COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE del

2 ...al Consiglio Comunale. Prego, Dottor Fortunato, di fare l appello. Il Segretario procede all appello. OGGETTO N. 1 - LETTURA ED APPROVAZIONE DEI VERBALI DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE NELLA SEDUTA DEL Prego, Dottor Fortunato. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Abbiamo: Surroga dei Consiglieri Comunali dimissionari Ubbiali e Zambelli - Contestuale convalida dei Consiglieri neoeletti ; Atto di indirizzo per l applicazione dell articolo 31 della Legge 98 ; Interrogazione dei Consiglieri Comunali Drago Chiara, Zambelli Chiara e Zampoleri Roberto ai sensi dell articolo 24 sulla sicurezza della Cremasca ; Piano Diritto allo Studio ; Approvazione convenzione per la gestione del Servizio di Tesoreria. Chi è favorevole alzi la mano. All unanimità, tranne Boschi Stefania che è astenuta. 1

3 OGGETTO N. 2 - INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE SIGNOR CUTER MIRKO AI SENSI DELL ARTICOLO 24, COMMI 2, 3, E 4 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE AVENTE COME OGGETTO INTERROGAZIONE SU INTERVENTI A FAVORE DELLA LOTTA ALLA LUDOPATIA. Prego, Consigliere Cuter. Cons. CUTER MIRKO Premesso che il gioco d'azzardo patologico e l incapacità di desistere all impulso di giocare d'azzardo o fare scommesse nonostante la persona sia consapevole che questo possa portare a gravi conseguenze, altera i presupposti morali e sociali sostituendo con l azzardo i valori fondati sul lavoro, sulla fatica e sui talenti, è una condizione molto seria che può arrivare a distruggere la vita, la capillare diffusione di giochi leciti ha determinato in diversi casi una degenerazione patologica del fenomeno del gioco con ricadute negative sulla collettività e sulle famiglie, fino ad arrivare in molte situazioni alla disgregazione di queste ultime. Attorno ai luoghi dei giochi d'azzardo trovano spazio anche la microcriminalità dei furti e dell usura. La ludopatia è stata inserita nei livelli esistenziali di assistenza con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alla persone affette da questa patologia. Quindi con altissimi costi sociali che si ripercuotono sia sul Sistema Sanitario Nazionale, che sulle Amministrazioni locali, tenute al sostegno degli indigenti ed all accompagnamento sociale delle gravi fragilità. Considerato che la ludopatia va considerata come una vera e propria piaga sociale, che la dipendenza dal gioco si configura come una vera e propria questione socio sanitaria e pertanto la lotta al gioco d'azzardo è da considerarsi vero impegno civile, sociale e culturale, in cui le Istituzioni ad ogni livello non devono sottrarsi, al fine di limitare l insorgere di dipendenza da gioco e in contrasto al gioco d'azzardo patologico si chiede se l Amministrazione Comunale in carica abbia già preso in esame ed applicato alcune tra le seguenti opzioni: una campagna di formazione e sensibilizzazione attraverso la promozione e la partecipazione a convegni e seminari sul tema della ludopatia e della legalità; la riduzione della tassazione comunale, Tassa Rifiuti e sugli immobili, per gli esercizi commerciali che non hanno slot machine installate nei propri locali; 2

4 altri possibili riconoscimenti ai locali che non hanno, o che decidono di dismettere le cosiddette macchinette mangiasoldi ; associazione a reti nazionali di altri Comuni già in lotta alla ludopatia; utilizzo di ogni altro possibile ed eventuale strumento legale disponibile atto a promuovere gli operatori commerciali più virtuosi e contrastare il gioco d'azzardo. Perfettamente consapevoli della giurisprudenza non ancora univoca in questa materia, non vediamo ostacoli alla sensibilizzazione della cittadinanza sulla pericolosità della materia ed alla valorizzazione degli esempi virtuosi. Questa è l interrogazione. Non è specificato in questa interrogazione, però nella Legge Regionale che si occupa di questa materia è prevista anche la possibilità di individuare delle aree entro cui non si possono installare delle nuove macchinette da gioco. Infatti sono già per legge i 500 metri di alcuni posti, però possiamo individuarne ancora altri preventivamente per prevenire che vengano installate. Ho ricevuto un'apertura in questo senso, ho visto oggi sul giornale, dal Sindaco per il discorso della tassazione ridotta. Non sono grandi esborsi, è una bella cosa, però ovviamente ci aspetteremmo anche un intervento più capillare; non solo economico di riduzione di tasse, ma anche di attenzione al problema. Grazie. Risponde all interrogazione l Assessore Boschi. Ass. BOSCHI STEFANIA Il gioco d'azzardo patologico è stato riconosciuto ufficialmente come patologia dall associazione degli psichiatri americani fin dal 1980, ma solo nel 2013 il gambling disorder è stato inserito nel DSM 5 nel capitolo delle dipendenze. La riforma del Titolo V della Costituzione, che modifica le competenze regionali da assistenza sanitaria ospedaliera a tutela della salute, definisce in modo chiaro la responsabilità della Regione di attuare tutte le iniziative programmatiche ed economiche che vertano alla prevenzione, alla cura e al sostegno del malato. E'in riferimento a questa competenza che il Comune di Cologno al Serio, con deliberazione 63 del 1 agosto 2013, ha aderito al documento dei Comuni bergamaschi per il contrasto al gioco d'azzardo, con il quale si sollecitava l Ente regionale ad approvare una normativa univoca sul gioco d'azzardo. 3

5 In tale documento i Comuni bergamaschi chiedevano di riconoscere al Sindaco il potere decisionale per autorizzare nuove sale da gioco e per l installazione delle macchinette da gioco nei locali pubblici. Si chiedeva inoltre di intraprendere un programma di prevenzione e coinvolgimento di tutti i soggetti preposti alla tutela della salute del cittadino. La Regione Lombardia, attenendosi alla titolarità della questione di rilevanza sanitaria, ha emanato la Legge Regionale 8 del 21 ottobre La normativa regionale introduce alcuni dei punti in cui l interrogazione in oggetto chiede riscontro all Amministrazione Comunale, tra i quali: l obbligo di definire un programma di azioni volte al contrasto; la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco patologico approvato con delibera regionale 1314 del 30 gennaio 2014; la creazione di un marchio non slot a sostegno degli esercenti che scelgono di non installare macchinette per il gioco d'azzardo lecito; l introduzione di una penale IRAP dello 0,92% e di una pari riduzione degli esercizi che dismettono totalmente le apparecchiature per il gioco di azzardo quantificando in di euro. Dispone le competenze dell ASL: promuovere la prevenzione; incarica i SERT e gli SMI (Servizi Multidisciplinari Integrati) di effettuare l accoglienza, la diagnostica, la presa in carico, la cura e il reinserimento sociale del soggetto; affida ad essi il sostegno ai familiari anche tramite la collaborazione con il terzo settore; il controllo igienico delle strutture dove sono installate apparecchiature per il gioco d'azzardo. Definisce inoltre le competenze comunali, quindi impedire la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d'azzardo entro 500 metri dai luoghi sensibili quali oratori, scuole, strutture sanitarie, impianti sportivi, strutture ricettive per fasce protette; la possibilità di individuare altri luoghi sensibili; promuovere reti di collaborazione con l ASL e le associazioni volontariato per la prevenzione e il contrasto al gioco d'azzardo; la possibilità di inserire forme pregnanti per gli esercizi non slot che decidono di non installare, o disinstallare le apparecchiature per il gioco d'azzardo; il controllo dei locali e vietare la pubblicità dell'attività di gioco d'azzardo lecito. Si evince quindi che, per quanto riguarda il previsto dalla normativa regionale, è possibile per il Comune intervenire solo in forma premiante per gli esercizi non slot e in misura aggiuntiva alla riduzione dello 0,92% IRAP già applicata dalla Regione. Il Comune può inoltre promuovere delle iniziative di sostegno alla prevenzione e al contrasto GAP. Attualmente l ASL di Bergamo, nella figura del responsabile Dottor Biffi, ha già avviato i progetti di formazione: l'hiskill per la scuola secondaria di primo grado e Unplagged per la scuola secondaria di secondo grado; sta predisponendo il progetto di formazione per gli esercenti e gli operatori che partirà i primi mesi dell anno a venire; ha predisposto già dall ottobre 2011 un 4

6 manuale per i medici di assistenza primaria; ha predisposto un pieghevole nel quale è riportato un test di autovalutazione per le dipendenze e i riferimenti utili su tutta la Provincia; ha provveduto alla diffusione della locandina avvertenze per i genitori elaborata con la Presidenza del Consiglio dei Ministri; ha promosso un questionario fino ad ottobre 2014 per lo studio del fenomeno nella terza età. Ciò premesso, per l anno 2014 il Comune di Cologno al Serio non ha proceduto all attuazione delle azioni premianti per gli esercenti e neppure nel promuovere convegni ed iniziative di sostegno, poiché, come previsto dal programma delle azioni approvato con delibera di Giunta Regionale, si ritiene opportuno che vengano preventivamente svolte le attività formative per gli esercenti, alle quali devono sottoporsi pena sanzione amministrativa, per gli operatori dei servizi sociali e per il personale di Polizia Locale e il terzo settore al fine di fornire una comunicazione chiara e univoca. Da un colloquio intercorso ad uopo con il referente del progetto Dottor Biffi, si è inoltre concordato di attendere che vengano delineate le linee operative con l Ambito e da queste ricavare le indicazioni per procedere con le singole Amministrazioni su interventi di sensibilizzazione condivisi. La scrivente Amministrazione è comunque disponibile a sostenere e patrocinare le iniziative del terzo settore, qualora venga garantita la formazione dei relatori. E'altresì disponibile a concordare con i Comuni nell Ambito interventi a sostegno degli esercizi non slot. Quindi c'è tutta la volontà di fare questi interventi. Si ritiene opportuno intervenire con una forma coesa a livello di Ambito. Infatti il lavoro che si sta facendo a livello proprio di ASL, che è l organo competente, è quello di andare ad instaurare con alcuni ambiti sperimentali, di cui Romano è uno di quelli, un codice etico da sottoporre agli esercenti, delle azioni di sensibilizzazione e delle azioni di promozione appunto per gli esercizi non slot, perché non puoi essere penalizzante per quelli che invece aderiscono, perché è già prevista dalla Regione questa forma penalizzante. Quindi, nel momento in cui appunto ci sarà il passaggio sull'ambito, che sarà quindi a breve con la formazione degli operatori, per il momento l ASL ha proceduto alla formazione di un pool di operatori che si occuperanno poi della formazione a catena degli operatori sociali, degli operatori del terzo settore e di tutti quelli che poi si occuperanno della promozione sul territorio e della campagna di sensibilizzazione contro il gioco d'azzardo. Quindi è necessario avere prima queste informazioni univoche da parte dell Ente responsabile, per poi andare a muoversi su tutto il territorio in maniera coesa. Quindi anche poi con la sensibilizzazione, con la premiazione 5

7 e con la riduzione per esempio della Tassa Rifiuti, con l incentivazione; cioè con tutte queste, però è importante che ci sia poi un lavoro a livello di Ambito affinché l intervento abbia una ricaduta territoriale. Grazie. Consigliere Cuter, si ritiene soddisfatto della risposta? Può rispondere sì e no, da Regolamento sì o no, e la motivazione anche. Non è necessaria la motivazione, però se si vuole dare la motivazione è meglio. Cons. CUTER MIRKO Purtroppo no. Prima di arrivare qui lo ero parzialmente, perché avevo capito che si sarebbe proceduto e quindi pensavo di attendere i fatti. Per adesso intendo ancora che si procede, però l individuazione delle aree che sono sensibili comunque per il nostro territorio si potrebbe fare anche indipendentemente. La premiazione di questi locali si potrebbe fare comunque e la riduzione delle tassazioni. Altri Comuni lo stanno facendo, quindi non è che l ASL che poi stabilirà tutti questi Comuni di quanto fanno la riduzione della tassazione. Delle serate di sensibilizzazione si potrebbero organizzare comunque, anche se non lo fanno tutte le aree. Penso ci siano diversi interventi e tanti Comuni stanno facendo tante operazioni in questo senso. Non penso che è tutto l ambito. Io ho visto Calolziocorte che mi è piaciuto molto, poi mi sembra Seriate o Dalmine. Diversi Comuni hanno avviato diverse azioni e non l hanno fatto in un Ambito, l hanno fatto individualmente. Poi che si voglia attendere per i corsi di formazione, ben d'accordo che sarà una cosa più complessa. Ho sentito anch'io il Dottor Biffi e mi ha assicurato che partiranno i corsi anche per chi ha le slot, e sono d'accordo, però tante iniziative si possono fare. Anche chi ha le slot deve fare i corsi. Perciò penso che degli interventi si possono fare anche prima. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Non è soddisfatto? No, non è soddisfatto. 6

8 OGGETTO N. 3 - BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO BILANCIO PLURIENNALE VARIAZIONE ALLE DOTAZIONI FINANZIARIE DI COMPETENZA - ASSESTAMENTO GENERALE - TERZA VARIAZIONE. Prima di procedere a questo punto all Ordine del Giorno nella sua discussione, è arrivata una lettera da parte del Gruppo Progetto Cologno. Prego un Consigliere di Progetto Cologno di esporre la loro richiesta. Cons. DRAGO CHIARA Brevemente. Non sto a leggerla, ma riassumo quello che abbiamo presentato. Quando ci è stata consegnata la convocazione del Consiglio Comunale, non eravamo ancora a conoscenza del fatto che l'istituto per il Credito Sportivo avesse inviato una lettera al Comune nella quale fissava come termine per il pagamento di 8,9 milioni di euro la giornata di ieri. Dunque lo schema di Bilancio per l assestamento che ci è stato presentato, che peraltro non presentava nemmeno all interno il doveroso accollo del mutuo che il Credito Sportivo richiedeva entro il 12 di dicembre e che era un atto che era stato richiesto anche dal Revisore dei Conti e poi dalla Responsabile dell'area Finanziaria, già in quel momento a nostro avviso lo schema dell assestamento di Bilancio non corrispondeva alla reale situazione debitoria dell Amministrazione, del Comune in senso più ampio. Abbiamo quindi proceduto inviando una richiesta formale, anche perché nell area riservata della documentazione del sito Internet non risultava presente il parere del Revisore dei Conti e nemmeno quello della Responsabile dell Area Finanziaria. Subito dopo però abbiamo avuto la lettera dell'istituto per il Credito Sportivo e quindi abbiamo appreso che, in realtà, il mutuo ad oggi non esiste più, perché essendo fallita la società On Sport il mutuo è stato risolto e dunque il Credito Sportivo con quella lettera di lunedì 24, peraltro protocollata prima della convocazione del Consiglio Comunale e quindi a conoscenza di questa Amministrazione nel momento in cui ha convocato questa seduta, quella lettera di fatto rendeva evidente, certa la presenza di un debito che il Comune dovrà onorare. Abbiamo sentito, abbiamo letto anche sui giornali versioni diverse rispetto a quello che si vuole mettere in campo come strategia per onorarlo. In ogni caso ci è sembrato comunque che ad oggi il Credito Sportivo non abbia dato alcuna comunicazione che vada nella direzione di una moratoria, di una 7

9 dilazione dei tempi di pagamento, oppure di una rinegoziazione dell escussione della fideiussione in buona sostanza. Dunque, secondo noi, al momento non sussiste nel documento di assestamento di Bilancio una reale fotografia di quella che è la situazione debitoria ad oggi del nostro Comune. Ricordiamo che non si tratta di una situazione di poco conto, perché la richiesta del Credito Sportivo, scaduta ieri, dunque ad oggi la nostra Amministrazione risulta insolvente, perché non ha pagato, evidentemente il termine è passato, questa situazione non è presente nello schema di Bilancio. A nostro avviso questo altera fortemente quelli che dovrebbero essere i principi di contabilità a cui si deve attenere necessariamente anche l'assestamento di Bilancio. Quindi con senso di responsabilità siamo qui a chiedervi stasera, ve l abbiamo chiesto ieri per iscritto, di ritirare questo documento, a nostro avviso non veritiero. Ma i documenti possono confermarlo e dubbi ce ne sono anche da parte non soltanto nostra, ma da parte anche di tecnici, dunque c'è anche questa considerazione da fare. Tutto questo per autotutela del Comune stesso, perché approvare un documento non veritiero a nostro avviso costituisce... Utilizzo un termine eufemistico, leggero, perché non sono sicuramente la persona idonea a giudicare la legittimità o meno di questo atto; ci penseranno i Magistrati, la Magistratura contabile a cui segnaleremo nel caso dovesse essere approvato questo documento di assestamento, sia i documenti prodotti questa sera, che quelli prodotti in precedenza, i resoconti della seduta di questa sera. Quindi abbiamo chiesto ieri di ritirare questo schema di Bilancio, di adeguarlo a quella che è la reale situazione e di approvarlo entro i termini con una procedura evidentemente di urgenza. Sappiamo bene che il termine per l'approvazione dell assestamento di Bilancio è il 30 di novembre. D'altra parte la comunicazione del Credito Sportivo l avete avuta lunedì e, nonostante questo, avete convocato comunque la seduta con documenti non minimamente aggiornati per un importo così considerevole, che penalizzerà ovviamente, a differenza di quanto detto finora. Le piscine non sono un problema, non ci sono costate un euro, i colognesi non stanno pagando niente, non pagheremo niente. Sembra che la lettera del Credito Sportivo dica altro. Ma è da un po'che lo stiamo dicendo e quindi anche ogni volta dire l'avevamo detto, l'avevamo detto e poi non vedere in quelli che sono i documenti ufficiali anche del Comune l'assunzione di una responsabilità che dovreste avere e che a mio avviso dovrebbe anche non farvi dormire di notte, vista la situazione, dato che poi leggendo anche il parere del Segretario si 8

10 parla apertamente di un possibile dissesto finanziario del Comune, che è una preoccupazione che noi abbiamo. Abbiamo chiesto, appunto, di ritirare questo documento, di adeguarlo e di non approvarlo questa sera. Se invece vorrete procedere in un'altra direzione, che secondo noi è appunto sbagliata, noi ovviamente faremo (come già abbiamo fatto e come continueremo a fare) tutti i passi e tutte le mosse per tutelare innanzitutto la cittadinanza colognese, perché credo che i cittadini di Cologno abbiano anche diritto di sapere che cosa è successo lì e che cosa succederà in futuro. Già quest'anno hanno dovuto subire un aumento della tassazione locale non irrilevante e con questi di euro il futuro non si prospetta certamente roseo. Rispondere sui giornali Chiederemo una moratoria, che al momento non esiste, quando il Credito Sportivo da un anno e mezzo sta prorogando i termini, non è che andiamo per la prima volta a dire. Chiedere una moratoria senza nemmeno prevedere una voce idonea a Bilancio non credo che ci dia credibilità con il Credito Sportivo. Non credo che faccia di noi un'amministrazione responsabile, né tanto meno che sia un buon esempio per la cittadinanza dire Non abbiamo pagato e non intendiamo pagare. Avete prestato una fideiussione. Se lo dicesse un privato, sarebbe sconveniente e lo giudicherei negativamente; che lo dica un Sindaco, un'amministrazione Pubblica lo ritengo doppiamente grave, perché non dà un buon esempio e soprattutto perché il Sindaco rappresenta un'istituzione. Sentirsi dire da un'istituzione che puoi prestare fideiussione e poi non pagarla perché tanto non succede niente, allora non vedo perché i cittadini di Cologno dovrebbero pagare le tasse a questo Comune a questo punto. Tanto, se è così, non dovrebbe succedere niente. Quindi vi chiediamo con responsabilità di ritirare questo documento non veritiero, di adeguarlo ammettendo quella che è già oggi una passività secondo i principi di contabilità degli Enti locali, in autotutela per il nostro Comune, perché l atto che state per compiere è estremamente grave e rappresenta sicuramente da parte di tutti quelli che stasera alzeranno la manina per votare a favore una responsabilità non di poco conto. Quindi è giusto che lo sappiate, è giusto che ve lo ricordiamo. E'il compito della minoranza, ma è anche il compito di un cittadino che esige che le proprie Istituzioni si attengano ai principi della legalità. Grazie. Innanzitutto leggo le due lettere scritte dal Responsabile dell Ufficio dell'area Finanziaria, la Ragioniera Bernini, dopodiché leggerò il parere del Segretario Comunale su quanto avete scritto sulla vostra lettera. 9

11 Richiesta di sospensione del punto in discussione. In esito alla lettera del 27 novembre 2014, protocollo numero 18083, con cui i Consiglieri Comunali di Progetto Cologno Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio D'Adda hanno chiesto l immediata sospensione dell'approvazione dell'assestamento di Bilancio, in quanto non rispondente alla reale situazione debitoria del Comune, preme sottolineare che, poiché alla data odierna non è ancora stato definito con certezza l importo del debito con l Istituto per il Credito Sportivo nell ammontare complessivo (infatti sono in corso trattative ed è stato fissato un incontro a Roma per il giorno 3 dicembre 2014), risulta difficile prevedere in fase di assestamento gli importi degli stanziamenti nel Bilancio Pluriennale. Il criterio della prudenza è comunque rispettato non necessariamente con l inserimento degli stanziamenti nel Bilancio Pluriennale, ma con l accantonamento dell avanzo di amministrazione che nell anno 2013 ammontava ad euro ,18 di cui euro ,50 libero e che non è stato applicato al Bilancio. Cordiali saluti. Poi il parere del Segretario Comunale. Come è noto, con lettera del 27 novembre 2014, protocollo 18083, i Consiglieri Comunali di Progetto Cologno Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio D'Adda hanno chiesto, ai sensi dell articolo 56, comma 2 del Regolamento del Consiglio Comunale, l immediata sospensione dell approvazione dell'assestamento di Bilancio, in quanto non rispondente alla reale situazione debitoria del Comune, a maggior ragione dopo la ricezione della comunicazione protocollo numero del 24 novembre 2014 con la quale l Istituto per il Credito Sportivo chiede al Comune il pagamento entro la data del 27 novembre di euro ,20. I Consiglieri precisano che la lettera dell'istituto Credito Sportivo rappresenta già oggi l esistenza di un reale debito certo nell ammontare, non un'eventualità da accertare, ma nella migliore delle ipotesi da rinegoziare con ICS stesso. Non iscrivere a Bilancio tale situazione rappresenta, a giudizio dei Consiglieri Comunali, una violazione ai principi di chiarezza, esattezza, tempestività e completezza del Bilancio. Per verificare se la preoccupazione, peraltro legittima, dei Consiglieri Comunali ha un fondamento, bisogna analizzare la situazione reale alla luce del quadro normativo esistente. E'noto che ICS con lettera del 20 novembre 2014, pervenuta il 27 novembre 2014, protocollo 51179, ha fatto sapere che a seguito del fallimento del concessionario On Sport, dichiarato con sentenza del Tribunale di Milano in data 27 ottobre 2014, si è proceduto alla risoluzione del mutuo ipso iure contratto da On Sport e alla classificazione a sofferenza della posizione in 10

12 base a quanto previsto in contratto e in ottemperanza alla normativa Banca d'italia. Per quanto sopra il Comune, quale garante per effetto della fideiussione rilasciata ai sensi del contratto di mutuo, avrebbe dovuto versare entro e non oltre il 27 novembre 2014 la somma di euro ,20 per i titoli di cui al dettaglio allegato alla predetta nota, oltre agli ulteriori interessi di mora maturati e maturandi dalla data di risoluzione del 13 novembre 2014 alla data dell effettivo pagamento al tasso di mora previsto in contratto. Ciò che è estremamente grave ed essenziale è considerare che il fallimento di On Sport ha determinato anche la risoluzione del contratto di mutuo tra On Sport e ICS, il quale a questo punto chiede legittimamente l intera somma mutuata e non solo le rate scadute. Tuttavia ICS dovrà innanzitutto, a norma dell articolo 475 del Codice di Procedure Civile, procurarsi un titolo esecutivo per potere agire contro il Comune, nel caso di specie un decreto ingiuntivo. Sulla base di tale titolo potrebbe poi agire in via esecutiva sui beni del Comune; naturalmente solo su quelli che possono essere oggetto di pignoramento. Giova evocare l articolo 14, comma 1 del Decreto Legge numero 669 del '96 convertito con Legge numero 30 del '97, il quale stabilisce che le Amministrazioni dello Stato e gli Enti Pubblici non economici completano le procedure per l'esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali e dei lodi arbitrali aventi efficacia esecutiva e comportanti l obbligo di pagamento di somme di denaro entro il termine di 120 giorni dalla notificazione del titolo esecutivo. Prima di tale termine il creditore non può procedere ad esecuzione forzata, né alla notifica di atto di precetto. La disposizione chiaramente è indirizzata ad Amministrazioni ed Enti vincolati dal Bilancio, al fine precipuo di definire le operazioni contabili necessarie a rendere esigibili i crediti degli amministrati derivanti dai titoli esecutivi e indipendentemente dalla natura della posizione soggettiva afferente al credito, costituisce norma che vincola per i profili procedimentali l azione della Pubblica Amministrazione alle quali si rivolge. Per quanto detto, il Comune di Cologno al Serio avrà a disposizione 120 giorni dalla notifica del decreto ingiuntivo per reperire le risorse necessarie a soddisfare l obbligazione. A tale proposito, l articolo 244 del TUEL, nel disciplinare le condizioni di dissesto finanziario, stabilisce che si ha stato di dissesto finanziario se esistono nei confronti dell Ente locale crediti liquidi ed esigibili di terzi, cui non possa farsi fronte né con vendite di beni immobili, né con avanzo di amministrazione, né mediante un piano di rateizzazione della durata di tre anni finanziari compreso quello in corso convenuto con i creditori. 11

13 E'facile arguire che l Ente, al fine di evitare il dissesto finanziario, non potendo reperire risorse sufficienti per soddisfare la pretesa obbligatoria di ICS, dovrà convenire con detto istituto per una moratoria del pagamento di quanto dovuto, almeno fino a quando non avrà individuato con gara ad evidenza pubblica un nuovo gestore, o concessionario, ed altresì concordare per la ristrutturazione del debito con ICS attraverso la conversione del debito in un nuovo mutuo. E ciò perché ICS, in caso di apertura della procedura di dissesto, sarebbe impedito ad intraprendere azioni esecutive e, se già iniziate, subirebbe l improcedibilità. Ritengo che un'azione incisiva presso ICS nel senso prospettato eviterebbe l'apertura del dissesto. Tali considerazioni impongono la necessità che il Consiglio Comunale approvi, ai sensi dell articolo 175, comma 8 del TUEL, l'assestamento generale di Bilancio, non potendo, per quanto detto, iscrivere in Bilancio il debito esistente con ICS in assenza di un titolo esecutivo, il quale, dopo essere stato notificato, necessita che diventi efficace solo dopo il decorso dei termini di cui all'evocato articolo 14 Decreto Legge numero 669 del 1996, ovvero 120 giorni. Resta la forte urgenza di portare a compimento le necessarie iniziative con ICS per ottenere la moratoria, cioè sospensione dalla escussione del debito con la conseguente ristrutturazione del debito attraverso la conversione in un mutuo anche trentennale, onde evitare, come peraltro emerge dalla preoccupazione posta dal Gruppo di minoranza, il dissesto finanziario ex articolo 240 del TUEL. Nelle su esposte considerazioni è il parere del Segretario Comunale. Dottor Fortunato. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Io volevo fare una considerazione di questo tipo: tra l'altro, vi do lettura breve di un brano di una sentenza del TAR della Puglia, Lecce, la sentenza è del 2006 numero 2573, e la massima dice (vi leggo la massima): Il termine perentorio del 30 novembre previsto dall articolo 175, comma 8 del Decreto Legislativo 2000, secondo cui le variazioni del Bilancio possono essere deliberate non oltre il 30 novembre di ciascun anno e quindi il Consiglio Comunale se non deliberasse oggi se ne assume la responsabilità, perché è ovvio che io e Gabriella Bernini alleghiamo i pareri che sono stati testé letti, dicevo se non viene appunto deliberato entro questa data si riferisce letteralmente alla deliberazione e non all inizio dei lavori. Che era successo? In un Comune della Provincia di Lecce questi avevano iniziato la seduta il 30 e avevano finito il 2. Il TAR ha annullato tutto l assestamento. 12

14 Il che significa che, se venisse annullata la delibera di oggi, se non la prendessimo, chiaramente cadrebbero tutti i presupposti. Poi rispondo chiaramente sul tema molto interessante posto dai Consiglieri della minoranza. Dicevo: se il Consiglio Comunale non assumesse questa delibera, ovviamente se ne assume le responsabilità. Ora io dico una cosa come giurista: i Consiglieri Comunali di minoranza pongono il dito nella piaga e hanno ragione, però da qui a pensare che la Procura della Corte dei Conti possa impallinare la delibera di oggi, io sono sufficientemente tranquillo che, se leggono il mio parere, archiviano, perché senza presunzione il parere che ho fatto è fatto in base alla legge. Tra l'altro, il Sindaco ha omesso di citare una sentenza del Consiglio di Stato che appunto dice in maniera chiara: qual è lo scopo dei 120 giorni? Perché è stato concesso questo privilegio che i privati non hanno? Quello cioè di evitare che una procedura esecutiva, quindi un debito così pesante, così pesante... Attenzione che qui non è in discussione il perché è stata data fideiussione, lì sarà l Autorità Giudiziaria che si occuperà nelle competenti sedi se ci sono delle responsabilità. Il tema decidendum di oggi, non voglio essere frainteso, deve essere chiaro, il tema di decisione è se il Comune possa sulla scorta, ripeto e ribadisco, della legittima preoccupazione del Gruppo non deliberare l'assestamento. Ma scusate, ma il Comune di Cologno, fuori dai denti, non ce li ha. Cosa iscrive in Bilancio? Sarebbe falso dire che ipotizziamo di vendere nel 2015 un immobile, perché voi conoscete bene e la congiuntura economica non consente con gli immobili che avete. Quindi sarebbe una presa in giro iscrivere e fare un Pluriennale inserendo un bene, perché a questo punto noi funzionari ci opporremmo. Visto l andazzo che ha preso la questione delle piscine, a questo punto noi Dirigenti poniamo dei paletti e diciamo: o ci si muove nell alveo della legalità, oppure chiaramente noi ci dissociamo. Quindi la preoccupazione, dico legittima, è frenata dal fatto che la legge consente questo termine di 120 giorni. La lettera raccomandata ha un valore chiaramente intimidatorio per dire Comune, è un anno che ti sto dicendo. Ti vuoi interessare a sbloccare la situazione?. Quindi è comprensibile essendo un'azienda pubblica. Non è una banca privata, l'istituto per il Credito Sportivo è praticamente gestito dal Ministero del Tesoro e quindi è soggetto alla giurisdizione, al pari nostro, della Corte dei Conti. 13

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli