INDICE. Cos'è il Collettivo di Medicina Nero su bianco Per cosa si vota Come si vota I nostri candidati Il nostro programma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Cos'è il Collettivo di Medicina Nero su bianco 2007-2009 Per cosa si vota Come si vota I nostri candidati Il nostro programma"

Transcript

1 Cos'è il Collettivo di Medicina Nero su bianco Per cosa si vota Come si vota I nostri candidati Il nostro programma A. Consiglio di Facoltà INDICE 1. la vittoria delle tasse 2. la biblioteca e l'area di Careggi 3. le iniziative finanziate 4. la mobilitazione contro la il futuro della Facoltà 6. la campagna per gli spazi studio 7. la protesta dei neolaureati e il concorso nazionale 8. il nuovo statuto B. Consiglio di Corso di laurea di Medicina e Chirurgia C. Consiglio di Corso di laurea di Scienze Motorie D. Consiglio di Corso di laurea di Fisioterapia E. Consiglio di Corso di laurea di Infermieristica F. Consiglio di Corso di laurea di Ortottica G. Consiglio di Corso di laurea di Tecniche di Laboratorio Cos è il Collettivo di Medicina Il Collettivo è un gruppo di studenti dei diversi Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia, che credono nell Università pubblica, e la vogliono aperta a tutti con le medesime opportunità per ciascuno, laica, libera da condizionamenti esterni e da giochi di potere interni. Ci battiamo per una didattica stimolante e di qualità, per il diritto allo studio, per un rapporto docente-studente improntato sulla massima professionalità e rispetto reciproci, e per allargare gli orizzonti della vita universitaria oltre il semplice piano di offerta formativa, aprendola agli stimoli esterni. La nostra azione si svolge attraverso la rappresentanza studentesca, la continua attività di informazione e confronto con gli studenti in merito a tematiche specifiche dell Università o di interesse generale, l organizzazione di iniziative culturali e di momenti di aggregazione, il tutto cercando di valorizzare il più possibile gli spazi universitari. Per tutto questo ci consideriamo di sinistra, ma il nostro gruppo è sempre stato, e sempre sarà, svincolato da partiti, sindacati, congregazioni religiose o poteri baronali: non abbiamo mai ricevuto alcun tipo di finanziamento, la nostra cassa comune è composta solo da soldi provenienti dall autofinanziamento, perché nessuno, se non gli studenti, ci possa dire cosa dobbiamo fare o quali interessi

2 proteggere una volta eletti a rappresentanti. Crediamo infatti che all'università non debbano essere gli interessi dei partiti o dei poteri religiosi a prevalere su quelli degli studenti. Le nostre riunioni si svolgono negli spazi della Facoltà: ogni mercoledì alle 13 in aula al secondo piano della Biomedica; qualunque studente può partecipare alla riunione del Collettivo in qualsiasi momento portando le sue idee e le sue proposte, o anche solo le sue preoccupazioni. Nei Consigli di Facoltà e di Corso di Laurea i nostri rappresentanti portano le proposte del Collettivo, che sono quelle contenute nel programma che presentiamo a tutti gli studenti, e raccolgono eventuali idee che gli studenti ci espongono a lezione, tramite o a riunione; qualora vengano discusse nei Consigli questioni delicate che riguardano gli studenti, convochiamo assemblee, in cui gli studenti decidono cosa è giusto che i loro rappresentanti facciano. La nostra trasparenza è totale. Quale altro gruppo può dire lo stesso? Per portare avanti le nostre battaglie (ad esempio quella sugli spazi di studio) nell ambito più ampio del Polo Biomedico e Tecnologico, lavoriamo con i Collettivi di Ingegneria, Scienze e Farmacia, mentre per quanto riguarda gli organi centrali dell Ateneo appoggiamo Studenti di Sinistra. Con questi gruppi, formati come il nostro da semplici studenti svincolati da ogni partito, condividiamo le caratteristiche di libertà e trasparenza, e l ideale dell Università pubblica che vogliamo. Nero su Bianco Alle elezioni universitarie del 2007 il Collettivo presentò un programma intitolato Nero su Bianco, in cui si prefiggeva degli obiettivi precisi nel campo della didattica, della politica universitaria e della vita in Facoltà...quasi tutti sono stati raggiunti!! Oltre a mantenere una linea chiara e appoggiata dalla maggioranza degli studenti (quella del programma), in questi due anni abbiamo anche saputo fronteggiare le novità e le difficoltà che si sono presentate. Abbiamo puntato molto sulla partecipazione di tutti, indicendo molteplici assemblee con gli studenti e ascoltando tutti i pareri prima di prendere delle decisioni. Si è così creato un rapporto di fiducia con gli studenti e con i docenti, che ci riconoscono come veri e spesso unici interlocutori e portavoce delle esigenze degli studenti di medicina (altre "presenze" non hanno mai aperto bocca durante le discussioni sui BLOCCHI e sul voto di tesi, sul piano di studi ecc...). Sulla base di queste premesse siamo decisi a continuare il lavoro svolto fino ad ora, perché anche se molte difficoltà relative al piano di studi del CdL di Medicina sono state superate grazie alle molte modifiche al Regolamento che abbiamo fatto approvare in questi due anni, continuiamo a incontrare problemi e cambi inaspettati di rotta (come la questione del voto di tesi) che non ci permettono di abbassare la guardia. Inoltre abbiamo intenzione di dare una spinta consistente verso l'innovazione dei Corsi di Laurea. Pensiamo infatti che il lavoro del Collettivo non debba limitarsi a essere quello di una raccolta e risoluzione di problemi, ma debba anche essere uno stimolo per il lavoro delle commissioni di docenti e studenti che si occupano di didattica, di diritto allo studio e di accesso alla cultura. Quest'anno studenti del Collettivo si candideranno, oltre che in Consiglio di Facoltà e nel Consiglio del CdL di Medicina, anche nei Consigli dei CdL di Scienze Motorie, Fisioterapia, Infermieristica, Biotecnologie, Tecniche di Laboratorio e Ortottica! Contiamo quindi di cominciare a risolvere i tanti problemi relativi alla

3 didattica che affliggono questi corsi, come già siamo riusciti a fare per il CdL di Medicina. Anche nei Corsi di Laurea in cui non ci sono ancora rappresentanti del Collettivo, la rete di conoscenze con gli studenti che si è venuta a creare in questi anni ci permetterà di essere al corrente dei maggiori problemi e di poter intervenire adeguatamente al momento del RINNOVAMENTO DELL'ORDINAMENTO DIDATTICO. Dal prossimo anno infatti tutti i corsi di laurea della Facoltà di Medicina dovranno adeguarsi alla legge 270. Questo comporterà un cambiamento nel numero di esami, nel numero di crediti assegnati ad ogni esame, nella tipologia di didattica. Sarà fondamentale quindi il contributo di tutti gli studenti nell'individuare le principali criticità e proposte, e sarà importantissimo il lavoro dei rappresentanti degli studenti che porteranno nei Consigli di Corso di Laurea prima e nei Consigli di Facoltà poi tutte queste proposte. In questo momento è davvero fondamentale che i rappresentanti prendano la parola nei Consigli per proporre le modifiche migliorative al piano di studi! Non lasciamo tutto in mano a chi per anni, pur essendo stato rappresentante in diversi Consigli di CdL e CdF, non ha mai mosso un dito in questo senso! E' arrivato il momento di dare una soluzione definitiva ai problemi, senza dover tutti gli anni affrontarli da capo! Questo si può fare solo intervenendo sul regolamento didattico e sull'ordinamento dei Corsi di Laurea, che vengono discussi nei Consigli tra docenti e rappresentanti degli studenti. Per tutti questi motivi abbiamo deciso di candidarci! Il 25 e 26 marzo VOTA Collettivo di Medicina >CODICE ROSSO< PER COSA SI VOTA I giorni 25 e 26 Marzo si vota per eleggere i rappresentanti degli studenti in diversi organi; in ciascuno di questi si discuteranno temi come la didattica, la ricerca, il diritto allo studio ed i servizi ed è qui che noi vogliamo portare le opinioni di tutti gli studenti, difendendone posizioni e diritti. Consiglio di Corso di Laurea (CdL): ne fanno parte tutti i docenti ed i ricercatori che svolgono attività didattica per quel corso di laurea e i 5 rappresentanti degli studenti. Quest'anno tutti i CdL della Facoltà dovranno cambiare il loro ordinamento per adeguarsi alla legge 270. Sarà un momento fondamentale per portare le proposte degli studenti in merito a tipologie di esame, numero di crediti, programmi di studio, numero di ore di didattica e tirocinio, valutazione, voto di tesi e quant'altro! Consiglio di Facoltà (CdF): è l organo che ha potere decisionale per temi di carattere generale come l organizzazione della didattica (attuazione delle riforme, approvazione delle decisioni prese nei singoli CdL), il bilancio di Facoltà, le nuove assunzioni e la programmazione didattica. Vi partecipano tutti i docenti, i ricercatori e i rappresentanti degli studenti. A partire da quest'anno i rappresentanti in CdF sono aumentati a 12, grazie a una battaglia portata avanti da Studenti di Sinistra a livello di Ateneo. Anche se comunque la rappresentanza studentesca rimane esigua rispetto al gran numero di docenti che ha possibilità di votare in Consiglio, più volte la voce degli studenti si è dimostrata essenziale per portare avanti le proposte e mettere in luce i problemi sollevati dagli studenti.

4 Consiglio di Amministrazione dell Ateneo: è uno dei due organi centrali presieduti dal Rettore; è inoltre l unico organo realmente rappresentativo poiché vi prendono parte, oltre ai docenti ordinari ed associati e ai ricercatori, anche il personale tecnico-amministrativo e 3 rappresentanti degli studenti. È l organo che prende tutte le decisioni in materia finanziaria e vota tra l altro anche il bilancio e quindi i provvedimenti in materia di tasse. Senato Accademico: è l altro organo di governo dell Ateneo. Presieduto dal Rettore, il Senato è composto da tutti i Presidi delle 12 Facoltà dell Ateneo, da 5 docenti Rappresentanti delle Aree Scientifiche (Biomedica, Scientifica, Umanistica, Sociale, Tecnologica) e da 4 Rappresentanti degli Studenti. Il Senato coordina l attività didattica e di ricerca e, come tale, prende decisioni che si ripercuotono sulla vita di tutti noi studenti. La novità a partire da quest'anno è che i rappresentanti degli studenti in Senato Accademico saranno eletti in maniera diretta da TUTTI gli studenti, mentre prima potevano essere eletti solo dai Consiglieri di Facoltà, quindi dopo le elezioni studentesche. Questa modifica è stata chiesta da Studenti di Sinistra per una questione di democrazia e trasparenza: infatti con il vecchio sistema certe liste facevano accordi sottobanco (nel 2007 Lista Aperta si era alleata con Studenti per le Libertà (Forza Italia), e Sinistra Universitaria -UDU- con il Centrosinistra ovvero "la Margherita") per spartirsi le diverse cariche elette in secondo grado. Consiglio Territoriale fiorentino dell Azienda Regionale per il Diritto allo Studio: è un nuovo organo costituito da 7 rappresentanti degli studenti, nato a seguito dell accorpamento delle tre Aziende Regionali per il Diritto allo Studio (Firenze, Siena e Pisa). Ogni Consiglio Territoriale elegge un Presidente che rappresenterà gli studenti all interno del Consiglio di Amministrazione dell Azienda Regionale Unica per il Diritto allo Studio (ARDSU). Questa sarà la sede di discussione dei temi legati al diritto allo studio dei tre Atenei toscani, come mense, alloggi e borse di studio. Si vota poi per eleggere 4 studenti nel Comitato Pari Opportunità ed i 2 nel Comitato Sportivo Universitario (CUS). Come Collettivo ci siamo fino ad ora impegnati ad ampliare le discussioni su ogni tema, non limitandole agli organi ufficiali, ma favorendo in ogni modo la partecipazione ed il coinvolgimento di tutti gli studenti. Proprio per questo crediamo che l affluenza alle elezioni studentesche debba essere alta in modo che ogni rappresentante sia un reale portavoce degli studenti. Una bassa affluenza al voto offre una scusa a presidi e rettori per indebolire e sminuire le nostre proposte. COME SI VOTA Per il Corso di Laurea: la scheda è completamente bianca, quindi prima di entrare a votare devi ricordarti bene il nome della persona e della lista che vuoi votare! Puoi esprimere la tua scelta in uno di questi modi:

5 - scrivi il numero della lista Collettivo di Medicina - oppure: scrivi nome e cognome del candidato scelto (uno solo) - oppure: scrivi il numero della lista + il nome e cognome del candidato scelto (attenzione! il candidato deve far parte della lista che hai scelto!) Per il Consiglio di Facoltà: sulla scheda troverai stampati i nomi di tutti i candidati suddivisi per liste. Qui puoi: - dare il voto alla lista mettendo semplicemente la crocetta su "Collettivo di Medicina - CODICE ROSSO" - oppure: scegliere minimo 1 / massimo 3 candidati della lista Collettivo di Medicina CODICE ROSSO fra i 12 che ti sono proposti - oppure: dare il voto alla lista + scegliere minimo 1 / massimo 3 candidati DELLA STESSA LISTA. La cosa importante è che i candidati che scegli in ogni scheda appartengano tutti alla stessa lista, altrimenti la tua scheda viene annullata! Per il Senato, il Consiglio di Amministrazione d'ateneo, il CUS e il CPO: sulla scheda troverai stampati i nomi di tutti i candidati suddivisi per liste. Qui puoi: - dare il voto alla lista mettendo semplicemente una crocetta su "Studenti di Sinistra" - oppure: scegliere al massimo 1 candidato fra quelli proposti - oppure: dare il voto alla lista + a un candidato DELLA STESSA LISTA! Per il Consiglio territoriale dell'ardsu: sulla scheda troverai stampati i nomi di tutti i candidati suddivisi per liste. Qui puoi: - dare il voto alla lista mettendo semplicemente una crocetta su "Studenti di Sinistra" - oppure: scegliere al massimo 2 candidati fra gli 8 che ti sono proposti - oppure: dare il voto alla lista + a un candidato DELLA STESSA LISTA! IMPORTANTE: per votare occorre presentarsi con un documento d'identità valido (anche patente) o libretto universitario. I NOSTRI CANDIDATI Consiglio di Facoltà di Medicina e Chirurgia 1. Pier Paolo Duchini (4 anno Medicina e Chirurgia) 2. Pietro Garlatti (3 anno Medicina e Chirurgia) 3. Tommaso Pennacchio (1 anno Fisioterapia) 4. Antonio Silverii (3 anno Medicina e Chirurgia) 5. Camilla Lippi (3 anno Medicina e Chirurgia) 6. Lorenzo Cecchi (3 anno Scienze Motorie) 7. Giovanni Smorlesi (1 anno Medicina e Chirurgia) 8. Argena Ndoni (2 anno Medicina e Chirurgia) 9. Ambra Ciampalini (3 anno Biotecnologie) 10.Dario Mannini (6 anno Medicina e Chirurgia) 11.Laura Del Matto (3 anno Medicina e Chirurgia) 12.Giulia Cardellicchio (4 anno Medicina e Chirurgia) Consiglio di Corso di Laurea Medicina

6 1. Arianna Commare (3 anno) 2. Alberto Melani (1 anno) 3. Camilla Ulivi (3 anno) 4. Francesca Cerretini (5 anno) 5. Felix Titze (2 anno) Consiglio di Corso di Laurea Fisioterapia 1. Tommaso Pennacchio (1 anno) 2. Andrea Pratesi (1 anno) 3. Niccolò Landi (1 anno) 4. Lorenzo Mugellini (1 anno) 5. Cecilia Cividini (1 anno) Consiglio di Corso di Laurea Scienze Motorie 1. Lorenzo Cecchi (3 anno) 2. Samuele Banchelli (2 anno) Consiglio di Corso di Laurea Infermieristica 1. Vincenza Basta (1 anno) 2. Viola Ciccarelli (1 anno) 3. Fabrizio Giraldi (1 anno) 4. Marco Del Pezzo (2 anno) Consiglio di Corso di Laurea Tecniche Laboratorio Biomedico 1. Giulia Rosi (2 anno) Consiglio di Corso di Laurea Ortottica 1. Emanuela Falorsi (2 anno) Consiglio di Corso di Laurea Biotecnologie 1. Vanessa Brandalesi Finotti 2. Lorenzo Baronti 3. Valentina Renè Minciacchi 4. Irene Costantini 5. Ambra Ciampalini Negli organi centrali di Ateneo appoggiamo e votiamo Studenti di Sinistra! IL NOSTRO PROGRAMMA

7 Consiglio di Facoltà di Medicina e Chirurgia: 1. Tasse universitarie! A maggio 2007 è stata portata in Consiglio di Amministrazione la nuova proposta di fasciazione per le tasse studentesche; in base a questa aumentavano le tasse per la maggior parte degli studenti a fronte di inconsistenti diminuzioni per gli studenti nelle fasce più basse. Per esempio, chi era in fascia massima (reddito di euro, quasi il 60% degli studenti), passava da 1300 a più di 2000 euro, un aumento netto di 700 euro l'anno! Oltre a ciò cambiava il metodo di calcolo del reddito familiare da ICE a ISEE, quindi era impossibile fare previsioni su quanti studenti sarebbero rientrati in ciascuna fascia e su quale sarebbe stata la reale entità delle entrate nelle casse dell'ateneo. Da molti anni, infatti, il nostro Ateneo viola la legge chiedendo, sotto forma di tasse studentesche più di quanto non sia consentito, cioè più del 20% del Fondo di Finanziamento Ordinario. L'unico modo per riavere questi soldi è sempre stato il ricorso collettivo al TAR fatto da noi studenti. Per questi motivi insieme a Studenti di Sinistra e agli altri Collettivi abbiamo indetto assemblee informative per gli studenti, e tramite i nostri rappresentanti in Consiglio di Amministrazione abbiamo chiesto: che fosse effettuato un periodo di prova di un anno (come già avevano fatto altri Atenei italiani) senza aumentare immediatamente le tasse. In questo periodo gli studenti avrebbero potuto consegnare i moduli ISEE, e sulla base di questi si sarebbe potuto stabilire quale doveva essere la contribuzione per ogni fascia. che fosse aumentato il numero di fasce, in modo da consentire una distribuzione più graduale degli studenti nelle stesse. che fosse creata la fascia zero per gli studenti con reddito inferiore a euro ISEE. La soglia di povertà nazionale è inferiore a questa cifra, ma riteniamo che uno studente con tale reddito debba poter agevolare di qualche forma di sostentamento nel suo percorso di studi. Ad esempio, studenti che perdono la borsa di studio perché non sono in pari con gli esami, per meritarsi la borsa dovevano avere un reddito molto basso. Non si capisce come, una volta persa la borsa di studio, persone che erano considerate povere possano cominciare a pagare le tasse universitarie normalmente!! che fosse rispettato il vincolo del 20% del FFO stabilito per legge, che impone di non prelevare dalle tasche delle famiglie più del 20% di quello che il Ministero versa ad ogni Ateneo. che chi fosse in fascia massima per un reddito di euro (basta avere due genitori dipendenti statali e una casa a Firenze, mica tanto altro!) non dovesse pagare 2000 euro l'anno per frequentare l'università! In totale opposizione gli studenti di Lista Aperta, AFFERMANDO UNA PRESENZA MA NON UN'IDEA, hanno continuato ad appoggiare la proposta del Rettore che, come poi si è visto quando è arrivato il primo bollettino da pagare, ha portato ad un aumento generalizzato delle tasse studentesche. Grazie al voto determinante dello studente Stefano Pichi Sermolli, rappresentante in Consiglio di Amministrazione per LISTA APERTA, la proposta del Rettore è stata approvata. Di conseguenza, a settembre 2007 gli studenti si sono visti arrivare dei bollettini con cifre esorbitanti da pagare per potersi

8 iscrivere all'università! La mobilitazione studentesca è ripresa con maggior vigore, si sono succedute occupazioni in tutte le Facoltà, sono stati raccolti moduli fac-simile di rinuncia agli studi ed è stato più volte incontrato il Rettore... finché non siamo riusciti a far ammettere al Rettore e al Consiglio di Amministrazione che noi studenti AVEVAMO RAGIONE! Infatti, dati alla mano, l'ateneo aveva incassato 36 milioni di euro (mica briciole!) in più rispetto a quanto concesso per legge, e questo chiedendo ingiustamente molti soldi agli studenti. Grazie alla mobilitazione dei Collettivi e di Studenti di Sinistra, mentre ancora Lista Aperta continuava ad affermare contro ogni evidenza che le tasse non erano aumentate, siamo riusciti a : far rendere i soldi illecitamente sottratti sotto forma di sconto dell'80% sulla prima rata di quest'anno. La prima rata del è stata molto più bassa del solito! (l'ateneo sta tuttora continuando a rendere soldi agli studenti!!!) aumentare il numero di fasce da 7 a 9, portando la fascia massima da euro a euro di reddito. inserire la fascia zero. Questa è stata una vittoria per tutti gli studenti, che mobilitandosi, e non difendendo a occhi chiusi la politica del Rettore, sono riusciti a garantire un reale diritto allo studio. 2. BIBLIOTECA e AREA DI CAREGGI: Grazie ai nostri rappresentanti in Commissione Biblioteche, nominati tra i Consiglieri di Facoltà, siamo riusciti a realizzare la maggior parte delle proposte che avevamo fatto alle scorse elezioni universitarie per migliorare il servizio in Biblioteca Biomedica, cercando di indirizzare i fondi della Commissione verso servizi utili agli studenti, cosa che non sempre veniva fatta in passato. Infatti grazie alle nostre richieste portate in Commissione Biblioteche è stato introdotto il sistema wi-fi in tutto l'edificio, è stata creata un'ulteriore aula computer al primo piano, si sono resi disponibili armadietti per TUTTE le associazioni e le liste studentesche nell aula del secondo piano, e sono stati acquistati nuovi libri per la consultazione e il prestito. Inoltre da quest'estate su nostra richiesta sono stati messi a disposizione tavolini e sedie nella terrazza della biomedica, per lo studio e per rendere più piacevoli le pause! Abbiamo reso disponibile una stampante per gli studenti nell'aula del piano terra, ma l'esperimento è fallito a causa della cattiva gestione delle apparecchiature elettroniche da parte della ditta Sguanci. Dato il vasto utilizzo della stampante in biblioteca faremo in modo che questo servizio sia ripristinato, magari svincolandolo dalla sciagurata gestione dello Sguanci. Crediamo che su questo punto possano essere indirizzati parte dei soldi del comitato biblioteche. Abbiamo chiesto di posizionare numerose rastrelliere per le biciclette nello spazio antistante la Biomedica, cosa che dovrebbe essere fatta al termine dei lavori nell'area di Careggi, in accordo con l'azienda Ospedaliera; vigileremo perché questo accada.

9 Cercheremo anche di migliorare la raccolta differenziata, soprattutto quella della carta, e chiederemo alla Quadrifoglio ulteriori contenitori per la raccolta della carta, delle lattine, della plastica e del vetro da posizionare vicino alle macchinette al piano terra. In più chiederemo fortemente di ottenere ulteriori spazi per lo studio, anche dislocati nei dipartimenti e nelle sedi decentrate, e un maggior numero di aule per ripetere a voce alta, cosa possibile al momento solo nell'aula al secondo piano della Biomedica. Come abbiamo già fatto in questi due anni continueremo a indirizzare i fondi a disposizione del Comitato verso l'acquisto di nuovi libri per il prestito piuttosto che di riviste specialistiche per i professori, visto che molto spesso tali riviste non sono conservate in Biomedica e quindi sono di difficile consultazione per noi studenti, mentre i professori hanno la possibilità di procurarsele con altri fondi. Rinnoviamo l'invito a segnalarci quali libri mancano e dove ci sia bisogno di una versione aggiornata, in modo da poter compilare la lista dei futuri acquisti! In questi due anni abbiamo portato più volte all'attenzione della Direttrice della biblioteca il problema delle fotocopiatrici, vecchie e spesso rotte per settimane prima che qualcuno passi a ripararle. Il problema è che il servizio è stato affidato in appalto a una ditta privata (Sguanci), che dunque possiede e gestisce le macchine. Il contratto è a livello di Ateneo, per cui la biblioteca e la Facoltà non possono intervenire in caso di disservizio: stiamo agendo, e continueremo a farlo, insieme agli altri Collettivi e ai rappresentanti negli organi di Ateneo, affinché questa ditta, evidentemente incapace di garantire il servizio, non venga più ingaggiata. Questo problema, come altri, è in generale causato dalla politica delle esternalizzazioni : cioè affidare parti di un servizio (la biblioteca) a ditte esterne invece che ai dipendenti dell'università (es. per le pulizie, le guardie giurate, le macchinette, le portinerie, le fotocopiatrici). Ciò può essere conveniente per alcuni servizi particolari, ma in molti casi non lo è, perché una parte della spesa dell Università per quel servizio serve a pagare intermediari (le ditte) di cui non ci sarebbe necessità se questi lavoratori fossero diretti dipendenti dell'ateneo. Gli stessi soldi dell appalto basterebbero per acquistare le fotocopiatrici e formare un dipendente per ripararle, o assumere un tecnico. Peccato che con la legge 133 l Ateneo non possa assumere nuovo personale, né rinnovare i contratti a tempo determinato con cui sono stati assunti la maggior parte dei lavoratori di biblioteche, uffici amministrativi e segreterie. Ecco quindi da cosa derivano i tagli dei servizi agli studenti, ed ecco che le spese dell'ateneo vanno ad aumentare perché quei servizi, prima di diretta gestione dell'università, passano in mano a ditte private che esigono di essere pagate molto di più per offrire, spesso, un servizio scadente, come quello dello Sguanci, nonché pessime condizioni di lavoro per i dipendenti. Cercheremo infine di far sì che si trovino i soldi per mantenere aperta la biblioteca anche la sera dopo cena e il sabato, per garantire agli studenti un servizio adeguato e un reale diritto allo studio. Agiremo affinché la Facoltà e l'ateneo comprendano che questo servizio è prioritario, e perché si trovino delle modalità che lo salvaguardino, anche agendo di concerto con l Azienda Ospedaliera per quanto riguarda ad esempio i costi di luce, riscaldamento e sorveglianza.

10 Inoltre, dal momento che l area ospedaliera-universitaria di Careggi è in una fase di profonda trasformazione, con nuovi palazzi che sorgono e tutto il complesso che viene riorganizzato, ci impegneremo a far presenti le esigenze degli studenti presso l Azienda, per quanto riguarda gli spazi-studio, i trasporti, i prezzi della ristorazione nell area ospedaliera. 3.INIZIATIVE: Grazie alla Riforma degli ordinamenti didattici universitari" e all art. 6 della Legge del 19 novembre 1990, riguardo alle "Norme sul diritto agli studi universitari", l Università degli Studi di Firenze bandisce ogni anno un concorso per l'attribuzione di finanziamenti per promuovere iniziative culturali, sociali, sportive e ricreative proposte dagli studenti dell Ateneo. Una Commissione costituita da 6 docenti del Senato Accademico e 6 rappresentanti degli studenti negli organi centrali valuta le proposte e stabilisce l attribuzione dei finanziamenti per ogni iniziativa approvata in base alla disponibilità dei fondi erogati appositamente dal Ministero. Le iniziative possono essere di due tipi: Iniziative di carattere culturale e sociale, di interesse generale per gli studenti dell'ateneo. Iniziative di socializzazione. Possono ricevere questi finanziamenti (sotto forma di rimborso spese!) le associazioni studentesche, i rappresentanti degli studenti e gruppi studenteschi che raccolgono almeno 50 firme di studenti che sostengono la loro proposta. Gli organizzatori quindi non solo investono il loro tempo per realizzare qualcosa di completamente gratis per gli studenti, ma devono anche fare un progetto in cui si motivano le finalità culturali della proposta e un resoconto dettagliato delle spese. L Ateneo, quindi, paga alcune di queste spese direttamente ai negozianti, o ai professionisti che hanno lavorato all iniziativa. E una cosa ben diversa dal dire che gruppi o rappresentanti ricevano un finanziamento dall Ateneo! Il Collettivo di Medicina >CODICE ROSSO< in questi due anni ha proposto iniziative che sono state sempre approvate e quindi finanziate dall'ateneo. Abbiamo sempre cercato di ideare iniziative che coinvolgessero il maggior numero di studenti, con l'intento principale di rilanciare l'università come luogo di incontro, di discussione, di scambio di idee e di conoscenza di realtà lontane dal quotidiano dei nostri studi. Sia nell'anno accademico che si sono tenuti: Corsi fotografici, il primo a livello teorico-pratico sulle basi della fotografia, il secondo sullo sviluppo in camera oscura. Concorsi fotografici, il primo anno dal titolo "Sguardi sulla città", quest'anno "L'ordinario e lo straordinario". Cineforum "Diritti al cinema". Novità dell'a.a :

11 Un Seminario di Massaggio Shiatsu tenuto da professionisti dell'accademia Italiana di Shiatsu. Inoltre abbiamo organizzato, tramite autofinanziamento (ricavato da aperitivi e feste), vari momenti di scambio in cui organizzazioni umanitarie e ONG hanno presentato agli studenti il loro operato, offrendo la possibilità di partecipare attivamente alle loro iniziative di volontariato. In particolare abbiamo lavorato con Medici per i Diritti Umani (MEDU), aiutandoli anche dal punto di vista economico con il ricavato di aperitivi feste e cene da noi organizzati che hanno visto sempre la partecipazione di moltissimi studenti. Oltre agli approfondimenti culturali ci siamo sempre prodigati nell'organizzare feste per gli studenti! Le feste al Plesso, gli aperitivi...e la storica cena di fine anno a cui partecipano sempre più di 200 studenti di medicina! 4. MOBILITAZIONE CONTRO LA 133! Il 6 Agosto, mentre tutta l'italia era in vacanza, il Governo ha approvato in 8 minuti la legge 133 che prevede una serie di tagli, fra cui 1.5 miliardi di euro in meno all'università in 5 anni. In conseguenza di questa legge il nostro Ateneo, già da molti anni in crisi a causa della cattiva gestione del rettore Marinelli e delle baronie da lui protette, si troverà nella situazione di non poter assumere nuovi docenti, ricercatori e personale di segreteria, con il grosso rischio di non poter garantire il continuamento di alcuni corsi esistenti. Insieme a questi tagli, la 133 offre una via di scampo agli Atenei in ginocchio come il nostro: la svendita dell'ateneo al miglior offerente ovvero, per dirla in termini giuridici, la trasformazione dell'università in FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO. Vista la situazione drammatica, gli studenti di tutto l'ateneo si sono riuniti in una prima assemblea il 6 ottobre ad Agraria, nella quale è stato deciso di occupare la Facoltà come centro della protesta. A poco a poco le assemblee si sono moltiplicate nelle Facoltà fiorentine: studenti in mobilitazione in ogni Facoltà hanno ribadito l'esigenza di un'università pubblica e alla portata di tutti, non riservata ad un élite, un'università libera da influenze esterne e soprattutto non vincolata ai finanziamenti di privati! Da Firenze la protesta si è propagata in tutta Italia. Al Plesso di viale Morgagni i quattro collettivi di Medicina, Ingegneria, Scienze e Farmacia hanno indetto un'assemblea partecipata da quasi 2000 persone, in cui è stato deciso di occupare la struttura. Per due settimane, grazie anche alla decisione di bloccare la didattica al Plesso, che ha permesso ai più di dedicarsi alla protesta e alle proposte, centinaia di studenti hanno lavorato nelle commissioni, incontrando studenti di altre Facoltà fiorentine e italiane, genitori, lavoratori, studenti delle superiori. Dopo due settimane l'assemblea degli studenti ha deciso di cambiare forma di mobilitazione, continuando ad occupare la struttura ma facendo riprendere la regolare didattica. Molti studenti hanno comunque continuato a partecipare alle attività delle assemblee

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Nucleo di Valutazione Interna

Nucleo di Valutazione Interna Nucleo di Valutazione Interna Il presente studio è stato redatto dal Nucleo di valutazione interna dell Università degli studi di Firenze e dall Ufficio di Supporto ed è stato approvato nella riunione

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli