COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE del

2 ...al Consiglio Comunale. Prego, Dottor Fortunato, di fare l appello. Il Segretario procede all appello. OGGETTO N. 1 - LETTURA ED APPROVAZIONE DEI VERBALI DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE NELLA SEDUTA DEL Prego, Dottor Fortunato. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Abbiamo: Surroga dei Consiglieri Comunali dimissionari Ubbiali e Zambelli - Contestuale convalida dei Consiglieri neoeletti ; Atto di indirizzo per l applicazione dell articolo 31 della Legge 98 ; Interrogazione dei Consiglieri Comunali Drago Chiara, Zambelli Chiara e Zampoleri Roberto ai sensi dell articolo 24 sulla sicurezza della Cremasca ; Piano Diritto allo Studio ; Approvazione convenzione per la gestione del Servizio di Tesoreria. Chi è favorevole alzi la mano. All unanimità, tranne Boschi Stefania che è astenuta. 1

3 OGGETTO N. 2 - INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE SIGNOR CUTER MIRKO AI SENSI DELL ARTICOLO 24, COMMI 2, 3, E 4 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE AVENTE COME OGGETTO INTERROGAZIONE SU INTERVENTI A FAVORE DELLA LOTTA ALLA LUDOPATIA. Prego, Consigliere Cuter. Cons. CUTER MIRKO Premesso che il gioco d'azzardo patologico e l incapacità di desistere all impulso di giocare d'azzardo o fare scommesse nonostante la persona sia consapevole che questo possa portare a gravi conseguenze, altera i presupposti morali e sociali sostituendo con l azzardo i valori fondati sul lavoro, sulla fatica e sui talenti, è una condizione molto seria che può arrivare a distruggere la vita, la capillare diffusione di giochi leciti ha determinato in diversi casi una degenerazione patologica del fenomeno del gioco con ricadute negative sulla collettività e sulle famiglie, fino ad arrivare in molte situazioni alla disgregazione di queste ultime. Attorno ai luoghi dei giochi d'azzardo trovano spazio anche la microcriminalità dei furti e dell usura. La ludopatia è stata inserita nei livelli esistenziali di assistenza con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alla persone affette da questa patologia. Quindi con altissimi costi sociali che si ripercuotono sia sul Sistema Sanitario Nazionale, che sulle Amministrazioni locali, tenute al sostegno degli indigenti ed all accompagnamento sociale delle gravi fragilità. Considerato che la ludopatia va considerata come una vera e propria piaga sociale, che la dipendenza dal gioco si configura come una vera e propria questione socio sanitaria e pertanto la lotta al gioco d'azzardo è da considerarsi vero impegno civile, sociale e culturale, in cui le Istituzioni ad ogni livello non devono sottrarsi, al fine di limitare l insorgere di dipendenza da gioco e in contrasto al gioco d'azzardo patologico si chiede se l Amministrazione Comunale in carica abbia già preso in esame ed applicato alcune tra le seguenti opzioni: una campagna di formazione e sensibilizzazione attraverso la promozione e la partecipazione a convegni e seminari sul tema della ludopatia e della legalità; la riduzione della tassazione comunale, Tassa Rifiuti e sugli immobili, per gli esercizi commerciali che non hanno slot machine installate nei propri locali; 2

4 altri possibili riconoscimenti ai locali che non hanno, o che decidono di dismettere le cosiddette macchinette mangiasoldi ; associazione a reti nazionali di altri Comuni già in lotta alla ludopatia; utilizzo di ogni altro possibile ed eventuale strumento legale disponibile atto a promuovere gli operatori commerciali più virtuosi e contrastare il gioco d'azzardo. Perfettamente consapevoli della giurisprudenza non ancora univoca in questa materia, non vediamo ostacoli alla sensibilizzazione della cittadinanza sulla pericolosità della materia ed alla valorizzazione degli esempi virtuosi. Questa è l interrogazione. Non è specificato in questa interrogazione, però nella Legge Regionale che si occupa di questa materia è prevista anche la possibilità di individuare delle aree entro cui non si possono installare delle nuove macchinette da gioco. Infatti sono già per legge i 500 metri di alcuni posti, però possiamo individuarne ancora altri preventivamente per prevenire che vengano installate. Ho ricevuto un'apertura in questo senso, ho visto oggi sul giornale, dal Sindaco per il discorso della tassazione ridotta. Non sono grandi esborsi, è una bella cosa, però ovviamente ci aspetteremmo anche un intervento più capillare; non solo economico di riduzione di tasse, ma anche di attenzione al problema. Grazie. Risponde all interrogazione l Assessore Boschi. Ass. BOSCHI STEFANIA Il gioco d'azzardo patologico è stato riconosciuto ufficialmente come patologia dall associazione degli psichiatri americani fin dal 1980, ma solo nel 2013 il gambling disorder è stato inserito nel DSM 5 nel capitolo delle dipendenze. La riforma del Titolo V della Costituzione, che modifica le competenze regionali da assistenza sanitaria ospedaliera a tutela della salute, definisce in modo chiaro la responsabilità della Regione di attuare tutte le iniziative programmatiche ed economiche che vertano alla prevenzione, alla cura e al sostegno del malato. E'in riferimento a questa competenza che il Comune di Cologno al Serio, con deliberazione 63 del 1 agosto 2013, ha aderito al documento dei Comuni bergamaschi per il contrasto al gioco d'azzardo, con il quale si sollecitava l Ente regionale ad approvare una normativa univoca sul gioco d'azzardo. 3

5 In tale documento i Comuni bergamaschi chiedevano di riconoscere al Sindaco il potere decisionale per autorizzare nuove sale da gioco e per l installazione delle macchinette da gioco nei locali pubblici. Si chiedeva inoltre di intraprendere un programma di prevenzione e coinvolgimento di tutti i soggetti preposti alla tutela della salute del cittadino. La Regione Lombardia, attenendosi alla titolarità della questione di rilevanza sanitaria, ha emanato la Legge Regionale 8 del 21 ottobre La normativa regionale introduce alcuni dei punti in cui l interrogazione in oggetto chiede riscontro all Amministrazione Comunale, tra i quali: l obbligo di definire un programma di azioni volte al contrasto; la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco patologico approvato con delibera regionale 1314 del 30 gennaio 2014; la creazione di un marchio non slot a sostegno degli esercenti che scelgono di non installare macchinette per il gioco d'azzardo lecito; l introduzione di una penale IRAP dello 0,92% e di una pari riduzione degli esercizi che dismettono totalmente le apparecchiature per il gioco di azzardo quantificando in di euro. Dispone le competenze dell ASL: promuovere la prevenzione; incarica i SERT e gli SMI (Servizi Multidisciplinari Integrati) di effettuare l accoglienza, la diagnostica, la presa in carico, la cura e il reinserimento sociale del soggetto; affida ad essi il sostegno ai familiari anche tramite la collaborazione con il terzo settore; il controllo igienico delle strutture dove sono installate apparecchiature per il gioco d'azzardo. Definisce inoltre le competenze comunali, quindi impedire la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d'azzardo entro 500 metri dai luoghi sensibili quali oratori, scuole, strutture sanitarie, impianti sportivi, strutture ricettive per fasce protette; la possibilità di individuare altri luoghi sensibili; promuovere reti di collaborazione con l ASL e le associazioni volontariato per la prevenzione e il contrasto al gioco d'azzardo; la possibilità di inserire forme pregnanti per gli esercizi non slot che decidono di non installare, o disinstallare le apparecchiature per il gioco d'azzardo; il controllo dei locali e vietare la pubblicità dell'attività di gioco d'azzardo lecito. Si evince quindi che, per quanto riguarda il previsto dalla normativa regionale, è possibile per il Comune intervenire solo in forma premiante per gli esercizi non slot e in misura aggiuntiva alla riduzione dello 0,92% IRAP già applicata dalla Regione. Il Comune può inoltre promuovere delle iniziative di sostegno alla prevenzione e al contrasto GAP. Attualmente l ASL di Bergamo, nella figura del responsabile Dottor Biffi, ha già avviato i progetti di formazione: l'hiskill per la scuola secondaria di primo grado e Unplagged per la scuola secondaria di secondo grado; sta predisponendo il progetto di formazione per gli esercenti e gli operatori che partirà i primi mesi dell anno a venire; ha predisposto già dall ottobre 2011 un 4

6 manuale per i medici di assistenza primaria; ha predisposto un pieghevole nel quale è riportato un test di autovalutazione per le dipendenze e i riferimenti utili su tutta la Provincia; ha provveduto alla diffusione della locandina avvertenze per i genitori elaborata con la Presidenza del Consiglio dei Ministri; ha promosso un questionario fino ad ottobre 2014 per lo studio del fenomeno nella terza età. Ciò premesso, per l anno 2014 il Comune di Cologno al Serio non ha proceduto all attuazione delle azioni premianti per gli esercenti e neppure nel promuovere convegni ed iniziative di sostegno, poiché, come previsto dal programma delle azioni approvato con delibera di Giunta Regionale, si ritiene opportuno che vengano preventivamente svolte le attività formative per gli esercenti, alle quali devono sottoporsi pena sanzione amministrativa, per gli operatori dei servizi sociali e per il personale di Polizia Locale e il terzo settore al fine di fornire una comunicazione chiara e univoca. Da un colloquio intercorso ad uopo con il referente del progetto Dottor Biffi, si è inoltre concordato di attendere che vengano delineate le linee operative con l Ambito e da queste ricavare le indicazioni per procedere con le singole Amministrazioni su interventi di sensibilizzazione condivisi. La scrivente Amministrazione è comunque disponibile a sostenere e patrocinare le iniziative del terzo settore, qualora venga garantita la formazione dei relatori. E'altresì disponibile a concordare con i Comuni nell Ambito interventi a sostegno degli esercizi non slot. Quindi c'è tutta la volontà di fare questi interventi. Si ritiene opportuno intervenire con una forma coesa a livello di Ambito. Infatti il lavoro che si sta facendo a livello proprio di ASL, che è l organo competente, è quello di andare ad instaurare con alcuni ambiti sperimentali, di cui Romano è uno di quelli, un codice etico da sottoporre agli esercenti, delle azioni di sensibilizzazione e delle azioni di promozione appunto per gli esercizi non slot, perché non puoi essere penalizzante per quelli che invece aderiscono, perché è già prevista dalla Regione questa forma penalizzante. Quindi, nel momento in cui appunto ci sarà il passaggio sull'ambito, che sarà quindi a breve con la formazione degli operatori, per il momento l ASL ha proceduto alla formazione di un pool di operatori che si occuperanno poi della formazione a catena degli operatori sociali, degli operatori del terzo settore e di tutti quelli che poi si occuperanno della promozione sul territorio e della campagna di sensibilizzazione contro il gioco d'azzardo. Quindi è necessario avere prima queste informazioni univoche da parte dell Ente responsabile, per poi andare a muoversi su tutto il territorio in maniera coesa. Quindi anche poi con la sensibilizzazione, con la premiazione 5

7 e con la riduzione per esempio della Tassa Rifiuti, con l incentivazione; cioè con tutte queste, però è importante che ci sia poi un lavoro a livello di Ambito affinché l intervento abbia una ricaduta territoriale. Grazie. Consigliere Cuter, si ritiene soddisfatto della risposta? Può rispondere sì e no, da Regolamento sì o no, e la motivazione anche. Non è necessaria la motivazione, però se si vuole dare la motivazione è meglio. Cons. CUTER MIRKO Purtroppo no. Prima di arrivare qui lo ero parzialmente, perché avevo capito che si sarebbe proceduto e quindi pensavo di attendere i fatti. Per adesso intendo ancora che si procede, però l individuazione delle aree che sono sensibili comunque per il nostro territorio si potrebbe fare anche indipendentemente. La premiazione di questi locali si potrebbe fare comunque e la riduzione delle tassazioni. Altri Comuni lo stanno facendo, quindi non è che l ASL che poi stabilirà tutti questi Comuni di quanto fanno la riduzione della tassazione. Delle serate di sensibilizzazione si potrebbero organizzare comunque, anche se non lo fanno tutte le aree. Penso ci siano diversi interventi e tanti Comuni stanno facendo tante operazioni in questo senso. Non penso che è tutto l ambito. Io ho visto Calolziocorte che mi è piaciuto molto, poi mi sembra Seriate o Dalmine. Diversi Comuni hanno avviato diverse azioni e non l hanno fatto in un Ambito, l hanno fatto individualmente. Poi che si voglia attendere per i corsi di formazione, ben d'accordo che sarà una cosa più complessa. Ho sentito anch'io il Dottor Biffi e mi ha assicurato che partiranno i corsi anche per chi ha le slot, e sono d'accordo, però tante iniziative si possono fare. Anche chi ha le slot deve fare i corsi. Perciò penso che degli interventi si possono fare anche prima. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Non è soddisfatto? No, non è soddisfatto. 6

8 OGGETTO N. 3 - BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO BILANCIO PLURIENNALE VARIAZIONE ALLE DOTAZIONI FINANZIARIE DI COMPETENZA - ASSESTAMENTO GENERALE - TERZA VARIAZIONE. Prima di procedere a questo punto all Ordine del Giorno nella sua discussione, è arrivata una lettera da parte del Gruppo Progetto Cologno. Prego un Consigliere di Progetto Cologno di esporre la loro richiesta. Cons. DRAGO CHIARA Brevemente. Non sto a leggerla, ma riassumo quello che abbiamo presentato. Quando ci è stata consegnata la convocazione del Consiglio Comunale, non eravamo ancora a conoscenza del fatto che l'istituto per il Credito Sportivo avesse inviato una lettera al Comune nella quale fissava come termine per il pagamento di 8,9 milioni di euro la giornata di ieri. Dunque lo schema di Bilancio per l assestamento che ci è stato presentato, che peraltro non presentava nemmeno all interno il doveroso accollo del mutuo che il Credito Sportivo richiedeva entro il 12 di dicembre e che era un atto che era stato richiesto anche dal Revisore dei Conti e poi dalla Responsabile dell'area Finanziaria, già in quel momento a nostro avviso lo schema dell assestamento di Bilancio non corrispondeva alla reale situazione debitoria dell Amministrazione, del Comune in senso più ampio. Abbiamo quindi proceduto inviando una richiesta formale, anche perché nell area riservata della documentazione del sito Internet non risultava presente il parere del Revisore dei Conti e nemmeno quello della Responsabile dell Area Finanziaria. Subito dopo però abbiamo avuto la lettera dell'istituto per il Credito Sportivo e quindi abbiamo appreso che, in realtà, il mutuo ad oggi non esiste più, perché essendo fallita la società On Sport il mutuo è stato risolto e dunque il Credito Sportivo con quella lettera di lunedì 24, peraltro protocollata prima della convocazione del Consiglio Comunale e quindi a conoscenza di questa Amministrazione nel momento in cui ha convocato questa seduta, quella lettera di fatto rendeva evidente, certa la presenza di un debito che il Comune dovrà onorare. Abbiamo sentito, abbiamo letto anche sui giornali versioni diverse rispetto a quello che si vuole mettere in campo come strategia per onorarlo. In ogni caso ci è sembrato comunque che ad oggi il Credito Sportivo non abbia dato alcuna comunicazione che vada nella direzione di una moratoria, di una 7

9 dilazione dei tempi di pagamento, oppure di una rinegoziazione dell escussione della fideiussione in buona sostanza. Dunque, secondo noi, al momento non sussiste nel documento di assestamento di Bilancio una reale fotografia di quella che è la situazione debitoria ad oggi del nostro Comune. Ricordiamo che non si tratta di una situazione di poco conto, perché la richiesta del Credito Sportivo, scaduta ieri, dunque ad oggi la nostra Amministrazione risulta insolvente, perché non ha pagato, evidentemente il termine è passato, questa situazione non è presente nello schema di Bilancio. A nostro avviso questo altera fortemente quelli che dovrebbero essere i principi di contabilità a cui si deve attenere necessariamente anche l'assestamento di Bilancio. Quindi con senso di responsabilità siamo qui a chiedervi stasera, ve l abbiamo chiesto ieri per iscritto, di ritirare questo documento, a nostro avviso non veritiero. Ma i documenti possono confermarlo e dubbi ce ne sono anche da parte non soltanto nostra, ma da parte anche di tecnici, dunque c'è anche questa considerazione da fare. Tutto questo per autotutela del Comune stesso, perché approvare un documento non veritiero a nostro avviso costituisce... Utilizzo un termine eufemistico, leggero, perché non sono sicuramente la persona idonea a giudicare la legittimità o meno di questo atto; ci penseranno i Magistrati, la Magistratura contabile a cui segnaleremo nel caso dovesse essere approvato questo documento di assestamento, sia i documenti prodotti questa sera, che quelli prodotti in precedenza, i resoconti della seduta di questa sera. Quindi abbiamo chiesto ieri di ritirare questo schema di Bilancio, di adeguarlo a quella che è la reale situazione e di approvarlo entro i termini con una procedura evidentemente di urgenza. Sappiamo bene che il termine per l'approvazione dell assestamento di Bilancio è il 30 di novembre. D'altra parte la comunicazione del Credito Sportivo l avete avuta lunedì e, nonostante questo, avete convocato comunque la seduta con documenti non minimamente aggiornati per un importo così considerevole, che penalizzerà ovviamente, a differenza di quanto detto finora. Le piscine non sono un problema, non ci sono costate un euro, i colognesi non stanno pagando niente, non pagheremo niente. Sembra che la lettera del Credito Sportivo dica altro. Ma è da un po'che lo stiamo dicendo e quindi anche ogni volta dire l'avevamo detto, l'avevamo detto e poi non vedere in quelli che sono i documenti ufficiali anche del Comune l'assunzione di una responsabilità che dovreste avere e che a mio avviso dovrebbe anche non farvi dormire di notte, vista la situazione, dato che poi leggendo anche il parere del Segretario si 8

10 parla apertamente di un possibile dissesto finanziario del Comune, che è una preoccupazione che noi abbiamo. Abbiamo chiesto, appunto, di ritirare questo documento, di adeguarlo e di non approvarlo questa sera. Se invece vorrete procedere in un'altra direzione, che secondo noi è appunto sbagliata, noi ovviamente faremo (come già abbiamo fatto e come continueremo a fare) tutti i passi e tutte le mosse per tutelare innanzitutto la cittadinanza colognese, perché credo che i cittadini di Cologno abbiano anche diritto di sapere che cosa è successo lì e che cosa succederà in futuro. Già quest'anno hanno dovuto subire un aumento della tassazione locale non irrilevante e con questi di euro il futuro non si prospetta certamente roseo. Rispondere sui giornali Chiederemo una moratoria, che al momento non esiste, quando il Credito Sportivo da un anno e mezzo sta prorogando i termini, non è che andiamo per la prima volta a dire. Chiedere una moratoria senza nemmeno prevedere una voce idonea a Bilancio non credo che ci dia credibilità con il Credito Sportivo. Non credo che faccia di noi un'amministrazione responsabile, né tanto meno che sia un buon esempio per la cittadinanza dire Non abbiamo pagato e non intendiamo pagare. Avete prestato una fideiussione. Se lo dicesse un privato, sarebbe sconveniente e lo giudicherei negativamente; che lo dica un Sindaco, un'amministrazione Pubblica lo ritengo doppiamente grave, perché non dà un buon esempio e soprattutto perché il Sindaco rappresenta un'istituzione. Sentirsi dire da un'istituzione che puoi prestare fideiussione e poi non pagarla perché tanto non succede niente, allora non vedo perché i cittadini di Cologno dovrebbero pagare le tasse a questo Comune a questo punto. Tanto, se è così, non dovrebbe succedere niente. Quindi vi chiediamo con responsabilità di ritirare questo documento non veritiero, di adeguarlo ammettendo quella che è già oggi una passività secondo i principi di contabilità degli Enti locali, in autotutela per il nostro Comune, perché l atto che state per compiere è estremamente grave e rappresenta sicuramente da parte di tutti quelli che stasera alzeranno la manina per votare a favore una responsabilità non di poco conto. Quindi è giusto che lo sappiate, è giusto che ve lo ricordiamo. E'il compito della minoranza, ma è anche il compito di un cittadino che esige che le proprie Istituzioni si attengano ai principi della legalità. Grazie. Innanzitutto leggo le due lettere scritte dal Responsabile dell Ufficio dell'area Finanziaria, la Ragioniera Bernini, dopodiché leggerò il parere del Segretario Comunale su quanto avete scritto sulla vostra lettera. 9

11 Richiesta di sospensione del punto in discussione. In esito alla lettera del 27 novembre 2014, protocollo numero 18083, con cui i Consiglieri Comunali di Progetto Cologno Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio D'Adda hanno chiesto l immediata sospensione dell'approvazione dell'assestamento di Bilancio, in quanto non rispondente alla reale situazione debitoria del Comune, preme sottolineare che, poiché alla data odierna non è ancora stato definito con certezza l importo del debito con l Istituto per il Credito Sportivo nell ammontare complessivo (infatti sono in corso trattative ed è stato fissato un incontro a Roma per il giorno 3 dicembre 2014), risulta difficile prevedere in fase di assestamento gli importi degli stanziamenti nel Bilancio Pluriennale. Il criterio della prudenza è comunque rispettato non necessariamente con l inserimento degli stanziamenti nel Bilancio Pluriennale, ma con l accantonamento dell avanzo di amministrazione che nell anno 2013 ammontava ad euro ,18 di cui euro ,50 libero e che non è stato applicato al Bilancio. Cordiali saluti. Poi il parere del Segretario Comunale. Come è noto, con lettera del 27 novembre 2014, protocollo 18083, i Consiglieri Comunali di Progetto Cologno Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio D'Adda hanno chiesto, ai sensi dell articolo 56, comma 2 del Regolamento del Consiglio Comunale, l immediata sospensione dell approvazione dell'assestamento di Bilancio, in quanto non rispondente alla reale situazione debitoria del Comune, a maggior ragione dopo la ricezione della comunicazione protocollo numero del 24 novembre 2014 con la quale l Istituto per il Credito Sportivo chiede al Comune il pagamento entro la data del 27 novembre di euro ,20. I Consiglieri precisano che la lettera dell'istituto Credito Sportivo rappresenta già oggi l esistenza di un reale debito certo nell ammontare, non un'eventualità da accertare, ma nella migliore delle ipotesi da rinegoziare con ICS stesso. Non iscrivere a Bilancio tale situazione rappresenta, a giudizio dei Consiglieri Comunali, una violazione ai principi di chiarezza, esattezza, tempestività e completezza del Bilancio. Per verificare se la preoccupazione, peraltro legittima, dei Consiglieri Comunali ha un fondamento, bisogna analizzare la situazione reale alla luce del quadro normativo esistente. E'noto che ICS con lettera del 20 novembre 2014, pervenuta il 27 novembre 2014, protocollo 51179, ha fatto sapere che a seguito del fallimento del concessionario On Sport, dichiarato con sentenza del Tribunale di Milano in data 27 ottobre 2014, si è proceduto alla risoluzione del mutuo ipso iure contratto da On Sport e alla classificazione a sofferenza della posizione in 10

12 base a quanto previsto in contratto e in ottemperanza alla normativa Banca d'italia. Per quanto sopra il Comune, quale garante per effetto della fideiussione rilasciata ai sensi del contratto di mutuo, avrebbe dovuto versare entro e non oltre il 27 novembre 2014 la somma di euro ,20 per i titoli di cui al dettaglio allegato alla predetta nota, oltre agli ulteriori interessi di mora maturati e maturandi dalla data di risoluzione del 13 novembre 2014 alla data dell effettivo pagamento al tasso di mora previsto in contratto. Ciò che è estremamente grave ed essenziale è considerare che il fallimento di On Sport ha determinato anche la risoluzione del contratto di mutuo tra On Sport e ICS, il quale a questo punto chiede legittimamente l intera somma mutuata e non solo le rate scadute. Tuttavia ICS dovrà innanzitutto, a norma dell articolo 475 del Codice di Procedure Civile, procurarsi un titolo esecutivo per potere agire contro il Comune, nel caso di specie un decreto ingiuntivo. Sulla base di tale titolo potrebbe poi agire in via esecutiva sui beni del Comune; naturalmente solo su quelli che possono essere oggetto di pignoramento. Giova evocare l articolo 14, comma 1 del Decreto Legge numero 669 del '96 convertito con Legge numero 30 del '97, il quale stabilisce che le Amministrazioni dello Stato e gli Enti Pubblici non economici completano le procedure per l'esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali e dei lodi arbitrali aventi efficacia esecutiva e comportanti l obbligo di pagamento di somme di denaro entro il termine di 120 giorni dalla notificazione del titolo esecutivo. Prima di tale termine il creditore non può procedere ad esecuzione forzata, né alla notifica di atto di precetto. La disposizione chiaramente è indirizzata ad Amministrazioni ed Enti vincolati dal Bilancio, al fine precipuo di definire le operazioni contabili necessarie a rendere esigibili i crediti degli amministrati derivanti dai titoli esecutivi e indipendentemente dalla natura della posizione soggettiva afferente al credito, costituisce norma che vincola per i profili procedimentali l azione della Pubblica Amministrazione alle quali si rivolge. Per quanto detto, il Comune di Cologno al Serio avrà a disposizione 120 giorni dalla notifica del decreto ingiuntivo per reperire le risorse necessarie a soddisfare l obbligazione. A tale proposito, l articolo 244 del TUEL, nel disciplinare le condizioni di dissesto finanziario, stabilisce che si ha stato di dissesto finanziario se esistono nei confronti dell Ente locale crediti liquidi ed esigibili di terzi, cui non possa farsi fronte né con vendite di beni immobili, né con avanzo di amministrazione, né mediante un piano di rateizzazione della durata di tre anni finanziari compreso quello in corso convenuto con i creditori. 11

13 E'facile arguire che l Ente, al fine di evitare il dissesto finanziario, non potendo reperire risorse sufficienti per soddisfare la pretesa obbligatoria di ICS, dovrà convenire con detto istituto per una moratoria del pagamento di quanto dovuto, almeno fino a quando non avrà individuato con gara ad evidenza pubblica un nuovo gestore, o concessionario, ed altresì concordare per la ristrutturazione del debito con ICS attraverso la conversione del debito in un nuovo mutuo. E ciò perché ICS, in caso di apertura della procedura di dissesto, sarebbe impedito ad intraprendere azioni esecutive e, se già iniziate, subirebbe l improcedibilità. Ritengo che un'azione incisiva presso ICS nel senso prospettato eviterebbe l'apertura del dissesto. Tali considerazioni impongono la necessità che il Consiglio Comunale approvi, ai sensi dell articolo 175, comma 8 del TUEL, l'assestamento generale di Bilancio, non potendo, per quanto detto, iscrivere in Bilancio il debito esistente con ICS in assenza di un titolo esecutivo, il quale, dopo essere stato notificato, necessita che diventi efficace solo dopo il decorso dei termini di cui all'evocato articolo 14 Decreto Legge numero 669 del 1996, ovvero 120 giorni. Resta la forte urgenza di portare a compimento le necessarie iniziative con ICS per ottenere la moratoria, cioè sospensione dalla escussione del debito con la conseguente ristrutturazione del debito attraverso la conversione in un mutuo anche trentennale, onde evitare, come peraltro emerge dalla preoccupazione posta dal Gruppo di minoranza, il dissesto finanziario ex articolo 240 del TUEL. Nelle su esposte considerazioni è il parere del Segretario Comunale. Dottor Fortunato. Seg. Gen. Dott. FORTUNATO VITTORIO Io volevo fare una considerazione di questo tipo: tra l'altro, vi do lettura breve di un brano di una sentenza del TAR della Puglia, Lecce, la sentenza è del 2006 numero 2573, e la massima dice (vi leggo la massima): Il termine perentorio del 30 novembre previsto dall articolo 175, comma 8 del Decreto Legislativo 2000, secondo cui le variazioni del Bilancio possono essere deliberate non oltre il 30 novembre di ciascun anno e quindi il Consiglio Comunale se non deliberasse oggi se ne assume la responsabilità, perché è ovvio che io e Gabriella Bernini alleghiamo i pareri che sono stati testé letti, dicevo se non viene appunto deliberato entro questa data si riferisce letteralmente alla deliberazione e non all inizio dei lavori. Che era successo? In un Comune della Provincia di Lecce questi avevano iniziato la seduta il 30 e avevano finito il 2. Il TAR ha annullato tutto l assestamento. 12

14 Il che significa che, se venisse annullata la delibera di oggi, se non la prendessimo, chiaramente cadrebbero tutti i presupposti. Poi rispondo chiaramente sul tema molto interessante posto dai Consiglieri della minoranza. Dicevo: se il Consiglio Comunale non assumesse questa delibera, ovviamente se ne assume le responsabilità. Ora io dico una cosa come giurista: i Consiglieri Comunali di minoranza pongono il dito nella piaga e hanno ragione, però da qui a pensare che la Procura della Corte dei Conti possa impallinare la delibera di oggi, io sono sufficientemente tranquillo che, se leggono il mio parere, archiviano, perché senza presunzione il parere che ho fatto è fatto in base alla legge. Tra l'altro, il Sindaco ha omesso di citare una sentenza del Consiglio di Stato che appunto dice in maniera chiara: qual è lo scopo dei 120 giorni? Perché è stato concesso questo privilegio che i privati non hanno? Quello cioè di evitare che una procedura esecutiva, quindi un debito così pesante, così pesante... Attenzione che qui non è in discussione il perché è stata data fideiussione, lì sarà l Autorità Giudiziaria che si occuperà nelle competenti sedi se ci sono delle responsabilità. Il tema decidendum di oggi, non voglio essere frainteso, deve essere chiaro, il tema di decisione è se il Comune possa sulla scorta, ripeto e ribadisco, della legittima preoccupazione del Gruppo non deliberare l'assestamento. Ma scusate, ma il Comune di Cologno, fuori dai denti, non ce li ha. Cosa iscrive in Bilancio? Sarebbe falso dire che ipotizziamo di vendere nel 2015 un immobile, perché voi conoscete bene e la congiuntura economica non consente con gli immobili che avete. Quindi sarebbe una presa in giro iscrivere e fare un Pluriennale inserendo un bene, perché a questo punto noi funzionari ci opporremmo. Visto l andazzo che ha preso la questione delle piscine, a questo punto noi Dirigenti poniamo dei paletti e diciamo: o ci si muove nell alveo della legalità, oppure chiaramente noi ci dissociamo. Quindi la preoccupazione, dico legittima, è frenata dal fatto che la legge consente questo termine di 120 giorni. La lettera raccomandata ha un valore chiaramente intimidatorio per dire Comune, è un anno che ti sto dicendo. Ti vuoi interessare a sbloccare la situazione?. Quindi è comprensibile essendo un'azienda pubblica. Non è una banca privata, l'istituto per il Credito Sportivo è praticamente gestito dal Ministero del Tesoro e quindi è soggetto alla giurisdizione, al pari nostro, della Corte dei Conti. 13

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

DOSSIER CENTRO NATATORIO. a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio

DOSSIER CENTRO NATATORIO. a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio DOSSIER CENTRO NATATORIO a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio Un caso limite di project financing: il centro natatorio di Cologno al Serio (Bg) Introduzione Nel

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 25/05/2006 OGGETTO: D.L. n. 444 del 27.10.1995,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 18 In data 23/05/2012 Prot. N. 7819 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano molte amministrazioni pubbliche, negli ultimi anni vari provvedimenti sono stati

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Il Sindaco-Presidente pone in discussione il presente punto dell o.d.g. e affida la parola all Assessore di Reparto che relaziona nei seguenti termini: ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Le Leggi finanziarie 2002

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lazise Provincia di Verona n. 223 Registro deliberazioni del 19-12-2013 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N.

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. Città di Albino Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. 21 DEL 20/04/2015 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da:

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da: Deliberazione n. 124/PAR/2015 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da: Presidente di Sezione Agostino

Dettagli

VADEMECUM COME COMPORTARSI CON LE AGENZIE DI RECUPERO CREDITI

VADEMECUM COME COMPORTARSI CON LE AGENZIE DI RECUPERO CREDITI Associazione Avvocato in Famiglia VADEMECUM COME COMPORTARSI CON LE AGENZIE DI RECUPERO CREDITI Un giorno potresti avere a che fare con un agenzia di recupero crediti, magari a causa di una malattia, o

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Lombardia/92/2010/PAR

Lombardia/92/2010/PAR Lombardia/92/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott.

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Comune di Galliera rovincia di Bologna DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO ER LA DISCILINA DEGLI ORARI ER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI GIOCO LECITO SUL

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: INTERPELLANZA presentata dal gruppo consiliare Progetto Filottrano con oggetto: "funzionamento ufficio postale e ADSL". L'Anno Duemiladieci il giorno Quindici

Dettagli

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA Del. n. 408/2015/QMIG SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Roberto TABBITA Maria Annunziata RUCIRETA Paolo PELUFFO Nicola BONTEMPO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO

Dettagli

Deliberazione n. 97/2008/G

Deliberazione n. 97/2008/G Deliberazione n. 97/2008/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia-Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno dr. Antonio Libano dr. Massimo Romano dr.ssa

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 !.. CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 "Cessione delle quote sociali della Farmacia Comunale: discussione ed analisi della nuova perizia di stima delle quote sociali, redatta dal Dr. Giuseppe Tanisi"

Dettagli

COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE COMUNE di COLOGNO AL SERIO CONSIGLIO COMUNALE del 23-04-2015 Buonasera a tutti. Iniziamo questo Consiglio Comunale. Prego Dottor Fortunato di fare l appello. Il Segretario procede all appello. OGGETTO

Dettagli

10 COSE DA SAPERE SUL SOVRAINDEBITAMENTO E SULLA LEGGE 3/2012

10 COSE DA SAPERE SUL SOVRAINDEBITAMENTO E SULLA LEGGE 3/2012 10 COSE DA SAPERE SUL SOVRAINDEBITAMENTO E SULLA LEGGE 3/2012 1) Definizione di sovraindebitamento secondo la L. 3/2012 Sovraindebitamento è la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI ALLEGATO A) CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione prevede la gestione

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell amministrazione giudiziaria

Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell amministrazione giudiziaria Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell amministrazione giudiziaria Procedimento competitivo Il decreto introduce maggiore concorrenza

Dettagli

GESTIONE DELLA CLIENTELA

GESTIONE DELLA CLIENTELA GESTIONE DELLA CLIENTELA Presupposto fondamentale per una corretta gestione, telefonica e diretta, dei clienti e delle relative richieste di finanziamento è l ottima conoscenza: 1) dei prodotti; 2) dei

Dettagli

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO Invece sulla questione dei rigassificatori non c è dubbio che dovremmo averne qualcuno e qui c è una storia che è proprio tutta italica. da A

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO ALLE ASSUNZIONI DI PERSONALE ATTRAVERSO PROCEDURE PUBBLICHE DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE PROVINCIA DI PADOVA COPIA Deliberazione nr. 15 Prot. nr. COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE PROVINCIA DI PADOVA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di 1ª convocazione - seduta Pubblica Oggetto:

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO DETERMINAZIONE DEL COMPENSO Per rendere consapevole la decisione del Cliente e trasparente il rapporto che si va ad instaurare abbiamo creato questo documento che spiega i criteri per la determinazione

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 29 OGGETTO: Assestamento di bilancio esercizio 2012 - L'anno DUEMILADODICI addi` TRENTA del mese di NOVEMBRE alle ore 21,00 presso la sala

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Relazione Fiduciario Amministrativo

Relazione Fiduciario Amministrativo Relazione Fiduciario Amministrativo La principale responsabilità del Comitato è di fare in modo che non spendiamo cosi tanto da rimanere senza fondi, pena il fallimento. Questo è il posto dove denaro e

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO Io sottoscritto Lucio Malan, nato a Luserna San Giovanni il giorno 30 luglio 1960, ivi residente in strada vecchia di Bricherasio 8, Senatore

Dettagli

Municipio di Lumino Pag. 1

Municipio di Lumino Pag. 1 Municipio di Lumino Pag. 1 concernente la trasformazione del prestito che il Comune di Lumino vanta nei confronti della Funivia Pizzo di Claro SA di CHF 120'000 in capitale azionario (di pari importo)

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende:

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende: Oggetto: Integrazione alle direttive in materia di recupero dei crediti regionali contenute nella Delib.G.R. n. 28/33 del 24.6.2011. Definizione dei criteri, presupposti e procedure per la declaratoria

Dettagli

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COPIA Verbale di deliberazione CONSIGLIO COMUNALE Delibera n. 27 del 20/11/2014 Oggetto: RINEGOZIAZIONE DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) Delibera N. 54 del 30/11/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione - Seduta pubblica OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO

Dettagli

Parte III. Titolo I Disposizioni generali Titolo IV Disposizioni particolari Titolo V Estensioni particolari a particolari materie.

Parte III. Titolo I Disposizioni generali Titolo IV Disposizioni particolari Titolo V Estensioni particolari a particolari materie. Le questioni indicate nel tema assegnato sono trattate nelle seguenti parti delle disposizioni particolari sul patrocinio dello Stato nel processo civile, amministrativo, contabile e tributario della Legge

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

BENI MOBILI MATERIALI

BENI MOBILI MATERIALI Una volta accertati i requisiti per l attuazione di un esecuzione forzata, il creditore richiede all ufficiale giudiziario di procedere nei confronti dei beni del debitore. Possono essere oggetto di esecuzione

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

COMUNE DI GIOIA SANNITICA Provincia di Caserta

COMUNE DI GIOIA SANNITICA Provincia di Caserta COMUNE DI GIOIA SANNITICA Provincia di Caserta Prot. 3616 del 20/05/2014 Al Responsabile Area: Finanziaria Amministrativa Tecnica Vigilanza e p.c. Al Sig. Sindaco Al Revisore Unico dei Conti SEDE OGGETTO:

Dettagli

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Interventi dei Sigg. Consiglieri Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Passiamo al decimo punto dell ordine del giorno: Approvazione delle modifiche al regolamento

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli