Milano, 25 giugno Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo. Egregio Associato,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Milano, 25 giugno 2003. Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo. Egregio Associato,"

Transcript

1 Milano, 25 giugno 2003 Associazione Nazionale Aziende distributrici Prodotti e servizi per l ufficio, l informatica e la telematica Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo Egregio Associato, Fondata nel 1945 Promuove e collabora all organizzazione di SMAU Le allego, qui sotto, la parte introduttiva, redatta dal nostro Consulente Fiscale, Dr. Scopacasa, del volume I titoli d accesso per le attività di intrattenimento e di spettacolo. L intero volume, distribuito al costo di Euro iva, contiene le slides di presentazione del seminario tenuto a Milano, Padova e Roma e l intera normativa vigente ed istruzioni ministeriali. Potrà richiedere, il volume alla Segreteria Formazione, tel , dott.ssa Anna Chiesa. Cordiali saluti Aderente a Il Segretario Generale Confederazione Generale Italiana del Commercio, del Turismo, dei Servizi e delle PMI Via Merano, Milano telefono telefax Codice Fiscale Partita IVA

2 Titolo di accesso per intrattenimenti e spettacoli : normativa al 10 giugno a cura del Dr. Francesco Scopacasa La legge finanziaria per il 2003 (L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 94, comma 5, pubblicata sulla G.U. n. 305 del S.O. n. 240 L), ha prorogato al 30 giugno 2003 la data di decorrenza dell obbligo di rilasciare il titolo di accesso mediante apparecchi misuratori fiscali; obbligo che era stato previsto, in origine, per il 30 giugno 2000 ed era stato più volte prorogato. Si tratta del sesto provvedimento di rinvio, motivato dalla necessità di consentire ai produttori la predisposizione degli apparecchi in numero sufficiente per rispondere alla richiesta del mercato. Nelle pagine che seguono sono riportate, nell ordine: una nota sintetica dei soli punti di principale interesse; un commento generale e più dettagliato della normativa. ***** NOTA SINTETICA Decorrenza dell obbligo: 30 giugno 2003 con moratoria per l installazione fino al 31 ottobre 2003 (L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 94, c. 5 Provvedimento proroga A.E. 9 giugno 2003) Soggetti obbligati : a) esercenti attività di spettacolo: Vedi Tavola 1 b) esercenti attività di intrattenimento: Vedi Tavola 2 Attenzione: Allo stato attuale, la normativa non chiarisce : - se il Titolo di accesso debba essere emesso solo dai soggetti che impongono al partecipante/spettatore il possesso di un titolo per accedere nel locale di spettacolo o intrattenimento (es. cinema), o anche quando esso costituisce una semplice ricevuta di pagamento per prestazioni eseguite in locali ad accesso libero (es.: utilizzo del biliardo in un bar o una sala giochi); - se il Titolo di accesso debba essere emesso solo dai soggetti - imprenditori (con partita IVA), o - come sembra - anche dal soggetto che intende utilizzare il sistema soltanto per spettacoli e intrattenimenti da lui stesso organizzati, e che non riveste la qualità di imprenditore (punto 5.1, lett. b) del Provv. A.E ). In tal caso infatti il titolo di accesso non avrebbe la funzione di certificazione del corrispettivo (scontrino fiscale), ma avrebbe valore solo ai fini dell imposta sugli intrattenimenti. Soggetti esonerati: - società e associazioni sportive dilettantistiche, aventi determinati requisiti. Questi soggetti sono esonerati dall obbligo di utilizzare il misuratore fiscale e mantengono il metodo tradizionale dei biglietti cartacei - oggi definiti titoli di ingresso - e dei prospetti riepilogativi anch essi cartacei, ed entrambi bollati dalla SIAE (DPR 13 marzo 2002 n. 69). La loro esatta individuazione non è semplice, in quanto alcuni soggetti potrebbero non essere esonerati

3 (es.: mancato riconoscimento da parte dagli enti di promozione sportiva). Inoltre, l esonero dall obbligo di utilizzare il misuratore fiscale è sempre applicabile a tali soggetti quando effettuano manifestazioni sportive classificabili come spettacolo (Vedi Tavola 1); quando invece effettuano attività di intrattenimento (Vedi Tavola 2) a favore dei soci, l esonero compete solo se detti soggetti hanno optato per un particolare regime tributario (previsto dalla Legge n. 398/91). Va tenuto presente, infine, che la già citata legge finanziaria (art. 90) ha elevato a euro il limite massimo di capitale fino al quale le società e associazioni sportive dilettantistiche possono beneficiare del regime tributario agevolato previsto dalla legge n. 398/91; - associazioni di promozione sociale (ONLUS) (art. 5 del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460); - associazioni pro-loco, indipendentemente dall esercizio dell opzione per il regime tributario della legge n. 398/91 (L n. 448, art 9, c. 19 e CM n. 15/E dell 1 febbraio 2002 par. 12). La già citata legge finanziaria per il 2003 (art. 80, comma 37), ha dichiarato applicabile anche alle pro-loco la disciplina del DPR n. 69 del 13 marzo 2002, e pertanto anche tali organismi sono tenuti a rilasciare i titoli di ingresso cartacei bollati dalla SIAE e a compilare i prospetti riepilogativi da inviare alla SIAE. Le associazioni proloco e le associazioni sportive dilettantistiche, sono comunque esonerate dall obbligo di certificazione dei corrispettivi (DPR , n. 696, art. 2, lett. hh)); - soggetti che esercitano lo spettacolo viaggiante e altre attività di spettacolo in regime IVA forfetario, con volume d affari inferiore a ,84 euro (50 milioni di lire) (art. 74 quater, comma 5, del DPR n. 633/72). Questi soggetti possono certificare i corrispettivi (in alternativa al rilascio del titolo di accesso emesso con il misuratore fiscale), mediante la ricevuta fiscale o mediante lo scontrino manuale anche a tagli fissi (art. 8, c. 1 del DPR 30 dicembre 1999 n. 544), o mediante i titoli di ingresso cartacei (DPR 13 marzo 2002 n. 69). Agevolazioni per i centri sociali per anziani: La più volte citata legge finanziaria per il 2003 (art. 92), ha inoltre esentato i centri sociali per anziani (gestiti da ONLUS o altri enti con determinati requisiti), dal pagamento dell imposta sugli intrattenimenti per manifestazioni date in via occasionale. L esenzione deve essere richiesta dall ente, prima dell inizio della manifestazione, all ufficio accertatore localmente competente (SIAE, Ufficio entrate). Si ricorda che, comunque, tali enti con natura non commerciale (senza partita IVA), non sono soggetti all obbligo di certificazione dei corrispettivi. Apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento: La medesima legge finanziaria (art. 22) ha disciplinato la materia delle macchinette da divertimento installate in sale giochi, bar ed altri pubblici esercizi, istituendo una regolamentazione molto articolata e complessa. E stato innanzitutto distinto il gioco d azzardo dal gioco lecito (dal quale restano esclusi i cosiddetti videopoker ); per il gioco lecito è stata soppressa la precedente disciplina prevista dall art. 14 bis del DPR n. 640 (tuttavia mai attuata), che prevedeva l utilizzo di schede magnetiche a

4 deconto, ed è stato ripristinato il metodo originario, basato su imponibili medi forfetari per il pagamento dell imposta sugli intrattenimenti. E inoltre previsto, in futuro, il collegamento telematico di tutte le macchinette, ad una rete informatica gestita dal Ministero dell Economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. Apparecchi utilizzabili per il rilascio dei titoli di accesso: Si tratta delle seguenti tipologie di apparecchi che, abbinati ad una carta di attivazione (vedi oltre) sono definiti anche sistemi di emissione : - apparecchi misuratori fiscali; sono apparecchi non collegati ad unità centrali esterne, diversi da quelli utilizzati per le altre attività di commercio in quanto devono comunque funzionare mediante una carta di attivazione (smart card) e, se registrano il log delle transazioni su supporto immodificabile, non necessitano di bollo fiscale; - biglietterie automatizzate; sono sistemi composti da una unità centrale e più unità periferiche e possono essere anche gestiti da un terzo soggetto (cosiddetto titolare del sistema), che opera per conto di diversi organizzatoricontribuenti; devono comunque funzionare mediante una carta di attivazione (smart card) e, se registrano il log delle transazioni su supporto immodificabile, non necessitano di bollo fiscale; La normativa prevede anche una terza categoria di sistemi collegati on-line con il Ministero dell economia e delle finanze tramite la SIAE, ma per essi non è stata finora prevista alcuna disciplina tecnica. Procedura di riconoscimento di idoneità dei sistemi: A differenza dei misuratori fiscali previsti per le altre attività di commercio (per i quali, come è noto, è prevista l approvazione di un modello su richiesta del Produttore o importatore), i sistemi di emissione necessitano del riconoscimento di idoneità per ciascuna installazione. Ciò significa che, al momento dell acquisto da parte dell utilizzatore, gli apparecchi non sono già approvati ( omologati ), ma per ciascuno di essi deve essere riconosciuta, a domanda, l idoneità come sistema di emissione, in abbinamento ad una o più carte di attivazione. La domanda può essere presentata da chiunque vi abbia interesse (organizzatore dell evento, titolare del sistema di emissione, produttore o fornitore dell apparecchiatura, ecc.). Ove il medesimo modello di apparecchio sia già stato riconosciuto idoneo per un altro impianto, ciò consente una semplificazione della procedura mediante presentazione di una autocertificazione. La domanda di riconoscimento di idoneità, contiene: a) estremi e fotocopia fronte-retro del documento di riconoscimento personale del richiedente (carta di identità o passaporto); b) il numero di iscrizione nel registro delle imprese della camera di commercio. Poiché l idoneità è concessa all apparecchiatura ove associata ad una carta di attivazione (punto 18.1 del provv. AE del ), alla domanda di riconoscimento di idoneità deve essere abbinata una domanda di rilascio della carta di attivazione. La domanda, con la relativa documentazione allegata (la stessa che deve essere allegata per ottenere il rilascio della carta di attivazione - vedi oltre - punto 6 del provv. AE del ), deve essere

5 presentata a mano o a mezzo raccomandata A.R. (Avviso di ricevimento) all Agenzia delle entrate - Direzione Centrale Amministrativa, da parte del titolare-utilizzatore del sistema, ovvero anche da chiunque vi abbia interesse (es.: produttore o importatore del sistema, fornitore del sistema, organizzatore degli spettacoli o intrattenimenti, ecc.). Il riconoscimento di idoneità è valido per cinque anni; eventuali variazioni tecniche a sistemi approvati devono essere preventivamente comunicate all Agenzia delle entrate ed ottenerne l approvazione. Carta di attivazione - procedura di rilascio: La carta di attivazione è costituita da una smart card dotata di microchip contenente l algoritmo che consente al titolare di apporre il sigillo fiscale sui titoli di accesso emessi e sui documenti, riepiloghi giornalieri e riepiloghi mensili, da trasmettere alla SIAE. Essa costituisce, in sostanza, un dispositivo di firma digitale del titolare, che tuttavia deve essere utilizzato solo ed esclusivamente per gli adempimenti connessi alla gestione dei titoli di accesso, e solo in connessione con il sistema di emissione cui si riferisce. La domanda di rilascio della carta di attivazione, eventualmente abbinata alla domanda di riconoscimento di idoneità del sistema di emissione, e con la relativa documentazione allegata, deve essere presentata a mano o a mezzo raccomandata A.R. all Agenzia delle entrate - Direzione Centrale Amministrativa, da parte del titolare-utilizzatore del sistema. Tuttavia, una copia della domanda deve essere consegnata a mano, personalmente dal titolare ed esclusa ogni possibilità di delega, all Ufficio SIAE competente in relazione al luogo di installazione del sistema (o della sua unità centrale). E possibile richiedere, se necessarie, più carte di attivazione abbinate al medesimo sistema di emissione (es.: più operatori, più organizzatori su unica biglietteria centralizzata gestita da terzi, ecc.). A differenza della domanda per il riconoscimento di idoneità dell apparecchio che, come si è detto, può essere presentata, oltre che dal titolare, anche da parte di chiunque vi abbia interesse, la domanda di rilascio della carta di attivazione deve essere presentata personalmente dal titolare, cioè dal soggetto che intende svolgere l'attività di emissione di titoli d'accesso (punto 3.1 del provvedimento ). La carta di attivazione è, e resta, di proprietà dell Agenzia delle entrate; in caso di accoglimento della domanda viene rilasciata tramite la SIAE che provvede alla sua inizializzazione. In caso di perdita o smarrimento deve esserne data immediata comunicazione con allegata copia di denuncia all Autorità di Pubblica sicurezza. In caso di cessazione dell attività deve essere restituita. Può essere revocata in caso di irregolarità o abusi da parte dell utilizzatore. Domanda di rilascio della carta di attivazione: contenuti a) estremi e fotocopia fronte-retro del documento di riconoscimento personale del richiedente (carta di identità o passaporto); b) il numero di iscrizione nel registro delle imprese della camera di commercio per una tipologia di attività comprendente l'emissione di titoli di accesso e il numero di partita IVA. Le indicazioni anzidette non sono necessarie qualora il richiedente, che intende utilizzare il sistema

6 soltanto per spettacoli e intrattenimenti da lui stesso organizzati, non rivesta la qualità di imprenditore; c) i locali dove viene situato il sistema, con particolare riferimento all'allocazione dell'unità centrale, del componente dove risiede il software fiscale, del log delle transazioni e delle carte di attivazione; d) le modalità di emissione e/o di stampa del titolo di accesso; e) le modalità di trasmissione dei riepiloghi. Domanda di rilascio della carta di attivazione: allegati: a) relazione descrittiva relativa alla costruzione dell'apparecchiatura, al funzionamento del sistema, ai dispositivi di sicurezza atti a garantirne la correttezza funzionale e alle interazioni tra i vari componenti hardware e software; b) lista dei componenti hardware e software con il loro riferimento a una norma nazionale o internazionale oppure, in difetto, la descrizione delle loro caratteristiche essenziali; c) fotografie del sistema montato e dei vari dispositivi componenti; d) manuale operativo; e) certificato, accompagnato da idonea relazione, rilasciato da istituti universitari o del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) con specifiche competenze nel settore, attestante la conformità del sistema alle prescrizioni contenute nel decreto, nel provvedimento e nel presente provvedimento; f) indicazione degli eventuali altri dispositivi o applicativi, di cui gli apparecchi siano dotati per l'effettuazione di operazioni diverse; g) autocertificazione attestante che i dispositivi e gli applicativi previsti alla lettera f) non interferiscono nello svolgimento delle funzioni del sistema e non ne inficiano il livello di garanzia fiscale. Autocertificazione per apparecchiatura già ritenuta idonea. La documentazione può essere sostituita da autocertificazione attestante che l'apparecchiatura, alla quale associare la carta di attivazione di cui si chiede il rilascio, e' identica ad altra già ritenuta idonea dall'agenzia delle entrate. L'autocertificazione deve contenere anche l'indicazione degli estremi del provvedimento di idoneità del sistema.. Attenzione: si tratta, come è evidente, della dichiarazione di responsabilità relativa ad atti, stati o fatti che ben difficilmente possono essere a diretta conoscenza dell utilizzatore dell apparecchio, ma piuttosto del produttore o importatore, o di terzi. Appare quindi problematico il fatto che il richiedente possa autocertificare fatti che non sono a sua diretta e personale conoscenza, assumendosene la responsabilità, anche penale. Va tenuto presente che la stessa documentazione, come già detto, deve essere allegata alla domanda di riconoscimento di idoneità del sistema di emissione. Anche in tal caso è difficile supporre che il richiedente, se diverso dal produttore o importatore dell apparecchio, possa rendere legittimamente una simile autocertificazione. Domanda di rilascio della carta di attivazione: impegni del titolare: a) comunicare alla SIAE in via telematica gli organizzatori per conto dei quali effettua il servizio di emissione dei titoli di accesso prima dell'inizio dello svolgimento del servizio medesimo;

7 b) comunicare immediatamente alla SIAE l'alterazione, il danneggiamento, la distruzione, il furto o lo smarrimento della carta di attivazione, del log delle transazioni, dell'apparecchiatura, allegando copia della denuncia presentata alle autorità di pubblica sicurezza; c) non apportare varianti al sistema di emissione senza la previa autorizzazione dell'agenzia delle entrate; d) utilizzare per ciascun sistema esclusivamente carte di attivazione rilasciate per il sistema stesso; e) assicurare il corretto funzionamento del sistema; f) produrre e trasmettere in conformità al provvedimento i riepiloghi giornalieri e, comunque, quelli mensili, a meno che non sia stata data comunicazione dei periodi di inattività; g) utilizzare la firma digitale a bordo della carta di attivazione esclusivamente per gli usi disciplinati dal provvedimento. Assistenza e manutenzione: Come indicato nella lettera e) del punto che precede, l utilizzatore si impegna ad assicurare il corretto funzionamento del sistema. Ciò significa che è sua esclusiva responsabilità procurarsi la necessaria assistenza tecnica, e che questa potrà essere affidata a chiunque. A differenza, quindi, dei misuratori fiscali previsti per le altre attività di commercio (per i quali, come è noto, l assistenza tecnica e la manutenzione degli apparecchi devono essere garantite dal Produttore o importatore mediante una idonea rete diretta o indiretta (cosiddetta valenza organizzativa ) di centri e di tecnici abilitati, i sistemi di emissione non necessitano di tecnici abilitati per le operazioni di assistenza e manutenzione. Poiché peraltro le apparecchiature potranno non essere protette da bollo fiscale, i tecnici non dovranno essere dotati di alcun particolare titolo di legittimazione, come invece avviene per i misuratori fiscali utilizzati negli altri settori del commercio (tessera di riconoscimento e marchio identificativo - cosiddetto punzone ). Libretto di dotazione: Al momento del rilascio della carta di attivazione, la SIAE consegna anche un libretto di dotazione del sistema di emissione (che quindi, diversamente dai misuratori fiscali utilizzati negli altri settori di commercio, non deve essere predisposto dal Produttore o importatore dell apparecchio). Il libretto sarà predisposto per consentire anche le annotazioni relative alle carte di attivazione associate al sistema, ferme restando le disposizioni, in quanto applicabili, già previste per gli attuali libretti di dotazione. Procedura in caso di guasto del sistema: In caso di mancato o irregolare funzionamento del sistema, il soggetto utilizzatore blocca immediatamente il sistema medesimo, richiede l'intervento di manutenzione e annota sul libretto fiscale la data e l'ora della richiesta di intervento (art. 8 del DM ). L'organizzatore ha in tal caso la facoltà di emettere titoli di accesso manuali, che dovranno essere registrati manualmente su un apposita distinta manuale e trasmessi alla SIAE (Provv , punto e 11.6). I titoli di accesso emessi manualmente, sono composti da almeno due sezioni. Su ciascuna sezione devono riportare la numerazione progressiva e il contrassegno SIAE, l'identificativo della serie, la

8 categoria di posto; il corrispettivo; il corrispettivo per gli eventuali diritti di prevendita; la dicitura "gratuito" ovvero "ridotto", per i titoli di accesso rilasciati gratuitamente o ad importo ridotto; la dicitura "biglietto abbonamento", per i titoli di accesso rilasciati a fronte di abbonamenti a turno libero. Controlli e sanzioni I controlli sono eseguiti, oltre che dai funzionari dell Agenzia delle entrate e dalla Guardia di finanza, anche dai funzionari della SIAE. Per le violazioni in materia di emissione e rilascio dei titoli di accesso, si applicano le sanzioni previste in via generale per la certificazione dei corrispettivi (artt. 6, 11 e 12 del D. Lgs n. 471); per le violazioni relative, in particolare, al settore degli intrattenimenti, si applicano le sanzioni previste dalle norme specifiche relative a tale imposta (artt. 32 e 33 del DPR n. 640). Francesco Scopacasa

9 Tavola 1 - Attività di spettacolo SPETTACOLI - Genere di attività N. Tabella C Allegata al DPR n. 633 Spettacoli cinematografici ; Spettacoli misti di cinema e avanspettacolo. 1 Nota : sono soggetti tutti gli spettacoli comunque ed ovunque dati al pubblico, anche se in circoli o sale private. spettacoli sportivi, per ingressi di prezzo fino a L (aliquota IVA 10 2 %) e oltre (aliquota IVA 20 %); Nota : sono soggetti all imposta gli spettacoli sportivi di ogni genere, ovunque si svolgono. Esecuzioni musicali di qualsiasi genere, anche se effettuate in discoteche e 3 sale da ballo; Nota 1 : l esecuzione di musica dal vivo (1) deve essere pari o superiore al cinquanta per cento dell orario di apertura dell esercizio ; se è invece inferiore a tale limite si ha intrattenimento. Nota 2 : sono esclusi : i concerti vocali e strumentali di cui al successivo n. 4) ; le esecuzioni effettuate a mezzo di elettrogrammofoni a gettone o a moneta o di apparecchiature similari a gettone o a moneta. lezioni di ballo collettive ; corsi mascherati e in costume ; rievocazioni storiche ; giostre e manifestazioni similari. 4 spettacoli teatrali di qualsiasi tipo, compresi balletto, opere liriche, prosa, operetta, commedia musicale, rivista ; concerti vocali e strumentali ; attività circensi e dello spettacolo viaggiante ; spettacoli di burattini e marionette ovunque tenuti. 5 mostre e fiere campionarie ; esposizioni scientifiche, artistiche e industriali ; rassegne cinematografiche riconosciute con decreto del Ministro delle finanze ; altre manifestazioni similari. 6 prestazioni di servizi fornite in locali aperti al pubblico mediante radiodiffusioni circolari, trasmesse in forma codificata ; diffusione radiotelevisiva, anche a domicilio, con accesso condizionato, effettuata in forma digitale a mezzo di reti via cavo o via satellite. (1)Musica dal vivo, è quella ottenuta - tra l altro - mediante utilizzo di uno strumento strutturalmente polifonico, quali - ad esempio - il pianoforte, la fisarmonica, la chitarra, l organo. Per il calcolo del rapporto con il limite del 50 %, la durata di apertura al pubblico dell esercizio deve essere considerata in funzione dell attività di intrattenimento. (C.M. n. 165/E del , par )

10 Tavola 2 Attività di intrattenimento N. INTRATTENIMENTI - Genere di attività Tariffa Allegata al DPR n. 640 Esecuzioni musicali di qualsiasi genere, (ad esclusione dei concerti vocali e strumentali, che sono sempre considerati spettacolo ) ; 1 trattenimenti danzanti anche in discoteche e sale da ballo. Nota : in entrambi i casi l esecuzione di musica dal vivo (1) non deve raggiungere il cinquanta per cento dell orario di apertura dell esercizio ; in caso contrario si ha uno spettacolo. utilizzazione dei bigliardi, degli elettrogrammofoni, dei bigliardini e di qualsiasi tipo di apparecchio e congegno a gettone, a moneta o a scheda, da divertimento o trattenimento, anche se automatico o semiautomatico ; Nota : sono soggetti gli apparecchi installati sia nei luoghi pubblici o aperti al 2 pubblico, sia in circoli o associazioni di qualunque specie. utilizzazione ludica di strumenti multimediali ; gioco del bowling ; noleggio go-kart. ingresso nelle sale da gioco ; 3 ingresso nei luoghi specificatamente riservati all esercizio delle scommesse. 4 esercizio del gioco nelle case da gioco ; esercizio del gioco negli altri luoghi a ciò destinati. (1)Musica dal vivo, è quella ottenuta - tra l altro - mediante utilizzo di uno strumento strutturalmente polifonico, quali - ad esempio - il pianoforte, la fisarmonica, la chitarra, l organo. Per il calcolo del rapporto con il limite del 50 %, la durata di apertura al pubblico dell esercizio deve essere considerata in funzione dell attività di intrattenimento. (C.M. n. 165/E del , par )

11 COMMENTO GENERALE Attività di spettacolo Il D.Lgs. n. 60 del 26 febbraio 1999, emanato in attuazione della Legge 3 agosto 1998, n. 288, ha soppresso l'imposta sugli spettacoli di cui al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 640, modificandone il titolo ed il regime in imposta sui trattenimenti. Per effetto di tali modifiche, le seguenti attività, indicate nella Tabella C, appositamente annessa al D.P.R. n. 633/1972, sono transitate, con decorrenza dal 1 gennaio 2000, dal regime speciale degli spettacoli (a detrazione forfetaria), al regime ordinario IVA (a detrazione imposta da imposta, ex art. 19, D.P.R. n. 633/1972): spettacoli cinematografici; spettacoli sportivi; esecuzioni musicali; spettacoli teatrali; mostre e fiere campionarie; prestazioni di servizi fornite in locali aperti al pubblico con radiodiffusioni circolari, trasmesse in forma codificata. Ne consegue, che dalla medesima data anche tali soggetti sono sottoposti all'obbligo di certificazione dei corrispettivi. L'art. 74-quater del D.P.R. n. 633/1972, inserito con l'art. 18 del D.Lgs. n. 60/1999, stabilisce che tali soggetti devono rilasciare un titolo di accesso (biglietto) emesso mediante apparecchi misuratori fiscali ovvero mediante biglietterie automatizzate, nel rispetto della disciplina di cui alla legge 26 gennaio 1983, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni. Attività di intrattenimento Anche per le seguenti attività, rimaste invece soggette all'imposta sugli intrattenimenti e inserite nella Tariffa annessa al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 640, l'art. 6 di detto decreto, come modificato dall'art. 6 del D.Lgs. n. 60/1999, fa obbligo di rilasciare - dal 1 gennaio un titolo di accesso (biglietto), emesso mediante apparecchi misuratori fiscali ovvero mediante biglietterie automatizzate, già in esercizio, purché conformi alle caratteristiche degli apparecchi misuratori fiscali previsti dalla legge 26 gennaio 1983, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni: discoteche e sale da ballo (con musica dal vivo di durata inferiore al 50 per cento del tempo totale di apertura al pubblico dell'esercizio); sale giochi (biliardi, strumenti multimediali, bowling, ecc.); sale da gioco e scommesse; case da gioco. Le Tavole che precedono evidenziano la differenza sostanziale tra le attività di intrattenimento e le attività di spettacolo; in entrambi i casi tuttavia, il titolo di accesso deve essere rilasciato all atto del pagamento del corrispettivo, anche se l esigibilità dell imposta è rinviata al momento di inizio dell evento. Disciplina transitoria In considerazione dei tempi tecnici, prevedibilmente non brevi, per la realizzazione da parte dei produttori degli apparecchi misuratori fiscali o delle biglietterie automatizzate e di reperimento degli stessi da parte dei soggetti obbligati, l'art. 11 del D.P.R. n. 544/1999 ha previsto una disciplina transitoria che ha rinviato al 30 giugno 2003 l'obbligo di rilasciare il previsto titolo di accesso, in caso di indisponibilità di detti apparecchi. Il termine era stato inizialmente posto al 30 giugno 2000; in seguito prorogato al 31 dicembre 2000 con il

12 D.P.R. 19 giugno 2000, n. 177; al 1 ottobre 2001 con il D.P.R. 29 dicembre 2000, n. 416; al 1 luglio 2002 con il DPR 6 novembre 2001 n. 427; al 31 gennaio 2003 con il DPR 5 luglio 2002 n. 152 e, da ultimo, al 31 gennaio 2003 con l art. 94, c. 5 della Legge n. 289 (legge finanziaria per il 2003). Nel frattempo, la certificazione del corrispettivo é avvenuta mediante emissione, in alternativa, di uno dei seguenti documenti: - ricevuta fiscale; - scontrino manuale; - scontrino prestampato a tagli fissi; - biglietto vidimato dalla SIAE. L'utilizzo di ciascun tipo di documento ha comportato l'osservanza dei relativi adempimenti contabili; nel caso di utilizzo del biglietto SIAE é stato tuttavia precisato che il pagamento dei tributi deve comunque essere effettuato, dai contribuenti obbligati, mediante la delega di pagamento unificato mod. F24. (C.M. 29 dicembre 1999, n. 247/E, par. 6.11). Regolamento applicativo Le modalità applicative dell'obbligo di certificazione e dei titoli di accesso, sono state stabilite congiuntamente per le due distinte attività (di spettacolo e di intrattenimento), con il Regolamento approvato con D.P.R. 30 dicembre 1999, n Caratteristiche tecniche degli apparecchi misuratori Con il Decreto Dirigenziale del 13 luglio 2000 sono state stabilite le caratteristiche tecniche degli apparecchi misuratori abilitati alla emissione dei titoli di accesso, successivamente integrate con il provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 23 luglio E previsto l uso, in alternativa, di una delle seguenti tre categorie di apparecchi : a) misuratori fiscali conformi sia alle norme del D.M. 23 marzo 1983, che alle nuove caratteristiche introdotte con il D.Dir. 13 luglio 2000; b) biglietterie automatizzate, che possono essere gestite anche da terzi soggetti. Anche le biglietterie automatizzate dovranno essere conformi sia alle norme del D.M. 23 marzo 1983, che alle nuove caratteristiche introdotte con il D.Dir. 13 luglio 2000; c) sistemi di elaborazione centralizzati collegati direttamente con il sistema dell Anagrafe tributaria del Ministero delle finanze, per il tramite della SIAE. I sistemi sub a) e sub b) devono funzionare con una carta di attivazione a microchip (smart card), rilasciata al contribuente dalla SIAE e contenente in forma codificata, oltre ai dati dell esercente, anche un algoritmo software in grado di stampare sul titolo di accesso un sigillo fiscale, cioè un indicativo di riferimento univoco per ciascun titolo di accesso, che costituisce una sorta di firma digitale del documento. Le modalità di rilascio della carta di attivazione, e le procedure che il contribuente interessato deve seguire per ottenere dall Agenzia delle entrate il riconoscimento di idoneità dell apparecchio utilizzato, sono state indicate con il Provvedimento Agenzia delle Entrate del Nei sistemi sub c) invece, grazie al collegamento telematico on-line, il sigillo fiscale viene elaborato direttamente di volta in volta dal sistema centrale della SIAE e stampato direttamente sul titolo di accesso. Documenti prodotti Gli apparecchi devono comunque essere in grado di stampare un giornale di fondo, un riepilogo giornaliero ed un riepilogo mensile, le cui informazioni devono periodicamente essere trasmesse alla SIAE in via telematica. Il giornale di fondo e i riepiloghi giornalieri e mensili possono essere tenuti in forma digitale.

13 Con successivo provvedimento dell'agenzia delle Entrate del 23 luglio 2001, sono state determinate le caratteristiche tecniche della smart card, del protocollo di trasmissione dei dati e dei documenti tenuti in forma digitale. Certificazione dei corrispettivi L'obbligo di certificazione è disciplinato dall'art. 1, commi 3, 4, 5, 6 e 7 del D.P.R. n. 544/1999 e riguarda sia le prestazioni soggette all'imposta sugli intrattenimenti, sia - per esplicito richiamo contenuto nell'art. 7, comma 1 del medesimo decreto - quelle relative alle attività spettacolistiche di cui all'art. 74 quater del D.P.R. n. 633/1972. Nel primo caso l'obbligo si riferisce sia alle prestazioni di intrattenimento sia a quelle ad esse accessorie, complementari o comunque connesse, per tutte le quali il titolo di accesso (sostanzialmente equivalente allo scontrino fiscale previsto dalla Legge 26 gennaio 1983, n. 18 per le altre attività economiche soggette a certificazione) deve essere rilasciato mediante l uso di un apparecchio misuratore fiscale o di una biglietteria automatizzata, all'atto del pagamento. Prestazioni accessorie, abbonamenti, prevendita E stato chiesto se la fornitura del servizio di guardaroba, la vendita dei cuscini e del programma dello spettacolo debbano considerarsi prestazioni accessorie a quelle di spettacolo. Al quesito è stata fornita dall Amministrazione finanziaria una risposta negativa, motivata dal fatto che tali prestazioni non costituiscono la necessaria integrazione e l essenziale completamento delle attività di spettacolo (R.M. n. 88 del 12 giugno 2001). A sostegno di tale tesi, è stato precisato che le operazioni accessorie devono avere la funzione di integrare, completare e rendere possibile la prestazione principale, e che due sono i presupposti necessari per l esistenza del carattere di accessorietà: a) il nesso di dipendenza funzionale con la prestazione principale; b) il valore comparativo delle varie prestazioni. La risoluzione non si sofferma sulle conseguenze del mancato riconoscimento del carattere di accessorietà, ma è bene ricordare che ciò comporta per gli operatori due importanti conseguenze: a)l assoggettamento dei corrispettivi di tali operazioni all aliquota ordinaria del 20 % e non già alla minore aliquota propria dello spettacolo (10 % per gli spettacoli cinematografici e teatrali); b)l obbligo di rilasciare una certificazione del corrispettivo di tali operazioni mediante scontrino fiscale o ricevuta fiscale, separatamente dal titolo di accesso rilasciato allo spettatore per la fruizione dello spettacolo. Si ricorda, a tale proposito, che l art. 1, comma 3 del D.P.R. 30 dicembre 1999, n. 544, stabilisce l obbligo di certificare unitariamente con il titolo di accesso, non solo i corrispettivi della prestazione principale, ma anche quelli relativi alle operazioni ad essa accessorie, complementari o comunque connesse. Le regole generali dell IVA (art. 12 del DPR n. 633), stabiliscono due condizioni per l individuazione delle operazioni accessorie: a) deve trattarsi di cessioni o prestazioni accessorie ad una cessione di beni o - come nel caso dello spettacolo - ad una prestazione di servizi; b) la fornitura accessoria deve essere eseguita direttamente dal cedente o prestatore dell operazione principale, ovvero per suo conto e a sue spese. In presenza di tali circostanze, la legge IVA stabilisce che l operazione accessoria non può avere un autonomo trattamento tributario svincolato da quello previsto per l operazione principale, ma ne deve seguire le sorti sia per quanto riguarda l imponibilità o meno del

14 corrispettivo all imposta, sia per quanto riguarda - in caso di imponibilità - il trattamento di aliquota applicabile, integrandosi il corrispettivo dell operazione accessoria in quello dell operazione principale al punto da concorrere a formarne la base imponibile. Nessun dubbio si pone circa la natura di integrazione e completamento delle operazioni accessorie rispetto alla prestazione principale; suscita invece perplessità l affermazione secondo la quale le operazioni accessorie sarebbero tali in quanto rendono possibile l effettuazione dell operazione principale. Se ciò fosse vero, se, cioè, la mancanza della prestazione cosiddetta accessoria rendesse impossibile l esecuzione della prestazione cosiddetta principale, è da ritenere che saremmo in presenza di due operazioni certamente dotate ciascuna di una propria indipendenza ed autonomia, ancorché tra di loro integrabili per il raggiungimento di un obiettivo unitario. Per determinare la caratteristica dell'accessorietà dei beni o servizi, riteniamo che non possa prescindersi dalla valutazione dell elemento soggettivo dell operazione; in una operazione accessoria, infatti, come già rilevato nel paragrafo 2, le parti hanno voluto obbligarsi alla loro cessione o prestazione, solo nel presupposto di conseguire gli effetti derivanti dall'obbligazione relativa all operazione principale. Così, nel caso delle prestazioni di spettacolo, non c è dubbio che lo spettatore non ha alcun interesse ad ottenere la disponibilità del servizio di guardaroba, del cuscino o del programma dello spettacolo, se non in via meramente accessoria e funzionale all ottenimento della prestazione di spettacolo. E infatti evidente che in caso di mancata fruizione della prestazione di spettacolo, il guardaroba, il cuscino e il programma perderebbero qualunque interesse per lo spettatore. Quanto sopra porta a concludere che, qualora la transazione commerciale tra organizzatore e spettatore avesse ad oggetto unitario la fornitura della prestazione di spettacolo e delle altre prestazioni sopra indicate, a queste ultime non potrebbe essere disconosciuta la natura accessoria, con le relative conseguenze circa il trattamento tributario. Tuttavia, occorre considerare che, fermo il requisito della unitarietà del soggetto obbligato alla fornitura di entrambe le tipologie di prestazioni (principali ed accessorie), l attrazione dei corrispettivi delle operazioni accessorie nella base imponibile della prestazione di spettacolo, presuppone anche l unitarietà temporale della transazione tra organizzatore e spettatore. Se invece lo spettatore acquista in un determinato momento il titolo di accesso e solo successivamente provvede all acquisto del cuscino, del programma o del servizio di guardaroba, certamente i corrispettivi di questi ultimi servizi non possano considerarsi inclusi in una base imponibile già definita e perfezionata, in quanto relativa ad una operazione già conclusa. In tal caso quindi, le relative transazioni, pur mantenendo un carattere generale di accessorietà, non potrebbero che assumere una propria autonomia dal punto di vista del trattamento tributario. Per quanto riguarda, invece, i cosiddetti diritti di prevendita, cioè la maggiorazione del corrispettivo pagata dallo spettatore per assicurarsi la disponibilità del titolo di accesso in via anticipata, rispetto alla data dell evento, la risoluzione ministeriale n. 88/E/2001, sulla base del parere già espresso dall Avvocatura Generale dello Stato in data 4 maggio 1999, e richiamato dalla precedente C.M. n. 165 /E del 7 settembre 2000, ha affermato che l importo pagato dallo spettatore a titolo di prevendita costituisce parte integrante del corrispettivo previsto per assistere allo spettacolo. Si tratta, in effetti, di un corrispettivo richiesto dall organizzatore allo spettatore per una prestazione diversa da quella principale di spettacolo ma alla stessa chiaramente ed indissolubilmente connessa ed accessoria, e della quale, a norma del richiamato art. 12 del D.P.R. n. 633/1972, concorre a formare la base imponibile.

15 E importante chiarire che - come è stato ribadito nella risoluzione - il corrispettivo della prevendita va imputato direttamente all organizzatore, anche se questi in seguito, per accordi contrattuali sottostanti, ne girerà tutto o parte ad un terzo soggetto, che è stato incaricato della vendita dei biglietti, a compenso dell attività dal medesimo svolta. La conseguenza operativa di quanto precede è che al diritto di prevendita si renderà applicabile la medesima aliquota d imposta prevista per la prestazione di spettacolo, e che l importo della prevendita dovrà essere certificato mediante il medesimo titolo di accesso emesso per la partecipazione all evento; quest ultima circostanza - del resto - è chiaramente indicata dall art. 3, comma 1, lett. h) del decreto dirigenziale del 13 luglio 2000, che disciplina i contenuti del titolo di accesso. Titolo di accesso: contenuti In tutti i casi il titolo di accesso deve contenere, oltre ai dati già previsti per lo scontrino fiscale dall'art. 12 del DM , anche una serie di dati specifici: - natura dell attività esercitata; - data e ora dell evento; - luogo, impianto e sala di svolgimento dell evento; - numero e ordine di posto; - natura, titolo, e ogni altro elemento identificativo dell evento; - corrispettivo per l attività di spettacolo o di intrattenimento; - ingresso gratuito, eventuale riduzione del prezzo e relative causali; - eventuale pagamento IVA già avvenuto; - dicitura abbonamento o estremi abbonamento a data libera; - corrispettivo incassato a titolo di prevendita; - natura, qualità, quantità e corrispettivi di beni o servizi accessori, complementari o comunque connessi; - eventuale dicitura emesso per la vendita da parte di... ; - sigillo fiscale. Riepilogo giornaliero: contenuti Al termine di ciascun giorno di attività, l'apparecchio deve emettere uno documento riepilogativo giornaliero degli incassi (sostanzialmente equivalente allo scontrino di chiusura giornaliera previsto dalla Legge 26 gennaio 1983 n. 18 per le altre attività economiche soggette a certificazione) e contenente : - incasso giornaliero; - imponibile, imposte e aliquote; - corrispettivi da prevendita; - corrispettivi da accessori; - corrispettivi da abbonamenti; - ratei abbonamenti; - numero ingressi a pagamento; - numero ingressi a pagamento avvenuto; - numero ingressi gratuiti; - numero ingressi a riduzione; - numero ingressi abbonati (con indicazione dell ordine di posto); - sigillo fiscale. Esercizi con attività che si protrae oltre la mezzanotte. E' previsto che, per gli esercizi la cui attività si protrae oltre le ore ventiquattro, al fine di evitare i disagi operativi dovuti alla interruzione della contabilizzazione per permettere

16 l'emissione del documento riepilogativo giornaliero degli incassi, questo debba invece essere emesso al termine dell'effettivo svolgimento dell'attività, con riferimento alla data di inizio dell'evento. Si ritiene che la particolare disposizione, anche se prevista nell'ambito della disciplina delle attività di intrattenimento e spettacolo, possa essere validamente utilizzata anche da parte di altri operatori che, comunque, possono protrarre oltre le ore ventiquattro la loro attività commerciale (bar, ristoranti, esercizi di vendita al dettaglio, ecc.). Qualora vengano emessi, per errore o altro motivo, più documenti riepilogativi nel corso della stessa giornata, è richiesta - oltre che la loro conservazione - anche l'annotazione del fatto nel libretto di dotazione dell'apparecchio. Nel documento riepilogativo mensile degli incassi, i dati rilevanti devono essere suddivisi per ciascun evento. Riepilogo mensile: contenuti Nel documento riepilogativo mensile degli incassi, devono essere indicati i medesimi dati indicati nel riepilogo giornaliero, nonché, per ciascun evento effettuato nel mese, devono essere riportati i relativi corrispettivi, ancorché incassati nei mesi precedenti. Comunicazione di installazione Nella comunicazione di installazione dell'apparecchio, da eseguire a norma dell'art. 8 del D.M. 23 marzo 1983, occorre anche comunicare i nominativi degli intermediari di cui eventualmente ci si avvale per la vendita dei titoli di accesso. Guasto dell'apparecchio In caso di mancato funzionamento, per qualsiasi motivo, dell'apparecchio misuratore si rendono applicabili le disposizioni dell'art. 11 del D.M. 23 marzo 1983 (utilizzo del registro dei corrispettivi cosiddetto di emergenza ). In alternativa è consentito l'uso di strumenti alternativi di certificazione (ricevuta fiscale, scontrino manuale anche prestampato a tagli fissi), a condizione che gli stessi siano integrati con le indicazioni di cui all'art. 74 quater, comma 3 del D.P.R. n. 633/1972 (natura dell'attività spettacolistica, data e ora dell'evento, tipologia, prezzo e ogni altro elemento identificativo delle attività di spettacolo e di quelle ad esso accessorie). Ricevuta fiscale Per la diffusione radiotelevisiva al domicilio del cliente, con accesso condizionato, effettuata in forma digitale a mezzo di reti via cavo o via satellite, di cui alla Tabella C, n. 6, secondo periodo, del D.P.R. n. 633/1972, è stabilito l'obbligo della certificazione dei corrispettivi a mezzo rilascio di ricevuta fiscale. Anche i contribuenti minori, esercenti attività spettacolistiche con volume d'affari non superiore euro ,84 (50 milioni li lire), di cui all'art. 8 del D.P.R. n. 544/1999, possono certificare i corrispettivi percepiti a mezzo rilascio di ricevuta fiscale (o di scontrino manuale anche prestampato a tagli fissi), a condizione che tali documenti siano integrati con le indicazioni di cui all'art. 74 quater, comma 3 del D.P.R. n. 633/1972 (natura dell'attività spettacolistica, data e ora dell'evento, tipologia, prezzo e ogni altro elemento identificativo delle attività di spettacolo e di quelle ad esso accessorie). Soggetti esonerati Nell'art. 2, c. 1 del D.P.R. n. 696/1996, contenente il lungo elenco di operazioni esonerate dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi, sono state inserite anche quelle relative ai

17 concorsi pronostici e scommesse (lett. h) e quelle relative alle piccole e medie attrazioni con volume d'affari non superiore euro ,84 (50 milioni li lire), con esclusione di quelle inserite nei parchi permanenti da divertimento (lett. tt)). Norme applicabili Per l'obbligo di certificazione dei corrispettivi delle attività spettacolistiche mediante il rilascio di titoli di accesso, viene fatto un generale rinvio al rispetto della disciplina di cui alla legge 26 gennaio 1983, n. 18 (art. 74 quater, comma 2 del D.P.R. n. 633/1972 ). Associazioni sportive dilettantistiche e pro-loco Il DPR 13 marzo 2002 n. 69 consente alle società sportive dilettantistiche di evitare il ricorso all uso del misuratore fiscale per l emissione del titolo di accesso, e prevede, in alternativa, il mantenimento del metodo tradizionale dei biglietti (definiti titoli di ingresso ) e dei prospetti riepilogativi, entrambi cartacei ed entrambi bollati dalla SIAE. Destinatarie delle norme di semplificazione sono le società sportive dilettantistiche ; tali organismi erano stati finora considerati in forma di associazione (vedi Legge 16 dicembre 1991 n. 398 che reca disposizioni tributarie relative alle associazioni sportive dilettantistiche ) e non di società ; il DPR n. 69/2002, precorrendo la modifica introdotta con l art. 90, c. 1 della L n. 289, applica invece le nuove disposizioni agevolative alle società e alle associazioni sportive dilettantistiche. Deve trattarsi di società o associazioni riconosciute dagli enti di promozione sportiva, anche se non riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) o dalla Federazioni sportive nazionali, e le disposizioni agevolative si applicano indipendentemente dall eventuale opzione per il regime tributario previsto dalla legge 398/91. Si ricorda, per inciso, che tale regime è attualmente applicabile ai soggetti che abbiano realizzato un volume d affari non superiore a euro , come stabilito dall art. 90, c. 2 della L n. 289 (limite così elevato rispetto al precedente limite di euro ,48 - pari a 360 milioni di lire - che era stato stabilito dall art. 25, c. 2 della Legge 13 maggio 1999 n. 133). L art. 80, c. 37 della Legge finanziaria per il 2003 (Legge n. 289), ha esteso le agevolazioni recate dal presente regolamento anche alle associazioni Pro-loco per le manifestazioni dalle stesse organizzate. L art. 1 del DPR n. 69/2002 precisa inoltre che l ambito oggettivo dell agevolazione relativa alla certificazione dei corrispettivi è limitato alle manifestazioni sportive classificate tra gli spettacoli indicati nella Tabella C allegata al DPR n. 633/72, svolte nel territorio dello Stato, per le quali sussista il requisito dilettantistico. Ne consegue che ad eventuali attività svolte dai medesimi soggetti al di fuori di detto ambito (es. attività di intrattenimento), risultano applicabili le regole ordinarie di certificazione. Si ricorda tuttavia che le associazioni sportive dilettantistiche che hanno optato per il regime tributario della legge n. 398/1991 e che svolgono attività di intrattenimento a favore dei soci, erano già state esonerate dall obbligo di utilizzare i misuratori fiscali per la certificazione dei relativi corrispettivi (art. 6, c. 3 bis del DPR 26 ottobre 1972 n. 640, inserito con l art. 33, c. 13 della L. 23 dicembre 2000 n. 388). Questo esonero si applica anche alle associazioni di promozione sociale di cui all art. 5 del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 (ONLUS) e, per effetto dell art. 9, c. 19 della più recente legge n. 448, anche alle associazioni pro-loco indipendentemente dall esercizio dell opzione per il regime tributario della legge n. 398/91 (si veda in proposito anche lacm n. 15/E dell 1 febbraio 2002, par. 12).

18 Le regole ordinarie sono inoltre richiamate per la certificazione dei corrispettivi diversi da quelli pagati dal pubblico per assistere alle manifestazioni sportive dilettantistiche; per essi, ove non ricorra l obbligo della normale fatturazione, l art. 2, c. 3 del decreto in esame rinvia al normale scontrino fiscale o ricevuta fiscale di cui al DPR 21 dicembre 1996 n. 696, salvo che non ricorrano i motivi di esonero previsti dall art. 2 del medesimo DPR 696/96 (questo ultimo è il caso, ad esempio, della somministrazione di alimenti e bevande effettuata in forma itinerante negli stadi e in occasione di manifestazioni in genere - lett. cc), ovvero delle cessioni o prestazioni poste in essere dalle associazioni sportive dilettantistiche che si avvalgono della disciplina della legge 398/91 - art. 2, lett. hh) del DPR n. 696/96). Un caso particolare è quello previsto dall art. 2, c. 4 del decreto in esame, relativo ai soggetti con volume d affari inferiore a ,84 euro (50 milioni di lire) i quali determinano l IVA con il metodo forfetario di cui all art. 74 quater, comma 5, del DPR n. 633/72. A tali soggetti, l art. 8, c. 1 del DPR 30 dicembre 1999 n. 544 ha consentito di poter certificare i corrispettivi (in alternativa al rilascio del titolo di accesso emesso con il misuratore fiscale), mediante la ricevuta fiscale o mediante lo scontrino manuale anche a tagli fissi; con ulteriore deroga, il decreto in esame consente adesso ai medesimi soggetti di certificare i corrispettivi mediante i titoli di ingresso o mediante gli abbonamenti di cui è detto oltre. In alternativa ai normali titoli di accesso emessi mediante utilizzo di un apparecchio misuratore fiscale o di una biglietteria automatizzata aventi le caratteristiche indicate nel Decreto dirigenziale del 13 luglio 2000 (la cui emissione resta quindi possibile), il contribuente può certificare i corrispettivi derivanti da manifestazioni sportive dilettantistiche mediante rilascio di un biglietto, definito titolo di ingresso, costituito da due (o più) sezioni staccabili, ciascuna recante un numero progressivo e il contrassegno (cosiddetto bollo ) della SIAE, la quale provvede a certificare ciascuna dotazione di titoli fornita all organizzatore, che deve annotare le relative movimentazioni su appositi prospetti a numerazione progressiva per ciascun esercizio sociale (art. 5, c.1 e c. 2). Il titolo di ingresso deve essere consegnato allo spettatore al momento del pagamento del corrispettivo ovvero, se rilasciato gratuitamente, prima dell ingresso; al momento dell ingresso le due sezioni devono essere staccate e devono essere conservate per tutta la durata della manifestazione, una dallo spettatore e l altra dall organizzatore dell evento. I titoli di ingresso devono essere contraddistinti da serie differenti, il cui numero deve essere riportato sul titolo stesso, in funzione della categoria di posto, del corrispettivo, della eventuale gratuità o riduzione di prezzo. Il titolo deve contenere, oltre al numero di serie, anche la categoria di posto e l importo del corrispettivo, con separata indicazione dell eventuale importo riscosso a titolo di prevendita ; se non è già prestampato, l importo del corrispettivo deve essere indicato prima del rilascio del titolo stesso. I titoli rilasciati gratuitamente o a prezzo ridotto devono contenere, rispettivamente, la dicitura gratuito e ridotto. Si tratta, come si può notare, dei contenuti essenziali la cui indicazione è resa obbligatoria anche sui titoli di accesso dall art. 3 del D. Dir. 13 luglio Rispetto a questi ultimi, tuttavia, non è richiesta l indicazione della natura dell attività, della data e ora dell evento, del luogo, impianto, sala di svolgimento, della natura, titolo e altri elementi indicativi dell evento, degli importi per eventuali operazioni accessorie, della indicazione dell eventuale terzo a cui è affidata la vendita, né ovviamente, trattandosi di un documento a compilazione manuale, del cosiddetto sigillo fiscale. Tuttavia le principali, tra tali informazioni, vengono fornite per altra via alla SIAE e all Amministrazione finanziaria, mediante redazione di un apposito prospetto per

19 ciascuna manifestazione con indicazione, tra l altro, dei numeri iniziali e finali dei titoli di ingresso rilasciati (art. 5, c. 3). Oltre al prospetto per singola manifestazione, deve essere redatto, al termine di ciascun esercizio sociale, un prospetto riepilogativo annuale contenente - tra l altro - il rendiconto dei titoli assunti in carico e di quelli utilizzati, con evidenza delle rimanenze, suddivise per tipologia di titolo, che costituiscono dotazione per l esercizio successivo. E inoltre stabilito (art. 6) che in caso di annullamento della manifestazione con restituzione del corrispettivo pagato, i relativi titoli di ingresso, completi di tutte le sezioni, devono essere restituiti alla SIAE che provvede alla loro distruzione; analoga procedura deve essere seguita per i titoli che l organizzatore non intende più utilizzare. I prospetti, contenenti il contrassegno SIAE, devono essere conformi a modelli approvati dall Agenzia delle Entrate. Il corrispettivo può essere certificato anche mediante rilascio di un abbonamento che, oltre alla numerazione progressiva e al contrassegno SIAE, deve recare l indicazione della società o associazione sportiva dilettantistica emittente, la validità temporale, il numero di manifestazioni cui dà diritto ad assistere (se a turno libero ), ovvero l indicazione delle manifestazioni stesse (se a turno fisso ), il corrispettivo, la categoria di posto e, se ricorre l ipotesi, la dicitura gratuito ovvero ridotto (art. 4). Per gli abbonamenti a data libera, per mezzo dei quali cioè lo spettatore può scegliere liberamente il giorno, tra un numero prefissato di manifestazioni alle quali assistere, prima dell ingresso a ciascuna manifestazione deve essere consegnato allo spettatore un titolo di ingresso con dicitura abbonato e senza l indicazione del corrispettivo. Anche agli abbonamenti si applicano gli adempimenti di contabilizzazione tramite i prospetti per singola manifestazione e tramite il prospetto annuale, già indicati per i titoli di ingresso. L art. 5, c. 7 del decreto in esame stabilisce che restano fermi gli obblighi di tenuta del registro dei corrispettivi di cui all art. 24 del DPR n. 633/72 e, per le associazioni sportive dilettantistiche che optano per il regime della legge 398/91, gli obblighi di tenuta del modello di cui al DM 11 febbraio 1997, richiamato dall art. 9, c. 3 del DPR 30 dicembre 1999 n Permane invece, per i contribuenti minori che operano nel regime forfetario di cui all art. 74 quater, c. 5 del DPR n. 633/72, il regime di sostanziale esonero dagli adempimenti contabili, stabilito dall art. 8, c. 2 del medesimo DPR n. 544/99. L art. 7 del DPR n. 69/2002 stabilisce infine che ai soggetti interessati è consentito di continuare ad utilizzare i tradizionali biglietti SIAE già in uso, previa loro integrazione con l indicazione del corrispettivo e previa loro assunzione in carico come dotazione iniziale, sul prospetto annuale di cui all art. 5 del decreto. Detta annotazione doveva essere eseguita entro il 27 gennaio 2003, primo giorno non festivo successivo a quello di decorrenza degli effetti del regolamento; quest ultima è a sua volta stabilita nel sessantesimo giorno successivo a quello di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Provvedimento dell Agenzia delle Entrate di approvazione del citato prospetto annuale (Provv. A.E , pubblicato nella G.U. n. 279 del ). Attività esercitate nei parchi giochi da divertimento a carattere temporaneo: regime ordinario Sono state esaminate le attività di un parco giochi con autorizzazione a carattere temporaneo, dotato delle seguenti attrezzature: - tappeti elastici, il cui prezzo di accesso e' a tempo; - macchine elettriche, costituite da automobiline "mini fuoristrada" funzionanti a gettone;

20 - giochi gonfiabili (swimming poll balls, montagna gonfiabile e gonfiabile tematico orca) posti in un'area delimitata il cui prezzo di accesso e' a tempo. L'Agenzia delle entrate ha osservato in proposito che, l'utilizzo delle menzionate attrezzature non e' riconducibile in alcuna delle attività elencate nella tariffa allegata al DPR 26 ottobre 1972, n. 640, precisando che non è neppure possibile ricomprendere siffatte attività fra quelle soggette all'imposta sugli intrattenimenti in forza del punto 1 della nota posta in calce alla stessa tariffa, il quale stabilisce che gli intrattenimenti diversi da quelli espressamente indicati, ma ad essi analoghi, sono soggetti all'imposta stabilita per quelli con i quali per la loro natura, essi hanno maggiore analogia. Infatti, la circolare 7 settembre 2000, n.165/e, stabilisce che è a tal fine necessario che gli intrattenimenti diversi da quelli espressamente indicati siano caratterizzati "oltre che dalla finalità ludica, essenziale al concetto di intrattenimento, da modalità di organizzazione, di esercizio e svolgimento strettamente similari a quelle espressamente previste dalla tariffa". L inapplicabilità dell'imposta sugli intrattenimenti comporta anche l'inapplicabilità del regime forfetario previsto dell'art. 74, sesto comma, del DPR n.633 del A parere dell Agenzia delle Entrate tali attività, fatta eccezione per il "tappeto elastico", non possono neppure ricomprendersi fra le attività di spettacolo viaggiante elencate nella tabella C allegata al DPR n. 633 del 1972, soggette alla disciplina prevista dall'articolo 74- quater dello stesso DPR n.633 del Infatti, per la qualificazione delle attività svolte come spettacolo viaggiante, e' necessario che le stesse presentino le caratteristiche tecnico-funzionali tipiche descritte nell'elenco delle attività spettacolari, attrazioni e trattenimenti di cui all'art.4 della legge 18 marzo 1968, n.337, approvato con decreto interministeriale (già Ministro delegato per lo spettacolo di concerto con il Ministro dell'interno) del 23 luglio Pertanto, queste attività non possono fruire del regime agevolativo riservato allo spettacolo viaggiante e, in particolare, non sono riconducibili nell'ambito applicativo dell'art.74-quater, comma 5, del DPR n. 633 del 1972 ne' nella disciplina dell'art. 8 del DPR n. 544 del Ne consegue, quindi, che a tali attività si applica l'imposta sul valore aggiunto nei modi ordinari, e in particolare: - la base imponibile va determinata secondo i criteri ordinari e non in maniera forfetaria; - l'aliquota si applica nella misura del 20 per cento; - la detrazione deve essere operata in via analitica ai sensi dell'art.19 del DPR n.633 del 1972; - gli obblighi di certificazione si assolvono in via ordinaria ai sensi del DPR 21 dicembre 1996, n.696; - le prestazioni di servizi gratuite (ingressi omaggio) e di valore non superiore a 25,82 euro (lire ) sono escluse dal campo di applicazione dell'iva ai sensi dell'art.3, terzo comma, del DPR n.633 del (RM 142/E del 10 maggio 2002). Francesco Scopacasa

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli