disposizioni di cui al D. Lgs. 152/06 come modificato dal D. Lgs. 4/ Procedimento per piani territoriali ed urbanistici Il comma 5 dell art. 1 della L.R. n. 9 del 2008 stabilisce, inoltre, che la Regione e le Province si esprimono in merito alla valutazione ambientale dei piani territoriali ed urbanistici, provinciali e comunali normati dalla L.R. n. 47 del 1978 e dalla L.R. n. 20 del 2000, integrando la fase istruttoria ai fini dell approvazione, nell ambito dei provvedimenti di loro competenza previsti dalla L.R. n. 20 del 2000, dando specifica evidenza al provvedimento di verifica di assoggettabilità ed al parere motivato di cui rispettivamente all art. 12, comma 4, ed

5 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 all art. 15, comma 1, del Decreto Sino all'entrata in vigore della legge regionale di recepimento delle disposizioni in materia di VAS contenute nel D. Lgs. 4/08, la valutazione ambientale per i piani territoriali ed urbanistici previsti dalla L. R. n. 20 del 2000 è costituita dalla valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e territoriale (ValSAT) di cui all'art. 5 della medesima legge, integrata dagli adempimenti e fasi procedimentali previsti dal Decreto non contemplati dalla L. R. n. 20 del La ValSAT di cui all art. 5 della L.R. n.20 del 2000 è in ogni caso da integrare con i seguenti atti: espressione del parere motivato da parte dell autorità competente ai sensi dell art. 15 del D. Lgs. 4/08; approvazione della dichiarazione di sintesi da parte dell autorità procedente contestualmente alla approvazione del piano o programma. Il procedimento di verifica di assoggettabilità di cui all art. 12 del D. Lgs. 4/08 va svolto nei casi previsti dall art. 6, commi 3 e 3 bis, del Decreto. Al fine dell applicazione ai procedimenti di VAS in corso delle disposizioni del D. Lgs. 4/08, nella valutazione ambientale dei piani e programmi sono fatte salve, ai sensi dell art. 35, le fasi procedimentali e gli adempimenti già svolti, in quanto compatibili con le disposizioni del Decreto, con particolare riguardo a quelli previsti dalla L.R. n. 20 del Ai sensi dell art. 17 del Decreto, devono in ogni caso essere resi pubblici, anche attraverso la pubblicazione sui siti web delle autorità interessate: a) il parere motivato espresso dall autorità competente; b) la dichiarazione di sintesi, approvata dall autorità procedente contestualmente alla approvazione del piano o programma; c) le misure adottate in merito al monitoraggio. LE INDICAZIONI FORNITE PER VAS PER PIANI TERRITORIALI ED URBANISTICI Con la Circolare prot. PG del 12 novembre 2008 concernente Prime indicazioni in merito all entrata in vigore del D. Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, correttivo della parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, relativa a VAS, VIA e IPPC e del titolo i della l. r. 13 giugno 2008, n. 9., sono state fornite le indicazioni necessarie di seguito sin tetizzate. 1 Ambito applicazione Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica soggetti alla disciplina della L.R. n. 20 del 2000 continua a trovare applicazione l art. 5 di tale legge regionale e quindi essi devono svolgere il procedimento di ValSAT, integrato con gli adempimenti e fasi procedimentali previsti dal D. Lgs. 4/08 non contemplati dalla L.R. 20/2000. In caso di modifiche a tali strumenti di pianificazione occorre procedere all adeguamento della relativa VALSAT, integrata, in considerazione delle nuove previsioni ovvero dimostrare che le stesse non comportano alcun effetto significativo sull ambiente, ovvero effettuare la Verifica di assoggettabilità, qualora ricorrano i casi di cui all art. 6, commi 3 e 3 bis del D. Lgs 4/08. Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica non disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000 e per le procedure speciali di variante agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica (cioè gli accordi di programma, le conferenze di servizi, le intese e ogni altro atto che, in base alla legislazione vigente, comporti la variante agli strumenti di pianificazione) si darà luogo, con le modalità stabilite dal Decreto: a) a VAS, nei casi di cui all art. 6, comma 2, del D. Lgs 4/08; b) a Verifica di assoggettabilità, qualora ricorrano casi di cui all art. 6, commi 3 e 3 bis, del D. Lgs 4/08. 2 Verifica di assoggettabilità La verifica di assoggettabilità non trova applicazione per gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000, per i quali è effettuata la ValSAT. La verifica di assoggettabilità trova, invece, applicazione per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica non disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000 ovvero per i quali non è effettuata la ValSAT e per le procedure speciali di variante agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica (cioè gli accordi di programma, le conferenze di servizi, le intese e ogni altro atto che, in base alla legislazione vigente, comporti la variante agli strumenti di pianificazione), qualora gli stessi siano assoggettati a verifica di assoggettabilità, secondo quanto stabilito all art. 6, comma 3 e 3 bis.

6 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 Al fine dello svolgimento del procedimento di verifica di assoggettabilità è responsabilità dell autorità procedente trasmettere all autorità competente ed ai soggetti competenti in materia ambientale copia del piano o programma e del relativo rapporto ambientale preliminare prima dell adozione al fine dell istruttoria e dell emanazione del provvedimento di verifica di assoggettabilità da parte dell autorità competente e quindi della decisione in merito alla necessità di effettuare un procedimento di VAS. 3 Procedura di valutazione ambientale ed espressione del parere motivato Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica di cui alla L.R. n. 20 del 2000 il Rapporto ambientale è assimilabile al documento di VALSAT così come delineato nella delibera del Consiglio regionale n. 173 del 2001 ( Approvazione dell atto di indirizzo e coordinamento tecnico sui contenuti conoscitivi e valutativi dei piani e sulla conferenza di pianificazione ). Infatti esso: acquisisce, attraverso il quadro conoscitivo, lo stato e le tendenze evolutive dei sistemi naturali e antropici e le loro interazioni (analisi dello stato di fatto); assume gli obiettivi di sostenibilità ambientale e territoriale, di qualificazione paesaggistica e di protezione ambientale stabiliti dalla normativa e dalla pianificazione sovraordinata, nonché gli obiettivi e le scelte strategiche fondamentali che l amministrazione procedente intende perseguire con il piano (definizione degli obiettivi); valuta, anche attraverso modelli di simulazione, gli effetti sia delle politiche di salvaguardia sia degli interventi significativi di trasformazione del territorio previsti dal piano, tenendo conto delle possibili alternative (individuazione degli effetti del piano); individua le misure atte ad impedire gli eventuali effetti negativi ovvero quelle idonee a mitigare, ridurre o compensare gli impatti delle scelte di piano ritenute comunque preferibili (localizzazioni alternative e mitigazioni); illustra le valutazioni in ordine alla sostenibilità ambientale e territoriali dei contenuti dello strumento di pianificazione, con l eventuale indicazione: delle condizioni, anche di inserimento paesaggistico, cui è subordinata l attuazione di singole previsioni; delle misure e delle azioni funzionali al raggiungimento delle condizioni di sostenibilità indicate, tra cui la contestuale realizzazione di interventi di mitigazione e compensazione (valutazione di sostenibilità); definisce gli indicatori, necessari al fine di predisporre un sistema di monitoraggio degli effetti del piano, con riferimento agli obiettivi ivi definiti ed ai risultati prestazionali attesi (monitoraggio degli effetti). Per gli accordi di programma in variante agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, l'art. 40 della L.R. n. 20 del 2000 richiede l'elaborazione di un "specifico studio degli effetti sul sistema ambientale e territoriale" delle opere, interventi o programmi di intervento oggetto dell'accordo di programma e subordina l'approvazione dell'accordo stesso e della variante che esso comporta all'esame del medesimo elaborato. Anche questo studio è assimilabile al Rapporto ambientale. Al fine dello svolgimento del procedimento di VAS è responsabilità dell autorità procedente trasmettere all autorità competente ed ai soggetti competenti in materia ambientale copia del piano o programma e del relativo rapporto ambientale al fine dell istruttoria e dell emanazione del parere motivato da parte dell autorità competente. 4 Partecipazione Il D. Lgs. 4/08 richiede il coordinamento degli adempimenti relativi alla pubblicizzazione, deposito e partecipazione con le procedure di deposito, pubblicità e partecipazione previsti dal procedimento di formazione e approvazione di specifici piani e programmi, al fine di evitare possibili duplicazioni e garantire la semplificazione attraverso l integrazione dei procedimenti (comma 4 dell'art. 14). Pertanto, per gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica in corso, per la consultazione del pubblico, le forme di deposito, pubblicità e partecipazione previste dalla legislazione regionale (L.R. n. 47 del 1978, L.R. n. 20 del 2000) possono essere considerate adeguate ad assolvere le forme di pubblicizzazione, deposito e partecipazione previste dal D. Lgs. 4/08. Anche per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica l amministrazione procedente provvede all invio di copia del piano adottato e del documento di Valsat, del Rapporto ambientale o del Rapporto ambientale preliminare, all autorità competente nonché ai soggetti competenti in materia ambientale, affinché essi abbiano l opportunità di esprimersi.

7 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 Le modalità di consultazione previste dal D. Lgs 4/08 trovano, inoltre, applicazione per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica non disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000 e per le procedure speciali di variante agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica (cioè gli accordi di programma, le conferenze di servizi, le intese e ogni altro atto che, in base alla legislazione vigente, comporti la variante agli strumenti di pianificazione), qualora gli stessi siano sottoposti, rispettivamente, a VAS o a verifica di assoggettabilità. Appare utile sottolineare che i pareri di soggetti competenti in materia ambientale già acquisiti nei procedimenti di formazione ed approvazione di piani territoriali ed urbanistici in corso possono essere utilmente tenuti in considerazione in luogo della consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale da condurre nei procedimenti di verifica di assoggettabilità ed in quelli di VAS. 5 Valutazione e decisione Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica di cui alla L.R. n. 20 del 2000: il parere motivato è espresso dall autorità competente nell ambito dell intesa che la Regione e la Provincia esprimono, rispettivamente, sui piani provinciali e comunali, ai sensi dell art. 1, comma 5, della L.R. 9/08. A tale scopo, l atto che si esprime sull intesa deve dare atto dell effettiva valutazione della documentazione (documento di ValSAT), degli eventuali pareri espressi dai soggetti competenti in materia ambientale, delle osservazioni relative agli effetti ambientali del piano e delle relative controdeduzioni dell autorità procedente, esprimendosi sulle considerazioni ambientali da integrare nel piano o programma e sulle relative modalità di revisione; qualora per il PTCP o il PSC si prescinda dall intesa, il parere motivato è espresso nell ambito delle riserve al piano adottato. A tal scopo alla autorità competente (Regione o Provincia), assieme al piano adottato ed alla documentazione (documento di ValSAT), dovranno essere trasmesse le osservazioni relative agli effetti ambientali del piano ed ai relativi elaborati; per gli strumenti di pianificazione urbanistica per i quali non è prevista l espressione dell intesa (POC, PUA e RUE), il parere motivato è espresso sulla documentazione di cui all art. 15 del D. Lgs. 4/08, ovvero sul documento di ValSAT con un apposito provvedimento dell autorità competente da assumersi con le modalità e gli effetti di cui agli articoli 15, 16 e 17 del D. Lgs. 4/08; la dichiarazione di sintesi deve costituire un allegato parte integrante del piano approvato quale parte autonomamente e specificamente individuabile e deve dare contezza delle eventuali modifiche apportate al piano in considerazione del contenuto del parere motivato reso dall autorità competente; l obbligo di pubblicazione ai sensi dell art. 17 del Decreto, relativo alla decisione finale, al parere motivato, alla dichiarazione di sintesi ed alle misure di monitoraggio, per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica di cui alla L.R. n. 20 del 2000 è assolto dall autorità procedente, nell ambito delle ordinarie modalità di deposito del piano approvato (comprensivo della documentazione di cui all art. 15 del Decreto, ovvero del documento di ValSAT) e di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione. Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica non disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000 e per le procedure speciali di variante agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica sottoposti a VAS (si veda il precedente paragrafo 2.4.) il parere motivato è espresso secondo le modalità di cui al D. Lgs. 4/08. Per gli accordi di programma che comportano una variante a strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, l autorità competente esprime il parere motivato nell ambito dell atto con il quale manifesta il proprio assenso alla conclusione dell accordo stesso. 6 Monitoraggio Per gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica disciplinati dalla L.R. n. 20 del 2000 il monitoraggio è posto in capo all autorità procedente. Processo di consultazione e partecipazione (individuazione e Le procedure di consultazione per i piani territoriali ed urbanistici adottati sono ricordati al punto 4 (collocato nella sequenza temporale della procedura) della precedente riga. È utile ricordare che per i piani territoriali ed urbanistici la LR 20/2000 prevede (artt. da 27 a 35) una fase di consultazione dei soggetti con competenze ambientali e degli enti territorialmente interessati, tramite lo svolgimento di una Conferenza di pianificazione, sul documento preliminare di Piano, cui è allegata la prima stesura della VALSAT o del Rapporto ambientale o del Rapporto

8 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 modalità di consultazione dei soggetti con competenze ambientali, degli enti territorialmente interessati e partecipazione del pubblico: fase di scoping; messa a disposizione del rapporto ambientale e proposta di Piano; conferenze, forum) ambientale preliminare. Normativa di riferimento L. R. 13 giugno 2008, n. 9 Disposizioni transitorie in materia di Valutazione ambientale strategica e norme urgenti per l applicazione del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 LR 24 marzo 2000 n.20 Disciplina generale sulla tutela e uso del territorio LR 6 luglio 2009 n.6 Governo e riqualificazione solidale del territorio Circolare prot. PG del 12 novembre 2008 concernente Prime indicazioni in merito all entrata in vigore del D. Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, correttivo della parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, relativa a VAS, VIA e IPPC e del titolo i della l. r. 13 giugno 2008, n. 9. Delibera del Consiglio regionale n. 173 del 2001 Approvazione dell atto di indirizzo e coordinamento tecnico sui contenuti conoscitivi e valutativi dei piani e sulla conferenza di pianificazione.

9 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre RAPPORTO TRA VAS E PIANIFICAZIONE LOCALE: MODALITÀ, CRITICITÀ, ESPERIENZE Documenti del processo di VAS (Rapporto preliminare, Rapporto ambientale e Sintesi non tecnica, parere motivato e dichiarazione di sintesi: descrizione e rapporto con il processo di formazione del Piano) 1. Piani e programmi non territoriali ed urbanistici Per tali piani e programmi si applicano direttamente le disposizioni di cui al D. Lgs. 152/06 come modificato dal D. Lgs. 4/08 La verifica di assoggettabilità, consiste in una verifica se il piano o il programma possa avere effetti significativi sull ambiente, al fine di assumere conseguentemente la decisione se esso debba essere assoggettato a VAS. Essa deve essere svolta dall autorità competente, sulla base degli elementi di cui all'allegato I e tenuto conto delle osservazioni pervenute. In estrema sintesi, l'art. 12 prevede che l'autorità procedente deve redigere un rapporto preliminare, comprendente "una descrizione del piano o programma e le informazioni e i dati necessari alla verifica degli impatti significativi sull'ambiente" che è prevedibile deriveranno dalla sua attuazione, utilizzando come riferimento i tematismi ed i criteri indicati dall'allegato I. Per i piani e programmi di iniziativa privata la redazione del rapporto preliminare è a carico del proponente; Il Rapporto ambientale è un documento del piano [5, comma 1, lettera f) ]; esso costituisce parte integrante del piano o del programma e ne accompagna l intero processo di elaborazione ed approvazione (art. 13, comma 3). Il Rapporto ambientale segue dunque l'attività di formazione e approvazione del piano e programma con il medesimo livello di approfondimento. Il Rapporto ambientale deve essere elaborato sin dai momenti preliminari dell attività di elaborazione di piani e programmi (art. 13, comma 1). Nell apposito Allegato VI del D. Lgs. 4/08 sono riportate le informazioni da fornire nell ambito del Rapporto ambientale stesso, secondo il criterio di proporzionalità e ragionevolezza disposto dall art. 13, comma 4. Quanto al grado di vincolatività di detto Allegato, si consideri che le informazioni ivi indicate sono esigibili nei limiti in cui possono essere ragionevolmente richieste, tenuto conto del livello delle conoscenze e dei metodi di valutazione correnti, dei contenuti e del livello di dettaglio del piano o del programma (art. 13, comma 4). Dovrà inoltre tenersi conto del principio di non duplicazione, che impone di utilizzare se pertinenti, approfondimenti già effettuati ed informazioni ottenute nell ambito di altri livelli decisionali o altrimenti acquisite (art. 13, comma 4), e quindi, ad esempio, impone di valutare l opportunità di fare rinvio a piani già valutati per taluni approfondimenti e specificazioni. Al Rapporto ambientale deve essere allegata una sintesi non tecnica del Rapporto stesso. Ai commi 1 e 2 dell art. 13 è normata la fase preliminare per definire la portata ed il livello di dettaglio dei contenuti del Rapporto ambientale: una fase analoga a quella di scoping prevista per la procedura di VIA. Si segnala la fondamentale utilità di tale fase preliminare di confronto sui contenuti del Rapporto ambientale al fine di individuare gli impatti ambientali da esaminare attentamente e di orientare la redazione del piano o programma. 2. Piani territoriali ed urbanistici Sia il comma 1 sia il comma 2 dell art. 2 della L.R. n. 9 del 2008 specificano che sino all'entrata in vigore della legge regionale di recepimento delle disposizioni in materia di VAS contenute nel Decreto, per la valutazione ambientale per i piani territoriali ed urbanistici previsti dalla L. R. n. 20 del 2000 è necessario e sufficiente integrare il documento di ValSAT, di cui all'art. 5 della medesima legge, e le procedure di concertazione e verifica previste dalla stessa legge regionale con gli ulteriori adempimenti e fasi procedurali previste dal Decreto.

10 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 Il comma 3 dell art. 2 della medesima legge regionale n. 9 del 2008 specifica che per i seguenti piani o varianti sarà necessario integrare le procedure previste dalla L.R. n. 20 del 2000 con gli adempimenti previsti per la verifica di assoggettabilità, sempreché rientrino nei casi di cui all art. 6, commi 3 e 3 bis, del Decreto: le varianti ai piani operativi comunali (POC); i piani urbanistici attuativi (PUA); le varianti agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica che conseguono ad accordi di programma, conferenze di servizi, intese ed altri atti, in base alla legislazione vigente. Per gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica di cui alla L.R. n. 20 del 2000 il Rapporto ambientale è assimilabile infatti al documento di VALSAT così come delineato nella delibera del Consiglio regionale n. 173 del 2001 ( Approvazione dell atto di indirizzo e coordinamento tecnico sui contenuti conoscitivi e valutativi dei piani e sulla conferenza di pianificazione ). In particolare, ai sensi di tale atto di indirizzo, il documento di Valsat: acquisisce, attraverso il quadro conoscitivo, lo stato e le tendenze evolutive dei sistemi naturali e antropici e le loro interazioni (analisi dello stato di fatto); assume gli obiettivi di sostenibilità ambientale e territoriale, di qualificazione paesaggistica e di protezione ambientale stabiliti dalla normativa e dalla pianificazione sovraordinata, nonché gli obiettivi e le scelte strategiche fondamentali che l amministrazione procedente intende perseguire con il piano (definizione degli obiettivi); valuta, anche attraverso modelli di simulazione, gli effetti sia delle politiche di salvaguardia sia degli interventi significativi di trasformazione del territorio previsti dal piano, tenendo conto delle possibili alternative (individuazione degli effetti del piano); individua le misure atte ad impedire gli eventuali effetti negativi ovvero quelle idonee a mitigare, ridurre o compensare gli impatti delle scelte di piano ritenute comunque preferibili (localizzazioni alternative e mitigazioni); illustra le valutazioni in ordine alla sostenibilità ambientale e territoriali dei contenuti dello strumento di pianificazione, con l eventuale indicazione: delle condizioni, anche di inserimento paesaggistico, cui è subordinata l attuazione di singole previsioni; delle misure e delle azioni funzionali al raggiungimento delle condizioni di sostenibilità indicate, tra cui la contestuale realizzazione di interventi di mitigazione e compensazione (valutazione di sostenibilità); definisce gli indicatori, necessari al fine di predisporre un sistema di monitoraggio degli effetti del piano, con riferimento agli obiettivi ivi definiti ed ai risultati prestazionali attesi (monitoraggio degli effetti). Quadro di riferimento (elementi, fonti) Per tutti i piani e programmi (territoriali ed urbanistici e non) È rappresentato dagli obiettivi di sostenibilità ambientale e territoriale, di qualificazione paesaggistica e di protezione ambientale stabiliti dalla normativa e dalla pianificazione sovraordinata, nonché gli obiettivi e le scelte strategiche fondamentali che l amministrazione procedente intende perseguire con il piano. In particolare è indicata la necessità di compiere una verifica di coerenza con gli obiettivi di sostenibilità ambientale individuati a livello mondiale, europeo, nazionale. Valutazione delle alternative Per tutti i piani e programmi (territoriali ed urbanistici e non) È indicata la necessità di evidenziare le alternative prese in considerazione e le motivazioni della scelta compiuta. Si segnala che questo aspetto rappresenta nella generalità dei casi uno degli aspetti meno sviluppati nelle esperienze di VAS finora condotte. Sistema di monitoraggio Per tutti i piani e programmi (territoriali ed urbanistici e non) Si applicano direttamente le disposizioni di cui al D. Lgs. 152/06 come modificato dal D. Lgs. 4/08.

11 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 (costruzione, risultati, effetti sulla pianificazione) L art. 18 del Decreto prescrive l effettuazione di un adeguato monitoraggio sugli impatti ambientali significativi derivanti dall attuazione del piano o programma, posto in capo all autorità titolare del piano o programma. La medesima disposizione (art. 18, comma 1) specifica che il monitoraggio assicura il controllo sugli impatti significativi sull ambiente derivanti dall attuazione del piano o programma e la verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità prefissati, così da individuare tempestivamente gli impatti negativi imprevisti e da adottare le opportune misure correttive. L art. 18, comma 2, prescrive che il piano o il programma individua le responsabilità e la sussistenza delle risorse necessarie per la realizzazione e gestione del monitoraggio. È, inoltre, specificato che il monitoraggio è effettuato avvalendosi del sistema delle Agenzie ambientali. Nella nostra regione ciò comporta l avvalimento dell ARPA Emilia - Romagna. Gli esiti del monitoraggio, sono finalizzati in particolare (art. 18, comma 4) a costituire dati e informazioni da cui muovere per la elaborazione delle modifiche al piano o programma ed ad essere inclusi in ogni caso nel quadro conoscitivo dei successivi atti di pianificazione o programmazione, al fine di tener conto nello sviluppo dei processi di programmazione o pianificazione degli effetti che si sono realizzati a seguito della attuazione degli atti precedenti. È prevista infine una pubblicità adeguata, attraverso i siti web dell autorità competente e dell autorità procedente e di ARPA, sia sullo svolgimento del monitoraggio, sia sui risultati e misure correttive adottate (art. 18, comma 3). Anche in questo caso è raccomandata l applicazione del principio dell adeguatezza ed idoneità del tipo di pubblicità prescelto rispetto alle caratteristiche delle informazioni considerate.

12 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre RAPPORTO TRA VAS VIA - VIC Relazione tra le procedure di valutazione (modalità, criticità e casi esemplificativi) Per tutti i piani e programmi (territoriali ed urbanistici e non) Si applicano direttamente le disposizioni di cui al D. Lgs. 152/06 come modificato dal D. Lgs. 4/08 RAPPORTO TRA VAS E VIA Il Decreto disciplina alcuni profili del rapporto tra VAS e VIA, stabilendo, in particolare quanto segue: a) In attuazione di principi di semplificazione e di integrazione procedurale, la procedura di verifica (screening) di un progetto (di cui al Titolo III del Decreto ed al Titolo II della L. R. 9/99), può essere condotta, nel rispetto delle disposizioni contenute nel presente decreto, nell ambito della VAS (art. 10, comma 4). In tal caso la norma stabilisce l unicità della consultazione del pubblico e che le modalità di informazione del pubblico danno specifica evidenza della integrazione procedurale. Questa previsione, si riferisce, con ogni evidenza, a fattispecie in cui lo stesso procedimento amministrativo conduce all approvazione di un piano o programma soggetto a VAS e contemporaneamente all approvazione di progetti assoggettati a screening (come, ad esempio, il caso dell approvazione di strumenti urbanistici attuativi che contemporaneamente rilascino la concessione edilizia o il permesso di costruire a progetti elencati nell Allegato IV del Decreto, al punto 7. Progetti di infrastrutture, alle lettere a) progetti di sviluppo di zone industriali o produttive con una superficie interessata superiore ai 40 ettari e b) progetti di sviluppo di aree urbane, nuove o in estensione, interessanti superfici superiori ai 40 ettari; progetti di riassetto o sviluppo di aree urbane all interno di aree urbane esistenti che interessano superfici superiori a 10 ettari ). b) Nella redazione e valutazione di un progetto e del relativo Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) già previsti in piani o programmi sottoposti a VAS, possano essere utilizzate le informazioni e analisi del Rapporto ambientale (art. 10, comma 5). c) Parimenti la documentazione e le conclusioni della VAS vanno tenute in considerazione nella redazione dei progetti e dei relativi S.I.A. e nello svolgimento delle procedure di VIA (art. 10, comma 5). d) La procedura di VIA può avere esito negativo, o contenere valutazioni contrastanti su elementi già oggetto di VAS, purché ciò sia adeguatamente motivato (art. 19, comma 2). Il provvedimento di VIA discordante deve presentare cioè una motivazione circostanziata sulle ragioni per le quali si ritiene di disattendere le precedenti valutazioni. Tale motivazione, in genere, dovrà attendere alla circostanza che, in sede istruttoria della VIA siano emersi elementi di fatto e di giudizio non valutati in precedenza (si pensi per es. alla specifica destinazione d uso che si intenda dare ad un impianto produttivo), ovvero il fatto che si sia imposta una riconsiderazione delle precedenti conclusioni, in ragione della diversa scala di approfondimento degli effetti ambientali, operata sul progetto dell opera o intervento da realizzare in concreto. RAPPORTI TRA VAS E VALUTAZIONE DI INCIDENZA Il Decreto disciplina, inoltre i rapporti tra la VAS e la valutazione di incidenza per le aree SIC e ZPS, stabilendo che in tali casi si svolge un unico procedimento, quello di VAS, con le seguenti precisazioni: a) l autorità competente esprime il parere motivato di VAS, comprensivo della Valutazione di incidenza, nei casi di coincidenza tra l autorità competente alla VAS e quella competente alla Valutazione di incidenza. A tal fine il rapporto ambientale contiene gli elementi di cui all allegato G del decreto 357/97 e la valutazione dell autorità competente si estende alle finalità di conservazione proprie della valutazione d incidenza; b) nel caso in cui la competenza sulla VAS sia diversa da quella sulla Valutazione di

13 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre 2009 incidenza, l autorità competente alla VAS si coordina con l autorità competente alla Valutazione di incidenza, ai fini della tempestiva acquisizione del relativo provvedimento, e da atto nel parere motivato degli esiti della Valutazione di incidenza, dando ad essi evidenza autonoma. La norma stabilisce, inoltre, l unicità della consultazione del pubblico e che le modalità di informazione del pubblico danno specifica evidenza della integrazione procedurale (art. 10, comma 3).

14 CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Milano, 2-3 dicembre PROGETTI PILOTA, SPERIMENTAZIONI, ESEMPI DI BUONE PRATICHE Descrizione (ricerche, progetti, sperimentazioni, buone pratiche che si vuole segnalare) Sono ancora pochi i casi, generalmente attinenti alla pianificazione di settore (ad esempio: il PLERT Piano Localizzazione Emittenti Radio e Telecomunicazioni -della provincia di Piacenza o il PIAE - Piano provinciale delle Attività Estrattive - della provincia di Ravenna) e di alcuni più rari casi di Pianificazione generale (ad esempio il PTCP della Provincia di Forlì Cesena in co-pianificazione con alcuni PSC comunali), che presentano alcuni elementi di buona pratica (tutti gli strumenti citati sono reperibili sui siti WEB delle Amministrazioni citate). In generale si evidenzia ancora la gran fatica del sistema della pianificazione e della programmazione ad appropriarsi in senso positivo ed utile a se stesso ed ai cittadini, di questo importante strumento di valutazione previsto dalle norme europee per qualificare (in primo luogo a fini ambientali) i processi decisionali relativi a piani e programmi.

15 Fondazione Lombardia Per l Ambiente CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Forme, esiti e prospettive di integrazione per il governo del territorio Milano, 2-3 dicembre VAS e pianificazione in Emilia Romagna Alessandro Maria Di Stefano Dirigente, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, DG Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa Regione Emilia Romagna VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE La Regione Emilia - Romagna ha approvato la LR 20/2000 Disciplina generale sulla tutela e uso del territorio e successive modifiche (in particolare la LR 6/2009) che ha introdotto una forte innovazione di obiettivi, regole e strumenti nell assetto istituzionale e nel rapporto con i cittadini incentrata sui seguenti elementi Sussidiarietà; Concertazione istituzionale; Semplificazione amministrativa. 1

16 VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE La pianificazione territoriale si articola in: Piano Territoriale Regionale (PTR) Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) Accanto a questi strumenti di pianificazione territoriale esistono numerosi piani e programmi di settore. La Pianificazione urbanistica comunale si articola nei seguenti strumenti: VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE 1. Piano Strutturale Comunale (PSC) [art. 28] Rappresenta lo strumento di pianificazione urbanistica generale che deve essere predisposto dal Comune con riguardo a tutto il proprio territorio per: delineare le scelte strategiche di assetto e di sviluppo; tutelare l integrità fisica ed ambientale e l identità culturale. Il PSC non attribuisce potestà edificatoria ed ha invece efficacia solo per i vincoli e le condizioni non aventi natura espropriativa. Il PSC si conforma alle prescrizioni ed ai vincoli e dà attuazione agli indirizzi ed alle direttive contenuti nei piani territoriali sovracomunali. 2

17 VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE 2. Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) [art. 29] Contiene, in conformità al PSC: le norme attinenti alle attività di costruzione, di trasformazione fisica e funzionale e di conservazione delle opere edilizie; la disciplina degli elementi architettonici e urbanistici, degli spazi verdi e degli altri elementi che caratterizzano l ambiente urbano. 3. Piano Operativo Comunale (POC) [art. 30) Individua e disciplina gli interventi di tutela e valorizzazione, di organizzazione e trasformazione del territorio indicati nel PSC da realizzare nell arco temporale di 5 anni. VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE 4. Piani Urbanistici Attuativi (PUA) [art. 31] Sono gli strumenti urbanistici di dettaglio per dare attuazione agli interventi di nuova urbanizzazione e riqualificazione disposti dal POC. L art. 22 della LR 20/2000, prevede la possibilità di modificazioni alla pianificazione sovraordinata tramite esplicite proposte di modifica nei seguenti casi: il PTCP e il PSC possono proporre modifiche ad uno o più piani generali e settoriali sovraordinati; i PUA possono prevedere modifiche o integrazioni ai POC; i piani settoriali possono proporre (solo per le proprie competenze) modifiche al piano generale del medesimo livello o a piani generali e settoriali sovraordinati. 3

18 VAS e pianificazione in Emilia Romagna STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE A LIVELLO LOCALE Con la L.R. n. 20 del 2000 la sostenibilità ambientale delle previsioni diventa uno degli obiettivi primari della pianificazione. In particolare tramite VALSAT (Valutazione della sostenibilità ambientale e territoriale) previsto, dall art. 5, come elaborato tecnico volto a dimostrare la sostenibilità ambientale e territoriale delle previsioni di piano, in termini di coerenza con le caratteristiche del territorio e di compatibilità degli effetti (impatti) ambientali degli stessi. La VALSAT si pone come anticipazione della direttiva comunitaria sulla VAS 2001/42/CEE: un processo che è parte dell iter approvativo; una valutazione che accompagna l elaborazione e approvazione con la partecipazione di tutti i soggetti che svolgono compiti ambientali. VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS L individuazione del proponente e dell autorità procedente è quella stabilita dal D. Lgs. 4/08. L Assemblea legislativa dell Emilia Romagna con la L.R. 13 giugno 2008, n. 9 ha individuato, nelle more del pieno recepimento del D. Lgs. 4/08, l autorità competente all effettuazione dei compiti in materia di VAS. Nell art. 1, comma 1, della L. R. n. 9 del 2008 è stabilito il principio che l autorità competente per la valutazione ambientale di piani e programmi è individuata, assicurandone la terzietà, in una amministrazione con compiti di tutela, protezione e valorizzazione ambientale. 4

19 VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS L autorità competente per la VAS, nel rispetto dei principi di terzietà e di qualificazione ambientale della pubblica amministrazione: per i piani ed i programmi approvati dalla Regione, dalle Autorità di bacino e dalle Province, l Autorità competente è la Regione. Il comma 3 stabilisce, inoltre, che al fine di assicurare la terzietà di tale autorità competente, è individuata, con deliberazione della giunta regionale la struttura organizzativa competente in materia ambientale, dotata della necessaria autonomia. per i piani ed i programmi approvati dai Comuni e dalle Comunità montane, l autorità competente è la Provincia. VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS Il comma 5 dell art. 1 della L.R. n. 9 del 2008 stabilisce che: per i piani territoriali ed urbanistici, provinciali e comunali normati dalla L.R. n. 47 del 1978 e dalla L.R. n. 20 del 2000 l autorità competente è individuata rispettivamente nella Regione e nelle Province, in coerenza con le attribuzioni loro spettanti ai sensi della medesima legge in ordine all approvazione dei piani, la Regione e le Province coinvolgono per le relative istruttorie le strutture organizzative competenti in materia ambientale. 5

20 VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS 1. Procedimento per piani e programmi non territoriali ed urbanistici Per tali piani e programmi si applicano direttamente le disposizioni di cui al D. Lgs. 4/ Procedimento per piani territoriali ed urbanistici Il comma 5 dell art. 1 della L.R. n. 9 del 2008 stabilisce che la Regione e le Province si esprimono in merito alla valutazione ambientale integrando la fase istruttoria ai fini dell approvazione, nell ambito dei provvedimenti di loro competenza previsti dalla L.R. n. 20 del 2000, dando specifica evidenza al provvedimento di verifica di assoggettabilità ed al parere motivato. VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS Sino all'entrata in vigore della legge regionale di recepimento delle disposizioni in materia di VAS, la valutazione ambientale per i piani territoriali ed urbanistici previsti dalla è costituita dalla ValSAT di cui all'art. 5 L. R. n. 20 del 2000, integrata dagli adempimenti e fasi procedimentali previsti dal Decreto non contemplati dalla L. R. n. 20 del La ValSAT è in ogni caso da integrare con i seguenti atti: espressione del parere motivato da parte dell autorità competente ai sensi dell art. 15 del D. Lgs. 4/08; approvazione della dichiarazione di sintesi da parte dell autorità procedente contestualmente alla approvazione del piano o programma. Il procedimento di verifica di assoggettabilità di cui all art. 12 del D. Lgs. 4/08 va svolto nei casi previsti dall art. 6, commi 3 e 3 bis, del D. Lgs 4/08. 6

21 VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS Al fine dello svolgimento del procedimento di verifica di assoggettabilità è responsabilità dell autorità procedente trasmettere all autorità competente ed ai soggetti competenti in materia ambientale copia del piano o programma e del relativo rapporto ambientale preliminare prima dell adozione al fine dell istruttoria e dell emanazione del provvedimento di verifica di assoggettabilità da parte dell autorità competente e quindi della decisione in merito alla necessità di effettuare un procedimento di VAS. VAS e pianificazione in Emilia Romagna PROCESSO DI VAS Per i piani territoriali ed urbanistici il Rapporto ambientale è assimilabile al documento di VALSAT definito nell Atto di indirizzo e coordinamento tecnico sui contenuti conoscitivi e valutativi dei piani e sulla conferenza di pianificazione ) che: acquisisce, attraverso il quadro conoscitivo, lo stato e le tendenze evolutive dei sistemi naturali (analisi dello stato di fatto); assume gli obiettivi di sostenibilità ambientale e territoriale (definizione degli obiettivi); valuta gli effetti sia delle politiche di salvaguardia sia degli interventi significativi di trasformazione, tenendo conto delle possibili alternative (individuazione degli effetti del piano); individua le misure atte ad impedire gli eventuali effetti negativi (localizzazioni alternative e mitigazioni); illustra le valutazioni in ordine alla sostenibilità ambientale e territoriali (valutazione di sostenibilità); definisce gli indicatori necessari al fine di predisporre un sistema di monitoraggio degli effetti del piano (monitoraggio degli effetti). 7

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 PROVINCIA DI BOLOGNA Settore Pianificazione Territoriale http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/psc.htm BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 APPROFONDIMENTI TECNICI MODI E TEMPI DI SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI

Dettagli

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE SCHEMA DELIBERA DI ADOZIONE (PER PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 39 DEL DLGS 33/2013) 1 REGOLAMENTO EDILIZIO URBANISTICO

Dettagli

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

J:tE ; l ;ii-,30îî. 2. Sono obbligatoriamente soggetti avas: *lletrtn.' I - : "

J:tE ; l ;ii-,30îî. 2. Sono obbligatoriamente soggetti avas: *lletrtn.' I - : *lletrtn.' I - : " - ut"t, J:tE ; l ;ii-,30îî DISCIPLINARE OPERATIVO INERENTE LA PROCEDUR,A. DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE D.lgs.

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Pianificazione, VAS e governo del territorio. Esperienze regionali a confronto VAS e pianificazione in Lombardia

Pianificazione, VAS e governo del territorio. Esperienze regionali a confronto VAS e pianificazione in Lombardia Fondazione Lombardia per l Ambiente CONVEGNO INTERNAZIONALE Pianificazione e Valutazione Ambientale Strategica Forme, esiti e prospettive di integrazione per il governo del territorio Milano, 2-3 dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS

VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS Dott. Giovanni Santangelo Venezia, 9 aprile 2009 1 La Via e la Vas sono processi di valutazione Preventiva e Sistematica degli effetti

Dettagli

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città.

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. Relatore l'assessore all'urbanistica Libero Asioli - La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n.

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno in Modena il giorno del mese di ( ) alle ore regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica per la trattazione

Dettagli

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO - Progetto Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) adozione ai sensi dell'art. 38, comma 2, della legge regionale n. 36 del 4/9/1997 come modificata dalla legge regionale n. 11 del 2 aprile 2015. A

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 )

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 ) Legge regionale 19 gennaio 2010, n.1 Norme in materia di energia e Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale. D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 L.R. n. 9/2007 ( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA N. d'ord.11 reg deliberazioni GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 21/01/2014 L'anno duemilaquattordici, questo giorno ventuno del mese di gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI VARESE. Oggetto: Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) - PARERE MOTIVATO

PROVINCIA DI VARESE. Oggetto: Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) - PARERE MOTIVATO Prot. 8920 07 Dicembre 2012 COMUNE DI GEMONIO PROVINCIA DI VARESE Oggetto: Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) - PARERE MOTIVATO L AUTORITA COMPETENTE PER LA VAS D INTESA CON L AUTORITA PROCEDENTE

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI COMUNE DI EMPOLI SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI VERBALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI Convocazione ai sensi dell art. 22 e succ. della Legge Regionale Toscana 23 luglio 2009 n. 40 e ss.mm.ii. Procedimento

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli

Al Presidente del Collegio Geometri e Geometri laureati della Provincia di xxx. Al Responsabile dell Area Governo del Territorio del Comune di xxx

Al Presidente del Collegio Geometri e Geometri laureati della Provincia di xxx. Al Responsabile dell Area Governo del Territorio del Comune di xxx DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE)

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) SIC Montagnola senese (IT5190003) SIC/ZPS Crete di Camposodo e Crete di Leonina (IT5190004) SIC/ZPS Monte Oliveto

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S.

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA COMUNE DI GAIOLE IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI parere espresso ai sensi della L.R. 10/2010 in

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 OGGETTO: D.Lgs. 192/2005 - Art. 6 Certificazione energetica degli edifici, commi 2-ter e 2-quater. Contratti e

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valore Militare per attività partigiana Pag. 1 SERVIZIO URBANISTICA - ATTIVITÀ ESTRATTIVE - PROGETTI STRATEGICI - MARKETING TERRITORIALE - COMUNICAZIONE ORIGINALE

Dettagli

Linee Guida per la Valutazione Ambientale Strategica dei Piani Urbanistici Comunali

Linee Guida per la Valutazione Ambientale Strategica dei Piani Urbanistici Comunali ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Linee Guida per la Valutazione Ambientale Strategica dei Piani Urbanistici Comunali INDICE 1 INTRODUZIONE...2 2 LA

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

Pubblico e altri soggetti interessati. Tempi (giorni ) 90 Osservazioni, lettere, pareri e precisazioni

Pubblico e altri soggetti interessati. Tempi (giorni ) 90 Osservazioni, lettere, pareri e precisazioni Procedura di Vas per i piani-programmi in Italia (applicabile anche in Emilia-Romagna per strumenti non di carattere territoriale-urbanistico; cfr. LR ER n.0/000 art.. e art.0) N Attività del processo

Dettagli

LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS.

LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS. LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS. 152706 Alessandro Maria Di Stefano 1 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 152/06 IN

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI PIACENZA N. 154 Reg. Del. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE ADUNANZA DEL 29/08/2014 Oggetto: PIANO URBANISTICO ATTUATIVO (PUA) DENOMINATO "IL CORTILE", A SCOPO RESIDENZIALE

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Procedimento di adozione/approvazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica

Procedimento di adozione/approvazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica Procedimento di adozione/approvazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica Principali novità introdotte dalla legge regionale 65/2014 Orientamenti in materia di buone pratiche Per

Dettagli

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 ADEMPIMENTO DI cui all art 39 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 OGGETTO: ESAME CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI

Dettagli

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 1731 23/02/2009 Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA ESCLUSIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE "VALLE SERIANA SUPERIORE" DALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE - VAS IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano

DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio - PGT Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano Autorità

Dettagli

PROVINCIA DI NAPOLI DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI NAPOLI DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI NAPOLI DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE N. 506 DEL 23 ottobre 2014 Comune di Casalnuovo di Napoli. Variante allo strumento urbanistico generale ex art.19 c.2 e 4 del D.P.R. 327/2001 per

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione in oggetto, munita dei prescritti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE CITTA DI BIELLA L.R. 14 DICEMBRE 1998 N. 40 D. LGS. 3 APRILE 2006 N. 152 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Approvato con Delibera di C.C. n. 022

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

~RegioneEmilia-Romagna

~RegioneEmilia-Romagna ASSESSORATO AI TRASPORTI, RETI INFRASTRUTTURE MATERIALI E ~RegioneEmilia-Romagna IMMATERIALI, PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E AGENDA DIGITALE GLI ASSESSORI RAFFAELE DONINI PALMA COSTI REGIONE EMILIA-ROMAGNA:

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGREA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 194 del 23/03/2011 Proposta: DAG/2011/196 del 21/03/2011 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Determ. n. 994-16.5.2014

Determ. n. 994-16.5.2014 COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 994-16.5.2014 OGGETTO: Settore Sportello Unico Attività Produttive. Variante al P.G.T per ampliamento sede Giornale di Brescia in via Solferino

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca C O M U N E D I S E R A V E Z Z A Provincia di Lucca OGGETTO: PIANO DI RECUPERO PER L'AREA RR14 POSTA IN POZZI, VIA MARTIRI DI SANT'ANNA ADOTTATO IN DATA 30 SETTEMBRE 2011 - PRONUNCIAMENTO SULLE OSSERVAZIONI

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO (Provincia di Treviso)

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO (Provincia di Treviso) COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO (Provincia di Treviso) Gemellato con la Città di Boves (CN) - Medaglia d oro al valore civile e militare Gemellato con Labastide St. Pierre (F) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

seminario di studio L ESAME PAESISTICO DEI PROGETTI per le zone NON soggette a vincolo specifico o di legge

seminario di studio L ESAME PAESISTICO DEI PROGETTI per le zone NON soggette a vincolo specifico o di legge seminario di studio L per le zone NON soggette a vincolo specifico o di legge ai sensi della parte IV del Piano Paesistico Regionale della Lombardia Relatore Sala convegni Ordine dei Commercialisti di

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA INU Emilia Romagna Istituto Nazionale Urbanistica Summer School 2010 Cesenatico, 23-24-25 settembre 2010 IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA RELAZIONE GUIDO LEONI P.le Arturo Balestrieri

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA LE ESPERIENZE DI ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DM 9 MAGGIO 2001

LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA LE ESPERIENZE DI ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DM 9 MAGGIO 2001 La pianificazione e la sicurezza del territorio: La pianificazione delle zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante. LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA Sala Conferenze San Filippo Neri

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano.

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. Committente: AMSA S.p.A.

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014

Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014 Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 5 - Direzione Generale per l'ambiente e l'ecosistema U.O.D. 16 - UOD Autorizzazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Comune di Ranica Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Settore Gestione Territorio e sue Risorse VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12;

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12; LA GIUNTA REGIONALE - Richiamata la legge regionale 26 maggio 2009, n. 12 recante: Disposizioni per l adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d Aosta derivanti dall appartenenza dell Italia

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli