07 /Igiene orale. Glossario Glossario 1/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "07 /Igiene orale. Glossario Glossario 1/14"

Transcript

1 1/14 A Abrasività dei dentifrici L effetto abrasivo del dentifricio sui tessuti duri dentali (smalto, dentina) dipende dalla durezza, dalla quantità e dalle dimensioni delle sostanze abrasive contenute (agenti pulenti). Ciononostante, l abrasività di un dentifricio è solo un aspetto dell abrasione meccanica esercitata sui tessuti duri dentali. Anche la pressione e la tecnica di pulizia, nonché la forza erosiva e il grado di durezza degli spazzolini usati, esercitano una certa influenza. Soprattutto in caso di colletti scoperti sarebbe necessario pulire in modo delicato la dentina, più morbida rispetto allo smalto. Bisognerebbe usare dentifrici per colletti sensibili i cosiddetti dentifrici per denti sensibili. Alimentazione La carie è dovuta ai batteri. Lo zucchero svolge un ruolo importante in questo contesto. Non c'è alcuna differenza tra zucchero raffinato, zucchero di canna o miele. Non è decisiva la quantità di zucchero, bensì l'intervallo di consumo. Più spesso si consumano zuccheri, più sarà dannoso per i denti. Non è necessario rinunciare allo zucchero. È meglio imparare come rapportarsi in modo consapevole agli alimenti dolci: - le bevande dolci contengono fino a 10 g di zucchero per 1 dl. Se si assumono a piccoli sorsi, il pericolo è particolarmente elevato. L acqua o il tè non zuccherato sono dissetanti ideali. - Preferire spuntini non zuccherati (verdura, frutta, formaggio, pane) anziché dolci, cioccolato o frutta essiccata. - Dopo aver consumato frutta, sciacquare bene la bocca con acqua o con un collutorio contenente fluoruro. - Mangiare i dolci sotto forma di dessert ai pasti principali. - Tenere a portata di mano dolci che non fanno male ai denti per gli spuntini. - I generi voluttuari che non fanno male ai denti si riconoscono dal simbolo dell omino a forma di dente. - Light non significa senza zucchero o che non danneggia i denti. I prodotti light hanno un basso contenuto di calorie. Fare attenzione agli ingredienti. - Risvegliare una consapevolezza sugli zuccheri. Molti dei nostri alimenti e bevande contengono zuccheri nascosti. Leggere le etichette dei prodotti! Lo zucchero che può causare carie si nasconde anche dietro definizioni diversissime tra loro quali saccarosio, glucosio, sciroppo di glucosio, fruttosio, maltosio o estratto di malto. Alito cattino Definito clinicamente alitosi. Cattivo odore proveniente dalla bocca, spesso dovuto a scarsa igiene orale, denti rovinati o processi infiammatori nel cavo orale. L alito cattivo può anche essere causato da processi non siti in bocca (gastropatie e malattie intestinali, bronchiti, dolori a reni e vescica, ecc.). I batteri responsabili dell alito cattivo risiedono principalmente sulla lingua. Allergia Forte reazione a determinate sostanze nocive per l'uomo (per es. polvere domestica, pollini, peli di animali, ma anche componenti aromatici o conservanti). Alterazioni del colore dei denti Tutti i denti sono ricoperti da uno strato sottile e invisibile definito cuticola dello smalto (pellicola). Qui possono depositarsi pigmenti esterni al corpo che alterano il colore naturale dei denti. Questi pigmenti derivano principalmente dall alimentazione (da frutta, alimenti colorati, tè, caffè, vino rosso, ecc.) e dal tabacco. Queste alterazioni superficiali del colore possono essere rimosse dall igienista dentale. Amalgama Materiale di riempimento in leghe di mercurio per carie dentali che sono in uno stato così avanzato che il dentista deve trapanarle e otturarle. L amalgama viene usato da decenni ed è quindi sperimentato e conveniente. Tuttavia oggi l'amalgama è oggetto di discussioni a causa del rilascio di mercurio e nel frattempo non viene quasi più utilizzata.

2 2/14 Arretramento delle gengive La recessione della gengiva in seguito a processi infiammatori (parodontite) o lesione in corrispondenza di singoli denti, per es. a seguito di un'errata tecnica di pulizia dei denti causa difetti cuneiformi del colletto (principalmente dovuti a sfregamento orizzontale e/o troppa pressione). Non è possibile annullare l arretramento gengivale. Assistente alla profilassi (AP) Assistente dentale con una specializzazione come assistente alla profilassi. Specializzato in compiti profilattici nella pratica odontoiatrica. Assistente dentale (AD) Termine in vigore dal 1998 per assistente odontoiatrica, prima si usava il termine "assistente del dentista. Per diventare assistente dentario occorre avere concluso un apprendistato professionale di tre anni riconosciuto dall Ufficio Federale della Formazione professionale e della Tecnologia (UFFT). B Batteri I più piccoli organismi (microrganismi) esistenti. I batteri che vivono nella cavità orale creano nel tempo strati molto resistenti (placca) che con l'apporto di zuccheri producono costantemente acidi, causando così danni ai denti (carie). I metaboliti di questi batteri della placca causano anche infiammazioni delle gengive. Bocca secca Mancanza di salivazione fino a totale secchezza della bocca (xerostomia). Può verificarsi come sintomo collaterale di malattie, ma può essere dovuta anche a farmaci, come per es. ausili per ridurre la pressione e psicofarmaci, oppure può presentarsi a seguito di irradiazione della ghiandola salivare. Poiché la remineralizzazione del tessuto duro dentario è legato alla salivazione, i pazienti con salivazione ridotta e alimentazione corrispondente mostrano un aumento così rapido della carie che solo una cura profilattica particolarmente intensa può prevenire la completa distruzione dei denti. In questo caso è importante la fluorurizzazione regolare, anche più volte al giorno, per es. con collutori o gelatine al fluoruro. C Cambio dei denti Cambio dei denti da latte con denti permanenti tra i 6 e i 12 anni di età. Il cambio dei denti avviene eradualmente, in modo da garantire la masticazione per tutto il tempo. I primi denti permanenti a spuntare sono i molari primari, che spuntano a 6 anni dietro i molari da latte nella cavità orale, e gli incisivi permanenti. Tra i 9 e 12 anni vengono poi sostituiti i canini. Verso il 12 anno di vita spuntano i secondi molari ed eventualmente in età adulta i denti del giudizio. Con lo spuntare dei primi molari (quindi all inizio del periodo scolastico circa) si dovrebbe sostituire il dentifricio per bambini con uno a contenuto maggiore di fluoruro. Canaletti della dentina La dentina ha canali sottilissimi che possono trasmettere gli stimoli al nervo dentale. Nella zona dei colletti scoperti la dentina non è ricoperta da smalto o dalla gengiva. Gli ingressi ai canaletti della dentina restano così aperti e in caso di stimoli (caldo, freddo, dolce, aspro) trasmettono una sensazione di dolore. Un rimedio immediato in caso di punti particolarmente dolorosi è dato dall'applicazione locale di prodotti adatti (per es. gelatine speciali o dentifrici acquistati in negozi specializzati). Canini I più grandi denti frontali spesso aguzzi, compresi tra i quattro incisivi anteriori e i primi molari. Il passaggio dalla dentatura con denti da latte a quella con i canini permanenti avviene all'incirca fra i 10 e i 12 anni.

3 3/14 Carboidrati Composti organici di carbonio, idrogeno e ossigeno. Esempi di carboidrati sono zucchero o amido. Alcuni carboidrati soprattutto lo zucchero sono degradati in acidi molto rapidamente dai batteri della placca e causano quindi danni allo smalto (carie). Carie In ogni cavità orale vivono dei microrganismi. Si nutrono di sostanze facilmente utilizzabili, soprattutto di zucchero. Essi secernono metaboliti (acidi) che attaccano lo smalto e lo decalcificano (demineralizzano). Di conseguenza si forma prima un punto decalcificato sotto la superficie ancora intatta dello smalto (macchia cretacea / lesione iniziale). Se la decalcificazione prosegue, la superficie dello smalto si rompe e si crea un buco ("carie"). Carie dei colletti dentali La dentina nella zona dei colletti scoperti (radici) non ha alcuno strato di smalto protettivo ed è quindi molto soggetta alla carie. La fluorurizzazione intensa, per es. con gelatine al fluoruro ad alta concentrazione prese in farmacia o con dentifrici speciali con obbligo di prescrizione medica, può prevenire o curare le lesioni iniziali. Carie della dentina Se la carie dello smalto si diffonde fino alla dentina, può progredire molto più rapidamente: la struttura dei canali apre la strada alla carie, che raggiunge direttamente la polpa dentale. La dentina nella zona dei colletti scoperti / delle radici non ha alcuno strato di smalto protettivo ed è quindi molto sensibile alla carie. Una profilassi regolare e intensa contro la carie con gelatine speciali al fluoruro protegge in modo efficace da queste cosiddette "carie della radice". Carie della radice La dentina nella zona dei colletti scoperti (radici) non ha alcuno strato di smalto protettivo ed è quindi molto soggetta alla carie. La fluorurizzazione intensa, per es. con gelatine al fluoruro ad alta concentrazione prese in farmacia o con dentifrici speciali con obbligo di prescrizione medica possono prevenire o curare le lesioni iniziali. Carie iniziale Primo stadio della carie in cui sono presenti danni solo nello strato più superficiale dello smalto, sotto la superficie più esterna dello smalto del dente. Segni esterni: Macchie bianche (macchia cretacea) sullo smalto. Determinabile con certezza solo dal dentista e con una radiografia. Spesso curabile con una migliore igiene orale e un utilizzo sufficientemente regolare di fluoruro. Carie interdentale A causa delle difficoltà di pulizia degli spazi interdentali, questo tipo di carie è molto frequente. I preparati a base di fluoruro creano anche qui uno strato protettivo che protegge dagli attacchi degli acidi. Carie nascosta Carie che non si vede sulla superficie del dente, ma che è già relativamente estesa, per es. tra i denti. Carie nei bambini L assunzione regolare di bevande contenenti zucchero (per es. tè, succhi di frutta per neonati) a piccoli sorsi fa sì che i denti siano costantemente bagnati da questo liquidi ricco di zuccheri. Così i batteri nella cavità orale ricevono nutrimento costante per la formazione di acidi. Questo comporta gravissimi danni ai denti quali le carie da tè zuccherato o le carie da biberon (nursing bottle caries). Carie prossimale Carie nello spazio interdentale, causata principalmente da una pulizia non accurata degli spazi tra i denti. La pulizia degli spazi interdentali e i fluoruri, in particolare quelli contenuti nei collutori e nelle gelatine al fluoruro, offrono protezione, creando su tutte le superfici dentali uno strato protettivo che difende dagli attacchi degli acidi.

4 4/14 Carie secondaria Carie che si forma sul bordo di un otturazione. Si forma soprattutto quando c è una crepa sul bordo di una otturazione, alla quale la placca può aderire bene. Carie sottominante Carie non visibile sulla superficie del dente ma che si sviluppa in modo relativamente esteso sotto la superficie. Solitamente questa carie può essere rilevata solo con una radiografia. Clorexidina Ingrediente dei collutori impiegato come disinfettate per il trattamento a breve termine di infiammazioni della mucosa orale e delle gengive (gengivite) causate da batteri (gengiviti). Agisce contro batteri, funghi e virus e riduce la formazione della placca dentaria. Tra gli effetti collaterali figurano per es. alterazioni reversibili del colore naturale dei denti, della lingua e della mucosa orale, nonché una riduzione del senso del gusto. Colletti sensibili Nella zona dei colletti scoperti la dentina non è ricoperta da smalto o dalla gengiva. Gli ingressi ai canaletti della dentina restano così aperti e in caso di contatto o di stimoli esterni come caldo, freddo, dolce o aspro trasmettono una sensazione di dolore. L utilizzo regolare di prodotti specifici crea un film protettivo che chiude questi canaletti e che può prevenire gli stimoli sgradevoli e dolorosi (desensibilizzazione). Collutorio Soluzione attiva pronta all uso a integrazione dell igiene orale quotidiana. I collutori si distinguono in base alle loro caratteristiche di prodotto: i collutori possono disinfettare per trattare le infiammazioni gengivali e/o fluorurizzare per proteggere i denti dalla carie. Collutorio al fluoruro Soluzione contenente fluoruro pronta all uso per un ulteriore protezione contro la carie. Considerate le abitudini alimentari attuali, costituisce un integrazione importante all igiene orale quotidiana. Fare attenzione che non contengano alcol. Contenuto alcolico dei collutori I collutori possono contenere alcol come solvente per altri ingredienti. Non possono quindi essere utilizzati in modo sicuro per tutti i gruppi d età e di rischio (bambini, donne in gravidanza, ex alcolisti e persone di determinate religioni). Cuticola dello smalto Vedere Pellicola D Demineralizzazione Decalcificazione; scioglimento di minerali dallo smalto dentario a causa degli acidi. Un processo di demineralizzazione eccessivo può causare danni ai denti (carie). L utilizzo regolare di prodotti contenenti fluoruro frena la demineralizzazione e promuove la remineralizzazione = protezione contro la carie. Dente Insieme alle ossa, i denti fanno parte dei tessuti duri dell uomo. Servono principalmente per sminuzzare i cibi e per l articolazione dei suoni. Ogni dente è composto da una corona (sopra la gengiva) e da una radice (sotto la gengiva). Le punte delle corone sono aperte. Il sangue e i funicoli nervosi passano attraverso i canali delle radici fino alle cavità dentarie e creano la polpa (Pulpa), circondata dalla dentina (Dentin). Nella parte della corona, la dentina è coperta dallo smalto, la sostanza più dura del nostro corpo. Ciononostante lo smalto si scioglie con gli acidi. I denti fanno parte del cosiddetto parodonto, chiamato anche paradenzio. Il parodonto è formato da gengiva (gingiva), alveolo dentario osseo (alveole), peridontio o apparato fibroso (desmodent) e cemento dentale. Anche il parodonto è vivo, poiché contiene vasi

5 5/14 sanguigni e nervi. Il dente non è unito in modo fisso all osso, ma è appeso con l aiuto di un apparato fibroso nell alveolo (alveole) (come un trampolino). Così facendo si evita che il dente si rompa ogni volta che mordiamo un piccolo corpo duro presente nei cibi o quando viene colpito. Denti bianchi Ideale di bellezza di tendenza. Ma i denti naturali non sono mai completamente bianchi, bensì hanno un loro colore vivo. L utilizzo di dentifrici sbiancanti o di metodi di sbiancatura dovrebbe essere sempre adottato d'accordo con il proprio dentista o igienista dentale. Denti da latte Prima dentatura composta complessivamente da 20 denti che iniziano a spuntare dal 6 al 7 mese di vita. I denti da latte sono sostituiti e integrati dai denti permanenti tra il 6 e il 12 anno di età. Fino a quel momento occupano il posto dei denti permanenti e dovrebbero quindi essere il più sani possibile finché non vengono sostituiti. I dentifrici per bambini sono stati sviluppati in particolare per la cura dei denti da latte. Dentifricio Crema aromatica con sostanze abrasive (agenti pulenti) che incrementa l'effetto pulente dello spazzolino. I principi attivi impiegati migliorano l effetto profilattico. Il dentifricio dovrebbe sempre contenere fluoruro contro la carie. I dentifrici dovrebbero essere scelti in base all effetto desiderato e non esclusivamente per il loro sapore. Dentina Dentina. Componente principale del dente che avvolge la polpa dentale con il nervo dentale. Nella zona della corona dentaria la dentina è coperta dallo smalto, mentre alla radice dal cemento. La dentina è più morbida dello smalto. Denti scoloriti o macchiati Vedere Alterazione del colore dei denti Denti sensibili Nella zona dei colletti scoperti la dentina non è ricoperta da smalto o dalla gengiva. Gli ingressi ai canaletti della dentina restano così aperti e in caso di stimoli (caldo, freddo, dolce, aspro) trasmettono una sensazione di dolore. Deposito di fluoruro Strato protettivo contenente fluoruro particolarmente stabile che ricopre lo smalto, ottenuto utilizzando prodotti con fluoruro amminico. Questo deposito rilascia continuamente fluoruro, soprattutto in caso di attacchi degli acidi. Così facendo lo smalto viene protetto in modo particolarmente efficace proprio nei momenti critici. Desensibilizzazione Sollievo della sensazione di dolore sui colletti scoperti (vedere anche Canaletti della dentina). Difetti cuneiformi Tagli nella zona del colletto causati da un'errata tecnica di pulizia (movimento prevalentemente orizzontale e pressione elevata con lo spazzolino), dall'utilizzo di dentifrici abrasivi o da spazzolini troppo duri. Dolcificanti Succedanei dello zucchero senza calorie e che non causano carie, come la saccarina, il ciclamato e l aspartame. Sono fino a 300 volte più dolci dello zucchero comune.

6 6/14 E Erosione Perdita dello smalto attraverso processi chimico-fisici. Esempio: il consumo frequente e regolare di bevande dolci, dolci acidi (per es. orsetti gommosi) e acidi della frutta porta all erosione (perdita) del tessuto duro dentario. F Filo interdentale Filo in plastica per la pulizia degli spazi interdentali. Dal dispenser vengono estratti circa cm di filo interdentale, che viene arrotolato intorno a entrambi i medi e fatto passare tra i denti utilizzando il pollice e l'indice. Il filo teso viene fatto passare con attenzione negli spazi interdentali della mascella superiore e poi sfilato ripetutamente. Per pulire la mascella inferiore, aiutarsi guidando il filo interdentale con le punte degli indici. La cosa importate è pulire entrambe le superfici dello spazio interdentale. Il filo interdentale è disponibile nella variante cerata e leggermente cerata. Fluorapatite Componente minerale dello smalto dentario. Si forma quando il fluoruro si unisce al componente principale idrossilapatite. Questa formazione rende lo smalto più resistente agli acidi. Fluorosi Malattia dovuta a un sovradosaggio costante di fluoruro. Il sintomo più lieve è la comparsa di macchie bianche sullo smalto. Compaiono sui denti già quando spuntano dalla mascella se dai 6 agli 8 anni si sono assunte regolarmente dosi eccessive di fluoruro. Si tratta di un problema cosmetico permanente. I bambini fino ai 6 anni di età dovrebbero quindi usare un dentifricio per bambini con ridotto contenuto di fluoro. Fluorurizzazione dell acqua potabile La forma più antica di prevenzione collettiva della carie. In uso negli USA dagli anni Quaranta. Lì circa 110 milioni di persone bevono regolarmente acqua fluorurizzata. La concentrazione ottimale per la profilassi della carie è pari a 1 milligrammo di fluoruro per litro d acqua potabile. Fluorurizzazione del sale Condire gli alimenti con sale fluorurato (250 mg di fluoruro per chilo di sale) è una misura che ha una buona efficacia come profilassi contro la carie. In Svizzera è in vendita il sale da cucina arricchito con fluoruro e iodio (confezione blu con banda verde). Fluoruro I fluoruri contenuti nei prodotti per l igiene orale e per la pulizia dei denti svolgono tre funzioni importanti per mantenere i denti sani: 1. promuovono il rideposito di componenti dello smalto nel dente, evitando così la formazione di carie che necessitano di trattamento ("buchi"). L impiego del fluoruro può riparare completamente i danni iniziali sotto la superficie dentaria. 2. I batteri nella placca dentaria (placca) trasformano i componenti dello zucchero ingeriti con l alimentazione in acidi che sciolgono lo smalto. I fluoruri vengono immagazzinati nello smalto, rendendolo così più resistente agli attacchi degli acidi. 3. I fluoruri arrestano il metabolismo di questi batteri della placca, riducendo così la produzione di acidi. Fluoruro amminico Speciale composto organico di fluoro, presente per es. nei preparati elmex. Mineralizza e protegge i denti in modo particolarmente efficace e garantisce una protezione ottimale contro la carie. Studi scientifici dimostrano l'efficacia dei fluoruri amminici. Grazie alla loro speciale struttura chimica (imbibente), si depositano in modo particolarmente rapido ed efficace sui denti, promuovendo la formazione di uno strato contenete fluoruro. Questo protegge il dente dagli attacchi degli acidi. Al contempo la saliva e con essa il fluoruro amminico può raggiungere meglio gli stretti spazi interdentali e

7 7/14 le fossette dei molari e premolari. Ed è proprio in questi punti difficilmente accessibili che le carie si formano con particolare frequenza. Fluoruro amminico / Fluoruro di stagno Combinazione di principi attivi che promuove la rigenerazione delle gengive irritate, prevenendo così i problemi gengivali. Fluoruro di calcio Composto chimico che si crea sulla superficie dei denti quando si utilizzano prodotti per l igiene dentale contenenti fluoruro. Quando il dente è attaccato dagli acidi, questo composto agisce da strato protettivo che mette immediatamente a disposizione minerali per la riparazione. Il fluoruro amminico crea uno strato di copertura di fluoruro di calcio particolarmente aderente. Fruttosio Zucchero della frutta. Zucchero semplice che i diabetici tollerano di più rispetto ad altri tipi di zucchero. Come lo zucchero comune (saccarosio) viene degradato dai batteri della placca dentaria in acido lattico, che alla lunga causa la carie. G Gel / Gelatina Esistono prodotti per l igiene dentale densi, definiti "gel" o "gelatina". Ci sono differenze fondamentali fra il gel e la gelatina. I gel sono dentifrici con un contenuto di fluoruro compreso tra ppm e che contengono sostanze abrasive. Le gelatine sono disponibili solo nei negozi specializzati e dato il loro elevato contenuto di fluoruro (per es. elmex gelée contiene ppm di fluoruro) sono usati per la profilassi intensa della carie. Non sono abrasivi (non logorano lo smalto). Gengive sensibili Se la gengiva è irritata dalla placca, inizia a infiammarsi e può addirittura sanguinare. In questi casi è importante continuare a pulire i denti a fondo ma in modo delicato in caso di gengive sensibili usare uno spazzolino morbido e un dentifricio che rigeneri la gengiva irritata. Gengivite Infiammazione delle gengive. Viene causata dai metaboliti dei batteri che colonizzano il bordo gengivale. I principali segni di una infiammazione gengivale sono arrossamento, gonfiore e sanguinamento delle gengive. Per far guarire l infiammazione è necessario eliminare il più possibile completamente i depositi di batteri (placca). Prodotti per l igiene dentale che frenano la formazione della placca (per es. dentifrici o collutori con principi attivi speciali) e una pulizia regolare e profonda dei denti sono ausili supplementari. Glicolisi Processo metabolico che distrugge il glucosio. Il prodotto finale, l acido lattico, attacca lo smalto e nel tempo causa le carie. Glucosio Glucosio. Come lo zucchero comune (saccarosio) viene degradato dai batteri della placca dentaria in acido lattico, che alla lunga causa la carie. Gomma da masticare Masticare una gomma delicata per i denti dopo aver mangiato promuove la salivazione, aiutando così a neutralizzare più rapidamente gli acidi presenti nella bocca che danneggiano i denti. Questo, però, non sostituisce in alcun caso la pulizia dei denti, poiché la gomma non elimina la placca.

8 8/14 Gomma da masticare senza zucchero Masticare gomma senza zucchero aumenta la salivazione e aiuta così a neutralizzare più rapidamente gli acidi che danneggiano i denti. Masticare la gomma non sostituisce in alcun caso il lavaggio dei denti, poiché la gomma non elimina la placca. I Idropulsore Dispositivo con getto d acqua per eliminare i resti di cibo ecc. L idropulsore non elimina la placca batterica permanente. Un utilizzo errato con una pressione dell acqua troppo elevata può danneggiare il paradonto. Idrossilapatite Componente più importante e quantitativamente più significativo del tessuto duro di ossa e denti. Lo smalto non è quasi mai composto da idrossilapatite pura, bensì presenta anche ioni terzi. L'inserimento di fluoruro stabilizza la struttura dell apatite. Igiene dentale nei bambini I denti da latte tengono il posto ai denti successivi, permanenti. Una regolare igiene dentale è quindi importante a partire dallo spuntare del primo dente. L apporto di fluoruro per la protezione contro la carie è quindi l elemento principale. All inizio è sufficiente utilizzare una porzione grande come un pisello di uno dentifricio specifico per bambini con ridotto contenuto di fluoruro una volta al giorno (fino al 2 anno di età, poi due volte al giorno). Si consiglia inoltre di utilizzare uno speciale spazzolino di apprendimento. La pulizia dei denti almeno 1 volta al giorno è compito dei genitori. Nel frattempo il bambino può imparare a lavarsi i denti da solo. Una pulizia sistematica di tutte le superfici dentali migliora il risultato. Oltre all'igiene dentale accurata bisognerebbe fare attenzione anche a seguire un'alimentazione che non danneggi i denti. Troppi dolci, piatti collosi o bere costantemente a piccoli sorsi tè dolci espone i denti a un attacco prolungato. La cosa migliore è concentrare il consumo di zucchero in poche occasioni e poi lavare i denti. L assunzione supplementare di compresse di fluoruro può risultare utile in alcuni casi. Ciononostante si dovrebbe concordare questa pratica con il dentista o con il pediatra. Igiene orale Misure per eliminare resti di cibo e placca batterica. Ausili per l'igiene orale domestica sono spazzolino da denti, dentifricio, collutorio, filo interdentale, stecchini dentali in legno, airfloss, stick in plastica e spazzolino interdentale. Igienista dentale (ID) Specialista con una particolare formazione che si occupa soprattutto del trattamento e della cura di pazienti parodontopatici. Un altro suo compito importante è quello di spiegare ai pazienti la corretta igiene orale per salvaguardare la loro salute orale. Incisivi Denti anteriori a forma di pala o scalpello che servono per staccare a morsi. Gli otto incisivi da latte vengono sostituiti dagli otto incisivi permanenti all età di 6-8 anni circa. Indice DMF-T / DMF-S, Indice dmf-t / dmf-s Quantificatore dei danni causati dalla carie nella bocca di una persona. Indica il numero di denti (teeth) o delle superfici dentali (surfaces) cariati (decayed), mancanti (missing) e otturati (filled). Le lettere minuscole indicano i denti da latte. Infiammazione delle gengive Gengivite. Viene causata dai metaboliti dei batteri che colonizzano il bordo gengivale. I principali segni di una infiammazione gengivale sono sanguinamento, arrossamento e gonfiore delle gengive, senza dolore. Per far guarire completamente l infiammazione è necessario rimuovere il più possibile la placca batterica. Sono utili prodotti che disattivano i residui non rimossi di placca batterica e che frenano la formazione di nuova placca.

9 9/14 Infiammazione parodontale Distruzione infiammatoria del parodonto. Se non curata porta all allentamento e alla successiva caduta del dente. Insorge con la comparsa di determinati batteri nella placca. A differenza della gengivite (infiammazione delle gengive) i danni causati dalla parodontite non sono totalmente riparabili. L avanzare della malattia può essere rallentato attraverso l eliminazione professionale della placca da parte dell igienista dentale, controlli odontoiatrici regolari e una buona igiene orale. Interdentale Spazio tra i denti. Ipersensibilità dei colletti Vedere Colletti sensibili L Lactobacillus acidophilus Batterio dell acido lattico. Insieme allo streptococcus mutans, responsabile principale della carie. Lavarsi i denti La pulizia dei denti è efficace solo se effettuata in modo sistematico, costante e adeguato alla persona. La cosa migliore è farsi illustrare la tecnica di pulizia dei denti individuale e corretta da parte di un igienista dentale. Lesione Ferita, disturbo. Il dentista chiama il "buco" nel dente "lesione cariosa" = carie. M Metodo di pulizia dei denti Vedere Tecnica e sistema di pulizia Molari Molari; grandi denti permanenti di diverse altezze. I primi molari spuntano verso il 6 anno di vita dietro i molari da latte nel cavo orale. Insieme agli incisivi permanenti sono i primi denti permanenti in bocca e vengono spesso "ignorati". Verso il 12 anno di vita spuntano i secondi molari ed eventualmente in età adulta i denti del giudizio. Con lo spuntare dei primi molari (quindi all inizio del periodo scolastico circa) si dovrebbe sostituire il dentifricio per bambini con uno per adulti con un contenuto maggiore di fluoruro. O Olaflur Speciale composto del fluoruro contenuto nei preparati elmex. Omeopatia Metodo terapeutico complementare che agisce con principi attivi in base alla regola della somiglianza (il simile guarisce il simile) in forma potenziata e in dosi minime. Durante il trattamento con i metodi omeopatici classici si dovrebbe rinunciare ad aromi e sostanze odorose forti come per es. il mentolo. Otturazioni Quando la copertura dello smalto si rompe, la carie è in stato così avanzato che non è più possibile evitarla utilizzando il fluoruro, né remineralizzare il dente. La carie deve essere otturata. Per farlo si utilizzano i materiali più diversi. Si

10 10/14 distingue tra materiali color metallo (per es. oro, amalgama) e materiali del colore dei denti (per es. composito, compomero, ceramica). P Parodontite Distruzione infiammatoria del paradonto (paradonto = gengiva e osso). Se non curata porta all allentamento del dente e successivamente alla sua caduta. Insorge con la comparsa di determinati batteri nella placca. A differenza della gengivite (infiammazione delle gengive) i danni causati dalla parodontite non sono totalmente riparabili. L avanzare della malattia può essere arrestato però attraverso l eliminazione professionale della placca da parte dell igienista dentale, controlli odontoiatrici regolari e una buona igiene orale. Parodontosi Distruzione irreversibile dell osso intorno alle radici. Pellicola Cuticola dello smalto. Rivestimento sottile, permanente e invisibile dei denti composto principalmente dai componenti della saliva. Placca Rivestimento resistente che si fissa sulla superficie dei denti, soprattutto sul brodo delle gengive e lungo gli spazi tra i denti. La placca è composta principalmente da batteri. 1 mg di placca bagnata contiene ca. 250 milioni di batteri. Sono così piccoli che si possono scoprire e riconoscere solo al microscopio. La maggior parte di questi batteri sono responsabili della produzione di acidi che danneggiano i denti. La saliva, che potrebbe neutralizzare questi acidi, non ha alcun effetto di fronte a questo "strapotere". Inoltre alcuni batteri secernono sostanze che rendono la placca dentaria appiccicosa e molto aderente. La placca può essere eliminata solo meccanicamente. Può essere colorata con pastiglie o soluzioni speciali (rivelatori) che la rendono visibile. Così è possibile rilevare dove occorre pulire meglio. I denti sporchi, al contatto con la lingua, sembrano come coperti da una patina. Placca dentaria Vedere Placca ppm Sigla inglese per parts per million; indicazione della concentrazione di diluizione pari a uno su un milione. Sigla utilizzata di solito per es. per descrivere il contenuto di fluoruro nell acqua potabile (e nei prodotti per l igiene orale). In questo caso la concentrazione ottimale per la profilassi contro la carie è pari a 1 ppm di fluoruro = 1 milligrammo di fluoruro per litro d acqua. Premolari Molari anteriori, più piccoli, con due cuspidi. Entro il 12 anno di vita gli otto premolari sostituiscono gli otto molari da latte. Profilassi Prevenzione delle malattie, trattamento preventivo. Esempio di profilassi contro la carie = prevenzione della carie attraverso l utilizzo del fluoruro, per es. mediante applicazione locale di dentifrici, collutori e gelatine al fluoruro. Profilassi collettiva Misure preventive sanitarie che interessano la popolazione. Tra le misure di profilassi collettiva odontoiatrica figurano la fluorurizzazione dell acqua potabile e del sale da cucina (in caso di utilizzo esteso).

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli