Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle"

Transcript

1 ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1

2 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori civili! Rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni! Affrancamento del saldo attivo di rivalutazione 2

3 La disciplina della Rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni, nonché del riallineamento e dell affrancamento è contenuto nei commi dal 140 al 146 dell orticolo Unico della Legge di stabilità Il comma 146 dispone che Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni degli articoli 11, 13, 14 e 15 della Legge 21 novembre 2000 n. 342, quelle del Decreto del Ministro delle Finanze 13 aprile 2001, n. 162 (Regolamento attuativo della Legge 342/2000), nonché le disposizioni del regolamento di cui al Decreto del Ministero dell Economia e delle finanze 19 aprile 2002, n. 86, e dei commi 475, 477 e 478 dell articolo 1 della Legge 30 dicembre 2004, n

4 PRASSI DI RIFERIMENTO Circolare n. 247/E del 16/11/2000 Circolare n. 5/E del 05/01/2001 Circolare n. 57/E del 18/06/2001 Circolare n. 57/E del 25/06/2002 Circolare n. 18/E del 13/06/2006 4

5 IL RIALLINEAMENTO Il riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori civili, stante il richiamo del comma 146 all art. 14 della Legge 342/2000, va visto in un ottica di semplificazione per le imprese. Il riallineamento è l unica disposizione di cui possono usufruire anche i soggetti IAS ADOPTER Le imprese possono adeguare i valori fiscali ai maggiori valori civilistici. 5

6 IL RIALLINEAMENTO La disciplina del riallineamento non è preclusiva rispetto a quella della rivalutazione. Il riallineamento può essere effettuato su singoli beni mediante il pagamento di una imposta sostitutiva del 16% per i beni ammortizzabili e del 12% per i beni non ammortizzabili e per le partecipazioni. Il riallineamento avrà riconoscimento fiscale dal 1 gennaio 2016 (terzo esercizio successivo). 6

7 IL RIALLINEAMENTO Presupposto per il riallineamento è che i beni siano presenti nei bilanci al 31/12/2012 e 31/12/2013. Il riallineamento potrà essere effettuato solo nella dichiarazione per l anno 2013 (prima dichiarazione utile). Il riallineamento è condizionato all apposizione di un vincolo, per il proprio importo al netto dell imposta sostitutiva versata, su una quota delle riserve (cd. in sospensione d imposta); in caso di incapienza delle riserve il vincolo potrà essere apposto su una quota del capitale. 7

8 IL RIALLINEAMENTO IN UNICO 2014 Il riallineamento si perfeziona con l indicazione nel quadro RQ - Sez. XXI-B del Modello Unico 2014 e con il pagamento della prima rata entro il 16/06/2014 ovvero entro il 16/07/2014 con la maggiorazione dello 0,40%

9 LA RIVALUTAZIONE! AMBITO SOGGETTIVO AMBITO OGGETTIVO MODALITA DI RIVALUTAZIONE EFFETTI FISCALI NORMA ANTIELUSIVA MODELLO UNICO 9

10 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO SOGGETTIVO Ai sensi del comma 140 della Legge di stabilità possono avvalersi della rivalutazione: - Le S.p.A., le S.R.L. e le S.a.P.A.; - Le società cooperative; - Le società di mutua assicurazione; - Gli enti pubblici e privati, diversi dalle società, nonché i trust, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali, per i beni relativi all attività d impresa esercitata. 10

11 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO SOGGETTIVO Possono inoltre avvalersi della rivalutazione, ai sensi del rimando all art. 15 della Legge n. 342/2000 anche: - Gli imprenditori individuali, per i beni relativi all attività d impresa; - Le S.n.c. e le S.a.s.; - Gli enti pubblici e privati, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali, per i beni relativi all attività d impresa esercitata; - Le società ed enti di ogni tipo, nonché persone fisiche, non residenti, che svolgono nel territorio dello Stato attività d impresa mediante stabili organizzazioni. 11

12 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO SOGGETTIVO Possono avvalersi della rivalutazione sia le imprese in contabilità ordinaria che quelle in contabilità semplificata; per tali ultimi contribuenti è previsto che i beni oggetto della rivalutazione debbono risultare acquisiti dal registro dei beni ammortizzabili ovvero dal registro Iva acquisti entro il 31/12/2012 e che la rivalutazione effettuata debba risultare da apposito prospetto di rivalutazione (Risoluzione 14/E del 3 marzo 2010). La rivalutazione è possibile per i soli soggetti che adottano i Principi contabili nazionali nella redazione del bilancio di esercizio. 12

13 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO OGGETTIVO L ambito oggettivo della rivalutazione è indicato nella seconda parte del comma 140 ed al comma 141. In ragione di ciò possono essere rivalutati, anche in deroga all art del C.C. e ad ogni altra disposizione di legge vigente in materia, i beni d impresa e le partecipazioni di controllo e collegamento (ai sensi dell art del C.C.) con esclusione degli Immobili merce iscritti nell attivo circolante. 13

14 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO OGGETTIVO La rivalutazione va effettuata nel bilancio, o rendiconto, dell esercizio successivo a quello in corso al 31/12/2012, ovverosia nel bilancio la cui approvazione scade successivamente al 1 gennaio 2014, data di entrata in vigore della Legge di Stabilità 2014: tuttavia i beni da rivalutare devono però obbligatoriamente essere già iscritti anche nel bilancio dell esercizio precedente (31/12/ /12/2013 per le società con esercizio coincidente con l anno solare). 14

15 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO OGGETTIVO Risultano pertanto rivalutabili: le immobilizzazioni materiali, ammortizzabili o meno, quali, ad esempio, gli immobili, i beni mobili iscritti in pubblici registri, gli impianti ed i macchinari, le attrezzature industriali e commerciali; le immobilizzazioni immateriali, costituite da beni consistenti in diritti giuridicamente tutelati quali, ad esempio: i diritti di brevetto industriale ed i diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno, i diritti di concessione, licenze, marchi, know-how, altri diritti simili iscritti nell'attivo del bilancio ovvero, ancorché non più iscritti in quanto interamente ammortizzati, che siano ancora tutelati ai sensi delle vigenti disposizioni normative; le partecipazioni in società controllate o collegate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile, sempre che le stesse costituiscano immobilizzazioni. 15

16 LA RIVALUTAZIONE - AMBITO OGGETTIVO Non possono invece essere rivalutati: gli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l'attività di impresa; avviamento, costi pluriennali, beni monetari (denaro, crediti, obbligazioni, comprese quelle convertibili, ecc.); partecipazioni che non siano di controllo o di collegamento ai sensi dell'art del cod. civ; beni immobili con leasing ancora in corso, in quanto tali beni non risultano ancora iscritti nel bilancio della società utilizzatrice, mentre per la società concedente i beni risultano iscritti tra le immobilizzazioni finanziarie. 16

17 LA RIVALUTAZIONE - MODALITA La rivalutazione deve riguardare tutti i beni appartenenti alla stessa categoria omogenea, ai sensi dell art. 5 del D. M. n. 162/2001. Una volta definita la categoria omogenea, tutti i beni appartenenti alla stessa andranno obbligatoriamente rivalutati. La rivalutazione deve essere iscritta sul libro inventario per i soggetti in contabilità ordinaria ovvero sull apposito prospetto per i contribuenti in contabilità semplificata. 17

18 LA RIVALUTAZIONE - MODALITA CATEGORIE OMOGENEE! Le partecipazioni, iscritte nelle immobilizzazioni finanziarie, vanno suddivise in categorie omogenee ai sensi dell art. 94 del TUIR. I beni materiali ammortizzabili (diversi dagli immobili e dai beni iscritti in pubblici registri) vanno suddivisi in categorie omogenee per anno di acquisizione e coefficiente di ammortamento, facendo riferimento alle singole voci, ordinate in Specie e Gruppi di cui al D.M. 31 dicembre I beni immobili ammortizzabili vanno suddivisi in: fabbricati strumentali per natura e fabbricati strumentali per destinazione. Per gli immobili che possono essere considerati strumentali sia per natura che per destinazione (es. ufficio ove è ubicata la sede della società) vanno compresi nella categoria degli immobili strumentali per destinazione. 18

19 LA RIVALUTAZIONE - MODALITA CATEGORIE OMOGENEE! I beni immobili non ammortizzabili vanno suddivisi nelle seguenti categorie omogenee: aree non fabbricabili; aree fabbricabili; aree ove insistono gli immobili; immobili non strumentali (immobili patrimonio). I beni iscritti in pubblici registri vanno suddivisi nelle seguenti categorie omogenee: aeromobili; veicoli; navi;imbarcazioni iscritte nel registro internazionale; imbarcazioni non iscritte nel registro internazionale. (N.B. I beni a deducibilità limitata come auto e telefoni possono essere esclusi dalla rivalutazione; ove inclusi, la rivalutazione va fatta per l intero valore). I beni immateriali vanno considerati singolarmente.! 19

20 LA RIVALUTAZIONE - MODALITA Il limite entro cui può essere effettuata la rivalutazione è rappresentato dal valore economico del bene, ovverosia il valore effettivamente attribuibile al bene in base al valore corrente (determinato in base ai valori correnti e alle quotazioni dei mercati regolamentati) ovvero al valore interno determinato in base alla capacità produttiva ed all effettiva possibilità economica di utilizzo nell impresa. 20

21 LA RIVALUTAZIONE - MODALITA La rivalutazione in bilancio potrà essere effettuata esclusivamente con le seguenti modalità:! 1.Rivalutazione del maggior valore dei beni e dei relativi fondi di ammortamento; 2.Rivalutazione del solo valore del bene; 3.Riduzione del fondo di ammortamento.! L unica modalità che comporta l invarianza del periodo di ammortamento è la n. 1, mentre con la n. 2 e la n. 3, a parità di coefficiente di ammortamento, il processo di ammortamento subirà una riduzione ovvero un allungamento (in tale caso si potrà variare il coefficiente di ammortamento, dandone indicazione in nota integrativa). 21

22 Allegato 3 Situazione ante - rivalutazione Costo storico = Aliquota di ammortamento 20% Anno di acquisto 1997 Valore di sostituzione = (costo di acquisto di un bene nuovo della medesima tipologia) Piano di ammortamento originario anno quota amm.to fondo Stato Patrimoniale Attivo Cespite Fondo al Valore residuo Amm.to teorico Valore residuo ante-rivalutazione Passivo Valore di mercato Rivalutazione max = Valore mercato - Val. res. anno =

23 Metodo 1 - Rivalutazione del cespite e del fondo 2 Coefficiente di rivalutazione = Riv. max / Val. residuo % = / Val. residuo ammortizzabile = Val. mercato + Amm.to teorico = Nuovo piano di ammortamento anno amm.to fondo magg.ne amm.to rivalutazione fondo Stato Patrimoniale post-rivalutazione Attivo Passivo Cespite Saldo di rivalutazione Fondo al Debiti tributari 380 Valore residuo Ammotamento Valore residuo Verifica del limite economico della rivalutazione: 1) Valore residuo Maggiori ammortamenti = Valore di mercato = ) Costo lordo rivalutato (9.000) < valore di sostituzione (10.000) Scritture contabili della rivalutazione Cespite a diversi a Fondo amm.to a Saldo di rivalut.ne Saldo di rivalut.ne a Debiti tributari

24 3 Metodo 2 - Rivalutazione del solo cespite Costo storico = Importo rivalutazione = Costo storico rivalutato = Nuovo piano di ammortamento anno amm.to fondo magg.ne amm.to rivalutazione cespite Stato Patrimoniale post-rivalutazione Attivo Passivo Cespite Saldo di rivalutazione Fondo al Debiti tributari 380 Valore residuo Ammortamento Valore residuo Verifica del limite economico della rivalutazione: 1) Valore residuo Maggiori ammortamenti = Valore di mercato = ) Costo lordo rivalutato (7.000) < valore di sostituzione (10.000) Scritture contabili della rivalutazione Cespite a Saldo di rivalut.ne 2000 Saldo di rivalut.ne a Debiti tributari

25 4 Metodo 3 - Riduzione del fondo di ammortamento Fondo al 1999 = Importo riduzione = 2000 Nuovo piano di ammortamento anno amm.to fondo riduzione fondo Stato Patrimoniale post-rivalutazione Attivo Passivo Cespite Saldo di rivalutazione Fondo al Debiti tributari 380 Riduzione fondo Valore residuo Ammortamento Valore residuo Verifica del limite economico della rivalutazione: 1) Valore residuo Maggiori ammortamenti = Valore di mercato = Scritture contabili della rivalutazione Fondo ammortamento a Saldo di rivalutazione 2000 Saldo di rivalut.ne a Debiti tributari

26 LA RIVALUTAZIONE - EFFETTI FISCALI Ai sensi del comma 143 della Legge di Stabilità il maggior valore attribuito ai beni si considera fiscalmente riconosciuto a decorrere dal terzo esercizio successivo a quello di effettuazione della rivalutazione mediante il pagamento delle imposte sostitutive (la rivalutazione è effettuabile solo mediante il pagamento delle imposte sostitutive per il riconoscimento fiscale dei maggior valori, in quanto non è prevista una rivalutazione solo civilistica dei beni). Dal 1 gennaio 2016 (per le società con esercizio coincidente con l anno solare) potranno quindi essere riconosciuti i maggior valori anche al fine degli ammortamenti fiscali, mentre gli ammortamenti civilistici effettuati nel triennio antecedente dovranno essere recuperati a tassazione mediante apposita variazione in aumento. 26

27 LA RIVALUTAZIONE - NORMA ANTIELUSIVA I beni oggetto di rivalutazione non potranno essere ceduti, assegnati ai soci, destinati a finalità estranee all esercizio dell impresa ovvero al consumo personale o familiare dell imprenditore prima dell inizio del quarto periodo d imposta successivo a quello nel bilancio in cui la rivalutazione è stata effettuata. Qualora ciò accada: 1)La plusvalenza sul bene viene calcolata come se il bene non fosse stato oggetto di rivalutazione; 2)La riserva in sospensione d imposta deve essere diminuita per un importo pari alla rivalutazione del bene ceduto ovvero assegnato a finalità estranee a quelle d impresa, etc. ed aumentata per un importo pari all imposta sostitutiva versata sul bene ceduto oggetto di rivalutazione; 3)E riconosciuto un credito d imposta pari all imposta sostitutiva versata per lo stesso bene. 27

28 LA RIVALUTAZIONE - EFFETTI FISCALI Ai fini della norma dettata dall art. 30 della Legge n. 724/1994 del maggior valore rivalutato dovrà cominciare a tenersi conto dal periodo d imposta in cui è riconosciuta valenza fiscale alla rivalutazione (si veda Circolare n. 25/E/ 2007). 28

29 RQ63 RQ LA RIVALUTAZIONE RQ65 Eccedenza di ROL riportabile NEL MODELLO UNICO SEZIONE XIX RQ66 Risultato operativo lordo 1 Interessi passivi non deducibili riportabili 17 Interessi passivi La rivalutazione RQ67 si perfeziona con l indicazione nel Determinazione imponibile 8 9 quadro RQ - Sez. XXI-A del Modello Unico 2014 e con il pagamento in unica soluzione dell imposta RQ sostitutiva entro il 16/06/2014 ovvero entro il Imposta codice 1 16/07/2014 RQ69 con la maggiorazione dello 0,40% Imposta sostitutiva sui maggiori valori delle partecipazioni (art. 15, commi 10 bis e 10 ter, D.L. n. 185/2008) SEZIONE XX Imposta sostitutiva per attività di noleggio (art. 49-bis, D.Lgs. n. 171/2005) SEZIONE XXI-A Rivalutazione dei beni e delle partecipazioni RQ70 RQ71 RQ72 RQ73 Anno operazione 1 Tipo operazione Rivalutazione dei beni ammortizzabili 18 Interessi passivi precedente periodo d imposta 2 Soggetto subentrato Rivalutazione dei beni non ammortizzabili Rivalutazione delle partecipazioni 3 Differenza contabile Interessi attivi Precedente periodo d imposta Avviamento 4 Importo Interessi passivi direttamente deducibili Presente periodo d imposta 1 1 Marchi Proventi Aliquota 5 Eccedenza interessi passivi Interessi passivi deducibili Altre attività immateriali Imposta 16% 10 16% Imposta codice 2 Imposta Imposta 1 16% % 12% 29

30 L AFFRANCAMENTO DELLA RISERVA DI RIVALUTAZIONE A fronte dei maggiori valori iscritti nell attivo del bilancio dovrà obbligatoriamente essere iscritta una contropartita nel passivo dello stato patrimoniale. Tale contropartita potrà essere portata ad aumento del capitale, con obbligo di vincolo dello stesso, oppure essere iscritto in un apposita riserva, denominata Riserva di rivalutazione ai sensi della Legge 147/2013. Ciò vuol dire che la eventuale distribuzione della riserva (cd. vincolata ovvero in sospensione d imposta ), costituirà reddito in capo alla società ed ai soci. 30

31 L AFFRANCAMENTO DELLA RISERVA DI RIVALUTAZIONE Tuttavia è possibile, mediante il pagamento di una imposta sostitutiva dei redditi, dell Irap e di eventuali addizionali nella misura del 10%, (commi 142 e 145), da versarsi in una soluzione alla scadenza del versamento delle imposte, affrancare (ovvero liberare dal vincolo di indisponibilità) tale riserva, in modo che l eventuale distribuzione della stessa non costituisca reddito in capo alla società e possa essere trattata alla stregua dei dividendi in capo ai soci. 31

32 L AFFRANCAMENTO DELLA RISERVA DI RIVALUTAZIONE Va precisato che l affrancamento va calcolato sulla riserva senza diminuzione per l imposta sostitutiva versata; inoltre l affrancamento della riserva non produce alcun effetto sul periodo di riconoscimento del maggior valore rivalutato dei beni. Quindi, il versamento dell imposta sostitutiva renderà libera dal vincolo la riserva immediatamente, ma il riconoscimento dei maggior valori rivalutati nell attivo avrà comunque riconoscimento fiscale solo dal 1 gennaio

33 L AFFRANCAMENTO NEL MODELLO UNICO Per perfezionare l affrancamento della Riserva di rivalutazione bisogna compilare la sezione XXI - C del Modello Unico 2014 e versare l intero importo Codice fiscale Mod. N. SEZIONE XXI-B RQ74 Maggiori valori dei beni ammortizzabili 16% Riconoscimento RQ75 Maggiori valori dei beni non ammortizzabili 12% dei dell imposta maggiori valori sostitutiva del 10% entro il termine di dei beni e delle RQ76 Maggiori valori delle partecipazioni 12% partecipazioni versamento del saldo delle imposte per l anno Rata 2013 RQ77 Totale imposte SEZIONE XXI-C Importo Aliquota Imposta RQ78 Saldo di rivalutazione/riserva vincolata 1 Affrancamento 10% 2 Rata RQ79 Imposta SEZIONE XXII Quote di partecipazione al capitale della Banca d Italia Maggior valore 1 12% 2 RQ80 Rata 3 Con la compilazione della sezione XXI - C e il versamento della relativa sostitutiva al 10% è anche possibile rimuovere il vincolo sulle riserve e/o sul capitale apposto a seguito del riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori civilistici (anche soggetti IAS) Aliquota Imposta 33

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO SIMONETTA MANFREDINI STEFANO LUPINI MASSIMO SCOTTON MARCO SANGUINETI SIMONE PAZZAGLIA PAOLA BROVERO

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 19 gennaio 2009 FONTI NORMATIVE ART. 15, COMMI DA 16 A 23, DL 29.11.2008, N. 185 SI APPLICANO, IN QUANTO COMPATIBILI, LE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA E DELLE PARTECIPAZIONI LA RIVALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI NON ANCORA EDIFICATE (Legge 23 dicembre 2005, n. 266) Documento n. 10 del 4 maggio

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili SINTESI L art. 15 del D.L. 29/11/2008 n. 185, nella formulazione adottata con la conversione in legge, consente alle imprese di procedere

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF072 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO MANUTENZIONE ORDINARIA - NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITÀ DAL 2012 RIFERIMENTI ART. 102, CO. 6, TUIR; ART.

Dettagli

Criticità dei metodi patrimoniali:

Criticità dei metodi patrimoniali: Criticità dei metodi patrimoniali: Valutano l azienda guardando al presente senza considerare le potenzialità future; A livello internazionale non sono considerati un vero e proprio metodo; In Italia sono

Dettagli

La rivalutazione degli immobili ex D.L. 185/2008 convertito in L. 2/2009

La rivalutazione degli immobili ex D.L. 185/2008 convertito in L. 2/2009 La rivalutazione degli immobili seminario organizzato da: Bari, 25 marzo 2009 Facoltà di Economia Università degli Studi di Bari Ferdinando Boccia dottore commercialista in Bari www.ferdinandoboccia.it

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore - Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 22 Febbraio 2008 1 Studio Legale Tributario in association with Definizione Il conferimento d azienda è un operazione

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 A cura di Celeste Vivenzi LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 La Legge di stabilità per il 2014 ( Legge n.147-2013) ripropone l'ennesima possibilità di rivalutare i seguenti

Dettagli

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI a cura di CELESTE VIVENZI PREMESSA NORMATIVA ll libro inventari è un adempimento posto a carico dell imprenditore che esercita un attività commerciale, disciplinato

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 01/12/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i LE NOVITÀ DEL LEASING - Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti e per le imprese - Sale & lease back: opportunità e cautele -Analisi comparativa e di convenienza dei

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Il conferimento Disciplina fiscale ed opzioni contabili 1 Nell ambito dell imposizione diretta, il regime fiscale cui è soggetta l operazione di conferimento

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole IRPEF Detrazioni per gli interventi finalizzati al risparmio energetico (di cui all art. 1, comma 48, legge 220 del 13.12.2010) Le detrazioni

Dettagli

Assegnazione e cessione beni ai soci

Assegnazione e cessione beni ai soci MAP Assegnazione e cessione beni ai soci Le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 A cura di Alberto Marengo Dottore Commercialista in Torino L articolo esamina la disciplina introdotta dalla

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

OGGETTO: Semplificati e rivalutazione dei beni d impresa

OGGETTO: Semplificati e rivalutazione dei beni d impresa Ai gentili Associati Loro sedi OGGETTO: Semplificati e rivalutazione dei beni d impresa Gentile Associato, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che

Dettagli

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175 Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 5 Giurisprudenza... 9 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Pagina 1 di 9 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici MERCOGLIANO Denominazione: SERVIZI S.R.L. CON UNICO SOCIO PIAZZA MUNICIPIO N. Sede: 1-83013 MERCOGLIANO (AV) Capitale

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

REGISTRAZIONI CONTABILI

REGISTRAZIONI CONTABILI REGISTRAZIONI CONTABILI presupposti civilistici risvolti fiscali perchè devo fare le registrazioni? come e quando devo fare le registrazioni? FINALITÀ CIVILISTICA art. 2423 definire con chiarezza un bilancio

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa LA NOTA INTEGRATIVA a cura di Norberto Villa Vecchio Codice 4 mesi 6 mesi se 2364-2 Nuovo Codice 120 giorni 180 giorni se Previsto da statuto Esigenze particolari Previsto da statuto Nel caso di... Nel

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Fonte normativa Art. 36 commi 7-8 legge 4

Dettagli

Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate

Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO ASSEGNAZIONE E TRASFORMAZIONE AGEVOLATE: LE IMPOSTE DIRETTE Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate DAVIDE CAMPOLUNGHI Commissione Diritto Tributario

Dettagli

LE NOVITÀ IN MATERIA DI RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI

LE NOVITÀ IN MATERIA DI RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI COMMISSIONE IMPOSTE DIRETTE LE NOVITÀ IN MATERIA DI RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI a cura di Daniela Casale, Umberto D Alò, Luigia Gentile, Francesco Parretta, Michele Testa SOMMARIO: 1. Premessa; 2. Ambito

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art.72 161 D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art.72 161 D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art.72 161 D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. ha sostituito l I.R.P.E.G. si applica a S.p.a.,S.a.p.a.,S.r.l.,cooperative,

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Informazioni generali sull'impresa

Informazioni generali sull'impresa Informazioni generali sull'impresa Denominazione Sede Codice fiscale Codice CCIAA Partita iva Numero REA Forma giuridica Capitale Sociale Settore attività prevalente (ATECO) Numero albo cooperative Appartenenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. OGGETTO: Rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni - articolo 1, commi 140 147, della legge 27 dicembre 2013, n.

CIRCOLARE N. 13/E. OGGETTO: Rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni - articolo 1, commi 140 147, della legge 27 dicembre 2013, n. CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni - articolo 1, commi 140 147, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 2 INDICE

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Trattamento contabile dell'imposta sostitutiva su Leasing Immobiliare Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Fabiano Falasconi GENERALITA

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale.

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale. Pagina 1 di 8 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE Sede: HOSPITAL S.P.A. PIAZZA UMBERTO PILOZZI N. 1-00038 VALMONTONE (RM) Capitale Sociale: 120.000

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario Le operazione di locazione finanziaria, nonostante la loro ampia diffusione, non hanno mai ricevuto una organica disciplina giuridica, consentendo

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI Il leasing finanziario a cura di Roberto Protani IL LEASING FINANZIARIO Il leasing finanziario è un contratto atipico non disciplinato dal Codice civile che consente all'impresa

Dettagli

Le novità della dichiarazione dei redditi 2014

Le novità della dichiarazione dei redditi 2014 Le novità della dichiarazione dei redditi 2014 4 di Efrem Carlo Longoni Anche quest anno saranno numerose le novità di cui tenere conto in sede di determinazione del carico fiscale e di compilazione dei

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

Allegato 3 al Progetto di fusione. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile

Allegato 3 al Progetto di fusione. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile Allegato 3 al Progetto di fusione Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA -

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO

BILANCIO CONSOLIDATO Page 1 of 9 BILANCIO CONSOLIDATO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: MEP SPA 20121 MILANO (MI) - PIAZZA DEL Sede: LIBERTY, 2 Capitale Sociale: 10.372.791 Capitale Sociale

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005 CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 novembre 2005 Oggetto: Chiarimenti in merito all ammortamento dei beni strumentali per l esercizio di alcune attività regolate. Articolo

Dettagli

Analisi dei rischi e continuità aziendale. Prof. Roberto Moro Visconti 2

Analisi dei rischi e continuità aziendale. Prof. Roberto Moro Visconti 2 Catania Relazione del prof. Roberto Moro Visconti docente di finanza aziendale nell Università Cattolica dottore commercialista in Milano roberto.morovisconti@morovisconti.it Analisi dei rischi e continuità

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A.

Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A. Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A. LOC. CASELLE 37060 SOMMACAMPAGNA (VR) CAPITALE SOCIALE: Sottoscritto Euro 52.317.408,00 i.v. Codice Fiscale e Partita IVA n.00841510233 Iscritta al

Dettagli