Questionario di fine modulo Accoglienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questionario di fine modulo Accoglienza"

Transcript

1 Questionario di fine modulo Accoglienza Si propongono di seguito n. 18 di domande chiuse con 4 possibili risposte. Solo una risposta è corretta. Le domande sono state divise in 4 sezioni (A, B, C, D). La griglia finale per la correzione del questionario consente di individuare il proprio grado di apprendimento e di determinare le eventuali aree di miglioramento. SEZIONE A 1. La fase di Accoglienza è: a) il momento in cui l operatore organizza gli strumenti a sua disposizione e informa l utente del percorso che viene offerto b) il momento in cui l operatore ricerca le offerte di lavoro corrispondenti al profilo dell utente c) il momento in cui l operatore iscrive l utente ai corsi di formazione e aggiornamento d) il momento in cui l operatore rivede l utente incontrato nella fase di orientamento 2. Tra i seguenti aspetti problematici, quale riguarda la fase di Accoglienza? a) Redigere un piano formativo puntuale e rispondente alle necessità dell utente e a quelle del mercato del lavoro locale b) A volte l utente percepisce le proprie capacità e potenzialità professionali diverse rispetto alle effettive esperienze svolte c) Verificare la disponibilità immediata da parte delle aziende di accogliere l utente che si è rivolto al servizio 1

2 d) Redigere un piano formativo puntuale e rispondente alle necessità dell utente e a quelle del settore produttivo in maggiore crescita e relativo al proprio contesto locale 3. La raccolta dei dati dell utente dovrà avvenire nel rispetto di quali norme? a) Delle norme sul diritto penale b) Delle norme sulla privacy c) Delle norme comuni d) Delle norme sui diritti civili del lavoratore 4. Una buona gestione degli strumenti della fase di Accoglienza presuppone capacità di: a) comunicazione, diffidenza, perspicacia, egoismo b) rigidità, perspicacia, pregiudizio, relazione c) comunicazione, relazione, intuizione e flessibilità d) intuizione, diffidenza, comunicazione, espressione 5. In media quanto tempo è auspicabile che si dedichi alla fase di Accoglienza? a) 20 minuti b) 40 minuti c) 5 ore d) 2 ore SEZIONE B 6. Tra gli elementi che contraddistinguono l ascolto attivo vi è certamente: a) La registrazione audio dell intervista b) Sapere trarre conclusioni fin dalle prime battute del colloquio c) Prestare attenzione anche quando l argomento è conosciuto 2

3 d) Interloquire spesso con lunghe domande che rassicurino l interlocutore circa la nostra attenzione 7. Cosa si intende per interloquire con gli utenti attraverso un atteggiamento empatico? a) Mettersi nei panni dell utente cercando di riuscire a consolarlo e a individuare una giusta soluzione alle sue problematiche b) Parlare in modo lento e semplice al fine di farsi comprendere da ogni tipo di utente c) Mettersi nei panni dell utente, senza consolarlo o approvando i suoi comportamenti, ma aiutarlo a riflettere su ciò che sta accadendo d) Mettersi nei panni dell utente cercando di riuscire a rasserenarlo approvando con tatto i suoi comportamenti 8. Attraverso l empowerment è possibile: a) Migliorare nell utente autostima e fiducia in se stesso b) Deresponsabilizzare l utente rispetto alle problematiche del mercato del lavoro c) Migliorare il processo di difesa dell utente d) Migliorare le competenze dell utente al fine di non porsi obietti in termini autonomi 9. In che modo si può creare un pregiudizio nei confronti dell utente? a) Quando ci si crea un opinione dopo un attenta analisi del profilo professionale dell utente b) Quando ci si crea un opinione preconcetta concepita non per conoscenza precisa e diretta del fatto o della persona, ma sulla base di voci e opinioni comuni c) Quando si è incontrato l utente più volte e si è quindi in grado di ricostruire il suo passato d) Quando ci si crea un opinione preconcetta concepita per conoscenza precisa e puntuale del fatto o della persona, sulla base di una conoscenza comune 3

4 10. Qualora un utente fosse scoraggiato rispetto alla possibilità di trovare lavoro, cosa non bisogna fare? a) Non occorre valorizzare troppo le risorse disponibili nel mercato del lavoro b) Non occorre offrire ascolto e comprensione c) Non occorre avere un atteggiamento empatico d) Non occorre solidarizzare con atteggiamenti pessimistici SEZIONE C 11. Cos è una Checklist? a) Si tratta di uno strumento che consente di entrare maggiormente nel merito della situazione personale e professionale dell utente b) Si tratta di uno strumento che consente di verificare le offerte di lavoro disponibili in tempo reale c) Si tratta di uno strumento che consente di definire il sussidio da erogare all utente d) Si tratta di uno strumento che consente di entrare maggiormente nel merito della situazione contributiva dell utente e della sua famiglia 12. Nella parte finale della Check list l operatore potrà: a) Evidenziare quali attività lavorative può svolgere l utente in relazione alla verifica precedentemente svolta in merito alle effettive e concrete offerte di lavoro disponibili in tempo reale b) Evidenziare la possibile distanza tra come l utente percepisce la propria vita professionale e le proprie competenze rispetto a quelle effettivamente costruite durante le sue esperienze lavorative e personali c) Suggerire di non ammettere l utente al servizio d) Evidenziare quali attività lavorative non può svolgere l utente in relazione alla verifica precedentemente svolta in merito alle effettive e concrete offerte di lavoro disponibili in tempo reale 4

5 13. Quale legge definisce i destinatari dei trattamenti di Mobilità in deroga? a) L. 2/2009 art. 19 c. 10 b) L. 22/12/2008 n. 203 c) DPR 445/2000 art. 76 d) L. 30/ Con la sottoscrizione del Patto di Attivazione l utente assume diversi impegni. Tra questi: a) redigere un Piano di Azione Individuale personalizzato. b) pagare una tassa di iscrizione al servizio c) rispondere a tutte le convocazioni degli esperti d) redigere un Piano di Azione semestrale e/o annuale SEZIONE D 15. Al fine di stabile un proficuo rapporto di relazione con l utente, l operatore dovrà anche: a) evitare la comunicazione non verbale con l utente b) fare credere all utente di perdere a volte l attenzione, allo scopo di stimolarlo a cercare di esprimere meglio e in modo più puntuale le proprie idee e le proprie esperienze c) dimenticare nei momenti giusti il tempo e lo spazio in cui opera d) creare un clima di accettazione e fiducia fin dal primo momento in cui incontra l utente 5

6 16. Rispetto al setting, dove è meglio svolgere il colloquio nella fase di Accoglienza? a) In un ambiente riservato e silenzioso b) In un ambiente riservato, ma in presenza degli altri colleghi c) In un ambiente impersonale e rigoroso d) In un ambiente familiare all utente 17. Cosa si intende per domande di transizione? a) Sono quelle domande che permettono di passare l utente da un operatore ad un altro durante le varie fasi del colloquio b) Sono quelle domande che permettono in modo morbido il passaggio da un argomento ad un altro c) Sono quelle domande che riguardano la fase di crisi e di transizione lavorativa dell utente d) Sono quelle domande che permettono di prendere tempo quando non si sa bene quale altra domanda porre all utente 18. Cosa si intende per colloquio strutturato? a) Si tratta di una modalità che prevede l utilizzo di domande aperte e destrutturate b) Si tratta di una modalità che prevede l utilizzo di domande già prestabilite c) Si tratta di una modalità che prevede una negoziazione iniziale tra operatore e utente d) Si tratta di una modalità che prevede l utilizzo di domande con risposte vere o false 6

7 Griglia per la correzione Istruzioni: stampa la griglia e segna le risposte esatte con una X. Al termine verifica quali eventuali argomenti ti consigliamo di ripassare. SEZIONE A 1. a) il momento in cui l operatore organizza gli strumenti a sua disposizione e informa l utente del percorso che viene offerto 2. b) A volte l utente percepisce le proprie capacità e potenzialità professionali diverse rispetto alle effettive esperienze svolte 3. b) Delle norme sulla privacy 4. c) comunicazione, relazione, intuizione e flessibilità 5. c) 2 ore Risposte esatte SEZIONE B 6. c) Prestare attenzione anche quando l argomento è conosciuto 7. c) Mettersi nei panni dell utente, senza consolarlo o approvando i suoi comportamenti, ma aiutarlo a riflettere su ciò che sta accadendo 8. a) Migliorare nell utente autostima e fiducia in se stesso 9. b) Quando ci si crea un opinione preconcetta concepita non per conoscenza precisa e diretta del fatto o della persona, ma sulla base di voci e opinioni comuni 10 d) Non occorre solidarizzare con atteggiamenti pessimistici SEZIONE C 11 a) Si tratta di uno strumento che consente di entrare maggiormente nel merito della situazione personale e professionale dell utente 12 b) Evidenziare la possibile distanza tra come l utente percepisce la propria vita professionale e le proprie competenze rispetto a quelle effettivamente costruite durante le sue esperienze lavorative e personali 13 b) L. 22/12/2008 n c) risponder e a tutte le convocazioni degli esperti SEZIONE D 15 d) creare un clima di accettazione e fiducia fin dal primo momento in cui incontra l utente 16 a) In un ambiente riservato e silenzioso 17 b) Sono quelle domande che permettono in modo morbido il passaggio da un argomento ad un altro 18 b) Si tratta di una modalità che prevede l utilizzo di domande già prestabilite 7

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO PREMESSA L elevamento dell obbligo scolastico e la consapevolezza del superamento di un modello formativo unico e rigido che valga per tutti, impone un ripensamento delle

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Motivazione: Necessità di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PROGETTO FORMATIVO COMUNICAZIONE EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO NEL FRONT-OFFICE PREMESSA L orientamento al cliente è una prerogativa indispensabile per la crescita e la competitività di un organizzazione

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Per accoglienza intendiamo un atteggiamento positivo verso soggetti in un contesto di relazioni e comunicazioni. L accoglienza di nuove persone è un momento fondamentale nella dinamica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Armonizzatore Familiare Practitioner

Armonizzatore Familiare Practitioner Armonizzatore Familiare Practitioner Profilo Professionale: Armonizzatore Familiare Practitioner Descrizione: L Armonizzatore Familiare è una figura professionale che possiede competenze specifiche per

Dettagli

Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004

Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004 www.24oreformazione.com Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004 Agricoltura Banche, Assicurazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE

GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE Modulo 1B: Introduzione alla comunicazione interna formale in azienda Maria Cristina Moresco Counseling, formazione, organizzazioni INTRODUZIONE

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DESTINATARI

OBIETTIVI FORMATIVI E DESTINATARI DIRETTORE SCIENTIFICO Prof. Franco Burla Psichiatra, specialista in Psicologia Clinica - Sapienza Università di Roma. DOCENTI Prof.ssa Sociologo, Counselor, Formatore - Sapienza Università di Roma. Dott.

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Lo strumento è stato costruito con riferimento al modello CIPP (Contesto - Input - Processi Prodotti). Nell ambito delle singole aree sono

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Language Coaching per Dirigenti delle PMI Piano Formativo Territoriale

Language Coaching per Dirigenti delle PMI Piano Formativo Territoriale 1 FONDIRIGENTI Avviso 1-2011 Language Coaching per Dirigenti delle PMI Piano Formativo Territoriale UNI EN ISO 9001:2000 Premessa 2 La Formazione Manageriale Interculturale è dedicata a manager ai quali

Dettagli

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI CHE COS È UNA COMPETENZA PROFESSIONALE? Set di slide per il 1 laboratorio di gruppo da UTILIZZARE O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI 01. ETIMOLOGIA Competenza deriva

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

Progetto luoghi di incontro

Progetto luoghi di incontro COORDINAMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE Progetto luoghi di incontro COORDINAMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE Sede legale: Via S. Zeno, 174 - Brescia Sede operativa: Via Aldo Moro, 22 - Brescia Tel. /Fax 030 221234

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Teleskill presenta: La Stanza di Mediazione on-line. Oggetto. Collegamento con i software di gestione della mediazione utilizzati

Teleskill presenta: La Stanza di Mediazione on-line. Oggetto. Collegamento con i software di gestione della mediazione utilizzati Teleskill presenta: La Stanza di Mediazione on-line Oggetto Il presente documento descrive una soluzione brevettata da Teleskill a norma sulla gestione della mediazione civile e rispondente ai requisiti

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Guida operativa allo Spazio Formazione

Guida operativa allo Spazio Formazione Guida operativa allo Spazio Formazione Lo Spazio Formazione della community per gli operatori servizi per il lavoro Lo Spazio di Formazione è l area dedicata alla formazione, all aggiornamento ed allo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua.

Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua. Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua.it Sito internet: www.cardarelli-massaua.it Dirigente Scolastico

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Il Sistema di Misurazione e Valutazione della performance Dizionario dei Comportamenti. Allegato 6

Il Sistema di Misurazione e Valutazione della performance Dizionario dei Comportamenti. Allegato 6 Il Sistema di Misurazione e Valutazione della performance Dizionario dei Comportamenti Allegato 6 35 Premessa Si possono percepire un fatto o le parole che fanno una frase, che dicono o negano una risposta

Dettagli

L'Accordo di Integrazione

L'Accordo di Integrazione di Guida introduttiva all'accordo di Integrazione L'Accordo di Integrazione In per cittadini extra-comunitari Testo elaborato da Cidis Onlus Grafica e illustrazioni Stella Basile Giugno 2013 Integrarsi

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

La sua azione è orientata ai risultati di business e a creare valore per i clienti attraverso le persone che collaborano in azienda.

La sua azione è orientata ai risultati di business e a creare valore per i clienti attraverso le persone che collaborano in azienda. Contesto e Obiettivo Contesto Il mestiere dell HR è in rapido cambiamento e la figura dell HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle del futuro.

Dettagli

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari C L A S S E P R I M A OBIETTIVI FORMATIVI CONOSCENZE ABILITA Ascoltare e comprendere semplici messaggi Conoscere e utilizzare parole e frasi per comunicare

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE Classe: 3^B RIM A.S. 2014/15 Docente: prof. Fabio Borghin DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla fine dell anno scolastico, gli alunni dovranno essere

Dettagli

Piano di Studio Personalizzato-

Piano di Studio Personalizzato- I S T I T U T O C O M P R E N S I V O MATERNA - ELEMENTARE - MEDIA FRANCESCO FERRUCCI LARCIANO (PT) Piano di Studio Personalizzato- LINGUA INGLESE Classe Prima Anno Scolastico.. ISTITUTO COMPRENSIVO FERRUCCI

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 Liceo Scientifico Statale "F. Severi" Liceo Scientifico di Ordinamento - Liceo Scientifico Scienze Applicate- Liceo Linguistico viale L.

Dettagli

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A DATA INTERVISTE: 30/09/2011 DATA ASSESSMENT: 14/10/2011 1 I bisogni di formazione linguistica

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita Quando la destinazione di un viaggio è la crescita destinazione sviluppo Quando la destinazione di un viaggio è la crescita, il cambiamento della propria organizzazione, anche il viaggiatore più avventuroso

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

Lo studio riguarda tre fasi:

Lo studio riguarda tre fasi: 1 Premessa Lo studio è una particolare forma di apprendimento che ha come scopo l apprendere da un testo o da una lezione in modo intenzionale e autodiretto (Anderson, 1978), scegliendo obiettivi, tempi

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli