Progetto RE.LA.R II Fase

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto RE.LA.R II Fase"

Transcript

1 Area Immigrazione Progetto RE.LA.R II Fase Rete dei servizi per la prevenzione del lavoro sommerso Guida operativa per la gestione dei tirocini e la rendicontazione del contributo ai soggetti promotori aprile 2013

2 Premessa La presente guida ha lo scopo di descrivere in modo sintetico le modalità di gestione e rendicontazione dei tirocini attraverso le quali è possibile per l ente promotore richiedere il contributo e per i tirocinanti ricevere l indennità di frequenza. Durata e composizione del tirocinio Il tirocinio ha durata non inferiore a tre mesi e non superiore a cinque mesi. L attività potrà avere una durata massima di 30 ore settimanali; inoltre le ore di frequenza non potranno superare le 6 ore giornaliere. Durante lo svolgimento del tirocinio non è possibile usufruire di proroghe. Richiesta di attivazione del tirocinio La richiesta di attivazione dei tirocini formativi avverrà attraverso la piattaforma Plus, alla quale l ente promotore accederà tramite delle credenziali assegnategli da Italia Lavoro. L ente dovrà inserire su piattaforma i dati dell azienda ospitante e del tirocinante, e produrre le relative convenzione e progetto formativo. La convenzione tra ente promotore e azienda ospitante dovrà essere stampata, firmata, scansionata e caricata (tramite funzione uploading) sulla piattaforma. Effettuato l inserimento dei dati, l ente dovrà inviare ad Italia Lavoro il progetto formativo generato dalla piattaforma Plus e il registro presenze tirocinante regolarmente vidimato all indirizzo mail Italia Lavoro provvederà entro 5 giorni alla verifica della documentazione, e comunicherà all ente promotore il nulla osta all avvio delle attività. In questa fase sarà possibile, su richiesta di IL, effettuare integrazioni e/o rettifiche della documentazione presentata. I progetti formativi verranno esaminati sulla base della data di inizio attività riportata nel progetto formativo. Prima dell avvio del tirocinio, l ente è tenuto ad inviare la stampa del modello UNILAV all indirizzo mail e caricarne il codice nel campo Altre informazioni-note della sezione Gestione Interventi della Plus. La data di inizio del tirocinio dovrà essere prevista non prima di 5 giorni lavorativi dalla data di caricamento dei dati sulla piattaforma. La data di fine tirocinio dovrà essere definita tenendo conto di eventuali sospensioni dovute a periodi di chiusura aziendale preventivamente programmati. Pianificazione delle attività formative Gli obiettivi e le modalità di svolgimento del tirocinio sono stabiliti in accordo dal soggetto promotore e dall azienda ospitante, tenendo conto delle esigenze e delle inclinazioni del destinatario e sono esplicitati nel progetto formativo. 2

3 Nello specifico, dovranno essere indicati in modo completo ed esaustivo gli obiettivi formativi, le modalità di acquisizione delle competenze e i risultati attesi. Particolare attenzione dovrà essere riservata alla valorizzazione delle competenze linguistiche e professionali del destinatario. Variazioni progetto formativo Eventuali variazioni al progetto formativo approvato dovranno essere comunicate tempestivamente a mezzo mail all indirizzo In ogni caso la variazione non potrà riguardare il destinatario del percorso di tirocinio. Variazione tutor Nel caso di sopraggiunta sostituzione del tutor formativo e del tutor aziendale, l ente promotore dovrà comunicare ad Italia Lavoro la variazione all indirizzo mail di progetto: Conseguentemente, una nota dovrà essere inserita sul registro presenze del tirocinante. Annullamento tirocinio Nel caso di annullamento del percorso di tirocinio, l ente promotore è tenuto a darne pronta comunicazione ad Italia Lavoro all indirizzo mail di progetto: La comunicazione di annullamento va comunicata, in ogni caso, non oltre cinque giorni dalla data di avvio prevista. Interruzione anticipata In caso di interruzione anticipata del percorso di tirocinio, l ente promotore è tenuto a darne pronta comunicazione ad Italia Lavoro all indirizzo mail di progetto: La comunicazione di interruzione va comunicata, in ogni caso, non oltre cinque giorni dalla data di interruzione. Obblighi del soggetto promotore Al fine di attivare i percorsi di tirocinio, il soggetto promotore è tenuto fra l altro - ad adempiere ai seguenti obblighi: Apertura della posizione INAIL a favore dei tirocinanti per tutta la durata del tirocinio; Assicurazione per responsabilità civile verso terzi a favore dei tirocinanti. Comunicazione Obbligatoria (modello UNILAV) Garantire la presenza di un tutor didattico Provvedere alla formazione linguistica per come previsto dall Avviso Pubblico Obblighi dell azienda ospitante Provvedere alla formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro come previsto dal D.lgs. 81/08 Garantire la presenza di un tutor aziendale 3

4 Registri di tirocinio i registri sono documenti fondamentali ai fini dell attestazione dell avanzamento fisico delle azioni finanziate e dell effettiva erogazione del contributo sulla base dei costi standard, in quanto consentono di attestare da un lato la corrispondenza tra la fase attuativa e quella progettuale, e dall'altro l'orario, le presenze dei partecipanti e quelle del personale a vario titolo impegnato nel tirocinio; i registri hanno valenza di atto pubblico ed eventuali correzioni o abrasioni dovranno essere giustificate sulla medesima pagina; in caso di perdita parziale o totale dei registri, il soggetto promotore dovrà inviare a Italia Lavoro copia della denuncia di smarrimento presentata alle autorità competenti; i registri dovranno essere custoditi nella sede in cui si svolge il tirocinio; dovrà essere adottato il modello di registro fornito da Italia Lavoro; il registro di tirocinio dovrà essere regolarmente vidimato, in maniera leggibile, in ogni pagina dalla Direzione Territoriale del Lavoro (D.T.L.) presso la quale ha sede il soggetto promotore o l azienda ospitante; il registro di tirocinio dovrà essere numerato in ogni sua pagina e riportare all interno l indicazione delle giornate e delle ore di presenza, le firme del tirocinante, del tutor didattico, del tutor aziendale e una breve descrizione dell attività svolta; il registro dovrà essere conservato integro. Eventuali spazi bianchi nella sezione riservata alle firme dovranno essere sbarrati orizzontalmente; la presentazione di registri non compilati correttamente o mancanti di firme può configurare il blocco amministrativo del riconoscimento dei costi e nei casi più gravi, il mancato riconoscimento del contributo. Indennità di frequenza ai destinatari Al tirocinante sarà corrisposta una indennità di 500,00 (cinquecento/00)/mese, per un massimo di 2.500,00 (duemilacinquecento/00), al lordo delle eventuali ritenute di legge. L indennità verrà corrisposta per ciascuna mensilità, in ragione del raggiungimento di almeno il 70% delle ore di presenza mensili del tirocinio, calcolate sulla base del monte ore e della distribuzione mensile indicati nel progetto formativo dal soggetto promotore. Si specifica che in caso di mancato raggiungimento della predetta soglia, nessuna erogazione avrà luogo a favore del destinatario, il quale non potrà vantare pretesa alcuna nei confronti di Italia Lavoro. Laddove il tirocinio si interrompa, nel corso di mensilità successive alla prima, in ragione del mancato raggiungimento da parte del tirocinante della soglia del 70% delle presenze, il tirocinio stesso si intenderà definitivamente interrotto e concluso. Modalità di erogazione dell indennità di frequenza Le indennità di frequenza saranno erogate direttamente da Italia Lavoro secondo le seguenti modalità: 1. entro 5 giorni dalla chiusura della prima mensilità del tirocinio, attraverso la funzione richiesta di pagamento della piattaforma, richiedere il pagamento della prima mensilità, caricando attraverso la funzione di uploading: a) la dichiarazione modalità di pagamento sottoscritta dal tirocinante e dal soggetto promotore; 4

5 b) la dichiarazione detrazioni reddito sottoscritta dal tirocinante e dal soggetto promotore; c) copia del registro presenze regolarmente vidimato, relativo al periodo di riferimento; Per le mensilità successive alla prima, l unico allegato obbligatorio è il registro presenze del mese di riferimento. Gli altri allegati dovranno essere caricati nuovamente solo in caso di variazioni. 2. Entro 5 giorni dalla chiusura delle successive mensilità del tirocinio, attraverso la funzione richiesta di pagamento della piattaforma, richiedere il pagamento della mensilità caricando attraverso la funzione di uploading: a) copia del registro presenze del periodo di riferimento; b) eventuali variazioni ai documenti inviati nel mese precedente. L erogazione dell indennità avverrà con cadenza mensile e sarà corrisposta al partecipante entro il trentesimo giorno del mese successivo a quello di ricezione della documentazione. Modalità di rendicontazione La rendicontazione delle attività di tirocinio verrà effettuata a costi standard. La rendicontazione a costi standard nasce dall applicazione delle disposizioni di semplificazione della rendicontazione introdotte dal Regolamento CE n 396 del 06/05/09 e riguarda esclusivamente la rendicontazione delle attività del soggetto promotore. Il soggetto promotore dovrà quindi produrre la documentazione giustificativa dell attività svolta e non delle spese sostenute. Tale voce sarà comprensiva di tutti i costi diretti (ad esempio: emolumento ai tutor, spese di viaggio, copertura assicurativa, spese di locazione, spese di ammortamento, ecc.) e indiretti (ad esempio: costi del personale amministrativo, spese generali, utenze, ecc.) per i quali non dovrà essere esibito alcun documento contabile, fiscale e finanziario atto a comprovare la spesa ed il suo effettivo pagamento. Coerentemente con la scelta di adottare l'opzione di semplificazione "tabelle standard di costi unitari c.d. a processo", il valore effettivo del contributo riconoscibile ai soggetti promotori per i percorsi di inserimento lavorativo sarà determinato sulla base della seguente relazione: Spesa ammissibile = Unità di costo standard X n. ore di prestazioni certificate Gli importi così risultanti sono da intendersi al lordo di eventuali ritenute di legge e/o di ogni altro eventuale onere accessorio. Composizione del contributo a) soggetto promotore: Il contributo riconoscibile per le attività di tutoraggio didattico è di 31,25/ora fino ad un massimo di 40 ore erogate e regolarmente certificate nel registro di tirocinio. In caso di percorsi di tirocinio inferiori a 5

6 cinque mesi, l entità del contributo riconosciuto sarà convenzionalmente calcolata sulla base di 1 ora di tutoraggio ogni 12,5 ore di tirocinio effettuate. A conclusione del percorso di tirocinio il soggetto promotore dovrà dimostrare l avvenuta instaurazione di un rapporto di lavoro a favore del destinatario dell intervento, di durata non inferiore a 6 mesi, nelle forme previste al 5 dell Avviso. Nel caso di mancato raggiungimento, da parte del tirocinante, della soglia del 70% delle presenze nel corso del primo mese di attività, nessun contributo sarà erogato a favore del soggetto promotore. Nel caso di interruzione anticipata successiva alla prima mensilità, purché il percorso si concluda con un assunzione, verrà corrisposto un contributo pari alle ore regolarmente riportate sui registri. b) azienda ospitante: per i percorsi di tirocinio che si concluderanno con un contratto di lavoro presso la stessa azienda ospitante, come riportato nel 5 dell Avviso, questa riceverà un contributo per le attività di tutoraggio aziendale pari a 31,25/ora fino ad un massimo di 40 ore erogate e regolarmente certificate nel registro di tirocinio Modalità di erogazione del contributo FASE 1- Entro 60 giorni dal termine dell ultimo dei percorsi di tirocinio attivati, il soggetto promotore presenterà la richiesta di contributo (Allegato 1) corredata dagli allegati. Tutta la documentazione dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto promotore, digitalizzata mediante scansione e corredata dalla fotocopia di un documento d identità in corso di validità del legale rappresentante. Tutta la documentazione dovrà essere inviata a mezzo mail all indirizzo di posta elettronica certificata specificando nell oggetto Progetto Relar- II Fase. La documentazione da allegare alla richiesta di contributo è la seguente: Rendiconto delle spese sostenute (Allegato 2) copia integrale dei modelli di comunicazione obbligatoria (UNILAV) copia del/dei contratto/i di lavoro; richieste contributo azienda ospitante (Allegato 3); registri presenze tirocinio (Allegato 4); riepilogo ore di presenza tirocinio (Allegato 5); nel caso di avvio al lavoro autonomo/creazione di impresa: certificazione dell apertura della partita iva, e/o della visura camerale, e/o del verbale assemblea dei soci della cooperativa attestante l inserimento di un nuovo socio; riepilogo presenze tutor del soggetto promotore secondo il format predisposto (Allegato 6); riepilogo presenze tutor dell azienda ospitante secondo il format predisposto (Allegato 7); modello F24 quietanziato attestante il pagamento dell Inail; documentazione attestante l avvenuta copertura assicurativa del tirocinante; attestazione di conoscenza della lingua italiana (A2). 6

7 FASE 2- Entro 60 giorni dalla ricezione della documentazione (richiesta di contributo e rendiconto finale corredato dalla documentazione richiesta) Italia Lavoro provvederà alla conclusione del procedimento amministrativo relativo alla determinazione del contributo spettante, verificando la correttezza della documentazione inviata e definendo l importo ammesso a contributo. Il termine da ultimo indicato potrà essere sospeso per non più di 30 giorni in caso si renda necessaria un integrazione documentale o un supplemento di istruttoria. FASE 3- Entro 60 giorni dall ammissione a contributo, Italia Lavoro procederà all erogazione sul conto corrente dedicato indicato dal soggetto promotore in sede di presentazione della domanda. Per pagamenti di importo superiore a Italia Lavoro inoltrerà richiesta di verifica ad Equitalia. Si rammenta che ai fini dell erogazione del contributo il soggetto richiedente dovrà essere in regola con i pagamenti e gli adempimenti previdenziali, assistenziali e assicurativi, e con tutti gli altri obblighi previsti dalla normativa vigente nei confronti di Inps, Inail e Casse Edili. A tal fine Italia Lavoro procederà ai sensi dell articolo 71, d.p.r. 445/2000 alla verifica a campione delle dichiarazioni sostitutive presentate e, prima di procedere al pagamento, all acquisizione d ufficio, ai sensi dell articolo 44 bis, D.P.R. 445/2000, del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) del soggetto che abbia presentato domanda di contributo. In caso di DURC irregolare il contributo si intenderà revocato e nessun pagamento potrà avere luogo. Allegati : All_1 Richiesta Contributo soggetto promotore; All_2 Rendiconto spese soggetto promotore/azienda ospitante; All_3 Richiesta Contributo azienda ospitante; All_4 Registro presenze tirocinio; All_5 Riepilogo delle ore di presenza tirocinanti; All_6 Riepilogo delle ore di presenza del tutor didattico; All_7 Riepilogo delle ore di presenza del tutor aziendale. Per informazioni gli Enti Promotori possono contattare lo staff di progetto al seguente indirizzo di posta elettronica: 7

Progetto DJ Diversity on the Job

Progetto DJ Diversity on the Job Progetto DJ Diversity on the Job Programma sperimentale di intervento per la promozione dell inserimento lavorativo di soggetti discriminati e svantaggiati Guida operativa per la gestione dei tirocini

Dettagli

ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto RE.LA.R.

ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto RE.LA.R. ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto RE.LA.R. Rete dei servizi per la prevenzione del lavoro sommerso P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA 2007-2013 Avviso pubblico per il finanziamento di interventi finalizzati

Dettagli

ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto LIFT

ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto LIFT ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto LIFT Lavoro Immigrazione Formazione Tirocini Avviso pubblico per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento lavorativo di immigrati extracomunitari FONDI DISPONIBILI:

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Progetto LIFT FaQ aggiornamento del 20/5/2014

Progetto LIFT FaQ aggiornamento del 20/5/2014 Sez. 1 - ENTE PROMOTORE E AZIENDA OSPITANTE L'ente promotore può coincidere con l'azienda ospitante? No, l Ente promotore e l azienda ospitante devono essere due soggetti distinti. L ente proponente deve

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

Avviso n. 2/2012 FAQ. 1.Qual è il numero massimo di proposte progettuali che possono essere presentate da uno stesso soggetto?

Avviso n. 2/2012 FAQ. 1.Qual è il numero massimo di proposte progettuali che possono essere presentate da uno stesso soggetto? Avviso n. 2/2012 FAQ 1.Qual è il numero massimo di proposte progettuali che possono essere presentate da uno stesso soggetto? Uno stesso soggetto, singolarmente o in qualità di partner, può partecipare

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA ALLEGATO 2 CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA (Inserire denominazione/ragione sociale del soggetto promotore)...... di seguito denominato «soggetto

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti INTERVENTI

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 26 COSTA SUD Comune di Cupello Fresagrandinaria Lentella San Salvo REGOLAMENTO BORSE LAVORO

AMBITO TERRITORIALE N. 26 COSTA SUD Comune di Cupello Fresagrandinaria Lentella San Salvo REGOLAMENTO BORSE LAVORO AMBITO TERRITORIALE N. 26 COSTA SUD Comune di Cupello Fresagrandinaria Lentella San Salvo REGOLAMENTO BORSE LAVORO AMBITO TERRITORIALE N. 26 COSTA SUD Comune di Cupello Fresagrandinaria Lentella San Salvo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

ITALIA LAVORO S.P.A.

ITALIA LAVORO S.P.A. ITALIA LAVORO S.P.A. Progetto per l inserimento socio - lavorativo di fasce vulnerabili di migranti INSIDE - INSerimento Integrazione NordSud inclusione Fondo Politiche Migratorie CUP: I56D13000420001

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Bando IMPRESA DIGITALE Ultimo aggiornamento 04/02/2013 1 1. BENEFICIARI, PROGETTI E TEMPI DI REALIZZAZIONE... 3 1.1 Variazioni dei progetti... 3 1.2 Realizzazione dei

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

1 - MODALITA DI SVOLGIMENTO

1 - MODALITA DI SVOLGIMENTO DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE NAZIONALE/ INTERNAZIONALE DA REALIZZARE TRAMITE L EROGAZIONE DI UNA BORSA DI MOBILITA FINANZIATA A VALERE SUL CONCORSO DI IDEE IMPRENDITORIALI VOLTE ALLA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010.

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PACCHETTI INTEGRATI DI

Dettagli

Il nuovo sistema tirocini on line

Il nuovo sistema tirocini on line Il nuovo sistema tirocini on line Presentazione nuovo applicativo informatico Giovedì 21 novembre ore 15 Via C. Colombo 212, palazzina A, sala Tevere Procedura di registrazione 2 1 L utente compila il

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE ALLEGATO D.D. n. del pag. 1/11 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Allegato B FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI ALLEGATO A DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI DETERMINA DIRIGENZIALE 20 GENNAIO 2015, n. 12 e successive modifiche Approvazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI POR UMBRIA FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TERNI N. 101 DEL 31/05/2011 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DELL ASSE INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014 Prot. n. 10187 Treviso, 30.01.2014 Avviso relativo all inserimento lavorativo di persone con disabilità di cui all art. 1 della legge 68/99, iscritte negli elenchi di cui all art 8 della medesima legge,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Timbro aziendale Bollo 16,00 euro ALLA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Avviso per la Concessione di Contributi

Dettagli

BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti alla Federazione Unionfidi Italiana

BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti alla Federazione Unionfidi Italiana Confederazione Autonoma Italiana del Commercio, del Turismo, dei Servizi, delle Professioni e delle Piccole e Medie Imprese BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE ALBO FORNITORI La Fondazione Teatro Regio di Torino procede all istituzione

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

UFFICIO COMUNE REGIONE TOSCANA PROVINCIA DI SIENA

UFFICIO COMUNE REGIONE TOSCANA PROVINCIA DI SIENA ALLEGATO 1 UFFICIO COMUNE REGIONE TOSCANA PROVINCIA DI SIENA Direzione Lavoro - Settore Servizi per il Lavoro di Pisa e Siena Servizio Collocamento Mirato Area Senese Avviso per l assegnazione di contributi

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

1. Ulteriori requisiti di partecipazione del partner italiano:

1. Ulteriori requisiti di partecipazione del partner italiano: NORME INTEGRATIVE PER LA PARTECIPAZIONE ITALIANA AL BANDO PER LA RACCOLTA DI PROGETTI CONGIUNTI DI RICERCA PER L ANNO 2012 E PER LA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI - LEGGE 154/2002 1. Ulteriori requisiti

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE COMUNE DI CAMAIORE Servizi scolastici BANDO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SERVIZIO A FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI IN LISTA D ATTESA PRESSO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNALI E FREQUENTANTI UN NIDO

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE TECNICA E AMMINISTRATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI A VALERE SULLA LEGGE 20 febbraio

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Procedura erogazione finanziamento diretto

Procedura erogazione finanziamento diretto REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO POR Calabria FSE 2007-2013 ASSE I ADATTABILITÀ Obiettivo Specifico Comune B: Favorire

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 REGIONE MOLISE Direzione Generale Area III Servizio Politiche Sociali POR FSE Molise Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE 19923 Regione Puglia ALLEGATO B P.O. PUGLIA 2007 2013 Fondo Sociale Europeo ASSE V TRANSNAZIONALITA E INTERREGIONALITA AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI MARCHIO (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali AVVISO PUBBLICO Rif. P.O. 1/2016 VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; VISTO l art. 7, commi 6

Dettagli

VADEMECUM DELL AZIENDA OSPITANTE

VADEMECUM DELL AZIENDA OSPITANTE VADEMECUM DELL AZIENDA OSPITANTE Modalità operative di attuazione dei tirocini formativi a. Come ospitare tirocinanti Le aziende che intendono ospitare tirocinanti devono fare domanda utilizzando il modello

Dettagli

Allegato A. Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004. Obiettivo 3 FSE 2000-2006

Allegato A. Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004. Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Allegato A Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004 Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Decima integrazione alle linee guida per la gestione del POR 1 Intervento sperimentale: voucher per attività

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il.

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il. Allegato C Convenzione stipulata in data..con protocollo CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA SOGGETTO PROMOTORE. Indirizzo.. CAP Comune. Provincia.. Codice fiscale:. Partita

Dettagli

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) PIAZZA DEL COMUNE PADRIA TEL. 079/807018 FAX 079/807323 - E MAIL :SOCIALE@COMUNE.PADRIA.SS.IT Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO BANDO: PROGRAMMA

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

C O M U N E D I L O M A G N A

C O M U N E D I L O M A G N A SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE BISOGNOSE BANDO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Con la presente comunico che l Amministrazione Comunale ha previsto nel Piano per il diritto allo Studio anno scolastico 2010/2011, approvato

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo r ne ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE. Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE. Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016 AVVISO TIROCINI EXTRA-CURRICULARI PER GIOVANI LAUREATI ISCRITTI A GARANZIA GIOVANI REGIONE

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Avviso Pubblico per il finanziamento di (pubblicato sul BURC n.48 del 30 novembre 2012 parte III) ALLEGATO 5 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Premessa e scopo della presente guida Nell'atto

Dettagli

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI ART. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente Regolamento disciplina l attivazione di borse lavoro a favore di adulti a rischio

Dettagli

1. Finalità e obiettivi

1. Finalità e obiettivi Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Economia montana e foreste Settore Foreste BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE A CONTRIBUTO PER AZIONI DI MIGLIORAMENTO, RECUPERO

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

Manuale Avviso 02/14. Guida alla presentazione gestione e rendicontazione dell attività formativa a catalogo

Manuale Avviso 02/14. Guida alla presentazione gestione e rendicontazione dell attività formativa a catalogo Manuale Avviso 02/14 Guida alla presentazione gestione e rendicontazione dell attività formativa a catalogo INDICE PREMESSA ED OBIETTIVI DELL AVVISO CAPITOLO 1: ATTIVITÁ DI PRESENTAZIONE 1.1 Documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo 1.

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa DOMANDA ONLINE. La nuova procedura di concessione dei mutui CDP. www.cassaddpp.it

Cassa depositi e prestiti spa DOMANDA ONLINE. La nuova procedura di concessione dei mutui CDP. www.cassaddpp.it DOMANDA ONLINE La nuova procedura di concessione dei mutui CDP www.cassaddpp.it Domanda Online Che cosa è Domanda Online Procedura La trasmissione online della documentazione Il responsabile della domanda

Dettagli

Avviso a sportello 2014- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello 2014

Avviso a sportello 2014- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello 2014 Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello 2014 1 1. Glossario... 4 2. Criteri generali... 4 3. Comunicazioni tra Fondo e Soggetto Gestore... 6 3.1. Autocertificazioni...

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI DISEGNO/MODELLO (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01 maggio 2009 INDICE PREMESSA... 3 1. ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE

Dettagli

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento PROCEDURE PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI FINANZIATI TRAMITE AVVISO PUBBLICO - POR Toscana FSE 2007-2013 Normativa di riferimento DGRT n. 1179/19.12.2011 e s.m.i. Dopo l approvazione del progetto l Amministrazione

Dettagli

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 1 1.Criteri generali... 3 2.Comunicazioni tra Fondo e Soggetto Gestore... 4 2.1. Autocertificazioni...

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2015 - Articolo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2012 Circolare n. 118 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli