DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012"

Transcript

1 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del POR FSE L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale, ricorda che con deliberazione n. 23/2 del 29 maggio 2012 concernente Presa d atto della decisione della Commissione Europea C(2012)2362 del che modifica la decisione C(2007)6081 che adotta il Programma Operativo Regionale Sardegna Competitività Regionale ed Occupazione FSE CCI 2007IT052PO016 Modifica Delib.G.R. n. 4/24 del Aggiornamento del quadro riepilogativo delle competenze e rimodulazione finanziaria interna agli assi per il POR FSE Modifica Delib.G.R. 68/1 del , la Giunta regionale ha provveduto a definire e adeguare il nuovo quadro riepilogativo delle competenze amministrative e il relativo quadro delle risorse per l attuazione del POR FSE. Con la citata deliberazione n. 23/2, è stata tra l altro evidenziata la necessità di avviare una tempestiva verifica sullo stato di avanzamento del POR e sulle eventuali criticità che ne rallentassero l attuazione, al fine di ridurre i rischi di disimpegno delle risorse comunitarie e di valutare l opportunità di provvedere a destinare le risorse, anche ove precedentemente stanziate, verso iniziative che garantissero risultati tangibili nel rispetto dei tempi della programmazione comunitaria. In quest ottica, prosegue l Assessore, l Amministrazione regionale ha avviato una attività di concertazione e dialogo con il mondo della Cooperazione al fine di integrare e diversificare gli interventi già in essere e dedicati al settore, per creare sinergie e sviluppo. I dati rilevati nel 2010 dall albo delle Cooperative, precisa l Assessore, evidenziano la presenza in Sardegna di società, di cui la maggior parte operanti nei settori: produzione e lavoro (45%) e sociale (24%). Le cooperative costituiscono il 12,3% delle imprese sarde (dato 2010). Nel 2010 la Sardegna era la decima regione per numero di cooperative presenti, preceduta da: Lazio (11.551), Sicilia (10.346), Lombardia (10.249), Campania (8.277), Puglia (8.253), Emilia Romagna (5.760), Toscana (4.523), Veneto (4.083) e Piemonte (4.056). La posizione della Sardegna diventava sesta se rapportata alla popolazione (preceduta da: Basilicata, Valle d Aosta, Sicilia, Lazio e Puglia). 1/6

2 È stato rilevato che l effetto generato da un investimento in una cooperativa è, in termini di reddito prodotto, estremamente più impattante su questa tipologia di impresa che su qualsiasi altra e per tale ragione si ritiene sfidante favorire lo sviluppo del sistema cooperativistico. Annualmente il Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza sociale finanzia: - circa 246 cooperative (media anni ), tramite la L.R. n. 5/1957, con trasferimenti in conto capitale pari ad una percentuale del piano di spesa ammesso in genere non superiore ai euro negli ultimi tre anni, fatta eccezione per le cooperative in start up che nel 2011 hanno avuto un finanziamento pari al 50% del piano di investimenti approvato (pari a massimo euro); - circa 36 cooperative sociali (media anni ), tramite la L.R. n. 16/1997, con trasferimenti in conto occupazione. Le erogazioni vanno da un minimo di euro a un massimo di euro. Le risorse destinate al mondo della Cooperazione tramite le due leggi sopra citate, prosegue l Assessore, sono state pari a: - L.R. n. 5/ Euro per ciascuno degli anni 2010 e 2011 ed Euro nel 2012; - L.R. n. 16/ Euro nel 2010 e nel 2011 ed Euro nel Considerata pertanto la tipologia degli interventi in essere, le risorse attualmente disponibili e la necessità di integrare diversi strumenti finanziari per generare sinergie e sviluppo nel settore della cooperazione, l Assessore rappresenta quanto di seguito riportato. La programmazione regionale ha messo in campo nelle ultime annualità finanziarie diversi strumenti di sviluppo. In particolare, questo Assessorato ha portato avanti il piano del lavoro, con fondi regionali e comunitari, in cui si inquadrano una serie di interventi integrati, finalizzati a garantire stabili livelli occupazionali e orientati in diversi settori di intervento. Parallelamente sono stati avviati, con l impiego di fondi comunitari, altri interventi destinati allo sviluppo dei territori: il Fondo per i PISL e i POIC. Entrambe le tipologie di progetti prevedono la concessione di incentivi rimborsabili, finalizzati a promuovere la creazione d'impresa, lo sviluppo dell'imprenditorialità e le opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati, con priorità per giovani e donne. Nel contempo, si ritiene strategico favorire la diffusione nel territorio regionale di nuove cooperative ed il potenziamento di quelle già esistenti. Da un analisi condotta con gli operatori del settore, tenendo conto dei possibili canali in cui indirizzare le risorse comunitarie, è emersa la possibilità di destinare: - Linea A) euro sull Asse II Occupabilità del PO FSE - Obiettivo: diffusione nel territorio regionale di nuove cooperative, tramite l erogazione di incentivi a fondo perduto a favore di cooperative di nuova costituzione con almeno un socio disoccupato; 2/6

3 - Linea B) euro sull Asse I Adattabilità del PO FSE - Obiettivo: potenziamento delle cooperative già esistenti, tramite la creazione di un fondo di ingegneria finanziaria per l acquisizione di partecipazioni al capitale delle cooperative esistenti. Gli interventi declinati nelle due linee sono illustrati nel dettaglio nella allegata tabella A, che costituisce parte integrante della presente deliberazione. L Assessore prosegue precisando che gli interventi di cui alla linea A) potranno essere gestiti direttamente dal competente Servizio dell Assessorato del Lavoro. Per tali finalità, occorre potenziare il Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza Sociale, garantendo un supporto alla linea c.1.3 incentivi alle imprese private per promuovere la competitività e l imprenditorialità. Per il perseguimento di tale obiettivo, prosegue l Assessore, occorre destinare una quota parte delle risorse presenti nell asse VI assistenza tecnica linea n.2.1 rafforzamento delle risorse umane coinvolte nella programmazione, gestione, sorveglianza e controllo del POR, nella misura di euro Le figure all uopo selezionate dovranno provvedere alla gestione dell intervento ed in particolare: redazione dell avviso pubblico, realizzazione di un programma che consenta una efficace gestione della procedura di selezione degli interventi, gestione della procedura di evidenza pubblica fino all aggiudicazione definitiva. Per l assistenza alla redazione del piano d impresa, l accompagnamento alla presentazione della domanda di finanziamento, lo sviluppo del gruppo di progetto candidato a costituire la cooperativa attraverso formazione manageriale, la definizione degli ambiti di mercato e del piano organizzativo, la definizione del piano finanziario, la formazione degli operatori economici nella fase successiva al finanziamento, l Amministrazione regionale potrà avvalersi del supporto delle Centrali delle cooperative. Considerato che le attività richieste rientrano tra i compiti istituzionali previsti dalla L.R. n. 5/1957, le risorse per il finanziamento delle attività sopra declinate graveranno sul bilancio 2013, a valere sul capitolo SC , che dovrà essere all uopo incrementato di euro. Gli interventi descritti alla linea B) dell Allegato alla deliberazione, hanno l obiettivo di rafforzare la capacità di adattamento degli imprenditori (in particolare, titolari di PMI) con riferimento alle sfide dell'innovazione e alle trasformazioni indotte dall'internazionalizzazione dei mercati, attraverso il potenziamento delle cooperative già esistenti. In virtù di tali finalità, prosegue l Assessore, la costituzione di uno strumento di ingegneria finanziaria ai sensi dell articolo 44, Regolamento CE 1083/2006 e ss.mm.ii rappresenta la modalità attuativa che maggiormente si adatta alle peculiarità degli interventi. L Assessore richiama a tal proposito la Comunicazione (2006/C 194/02) Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato destinati a promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle piccole e medie imprese ricordando come la stessa Commissione Europea abbia più volte sollecitato la necessità di migliorare il clima commerciale in cui operano le imprese, facilitare 3/6

4 l'avvio rapido di nuove iniziative e sopperire ai fallimenti del mercato nel finanziamento del capitale di rischio, fornendo una concreta risposta alla richiesta di capitale di rischio proveniente da imprese con potenziale di crescita e che, anche a causa del contingente credit crunch, non hanno sufficiente accesso ai mercati dei capitali. L Assessore richiama, pertanto, la necessità di fornire uno strumento di intervento in tal senso che possa essere sostenibile nel tempo. A tal fine, l Assessore ricorda inoltre come la rotatività degli strumenti di ingegneria finanziaria, che prevedono l erogazione di contributi rimborsabili, garantisca la rigenerazione delle risorse in seguito alla restituzione dei finanziamenti concessi, con conseguente effetto moltiplicatore delle risorse e possibilità di intervenire nel tempo su una platea di beneficiari maggiore rispetto agli interventi a fondo perduto. L Assessore intende, quindi, intervenire attraverso la costituzione di uno strumento di ingegneria finanziaria Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna, finalizzato a fornire contributi rotativi a sostegno il capitale di rischio delle cooperative con partecipazioni di tipo equity e quasi-equity, partecipando al seed capital, start-up capital e capitale di espansione delle cooperative beneficiarie, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale applicabile agli Aiuti di Stato. L Assessore ritiene inoltre opportuno che la gestione del Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna sia affidata alla SFIRS S.p.A., società finanziaria interamente di proprietà regionale e soggetta al controllo della Regione Sardegna, in possesso dei requisiti necessari per la gestione in house del suddetto Fondo e che già riveste il ruolo di Soggetto Gestore di altri strumenti di ingegneria finanziaria a valere sul POR FSE. Il coordinamento degli interventi previsti nelle due linee, l assistenza alla redazione del piano di investimenti propedeutico all accesso al fondo di rotazione, l analisi di impatto e la formazione successiva all ammissione al finanziamento (follow up), potranno essere parimenti garantite dalle Centrali Cooperative in raccordo con la Sfirs Spa. La Giunta regionale, sentita e condivisa la proposta dell Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale, acquisito il parere favorevole di legittimità del Direttore generale dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale DELIBERA - di approvare la tabella A Interventi a favore delle cooperative, che costituisce parte integrante della presente deliberazione; - di attribuire al Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza sociale una quota parte delle risorse presenti sull asse II Occupabilità, obiettivo operativo e.1 linea di 4/6

5 attività e.1.1. progetti integrati di politiche attive finalizzate all inserimento in favore dei disoccupati/inoccupati, pari a complessivi euro per le finalità di cui alla tabella A (linea A); le risorse saranno reperite dalla stessa linea del PO FSE attribuite al Servizio Politiche del Lavoro e per le pari opportunità, a parziale modifica della DGR n. 23/2 del 29 maggio 2012; - di attribuire al Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza sociale una quota parte delle risorse presenti sull asse I Adattabilità, obiettivo operativo c.1 linea di attività c.1.3. incentivi alle imprese private per promuovere la competitività e l imprenditorialità, pari a complessivi euro per le finalità di cui alla tabella A (linea B), comprensivi delle quote per il gestore del Fondo di ingegneria finanziaria e delle altre spese connesse; le risorse saranno reperite dalla linea c.2.1 percorsi integrati destinati a lavoratori coinvolti in contesti di ristrutturazione aziendale del PO FSE attribuite al Servizio Politiche del Lavoro e per le pari opportunità, a parziale modifica della DGR n. 23/2 del 29 maggio 2012; - di attribuire al Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza sociale una quota parte delle risorse presenti sull asse VI assistenza tecnica, obiettivo operativo n. 2 rafforzare la capacità amministrativa connessa all attuazione delle politiche finanziarie, anche attraverso il sostegno alla circolazione di pratiche e modelli per migliorare l efficacia e l efficienza della gestione del programma, linea di attività n.2.1. rafforzamento delle risorse umane coinvolte nella programmazione, gestione, sorveglianza e controllo del POR, pari a complessivi euro ; le risorse saranno reperite dalla stessa linea del PO FSE attribuite al Servizio di Supporto all Autorità di gestione del PO FSE, a parziale modifica della DGR n. 23/2 del 29 maggio 2012; - di costituire il Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna per la realizzazione degli interventi di cui alla Linea B), con una dotazione iniziale di ,00 a valere sul citato obiettivo operativo c.1 linea di attività c.1.3. incentivi alle imprese private per promuovere la competitività e l imprenditorialità ; - di dare mandato al Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazione e Sicurezza sociale di predisporre tutti gli atti successivi necessari all immediata implementazione del Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna: Accordo di finanziamento, Piano operativo e Direttive di attuazione; - di stabilire di affidare la gestione del Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna - POR FSE , a seguito della stipula dell Accordo di finanziamento, alla SFIRS S.p.A. che in forza dello statuto si configura quale organismo in house della Regione Sardegna; 5/6

6 - di dare mandato all Autorità di Gestione del P.O. FSE di adempiere a tutte le procedure necessarie relative al monitoraggio e alla sorveglianza delle operazioni nell ambito del Fondo in oggetto; - di dare mandato all Assessore della Programmazione e all Assessore del Lavoro per l iscrizione delle variazioni della destinazione delle risorse POR FSE nel bilancio regionale nel rispetto degli obblighi di legge. Il Direttore Generale Gabriella Massidda Il Vicepresidente Giorgio La Spisa 6/6

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna

Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna 1. Il Fondo in sintesi Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna Obiettivi Tipologia di intervento Destinatari Dotazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

Il Direttore del Servizio

Il Direttore del Servizio DETERMINAZIONE N. 46130 6087 Oggetto: Avviso pubblico Impresa Donna - procedura a sportello per la concessione di contributi per favorire l imprenditoria femminile - POR FSE 2007/2013, Asse II Occupabilità,

Dettagli

74AD.2012/D.00939 25/10/2012

74AD.2012/D.00939 25/10/2012 DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT UFFICIO SISTEMA SCOLASTICO ED UNIVERSITARIO E COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE 74AD 74AD.2012/D.00939 25/10/2012 P.O. Basilicata FSE 2007-2013. Asse - V Transnazionalità

Dettagli

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 Identificativo Atto n. 326 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto DETERMINAZIONI IN MERITO AL BANDO "LINEA 8 FRIM START-UP E RE-START DI CUI AL DECRETO N. 9441/2013

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 40/33 DEL 7.8.2015

DELIBERAZIONE N. 40/33 DEL 7.8.2015 Oggetto: Norme per lo sviluppo del cinema in Sardegna. Programma di spesa. Esercizio finanziario 2015. Euro 3.410.000. L.R. n. 20 settembre 2006, n. 15, art. 24, comma 1. L Assessore della Pubblica Istruzione,

Dettagli

Il Direttore del Servizio

Il Direttore del Servizio Oggetto: Avviso pubblico Impresa Donna - procedura a sportello per la concessione di contributi per favorire l imprenditoria femminile - POR FSE 2007/2013, Asse II Occupabilità, Linea d azione f.1.1 progetti

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020.

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020. Oggetto: Programmazione e finanziamento percorsi formativi per il rilascio della qualifica di Operatori Socio Sanitari (OSS). Revoca parziale delle Delib.G.R. n. 47/43 del 14.11.2013 e n. 5/37 dell'11.2.2014.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 55330/det/9089 DEL 06/12/2013

DETERMINAZIONE N. 55330/det/9089 DEL 06/12/2013 Oggetto: Programma Operativo FSE 2007/2013 della Regione Sardegna - Azione Fondo Microcredito FSE - Asse II Occupabilità Ob. Spec. e Asse III Inclusione Sociale Ob. Spec. g) Linea di attività - III Avviso

Dettagli

anno 2011 2.000.000 anno 2012 2.000.000

anno 2011 2.000.000 anno 2012 2.000.000 Oggetto: L.R. n. 15/2010, art. 12 Impianti per la produzione di energia rinnovabile nelle aziende agricole. Programmazione della spesa e indirizzi attuativi. UPB S06.04.013, Capitolo SC06.1107 (FR) e Capitolo

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE Fase I POR FSE 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione ASSE II

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1485/ARL DEL 01 ottobre 2015

DETERMINAZIONE N. 1485/ARL DEL 01 ottobre 2015 Sistemi del Lavoro DEL 01 ottobre 2015 Oggetto: APPROVAZIONE DELL ELENCO PARZIALE DEI BENEFICIARI DEL PROGRAMMA FLEXICURITY ANNUALITA 2015 BONUS OCCUPAZIONALE UPB S02.03.001 CAP SC02.0002 IL DIRETTORE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 15/32

DELIBERAZIONE N. 15/32 Oggetto: Atto integrativo all Accordo di Programma per lo sviluppo della banda larga sul territorio della Regione Sardegna del 30.12.2009. Avvio del progetto Piano Nazionale Banda Larga Italia per l attuazione

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 25256/Det/3298 del 25.06.2014

DETERMINAZIONE N. 25256/Det/3298 del 25.06.2014 Oggetto: Programma Operativo FSE 2007/2013 della Regione Sardegna - Azione Fondo PISL - POIC FSE Asse I Adattabilità, Ob. Spec. c) Linea di attività c.1.3; Asse II Occupabilità, Ob. Spec. e) Linea di attività

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010 DELIBERAZIONE N. 46/ 42 Oggetto: Legge regionale n. 3/ 2008, art. 4, comma 1, lett. b). Assegni di merito a favore degli studenti universitari. U.P.B. S02.01.009 Pos. Fin. SC2.0183. Disponibilità finanziaria

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

AVVISO ICS LINEA A. Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione

AVVISO ICS LINEA A. Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione AVVISO ICS LINEA A Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione Obiettivi favorire e dare vita a nuove opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati incentivare l iniziativa

Dettagli

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998.

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998. Oggetto: Iniziative a sostegno del servizio s idrico integrato nella Regione R Sardegna, di cui alla L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8 comma 1, 1 L.R. n. 31/1998. Il Presidente,

Dettagli

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Descrizione In breve Incentivi a sostegno dell'avvio di nuove iniziative imprenditoriali e di

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE - (PISL) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE - (PISL) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE - (PISL) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE Fase I POR FSE 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione ASSE II OCCUPABILITA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione , Incentivi all occupazione L. 92/2012 Soggetti interessati - Oltre 50 anni, disoccupati da 12 mesi. - Donne disoccupate da 24 mesi (6 mesi area a disagio occupazionale, settori particolari, definiti da

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

DECRETO (ASSUNTO IL 15/10/2015 PROT. N. 1861) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 11477 del 23 ottobre 2015

DECRETO (ASSUNTO IL 15/10/2015 PROT. N. 1861)  Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria  N. 11477 del 23 ottobre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

Impresa al femminile in Abruzzo

Impresa al femminile in Abruzzo Impresa al femminile in Abruzzo TESTO COORDINATO LL.RR. 143/95 -- 96/97-142/1999 Interventi per la promozione di nuove imprese ed innovazione per l imprenditoria femminile. Art. 1 Finalità 1. La Regione

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

10/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 29 - Supplemento n. 1. Regione Lazio

10/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 29 - Supplemento n. 1. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 2 aprile 2014, n. G04233 POR FESR Lazio 2007-2013 - Filiere regionali della Ceramica, dell'innovazione,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p Oggetto: L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p "Istituto dei ciechi di Cagliari". Attribuzione di quota del Fondo regionale per il

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

Comitato di Sorveglianza

Comitato di Sorveglianza REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) DEL LAZIO 2007/2013 IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.170 del 4 Dicembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Debutterà a metà gennaio 2016 il Selfiemployment per l avvio di nuove iniziative di autoimpiego Gentile cliente, con

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE,

Dettagli

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese;

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese; REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 45-4869 DGR n. 10-12155 del 21/9/2009 e DGR n. 24-1837 del 07/04/2011. Concessione di euro 2.000.000,00 al patrimonio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore RUSSO MARIA TERESA. Responsabile del procedimento RUSSO MARIA TERESA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore RUSSO MARIA TERESA. Responsabile del procedimento RUSSO MARIA TERESA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE DETERMINAZIONE N. G03629 del 30/03/2015 Proposta n. 4807 del 30/03/2015 Oggetto:

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9.

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9. 57/5 31.12.2009 Oggetto: Legge region egionale 5 marzo 2008 n. 3, art. 6. Piano annuale di formazione professionale, e, annualità 2009/2010 UPB S06.06.004 S - Cap SC06.1574 F.R. L Assessore del Lavoro,

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO ROTATIVO PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE IN CALABRIA SOT- TO FORMA DI FINANZIAMENTO AGEVOLATO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO ROTATIVO PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE IN CALABRIA SOT- TO FORMA DI FINANZIAMENTO AGEVOLATO Allegato B DIPARTIMENTO 10 REGIONE CALABRIA POR CALABRIA FSE 2007-2013 Obiettivo specifico B - Obiettivo operativo B.1 Obiettivo specifico C - Obiettivo operativo C.1 REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 22 dicembre 2011, n. 2934

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 22 dicembre 2011, n. 2934 864 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 22 dicembre 2011, n. 2934 Costituzione dello strumento di ingegneria finanziaria. Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Approvazione dello schema

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DESTINATI ALLA POPOLAZIONE IMMIGRATA IN MATERIA DI ACCESSO ALL ALLOGGIO. L anno duemiladieci,

Dettagli

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO Pacchetto di interventi, finanziato con risorse del FSE e del Ministero del Lavoro, per superare le difficoltà di accesso al credito - Avviso Pubblico "Microcredito

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 18 novembre 2014, n. 794 DGR n. 353/2014 - Approvazione schema dell'aggiornamento dell'"accordo Quadro per la realizzazione del

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA N. 8/POC DEL 16/01/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA N. 8/POC DEL 16/01/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. POLITICHE COMUNITARIE E AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 8/POC DEL 16/01/2014 Oggetto: POR FESR 2007-13 Concessione di un finanziamento agevolato per le imprese del

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 3.6.2014

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 3.6.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Asse IV, Linea d Attività 4.2.4.d. Rimodulazione Progetto Sviluppo Distretti Turistici di qualità per la promozione dell offerta turistica regionale dei comuni identitari,

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Pag. 128 di 700 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 403 Approvazione dell'iniziativa

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli